Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri80teoria e ricercaGioventù e adultità nella società...

teoria e ricerca

Gioventù e adultità nella società contemporanea: riflessioni sul dibattito suscitato dai cambiamenti del corso di vita

Youth and adulthood in contemporary society: reflections on the debate aroused by the changes occurred in the life course
Antonella Spanò
p. 69-86

Abstract

The processes of social change that affected society since the 1980s had significant effects on the life course. The economic and social transformations following the exit from the “salary society” – the precariousness of work, the rise in unemployment, the lengthening of educational pathways, the welfare state’s withdrawal – made transition to adulthood a longer and more difficult process than in the past, and have also determined a significant change in the adult condition, which today can no longer be considered synonymous with stability and acquired certainties. The debate generated by the changes occurred in the social structure has highlighted the need to rethink the conceptual tools by which the phases of life are defined and interpreted. In this article the terms of the debate are resumed, with particular reference to the thesis of those who argue that, since the changes are such as to determine a radical transformation in the condition of both youth and adulthood, the transitional perspective – traditionally adopted in analyzing the passage between these two phases of life – has to be replaced with an approach capable of accounting for the processes of change, recognizing the existence of a real generational shift.

Torna su

Testo integrale

1. Premessa

1I grandi cambiamenti che hanno attraversato la società a partire dagli anni Ottanta hanno profondamente alterato il percorso biografico “standard”. L’uscita dalla cosiddetta società salariale non solo ha implicato la fine del modello del lavoro full-time full-life, ma ha anche prodotto processi di portata più generale, come la deistituzionalizzazione dell’istituzione familiare, la progressiva “ritirata” del welfare, il crollo delle appartenenze collettive (Castel, 2015). A seguito di queste profonde trasformazioni dell’assetto sociale, il corso di vita – l’ordine e la durata con cui le fasi della vita si susseguono – è stato interessato da un progressivo processo di “fluidificazione”, che ha reso meno netto il passaggio da una fase all’altra. Come scrive Heinz (2009) «i markers sociali dell’età, che definivano il timing delle transizioni, nel corso delle ultime decadi del ventesimo secolo hanno perso il loro potere normativo» (Heinz, 2009, 3). Il passaggio dalla gioventù all’età adulta, in particolare, ha assunto caratteristiche del tutto nuove. Quelle che erano le tappe tradizionali del percorso che conduce dalla condizione di giovane a quella di adulto (conclusione degli studi, inserimento stabile nel mercato del lavoro, autonomia abitativa, matrimonio e genitorialità), infatti, oggi non solo sono più distanti fra loro, ma seguono un ordine cronologico irregolare e sono spesso caratterizzate da un’alternanza di passi in avanti e passi indietro. Esito di quella che Biggart e Walther (2006) definiscono yo-yoisation delle transizioni è il prolungamento della fase giovanile, che vede i giovani d’oggi restare in una condizione di dipendenza materiale ed economica dai loro genitori più a lungo di quanto non avvenisse in passato.

2Anche se sono i giovani quelli che più degli altri risentono dei cambiamenti che hanno investito la società negli ultimi decenni, i processi di mutamento hanno coinvolto l’intera popolazione. Viviamo infatti in un tempo in cui i bambini hanno modelli di consumo che un tempo erano tipici dell’adolescenza, in cui gli adolescenti godono di livelli di libertà che un tempo erano appannaggio dei giovani, in cui i giovani prolungano la loro condizione di dipendenza sempre più a lungo, in cui gli anziani da un lato, grazie all’allungamento della durata media della vita, hanno stili di vita che fino ad ora erano riservati ai giovani, dall’altro, a causa dei cambiamenti in atto, non godono più delle sicurezze del passato. Come scrive Van de Velde (2015) «la strutturazione del corso di vita comunemente accettata è oggi profondamente messa in discussione. Da una parte le nostre vite si allungano e l’insieme delle nostre prospettive di vita vengono rimodellate: l’orizzonte della vecchiaia estrema si allontana, la parte relativa alla “vita attiva” tende – almeno apparentemente – a ridursi, e l’ingresso nell’età adulta si allunga. Dall’altra, nel momento in cui la speranza di vita si allunga, gli episodi della vita si moltiplicano e nuove età, e persino nuove “vite”, emergono all’interno dei percorsi di vita stessi» (ivi, 5).

3È in questo scenario che si profila l’emergere non solo di una new youth (Leccardi e Ruspini, 2006) ma anche di una new adulthood (Wyn, 2004; Wyn e Woodman, 2006), ed è in questo scenario che si fa strada l’idea che nello studio dei giovani occorra adottare una nuova prospettiva che, piuttosto che considerarli come soggetti in transizione tra due fasi della vita (gioventù ed età adulta) assunte come date, tenga conto della specificità delle mutate condizioni entro le quali i giovani si trovano a vivere. Qui di seguito vengono ripresi i termini del dibattito sviluppatosi attorno al tema dei cambiamenti del corso di vita, con particolare riferimento alla tesi di quanti sostengono che, essendo tali cambiamenti di portata tale da determinare un vero e proprio passaggio generazionale, la prospettiva delle transizioni, ormai obsoleta, vada abbandonata.

2. Una New Youth

4La transizione all’età adulta, che da sempre costituisce una delle fasi evolutive più complesse dello sviluppo biografico, appare oggi ben più tortuosa che in passato. Lo “scandalo” del lavoro precario (Gallino, 2014) ha implicato costi elevatissimi, soprattutto per i giovani. La fine del lavoro full time-full life, che ha condannato un’intera generazione alla precarietà e a una crescente incertezza (Castel, 2015) pregiudicando la prevedibilità del futuro (Leccardi, 2005), ha reso molto più difficile delineare un progetto biografico coerente. Inoltre, i processi di individualizzazione (Beck, 1992) e la frammentazione dell’assetto societario che caratterizzava la società fordista hanno assegnato ai giovani, che non sempre hanno risorse adeguate a “navigare” nell’incertezza, la responsabilità del proprio destino.

  • 1 Il welfare regime italiano rientra in quello che Walther definisce modello sub-protective, un regi (...)

5Esito delle accresciute difficoltà che i giovani incontrano nel diventare adulti è il progressivo prolungamento della gioventù. L’allungamento dei percorsi formativi, seguìto alla richiesta di maggiori livelli di qualificazione che ha accompagnato lo sviluppo industriale, e più di recente il processo di precarizzazione del lavoro che, com’è noto, ha reso ben più lunga e accidentata la strada che conduce all’acquisizione di un lavoro stabile, l’elevata disoccupazione giovanile, il taglio dei sostegni alla disoccupazione, che ha interessato la quasi totalità dei paesi europei (Furlong e Cartmel, 2007), hanno sensibilmente ritardato il raggiungimento della condizione di indipendenza dei giovani, soprattutto nei contesti nazionali i cui transition regimes (non solo le strutture istituzionali come la formazione, il mercato del lavoro, le politiche di sostegno per i giovani e la famiglia, ma anche le ideologie ed i valori dominanti) non supportano adeguatamente il processo di autonomizzazione dei giovani (Walther, 2006)1.

6È questo il caso dell’Italia. Qui, infatti, il prolungamento della gioventù è particolarmente accentuato. Il carattere selettivo della disoccupazione, che come è noto penalizza i giovani e le donne, l’orientamento teorico del sistema educativo, poco attento a favorire la connessione scuola-lavoro e del tutto inadeguato a sostenere la formazione dell’identità lavorativa, il carattere familista del modello di welfare sud-europeo (Ferrera, 1996), che offre un ben scarso supporto ai giovani e ai disoccupati, sono tutti elementi che, uniti alla presenza di una cultura familiare che valorizza l’appartenenza e le solidarietà intergenerazionali, si rinforzano reciprocamente, contribuendo a rallentare il processo di autonomizzazione dei giovani più che altrove. Basti pensare che nel nostro paese la percentuale di giovani dai 18 ai 34 che vivono con i genitori è passata dal 61,2% del 2007 al 66,4% del 2017 contro una media EU del 50%; che nel 2016 l’età media dell’uscita dalla casa genitoriale è 30,1 anni, contro la media europea di 26,1; che l’età media al matrimonio tra il 2006 e il 2017 è passata da 32,5 anni a 35,2 anni per i maschi e da 29,3 a 32,2 anni per le femmine, e quella della donna alla nascita del primo figlio, dai 28,1 anni nel 1995 a1 31,1 anni nel 2017, contro una media europea del 29,1 (Eurostat, 2017). E che un analogo andamento si rileva per gli indicatori relativi alla transizione scuola-lavoro: come si legge nel rapporto Being young in Europe today (Eurostat, 2015) in Italia nel 2014 il tasso di attività dei giovani dai 25 ai 29 anni è del 67,6% contro una media EU dell’82,5% e quello per la classe 20-24 anni, che in Europa è del 61,1% è inferiore al 45%.

7Sebbene si manifesti con diversa intensità, la postponed entrance to adulthood (Hayford e Furstenberg, 2008) è un fenomeno di scala globale e di portata tale da influenzare non poco la letteratura sociologica sui giovani. Non solo sono comparsi nuovi termini (come kidult, adultescent o young adult) e nuove figure, come quella del giovane adulto (Scabini e Donati, 1988) e dell’early adult (Furstenberg et al., 2003), ma si è anche profilata la possibilità che nel corso della vita vada identificata una nuova fase, collocata tra l’adolescenza e la gioventù: young adulthood (Egris, 2001), post-adolescence, youthood (Côte, 2000), emerging adulthood (Arnett, 1998, 2000), sono alcuni dei nuovi concetti entrati nel dibattito. Concetti che, pur presentando notevoli differenze nel modo in cui questa nuova fase della vita viene descritta, condividono alcuni assunti. Innanzitutto l’idea che il concetto di gioventù finisca con l’includere persone le cui caratteristiche e le cui condizioni di vita appaiono affatto diverse: dai diciottenni, che vivono una condizione di totale dipendenza, ai ventenni, che sono ancora economicamente dipendenti, ma godono di ampi spazi di autonomia, fino ai trentenni. In secondo luogo, la convinzione che nel periodo che va dall’adolescenza alla adultità, ossia nella gioventù, vada distinta una fase specifica che ha come caratteristica oggettiva una condizione ambigua, in cui la dipendenza materiale si accompagna ad ampi margini di autonomia, e come caratteristica soggettiva la generalizzata sensazione di sentirsi in between, per certi versi adulti (perché si gode di autonomia decisionale e di ampi margini di libertà) e per altri no (perché non si è economicamente indipendenti e perché non si sa ancora chiaramente quale sarà il proprio destino lavorativo).

8C’è dunque un accordo unanime sul fatto che la fase della vita che chiamiamo gioventù ha cambiato volto, e che i cambiamenti intervenuti nella condizione giovanile necessitino di una revisione del concetto stesso di gioventù che sia in grado di catturare le caratteristiche di questa che viene definita una new youth.

3. Una New Adulthood

9I cambiamenti sociali, economici e culturali non solo hanno messo in discussione il concetto di gioventù, ma anche quello di adultità. Numerosi studiosi, infatti, hanno messo in luce come non siano mutate solo le condizioni di vita dei giovani e la loro transizione all’adultità, ma anche il modo in cui l’età adulta viene vissuta (dagli adulti) e concepita (dai giovani), nonché i rapporti fra le generazioni. Turkle (1995), ad esempio, sottolinea come l’avvento delle nuove tecnologie dia luogo a processi di socializzazione alla rovescia, in cui i figli stanno alla guida e gli adulti al traino. Mentre Bennet (2006) mostra come le pratiche estetiche e stilistiche definite tipiche della cultura giovanile, stiano diventando sempre più multi-generazionali. Sulla stessa linea Mørch e Andersen (2006) evidenziano come la valorizzazione della gioventù che caratterizza il nostro tempo abbia portato in un certo senso alla scomparsa tanto dell’infanzia (i bambini vengono spesso trattati come adulti in miniatura) che della adultità: il restare giovani, o l’apparire tali, è divenuta infatti, secondo gli autori, una meta tanto pervasiva da far sì che la gioventù non sia più vista come una fase da attraversare, ma come “la vita desiderata” (Mørch e Andersen, 2006). In sintesi, anche la condizione adulta è profondamente mutata sia dal punto di vista quantitativo, perché la soglia della vecchiaia è stata spostata notevolmente in avanti, sia dal punto di vista qualitativo, poiché gli adulti – per quanto incongruente possa apparire questa affermazione – sono sempre più giovani: basta pensare al crescente numero di persone che, perdendo il lavoro, si ritrovano a vivere in condizioni simili a quella dei loro figli, o al progressivo aumento delle coppie che si separano in tarda età, per comprendere come – vuoi per ragioni strutturali vuoi per ragioni culturali – l’età adulta non si identifichi più, come in passato, col raggiungimento di un assetto di vita definitivo.

10Alla luce dei cambiamenti intervenuti nella condizione adulta, si è fatta strada l’idea – come accaduto per la gioventù – che la definizione della adultità richieda un ripensamento. Come si vedrà, se in alcuni casi vengono messi in luce i costi sociali e personali della nuova condizione adulta che viene a profilarsi, in altri viene enfatizzata la capacità di adattamento dei giovani d’oggi, che di fronte alla impossibilità di diventare adulti nel modo tradizionale, sembrano far propria una nuova visione della condizione adulta, profilando così l’emergere di una new adulthood.

11Tra i contributi più pessimistici vanno senza dubbio menzionati quelli di Cotè (2000) e di Blatterer (2007a e 2007b). Cotè (2000) nel suo Arrested Adulthood, riconoscendo che «la transizione all’adultità è divenuta più rischiosa e la destinazione più difficile da raggiungere» (Côté, 2000, 5), e che oggi si è in presenza di una nuova fase della vita (la youthood), intravede un pericolo nella assenza di riferimenti condivisi con cui i giovani devono compiere le loro scelte. Il processo di destrutturazione delle forme culturali tradizionali, da un lato, e le spinte alla individualizzazione dall’altro, fanno sì, afferma l’autore, che i giovani meno attrezzati di risorse personali e sociali, che a suo avviso sono la maggioranza, si rivelino incapaci di attivare processi di maturazione auto-diretti. In questo scenario, afferma Côté, c’è il rischio che i giovani cadano vittime della cultura veicolata dalle «strutture di massa profit-based che sono sorte in luogo delle istituzioni culturali tradizionali» (ibidem), aderendo acriticamente al principio del piacere e ad una idea di realizzazione personale come realizzazione esclusivamente esteriore. Il rischio, in altre parole, sostiene Côté, è che i giovani restino arenati in una condizione di immaturità perenne, che si affermi una visione egoistica e narcisistica dello sviluppo individuale, priva di legami e di obblighi nei confronti della comunità, e che quella che lui definisce “adultità psicologica”, e cioè un modo di essere adulti basato sulla responsabilità e sulla mediazione tra l’individuale e il collettivo, divenga un obiettivo difficilmente raggiungibile, con gravi conseguenze per la coesione sociale. Mentre Blatterer (2007a), che diversamente da Côté rifiuta drasticamente la delayed adulthood thesis, afferma che a pagare i costi del mutato assetto sociale sono proprio i giovani che, lungi dal tendere a posporre il passaggio alla condizione adulta, sono invece impegnati in una vera e propria lotta per il riconoscimento di un nuovo modo di essere adulti. Ci troviamo infatti, secondo Blatterer, in una fase di transizione nella quale la nozione standard dell’età adulta basata sull’idea di responsabilità, impegno, produttività (che si è consolidata nel periodo tra la seconda guerra mondiale e la crisi degli anni ’70, e cioè in un momento in cui le condizioni storico-sociali hanno portato ad una standardizzazione del corso di vita nel quale la condizione adulta viene associata all’acquisizione di sicurezza e di stabilità) si scontra con una nozione “emergente” – rispondente alle nuove condizioni economico-sociali – nella quale gli aspetti valorizzati (che preludono ad un nuovo “riconoscimento”) sono del tutto opposti ai precedenti: «più l’imperativo sociale della flessibilità viene normalizzato e dato per scontato, più è probabile che i criteri per il riconoscimento dello stato di adulto siano conformi a questo imperativo. E ciò significa che gli individui che sono aperti al cambiamento, e capaci di tollerare l’instabilità e le fluidità sia esterne che interne, hanno più probabilità di essere apprezzati per la loro capacità di fornire prestazioni on-demand (ad esempio nel mercato del lavoro)» (Blatterer, 2007b, 10). In altre parole, i criteri di riconoscimento dello status adulto stanno passando «dalla validazione sociale di condotte di vita orientate alla certezza, alla prevedibilità e alla pianificazione a lungo termine, alla validazione dell’incertezza, dell’assunzione di rischi e dei progetti a breve termine» (Blatterer, 2007a, 785-786). In sintesi, è in corso «uno spostamento dal riconoscimento sociale della stabilità del passato al riconoscimento sociale della flessibilità del presente» (ivi, 787). In questa situazione, nella quale la base normativa per la definizione del significato di adultità non è ancora chiara, i giovani vengono a trovarsi in una situazione contraddittoria poiché, sostiene Blatterer, proprio mentre cercano di rispondere ai nuovi imperativi dell’adultità, vengono tacciati di voler “ritardare” il loro ingresso nell’età adulta e di voler posporre l’assunzione delle loro responsabilità. Siamo dunque in presenza – afferma Blatterer – di un deficit di riconoscimento che testimonia il cambiamento dei criteri normativi sottesi alla ridefinizione dell’adultità contemporanea, che deriva dalla tensione tra nuove pratiche e vecchie norme, e che segnala l’emergere di nuove forme di adultità (ibidem). I giovani d’oggi, conclude l’autore, sembrano vivere due adultità: «una reale in here, l’altra irreale out there. Essi stanno definendo per se stessi modi di essere adulti al contempo contro e dentro i vincoli normativi della visione standard che hanno ereditato. In altre parole affermano le loro adultità contro [la visione standard], in quanto le loro pratiche e i loro orientamenti sono in conflitto con quella ideale; e forgiano le loro adultità dentro [la visione standard], nella misura in cui quest’ultima costituisce ancora una parte del mondo in cui devono vivere – sebbene sia un mondo nella ridefinizione del quale sono i più attivamente impegnati» (2007a, 11).

12Tra i critici della cosiddetta “teoria del ritardo”, quella che comprende i numerosi contributi di quanti hanno posto al centro dell’analisi il prolungamento della fase giovanile della vita, troviamo, come si è anticipato, anche visioni più ottimistiche, quelle che vedono nell’emergere di una new adulthood una risposta adattiva dei giovani d’oggi, che di fronte alla impossibilità di diventare adulti nel modo tradizionale, farebbero propria una nuova visione della condizione adulta (Wyn e Dwyer, 1999; Dwyer e Wyn, 2001; Wyn e Woodman, 2006).

13In opposizione a quanti sostengono la necessità di inserire una nuova tappa nel corso di vita, si sostiene in questo caso la necessità di riformulare il concetto stesso di adultità, rendendolo più adatto a descrivere quella che sarà la condizione adulta per i giovani di oggi. Alla base di questa visione vi è l’idea che nella società contemporanea, a causa delle spinte alla individualizzazione che la caratterizzano, ai giovani venga richiesto molto precocemente di diventare stage managers delle loro biografie per far fronte alle incertezze che caratterizzano il mondo attuale. In assenza di riferimenti stabili, infatti, ai giovani è richiesto molto presto di prendere delle decisioni in ogni ambito della loro vita, di riflettere sul proprio corso di vita, di essere autonomi e di assumersi responsabilità (Wyn, 2004). Quello che caratterizza la società contemporanea non è dunque un prolungamento della fase giovanile, né tantomeno un ritardo nel raggiungimento della condizione adulta, ma piuttosto l’ingresso anticipato in una “new adulthood”. Le nuove condizioni strutturali – la flessibilizzazione e la precarizzazione del lavoro, l’aumento del lavoro a tempo parziale, la diversificazione delle forme di famiglia, la diminuzione dei matrimoni e il decremento della fertilità – producono necessariamente un cambiamento non solo della condizione dei giovani, ma anche della loro futura condizione di adulti, un cambiamento che – si sostiene – la tesi del ritardo non riesce a cogliere. Questa tesi infatti, misconoscendo la portata dei processi di mutamento, presuppone che la transizione che conduce dalla giovinezza all’età adulta abbia come punto di arrivo la stessa adultità che hanno conosciuto le generazioni precedenti. Ciò che non viene riconosciuto, in altre parole, secondo i sostenitori di una new adulthood, è che nel nuovo assetto storico sociale prende forma non solo un nuovo modo di diventare adulti, ma anche un nuovo modo di essere adulti. Oggigiorno, infatti, i giovani si trovano ad affrontare condizioni di vita che richiedono un impegno attivo nell’inventare l’adultità (Henderson et al., 2007): insomma, piuttosto che di fronte ad una estensione della giovinezza, siamo di fronte all’emergere di una nuova condizione adulta (Wyn e Dwyer, 1999; Dwyer e Wyn, 2001; Wyn e Woodman, 2006). L’adultità come si è abituati a pensarla è, come tutte le fasi della vita, un artefatto storico, il prodotto di una particolare combinazione delle condizioni economiche, politiche e sociali, nonché degli assetti produttivi che hanno caratterizzato la generazione dei Baby Boomers (Wyn e Woodman, 2006). Nella società individualizzata, dove questa combinazione semplicemente non esiste più, non solo i confini tra gioventù ed adultità divengono progressivamente più sfumati, ma i significati di entrambe le fasi vengono ad essere ridefiniti. In un contesto caratterizzato da precarietà e incertezza, in cui la “transience” è divenuta ormai una caratteristica stabile ed in cui la condizione adulta “tradizionale” diviene un obiettivo strutturalmente irrealizzabile per larga parte dei giovani (Silva, 2012), la visione che vedeva la condizione adulta come sinonimo di stabilità e di sicurezza – sostengono gli autori – si rivela obsoleta. Gli eventi biografici che un tempo seguivano una sequenza ordinata (completamento degli studi, ingresso nel mercato del lavoro, autonomia abitativa, creazione della famiglia d’elezione), sebbene anche oggi prima o poi si verifichino, lo fanno senza un ordine preciso, e spesso non determinano passaggi irreversibili. Allo stesso tempo, in un contesto caratterizzato da precarietà economica e lavorativa e da un sistema pensionistico sempre meno generoso, anche gli adulti possono facilmente perdere le sicurezze acquisite. Ne consegue che anche dal punto di vista soggettivo la definizione di adultità tende ad essere molto diversa da quella del passato. Wyn e Woodman (2006) evidenziano infatti l’emergere di nuove soggettività, ancorate alle nuove condizioni economiche e politiche, mettendo in luce come gli aspetti salienti dell’esperienza soggettiva della new adulthood non siano legati al raggiungimento concreto dei marcatori tradizionali della condizione adulta, ma ad aspetti che segnalano un netto cambiamento del sistema di priorità dei giovani d’oggi. Gli autori individuano tre elementi che a loro avviso caratterizzano il nuovo modo di concepire l’età adulta: l’enfasi sulla responsabilità e la scelta, ossia l’idea di doversi “costruire” la propria biografia e di dover prendere decisioni in ogni aspetto della vita, che i giovani – impossibilitati a fare affidamento sui percorsi tradizionali – hanno fatta propria; l’esigenza di un bilanciamento tra le diverse sfere della vita, e cioè una minore centralità assunta dal lavoro, che deriva dalla consapevolezza che in un contesto segnato da precarietà e disoccupazione investire le proprie energie esclusivamente sul lavoro potrebbe essere rischioso; l’importanza della qualità delle relazioni interpersonali, che trova origine nei processi di deistituzionalizzazione della famiglia e nella conseguente consapevolezza che – data la scarsa stabilità delle relazioni di partnership – è necessario creare relazioni significative e a lungo termine che travalichino lo spazio della struttura familiare (White e Wyn, 2004).

4. Una nuova generazione?

14Sulla base delle diverse condizioni strutturali in cui i giovani d’oggi si trovano a vivere, e del diverso significato che essi attribuiscono all’essere adulti, i sostenitori della new adulthood propongono un radicale cambio di prospettiva nello studio del percorso che conduce i giovani alla adultità. La prospettiva delle transizioni, una prospettiva che vede i giovani impegnati nel raggiungimento di un punto di arrivo prefissato (lo status di adulto, un obiettivo standard che è e deve essere raggiunto), non è in grado di cogliere la realtà del nostro tempo. Inoltre, per il suo carattere normativo, finisce col colpevolizzare i giovani del “ritardo” con cui arrivano alla meta, mentre le ragioni dei cambiamenti intervenuti nel corso biografico sono di natura squisitamente strutturale. Occorre perciò adottare una nuova prospettiva che, piuttosto che blaming the victims, sia in grado di rendere conto dei processi di mutamento, riconoscendo l’esistenza di un vero e proprio passaggio generazionale (Wyn e Woodman, 2006).

15Dwyer e Wyn (2001), i primi a sostenere la necessità di adottare una prospettiva di ricerca e di analisi in grado di cogliere le differenze tra le esperienze dei giovani d’oggi rispetto a quelle delle generazioni passate, propongono di adottare il concetto di generazione sociale come quello maggiormente in grado di cogliere il nesso tra i cambiamenti sociali e le nuove soggettività che a seguito di questi cambiamenti prendono forma. La loro idea è che, spinta dalla necessità di adeguarsi al mondo nuovo in cui si trova a crescere, la nuova generazione stia sviluppando nuovi modelli e nuovi sistemi di priorità (Wyn, 2004). Questi nuovi modelli di vita, così come i nuovi significati che i giovani attribuiscono alle loro esperienze, non sono semplicemente transizionali (age-effects), ma sono destinati a durare ben oltre quella fase di transizione normalmente identificata come “gioventù”, il che implica che siamo di fronte alla nascita di una nuova generazione (Wyn e Woodman, 2006).

16Gli autori fanno riferimento al concetto di generazione sociale di Mannheim, per il quale, com’è noto, «non il fatto di essere nati nello stesso momento cronologico, di essere divenuti giovani, adulti, vecchi, contemporaneamente costituisce la collocazione nello spazio sociale, ma solo la possibilità che ne deriva di partecipare agli stessi avvenimenti, contenuti di vita ecc., e ancora di più di fare ciò partendo dalla medesima forma di ‘coscienza stratificata’» (Mannheim, 1928, trad. it. 1974, 346-347). Come evidenziato da Woodmann (2016), questo concetto include due elementi essenziali. Il primo è che, dal momento che una generazione non è semplicemente un insieme di persone nate più o meno nello stesso periodo ma che hanno condiviso esperienze significative, alla base di una generazione vi è una precisa “collocazione”, e cioè delle condizioni storico-sociali specifiche nelle quali essa ha potuto emergere. Il secondo è che questa “collocazione” darà forma a nuovi modi di agire e di sentire di coloro che in questa collocazione sono cresciuti. In altre parole, la generazione produce, sebbene in modo non deterministico, nuove soggettività, poiché le nuove strutture sociali richiedono nuovi modelli di azione e di espressione. Tali modelli possono dar vita a nuovi movimenti sociali i cui partecipanti sono consapevoli di essere i protagonisti di un cambiamento generazionale. Entrambi questi elementi – sottolineano i sostenitori dell’approccio generazionale – caratterizzano la situazione attuale, nella quale i processi di cambiamento sono di portata tale da determinare una discontinuità storica e, come si è visto, la nascita di nuove soggettività (cfr. par. 2).

17L’idea che ci si trovi in presenza di una nuova generazione in effetti oggi è molto diffusa: Generation X e Generation Y, Digital Generation, Green Generation, Millennials sono espressioni molto utilizzate tanto nel discorso accademico quanto nel linguaggio giornalistico per indicare le differenze che all’interno della società separano gruppi di persone di diversa età. Non mancano tuttavia numerosi rilievi critici al concetto di generazione, e all’approccio generazionale.

18È stato ad esempio sottolineato che, sebbene sia indubbio che gli effetti dei cambiamenti sociali sulla costruzione di una identità generazionale sono maggiori per le personalità in formazione (i giovani), i macro-cambiamenti sociali sono in realtà per loro natura multigenerazionali, poiché il loro impatto si estende a tutti i membri della società (Elder, 1975) producendo legami generazionali anche tra persone non più giovani (Burnett, 2010), il che solleva dei dubbi riguardo alla possibilità di utilizzare il concetto di (nuova) generazione per riferirsi ai soli giovani. Altri hanno messo in luce come le generazioni evolvano nel tempo, come gli orientamenti di valore e i comportamenti delle persone che appartengono ad una particolare generazione cambino nel corso dell’intera vita (Becker, 2000), come la coscienza generazionale possa apparire, cambiare o trasformarsi dopo la fase della gioventù (France e Roberts, 2015) e come ciò possa finire col rendere molto sfumato il confine tra effetto coorte ed effetto età: quelli che sembrano essere tratti specifici di una nuova identità generazionale potrebbero di fatto nel corso del tempo affievolirsi, rivelandosi così caratteristiche transitorie legate all’età (Kohli, 1996). Altri ancora hanno evidenziato che il concetto di generazione è ancora in uno stadio “infantile”, presentando una serie di punti irrisolti: non è chiaro ad esempio come i cambiamenti si leghino all’emergere di una nuova generazione, né quando “cominci” una nuova generazione, né quali siano i fattori (innovazioni tecnologiche, fattori culturali, economici, sociali, eventi traumatici o un mix di essi) in grado di generare una nuova identità generazionale né tanto meno quando una generazione può dirsi conclusa (France e Roberts, 2015). Ancora, in riferimento al contesto attuale, è stato rimarcato come l’evidente contraddizione tra la nascita di una nuova identità collettiva generazionale ed i processi di individualizzazione oggi in atto non sia stata adeguatamente tematizzata (France e Roberts, 2015), mentre occorrerebbe chiedersi se una generazione che, come quella post-1970, è fortemente caratterizzata in senso individualistico, essendo di fatto crollate le forme di appartenenza collettiva, rappresenti davvero una generazione nel senso di Mannheim, e cioè un insieme di persone accomunate da una coscienza collettiva (Raffini, 2013); in altre parole, occorrerebbe domandarsi se il concetto di generazione “regga” di fronte alle generazioni silenziose, quelle che non si mobilitano o, nella terminologia di Mannheim, non si attualizzano, restando così invisibili (Burnett, 2010).

19Ulteriori critiche all’approccio generazionale hanno poi teso ad evidenziare la “pericolosità” di questa prospettiva che – si sostiene – finisce col sottovalutare il peso delle diseguaglianze intra-generazionali. Da più parti è stato messo in luce come il concetto di generazione rischi di sopravvalutare gli elementi di omogeneità che accomunano la generazione post-1970, a scapito dei perduranti meccanismi di riproduzione della diseguaglianza, che continuano a funzionare secondo i criteri classici dell’appartenenza di class, race e gender (Furlong e Cartmel, 2007; Furlong, 2009a e 2009b; Roberts, 2009). Alle diseguaglianze intra-generazionali andrebbe invece prestata un’attenzione decisamente maggiore di quanto non faccia la prospettiva generazionale che, interessata a mostrare come i giovani d’oggi non possano godere delle stesse risorse delle generazioni precedenti, tende a mettere in primo piano il conflitto tra le generazioni, lasciando largamente inesplorata la diversa distribuzione intra-generazionale del potere e delle risorse (France e Roberts, 2015).

20Il dibattito suscitato dalla proposta di adozione della prospettiva generazionale non ha di fatto prodotto una sintesi, poiché le critiche all’approccio generazionale non sono state accolte dai suoi sostenitori. Rispetto alla questione della indeterminatezza del concetto di generazione Woodman (2016) si dichiara d’accordo sulla perdurante imprecisione relativa all’identificazione dei limiti temporali delle generazioni e dei criteri (economici, politici, culturali o molteplici) utilizzati per rilevare il cambiamento generazionale, ma afferma che ciò non impedisce l’esistenza di un sostanziale accordo sulle caratteristiche della gioventù contemporanea (lavoro precario, elevata formazione, comunicazione digitale, nuovi atteggiamenti verso le relazioni e la carriera). Per quel che riguarda poi la critica relativa alla sottovalutazione della diseguaglianza, i sostenitori dell’approccio generazionale evidenziano una opposizione radicale. Rifacendosi a Mannheim, Wyn e Woodman (2007 e 2013) sostengono che la sua nozione di generational unit (con la quale Mannheim suggerisce di vedere la generazione come un insieme di diverse unità, ossia gruppi di persone che, pur condividendo la stessa coscienza generazionale, reagiscono in modo differente a seconda della diversa posizione sociale) sia di per sé una testimonianza del fatto che il concetto di generazione non esclude affatto la possibilità di leggere le differenze intra-generazionali. Sebbene venga riconosciuto il fatto che col concetto di unità generazionale Mannheim intendesse riferirsi alla dimensione politica, e cioè alla possibilità che una generazione possa agire come attore politico, come generazione in sé (Woodman, 2013), i sostenitori dell’approccio generazionale affermano che il concetto di unità generazionale apre la strada per includere altri tipi di differenze interne alle generazioni (Wyn e Woodman, 2007), consentendo ad esempio di distinguere tra chi è in grado di utilizzare le nuove opportunità offerte dai cambiamenti in atto (in particolare l’ampliarsi delle possibilità di scelta), e chi invece ne trae solo svantaggi (Woodman e Wyn, 2013). Pur riconoscendo che l’uso delle etichette generazionali possa mascherare le diversità interne alle generazioni, producendo un’immagine falsamente omogenea, i sostenitori del paradigma generazionale affermano dunque che, lungi dal sottovalutare l’influenza del genere e della classe, questo approccio consente di comprendere il modo nuovo in cui questi fattori agiscono, e che l’utilità dell’adozione del concetto di generazione sta proprio nella possibilità di mostrare le modalità con cui le diseguaglianze di classe, di genere e di altra forma agiscono nella società contemporanea e quindi di riconoscere che «quando il mondo cambia, cambiano anche i processi che producono le disuguaglianze» (Woodman e Wyn, 2015, 171).

5. I cambiamenti del corso di vita: qualche riflessione (semi)conclusiva

21La modificazione del corso della vita, come si è visto, ha suscitato un grande dibattito fra gli studiosi che, pur riconoscendo tutti la portata del cambiamento, ne traggono conseguenze diverse riguardo alle implicazioni che esso comporta sul piano dell’armamentario concettuale con cui le fasi della vita vanno definite e analizzate. Di fronte alla complessificazione del corso di vita, e del dibattito che ne è derivato, l’incertezza che caratterizza la definizione della gioventù (in particolare riguardo all’esistenza di una nuova fase della vita) e della condizione adulta (riguardo all’emergere di una nuova adultità) non desta alcuna sorpresa. Evidentemente, i processi di mutamento sono ancora in corso, e non è ancora il tempo di trarne conclusioni definitive. L’unica conclusione che ci pare lecito trarre è che allo stato attuale, in un contesto tuttora in trasformazione, non si può che adottare definizioni anch’esse in divenire.

22Per quel che riguarda in particolare i giovani, ci pare non si possa far altro che vederli come persone “sulla strada” della maturità, che si trovano a dover fronteggiare situazioni spesso contraddittorie, essendo simultaneamente dipendenti e indipendenti. Se infatti in passato era facile associare la gioventù ad una condizione di dipendenza e l’adultità ad una condizione di autonomia, oggi la dicotomia dipendenza vs autonomia non è più idonea a distinguere con nettezza giovani e adulti. Il disordine con cui si presentano eventi un tempo cronologicamente successivi (fine degli studi, lavoro, autonomia abitativa, matrimonio, genitorialità) fa sì che la maggior parte dei giovani si trovi ad occupare posizioni diverse nelle diverse sfere di vita (ad esempio si può essere genitori ma abitare nella casa di famiglia, si può essere occupati ma senza raggiungere la completa autonomia economica). Inoltre, le non rare inversioni di marcia che i giovani si trovano a vivere (si può ritornare studenti dopo la perdita del lavoro, o tornare nella casa familiare dopo una separazione, ad esempio) rendono difficile, se non impossibile, individuare un turning point tra dipendenza e indipendenza. La situazione odierna si presenta piuttosto come un insieme di situazioni di semi-autonomia (Egris, 2002), nelle quali i giovani possono essere legalmente e culturalmente autonomi ma essere al contempo economicamente dipendenti dalla famiglia, o meglio come una costellazione di condizioni di semi-dipendenza, che variano non solo da paese a paese (in base al diverso ruolo giocato dallo Stato e dalla famiglia nel sostegno dei giovani), ma anche all’interno di ciascuna nazione in relazione all’appartenenza di classe, di genere ed etnica (Biggart e Walther, 2006). In questo contesto, dal punto di vista delle condizioni oggettive, la prospettiva più rispondente alla realtà è quella di quanti descrivono la gioventù come una condizione di “parziale dipendenza” (Côté e Bynner, 2008), o, come suggerito da Furlong e Cartmel (2007), come un lungo periodo di semi-dipendenza. La conseguenza di questa condizione, è che i giovani d’oggi si sentono allo stesso tempo giovani e adulti (du Bois-Reymond, 2009). Dal punto di vista soggettivo, dunque, ciò che li caratterizza è il loro sentirsi in between, a momenti, o per meglio dire, per certi aspetti giovani e per altri adulti.

23La condizione ora descritta non è certo inedita, dal momento che la gioventù ha costituito da sempre una fase di passaggio tra adolescenza e adultità, tra dipendenza e autonomia, tuttavia c’è qualcosa che distingue i giovani di ieri da quelli di oggi. Dal punto di vista oggettivo il dato nuovo è rappresentato dal fatto che queste condizioni non si susseguono, ma coesistono per un periodo di tempo prolungato. Dal punto di vista soggettivo la novità è data dal fatto che i giovani d’oggi, diversamente dal passato, non si sentono in between tra due poli certi, giovinezza e adultità, ma piuttosto tra un polo certo, quello che stanno vivendo, ed un polo indefinito, poiché la adultità è per loro una condizione dai confini e dai contenuti tuttora incerti.

24Venendo appunto alla età adulta, ci sembra che, come per la gioventù, sia necessario un ripensamento di questa fase della vita. Si tratta infatti di una fase che oggi non solo è più lunga, poiché la soglia della vecchiaia si è spostata notevolmente più avanti, ma anche più complessa, perché incertezza e precarietà non risparmiano i non più giovani che, oggi più che in passato, possono anch’essi ritrovarsi in condizioni di semi-autonomia (è ciò che accade quando ad esempio si perde il lavoro o quando, dopo la separazione o il divorzio, si torna a vivere nella famiglia d’origine) o addirittura di dipendenza dal supporto – economico e non solo – dei giovani (Roberts, 2006). Alla luce di ciò l’idea che l’età adulta coincida con una situazione di vita definita e stabile se per gli adulti di oggi sembra essere in crisi, per gli adulti di domani sembra destinata a tramontare. Tuttavia, come saranno gli adulti di domani è presto per dirlo. Se è vero che le fasi della vita sono costrutti sociali, la forma che lo status adulto assumerà dipenderà anche da ciò che si sarà in grado di fare per contrastare la precarietà e l’incertezza del nostro tempo. Pertanto, l’unica conclusione che oggi è lecito trarre è che i confini tra gioventù e adultità sono divenuti meno netti e più confusi, e che anche guardato dal punto di vista degli anziani, l’asse dipendenza vs autonomia come elemento di discrimine tra gioventù ed età adulta si rivela inadeguato a descrivere la realtà odierna.

25Anche per quel che riguarda la necessità di un radicale cambiamento di prospettiva nello studio del corso di vita – di abbandonare la prospettiva delle transizioni per adottare quella delle generazioni – ci pare che non si possa far altro che accettare l’idea che non è ancora tempo di risposte definitive. Certamente, alcune delle motivazioni a sostegno della necessità di superare l’approccio classico delle transizioni appaiono per certi versi convincenti, in particolare per quel che riguarda il suo carattere normativo, che porta a considerare ingiustamente i giovani colpevoli di essere in ritardo rispetto al raggiungimento di una condizione adulta che invece nella realtà semplicemente non esiste più. Ciononostante, affermare l’esistenza di un vero e proprio passaggio generazionale appare prematuro. L’idea che i cambiamenti implichino l’emergenza di una nuova generazione, e che questa generazione abbia i caratteri “classici” della generazione definiti da Mannheim (la capacità di agire come soggetto politico intenzionalmente impegnato in un progetto di cambiamento) solleva infatti dei dubbi non solo di carattere per così dire “tecnico” (in che condizioni specifiche nasce una nuova generazione, quanto dura, e così via), ma anche di natura più sostanziale, sia sul piano teorico che empirico. Sul piano teorico, un elemento particolarmente critico è rappresentato dall’importanza della dimensione politica nella definizione del concetto di generazione. Non vi è dubbio infatti che l’idea di appartenenza generazionale, e le implicazioni movimentiste che ne derivano, contrasti con la tesi del crollo delle appartenenze e con la scarsa partecipazione dei giovani alla vita politica. Sul piano empirico, ciò che fa problema è la reale diffusione delle nuove soggettività che sono alla base della prospettiva generazionale. Alcune recenti ricerche mostrano che le nuove soggettività, le nuove priorità di cui parlano Wyn e Woodman (2006), riguardano solo una parte dei giovani, e che la capacità di rispondere creativamente all’insicurezza crescente attraverso “l’invenzione” di un nuovo modo di essere adulti e la presenza di nuove modalità di partecipazione alla vita sociale sono al momento appannaggio di una élite generazionale (Spanò, 2017; Spanò e Giannini, 2017). Per quel che riguarda in particolare la dimensione politica, molti studi rilevano l’esistenza di nuove forme di partecipazione ispirate da una profonda sensibilità ai temi della sostenibilità, basate su un’idea di impegno individuale non più mediato da strutture collettive istituzionalizzate e su una visione della politica come attività da praticare “dal basso” nella vita quotidiana. Tuttavia, sebbene tali forme di partecipazione non convenzionale configurino per certi versi una sorta di “individualizzazione di un’azione collettiva” (Micheletti, 2010) che sembra confermare la tesi della reinvenzione della politica (Beck, 1997) più che della sua fine, segnalino l’emergere di nuove soggettività, la loro durata e il loro impatto sulla società restano questioni aperte (Alteri et al., 2016).

26Occorre dunque domandarsi: quanto devono essere estesi i cambiamenti negli atteggiamenti, nei comportamenti e nelle priorità per essere definiti dei tratti generazionali? Inoltre, come si può escludere che quelli che vengono definiti come i tratti di una nuova generazione non siano in realtà caratteristiche legate all’età? Come si può sapere con certezza se gli orientamenti generazionali che sembrano emergere sono destinati a durare o piuttosto a scomparire col procedere dell’età? È dunque troppo presto per capire se siamo di fronte ad una nuova generazione. Non solo perché il concetto di generazione è ancora per così dire “immaturo” (France e Roberts, 2015), ma anche perché solo il tempo potrà dirci se i cambiamenti che registriamo sono destinati a durare (se siamo di fronte ad un effetto generazione o ad un effetto età), e soprattutto se i cambiamenti nei comportamenti e nei valori che oggi sembrano interessare solo parte dei giovani finiranno col caratterizzare un’intera generazione. Anche per quel che riguarda la necessità di un radicale cambiamento di prospettiva nello studio del corso di vita, ci pare dunque che allo stato attuale non si possa far altro che assumere una posizione di attenta osservazione dei processi in atto, evitando le contrapposizioni tra visioni antitetiche che caratterizzano il dibattito corrente, per sostenere le quali occorrerebbe un livello di certezza che oggi non è dato avere.

27Alteri L., Leccardi C. e Raffini L. (2016), Youth and the Reinvention of Politics. New Forms of Participation in the Age of Individualization and Presentification, «Partecipazione e conflitto», 9, 3, pp. 717-774.

28Arnett J.J. (1998), Learning to Stand Alone: the Contemporary American Transition to Adulthood in Cultural and Historical Context, «Human Development», 41, 5-6, pp. 295-315.

29Id. (2000), Emerging Adulthood. A Theory of Development From the Late Teens Through the Twenties, «American Psychologist», 55, 59, pp. 469-480.

30Beck U. (1992), Risk Society. Towards a New Modernity, London, Sage Pubblications.

31Id. (1997), The Reinvention of Politics: Rethinking Modernity in the Global Social Order, Cambridge, Polity Press.

32Becker H. (2000), Sociological Research on Discontinous Change, in Kinloch G.C. e Mohan (a cura di), Ideology and the Social Sciences, Westport, Greenwood Press.

33Bennett A. (2006), Punks not Dead: The significance of Punk Rock for an Older Generation of Fans, «Sociology», 40, 1, pp. 219-235.

34Biggart A. e Walther A. (2006), Coping with Yo-Yo Transitions: Young Adults’ Struggle for Support, between Family and State in Comparative Perspective, in Leccardi C. e Ruspini E. (a cura di), A New Youth?: Young People, Generations and Family Life, Aldershot, Ashgate.

35Blatterer H. (2007a), Contemporary Adulthood. Reconceptualizing an Uncontested Category, «Current Sociology», 55, 6, pp. 771-792.

36Id. (2007b), Adulthood: the Contemporary Redefinition of a Social Category, «Sociological Research Online», 12, 4, pp. 1-11.

37Blossfeld H. P., Klijzing E., Mills M. e Kurz K. (a cura di) (2005), Globalization, Uncertainty, and Youth in Society, London, Routledge.

38Burnett J. (2003), Let Me Entertain You: Researching the ‘Thirtysomething’ Generation, «Sociological Research Online», 8, 4, pp. 1-12.

39Id. (2010), Generations: The Time Machine in Theory and Practice, London, New York, Routledge.

40Castel R.(2015), Incertezze crescenti. Lavoro, cittadinanza, individuo, Bologna, Editrice Socialmente.

41Côté J. (2000), Arrested Adulthood: The Changing Nature of Maturity and Identity, New York, New York University Press.

42Côté J. e Bynner J. (2008), Changes in the Transition to Adulthood in the UK and Canada: The Role of Structure and Agency in Emerging Adulthood, «Journal of Youth Studies», 11, 3, pp. 251-268.

43du Bois-Reymond M. (2009), Models of Navigation and Life Management, in Furlong A. (a cura di), Handbook of Youth and Young Adulthood: New Perspective and Agendas, London, Routledge.

44Dwyer P. e Wyn J. (2001), Youth, Education and Risk: Facing the Future, London, Routledge/Falmer.

45Egris (European Group for Integrated Social Research) (2001), Misleading trajectories: Transitions Dilemmas of Young Adults in Europe, «Journal of Youth Studies», 4, 1, pp. 101-118.

46Id. (2002), Leading or Misleading Trajectories? Concepts and Perspectives, in Walther A., Stauber B. (a cura di), Misleading Trajectories Integration Policies for Young Adults in Europe?, Opladen, Leske + Budrich.

47Elder G. H. Jr. (1975), Age Differentiation and the Life-Course, «Annual Review of Sociology», 1, 1, pp. 165-190.

48Esping Andersen G. (1990), The three worlds of welfare capitalism, Cambridge, Polity Press.

49Eurostat (2015), Being young in Europe today, Luxembourg, Publication Office of the European Union.

50Id. (2017), EU-SILC Survey, The European Union Statistics on Income and Living Conditions, Luxembourg, Publication Office of the European Union.

51Ferrera M. (1996), Il modello sud-europeo di welfare state, «Rivista italiana di scienza politica», 1, pp. 67-101.

52France A. e Roberts S. (2015), The Problem of Social Generations: A Critique of the New Emerging Orthodoxy in Youth Studies, «Journal of Youth Studies», 18, 2, pp. 215-230.

53Furlong A. (2009a), Reconceptualizing Youth and Young Adulthood, in Furlong A. (a cura di), Handbook of Youth and Young Adulthood: New Perspectives and Agendas, London, Routledge.

54Id. (2009b), Revisiting Transitional Metaphors: Reproducing Inequalities under the Conditions of Late Modernity, «Journal of Education and Work», 22, 5, pp. 343-353.

55Furlong A., Cartmel F. (2007), Young People and Social Change: New Perspectives, (2nd Edition), Maidenhead, McGraw-Hill/Open University Press, (1st Edition 1997).

56Furstenberg F., Kennedy S., Mccloyd V., Rumbaut R. e Settersten R. (2003), Between Adolescence and Adulthood: Expectations about the Timing of Adulthood, The Network of Transitions to Adulthood, Philadelphia, The MacArthur Foundation.

57Gallino L. (2014), Vite rinviate. Lo scandalo del lavoro precario, Bari, Laterza.

58Hayford S. e Furstenberg F. (2008), Delayed Adulthood, Delayed Desistance? Trends in the Age Distribution of Problem Behaviour, «Journal of Research on Adolescence», 18, 2, pp. 285-304.

59Heinz W.R. (2009), Youth Transitions in an Age of Uncertainty, in Furlong A. (a cura di), Handbook of Youth and Young Adulthood: New Perspectives and Agendas, London Routledge.

60Henderson S., Holland J., McGrellis S., Sharpe S. e Thomson R. (2007), Inventing Adulthoods. A Biographical Approach to Youth Transitions, London, Sage.

61Kohli M. (1996), The Problems of Generations: Family, Economy, Politics, Public Lectures n. 14, Collegium Budapest, Budapest, Institute for Advanced Study.

62Leccardi C. (2005), Facing Uncertainty. Temporality and Biographies in the New Century, «Young», 13, 2, pp. 123-146.

63Leccardi C. e Ruspini E. (a cura di) (2006), A New Youth?: Young People, Generations and Family Life, Aldershot Ashgate.

64Mannheim K. (1928), Das Problem der Generationen, «Kölner Vierteljahreshefte für Soziologie», 7, pp. 157-185. Trad it. 1974, Il problema delle generazioni, «Sociologia della Conoscenza», Bari, Dedalo.

65Micheletti M. (2009), La svolta dei consumatori nella responsabilità politica e nella cittadinanza, «Partecipazione e conflitto», 3,25, pp. 17-41.

66Mørch S. e Andersen H. (2006), Individualization and the Changing Youth Life, in Leccardi C. e Ruspini E. (a cura di), A New Youth? Young People, Generations and Family Life, Aldershot, Ashgate.

67Raffini L. (2013), Moratoria di classe, eclissi del ceto medio o incongruenza di status? Il posto dei giovani nella società della precarietà, «Societàmutamentopolitica», 4, pp. 207-230.

68Roberts K. (2006), Young People and Family Life in Eastern Europe, in Leccardi, C. e Ruspini, E. (a cura di), A New Youth? Young People, Generations and Family Life, Aldershot, Ashgate.

69Id. (2009), Socio-economic reproduction, in Furlong A. (a cura di), Handbook of Youth and Young Adulthood: New Perspectives and Agendas, London, Routledge.

70Scabini E. e Donati P. (a cura di) (1988), La famiglia ‘lunga’ del giovane adulto. Verso nuovi compiti evolutivi, Milano, Vita e Pensiero.

71Silva J.M. (2012), Constructing Adulthood in an Age of Uncertainty, «American Sociological Review», 77, 4, pp. 505-522.

72Spanò A. (a cura di) (2017), I giovani del Sud di fronte alla crisi. Strategie di sopravvivenza e capacità di innovazione, Milano, FrancoAngeli.

73Spanò A. e Giannini M. (2017), Giovani in crisi: destandardizzazione, riflessività, innovazione, in Bovone L., Lunghi C. (a cura di), Resistere. Innovazione e vita quotidiana, Roma, Donzelli Editore.

74Turkle S. (1995), Life on the Screen: Identity in the Age of the Internet, New York, Touchstone.

75Van de Velde C. (2011), Diventare adulti in Europa. L’impronta delle società nazionali sui percorsi di emancipazione giovanile, «La rivista delle politiche sociali», 3, pp. 209-232.

76Van de Velde C. (2015), Sociologie des âges de la vie, Paris, Armand Colin.

77Walther A. (2006), Regimes of Youth Transition: Choice, Flexibility and Security in Young People’s Experiences across Different European Contexts, «Young», 14, 1, pp. 119-139.

78White R. e Wyn J. (2004), Youth and Society, Oxford, Oxford University Press.

79Woodman D. (2013), Researching ‘Ordinary’ Young People in a Changing World: The Sociology of Generations and the ‘Missing Middle’ in Youth Research, «Sociological Research Online», 18, 1, pp. 1-12.

80Id. (2016), The Sociology of Generations and Youth Studies in Furlong A. (a cura di), Routledge Handbook of Youth and Young Adulthood, 2nd edition, London New York, Routledge.

81Woodman D. e Wyn J. (2013), Youth Policy and Generations: Why Youth Policy Needs to ‘Rethink Youth’, «Social Policy and Society», 12, 2, pp. 265-275.

82Woodman D. e Wyn J. (2015), Youth and Generation: Rethinking Continuity and Change in the Lives of Young People, London, Sage.

83Wyn J. (2004), Becoming Adult in the 2000s, «Family Matters», 68, pp. 6-12.

84Wyn J. e Dwyer P. (1999), New Directions in Research on Youth in Transition, «Journal of Youth Studies», 2, 1, pp. 5-21.

85Wyn J. e Woodman D. (2006), Generation, Youth and Social Change in Australia, «Journal of Youth Studies», 9, 5, pp. 495-514.

86Id. (2007), Researching Youth in a Context of Social Change: A Reply to Roberts, «Journal of Youth Studies», 10, 3, pp. 373-381.

Torna su

Note

1 Il welfare regime italiano rientra in quello che Walther definisce modello sub-protective, un regime che richiama le caratteristiche del regime conservatore-corporativo di Esping-Andersen (1990), nel quale i giovani non sono titolari di diritti in quanto cittadini, e nel quale la scarsa protezione del welfare e le ridotte opportunità di lavoro standard hanno creato un sistema di welfare “dualistico”, dove la famiglia ed il lavoro sommerso giocano un ruolo cruciale. In questo modello la transizione all’età adulta è caratterizzata da una lunga fase di attesa ed è pertanto particolarmente prolungata (Walther, 2006). Sulla stessa linea Van de Velde (2011) evidenzia come nel modello di transizione mediterraneo, nel quale l’Italia rientra a pieno titolo, l’itinerario tipo è costituito dal passaggio «da un focolare all’altro» poiché «la giovinezza è caratterizzata da una logica dell’attesa presso il focolare domestico delle condizioni necessarie alla costruzione di un nuovo focolare: un lavoro stabile, il matrimonio, e l’acquisto di un appartamento, nel contesto di un mercato immobiliare poco propenso all’affitto» (ivi, 225).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Antonella Spanò, « Gioventù e adultità nella società contemporanea: riflessioni sul dibattito suscitato dai cambiamenti del corso di vita »Quaderni di Sociologia, 80 | 2019, 69-86.

Notizia bibliografica digitale

Antonella Spanò, « Gioventù e adultità nella società contemporanea: riflessioni sul dibattito suscitato dai cambiamenti del corso di vita »Quaderni di Sociologia [Online], 80 | 2019, online dal 01 mars 2020, consultato il 28 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/2629; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.2629

Torna su

Autore

Antonella Spanò

Dipartimento di Scienze Sociali – Università di Napoli “Federico II”

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search