Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri68teoria e ricerca / Razionalità e ...Ragioni e razionalità

teoria e ricerca / Razionalità e analisi delle credenze: l’eredità di Raymond Boudon

Ragioni e razionalità

Alcune considerazioni sull’epistemologia di Raymond Boudon
Reason and rationality. Some considerations on epistemology of Raymond Boudon
Enzo Di Nuoscio
p. 61-77

Abstract

This essay tries to highlight some heuristic potential of the theory of rationality developed by Boudon, comparing it with some of the most important contributions of the epistemology of the twentieth century. The theory of argumentation of Ch. Perelman, the critical rationalism of K. Popper and H. Albert, the theory of rationality of L. von Mises, and the philosophy of action of W. Dray. I try to analyse the similarities and the differences between the views of these authors and that of the French sociologist in order to highlight, through the use of a comparative approach, the peculiarity of the “rationality of good reasons” proposed by Boudon and its capacity to explain in terms individualistic positive and normative collective beliefs. In this way I intend to clarify some philosophical and methodology fundamental assumptions of Boudon’s interpretative sociology, focused on an analysis of social phenomena in terms of the intended and especially unintended effect of individual actions produced by “good reasons”.

Torna su

Testo integrale

  • 1 Boudon, 2009, 9 ss.; Lins Hamlin, 2001, 67 ss.

1Il principale contributo di Raymond Boudon all’epistemologia contemporanea risiede senza dubbio nell’aver definito l’individualismo metodologico come logica della spiegazione. I fenomeni sociali vanno spiegati come esito intenzionale e soprattutto inintenzionale dell’aggregazione di azioni umane dettate da «buone ragioni». Questo metodo si articola in due fasi complementari: la spiegazione dell’azione e la spiegazione delle conseguenze dell’azione. Mediante una sofisticata teoria razionalità Boudon propone di spiegare l’azione mettendola in connessione causale con le sue «buone ragioni», mentre con la sua teoria delle conseguenze inintenzionali, egli individua nei processi di spontanea aggregazione delle azioni umane la causa di eventi sociali generati al di là delle intenzioni dei singoli individui1. Lo scienziato sociale deve dunque spiegare perché gli individui si sono comportati in un certo modo e poi come le loro azioni hanno generato il fenomeno che si intende indagare. L’analisi situazionale per spiegare l’azione e l’invisible hand explanation per individuare gli effetti di interazione rappresentano due momenti di una stessa procedura esplicativa.

  • 2 Boudon vede nelle indagini sociologiche e storiografiche di Tocqueville una delle più felici applic (...)

2La teoria della razionalità di Boudon rappresenta un strumento particolarmente utile per individuare le «buone ragioni» dell’adesione ad alcuni particolari tipi di idee (per esempio quelle false, le ideologie, le norme etiche, le idee di giustizia) tradizionalmente interpretate secondo canoni collettivistici. Con la sua proposta di spiegazione individualistica di tali credenze, Boudon, da un lato estende a questo importante ambito della conoscenza la nozione di razionalità, dall’altro, cercando di separare (criticando Popper per non averlo fatto) le «ragioni» dalle «buone ragioni», insiste sulla capacità di individuare ragioni sufficientemente «adeguate» a dare conto dell’azione2.

3In questo saggio si cerca di evidenziare alcune potenzialità epistemologiche della teoria della razionalità messa a punto da Boudon, mettendola a confronto con alcuni tra i più importanti contributi all’epistemologia del Novecento: la teoria dell’argomentazione di Ch. Perelman, il razionalismo critico di K. Popper e H. Albert, la teoria della razionalità di L. von Mises e la filosofia dell’azione di W. Dray.

1. Boudon e Perelman: «buone ragioni» e teoria dell’argomentazione

  • 3 Non sono mancati autori – come J. Agassi e M. Bunge – che hanno sostenuto che tra queste due razion (...)
  • 4 Boudon, 1995 (trad. it. 1997), 102. Cfr. Boudon, 2007, 11 ss.
  • 5 Boudon, 2011, 33 ss.

4Le azioni e le credenze, secondo l’epistemologia boudoniana, sono l’esito di un unico processo cognitivo attraverso il quale il singolo semplifica e dà un significato alla caleidoscopica infinità priva di senso. E l’attore agisce e crede sulla base di buone ragioni, cioè mediante una strategia soggettivamente razionale, fondata su una razionalità limitata e situata. Non c’è dunque differenza tra razionalità dell’azione e razionalità delle credenze, esse non sono due generi discontinui, bensì due manifestazioni di uno stesso genus, rappresentato dal calcolo razionale attraverso cui ogni singolo decide di credere e di agire3. Nell’ambito delle credenze, anche quelle false e quelle normative sono caratterizzate da una razionalità che non si differenzia in nulla da quelle comunemente ritenute vere, a cominciare dalle idee scientifiche. «I meccanismi che producono credenze non fondate – spiega Boudon – in molti casi non sono altro che i meccanismi ordinari del pensiero»4. Il processo di elaborazione e di adesione a una credenza è dunque autonomo rispetto al contenuto delle stesse5.

  • 6 Boudon, 1999, 35 ss.

5In aperta critica con il dualismo positivistico di Pareto6, Boudon in questo modo abbatte qualsiasi barriera tra azioni e credenze e tra credenze vere e quelle false e normative. Le azioni, le teorie scientifiche, le credenze magiche, le norme morali e le ideologie sono il frutto di un’identica strategia decisionale di un soggetto il quale, dalla propria posizione situazionale e conoscitiva, agisce o aderisce a un’idea sulla base di quelle che dal proprio punto di vista sono buone ragioni, mobilitando alcuni fondamentali a priori impliciti. Ciò, naturalmente, non significa che non c’è differenza tra scienza, magia, ideologia e morale, ma semplicemente che per l’elaborazione e la condivisione di queste credenze l’individuo non segue procedimenti cognitivi differenti. Se ciò è vero, allora per spiegare un’azione e qualsiasi genere di credenza bisogna seguire un’unica logica esplicativa: ricostruire congetturalmente, a parte subjecti, la situazione e rintracciare quelle ragioni che hanno indotto l’agente ad agire o a credere, stando ben accorti a esplicitare gli a priori impliciti che sottostanno al suo ragionamento.

  • 7 È stato in particolare Alban Bouvier a insistere sulla fecondità euristica della «prospettiva argom (...)

6Le azioni e le credenze sono quindi l’esito di un calcolo soggettivamente razionale, e quest’ultimo, a sua volta, non può che essere costituito da argomentazioni (implicite ed esplicite). Ciò che accomuna le azioni e le credenze è dunque il loro fondamento argomentativo, e la ricostruzione di tali argomentazioni, che spesso non sono comunicate dall’agente a un qualsiasi interlocutore, consente all’individualista metodologico di spiegare il comportamento umano7.

  • 8 Boudon, 1999, 91. Corsivo aggiunto.

7Considerando le argomentazioni come il fondamento razionale oltre che delle azioni e delle credenze vere, anche di quelle false e di quelle normative, Boudon si distacca da una concezione étroite, di derivazione positivistica, dell’argomentazione. Se il positivismo «ha indotto a considerare evidente l’idea che solo le ragioni oggettivamente valide possono avere un’influenza causale sulle convinzioni del soggetto sociale»8, per il sociologo francese, invece, il progresso della conoscenza ordinaria e di quella scientifica (nonché l’evoluzione delle idee morali) avviene soprattutto sulla base di ragioni valide solo soggettivamente.

  • 9 Ivi, 92.

8Non può dunque esistere, come sostenevano i positivisti, un dualismo conoscitivo, perché le argomentazioni scientifiche e quelle non scientifiche appartengono alla stessa natura. Se invece, come hanno fatto i neopositivisti, si prendono in considerazioni solo le argomentazioni fondate su ragioni oggettivamente valide, negando a quelle valide solo soggettivamente ogni salienza causale, si restringerà a tal punto il campo della razionalità, che molte delle credenze saranno considerate irrazionali o addirittura dei non-sensi. «Non c’è correlazione – osserva Boudon – tra il campo di applicazione dell’approccio argomentativo e la solidità delle ragioni che esso mobilita. Se questa tesi è giusta, allora non si può accettare l’idea positivista secondo la quale, in ambito extra-scientifico, nel campo della morale o in quello del pensiero ordinario, le ragioni dovrebbero essere considerate come delle semplici “razionalizzazioni” senza effetto sulle credenze»9.

  • 10 Perelman e Olbrechts-Tyteca, 1958 (trad. it. 1989), 536. Scrive Norberto Bobbio nella prefazione al (...)

9Insistendo sulle ragioni valide solo soggettivamente, Boudon ritiene che le azioni e le credenze sono razionali anche quando, e ciò che normalmente accade, sono l’esito di argomentazioni non-dimostrative. Egli dunque effettua un’operazione analoga a quella compiuta soprattutto da Chäim Perelman, autore di uno dei più rilevanti contributi alla messa a punto di una teoria dell’argomentazione fondata su una razionalità soggettiva e limitata. Per ridurre l’ambito dei comportamenti e delle credenze irrazionali, il filosofo polacco estende la nozione di razionalità, proponendo una concezione dell’argomentazione razionale che va ben al di là dei ragionamenti more geometrico di derivazione cartesiana. «Se si dovesse considerare ragionamento ingannatore – spiegano Perelman e Olbrechts-Tyteca – ogni argomentazione di questa specie [non dimostrativa], l’insufficienza delle prove logico-sperimentali lascerebbe, in tutti i campi essenziali della vita umana, via del tutto libera alla suggestione e alla violenza. Pretendendo che ciò che non è oggettivamente e indiscutibilmente valido dipenda dal soggettivo e dall’arbitrario, si scaverebbe un insuperabile abisso fra conoscenza storica, considerata la sola razionale, e l’azione le cui motivazioni sarebbero del tutto irrazionali»10.

10Si potrebbe obiettare che i ragionamenti pratici e i ragionamenti teorici che sottostanno alle azioni e alle credenze, e che devono essere ricostruiti dall’individualista metodologico, spesso non sono espressi e quindi, mancando la comunicazione delle ragioni a un uditorio, non si può parlare di argomentazioni. E quand’anche l’attore rendesse note le ragioni del suo comportamento, esse potrebbero essere delle giustificazioni, delle paretiane derivazioni a posteriori, che potrebbero ingannare lo scienziato sociale che è alla ricerca di quelle ragioni che sono le vere cause dell’azione o della credenza. Su quest’ultimo punto deve essere chiaro che le «buone ragioni» che il ricercatore deve trovare sono quelle che l’attore aveva quando ha agito e non quelle che quest’ultimo ha poi fornito a qualcuno per spiegare il suo comportamento. L’agente infatti potrebbe fornire delle ragioni diverse da quelle che aveva; tuttavia la spiegazione-giustificazione che l’agente dà del proprio comportamento costituisce comunque un’informazione per la ricerca congetturale delle ragioni effettive.

  • 11 Perelman e Olbrechts-Tyteca, 1958 (trad. it. 1989), 44.
  • 12 Ivi, 45.
  • 13 Ivi, 43-44. In questi casi, notano Perelman e Olbrechts-Tyteca, «il segreto della deliberazione int (...)

11Riguardo alla prima obiezione, invece, si può sostenere, seguendo Perelman, che «l’accordo con se stessi è un caso particolare dell’accordo con altri»11, e che quindi, benché non implichi un uditorio, la «deliberazione con se stessi» è «un caso particolare di argomentazione»12. Quando decide, l’individuo si preoccupa di «raccogliere tutti gli argomenti che presentano ai suoi occhi qualche valore, senza doverne tacere alcuno, e di decidere in piena coscienza dopo aver soppesato i pro e i contro, per la soluzione che le pare migliore»13. Tale valutazione comparativa non può che avvenire mediante delle argomentazioni che non hanno altro uditorio che il soggetto stesso, il quale, evidentemente, non può che convincersi – di agire o di credere – ragionando.

2. Boudon, Popper e Albert: razionalità e discussione critica

  • 14 Di Nuoscio, 2004, 66 ss.

12Ammettere che tutte le credenze si fondano su «buone ragioni», e quindi su argomentazioni razionali, non vuol dire certamente cadere in una «tirannia dell’opinione», considerando uguali o incommensurabili le singole verità. Le «buone ragioni», infatti, devono essere svelate e discusse criticamente, esplicitando gli a priori impliciti che si annidano nelle argomentazioni sottostanti alle deliberazioni. È quello che Boudon fa con gli epistemologi relativisti post-popperiani, Kuhn, Feyerabend, Hübner: ricostruisce le buone ragioni su cui si fondano le loro tesi e critica duramente il loro relativismo, ritenendo inaccettabili alcuni principi impliciti che sottostanno alle loro argomentazioni. In questo caso Boudon evidenzia come questi filosofi della scienza, muovendo da «buone ragioni», sono arrivati a conclusioni che egli ritiene sbagliate, perché fondate su a priori che il sociologo francese ritiene epistemologicamente inaccettabili14.

13La razionalità delle “buone ragioni” può essere quindi considerata una razionalità critica, in quanto consente di comparare criticamente due o più idee o teorie, mettendo a confronto le rispettive ragioni e argomentazioni. Benché la comparazione critica tra teorie positive sarà diversa da quella tra teorie normative, che si fondano su scelte di valore, il metodo critico sarà tuttavia lo stesso: ricostruire le ragioni e le argomentazioni sottostanti a ogni credenza e compararle criticamente. Si ripropone, così, a livello inter-soggettivo, quello stesso tipo di valutazione critica che il singolo fa a livello intra-soggettivo al momento della decisione.

  • 15 Perelman e Olbrechts-Tyteca, 1958 (trad. it. 1989), 536.

14Tale fondamento epistemologico della discussione critica, rappresentato dalla possibilità di comparare le argomentazioni soggettivamente razionali, si rivela particolarmente interessante per le credenze normative. Interpretando la loro genesi come l’esito, intenzionale e inintenzionale, di procedure cognitive soggettivamente razionali, si ammette che anch’esse possono essere discusse e comparate criticamente. Se, invece, si tentasse di spiegarle mediante argomentazioni di tipo dimostrativo, «ci si troverebbe nel campo dell’irrazionale»15 per l’inadeguatezza degli strumenti logico-razionali a dar conto di queste idee.

  • 16 È il caso, per esempio, dell’opzione per la democrazia, che si fonda su una scelta di valore (la sa (...)
  • 17 Perelman e Olbrechts-Tyteca, 1958 (trad. it. 1989), 538. Corsivo aggiunto.

15Tale comparazione critica tra ideologie o tra teorie morali è possibile solo se si ammette che esse – pur non potendo, sulla base della «legge di Hume», essere logicamente derivate da giudizi di fatto – possono essere direttamente o indirettamente sostenute utilizzando anche argomentazioni fattuali. La spiegazione individualistica delle credenze normative è dunque possibile solo evitando l’errore di considerare la «legge di Hume» come una proibizione a utilizzare proposizioni conoscitive nelle argomentazioni etiche. Le opzioni assiologiche, infatti, non possono essere dimostrate razionalmente, ma possono essere argomentate criticamente, anche riferendosi a dati fattuali16. Sulla base di queste assunzioni, sosteneva Perelman già nel 1958, «la pratica e la teoria dell’argomentazione sono ai nostri occhi in correlazione con un razionalismo critico, che trascende il dualismo giudizi di realtà-giudizi di valore, e lega strettamente gli uni come gli altri alla personalità dello scienziato e del filosofo, responsabili delle sue decisioni nel campo della conoscenza come in quello dell’azione»17.

  • 18 Oltre alla scienza, anche la filosofia, la morale, il diritto – sostiene Perelman – «traggono la lo (...)
  • 19 Ibidem. Corsivo aggiunto. Scriveva Cartesio nel Discorso sul metodo: «considerando che di tutti col (...)

16L’etica e la morale, così come le ideologie, sono dunque l’esito della competizione tra ragioni e argomentazioni diverse. Queste credenze, di conseguenza, sono senza verità, perché non possono essere fondate razionalmente, ma non sono senza ragioni, perché possono essere invece argomentate criticamente; e la loro razionalità sarà tanto più autentica quanto più libera sarà la discussione18. «Solo l’esistenza di un processo argomentativo che non sia né cogente né arbitrario – scrive al riguardo Perelman – dà senso alla libertà umana, condizione per l’esercizio di una scelta ragionevole. Se la libertà fosse solo adesione necessaria a un ordine naturale dato precedentemente, esso escluderebbe ogni possibilità di scelta: se l’esercizio della libertà non fosse fondato su delle ragioni, ogni scelta sarebbe irrazionale e si ridurrebbe a una decisione arbitraria che agirebbe in un vuoto intellettuale. Grazie alla possibilità di un’argomentazione, che fornisce ragioni, ma delle ragioni non cogenti, è possibile sfuggire al dilemma: adesione a una verità obbiettivamente e universalmente valida, o ricorso alla suggestione e alla violenza per fare accettare le proprie opinioni e decisioni»19.

  • 20 Popper, 1972 (trad. it. 1975), 226 ss.
  • 21 Sulla spiegazione causale dell’azione mediante la razionalità delle «buone ragioni» rimando a Di Nu (...)

17Questa evoluzione criticista che è implicita nell’epistemologia boudoniana, avvicinando il sociologo francese alla tradizione del razionalismo critico di Popper e Albert, si configura come un terzium genus tra la prospettiva fondazionale e quella soggettivistica. Le buone ragioni, infatti, non possono in nessun caso rappresentare un fundamentum inconcussum delle argomentazioni, perché sono valide solo soggettivamente. Esse, molto spesso, sono di tipo non-dimostrativo e sono elaborate attraverso argomentazioni intra-soggettive, pertanto non presuppongono l’accordo dell’«uditorio universale». Ma affinché la spiegazione individualistica sia possibile, tali ragioni devono poter essere individuate ed esaminate criticamente da individui appartenenti ad altri contesti culturali. Pur basandosi sulla razionalità soggettiva, le «buone ragioni» hanno quindi una salienza causale trans-situazionale; il loro legame causale con le azioni e le credenze può essere ricostruito a distanza (temporale, spaziale, culturale), attraverso quella che Popper ha chiamato una «comprensione oggettiva»20, una ricostruzione congetturale della situazione basata sull’applicazione del covering law model21.

3. Boudon e Mises: razionalità e prasseologia

  • 22 Irrazionale, ad avviso di Boudon, può essere considerato il comportamento di quella madre «che rien (...)

18La razionalità dell’azione o della credenza per Boudon, come si è visto, è l’esito di un complesso processo che consiste nella ricostruzione della situazione e nello svelamento degli a priori impliciti sottostanti alle strategie decisionali degli attori, che consentono al ricercatore di simulare empaticamente la strategia razionale soggettiva. Ma può accadere che, nonostante i suoi sforzi, il ricercatore non riesca a rintracciare delle ragioni che sulla base delle sue informazioni sul soggetto e sulla situazione possa ritenere «buone», cioè come la causa dell’azione. In questi casi non resta che concludere, ad avviso di Boudon, che il singolo ha agito irrazionalmente, spiegando che dall’analisi situazionale non sono state ravvisate «buone ragioni», cioè motivando l’irrazionalità22.

  • 23 Mises, 1949 (trad. it. 1959), 18.
  • 24 Mises, 1976 (trad. it. 1988), 41.

19La teoria della razionalità soggettiva di Boudon sembrerebbe dunque scontrarsi con la prasseologia di Ludwig von Mises, che si fonda sul postulato che «l’azione umana è necessariamente sempre razionale»23, perché essa consiste sempre nella scelta di mezzi per raggiungere fini, e l’agente sceglie sempre i mezzi che, secondo le proprie conoscenze, sono i più idonei allo scopo. Sembrerebbe, dunque, che queste due grandi teorie individualistiche entrino in contraddizione, e non su un aspetto marginale, bensì su quello che può essere considerato l’hard core di qualsiasi forma di individualismo metodologico. Secondo la prasseologia misesiana infatti le «fondamentali categorie dell’azione» (agire, preferire, economizzare, scegliere i mezzi in vista di un fine, ecc.) hanno lo statuto di «verità logiche e matematiche a priori, senza riferimento a esperienza alcuna»24, mentre secondo il cognitivismo boudoniano la razionalità, quando viene rinvenuta, è l’esito di un lungo processo investigativo, e quindi può essere solo scoperta a posteriori, poiché le ragioni possono essere solo ricostruite ex post e non previste ex ante.

  • 25 Su questo punto si veda Di Iorio e Di Nuoscio, 2014.

20Ma la contraddizione è probabilmente solo apparente. I due autori sembrano infatti muoversi su piani analitici distinti, teorizzando la razionalità in ambiti diversi e non contraddittori25. La razionalità di Boudon si riferisce al contesto della ragioni, quella di Mises al contesto dell’azione. Per Boudon l’azione è razionale quando sono razionali le «ragioni» che a essa soggiacciono, cioè quando queste ultime possono essere considerate, in un certo ambito sociale, causalmente adeguate a produrre quell’azione. La razionalità boudoniana, così intesa, è una sorta di ideale regolativo a cui tendere per indagare la situazione problematica dell’azione, e la maniera più efficace per fare ciò è ricercare le «buone ragioni» che il singolo ha reperito nell’ambito della sua situazione.

  • 26 La prasseologia e la catallattica, sostiene Mises, «non trattano dei moventi e dei fini ultimi dell (...)
  • 27 Mises, 1962, 4.
  • 28 Mises, 1949 (trad. it. 1959), 15. Si veda anche Antiseri, 2005, 689 ss.

21La prasseologia di Mises, invece, è una scienza generale dell’azione umana a priori, che indaga non le motivazioni (psicologiche e sociologiche) dell’azione26, ma quei principi «autoevidenti»27 che rappresentano degli attributi connaturati all’idea stessa di azione. E il principale di tali attributi è che ogni azione è necessariamente diretta a rimuovere un’insoddisfazione perseguendo un fine, e il soggetto – per definizione – persegue i propri fini scegliendo quelli che, per quanto ne sa, sono i mezzi più idonei in quella particolare circostanza. Il compito della prasseologia è proprio quello di studiare i mezzi e non i fini, sui quali il ricercatore non può e non deve pronunciarsi28.

22Boudon, che purtroppo non si è confrontato con la prasseologia misesiana, potrebbe tranquillamente ammettere che l’azione umana, in quanto diretta a rimuovere un’insoddisfazione mediante un calcolo mezzi/fini, è, in questo senso, sempre razionale. Ma, da sociologo comprendente, egli è interessato all’indagine situazionale, che non può che essere svolta ricercando le ragioni dell’azione. Insistendo sull’individuazione di «buone ragioni» che consentono di qualificare l’azione come «razionale», Boudon ha voluto mettere al sicuro l’analisi situazionale, evitando che qualsiasi tipo di ragioni possa essere ritenuto sufficiente per spiegare l’azione.

  • 29 «Se volessimo cercare di distinguere l’azione razionale dall’azione irrazionale, non solo ci innalz (...)
  • 30 Weber, 1922 (trad. it. 1996), vol. I, 10.

23Il sociologo francese, quindi, parla di razionalità dell’azione o delle credenze in un’accezione diversa da Mises, riferendosi non al generico rapporto tra mezzi e fini, ma a quello tra ragioni e azioni. Di conseguenza, anche l’irrazionalità ha un significato diverso per i due individualisti. Per l’economista austromarginalista «la condanna di un’azione come irrazionale ha sempre le sue radici in una valutazione effettuata sulla base di una scala di valori diversa dalla nostra»29. Per il sociologo francese, invece, vanno considerate irrazionali quella azioni che non sono dettate da «buone ragioni», per le quali, cioè, il ricercatore non è riuscito a reperire nella situazione dell’attore delle ragioni che possano essere considerate generalmente adeguate, date quelle condizioni situazionali, a produrre l’azione. Essendo riferita al contesto delle ragioni, la razionalità di Boudon non solo non è una caratteristica logica dell’azione, ma ha una chiara connotazione situazionale, poiché l’adeguatezza causale delle ragioni non può che essere valutata sulla base delle pratiche sociali prevalenti in un determinato contesto culturale, ossia, come ha sostenuto Weber, «secondo le abitudini consuete di pensare e di sentire»30.

4. Lo statuto epistemologico del «principio di razionalità»

24Questa distinzione tra contesto dell’azione e contesto delle ragioni, e più in generale tra una soluzione boudoniana e una soluzione misesiana al problema della razionalità dell’attore, può essere utile a chiarire la natura epistemologica del principio di razionalità.

  • 31 Popper, 1994 (trad. it. 1995), 226.
  • 32 Ivi, 227.
  • 33 Ivi, 230. Sull’utilità euristica del principio di razionalità, a prescindere dalle caratteristiche (...)
  • 34 Ibidem.

25Nel tentativo di inquadrare epistemologicamente tale principio, Popper ha sostenuto che esso non è una tesi psicologica secondo la quale «l’uomo agisce sempre, o nel complesso o nella maggioranza dei casi, razionalmente»31. Né può essere considerato una vera e propria «teoria esplicativa» o «ipotesi controllabile», perché sono le teorie situazionali e non il principio di razionalità ad avere queste caratteristiche epistemologiche32. Ma pur non essendo controllabile esso per Popper non può essere neanche considerato un a priori, in quanto esso è «chiaramente falso»33 poiché «non sempre agiamo in accordo con il principio di razionalità»34.

  • 35 Ivi, 237.
  • 36 Ibidem.

26Sostenendo che ci sono comportamenti non adeguati alla situazione nella quale si sviluppano, Popper certamente dimostra che il principio di razionalità non è un a priori, cioè un principio dotato di validità universale. Tuttavia, asserendo che esso è falso, il filosofo austriaco contraddice quanto aveva sostenuto circa la non controllabilità empirica di tale principio. Popper tenta di uscire da questa contraddizione sostenendo che il principio di razionalità va comunque considerato «parte integrante di ogni, o quasi, teoria sociale controllabile»35; e se la teoria si rivela falsa, «è una buona politica, un giusto espediente metodologico astenersi dall’incolpare il principio di razionalità dell’insuccesso della nostra teoria»36.

  • 37 Ibidem.
  • 38 Ivi, 229.

27Può dunque essere falsificata la congiunzione tra modello situazionale e principio di razionalità e di questa falsificazione generalmente non è responsabile tale principio. Pur non essendo di validità universale, Popper lo raccomanda perché rappresenta «una buona approssimazione alla verità»37, e quindi «rispetto ad altri metodi, sembra consentire ipotesi esplicative – ossia modelli situazionali congetturali – meglio controllabili»38.

  • 39 «Per capire che non sempre agiamo in accordo con il principio di razionalità – ha spiegato Popper – (...)

28Anche Popper, dunque, si scontra con la prasseologia misesiana poiché ammette che ci possono essere azioni irrazionali, cioè non adeguate alla situazione39. E tuttavia anch’egli, al pari di Boudon, quando parla di razionalità o irrazionalità dell’azione, si riferisce al contesto delle ragioni. Per Popper un’azione è razionale se il ricercatore, una volta ricostruita la situazione per come era percepita dall’attore, arriva alla conclusione che anch’egli si sarebbe comportato allo stesso modo in quelle condizioni, e cioè che in quella situazione l’attore ha agito sulla base di ragioni condivisibili.

29L’insoddisfacente definizione dello status epistemologico del principio di razionalità fornita da Popper è probabilmente il frutto della mancata esplicitazione della distinzione tra l’ambito dell’azione e quello delle ragioni, che invece è sollecitata dalla comparazione tra la prasseologia misesiana da un lato con la razionalità soggettiva popperiana e boudoniana dall’altro. Riferito all’azione, il principio di razionalità è un a priori dotato di validità universale, perché – come ha osservato Mises – ogni azione è sempre e necessariamente diretta a raggiungere uno scopo utilizzando quelli che all’attore sembrano i mezzi più adatti.

  • 40 Dray, 1957; trad. it. 1979, 183.

30Tuttavia, per un sociologo ed epistemologo comprendente come Boudon o come Weber, e più in generale per qualsiasi individualista metodologico che, come Popper, ha insistito sulla fecondità euristica della spiegazione situazionale, ciò che più preme è la ricostruzione della situazione problematica allo scopo di acquisire più informazioni possibili sull’azione da spiegare. Se dopo questa ricostruzione, necessariamente incentrata sulla ricostruzione del legame causale tra azione e «buone ragioni», si tenta di qualificare le ragioni come razionali o irrazionali, allora la spiegazione congetturale lascia inevitabilmente il posto a una valutazione: il principio di razionalità diventa un principio normativo che stabilisce come gli individui si dovrebbero comportare in una determinata situazione, perché, per esempio, si ritiene che in tali circostanze non possono non tener conto di determinate conoscenze, regole sociali, ecc. Così facendo l’analisi situazionale incentrata sul principio di causalità lascerebbe il posto a quello che William Dray ha chiamato «principio di azione»: «qualora ci si trovi in una situazione di tipo C la cosa giusta (razionale, appropriata, adeguata) da fare è X»40.

5. Boudon e Dray: «buone ragioni» e «principio d’azione»

  • 41 Ivi, 170.
  • 42 Ivi, 171.
  • 43 Ivi, 172.
  • 44 Ibidem. Corsivo aggiunto.
  • 45 Ibidem.

31A queste conclusioni, che cioè la spiegazione razionale dell’azione si basa su un momento valutativo, era giunto William Dray, le cui riflessioni sulla comprensione delle azioni sono notevolmente affini a quelle che poi saranno le posizioni boudoniane. Per Dray, un’azione può essere spiegata attraverso una «ricostruzione del calcolo fatto dall’agente dei mezzi da adottare per il fine proposto, alla luce delle circostanze in cui si trovava. Per spiegare l’azione dobbiamo sapere quali considerazioni lo convinsero ad agire come agì»41. «Nella misura in cui – continua Dray – affermiamo, di un’azione, che è un’azione intenzionale, non importa a quale livello di deliberazione consapevole, esiste un calcolo che si potrebbe costruire per essa: quello per il quale sarebbe passato l’agente se avesse avuto il tempo, se non avesse visto cosa fare in un attimo, se fosse stato chiamato a render conto di quello che fece dopo l’intervento, ecc. Ed è evidenziando alcuni calcoli di questo genere che spieghiamo l’azione»42. La «spiegazione razionale» dell’azione43 è dunque una ricostruzione post factum del ragionamento, espresso o tacito, su cui si fonda la decisione individuale di agire. Lo storico e il sociologo, in altri termini, devono decidere sulla base delle informazioni di cui sono in possesso sulla situazione dell’agente se le ragioni da essi individuate possono essere considerate adeguate a provocare l’azione. Il fine della spiegazione è quello di «dimostrare che quanto è stato fatto era la cosa da farsi per le ragioni date, piuttosto che la cosa che semplicemente si fa in tali occasioni, magari in conformità a certe leggi»44. La spiegazione dell’azione presenta quindi una «caratteristica crucialmente importante»: in essa è presente «un elemento di valutazione di quanto è stato fatto; quello che vogliamo sapere, quando chiediamo che ci si spieghi l’azione, è in che senso l’azione fosse appropriata»45.

  • 46 Ivi, 175.
  • 47 Ibidem.
  • 48 Ivi, 173.

32Naturalmente, «non è necessario – spiega Dray – che lo storico dimostri che l’agente aveva ragione (a fare quello che fece); basta che la spiegazione mostri che aveva delle ragioni. Ma l’elemento della valutazione resta, perché quelle che lo storico dichiara essere state le ragioni dell’agente devono realmente essere le ragioni (dal punto di vista dell’agente). Riportare quella che l’agente diceva essere le sue ragioni non sarebbe sufficiente a fornire la spiegazione razionale se la persuasività di tali riferite ragioni non potesse essere apprezzata dallo storico, una volta immessi nel conto tutti i principi, le credenze, le intenzioni peculiari dell’agente»46. Per arrivare a spiegare razionalmente un’azione, in sostanza, occorre individuare, per il filosofo inglese, «delle buone ragioni, almeno nel senso che, se la situazione fosse stata come la vedeva l’agente (si sia poi noi, dal nostro punto di osservazione, d’accordo o meno nel vederla così), allora quanto è stato fatto sarebbe stata la cosa da farsi. Lo storico deve essere capace di “risolvere” il calcolo dell’agente»47. E anche quando quest’ultimo si sia sbagliato nell’esaminare la situazione, nel caso in cui cioè l’agente vede la situazione in maniera differente da come essa effettivamente è, l’azione «si può ancora spiegare nel modo razionale dato che, facendo pesare le sue erronee credenze, il calcolo può essere costruito in maniera soddisfacente»48.

  • 49 Boudon, 1990 (trad. it. 1993), 385.
  • 50 Dray, 1957 (trad. it. 1979), 182. Corsivo aggiunto.
  • 51 Ivi, 183.

33Per Boudon, come per Dray, le ragioni per poter essere considerate «buone» dal ricercatore, devono essere in qualche modo generalizzabili, altrimenti si corre il rischio di spiegazioni ad hoc. Le «buone ragioni», per Boudon, «sono universali nel senso in cui la maggior parte dei soggetti messi nella stessa posizione»49 si sarebbero comportati allo stesso modo. Non molto diverso il «principio di azione» proposto da Dray, secondo il quale: »Se y è una buona ragione che A faccia x, allora y sarebbe una buona ragione per chiunque sufficientemente simile a A per fare x in condizioni sufficientemente simili»50. L’adeguatezza esplicativa di tali ragioni – spiega Dray nella sua polemica antinomologica con Hempel – deve poter essere generalizzabile attraverso una valutazione e non mediante una legge empirica. Infatti «se si trova un caso negativo per una legge empirica generale, bisogna modificare o respingere la legge, dato che la legge asserisce che la gente si comporta in un certo modo date le circostanze. Ma se si trova un caso negativo per il tipo di affermazione generale che potrebbe essere estratto da una spiegazione razionale, questa non verrebbe necessariamente falsificata»51.

  • 52 Ivi, 179-180.

34Naturalmente, per Dray come per Boudon, la spiegazione razionale di tipo valutativo si basa non su qualche forma di intuizione, bensì sulla ricostruzione della situazione e quindi su un’indagine empirica. Mettendo a frutto la lezione weberiana (benché Dray incredibilmente non citi Weber), i due autori non riducono la comprensione alla sua versione intuizionistico-metafisica, ma la fondano su una logica della situazione che non è poi molto lontana da quella a cui si è riferito lo stesso Popper. «Varrà dunque la pena di affermare esplicitamente – spiega Dray al riguardo – che quella che io chiamo spiegazione razionale non travalica in alcun senso pregiudizievole l’indagine empirica. […] Essa presenta un lato empirico, induttivo, perché innalziamo la spiegazione fino all’equilibrio esplicativo a partire dall’evidenza. Per mettersi nei panni di Disraeli – continua Dray – lo storico non si limita a domandarsi semplicemente “Cosa avrei fatto io?”; legge i dispacci di Disraeli, le sue lettere, i suoi discorsi, ecc.; […] con la speranza di valutare il problema come lo vedeva Disraeli. Il tentativo di fornire una spiegazione razionale è così […] una spiegazione “scientifica” in senso ampio; non ha nulla a che vedere con l’abbandonarsi della fantasia dello storico a eccessi»52.

  • 53 Ivi, 180.
  • 54 Il Popper teorico della logica situazionale è un Popper che mette a dura prova il covering law mode (...)

35La ricostruzione del calcolo razionale al fine di spiegare l’azione non può che essere fatta esaminando la situazione, prendendo in considerazione quelli che Dray chiama «dati esterni» all’individuo53. La comprensione boudoniana e drayana implica dunque un’analisi situazionale, che, al di là della polemica sul covering law model che ha opposto il filosofo inglese a Popper e soprattutto a Hempel, avvicina, non solo Boudon, ma lo stesso Dray, alle posizioni popperiane54.

Torna su

Bibliografia

Abbruzzese S. (2005), La sociologia di Tocqueville, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Albert H. (1971), Per un razionalismo critico, trad. it. Bologna, il Mulino, 1973.

Antiseri D. (2005), Epistemologia dell’economia nel marginalismo austriaco, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Bobbio N. (1989), Prefazione a Perelman e Olbrechts-Tyteca, 1958.

Boudon R. (1990), L’arte di persuadere se stessi, trad. it. Milano, Rusconi, 1993.
Id. (1995), Il giusto e il vero, trad. it. Bologna, il Mulino, 1997.
Id. (1999), L’actualité de la distinction parétienne entre «actions logiques» et «action non logiques», in Bouvier A. (a cura di), Pareto aujourd’hui, Paris, PUF.
Id. (2005), Tocqueville oggi, trad. it. Soveria Mannelli, Rubbettino, 2007.
Id. (2007), Essais sur la théorie générale de la rationalité, Paris, PUF.
Id. (2009) La rationalité, Paris, PUF.
Id. (2011), Ordinary Rationality: the Core of Analytical Sociology, in Demeulenaere P. (a cura di), Analitical Sociology and Social Mechanism, Cambridge, Cambridge University Press.

Bouvier A. (1999), Philosophie des sciences sociales, Paris, PUF.
Id. (a cura di) (1999), Pareto aujourd’hui, Paris, PUF.

Bronner G. (2007), L’empire de l’erreur. Éléments de sociologie cognitive, Paris, PUF.

Cartesio R. (1637), Discorso sul metodo, trad. it. Roma, Editori Riuniti, 1982.

Demeulenaere P. (2003), Les normes sociale. Entre accords et désaccord, Paris, PUF.

Di Iorio F. e Di Nuoscio E. (2014), Rethinking Boudon’s Cognitive Rationality in the Light of Mises’ Apriorism and Gadamer’s Hermeneutics, «Journal des Économistes et des Études Humaines», numero speciale Rationality, Social Sciences and Liberty: The Legacy of Raymond Boudon, 20.

Di Nuoscio E. (1996), Le ragioni degli individui. L’individualismo metodologico di Raymond Boudon, Soveria Mannelli, Rubbettino.
Id. (2004), La relatività del relativismo, in Boudon R., Di Nuoscio E. e Lins Hamlin C. (a cura di), Spiegazione scientifica e relativismo culturale, Luiss University Press.
Id. (2006), Il mestiere dello scienziato sociale, Napoli, Liguori.
Id. (2009), The Rationality of Human Action. Toward a Model Mises-Popper-Boudon?, in Cherkaoui M. e Hamilton P. (a cura di), Raymond Boudon. A Life in Sociology, London, Bardwell Press.

Dray W. (1957), Leggi e spiegazione in storia, trad. it. Milano, il Saggiatore, 1979.
Id. (1964), Filosofia e conoscenza storica, trad. it. Bologna, il Mulino, 1969.

Jarvie J.C. e Agassi J. (1967), The rationality of magic, «The British Journal of Sociology», 1.

Lins Hamlin C. (2002), Beyond Relativism. Raymond Boudon, Cognitive Rationality and Critical Realism, London, Routledge.

Mises L. von (1922), Socialismo, trad. it. Milano, Rusconi, 1990.
Id. (1949), L’azione umana, trad. it. Torino, Utet, 1959.
Id. (1962), The Ultimate Foundation of Economic Science, Princeton, D. von Nostrand.
Id. (1976), Problemi epistemologici dell’economia, trad. it. Roma, Armando, 1988.

Nozick R. (1981), Spiegazioni filosofiche, trad. it. Milano, il Saggiatore, 1987.

Perelman C. (1977), Il dominio retorico, trad. it. Torino, Einaudi, 1981.

Perelman C. e Olbrechts-Tyteca L. (1958), Trattato dell’argomentazione, trad. it. Torino, Einaudi, 1989.

Popper K.R. (1957), Miseria dello storicismo, trad. it. Milano, Feltrinelli, 1975.
Id. (1972), Conoscenza oggettiva, trad. it. Roma, Armando, 1975.
Id. (1974), La ricerca non ha fine, trad. it. Roma, Armando, 1997.
Id. (1994), Modelli, strumenti e verità. Lo status del principio di razionalità nelle scienze sociali, trad. it. in Id., Il mito della cornice, Bologna, il Mulino, 1995.

Rainone A. (1990), Filosofia analitica e scienze storico-sociali, Pisa, Etas.

Vacher L.M. (1993), Entretiens avec Mario Bunge: une philosophie pour l’âge de la science, Montréal, Liber.

Watkins J.W.N. (1970), Libertà e decisione, trad. it. Roma, Armando, 1981.

Weber M. (1922), Economia e società, trad. it. Milano, Edizioni di Comunità, 1996.

Torna su

Note

1 Boudon, 2009, 9 ss.; Lins Hamlin, 2001, 67 ss.

2 Boudon vede nelle indagini sociologiche e storiografiche di Tocqueville una delle più felici applicazione del metodo delle «buone ragioni» per spiegare l’adesione a determinate credenze: Boudon, 2005 (trad. it. 2007). Si veda anche la sistematica analisi delle sociologia tocquevilliana effettuata, da una prospettiva boudoniana, da Abbruzzese, 2005.

3 Non sono mancati autori – come J. Agassi e M. Bunge – che hanno sostenuto che tra queste due razionalità esiste invece solamente un rapporto di omonimia, e che pertanto si può parlare di razionalità delle credenze in un senso molto diverso da ciò che si intende per razionalità dell’azione; si vedano Jarvie e Agassi, 1967, 55-74 e Vacher, 1993, 67 ss.

4 Boudon, 1995 (trad. it. 1997), 102. Cfr. Boudon, 2007, 11 ss.

5 Boudon, 2011, 33 ss.

6 Boudon, 1999, 35 ss.

7 È stato in particolare Alban Bouvier a insistere sulla fecondità euristica della «prospettiva argomentativista» per potenziare le capacità esplicative dell’individualismo metodologico, soprattutto per la spiegazione delle credenze. Si veda Bouvier, 1999, 113 ss.

8 Boudon, 1999, 91. Corsivo aggiunto.

9 Ivi, 92.

10 Perelman e Olbrechts-Tyteca, 1958 (trad. it. 1989), 536. Scrive Norberto Bobbio nella prefazione all’edizione italiana di quest’opera: «Attraverso la distinzione tra dimostrazione e argomentazione, tra convinzione e persuasione, tra logica in senso stretto e retorica, tra ragionamento dimostrativo che vale indipendentemente dalle persone a cui è diretto e ragionamento persuasivo che vale solo in riferimento a un determinato uditorio, la teoria dell’argomentazione veniva presentata come un tentativo di recuperare l’etica al dominio della ragione, se pure di una ragione pratica distinta da quella pura o, se si vuole, come la scoperta di una terra rimasta per troppo tempo inesplorata dopo il trionfo del razionalismo matematizzante tra quelle occupate dalla forza invincibile della ragione e, oppostamente, dalla ragione invincibile della forza. […]». La nuova retorica di Perelman si configurerebbe dunque come una teorie delle prove razionali non dimostrative, che assume un rilievo decisivo poiché, spiega Bobbio, «dove sono in gioco valori, non importa se sublimi o volgari, la ragione dimostrativa, quella cui si riferisce la logica in senso stretto, è impotente: non rimane che inculcarli (o conculcarli) oppure trovare per sostenerli (o confutarli) delle “buone ragioni”. La retorica dell’argomentazione è lo studio metodico delle buone ragioni con cui gli uomini parlano e discutono di scelte che implicano il riferimento a valori quando hanno rinunciato a imporle con la violenza o a strapparle con la coazione psicologica, cioè alla sopraffazione o all’indottrinamento» (Bobbio, 1989, xiii-xiv).

11 Perelman e Olbrechts-Tyteca, 1958 (trad. it. 1989), 44.

12 Ivi, 45.

13 Ivi, 43-44. In questi casi, notano Perelman e Olbrechts-Tyteca, «il segreto della deliberazione intima sembra garante della sua sincerità e del suo valore» (ivi, 44).

14 Di Nuoscio, 2004, 66 ss.

15 Perelman e Olbrechts-Tyteca, 1958 (trad. it. 1989), 536.

16 È il caso, per esempio, dell’opzione per la democrazia, che si fonda su una scelta di valore (la salvaguardia e lo sviluppo delle individualità), la quale può essere effettiva solo in un regime democratico che garantisce il rispetto delle libertà individuali. Tale opzione assiologica può essere facilmente argomentata sostenendo che la competizione tra liberi individui consente di raggiungere il maggiore benessere economico e la più elevata crescita della conoscenza possibile. Naturalmente, evidenziare le conseguenze empiriche di una scelta etica non significa cadere in un fondazionismo insostenibile, perché anch’esse dovranno essere oggetto di valutazione. «L’opinione che non si possa assoggettare alla critica della conoscenza – ha sostenuto Hans Albert – né l’etica né la morale pratica, in virtù della loro autonomia, parte probabilmente da quella finzione del vuoto, che svolge un ruolo assai simile nella problematica gnoseologica, e che consiste nell’assunzione che, a un certo momento, dovremmo prendere una decisione circa il nostro sistema di valori in toto, indipendentemente da considerazioni estranee al valore e da eventuali conoscenze. Solo dopo questa decisione preliminare, quando saremo passati alle cosiddette questioni tecniche, cioè al problema dell’applicazione, entreranno in gioco le nostre conoscenze. Una situazione di questo genere, de facto, non può essere presa in considerazione seriamente. I presupposti di valore sono sempre uniti a conoscenze, sono per così dire “cresciuti insieme” con convinzioni fattuali: questa considerazione si accorda anche con naturale platonismo dei valori del pensiero comune. […] Nuove idee e nuove esperienze possono portarci a strutturare il nostro sistema cognitivo in un certo modo, e, indirettamente, a modificare il nostro sistema di valori. È pur sempre vero che da un asserto fattuale non si può inferire senz’altro un giudizio di valore, ma, tuttavia, si può mostrare che, alla luce di un’opinione fattuale riveduta, certi giudizi di valore di rivelano inconciliabili con certe convinzioni etiche che avevamo avuto fino ad allora» (Albert, 1973, 99-100).

17 Perelman e Olbrechts-Tyteca, 1958 (trad. it. 1989), 538. Corsivo aggiunto.

18 Oltre alla scienza, anche la filosofia, la morale, il diritto – sostiene Perelman – «traggono la loro razionalità dal sistema dell’argomentazione, dalle buone ragioni che si possono avanzare a favore e contro ogni tesi in questione» (Perelman, 1977; trad. it. 1981, 170).

19 Ibidem. Corsivo aggiunto. Scriveva Cartesio nel Discorso sul metodo: «considerando che di tutti coloro che hanno cercato finora la verità nelle scienze solo i matematici hanno potuto trovare qualche dimostrazione, e cioè delle ragioni certe ed evidenti, non dubitavo che avrei dovuto cominciare dalle stesse cose prese in esame da loro; anche se non speravo di ricavarne nessun’altra utilità se non quella di abituare la mia mente a nutrirsi di verità e a non accontentarsi di false ragioni» (ivi, 72, corsivo aggiunto). Se le uniche ragioni sono solo quelle «certe ed evidenti», «considerando poi quante diverse opinioni su uno stesso oggetto possono essere sostenute dai dotti, senza che ce ne possa essere mai più di una soltanto che sia vera, ritenevo quasi falso tutto ciò che era solo verosimile» (ivi, 62); Cartesio, 1637 (trad. it. 1982). Cartesio è solo uno – sia pure dei maggiori – fra gli esponenti di una lunga e radicata tradizione del pensiero occidentale che ha cercato di fondare le idee scientifiche, metafisiche, etiche e politiche su un fundamentum inconcussum, il quale, oltre che nelle «ragioni certe ed evidenti» cartesiane, è stato di volta in volta identificato, per esempio, con “i principi autoevidenti” della tradizione razionalistica, le sensazioni degli empiristi, la Ragione degli illuministi, il “fatto” dei positivisti, la “natura”, dei giusnaturalisti, la “struttura economica” dei marxisti, il “principio di verificazione” dei neopositivisti.

20 Popper, 1972 (trad. it. 1975), 226 ss.

21 Sulla spiegazione causale dell’azione mediante la razionalità delle «buone ragioni» rimando a Di Nuoscio, 2006, 150 ss.

22 Irrazionale, ad avviso di Boudon, può essere considerato il comportamento di quella madre «che rientra a casa sfinita dopo una giornata di lavoro massacrante e che dà uno schiaffo a suo figlio perché non ha capito subito una spiegazione che gli ha dato a proposito dei compiti di inglese: “essa non aveva ragioni di picchiare il figlio, la stanchezza l’aveva resa irritabile”» (Boudon, 1995).

23 Mises, 1949 (trad. it. 1959), 18.

24 Mises, 1976 (trad. it. 1988), 41.

25 Su questo punto si veda Di Iorio e Di Nuoscio, 2014.

26 La prasseologia e la catallattica, sostiene Mises, «non trattano dei moventi e dei fini ultimi dell’azione, sebbene dei mezzi applicati all’ottenimento di un fine cercato» (L’azione umana, cit., 16); e «i principi della prasseologia e dell’economia sono validi per tutte le azioni umane senza riguardo ai motivi, cause e scopi che a esse sottostanno» (Mises, 1949; trad. it. 1959, 21). «Tutto ciò che diciamo dell’azione – scrive Mises – è indipendente dai motivi che la causano e dai traguardi verso i quali è orientata nel caso individuale. Non fa differenza se l’azione è originata da motivi altruistici o egoistici, da una disposizione nobile o bassa; se è diretta verso il raggiungimento di fini materiali o ideali; se scaturisce da una riflessione esauriente e scrupolosa o se segue impulsi passeggeri o passioni. Le leggi della scienza catallattica spiegate dall’economia sono valide per ogni scambio, a prescindere dal fatto che coloro che ne sono coinvolti agiscano saggiamente o meno o che siano spinti da motivi economici o non. Le cause dell’azione e i traguardi verso i quali si muove sono dati che servono per la teoria dell’azione: il corso dell’agire imboccato nel caso individuale dipende dalla concreta configurazione, ma la natura dell’azione come tale non ne è influenzata» (Mises, 1976; trad. it. 1988, 57). «La prasseologia è una scienza teoretica e sistematica e non una scienza storica. Suo ambito è l’azione umana come tale, indipendentemente da ogni circostanza individuale, accidentale e d’ambiente degli atti concreti. La sua conoscenza è puramente formale e generale, senza riferimento al contenuto materiale e alle configurazioni particolari del caso concreto» (Mises, 1949; trad. it. 1959, 31).

27 Mises, 1962, 4.

28 Mises, 1949 (trad. it. 1959), 15. Si veda anche Antiseri, 2005, 689 ss.

29 «Se volessimo cercare di distinguere l’azione razionale dall’azione irrazionale, non solo ci innalzeremmo a giudici della scala di valori dei nostri simili, ma staremmo anche dichiarando che la nostra conoscenza è l’unico corretto, oggettivo standard di conoscenza. […]. Chiunque – prosegue Mises – dice che l’irrazionalità svolge un ruolo nell’azione umana dice semplicemente che i suoi simili si comportano in modo che egli non giudica corretto. Se non desideriamo giudicare i fini e la scala di valori degli altri, affermare la nostra onniscienza, la dichiarazione “egli si comporta irrazionalmente’ è priva di significato, perché incompatibile con il concetto di azione» (Mises, 1976 (trad. it. 1988), 56-57. Si veda anche P. Demeulenaere, che, in Demeulenaere, 2003, 65 ss., ha ben evidenziato come la soggettiva costruzione di una strategia razionale sia necessariamente riferita a norme sociali.

30 Weber, 1922 (trad. it. 1996), vol. I, 10.

31 Popper, 1994 (trad. it. 1995), 226.

32 Ivi, 227.

33 Ivi, 230. Sull’utilità euristica del principio di razionalità, a prescindere dalle caratteristiche dell’azione e della situazione, si veda Watkins, 1970 (trad. it. 1981), 56 ss.

34 Ibidem.

35 Ivi, 237.

36 Ibidem.

37 Ibidem.

38 Ivi, 229.

39 «Per capire che non sempre agiamo in accordo con il principio di razionalità – ha spiegato Popper – è sufficiente osservare il comportamento degli automobilisti innervositi, sia che tentino di uscire da un ingorgo stradale, sia che cerchino un parcheggio quando a mala pena ne è rimasto uno o forse nessuno. (In questo sperare l’impossibile, non ci comportiamo razionalmente, anche se agiamo in accordo con il meccanismo psicologico la cui evoluzione è razionalmente comprensibile). Vi sono, inoltre, ovviamente profonde differenze interpersonali, oltre che di conoscenza e di esperienza (queste differenze rientrano nella situazione), anche di capacità, la capacità di afferrare e comprendere uno stato di cose. E ciò significa che alcune persone agiranno in modo appropriato mentre altre no» (ivi, 230).

40 Dray, 1957; trad. it. 1979, 183.

41 Ivi, 170.

42 Ivi, 171.

43 Ivi, 172.

44 Ibidem. Corsivo aggiunto.

45 Ibidem.

46 Ivi, 175.

47 Ibidem.

48 Ivi, 173.

49 Boudon, 1990 (trad. it. 1993), 385.

50 Dray, 1957 (trad. it. 1979), 182. Corsivo aggiunto.

51 Ivi, 183.

52 Ivi, 179-180.

53 Ivi, 180.

54 Il Popper teorico della logica situazionale è un Popper che mette a dura prova il covering law model e quindi la sua teoria del metodo unificato. Pur premettendo che spiegazione causale e logica della situazione sono «perfettamente compatibili» (Popper, 1957; trad. it. 1975, 127), egli sostiene che le leggi utilizzate nella spiegazione storica «sono di solito prive di interesse, per il semplice fatto che nel contesto sono aproblematiche» (Popper, 1974; trad. it. 1997, 120). Tali leggi, inoltre, «possono essere così banali, talmente parte di ciò che tutti sappiamo, che non abbiamo bisogno di specificarle e che raramente ce ne accorgiamo. Se diciamo che l’essere arso vivo fu la causa della morte di Giordano Bruno, non abbiamo bisogno di ricordare la legge universale che tutti gli esseri vivi muoiono se esposti a calore intenso. Ma questa legge è sottintesa nella nostra spiegazione causale» (Popper, 1957; trad. it. 1975, 129). Proprio questo esempio, che non sembra dei più felici, testimonia che la spiegazione nomologica è parte integrante della spiegazione storica, ma che la seconda non si esaurisce nella prima. È vero che i significati e le motivazioni delle azioni che interessano allo storico possono essere utilizzati per la spiegazione di un evento storico solo grazie a leggi, ma se queste ultime sono così «banali», «prive di interesse» e usate in modo aproblematico dallo storico, allora si può sostenere che il covering law model deve essere integrato da un momento comprendente, che Popper stesso sembra proporre quando teorizza una logica della situazione in netta antitesi allo psicologismo. Scrive infatti il filosofo viennese nell’autobiografia, che la sua teoria sulla logica situazionale tenta di «generalizzare il metodo della teoria economica (teoria dell’utilità marginale) in modo da poter essere applicata alle altre scienze sociali teoriche. Nelle più recenti formulazioni – spiega Popper – questo metodo consiste nella costruzione di un modello della situazione sociale, inclusa in modo particolare la situazione istituzionale in cui un agente opera, in modo tale da spiegare la razionalità (il carattere zero) della sua azione» (Popper, 1974; trad. it. 1997, 121). E già in Miseria dello storicismo, Popper aveva scritto che la spiegazione situazionale consiste nel calcolare «la deviazione del reale comportamento delle persone dal comportamento modello» (Popper, 1957; trad. it. 1975, 126), cioè da quel comportamento «che dobbiamo aspettarci sulla base di una “pura logica della scelta”, come è descritta dalle equazioni dell’economia» (ivi, 127). Popper propone così qualcosa che è molto vicino all’idealtipo di azione razionale rispetto allo scopo di Weber, per il quale spiegare un azione consiste nel costruire idealtipi di azioni e nell’esaminare le azioni reali «come “deviazioni” da un corso costruito in maniera puramente razionale rispetto a uno scopo» (Weber, 1922; trad. it. 1996, 6). Per Popper e per Weber, spiegare un’azione vuol dire ricostruire il calcolo decisionale o il calcolo razionale che l’ha prodotta, cioè le ragioni e il significato della stessa, sulla base di modelli situazionali. E l’eliminazione di ogni forma di intuizionismo e psicologismo rende la «comprensione oggettiva» di Popper non molto diversa dal Verstehen weberiano. Il collegamento tra ragioni e azioni, avviene, per Dray, attraverso generalizzazioni formulate empaticamente, per Weber, mediante «regole di esperienze», ma in ogni caso non può essere effettuato mediante leggi universali perché, come si è visto, tali generalizzazioni resistono alle falsificazioni. Su questi temi si veda, tra gli altri, Rainone, 1990, 39 ss.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Enzo Di Nuoscio, « Ragioni e razionalità »Quaderni di Sociologia, 68 | 2015, 61-77.

Notizia bibliografica digitale

Enzo Di Nuoscio, « Ragioni e razionalità »Quaderni di Sociologia [Online], 68 | 2015, online dal 01 novembre 2015, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/295; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.295

Torna su

Autore

Enzo Di Nuoscio

Dipartimento di scienze Umanistiche, Sociali e della Formazione Università del Molise

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search