Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri79teoria e ricercaLe laureate in Sociologia tra sot...

teoria e ricerca

Le laureate in Sociologia tra sottoimpiego e sottovalutazione

Female graduates in Sociology between under-employment and under-evaluation
Alessandra Decataldo, Carla Facchini e Brunella Fiore
p. 123-149

Abstract

Several studies have highlighted the marketplace and the employment difficulties related to the degrees in Sociology. Less attention has been devoted to examining the gender condition of female graduates in Sociology according to the expectation and motivation toward the Sociology degree and the professional and work paid position. The empirical evidence shows that in Italy women, despite having better university performances – both in terms of duration of studies and degree grades – not only find greater difficulties in “job placement”, but, usually, have more modest job positions and receive lower salaries. This paper explores these topics, focusing on the degree in Sociology, via a secondary analysis of data drawn from the survey on Market, employment status and skills by graduates of the three-year courses (class of degrees 36 – Sociological sciences and L40 – Sociology). The authors aim to investigate both the dimension of perception regarding the training path, the acquired and required skills by the labor market, and some essential reference data on the employment status of the female sociologists. Findings confirm the underemployment of female graduates in Sociology; furthermore results underline as women, compared to men, perceive a lower evaluation of their acquired performance and, also, of the required competences in the labor market.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

1Tutte le evidenze empiriche (AlmaLaurea, 2018; Oecd, 2018) mostrano come, anche in Italia, le donne, pur avendo performance universitarie migliori dei colleghi – in termini sia di durata degli studi (percorsi più lineari) sia di voto di laurea – non solo trovano maggiori difficoltà nell’inserimento lavorativo, ma, solitamente, hanno collocazioni professionali più modeste e percepiscono stipendi più bassi (Quintini, 2011; Sayers, 2012; Istat, 2018).

2Nello stesso tempo, diverse ricerche internazionali (Sturm et al., 2014; Koskinnen et al., 2017) evidenziano una tendenza delle donne a sottovalutare sia le competenze acquisite nel percorso formativo, sia quelle richieste dal proprio lavoro e, al riguardo, ipotizzano che tale sottovalutazione possa giocare un qualche ruolo sulla stessa collocazione professionale e sulle capacità di ottenere condizioni retributive e di carriera migliori.

3L’obiettivo di questo lavoro è di verificare se e in quale misura tali tendenze siano valide anche per quanto riguarda le laureate in Sociologia, ossia in una disciplina che vede un progressivo aumento della componente femminile tra i propri iscritti/laureati.

4Diversi studi hanno approfondito la questione del valore di mercato delle lauree in Sociologia e delle difficoltà occupazionali legate al percorso di questo tipo di laurea anche rispetto a lauree simili (Barone, 2013; Decataldo e Fiore, 2013; Decataldo et al., 2016). Molto scarsa è invece la letteratura non solo italiana, ma anche internazionale, che approfondisce la specificità delle laureate sia in termini di motivazioni e caratteristiche del percorso formativo, sia in termini di occupazione svolta, di reddito percepito e di competenze concretamente richieste. Tale lacuna appare ancora più interessante se si considera, da un lato, la crescente rilevanza assunta dal genere nella lettura dei fenomeni sociali (Piccone Stella e Saraceno, 1996; Bimbi, 2003) e, in particolare, di quelli occupazionali da parte dei sociologi e, ancor più, delle sociologhe (Beccalli et al., 1991; Zanfrini, 2005); dall’altro se la si confronta con l’abbondante letteratura nazionale (Benvenuti e Segatori, 2009; Fiore e Facchini, 2013) e ancor più internazionale (Dominelli, 2002; Sakamoto et al., 2008), sulla rilevanza della dimensione di genere relativamente a figure professionali liminari, quali, ad esempio, gli/le assistenti sociali.

5Obiettivo specifico di questo lavoro è quindi quello di cogliere le eventuali differenze di genere tra i laureati in Sociologia, non solo per quanto concerne la collocazione lavorativa, ma anche per quanto riguarda le motivazioni sottostanti la scelta universitaria, le caratteristiche del percorso formativo e le valutazioni date alle competenze in esso acquisite e a quelle richieste dal mercato del lavoro.

  • 1 Ossia della classe delle lauree L36 – Scienze sociologiche istituita secondo il Decreto ministeria (...)

6A tal fine, analizzeremo i percorsi formativi e la condizione occupazionale dei laureati nel percorso triennale1, che, con il Dm 509/1999 (il cui assetto è stato confermato dal Dm 270/2004), costituisce l’architrave dell’intero sistema universitario: un ciclo di studi finito, anche se suscettibile di essere perfezionato, e quindi dotato di immediata spendibilità nel mercato del lavoro.

2. La specificità dei laureati in Sociologia

7Prima di entrare nel merito dell’analisi di genere di questi laureati, è opportuno delineare, almeno a grandi linee, lo scenario di fondo in cui tali dati si collocano.

  • 2 Per maggiori approfondimenti sulla condizione professionale ed occupazionale dei sociologi si rima (...)

8Le difficoltà che incontrano i laureati in Sociologia nel mercato del lavoro italiano sono ormai note da tempo. Essi vivono criticità maggiori non solo rispetto alla totalità dei laureati, ma anche rispetto a quelli di settori disciplinari affini: più frequentemente non raggiungono una occupazione stabile, percepiscono retribuzioni più contenute e svolgono occupazioni in cui spesso la laurea non è necessaria (Argentin, 2013; Argentin e Fullin, 20152).

9Nello stesso tempo, nonostante tutti gli sforzi fatti dai singoli corsi di laurea per descrivere gli sbocchi professionali per i quali preparano i propri studenti e rendersi in questo modo attraenti per le potenziali matricole, bisogna riconoscere che, attualmente, a livello istituzionale non è previsto un ruolo di specifica competenza per i sociologi (Siza, 2006). Infatti, la netta maggioranza degli sbocchi professionali descritti nel portale Universitaly, approntato dal MIUR3, è ricopribile anche dai laureati di altri corsi tra cui, ad esempio, psicologi e assistenti sociali (Cifiello, Gosetti e Minardi, 2003; Panza, 2009).

10Inoltre, è da rilevare come nel tempo, alle già precarie condizioni di occupabilità dei laureati in Sociologia, si sia sommata una ulteriore riduzione nelle opportunità professionali: l’ambito dell’insegnamento ad esempio, che in passato ha rappresentato un importante sbocco per i laureati in Sociologia, è stato progressivamente precluso (Decataldo e Facchini, 2015).

11In questo quadro di crescente complessità, come mostra la figura 1, tra l’a.a. 2003/2004 e l’a.a. 2011/2012 i corsi di laurea in Sociologia vedono dimezzare le iscrizioni ed il calo è particolarmente evidente nelle sedi di maggiori dimensioni (Denti e Triventi, 2013).

  • 4 Il consorzio AlmaLaurea considera appartenenti all’area politico-sociale le seguenti classi di lau (...)

12La contrazione degli iscritti non interessa però in modo uniforme ragazzi e ragazze: se si osserva un tasso di femminilizzazione non molto superiore alla media nazionale nei primi anni dopo la riforma del 1999 per la maggior parte dei corsi di laurea, in seguito, la proporzione di ragazze si mantiene pressoché costante a livello nazionale, ma, per i corsi di Sociologia la quota femminile cresce notevolmente, mentre quella di uomini tende a diminuire progressivamente nel tempo passando dal 35% tra i laureati del 2004 a meno del 30% tra i laureati del 2009. Se poi si guarda alla percentuale di quanti raggiungono il titolo, nel 2016, il tasso di femminilizzazione tra i laureati nei CdL triennali di Sociologia è stata pari al 73,9% contro il 67,3% del settore politico-sociale4 e il 58,9% della media nazionale (AlmaLaurea, 2017).

Figura 1. Sesso dei laureati per a.a. di laurea

Figura 1. Sesso dei laureati per a.a. di laurea

Fonte: Denti e Triventi, 2013

13Nel quadro della generale diminuzione degli iscritti che caratterizza questo corso di laurea (ibidem), la minore adesione dei giovani uomini ha comportato, come detto, un conseguente aumento percentuale della proporzione di donne iscritte. Tale crescente femminilizzazione appare particolarmente interessante se si considera che anche le rilevazioni AlmaLaurea mostrano un progressivo indebolimento del valore dell’istruzione universitaria sociologica nel mercato del lavoro tanto in termini di opportunità di reddito, quanto di necessità formale o sostanziale del titolo per lo svolgimento del proprio lavoro. Un importante elemento in grado di spiegare la sua diminuita attrattività, in particolare per gli uomini, può quindi essere ricondotta allo status della professione stessa e al suo relativo prestigio (Barone, 2010 e 2011). La precarizzazione del mercato del lavoro e l’alto tasso di disoccupazione giovanile potrebbero aver ulteriormente diminuito la componente maschile – quella che tradizionalmente presta maggiore attenzione alle opportunità di reddito e di carriera e, in ultima analisi, al prestigio (Cavalli e Facchini, 2001; Correll, 2001; Zhou, 2005). Altre spiegazioni di stampo socio-psicologico sembrano suggerire come fondamentale il ruolo giocato dal sistema di ricompense e sanzioni sociali di familiari, insegnanti e gruppo di pari nel mediare la scelta. Ad esempio, gli approcci socio-economici hanno sottolineano il fatto che gli uomini meno delle donne siano interessati a scegliere percorsi che consentono l’accesso a posizioni più family friendly (Frehill, 1997; England, 2005): una condizione, quella di conciliare lavoro e famiglia, che sembrerebbe tuttora più delegata alle donne. Le ricerche sociologiche hanno enfatizzato il ruolo dei processi di socializzazione e soggettivazione, delle diverse strutture di valori e infine dei sistemi di rinforzo e di ricompensa che avrebbero una forte influenza sulle scelte di genere sul piano formativo e professionale. In particolare, si assisterebbe ad una diversa socializzazione al denaro, nelle dinamiche connesse al mercato del lavoro e nella propensione verso la realizzazione identitaria di ragazze e ragazzi (Besozzi, 2007; Ruspini et al., 2008; Corradi, 2010; Biemmi e Leonelli, 2017) che porterebbero gli uomini più delle donne a mettere in primo piano la dimensione del ritorno economico e della progressione di carriera. L’enfasi è di volta in volta posta: sul ruolo della famiglia, della scuola e dei media che incoraggerebbero (o meno) abilità, competenze, comportamenti che hanno poi effetti sulle scelte educative (Milani, 2018); sull’interesse intrinseco nei confronti della materia e sulla valenza culturale e sociale dei campi di studio scelti (Beutel e Marini, 1995; Bobbitt-Zeher, 2007). Rispetto agli esiti occupazionali, i problemi non riguardano tanto l’ingresso nel mercato sostenuto dal possesso di lauree ad alto rendimento, quanto alla difficoltà di avanzamento e progressione di carriera (Hargittai e Shafer, 2006). Il riferimento è alle note metafore del soffitto di cristallo o del tubo che perde (Zajczyk, 2007) dove il focus è sui processi di selezione asimmetrici, in cui la restrittività e la rigidità degli step della carriera scientifica penalizzano particolarmente le donne.

14La letteratura ha dunque già evidenziato alcune ragioni che portano uomini e donne alla maggiore o minore attenzione alle opportunità di reddito e di carriera. In questo contributo ci interessa però rimarcare il nesso positivo che sembra esservi tra perdita di prestigio e difficoltà occupazionali dei laureati in Sociologia e crescente femminilizzazione degli iscritti.

3. Obiettivi, ipotesi, dati e metodologia

15Questo contributo, come detto, intende indagare la condizione occupazionale delle sociologhe e la relativa valutazione delle competenze. Come scritto nella Introduzione, la difficoltà occupazionale è colta anche dai dati AlmaLaurea. Dati che, però, da un lato non permettono di evidenziare relazioni con le diverse caratteristiche dei laureati, dall’altro non rilevano le valutazioni sulle competenze acquisite.

16Nello specifico, nel presente contributo, si vuole verificare se, anche tra questi laureati, le donne, rispetto agli uomini, abbiano una provenienza socio-economica più modesta; presentino percorsi formativi migliori, ma, nello stesso tempo, maggiori difficoltà occupazionali, collocazioni professionali meno buone e una maggiore propensione alla sottovalutazione sia delle competenze acquisite sia di quelle richieste dal lavoro svolto.

  • 5 La scelta dell’arco temporale è stata dettata dalla necessità di poter osservare i laureati a dist (...)

17A tal fine, utilizzeremo i dati raccolti nel corso della ricerca, svolta a cavallo tra il 2013 e il 2014, il cui obiettivo principale è stato quello di analizzare presenza nel mercato del lavoro, condizione professionale e valutazione della formazione ricevuta dei laureati dei corsi triennali appartenenti alla classe di laurea in Sociologia5.

18L’indagine, che ha coinvolto tutte le 24 sedi con attivo un corso di laurea in Sociologia negli anni in analisi, ha trattato diverse aree tematiche: dati socio-demografici e percorso formativo pregresso; caratteristiche del percorso formativo universitario; modalità di transizione al mercato del lavoro; situazione occupazionale; professione svolta e coerenza/congruenza con le credenziali educative acquisite; valutazione dei principali aspetti del lavoro svolto e delle competenze in esso richieste; valutazione del corso di laurea seguito e delle competenze in esso conseguite.

19L’indagine ha previsto una strategia di rilevazione CAWI (Computer Assisted-Web Interviewing), effettuata inviando una e-mail, con il link al questionario, agli indirizzi forniti dagli atenei e con il supporto di interviste CATI (Computer-Assisted Telephone Interviewing) per reperire gli indirizzi mail nel caso essi non fossero disponibili.

20Complessivamente, i nominativi validi forniti dalle segreterie sono risultati essere 9.044, di cui effettivamente contattati 8.090. Gli altri nominativi sono risultati sprovvisti di recapito sia mail sia telefonico oppure non sono risultati contattabili o, ma in pochi casi, hanno esplicitamente rifiutato di fornire il loro recapito e-mail.

  • 6 Ossia quelli in cui l’intervistato è arrivato a rispondere almeno alla prima domanda della sezione (...)

21I questionari utili, ossia completi o almeno compilati per buona parte delle domande6, sono stati 3.779, con un tasso di risposta RR2 corretto (AAPOR, 2016) pari al 41,8%. Di questi, il tasso di femminilizzazione è stato pari al 66,2%.

4. Le evidenze empiriche

4.1. Provenienza sociale, formazione precedente e motivazioni della scelta universitaria

22Prima di procedere nell’analisi delle motivazioni alla scelta di un corso di laurea in Sociologia, è opportuno inquadrare l’origine sociale e familiare degli intervistati e delle intervistate.

23In riferimento al contesto familiare, l’analisi del titolo di studio dei genitori lascia emergere background familiari molto simili: il 17,1% delle intervistate (contro il 18,7% degli intervistati) dichiara che almeno uno dei genitori è laureato; il 43,7% (contro il 37,8%) che almeno uno dei due ha il diploma di maturità; il 39,2% (contro il 43,5%) il possesso della sola licenza elementare o media o di una qualifica biennale di scuola superiore.

24Per quanto riguarda la scuola secondaria superiore frequentata, emerge una forte articolazione anche se per gli uomini è maggioritaria la provenienza dai licei scientifici (il 30,4% contro il 23,8% delle donne) e dagli istituti tecnici (il 31,1% contro il 16%); tra le donne aumentano, invece, quelle provenienti dai licei socio-psico-pedagogici (il 23,7% contro il 7,3%) e da altri licei, linguistico e artistico (l’8,3% contro il 3,5%). Simili invece le percentuali di provenienti dal liceo classico (il 12,3% degli uomini, il 14,8% delle donne), dagli istituti professionali e da altre scuole (rispettivamente il 14,2% e l’1,2% degli uomini contro il 10% e il 3,4% delle donne).

25Difforme anche, per uomini e donne, il voto di diploma: le donne infatti hanno raggiunto una votazione compresa tra 90 e 100 e tra 80 e 89 molto più frequentemente degli uomini (rispettivamente il 29,1% contro il 18,1% e il 23,5% contro il 20,9%). Specularmente, i voti di diploma più bassi, ossia compresi tra 70 e 79 o tra 60 e 69, sono raggiunti con maggior frequenza dagli uomini (rispettivamente dal 29,9% e 31,1% contro il 26,6% e il 20,8% delle donne). Peraltro, un’ampia letteratura evidenzia da un lato percorsi femminili di maggiore efficacia nelle performance, in particolare nelle discipline in cui è richiesta prevalentemente una competenza di base legata alla conoscenza linguistica e meno in quella matematico-scientifica (Oecd, 2011; Fiore, 2018). Dall’altro evidenzia maggiori determinazione e impegno da parte delle studentesse sia nell’acquisizione di conoscenza sia rispetto agli aspetti più organizzativi legati alla didattica, quali la frequenza delle lezioni, la regolarità nel dare gli esami e la conclusione degli studi nei tempi previsti (Frattini e Rossi, 2012; Morana e Sagramora, 2016).

4.2. Le motivazioni della scelta universitaria e il percorso seguito

  • 7 Il 50,6% del campione ha espresso una sola preferenza.

26Consideriamo ora la motivazione alla scelta della formazione sociologica. La tabella 1 riporta le motivazioni alla scelta del corso di laurea triennale, sia sul totale dei casi sia sul totale delle risposte, dato che il questionario consentiva la possibilità di fornire da 1 a 2 risposte senza gerarchizzazione di preferenza7. Nella scelta, gli intervistati hanno potuto orientarsi verso motivazioni espressivo-vocazionali, strumentali fino a motivazioni che rimandano a decisioni più o meno casuali. “Il forte interesse per la disciplina, che già conoscevo un po’” è risultata la motivazione più scelta dalle donne (48,8% dei casi) e dagli uomini (45,3% dei casi). La spinta espressivo/vocazionale si conferma, con una leggera prevalenza di donne, la principale motivazione alla scelta dei corsi di laurea in Sociologia per quasi un intervistato su due e quasi indipendentemente dal genere di appartenenza (Pacifico, 1996; Decataldo e Ricotta, 2015). Segue, ad una certa distanza, una motivazione di tipo più strumentale, ossia “la formazione di stampo generale del corso, che lascia aperte molte strade dopo la laurea”: tale motivazione è scelta nel 27,7% dei casi per le donne e nel 25,2% per gli uomini; “la corrispondenza tra gli insegnamenti del corso e i valori/ideali politico sociali” è una motivazione che interessa leggermente più gli uomini (22,8% dei casi) delle donne (21,2% dei casi). Più le donne (17,9% dei casi) degli uomini (15,6% dei casi) hanno scelto un corso di laurea in Sociologia perché pensavano che meglio rispondesse a ciò che avevano in mente o svolgevano un lavoro per il quale questo tipo di laurea sarebbe risultato utile. Per contro, colpisce che circa un intervistato su 10 abbia scelto questo corso di laurea a seguito del mancato superamento delle prove selettive presso altro corso di laurea. Quello del “ripiego” è un dato che interessa in misura leggermente maggiore le intervistate (10,4% dei casi) rispetto agli intervistati (8,8% dei casi). Sono di più gli uomini a scegliere i corsi di laurea in discipline sociologiche quando sono meno forti le motivazioni espressivo-vocazionali e strumentali, ossia quando il corso è stato raccomandato da amici/conoscenti/parenti (8,8% dei casi per gli uomini e 5,9% dei casi per le donne), per “evitare discipline scientifiche che non mi piacevano alle superiori” (8% uomini e 6% donne), per nessuna motivazione specifica perché “è stata una scelta un po’ casuale” (6,7% uomini e 4,7% donne), “un po’ per esclusione, non sapendo cosa altro fare” (4,9% uomini e 3,5% donne),“per la facilità degli studi in quel corso di laurea” (2,9% uomini e 1,1% donne) (tab. 1). Il comune denominatore di questo ultimo gruppo di item rimanda all’assenza di motivazione intrinseca per la disciplina: si tratta complessivamente di circa un quarto delle risposte offerte dalle donne e di quasi un terzo delle risposte date dagli uomini.

27Quello che però più ci interessa rilevare è che se il maggior rimando a motivazioni espressive/vocazionali da parte delle donne, e a motivazioni più strumentali da parte degli uomini, è alla base delle differenti scelte tra i diversi percorsi formativi (De Finis e Scartezzini, 1996; Cavalli e Facchini, 2001; Ballarino e Checchi, 2006), nel momento in cui il percorso formativo è scelto, le motivazioni diventano assai simili (Campanini e Facchini, 2013). Ciò che colpisce non sono le diverse motivazioni all’iscrizione al corso di laurea che nella sostanza risultano molto simili. Le differenze nelle percentuali di uomini e donne nelle motivazioni alla scelta risultano molto contenute e sono soprattutto di tipo “espressivo/valoriale”, anche se non pochi rimandano a motivazioni di ripiego. Sono invece molto limitati i casi in cui l’iscrizione fa riferimento ad una successiva collocazione lavorativa, ossia a motivazioni che possono essere considerate di tipo ‘strumentale’. Vale a dire che questo CdL si sta connotando, di fatto, sia per le ragazze che per i ragazzi, come un corso di studi che viene intrapreso più per seguire un proprio percorso motivazionale, che in vista di una collocazione lavorativa dai contorni chiari e definiti. Proprio tale connotazione, che peraltro rispecchia l’oggettiva difficoltà occupazionale di questi laureati rilevata anche dai dati Almalaurea (Argentin, 2013; Barone, 2013) è, riteniamo, alla base della crescente femminilizzazione degli iscritti.

28Vale a dire che gli uomini, come molte ricerche hanno evidenziato, tendono a privilegiare quei CdL che indirizzano verso professioni connotate da migliori condizioni occupazionali – scegliendo quindi in base a motivazioni più strumentali, si indirizzano verso il CdL in Sociologia solo se hanno motivazioni valoriali particolarmente forti, ossia se antepongono tali motivazioni a quelle strumentali – così come, di norma, tendono a fare le ragazze. Peraltro, tale omogeneità di motivazioni all’iscrizione tra ragazze e ragazzi la si riscontra, non a caso, in un altro CdL a forte connotazione “valoriale”, e anche per questo motivo, fortemente femminilizzato, ossia Servizio sociale (Campanini e Facchini, 2013).

29Per quanto concerne le modalità con cui si è effettuato il percorso universitario, è stato sondato il tipo di frequenza, la regolarità degli studi, la votazione finale e la prosecuzione o meno nella laurea magistrale.

Tabella 1. Motivazione all’iscrizione alla laurea triennale in Sociologia per sesso (risposta multipla), % dei casi e % delle risposte

% casi

% risposte

Donne

Uomini

Donne

Uomini

La facilità degli studi in quel corso di laurea

1,1%

02,9%

0,7%

1,9%

Avevo in mente/svolgevo un lavoro specifico per cui quel corso di laurea è utile

17,9%

15,6%

12,1%

10,5%

Il forte interesse per la disciplina, che già conoscevo un po’

48,8%

45,3%

32,7%

30,1%

Per ripiego, dopo non aver superato il test di ingresso in un altro corso di laurea

10,4%

8,8%

7,1%

6,3%

Il corso specifico mi è stato raccomandato da amici/conoscenti/parenti

5,9%

8,2%

3,7%

5,1%

La corrispondenza tra gli insegnamenti

del corso e i miei valori/ideali politico sociali

21,2%

22,8%

14,2%

15,0%

Lo stampo generale del corso che lascia aperte molte strade dopo la laurea

27,7%

25,2%

19,2%

16,5%

Per evitare discipline scientifiche che non mi piacevano alle superiori

6,0%

8,0%

4,0%

5,2%

Per nessuna motivazione specifica, è stata una scelta un po’ casuale

4,7%

6,7%

3,1%

4,4%

Un po’ per esclusione, non sapendo quale altro corso fare

3,5%

4,9%

2,4%

3,2%

Altra motivazione

1,1%

2,8%

0,7%

1,8%

100,0%

100,0%

Base dati

2.472

1.275

3.679

1.964

30Anzitutto, uomini e donne evidenziano differenti modalità nella condizione di studente. Il 37,9% delle donne ha frequentato il corso di laurea secondo una modalità “a tempo pieno” (contro il 32,3% degli uomini); inoltre, dichiarano in misura maggiore degli uomini di aver svolto, durante gli studi, lavori part-time o lavori saltuari/stagionali/nel fine settimana (51,8% contro il 44,1% degli uomini). Per contro, mentre gli uomini che hanno frequentato l’università lavorando a tempo pieno risultano il 23,6%, le donne sono state il 10,3%.

  • 8 Ci si riferisce al fatto che, nei primi anni di attuazione del DM 509/1999, in collaborazione con (...)

31A questo riguardo, occorre però ricordare che, tra gli uomini, vi è una percentuale, piccola, ma non irrisoria di provenienti dalle FFOO che, specie in alcune sedi, hanno visto percorsi formativi congruenti con il loro profilo professionale e hanno potuto fruire di condizioni favorevoli alla conciliazione studio-lavoro8: l’intreccio di questi due elementi ha quindi comportato, nella popolazione maschile, un qualche aumento di studenti-lavoratori a tempo pieno. In parte presumibilmente legata a questa diversa modalità di frequenza degli studi, si rileva una maggiore regolarità del corso di studi delle donne (di esse, il 37,4% si è laureata entro i tre anni di corso contro il 33,7% degli uomini). Il dato sulla differenza di genere rispetto all’essere o meno studenti lavoratori si rispecchia sulla modalità di frequenza dei corsi: ha frequentato la maggioranza dei corsi il 70,3% delle donne e il 63,3% degli uomini, solo alcuni corsi rispettivamente il 24% e il 24,7%, nessun corso o quasi il 4,6% e il 10,3%; decisamente irrisoria, infine, sia per gli uomini che per le donne la percentuale di chi ha seguito solo attraverso la modalità online l’1,1% e l’1,7%.

32Soprattutto, migliori sono state per le donne le votazioni finali. Tra di esse, infatti, il 19,6% si è laureata con 110, contro il 15,1% degli uomini, che, più spesso hanno ottenuto voti modesti: il 12,2% ha raggiunto votazioni fino a 90, e il 36,6% tra 91 e 100 (contro l’8,3% e il 34,4% delle donne). È invece da notare come la quota di quanti hanno ottenuto la lode è stata pressoché la stessa tra uomini e donne, ma un po’ più elevata per i primi (12,5%) che per le seconde (11%), segnale che una quota di eccellenze nei profili maschili si affianca ad una maggior presenza di studenti con performance modeste.

33Consideriamo infine la propensione a proseguire gli studi dopo il conseguimento della laurea triennale. In primo luogo, si nota che la prosecuzione è stata maggiore per le donne, tra le quali ha proseguito il 70,7% contro il 65,3% degli uomini; in particolare, maggiore è stata la loro propensione per la laurea magistrale specifica (64,6% contro 60,2%), mentre decisamente minoritarie, sia per gli uni che per le altre, l’iscrizione a master, a lauree magistrali non sociologiche o ad altre lauree triennali. Decisamente più elevate, rispetto alle votazioni conseguite nel percorso triennale, risultano le votazioni finali: il 55,8% ha riportato 110 (di cui il 27,7% con la lode), il 35,6% un voto tra 100 e 109. In questo caso, le differenze di genere sono contenute, anche se si può notare che le votazioni eccellenti sono state conseguite maggiormente dalle donne (tra di esse, ha avuto la lode il 31,3% contro il 20,5% degli uomini). Rispetto alle motivazioni al proseguire con una laurea magistrale, spicca, in generale, il forte interesse verso la disciplina (31,9%), seguito, però, dal “non avevo opportunità di trovare lavoro con la laurea triennale” (25%) e dal “perché avevo in mente un lavoro specifico per il quale occorre una formazione aggiuntiva” (20,9%). Minoritarie invece le motivazioni quali poter “accedere ai ruoli dirigenziali” (8,9%), o che rimandano alla “continuità con gli studi precedenti” (9,5%) o, ancor più, “per la corrispondenza con i miei valori e ideali politico-sociali” (2,1%) o per altro motivo (1,7%). Anche in questo caso, del tutto simili le distribuzioni per uomini e donne, a conferma di quanto scritto nel paragrafo precedente sul fatto che le differenze di genere nelle motivazioni comportano scelte diverse circa gli studi da intraprendere o circa il continuare o meno negli studi, ma non incidono una volta che la scelta è stata intrapresa.

4.3. L’autovalutazione delle competenze acquisite

34Nel paragrafo precedente si è scritto che le donne hanno avuto performance migliori sia in termini di durata degli studi, sia, soprattutto, in termini di voto di laurea. Può essere quindi interessante verificare se tali migliori performance si traducano in loro migliori auto-valutazioni delle competenze acquisite nel percorso formativo.

35A tal fine considereremo le risposte date alle domande in cui si è chiesto di attribuire un punteggio, da 1 a 10, a una serie di competenze rilevanti, anche se in modi diversi, per le professioni a carattere sociologico (Facchini e Zurla, 2015a). Alcune sono specifiche di tali professioni (le diverse metodologie della ricerca, la capacità di leggere fenomeni complessi, la gestione di processi organizzativi e/o comunicativi, la capacità di effettuare analisi e interventi innovativi), altre sono di supporto al lavoro del sociologo (capacità di leggere e interpretare leggi o dati economici), altre ancora sono trasversali e a carattere generale (saper scrivere relazioni e presentarle in pubblico, lavorare in equipe). Poiché ci è sembrato ragionevole ipotizzare che la valutazione delle competenze acquisite sia collegata al voto di laurea e poiché, come si è visto nel paragrafo precedente, le donne hanno conseguito, mediamente, votazioni finali migliori, abbiamo disaggregato i dati non solo a seconda del genere, ma anche in base al voto di laurea. Nei grafici 1a-b-c-d-e sono quindi messe a confronto le valutazioni che uomini e donne danno delle competenze acquisite considerando le due classi di voto di laurea estreme: inferiori a 90 e pari a 110 (sia con che senza lode).

Grafico 1a, 1b, 1c, 1d e 1e. Autovalutazione delle competenze acquisite per sesso e voto di laurea, punteggio medio

Grafico 1a, 1b, 1c, 1d e 1e. Autovalutazione delle competenze acquisite per sesso e voto di laurea, punteggio medio
  • 9 Le indagini Invalsi rilevano infatti, sistematicamente, che le donne hanno e ritengono di avere mi (...)

36Come evidenziano tali grafici, le differenze tra i punteggi maschili e femminili sono di norma abbastanza contenute. Tuttavia, gli uomini si attribuiscono, tendenzialmente, competenze più elevate nel campo della ricerca e nella lettura dei dati economici, le donne in alcune competenze trasversali, quali la capacità di lavorare in equipe e di scrivere relazioni, vale a dire relative a quegli ambiti tradizionalmente più associati al genere femminile: quello della padronanza della lingua scritta9 e, soprattutto, della relazionalità.

37Quello che però ci interessa maggiormente rimarcare è che le differenze di genere si modulano in modo assai diverso a seconda del voto di laurea. Più precisamente, si rileva che mentre per le donne si assiste ad una chiara relazione positiva tra valutazioni elevate e voto conseguito, per gli uomini tale relazione non sembra sussistere, in quanto, per quasi tutte le competenze indagate, sono proprio i soggetti con voto finale modesto a dare le valutazioni più positive delle competenze acquisite. Ad esempio, l’autovalutazione della capacità acquisita a presentare in pubblico relazioni è pari a 6,3 e a 6,4 per gli uomini e le donne che si sono laureati con 110, ma diventa pari rispettivamente a 6,4 e a 5,7 per chi si è laureato con meno di 90; la capacità di analisi e intervento sulle organizzazioni è pari 6,1 e 5,7 per i primi, a 6,6 e 5,6 per i secondi; la gestione dei processi comunicativi a 6,2 e a 6,1 per i primi, a 7,0 e a 6,0 per i secondi; la capacità di cogliere la complessità dei fenomeni a 7,1 e a 6,8 per i primi, a 7,2 e a 6,2 per i secondi. Detto altrimenti: se le donne che si sono laureate con migliori votazioni ritengono, di norma, di aver anche acquisito maggiori livelli di competenze rispetto a quelle che si sono laureate con voti bassi, tra gli uomini questo è molto meno vero e, in diversi casi, sono proprio quanti hanno riportato votazioni modeste ad attribuire i punteggi più elevati alle competenze acquisite.

38Certo, voti finali alti non testimoniano di per sé una preparazione più accurata, così come voti bassi non comportano, di per sé, preparazioni scadenti, tuttavia, sembra anche improbabile che, tra gli uomini, abbiano acquisito mediamente migliori competenze proprio quanti si sono laureati con votazioni modeste. La sistematicità con cui gli scarti nelle valutazioni di uomini e donne si presentano sembra quindi suggerire che mentre le donne sono maggiormente consapevoli, nel caso, dei limiti della propria preparazione, gli uomini tendano decisamente a sottovalutarli.

39Tali dati, apparentemente paradossali, possono trovare, in parte, una spiegazione in quegli studi a carattere psicologico che hanno rilevato una sorta di distorsione cognitiva per cui chi non è esperto in una materia tende a sopravalutare le proprie competenze al riguardo e a non riconoscere i propri limiti, mentre, al contrario, il possesso di una reale competenza può produrre la distorsione inversa, ossia un’affievolita percezione della propria competenza (Kruger e Dunning, 1999). Ma, soprattutto, tali dati sembrano attribuibili a quella maggior self-confidence degli uomini, evidenziata ormai da numerose ricerche (Rumiati, 2010) che fa loro ritenere di essere mediamente più competenti di quanto lo siano effettivamente.

40Quello che in questa sede ci interessa rimarcare è che se tale tendenziale iper-valutazione delle competenze acquisite da parte degli uomini con profili modesti difficilmente li agevola nel trovare una collocazione elevata nel mercato del lavoro, può però contribuire ad un più facile inserimento e consolidamento nelle posizioni intermedie. Viceversa, la maggiore autocriticità circa le competenze acquisite da parte delle laureate con votazioni modeste (votazioni che, presumibilmente, rispecchiano l’effettivo livello della loro formazione) può contribuire a pregiudicare ulteriormente il loro inserimento nel mondo del lavoro, partecipando a relegarle nelle posizioni lavorative più modeste (Bosak e Sczesny, 2008; Kay e Shipman, 2014).

4.4. Tasso di occupazione, professione svolta e retribuzione

41Analizziamo ora la collocazione lavorativa e la professione. Al momento dell’intervista, il 58,8% degli intervistati si dichiara occupato in un lavoro retribuito e il 6,2% in stage, mentre il 20,8% non è attualmente occupato, ma ha avuto almeno un lavoro dopo la laurea triennale; il rimanente 14,2% non ha mai lavorato dopo il conseguimento del titolo. In sostanza, ben un laureato su 3 (complessivamente il 34,9%) si trova in condizione di non occupazione. In questo quadro, le donne appaiono svantaggiate rispetto ai colleghi: sono occupate in lavoro retribuito nel 56,8% dei casi, contro il 62,7% dei colleghi, mentre non sono mai state occupate nel 15,4% dei casi, contro l’11,7%.

  • 10 Per distinguere tra occupazioni stabili e instabili abbiamo fatto riferimento alle informazioni ra (...)

42D’altro canto, i dati sui laureati in Sociologia confermano la forte diffusione di occupazioni instabili10. In generale, le laureate hanno un impiego instabile solo leggermente meno spesso dei laureati di sesso maschile (57,4% contro 54,1%), ma, pur considerando che tra le donne aumenta la percentuale di chi ha intrapreso studi successivi, il loro svantaggio occupazionale sembra accentuarsi man mano che ci si allontana dalla data della laurea.

43Per meglio definire il quadro, bisogna però specificare che, tra quanti al momento dell’intervista dichiarano di avere un’occupazione retribuita, il 33,6% degli uomini e il 15,3% delle donne svolgeva questo lavoro già prima di iscriversi al corso di laurea in Sociologia. Si tratta di soggetti che hanno un’età media più elevata (45 anni contro i 30 della rimanente parte del campione), sono più spesso nel Centro-Sud e risultano molto più frequentemente occupati rispetto al resto del campione nel settore pubblico (60% dei casi rispetto al 16%), in particolare nelle forze armate (24% versus 1%) e nelle mansioni di alta segreteria (11% versus 4%). Si conferma che questi soggetti sono spesso uomini, dipendenti pubblici, per i quali la laurea in Sociologia è una credenziale da impiegare all’interno della propria organizzazione e sulla quale investire anche grazie alle operazioni di riconoscimento di crediti, come già detto, messe in atto, per qualche anno, da alcuni atenei.

44Consideriamo ora la collocazione professionale a partire dai dati riportati nel grafico 2. A tal fine abbiamo aggregato le collocazioni professionali in tre grandi classi: le professioni più specificamente di ricerca; quelle a connotazione sociologica – sia nell’ambito organizzativo che comunicativo – e, infine, le altre collocazioni a ridotta connotazione sociologica (Facchini e Zurla, 2015b). In primo luogo si può notare come ridotta sia la percentuale di occupati sia nel settore della ricerca, sia in altre professioni a marcata connotazione sociologica, mentre una grossa quota di laureati confluisca in una generica area impiegatizia, per la quale è ipotizzabile che non sia necessaria né la laurea in Sociologia, né, probabilmente, alcuna laurea in particolare. Nell’area impiegatizia si insediano più frequentemente le donne degli uomini; inoltre, tra le professioni con un forte skill missmatching, le donne sono leggermente più numerose nell’area delle occupazioni esecutive del terziario. Di contro, anche in riferimento a quanto notato nei paragrafi precedenti, gli uomini sono molto più presenti nelle forze dell’ordine.

45Nei paragrafi precedenti si è visto come le donne abbiano avuto, di norma, migliori performance universitarie: interessa quindi verificare se tale loro svantaggio occupazionale permanga anche a parità di voto di laurea. Come evidenzia il grafico 2, se gli uomini con voto basso sono prevalentemente presenti nelle forze dell’ordine, nell’area impiegatizia, nell’ambito del commerciale, della comunicazione e del marketing e nelle occupazioni non qualificate, le donne con voto basso sono presenti soprattutto nell’area degli interventi sociali, delle risorse umane e delle occupazioni dequalificate, ossia in quegli ambiti che tradizionalmente si caratterizzano per una maggiore presenza femminile. Tra coloro che hanno invece conseguito una votazione elevata, gli uomini vedono aumentare la loro presenza nell’area degli interventi sociali e negli ambiti qualificati della pubblica amministrazione, mentre le donne vedono la permanenza nel settore impiegatizio di base. L’unico settore che vede un aumento sia di donne che di uomini con buone votazioni risulta, quindi, quello della ricerca. Vale a dire che, mentre tra chi ha conseguito voti bassi le differenze di genere sono contenute e rimandano più al settore occupazionale che al ruolo svolto, tra chi ha voti elevati le differenze diventano consistenti, in quanto mentre gli uomini riescono a trovare una collocazione professionale sostanzialmente congruente col titolo conseguito, per le donne questo è meno vero e sono più diffusi sovraistruzione e disallineamento. Detto con parole diverse, una votazione più elevata sembrerebbe contare soprattutto per gli uomini e meno per le donne dato che queste ultime rimangono comunque svantaggiate.

Grafico 2. Occupati in lavoro retribuito per sesso, macrogruppo professionale e voto di laurea, % di colonna

Grafico 2. Occupati in lavoro retribuito per sesso, macrogruppo professionale e voto di laurea, % di colonna

46A fronte di una più modesta collocazione professionale per le donne, si rilevano, peraltro, anche retribuzioni meno elevate. Come evidenzia il grafico 3, le donne occupate percepiscono più frequentemente, rispetto ai loro colleghi, redditi modesti (ossia inferiori a 1.250 euro mensili), se non molto bassi (inferiori a 500 euro) in tutti le grandi macro aree considerate (ricerca, professioni sociologiche non di ricerca, professioni non prettamente sociologiche). Nel settore della ricerca, tra chi percepisce i redditi più elevati (superiori a 1.750 euro mensili), il gender gap risulta più contenuto (ma su questo gioca la retribuzione, ovviamente uguale per tutti, di chi sta facendo il dottorato); al contrario, il divario retributivo di genere è elevato sia tra quanti svolgono professioni a carattere sociologico ma non di ricerca, sia tra quanti svolgono professioni in cui la connotazione specificamente sociologica è ridotta: pari rispettivamente a 15 punti percentuali nel primo caso, a 12,7 punti nel secondo. Uno specifico svantaggio retributivo femminile lo si registra quindi sia tra chi è inserito in ‘buone’ collocazioni professionali, sia, tra chi ha trovato un’occupazione poco congruente con il titolo di studio conseguito.

Grafico 3. Retribuzioni per sesso, macrosettore occupazionale e reddito, % di colonna

Grafico 3. Retribuzioni per sesso, macrosettore occupazionale e reddito, % di colonna

4.5. L’autovalutazione delle competenze richieste dalla collocazione lavorativa

47Nel paragrafo precedente si è evidenziato come le donne siano più frequentemente inserite nelle collocazioni lavorative meno qualificate e dichiarino di percepire, anche a parità di professione, stipendi minori. In questa sede ci sembra interessante notare che, per quasi tutte le competenze rilevate, le donne attribuiscono alle competenze loro richieste un punteggio mediamente inferiore (di circa 0,5 punti) rispetto a quello dichiarato dagli uomini.

48Può essere quindi interessante verificare se la disparità media tra le valutazioni maschili e femminili sia riconducibile alla più modesta collocazione professionale delle donne o se, invece, permanga anche a parità di tale collocazione.

49I dati riportati nei grafici 4a-b-c-d-e suggeriscono considerazioni in qualche misura similari a quelle fatte circa le valutazioni delle competenze acquisite nel percorso universitario. Vale a dire che, mentre tra chi è occupato sia nel settore della ricerca, che nelle professioni a marcata connotazione sociologica, uomini e donne danno valutazioni omogeneamente elevate, senza differenze sistematiche tra di loro, diverso è il discorso per quel che riguarda le collocazioni professionali meno qualificate.

50Per queste ultime infatti, i punteggi medi attribuiti alle competenze richieste dal proprio lavoro, pur essendo, assai comprensibilmente, meno elevati rispetto a quelli dati da chi è occupato nei settori a marcata connotazione sociologica, vedono, in modo abbastanza sistematico, valutazioni migliori da parte degli uomini che delle donne.

51Questo vale, anzitutto, per le competenze più marcatamente sociologiche. Ad esempio, per quel che riguarda la capacità di cogliere la complessità dei fenomeni, il punteggio medio passa, rispettivamente per uomini e donne, da 8,2 e da 8 di uomini e donne collocati in professioni marcatamente sociologiche a punteggi pari rispettivamente a 6,3 e 5,8 per chi è inserito in professioni non sociologiche; oppure, per quanto concerne l’uso degli strumenti di ricerca quantitativi si passa rispettivamente da 7,6 e 8,0 a 4,4 e 4,1, o ancora, per quel che concerne l’uso di strumenti qualitativi, da 8,1 e 8,3 a 4,3 e 3,8.

52Ma vale anche per le competenze trasversali, come la capacità di scrivere relazioni e progetti o di presentare in pubblico relazioni (che passano da punteggi medi pari a 8,2 sia per gli uomini che per le donne che operano nella ricerca, rispettivamente a 6,2 e 5,8 per chi è inserito in professioni a scarso contenuto sociologico), o per la capacità di scrivere relazioni e progetti (si passa da 8,7 per uomini e donne inseriti nella ricerca, a 7,2 per gli uomini e a 6,7 per le donne inserite in ambiti non sociologici). Vale a dire che, mentre tra chi svolge le professioni più specificamente sociologiche i punteggi attribuiti alle diverse competenze richieste per il proprio lavoro sono non solo più elevati, ma anche abbastanza simili per uomini e donne (o, comunque, senza che le eventuali differenze siano sistematiche), tra chi è inserito in collocazioni professionali più modeste gli uomini tendono, sistematicamente, ad attribuire al proprio lavoro competenze maggiori di quelle che vi attribuiscono le donne.

53Certo, analogamente a quanto scritto a commento dei dati sulle valutazioni delle competenze acquisite, non necessariamente professioni a ridotto contenuto sociologico escludono la richiesta e l’apprezzamento di competenze qualificate. Tuttavia, il fatto che, in questi casi, le valutazioni siano sistematicamente più positive per gli uomini che per le donne suggerisce alcune ipotesi esplicative non necessariamente in contrapposizione tra loro.

54La prima rimanda ad uno specifico ulteriore svantaggio occupazionale femminile, ossia al fatto che, specie nei contesti lavorativi meno qualificati, le donne meno frequentemente svolgano, anche a parità di collocazione lavorativa formale, ruoli connotati da un’elevata professionalità e/o potere decisionale, quindi da elevati livelli di competenza. La seconda ipotesi, appunto non necessariamente alternativa alla prima, è che donne e uomini tendano, a parità di compiti effettivamente svolti, a valutare in modo diverso le competenze loro richieste, ossia a sottovalutarle (sottovalutarsi?) le prime, a sopravvalutarle (sopravvalutarsi?) i secondi, in base alle già accennate teorie che attribuiscono una maggiore self-confidence agli uomini.

Grafico 4a, 4b, 4c, 4d e 4e. Competenze richieste dal mercato del lavoro, per sesso e macrosettore occupazionale, punteggi medi

Grafico 4a, 4b, 4c, 4d e 4e. Competenze richieste dal mercato del lavoro, per sesso e macrosettore occupazionale, punteggi medi

5. Considerazioni conclusive

55Riprendiamo ora le analisi e le considerazioni fin qui svolte. In primo luogo, i dati evidenziano che le donne presentano una maggiore consapevolezza nella scelta del corso di laurea, sono più spesso impegnate nello studio a tempo pieno, ottengono risultati complessivamente migliori e più frequentemente completano gli studi con la laurea magistrale, presentando, quindi, nel complesso, percorsi più “lineari”, come peraltro, emerge da tutte le ricerche e analisi dei dati similari. Tra gli uomini che conseguono il titolo triennale, sembrano invece profilarsi due gruppi dalle caratteristiche molto diverse: da un lato quelli che possiamo definire “non motivati”, poco interessati alle competenze più specifiche, senza una prospettiva professionale molto marcata in termini sociologici e con risultati modesti nel percorso di studi; dall’altro quelli con una forte motivazione intrinseca che cercano una realizzazione personale nelle discipline sociologiche e che ottengono performance eccellenti. Da un lato, quindi, una relativa omogeneità per le donne, dall’altro una maggiore polarizzazione per gli uomini.

56Ancor più consistenti sono le differenze rispetto alla collocazione lavorativa: nonostante le migliori performance, le donne risultano, infatti, svantaggiate rispetto ai colleghi sia nell’effettiva occupabilità, sia nella collocazione professionale, sia nelle retribuzioni (Casula e Chiandotto, 2015; Blau e Kahn, 2017). A fronte di ciò, l’autopercezione delle competenze acquisite/richieste rivela un diverso approccio e una diversa situazione di vantaggio/svantaggio: le donne sembrano nel complesso sottostimare le proprie competenze più frequentemente di quanto non accada agli uomini, sia in relazione alla preparazione ricevuta, sia, una volta inserite nel mercato del mercato del lavoro, rispetto al ruolo svolto (Rumiati, 2010; Brunello, Comi e Sonedda, 2012; Stevens et al., 2010; Koskinen et al., 2017).

57Questa sorta di auto-sottovalutazione femminile ci sembra rilevante e crediamo dovrebbe richiamare l’attenzione di quanti si occupano dei processi formativi, dato che la minore capacità femminile di saper valorizzare le proprie competenze ha, presumibilmente, delle oggettive conseguenze sulla propria autopercezione complessiva (Connell, 2011), sul modo di rapportarsi con il mercato del lavoro (Sturm et al., 2014) e, in particolare, sulla capacità di contrattare migliori condizioni retributive e successivi passaggi di carriera (Babcock e Laschever, 2004; Bosak e Sczesny, 2008; Hewlett et al., 2008; Santos-Pinto, 2012), accentuando, così, lo specifico svantaggio femminile determinato dalle generali caratteristiche del mercato del lavoro (Quandlin, 2018).

58Come evidenzia appunto la letteratura, tale tendenza alla auto-sottovalutazione da parte delle donne non riguarda certo solo le laureate in Sociologia; tuttavia, riteniamo che per questa disciplina, che nei suoi percorsi di analisi e di ricerca dei diversi fenomeni sociali pone un’attenzione crescente alle differenze di genere (Decataldo e Ruspini, 2014; Direttivo AIS Studi di Genere, 2014), sia cruciale implementare l’attenzione verso tali problematiche anche nei suoi percorsi formativi. Riteniamo che questa specifica attenzione dovrebbe tradursi oltre che nella presenza della dimensione del ‘genere’ nella riflessione teorica e di studio, in una maggiore riflessività e consapevolezza da parte di studenti e studentesse circa le modalità – riconducibili ‘anche’ alle loro identità di genere – del proprio percorso di studio, le aspettative verso il proprio futuro lavorativo e le competenze che si vogliono mettere in campo.

59D’altro canto, riteniamo che intervenire su questi temi nel corso della formazione, ad esempio con azioni di empowerment e di valorizzazione mirate (Kyrgidou e Petridou, 2013; Bianchi et al., 2018), potrebbe giocare un ruolo rilevante per attenuare quegli elementi di debolezza che caratterizzano non solo ‘tutti’ i laureati, e in particolare la componente femminile, ma, più in generale, le stesse discipline sociologiche (Crespi, 2014).

Torna su

Bibliografia

AAPOR - American Association for Public Opinion Research (2016), Standard Definitions. Final Dispositions of Case Codes and Outcome Rates for Surveys, https://www.aapor.org/AAPOR_Main/media/publications/Standard-Definitions20169theditionfinal.pdf.

AlmaLaurea (2017), La condizione occupazionale dei laureati. XIX Indagine 2017, Bologna, www.almalaurea.it.

AlmaLaurea (2018), La condizione occupazionale dei laureati. XX Indagine 2018, Bologna, www.almalaurea.it.

Argentin G. (2013), Il valore del mercato della laurea in Sociologia. Crisi della disciplina e difficoltà occupazionali dei nostri laureati, «Sociologia Italiana – AIS Journal of Sociology, 2, pp. 111-128.

Argentin G., Decataldo A. e Fullin G. (2015), Gli esiti occupazionali dei laureati in sociologia, «Sociologia Italiana – AIS Journal of Sociology», 6, pp. 89-114.

Argentin G., Fullin G. (2015), Il rischio di instabilità occupazionale per i laureati in sociologia, in Facchini C. (a cura di), Fare i sociologi. Una professione plurale tra ricerca e operatività, Bologna, il Mulino, pp. 123-138.

Babcock L., Laschever S. (2004), Le donne non chiedono. Perché le donne contrattano meno degli uomini negli affari, nella professione, nella vita privata, Milano, Sole24ore.

Barbieri P., Bison I. (2004), Self-employment in Italy: scaling the class barriers, in Muller W., Arum R. (a cura di), Self employed Dynamics and Social Inequality: a Cross-national Study of Self-employment in Advanced Economies, Princeton, Princeton University Press.

Ballarino G., Checchi D. (a cura di) (2006), Sistema scolastico e disuguaglianza sociale, Bologna, il Mulino.

Barone C. (2010), La segregazione di genere nell’università: il caso italiano in una prospettiva comparativa e diacronica, «Stato e mercato», 2, pp. 287-320.

Barone C. (2011), Some Things Never Change: Gender Segregation in Higher Education across Eight Nations and Three Decades, «American Sociological Association», LXXXIV, 2, pp. 157-176.

Barone C. (2013), Che lavoro fa un sociologo? Gli esiti occupazionali dei laureati in sociologia (e qualche proposta per contenere i danni), «Sociologia Italiana – AIS Journal of Sociology», 1, pp. 141-154.

Beccalli B., Bonazzi G. e Saraceno C. (a cura di) (1991), Donne e uomini nella divisione del lavoro. Le tematiche di genere nella sociologia economica, Milano, FrancoAngeli.

Benvenuti P., Segatori R. (2009), Professione e genere nel lavoro sociale, Milano, FrancoAngeli.

Besozzi E. (2007), Il genere come risorsa comunicativa: maschile e femminile nei processi di crescita, Milano, FrancoAngeli.

Beutel A. M., Marini M. M. (1995), Gender and values, «American Sociological Review», LX, 3, pp. 436-448.

Bianchi F., Fabbri L. e Romano A. (2018), Scusate se voglio far carriera, Pratiche trasformative per l’educazione di genere, in Murgia A., Poggio B. (a cura di), Prospettive interdisciplinari su formazione, università, lavoro, politiche e movimenti sociali, Trento, Università degli Studi di Trento.

Biemmi I., Leonelli S. (2017), Gabbie di genere: retaggi sessisti e scelte formative, Torino, Rosenberg & Sellier.

Bimbi F. (a cura di) (2003), Differenze e diseguaglianze: prospettive per gli studi di genere in Italia, Bologna, il Mulino.

Blau F. D., Kahn L. M. (2017), The gender wage gap: Extent, trends, and explanations, «Journal of Economic Literature», LV, 3, pp. 789-865.

Bobbitt-Zeher D. (2007), The gender income gap and the role of education, «Sociology of Education», LXXX, 1, pp. 1-22.

Bosak J., Sczesny S. (2008), Am I the right candidate? Self -ascribed fit of women and men to a leadership position, «Sex Roles», LVIII, 9-10, pp. 682-688.

Brunello G., Comi S. e Sonedda D. (2012), Training Subsidies and Wage Return in continuing vocational Training, «Labour Economics», XIX, 3, pp. 361-372.

Campanini A., Facchini C. (2013), Values and Motivations in BA Students of Social Work: the Italian Case, «Social Work & Society», XI, 1, http://www.socwork.net/sws/article/view/358/708.

Casula C., Chiandotto B. (2014), Disuguaglianze di genere nella transizione al lavoro dei laureati, «AlmaLaurea Working papers», 59, https://www.researchgate.net/publication/323368553_Saperi_di_genere_Prospettive_interdisciplinari_su_formazione_universita_lavoro_politiche_e_movimenti_sociali.

Cavalli A., Facchini C. (a cura di) (2001), Scelte cruciali, Bologna, il Mulino.

Cifiello S., Gosetti G. e Minardi E. (2003), Il sociologo nelle ASL: comunicazione e prevenzione, Milano, FrancoAngeli.

Corradi F. (2010), Razionalità, coerenza e vocazione nelle scelte universitarie individuali, Milano, Ledizioni.

Connell R. (2009), Gender: in world perspective, London, Polity Press; tr. it. (2011), Questioni di genere, Bologna, il Mulino.

Correll S.J. (2001), Gender and career choice process: the role of biased self-assessment, «American Journal of Sociology», CVI, 6, pp. 1691-1730.

Crespi F. (2014), Crisi della sociologia e sociologia della crisi, «Sociologia italiana», 3, pp. 155-162.

De Finis G., Scartezzini R. (a cura di) (1996), Universalità & differenza. Cosmopolitismo e relativismo nelle relazioni tra identità sociali e culture, Milano, FrancoAngeli.

Decataldo A., Facchini C. (2015), L’assetto delle discipline sociologiche alla luce delle trasformazioni del sistema universitario. in Facchini C. (a cura di) (2015), Fare i sociologi. Una professione plurale tra ricerca e operatività, Bologna, il Mulino.

Decataldo A., Facchini C., Mazza B. (2016), Laureati alla Sapienza in Sociologia e in Scienze della Comunicazione alle prese con il lavoro dopo la laurea, «Sociologia Italiana – AIS Journal of Sociology», 7, pp. 97-125.

Decataldo A., Fiore B. (2013), Quali sbocchi occupazionali per i laureati italiani, «Sociologia Italiana – AIS Journal of Sociology», 2, pp. 97-110.

Decataldo A., Ricotta G. (2015), Scegliere Sociologia: le motivazioni e il percorso formativo, in Facchini C. (a cura di) (2015), Fare i sociologi. Una professione plurale tra ricerca e operatività, Bologna, il Mulino.

Decataldo A, Ruspini E. (2014), La ricerca di genere, Roma, Carocci.

Denti F., Triventi M. (2013), La decrescita infelice. Tendenze nelle iscrizioni e lauree nei corsi di laurea in Sociologia dell’ultimo decennio, «Sociologia Italiana – AIS Journal of Sociology», 2, pp. 65-82.

Direttivo Ais-Studi di genere (a cura di) (2014), Sotto la lente del Genere: la Sociologia italiana si racconta, Milano, FrancoAngeli.

Dominelli L. (2002), Feminist social work theory and practice, Basingstoke, Palgrave Macmillan.

England P. (2005), Gender inequality in labor markets: The role of motherhood and segregation, «Social Politics: International Studies in Gender, State & Society», XII, 2, pp. 264-288.

Facchini C. (a cura di) (2015), Fare i sociologi. Una professione plurale tra ricerca e operatività, Bologna, il Mulino.

Facchini C., Zurla P. (2015a), Competenze richieste dal mercato del lavoro, competenze acquisite nel percorso formativo, in Facchini C. (a cura di) (2015), Fare i sociologi. Una professione plurale tra ricerca e operatività, Bologna, il Mulino.

Facchini C., Zurla P. (2015b), Le competenze dei sociologi tra formazione e professioni, «Sociologia Italiana – AIS Journal of Sociology», 4, pp. 85-110.

Fiore B., Facchini C., (2013), Social Work a Gendered Issue from a Generational point of View, «International Review of Sociology / Revue Internationale de Sociologie», XXIII, 2, pp. 310-325.

Fiore B. (2018), L’eccellenza in matematica è ancora una questione maschile? Una esplorazione su resilienti ed avvantaggiati eccellenti in OCSE-PISA 2012, in Murgia A., Poggio B. (a cura di) (2018), Prospettive interdisciplinari su formazione, università, lavoro, politiche e movimenti sociali, Trento, Università degli Studi di Trento.

Frattini R., Rossi P. (2012), Report sulle donne nell’Università Italiana, «Menodizero», 3, pp. 8-9.

Frehill L. M. (1997), Education and occupational segregation, «Sociological Quarterly», 38, pp. 225-249.

Hargittai E., Shafer S. (2006), Differences in actual and perceived online skills: The role of gender, «Social Science Quarterly», LXXXVII, 2, pp. 432-448.

Istat - Istituto Italiano di Statistica (2018), Rapporto Annuale, Roma, Istat.

Kay K, Shipman C. (2014), The Confidence Code: The science and art of self-assurance – What women should know, New York, New York Times Bestsellers.

Koskinen Sandberg P., Törnroos M. e Kohvakka R. (2017), The institutionalised undervaluation of women’s work: The case of local government sector collective agreements, «Work, Employment and Society», XXXII, 4, pp. 707-725.

Kruger J., Dunning, D. (1999), Unskilled and unaware of it: how difficulties in recognizing one’s own incompetence lead to inflated self-assessments, «Journal of Personality and Social Psychology», LXXVII, 6, pp. 1121-1134.

Kyrgidou L. P., Petridou E. (2013), Developing women entrepreneurs’ knowledge, skills and attitudes through e-mentoring support, «Journal of Small Business and Enterprise Development», XX, 3, pp. 548-566.

Milani P. (2018), Educazione e famiglie, Carocci, Roma.

Morana M. T., Sagramora S. (2016), Focus Le carriere femminili nel settore universitario, Miur, Roma, http://www.istruzione.it/allegati/2016/Focus_Gender-Accademic_rev03.pdf 2016.

Oecd – Organisation for Economic Co-operation and Development (2011), Report on the Gender Initiative: Gender Equality in Education, Employment and Entrepreneurship, Meeting of the Oecd Council at Ministerial Level, Paris, 25-26 May 2011, https://www.oecd.org/education/48111145.pdf.

Oecd – Organisation for Economic Co-operation and Development (2018), Education at a Glance, Oecd Indicators – 2018 Edition, Oecd Publishing Centre for Education Research and Innovation, https://www.oecd-ilibrary.org/education/education-at-a-glance-2018_eag-2018-en.

Pacifico M., (1996), Immagini e rappresentazioni di una professione non realizzata: profili formativi e professionali dei laureati in sociologia, Milano, FrancoAngeli.

Panza F. (a cura di) (2009), La professione del sociologo nel Servizio Sanitario Nazionale. Una risorsa innovativa e strategica per la governance della salute, Milano, FrancoAngeli.

Piccone Stella S., Saraceno C. (1996), Genere. La costruzione sociale del maschile e del femminile, Bologna, il Mulino.

Pomerantz E. M., Altermatt E. R. (2002), Making the grade but feeling distressed: Gender differences in academic performance and internal distress, «Journal of Educational Psychology», XCIV, 2, pp. 396-404.

Quandlin N. (2018), The Mark of a Woman’s Record: Gender and Academic Performance in Hiring, «American Sociological Review», LXXXIII, 2, pp. 331-360.

Quintini G. (2011), Over-Qualified or Under-Skilled: A Review of Existing Literature, «OECD Social, Employment and Migration Working Papers», 121, Oecd Publishing, http://dx.doi.org/10.1787/5kg58j9d7b6d-en.

Reyneri E. (2011), Sociologia del mercato del lavoro, Bologna, il Mulino.

Ruspini E. (a cura di) (2008), Educare al denaro. Socializzazione economica tra generi e generazioni, Milano, FrancoAngeli

Rumiati R. (2010), Uomini e donne, Bologna, il Mulino.

Sakamoto I., McPhail B., Anastas J. e Colarossi L. (2008), Status of women in social work education, «Journal of Social Work Education», XLIV, 1, pp. 37-62.

Santos-Pinto L. (2012), Labor market signalling and self-confidence: Wage compression and the gender pay gap, «Journal of Labor Economics», XXX, 4, pp. 873-914.

Sayers R.C. (2012), The cost of being female: Critical comment on block, «Journal of business ethics», CV1, 4, pp. 519-524.

Siza R. (2006), Le professioni del sociologo. Milano, FrancoAngeli.

Stevens M., Sharp E., Morarty J., Manthorpe J., Hussein S., Orme J., Mcyntyre J., Cavanagh K., Green-Lister T., Crist B. R. (2010), Helping others or a rewarding career? Investigating student motivations to train as Social Workers in England, «Journal of Social Work», XII, 1, pp. 16-36.

Sturm R. E., Taylor S. N., Atwater L. E., Braddy, P. W. (2014), Leader self awareness: An examination and implications of women’s under prediction, «Journal of Organizational Behavior», XXXV, 5, pp. 657-677.

Zajczyk F. (2007), La resistibile ascesa delle donne in Italia. Stereotipi di genere e costruzione di nuove identità, Milano, Il Saggiatore.

Zanfrini L. (a cura di) (2005), La rivoluzione incompiuta. Il lavoro delle donne tra retorica della femminilità e nuove disuguaglianze, Roma, Edizioni Lavoro.

Zhou X. (2005), The institutional logic of occupational prestige ranking: reconceptualization and reanalysis, «American Journal of Sociology», CXI, 1, pp. 90-140.

Torna su

Note

1 Ossia della classe delle lauree L36 – Scienze sociologiche istituita secondo il Decreto ministeriale del 4 agosto 2000 e L40 – Sociologia che riordina la prima in base al Dm del 16 marzo 2007.

2 Per maggiori approfondimenti sulla condizione professionale ed occupazionale dei sociologi si rimanda al volume a cura di Facchini (2015).

3 Il portale Universitaly (http://www.universitaly.it) ha l’obiettivo di fornire informazioni relative agli obiettivi formativi dei singoli corsi di laurea, alle discipline insegnate, agli sbocchi professionali e all’indicazione delle sedi presso le quali è possibile conseguire il tipo di laurea richiesto.

4 Il consorzio AlmaLaurea considera appartenenti all’area politico-sociale le seguenti classi di laurea: Scienze del turismo, Scienze della comunicazione, Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione, Scienze politiche e delle amministrazioni internazionali, Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace, Servizio sociale e Sociologia.

5 La scelta dell’arco temporale è stata dettata dalla necessità di poter osservare i laureati a distanza di almeno 2-3 anni dal conseguimento del titolo, in modo da evitare che per le ultime leve i tassi di disoccupazione fossero connessi con lo scarso arco temporale a disposizione per cercare lavoro.

6 Ossia quelli in cui l’intervistato è arrivato a rispondere almeno alla prima domanda della sezione relativa alla condizione occupazionale attuale.

7 Il 50,6% del campione ha espresso una sola preferenza.

8 Ci si riferisce al fatto che, nei primi anni di attuazione del DM 509/1999, in collaborazione con Ministero dell’Interno (Dipartimento della pubblica sicurezza – Direzione centrale per gli istituti d’istruzione), i dipendenti pubblici e, in particolare, quanti erano occupati nel settore della pubblica sicurezza hanno goduto della possibilità di ottenere una laurea in Sociologia con un percorso abbreviato grazie alla frequenza di specifici corsi di formazione presso gli Istituti di istruzione del Ministero. Si è trattato, quindi, di studenti-lavoratori appartenenti alla pubblica sicurezza, in prevalenza di genere maschile.

9 Le indagini Invalsi rilevano infatti, sistematicamente, che le donne hanno e ritengono di avere migliori competenze nelle discipline letterarie, peggiori in quelle matematiche (Fiore, 2018).

10 Per distinguere tra occupazioni stabili e instabili abbiamo fatto riferimento alle informazioni raccolte sia sul tipo di rapporto di lavoro (subordinato o autonomo) sia sul tipo di contratto. Tra i lavoratori dipendenti abbiamo considerato occupati stabili coloro che hanno un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato e abbiamo invece incluso nel gruppo degli instabili coloro che hanno un contratto di lavoro dipendente a tempo determinato, un contratto di inserimento (ex formazione lavoro), un contratto di somministrazione lavoro/interinale, un contratto a progetto, collaborazioni occasionali, collaborazioni continuative o coloro che hanno dichiarato di lavorare senza contratto. I lavoratori indipendenti o in proprio che hanno dichiarato di avere un contratto a progetto, collaborazioni occasionali o continuative sono stati inclusi tra i lavoratori instabili mentre gli altri sono stati considerati quali lavoratori stabili in linea con quanto sostenuto dalla letteratura sui lavoratori autonomi italiani (Barbieri e Bison, 2004; Reyneri, 2011).Si è, inoltre, deciso di tenere distinti due gruppi di instabili: quanti hanno un contratto alle dipendenze a tempo determinato oppure un contratto di inserimento del tipo formazione e lavoro da un lato, e tutti gli altri instabili dall’altro. Negli anni considerati dall’indagine si è andata, infatti, delineando una stratificazione interna alla categoria degli occupati instabili, sulla base del tipo di contratto temporaneo posseduto, tra soggetti che godono di un livello minimo di protezioni sociali e altri più esposti al rischio di precarizzazione (Argentin, Decataldo e Fullin, 2015).

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Figura 1. Sesso dei laureati per a.a. di laurea
Credits Fonte: Denti e Triventi, 2013
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-1.jpg
File image/jpeg, 126k
Titolo Grafico 1a, 1b, 1c, 1d e 1e. Autovalutazione delle competenze acquisite per sesso e voto di laurea, punteggio medio
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-2.jpg
File image/jpeg, 66k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-3.jpg
File image/jpeg, 89k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-4.jpg
File image/jpeg, 73k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-5.jpg
File image/jpeg, 59k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-6.jpg
File image/jpeg, 70k
Titolo Grafico 2. Occupati in lavoro retribuito per sesso, macrogruppo professionale e voto di laurea, % di colonna
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-7.jpg
File image/jpeg, 100k
Titolo Grafico 3. Retribuzioni per sesso, macrosettore occupazionale e reddito, % di colonna
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-8.jpg
File image/jpeg, 128k
Titolo Grafico 4a, 4b, 4c, 4d e 4e. Competenze richieste dal mercato del lavoro, per sesso e macrosettore occupazionale, punteggi medi
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-9.jpg
File image/jpeg, 82k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-10.jpg
File image/jpeg, 108k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-11.jpg
File image/jpeg, 85k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-12.jpg
File image/jpeg, 74k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2517/img-13.jpg
File image/jpeg, 84k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alessandra Decataldo, Carla Facchini e Brunella Fiore, « Le laureate in Sociologia tra sottoimpiego e sottovalutazione »Quaderni di Sociologia, 79 | 2019, 123-149.

Notizia bibliografica digitale

Alessandra Decataldo, Carla Facchini e Brunella Fiore, « Le laureate in Sociologia tra sottoimpiego e sottovalutazione »Quaderni di Sociologia [Online], 79 | 2019, online dal 01 avril 2019, consultato il 24 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/2517; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.2517

Torna su

Autori

Alessandra Decataldo

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale – Università di Milano-Bicocca

Carla Facchini

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale – Università di Milano-Bicocca

Articoli dello stesso autore

Brunella Fiore

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale – Università di Milano-Bicocca

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search