Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri83- LXIVteoria e ricercaLa sociologia secondo Indro Monta...

teoria e ricerca

La sociologia secondo Indro Montanelli

Sociology according to Indro Montanelli
Rinaldo Vignati
p. 101-118

Abstract

The article is an analysis of the writings of Indro Montanelli about sociology. Montanelli, probably the best known Italian journalist of the XXth Century, was, admittedly, an opponent of sociology, which he considered a pseudo-science, able only to repeat self-evident truths in an unnecessarily complicated language. Montanelli’s opposition to sociology is frequently expressed in an ironic form (and Francesco Alberoni is the main target of these ironies), but sometimes it gives rise to more complex and original analysis, as when in some post-war articles, he highlights what, in his opinion, is a link between the spread of polls and the dangers of disguised forms of totalitarianism. At the origin of Montanellian opposition to sociology lies the adherence to a pessimistic view of man and the rejection of what Wrong called the «oversocialized conception of man». From the re-reading of Montanelli’s articles on the subject, however, the appreciation for some classics of sociology such as Weber, Sombart and Pareto emerges. Some of his texts also lead to the hypothesis that his approach to reality tended, in an intuitive way, beyond any disciplinary rigor, towards a different idea of sociology, based on the ability to observe everyday life, and on the interpretation of social reality as a form of theatrical representation.
The article therefore intends to capture in Montanelli’s texts on sociology a more nuanced and articulated position than the pure and simple refusal of the discipline. The analysis proposed by the article, illuminating some little-known aspects of one of the most followed opinion-leaders of Italian journalism, provides a significant contribution to understanding the difficult process of institutionalization of sociology in Italy.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

  • 1 Pellizzi C., Apologia del pudore, «Corriere della Sera», 4.12.1966.
  • 2 In occasione della morte di Pellizzi, Montanelli ne ha scritto un ricordo commosso, ricco di elogi (...)

1In un articolo per il «Corriere della Sera»1, il sociologo Camillo Pellizzi rivolgeva alcune parole a Indro Montanelli. Subito dopo aver usato il connettivo «o/e», aggiungeva una parentesi per chiedere scusa al giornalista: «perdoni, Montanelli, a un sociologo, quest’altra novità, ortografica, pervenutaci attraverso la sociologia americana». Il tono cordialmente autoironico della chiamata in causa deriva dal fatto che Pellizzi e Montanelli venivano anche da esperienze comuni2: entrambi avevano collaborato a «l’Universale», la rivista fondata e diretta da Berto Ricci (e condiviso una certa idea “aristocratica” del fascismo). Rispetto alla sociologia erano però su sponde opposte. Camillo Pellizzi era diventato una figura di rilievo della disciplina (Breschi e Longo, 2003; Salvati, 2009): primo professore ordinario di tale materia in Italia (a Firenze), nonché fondatore della «Rassegna italiana di sociologia», rivista che ancor oggi riporta il suo nome nel sottotitolo. Viceversa, Montanelli era un oppositore, spesso un vero e proprio denigratore, della sociologia. Lo si può considerare come uno dei più strenui avversari di questa disciplina in Italia, o, quantomeno, come uno degli opinion leaders che, nel dibattito pubblico, ha maggiormente contribuito a diffonderne una visione negativa, squalificandola come disciplina dell’ovvio, che riformula con un linguaggio astruso e pseudo-scientifico conoscenze che sono a tutti note, e svalutandola per le sue implicazioni politiche (in quanto orientata a cancellare l’individuo a favore degli aggregati collettivi).

2È noto che nel dopoguerra la sociologia in Italia, priva di una vera tradizione (se non tornando alla scuola elitista), dovette faticare molto per conquistare una piena legittimazione accademica e professionale e uno spazio riconosciuto nel dibattito pubblico. Diverse le resistenze e le obiezioni che i suoi cultori dovettero superare, in ambito strettamente universitario, e anche nel più largo dibattito politico-culturale che avviene sulla stampa (Balbo et al., 1975; Ferrarotti, 1996; Barbano, 1998; Cossu e Bortolini, 2017).

3I due campi del giornalismo e della sociologia sono stati spesso visti come antitetici e posti in un rapporto conflittuale: talvolta, proprio nella polemica con l’altro, hanno cercato di affermare la propria autonomia (Goulet e Ponet, 2009; Gans, 2018). Non è raro che giornalisti e sociologi si rappresentino reciprocamente attraverso degli stereotipi negativi: se il giornalista si considera come testimone sul campo, intento a cogliere la realtà nel suo farsi, e vede il sociologo immerso tra i libri e in vuote concettualizzazioni, al contrario il sociologo raffigura il giornalista come incapace di andare oltre al cronachistico affastellamento di fatti, e vede se stesso come analista capace di cogliere la complessità che tiene insieme questi fatti. L’invito a non fare “inutili sociologismi” che si può trovare negli articoli giornalistici si rispecchia nell’aggettivo “giornalistico” che, talvolta, i sociologi usano per squalificare scritti ritenuti non sufficientemente rigorosi.

4Nei testi di sociologia o di storia della disciplina non è frequente veder citati nomi di giornalisti. Le posizioni di Montanelli sulla sociologia sono citate con una certa frequenza, anche se fugacemente, negli scritti di Franco Ferrarotti (1989, 3; 1990, 7-8; 1996, 646-647; 1998, 82; ecc.) e, altrettanto fugacemente, compaiono in qualche altro saggio (per esempio, in Capecchi e Livolsi, 1971, 376; Ceri, 1985, 77; Rettore, 2005, 89). Rileggere sistematicamente gli articoli in cui Montanelli ha espresso giudizi sulla sociologia non è però una mera curiosità. Per molti anni, il giornalista fucecchiese è stato uno degli opinionisti più letti e seguiti della stampa italiana. E con i suoi articoli è stato in grado di indirizzare importanti correnti di opinione (Gerbi e Liucci, 2014; Romano, 2009). È stato un abilissimo, ancorché assai discusso, divulgatore, capace di rendere in linguaggio a tutti comprensibile, anche a costo di accentuate semplificazioni e invenzioni narrative, opinioni e confronti intellettuali complessi, e di ricostruire con sapida efficacia eventi e contesti storici (Eco, 1973, 251-255; Turchetta, 1985; Bruti Liberati, 2011). Quando si rileggono gli articoli montanelliani sulla sociologia si accede quindi a una fonte importante per comprendere i tempi e le modalità del riconoscimento della disciplina a livello di opinione pubblica e della sua legittimazione come voce autorevole e degna di essere ascoltata nel dibattito pubblico. Si tratta di articoli nei quali il gusto per la polemica prende spesso il sopravvento (e porta non di rado ad affermazioni grossolane) e che, nel riferirsi ad autori e articoli, non si preoccupano granché di questioni di correttezza filologica. Nondimeno, restano documenti interessanti per capire il clima culturale che ha circondato l’accidentato percorso di legittimazione della sociologia nel nostro Paese.

2. Ironie e invettive

5Nominata con una certa frequenza, la sociologia entra negli scritti di Montanelli in modi diversi, dalla semplice battuta a più articolate riflessioni. Negli articoli in cui, pur nei limiti di spazio di un pezzo per un quotidiano o un settimanale, sviluppa un ragionamento più elaborato, il giornalista prende una posizione di netto rifiuto nei confronti della sociologia. Tanto quella quantitativa di stampo americano, che trova nei sondaggi Gallup la sua più visibile manifestazione, quanto quella di stampo marxista incentrata sulla struttura economica come fondamento della realtà sociale. In alcuni di questi articoli, però, non si limita a ribadire la generica critica rivolta alla sociologia come scienza dell’ovvio o a ripetere, in forma a tutti comprensibile, la ripulsa della sociologia di stampo idealistico-crociano (sull’opposizione di Croce e dell’idealismo alla sociologia si vedano Losito, 1995; Burgalassi, 1996). Come vedremo, ne dà una lettura “politica” per certi versi originale e sorprendente.

  • 3 I. Montanelli, Andreotti, «Corriere della Sera», 19.7.1970.
  • 4 Id., Polemica contro il mio tempo, «Corriere della Sera», 13.6.1965.
  • 5 Id., Replica alla regione in difesa degli uccelli, «Corriere della Sera», 22.7.1972.

6Con battute e affermazioni icastiche, «sociologia» entra nel lessico montanelliano come uno dei tanti bersagli polemici ricorrenti (come il «neorealismo» in riferimento al cinema o le «istanze sociali» nell’arte). Qualche esempio. Per definire la personalità di Giulio Andreotti scrive che «è autenticamente colto, cioè di quelli che non credono che la cultura sia cominciata con la sociologia e finisca lì»3. Recensendo un libro di Panfilo Gentile scrive che «all’opposto dei moderni sociologi che hanno il dono di rendere difficile il facile, egli ha quello di rendere facile il difficile»4. Rispondendo al presidente della Lombardia Piero Bassetti rileva che i suoi discorsi sono spesso poco chiari, non perché «sia ambiguo, ma perché ha sciacquato i panni in un fiume che purtroppo non è l’Arno, ma la sociologia, la cui acqua è più da tinca che da trota»5. Ecco, dunque, che, con immediatezza, Montanelli si schiera e lancia la sfida: lui da una parte, i sociologi dall’altra.

7L’attacco avviene spesso con la provocazione e la boutade: sociologia e sociologi sono più volte presi di mira nei suoi celebri Controcorrente, i corsivi ironici che stanno sulla prima pagina de «Il Giornale». In uno di questi (21 dicembre 1974), criticando i democristiani per i loro «appetiti» e «clientele», se la prende di striscio anche coi sociologi. «Curiosa, gente, questi democristiani», dice Montanelli (1987, 18), parlando del «gioco combinato di astensioni e di ‘franchi tiratori’» con cui «hanno cercato di far cadere il loro governo». «Eppoi – conclude – vanno dal sociologo a chiedergli come mai perdono voti. Ma il bello è che il sociologo, per dirglielo, ci mette quattrocento pagine». Per Montanelli, se la Dc perde voti è per le sue pratiche di malgoverno e per il suo esasperato correntismo. La diagnosi sarebbe evidente e sotto gli occhi di tutti: solo il sociologo, per dirlo, impiega centinaia di pagine e un linguaggio astruso. Francesco Alberoni, il divo della sociologia italiana negli anni ’70 e ’80, è di frequente oggetto di facezie. Il 27 luglio 1978 si legge che «il sociologo per antonomasia» avrebbe scoperto che «il concetto di vacanza […] non è che una trasposizione collettiva del sogno dell’isola felice». Anche Montanelli (1987, 66) dice allora di sognare l’isola felice: «un’isola in cui a nessuno sia consentito guadagnarsi una cattedra universitaria con simili baggianate». In altre occasioni ironizza sulla sua tendenza ad affermare banalità impiegando «tre colonne di piombo sul Corriere della Sera, dense di sociologia» («ci domandiamo quante gliene occorreranno per dimostrare che fra i cannibali non ci sono vegetariani, che non basta riformare il calendario per accorciare il periodo di gravidanza, ecc.» – Montanelli, 1987, 83), oppure, per l’insistenza sul tema dell’amore, lo paragona a Liala (Montanelli, 1987, 135).

  • 6 Id., Controcorrente, «Il Giornale», 6.9.1979.

8Se Alberoni, grazie alla notorietà mediatica, è facilmente individuato come bersaglio quando si vuol colpire la sociologia, anche altri studiosi sono talvolta oggetto di sarcasmo: quando Alessandro Pizzorno va ad insegnare ad Harvard Montanelli non si rammarica di questa «fuga di cervelli»: «a sociologo che fugge, ponti d’oro». Ci sarebbe, semmai, da preoccuparsi se «cominciassero a fuggire i trombai, i radiotecnici, i gommisti, gli elettricisti, gli stuccatori, i seggiolai», anche perché «i sociologi, tra qualche mese, ahimé, torneranno»6.

  • 7 Id., La pagella dei genitori, «Corriere della Sera», 8.7.1956.
  • 8 Montanelli non cita il titolo: è presumibile che si tratti di Glueck e Glueck (1950).
  • 9 Id., Tutti mandarini, «Corriere della Sera», 9.11.1966.
  • 10 Id., Gli assegni di guerra agli ex-combattenti, «Corriere della Sera», 12.8.1972.

9Come si vede da queste rapide citazioni, il rifiuto della sociologia, in linea con lo stile caratteristico dei suoi scritti, assume spesso un tono irridente, che si ritrova, oltre che nei fulminei Controcorrente, anche in vari articoli. Talvolta, fingendo di prendere sul serio le affermazioni e i metodi dei sociologi intende svelarne l’inconsistenza o l’assurdità. I sociologi, per Montanelli, non sono altro che «scopritori d’ombrelli», ossia pseudostudiosi che non fanno altro che ripetere l’ovvio, il risaputo. Il termine si trova ad esempio in un articolo del 19567, su un libro di Sheldon Glueck ed Eleanor Glueck riguardante la delinquenza giovanile8: non occorrevano i «loro decennali esperimenti per ravvisare in un malsano ambiente domestico la ragione principale della delinquenza minorile». E che dire del sociologo incontrato nella campagna toscana di cui si parla in un articolo del 1966?9. Il ricercatore raccoglieva dati sulle famiglie del luogo in centinaia di «schede rigorosamente compilate»: l’obiettivo era di accumularne almeno duemila, così da poter «dimostrare in maniera convincente che tutti ormai il pane se lo comprano dal prestinaio: il che a sua volta dimostra che la famiglia patriarcale, con la sua chiusa autarchia accentrata appunto nel forno, è finita». L’incontro spinge Montanelli a un giudizio liquidatorio nei confronti della disciplina: «da allora ho sempre considerato la sociologia come il metodo per spiegare in tre anni ciò che si può capire in tre giorni, e tutt’i testi che me ne sono capitati per mano me l’hanno dal più al meno confermato». Un incontro sostanzialmente identico (ambientato però questa volta in Normandia, dove – ci tiene ad informarci – stava vivendo una piacevole luna di miele clandestina) lo si trova in un pezzo del 197210, in risposta alle sollecitazioni di un lettore, che disapprova le ironie di mano pesante contro la sociologia. Il giornalista vi narra quello che, a suo dire, sarebbe stato il suo primo incontro con la disciplina. Avvenne in una locanda, dove lui e la compagna si trovarono come vicino di tavolo «un giovanotto con gli occhiali con cui finimmo per attaccare discorso». Si trattava di un agrégé alla Sorbona che, da due anni conduceva un’indagine, «per la quale aveva riempito più di duemila schede, segnandovi tutte le famiglie contadine in cui nessuno dei neonati portava il nome del nonno». Anche qui lo scopo dello studio era «dimostrare la fine del regime patriarcale»: «sarà faciloneria», ammette Montanelli, ma «per me la sociologia rimane incarnata in quel giovanotto che da anni riempiva schede per dimostrare un fenomeno […] saputo da tutti, ed evidente anche all’occhio più distratto».

  • 11 Id., Contrappunto, «Corriere della Sera», 1.3.1970; Id., Contrappunto, «Corriere della Sera», 16.5 (...)
  • 12 In realtà, il rapporto tra endogamia/esogamia e pace/guerra è un tema su cui esiste una vasta lett (...)

10Le ironie di Montanelli si dirigono anche verso un’ipotesi sulla guerra riferitagli da Gaston Bouthoul, e riportata in ben tre articoli11. Nel riassunto di Montanelli, Bouthoul intenderebbe dimostrare che «l’unico vero ed efficace ‘deterrente’ della guerra è l’incesto» poiché sarebbe «storicamente accertato che fin quando si praticò l’endogamia, cioè fin quando ci si coniugava nell’ambito dello stesso gruppo – famiglie o tribù – fra i gruppi non ci furono rapporti e quindi nemmeno guerre». La guerra avrebbe fatto il suo ingresso nella storia umana quando «Paride, stufo delle ragazze di Troia, andò a cercarsene una in Grecia e sedusse Elena». La conferma verrebbe poi dal mondo animale poiché le specie più pacifiche sono quelle (come le foche) in cui l’accoppiamento avviene all’interno del proprio branco. Montanelli definisce l’autore dello studio come «un [suo] vecchio amico» e lo considera «talmente intelligente da rimanerlo anche da sociologo». Nonostante gli apprezzamenti però, Montanelli fa un resoconto della sua ipotesi che tende a porla in una luce ridicolizzante, come una stramberia intellettuale e nulla più12 (tanto che sia il secondo che il terzo articolo terminano con una battutaccia secondo cui le conclusioni dello studio dovrebbero indurre a sostituire i lunghi discorsi dei pacifisti con un più sintetico «w la foca!»): la sociologia sembrerebbe non poter produrre di meglio che stravaganze intellettuali come queste, buone al più per una brillante conversazione da salotto.

  • 13 F. Compagna, La scalata sociologica, «Il Mondo», 8.3.1966.
  • 14 I. Montanelli, Il «video» del padrone, «Corriere della Sera», 9.9.1972

11Nell’articolo su «Oggi», tuttavia, al di là delle ironie di grana grossolana, esplicita una riserva di fondo nei confronti della sociologia: il punto dirimente è che la sociologia «parte da un presupposto che non mi convince affatto: e cioè che nelle vicende della storia l’uomo non conta nulla, o conta solo come oggetto, in quanto egli non è l’artefice, ma soltanto il ‘prodotto’ di un certo tipo di società». Rifiutando questo presupposto, Montanelli si pone sulle posizioni sostenute dalla più nutrita corrente di oppositori della sociologia in Italia, perlopiù di ispirazione idealistico-crociana. Tipico esempio è Francesco Compagna, che sulle pagine de «Il Mondo» vedeva nell’avanzata della sociologia una minaccia alla cultura umanistica13. Queste posizioni sono criticamente richiamate dalla giornalista Maria Luisa Astaldi in una lettera al «Corriere» nella quale invita Montanelli a rivedere le sue posizioni sulla sociologia. La sollecitazione offre a Montanelli l’occasione per sviluppare un ragionamento (invero non limpidissimo, piuttosto frettoloso) sul contrasto tra umanesimo e sociologia (e tra liberalismo e socialismo, ovvero tra Croce e Marx) e per schierarsi a favore del primo14.

  • 15 Id., La svolta di Alberoni, «Il Giornale», 9.9.1983.

12L’avversione per la sociologia è una costante della produzione giornalistica montanelliana: rispetto a questo tema non si possono osservare cesure o svolte. Le citazioni riportate in questo articolo spaziano infatti lungo tutta la sua carriera e mostrano come l’opinione non abbia subito particolari mutamenti nel corso del tempo. Si può tuttavia osservare che il 1968 – dato l’importante ruolo che la sociologia ha nell’alimentare movimenti e proteste (Flores e De Bernardi, 1998; Giachetti, 1998; Barbano, 2004) – aggiunge nuove motivazioni a questa ripulsa. Assieme a Mario Cervi, Montanelli (1991, 67) stigmatizza la «colossale sbornia provocata da un cocktail ideologico nel quale Marx e Marcuse, Ho Chi Minh e il Che Guevara, Rudi Dutschke, Freud, Mao, e un operaismo fumoso si mescolavano disordinatamente». All’epoca, il già citato Alberoni era rettore dell’Università di Trento, principale centro da cui prendono forma i rapporti tra la sociologia e i movimenti: Montanelli e Cervi (1991, 66-67) scrivono che il sociologo «aveva tentato disperatamente di adeguarsi» (citano brani da un ciclostilato, il Documento di lavoro n. 9 – «Gli uomini non sono piante. Chi decide come devono essere gli uomini?» –, con cui Alberoni, per l’appunto, tentava di adeguarsi al clima dominante) per trovarsi poi «smarrito di fronte a questa ‘orgia distruttivo-radicale’». Sulla facoltà di sociologia di Trento ritorna a proposito della formazione culturale dei brigatisti rossi: «le componenti di partenza sono quelle. Si formarono alla scuola dei sociologi di Trento, anch’essi in buona parte cattolici del dissenso» (Montanelli, 1994, 34, 178). Nel 1983, quando Alberoni dà prova di aver mutato le proprie posizioni politico-ideali, Montanelli plaude alla «svolta»: «Quello di oggi è il miglior Alberoni che si sia mai letto, non perché dice le cose che penso io, ma perché dice le cose che pensa e che forse ha sempre pensato, anche quando si sentiva tenuto a dire il contrario»15. Peraltro, l’apprezzamento per questa svolta non impedisce a Montanelli di continuare a bersagliarlo con le sue frecciate nei Controcorrente (per esempio, il 20 agosto 1985 – Montanelli, 1987, 179).

  • 16 Anche se, nell’opera di Marx, Montanelli (1992, 301) distingue una parte migliore, quella «del gio (...)

13L’opposizione verso la sociologia di ispirazione marxista (o, si potrebbe dire, verso il marxismo tout court16) ha motivazioni dichiaratamente politiche. In primo luogo, un intellettuale che si definisce «anarchico conservatore» non può certo accettare l’annullamento dell’individuo all’interno della struttura economica che si trova nella dottrina marxista: «il socialismo di Marx, che al mito dell’uguaglianza sacrifica qualsiasi libertà individuale, è d’ispirazione rousseauiana, come lo è tutta la sociologia moderna che spodesta l’uomo dalla parte di protagonista della Storia per attribuirla alle ‘strutture’, alle ‘infrastrutture’, alle ‘sovrastrutture’» (Montanelli e Gervaso, 1975, 152).

  • 17 La critica all’intellettuale engagé è un motivo ricorrente negli scritti di Montanelli. Si vedano, (...)

14In secondo luogo, nell’“impegno” di cui si fanno portatori gli studiosi che adottano un approccio marxista, Montanelli ritrova una fondamentale ipocrisia motivata da interessi di carriera o da inclinazione al conformismo17.

  • 18 Si veda il modo in cui chiama in causa il modo di procedere della sociologia nei confronti del ban (...)
  • 19 Id., Prezzolini il reazionario, «Corriere della Sera», 17.4.1971.

15La prima critica si estende, al di fuori del marxismo, a tutta la sociologia. Alla base di tutta la sociologia (ma, come vedremo, ci sono delle eccezioni) Montanelli tende infatti a individuare un lascito rousseauiano che la porta ad affermare una immagine dell’uomo come essere perfettibile. Egli tende quindi a identificare la sociologia con quella che un famoso saggio definì la «concezione ultrasocializzata dell’uomo» (Wrong, 1961), secondo cui l’individuo è visto come prodotto della realtà sociale nella quale viene socializzato. Sul piano politico una tale concezione tende a tradursi in un orientamento progressista fondato sulla fiducia nelle riforme e nella perfettibilità dell’uomo. Da conservatore, Montanelli rifiuta una concezione della natura umana che, imputando a cause sociali la delinquenza e altri fenomeni di devianza, tenderebbe, nella sua interpretazione, a far sfumare la responsabilità individuale18. Vi oppone una diversa immagine dell’uomo (che deriva da una schiera di autori che va da Machiavelli a Prezzolini): un’immagine pessimistica, scettica sulla riformabilità dell’essere umano e della società: «l’uomo – osserva commentando il pensiero di Prezzolini – è quello che è, e non c’è rivoluzione che sia riuscito a cambiarlo»19.

3. Sondaggi e totalitarismo

  • 20 Id., Un nuovo Gallup. Per renderci felici ci spogliamo di ogni segreto, «Corriere della Sera», 7.7 (...)

16Fin qui, si può dire che l’avversione montanelliana per la sociologia riflette aspetti ampiamente noti del suo profilo intellettuale: l’avversione per il mandarinismo degli accademici, l’opposizione politica al marxismo, e al progressismo, l’inclinazione a ritrovare orientamenti conformistici e ben concreti interessi materiali e di potere nelle scelte compiute dagli intellettuali. Vi sono però alcuni interventi in cui l’avversione montanelliana per la sociologia dà origine a letture più complesse e imprevedibili. Significativo è, a questo proposito, l’articolo intitolato Un nuovo Gallup. Per renderci felici ci spogliamo di ogni segreto. Il pezzo inizia con tono leggero, faceto e finisce con toni tragici, arrivando ad evocare lo spettro dei regimi totalitari. Inizia dunque col descrivere una grande indagine sociologica promossa dalla Gallup sulla felicità. L’obiettivo, ci dice Montanelli, è «stabilire verisimilmente una serie di regole cui attenersi per aumentare al massimo la felicità» e pervenire a «un gigantesco manuale di ‘Saper vivere’». Sembrerebbe che Montanelli non voglia far altro che deridere l’ingenuità di queste pretese, tipicamente americane, di mettere le scienze al servizio di un progetto di felicità riassumibile in una serie di regole. Proseguendo, però, il giornalista scorge dietro i presupposti di questa indagine qualcosa che va al di là dell’ironia con cui gli intellettuali europei, figli di una cultura millenaria, hanno spesso guardato al pragmatismo sempliciotto della più giovane cultura d’oltreoceano. Per Montanelli, infatti, Gallup, «volutamente o no», è «lo strumento di una medesima esigenza o pretesa che la società si è attribuita: quella d’indurre l’individuo a rinunziare, rendendole pubbliche, alle sue opinioni personali, e di predisporlo a quella ‘casa di vetro’, in cui a poco a poco lo si ridurrà a vivere, collettivamente, cioè sotto lo sguardo e il controllo di tutti». Accanto al Fisco (che «ti obbliga a mettere in piazza tutte le tue risorse») e alla televisione («lo strumento con cui la società ci educa a questa progressiva intrusione»), le inchieste di Gallup sono dunque viste da Montanelli come parte di una «battaglia della società contro l’individuo». L’attività di Gallup, secondo Montanelli, è «nemica dell’individuo»: forse Gallup «non lo sospetta nemmeno; ma tutte le sue inchieste, volutamente o no, sono volte a rendere pubblico il privato, a sottoporre l’uomo al più rigido fiscalismo, a spogliarlo di ogni suo segreto, insomma a togliere ogni scopo al suo anelito di libertà». In conclusione si arriva dunque al richiamo al totalitarismo, che nasce proprio dall’osservazione che la grande inchiesta nasce con l’obiettivo dichiarato di rendere gli individui più felici. Ed è proprio caratteristica degli stati totalitari la pretesa di «pianifica[re] l’esistenza in modo più funzionale e razionale» al fine dichiarato di migliorarne scientificamente le condizioni di vita: anche i comandanti dei campi di sterminio in Germania «cova[vano] un sogno faustiano di universale rigenerazione» e, del resto, «i questionari in quei campi erano scupolosamente compilati»20.

17Questa interpretazione, che porta a intravedere nell’uso massiccio dei questionari i germi di una visione totalitaria della società, non è un’opinione estemporanea, ma una convinzione che il giornalista aveva maturato da tempo. L’aveva infatti già espressa diversi anni prima, nel 1947 in un articolo che descriveva l’ampio utilizzo di questionari e di inchieste Gallup nell’Austria del dopoguerra, a suo parere inquietante elemento di continuità tra il passato regime e la rinascente democrazia:

  • 21 Id., La democrazia è un Fragebogen, «Corriere d’informazione», 27-28.10.1947. Anni dopo, nel dibat (...)

Un ‘Fragebogen’, un questionario: ecco che cos’è la democrazia in un Paese che dal nazismo per nove anni fu seppellito sotto una valanga di ‘Fragebogen’ […] e che quindi si domanda che cosa c’è, in fondo, di cambiato, e se valeva la pena, per passare da un meno a un più complicato ‘Fragebogen’, di perdere la guerra. E me lo domandavo anch’io, davanti a un questionario di ben novanta domande, a paragone del quale l’interrogatorio che subii a suo tempo dalla Gestapo brillava nel mio ricordo come un esempio di sobrietà e di misura21.

18Se nei confronti della sociologia strutturale di stampo marxista, l’opposizione politica, oltre che teorica, di Montanelli appare del tutto scontata, date le sue posizioni ideali e la sua rivendicata appartenenza allo schieramento internazionale capeggiato dagli Stati uniti, e non vale pertanto la pena spenderci molte parole, la declinazione politica che nei due articoli citati assume il giudizio negativo sulla sociologia che ha nei sondaggi Gallup il principale strumento conoscitivo appare, per molti versi sorprendente. Le inchieste Gallup sono uno strumento che spesso è stato considerato funzionale al sistema capitalistico e ai suoi valori, che i suoi pionieri hanno propagandato come strumento di democrazia (Hogan, 1997; Briggs, 2007) e che, anziché annullare l’individuo, lo pone al centro dell’indagine poiché rappresenta la società, per l’appunto, come somma di individui (e che, semmai, è stato spesso criticato dai teorici marxisti per l’ontologica incapacità di rendere conto dei condizionamenti sociali e strutturali che agiscono sull’individuo). In paesi come l’Austria e la Germania, inoltre, tali inchieste venivano ampiamente utilizzate dalle forze americane dopo la guerra all’interno di un’opera di «denazificazione» (Rinauro, 2002, 85). Può dunque apparire sorprendente che un dichiarato seguace e sostenitore dell’America e dei suoi valori come Montanelli ribalti le interpretazioni prevalenti e veda invece nel ricorso ai «referendum Gallup» una sostanziale continuità col totalitarismo.

  • 22 Id., Il «lager» trionfante, «Corriere della Sera», 6.8.1950.

19In realtà questa interpretazione si ricollega al suo conservatorismo. La lettura politica sottesa a questa interpretazione dei sondaggi è esplicitata in un altro articolo22, nel quale con toni apocalittici si descrive la società contemporanea come avviata verso un futuro prefigurato dai lager di Hitler e di Stalin. Questa società «ha fatto dell’organizzazione il suo mito»: «il concetto americano dell’efficienza vi ha soverchiato ogni altro imperativo, e si è tradotto in una burocratizzazione rigorosa, che non lascia respiro alle responsabilità e alle iniziative individuali». L’imprenditore riduce gli operai a «numeri e automi», la grande organizzazione sindacale manovra i propri aderenti come «un docile strumento» per finalità estranee ai loro interessi, il partito, per massimizzare la sua efficienza, si trasforma in caserma. Tutta l’organizzazione sociale è volta a trasformare gli individui in «materiale umano». Anche se continua a chiamarsi democrazia e garantisce benessere sul piano materiale («cinquemila calorie» e «quaranta giorni di vacanze al mare»), è una società che – nel fondo – assomiglia a un lager, nel quale si svolge «la disperata lotta dell’internato per difendersi dalla massa». L’uso di questo termine lascia intravedere una parentela tra la riflessione montanelliana e certa letteratura pessimistica sulla «società di massa». Interessante è osservare come, nello sviluppare il suo ragionamento, Montanelli citi Tocqueville e la progressiva scomparsa di quelli che il pensatore francese chiamava «poteri secondari – circoli, associazioni, fratellanze di mestiere, cooperative, ecc. – che nella sua concezione dovevano costituire una scuola di allenamento all’autocontrollo democratico».

4. Le letture e i suggerimenti sociologici di Montanelli

  • 23 Per esempio, in Solo le mummie non cambiano mai, «Corriere della Sera», 26.8.1972, li indica, assi (...)
  • 24 Al «patrimonio etico di una borghesia oggi estinta, forse, e viva nelle pagine di Weber e Sombart» (...)
  • 25 Però, in seguito a un intervento di Montanelli su Weber (Alle origini (verosimili) del capitalismo(...)

20Anche se, come si è visto dai testi esaminati sinora, la sociologia viene svalutata nei suoi apporti conoscitivi e respinta per le sue implicazioni politiche, l’opposizione montanelliana nei suoi confronti ha, ad un esame più attento, un carattere più sfumato e articolato. Anzitutto, tra gli intellettuali alla cui autorità il giornalista più amava riferirsi ci sono anche dei nomi che oggi non avremmo dubbi nell’annoverare tra i maestri della sociologia. Max Weber e Werner Sombart ricorrono con una certa frequenza nei suoi scritti. In un dialogo con Michele Serra narra che fu attraverso la lettura di Weber e Sombart che scoprì la borghesia e che «senza Weber non sarei mai riuscito a spiegarmi come la borghesia italiana, primogenita come classe in Occidente ed inventrice del primo capitalismo, sia stata in pochi decenni cancellata da quelle protestanti del Nord-Europa» (Serra e Montanelli, 1994, 41-42). È vero che Montanelli legge e cita questi autori come «storici»23 (o come ideologi della borghesia24), ma in realtà fa un uso – divulgativo, semplificatorio25 – dei loro testi che oggi non esiteremmo a definire sociologici. Mi riferisco, per esempio, all’analisi della relazione tra protestantesimo e capitalismo di Weber, richiamata più volte, come in questa citazione, invero un po’ grossolana, presente in L’Italia della controriforma:

Sebbene molti storici la contestino, a noi sembra giusta e inconfutabile la tesi di Max Weber: che il capitalismo, l’epopea americana e più tardi la rivoluzione industriale, insomma tutte le grandi avventure del mondo moderno, prendono avvio dallo spirito di crociata che Calvino seppe infondere nei suoi seguaci persuadendoli ch’essi erano, in un mondo di dannati, gli unici ‘unti del Signore’ e che il segno di questa divina predilezione era il raggiungimento del successo contro qualsiasi ostacolo (Montanelli e Gervaso, 1997, 196-197).

  • 26 Si vedano: Montanelli e Gervaso (1975, 212), Montanelli (2005b, 19 ss.), I. Montanelli, La monarch (...)

21Anche Sombart è citato (perlopiù in riferimento a Il borghese: lo sviluppo e le fonti dello spirito capitalistico, 1913) in vari testi26. In una risposta a un sacerdote che gli aveva mosso delle contestazioni, Montanelli invita l’interlocutore a prendere lezione «da Weber e da Sombart, che hanno detto cose più serie e più profonde di Marx» (Montanelli, 1994, 25).

  • 27 Id., In tema di sociologia, «Il Giornale», 22.2.1977.
  • 28 Id., Pareto l’antipatico, «La Stampa», 9.12.1973; Pareto, «Corriere della Sera», 8.12.1960.

22Quando si trattava di affermare che, della sociologia, non era un denigratore a priori, Montanelli, accanto a Weber, indicava inoltre il nome di Pareto27. Dello studioso italiano, il cui Trattato di sociologia generale ammetteva peraltro di aver letto «solo in parte, su sollecitazione di Prezzolini», il giornalista diceva di condividere la teoria dei «residui» e delle «derivazioni» (Staglieno, 2001, 243). Di certo, poi, la sua disposizione a ritrovare nelle idee e nei valori professati da teorici, politici e riformatori motivi e moventi affatto diversi da quelli dichiarati risente dello scetticismo e del pessimismo paretiani. Si trattava però, per sua stessa ammissione, di un autore che non amava, a causa non solo del «plumbeo stile (scriveva di peste con periodi aggrovigliati)», ma anche per certi suoi tratti caratteriali («non riesco a liberarmi dal sospetto che, vissuto di antipatie, Pareto vi abbia inzuppato anche la sua sociologia»28).

  • 29 Il pezzo su Pareto pubblicato su «La Stampa» è «spiritoso e divertente (ma zeppo zeppo d’errori di (...)

23Anche se il loro utilizzo resta talvolta guidato da intenti “ideologici” e viziato da semplificazioni e fraintendimenti29, più o meno volontari, la valutazione positiva che Montanelli dà di autori come Weber, Sombart (e, per certi aspetti, Pareto) sembra dunque indicare che, a dispetto dell’avversione dichiarata per la disciplina, gli sforzi interpretativi dei sociologi, quando non negano il valore dell’individuo e dei suoi spazi di libertà (e quanto più si tengono lontani dall’immagine «ultrasocializzata» dell’uomo, e dai suoi riflessi politici di carattere progressista), non sono da rifiutare.

  • 30 Riguardo al rapporto con Sartori si vedano, tra l’altro, le lettere tra i due conservate nel fondo (...)
  • 31 I. Montanelli, Panorama umano del Parlamento, «Corriere della Sera», 30.3.1963 e Id., Una marea di (...)
  • 32 Id., Tutti mandarini, «Corriere della Sera», 9.11.1966.

24In secondo luogo, venendo ad autori più vicini ai giorni nostri, Montanelli non manca di rivolgere il proprio apprezzamento per alcuni studi di scienze sociali come, ad esempio, Il Parlamento italiano dell’equipe guidata da Giovanni Sartori30 (a cui dedica una disamina molto approfondita31) o Il bipartitismo imperfetto di Giorgio Galli32. Si tratta invero di volumi che oggi – in un contesto di consolidamento degli steccati disciplinari più rigido di allora – saremmo portati a classificare tra le opere di scienza politica, più che di sociologia, ma che Montanelli valuta in relazione a considerazioni generali sulla sociologia. Afferma infatti che il volume di Sartori sulla circolazione delle élite colma un vuoto creatosi negli studi sociologici italiani dai tempi di Pareto e Mosca. E apprezza il volume di Galli proprio in contrasto con le vuote astruserie che offrono in genere i volumi di sociologia.

  • 33 Id., Troppi vini francesi in casa del patriota di Saigon, «Corriere della Sera», 17.5.1952.

25In terzo luogo, il modo di procedere del giornalista sembra talvolta tendere, in modo intuitivo, al di fuori di qualsiasi rigore disciplinare, verso una diversa idea di sociologia, fondata sulla capacità di osservazione della vita quotidiana. Significativo, da questo punto di vista, è un articolo dall’Indocina33 nel quale il giornalista descrive un pranzo con alcuni sociologi americani, di cui non riporta i nomi, inviati in quei luoghi «per una inchiesta per conto e a spese di un Istituto privato statunitense». In linea con le sue posizioni, Montanelli svaluta le analisi degli studiosi, e il loro «eloquio dominato dall’ossessione di una tecnica rigorosità». Per l’intero pasto Montanelli rimane in silenzio, ad ascoltare l’enfatica oratoria del padrone di casa, un avvocato indocinese che, in ottimo francese, tuona contro la politica francese e americana nel suo Paese, mentre i sociologi tentano di dare, della situazione del sud-est asiatico, spiegazioni avalutative (quando si parla di comunismo, dicono che «per noi, tutte le idee sono ugualmente degne di rispetto. Siamo gente obiettiva, noi!»).

26Solo in seguito, al momento della siesta sulla veranda, quando il più anziano del gruppo di sociologi gli dice che gli «sarebbe piaciuto udire anche la [sua] opinione, in merito a quanto abbiamo discusso», Montanelli esprime finalmente il suo parere. E qui non si limita a ribaltare, sul piano politico, la lettura del padrone di casa (dando una valutazione opposta delle rispettive responsabilità delle potenze occidentali e delle forze di Ho Chi Minh). Quel che, in questo momento, è per noi più interessante è il fatto che Montanelli dà un consiglio all’americano anche sul piano sociologico. Gli suggerisce infatti di inserire nel rapporto di ricerca anche un particolare rivelato dal boy che ha servito il tè: il padrone di casa parla solo il francese e non capisce l’annamita. L’interlocutore rimane perplesso e non coglie l’utilità del suggerimento. Montanelli sembra dunque indicare un approccio diverso alla ricerca sociale, in cui le variabili interessanti non sono quelle del discorso ideologico del padrone di casa, e nemmeno quelle dei balbettanti tentativi di spiegazione strutturale degli americani. Sono piuttosto quei particolari che il suo obiettivo – un obiettivo che dichiara esplicitamente il proprio punto di vista – aveva ripetutamente messo a fuoco nelle precedenti colonne dell’articolo: la squisita canard à l’orange servita con un prezioso Borgogna, i quadri autentici di Cézanne, «le opere rilegate in marocchino di Baudelaire, di Flaubert, di Maupassant» che fanno bella mostra di sé alle pareti, «il francese liscio, pulito, levigato, da autentico sorbonardo» del padrone di casa. La rivelazione fatta dal servitore aggiunge un ultimo dettaglio dal quale emerge definitivamente l’estraneità del padrone di casa al popolo indocinese di cui si erge a portavoce. Egli appare a questo punto l’esponente di una classe colta e agiata, educata in Francia, che si allea ai comunisti, e ne sposa le posizioni, per mantenere il proprio potere, tenendo la popolazione locale in una condizione che ne impedisce una reale emancipazione. Montanelli porta il lettore a queste conclusioni non attraverso dati strutturali, ma attraverso l’osservazione dell’arredamento, del menu e del linguaggio del padrone di casa, sino all’istantanea conclusiva – i boys che «ci guardavano, seduti sui talloni, a dispetto delle numerose sedie, che anche lì gli Americani avevano messo a loro disposizione» – dalla quale emerge che la decolonizzazione non è necessariamente sinonimo di emancipazione delle popolazioni locali.

27Può ben darsi che la descrizione del pranzo e dei suoi partecipanti contenga particolari ingigantiti, o forse in parte inventati (com’è tipico del giornalismo di Montanelli, incline – per sua stessa ammissione – all’invenzione che risulti funzionale a rendere più immediatamente comprensibile la realtà). Non è questo il punto (come non lo è la condivisibilità, o meno, della sua lettura politica). Quel che interessa rilevare è che l’articolo, nel momento in cui svaluta la capacità di comprensione della sociologia (di quel particolare tipo di sociologia praticato dal gruppo di americani) invita ad adottare una diversa prospettiva sociologica. Il suggerimento dato all’americano è, implicitamente, un invito a rileggere l’intero articolo come l’abbozzo di un modello alternativo di interpretazione della realtà sociale indocinese, fondata sull’osservazione della realtà quotidiana. Si può presumere che Erwin Goffman e gli etnometodologi non rientrassero nel novero delle letture montanelliane – il quale, per diversi aspetti, se ne sarebbe anzi tenuto ben lontano. Tuttavia, tra l’approccio giornalistico di Montanelli e questi filoni sociologici vi potrebbero essere sotterranei punti di convergenza in riferimento agli aspetti su cui il giornalista punta il suo sguardo e, soprattutto, alla descrizione di questo pranzo come una specie di rappresentazione teatrale. La rivelazione fatta (nel retroscena, per usare un termine goffmaniano) dal servitore quando – «convinto, si vedeva benissimo, di render[gli] un grande omaggio» – confida che il padrone non conosce la lingua locale, mette quest’ultimo in una luce completamente diversa da come era apparso in scena (la distanza sociale che esiste tra lui e i suoi servitori rivela che le sue parole pronunciate in nome della «dignità» del popolo non erano che una recita). Pensare la vita quotidiana come rappresentazione (Goffman, 1959) è, del resto, un tratto caratteristico di Montanelli. Come ha scritto un suo commentatore (Personé, 1970, 168), in lui «è dominante […] l’immagine del palcoscenico o del teatro». Si pensi, per fare un esempio ben noto, a una figura come il generale Della Rovere, ma tanto la sua opera narrativa, quanto quella giornalistica offrono vari altri esempi di questo modo di concepire la realtà sociale: se per Goffman «ognuno di noi rappresenta se stesso dinanzi agli altri», la scrittura giornalistica di Montanelli (gli Incontri per il «Corriere della Sera» ne sono la più tipica esemplificazione) è costantemente impegnata a mostrarci i modi in cui questa rappresentazione viene costruita, e quindi a svelare, del personaggio che ciascuno fa di sé, maschere e trucchi di scena.

5. Conclusioni

  • 34 Id., In tema di sociologia, «Il Giornale», 22.2.1977.
  • 35 Id., Gli hanno portato le vitamine ma non sono riusciti a capirli, «Corriere della Sera», 15.3.195 (...)

28Alla luce delle considerazioni del precedente paragrafo, verrebbe pertanto da dire che il rifiuto della sociologia non riguarda la disciplina in sé e ogni sua possibile declinazione. È piuttosto un rifiuto che prende di mira certe sue degenerazioni (l’accademismo, il linguaggio che rifugge la chiarezza34) e ha come bersaglio particolare due sue specifiche correnti. La prima è la sociologia iperquantitativista di matrice americana, di cui Gallup è preso come esponente per antonomasia (i «diagrammi e tutte le altre esattissime e autorevoli scemenze che le civiltà meccaniche comportano»35). La sociologia che mira a descrivere con numeri qualsiasi aspetto della vita umana e che infrange i segreti, e quindi la libertà, degli individui. La seconda è la sociologia di derivazione marxista.

29Due correnti, apparentemente, agli antipodi che però, secondo la lettura conservatrice di Montanelli condividono il sostanziale annullamento della responsabilità individuale, cancellata, nel primo caso, dall’anonimato dei numeri e della massa e, nel secondo caso, dalla forza delle strutture economiche e delle classi. Verrebbe da dire che, nel cogliere minacce alla libertà individuale e germi di totalitarismo in entrambe queste correnti, abitualmente considerate di colore ideologico opposto, Montanelli risenta, più o meno consapevolmente, dell’influenza di Max Weber. Del Max Weber (1905, trad. it. 240) della «gabbia d’acciaio», che vede il procedere della burocratizzazione e della razionalizzazione portare verso l’esito di una società (capitalista o socialista che sia) iperorganizzata, in cui le libertà individuali finiscono per essere annullate. Per il sociologo tedesco (1922, trad. it. vol. 2, 289), com’è noto, la «necessità oggettiva» della macchina burocratica si impone alle società contemporanee, diventando un imperativo ineludibile. Quando Montanelli, come si è visto, individua, nel «mito» dell’organizzazione il carattere principale delle società contemporanee e vede in esso una minaccia alle libertà individuali sembra riecheggiare questo genere di riflessioni.

  • 36 In generale, vi è una diffusa tendenza, tra gli storici delle idee a limitare l’analisi ai “piani (...)
  • 37 E, del resto, Ceri (1994, 901), citando un suo intervento, gli riconosce «sensibilità sociologica»

30Soffermarsi sull’atteggiamento di un giornalista di grande successo nei confronti della sociologia può, a prima vista, sembrare una curiosità di scarsa pertinenza per la conoscenza delle vicende della disciplina in Italia. Nel ricostruire la storia della disciplina, l’attenzione degli studiosi è in genere posta su convegni accademici e sui dibattiti e le contrapposizioni teoriche che si svolgono sulle riviste più prestigiose36. In realtà, nel ripercorrere le vicende storiche della sociologia in Italia è opportuno soffermarsi non solo sulle dinamiche interne al mondo accademico e professionale, ma seguire anche l’evoluzione dell’opinione pubblica. Data la capacità di Montanelli di riflettere una fetta rilevante dell’opinione pubblica italiana e, allo stesso tempo, di anticiparla e indirizzarla, porre l’attenzione sul modo in cui un giornalista col suo seguito si è posto nei confronti della sociologia può aiutare a comprendere le dinamiche che hanno ostacolato la sua accettazione sociale e la sua legittimazione culturale. Certamente, le sue ironie hanno contribuito a creare in una parte dell’opinione pubblica quel clima di diffidenza nei confronti della sociologia, che ne ha ostacolato la legittimazione culturale. Tuttavia, come si è illustrato nelle pagine precedenti, il pensiero di Montanelli sull’argomento appare, a una lettura più attenta, meno tranchant di quanto potrebbe a prima vista apparire quando ci si ferma alle più visibili sparate e boutade37. Anche in questo ambito, come in altri campi, è indubbio che il giornalista abbia mostrato la sua abilità di cogliere suggestioni intellettuali e di restituirle in una forma comprensibile al grande pubblico. Allargando lo sguardo dal caso specifico di Montanelli ai rapporti generali tra giornalismo e sociologia, la presenza, nei suoi scritti, di echi di temi sociologici accanto a una ripulsa dichiarata verso la disciplina, potrebbe essere visto come un esempio emblematico del fatto che, paradossalmente, sono talvolta proprio i motivi di vicinanza che esistono tra giornalismo e sociologia ad alimentare i conflitti tra queste due forme di indagine sulla realtà sociale, portando ciascuna di esse a dare dell’altra una rappresentazione stereotipata.

Torna su

Bibliografia

Balbo L., Chiaretti G. e Massironi G. (1975), L’inferma scienza. Tre saggi sull’istituzionalizzazione della sociologia in Italia, Bologna, il Mulino.

Barbano F. (1998), La sociologia in Italia. Storia, temi e problemi (1945-1960), Roma, Carocci.

Barbano F. (2004), La sociologia a Trento. Il mio coinvolgimento, «Quaderni di Sociologia», n. 36, pp. 91-110.

Bouthoul G. (1961), Le guerre, Milano, Longanesi.

Bouthoul G. (1966), Storia della sociologia, Roma, Armando.

Bouthoul G. (1974), Trattato di sociologia, Roma, Città Nuova.

Breschi D. e Longo G. (2003), Camillo Pellizzi: la ricerca delle élites tra politica e sociologia, 1896-1979, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Briggs C.L. (2007), The Gallup Poll, democracy, and the vox populi: ideologies of interviewing and the communicability of modern life, «Text & Talk», XXVII, 5, pp. 681-704.

Bruti Liberati L. (a cura di) (2011), Uno storico di nome Indro, Milano, Lampi di Stampa.

Burgalassi M.M. (1996), Itinerari di una scienza. La sociologia in Italia tra Otto e Novecento, Milano, Franco Angeli.

Busino G. (1974), Gli studi paretiani dal 1971 al 1973, «Giornale degli economisti e annali di economia», XXXIII, 3-4, pp. 215-246.

Capecchi V. e Livolsi M. (1971), La stampa quotidiana in Italia, Milano, Bompiani.

Ceri P. (1985), I quattro volti dell’anti-sociologia, «Quaderni di sociologia», XXXII, n. 4-5, pp. 53-96.

Ceri P. (1994), A che cosa servono i sondaggi, «il Mulino», XLIII, 5, pp. 885-901.

Cossu A. e Bortolini M. (2017), Italian Sociology,1945-2010. An Intellectual and Institutional Profile, London, Palgrave Macmillan.

Eco U. (1973), Il costume di casa, Milano, Bompiani.

Ferrarotti F. (1989), The present state of sociology in Italy, «Current sociology», XXXVII, 2, pp. 1-91.

Ferrarotti F. (1990), L’Italia in bilico, Roma-Bari, Laterza.

Ferrarotti F. (1996), Scienze sociali e politiche, in Stajano C. (a cura di), La cultura italiana del Novecento, Roma-Bari, Laterza, pp. 599-651.

Ferrarotti F. (1998), Ricordi del ’68 e dintorni, in Siebert R. (a cura di), Il piacere della sociologia, Soveria Mannelli, Rubbettino, pp. 61-85.

Flores M. e De Bernardi A. (1998), Il sessantotto, Bologna, il Mulino.

Gans H. J. (2018), Sociology and Journalism: A Comparative Analysis, «Contemporary Sociology», XLVII, 1, pp. 3-10

Gerbi S. e Liucci R. (2014), Indro Montanelli: una biografia (1909-2001), Milano, Hoepli.

Giachetti D. (1998), Il movimento studentesco trentino e la sociologia, in Giachetti D. (a cura di), Per il Sessantotto: studi e ricerche, Pistoia - Bolsena, Cdp - Massari Editore, pp. 160-173.

Glueck S. e Glueck E. (1950), Unraveling Juvenile Delinquency, New York, The Commonwealth fund.

Goffman E. (1959), The Presentation of Self in Everyday Life, Garden City, NY, Doubleday; trad. it. La vita quotidiana come rappresentazione, Bologna, il Mulino, 1969.

Goulet V. e Ponet P. (2009), Journalistes et sociologues. Retour sur des luttes pour «écrire le social», «Questions de communication», 16, pp. 16-26.

Hogan J. M. (1997), George Gallup and the rhetoric of scientific democracy, «Communication Monographs», LXIV, 2, pp. 161-179.

Losito M. (1995), Croce e la sociologia, Napoli, Morano.

Montanelli I. (1987), Controcorrente, Milano, Mondadori.

Montanelli I. (1992), Il testimone, Longanesi, Milano.

Montanelli I. (1994), Caro lettore, Milano, Rizzoli.

Montanelli I. (1995), Ricominciare da Prodi, in Prodi R., Governare l’Italia, Roma, Donzelli, pp. 55-57.

Montanelli I. (1999), La stecca nel coro, Milano, Rizzoli.

Montanelli I. Montanelli I. (2005a), Senza voce, Milano, Rizzoli.

Montanelli I. (2005b), La mia Firenze, Fucecchio, FM Edizioni.

Montanelli I. e Cervi M. (1991), L’Italia degli anni di piombo - 1965-1978, Milano, Rizzoli.

Montanelli I. e Gervaso R. (1975), L’Italia del Settecento, 1700-1789, Milano, Rizzoli (ed. or. 1970).

Montanelli I. e Gervaso R. (1997), L’Italia della Controriforma 1492-1600, Milano, Rizzoli (ed. or. 1968).

Montanelli I. e Placido B. (1995,) Eppur si muove. Cambiano gli italiani?, Milano, Rizzoli.

Personé L. M. (1970) Pensatori liberi nell’Italia contemporanea, Firenze, Olschki.

Rettore V. (2005), Sociologia in corso, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Rinauro S. (2002), Storia del sondaggio d’opinione in Italia, 1936-1994, Venezia, Istituto veneto di scienze, lettere ed arti.

Romano S. (2009), Prefazione, in Montanelli I., I conti con me stesso: Diari 1957-1978, Milano, Rizzoli, pp. 5-11.

Salvati M. (2009), Introduzione, in Pellizzi C., Una rivoluzione mancata, Bologna, il Mulino, pp. 7-46.

Serra M. e Montanelli I. (1994), Dialogo sulla destra che non c’è, «Micromega», 4, pp. 33-44.

Staglieno M. (2001), Indro Montanelli. Novant’anni controcorrente, Milano, Mondadori.

Turchetta G. (1985), Storie di Montanelli, in Spinazzola V. (a cura di), Il successo letterario, Milano, Unicopli, pp. 97-122.

Weber M. (1905), Die Protestantische Ethik und der Geist des Kapitalismus, «Archiv für Sozialwissenschaft und Sozialpolitik», XXI, pp. 1-110; trad. it. L’etica protestante e lo spirito del capitalismo, Milano, Rizzoli, 1991.

Weber M. (1922), Wirtschaft und Gesellschaft, Tübingen, Mohr; trad. it. Economia e società, Milano, Comunità, 1961.

Wrong D. H. (1961), The Oversocialized Conception of Man in Modern Sociology, «American Sociological Review», XXVI, 2, pp. 183-193.

Torna su

Note

1 Pellizzi C., Apologia del pudore, «Corriere della Sera», 4.12.1966.

2 In occasione della morte di Pellizzi, Montanelli ne ha scritto un ricordo commosso, ricco di elogi sul piano umano e sul piano intellettuale: Un intellettuale aristocratico e appartato, «Il Giornale», 12.12.1979.

3 I. Montanelli, Andreotti, «Corriere della Sera», 19.7.1970.

4 Id., Polemica contro il mio tempo, «Corriere della Sera», 13.6.1965.

5 Id., Replica alla regione in difesa degli uccelli, «Corriere della Sera», 22.7.1972.

6 Id., Controcorrente, «Il Giornale», 6.9.1979.

7 Id., La pagella dei genitori, «Corriere della Sera», 8.7.1956.

8 Montanelli non cita il titolo: è presumibile che si tratti di Glueck e Glueck (1950).

9 Id., Tutti mandarini, «Corriere della Sera», 9.11.1966.

10 Id., Gli assegni di guerra agli ex-combattenti, «Corriere della Sera», 12.8.1972.

11 Id., Contrappunto, «Corriere della Sera», 1.3.1970; Id., Contrappunto, «Corriere della Sera», 16.5.1971; Id., Attraente ma fasulla la pseudoscienza sociale, «Oggi», 3.4.1974. Gaston Bouthoul è un sociologo francese specializzato in polemologia, autore di numerosi saggi, diversi dei quali tradotti in italiano (Bouthoul, 1961, 1966, 1974). Il nome di Bouthoul è citato solo nel primo dei tre articoli di Montanelli che riferiscono la sua ipotesi.

12 In realtà, il rapporto tra endogamia/esogamia e pace/guerra è un tema su cui esiste una vasta letteratura antropologica. In sociologia, il tema compare fin dalle opere di Herbert Spencer.

13 F. Compagna, La scalata sociologica, «Il Mondo», 8.3.1966.

14 I. Montanelli, Il «video» del padrone, «Corriere della Sera», 9.9.1972

15 Id., La svolta di Alberoni, «Il Giornale», 9.9.1983.

16 Anche se, nell’opera di Marx, Montanelli (1992, 301) distingue una parte migliore, quella «del giornalista e del polemista della Gazzetta Renana e della Miseria della filosofia», e una parte peggiore, quella del «sociologo».

17 La critica all’intellettuale engagé è un motivo ricorrente negli scritti di Montanelli. Si vedano, per esempio, L’inquietudine di sinistra, «Corriere della Sera», 18.12.1955; Un intellettuale di sinistra, «Corriere della Sera», 10.6.1954.

18 Si veda il modo in cui chiama in causa il modo di procedere della sociologia nei confronti del banditismo sardo (I. Montanelli, I fatti di Ollolai, «Corriere della Sera», 3 gennaio 1967: «fatalismo sociologico»), del terrorismo (Montanelli, 1999, 236), della mafia (ivi, 243), di scandali e inchieste giudiziarie varie (Montanelli, 1992, 200).

19 Id., Prezzolini il reazionario, «Corriere della Sera», 17.4.1971.

20 Id., Un nuovo Gallup. Per renderci felici ci spogliamo di ogni segreto, «Corriere della Sera», 7.7.1959.

21 Id., La democrazia è un Fragebogen, «Corriere d’informazione», 27-28.10.1947. Anni dopo, nel dibattito sui sondaggi che avviene in Italia dopo la “discesa in campo” di Berlusconi, che di questi strumenti fece ampio uso, Montanelli – a tale discesa sempre avverso – esprime un rinnovato scetticismo nei confronti dei sondaggi, evocando non più il totalitarismo ma la «democrazia plebiscitaria» (Montanelli 2005a, 68, 90 – sulla sfiducia nei sondaggi, cfr. anche Montanelli e Placido, 1995, 44-47).

22 Id., Il «lager» trionfante, «Corriere della Sera», 6.8.1950.

23 Per esempio, in Solo le mummie non cambiano mai, «Corriere della Sera», 26.8.1972, li indica, assieme a Meinecke e Ranke, fra «i quattro grandi della storiografia tedesca».

24 Al «patrimonio etico di una borghesia oggi estinta, forse, e viva nelle pagine di Weber e Sombart» (Montanelli, 1995, 56) si è costantemente richiamato.

25 Però, in seguito a un intervento di Montanelli su Weber (Alle origini (verosimili) del capitalismo, «Corriere della Sera», 26.8.1998) Franco Ferrarotti, con una lettera al quotidiano (La testimonianza di Franco Ferrarotti, «Corriere della Sera», 2.9.1998), esprimeva il suo apprezzamento per aver trovato nelle parole del giornalista «ciò che, purtroppo insigni studiosi da noi, come il Pellicani, sembrano ancora piuttosto lontani dall’aver capito».

26 Si vedano: Montanelli e Gervaso (1975, 212), Montanelli (2005b, 19 ss.), I. Montanelli, La monarchia socialista, «Corriere della Sera», 9.1.1972.

27 Id., In tema di sociologia, «Il Giornale», 22.2.1977.

28 Id., Pareto l’antipatico, «La Stampa», 9.12.1973; Pareto, «Corriere della Sera», 8.12.1960.

29 Il pezzo su Pareto pubblicato su «La Stampa» è «spiritoso e divertente (ma zeppo zeppo d’errori di fatto)» (Busino, 1974, 237).

30 Riguardo al rapporto con Sartori si vedano, tra l’altro, le lettere tra i due conservate nel fondo Montanelli del Centro Manoscritti di Pavia.

31 I. Montanelli, Panorama umano del Parlamento, «Corriere della Sera», 30.3.1963 e Id., Una marea di leggi sommerge il Parlamento, «Corriere della Sera», 2.4.1963.

32 Id., Tutti mandarini, «Corriere della Sera», 9.11.1966.

33 Id., Troppi vini francesi in casa del patriota di Saigon, «Corriere della Sera», 17.5.1952.

34 Id., In tema di sociologia, «Il Giornale», 22.2.1977.

35 Id., Gli hanno portato le vitamine ma non sono riusciti a capirli, «Corriere della Sera», 15.3.1952.

36 In generale, vi è una diffusa tendenza, tra gli storici delle idee a limitare l’analisi ai “piani alti” dei convegni accademici, delle riviste specializzate, degli interventi degli “esperti”, ignorando, o lasciando in secondo piano, divulgatori e volgarizzatori, precludendosi in tal modo la comprensione di dinamiche che possono in alcuni casi contribuire alla diffusione e alla trasformazione delle idee con effetti molto maggiori. Per esempio, rimanendo nell’ambito di un argomento affine a questo, anni fa lo storico Sandro Rinauro (2002) scrisse un imponente trattato per esaminare la storia dei sondaggi in Italia, la loro lenta penetrazione nel dibattito pubblico e nel confronto tra le forze politiche. Si trattava di un lavoro di notevole pregio, estremamente dettagliato e informato. Dimenticava, però, fra i tanti nomi e le tante fonti, di citare un personaggio che in quella storia aveva giocato un ruolo non trascurabile: Mike Bongiorno. Nel 1980, quando la conoscenza, la legittimazione e la diffusione dei sondaggi, come ben descrive lo stesso Rinauro, incontravano ancora resistenze, sfiducia e disinteresse, il conduttore introdusse i sondaggi della Doxa in uno dei suoi seguitissimi quiz (Flash), facendone l’argomento delle sue domande e, in tal modo, diede un contributo importante perché tra il pubblico crescesse la curiosità nei loro confronti e quindi si diffondesse la loro accettazione.

37 E, del resto, Ceri (1994, 901), citando un suo intervento, gli riconosce «sensibilità sociologica».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Rinaldo Vignati, «La sociologia secondo Indro Montanelli»Quaderni di Sociologia, 83- LXIV | 2020, 101-118.

Notizia bibliografica digitale

Rinaldo Vignati, «La sociologia secondo Indro Montanelli»Quaderni di Sociologia [Online], 83- LXIV | 2020, online dal 01 avril 2021, consultato il 09 mai 2021. URL: http://journals.openedition.org/qds/4089; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.4089

Torna su

Autore

Rinaldo Vignati

Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali – Università di Bologna

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search