Navigation – Plan du site

AccueilNuméro63il documento / La crisi dei parti...La sociologia del partito politic...

il documento / La crisi dei partiti e la sociologia di Michels: La sociologia del partito politico

La sociologia del partito politico al tempo della crisi dei partiti

“The sociology of political party” at the time of party crisis
Francesco Raniolo
p. 163-173

Résumé

This article will be looking to the Robert Michels’ Political Parties, a very successful attempt to identify a sociological and political paradox in the party studies: the oligarchic nature of democracy and its organizational forms. By upholding this hypothesis Michels emphasized the need to distinguish between real and ideal democracy, between a minimum and maximum definition of democracy. His work has often been considered in a simplistic way as a contribution to the sociology of political parties or of organization. However, the iron law of oligarchy still informs much of sociological thinking on the topic in tracing the roots of his fundamental thesis not only in the party organization and in the psychology of closest sympathizers but in the inherent contradictions to the very notion of democratic political representation. On the other hand, currently it is outlining a new paradox related to the fact that the will/ need to make the parties more participatory and democratic can provide a real opportunity for change but in a context of the struggle between leaders aimed to accomplish a delegate and irresponsible democracy.

Haut de page

Texte intégral

1. Rileggere un classico

  • 1 Nato nel 1876 a Colonia (Germania) e morto nel 1936 in Italia, dopo aver insegnato per svariati ann (...)

1Porsi la domanda se un autore o un’opera costituisce un “classico” significa rispondere più o meno implicitamente a due questioni collegate tra di loro: perché quell’autore (o opera) è un classico e come rapportarsi con i classici? Con riferimento a Max Weber, maestro e amico di Robert Michels1, Franco Ferrarotti (1995) ha risposto all’interrogativo richiamando due ragioni fondamentali: la sua statura intellettuale e il fatto che «in Weber grandeggia il senso del problema» (ivi, 4). Che cosa dire, invece, del sociologo di Colonia?

  • 2 Il libro venne ristampato in una versione accresciuta e riveduta nel 1925, la prima edizione italia (...)
  • 3 Da ultimi con riferimento all’Italia si vedano Poggi (2013) e Revelli (2013).

2Il nome di Michels è legato al successo e alla diffusione dell’espressione «legge ferrea (in talune varianti: “bronzea”) dell’oligarchia» contenuta nel suo celebre libro, scritto quando era ancora simpatizzante del partito Socialdemocratico tedesco, La sociologia del partito politico nella democrazia moderna del 19112. Tale prova può sembrare debole al fine di certificarne la statura di classico e, del resto, faceva già chiosare ad Alven Gouldener (1955), in chiave liquidatoria, che tale locuzione era null’altro che una riproposizione di quel «pathos metafisico» che sovente caratterizza le teorizzazioni delle scienze sociali. Eppure è indubbio che proprio quell’espressione sia divenuta senso comune sociologico e ha contributo alla notorietà del suo autore e molto probabilmente ha finito per condannarlo all’attualità3 iscrivendolo d’ufficio tra i grandi sociologi del tempo e i critici realisti della democrazia.

3Facciamo un passo indietro e cominciamo con il dire che, nonostante Michels non abbia la statura intellettuale di un Marx, di un Weber, di un Durkheim o Pareto, come puntualizza sin da subito Linz (1966, vii) nella sua bella introduzione all’edizione del Mulino del 1966 dell’opera michelsiana, egli fa comunque parte della «generazione […] immediatamente successiva a quella dei fondatori della sociologia» e tale circostanza gli offrì l’occasione di «utilizzare i suggerimenti e le intuizioni di questi per interpretare la società occidentale quale si era venuta formando negli anni che intercossero tra l’inizio del secolo e la fine della seconda guerra mondiale». Michels scelse di indirizzare il proprio interesse di studioso e di politico militante sulla partecipazione politica delle classi dei lavoratori e sulle conseguenti forme organizzative. Oggi, inoltre, si è soliti considerare il lavoro di Michels per la sobrietà del procedimento scientifico cui egli fece ricorso. Sostanzialmente riducibile a tre fasi (Pasquino, 2011, 39-46): la selezione di un caso cruciale, la SPD, che per origini e storia avrebbe dovuto smentire l’ipotesi di partenza; l’osservazione partecipante, come afferma lo stesso Michels (1911, trad. it., 1966, 3), «maturata in anni di indagini e di studio»; infine, la formulazione «elegante e parsimoniosa», l’espressione è di Pasquino, di una legge sociologica facile da confermare o smentire attinente la propensione degli aggregati umani a divenire oligarchici.

4Di là delle smentite empiriche che tale generalizzazione legge-simile avrebbe avuto, il successo della sua «indagine analitica su [un] partito politico» (ivi, 7) sta nella rilevanza del problema sociologico e politico che egli rese evidente: la democrazia tende a tramutarsi inesorabilmente in oligarchia. Si potrebbe dire che, fin dall’inizio, lo sguardo di Michels assunse una piega critica, demistificante, volto com’era a indagare le contraddizioni del processo di democratizzazione della società occidentale e, più in generale, della stessa modernizzazione sociale e politica. In questo modo, egli portò agli estremi esiti l’attenzione ai «paradossi delle conseguenze» di cui parlava già Weber, o come avrebbe detto più avanti Robert Merton alle «conseguenze non intenzionali» delle scelte e dei comportamenti sociali. Contro la vulgata iper-efficientista e manageriale dell’analisi di Weber che si sarebbe diffusa da lì a breve negli Stati Uniti, il Nostro prosegue la via dell’analisi disincantata della razionalizzazione occidentale e dei suoi esiti sociali e istituzionali, evidenziandone il dilemma tra efficienza e democrazia (Blau, 1956, trad. it. 1965).

5La legge ferrea dell’oligarchia costituiva non solo un utile complemento della prospettiva weberiana che vedeva il portato della burocratizzazione nella costruzione di una inesorabile «gabbia di acciaio». Come dovrebbe essere chiaro, essa poneva (e pone) un problema politico fondamentale, tale da far scandalo tra i democratici: seguendo le sorti del più democratico dei partiti politici (la SPD nell’età guglielmina), si finiva per metterne in luce il tradimento dei principi originari e della missione rivoluzionaria e si registrava la sua trasformazione – una vera e propria transustanziazione – in una macchina volta alla conservazione dei capi e dei gruppi dirigenti. In questo modo Michels metteva in risalto, in maniera vivida, lo scarto ontologico tra essere e dovere essere delle forme democratiche, tra ciò che la democrazia è in realtà e ciò che promette, a partire dall’etimologia, quale modello ideale. La democrazia, afferma perentoriamente il nostro, «è travagliata da ostacoli e impedimenti che non solo le si contrappongono, ma che urgono anche dal di dentro e che solo entro determinati limiti sarà possibile superare» (Michels, 1911, trad. it. 1966, 7). La sua fortuna stava e sta nell’aver messo al centro del suo lavoro i limiti o i «paradossi», avrebbe detto Norberto Bobbio (1984), della democrazia. Questa opzione epistemologa non sarebbe stata senza ricadute sul piano personale, giacché avrebbe spinto il nostro studioso verso posizioni vicine al fascismo di Mussolini (Michels, 1991).

2. L’altra faccia del partito di massa

6Il lettore ricorderà che la stura del precedente paragrafo era data anche da una seconda domanda, come si usano i classici? Ferrarotti (1995, 6) chiosava sul punto che «i classici sono utili ma anche pericolosi». Se è vero, come affermava Talcot Parsons, che la storia della sociologia è una convenient way alla stessa teoria sociale (Jonas, 1968, trad. it. 1989) l’accostamento ai classici, con le loro domande di ricerca ma anche con i problemi metodologici con i quali si sono confrontati è un’operazione intellettualmente generativa e utile. Tuttavia, la loro rilettura necessità di una «libertà dalla riverenza», è sempre Ferrarotti (ibidem) che parla, così come di un atteggiamento critico che ponga loro domande inusitate.

7Soprattutto, richiede che non sia separato il testo (e l’autore) dal contesto. Ebbene, questo era caratterizzato dai profondi rivolgimenti sociali introdotti dalla rivoluzione industriale e dall’allargamento del suffragio. Tali rivolgimenti e la conseguente massificazione della politica ponevano una molteplicità di nuove questioni istituzionali e organizzative delle quali erano ben consapevoli autori come Bryce, Ostrogorsky, Weber, ma anche Mosca e Pareto. E, ovviamente, Michels. In quel passaggio d’epoca che si consumava a cavallo tra i due secoli, erano le stesse forme dell’organizzazione politica che subivano delle vere e proprie mutazioni genetiche. Ben compendiate da Maurice Duverger (1951, trad. it. 1961, 105-106), per cui la distinzione tra il nuovo partito di massa e quelli che lo avevano preceduto «non si basa [tanto] sulla loro dimensione, sul numero dei loro membri: non si tratta di una diversità di misura ma di struttura», che in verità è anche una distinzione di funzioni. Il partito di massa, infatti, «cerca per prima cosa di dare un’educazione politica alla classe operaia (e ai ceti popolari), di suscitare una élite capace di assumere il governo e l’amministrazione del Paese: gli iscritti perciò sono la materia stessa del partito, la sostanza della sua azione. […] Dal punto di vista finanziario, il partito si basa essenzialmente sulle quote versate dai suoi membri: primo dovere della sezione e di assicurare la regolare esazione». Nel modello originario e nelle intenzioni dei leader fondatori la struttura avrebbe incorporato i valori, anzi avrebbe dovuto costituire la santificazione e garanzia dei valori di emancipazione, partecipazione ed eguaglianza. Sarebbero bastati, però, il trascorrere del tempo e gli imperativi della lotta politica, tipici delle democrazie parlamentari, per far emergere due potenti distorsioni: la burocratizzazione della macchina e la professionalizzazione della neo classe politica eletta (Pizzorno, 1993).

  • 4 Per Raymond Boudon (1977, trad. it. 1983, 45) una delle conseguenze sociologicamente più rilevanti (...)

8Con la formazione e sviluppo dei nuovi partiti variamente detti «burocratici» (Weber 1922, trad. it. 1986), «organizzativi di massa» (Sartori, 1965), di «di integrazione sociale», nella loro duplice variante democratica e totalitaria (Neumann, 1956), o semplicemente «di massa» (Duverger, 1951, trad. it. 1961), la partecipazione politica diventava un fatto organizzativo. Ciò, tra l’altro, richiese che l’organizzazione al fine di allettare gli aderenti (iscritti, militanti, simpatizzanti) dovette ricorrere alla distribuzione, accanto agli incentivi di solidarietà e ideologici, di incentivi selettivi (materiali) in grado di remunerare i “carrieristi” e i capi che vivono per e di politica (Olson, 1965, trad. it. 1983). Anzi, proprio l’economista americano spinge a una rilettura di Michels centrata sulla discrepanza (organizzativa, psicologica e intellettuale – vedi infra) che si instaura inevitabilmente tra base e vertice, tra rappresentati e rappresentanti. Il che conduce «ad una gestione oligarchica degli interessi dei mandanti [cioè degli iscritti] e nella migliore delle ipotesi ad una rivalità tra oligarchie concorrenti» (Boudon, 1977, trad. it. 1983, 46)4.

  • 5 Inoltre, attorno a questi tre temi si sarebbero sviluppare altrettanti filoni tradizionali di ricer (...)

9In estrema sintesi: se «la democrazia non è concepibile senza organizzazione», allora ne consegue che «chi dice organizzazione dice tendenza all’oligarchia» (Michels, 1911, trad. it. 1966, 55-56). Che cosa intende espressamente Michels per tendenze oligarchiche? La risposta a questo interrogativo non è agevole poiché in questa etichetta accattivante sono assemblati fenomeni distinti. Al fine di fare un po’ d’ordine possiamo seguire con una certa libertà l’elencazione fatta da Linz (1966, lxiii): 1) la formazione di una leadership professionale e stabile; 2) la burocratizzazione, specializzazione e la centralizzazione dell’autorità; 3) l’inversione dei fini con i mezzi e la loro sostituzione o articolazione; 4) la rigidità ideologica; 5) la prevalenza degli interessi dei leader su quelli dei membri; 6) la cooptazione come meccanismo di selezione dei gruppi dirigenti; 7) la perdita di rilevanza dei membri ordinari iscritti; 8) lo spostamento del partito da strategie di identità a strategie di competizione. Per Pizzorno (1972), invece, la sindrome di Michels si può ridurre a tre fenomeni principali: le tendenze oligarchiche insite in ogni organizzazione di partito o sindacato; la deviazione o, come si esprime Michels, la «sostituzione dei fini» per cui i partiti rivoluzionari finiscono per assumere come obiettivo principale la loro autoconservazione; e l’imborghesimento dei partiti della classe operaia5.

  • 6 Più in generale, le partitocrazie sono a guida collegiale piuttosto che personale (Calise, 1994). S (...)

10Che cosa possiamo dire, invece, sull’eziologia del fenomeno oligarchico? Michels affronta il punto proponendo una triplice serie di fattori esplicativi: a) tecnico-funzionali o organizzativi, relativi alla difficoltà di riunire e far deliberare moltitudini di persone, l’incompetenza degli iscritti, la necessità della divisione del lavoro e di chi svolga ruoli di coordinamento e indirizzo, le esigenze stesse della lotta politica; b) psicologici o emotivi, la propensione dei dirigenti a considerare la propria posizione come un “diritto” consuetudinario, il bisogno di direzione delle masse, ma anche la loro gratitudine e venerazione delle forti personalità; c) intellettuali o cognitivi, le qualità dei leader e lo sviluppo di capacità politiche e gestionali. Se a ridosso dell’uscita del libro fu dato maggior risalto alle componenti emotive e cognitive, successivamente l’attenzione è stata spostata sui fattori organizzativi. Tuttavia, va precisato che tendenza all’oligarchia non è la stessa cosa di tendenza alla monocrazia. Non che Michels non fosse consapevole delle spinte alla personalizzazione della politica, che dopo qualche anno avrebbero raggiunto l’apoteosi nel culto dei capi totalitari, o della centralità e qualità personali dei leader fondatori dei partiti popolari, grandi figure carismatiche (come Lassale, Babel, Turati) dotate di straordinarie doti politiche che attiravano la venerazione degli iscritti e simpatizzanti. Tuttavia, queste spinte, almeno nella Sociologia del partito, sono inscindibili dall’organizzazione collettiva, dalla sacralizzazione del partito-istituzione, dagli equilibri e conflitti interni ai gruppi dirigenti. I leader di cui ci parla Michels danno pur sempre conto a una coalizione dominante, sono al vertice di grandi apparati burocratizzati e professionali, di «partiti con leader». Non si tratta più (rispetto ai partiti di notabili) o non ancora (rispetto alle formazioni post-moderne come il Partito gollista, o il Partito peronista o Forza Italia) di «leader con partiti» (Panebianco, 1982; Raniolo, 2013)6.

  • 7 Come per es. l’esistenza di un ambiante fortemente ostile allo sviluppo di un partito operario o po (...)

11Molti commentatori hanno criticato l’assenza nella versione definitiva della Sociologia del partito politico dei fattori ambientali, quali il contesto sociale e, soprattutto, politico-istituzionale nello sviluppo della sindrome oligarchica7. Il riferimento ai fattori situazionali costituisce forse una delle ragioni in grado di spiegare la prevalenza di una lettura parziale del suo lavoro. In fondo, l’oggetto del libro ha a che fare con i partiti politici considerarti quali organizzazioni e la teoria proposta è pur sempre una sociologia parziale (appunto quella dei partiti o dei sindacati). Verrebbe da dire che la democrazia della quale si parla non è la macro-democrazia, quella che riguarda lo Stato-comunità, ma la micro-democrazia, quella in sedicesimi che attiene a specifiche comunità-partigiane. Per contro, va enfatizzato che è possibile una lettura più generale dell’opera di Michels in termini di teoria della democrazia. Già nella premessa alla prima edizione tedesca egli aveva fissato il suo interesse nell’analisi delle «tendenze che impediscono una realizzazione della democrazia» (Michels, 1911, trad. it. 1966, 5), senza specificare il livello di riferimento. Tali processi erano riconducibili a tre: l’essenza della natura umana, della lotta politica e i bisogni dell’organizzazione. Tuttavia, e non ci sembra un caso, l’introduzione apre proprio con la seconda tendenza che conduce al riconoscimento empirico di un ossimoro: le democrazie reali che ha davanti Michels – numericamente ancora troppo poche, solo due nel 1870, appena qualche anno dopo la formazione della SPD, e ancora nove nel 1900, secondo il conteggio di Huntington (1993, trad. it. 1995) – implicano un’ibridazione sociale e istituzionale che ha prodotto una «aristocrazia democratica e [una] democrazia aristocratica».

12I vecchi ceti nobiliari, magari con disprezzo, accettano le regole della competizione elettorale e talvolta, al fine di mantenere il potere, come nella Germania di Bismark, favoriscono le riforme elettorali in senso proporzionale e l’introduzione dei primi istituti dello Stato sociale. D’altra parte, il regime democratico presenta regole, procedure, istituzioni che limitano la portata dei rivolgimenti prodotti. A partire dello stesso meccanismo delle elezioni che Bertrand Manin (1997, trad. it. 2010) descrive come intrinsecamente aristocratico. Michels, quindi, è consapevole delle difficoltà della democrazia rappresentativa che attengono «sia alle modalità di incarnazione sia [alle] condizioni di attuazione del potere democratico» (Rosanvallon, 2006, trad. it. 2012, 16). La stessa formula rappresentativa coniuga termini contraddittori che rimandano, ora, «ad una sorta di regime intermedio che associa potere popolare e valori aristocratici, [ora] nella prospettiva più generale di una divisione dei compiti che fa della politica un settore specializzato gestito da esperti» (ivi, 17). È proprio in queste contraddizioni che vanno cercare le radici profonde della legge ferrea dell’oligarchia.

3. Democratizzare i partiti. Attualità di Michels

  • 8 La cui apoteosi, in Italia, si celebra nel sistema delle liste bloccate nel 2005, dove il cittadino (...)

13Le spinte alla stabilità della leadership, la sovversione del rapporto tra principale (rappresentati) e agente (rappresentanti) alimentano «l’isolamento di casta, che si completa nella tendenza alla cooptazione» (Michels, 1911, trad. it. 1966, 220)8. Michels, quindi, chiosa che «questa è una vecchia storia che già Goethe riconobbe quando fece dire a Mefistofele che l’uomo si lascia sempre dominare dalle sue creature» (ivi, 218). Un topos questo ricorrente nella letteratura sociologica classica, a partire da Karl Marx. Comunque, la sindrome oligarchica e di casta prodotta dalle pressioni alla burocratizzazione e alla professionalizzazione dei partiti di massa avrebbe registrato un ulteriore balzo in avanti con la statalizzazione dei finanziamenti ai partiti, che nel frattempo si erano sempre più resi autonomi dalle basi sociali ed elettorali di riferimento. A cavallo tra gli ultimi due secoli, i partiti sarebbero diventati minimi e leggeri nel rapporto con gli iscritti e la società, ma massimi e pesanti nel controllo e nell’occupazione delle istituzioni pubbliche. In questo quadro si inserisce il dibattito sulla loro crisi di legittimità (Ignazi, 2012). Tali critiche, pur non nuove (Daalder, 1992), trovano nella diffusione della «società della sfiducia» (Rosanvallon, 2006, trad. it. 2012) e nella «spirale del discredito» che investe i partiti (Raniolo, 2013) uno scenario ben diverso rispetto al periodo in cui venne pubblicata La sociologia del partito politico.

  • 9 Per un giudizio più articolato su Michels si veda Fisichella (1993).

14Dalla data di uscita dell’opera di Michels e del dibattito che immediatamente alimentò, del quale lo stesso autore provò a dar conto nella prefazione alla seconda edizione tedesca del libro del 1925, si sono contrapposte due posizioni che per comodità possiamo indicare come «competitiva» e «partecipativa» (si veda anche Fisichella, 1993). Da un lato, si è sostenuto che ciò che conta veramente nel funzionamento di un regime democratico (e quindi nella sua differenziazione rispetto a un regime autoritario) è la «qualità democratica» esterna prodotta dai partiti attraverso le loro interazioni competitive e/o collaborative e non tanto la loro democraticità interna. Non diversamente da quanto accade nel mercato economico anche in quello politico, la competizione tra diversi soggetti (i partiti) produce un effetto emergente virtuoso: la democrazia, ovvero un sistema di concorrenza e di rotazione delle élite politiche. Per Giovanni Sartori (1992) non vi è legame diretto tra la democrazia «in piccolo», quella che si realizza all’interno dei partiti, e la democrazia «in grande», schumpeterianamente vista come il prodotto della competizione inter-partitica9. Ne segue che «dalla premessa i partiti non sono democratici non è lecito passare alla conclusione che la democrazia non è democratica» (ivi., p. 106). Qualità democratica interna ai partiti e qualità democratica esterna non coincidono. Ciò dipende dalla circostanza che «la democrazia in grande non è una somma statica delle organizzazioni che la compongono; è, invece, il prodotto (dinamico) delle loro interazioni» (ibidem).

15La seconda linea di pensiero, che abbiamo chiamato partecipativa, in effetti, ribalta il filo del ragionamento svolto. Al riguardo Juan Linz (1966, cii) afferma che «la necessaria distinzione tra democrazia all’interno dei partiti e democrazia sul piano statuale [la democrazia “in grande” di Sartori], non significa che la prima sia priva di importanza». Tale posizione può contare su antenati illustri, se è vero come rileva Richard Katz (2001) che una sua formulazione matura si deve già a John Stuart Mill. In sostanza, la rilevanza della democrazia interna poggia su due argomentazioni. La prima è che «dopotutto i processi attraverso i quali sono scelti i leaders e sono decise le politiche da seguire all’interno dei partiti, esercitano una grande influenza sulla scelta delle alternative che verranno in seguito proposte agli elettori» (Linz, 1966, cii). I congressi di partito, le lotte interne e la partecipazione degli iscritti sono momenti cruciali della vita del partito politico che, per di più, hanno anche una notevole risonanza esterna, cioè sul sistema politico, sia in termini di costruzione di identità collettiva che di indirizzo politico. La seconda argomentazione è che la generalizzazione dell’esperienza democratica a tutti i livelli ha importanti conseguenze «per abituare il popolo ai valori e alle procedure della democrazia, per formare una leadership democratica, per creare una competenza specifica in determinati argomenti, e infine per facilitare l’inserimento dell’individuo nella società» (ibidem). Insomma, per Linz «l’esistenza di una democrazia interna è di importanza decisiva» (ivi, ciii). Situazione questa tanto più vera per quei paesi dove esistono partiti pre-dominanti, o dove esistono partiti il cui contributo è indispensabile per formare i governi, i cosiddetti partiti pivot (come il caso della Democrazia Cristiana nell’Italia della “Prima Repubblica”).

  • 10 La critica ai partiti autoreferenziali ha anche alimentato la richiesta di giuridificazione della l (...)

16Oggi questo tema è rilanciato dal recente e montante dibattito sulla democrazia deliberativa anche interna ai partiti. La questione diventa allora la volontà/possibilità di attivare «una catena deliberativa all’interno di un partito dal livello locale a quello centrale che assicuri la partecipazione dei membri interessati e attivi della società civile» (Morlino, 2003, 277; Teorell, 1999)10. Ma perché i partiti (ovvero i loro gruppi dirigenti) dovrebbero attivare e guidare un processo di democratizzazione interna? Quali condizioni permetterebbero di superare i vincoli posti da Olson all’azione collettiva? Certo, la democratizzazione della vita dei partiti costituisce una tendenza oggi in ascesa nei sistemi politici occidentali (Katz, 2001; Hazan, 2006), ma probabilmente meno di quanto siamo portati a credere. Ad ogni modo, tale partecipazione può assumere direzioni e forme diverse: la selezione dei leader del partito (e magari degli organi decisionali di maggior rilievo); la selezione dei candidati alle cariche elettive contendibili e ai diversi livelli territoriali; la formazione dell’agenda politica ovvero il concorso della base alla definizione delle linee politiche strategiche. A queste potremmo anche aggiungere l’utilizzo di strumenti di consultazione diretta (referendum, e-democracy, arene deliberative) per mobilitare iscritti e simpatizzanti attorno a temi ad hoc che acquistano salienza politica. In particolare, parecchio interesse hanno suscitato le elezioni primarie, soluzioni che implicano tre questioni accessorie: 1) chi definisce e qual è il grado di apertura delle candidature; 2) chi compone il cosiddetto selettorato, un neologismo di origine inglese (selectorate) che sta a indicare l’insieme di coloro cui è demandato il compito di scegliere/eleggere i candidati – a questo livello si basa la distinzione tra primarie aperte, semi-aperte o chiuse; 3) il livello di decentramento territoriale, cioè se la selezione dei candidati deve essere dislocata in periferia, a livello del singolo distretto o collegio elettorale, o meno.

17In non pochi casi queste tendenze rispondono, però, a esigenze diverse da quelle di favorire una più ampia e autentica partecipazione. Se le pratiche di democratizzazione possono essere volte alla rivitalizzazione delle basi associative, a rafforzare la legittimità di leader e candidati e finanche a migliorare la rappresentatività dei partiti, a correggere le distorsioni oligarchiche insite nelle forme organizzative della politica di massa: esse possono anche ridursi a mere operazioni di facciata. Ciò perché tali pratiche possono costituire, di fatto, un diverso mezzo della lotta interna per il potere tra élite e gruppi dirigenti. Tema, questo, presente nell’analisi di Michels, che si sofferma proprio sulle primarie americane, inquadrandole nello scenario della lotta tra leader e masse e nella ricerca di stabilità dei primi. Per di più, quest’ambivalenza delle primarie deriva dal cortocircuito tra centralizzazione del potere ed elezione diretta dei leader, per cui la loro legittimazione dal basso finisce per allargare il solco tra potere che hanno e responsabilità – ovvero l’effettività del sistema dei controlli interni. La partecipazione diretta, così, corre il rischio di alimentare proprio quel sovvertimento del rapporto tra principale (base) e agente (vertice) che mirava a combattere. Certo, ci si potrebbe chiedere se le democrazie di investitura dove i cittadini scelgono direttamente il loro leader non siano forse delle forme di governo più dirette e partecipative? Michels (1991) si poneva la questione con riferimento a Mussolini. Tuttavia, per dirla con Guillermo A. O’Donell (1994), il rischio è che una democratizzazione che si risolva solo in un appello al popolo finisca per realizzare una «democrazia delegata» tendenzialmente irresponsabile. Ancora una volta la creatura ha finito per prevalere sul creatore.

Haut de page

Bibliographie

Bardi L. (a cura di) (2006), Partiti e sistemi di partito, Bologna, il Mulino.

Blau P. (1956), Bureaucracy in Modern Society, Random House, New York; trad. it. La burocrazia nella società moderna, Roma, Armando Editore, 1965.

Bobbio N. (1984), Il futuro della democrazia, Torino, Einaudi.

Boudon R. (1977), Effects Perverse et Ordre Sociale, Paris, Presses Universitaires de France; trad. it. Gli effetti perversi dell’azione sociale, Milano, Feltrinelli, 1983.

Calise M. (1994), Dopo la partitocrazia, Torino, Einaudi.

Daalder H. (1992), A Crisis of Party?, «Scandinavian Political Studies», 4, pp. 269-287.

Duverger M. (1951), Les partis politiques, Paris, Armand Colin; trad. it. I partiti politici, Milano, Comunità, 1961.

Ferrarotti F. (1995), Max Weber fra nazionalismo e democrazia, Napoli, Liguori Editore.

Fisichella D. (1993), I dilemmi della modernità nel pensiero sociale, Bologna, il Mulino.

Gouldener A.G. (1955), Metaphysical Pathos and the Theory of Bureaucracy, «American Political Science Review», 49, pp. 496-507.

Hazan R.Y. (2006), Metodi di selezione dei candidati. Le conseguenze delle elezioni interne ai partiti, in Bardi L. (a cura di), pp. 171-196.

Huntington S.P. (1993), The Third Wave, Norman, University of Oklahoma Press; trad. it. La terza ondata, Bologna, il Mulino, 1995.

Ignazi P. (2012), Forza senza legittimità, Roma-Bari, Laterza.

Jonas F. (1968), Geshichete der Sociologie, Reinbek bei Hamburg, Rowohlt Verlag GmbH; trad. it. Storia della sociologia, Roma-Bari, Laterza, 1989.

Karvonen L. (2007), Legislation on Political Parties, «Party Politics», 4, pp. 437-455.

Katz R.S. (2001), The Problem of Candidate Selection and Models of Party Democracy, «Party Politics», VII, 3, pp. 277-296.
Id. (2006), Agenti di chi? Principi, committenti e politica dei partiti, in Bardi L. (a cura di), pp. 59-79.

Linz J.J. (1966), Michels e il suo contributo alla sociologia politica, introduzione alla trad. it. di Michels R., pp. vii-cxix.

Manin B. (1997), The Principles of Representative Government, Cambridge, Cambridge University Press; trad. it. Principi del governo rappresentativo, Bologna, il Mulino, 2010.

Michels R. (1911), Zur Sociologie des Parteiwesens in der modernen Demokratie, Werner Klinkhardt, Lipsia; trad. it. La sociologia del partito politico, Bologna, il Mulino, 1966.

Michels R. (1991), Socialismo e fascismo (1925-1934), Milano, Giuffrè Editore.

Morlino L. (2003), Democrazie e democratizzazioni, Bologna, il Mulino.

Neumann S. (a cura di) (1956), Modern Political Parties, Chicago, The University of Chicago Press.

O’Donell G.A. (1994), Delegative Democracy, «Journal of Democracy», 5, 1, pp. 55-69.

Olson M. (1965), The Logic of Collective Action, Cambridge, Harvard University Press; trad. it. La logica dell’azione collettiva, Milano, Feltrinelli, 1983.

Panebianco A. (1982), Modelli di partito, Bologna, il Mulino.

Pasquino G. (2011), Nuovo corso di scienza politica, Bologna, il Mulino.

Pizzorno A. (1972), Sistema sociale e classe politica, in Firpo L. (a cura di), Storia delle idee politiche economiche e sociali, vol. VI, Torino, Utet, pp. 13-68 (3a ediz. 1989).
Id. (1993), Le radici della politica assoluta, Milano, Feltrinelli.

Poggi G. (2013), La burocrazia, Roma-Bari, Laterza.

Raniolo F. (2013), I partiti politici, Roma-Bari, Laterza.

Revelli M. (2013), Finale di partito, Torino, Einaudi.

Rosanvallon P. (2006), La Contre-démocratie, Paris, Éditions du Seuil; trad. it. Controdemocrazia, Roma, Castelvecchi, 2012.

Roth G. (1963), The Social Democrats in Imperial Germany, Totowa (NJ), Bedminster Press.

Sartori G. (1965), Partiti e sistemi di partito, Editrice Universitaria, Firenze.
Id. (1992), Democrazia, in Enciclopedia delle Scienze Sociali, Torino, Treccani, pp. 742-759.

Teorell J. (1999), A Deliberative Defence of Intra-party Democracy, «Party Politics», 3, pp. 363-382.

Weber M. (1922), Wirtschaft und Gesellschaft, Tübingen, Mohr; trad. it. Economia e società, Milano, Edizioni Comunità, 1986.

Haut de page

Notes

1 Nato nel 1876 a Colonia (Germania) e morto nel 1936 in Italia, dopo aver insegnato per svariati anni nella “Facoltà Fascista di Scienze politiche” dell’Ateneo di Perugia.

2 Il libro venne ristampato in una versione accresciuta e riveduta nel 1925, la prima edizione italiana è, invece, del 1912.

3 Da ultimi con riferimento all’Italia si vedano Poggi (2013) e Revelli (2013).

4 Per Raymond Boudon (1977, trad. it. 1983, 45) una delle conseguenze sociologicamente più rilevanti che si può fare discendere dalla teoria dell’azione collettiva di Olson «è la proposizione a cui Robert Michels aveva dato il nome di legge di bronzo dell’oligarchia».

5 Inoltre, attorno a questi tre temi si sarebbero sviluppare altrettanti filoni tradizionali di ricerca nell’ambito della sociologia della politica e delle organizzazioni.

6 Più in generale, le partitocrazie sono a guida collegiale piuttosto che personale (Calise, 1994). Si può concordare con Panebianco (1982) quando ricorda che la struttura di potere di un partito (la sua coalizione dominante) può essere monocratica, oligarchica o poliarchica (o se si preferisce stratarchica).

7 Come per es. l’esistenza di un ambiante fortemente ostile allo sviluppo di un partito operario o popolare come nella Germania di fine ’800 dove, come aveva messo in evidenza Günther Roth (1963), i socialisti hanno dovuto optare per una «integrazione negativa», ovvero organizzarsi come uno stato nello Stato.

8 La cui apoteosi, in Italia, si celebra nel sistema delle liste bloccate nel 2005, dove il cittadino né sceglie né vota per gli eletti.

9 Per un giudizio più articolato su Michels si veda Fisichella (1993).

10 La critica ai partiti autoreferenziali ha anche alimentato la richiesta di giuridificazione della loro vita attraverso una legislazione che ne regoli caratteristiche e azione. Karvonen (2007) sottolinea come questa sia in crescita a partire dagli anni ’90 e riguardi per lo più le nuove democrazie. Tra le democrazie stabili che hanno una legge organica sui partiti si possono ricordare l’Austria, la Finlandia, Israele, la Germania, il Portogallo, l’Austria e il Regno Unito.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Francesco Raniolo, « La sociologia del partito politico al tempo della crisi dei partiti »Quaderni di Sociologia, 63 | 2013, 163-173.

Référence électronique

Francesco Raniolo, « La sociologia del partito politico al tempo della crisi dei partiti »Quaderni di Sociologia [En ligne], 63 | 2013, mis en ligne le 01 décembre 2013, consulté le 17 avril 2021. URL : http://journals.openedition.org/qds/433 ; DOI : https://doi.org/10.4000/qds.433

Haut de page

Auteur

Francesco Raniolo

Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali Università della Calabria

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Haut de page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search