Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri81- LXIIIrecensioniMark Granovetter, Società ed econ...

recensioni

Mark Granovetter, Società ed economia. Modelli e principi2017

Fabio Berton
p. 176-179
Notizia bibliografica:

Mark Granovetter, Società ed economia. Modelli e principi, Milano, Università Bocconi Editore, 2017, pp. 302.

Testo integrale

1Quello di Mark Granovetter è – come è legittimo attendersi da uno studioso di tale statura scientifica – un testo ricco, complesso, di grande erudizione e destinato, a mio avviso, ad un pubblico di iniziati in grado di coglierne le infinite sfumature. Concepito come il primo di due volumi, il suo scopo è di “presentare alcune tesi sul tema dell’agire economico e delle istituzioni, per metterne in luce, accanto agli aspetti puramente economici, le dimensioni sociali, culturali e storiche” (p. 1), laddove il secondo volume “tratterà una serie di casi empirici, che verranno analizzati in base al framework qui delineato” (p. 1).

2In prima battuta, l’autore definisce il proprio approccio metodologico in negativo, identificando i limiti di approcci alternativi basati su ipotesi implicite non esposte a controllo empirico, e ciononostante ugualmente postulate per spiegare legami causali: per gli economisti, quella di individui come calcolatori razionali che rispondono a incentivi quantificabili; per i sociologi, quella di individui pressoché interamente determinati dall’appartenenza ad un determinato ambiente sociale. Gli economisti, detto altrimenti, peccherebbero di una visione iposocializzata dell’individuo, che risulta così interamente avulso dal contesto in cui opera. I sociologi, al contrario, di una visione ipersocializzata, nella quale l’individuo assume supinamente tutte le regole di comportamento del proprio contesto. Ironicamente, rileva Granovetter, tanto la visione ipo- quanto quella ipersocializzata, sono riconducibili a una concezione atomistica dell’individuo, perché unicamente guidato dal perseguimento del proprio interesse in un caso, oppure perché interamente permeato dalle norme prevalenti all’interno dell’ambiente di riferimento nell’altro. In entrambi i casi, l’interazione con altri individui diventa un elemento avulso dal modello interpretativo.

  • 1 L’insieme delle quattro prove alle quali, secondo Granovetter, una spiegazione funzionalista dovre (...)

3I sostenitori di queste forme di riduzionismo all’individuo hanno cercato di superare i limiti del proprio approccio con le argomentazioni complementari del funzionalismo e del culturalismo. L’autore evidenzia come però anche queste strade risultino largamente insoddisfacenti. Il funzionalismo ipotizza che i risultati dell’agire umano possano essere spiegati nei termini di problemi da risolvere: comportamenti e istituzioni emergerebbero ovvero come soluzioni a sfide da vincere. Il rischio, in assenza di un apparato empirico di cui Granovetter delinea i tratti essenziali, è la tautologia, poiché sarà sempre possibile immaginare problemi – la cui effettiva esistenza risulta però difficile da dimostrare – rispetto ai quali ciò che è storicamente osservabile rappresenta una (buona) soluzione1. Il culturalismo, invece, riconduce l’osservabile ai tratti immutabili – valoriali, normativi, culturali – di una particolare società, esponendosi in ciò all’incapacità di dare conto del cambiamento.

4Il mutamento di paradigma richiesto da una piena comprensione dell’agire economico – e in questo l’autore inizia a delineare in positivo il proprio apparato metodologico – deve dare conto dell’esistenza di livelli di analisi diversi e ulteriori rispetto all’individuo. Granovetter ne identifica due: quello meso, che riguarda le azioni che generano esiti extraindividuali, e quello macro, che si riferisce alle istituzioni economiche. Tesi dell’autore è che i tre livelli di analisi interagiscano tra di loro. Diventa logicamente fondamentale, pertanto, individuare uno strumento analitico che consenta di dare conto dell’interazione tra i tre livelli, strumento che Granovetter trova nel concetto di reticolo sociale che svolge “un ruolo di mediazione fondamentale fra il livello micro e quello macro” (p. 18). La pregnanza del concetto di reticolo sociale emerge esattamente nella sua capacità di fare emergere le molte determinanti dell’agire economico. Proporzionale alla densità del reticolo sociale è infatti la rilevanza delle norme, alle quali è dedicato il capitolo due. Uno dei principali risultati dell’analisi delle norme è che queste “non possono essere considerate singolarmente, perché…si presentano sempre e comunque in un quadro complessivo integrato, in cui risultano strettamente connesse le une con le altre” (p. 71). Il tema, quindi, dell’aggregazione delle norme in strutture concettuali più ampie, definite dall’autore (anche) come cultura o istituzioni, è oggetto del capitolo quinto del volume, mentre quello dell’interazione tra il livello macro-istituzionale e quello micro- individuale viene trattato nel sesto capitolo.

5La comune appartenenza ad un gruppo o ad un reticolo è poi individuata come una delle fonti di un’altra rilevante determinate dell’agire economico, la fiducia, oggetto del capitolo quattro. L’esistenza, infine, di buchi strutturali all’interno del reticolo, o tra reticoli diversi, crea dei vuoti di connessione dai quali alcuni individui possono trarre vantaggio agendo come arbitri tra segmenti disconnessi, con ciò guadagnando una posizione di potere. Il potere e la sua influenza sull’agire economico sono oggetto del quarto capitolo. L’analisi di norme, fiducia e potere, nei capitoli di cui sono rispettivamente oggetti, è condotta a partire dall’incapacità del paradigma della scelta razionale di dare pienamente conto dell’agire economico, e si sviluppa dal livello di analisi individuale a quello macro passando per quello meso.

6Definito il canale di collegamento tra i tre livelli di analisi attraverso il concetto di reticolo sociale, all’autore spetta ancora il compito di individuare le motivazioni che spingono gli individui a muoversi attraverso di essi. In questa prospettiva Granovetter individua tre dicotomie motivazionali. Il comportamento individuale può essere “strumentalmente razionale o meno, ego-centrato o meno, e socialmente o economicamente orientato” (p. 24). Il volume è permeato in misura sostanziale dalla terza dicotomia. Tesi dell’autore è che, nell’analisi dell’agire economico individuale, non sia possibile distinguere completamente il motivo sociale dal motivo economico.

  • 2 Mi preme precisare in questa sede che ritengo il falsificazionismo troppo restrittivo come strumen (...)

7Quello proposto da Mark Granovetter è pertanto uno strumento di analisi estremamente vasto e flessibile, come peraltro emerge chiaramente dagli obiettivi dell’autore. Se da un lato ciò permette di superare le ristrettezze che caratterizzano alcuni approcci alternativi, dall’altro presenta a mio avviso non pochi problemi nel momento in cui lo si voglia interpretare come una teoria dell’agire economico. Il paradigma ottimizzante della scelta razionale viene criticato, a mio avviso giustamente, nella misura in cui è tautologicamente (gli economisti direbbero endogenamente) in grado di dare conto di qualunque comportamento economico, a patto di includere nell’oggetto dell’ottimizzazione gli argomenti corretti. Come per il funzionalismo, quindi, la teoria verrebbe in questi casi postulata, e la specificazione del modello adattata allo scopo di darne conferma. La proposta di Granovetter, in questa prospettiva, rischia però di esporsi agli stessi limiti: poiché tra motivazione sociale e motivazione economica tertium non datur, la teoria non appare sufficientemente definita per esporsi a falsificazione, relegandosi – in termini popperiani – allo stato di pseudo-scienza. La stessa definizione di motivazione economica – “espressione con cui intendo la ricerca di beni e servizi” (p. 27) – non sembra in prima battuta troppo lontana dal concetto neoclassico di utilità, rappresentata da una funzione crescente nel consumo, appunto, di beni e servizi2.

  • 3 La distanza tra la scuola neoclassica da un lato e quella keynesiana dall’altro non può essere inv (...)

8Si potrà tuttavia obiettare che il vero elemento di novità rispetto agli approcci riduzionisti è il superamento del mero livello individuale dell’analisi, arricchito – nel volume qui discusso – dei due livelli meso e macro e dalle loro reciproche interdipendenze. In questa prospettiva, la critica di Granovetter al paradigma della scelta razionale trascura l’esistenza – che risale almeno agli anni trenta del secolo scorso con i primi contributi di J.M. Keynes – di una macroeconomia che si distingue dalla microeconomia proprio perché non fondata sulla semplice aggregazione del comportamento dei singoli. Il collegamento tra i due livelli di analisi – lungi dall’essere ignorato e noto agli economisti come microfondazione della macroeconomia – è stato successivamente uno dei campi di indagine d’elezione per la scuola dei neokeynesiani, tra i quali quello di J.E. Stiglitz è forse solo il nome più noto3. Il fatto poi che l’autore non voglia “attribuire a un determinato livello una priorità causale rispetto agli altri”, riporta la proposta di Granovetter a quello stato di non-teoria discusso pocanzi.

9Rimane aperta la possibilità che la proposta di Granovetter non intenda essere una teoria, quanto piuttosto un contenitore finalizzato alla mera organizzazione dell’evidenza empirica che sarà oggetto del successivo volume. In questo senso risulta ampiamente condivisibile la volontà di dotarsi di uno strumento il più possibile ampio e flessibile, che non precluda la possibilità di raccogliere tra le proprie maglie nessuno dei comportamenti economici rilevanti. Ci sembra però allora fuorviante il riferimento ai modelli fatto nel sottotitolo all’opera. Il modello deve necessariamente essere una semplificazione della realtà, e non una sua fedele riproduzione, ciò che lo renderebbe tanto inutile quanto analiticamente intrattabile. L’uso di una rappresentazione semplificata della realtà non è sbagliato o fuorviante a prescindere. Lo è soltanto nella misura in cui le ipotesi del modello (ivi incluse quelle comportamentali) – come condanna lo stesso Granovetter – rimangono implicite, e dunque non sottoposte ad una prova empirica di ragionevolezza. Analogamente, anche le implicazioni del modello andranno sottoposte alla prova dei fatti. L’obiettivo, evidentemente, non è un mero gusto per la semplificazione. Bensì quello di disporre di strumenti che ci consentano di isolare e identificare relazioni causali tra variabili – ovviamente senza determinarli – indispensabili per il disegno delle politiche. Per fare una facile analogia medica, i farmaci vanno prescritti sulla base di un nesso causale tra cura e malattia, e non di una semplice correlazione.

10Il mio giudizio sul volume di Granovetter rimane pertanto sospeso. Molti dei dubbi che ho espresso potranno essere chiariti una volta che l’impianto teorico qui delineato verrà operativizzato, ciò che ci si aspetta dal secondo volume dell’opera. D’altra parte, è stato lo stesso autore a concepire il progetto come un testo unitario, separato in due volumi per mere ragioni editoriali. Sarebbe scorretto e ingeneroso trarre conclusioni a questo stadio.

Torna su

Note

1 L’insieme delle quattro prove alle quali, secondo Granovetter, una spiegazione funzionalista dovrebbe essere sottoposta, non è comunque a mio avviso del tutto dirimente. L’autore suggerisce, per esempio, che “pure ammettendo l’esistenza di un problema da risolvere, l’istituzione sotto esame avrebbe dovuto risolverlo; in caso contrario, di nuovo, la spiegazione funzionalista non è convincente” (p. 9). Non possiamo però escludere a priori l’ipotesi che un’istituzione, pur nata per risolvere un problema, non sia stata in effetti in grado di farlo. La storia insegna che l’uomo è ben lontano dall’essere infallibile.

2 Mi preme precisare in questa sede che ritengo il falsificazionismo troppo restrittivo come strumento per l’avanzamento della conoscenza. Tuttavia, allo stesso tempo, mi sembra condivisibile la posizione per cui un costrutto analitico sufficientemente vago o onnicomprensivo da non poter essere sottoposto ad un test di falsificazione, non possa essere considerato scientifico o, quanto meno, una teoria.

3 La distanza tra la scuola neoclassica da un lato e quella keynesiana dall’altro non può essere invocata per argomentare l’inesistenza di un collegamento tra il livello di analisi microeconomico e quello macroeconomico. Comportamenti individualmente (micro-) razionali e ottimizzanti possono infatti condurre ad esiti socialmente (macro-) non desiderabili. Sono i casi noti come fallimenti del mercato (p.e. esternalità, beni pubblici; ma anche il più generale dilemma del prigioniero all’interno della teoria dei giochi, caso nel quale il comportamento individualmente razionale non solo conduce ad un esito socialmente non desiderabile, ma anche individualmente sub-ottimo), nei quali, anche partendo da un paradigma individualista, si crea la giustificazione per l’intervento di regolazione di un organo sovraordinato, e tipicamente l’insorgere di un’istituzione.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Fabio Berton, « Mark Granovetter, Società ed economia. Modelli e principi2017 »Quaderni di Sociologia, 81- LXIII | 2019, 176-179.

Notizia bibliografica digitale

Fabio Berton, « Mark Granovetter, Società ed economia. Modelli e principi2017 »Quaderni di Sociologia [Online], 81- LXIII | 2019, online dal 01 juin 2020, consultato il 30 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/3617; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.3617

Torna su

Autore

Fabio Berton

Dipartimento di Economia e Statistica “Cognetti de Martiis” – Università di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search