Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri68la società contemporanea / Sfere ...Presentazione

la società contemporanea / Sfere pubbliche e crisi della democrazia in Europa

Presentazione

Giorgio Grossi
p. 3-4

Testo integrale

11. Le prospettive della democrazia nel mondo contemporaneo sono sempre più connesse alla qualità delle varie sfere pubbliche che sono il luogo principale in cui la partecipazione politica dei cittadini assume la sua dimensione cognitiva, discorsiva e simbolica. Questo è ancora più vero per l’Unione Europea che sta attraversando ormai da anni una profonda crisi economica, una crisi sociale e più recentemente anche una crisi politica, senza una adeguata risposta delle sue istituzioni sovranazionali e senza un reale dibattito pubblico sulle possibili soluzioni da parte dei suoi abitanti.

2Anzi, la recente crisi dei flussi migratori verso l’Europa rischia di mettere a nudo le contraddizioni di un processo di unificazione che non è stato mai in grado di costruire un confronto tra stati nazionali e popoli europei sulla loro concezione della democrazia e sul patrimonio culturale che storicamente li caratterizza. Inoltre, la tendenza attuale verso la creazione di un anomalo «federalismo degli esecutivi» (Habermas) a detrimento di forme sostantive di rappresentanza politica nel parlamento europeo segnala un ulteriore problema: stiamo andando verso uno spazio pubblico europeo sempre più rissoso, controversiale e strumentale, che invece di mettere a tema un progetto politico condiviso finisce per essere la cassa di risonanza dei particolarismi nazionali e degli interessi irriflessi sovranazionali.

 

32. L’obiettivo è allora quello di avviare un percorso di analisi e di discussione sul futuro della democrazia dell’Unione europea, partendo proprio dal nucleo della sua dimensione politica: la sfera pubblica come luogo deputato dell’articolazione collettiva della democrazia stessa.

4I primi contributi che vengono pubblicati in questo numero della rivista rappresentano, speriamo, l’inizio di questo nuovo impegno di riflessione che dovrebbe riguardare l’intera collettività del vecchio continente, ma che richiama in primo luogo la responsabilità intellettuale dei suoi studiosi e analisti più consapevoli.

5Se la politica non vuole abdicare al suo ruolo nel governo democratico, non può più dimenticare che il destino della democrazia stessa è legato sempre più alla partecipazione – a tutti i livelli – dei suoi cittadini. E la prima forma è proprio la presa di parola, il confronto e la condivisione delle scelte. Ecco perché occorre tornare a riflettere sui fondamenti cognitivi e relazionali della vita sociale, se non vogliamo distruggere, dopo «lo stato sociale», l’altro pilastro della tradizione emancipativa europea: l’uso pubblico della parola.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giorgio Grossi, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 68 | 2015, 3-4.

Notizia bibliografica digitale

Giorgio Grossi, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 68 | 2015, online dal 01 novembre 2015, consultato il 03 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/281; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.281

Torna su

Autore

Giorgio Grossi

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale. Università di Milano-Bicocca

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search