Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri68note e testimonianzeIl Piemonte alla prova dell’econo...

note e testimonianze

Il Piemonte alla prova dell’economia della conoscenza

Piedmont facing knowledge economy
Carlo Genova
p. 143-148

Abstract

At the basis of the five volumes of the project ERICA there is the hypothesis that the development of a knowledge economy and of a knowledge society widely depends on the interaction between the different ways of producing knowledge, on the work of the different institutional spheres, and on the learning and cooperation mechanisms acting in local systems. The research aims to study in detail the institutional interventions able to develop collective processes of learning and to reinforce individual skills which are useful for the development of innovation processes. In this perspective, the territory is intended as an “arena” where political and economic entrepreneurs put together their resources to develop innovation processes. School, university, business and family are the fundamental fields of analysis, focusing on the presence and the representations of the knowledge economy in the Piedmont region, looking for indicators able to describe the present and for assumptions to shape the future.

Torna su

Testo integrale

  • 1 Luciano A. (2014), Le strade dell’innovazione. Transizioni difficili e modelli alternativi, Torino, (...)

1A partire dagli anni Novanta si è diffusa l’idea di una progressiva evoluzione dei paesi più industrializzati verso un’economia della conoscenza fortemente orientata all’innovazione. Dei processi di sviluppo di questa nuova economia tuttavia sono emerse due diverse visioni: la prima mette al centro soprattutto la scienza e la tecnologia, e in particolare l’uso della conoscenza scientifica sviluppata nelle università e nei centri di ricerca applicata; la seconda enfatizza invece maggiormente il ruolo della cooperazione e dell’apprendimento collettivo. Alla base della ricerca «The Institutional and Cultural Roots of Development in a Knowledge-Based Society. Enriching Regional Innovation Capabilities in the Service Economy» (ERICA), i cui risultati sono presentati all’interno dei cinque volumi qui considerati1, vi è un’ipotesi precisa: lo sviluppo di un’economia, e di una società, della conoscenza dipendono fortemente dall’interazione tra i diversi modi di produrre conoscenza, dal ruolo giocato dalle diverse sfere istituzionali, e dai meccanismi di apprendimento e di cooperazione esistenti nei sistemi locali. Obiettivo del lavoro era l’individuazione dei dispositivi istituzionali capaci di favorire processi collettivi di apprendimento e di promuovere processi di innovazione attraverso l’accrescimento delle competenze tra gli individui e tra le organizzazioni. Un obiettivo perseguito analizzando il territorio come una «arena» sociopolitica in cui imprenditori economici e politici condividono le proprie risorse e organizzano i processi di innovazione. Il risultato è una geografia economica che opera alla ricerca di «indicatori» di economia della conoscenza e della implementazione di policies territoriali per la sua promozione.

2Il percorso si apre con l’analisi delle «strade dell’innovazione» battute nel territorio piemontese, sul quale si concentra il progetto. Sulla base delle informazioni presentate, se si considera nel suo complesso il processo di transizione di questo territorio verso un’economia della conoscenza, si possono sottolineare luci e ombre. Successi nel campo della manifattura intelligente si affiancano infatti a risultati mediocri nel campo della green economy e del terziario avanzato; investimenti per la ricerca, innovazione, sviluppo dei settori ad alta tecnologia si confrontano con la permanenza di una popolazione ancora poco scolarizzata rispetto ad altri territori; all’ampiezza dell’attuale sistema universitario sul territorio regionale non corrispondono risultati altrettanto estesi quanto all’impatto dei suoi prodotti in tale contesto. Nel complesso, se il Piemonte può essere considerato da questo punto di vista una regione di eccellenza nel panorama nazionale, non altrettanto si può dire invece se viene messo a confronto con i paesi del Centro e del Nord Europa.

3Luci e ombre emergono peraltro anche considerando i diversi effetti della diffusione questi modelli produttivi nel territorio regionale. Un diffusione talvolta accompagnata infatti da conseguenze critiche, e anzitutto da un aumento delle disuguaglianze e da un esodo di lavoratori non qualificati non del tutto compensato da una corrispondente creazione di posti di lavoro ad alta qualificazione. D’altra parte, anche in quei contesti locali in cui l’economia della conoscenza sembra aver conosciuto una maggiore spinta iniziale e migliori risultati, non di rado i circuiti innovativi non sono riusciti poi ad estendersi, in particolare in conseguenza della mancanza di una regia regionale che fornisca sistematicità e continuità al processo e della mancanza di mediatori territoriali che favoriscano la diffusione delle innovazioni sul territorio a partire dai singoli centri di sperimentazione. I processi informali emergenti mostrano in tal senso di aver necessità di un consistente sostegno istituzionale capace di intercettare le imprese potenzialmente in grado di svilupparsi secondo le nuove direzioni.

4Nel complesso, se da un lato quindi sembra possibile affermare che esiste una strada verso l’economia della conoscenza capace di produrre meno disuguaglianze e fratture di quelle alle quali porterebbe un percorso di tipo più «classico», in cui lo sviluppo di un nucleo circoscritto di settori ad alta tecnologia si affianca ad un rapido indebolimento di precedenti campi di modelli produttivi, dall’altro lato il conseguimento di tali obiettivi richiede che i processi informali che si sviluppano sul territorio trovino ad un certo punto un adeguato sostegno istituzionale e che i dispositivi messi in gioco per favorire processi di innovazione intercettino ad un certo punto le imprese e gli individui pronti ad investire in tal senso.

5Tali riflessioni acquistano ulteriore rilevanza quando la ricerca sottolinea come oggi in Piemonte le organizzazioni in grado di offrire ai giovani laureati l’opportunità di operare lavorativamente all’interno di processi di innovazione e di inserirsi stabilmente all’interno di circuiti di apprendimento sono di fatto poche e concentrate in specifici sotto-territori. Si tratta di un dato particolarmente problematico considerando che attualmente i giovani che stanno concludendo la scuola secondaria superiore rivelano una conoscenza del mondo delle professioni e un orientamento verso il lavoro piuttosto deboli. Da questo punto di vista i tanti discorsi sull’orientamento scolastico non sembrano cioè avere correttamente intercettato le esigenze provenienti da studenti e famiglie, spesso ancora molto critici per la debole interazione esistente tra mondo della scuola e mondo del lavoro. D’altra parte il peggioramento della situazione occupazionale dei giovani in conseguenza della crisi e le difficoltà che anche i giovani laureati incontrano nell’accesso al mondo del lavoro sollevano più ampi interrogativi sull’efficacia delle politiche europee finalizzate a promuovere innovazione del sistema economico, formazione del capitale umano e buona occupazione.

6Si tratta di questioni particolarmente rilevanti per i processi considerati dalla ricerca, tenendo conto che uno dei nodi fondamentali per la diffusione dell’economia della conoscenza all’interno di un territorio è costituito proprio dal rapporto dei giovani con il loro percorso formativo e dai risultati che tale percorso rende disponibili per loro e per il contesto all’interno del quale si troveranno a muoversi.

7È opinione condivisa che in Piemonte vi sia una situazione di stagnazione del mercato del lavoro, in difficoltà ad accogliere i giovani che escono da scuola superiore e università. E altrettanto condivisa è l’idea che esistano importanti carenze nella connessione tra mondo della scuola e mondo del lavoro a partire dalla limitata efficacia del sistema scolastico nel fornire competenze utili in campo lavorativo. Ciononostante, se si considera il funzionamento quotidiano delle istituzioni formative, si possono facilmente osservare alti livelli qualitativi degli istituti su tutto il territorio, un’influenza più limitata che altrove del background di provenienza sui livelli di apprendimento, e un buon bilanciamento tra il processo di liceizzazione e la preservazione quantitativa delle filiere tecniche e di quelle professionali. La questione fondamentale è forse allora il fatto che di fronte ad un indebolimento del «sogno lavoristico» che in passato sottraeva giovani ai percorsi formativi non si osserva un corrispondente significativo allargamento del «sogno formativo».

8Inoltre se per un verso esistono molteplici esperienze locali interessanti di incontro tra scuola e mondo del lavoro, per altro verso spesso queste non rappresentano interventi sistematici e gestiti in modo organico; compito della politica diventa allora operare su tali innovazioni dal basso per evitare che il loro potenziale si esaurisca all’interno di sperimentazioni frammentate prive di concrete possibilità di sviluppo nel tempo.

9Il problema è che la dotazione di risorse in possesso dei giovani piemontesi per il loro inserimento all’interno dei circuiti della nuova economia della conoscenza si rivela comunque molto variabile, sia sulla base del percorso scolastico intrapreso, sia sulla base delle dotazioni messe a disposizione dalla famiglia di provenienza e dalla qualità delle esperienze extrascolastiche avute a partire già dall’infanzia. Anche da questo punto di vista è evidente quindi l’importanza di interventi di riequilibrio che si concentrino già negli anni iniziali del percorso scolastico: se i giovani appaiono infatti in generale consapevoli delle difficoltà che la società e il mercato gli pongono oggi di fronte, e sembrano motivati ad impegnarsi per fronteggiare tali difficoltà, tuttavia non si presentano sempre altrettanto attrezzati per farlo in modo efficace.

10Il territorio piemontese già in passato si è mostrato capace di creare, per via informale, occasioni di innovazione e di integrazione di attività trasversali ad imprese e scuole e parallelamente di creare poli formativi attorno cui organizzare le attività di formazione, ricerca e produzione di servizi legati all’economia della conoscenza. La questione è che attualmente tra scuola e impresa se non emergono elementi di contrasto netti, non si evidenziano però neppure forti punti di interazione: gli insegnanti lamentano la scarsità delle risorse umane e la loro svalorizzazione sociale; gli imprenditori addetti al reclutamento del personale sottolineano la debolezza delle attività scolastiche, che potrebbero mettere maggiormente in contatto sapere teorici e saperi pratici. Di fronte all’assenza, o alla debolezza, dei dispositivi istituzionali, risultano così essere i canali informali e il relativo capitale sociale a costituire gli strumenti fondamentali di contatto tra domanda e offerta di lavoro.

11La fiducia degli studenti e delle famiglie nei confronti di scuola e insegnanti è però fondamentale per sostenere e motivare l’impegno formativo che l’economia della conoscenza richiede, così come lo è il consenso dell’opinione pubblica, che tale modello produttivo si trova chiamata a sostenere con quote consistenti di spesa. Di fronte ad una crisi generale non solo nella sfera economica e politica ma anche in quella culturale e morale, studiare i processi di legittimazione che forniscono credibilità agli attori istituzionali, e in particolare a quelli attivi nel governo della formazione, rappresenta dunque un’operazione fondamentale.

12Da questo punto di vista la ricerca conferma tuttavia il declino della fiducia che i giovani e gli adulti accordano alla scuola, descritta come capace di fornire le conoscenze culturali e le competenze relazionali di base, ma anche come debole nel mettere in dialogo scuola e mondo del lavoro e nell’orientare i giovani all’interno di quest’ultimo. E altrettanto sfaccettato si rivela il giudizio nei confronti degli insegnanti, descritti dai giovani come competenti ma poco capaci a coinvolgere gli studenti, e dagli adulti come poco aggiornati e meno preparati di quanto avvenisse in passato.

13Il nodo della questione in senso operativo sembra allora essere lo sviluppo di relazioni virtuose tra opinione pubblica, istituzioni e sviluppo economico, considerando in particolare il governo della formazione, dell’educazione e della produzione di conoscenza, e quindi analizzando i processi di legittimazione e di costruzione di credibilità degli attori sociali e politici nel campo dell’istruzione pubblica.

14Ma la questione educativa non è l’unica ad essere chiamata in gioco in questo tipo di riflessioni. La ricerca sottolinea infatti esplicitamente come nella produzione e nella distribuzione di beni materiali e immateriali i cambiamenti tecnologici abbiano evidenziato la possibilità di modelli organizzativi diversi da quelli industriali tradizionali, all’interno dei quali un ruolo centrale è sicuramente giocato dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Obbiettivo delle analisi è allora anche un’esplorazione del territorio piemontese rispetto all’interazione tra le reti sociali e quelle telematiche quale produttrice di sistemi sociotecnici che favoriscono forme di attivazione individuali e collettive, e rispetto alla costruzione di reti di produzione e di scambio di conoscenze che configurano nuove modalità organizzative e relazionali per la crescita di capitale tecnologico, umano e sociale. La prospettiva è quella di indagare le condizioni attraverso le quali le infrastrutture tecnologiche possono favorire attività e servizi ad elevato contenuto di conoscenza; condizioni che riguardano: le modalità attraverso cui i sistemi locali di informazione e comunicazione possono combinarsi con reti e capacità sociali esistenti e possono diventare uno strumento di riorganizzazione spaziale e sociale; le tecnologie più adeguate per realizzare un’estensione dell’accesso a tali sistemi e del loro uso; le dinamiche che favoriscono da parte degli utenti l’adozione di un ruolo attivo di fornitori di informazione; gli strumenti migliori per creare reti di cooperazione; i fattori che facilitano la diffusione dell’appropriazione di processi innovativi; le opportunità per trasformare in risorsa l’eterogeneità esistente tra le diverse organizzazioni e tra i diversi territori.

15Nella lettura proposta, se l’innovazione è un bene relazionale, il territorio può diventare luogo di produzione di strategie capaci di stimolare la crescita di un ambiente innovativo, il quale richiede la partecipazione dei diversi attori sociali in un approccio sistemico e pluralista, essendo la cooperazione il collante fondamentale per integrare azioni e prospettive dei diversi attori del sistema sociotecnico, e per ricomporre i diversi aspetti dell’innovazione. Se cioè l’innovazione è una costruzione sociale, relazionale e comunicativa che si avvale del contributo di molteplici utilizzatori e produttori, essa richiede allora la capacità di attuare un processo aperto al dialogo e alla condivisione della conoscenza.

16In questa prospettiva la ricerca mette tuttavia in luce alcuni limiti espliciti del contesto piemontese. Il territorio regionale non possiede ancora un’adeguata infrastruttura di rete, i suoi comuni si collocano tra i meno propensi ad offrire servizi di e-gov avanzato, così come i suoi cittadini mostrano ritardi rilevanti nell’adozione e nell’uso di Internet. Il mondo imprenditoriale rileva le carenze rispetto alla dotazione della rete telematica e alla erogazione dei servizi da parte della pubblica amministrazione, ma al tempo stesso proprio le imprese spesso non si rivelano particolarmente propense all’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Esiste quindi una sorta di diaframma comunicativo e operativo tra soggetti imprenditoriali e istituzioni che rallenta i processi di sviluppo delle nuove forme produttive.

17I mutamenti connessi allo sviluppo dell’economia della conoscenza all’interno di un territorio, sia in quanto «cause» che in quanto «effetti», non sono però solo di tipo economico ma riguardano più in generale l’intero assetto socio-culturale. Ciononostante in riferimento a questo campo di studi si osserva spesso una retorica che tende a trascurare l’analisi delle attività che non hanno ricadute dirette nella produzione e nella circolazione di informazioni e di conoscenze e che non richiedono competenze pregresse sviluppate attraverso percorsi di formazione riconosciuti e qualificati; le analisi considerano spesso soltanto il ruolo giocato del lavoro retribuito nella costruzione della società della conoscenza, mentre viene quasi del tutto ignorato il ruolo svolto dal lavoro familiare, nonostante sia ormai riconosciuto come proprio quest’ultimo costituisca uno degli elementi fondamentali per il funzionamento della società contemporanea. Nella prospettiva di superare tali limiti, una ulteriore parte della ricerca ha preso in considerazione le modalità di organizzazione domestica e gli atteggiamenti verso i ruoli di genere dei lavoratori della conoscenza. Obiettivo è stato in particolare la verifica della presenza di comportamenti familiari potenzialmente innovativi, e quindi la valutazione di se e come siano possibili processi di ridefinizione dell’organizzazione domestica e del lavoro familiare che permettano a entrambi i partner della coppia di sviluppare la propria carriera professionale, nell’idea che tali elementi innovativi nell’ambito familiare possano promuovere ulteriori processi di innovazione nel contesto sociale più ampio. E sulla base dei risultati raccolti si può in effetti dire che nel complesso i lavoratori della conoscenza sembrano distinguersi per la condivisione di atteggiamenti tendenzialmente anti-tradizionalisti e orientati al bilanciamento dei rapporti di genere all’interno della famiglia. Emerge però in modo chiaro la dissonanza tra una visione del mondo innovativa e paritaria e le concrete difficoltà nella sua traduzione in pratica quotidiana. Se questi attori si presentano quindi in qualche modo come una «avanguardia» per quanto riguarda il mutamento delle culture di genere, nonostante il cambiamento culturale anche all’interno di questa popolazione sono più facilmente le donne i membri della coppia a sacrificare le opportunità di carriera di fronte a momenti delicati della vita familiare.

18In riferimento a questo aspetto, così come a diversi altri emersi all’interno della ricerca, il dato generale rispetto allo sviluppo dell’economia della conoscenza all’interno del territorio piemontese sembra allora essere quello di una molteplicità di processi avviati, e che in diversi casi hanno già portato ad importanti risultati, ma che a oggi delineano un quadro ancora largamente in fieri, rispetto al quale i possibili sviluppi sono ancora aperti, e con essi anche le possibilità da parte dei diversi attori di agire per orientarli verso le direzioni auspicate.

Torna su

Note

1 Luciano A. (2014), Le strade dell’innovazione. Transizioni difficili e modelli alternativi, Torino, Rosenberg & Sellier; Berra M. (2014), Cooperare per innovare. ICT, imprese e territorio, Torino, Rosenberg & Sellier; Olagnero M. (2014), E le scuole stanno a guardare. Esperienze e rappresentazioni del dopo-diploma in Piemonte, Torino, Rosenberg & Sellier; Belloni M.C., Carriero R. e Todesco L. (2014), Innovatori in famiglia? Responsabilità familiari e ideologie di genere dei lavoratori della conoscenza, Torino, Rosenberg & Sellier; Albano R., Bertolini S. e D’Agati M. (2014), Cui bono? Rappresentazioni e aspettative della scuola secondaria in Piemonte, Torino, Rosenberg & Sellier.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Carlo Genova, « Il Piemonte alla prova dell’economia della conoscenza »Quaderni di Sociologia, 68 | 2015, 143-148.

Notizia bibliografica digitale

Carlo Genova, « Il Piemonte alla prova dell’economia della conoscenza »Quaderni di Sociologia [Online], 68 | 2015, online dal 01 novembre 2015, consultato il 02 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/305; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.305

Torna su

Autore

Carlo Genova

Dipartimento di Culture, Politica e Società Università di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search