Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri68la società contemporanea / Sfere ...La sfera pubblica tedesca nell’Eu...

la società contemporanea / Sfere pubbliche e crisi della democrazia in Europa

La sfera pubblica tedesca nell’Europa della crisi

The German public sphere in the European crisis
Walter Privitera
p. 23-34

Abstract

Contrary to the long pro-European tradition of post-war Germany, a silent repositioning of German governments and public opinion on EU topics has taken place in recent years. Europe’s unification is no longer a shared ideal, but rather a controversial issue and target of attacks by populist politicians, even in the government. In this paper I point out some steps of the transformation of German political debate about Europe. I also pose the question how it was possible that, over the last years, a generally critical and cosmopolitan public sphere like the German developed a narrow and populist narrative of the euro crisis in the main media.

Torna su

Testo integrale

1Prima della crisi finanziaria del 2008 l’Unione europea era un costrutto politico che, nonostante l’affievolirsi dello slancio degli ideali europeisti del dopoguerra, continuava a rappresentare per i suoi cittadini un’esperienza riuscita di pacificazione del continente e un progetto democratico in lenta ma costante crescita. Anche le frequenti critiche al deficit di democrazia delle sue istituzioni erano formulate nello spirito di un’auspicata democratizzazione. L’Europa unita continuava a essere, almeno nelle sfere pubbliche dei paesi fondatori, non solo un obiettivo indiscusso, ma anche un pilastro dell’identità politica collettiva dei suoi cittadini.

2Oggi la crisi finanziaria e del debito, oltre a impoverire drammaticamente milioni di cittadini e ridefinire brutalmente i rapporti di potere all’interno dell’Unione, produce forti incomprensioni tra i governi e in taluni casi veri conflitti. Per molti il problema non è più la cattiva realizzazione di un buon ideale politico, ma l’ideale stesso (Scharpf, 1999). Il segno di fondo degli anni della crisi è una strisciante rinazionalizzazione dell’Europa (Martinelli, 2013), evidente non solo nella forma dei populismi, ma anche in mutamenti delle culture politiche e della qualità delle sfere pubbliche che toccano persino i paesi tradizionalmente più fedeli agli ideali europei.

3Uno dei casi più rilevanti di rinazionalizzazione della cultura politica è quello della Germania. Se fino a pochi anni fa questo paese era ancora il più europeista dell’Unione, oggi è investito da una trasformazione difficile da decifrare. In Germania i movimenti apertamente populisti hanno fatto meno presa che altrove, eppure anche qui i temi e i tratti distintivi del populismo sono ben presenti nella sfera pubblica.

4La tesi che cercherò di illustrare è che i governi tedeschi degli ultimi due decenni hanno assecondato, e talvolta anche favorito, un profondo mutamento di orientamento dell’opinione pubblica, e da protagonisti di un comune progetto politico europeo si sono trasformati nel corso degli anni in lobbisti dell’interesse economico nazionale. L’aspetto forse più interessante di tale processo, ancora in corso ma ormai chiaro nella tendenza, è che tra i cittadini tedeschi questo mutamento di prospettiva ha avuto luogo in una certa misura inconsapevolmente, attraverso una sistematica spoliticizzazione della questione europea che pacifica il paese al proprio interno ma polarizza i rapporti tra la Germania e gli altri Stati d’Europa. La trasformazione della sfera pubblica tedesca e dei suoi media gioca in tale processo un ruolo centrale.

5Negli anni ottanta i dissidenti della Germania orientale chiamavano Dresda «la valle degli ignari» (Das Tal der Ahnungslosen), perché questa città, posta all’estremo sud est della DDR, era l’unica dove non arrivava il segnale televisivo della Germania occidentale. Oggi la crisi finanziaria e dei debiti sovrani, mentre nei paesi della cosiddetta periferia impoverisce milioni di cittadini e destabilizza gli equilibri politici, produce in Germania nuove forme di disinformazione che allontanano i cittadini dall’Europa. Non si ha a che fare, ovviamente, con un’aperta censura come ai tempi della DDR, quanto piuttosto con un’egemonia culturale e tematica esercitata con intenti ideologici da parte della politica, di alcuni potentati economici e dei media, che avvolge come una cappa opprimente la sfera pubblica tedesca e da lì si irradia anche nel resto d’Europa. Il nuovo discorso egemonico sull’Europa non informa eppure infiamma gli animi, e sembra destinato a erodere il consenso su cui si reggeva la pacifica accettazione del processo di integrazione europea per lasciare al suo posto un clima di diffuso risentimento nutrito dal riemergere di pregiudizi come mai era accaduto nella ormai non breve storia del progetto europeo.

6La domanda che intendo affrontare è la seguente: com’è possibile che un paese con uno dei sistemi mediatici più indipendenti e pluralistici del mondo, con una stampa di qualità di alto livello e con una sfera pubblica vigile e capace di grandi controversie democratiche sia diventato preda di una narrazione populistica della crisi che nel volgere di pochi anni ha rimesso in discussione più di mezzo secolo di cultura europeista?

7Per tentare di trovare una risposta, in primo luogo prenderò in considerazione la reazione tedesca alla crisi finanziaria partita dagli Stati Uniti e poi arrivata anche in Europa. Cercherò poi di ricostruire il passaggio dalla crisi finanziaria a quella dei debiti sovrani e la narrazione politica che di tale passaggio è stata fatta. Infine farò alcune osservazioni sui problemi che ostacolano il rilancio del progetto europeo.

1. Alle origini della crisi: il neoliberismo dissimulato della politica tedesca

8Il punto di svolta del discorso politico tedesco sull’Europa può essere fatto risalire al fallimento della costituzione europea, accantonata nel 2004 dopo il responso negativo dei referendum in Francia e in Olanda. Fino a quel momento l’idea di un’Europa federale godeva ancora di un forte sostegno nella sfera pubblica, ma già si andavano delineando, anche all’interno del governo di coalizione tra socialdemocratici e verdi, altre tendenze. Il ministro degli esteri Fischer, che pure nel 2000, con uno storico discorso presso l’Università di Berlino, aveva lanciato l’idea di una costituzione per l’Europa (Fischer, 2000), tenta, negli stessi anni, di negoziare una riforma dell’ONU che attribuisca alla Germania (e non all’Unione europea) il ruolo di membro permanente del Consiglio di sicurezza. Inoltre i crescenti rischi di destabilizzazione dei paesi prima appartenenti al blocco sovietico inducono il governo tedesco a spingere per un rapido ampliamento verso est dell’Unione, anche a scapito del suo approfondimento in senso federale tra i paesi fondatori. Al di là delle singole scelte contraddittorie, ciò che retrospettivamente si può affermare è che in quegli anni si verifica un silenzioso riposizionamento della politica europea tedesca. Il paese che nei decenni precedenti aveva sempre adottato un approccio comunitario che metteva al centro della sua politica gli interessi dell’intera Unione (basti pensare a politici come Adenauer, Schmidt o Kohl), comincia a preferire un metodo intergovernativo in base al quale sono i singoli paesi dell’Unione ad assumere l’iniziativa politica e a negoziare tra di loro le decisioni da prendere. Così, impercettibilmente, per Berlino l’Europa cessa di essere un progetto politico cui tendere insieme e comincia a trasformarsi in un semplice fatto economico da amministrare.

9Il contesto più generale in cui ciò accade è quello dell’affermazione del modello neoliberista, che subordina la politica ai mercati (Crouch, 2009; 2011). In Germania non si verificano svolte radicali come quella imposta da Margaret Thatcher alla Gran Bretagna, e il neoliberismo non riesce mai a conquistare un seguito di massa. Tuttavia esso si afferma ugualmente, in forma per così dire dissimulata, perché diventa egemone tra le élite politiche ed economiche sia del blocco conservatore che di quello progressista. I leader del sessantotto tedesco, che approdano al governo nel 1998, imprimono al paese una forte spinta modernizzatrice, soprattutto sul piano della cultura politica, che diventa più liberale, e della vita civile, che acquista un profilo decisamente post-tradizionale. Sul piano economico, invece, si fa strada una tendenza opposta. Negli anni della coalizione rosso-verde si abbassa l’aliquota fiscale massima sui redditi, si realizza la cosiddetta Agenda 2010 che ridimensiona il welfare e si crea un nuovo settore di lavoro precario a basso costo (Horn, 2005). Le elezioni politiche del 2005 rappresentano da questo punto di vista una specie di momento della verità. Il cancelliere Schröder paga i tagli al welfare con la perdita del governo, ma anche la sfidante Merkel, data fino all’ultimo in nettissimo vantaggio, compromette la piena vittoria con i liberali quando, pochi giorni prima del voto, annuncia di voler abolire la proporzionalità dell’imposizione per sostituirla con una flat tax del 25%.

10Questa doppia sconfitta elettorale di politiche e programmi neoliberisti, da cui nasce la prima Grosse Koalition a guida Merkel (in questo senso una coalizione di sconfitti), è importante per inquadrare gli sviluppi successivi. Da quel momento in avanti la politica della Germania sarà guidata da due élite politiche divise su molti punti, ma concordi nell’intento di trasformare in maniera strisciante la costituzione economica del paese in senso liberista, a dispetto delle forti resistenze diffuse nell’elettorato di entrambi i blocchi. La politica tedesca assume così un peculiare doppio registro: in pubblico rimane fedele a quell’economia sociale di mercato che aveva fatto rinascere il paese dopo la guerra e gli aveva assicurato crescente benessere e libertà. Nei circoli ristretti della politica economica e finanziaria, al riparo dai riflettori dei media, persegue invece una politica economica che guarda alla deregulation finanziaria americana e britannica.

2. Il grande occultamento: dalla crisi finanziaria a quella dei debiti sovrani

11La segreta sudditanza culturale della politica tedesca nei confronti del neoliberismo e degli ambienti finanziari anglosassoni si traduce in una legislazione finalizzata a mettere le banche tedesche in condizione di concorrere con quelle americane e inglesi. Ciò avviene senza che la sfera pubblica riesca a cogliere, tra i tecnicismi degli interventi in materia finanziaria, le dimensioni della posta in gioco. Il nuovo corso finanziario tedesco non muta nemmeno con le prime crisi bancarie che si manifestano in Germania già molto presto, agli inizi del nuovo secolo. Il governo, infatti, reagisce con un fatale errore di valutazione: invece di limitare le attività finanziarie ad alto rischio, ritiene che le difficoltà delle banche derivino da un’insufficiente deregulation finanziaria rispetto a quella assicurata ai concorrenti anglosassoni, e vara un ampio pacchetto in tal senso (Gallino, 2013, 156 ss.). Quando nel 2008 scoppia la crisi dei subprime, la Germania è, assieme alla Francia, il paese più colpito dell’Eurozona. Le sue banche, che più delle altre avevano seguito l’esempio americano, si trovano sommerse di titoli «avariati» che renderanno necessari di lì a poco salvataggi molto onerosi per il contribuente tedesco. Angela Merkel, che nel 2009 aveva vinto le elezioni assieme ai liberali con il 48,4% dei voti, si trova rapidamente a dover affrontare una grave crisi di consensi. Nell’agosto del 2010 i sondaggi danno la coalizione di governo al 34%, e gli scandali legati ai colossali ammanchi delle Landesbanken (le banche regionali strettamente legate ai partiti e piene di dirigenti sia democristiani che socialdemocratici) rischiano di peggiorare ulteriormente la situazione. Ciò che la crisi delle banche tedesche rischia di portare sotto gli occhi dell’opinione pubblica è la doppiezza culturale di entrambi i grandi partiti: ufficialmente difensori dello Stato sociale e nei fatti intimamente legati agli ambienti bancari neoliberisti travolti dalla crisi.

12Questa situazione pressoché disperata cambia improvvisamente quando la Grecia, nell’aprile del 2010, ufficializza una richiesta di aiuto finanziario all’UE e al Fondo monetario internazionale. In tal modo nella crisi bancaria si innesta una nuova crisi: quella del debito pubblico. È bene tenere presenti gli ordini di grandezza. Già nel 2010 il costo che la Germania da sola deve accollarsi per il salvataggio del settore finanziario domestico corrisponde alla cifra stratosferica di 620 miliardi di euro, circa un quarto del PIL (Gallino, 2013, 169). Per il salvataggio di Grecia, Irlanda e Portogallo la quota tedesca nel luglio del 2012 ammonta invece a 54 miliardi di crediti, che in buona parte non lasciano la Germania perché sono utilizzati per soddisfare le sofferenze delle banche tedesche che incautamente avevano investito in titoli di quei passi (Monti, 2012). Al 2013 solo il 22,46% degli aiuti stanziati per la Grecia è stato messo effettivamente a disposizione del bilancio pubblico ellenico (Gammelin, Löw, 2014, 347). Il cosiddetto salvataggio della Grecia è in realtà soprattutto un salvataggio dei creditori tedeschi e francesi.

13Nonostante questa evidente sproporzione tra i problemi delle banche e quelli del bilancio ellenico, la sfera pubblica tedesca si concentra immediatamente sul tema del debito e solleva un’imponente ondata di indignazione collettiva del tutto anomala, se confrontata con ciò che accade negli altri paesi europei chiamati anch’essi, al pari della Germania, a versare la propria quota per gli aiuti alla Grecia. Anche la dinamica di questo mutamento di clima e di egemonia tematica ha tratti inediti per la Germania postbellica. I primi a muoversi sono i fogli scandalistici come la «Bild Zeitung», che lancia una campagna prima contro il governo greco e poi contro gli stessi Greci, descritti come inaffidabili e desiderosi di vivere a spese del contribuente tedesco. Ma poi, visto il successo di opinione ottenuto dai giornali, anche il governo inizia a cavalcare questo tema con crescente spregiudicatezza. Merkel e i suoi ministri, che nel maggio del 2010 devono affrontare le elezioni del Land Nordrhein-Westfalen e sono molto indietro nei sondaggi, decidono di puntare tutto sulla carta populista. Presentandosi come il titolare della virtù economica contro le presunte smodate richieste di aiuto della Grecia, il governo Merkel occulta la crisi finanziaria domestica e pone al centro dell’attenzione mediatica le responsabilità greche, cui seguiranno poco dopo quelle irlandesi, portoghesi e spagnole. Da quel momento la ricerca del consenso interno diventa la vera bussola della politica europea della Germania, con conseguenze di enorme portata per l’Europa intera.

14Sul piano economico il veto tedesco del 2010 contro un sollecito programma europeo di sostegno alla Grecia rende manifesta, per la prima volta, la difficile governabilità dell’Eurozona e l’estrema vulnerabilità di una moneta con un unico tasso di cambio ma con differenti tassi di interesse. L’eventualità, in precedenza impensabile, che uno dei paesi dell’area dell’euro potesse essere lasciato fallire crea panico nei mercati internazionali e scatena spaventose ondate di speculazione ai danni delle economie più deboli, che improvvisamente vedono alzarsi a livelli insostenibili gli interessi sul loro debito. Contemporaneamente si abbassano oltre ogni ragionevole misura gli interessi sui titoli tedeschi, sempre più percepiti dagli investitori come uno dei pochi porti sicuri d’Europa.

15Sul piano politico interno le concessioni del governo agli slogan del populismo xenofobo hanno l’effetto del crollo di una diga. Come in un surreale gioco mediatico di specchi, nella sfera pubblica tedesca la grottesca narrazione di una Germania unico paese virtuoso circondato da partner famelici si moltiplica in infinite variazioni. Nel giugno del 2012 la cancelliera dichiara che l’Europa non si farà tenere al guinzaglio dalla Grecia; nell’agosto dello stesso anno il ministro delle finanze bavarese Söder sostiene che con la Grecia bisogna statuire un esempio per tutti gli altri paesi in crisi; nel maggio del 2014 il capo della CSU Seehofer arriva a esigere un diritto di veto per la Germania in seno alla Banca centrale europea. Di fronte alla richiesta, da parte di numerosi Stati europei e di economisti di fama internazionale, di pensare a come distribuire in Europa i costi degli shock economici dovuti alla crisi (in particolare l’abnorme squilibrio dei tassi d’interesse), il governo e il mondo mediatico rispondono quasi unanimemente col mantra populista di una Germania chiamata a pagare per tutti. Il 14 giugno 2012 «Die Zeit», uno dei più austeri e rinomati giornali del mondo, titola, come un qualsiasi foglio di strada, «tutto il mondo vuole i nostri soldi». La narrazione di un’Europa di irresponsabili questuanti cui il governo di Berlino si oppone con saggia fermezza assicura alla CDU di Angela Merkel una travolgente rimonta nei sondaggi. Dal 29% del luglio del 2010 il governo risale al 43% del febbraio 2013, ponendo le basi per la rielezione nel settembre dello stesso anno. Merkel viene considerata la salvatrice dell’euro (Brost, 2014), e continua a conservare questa fama presso il proprio elettorato anche dopo la vittoria di Syriza in Grecia.

3. Le distorsioni della sfera pubblica tedesca

16Questa breve cronaca fa sorgere la domanda circa le cause che possono aver provocato un mutamento di atteggiamento verso l’Europa tanto repentino e profondo.

17Per quanto suggestivo possa apparire, è improbabile che l’improvviso spostamento del baricentro tematico della lunga crisi europea possa essere il risultato di un’iniziativa volutamente concertata (Gallino, 2013, 159 s.). Non è escluso, anzi è verosimile, che alcuni circoli politico-economici abbiano premuto in questa direzione, ma il fenomeno che rimane da spiegare non è l’input, bensì l’output, ossia il travolgente successo del discorso sul rigore presso l’opinione pubblica tedesca – un successo che non viene seriamente scalfito nemmeno nel 2015, quando il fallimento delle politiche recessive imposte ai paesi in crisi diventa particolarmente evidente e comincia a produrre effetti importanti come la vittoria di Syriza in Grecia.

18In società complesse è difficile che si creino posizioni di potere tanto forti da riuscire a pilotare con sicurezza la sfera pubblica politica. Persino l’esperienza italiana dell’ultimo ventennio, con la sua abnorme concentrazione di influenza economica e controllo politico, mostra che col potere politico-mediatico si può provocare la spaccatura di un paese, ma non la sua completa omologazione. In Germania, invece, le semplificazioni della retorica di Merkel, unite all’intervento mediatico massiccio di un ampio stuolo di economisti ordoliberali contrari da sempre all’euro (Sinn, 2014), godono di un consenso molto ampio, anche nell’elettorato socialdemocratico e in quello verde, composto in gran parte da ceti medi riflessivi. Evidentemente il suo messaggio tocca corde profonde dell’animo tedesco. Non mancano, ovviamente, le voci critiche che denunciano con lucidità i pericoli della deriva populista (Habermas, 2014; Altvater, 2013; Offe, 2013; Bofinger, 2013). Ma la novità rispetto al passato è che, persino negli ambienti intellettuali di sinistra (tradizionalmente europeisti), queste critiche trovano solo una parziale risonanza. Buona parte dei ceti intellettuali è invece attratta da opzioni nostalgiche di ritorno alla dimensione nazionale, considerata come l’unica entro cui il popolo può davvero preservare la propria sovranità (Streeck, 2013).

19Va ricordato che col passare degli anni la crisi del debito ha acquistato, come tutti sanno, una sua reale dinamica. Gli effetti psicologici sui mercati finanziari provocati dal veto tedesco del 2010 a un sollecito soccorso alla Grecia, uniti all’interesse della speculazione finanziaria a scommettere sul collasso dell’euro, sono stati talmente imponenti da destabilizzare realmente, uno dopo l’altro, i paesi dell’Europa meridionale, prima con una violenta impennata degli interessi per i debiti sovrani e poi con una pesantissima recessione, aggravata da intempestive politiche di rigore.

20Inoltre l’occultamento del nesso di causa ed effetto tra la crisi bancaria e quella del debito è stato facilitato dal fatto che i paesi dell’Europa meridionale scontano antiche fragilità strutturali che li rendono effettivamente più esposti alla speculazione finanziaria internazionale. Si è creata così una fatale confusione tra i problemi strutturali legati alla scarsa modernizzazione dei paesi del Sud e i problemi congiunturali legati alla dinamica della crisi. Come chi pretenda di impartire lezioni teoriche di nuoto a persone che stanno annegando, la Germania continua a chiedere ai paesi in crisi riforme incisive, ma ignora le emergenze prodottesi a catena dall’inizio della crisi greca in avanti. Del resto, questa percezione selettiva della crisi è ben vista (e certamente alimentata) dal governo di Berlino, che ha un evidente, anche se inconfessabile interesse ad approfittare degli enormi vantaggi che la crisi del debito dei paesi periferici regala alla Germania (interessi sul debito tedesco molto bassi o addirittura negativi; tasso di cambio dell’euro particolarmente basso che favorisce soprattutto l’export tedesco; credit crunch nei paesi in crisi e credito facile in Germania che consente alle imprese tedesche di rilevare a prezzi di saldo le imprese in difficoltà dei paesi vicini).

21Naturalmente, in questo mix di semplificazioni populiste e vantaggi economici tratti dalla crisi altrui, il governo tedesco accresce il proprio consenso elettorale, ma finisce anche col divenirne ostaggio. Non è un’esagerazione sostenere che dal 2010 a oggi Merkel, come un apprendista stregone, è diventata prigioniera dei pregiudizi che il suo governo ha contribuito ad alimentare. E deve pertanto insistere, pena la perdita di parte del proprio elettorato, nella forsennata politica di risparmio che ha precipitato l’Europa meridionale nella più drammatica crisi degli ultimi ottant’anni. Ciò è tanto più vero oggi, mentre si sta affermando stabilmente nel panorama politico tedesco un nuovo partito estremista (Alternative für Deutschland) che, proprio sui temi europei, radicalizza il populismo di Merkel e, per la prima volta, contende voti alla CDU da destra, minacciando in tal modo di rendere strutturalmente minoritario il blocco conservatore moderato.

22In questa drammatica spirale un ruolo di primo piano spetta naturalmente al sistema dei media. La Germania gode di un assetto mediatico fortemente pluralistico che, da una prospettiva come quella italiana, appare come un vero paradiso di libertà, nonostante una non trascurabile dipendenza di parte del giornalismo televisivo dalla politica. Tuttavia anche questa libertà sembra condurre, negli anni della crisi, a gravi distorsioni, in un certo senso speculari rispetto a quelle di cui soffrono i paesi in cui la presenza della politica nei mezzi d’informazione è più massiccia. Un altro tipo di dipendenza dei media è infatti quella dal mercato, che negli ultimi anni ha provocato, nella stampa tedesca, una spirale qualitativa al ribasso non dissimile da quella che in Italia si osserva nel settore televisivo. Quando persino nei migliori giornali (come la «Süddeutsche Zeitung», la «Zeit» o la «Frankfurter Allgemeine Zeitung») i più stimati commentatori economici sono costretti a difendere dogmaticamente l’irragionevole politica pro-ciclica imposta ai paesi in crisi, ben sapendo che la quasi totalità dei governi e delle istituzioni internazionali, nonché degli economisti di fama, guarda a Berlino con incredula perplessità, la causa può essere solo la dipendenza economica delle testate giornalistiche dagli umori dei lettori, una dipendenza tanto forte da far temere che articoli marcatamente controcorrente rispetto alle semplicistiche favolette sul risparmio possano comportare un grave danno in termini di vendite. Significativo è a tal proposito il caso del «Financial Times Deutschland», l’unica testata coerentemente critica nei confronti della politica europea tedesca, che nell’autunno del 2012 è costretto a chiudere. Così, dal 2010 in avanti, in Germania si è andata creando, senza bisogno di una vera regia politica centrale, una sorta di bolla mediatica del conformismo merkeliano che, con le sue ricette semplicistiche (i «compiti a casa» e altre amenità), soddisfa le aspettative dei lettori/elettori e viene incontro alle esigenze governative, trasformando gli Stati europei in soggetti morali da premiare o da punire (Streeck, 2013). L’esempio degli eurobond è illuminante. Questo strumento finanziario, che assieme a un governo europeo dell’economia sarebbe, secondo numerosi esperti internazionali, la soluzione più razionale per superare la crisi, nella sfera pubblica tedesca è stato ormai tanto diffamato da avere acquisito uno stigma indelebile, qualcosa di simile al termine «borbonico» per gli italiani o «socialismo» per i polacchi. Parlarne in modo serio è impossibile. Del resto, questo meccanismo inibitore della discorsività pubblica non tocca solo il mondo dei media. Anche il partito socialdemocratico e i verdi, che all’inizio della crisi sostenevano la necessità di introdurre gli eurobond, hanno finito, nell’ultima campagna elettorale del 2013, col rinunciare a parlarne, convinti che ogni posizione diversa dal netto rifiuto di Merkel li avrebbe condannati a una sicura sconfitta.

4. Conclusioni

23Questa schematica ricostruzione dei mutamenti della sfera pubblica tedesca negli anni della crisi può dare lo spunto per alcune considerazioni conclusive.

24In primo luogo la crisi finanziaria ha messo in luce i limiti di un profilo istituzionale dell’Europa incompiuto e ipercomplesso, che produce incertezze decisionali e inefficienza politica. Persino per una sfera pubblica tradizionalmente vigile e raffinata come quella tedesca, l’Europa, nella sua attuale architettura, è un oggetto troppo complicato da comprendere. Così ciascun paese costruisce le proprie strategie di semplificazione. Nel caso tedesco l’ampio consenso d’opinione ottenuto dalla politica dei risparmi sembra risultare da una narrazione della crisi che confonde le differenze culturali tra i paesi europei e i problemi congiunturali della crisi, riattivando sorprendentemente vecchi e pericolosi sedimenti di cultura nazionale.

25È del tutto evidente, per chi conosce l’Europa, che la Germania, con la sua amministrazione efficiente, la scarsa presenza di fenomeni corruttivi, lo Stato sociale sviluppato e una costante concertazione della politica economica, ha conseguito livelli di benessere e di qualità della vita nettamente superiori a quelli di paesi, come l’Italia, che per decenni si sono colpevolmente affidati a una classe politica corrotta o di scarsa levatura. Se ciò, fino a vent’anni addietro, poteva essere ancora un dato non chiaramente percepibile, oggi si mostra in maniera incontrovertibile, anche per l’osservatore più sprovveduto. La consapevolezza di questo divario produce nell’elettorato tedesco una fiducia sistemica verso il proprio paese che spesso si manifesta a prescindere dal merito delle politiche perseguite e indipendentemente dalla qualità – attualmente molto modesta – del personale politico al governo. Tale fiducia si conferma a maggior ragione quando la cancelliera impone agli altri governi (ben noti per decenni di disastri politici) cose tanto di «buon senso» come i risparmi. Che proprio i risparmi imposti in piena recessione siano economicamente insensati e abbiano ingigantito la crisi, è quasi del tutto ignorato nei grandi canali della comunicazione di massa.

26Ma la forma più preoccupante di fuga populistica dalla complessità è la riemersione di uno spirito nazionale antico, con inquietanti venature xenofobe, che trova in Germania un crescente consenso, specie quando esso si può far strada quasi inavvertitamente e senza traumi, per lenta mutazione dei temi politici e assuefazione al lessico del nazionalismo. Sebbene nel panorama politico tedesco siano ancora presenti, nei partiti di sinistra e anche in importanti settori del partito democristiano, numerosi politici ed elettori genuinamente europeisti, la costante sottolineatura, nella sfera pubblica, delle prerogative della banca centrale tedesca, del parlamento tedesco, della corte costituzionale tedesca e degli interessi del contribuente tedesco come variabili indipendenti dal resto della concertazione europea, crea un clima di rivalutazione della dimensione nazionale che per certi versi riproduce, su scala europea, la logica dei movimenti autonomisti o secessionisti che operano nei contesti nazionali. Ciò che accomuna l’opinione pubblica tedesca alle forze autonomiste di altri paesi dell’Unione è il timore che i problemi di altre aree meno fortunate possano mettere a repentaglio il benessere acquisito. Tali paure sono talmente forti che anche i politici tedeschi che per formazione e cultura potrebbero contrastare questa deriva (socialdemocratici e verdi), si sono ormai rassegnati a subire il sequestro pubblico degli ideali europei con la stessa afasia (se non vera subalternità) con cui le principali forze della sinistra italiana hanno subito l’egemonia del ventennio berlusconiano. Anche la socialdemocrazia tedesca si è rivelata, negli anni della crisi, una sinistra che non ha il coraggio delle proprie idee sull’Europa, e che rimane pertanto condannata a perdere identità e consensi.

27Il maggiore pericolo politico di questo nuovo spirito nazionale sta nell’inedita pretesa egemonica di cui il governo di Berlino si sente investito. Il metodo intergovernativo, con cui ciascun governo persegue il proprio interesse nazionale, distrugge a lungo andare il già debole senso di appartenenza a un progetto comune e crea uno squilibrio strutturale a favore degli Stati più forti, che si abituano a compiere scelte politiche di portata europea guardando però soltanto all’elettorato nazionale. Questo metodo non può che accrescere l’instabilità dell’Unione, perché con esso i paesi europei, nonostante le forti interdipendenze sul piano sistemico, devono rendere conto solo a sfere pubbliche nazionali estranee le une alle altre. I cittadini tedeschi non sanno pressoché nulla delle discussioni in Italia, Francia o Gran Bretagna e viceversa. E ciò accade sebbene l’esperienza svizzera insegni che un buon sistema mediatico plurilingue potrebbe sicuramente risolvere questo problema.

28Attualmente è improbabile che in Germania, come in altri paesi europei, si possa fare strada spontaneamente, dal basso, un rinnovato spirito europeista capace di contrastare il diffuso scetticismo che si è manifestato anche nei risultati delle ultime elezioni europee. Ciò tuttavia non significa che il progetto europeo sia fallito. Come si è già osservato per il caso tedesco, tra i paesi dell’Eurozona il ritorno alla nazione avviene in forma strisciante, senza porsi come una vera alternativa di principio all’Unione. C’è insomma motivo di ritenere che la stanchezza verso l’Europa possa essere superata se l’Unione tornerà a essere un fattore di benessere per tutti e se riuscirà a darsi un assetto più semplice e comprensibile per i cittadini. Detto in altri termini: se riuscirà a (ri)politicizzarsi. Inoltre non va sottovalutata la resistenza inerziale che inevitabilmente esercita un sistema giuridico-burocratico complesso come l’Unione europea. Smantellarla non sarebbe affatto facile.

29Per quanto paradossale possa apparire, oggi il rilancio del progetto politico europeo potrebbe passare per una sorta di ribellione delle istituzioni europee che negli anni della crisi sono state di fatto (ma non di diritto) defraudate del loro potere. A causa del susseguirsi delle emergenze della crisi, che richiedevano decisioni immediate, l’Europa si è dovuta affidare all’iniziativa dei governi (metodo intergovernativo). I più efficienti e organizzati tra essi (quello tedesco e quello britannico) sono riusciti in tal modo a creare una sorta di asse che ha conferito loro un potere molto maggiore di quello che potrebbero esercitare nel normale alveo delle procedure comunitarie. Per conservare tale accresciuto potere, i governi con ambizioni egemoniche hanno interesse a ostacolare i progetti comunitari come il governo europeo dell’economia, la realizzazione di una vera unione bancaria e l’attribuzione alla Banca centrale europea dei poteri di intervento di cui godono tutte le altre banche centrali. Parlamento e Commissione, però, sembrano oggi intenzionati a riscattarsi dall’asservimento alle cancellerie nazionali, e ad avviare un processo di riconquista dell’iniziativa politica che passa per il rafforzamento del potere legislativo europeo (Brunkhorst, 2014; 2015).

30Già circa un ventennio addietro, Habermas aveva parlato della funzione di stimolo che le istituzioni europee potrebbero esercitare per creare una comune sfera pubblica e una più forte identità di cittadini europei (Habermas, 1996, 375). Oggi questo stimolo potrebbe venire da un benefico confronto tra il Parlamento (supportato dalla Commissione) e i governi nazionali – un confronto, e se necessario uno scontro, sull’assetto istituzionale di cui l’Europa ha bisogno per far fronte alle sfide del futuro. Un primo importante passo in questa direzione è stato mosso con la presentazione in campagna elettorale europea di candidati alla presidenza della Commissione europea. Da ciò è già scaturita una prima disputa politica (tra Parlamento e capi di governo) che ha indicato chiaramente chi vuole davvero democratizzare l’Europa e chi invece preferisce continuare a governarla nelle segrete stanze dei vertici intergovernativi. A questo primo passo ne seguiranno probabilmente altri, sul governo economico dell’Europa e su una più netta differenziazione istituzionale tra paesi che aderiscono all’euro e altri che ne vogliono rimanere fuori. Già un’agenda del nuovo Parlamento e della nuova Commissione impostata su questi temi potrebbe bastare, sull’onda del crescente scontento nei paesi della periferia, a riavviare il confronto politico sul futuro dell’Unione, e forse a far passare in secondo piano le grettezze nazionali che negli ultimi anni hanno fatto perdere di vista la dimensione epocale del progetto europeo.

Torna su

Bibliografia

Altvater E. (2013), Der politiche Euro, in Blätter für deutsche und internationale Politik (a cura di), Demokratie oder Kapitalismus? Europa in der Krise, Berlin, Blätter Verlagsgesellschaft mbH.

Bofinger P. (2013), Das infernalische Dreieck, in Blätter für deutsche und internationale Politik (a cura di), Demokratie oder Kapitalismus? Europa in der Krise, Berlin, Blätter Verlagsgesellschaft mbH.

Brost M. (2014), Merkels Erzählungen. Die Kanzlerin gilt als Retterin des Euro, als die Frau, die Europa zusammenhält. Aber stimmt das denn auch?, «Zeit online Deutschland», 24.6.2014, http://www.zeit.de/politik/deutschland/2014-06/angela-merkel-politik-beliebtheit.

Brunkhorst H. (2014), Das doppelte Gesicht Europas, Berlin, Suhrkamp.
Id. (2015), La crisi del potere legislativo in Europa, «Politica & Società», 2015, 1, pp. 27-42.

Crouch C. (2004), Postdemocrazia, Roma-Bari, Laterza, 2009.
Id. (2011), Il potere dei giganti. Perché la crisi non ha sconfitto il neoliberismo, Roma-Bari, Laterza, 2012.

Fischer J., Vom Staatenverbund zur Föderation – Gedanken über die Finalität der europäischen Integration, Humboldt-Rede, 12.5.2000, http://www.europa.clio-online.de/site/lang__de/ItemID__17/mid__11373/40208215/default.aspx.

Gallino L. (2013), Il colpo di Stato di banche e governi. L’attacco alla democrazia in Europa, Torino, Einaudi.

Gammelin C. e Löw R. (2014), Europas Strippenzieher. Wer in Brüssel wirklich regiert, Berlin, Ulstein Verlag.

Habermas J. (1996), Una costituzione per l’Europa? Osservazioni su Dieter Grimm, in Zagrebelsky G., Portinaro P. e Luther J. (a cura di) (1996), Il futuro della costituzione, Torino, Einaudi.
Id. (2013), Nella spirale tecnocratica, Roma-Bari, Laterza, 2014.

Horn G. (2005), Die deutsche Krankheit. Sparwut und Sozialabbau. Thesen gegen eine verfehlte Wirtschaftspolitik, München, Hanser Verlag.

Martinelli A. (2013), Mal di nazione. Contro la deriva populista, Milano, EGEA.

Monti M. (2012), Italien verlangt keine Rettung und keine Eurobonds, «Frankfurter Allgemeine Zeitung», 4.7.2012.

Offe C. (2013), Europa in der Falle, in Blätter für deutsche und internationale Politik (a cura di), Demokratie oder Kapitalismus? Europa in der Krise, Berlin, Blätter Verlagsgesellschaft mbH.

Scharpf F.W. (1998), Demokratie in der Transnationalen Politik, in Beck U. (a cura di), Politik der Globalisierung, Frankfurt, Suhrkamp.
Id. (1999), Regieren in Europa, Frankfurt, Campus Verlag.

Sinn H.W. (2014), Gefangen im Euro, München, Redline Verlag.Streeck W. (2013), Tempo guadagnato. La crisi rinviata del capitalismo democratico, Milano, Feltrinelli, 2013.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Walter Privitera, « La sfera pubblica tedesca nell’Europa della crisi »Quaderni di Sociologia, 68 | 2015, 23-34.

Notizia bibliografica digitale

Walter Privitera, « La sfera pubblica tedesca nell’Europa della crisi »Quaderni di Sociologia [Online], 68 | 2015, online dal 01 novembre 2015, consultato il 01 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/285; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.285

Torna su

Autore

Walter Privitera

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università di Milano-Bicocca

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search