Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri66la società contemporanea / Religi...Presentazione

la società contemporanea / Religione e politica in italia: le sfide del pluralismo

Presentazione

Franco Garelli
p. 3-7

Testo integrale

1Sono molti i motivi che spingono ad aggiornare la riflessione sociologica sul rapporto “religione e politica” nel nostro paese, sino a pochi anni fa considerato come uno dei campi in cui più si esprimeva la peculiarità del ‘caso italiano’. Al riguardo il dibattito pubblico e scientifico ruotava perlopiù attorno ai temi della dialettica laici-cattolici, del confronto-scontro tra diverse sub-culture di lunga tradizione (soprattutto quella cattolica e quella comunista), dell’egemonia della chiesa nella società italiana, dell’influenza e ingerenza del Vaticano sulle questioni nazionali, del ruolo predominante del partito cattolico, dell’annosa questione dell’unità politica dei cattolici, del peso dell’associazionismo e della società civile di matrice cattolica nelle sorti del paese: tutti aspetti che indicavano non soltanto il forte intreccio tra la religione prevalente e la sfera politica, ma anche la particolare situazione dell’Italia rispetto al modo in cui tale rapporto si è sviluppato in altre nazioni europee.

2Alcune delle questioni ricordate mantengono validità nel tempo, ma molte altre paiono ormai datate, per l’emergere di nuove dinamiche e di nuovi scenari. Così il dibattito in questo campo si è arricchito di altri interessi e significati. Tra questi, le polemiche sulla presenza del crocefisso negli edifici pubblici; la questione della laicità dello stato nella società pluralistica; la discussione sulla plausibilità del regime concordatario ancora vigente nel paese; il rapporto tra la religione prevalente (il cattolicesimo) e le minoranze religiose in forte espansione; la presenza identitaria dell’islam; la marcata propensione della chiesa cattolica a intervenire sempre più nella sfera pubblica (nelle battaglie sui valori cosiddetti ‘irrinunciabili’, nel farsi interprete del sentire della popolazione, nella difesa dei valori ‘cari ai cattolici’ ecc.) pur in un’epoca in cui molti italiani hanno ormai un legame debole con la religione della tradizione o si comportano come ‘se Dio non ci fosse’ (Rusconi, 2000).

3Proprio i temi del pluralismo religioso in Italia e la forte presenza della religione cattolica nello spazio pubblico (pur in una società che non è stata risparmiata dal processo di secolarizzazione) sono al centro di questa sezione monografica dedicata ai più recenti sviluppi del rapporto ‘religione e politica’ a livello nazionale. Un rapporto che da un lato non può che riflettere la specificità delle vicende nazionali e della nostra storia e cultura, ma che dall’altro lato rispecchia le dinamiche che si riscontrano nella maggior parte delle società avanzate.

4Anzitutto la nuova stagione che le religioni stanno vivendo in molte aree del mondo, rappresentata dal fatto che fedi e tradizioni religiose diverse si rifiutano oggi di rimanere entro i confini della sfera privata, in quanto intendono partecipare al processo di costruzione del mondo moderno, ritenendo di avere risorse adeguate per dare il proprio contributo a ridefinire le regole della convivenza in una società sempre più pluralistica (Garelli, 2006). E in questo quadro si impegnano pubblicamente sui temi della vita e della famiglia (Walss, 2010), sulle questioni della bioetica (Guinn, 2006), sugli squilibri ambientali (Jenkins e Chapple, 2011), sulla crisi del welfare (Morgan, 2006), sulle crisi finanziarie e economiche, sulle disuguaglianze nel campo dell’istruzione (Arthur, Gearon e Sears, 2010) ecc. In altri termini, da alcuni anni a questa parte è emersa la tendenza di molte religioni (e dei movimenti che a esse si ispirano) “a sollevare questioni sui legami fra moralità pubblica e privata”, a sfidare “la pretesa dei sottosistemi sociali, in particolare lo stato e il mercato, di essere esenti da considerazioni normative ‘esterne’” (Casanova, 2000, 11).

5Ovviamente, questo nuovo corso delle religioni sembra trovare terreno fertile nella difficoltà della sfera politica nel governare situazioni sociali sempre più complesse, ben rappresentata dalla crisi dello stato nazione, dalla carenza delle risorse pubbliche, dalla perdita di legittimità dei partiti politici, dalle molte sfide che le istituzioni incontrano nell’affrontare i temi della regolazione sociale nelle società differenziate (Beckford e Richardson, 2007).

6Sullo sfondo di queste dinamiche, si assiste poi in tutte le società a un aumento del pluralismo religioso, rappresentato dalla presenza di fedi e tradizioni diverse che si affiancano a quelle della tradizione. Si tratta di un fenomeno che da un lato pone allo stato e alla sfera politica nuovi problemi di regolazione sociale (per la domanda di riconoscimento e di legittimazione pubblica avanzata dalle nuove fedi religiose), e che dall’altro lato immette nel contesto nuovi attori e risorse che modificano sensibilmente i rapporti sociali e le dinamiche territoriali. È inoltre evidente che alcune di queste presenze (quella islamica in particolare) sono destinate ad alterare il rapporto religione e politica sino a ieri prevalente in molte società occidentali, anche per il riverbero a livello locale di paure e tensioni innescate dal fenomeno del fondamentalismo religioso (Kumar, 2012).

7Ecco lo scenario tematico in cui si inscrive il presente numero monografico, che affronta alcuni nodi cruciali del rapporto odierno tra religione e politica in Italia.

8Il contributo di Franco Garelli si incentra su due temi particolarmente rilevanti dell’attuale dibattito: la ricorrente riproposizione nella situazione italiana del tema della religione civile (perlopiù evocato per spiegare la carenza di un’identità collettiva nazionale e le responsabilità della chiesa e del cattolicesimo al riguardo) e il nesso fra orientamento politico e appartenenza religiosa. Allo scopo di comprendere le dinamiche in atto, il contributo rilegge il rapporto fra cattolici e politica a partire dalla frattura prodottasi alla fine della Prima Repubblica sino alle evoluzioni più recenti, caratterizzate dall’ingresso di Matteo Renzi nella scena politica e dalle nuove linee di politica ecclesiastica di papa Bergoglio. Il saggio affronta alcuni interrogativi chiave del rapporto tra la religione prevalente e la sfera politica in Italia: che ne è del cattolicesimo politico in una stagione in cui la chiesa cattolica ha accentuato la sua presenza culturale e identitaria nella società italiana? Perché si moltiplicano nel paese (anche da parte di gruppi laici) gli appelli ai cattolici perché operino per il bene comune, proprio in un momento in cui il mondo cattolico appare politicamente molto diviso e disperso? Per quali motivi la maggior parte dei partiti politici continua a prestare ossequio alla chiesa cattolica pur in una società in cui aumenta la quota laica della popolazione e in cui si diffondono le fedi religiose diverse da quella della tradizione? Quali ripercussioni potrà avere la politica ecclesiastica del nuovo Papa (interprete di un cattolicesimo più votato ad una presenza più spirituale e caritativa che ‘politica’) su una chiesa cattolica nazionale che negli ultimi anni è apparsa assai interventista sulle questioni cultural-identitarie?

9Il dibattito pubblico attuale ha radici lontane, su cui fa luce il saggio di Simone Martino, che ripercorre le vicende del rapporto tra stato e religione in Italia dall’Unità ad oggi, per comprendere come esso si sia strutturato nel tempo e quali siano i suoi tratti peculiari. Per contestualizzare il caso italiano e valutare se e come esso possa essere considerato un’eccezione sulla scena europea, l’autore prende in esame le diverse forme del rapporto stato-religione in Europa. Mette infine alla prova il modello concordatario, testandolo sui temi caldi che animano il rapporto fra cattolicesimo e politica (insegnamento della religione cattolica a scuola, esposizione del crocefisso nei luoghi pubblici, 8×1000, questioni bioetiche). I risultati dell’analisi disegnano un paese che – nonostante continui a riflettere il modello concordatario – risente di alcune trasformazioni che potrebbero in futuro mettere in discussione la plausibilità di questo modello nel contesto italiano. Fra queste trasformazioni va citata la crescente presenza di fedeli musulmani, i quali rappresentano oggi una componente strutturale e sintomatica della trasformazione multiculturale del paese.

10Il contributo di Roberta Ricucci approfondisce le trasformazioni del dibattito fra islam e politica spostandosi dal livello nazionale a quello locale. Lasciando da parte la discussione sull’intesa fra le comunità musulmane presenti nel paese e lo stato italiano (polemica che non sembra più entusiasmare né gli stessi protagonisti né la comunità scientifica), l’autrice si interessa di ciò che avviene sul territorio, analizzando da un lato come le amministrazioni locali (con le loro politiche) intervengano nel far fronte ai problemi di vita quotidiana dei residenti musulmani; e dall’altro come con l’emergere sulla scena pubblica delle seconde generazioni di musulmani si modifichino le istanze di riconoscimento (dall’indubbio valore ‘politico’) sin qui espresse dalle prime generazioni. Emerge all’interno delle collettività musulmane una diversa prospettiva generazionale nel modo di intendere l’islam e la presenza nella sfera pubblica. Mentre per i genitori la questione rilevante riguardava (e rimane) la riproposizione nel paese di immigrazione delle strutture e delle usanze religiose presenti in patria, per le seconde generazioni l’attenzione è rivolta a come l’islam possa essere parte della società europea, a come coniugare il loro essere (o sentirsi) italiani con una appartenenza religiosa sovente percepita come il tratto di una alterità difficile da conciliare con l’identità italiana.

11Proprio il rapporto con la diversità religiosa costituisce l’elemento di frattura che tradizionalmente ha visto contrapporsi le gerarchie ecclesiastiche al mondo del tradizionalismo cattolico, cui è dedicato il saggio di Massimo Introvigne e Stefania Palmisano. A partire da un’esplorazione dell’universo tradizionalista, gli autori si soffermano sulla componente che più ha trovato nuovo vigore a seguito dell’elezione di papa Francesco, quella che si è consolidata attorno alla Fraternità Sacerdotale San Pio X, fondata da monsignor Marcel Lefebvre. Ripercorrendo le radici storiche della posizione politica di Lefebvre e dei suoi seguaci, essi argomentano che le principali ragioni di dissidio a impedimento del ritorno della Fraternità alla comunione con la Chiesa di Roma non riguardano tanto la liturgia – la messa in latino, come erroneamente si crede – quanto la politica, e la nozione di uno stato cattolico e confessionale in nome della quale gli eredi di Lefebvre continuano a opporsi agli insegnamenti del concilio ecumenico Vaticano II in materia di libertà religiosa. L’articolo fa emergere le implicazioni politiche della scelta religiosa della Fraternità Sacerdotale San Pio X, con particolare attenzione all’esperienza italiana, nella quale i gruppi religiosi tradizionalisti attirano l’attenzione di vari ambienti della destra politica.

Torna su

Bibliografia

Arthur J., Gearon L. e Sears A. (2010), Education, Politics and Religion: Reconciling the Civil and the Sacred in Education, New York, Routledge.

Beckford J. e Richardson J.T. (2007), Religion and Regulation, in Beckford J. e Demerath N.J., Sociology of Religion, London, Sage, pp. 396-418.

Casanova J. (2000), Oltre la secolarizzazione. Le religioni alla riconquista della sfera pubblica, Bologna, il Mulino.

Garelli F. (2006), L’Italia cattolica nell’epoca del pluralismo, Bologna, il Mulino.

Guinn D. E. (a cura di) (2006), Handbook of Bioethics and Religion, New York, Routledge.

Jenkins W. e Chapple C.K. (2011) Religion and Environment, «Annual Review of Environment and Resources», 36, pp. 441-463.

Kumar D. (2012), Islamophobia and the Politics of Empire, HaymarketBooks, Chicago.

Morgan K.J. (2006), Working Mothers and the Welfare State: Religion and the Politics of Work-family Policies in Western Europe and the United States, Stanford, Stanford University Press.

Rusconi G.E. (2000), Come se Dio non ci fosse. I laici, i cattolici e la democrazia, Torino, Einaudi.

Walls E.N. (2010) Religion and Support for Same-Sex Marriage: Implications from the Literature, «Journal of Gay & Lesbian Social Services», 22, 1-2, pp. 112-131.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Franco Garelli, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 66 | 2014, 3-7.

Notizia bibliografica digitale

Franco Garelli, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 66 | 2014, online dal 01 décembre 2014, consultato il 27 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/312; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.312

Torna su

Autore

Franco Garelli

Dipartimento di Culture, Politica e Società. Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search