Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri79note criticheCircuiti criminali e area grigia ...

note critiche

Circuiti criminali e area grigia Una ricerca sulla presenza delle mafie nel Nordest

Criminal circles and grey area. A research on the presence of the mafia phenomenon in the Italian North-East
Attilio Scaglione
p. 165-171

Abstract

The penetration of mafia organisations in the northern-central Italian regions is today recognised by numerous judicial investigations and various scientific studies. In Come pesci nell’acqua. Mafia, impresa e politica in Veneto, Gianni Belloni and Antonio Vesco explore the presence of the mafia phenomenon in the Veneto region, over a period of almost fifty years. Employing a large variety of empirical sources, the book analyses, through the case-study methodology, a constellation of events where the encounter between mafia groups and criminal business networks takes place in the form of corruption, tax evasion, money laundering, and a whole series of illicit practices that are considered legitimate by part of the local business and political class. The authors emphasize the need to situate the analysis as firmly as possible to the local contexts conditions that make this territory compatible with the presence of mafia groups.

Torna su

Testo integrale

1Al fine di studiare i processi di diffusione e riproduzione della criminalità organizzata di stampo mafioso al di fuori dei territori di più antico insediamento è importante disporre di strumenti che consentano di tenere insieme in un quadro unitario i diversi elementi di conoscenza raccolti. L’ottica giudiziaria, che tradizionalmente ricostruisce le vicende fissando staticamente i fatti in un preciso momento storico, non è in grado di restituire la complessità di una presenza criminale che più di altre si basa sul rapporto diretto con i contesti locali.

2Per lungo tempo negata, la penetrazione della criminalità organizzata nel Nord del Paese è oggi un dato di fatto acclarato da numerose indagini delle forze dell’ordine e da diversi studi scientifici. Cito tra questi le ricerche di Federico Varese, Nando dalla Chiesa, Rocco Sciarrone (Varese, 2011; dalla Chiesa e Panzarasa, 2012; dalla Chiesa, 2016; Sciarrone, 2014 e 2019).

3Il libro di Gianni Belloni, giornalista professionista, già coordinatore dell’Osservatorio ambiente e legalità di Venezia, e Antonio Vesco, antropologo e assegnista di ricerca presso la Aristotle University of Thessaloniki, Come pesci nell’acqua. Mafia, impresa e politica in Veneto (Roma, Donzelli, 2018), consente allo studioso di collocare il fenomeno mafioso nel Veneto in uno scenario più ampio e problematico, ben oltre la stretta valutazione giuridica dei reati e delle vicende narrate nelle inchieste dei magistrati.

4Si tratta di un volume che è il frutto di sette anni di lavoro: una ricerca che ha impegnato i due autori in un lungo lavoro di documentazione critica, di analisi delle fonti e di rilettura sistematica dei testi.

5Il saggio ricostruisce la presenza della criminalità organizzata in Veneto, lungo un arco temporale di quasi mezzo secolo, che affonda le sue radici fino alla Mala del Brenta. Prendendo le mosse dalla ricostruzione storica e geografica, attraverso la tecnica dello “studio di caso”, il volume analizza una costellazione di vicende riconducibili a gruppi mafiosi e circuiti affaristico-criminali.

6Accanto ai contenuti – su cui mi soffermerò fra poco – occorre evidenziare la ricchezza dei materiali empirici e l’accortezza adoperata dagli autori nell’impiegarli per sviluppare le proprie argomentazioni. Belloni e Vesco sono consapevoli del carattere particolare del materiale analizzato, in particolare delle fonti giudiziarie. Come osservano nel libro, si tratta di «fonti intenzionali prodotte con ben altri obiettivi rispetto a quelli dei ricercatori» (Belloni e Vesco, 2018, 7), che occorre maneggiare con consapevolezza per non sovrapporre la prospettiva delle agenzie di contrasto a quella delle scienze sociali.

7Per ovviare a queste criticità, i due studiosi hanno condotto una articolata attività di ricerca sul campo mediante la realizzazione di circa cinquanta interviste in profondità a testimoni qualificati; la raccolta e l’analisi di fonti documentali di vario tipo; la partecipazione a dibattiti, assemblee pubbliche, eventi, manifestazioni ecc.

8Tornando ai contenuti, questo non è un libro sulla mafia o meglio non parla solo di mafie. Il vero protagonista di questo libro non sono i pesci, ma l’acqua. Non sono le mafie ma gli effetti del loro incontro con il contesto imprenditoriale e politico veneto. Chiaro appare l’influsso della antropologia interpretativa che considera i fenomeni (in questo caso criminali) come sistemi di significato da interpretare, tenendo presente il contesto locale in cui sono generati e quello da cui proviene chi li avvicina (Geertz, 1998).

9Si tratta di un concetto fondamentale anche perché quello che i mafiosi trovano in Veneto, con grande sorpresa di molti, e forse anche dei criminali stessi, è un contesto tutt’altro che refrattario al fenomeno mafioso. Quello che trovano è infatti un luogo accogliente e favorevole per la conduzione delle attività criminali, un territorio la cui cultura economica «sembra facilitare il dialogo tra imprenditoria e criminalità» (Belloni e Vesco, 2018, 29).

10Detto in altre parole, è un contesto caratterizzato da pratiche imprenditoriali (illegali) preesistenti all’arrivo dei mafiosi. Pratiche che poco hanno a che fare con l’immagine del Nord-est come terra altra rispetto ai fenomeni illegali. Tanto che, in alcuni casi, è addirittura difficile tracciare nette linee di separazione tra comportamenti leciti e comportamenti illeciti, tra modelli culturali legittimi e modelli culturali devianti. Non a caso, il terreno di incontro tra mafiosi e imprenditori, come ricostruiscono i due studiosi, avviene nel campo della corruzione, dell’evasione fiscale, del riciclaggio, e di tutta una serie di pratiche illecite o meglio di reati quali truffe, usura, emissione di false fatture, fallimenti pilotati, ecc. che sono considerate legittime da una parte della classe imprenditoriale e politica locale.

11È una tesi che trova dei punti di contatto con l’analisi di Varese (2011), secondo il quale i clan si insediano nelle aree non tradizionali perché sono in grado di offrire dei servizi di regolazione dei mercati anche mediante un uso simbolico della violenza, come dimostrano alcune vicende contenute nel volume.

12Il libro si compone di una introduzione e sei capitoli. Il primo capitolo è dedicato all’esposizione della prospettiva teorica che fa da sfondo all’analisi dei casi studio. Il testo si concentra sulla percezione dei diversi attori pubblici che popolano il territorio veneto allo scopo di mettere in luce le categorie e gli assunti su cui si basano le diverse rappresentazioni del fenomeno.

13Il secondo capitolo ricostruisce la presenza mafiosa in Veneto in un’ottica storica e geografica. La periodizzazione proposta, che individua i primi insediamenti mafiosi già intorno agli anni sessanta, ha dunque il merito di collocare tali presenze all’interno di un contesto che non subisce passivamente in maniera unidirezionale l’azione dei gruppi criminali ma che agisce e retroagisce con esiti differenti ed imprevisti. I restanti capitoli sono invece dedicati ai casi studio.

14Il terzo capitolo si concentra in particolare su due gruppi criminali riconducibili al contesto della camorra campana: l’indagine che ha coinvolto i fratelli Catapano e quella che ha disarticolato il gruppo criminale guidato da Mario Crisci, nota come operazione “Aspide”. I casi ricostruiti mostrano come «lo studio della camorra al di fuori del contesto campano non possa essere limitato all’analisi delle risorse di violenza in dotazione ai singoli gruppi» (ivi, 96), ma debba tenere conto oltre che delle strategie criminali anche della ricezione di queste da parte della società e nello specifico degli imprenditori locali. L’esito di questi incontri può infatti dare vita a configurazioni del tutto particolari perfino, come emerge nel caso “Aspide”, all’imitazione di gruppi mafiosi.

15Il quarto capitolo analizza una vicenda che ha coinvolto una organizzazione criminale di origini siciliane, una sorta di agenzia di servizi che si relazionava con le imprese venete in un contesto prevalentemente di cooperazione e collaborazione. Il gruppo, al cui vertice vi era la figura di Angelo Pitarresi, operava nelle province di Padova, Venezia e Treviso intorno ai primi anni 2000, quindi in un periodo antecedente alla crisi economica, nel settore dell’intermediazione di manodopera, mettendo a disposizione a decine di imprese venete operai immigrati dell’Europa dell’Est, attraverso un sistema che per ridurre i costi del lavoro sfruttava i buchi della normativa e la creazione di società fittizie all’estero.

16Il quinto capitolo riguarda invece la provincia di Verona, il cui territorio costituisce un caso di radicamento «per la consistenza e la stratificazione di insediamenti criminali» (ivi, 74), riconducibili in particolare a gruppi legati alla ‘ndrangheta calabrese. Il territorio scaligero rappresenta un laboratorio particolare dove l’incontro tra esponenti mafiosi, imprenditori, politici e amministratori locali si è manifestato attraverso moduli organizzativi più flessibili e meno strutturati rispetto ai sodalizi criminali calabresi presenti nelle regioni del Nord-ovest.

17Il sesto capitolo infine approfondisce le vicende che ruotano attorno alla costruzione del Mose che hanno fatto emergere un gigantesco caso di corruzione dove la mafia, come diremo più avanti, è però assente.

18La storia delle mafie in Veneto dunque non è una storia di traffici illeciti, di estorsioni, spaccio di droga o quant’altro, o meglio non solo. Come lasciano intendere gli autori, nel nuovo contesto di arrivo i mafiosi si considerano prima di tutto degli imprenditori che adoperano lo stesso linguaggio e le stesse motivazioni dei colleghi del “mondo di sopra”, per richiamare una nota definizione formulata altrove (La Spina, 2016; Martone, 2017).

19Si tratta di un concetto importante che ribalta posizioni consolidate all’interno di una parte della letteratura di riferimento e consente di superare alcuni stereotipi e luoghi comuni costruiti e sedimentati da troppo tempo nell’immaginario collettivo. Qui senza alcuna pretesa di esaustività mi soffermo in particolare su cinque aspetti contenuti nel libro.

20In primo luogo, il volume respinge l’idea dell’invasione o del contagio mafioso. La metafora militare o quella epidemiologica, come è stato osservato altrove (Sciarrone, 2009), è spesso utilizzata in alcune rappresentazioni dei processi di espansione delle mafie nelle aree non tradizionali. Come mostrano gli autori di questo libro, non siamo di fronte all’avanzata di un esercito nemico che muove alla conquista di territori; né si può parlare d’altra parte di “colonizzazione”, di avamposti criminali che vengono clonati attraverso lo spostamento volontario o coatto di esponenti mafiosi dalla madrepatria verso altri territori.

21Come emerge dall’analisi di Belloni e Vesco la presenza della mafia in Veneto – ma si potrebbe estendere questa riflessione ad altre regioni italiane – è l’esito di un processo in cui le strategie degli attori e i fattori di contesto si combinano e influenzano a vicenda. Non ci sono “culture in viaggio” che colonizzano spazi remoti. Né culture locali che assorbono presenze straniere.

22Si compiono piuttosto – ed è questo a mio avviso l’aspetto centrale del libro – dei veri e propri scambi, degli incontri tra l’agire mafioso e l’agire imprenditoriale, delle interazioni che assumono forme del tutto peculiari, attraverso la definizione di “processi di ibridazione” (che in alcuni casi danno luogo anche alla nascita di nuovi gruppi criminali).

23In secondo luogo, il libro ribalta la narrazione del Nord-est virtuoso, il tanto decantato modello veneto che ha in sé gli anticorpi necessari a combattere e debellare il “cancro mafioso”, anche contro quello Stato che li importa con il “soggiorno obbligato” (e che gli autori mostrano avere avuto poco peso nei processi di diffusione).

24Come osservano Belloni e Vesco, la retorica del Veneto che fa da sé non trova corrispondenza nella realtà. Anzi è proprio questa retorica del far da sé, della svalutazione dello Stato in nome del privato, che ha portato all’arretramento di ogni forma di controllo politico esercitata in rappresentanza della collettività, a beneficio invece dell’interesse particolaristico. È proprio dietro questa falsa retorica che si è rivelato un complesso e ramificato sistema di illegalità contraddistinto da pratiche corruttive e da accordi collusivi.

25In terzo luogo, questo libro mostra come l’incontro tra le mafie e il nuovo contesto non avviene lungo la dimensione del power syndicate ovvero del controllo del territorio. Nei casi considerati, che riguardano in particolare la camorra, questi incontri avvengono tutti nel mercato. Si sviluppano lungo la dimensione dell’enterprise syndicate (Block, 1980), ovvero della logica degli affari che è funzionale all’accumulazione della ricchezza.

26Questo è un altro punto importante. Quando si parla di camorra saltano alla memoria le scene di Gomorra. La narrazione prevalente tende a proporci l’immagine di una criminalità violenta (Massari e Martone, 2019) e “stracciona” – con la sola eccezione del clan dei casalesi. Invece qui c’è una camorra che agisce in maniera strategica e che si serve di soggetti esterni (Catino, 2018; Sciarrone, 2019) muovendosi con disinvoltura anche in Veneto. Una camorra che ha una straordinaria vocazione imprenditoriale e un’attitudine a proiettarsi sui mercati (Gribaudi, 2009; Brancaccio e Castellano, 2015; Brancaccio, 2017). Una camorra che offre al suo interlocutore un tipo di struttura organizzativa che si adatta alle caratteristiche del sistema economico locale.

27E andiamo al quarto punto. Più che la mafia, emerge dalle vicende ricostruite (e dai processi di ibridazione di cui si è detto) l’esistenza di un’area grigia, dai confini mobili ma con una sua consistenza interna, in termini di pratiche, norme, modelli di comportamento e orientamenti, composta da figure diverse: imprenditori, professionisti, politici, mafiosi (Sciarrone e Storti, 2019). Un’area grigia dove l’inserimento di nuovi soggetti avviene non per coercizione ma attraverso i meccanismi della cooptazione e della persuasione, e dove la socializzazione dei nuovi arrivati ricorre a un repertorio variegato di schemi, immagini, simboli condivisi e sedimentati in pratiche illegali ripetute nel tempo.

28Ciò emerge in maniera chiara se guardiamo all’ultima vicenda raccontata nel libro, quella che riguarda lo scandalo del Mose, il sistema di dighe mobili che dovrebbe salvare Venezia dalle alte maree, ma che di fatto al momento è solo uno dei più grandi casi di corruzione della storia italiana. Nella vicenda del Mose la mafia è assente, ma questo non impedisce che si crei un sistema corruttivo. E d’altra parte in questa vicenda la mafia non è presente perché, come dice uno degli intervistati, non c’era più spazio («non c’entrava più nemmeno un’acciuga»).

29L’ultimo aspetto che viene messo in evidenza nel libro è il ruolo dei professionisti. Si tratta di figure chiave che esercitano una funzione cruciale per la realizzazione delle attività illecite, in quanto depositarie di un expertise strategico per la conduzione degli affari illeciti. Come è stato rilevato altrove, tali legami “deboli” assumono un ruolo ancor più rilevante nelle aree non tradizionali in quanto funzionali all’accumulazione di un capitale sociale (Coleman, 1990) fondamentale per il radicamento e la riproduzione dei gruppi mafiosi (Sciarrone, 2009; D’Alfonso, De Chiara e Manfredi, 2018).

30In definitiva, dalla lettura del libro emerge un catalogo di situazioni differenti cui partecipano vari soggetti tra cui anche i mafiosi non sempre in posizione centrale. L’incontro tra i diversi attori avviene attraverso modalità di integrazione differenziate, ovvero configurazioni a geometria variabile, caratterizzate da equilibri mutevoli, ma dove le relazioni di tipo collaborativo danno luogo a giochi a somma positiva, ovvero ad accordi che sono tali da determinare vantaggi per tutti i soggetti sul campo e costi a carico della collettività (Sciarrone, 2017 e 2019).

31Resta ovviamente da capire se questi incontri tra domanda e offerta nel mercato dei servizi illegali siano destinati a rigenerarsi nel tempo anche dopo l’intervento della magistratura. A leggere le cronache più recenti sembrerebbe di sì. Dalla pubblicazione del libro sono state infatti condotte alcune importanti inchieste giudiziarie che pare abbiano scoperchiato il vaso di Pandora. Pensiamo, solo a titolo d’esempio, all’indagine che ha portato allo scioglimento del consiglio comunale di Eraclea (Venezia) nel marzo del 2019. Da questo punto di vista le considerazioni contenute nel volume di Belloni e Vesco sembrano anzi trovare nuove conferme. La crisi economica, il dissolversi dei distretti industriali, la spinta verso la deregolamentazione dei mercati, la competizione a livello globale, la stretta del credito, sono solo alcuni dei motivi che hanno reso questo territorio un crocevia ideale per l’incontro tra le organizzazioni mafiose e alcuni esponenti della classe imprenditoriale e politica locale.

Torna su

Bibliografia

Belloni G., Vesco A. (2018), Come pesci nell’acqua. Mafia, impresa e politica in Veneto, Roma, Donzelli.

Block A. (1980), East Side West Side. Organizing Crime in New York 1930-1950, Cardiff, University College Cardiff Press.

Brancaccio L. (2017), I clan di camorra. Genesi e storia, Donzelli, Roma.

Brancaccio L., Castellano C. (a cura di) (2015), Affari di camorra. Famiglie, imprenditori e gruppi criminali, Roma, Donzelli.

Catino M. (2018), Colletti bianchi e mafie. Le relazioni pericolose nell’economie del nord Italia, «Stato e Mercato», 112, pp. 149-187.

dalla Chiesa N. (2016), Passaggio a Nord: La colonizzazione mafiosa, Torino, EGA-Edizioni Gruppo Abele.

dalla Chiesa N., Panzarasa M. (2012), Buccinasco. La ’ndrangheta al Nord, Torino, Einaudi.

D’Alfonso S., De Chiara A. e Manfredi G. (2018), Mafie e libere professioni. Come riconoscere e contrastare l’area grigia, Roma, Donzelli.

Geertz C. (1998), Interpretazioni di culture, Bologna, il Mulino, 1973.

Gribaudi G. (a cura di) (2009), Traffici criminali. Camorra, mafie e reti internazionali dell’illegalità, Torino, Bollati Boringhieri.

La Spina A. (2016), Il mondo di mezzo. Mafie e antimafie, Bologna, il Mulino.

Martone V. (2017), Le mafie di mezzo. Mercati e reti criminali a Roma e nel Lazio, Roma, Donzelli.

Massari M., Martone V. (2019), Mafia Violence. Political, Symbolic, and Economic Forms of Violence in Camorra Clans, New York NY, Routledge.

Moro F. N., Catino M. (2016), La protezione mafiosa nei mercati legali. Un framework analitico ed evidenze empiriche in Lombardia, «Stato e Mercato», 108, pp. 311-352.

Sciarrone R. (2009), Mafie vecchie, mafie nuove. Radicamento ed espansione, Roma, Donzelli.

Sciarrone R. (2011), Mafie, relazioni e affari nell’area grigia, in R. Sciarrone (a cura di), Alleanze nell’ombra. Mafie ed economie locali in Sicilia e nel Mezzogiorno, Roma, Donzelli.

Sciarrone R. (2017), Una ricerca su corruzione e politica, in R. Sciarrone (a cura di), Politica e corruzione. Partiti e reti di affari da Tangentopoli a oggi, Roma, Donzelli.

Sciarrone R. (a cura di) (2014), Mafie del Nord. Strategie criminali e contesti locali, Roma, Donzelli.

Sciarrone R. (a cura di) (2019), Mafie del Nord. Strategie criminali e contesti locali, nuova edizione, Roma, Donzelli.

Sciarrone R., Storti L. (2019), Le mafie nell’economia legale. Scambi, collusioni, azioni di contrasto, Bologna, il Mulino.

Varese F. (2011), Mafie in movimento. Come il crimine organizzato conquista nuovi territori, Torino, Einaudi.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Attilio Scaglione, « Circuiti criminali e area grigia Una ricerca sulla presenza delle mafie nel Nordest »Quaderni di Sociologia, 79 | 2019, 165-171.

Notizia bibliografica digitale

Attilio Scaglione, « Circuiti criminali e area grigia Una ricerca sulla presenza delle mafie nel Nordest »Quaderni di Sociologia [Online], 79 | 2019, online dal 01 avril 2019, consultato il 30 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/2547; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.2547

Torna su

Autore

Attilio Scaglione

Dipartimento di Scienze Sociali – Università di Napoli “Federico II”

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search