Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri64note criticheLe collusioni con la mafia nell’I...

note critiche

Le collusioni con la mafia nell’Italia odierna

Collusions with Mafia in the contemporary Italy
Stefano Becucci
p. 153-157

Abstract

Collusion between mafia organizations and white-collars workers in Italy represents a crucial issue in a deeper understanding of indigenous organized crime. Regarding this, the book edited by Rocco Sciarrone, Alleanze nell’ombra. Mafie ed economie locali in Sicilia e nel Mezzogiorno, provides a systematic analysis of relationships between Mafiosi and a large “mob” of players, formally operating in legal areas, such as local administrators, national politicians, professionals, and entrepreneurs. Without these strategic relationships, Italian mafia-type associations would have quickly lost their power and deep roots in Italian society, reducing them to a short-lived criminal phenomenon.

Torna su

Testo integrale

1Fra i molti libri che periodicamente vengono pubblicati in Italia sulla criminalità mafiosa, è da segnalare Alleanze nell’ombra. Mafie ed economie locali in Sicilia e nel Mezzogiorno (Roma, Donzelli, 2011), a cura di Rocco Sciarrone, professore di Sociologia presso l’Università di Torino, e arricchito dall’introduzione di Pier Francesco Asso e Carlo Trigilia per conto della Fondazione Res, l’Istituto di ricerca su economia e società in Sicilia, che ha promosso la ricerca.

2La novità del volume consiste nel ripercorrere con sistematicità le collusioni esistenti fra affiliati alle organizzazioni mafiose e individui che operano, almeno formalmente, nell’ambito della sfera lecita. Senza tali collusioni, le organizzazioni mafiose non sarebbero divenute un fenomeno criminale di lunga data, la cui origine risale almeno alla formazione dell’Unità d’Italia. Grazie alle operazioni di contrasto messe in atto nei loro confronti, sarebbero scomparse da tempo dal panorama nazionale, come accaduto per altre formazioni criminali prive di significativi legami con il tessuto sociale ed economico più ampio.

3Lo studio esamina le organizzazioni mafiose storicamente presenti in Italia, ovvero Cosa nostra, ’Ndrangheta e Camorra, in Sicilia, Calabria e Campania, con un approfondimento di alcune aree territoriali che costituiscono otto studi di caso. Quattro riguardano la Sicilia: le collusioni fra professionisti, imprenditori e criminalità mafiosa a Palermo; l’edilizia, gli appalti pubblici e il settore delle energie rinnovabili nella provincia di Trapani; la grande distribuzione commerciale a Catania e il settore del trasporto su gomma nelle province orientali dell’isola. Due la Calabria: le infiltrazioni mafiose nella sanità in provincia di Reggio Calabria, le grandi imprese nazionali coinvolte nell’ammodernamento dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria e le loro collusioni con la criminalità mafiosa. Due la Campania: la gestione dei rifiuti e le connivenze con la criminalità camorristica in provincia di Caserta e il mercato della contraffazione nella città di Napoli. Ripercorrendo alcune pionieristiche ricerche precedenti, quali ad esempio quelle di Leopoldo Franchetti (Condizioni politiche e amministrative della Sicilia, 1876) e di Anton Blok (La mafia di un villaggio siciliano, 1860-1960, 1974), il volume pone l’accento, in modo sistematico e circostanziato più di quanto sia stato fatto nel passato, sulle relazioni fra affiliati alle organizzazioni mafiose e area grigia, ovvero quell’ampia schiera di figure appartenenti all’imprenditoria, alle professioni liberali e alla politica locale e nazionale.

4Il libro segue una duplice prospettiva di analisi: da un lato, vengono esaminati i condizionamenti delle organizzazioni mafiose sul tessuto economico e sociale e, dall’altro, il ruolo attivo e in vari casi determinante di appartenenti all’area grigia nel ricercare, facilitare e promuovere le relazioni con le medesime organizzazioni criminali. Contrariamente a quanto comunemente si ritiene, non sono (sempre) le organizzazioni criminali che impongono, attraverso la minaccia o l’uso della violenza, la loro supremazia su imprenditori e professionisti. Tale distorsione interpretativa deriva, almeno in parte, da una legislazione antimafia (e dalle conseguenti sentenze giudiziarie in tal senso) orientata a individuare e sanzionare i vantaggi arrecati all’organizzazione criminale da elementi esterni ad essa, senza poi approfondire in maniera adeguata quali benefici tali soggetti abbiano ricevuto dall’accordo con i gruppi mafiosi.

5Piuttosto, come risulta dall’analisi dei casi studio menzionati in precedenza, sono gli stessi imprenditori e professionisti che, grazie all’accordo con esponenti delle organizzazioni criminali, ricavano benefici economici derivanti dall’operare in un mercato protetto e regolamentato dall’intermediazione mafiosa. La peculiarità delle organizzazioni mafiose non consiste tanto (e non solo) nell’uso sistematico della violenza, quanto nel manipolare a loro vantaggio le relazioni con il contesto circostante: «In definitiva, la forza dei mafiosi dipende dalla loro capacità di accumulare e impiegare capitale sociale. Ma il problema fondamentale è che le reti mafiose rappresentano, a loro volta, una forma di capitale sociale che risulta preziosa per altri attori che occupano una qualche posizione di potere nell’ambito dell’organizzazione sociale» (p. 7). Infatti, un aspetto fondamentale che emerge dalla ricerca è che i mafiosi, da un lato, e gli attori esterni appartenenti all’area grigia, dall’altro, si riconoscono e si attribuiscono vicendevolmente “autorità”; processo grazie al quale «si cambiano reciprocamente beni e servizi, si avvalgono gli uni delle risorse e delle competenze degli altri, si sostengono per conseguire specifici obiettivi (che possono essere distinti, ma complementari), e in alcuni casi costituiscono alleanze organiche per tutelare o perseguire interessi comuni» (p. 16).

6Le modalità attraverso le quali gli appartenenti all’area grigia stabiliscono relazioni con le organizzazioni criminali si suddividono secondo tre categorie: relazioni di complicità, che si sostanziano nello scambio strumentale di favori reciprocamente vantaggiosi; relazioni collusive, consistenti in rapporti organici e continuativi con la criminalità mafiosa e, infine, vere e proprie forme di compenetrazione basate su comuni legami di appartenenza. A fronte di tali modalità, declinabili secondo varie tonalità di grigio, l’analisi degli studi di caso denota comunque una diversa capacità delle organizzazioni mafiose di estendere il loro potere nell’ambito del tessuto socio-economico locale.

7A Palermo, dove la criminalità mafiosa esercita estese ramificazioni sul contesto urbano, le imprese mafiose – coadiuvate da imprenditori ed esponenti delle professioni liberali – sono in grado di controllare una larga fetta dei mercati legali, come la grande distribuzione, l’edilizia, la sanità, la ristorazione, le attività commerciali e la fornitura di servizi vari. Analoga situazione viene rilevata nel settore edilizio, nella gestione degli appalti pubblici e nelle energie rinnovabili a Trapani, dove i vertici dell’organizzazione mafiosa locale «sono attualmente occupati da politici, imprenditori, professionisti e funzionari pubblici» (p. 176). Gli esponenti dell’area grigia, inseriti entro i ranghi dell’organizzazione criminale, sono al centro di veri e propri comitati d’affari, operanti sulla base di consolidati rapporti di cooperazione fra la sfera legale e illegale. A Catania, dove viene esaminata la grande distribuzione commerciale attraverso l’esempio paradigmatico di un imprenditore di grandi supermercati colluso con le organizzazioni mafiose locali, emerge in modo evidente il rapporto ambiguo che contraddistingue esponenti dell’area grigia nelle loro relazioni con i mafiosi. Relazioni fatte di sudditanze ma, nel contempo, di utilità reciproche grazie alle quali gli imprenditori collusi possono operare in un mercato protetto che li garantisce dall’entrata di nuovi competitori.

8Anche il settore dei trasporti privati nella Sicilia orientale presenta sensibili infiltrazioni mafiose. I fattori più rilevanti che ostacolano un cambiamento sono: la minaccia o il ricorso alla violenza da parte delle organizzazioni criminali e l’utilizzo di capitali di provenienza illecita, i legami fra network propriamente criminali e area grigia, l’assenza di una seria regolazione del settore economico da parte degli attori istituzionali. Tutto ciò fa sì che il settore privato dei trasporti permetta, da un lato, di scaricare sui consumatori finali i costi aggiuntivi della protezione mafiosa e, dall’altro, di disincentivare qualsiasi tipo di innovazione volta a cambiare l’esistente che viene valutata dagli operatori economici più costosa e gravida di incertezze.

9L’analisi della sanità pubblica e privata nella provincia di Reggio Calabria permette di appurare che al suo interno operano sia reti mafiose che reti non mafiose. Per le une e le altre, il settore della sanità funge come luogo di potere e di consenso politico-elettorale. Sempre in territorio calabrese, l’ampliamento dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria mette in evidenza come le organizzazioni mafiose, in una prima fase in conflitto tra di loro, abbiano in seguito raggiunto un accordo interno basato sulla spartizione delle zone d’influenza, arrivando a delegare propri referenti per venire a patti con le grandi imprese coinvolte nei lavori. In provincia di Cosenza, ad esempio, viene designato un unico referente delle cosche “ndranghetiste, col compito di fungere da collegamento fra le imprese locali adibite ai lavori di costruzione, le grandi imprese nazionali aggiudicatarie dell’appalto e, infine, i soggetti istituzionali preposti alla supervisione dei lavori.

10Il ciclo dello smaltimento dei rifiuti in provincia di Caserta denota, entro un’analisi diacronica che si snoda negli ultimi tre decenni, l’inserimento in pianta stabile dei clan camorristici in tale ambito. Grazie alle collusioni che riescono a stabilire con le amministrazioni locali e i colletti bianchi delle municipalizzate, i clan affiancano alla gestione del ciclo del cemento e dell’abusivismo edilizio il controllo dello smaltimento dei rifiuti: un lucroso business dipendente dalla regolazione pubblica, protetto e pressoché interamente sostenuto da finanziamenti pubblici. Grazie anche ad una legislazione emergenziale che stabilisce il commissariamento, fin dal 1994, delle istituzioni deputate alla gestione dei rifiuti, «le organizzazioni criminali, forti di una rete relazionale ampia e variegata, riescono ad occupare nel tempo un intero comparto produttivo [quello dei rifiuti], tanto sul fronte di mercato, quanto su quello politico: nel primo caso, le imprese di camorra – o colluse con essa – accumulano capitali e know how che assicurano loro una posizione di dominio del settore; nel secondo caso, la regolazione camorristica diviene un tassello centrale della governance dei rifiuti e della pianificazione urbanistica degli spazi destinati al loro stoccaggio» (p. 392). Corruzione, pratiche clientelari e serbatoio di consenso elettorale fanno da sfondo alle gestione camorristica dei rifiuti in provincia di Caserta.

11L’ultimo caso studio preso in esame è il mercato del falso nella città di Napoli. Grazie alla progressiva apertura degli scambi internazionali avvenuta in questi ultimi decenni, i clan camorristici hanno sviluppato complesse reti del commercio di prodotti contraffatti. Il mercato della contraffazione si basa su due sistemi di produzione e distribuzione: per un verso, la produzione in loco presso i vari laboratori della periferia napoletana e per l’altro, l’importazione di semilavorati o prodotti finali da vari paesi asiatici, nei quali operano referenti delle organizzazioni camorristiche. Attraverso i due canali di approvvigionamento, interno ed esterno, prodotti contraffatti vengono successivamente inseriti nella distribuzione commerciale sia locale che internazionale, verso un’ampia gamma di paesi. Le commistioni fra camorristiche e attori economici non propriamente criminali sono tante e tali che, «il circuito camorristico e quello commerciale più allargato convivono e si sovrappongono continuamente» (p. 470).

12Nell’insieme, il ruolo preminente dei mafiosi – al contrario di quanto solitamente si crede – ne esce ridimensionato. I risultati di ricerca indicano infatti che il «fenomeno dell’area grigia non può essere derubricato a semplice condizionamento dei gruppi criminali nei confronti di imprenditori e professionisti» (p. xxix). Gli attori leciti e illeciti si muovono all’interno di “un campo organizzativo” nel quale, a seconda della situazione specifica, gli uni e gli altri costituiscono gli snodi principali della rete illecita. Per quanto riguarda gli esponenti dell’area grigia, ciò vale quando un politico nazionale o locale è in grado di influenzare l’aggiudicazione di un appalto pubblico a vantaggio di un imprenditore colluso con le organizzazioni criminali o quando una grossa impresa nazionale viene a patti con la cosca locale, pur di giungere alla realizzazione del lavoro. I mafiosi, d’altro canto, dispiegano il loro ruolo nelle relazioni con esponenti dell’area grigia mettendo in atto funzioni diverse: essi agiscono come “ponte” fra i diversi attori in campo; come “garanti”, facendo rispettare gli accordi illeciti e, infine, come “filtro”, regolando l’accesso ad una determinata attività o settore economico.

13Per quanto si tratti, nei vari casi oggetto di approfondimento, di ambiti economici sensibilmente diversi, i condizionamenti mafiosi in tali settori presentano caratteristiche singolarmente convergenti. Innanzitutto, gli affiliati alle organizzazioni criminali denotano nel complesso una scarsa capacità imprenditoriale e solo grazie al fatto di operare in settori economici contraddistinti da una spiccata regolazione pubblica e da una ridotta concorrenza, riescono ad esercitare il loro potere di intermediazione. In secondo luogo, il ricorso alla violenza mafiosa è tendenzialmente ridotto o inesistente nei confronti degli interlocutori “esterni”; segno del fatto che le organizzazioni criminali hanno interesse ad evitare giochi a somma zero, preferendo stabilire relazioni cooperative reciprocamente vantaggiose con tali soggetti. Anzi, sono proprie queste relazioni esterne e la capacità di amministrarle che consentono agli affiliati alle organizzazioni mafiose di compensare le loro scarse capacità imprenditoriali, in termini di expertise e competenze specifiche inerenti al settore nel quale si trovano ad operare. Infine, è fuorviante parlare di infiltrazione mafiosa nell’economia legale, perché ciò può indurre a ritenere che i mafiosi impongano sempre e comunque, attraverso l’uso della violenza, le loro condizioni ad altri interlocutori. Semmai, è più appropriato inquadrare il problema criminale in termini di “compenetrazione” fra attori propriamente criminali e area grigia. Infatti, come risulta dall’analisi empirica, il confine fra ambiti leciti e illeciti sembra aver assunto, nell’Italia odierna, una opacità ben maggiore che in passato. Aspetto peraltro avvalorato dai procedimenti giudiziari avviati dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano negli ultimi due anni, in base ai quali siamo venuti a conoscenza che una larga schiera di imprenditori lombardi accettava di buon grado la “protezione” mafiosa in cambio della possibilità di operare in un mercato non concorrenziale. Sotto questo profilo, è difficile non pensare che l’ultimo ventennio, contraddistinto da preoccupanti segnali di decadimento morale e istituzionale nella gestione della cosa pubblica, non abbia dispiegato i suoi nefasti effetti su una società italiana storicamente debole in quanto a cultura della legalità, determinando così un arretramento culturale che ha aperto nuovi varchi al campo d’azione delle organizzazioni mafiose.

14Per concludere, vale la pena ricordare Paolo Borselllino, che era solito affermare: «lo Stato e la mafia sono due poteri che insistono sullo stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d’accordo». Al riguardo, fino a che non saranno recisi i legami che esponenti delle istituzioni e, in senso più ampio, figure appartenenti all’area grigia imbastiscono con le organizzazioni mafiose, sarà arduo giungere ad un punto di svolta nel contrasto a questi poteri criminali. Tale problema dovrebbe costituire il punto di partenza dell’azione politica, nella prospettiva di “risolvere” una grande questione nazionale, quale l’esistenza su tutto il territorio di organizzazioni mafiose pervasive e persistenti.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Becucci, « Le collusioni con la mafia nell’Italia odierna »Quaderni di Sociologia, 64 | 2014, 153-157.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Becucci, « Le collusioni con la mafia nell’Italia odierna »Quaderni di Sociologia [Online], 64 | 2014, online dal 01 juin 2014, consultato il 25 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/407; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.407

Torna su

Autore

Stefano Becucci

Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali Università di Firenze

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search