Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri83- LXIVnote criticheDebito, finanza, rischio e crisi

note critiche

Debito, finanza, rischio e crisi

O la sociologia della moneta che non c’è
Debt, finance, risk and crisis. Or the sociology of money (that is not there)
Joselle Dagnes
p. 123-129

Abstract

Starting from the events that led to the 2007 financial crisis, interest in the contribution of social sciences to debt analysis has grown steadily. The book The Sociology of Debt edited by Mark Featherstone aims to provide the reader with the map of the most recent perspectives and issues on this topic, focusing in particular on the social embeddedness of debt and its effect in the debtor-creditor relationship, both at the micro-level (individuals and families) and the macro-level (between states). However, this critical note argues that the authors’ goal is only partially achieved. In fact, the text provides interesting theoretical and analytical considerations, but: i) part of the available scientific literature on the social role and implications of debt is ignored; ii) the empirical analysis of the phenomenon is poorly developed: iii) the appreciable aspiration to multidisciplinarity leads to neglect the extensive knowledge already existing on debt from a sociological perspective.

Torna su

Testo integrale

1Per motivare l’opportunità di occuparsi di debito da una prospettiva sociologica sarebbe forse sufficiente richiamare la grande recessione del 2007-2013 e il suo impatto su individui, famiglie, imprese e governi in tutto il mondo. Quanto accaduto nello scenario internazionale è infatti definibile a tutti gli effetti come una crisi del debito: inizialmente il debito privato statunitense – con i famigerati subprime, mutui e prestiti concessi a soggetti privi dei requisiti per l’accesso ai canali creditizi tradizionali –, in seguito il debito pubblico, in particolare dei paesi economicamente più fragili nell’Europa mediterranea. Le politiche di austerity che sono seguite, motivate dalla necessità di sostenere piani di salvataggio per le principali istituzioni finanziarie (le cosiddette too big to fail) e di mantenere in sicurezza i bilanci nazionali, hanno avuto tra l’altro pesanti ripercussioni su spesa pubblica e welfare.

  • 1 Dati diffusi da Vitor Gaspar, Direttore del Dipartimento Affari Fiscali del Fondo Monetario Intern (...)

2Dato questo quadro, potrebbe stupire – o forse no – sapere che a distanza di qualche anno non si registrano forti discontinuità nella diffusione del debito rispetto alla situazione pre-crisi. Anzi. Nelle economie non coordinate di mercato, come Stati Uniti, Regno Unito e Australia, il livello di indebitamento delle famiglie ha raggiunto e in alcuni casi superato quello del 2007 (cfr. Keen, 2017; Trades Union Congress, 2016; Federal Reserve Bank of New York, 2020). Nei capitalismi coordinati, pur in presenza di un maggiore contenimento del credito a privati, aumenta sensibilmente la quota di famiglie sovra-indebitate che non riesce a far fronte agli impegni assunti (Véron e Zettelmeyer, 2017). Sul lato macro, infine, il Fondo Monetario Internazionale registra un aumento costante del debito mondiale, che nel 2018 ha raggiunto il 226% del Pil del pianeta (era il 194% nel 2007)1.

  • 2 Un discorso analogo, benché con alcune specificazioni, può essere fatto per i paesi economicamente (...)

3Sono questi, secondo il libro curato da Mark Featherstone, The Sociology of Debt (Bristol University Press, Policy Press, 2019), alcuni indizi del fatto che il crollo finanziario del 2007-2008 non abbia rappresentato una sfortunata congiuntura economica, quanto piuttosto l’esito inevitabile di un modello di sviluppo strutturalmente destinato alla crisi. Nelle economie contemporanee, infatti, la diffusione del debito sembra aver assunto un carattere sistemico, a partire dalla convinzione che sia possibile indurre la crescita agendo prioritariamente sulla dimensione finanziaria. Sul tema non mancano peraltro le elaborazioni teorico-analitiche di ampio respiro, richiamate anche dal testo di Featherstone. Negli ultimi anni, in particolare, gli osservatori che hanno riconosciuto la centralità del debito nelle società avanzate2 si sono suddivisi in due fazioni prevalenti. Da un lato, vi sono coloro che, recuperando l’analisi dell’economista Hyman Minsky, evidenziano come il susseguirsi di crisi del debito e i conseguenti effetti in termini di instabilità siano endogeni al capitalismo finanziario e destinati a ripresentarsi periodicamente (Minsky, 1986). Dall’altro lato si collocano invece coloro che considerano il 2007-08 l’inizio della fine del nostro sistema economico, con le misure di tamponamento attuate dai governi in grado di posticiparne semplicemente l’inevitabile crollo (Streeck, 2016).

  • 3 Si tratta della creazione di moneta scritturale, che ha luogo nel momento in cui un istituto banca (...)
  • 4 Vale la pena ricordare, per inciso, che la moneta stessa rappresenta, sin dalla sua origine, una f (...)

4Per rintracciare gli aspetti più rilevanti – e le debolezze più evidenti – del processo in corso, può essere utile fare riferimento al concetto di disconnessione. Una prima disconnessione si osserva con la fine degli accordi di Bretton Woods nel 1971, che sospende la convertibilità del dollaro in oro e inaugura la moneta fiat, un mezzo di pagamento non coperto da riserve auree. Una seconda disconnessione, strettamente connessa alla prima, si ha nel momento in cui una quota importante della moneta esistente non ha origine dalle banche centrali, bensì deriva dalla concessione di credito a clienti da parte delle banche ordinarie3. È il debito, in sintesi, a creare moneta4, all’interno di un mercato in cui, per riprendere un concetto polanyiano, il denaro è merce fittizia (Polanyi, 1944).

5In tale situazione, l’interesse applicato dagli istituti finanziari non costituisce una forma di remunerazione per il rischio sostenuto e per la temporanea indisponibilità del capitale prestato, come avviene nella classica relazione creditore-debitore, dal momento che il denaro in questione semplicemente è stato creato ex novo (Bjerg, 2014, 2019). Le banche, dunque, traggono un primo vantaggio economico, sotto forma di interesse, dalla concessione di credito. A questo se ne somma poi uno ulteriore, dal momento che i prestiti concessi in varia forma possono diventare essi stessi asset attraverso la securizzazione, che li trasforma in prodotti finanziari da collocare sul mercato. In questo modo l’accensione di un finanziamento genera liquidità sia per il debitore sia per il creditore, costituendo un forte incentivo per quest’ultimo a concedere prestiti. Tale processo conduce, insieme ad altri fattori, a un terzo tipo di disconnessione, quella tra finanza e sfera produttiva (Barbera et al., 2016). Un settore nato a servizio dell’economia reale, con l’obiettivo di allocare al meglio una risorsa scarsa come il capitale finanziario al fine di sostenere lo sviluppo, diventa via via autonomo, allentando progressivamente il nesso con il comparto produttivo. Da un certo punto in avanti, la crescita della finanza e quella dell’economia reale iniziano dunque a non essere più strettamente associate: a incrinarsi è il rapporto tra Wall Street e Main Street, secondo la suggestiva immagine proposta nel libro di Featherstone da Ole Bjerg (2019, 62).

6The Sociology of Debt muove da questo impianto generale per sviluppare una riflessione a più voci focalizzata sulla rilevanza – e sulle conseguenze – del processo di istituzionalizzazione del debito nelle società a economia avanzata (non a caso, gli autori scelgono spesso di utilizzare l’espressione sintetica debt society). L’ottica analitica privilegiata si concentra, in particolare, sulla dimensione sociale del debito. In altri termini il debito è concepito, da Featherstone e colleghi, come un fenomeno sociale il cui radicamento relazionale, politico, cognitivo e culturale deve essere analizzato e compreso. È questo secondo gli autori il compito della sociologia del debito, che ha come «terreno […] i modi in cui la finanza e il debito sono radicati nella vita sociale» (ivi, 3, traduzione mia). In questo approccio si può cogliere anche una celata critica al monumentale contributo di Graeber (2011) che, nel ripercorrere la storia del debito, si focalizza sugli elementi di continuità, ponendo in secondo piano i fattori che fanno del debito un fenomeno socialmente e spazialmente situato.

7Pur non tralasciando le componenti tecniche dei contratti di debito (si veda il capitolo 1 di Lisa Adkins, ivi, 27-48) né gli aspetti psicologici individuali sollecitati nel percorso di indebitamento (cap. 2 di Oleg Bjerg, ivi, 49-68) o la natura filosofica del rapporto tra debito e responsabilità (cap. 9 dello stesso Featherstone, ivi, 231-249), nel libro il debito è dunque concepito primariamente nella sua dimensione relazionale, che richiama un’analoga concezione della moneta di impronta simmeliana. Non in termini anti-sociali, quindi, come talvolta rappresentato dalla letteratura critica sul tema (il debito come distruttore di legami), bensì un elemento in grado di creare nuove relazioni e di modificare quelle esistenti, attribuendovi significati che dipendono anche dagli attori in gioco e dalle istituzioni e norme sociali che ne sostengono l’orientamento. Tra le relazioni più significative vi è evidentemente quella debitore-creditore, che ben si presta a illustrare quale può essere il contributo delle discipline sociali all’analisi della debt society.

8Una categoria centrale, in questa prospettiva, è quella del potere. La relazione debitore-creditore si definisce infatti a tutti gli effetti, secondo Featherstone e colleghi, come una relazione di potere (ivi, 18), caratterizzata da forti asimmetrie e ordinamenti gerarchici tra gli attori in campo. Tuttavia, come noto, la distribuzione del potere all’interno di una relazione non è mai data una volta per tutte, bensì oggetto di continue ridefinizioni. Analizzando empiricamente specifiche relazioni si possono osservare, quindi, uno sforzo per riprodurre le asimmetrie esistenti da parte dei soggetti dotati di maggiori risorse – i creditori – e, al contempo, il tentativo di depoliticizzare la posizione e le istanze dei soggetti più deboli, i debitori, favorendone il ripiegamento sulla dimensione individuale e impedendo loro di acquisire una voce collettiva.

  • 5 Questo passaggio, come noto, richiama la vicinanza in tedesco dei due termini colpa (Schuld, singo (...)

9Tali operazioni sono all’opera sia a livello macro sia a livello micro. Il primo versante è ben illustrato dal capitolo di Joshua Bowsher (ivi, 69-90). Il contributo indaga l’azione creditizia post-crisi delle istituzioni internazionali in Grecia, di fatto orientata a trasformare il debito pubblico in colpa collettiva5 al fine di rafforzare la legittimità delle politiche di austerità imposte. In parallelo a questo processo, sono messi in luce i tentativi della Commissione per la verità sul debito pubblico del primo governo Tsipras di affermare una contro-narrazione capace di mettere in discussione la legittimità del debito greco, gettando le basi per un percorso – poi fallito – di rinegoziazione dello stesso. Sul versante micro, analogamente, il capitolo di Davis e Cartwright (ivi, 91-118) e quello di Kirwan, Dawney e Walker (ivi, 119-144) fanno emergere la tensione fra dimensione individuale e dimensione sistemica del debito, evidenziando il delicato equilibrio esistente tra processo di “normalizzazione” della condizione di debitore e riproduzione del vincolo alla restituzione. L’attribuzione di responsabilità e di colpa costituisce dunque la chiave, sul piano individuale come su quello collettivo, per il disciplinamento dei rapporti debitore-creditore e per la riproduzione delle asimmetrie esistenti. Lo stato di indebitamento viene rappresentato come un fallimento del singolo, all’interno dei più ampi processi di individualizzazione del rischio tipici del capitalismo avanzato (Beck, 1992; Castel, 2003) che impediscono la traduzione delle «preoccupazioni private in questioni pubbliche» (Bauman, 2000, 10). Nondimeno, l’analisi delle pratiche quotidiane degli indebitati svela soggetti tutt’altro che passivi nella gestione della propria condizione, con modalità diffuse di appropriazione e ridefinizione dei vincoli imposti dall’obbligo di restituzione.

10Qui emerge chiaramente come il debito non sia solo una questione di quantità, ma anche – e soprattutto – di qualità (ivi, 12). Per il singolo, in particolare, non tutti i debiti sono uguali. Alcuni sono avvertiti come più pressanti (quelli contratti con autorità che, in caso di mancato pagamento, possono interrompere l’erogazione di un servizio essenziale). Altri, viceversa, quasi svaniscono nell’orizzonte temporale (come il debito universitario nei paesi anglosassoni, la cui restituzione di norma è condizionata al raggiungimento di un certo livello di reddito). Alcuni debiti sono percepiti come “cattivi” (quelli contratti per esigenze di consumo) e intesi come particolarmente gravosi perché la loro estinzione costituisce il prerequisito per poter finalmente contrarre debiti considerati “buoni” (il mutuo ipotecario per acquistare un’abitazione).

11Tale riflessione, che ben rappresenta l’obiettivo del volume di applicare un’analisi a grana fine al tema del debito, costituisce a parere di chi scrive uno degli spunti più convincenti del contributo curato da Featherstone. Sfortunatamente, però, la traduzione empirica di questo orientamento analitico risulta piuttosto debole e, in molti casi, poco fondata, lasciando al lettore una serie di suggestioni ma un senso complessivo di incompiutezza. Un discorso analogo può essere fatto in relazione al proposito, in sé apprezzabile, di trattare sia il debito pubblico sia il debito privato, presentando nel volume capitoli dedicati a entrambe le sfere (pur con uno sbilanciamento verso l’indebitamento di individui e famiglie). Il risultato, però, spesso non riesce ad andare oltre una mera giustapposizione, mancando l’obiettivo di una ricomposizione capace di mettere in luce i rapporti complessi e non sempre lineari tra credito pubblico e privato. A questo proposito, nella trattazione non mancano alcuni aspetti convincenti, quali ad esempio l’identificazione di elementi che accomunano persone e stati nel momento in cui si trovano a fronteggiare “debiti non ripagabili”. Sia per gli attori individuali sia per quelli collettivi, il debito può da un certo punto in avanti assumere lo status di principio fondante che, lontano dal poter essere eliminato, deve essere gestito nel tempo in modo sostenibile, rinegoziando se necessario priorità, tempi e obiettivi. Meno efficace e poco sviluppata, invece, l’analisi dell’interdipendenza tra debito pubblico e debito privato, anche a causa del poco spazio dedicato al ruolo della politica e delle politiche nell’orientare le scelte individuali di destinazione del risparmio e di indebitamento (si pensi ad esempio al caso dell’housing).

12Più in generale, il volume curato da Featherstone compie alcune scelte discutibili – e non argomentate – nel definire il perimetro dell’oggetto di studio e della letteratura di riferimento. Ad esempio, è trascurato completamente il tema del credito alle imprese; non è trattato – o è trattato in modo insufficiente – il ruolo di attori centrali nel processo di allocazione della moneta, quali ad esempio gli intermediari finanziari e le agenzie di rating; sono ignorati importanti filoni di analisi sul debito e sulla finanza, in particolare quelli di impronta non anglosassone. Tra questi, solo per menzionarne alcuni, i c.d. Social Studies of Finance, che guardano ai mercati della moneta come a sistemi esperti (cfr. Moiso, 2011), a partire dagli studi di Michel Callon, Donald MacKenzie, Yuval Millo, Fabian Muniesa (Callon, 1998; Muniesa et al., 2007; MacKenzie et al., 2007; MacKenzie, 2008); i contributi di area francese – ad esempio i lavori di Benjamin Lemoine (2016) e Jeanne Lazarus (2012) – e le riflessioni su denaro e debito di Luciano Gallino (2015).

13Tali mancanze stridono con il titolo del libro, The Sociology of Debt, che lascia trasparire un’ambizione a rappresentare lo stato dell’arte della neo-nata sociologia del debito e le sue principali linee di sviluppo. All’opposto, nel volume sono presentati contributi peculiari, certamente stimolanti ma non propriamente centrali (uno su tutti: il capitolo di Max Haiven dedicato a opere d’arte contemporanea che hanno come tema il debito, ivi, 195-230), mentre questioni e prospettive di rilievo sono lasciate ai margini. Se è apprezzabile la tensione verso la multidisciplinarietà, a parere di chi scrive questa dovrebbe prendere le mosse da un core di conoscenze e competenze consolidate, che nel volume di Featherstone non sembra essere ben rappresentato.

14L’impressione generale che si ricava dalla lettura è che il libro, pur fornendo numerosi spunti e suggestioni, non riesca a centrare pienamente il suo obiettivo. Il coinvolgimento di autori esperti del tema e maggiori riferimenti a letterature strettamente correlate, dalla sociologia della moneta alla sociologia della finanza, avrebbero certamente aiutato a mantenere la promessa contenuta nel titolo del volume.

Riferimenti bibliografici

15Barbera F., Dagnes J., Salento A. e Spina F. (a cura di) (2016), Il capitale quotidiano. Un manifesto per l’economia fondamentale, Roma, Donzelli.

16Bauman Z. (2000), Liquid Modernity, Cambridge, Polity Press; trad. it. Modernità liquida, Roma-Bari, Laterza, 2011.

17Beck U. (1992), Risk Society. Towards a New Modernity, Thousand Oaks, Sage; trad. it. La società del rischio. Verso una seconda modernità, Roma, Carocci, 2000.

18Bjerg O. (2014), Making Money: The Philosophy of Crisis Capitalism, London, Verso.

19Bjerg O. (2019), Debt Drive and the Imperative of Growth, in Featherstone M. (a cura di), The Sociology of Debt, Bristol, Policy Press.

20Callon M. (1998), Introduction: the embeddedness of economic markets in economics, «The Sociological Review», 46, pp. 1-57.

21Castel R. (2003), L’Insécurité sociale : qu’est-ce qu’être protégé?, Paris, Éditions du Seuil ; trad. it. L’insicurezza sociale. Che significa essere protetti?, Torino, Einaudi, 2004.

22Federal Reserve Bank of New York (2020), Quarterly Report on Household Debt and Credit, «Research and Statistics Group», https://www.newyorkfed.org/​medialibrary/​interactives/​householdcredit/​data/​pdf/​HHDC_2019Q4.pdf.

23Gallino L. (2015), Il denaro, il debito e la doppia crisi, Torino, Einaudi.

24Graeber D. (2011), Debt. The First 5,000 Years, New York, Melville House Publishing; trad. it. Debito. I primi 5.000 anni, Milano, Il Saggiatore, 2011.

25Keen S. (2017), Can We Avoid Another Financial Crisis?, Cambridge, Polity Press.

26Lazarus J. (2012), L’Epreuve de l’argent: banques banquiers clients, Paris, Calmann-Lévy.

27Lemoine B. (2016), L’ordre de la dette: Enquête sur les infortunes de l’État et la prospérité du marché, Paris, La Découverte.

28MacKenzie D. (2008), An Engine, Not a Camera: How Financial Models Shape Markets, Boston, Mit Press.

29MacKenzie D., Muniesa F. e Siu L. (a cura di) (2007), Do Economists Make Markets?: On the Performativity of Economics, Princeton, Princeton University Press.

30Minsky H.P. (1986), Stabilizing an Unstable Economy, London, McGraw-Hill.

31Moiso V. (2011), I fenomeni finanziari nella letteratura sociologica contemporanea: l’emergenza di nuove prospettiva, «Stato e Mercato», 92, pp. 313-342.

32Muniesa F., Millo Y. e Callon M. (2007), An Introduction to Market Devices, «The Sociological Review», 55, pp. 1-12.

33Polanyi K. (1944), The Great Transformation, New York, Farrar & Rinehart; trad. it. La grande trasformazione, Torino, Einaudi, 1974.

34Streeck W. (2016), How Will Capitalism End?, London, Verso.

35Trades Union Congress (2016), Britain in the Red. Why We Need Action to Help Over-Indebted Households, «Economic Report Series 2016», disponibile al sito: https://www.tuc.org.uk/​sites/​default/​files/​Britain-In-The-Red-2016.pdf.

36Trigilia C. (1998), Sociologia economica. Profilo storico, Bologna, il Mulino.

37Véron N. e Zettelmeyer J. (2017), A European Perspective on Overindebtedness, «Bruegel Policy Contribution», 25.

Torna su

Note

1 Dati diffusi da Vitor Gaspar, Direttore del Dipartimento Affari Fiscali del Fondo Monetario Internazionale, nel corso della Fiscal Monitor Press Conference del 16 ottobre 2019. Un estratto è disponibile al sito: https://www.imf.org/en/News/Articles/2019/10/16/10162019-vitor-gaspar-press-conference-remarks.

2 Un discorso analogo, benché con alcune specificazioni, può essere fatto per i paesi economicamente più poveri, gravati da un imponente debito estero.

3 Si tratta della creazione di moneta scritturale, che ha luogo nel momento in cui un istituto bancario eroga un prestito a un cliente semplicemente registrando contabilmente la disponibilità della somma, in assenza di un trasferimento fisico di denaro. Più correttamente, attraverso la concessione di credito le banche ordinarie non creano moneta, bensì la moltiplicano, dal momento che hanno l’obbligo di alimentare presso la banca centrale una riserva obbligatoria proporzionale al volume dei depositi custoditi.

4 Vale la pena ricordare, per inciso, che la moneta stessa rappresenta, sin dalla sua origine, una forma di debito, resa possibile secondo Simmel da prerequisiti non economici di natura fiduciaria e istituzionale (cfr. Trigilia, 1998).

5 Questo passaggio, come noto, richiama la vicinanza in tedesco dei due termini colpa (Schuld, singolare) e debito (Schulden, plurale). Tale assonanza non è peraltro esclusiva del tedesco moderno, ma è presente anche in diverse lingue antiche, come l’aramaico, il sanscrito, l’ebraico (Graeber, 2011).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Joselle Dagnes, «Debito, finanza, rischio e crisi»Quaderni di Sociologia, 83- LXIV | 2020, 123-129.

Notizia bibliografica digitale

Joselle Dagnes, «Debito, finanza, rischio e crisi»Quaderni di Sociologia [Online], 83- LXIV | 2020, online dal 01 avril 2021, consultato il 10 mai 2021. URL: http://journals.openedition.org/qds/4104; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.4104

Torna su

Autore

Joselle Dagnes

Dipartimento di Culture, Politica e Società – Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search