Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri80teoria e ricercaLa piattaforma Open municipio all...

teoria e ricerca

La piattaforma Open municipio alla prova dei fatti

L’e-government a Udine fra partecipazione auspicata e partecipazione effettiva
The Open Municipio platform put to the test. Planned vs. actual participation in e-government in Udine
Gabriele Giacomini
p. 113-142

Abstract

The main purpose of this article is to illustrate a case study regarding use of the municipality of Udine’s online platform Open Municipio, which was designed to broaden citizen participation in the management of the res publica. The study of the platform was carried out through three research methods. The first, a quantitative one, offered a picture of the citizens’ use of the platform. The second research, also of a quantitative nature, used a short questionnaire investigate motivations that led citizens to use the platform. The third qualitative research consisted in a series of informal interviews with some key people (politicians or administrative managers) who introduced the platform, or who manage and monitor it. The study shows that the introduction of the platform has not significantly affected participation, although Open Municipio is considered an important opportunity for making more transparent political decisions.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

1Lo scopo di questo articolo è illustrare un caso di studio che riguarda l’utilizzo della piattaforma Open municipio da parte del Comune di Udine. Il progetto è iniziato nel 2011 come frutto della collaborazione tra Openpolis e InformaEtica ed è stato riconosciuto da Wikitalia, l’associazione italiana per l’open government. Il primo comune aderente è stato Udine, nel 2012, a seguito dell’interessamento dell’allora Assessore all’Innovazione ed e-government Paolo Coppola (amministrazione di centro sinistra) e della delibera di Consiglio Comunale n. 3 del 31.01.2011 dove si sanciva la costituzione dell’“Anagrafe degli Eletti”. Dopo alcuni anni di sperimentazione, tuttavia, l’esperienza è stata conclusa nel 2018 dall’Assessore alle Circoscrizioni, politiche dell’ascolto, innovazione Daniela Perissutti (amministrazione di centro destra). Particolarmente interessante è, quindi, approfondire i punti di forza della piattaforma e soprattutto quelli di debolezza, ovvero la distanza fra gli obiettivi auspicati e quelli raggiunti, i motivi dell’avvio e della conclusione della sperimentazione.

2Open municipio è una piattaforma civica nata dall’esperienza di Open parlamento, il primo sito italiano di monitoraggio parlamentare, sviluppato anch’esso da Openpolis e online dal 2009. Open parlamento mette tutt’oggi a disposizione dei cittadini diverse informazioni estrapolate dai siti ufficiali di Camera e Senato per seguire ciò che viene proposto, discusso e votato dai membri del parlamento italiano. Open municipio, quindi, segue la filosofia del sito Open parlamento (un cittadino, dopo aver eletto un proprio candidato, dovrebbe avere la possibilità di monitorare agevolmente le sue attività istituzionali) ma ne rappresenta un’evoluzione calata in una dimensione vicina ai luoghi vissuti quotidianamente dalle persone, ai temi locali e alle relazioni tra comune e cittadini.

3Su Open municipio, in particolare, i cittadini possono monitorare le attività dei propri rappresentanti leggendo gli atti proposti ed approvati, approfondendo il loro comportamento di voto nelle assemblee (presenze, assenze, votazioni coerenti con il gruppo o voti ribelli) e commentando le decisioni amministrative. L’obiettivo di questa piattaforma è stato quello di rendere costantemente disponibili atti, votazioni e agenda dei lavori e di rendere la ricerca e la comprensione di questi documenti le più semplici possibile, favorendo la partecipazione dei cittadini. In sintesi, le intenzioni degli ideatori di questa iniziativa sono state di “aprire” la democrazia non solo per aumentare il grado di trasparenza delle decisioni dell’amministrazione, ma per “estendere” attraverso gli strumenti digitali la partecipazione a un numero sempre più ampio di cittadini, sollecitando il loro impegno e la loro attenzione nei confronti della gestione della res publica.

4L’analisi del caso di Open municipio si interroga in particolar modo sull’e-government, inteso come possibilità di incrementare, attraverso le nuove tecnologie digitali e telematiche, la trasparenza e la partecipazione civile e politica nell’ambito delle funzioni amministrative e di governo delle pubbliche amministrazioni e delle istituzioni (Barbieri e Talamo, 2014; De Blasio, 2014; Rolando, 2014; Sorice, 2014). Si colloca dunque a pieno titolo nell’alveo della letteratura sul ruolo dell’adozione e utilizzo della tecnologia sui processi democratici, la quale si organizza lungo un continuum fra due posizioni. Da un lato, si trovano interpretazioni ottimistiche in cui si pensa che la rete possa ridefinire le relazioni fra potere e cittadini, rinnovare le forme della democrazia e trasformare le istituzioni. In altre parole, c’è la convinzione che la rivoluzione tecnologica comporti quella politica, che la rete possa ridefinire le relazioni di potere e trasformare radicalmente le istituzioni e i processi della democrazia rappresentativa (De Rosa, 2014). Dall’altro lato, si trovano i sostenitori della “normalizzazione”, secondo cui l’utilizzo dei media digitali non finirà per favorire cambiamenti rilevanti nel funzionamento dei sistemi democratici e avrà soltanto effetti minimi e conseguenze di tipo incrementale (Margolis e Resnick, 2000; Chadwick, 2006; Hindman, 2009).

5Le domande di ricerca cui vogliamo trovare risposta in questo studio sono: come e quanto è stata utilizzata Open municipio dai cittadini? Che tipo di valutazione ne fanno gli attori politici e i cittadini? Che effetti ha avuto questa piattaforma sulla partecipazione civica, politica e democratica della cittadinanza udinese? La piattaforma è riuscita a realizzare l’obiettivo degli ideatori della piattaforma, ovvero quello di promuovere una partecipazione orizzontale e non intermittente da parte di cittadini, oppure si è limitata ad avere una funzione di monitoraggio delle decisioni prese dalle istituzioni? Infine, quali sono le motivazioni che hanno spinto a chiudere l’esperienza dopo sei anni?

6L’articolo è così organizzato: nella sezione seguente richiameremo e discuteremo brevemente i più importanti nodi del dibattito sulla partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica e sull’uso delle nuove tecnologie. Ad essa seguirà un’altra sezione in cui descriveremo in dettaglio la piattaforma Open municipio. Nella terza sezione esporremo la metodologia applicata. La quarta sezione sarà dedicata ad esporre i risultati più importanti delle tre analisi svolte a indagare: la prima, le pratiche d’uso della piattaforma; la seconda, le motivazioni che spingono i cittadini a usarla; la terza, le aspettative e le valutazioni sull’efficacia della piattaforma da parte dei politici che l’hanno promossa e i dirigenti che l’hanno gestita. Infine, nelle ultime due sezioni, discuteremo i risultati delle ricerche empiriche e proporremo alcune interpretazioni sulle implicazioni che il progetto ha avuto per quanto riguarda i temi del monitoraggio civico e della partecipazione politica.

2. Forme di cittadinanza online, dall’e-government alla democrazia digitale

7La discussione sul rapporto fra tecnologie, comunicazione pubblica e cittadinanza è molto presente all’interno del dibattito scientifico. Secondo Solito (2004), gli avvenimenti degli ultimi anni, sia sociali sia tecnologici, chiamano coloro che sono responsabili della comunicazione pubblica a “costruire e alimentare una nuova relazione tra istituzioni e cittadini fondata sulla fiducia, sulla conoscenza, sulla credibilità e sulla legittimazione, facilitare capacità di scelta e d’azione degli individui, favorire e accelerare i processi di democratizzazione e partecipazione” (p. 29).

8La comunicazione pubblica, che assume visibilità in Italia all’inizio degli anni ’90, ora è sfidata dai media digitali, che introducono aspetti innovativi e che permettono di sperimentare inedite forme di trasparenza, partecipazione e coinvolgimento (Barbieri e Talamo, 2014; Sorice, 2014). Rodotà (1997), ad esempio, ha messo in risalto l’importanza dei nuovi media nella sfera politica, definendoli non solo beni di consumo, ma anche strumenti potenzialmente rilevanti per la partecipazione culturale, sociale, economica e ovviamente politica. In tal senso, Riva (2014) afferma che la cittadinanza digitale dovrebbe essere intesa come “quell’insieme di opportunità, offerte dalle nuove tecnologie, per rivitalizzare la relazione tra istituzioni e cittadini, così che questi ultimi siano sempre più inclusi nella vita politica e vi partecipino con continuità, condividendo la responsabilità delle scelte e della gestione della cosa pubblica” (p. 146). Tuttavia, mette in guardia Rolando (2014), “la comunicazione pubblica, avendo il diritto di essere anche spazio di espressione sociale, è storicamente piuttosto voce del potere” (p. 1), evidenziando la presenza di un Giano bifronte fatto di partecipazione ma anche di mera propaganda, sottolineando uno iato fra buone intenzioni e realtà effettiva: anche se è desiderabile che lo Stato e la società siano sempre più in un rapporto non verticale e “ad una via”, ma orizzontale e interattivo, ciò deve fare i conti con elementi di contesto psicologici, politici e giuridici vischiosi.

9In effetti, la rete è un’opportunità per i cittadini, i quali possono controllare l’operato dei loro rappresentanti in maniera più facile rispetto al passato, e possono influenzarlo facendo contare la propria opinione. Questo, tuttavia, può essere promosso soltanto in presenza di alcune condizioni. Innanzitutto, deve essere presente un reale interesse sia da parte dell’amministrazione sia da parte dei cittadini a rafforzare le relazioni. Il gruppo di lavoro del Club delle tecnologie informatiche della Liguria, che ha indagato le caratteristiche ottimali dei servizi digitali in una “smart city”, sottolinea che le piattaforme civiche dovrebbero essere in grado di abilitare la bi-direzionalità, la prossimità, l’interazione multimediale e multicanale, l’informazione on demand (disponibile su richiesta) (CTI, Liguria, 2014). Inoltre, l’atto di partecipazione dei cittadini, per essere completo, deve superare diverse fasi. A tal proposito il rapporto OCSE del 2001 indica tre livelli affinché si possano rendere i cittadini partner nella costruzione del policy-making. Il primo è l’informazione, cioè l’attivazione di un canale di comunicazione da parte dell’amministrazione o del governo al fine di portare alla conoscenza dei cittadini determinati fatti; il secondo è la consultazione, cioè l’attivazione di un canale bidirezionale tale da permettere al governo di ascoltare l’opinione dei cittadini riguardo le informazioni a loro fornite; il terzo è la partecipazione attiva, cioè la costruzione di occasioni nelle quali il cittadino ha la possibilità di prendere parte effettivamente alle decisioni (anche se la competenza rimane in ultima istanza delle istituzioni rappresentative).

10Quando la partecipazione viene attivata attraverso le tecnologie digitali si parla di e-government o di e-democracy. I due concetti, tuttavia, hanno significati diversi. L’e-government, secondo Sorice (2014) e De Blasio (2014), riguarda le funzioni amministrative e di governo delle istituzioni che possono essere rese più efficienti e potenzialmente trasparenti attraverso l’utilizzo delle tecnologie digitali. Una buona applicazione delle forme di e-government, secondo i due studiosi, può costituire un punto di partenza necessario (ma non sufficiente) per implementare e promuovere forme di democrazia digitale (e-democracy). Tuttavia, i due processi sono molto diversi: l’e-government fornisce input specifici secondo una logica “top-down”, promossi dalle Amministrazioni e funzionali all’ottimizzazione delle attività di “cittadinanza”, l’e-democracy, invece, è un processo orizzontale che dovrebbe favorire l’adozione di forme di deliberazione e partecipazione “bottom-up”. In Italia, a parere di Faccioli (2016), i processi di e-governemnt e di e-democracy sono stati affrontati in modo non integrato e a volte dicotomico. C’è stata una maggiore attenzione all’e-government, inteso soprattutto come applicazione delle tecnologie nelle transazioni fra utenti e amministrazioni per renderle più veloci ed efficienti, mentre l’e-democracy, che prevede l’individuazione di modalità di partecipazione diretta dei cittadini ai processi di decisione delle politiche pubbliche, è stata considerata con minore attenzione e in modo più formale che sostanziale.

11Secondo Reddick (2011), le forme di partecipazione che fanno ricorso ai nuovi media si organizzano attraverso tre modelli generali. Il primo è costituito dal modello manageriale: in questo caso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione hanno come scopo principale quello di informare i cittadini su servizi e funzioni specifiche, si tratta quindi di una logica comunicativa uni-direzionale, sostanzialmente senza feedback, funzionale agli obiettivi delle istituzioni pubbliche e senza molte possibilità per i cittadini di giocare un ruolo propositivo. Il secondo modello è quello consultivo, in cui i governi e le amministrazioni non si limitano a fornire informazioni: le tecnologie della comunicazione sono usate anche per raccogliere informazioni sulle politiche pubbliche e quindi per migliorarle dal punto di vista qualitativo. In questo modello i portatori di interesse che forniscono riscontri a governi e pubbliche amministrazioni in genere non coincidono con tutti i cittadini o possono variare a seconda delle richieste specifiche e delle politiche pubbliche coinvolte. Il terzo modello individuato da Reddick, infine, è quello che possiamo definire partecipativo e che più di tutti avvicina l’e-government alla democrazia digitale: in questo modello, infatti, le tecnologie della comunicazione possono garantire un’interattività più ampia e diffusa, non intermittente, ad esempio attraverso le piattaforme per la democrazia deliberativa (Sorice, 2014).

  • 1 Anche Pateman (1970), ha considerato due differenti tipologie di partecipazione: quella parziale e (...)

12La differenza fra modello manageriale (top-down), modello consultivo e modello partecipativo (bottom-up ed orizzontale) è associata alla differenza fra partecipazione nel suo significato debole e partecipazione nel suo significato forte. Fici (2002), infatti, ci ricorda che nella definizione di partecipazione politica il doppio significato del verbo partecipare – avere una parte in un processo di azione o essere parte di un corpo, di un gruppo, di una comunità – introduce elementi di ambiguità: la partecipazione può essere costituita da un inserimento più o meno attivo e decisivo all’interno dei processi decisionali di una comunità socio-politica. La partecipazione (nel suo significato debole) rischia di avere una caratteristica di subalternità intrinseca quando chi partecipa si approssima a un sistema e a delle regole del gioco decise da altri (ad esempio dall’amministrazione locale, dal governo nazionale, oppure addirittura da dinamiche della globalizzazione), che sembrano non dipendere dalla volontà dei cittadini ma che sono date spesso da istituzioni locali, nazionali o sovranazionali (Ceri, 1996; Gallino, 1993, 479-480). In questi casi, chi partecipa non decide l’agenda e quindi le priorità, la struttura del sistema, le logiche della condivisione, gli obiettivi e così via. Nella sua accezione forte, invece, la partecipazione politica va intesa come ogni azione e comportamento capace di influenzare (in vari modi) le decisioni politiche e le scelte dei detentori del potere politico, rafforzando in tal modo o modificando la struttura e valori del sistema di potere dominante (Pasquino, 1997)1.

13Inoltre, è da segnalare che, secondo alcuni approcci e studi, i cittadini interessati alla politica attiva, che si sforzano di raccogliere informazioni il più possibile complete, sono sempre stati una minoranza (Campbell et al., 1960): essere “buoni cittadini” è un impegno gravoso, soprattutto rispetto a risorse di tipo cognitivo, nonché a risorse di energia e di tempo limitate. Al punto che si potrebbe guardare all’attività politica come a un lavoro immateriale che si aggiunge a quello che si fa per sopravvivere (Fortunati, 2007). Da uno studio importante, anche se non recente, dell’ISTAT (Seriani, 2006) su un campione rappresentativo della popolazione italiana è emerso che un quarto degli intervistati non ha mai avuto informazioni di politica, a causa della loro indifferenza (31,9%), della sfiducia nella politica (20.5%) e del fatto che “la politica è troppo complicata” (15,3%), mentre il 6,1% ha dichiarato che “non ha tempo da dedicare ad essa”. Infine, una ricerca di Sarrica e colleghi (2009) sulle rappresentazioni sociali della partecipazione mostra quanto problematico e anche frustrante possa essere l’esercizio della partecipazione: ad esempio i giovani riportano di provare un senso di fallimento quando il loro contributo non è apprezzato dagli altri e quando, intervenendo la competizione, c’è un vincitore e tutti gli altri sono esclusi. Sono le stesse difficoltà vissute dagli adulti nella partecipazione ai partiti politici e ai movimenti e che possono scoraggiare i cittadini dal continuare a impegnarsi nell’attività politica.

14Considerando questo problema nell’ambiente più specifico del web, si può verificare la dinamica della “participation inequality”: anche se gli utenti hanno la possibilità di navigare e di generare contenuti, coloro che compiono effettivamente quest’azione sono una minoranza. Nielsen (2006) descrive questo fenomeno con la “regola 90-9-1”. Secondo l’autore, le comunità online sono composte per il 90% da lurkers (ovvero osservatori passivi), per 9% da utenti che producono propri contenuti sporadicamente e per l’1% da utenti che producono assiduamente contenuti. Tale conformazione delle comunità online implica il fatto che un atteggiamento attivo è adottato soltanto da una stretta minoranza di individui. Oltre al modello di tipo piramidale, basato sulla regola 90-9-1 di Nielsen (2006), le disuguaglianze nella partecipazione online sono state schematizzate tramite un modello a scala da Forrester Research (2007). I “gradini” sono: inactives (che non compiono nessuna attività sul web), spectators (che usufruiscono di contenuti generati da altri utenti), joiners (che utilizzano siti di networking), collectors (che utilizzano RSS e tag a siti Web), critics (che partecipano ai blog commentandone i contenuti e postano recensioni), creators (che pubblicano pagine Web e blog e che caricano online video). Anche in questo caso, la distinzione principale è tra coloro che si limitano ad osservare (la maggioranza) e coloro che navigano attivamente (la minoranza).

15Queste problematiche sono state probabilmente rilevanti in diverse esperienze. In particolare, in considerazione dell’oggetto del lavoro – l’utilizzo e gli effetti della piattaforma Open municipio in termini di partecipazione civica, politica e democratica della cittadinanza udinese – consideriamo gli esiti dell’indagine sull’impiego di Liquid Feedback in Germania e degli studi condotti negli USA su amministrazioni locali, che posso costituire degli utili riferimenti teorici-empirici.

16Una bassa partecipazione dei cittadini, ad esempio, è stata registrata quando, a fine 2012, alcuni amministratori pubblici hanno deciso di utilizzare Liquid Feedback – un software che raccoglie le opinioni all’interno di una comunità stimolando la partecipazione – per la discussione delle politiche del distretto del Friesland in Germania. A tre mesi dall’avvio gli iscritti erano appena 500 e che non si contavano più di quindici o venti persone per dibattito, un numero piccolo per un territorio di circa 100.000 abitanti. Questo trend ha spinto Grottendieck (2013) a considerare l’impatto del software sulla partecipazione come limitato. Ancora più interessanti sono le considerazioni del politologo Morozov (2013) a proposito di Liquid Feedback: nemmeno quello che lui chiama ironicamente l’“onnipotente software” può a suo parere stimolare i comuni cittadini a interessarsi delle questioni monotone e arcane di cui è fatta gran parte della politica. Come osserva opportunamente Rolando (2014), la mancata semplificazione del linguaggio burocratico non aiuta certamente la comunicazione, e questo problema non può essere risolto dalla tecnologia ma richiederebbe, invece, nuove e adeguate competenze.

17Un altro aspetto che emerge negli studi sulle piattaforme di e-government è che i cittadini teoricamente vogliono partecipare, ma che non sempre questo sentimento si trasforma in una richiesta mirata. In uno studio condotto tra le amministrazioni locali negli Stati Uniti e basato su due surveys del 2006 e del 2011, Norris e Reddick (2012) sottolineano che lo sviluppo degli strumenti di partecipazione digitale generalmente non nasce da iniziative dal basso ma da una preoccupazione dei vertici politici. Infatti, nemmeno il 3% degli amministratori locali sostenevano di essere stati incoraggiati ad adottare strumenti digitali per la gestione della cosa pubblica, a fronte di un 7% che ammetteva di aver operato in solitudine, con una decisione “top down”. Nel 2006, addirittura, il 60% degli amministratori riteneva non solo che la scarsa volontà dei cittadini non motivava il politico ad adottare nuovi strumenti di partecipazione, ma riteneva che di fatto lo ostacolasse. Nel 2011 il dato è sceso al 45,8%, restando comunque rilevante. Secondo Norris e Reddick, l’e-government nell’ambito locale è principalmente “one way”, ad una sola direzione, dalle amministrazioni ai cittadini, ed è difficilmente rintracciabile l’evidenza che queste innovazioni incidano effettivamente nello stile di governo dei territori.

18Come sostiene Faccioli (2016) in un articolo sulla comunicazione pubblica e i media digitali in Italia, se è vero che non sempre le amministrazioni cercano con convinzione la relazione con i cittadini (si fa più attenzione all’e-government inteso come metodo per efficientare le relazioni che all’e-democracy come modalità di partecipazione dei cittadini ai processi decisionali della PA), è altrettanto vero che anche i cittadini non sembrano molto interessati ad un rapporto con le amministrazioni.

19Tuttavia, allo stesso tempo, la partecipazione è un valore democratico normativo, porta con sé il valore dello sviluppo dell’educazione civica e rafforza sia il significato delle vite delle persone sia la sfera delle loro relazioni sociali (McLean, 1966, 326). Secondo Adam Smith (1759), John Stuart Mill (1859) e Habermas (1962) è la società nel suo complesso a trarre vantaggio dalla partecipazione dei cittadini alla vita della comunità. Nella sua opera Teoria dei sentimenti morali (1759) Smith ha scritto che nella natura umana sono presenti alcuni principi che fanno sì che le persone partecipino a fortuna e miseria altrui. Questi principi, che sono motori di sviluppo sociale e di civiltà, sono “passioni sociali” quali la generosità, l’empatia e la compassione. Mill, invece, ricorda il valore di una partecipazione il più possibile inclusiva al dibattito pubblico e alle decisioni politiche, sostenendo che: “impedire l’espressione di un’opinione è un crimine particolare, perché significa derubare la razza umana […], coloro che dall’opinione dissentono ancor di più di chi la condivide: se l’opinione è giusta, sono privati dell’opportunità di passare dall’errore alla verità, se è sbagliata, perdono un beneficio altrettanto grande, la percezione più chiara e viva delle verità, fatta risaltare dal contrasto con l’errore” (Mill, 2009, 35). L’importanza di una fondazione delle decisioni pubbliche basata sulla partecipazione al discorso pubblico è presente, mutatis mutandis, un secolo più tardi anche in Habermas (Giacomini, 2016b).

20Come sostiene Pateman (1970), la partecipazione ha un aspetto educativo e formativo: gli individui, partecipando e rapportandosi con le autorità, imparano a partecipare. Anche nell’epoca della diffusione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ritiene Sorice (2014), la partecipazione ha “virtù” civiche, della governance e cognitive. Secondo le virtù civiche, la discussione teoricamente ha una valenza pedagogica, dal momento che potrebbe formare cittadini più informati, più attivi e più responsabili. Le virtù della governance fanno riferimento al fatto che le decisioni partecipate hanno solitamente una maggiore legittimazione, proprio perché provengono da un processo condiviso. La partecipazione di un numero elevato di soggetti, inoltre, potrebbe migliorare la qualità della decisione in quanto permetterebbe di contare su una grande ampiezza di informazioni. Le virtù cognitive, infine, provengono dalla considerazione che la partecipazione favorisce lo sviluppo e l’articolazione di punti di vista differenziati, nonché l’ingresso di nuove (e talvolta non previste) posizioni e preferenze: è importante, quindi, pensare la deliberazione dentro la cornice di una sfera pubblica plurale in cui il consenso non è mai unanimismo (Sorice, 2014, 54-55).

21La crisi della forma “partito politico” ha portato negli ultimi decenni alla fuga di molti militanti e simpatizzanti dai partiti e alla loro migrazione verso luoghi diversi di interazione sociale, fra cui quelli online (Giacomini, 2018). Così, parallelamente alla mediatizzazione della politica, si è sviluppata una politicizzazione dell’uso dei media (Mancini, 2002; Mazzoleni, 2012). Oggi una parte rilevante della partecipazione politica passa attraverso i nuovi mezzi di comunicazione che rappresentano potenzialmente un importante luogo di elaborazione di opinione pubblica. Non a caso, in una indagine empirica condotta nell’ambito di un progetto FIRB diretto da De Blasio e in cui sono state analizzate le principali piattaforme di partecipazione democratica in Italia, nel periodo 2014-2016 sono state monitorate 298 piattaforme di trasparenza, di partecipazione e collaborazione tramite il web (De Blasio, 2018). La numerosità di casi segnala che l’esperienza udinese di Open municipio non è isolata.

22In Internet nel tempo sono stati introdotti una serie di strumenti specifici per esprimere la partecipazione politica: dai siti web di propaganda politica alle petizioni online, dall’uso virale dei social network ai blog dei movimenti sociali, dall’albo pretorio online alle piattaforme open data (Barbieri e Talamo, 2014; Porlezza, 2016; Vaccari, 2012). Internet è solo una precondizione tecnologica per la trasparenza, la partecipazione e il coinvolgimento: è necessario, quindi, studiare caso per caso per verificare se ed in che modo si concretizzano attraverso Internet.

3. La piattaforma Open municipio

  • 2 https://parlamento18.openpolis.it/ (ultimo accesso 16/2/2019).

23Come già anticipato, la piattaforma Open municipio è nata dall’esperienza di Open parlamento, diventato celebre dal 2008 per aver pubblicato, per la prima volta in Italia, le assenze dei parlamentari italiani. Open parlamento mette a disposizione di tutti i cittadini gli strumenti per seguire ciò che viene proposto, discusso e votato da deputati e senatori del parlamento. Ogni giorno i dati delle attività di camera e senato vengono estrapolati dai siti ufficiali per ricavarne informazioni quantitative e qualitative. Gli strumenti di Open parlamento consentono di seguire passo dopo passo le attività del singolo parlamentare, le vicende del disegno di legge o della mozione; diventano aggiornamenti (nella pagina personale dell’utente o via e-mail) su tutto ciò che viene prodotto in parlamento a proposito di un determinato argomento. Infine, per l’utente è possibile esprimere la propria opinione su ogni proposta, voto o decisione2.

24La piattaforma Open municipio è la versione “municipale”, comunale e cittadina di Open parlamento, e consente ai cittadini di monitorare l’attività amministrativa del sindaco, degli assessori e dei consiglieri del proprio comune. I cittadini di Udine potevano, quindi, leggere come i propri rappresentanti locali votavano, quali atti proponevano, quale era il loro tasso di presenza alle sedute, potevano inoltre seguire specifici politici e argomenti, oltre a commentare e a votare le varie iniziative di deliberazione in giunta e in consiglio comunale. I dati, gli atti e i documenti ufficiali sulle attività giuntali e consiliari venivano forniti senza eccezioni e venivano ricavati dai documenti prodotti dalla Segreteria generale del Comune di Udine, ufficio tecnico di assistenza agli organi politici municipali. Su Open municipio era disponibile anche lo storico di queste informazioni, che sono rimaste quindi consultabili dagli utenti-cittadini fino alla chiusura della piattaforma udinese a fine 2018.

25Il portale di Open municipio Udine era strutturato in diverse pagine web. Nella home page venivano brevemente spiegate le possibilità che offriva la piattaforma. Seguendo la terna informati-monitora-partecipa, si trovavano gli appuntamenti istituzionali (prossime sedute delle commissioni e del consiglio comunale) e un’anticipazione di alcune informazioni che si potevano reperire in forma estesa, come gli ultimi atti presentati dai politici, le ultime attività dei cittadini, i consiglieri più presenti al voto, i politici più monitorati, i consiglieri che avevano licenziato più atti, alcuni atti in evidenza e gli argomenti più discussi (nuvola di tag). Nelle pagine interne, cui si poteva accedere dalla barra orizzontale, si trovavano invece alcuni approfondimenti. Nella pagina “Politici” si trovavano tutte le attività della giunta, del consiglio e delle commissioni: in particolare erano disponibili gli atti e alcune informazioni sui componenti delle assemblee (presenze, produttività, voti ribelli). Nella pagina “Atti” e “Votazioni” si trovava l’elenco cronologico degli atti e delle votazioni, mentre sulla colonna di destra erano disponibili alcune modalità di filtraggio (per tipologia di atto, per relatore, per organo, per anno di pubblicazione). Nella pagina “Argomenti” c’erano gli atti divisi per tematiche. Nella pagina “Cittadini” si trovavano informazioni sugli iscritti alla piattaforma, i politici, gli atti e gli argomenti che suscitavano più interesse fra gli utenti.

26Dopo la struttura del sito, consideriamo ora le sue finalità. Come si legge nel sito di presentazione del progetto Open municipio3 “atti, votazioni, agenda dei lavori sono costantemente disponibili e presentati in modo tematico, cosa che ne semplifica la ricerca e la comprensione”. Nelle intenzioni degli ideatori della piattaforma “in un colpo solo vengono abbattute le barriere di accesso agli atti e ai processi decisionali, per inaugurare un modo nuovo di governare che sia basato sulla trasparenza effettiva, il pubblico dibattito e la collaborazione tra chi ha la responsabilità di governare e chi ha il diritto di sapere e di partecipare”. Così, “sapere cosa accade nel proprio comune e seguirne con tempestività le iniziative e gli sviluppi, diventa qualcosa di semplice, immediato e alla portata di tutti. Con il recupero di un equilibrio informativo essenziale, possono svilupparsi più facilmente occasioni di comunicazione e collaborazione in cui cittadini e rappresentanti confrontano idee, opinioni e soluzioni”. Nelle intenzioni degli ideatori della piattaforma, quindi, l’obiettivo non era solo quello di aumentare la trasparenza ma anche l’effettiva partecipazione dei cittadini: riprendendo la definizione di Reddick (2011), l’ambizione era quella di mettere in campo una piattaforma che si avvicinasse il più possibile al modello orizzontale della democrazia digitale.

Figura 1. Elementi dell’homepage di Open municipio Udine (2012-2018)

Figura 1. Elementi dell’homepage di Open municipio Udine (2012-2018)

27Open municipio a Udine è stato un progetto di software libero (open source) e i dati politico-amministrativi erano rilasciati in formati aperti per facilitarne il riuso (open data). I cittadini udinesi erano stati informati dell’avvio del sistema attraverso i mezzi di comunicazione dell’amministrazione (sito Internet istituzionale, e-magazine, social network), attraverso la pubblicazione di numerosi articoli sulla stampa e attraverso la trasmissione di servizi televisivi sulle reti locali. In particolare, la piattaforma è stata presentata alla cittadinanza il 7 dicembre 2012 durante un convegno pubblico e la notizia della sua introduzione è stata diffusa dai maggiori organi di informazione locali «(Messaggero Veneto», «Il Friuli», «Udine Today»), i quali negli anni successivi hanno anche pubblicato degli articoli in cui si faceva il punto sui dati messi a disposizione e sull’utilizzo della piattaforma.

4. Metodologia di ricerca

28Per esplorare l’uso che è stato fatto di questa piattaforma abbiamo fatto ricorso a tre metodologie di ricerca. La prima, di tipo quantitativo, è servita a delineare una prima analisi dell’utilizzo della piattaforma Open municipio da parte dei cittadini: tale ricerca mira a illustrare come si siano articolate le frequenze d’uso di tale piattaforma da parte dei cittadini e viene presentata con le tecniche della statistica descrittiva. La seconda ricerca ha attivato un questionario composto da 18 domande e somministrato a 160 cittadini per indagare quali siano stati i frequentatori della piattaforma e quali siano state le motivazioni che li hanno spinti a utilizzare Open municipio. La terza ricerca, di tipo qualitativo, consiste in cinque interviste semi-strutturate che sono state somministrate ad alcune persone-chiave per l’avvio e la chiusura della piattaforma a Udine. Di queste interviste riportiamo gli estratti più rilevanti per il nostro discorso.

29Abbiamo scelto di operare a livello sia quantitativo sia qualitativo in quanto la strategia di investigare lo stesso oggetto di ricerca con metodologie di ricerca diverse è raccomandata da molti metodologi (Brewer e Hunter, 2006) ed è attualmente considerata una pratica opportuna di ricerca (Creswell, 2003).

5. Risultati

5.1. L’utilizzo di Open municipio da parte dei cittadini

30A distanza di alcuni anni dall’adozione della piattaforma, dal 1 marzo 2014 al 24 ottobre 2016 hanno acceduto alla piattaforma 23.616 utenti, che hanno dato vita a 27.561 sessioni visualizzando 79.232 pagine (tabella 1). Mediamente gli utenti hanno visto 2,87 pagine a sessione, il che porta a credere che la frequentazione del sito non sia stata completa ma limitata e/o mirata, anche se al contempo piuttosto motivata, dato che in Internet la maggioranza degli utilizzatori non si spinge oltre la prima pagina. Inoltre, ogni sessione dura mediamente 1 minuto e mezzo, il che rafforza l’idea che l’accesso alla piattaforma, più che rispondere ad un’esigenza di informarsi in maniera completa sulle diverse azioni dell’amministrazione, abbia risposto a uno scopo di consultazione di qualche informazione specifica. Inoltre, dei 23.616 utenti solo il 14,4% sono stati visitatori che fanno visite ripetute al sito, mentre la maggioranza (85,6%) ha fatto una visita e basta. Ciò fa pensare che l’acquisizione di informazione da Open municipio abbia assunto nella maggioranza dei casi una valenza episodica, sporadica.

Tabella 1 Struttura dell’accesso alla piattaforma (dal 1/3/2014 al 24/10/2016)

Numero utenti

Numero sessioni

Numero pagine visitate

Media delle pagine visitate per sessione

Durata media delle sessioni in min/sec

23.616

27.561

79.232

2,87

1,3

31La provenienza geografica del traffico, inoltre, indica che solo il 23,5% dei visitatori ha acceduto da Udine e il 2,8% dalle altre città della regione Friuli Venezia-Giulia. Quindi, tre quarti dei visitatori non è stata locale, bensì ha acceduto dalle altre città italiane o, nel 5% dei casi, dall’estero. Questi dati possono essere interpretati in diversi modi. Da un lato, si potrebbe essere spinti a concludere che, su 23.616 utenti, soltanto una parte minoritaria siano stati effettivamente cittadini udinesi. Dall’altro lato, si potrebbe pensare che, anche grazie a questi strumenti, alcuni udinesi che si sono trasferiti in altre città erano comunque interessati a seguire le attività che si svolgevano nella loro città d’origine. Tuttavia, dato l’alto numero di utenti (l’85,6%) che ha fatto una sola visita, è possibile che nella maggioranza dei casi si sia trattato di semplici curiosi, che non avevano un interesse a monitorare specificatamente gli atti dell’amministrazione udinese.

32Passiamo a considerare quali sono stati i contenuti più letti nel lasso di tempo dell’indagine e che cosa hanno consultato gli utenti in questa piattaforma (tabella 2). La pagina più visitata è stata l’home page, che ha ricevuto il 29,4% delle visite in quanto qui si potevano consultare alcune informazioni come le date delle prossime assemblee, gli ultimi atti presentati e quelli in evidenza, i politici più presenti al voto e quelli che hanno licenziato più atti. Inoltre, si constata che l’obiettivo principale degli utenti è stata la consultazione delle delibere, soprattutto se proposte dalla Giunta comunale, anche se non sono mancate visualizzazioni di profili di singoli amministratori. Fra le delibere più consultate una parte rilevante del traffico ha riguardato una delle principali manifestazioni enogastronomiche della Regione Friuli Venezia Giulia, Friuli Doc (8% delle sessioni). Fra le prime dieci delibere consultate troviamo anche alcune decisioni di urbanistica e lavori pubblici (2,3%), una che riguarda la nomina del Responsabile della conservazione digitale (1,9%), una decisione che riguarda i criteri per l’accesso ai servizi sociali (0,7%) e una che riguarda questioni di personale (adeguamento del contratto) (0,7%). Molte di queste delibere riguardavano argomenti specifici che probabilmente hanno attirato l’attenzione di gruppi ben definiti di cittadini (i commercianti per quanto riguarda Friuli Doc, gli operatori del settore edile – architetti, ingegneri, imprese – per quanto riguarda i lavori pubblici, i dipendenti comunali per quanto riguarda l’aggiornamento del contratto).

Tabella 2 Prime dieci pagine per consultazione (dal 1/3/2014 al 24/10/2016)

Titolo pagina

Informazioni sulla deliberazione

Sessioni

1

Home page

8101 (29,4%)

2

FRIULI DOC 2014. Approvazione delle date della XX° edizione.

Delibera della Giunta comunale, 26/11(2013

1627 (5,9%)

3

FRIULI DOC 2015. Approvazione delle date della XXI° edizione.

Delibera della Giunta comunale, 26/01/2015

572 (2,1%)

4

Nomina del Responsabile della conservazione digitale

Delibera della Giunta comunale, 18/06/2013

520 (1,9%)

5

Acquisizione, ai sensi dell’art. 31, comma 21, della Legge n. 448/98, di alcuni tratti di via Paolo Fistulario

Delibera del Consiglio comunale, 04/11/2013

307 (1,1%)

6

Assessore Comunale Antonella Nonino

247 (0,9%)

7

Indirizzo relativo all’applicazione del nuovo ISEE e all’elaborazione di un indicatore specifico per Udine da utilizzare per determinate fattispecie di prestazioni e servizi

Delibera della Giunta comunale, 10/12/2013

199 (0,7%)

8

Direttive alla Delegazione Trattante di Parte Pubblica per la Contrattazione Decentrata Integrativa. Adeguamento dei contratti collettivi decentrati integrativi al D.L. n. 150/2009 e D.L. 95/2012

Delibera della Giunta comunale, 18/03/2014

182 (0,7%)

9

Lavori di ampliamento e ristrutturazione per ottenimento CPI e agibilità CPVLPS del Palasport “Carnera”. Approvazione della perizia suppletiva e di variante n.1 e del nuovo quadro economico dell’intervento confermato in complessivi Euro 3.282.000,00

Delibera della Giunta comunale, 19/12/2013

176 (0,6%)

10

Proposta di “datio in solutum” a favore del Comune di Udine di alcuni immobili ubicati in via Laipacco di proprietà del signor Renzo Tosolini

Delibera del Consiglio comunale, 31/06/2013

166 (0,6%)

33Inoltre, è utile ricordare che i cittadini udinesi potevano registrarsi nella piattaforma in modo da monitorare l’attività di uno o più politici, ricevendo un’e-mail nel momento in cui veniva caricato un nuovo documento che riguardava il politico monitorato. Al 24 ottobre 2016 gli utenti registrati alla piattaforma erano in totale 133, mentre i monitoraggi erano 183. Gli assessori più monitorati risultavano essere Federico Pirone, assessore alla Cultura di Lista civica (monitorato da 14 cittadini), Alessandro Venanzi, assessore al Commercio e al Turismo del PD (11 cittadini) e Antonella Nonino, assessore ai Diritti di Lista civica (10 cittadini). I consiglieri più monitorati erano Claudia Gallanda del gruppo M5S (8 cittadini), Vanessa Passoni del Gruppo M5S (8 cittadini), Paolo Perozzo del M5S (6 cittadini), Maria Elena Porzio del M5S (5 cittadini), Hosam Aziz del PD (5 cittadini) e Lorenzo Bosetti del PdL (5 cittadini). Questi dati indicano che fra tutti gli utenti soltanto una esigua minoranza ha deciso di monitorare con continuità i politici, tanto che l’amministratore più seguito non vantava più di 14 cittadini che lo monitoravano.

34In sintesi, considerando il numero di utenti della piattaforma rispetto al totale dei cittadini udinesi (99.341 abitanti al 2016), considerando che gran parte degli utenti consultava un numero ridotto di pagine e frequentava per un breve tempo la piattaforma, nonché tenendo conto del numero particolarmente ristretto di cittadini che monitoravano le azioni degli amministratori, l’acquisizione on line di informazione da parte dei cittadini udinesi tramite Open municipio sembra sia stata limitata e sporadica.

5.2. Valutazione di Open municipio da parte dei cittadini

  • 4 Si ringrazia il dottor Eugenio Zanatta per aver somministrato i questionari e per aver condotto un (...)

35Questa seconda ricerca ha attivato un questionario composto da 18 domande, che riguardavano le modalità di utilizzo e la valutazione di Open municipio da parte dei cittadini di Udine e delle zone limitrofe4.

36L’indagine presenta un campionamento non probabilistico (o campionamento “di convenienza”). Con questo campionamento sono state preferenzialmente reclutate unità “particolari” rispetto alla popolazione, in particolare individui giovani (studenti) e con un buon livello di formazione (es. studenti universitari, ricercatori), lavoratori nel settore dell’ICT e dell’economia dell’immateriale (es. programmatori informatici, grafici, registi, sviluppatori di software, imprenditori, manager), individui che lavorano nella pubblica amministrazione (es. dirigenti, funzionari comunali), i quali erano quindi provvisti di caratteristiche che rendevano più probabile la conoscenza e la frequentazione della piattaforma. Questa selezione ha pregiudicato la possibilità di generalizzazione i risultati ma, vista la scarsa diffusione di Open municipio riscontrata nella precedente analisi quantitativa, ha permesso di identificare un campione in grado di fornire indicazioni interessanti.

37I questionari sono stati somministrati durante il 2017 in alcuni luoghi significativi: l’Università di Udine; il Parco scientifico e tecnologico Luigi Danieli (Friuli Innovazione), centro di ricerca e di trasferimento tecnologico e sede di numerose startup; il Lino’s & Co., spazio di co-design e co-working frequentato da creativi e consulenti che realizzano prodotti di design e servizi di comunicazione e marketing, Palazzo d’Aronco (sede del Comune di Udine); la sede dei Servizi informativi e telematici del Comune di Udine; la biblioteca civica “Vincenzo Joppi”. Nel totale dei 160 questionari raccolti, si contano 92 risposte da persone di sesso maschile e 68 da persone di sesso femminile. I rispondenti residenti nel Comune di Udine sono stati 66, 76 negli altri comuni della Provincia di Udine, mentre 17 in altre province (Pordenone, Gorizia, Trieste, Venezia, Treviso). Il 40% possedevano almeno una laurea, il 51% un diploma e il 9% la licenza di scuola media. Le tre professioni più ricorrenti sono state studente (49), impiegato o funzionario amministrativo (31), ingegnere, informatico, programmatore o sviluppatore di software (10). Non sono mancati i ricercatori (4), gli imprenditori (4), i grafici, designer, registi (3).

Figura 2. L’utilizzo della piattaforma da parte delle unità del campione

Figura 2. L’utilizzo della piattaforma da parte delle unità del campione

38In generale (figura 2), il 62% dei rispondenti non conoscevano la piattaforma, il 14% conoscevano la piattaforma ma non l’avevano mai utilizzata, il 24% conoscevano la piattaforma e l’avevano utilizzata almeno una volta. Il 9% l’avevano utilizzata una sola volta, il 13% varie volte, l’1,2% spesso (2 persone) e lo 0,6% ogni giorno (1 persona).

39È da segnalare che la conoscenza e l’utilizzo della piattaforma variano in base all’attività professionale degli individui intervistati (tabella 3). Ad esempio, i liberi professionisti (consulenti, ingegneri), gli imprenditori ed i commercianti intervistati che non conoscevano la piattaforma erano 4, mentre erano 8 quelli che la conoscevano, di cui 7 ne facevano uso per curiosità ma anche per motivi lavorativi (è presente il caso di uno studio di ingegneria che ricorreva alla consultazione di Open municipio per motivi professionali, probabilmente per consultare le delibere circa i lavori pubblici). Coloro che conoscevano ed utilizzavano la piattaforma in questo gruppo sono quindi il doppio rispetto a coloro che non avevano mai sentito parlare della piattaforma. Open municipio era conosciuta anche fra i lavoratori dipendenti di aziende private, gli impiegati, i funzionari della pubblica amministrazione, i lavoratori della cultura (insegnanti, ricercatori, giornalisti): erano 25 coloro che non conoscevano la piattaforma, 38 che la conoscevano, di cui 19 la avevano utilizzata almeno una volta. Ad esempio, alcuni funzionari del comune ricorrevano alla piattaforma “per uso interno”, ovvero per trovare velocemente le delibere che stavano cercando. La percentuale di persone intervistate che conoscevano la piattaforma calava fra gli studenti e fra i pensionati, ovvero fra coloro che non avevano motivazioni di tipo lavorativo per frequentare la piattaforma. Gli studenti che non conoscevano Open municipio erano ben 44, a fronte di 6 che la conoscevano e di 3 che l’avevano visionata almeno una volta. Nessuno dei 5 pensionati intervistati, invece, conosceva la piattaforma, complice probabilmente anche la scarsa familiarità con i mezzi di comunicazione informatici.

Tabella 3 L’utilizzo della piattaforma da parte di specifiche categorie professionali del campione

Categoria professionale

Non conosco la piattaforma

Conosco la piattaforma ma non la utilizzo

Conosco la piattaforma e l’ho utilizzata

Liberi professionisti, imprenditori e commercianti

4 (33,3%)

1 (8,3%)

7 (58,3%)

Lavoratori dipendenti (aziende private e PA)

25 (39,7%)

19 (30,2%)

19 (30,2%)

Studenti

44 (88%)

3 (6%)

3 (6%)

Pensionati

5 (100%)

0 (0%)

0 (0%)

40L’accesso alla piattaforma veniva effettuato da diversi luoghi (tabella 4): casa (50%, 19 risposte), ufficio (39,5%, 15 risposte), università (5,3%, 2 risposte), altro (5,3%, 2 risposte). Se la metà degli accessi degli intervistati era eseguito nelle loro case, per motivi di curiosità o per monitorare gli atti, erano rilevanti anche gli accessi dagli uffici, eseguiti da coloro che utilizzavano Open municipio principalmente per lavoro.

Tabella 4 Luoghi di accesso alla piattaforma da parte delle unità del campione

Casa

Ufficio

Università

Altro

19 (50%)

15 (39,5%)

2 (5,3%)

2 (5,3%)

41Le risposte alla domanda “per quale motivo si è collegato alla piattaforma?” hanno fornito ulteriori chiavi interpretative. In 11 hanno dichiarato di essersi collegati per curiosità, in 10 per motivi lavorativi, in 8 per avere informazioni che interessavano loro personalmente, in altri 8 per avere informazioni sulla politica locale. La motivazione principale, quindi, era la semplice curiosità, che però in genere non ha portato i rispondenti a frequentare la piattaforma in maniera continua nel tempo. Coloro che accedevano alla piattaforma per motivi lavorativi, invece, lo hanno fatto con frequenza maggiore: si è trattato soprattutto di coloro che lavoravano all’interno della PA, e che consultavano il sito per sé stessi o per i cittadini (l’unico rispondente che ha dichiarato di navigare ogni giorno sul sito è stato un portinaio del Comune che utilizzava Open municipio per rispondere alle richieste di informazione dei cittadini). Coloro che cercavamo informazioni sulla politica locale, infine, hanno manifestato un interesse legato al loro “essere cittadini”, ma erano solo il 5 per cento del campione (8 persone su 160 intervistati).

42La valutazione della piattaforma sembra aver diviso i rispondenti. Quando è stata posta la domanda “nelle intenzioni del Comune, la piattaforma Open municipio voleva promuovere la partecipazione dei cittadini alla vita politica della città. Secondo lei questo obiettivo è stata raggiunto o no?” in 16 hanno dato un voto “insufficiente” (da 1 a 5) mentre in 27 un voto almeno sufficiente. Questo sta a significare che la percentuale dei voti positivi, dal 6 al 10, è stata del 63%. Possiamo quindi dedurre che, fra coloro che utilizzavano Open municipio, la piattaforma è stata abbastanza apprezzata ed è risultata essere utile rispetto lo scopo per cui era stata realizzata. Tuttavia, non bisogna dimenticare che, fra coloro che conoscevano la piattaforma e la utilizzavano, il 37% reputavano la piattaforma non adeguata.

43Fra le motivazioni che hanno portato a dare un giudizio positivo troviamo il fatto che Open municipio rendeva “facilmente reperibili determinati documenti”, che “si riesce a capire facilmente dove trovare le informazioni” e che “permette un monitoraggio effettivo dei politici”, oltre alla sua “visibilità e facile fruibilità” e alle “informazioni aggiornate”. Dall’altro lato, alcuni rispondenti hanno fatto notare che fra gli aspetti negativi c’era “paradossalmente l’abbondanza di informazioni”, il fatto che il sistema “è troppo complesso”, il che ha spinto probabilmente alcuni a cercare le informazioni attraverso altri canali. Inoltre, è stato sottolineato il fatto che “le possibilità di interazione sono limitate e i temi trattati (oltre che il linguaggio amministrativo) sono complessi, quindi è difficile che molti partecipino”. Secondo alcuni vi è stata una “mancanza di comunicazione” della piattaforma, la quale “non ha coinvolto troppi cittadini”. Altri hanno sostenuto che “non c’è sufficiente affluenza di utenti che seguono gli amministratori comunali” e “se la gente non conosce la piattaforma è inutile”. Inoltre, alcuni sostengono che “vi è poca possibilità di interazione” e che “la partecipazione può essere espressa solamente dopo l’approvazione di un atto”.

44Per raggiungere l’obiettivo di una maggiora partecipazione, quindi, gli intervistati hanno suggerito innanzitutto una “maggiore pubblicizzazione della piattaforma”, una “maggior divulgazione pubblicitaria di piattaforme come Open municipio”, ad esempio attraverso “una maggiore condivisione della piattaforma nei social”, ma anche attraverso metodi più classici: incontri pubblici e addirittura “volantinaggi”. Inoltre, secondo alcuni si sarebbe potuto estendere il livello di partecipazione attraverso l’“inserimento delle bozze [di delibera] prima dell’approvazione di un atto”, oltre che di “piani di governo sempre aggiornati con possibilità di commentare”. I cittadini, comunque, hanno segnalato che per raggiungere l’obiettivo di una maggiore partecipazione vi potevano essere anche ulteriori strade che non contemplavano necessariamente l’utilizzo del digitale. È stato fatto riferimento, infatti, non solo ad “app e piattaforme con linguaggio più diretto”, ma anche ad “incontri nelle scuole”, “incontri faccia a faccia nei quartieri”, ad “assemblee frequenti (insieme alla popolazione) per discutere di vari argomenti”, al metodo del “bilancio partecipativo”, a “sondaggi e focus group (per genere, età ecc.)”, oppure rafforzando la rappresentanza riproponendo “la figura del consigliere di quartiere, per raccogliere le esigenze del singolo”. Non sono mancati infine, coloro che ritenevano che servirebbero “cittadini più interessati” e che bisognerebbe “elevare il livello culturale dei cittadini (investimenti sulla formazione/istruzione)”.

5.3. Come i vertici dell’Amministrazione comunale vedono la partecipazione dei cittadini

45La terza analisi, di tipo qualitativo, mirava invece ad approfondire le aspettative che gli amministratori pubblici riponevano nella piattaforma Open municipio, nonché le valutazioni secondo il loro punto di vista sulla sua efficacia. Essa è costituita da cinque interviste semi-strutturate somministrate a tre politici e due dirigenti. I politici coinvolti sono stati Furio Honsell, Sindaco dal 2008 al 2018, Paolo Coppola, Assessore all’Innovazione e all’e-government dal 2008 al 2013 (che hanno inaugurato la piattaforma in città) e Daniela Perissutti, Assessore alle Circoscrizioni, politiche dell’ascolto e innovazione dal 2018 (che ha chiuso la piattaforma udinese). I dirigenti coinvolti sono stati, invece, coloro che hanno avuto responsabilità dirette nella gestione tecnica della piattaforma: Carmine Cipriano, Segretario Generale del Comune e Responsabile alla trasparenza e all’anticorruzione e Antonio Scaramuzzi, Dirigente del Servizio sistemi informativi e telematici.

46La piattaforma, spiegano gli intervistati, è stata proposta dall’organo politico e non dai cittadini: Open municipio è stata un’iniziativa chiesta dal Sindaco Honsell e promossa dall’Assessore Coppola, anche se – precisa Honsell – “l’esigenza della trasparenza era stata decisiva nella campagna elettorale del 2008, era una di quelle parole chiave che era stata ripetuta molto spesso”.

47Come mette in luce il sindaco Honsell, l’obiettivo principale di Open municipio era quello di aiutare i cittadini a colmare la distanza anche conoscitiva tra loro e l’istituzione pubblica del Comune: “c’è un notevole deficit di conoscenza su come funzionano i meccanismi della politica, anche amministrativa, ed è chiaro che questo è uno strumento che può colmare un po’ questo deficit e in un certo senso anche una certa distanza fra cittadini e politici. Credo che molto spesso i cittadini non sappiano neanche quanti siano i consiglieri comunali, pensano che il Sindaco sia Presidente del Consiglio comunale, pensano che gli Assessori siano dei Consiglieri comunali, non sanno quanti sono. Figuriamoci se conoscono i nomi, figuriamoci se quando viene il momento delle elezioni sanno che cos’è il ballottaggio, che cosa sono le preferenze, come vengono allocati i seggi in base alle preferenze, quali sono le liste. A meno che non siano una ristretta schiera di persone, quelle più appassionate di politica, le dinamiche anche solo elettorali sono perlopiù ignote. […] Forse allora Open municipio aiuta a colmare questa distanza anche conoscitiva e implicitamente a educare chi invece sente la passione per la politica”.

48Si trattava di uno strumento aperto a tutti e disponibile, quindi, ma che veniva effettivamente seguito solo da una minoranza di persone, da chi aveva la passione per la politica. Continua Honsell: “mi piaceva il concetto di openness, di società aperta, il famoso tema della casa di vetro, il municipio come spazio trasparente. […] Tuttavia, non è uno strumento che riesca a raggiungere il largo pubblico, è uno strumento disponibile per tutti ma tutto sommato non si è mai fatto notare molto, ha sempre tenuto un profilo basso, non c’è mai stato un momento dove veramente Open municipio ha fatto la differenza per una decisione amministrativa, e questa è la cosa che mi è dispiaciuta. Si sa che è una pratica sana per la politica, anche grazie a questo strumento siamo entrati nelle élite delle città trasparenti, però ancora non è stata decisiva. […] Quello che manca a Open municipio è essere una killer application, non è stato raggiunto un momento topico dove è stato fatto un salto. Non dico che i cittadini non la conoscano, perché chi è appassionato di politica probabilmente la conosce, chi si occupa di e-government la conosce benissimo, però non c’è stato ancora un momento in cui si è verificato un passaggio d’epoca, nella maniera più assoluta”.

49Analisi, quella del Sindaco, sintetizzata così dall’assessore che ha seguito il lancio della piattaforma a Udine, Paolo Coppola: “l’aspettativa era che i cittadini partecipassero attivamente. Le aspettative sono state soddisfatte quasi per nulla. I numeri di partecipazione sono bassissimi e le interazioni sono molto scarse nel complesso”.

50Il Segretario generale Cipriano “non ha avuto riscontri dai cittadini” sulla piattaforma; gli fa eco il Dirigente di sistemi informativi Scaramuzzi secondo cui “i riscontri non sono stati moltissimi”. Sulla stessa linea anche l’Assessore Perissutti: “non ho avuto riscontri dai cittadini, ma soltanto dai politici, dagli amministratori e dai dipendenti, che ne apprezzavano la velocità di utilizzo per la ricerca degli atti”. Anche per Coppola i riscontri sono stati “molto pochi. Apprezzamenti generici. Le delibere del comune sono poco interessanti per i cittadini”. Pure il Sindaco Honsell si è soffermato sulle delibere e sul fatto che consultare i documenti presenti sulla piattaforma richiedeva impegno: Open municipio non ha cambiato in maniera sostanziale la partecipazione a Udine “forse perché purtroppo richiede troppo sforzo, è uno strumento ancora molto difficile, devi leggere le delibere, devi entrare in una logica di approfondimento. Oppure forse perché alla fine le persone vogliono partecipare solo quando il tema è veramente vicino, quando lo sentono come proprio, sennò in linea di massima delegano e, diciamocelo pure, alla fine c’è una certa fiducia nel sistema”.

51Tuttavia, tutti i politici ritengono che la partecipazione dei cittadini sia molto importante. Secondo Honsell “è indubbio che bisognerebbe moltiplicare gli spazi di espressione perché i cittadini, come si è visto con l’ultimo referendum costituzionale che voleva abolire il Senato e le province, alla fine sentono che si può sacrificare l’efficienza molto più facilmente della rappresentanza. Vogliono molto di più poter contare”. Anche Perissutti crede che “in un’epoca di massima disaffezione per la politica e di individualismo esasperato, la partecipazione deve essere incentivata, sostenuta e resa “semplice” e coinvolgente per i cittadini”. Al tempo stesso, però, il problema è che “spesso la partecipazione rimane un fenomeno di tipo elitario: non tutti hanno il tempo, le possibilità economiche […] o il grado di istruzione necessario per riuscire efficacemente a informarsi, a essere propositivi, a comprendere il funzionamento delle istituzioni, a formulare proposte o a dare opinioni qualificate”. “La partecipazione – sostiene Coppola – è necessaria alla democrazia. Purtroppo, la soglia d’accesso, di solito, è molto alta. Per partecipare occorre avere il tempo per approfondire e spesso i cittadini non hanno il tempo o gli strumenti necessari. Senza l’adeguato approfondimento la partecipazione rischia di essere strumentalizzata e, d’altra parte, la partecipazione ai processi decisionali li rende meno veloci. Sicuramente la partecipazione è utile nei processi di controllo”.

52Il concetto di controllo è tornato più volte nelle risposte. “È chiaro – ha constatato Honsell – che questo strumento fa apparire chiaramente alcune dinamiche del Consiglio comunale come le presenze, chi vota contro o a favore, chi vota diversamente dal gruppo di appartenenza; questo rende più responsabili tutti ed è ancora più difficile nascondersi. Soprattutto è molto più difficile fare dei trucchi come togliere la scheda al momento del voto, o non essere presente; queste piccole furbizie del Consiglio comunale grazie a Open municipio si possono scoprire più facilmente”. Sull’importanza che l’ente pubblico abbia promosso l’attività di controllo da parte dei cittadini si è focalizzato nelle sue risposte Carmine Cipriano, Segretario generale del Comune: la partecipazione “è da ritenersi sempre positiva, non solo per eventuali suggerimenti, proposte o critiche, ma anche e soprattutto perché la pubblicazione dei dati della Pubblica Amministrazione e la conseguente partecipazione dei cittadini integra anche un controllo di legittimità e di merito sull’azione amministrativa: ciò comporta, come primo risultato, la necessità di operare nel rispetto delle norme e di dare attuazione a quegli obiettivi di efficacia ed efficienza cui l’attività amministrativa deve essere rivolta”. Aggiunge Cipriano: “Grazie a questi strumenti di trasparenza il controllo degli atti è esercitato non solo dalla magistratura, ma anche dai cittadini comuni”.

53Valutando i pro (la trasparenza e la facilità di ricerca dei documenti) e i contro (soprattutto la scarsa partecipazione), l’Assessore Perissutti ha infine deciso, a fine 2018, di chiudere la piattaforma. “Si presentava – ha spiegato Perissutti – un problema di esiguo interesse da parte dei cittadini. Dopo diversi anni di funzionamento della piattaforma, vi erano soltanto 190 utenti registrati. Di questi utenti, solo 59 monitoravano attivamente i contenuti. Gli accessi alla piattaforma, senza registrazione e quindi per mera consultazione, erano anch’essi molto bassi. Le informazioni presenti in Open municipio si potevano comunque rintracciare in altre sezioni del sito, in maniera completa. A fronte dello scarso utilizzo e interesse da parte della cittadinanza, e dell’informazione e trasparenza comunque garantiti dal sito istituzionale del Comune, si presentava un chiaro problema di costi. La spesa, dal 2012 al 2018, (comprensiva di setup iniziale, canone annuo, manutenzioni e quote associative), aveva raggiunto il totale di 59.418 €”.

6. Discussione

54Le domande di ricerca cui abbiamo inteso dare una risposta in questo studio sono: come e quanto è stata utilizzata Open municipio dai cittadini? Che tipo di valutazione ne hanno fatto gli attori politici e i cittadini? Che effetti ha avuto questa piattaforma sulla partecipazione civica, politica e democratica della comunità udinese? La piattaforma è riuscita a realizzare l’obiettivo degli ideatori della piattaforma, ovvero quello di promuovere una partecipazione orizzontale e non intermittente da parte di cittadini, oppure si è limitata ad avere una funzione di monitoraggio delle decisioni prese dalle istituzioni? Per quali motivazioni la piattaforma è stata, infine, chiusa?

55In generale, i risultati delle tre analisi ci portano a concludere che la piattaforma è stata utilizzata da una stretta minoranza dei cittadini, che le informazioni sulle attività politiche e amministrative non hanno stimolato nei cittadini un’interazione partecipativa generalizzata e diffusa ma piuttosto hanno promosso il controllo degli atti e delle decisioni da parte di alcuni cittadini motivati. Del resto, anche se molti cittadini intervistati hanno valutato positivamente il fatto che ci siano state maggiori opportunità per la trasparenza, la comunicazione e l’interazione con l’amministrazione, sono stati alcuni amministratori in prima persona (non cittadini, associazioni o gruppi di interesse) a promuovere la piattaforma, credendo che la partecipazione fosse importante per la qualità della democrazia e dell’attività dell’ente pubblico. In particolare, la partecipazione è importante per le classi dirigenti in quanto è alla base della loro legittimità, legittimità che viene messa in crisi nel momento in cui i cittadini disertano le urne elettorali o riducono la loro partecipazione ad attività politiche, partitiche e associative. Inoltre, l’attenzione a promuovere la partecipazione da parte del ceto politico italiano nella cosiddetta Seconda Repubblica, secondo Ubaldi, Roy (2010) e Faccioli (2016), è legata alle vicende dello scandalo di Tangentopoli (che ha spinto a cercare di ricostruire la fiducia nel sistema politico) e alle tendenze federaliste (che mirava a dare maggiore importanza alla voce e alle esigenze delle comunità locali). Probabilmente, infine, l’adozione di Open municipio ha fatto anche parte di una strategia di “citytelling” che l’amministrazione di allora voleva dare a Udine, narrandone l’identità urbana come caratterizzata da apertura, modernità, innovazione (Rolando, 2015).

56Tuttavia, nonostante le motivazioni degli amministratori e pur essendo riconosciuta come una buona pratica, alla prova dei fatti la piattaforma Open municipio non ha raggiunto a Udine un tasso di partecipazione tale da portare ad una modifica sostanziale nella pratica politica cittadina e nel modo di amministrare la città. Come abbiamo visto, dinamiche simili sono state riscontrate anche in altre sperimentazioni, ad esempio quando, a fine 2012, alcuni amministratori pubblici hanno deciso di utilizzare Liquid Feedback per la discussione delle politiche del distretto del Friesland in Germania. Come ha rilevato ironicamente Morozov (2013), anche l’“onnipotente software” ha fallito nell’intento di stimolare i cittadini a interessarsi delle questioni monotone e arcane della politica. Una simile considerazione si può svolgere a proposito di Open municipio: il software permetteva certamente di caricare in maniera tempestiva e di classificare in maniera ordinata gli atti del comune, permetteva anche analisi e commenti. Tuttavia, i cittadini interessati a conoscere gli atti del comune dovevano pur sempre confrontarsi con le difficoltà e la fatica che inevitabilmente è necessario compiere per leggere interrogazioni, delibere e mozioni che in genere argomentano lungamente e nel dettaglio, con linguaggio giuridico e con riferimenti tecnici e specifici (le considerazioni di Honsell a tal proposito sono eloquenti). Un altro aspetto che è stato riscontrato nello studio condotto da Norris e Reddick (2012) tra le amministrazioni locali negli Stati Uniti, e che è rintracciabile anche a Udine, è che i cittadini teoricamente vogliono partecipare, ma che non sempre questo sentimento si trasforma in una richiesta mirata. Non a caso, come è emerso nelle interviste agli amministratori e ai tecnici responsabili di Open municipio, l’istituzione della piattaforma udinese è nata da un impulso “top down” dell’Amministrazione, in particolare dall’allora assessore Coppola che ha interpretato un “generico” sentimento della cittadinanza.

57Queste dinamiche posso avere diverse spiegazioni. Come abbiamo già anticipato la partecipazione si può intendere in senso forte (dove chi partecipa rivendica la capacità di determinare alcune scelte) e in senso debole (dove chi partecipa si limita ad agire in un contesto già predeterminato da altri). Come acutamente Ceri (1996) sottolinea, “il problema della partecipazione si pone ogni volta che si manifestino, da soli o in congiunzione, i due fenomeni seguenti: a) lo sviluppo di istanze sociali volte a rivendicare accesso in determinate sfere di vita o arene decisionali e facoltà d’azione in esse; b) l’esigenza di favorire, da parte di chi dispone di potere e controlla sfere di vita e arene decisionali, l’estensione ad altri dell’accesso e della capacità d’azione.” L’analisi dell’implementazione di servizi informatici come la piattaforma Open municipio si inserisce nel punto b: uno degli effetti della globalizzazione è che oggi il potere politico non riesce più a redistribuire la ricchezza in maniera efficace tra i suoi cittadini. In questo clima generale di sfiducia, oggi Internet dà almeno la possibilità di monitorare l’“ordinaria” amministrazione del bene pubblico. Ma, probabilmente, le potenzialità di Internet sono frenate dal fatto che molti cittadini non credono che i propri rappresentanti possano davvero cambiare i destini delle comunità.

  • 5 Come indicano recenti ricerche cognitive e sperimentali, gli esseri umani non sono perfettamente r (...)

58Inoltre, non solo in Internet ci si rivolge soltanto a coloro che sono in grado di utilizzare tale strumento (Vehovar et al., 2007), ma è anche da considerare che i cittadini interessati alla politica attiva sono sempre stati una minoranza: essere “buoni cittadini” è un impegno spesso non compatibile con l’organizzazione di una vita lavorativa e familiare dai ritmi già frenetici (paragrafo 2). È infatti possibile che le caratteristiche cognitive degli individui costituiscano una sorta di “collo di bottiglia” nei confronti delle potenzialità dello strumento tecnologico. L’attenzione, la concentrazione, la riflessione sui temi politici interagiscono con lo strumento di comunicazione, ma dipendono primariamente dal modo in cui gli individui raccolgono le informazioni e le elaborano (Giacomini, 2016a)5. I cittadini hanno numerose attività da svolgere durante il giorno (di tipo familiare, lavorativo e professionale, ludico e ricreativo, ecc.) oltre a quelle civili e politiche. La scarsità di tempo è un ostacolo ad informarsi in maniera approfondita e completa, anche a causa dell’allungamento delle giornate lavorative (Bennett, 1998), e per interessarsi di politica bisogna spesso togliere tempo ad altre attività ricreative e sociali.

59Come hanno ricordato Honsell e Coppola durante le interviste, Open municipio richiede ai cittadini tempo e attenzione, è uno strumento di conoscenza e di partecipazione esoso dal punto di vista cognitivo. La sua struttura e la sua “affordance” incentiva un atteggiamento di approfondimento e di studio. Tuttavia, anche a causa della mancata ma auspicabile semplificazione del linguaggio burocratico (Fioritto, 1997; Rolando, 2014), leggere e commentare gli atti caricati in Open municipio ha costi cognitivi elevati, dati dalla complessità dei documenti. Comprendere le delibere presentante in una singola giunta o in un consiglio comunale ha costi cognitivi maggiori di quelli necessari a seguire un comizio ed esageratamente maggiori rispetto a seguire un telegiornale o i social network – si pensi, ad esempio, a Twitter, caratterizzato dalla semplificazione del messaggio (Bentivegna, 2015). Si informano e partecipano alla piattaforma, quindi, coloro che sono molto motivati: come ha messo in luce la seconda ricerca, a frequentare Open municipio con continuità sono soprattutto coloro che lo fanno per motivi lavorativi (es. ingegneri, liberi professionisti, dipendenti pubblici). Coerentemente con questa tesi, nell’intervista l’assessore Perissutti ha notato che la piattaforma era utilizzata soprattutto dai dipendenti del comune (che apprezzavano l’efficacia della funzione di ricerca degli atti), mentre il dirigente Scaramuzzi ha sostenuto che “i cittadini non sono forse abituati a partecipare alla vita pubblica utilizzando questa tipologia di strumenti [come Open municipio], privilegiandone forse altri che veicolano informazioni più sintetiche come Facebook o Twitter”.

60In conclusione, le tre analisi proposte mettono in luce in modo realistico le potenzialità ma anche i limiti di questa piattaforma (i quali hanno portato alla chiusura dall’esperienza udinese): rispetto alle dimensioni che la partecipazione può evocare, tale piattaforma si è ritagliata una dimensione limitata, seppur di per sé importante, delle pratiche comunicative, quella del controllo e del monitoraggio dell’operato dei suoi amministratori. Sembrano invece piuttosto carenti i risultati dal punto di vista della partecipazione, che era l’obiettivo principale dei suoi ideatori (partecipazione nella sua accezione forte). Rifacendosi, quindi, al modello di Reddick (2011) sulle forme di partecipazione civica e politica attraverso i nuovi media, Open municipio sembra avvicinarsi al primo modello di e-government, quello manageriale, si limita quindi ad una logica comunicativa de facto senza feedback, ovvero ad avere una funzione prevalente di monitoraggio delle decisioni prese dalle istituzioni. La piattaforma udinese sembra invece più lontana al secondo modello (consultivo) e soprattutto al terzo (partecipativo), quello più vicino all’e-democracy e alla partecipazione orizzontale e non intermittente da parte di cittadini, anche perché l’amministrazione non ha utilizzato la piattaforma per “innescare”, a partire dalla pubblicazione degli atti dei politici, pratiche ed esperienza di intervento “diretto” dei cittadini, magari delegano loro alcune decisioni (es. bilancio partecipativo).

7. Conclusioni

61Come suggeriscono Bentivegna (2006) e Vaccari (2012), abbiamo cercato di analizzare l’esperienza udinese di Open municipio partendo dalla considerazione che i nuovi media vanno analizzati in rapporto alle caratteristiche degli utilizzatori e alle loro strategie d’uso. Dal presente studio è emerso infatti che, sebbene sia tecnicamente possibile creare nuove vie per la partecipazione dei cittadini, queste nuove opportunità devono essere sempre messe in relazione con le motivazioni personali degli utenti, le loro caratteristiche cognitive, il contesto politico e sociale (Silverstone e Hirsh, 1994).

62Il caso di Open municipio a Udine sembra suggerire l’idea che piattaforme di e-government in cui è possibile monitorare le attività della politica non debbano essere intese come strumenti per sostituire la democrazia rappresentativa, ma per rafforzare la qualità della democrazia sia favorendo l’accesso ad atti e decisioni sia integrando – per quanto possibile e senza aspettative irrealistiche – nuove forme di partecipazione nel tessuto tradizionale delle istituzioni: siamo di fronte ad una “democrazia ibrida” (Diamanti, 2014), in cui si sovrappongono e si intrecciano forme tradizionali di partecipazione politica (ad esempio il voto, tipico della democrazia rappresentativa) con forme nuove, sollecitate dalle recenti innovazioni telematiche. Come è emerso dal presente studio, piattaforme come Open municipio a tutt’oggi appaiono soprattutto come strumenti di monitoraggio, di controllo, di valutazione per chi è interessato ad informarsi ed interagire con l’amministrazione, come luoghi digitali che aiutano a sostenere la democrazia rappresentativa. La piattaforma, detto altrimenti, era aperta e disponibile nei confronti di “cittadini monitoranti” (Schudson, 1998) che non sono “omnicompetenti” ma che sono inclini a diverse forme di controllo: la vigilanza critica, la denuncia, la verifica (Ceccarini, 2015). Piattaforme come Open municipio valorizzano insomma un tipo particolare di impegno (quello del monitoraggio), allargano almeno potenzialmente la possibilità di sorveglianza dei cittadini sulla politica, tenendo comunque conto che l’abbondanza di informazioni (su Open municipio erano caricate molte centinaia di atti) può anche ingenerare un meccanismo di “sovraccarico cognitivo” e produrre l’effetto di “inibire” gli utenti (Giacomini, 2013; Keane, 2013).

63Il limitato utilizzo da parte dei cittadini e il fatto che Open municipio Udine, alla luce delle ricerche e a differenza da quanto auspicato dai suoi proponenti, abbia favorito più la dimensione del monitoraggio rispetto a quello della partecipazione, tuttavia, non devono fare concludere che la piattaforma non abbia dato il suo (seppur piccolo e parziale) contributo alla qualità dell’amministrazione pubblica. Teniamo a sottolineare, infatti, che la disponibilità per tutti di consultare atti e decisioni è un aspetto centrale in democrazia: come sostiene Bobbio (1984), la democrazia può essere descritta come il governo del potere visibile, “il governo del potere pubblico in pubblico”. Non a caso, facendo riferimento a Kant, Bobbio ricorda che è proprio l’uso pubblico della propria ragione ad esigere la pubblicità degli atti del potere politico. Anche Habermas (1962) sottolinea l’importanza della cosiddetta opinione pubblica per i sistemi politici democratici: l’opinione pubblica ha il diritto di pretende di discutere e criticare gli atti del potere pubblico e di esigere per questo, e non può non farlo, la pubblicità degli atti, delle decisioni, dei dibattiti. La pubblicità degli atti del potere, ricorda ancora Bobbio, rappresenta il vero e proprio momento di svolta nella trasformazione dello stato moderno da assoluto a stato di diritto: “c’è pur sempre una differenza fra autocrazia e democrazia, giacché in quella il segreto di stato è una regola, in questa un’eccezione regolata da leggi che non ne permettono indebite estensioni” (p. 104). In una democrazia la pubblicità è la regola, il segreto l’eccezione.

64In questo senso, non è tanto importante che un grande numero di cittadini legga effettivamente gli atti dei governi e delle amministrazioni, ma che vi sia la possibilità di farlo. Si potrebbe quindi concludere che, anche se la piattaforma è stata chiusa, la sua funzione non si trovava tanto nella quantità di cittadini che hanno preso parte al governo della comunità attraverso Open municipio, quanto nel fatto che i cittadini (ma anche giornalisti, studiosi, rappresentanti di categorie, portatori di interesse ecc.) erano messi in grado, all’occorrenza, di monitorare facilmente e comodamente il potere politico, attivando poi quelle forme di azione politica e di partecipazione che avrebbero ritenuto più opportune.

65Barbieri M., Talamo S. (2014), Lo stato aperto al pubblico, Milano, Il Sole 24 Ore edizioni.

66Bennett L. (1998), The Uncivic Culture: Communication, Identity, and the Rise of Lifestyles Politics, «P.S. Political Science and Politics», 31, 4, pp. 741-761.

67Bentivegna S. (2006), Rethinking Politics in the World of ICTs, «European Journal of Communication», 21, 3, pp. 331-343.

68Id. (2015), A colpi di tweet. La politica in prima persona, Bologna, il Mulino.

69Bobbio N. (1984), Il futuro della democrazia, Torino, Einaudi.

70Brewer J. Hunter A. (2006), Foundations of Multimethod Research. Synthesizing Styles, Thousand Oaks, Sage.

71Campbell A., Converse P.E., Miller W.E. e Stokes D.E. (1960), The American Voter, New York-London, John Wiley and Sons Inc.

72Ceccarini L. (2015), La cittadinanza online, Bologna, il Mulino.

73Ceri P. (1996), Partecipazione sociale, in Enciclopedia delle scienze sociali, http://www.treccani.it/​enciclopedia/​partecipazione-sociale_(Enciclopedia-delle-scienze-sociali)/​, ultimo accesso 4/3/2018.

74Chadwick A. (2006), Internet Politics: States, Citizens, and New Communication Technologies, New York, Oxford University Press.

75Creswell J.W. (2003), Research Design. Qualitative, Quantitative, and Mixed Methods Approaches, Thousand Oaks, Sage.

76CTI Liguria (2014), La città digitale. Sistema nervoso della smart city, Milano, Franco Angeli.

77De Blasio E. (2014), Democrazia digitale. Una piccola introduzione, Roma, Luiss University Press.

78Id. (2018), Il governo online. Nuove frontiere della politica, Roma, Carocci.

79De Rosa R. (2014), Cittadini digitali. L’agire politico al tempo dei social media, Santarcangelo di Romagna, Maggioli.

80Diamanti I. (2014), Democrazia ibrida, Roma-Bari, Laterza.

81Faccioli F. (2016), Comunicazione pubblica e media digitali: la prospettiva del public engagement, «Problemi dell’informazione», XLI, 1, pp. 13-36.

82Fici A. (2002), Internet e le nuove forme di partecipazione politica, Milano, Franco Angeli.

83Fioritto A. (a cura di) (1997), Manuale di stile. Strumenti per semplificare il linguaggio delle amministrazioni pubbliche, Bologna, il Mulino.

84Forrester Research (2007), Social Technographics®. Mapping Participation In Activities Forms The Foundation Of A Social Strategy, https://www.forrester.com/​report/​Social+Technographics/​-/​E-RES42057, ultimo accesso 16/2/2019.

85Fortunati L. (2007), Immaterial Labor and its Machinization, «Ephemera. Theory & Politics in Organization», 7, 1, pp. 139-157.

86Gallino L. (1993), Dizionario di Sociologia, Milano, Tea.

87Giacomini G. (2013), When Less is More: A Cognitive and Experimental Approach for Public Policies and Normative Implications, «Notizie di Politeia», 112, pp. 48-57.

88Id. (2016a), Psicodemocrazia. Quanto l’irrazionalità condiziona il discorso pubblico, Milano, Mimesis.

89Id. (2016b), La democrazia dialogica imperfetta, «Notizie di Politeia», 122, pp. 3-21.

90Id. (2018), Potere digitale. Come Internet sta cambiando la sfera pubblica e la democrazia, Milano, Meltemi.

91Grottendieck N. (2013), Political Partecipation Through Technology, «Proceedings RTMI».

92Habermas J. (1962), Strukturwandel der Öffentlichkeit. Untersuchungen zu einer Kategorie der bürgerlichen Gesellschaft, Suhrkamp Verlag, Frankfurt am Main, trad. it. (2005), Storia e critica dell’opinione pubblica, Roma-Bari, Laterza.

93Hindman M. (2009), The Myth of Digital Democracy, Princeton, Princeton University Press.

94Kahneman D. (2011), Thinking Fast and Slow, New York, Farrar Straus and Giroux.

95Keane J. (2013), Democracy and Media Decadence, Cambridge, Cambridge University Press.

96Mancini P. (2002), Il sistema fragile. I mass media in Italia tra politica e mercato, Roma, Carocci.

97Margolis M., Resnick D. (2000), Politics as Usual: The Cyberspace “Revolution”, London, Sage.

98Mazzoleni G. (2012), La comunicazione politica, Bologna, il Mulino.

99McLean I. (1966) Concise Dictionary of Politics, Oxford, Oxford University Press.

100Mill J.S. (1859), On liberty, trad. it. (2009), Saggio sulla libertà, Milano, Il Saggiatore.

101Morozov E. (2013), To Save Everything, Click Here: The Folly of Technological Solutionism, trad. it. (2014), Internet non salverà il mondo, Milano, Mondadori.

102Nielsen J. (2006), The 90-9-1 Rule for Participation Inequality in Social Media and Online Communities, https://www.nngroup.com/​articles/​participation-inequality/​, ultimo accesso 16/2/2019.

103Norris D.F. e Reddick C.G. (2012), Local E-Government in the United States: Transformation or Incremental Change?, «Public Administration Review», 71, 1, pp. 165-175.

104OCSE (2001), Citizens as Partners. Information, Consultation and Public Participation in Policy-Making, https://www.oecd-ilibrary.org/​governance/​citizens-as-partners_9789264195561-en, ultimo accesso 16/2/2019.

105Pasquino G. (1997), Corso di scienza politica, Bologna, il Mulino.

106Pateman C. (1970), Participation and Democratic Theory, Cambridge, Cambridge University Press.

107Porlezza C. (2016), Dall’open journalism all’open government? Il ruolo del data journalism nella trasparenza e nella partecipazione, «Problemi dell’informazione», XLI, 1, pp. 167-194.

108Reddick C.G. (2011), Citizen interaction and e-government: Evidence for the managerial, consultative, and participatory models, «Transforming Government: People, Process and Policy», 5, 2, pp.167-184.

109Riva C. (2014), Partecipazione e politica nei new media, in Stella R., Riva C., Scarcelli C. M., Drusian M. (2014), Sociologia dei New Media, Novara, De Agostini.

110Rodotà S. (1997), Tecnopolitica. La democrazia e le nuove tecnologie della comunicazione, Roma-Bari, Laterza.

111Rolando S. (2014), Comunicazione, poteri e cittadini. Tra propaganda e partecipazione, Milano, Egea.

112Id. (2015), Citytelling. Raccontare identità urbane. Il caso Milano, Milano, Egea.

113Sarrica M., Grimaldi F. e Nencini A. (2009), Rappresentazioni sociali della partecipazione. Una ricerca esplorativa con giovani veneziani, Conferenza internazionale “Giovani e società”, Forlì, 26-28 marzo 2009.

114Schudson M. (1998), The Good Citizen: A History of American Civic Life, New York, The Free Press.

115Seriani L.L. (2006), Partecipazione politica e astensionismo secondo un approccio di genere, www.istat.it/istat/eventi/2006/partecipazione_politica_2006/partecipazionepolitica.pdf, ultimo accesso 4/3/2018.

116Silverstone R. e Hirsch E. (1994) (a cura di), Consuming Technologies: Media and Information in Domestic Spaces, London, Routledge.

117Simon H.A. (1982), Models of Bounded Rationality, Cambridge, Mit University Press.

118Smith A. (1759) Theory of Moral Sentiments, trad. it. (1995), Teoria dei sentimenti morali, Milano, BUR.

119Solito L. (2004), Cittadini e istituzioni: come comunicare, Roma, Carocci.

120Sorice M. (2014), I media e la democrazia, Roma, Carocci.

121Ubaldi B.C. e Roy J. (2010), E-government and Federalism in Italy and Canada, in Reddick C.G. (2010), Comparative e-government, New York, Springer.

122Vaccari C. (2012), La politica online, Bologna, il Mulino.

123Vehovar V., Sicherl P., Hüsing T. e Dolnicar V. (2007) Methodological Challenges of Digital Divide Measurements, «The Information Society», 22, 5, pp. 279-290.

Torna su

Note

1 Anche Pateman (1970), ha considerato due differenti tipologie di partecipazione: quella parziale e quella completa. La partecipazione parziale è definita come un processo in cui due o più parti si influenzano reciprocamente riguardo una decisione da prendere, ma il potere di compiere la scelta finale rimane a una sola delle due parti. Al contrario, la partecipazione completa è quando ogni partecipante al processo decisionale ha egual potere di determinare il risultato finale.

2 https://parlamento18.openpolis.it/ (ultimo accesso 16/2/2019).

3 http://www.openmunicipio.it/progetto.html (ultimo accesso 22/2/2019).

4 Si ringrazia il dottor Eugenio Zanatta per aver somministrato i questionari e per aver condotto una prima analisi dei risultati.

5 Come indicano recenti ricerche cognitive e sperimentali, gli esseri umani non sono perfettamente razionali ma sono razionalmente limitati, ovvero hanno una possibilità di calcolo e di riflessione non infinite (Simon, 1982; Kahneman, 2011).

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Figura 1. Elementi dell’homepage di Open municipio Udine (2012-2018)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2649/img-1.jpg
File image/jpeg, 290k
Titolo Figura 2. L’utilizzo della piattaforma da parte delle unità del campione
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/2649/img-2.jpg
File image/jpeg, 69k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gabriele Giacomini, « La piattaforma Open municipio alla prova dei fatti »Quaderni di Sociologia, 80 | 2019, 113-142.

Notizia bibliografica digitale

Gabriele Giacomini, « La piattaforma Open municipio alla prova dei fatti »Quaderni di Sociologia [Online], 80 | 2019, online dal 01 mars 2020, consultato il 28 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/2649; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.2649

Torna su

Autore

Gabriele Giacomini

Università di Udine

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search