Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri68teoria e ricerca / Razionalità e ...Presentazione

teoria e ricerca / Razionalità e analisi delle credenze: l’eredità di Raymond Boudon

Presentazione

Salvatore Abbruzzese e Giuseppe Sciortino
p. 35-43

Testo integrale

1I saggi che appaiono in questo numero sono lo sviluppo delle relazioni presentate nel maggio 2014 al convegno Le ragioni dei valori: dall’analisi delle credenze a una teoria del credere, organizzato dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento per ricordare la figura di Raymond Boudon, scomparso il 10 aprile 2013. Oltre a riconoscere l’importanza del suo pensiero per la sociologia contemporanea, si è voluto onorare un collega e un amico. Raymond Boudon ha svolto infatti ruoli importanti nella costruzione del dipartimento, come visiting professor per molti anni, docente del suo dottorato di ricerca e ispiratore per diversi anni di un dottorato congiunto tra l’ateneo trentino e l’università di Parigi-Sorbona. Molti tra di noi lo ricordano, e lo ricorderanno, per le tante occasioni di discussione e di apprendimento che i suoi numerosi viaggi a Trento hanno reso possibile. Il convegno è stato un modo di ricordarlo che, confidiamo, allo stesso Boudon sarebbe piaciuto: non approntando un ritratto agiografico o un’esaltazione acritica del suo percorso intellettuale, bensì analizzandone l’opera per trarne interrogativi e conferme, ma soprattutto per esplorare nuovi percorsi di sviluppo. Con tale intento si è voluto finalizzare il convegno non alla riflessione sui contributi più canonici e riconosciuti della sua produzione intellettuale, bensì ai suoi lavori più recenti e, in diversi casi, più controversi. Benché a volte molto diverse tra loro, le relazioni qui presentate condividono il fatto di essere tentativi di riflessione sull’eredità di Boudon, quale risorsa utile per il futuro della ricerca nelle scienze sociali. Un futuro dove il tema dell’analisi delle credenze e, più in generale, della dimensione culturale dell’agire umano sarà una delle sfide principali.

2L’importanza della figura di Raymond Boudon è confermata dal fatto che nessuno dei suoi numerosi contributi pare aver perso rilevanza per gli studiosi, anche a distanza di decenni. Quel che vorremmo sottolineare in questa Presentazione, tuttavia, è l’importanza di Boudon come modello intellettuale, ammirato anche da coloro che non ne hanno condiviso posizioni e analisi specifiche. Boudon era infatti un perfetto esempio di accademico, un’approssimazione empirica di quello che vorremmo tutti che gli accademici fossero. Saldamente radicato in una specifica tradizione intellettuale, profondo conoscitore sia dei classici della disciplina sia delle analisi contemporanee, capace di polemiche taglienti contro i propri avversari intellettuali, eppure sempre capace anche di cogliere, ed eventualmente riformulare, quanto di importante o di innovativo si trovasse nel loro lavoro.

Il punto di vista soggettivo dell’azione

3Molti di coloro che si sono affacciati agli studi universitari nei primi anni Ottanta ricordano come la pubblicazione di Effets pervers et ordre social (1977, tradotto in italiano da Feltrinelli nel 1981) e della Logique du social (1979, tradotto in italiano da Mondadori nel 1980) apparissero come un vero e proprio punto di non ritorno, una svolta nel proprio percorso di formazione. Questi testi, come molti altri precedenti o successivi, formuleranno una visione della sociologia, e più in generale delle scienze sociali, capace di coniugare sistematicamente riflessione teorica e ricerca empirica. Una visione che difenderà sino in fondo la necessità teorica di tenere sempre presenti, rispettivamente, le buone ragioni dell’attore e la natura non deterministica, ma neanche indeterminata, dell’ordine sociale.

  • 1 Le sue numerose collaborazioni con Francois Bourricaud, uno dei più sofisticati interpreti dell’app (...)

4Un elemento rilevante di queste opere è costituito tuttavia dalla distinzione sistematica tra individualismo metodologico come prospettiva analitica, e la più ampia famiglia delle spiegazioni utilitariste o individualiste-razionali, di cui la teoria della scelta razionale è oggi forse il caso più popolare e più noto. Che Boudon rispettasse questo tipo di approcci e il rigore intellettuale che spesso li ispira, è del tutto evidente. Ma è altrettanto evidente, anche se forse non adeguatamente apprezzato all’epoca della pubblicazione delle loro opere, come la ricerca di Boudon sia stata, sin dall’inizio, ispirata a una visione più «larga» e complessa dell’intenzionalità e della ragionevolezza dell’azione. Boudon era sicuramente un alleato degli approcci razionalisti nella difesa della fecondità dell’individualismo metodologico, ma perseguiva uno schema di analisi dell’azione sociale non riconducibile all’assunto della razionalità strumentale1.

5Questa ambizione è divenuta via via più esplicita nei suoi ultimi decenni di lavoro, chiaramente orientati a sviluppare l’analisi sociologica delle credenze. È un programma che si è sviluppato a partire da L’idéologie ou l’origine des idées reçues (1986, tradotto in italiano da Einaudi nel 1991), continuato, tra molte altre opere, con L’art de se persuader des idées douteuses, fragiles ou fausses (1990, tradotto da Rusconi nel 1993), Le juste et le vrai: études sur l’objectivité des valeurs et de la connaissance (1995, tradotto da il Mulino nel 1997), Déclin de la morale? Déclin des valeurs? (2002, tradotto da il Mulino nel 2003), Croire et savoir (2012) sino all’ultima opera Le Rouet de Montaigne (2013).

6In questo tentativo di elaborare un approccio alla teoria delle credenze conforme all’individualismo metodologico ma anche capace di mantenere la complessità interna degli stessi sistemi di credenza, Boudon ha potuto contare sulla sua profonda conoscenza, naturalmente critica, del corpus di riflessione dei classici, incluso colui che può apparire, ma solo a uno sguardo superficiale, più alieno al suo approccio, Emile Durkheim. Études sur les sociologues classiques (1998-2000, tradotto in italiano da il Mulino nel 2002) rappresenta un ottimo esempio di come si possano usare i classici della sociologia per usi contemporanei. Boudon non considera infatti i classici di mero interesse storico; né intende invocarne l’autorità al fine di legittimare le proprie posizioni. Vuole piuttosto entrare in un dialogo critico con alcuni dei testi fondamentali della disciplina, valutandone le argomentazioni in termini strettamente analitici. Il risultato è un complesso di studi capace di incidere sia sulla nostra comprensione di questi autori sia sulla riflessione teorica contemporanea su alcuni snodi cruciali della disciplina. Come lo stesso Boudon sottolinea, i classici possono ancora costituire una fonte di ispirazione per la ricerca sociologica. Ed è importante notare come, in tale dialogo, Boudon sia particolarmente interessato a interrogare criticamente i classici su alcune delle difficoltà principali di chi voglia analizzare sociologicamente i sistemi di credenza: i rapporti tra interesse e identità, tra razionalità strumentale e criteri valutativi, il ruolo della conoscenza non empirica, il rapporto tra razionalità e ragione.

  • 2 Se si usasse il sistema del blind testing come per i vini, e sottoponessimo quelle pagine anonimame (...)

7Il filo rosso che unisce tutti i lavori di Boudon sull’analisi delle credenze è la sua fedeltà al punto di vista soggettivo dell’azione. Esattamente come nei suoi lavori precedenti, Boudon difende le «buone ragioni» dell’attore come un elemento fondamentale per ogni spiegazione soddisfacente dei comportamenti sociali. Spiegare i sistemi di credenze vuol dire ricostruire i motivi per i quali gli attori ritengono la propria azione la migliore preferibile, senza essere costretti a ricorrere alla denuncia di forze nascoste che solo una conoscenza superiore, di cui l’analisi si ritiene inevitabilmente in possesso, può rivelare. Questo vuol dire che la spiegazione dell’azione ha sempre un aspetto interpretativo, una capacità di ricostruire il mondo così come questo è visto dagli attori. Si tratti di funzionari dell’amministrazione imperiale romana attratti dal culto di Mitra o degli operai statunitensi degli anni Cinquanta interessati a un aumento salariale, Boudon ha sempre orientato la sua analisi a una concezione dell’attore come capace di leggere e interpretare la sua situazione a partire da valori, preferenze e priorità non omologhi rispetto a questa. Come Boudon sottolineava già ne La logique du social, questa dimensione comprendente è adeguata soltanto quando l’analista può dire in buona fede «se fossi stato in lei (o in lui) avrei fatto la stessa cosa»2.

Studiare i sistemi di credenze

8La morte ha purtroppo colto Boudon prima che potesse elaborare un approccio compiutamente argomentato all’analisi dei sistemi di credenze. Come si può vedere dalle analisi critiche contenute nei saggi qui presentati, molte dimensioni del suo approccio richiedono approfondimenti non trascurabili. Vi sono, tuttavia, alcuni elementi che costituiscono sicuramente l’intelaiatura di una posizione teorica complessivamente coerente e teoricamente distintiva.

9Il punto di partenza di tutte le analisi di Boudon sui sistemi di credenza è la tesi che senza una comprensione adeguata delle credenze, è difficile mantenere l’assunto di una comune ragionevolezza degli attori. Boudon ritiene che tutti gli uomini sono egualmente razionali, ma non tutti conoscono le stesse cose (Boudon, 2013, 138). Le differenze tra gli attori non sono quindi riconducibili soltanto ai fattori non soggettivi dell’eredità e dell’ambiente. Se questo è vero, ogni spiegazione del comportamento che voglia mantenere il carattere intenzionale dell’azione deve essere in grado di spiegare cosa gli attori sanno e perché si ritengono soddisfatti di quanto sanno. Si aggiunga che una parte non trascurabile dei sistemi di credenza è costituito dalle credenze normative, tradizionalmente sottovalutate dalla teoria della scelta razionale.

10Per affrontare questo problema, Boudon delinea alcuni presupposti relativamente semplici, sia pur di quella semplicità à la Brecht che è difficile a farsi:

  1. L’azione si basa non solo su «informazioni» bensì anche su «sistemi di ragione», connessioni logiche e semantiche solo parzialmente verificabili ma non per questo (necessariamente) irrazionali.

  2. Ogni scelta degli attori sociali deve essere vista come una scelta basata su una realtà data per conosciuta. E questa conoscenza non deriva da un accesso diretto al mondo bensì da un’interpretazione mediata da un sistema di credenze.

  3. Nonostante tali sistemi di credenza non siano necessariamente veri o verificabili, essi devono apparire all’attore come realistici, ragionevoli, plausibili. Devono convincere l’attore, quantomeno della loro preferibilità rispetto a eventuali alternative.

  4. Tale plausibilità non è fissata una volta per tutte, né è garantita da formazioni inconsce à la habitus, ma consente processi di apprendimento sia individuali sia collettivi (questi ultimi soprattutto grazie al ruolo degli spettatori imparziali – un concetto che Boudon riprende da Adam Smith).

 

11Su queste basi, Boudon elabora un modello da lui chiamato della razionalità ordinaria. Il suo postulato fondamentale è «che un individuo accetta la credenza X quando ha più o meno l’impressione che X sia la conseguenza di un insieme di ragioni che gli appaiono internamente compatibili e accettabili e che, d’altra parte, sente di non avere disponibili altri sistemi di ragione che lo porterebbero a una conclusione diversa da X: a un obiettivo, un’opinione, un valore, una preferenza, una credenza diverse da X» (Boudon, 2013, 79-80). Sulla plausibilità di una credenza, in altre parole, incidono sia elementi intrinseci – la sembianza di compatibilità e accettabilità dell’insieme delle ragioni – sia fattori esterni, in primo luogo la presenza o meno di alternative capaci di competere sul mercato delle idee.

12Nel modello della razionalità ordinaria, l’attore di Boudon è quindi radicato nel modello di ragionevolezza originariamente delineato da Cartesio nel suo discorso sul metodo. Il senso comune, il «buon senso» degli spettatori imparziali, viene, nell’ultima produzione di Boudon, esplicitamente identificato come uno dei meccanismi fondamentali per la stabilizzazione delle innovazioni politiche e culturali. Ed è nella competizione tra diversi sistemi di credenza – e tra diversi elementi di ogni sistema di credenza – che vengono poste le condizioni per le loro variazioni e il loro mutamento.

 

13I saggi qui presentati si sviluppano lungo due assi distinti facilmente riconoscibili, ma anche sensibilmente connessi tra loro. Nei primi tre contributi, quello di Pierre Demeulenaere, di Enzo Di Nuoscio e di Gabriele Pollini, è evidente una tensione di tipo analitico tesa a inquadrare il contributo di Boudon nel panorama epistemologico del Novecento (Di Nuoscio) così come a riconoscerlo nel quadro di una determinazione rigorosa della razionalità weberiana ampiamente rivisitata dalla metodologia di Parsons (Pollini) o ancora nel coglierne le tensioni rimaste aperte una volta sistematizzato il concetto stesso di razionalità (Pierre Demeulenaere). Questi tre documenti costituiscono altrettanti tentativi di situare il concetto di razionalità assiologica – e in particolare la nozione boudoniana delle “buone ragioni” – dentro altrettanti schemi di sistemazione concettuale che costituiscono essi stessi un contributo epistemologico originale. Il tentativo di comprendere Boudon conduce quindi, inevitabilmente, a porre ordine nel quadro concettuale di fondo, sforzandosi di recuperare le diverse definizioni di “ragione” e di “razionalità”.

  • 3 Una versione dell’articolo è stata pubblicata sulla rivista spagnola «Papers, Revista de Sociologia (...)

14È grazie a un tale lavoro di messa in ordine che, per esempio, Pierre Demeulenaere si può interrogare sulle novità introdotte da Boudon sul concetto di razionalità e, in particolare, su quella che questi definisce con il termine di “razionalità ordinaria”3. Una serie di condizioni strutturali, date da Boudon per evidenti – quali: l’idea che le norme migliori comportino un vasto consenso; che i gruppi non introducano variazioni sostanziali nelle convinzioni del singolo; che le emozioni e i desideri non esercitino che un ruolo secondario – sono invece, ad avviso di Pierre Demeulenaere, meno scontate di quanto non sembri. Un tentativo analogo è compiuto da Gabriele Pollini realizzato tuttavia attraverso la messa a punto di uno scenario concettuale completamente diverso. I riferimenti dai quali Gabriele Pollini trae la sua ricostruzione concettuale della razionalità assiologica provengono infatti non dalla generale tradizione epistemologica del Novecento ma dai concetti ideal tipici di Max Weber sistematizzati attraverso la lezione di Talcott Parsons. Ciò si sostanzia attraverso la costituzione di tipologie dove ogni singolo concetto è colto nella sua tensione tra quattro polarizzazioni che finiscono con lo strutturarlo. Lo stesso concetto di razionalità, per tale strada, vede le due forme principali della razionalità weberiana colte come due diverse forme di coerenza con i due ambiti principali nei quali questa deve esplicitarsi: quello teorico-intellettuale e quello pratico.

15A differenza di Pierre Demeulenaere, Gabriele Pollini è mosso da una preoccupazione di ordine decisamente pratico. Il suo intento è infatti quello di strutturare adeguatamente l’attuale retroterra teorico che caratterizza le indagini sui valori. Se la scelta tra valori è alimentata da un modello specifico di razionalità, c’è da chiedersi in che modo una rigorosa definizione di quest’ultima possa migliorare le consistenti indagini sui valori che da oltre trent’anni mobilitano una parte rilevante della sociologia europea.

16La preoccupazione di situare l’epistemologia di Raymond Boudon all’interno del pensiero del Novecento transita necessariamente in Enzo di Nuoscio attraverso un lavoro di ricostruzione delle posizioni dei diversi autori. Grazie a questa ricostruzione è possibile realizzare un confronto tra la teoria della razionalità allargata, così come è stata presentata e utilizzata da Raymond Boudon e quelle espresse, in ambito epistemologico, dai principali esponenti di quest’ambito di studi nel corso del Novecento. Il documento di Di Nuoscio si apre così ai confronti con K. Popper, H. Albert, L. Von Mises, Ch. Perelman e W. Dray con lo scopo di cogliere le specificità e le particolarità della spiegazione boudoniana. A differenza di Pierre Demeulenaere e sullo stesso stile di Gabriele Pollini, Enzo Di Nuoscio non perviene a bilanci: il suo intento di cogliere, attraverso il confronto tra gli autori, la specificità del pensiero di Boudon è volto a evidenziare le potenzialità euristiche del concetto di razionalità allargata sul piano dell’analisi dei fenomeni sociali, colti come effetti spesso non intenzionali (in qualche caso perversi) delle azioni individuali.

17Parzialmente diverso è il tentativo operato da Nathalie Bulle. Il suo obiettivo è quello di superare alcune aporie del behaviorismo sociale inteso come interiorizzazione dei costrutti sociali conseguente all’interazione tra gli individui. Il terreno concettuale dal quale Nathalie Bulle prende le mosse è costituito dall’opera dello psicologo russo Lev Vygotsky, padre della scuola storico-culturale. L’opera di Vygotsky è tanto confrontata con le posizioni di George H. Mead e di Daniel Dennett, quanto valorizzata nella sua capacità euristica, come si può notare nella reinterpretazione della “legge di partecipazione” formulata in ambito antropologico da Lucien Levy-Bruhl e analizzata da Emile Meyerson.

18Per Vygotsky concetti e segni attraverso i quali le persone interagiscono tra loro non sono dei semplici costrutti comunicativi volti a facilitare la comunicazione, bensì degli utensili che influenzano gli oggetti stessi. Se un concetto è cosciente quando si percepisce come parte integrante di un sistema organizzato di concetti, pensare qualcosa implica una generalizzazione nel pensiero dove questo qualcosa è parte di un sistema più vasto. “È per questo che l’interiorizzazione degli utensili cognitivi è all’origine dello sviluppo del pensiero a un livello che sottintende l’azione cosciente e volontaria”. Si giunge così a individuare il potere creativo della ragione intesa come “capacità di manipolare semanticamente degli utensili di pensiero”. In questo caso la coscienza del soggetto non interviene come semplice interfaccia con la realtà e il desiderio di senso è “un’azione umana altrettanto fondamentale quanto può esserlo il bisogno di agire”. Ora un tale desiderio di senso non si sviluppa solo sul piano cognitivo, ma anche su quello assiologico. Le credenze infatti sono degli specifici “utensili cognitivi” che rivestono il ruolo di mezzi ausiliari del pensiero “che hanno lo statuto di altrettante verità, in mancanza della disponibilità di utensili cognitivi tali da permettere di teorizzarle come ipotesi e confrontarle con altre ipotesi”.

19Il punto di approdo di Nathalie Bulle la porta a rilevare come la ragione sia mossa non tanto dalle necessità dell’agire, quanto da “un bisogno fondamentalmente umano di senso”. Pertanto l’individuo non agisce solo in vista delle conseguenze della sua azione, ma anche in relazione al senso che quest’ultima ha per lui. È Vygotsky che aiuta a comprendere come “eseguire una regola” sia l’impulso più forte dal momento che esiste uno specifico bisogno umano di senso e di significato. Per tale strada la razionalità assiologica, così come le credenze e i valori grazie ai quali si orienta, finisce per uscire definitivamente da una posizione residuale nella quale il primato della razionalità strumentale l’aveva collocata.

20Se attraverso Nathalie Bulle è il paradigma weberiano della razionalità assiologica che viene rivisitato e consolidato tramite l’apporto della psicologia di Vygotsky, attraverso Salvatore Abbruzzese si cerca la strada di una conferma delle ragioni dei valori attraverso i risultati di una ricerca empirica sull’adesione alle credenze religiose. La capacità dei soggetti intervistati di ricostruire la loro specifica esperienza religiosa mostra come alla volontà di produrre una semplice autogiustificazione di principi e credenze si sovrappongano delle narrazioni assolutamente veritiere, dove i singoli intervistati non esitano a mostrare le difficoltà nelle quali sono incorsi, rendendo note le crisi e le delusioni, assieme alla conferme e alle esperienze esaltanti. Ma soprattutto, una volta opportunamente portato in evidenza, emerge in pieno il processo di adesione alla credenza religiosa come vero e proprio percorso di ragione. Ogni soggetto infatti diffida delle proprie percezioni come delle proprie convinzioni, va alla ricerca di conferme, resta dubbioso sulle proprie acquisizioni, dando prova di una prudenza e di una circospezione del tutto contro intuitive per quanti ritenessero – una volta dinanzi a delle credenze religiose – di essere dinanzi ad altrettante derive della ragione o a “sacrifici dell’intelletto”. Le ragioni del credere si manifestano in realtà come dei veri e propri percorsi di adesione, seminati di dubbi che, anziché licenziare la ragione e sbarazzarsi delle sue pretese, vi fanno in realtà costantemente ricorso.

21È infine rilevante il tentativo di Gérald Bronner di recuperare il paradigma centrale della “comprensione”. Cosa avviene quando un tale processo viene bloccato dal fatto che il soggetto agente si muove in relazione a credenze, valori e norme che l’osservatore che dovrebbe comprenderlo non condivide? Molto spesso quest’ultimo, anziché sospendere il proprio giudizio fa appello a una concezione irrazionalista a partire dalla quale il soggetto agente sarebbe condizionato. In realtà occorre tenere presente l’esistenza di pregiudizi cognitivi, di euristiche capaci di produrre delle distorsioni sistematiche che bloccano il processo di comprensione. Queste sono comprensibili come gli scarti tra il modo in cui noi deduciamo le informazioni che ci occorrono e quello che noi dovremmo realmente fare per dedurle al meglio. Ora questi scarti non sembrano affatto provenire da una spiegazione irrazionalista. Gérald Bronner documenta così il modo in cui la credenza circa l’esistenza di un’ondata di suicidi presso l’impresa France Télécom tra il 2009 e i 2010 si sia rapidamente diffusa e sia stata quasi collettivamente presa per vera – anche e soprattutto da autorità mediatiche e intellettuali solitamente avvedute – opponendosi sistematicamente a tutti i tentativi degli statistici che cercavano di dimostrare l’inesistenza del fenomeno. Si apre così l’analisi ai fenomeni di credulità collettiva dove l’opinione pubblica diviene preda di una sorta di vero e proprio demagogismo cognitivo. La nozione di comprensione deve pertanto farsi carico delle distorsioni cognitive che caratterizzano un’opinione pubblica sempre più esposta ai processi mediatici.

22Di fatto con Raymond Boudon e in particolare con le sue analisi sulla razionalità assiologica si è avviato un percorso rilevante di ricerca all’interno del quale tanto il paradigma del condizionamento sociale, quanto quello della scelta razionale sono soggetti a un’importante revisione. Tutti i contributi raccolti in questo numero dei «Quaderni di Sociologia» mostrano come non solo si sia dinanzi a un percorso di riflessione teorica e di ricerca empirica assolutamente promettenti, ma soprattutto si sia dinanzi alla produzione di risoluzioni concettuali del tutto all’altezza delle sfide provenienti da una società nella quale, dietro l’apparente continuità dei comportamenti e dei valori nulla, in realtà, è più come prima.

Torna su

Bibliografia

Boudon R. e Bourricaud F. (1989), A Critical Dictionary of Sociology, Chicago, The University of Chicago Press.

Bourricaud F. (1977), L’Individualisme institutionnel, Paris, PUF.

Esser H. (1993), The rationality of everyday behavior: A rational choice reconstruction of the theory of action by Alfred Schütz, «Rationality and Society», 5, 1, pp. 7-31.

Héran F. (2013), In memoriam Raymond Boudon (1934-2013), «Revue Européenne des sciences sociales», 51, 2, pp. 7-11.

Parsons T. e Schutz A. (1978), The Theory of Social Action: The Correspondence of Alfred Schutz e Talcott Parsons, Bloomington, Indiana University Press.

Prendergast C. (1986), Alfred Schutz and the Austrian School of Economics, «American Journal of Sociology», 92, 1, pp. 1-26.
Id. (1993), Rationality, optimality, and choice: Esser’s reconstruction of Alfred Schutz’s theory of action, «Rationality and Society», 5, 1, pp. 47-57.

Torna su

Note

1 Le sue numerose collaborazioni con Francois Bourricaud, uno dei più sofisticati interpreti dell’approccio volontarista all’analisi dell’azione sociale, crediamo mostri sia la capacità di Boudon di entrare in un dialogo fecondo con approcci diversi dal proprio, sia la condivisione di una insoddisfazione analitica coi tentativi di restringere l’orientamento soggettivo dell’azione all’assunto della razionalità strumentale. Si vedano Bourricaud (1977) e Boudon e Bourricaud (1989).

2 Se si usasse il sistema del blind testing come per i vini, e sottoponessimo quelle pagine anonimamente a un gruppo di nostri studenti, siamo sicuri che molti di loro le classificherebbero nella tradizione fenomenologica, magari imputandole ad Alfred Schutz o Peter Berger. Sarebbe un errore, ma un errore che metterebbe in luce due cose importanti: (a) perché Boudon ci ha insegnato con le sue riletture dei classici il carattere riduttivo e improprio di molte delle nostre fratture disciplinari, che sono spesso molto minori di quanto non ci piaccia raccontarci e (b) perché storicamente la tradizione della scuola austriaca di economia, la fenomenologia e la teoria dell’azione volontarista dell’azione si sono sviluppate in modo molto più intrecciato e interdipendente di quanto non ci raccontino i nostri manuali. Si vedano Prendergast (1993), Esser (1993), Prendergast (1986) e Parsons e Schutz (1978).

3 Una versione dell’articolo è stata pubblicata sulla rivista spagnola «Papers, Revista de Sociologia», 99, 4, 2014.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Salvatore Abbruzzese e Giuseppe Sciortino, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 68 | 2015, 35-43.

Notizia bibliografica digitale

Salvatore Abbruzzese e Giuseppe Sciortino, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 68 | 2015, online dal 01 novembre 2015, consultato il 03 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/290; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.290

Torna su

Autori

Salvatore Abbruzzese

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale

Articoli dello stesso autore

Giuseppe Sciortino

Università di Trento

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search