Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri62Preadolescenza: un’età problematica

Preadolescenza: un’età problematica

Pre-adolescence: a problematic age
Antonio de Lillo
p. 7-21

Abstract

Differences between childhood, adolescence, youth, adulthood and old age are part of a social construction which may vary in different historical periods and according to the organization of social life. In contemporary society age has acquired a traits of connecting people much more then an ascribed variable of the individual person.
Stratification by age is a product of the social structure but at the same time it is also a way to understand composition and changes of the social structure itself. In other words, it is society which gives a role to each age through a social and cultural definition. Thus, it is worth to look at the demographic stratification from two points of view: from a social definition of ages as well as from an individual perception of belonging to a specific cohort.
Categories like childhood and adolescence have been created rather recently and are already inadequate since it is difficult to say when childhood ends up and adolescence begins. That’s why the concept of “pre-adolescence” has been created.
Through the years the traditional structure of the family has changed – at least in Western world – from an “authoritarian” model based on father authority to an “emotional” model with parents over-protecting their children. Thanks to this transformation the family is not any more the place where children learn the way of living as instead appears to be the place of protection and mutual affections. This transformation produces several negative consequences particularly in the relationship between family and school intended as agencies of socialization.

Torna su

Testo integrale

1“Età difficile” oppure “età ingrata”, così viene detto nel linguaggio comune quel periodo della vita in cui non si è più bambini e non si è ancora adolescenti. Periodo di passaggio, dai confini poco definiti ma che viene fatto coincidere, più o meno approssimativamente, con la fascia di età corrispondente alla frequenza della scuola media inferiore. Tra gli 11 e i 13 anni, quindi. Ma si tratta di un intervallo di età convenzionalmente stabilito, che risponde più ad una suddivisione burocratica, legata all’ordinamento scolastico del nostro Paese, che ad un’effettiva identificazione di una fase ben circoscritta e definita. I confini della “preadolescenza” sono infatti sfumati; come del resto quelli di tutti gli altri stadi della vita, dalla giovinezza alla maturità alla vecchiaia. Nel caso dei preadolescenti si aggiunge una scarsa elaborazione teorica da parte dei sociologi e degli psicologi sociali, con conseguente carenza di ricerche empiriche. In altre parole, di loro si sa poco. Eppure si tratta di uno snodo cruciale dell’esistenza, in cui si costruiscono le identità, si organizza il sistema di valori, si acquisisce la capacità di entrare in relazione con gli altri, si apprendono le competenze sociali e comunicative. Ma gli 11-13enni non sono poi così invisibili nella nostra società. Il mondo dei media e quello dei consumi li hanno da tempo identificati come un loro target ben preciso e ne studiano abitudini, stili di vita, sistemi di preferenze. Per questo la preadolescenza è un’età problematica. Per chi la vive e ne sperimenta tutta la contraddittorietà e complessità. Per chi la deve studiare, data la carenza di elaborazioni teoriche e di conoscenze empiriche. Per chi deve predisporre politiche pubbliche e deve poter valutare le interconnessioni tra i vari ambiti sociali (famiglia, scuola, sistema dei consumi, mass media) in cui questa età di transizione si muove.

1. La stratificazione per età

2La stratificazione per età è una componente essenziale della struttura sociale, al pari di altri tipi di stratificazione in base ai quali si costruiscono le rappresentazioni della nostra società. La distinzione fra infanzia, adolescenza, giovinezza, età adulta, vecchiaia non è solo un modo per distinguere tra loro gruppi sociali portatori di bisogni, esigenze, attese differenti, ma è una costruzione sociale, variabile a seconda dei periodi storici e delle forme di organizzazione della vita collettiva. Esistono infatti stretti rapporti di dipendenza reciproca fra le età, che si inquadrano all’interno dei sistemi di welfare, dell’organizzazione dei processi formativi, della strutturazione del mercato del lavoro. I diversi gruppi di età non identificano solo dei punti di taglio all’interno dei corsi di vita individuali. Nelle società contemporanee l’età è sempre più una proprietà relazionale piuttosto che un carattere ascritto del singolo. Si è “giovani” in relazione ad un mondo di “adulti”. E i confini fra le due categorie variano nel tempo, a seconda del mutare delle regole che governano il mercato del lavoro, i sistemi formativi, le caratteristiche del welfare. Nascono così nuove suddivisioni delle età. Si pensi, ad esempio, alla categoria dei “grandi anziani”, sorta per effetto di mutamenti demografici (l’aumento della durata della vita e il miglioramento delle condizioni di salute della popolazione) che hanno rilevanti effetti non solo sul sistema sanitario e su quello pensionistico, ma anche sui rapporti tra le generazioni e sull’organizzazione familiare. Ne consegue che una classe di età non può essere considerata “in sé”, ma deve essere analizzata e compresa all’interno delle complesse e reciproche relazioni con gli altri gruppi di età e con i grandi sistemi regolatori della società: la famiglia, l’istruzione, il lavoro, il welfare.

3È noto che la categoria dei “giovani”, così come la concepiamo oggi, è un prodotto della società borghese. In altre epoche storiche essa contrassegnava solo una fase della vita biologica, senza le implicazioni di carattere materiale, culturale e simbolico che poi sono state costruite intorno a questo termine. Gli stessi confini della giovinezza sono cambiati nel tempo, in conseguenza dei grandi mutamenti sociali e strutturali che hanno caratterizzato l’evolversi delle società contemporanee. Analoghe considerazioni possono farsi per tutti gli altri gruppi di età. La stratificazione per età è dunque un prodotto della struttura sociale ma, al tempo stesso, è anche uno schema interpretativo che aiuta a comprenderne la composizione e i mutamenti.

  • 1 Riley M.W., Johnson M.E., Foner A. (1972), Aging and Society, New York, Russel Sage.
  • 2 Riley M.W., Kahn R., Foner A. (1994), Age and Structural Lag: Society’s Failure to Provide Meaningf (...)

4I primi studi sistematici sulla stratificazione per età condotti da Matilda White Riley agli inizi degli anni ’70 del secolo scorso1, hanno messo in luce come questa si intersechi con le altre forme di stratificazione sociale e possa portare, in molti casi, a situazioni di squilibrio tra i singoli attori che si trovano in quel certo stadio della vita e le aspettative di ruolo che la società costruisce per quella stessa classe di età. In altre parole la società assegna un ruolo, attraverso una definizione culturale e sociale, ad una età della vita e, proprio attraverso i meccanismi di costruzione sociale della realtà, tale ruolo viene dato per scontato come appartenente a quella età e assunto come caratteristica insita nella natura umana. Questa statuizione sociale dell’età spesso entra in conflitto con i vissuti personali, con le autopercezioni, con le stesse capacità individuali, che possono essere differenti da quelle che la società definisce. Tale squilibrio tra persone e ruoli è, secondo Riley, una caratteristica delle società contemporanee ed è all’origine dei conflitti intergenerazionali. La stessa autrice ha poi approfondito in studi successivi quello che è stato definito il “ritardo strutturale”2, vale a dire l’impossibilità dei sistemi sociali di adeguarsi al veloce mutare della realtà. La rapidità dei cambiamenti tecnologici ed educativi, caratteristici della modernità, tende a creare tra le coorti delle spaccature nelle visioni del mondo, nei valori, negli stili di vita, che accrescono grandemente la probabilità di conflitti tra i diversi gruppi di età.

5Il modo in cui le società definiscono l’età e l’appartenenza di coorte è, dunque, variabile e strettamente connesso con il mutamento sociale. Ciò porta alla necessità di guardare la stratificazione per età e le singole coorti che ne derivano da un duplice punto di vista. Da un lato vi è la definizione sociale dell’età, con tutte le conseguenze che essa comporta. Dall’altro vi è il sentimento di appartenenza dell’individuo, la sua consapevolezza di far parte di quella certa coorte e di condividerne tutte le aspettative di ruolo connesse.

  • 3 Qualcuno ha osservato la profonda contraddittorietà insita nelle democrazie liberali contemporanee (...)

6La società moderna si caratterizza anche per l’aver istituzionalizzato i corsi di vita. Lo stesso termine “corso di vita” ha sostituito quello di “ciclo di vita”. Quest’ultima espressione, infatti, richiama più l’evoluzione biologica individuale, l’influenza del trascorrere del tempo sulla vita dei singoli che non la condivisione di una stessa condizione sociale tra gli appartenenti ad una stessa coorte di età. Da questa angolazione possiamo vedere come la modernità si sia manifestata anche attraverso la progressiva istituzionalizzazione dei corsi di vita. In altre parole sono stati elaborati e via via sviluppati dei criteri, formali e informali, per governare l’accesso o l’esclusione dalle varie posizioni sociali. Criteri che, in prima istanza, si fondano sul carattere ascritto dell’età3.

2. Una nuova età sociale

7Nell’organizzazione burocratica degli Stati l’età è così diventata un criterio assai utile per governare popolazioni numerose, basato sull’assunto che le capacità (o le incapacità) dei singoli siano connesse agli stadi della vita. Nascono così le categorie dell’infanzia e dell’adolescenza, del tutto sconosciute centocinquanta anni fa, se non nel significato puramente biologico ed evolutivo dei termini. Queste due categorie oramai risultano inadeguate a rendere conto del variegato articolarsi di fasce di età che appaiono oggi molto più disomogenee al loro interno di quanto non sembrassero in un non lontano passato. Problematici risultano anche i punti di divisione tra un’età e l’altra. Quando finisce l’infanzia e quando comincia l’adolescenza? Si è così mano a mano consolidato in letteratura (e anche nel linguaggio comune) il termine “preadolescenza”, per indicare chi non è più bambino ma non è ancora “adolescente”, né tantomeno “giovane”. Nasce però, anche in questo caso, il problema dei confini tra un’età e l’altra.

  • 4 Questa distinzione della punibilità o meno a seconda dell’età non esisteva in passato. Raccontano l (...)

8Dal punto di vista giuridico le cose appaiono piuttosto semplici. L’art. 97 del codice penale stabilisce che “non è imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, non aveva compiuto i quattordici anni”. Il successivo art. 98 precisa che “è imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, aveva compiuto i 14 anni ma non ancora i 18, se aveva capacità di intendere e volere, ma la pena è diminuita”. L’assunto di fondo è dunque che fino ai quattordici anni il sistema di valori è ancora incompleto, se non indeterminato e le conseguenti capacità di compiere scelte consapevoli sono ampiamente ridotte. Fra i quattordici e i diciotto anni vi è ancora la possibilità di emendarsi, perché i criteri di giudizio sono in via di formazione. Si tratta peraltro di una distinzione burocratico-legislativa che risponde alla necessità degli stati moderni di governare sistemi complessi4. Ma è proprio vero che chi è sotto i quattordici anni è incapace di intendere e di volere? Tutte le evidenze della vita quotidiana portano a sostenere il contrario.

  • 5 Erikson E. H. (1980), Identity and the Life Cycle, New York, Norton.

9Rimane tuttavia complicato stabilire di quali capacità siano in possesso i ragazzi sotto i quattordici anni e quando comincino a manifestarsi tali capacità. Anche un autore come Erikson, che pure ha dato fondamentali contributi alla psicologia dell’età evolutiva, ci soccorre poco da questo punto di vista. Secondo Erikson5 il periodo che intercorre tra la pubertà e la giovinezza è caratterizzato dall’assunzione di responsabilità, accompagnata dal bisogno di indipendenza e di espressività sessuale. In conseguenza dello sviluppo della maturità fisiologica e della sofisticazione cognitiva anche le richieste sociali nei confronti dell’individuo crescono. Anche se Erikson si riferisce in modo particolare all’adolescenza, le dimensioni da lui individuate per distinguerla dall’infanzia possono esserci utili per delineare le caratteristiche di quella fascia di età che chiamiamo preadolescenza. Si tratta di un periodo della vita nel quale si è relegati in una categoria sociale in cui non si è più trattati da bambini ma nemmeno da adulti. Si sta costruendo faticosamente una propria identità, separata ed autonoma dalle figure di riferimento che fin qui hanno guidato ed impostato l’azione. In questo processo si tende a distaccarsi dal mondo adulto, almeno temporaneamente, e a guardare ai propri coetanei come ai propri naturali alleati. Di qui nasce il forte bisogno di relazione con i pari che caratterizza questo periodo della vita e la richiesta verso gli adulti di riconoscimento della propria autonomia e della propria identità, quindi dei propri bisogni e delle proprie attese.

10Abbiamo osservato più sopra che nel parlare di gruppi di età occorre distinguere tra la definizione che ne dà la società ed il senso di appartenenza del singolo. Occorre cioè separare il costrutto sociale di uno stadio della vita dall’autopercezione che i singoli ne hanno. Abbiamo anche notato che la discrasia fra questi due aspetti è una specificità delle società contemporanee, caratterizzate appunto da uno scollamento tra le identità individuali e i ruoli assegnati ai singoli. Nel caso dei preadolescenti tale scollamento si manifesta in modi del tutto particolari.

11Anzitutto non vi è una definizione sociale univoca della preadolescenza. Non a caso abbiamo richiamato le disposizioni del codice penale, che definiscono tutti coloro che non hanno raggiunto i quattordici anni “incapaci di intendere e di volere”. Ma si tratta appunto di una definizione di legge. Per altri aspetti della loro vita i preadolescenti sono trattati come un gruppo di età ben definito ed assolutamente “capace di intendere e di volere”. Anzitutto sono considerati dei consumatori, cioè persone con capacità decisionali nell’acquisto e nella fruizione di beni. È appena il caso di ricordare come esistano delle linee di prodotti di vestiario destinate ai preadolescenti, ma non solo. I preadolescenti sono consumatori anche di prodotti alimentari, acquirenti di telefonini, videogiochi, usano i personal computer, gli ipod e tutti gli altri strumenti che la tecnologia va producendo.

12Anche il sistema dei media considera i preadolescenti una categoria distinta dalle altre. I libri, i film, la musica, la stampa periodica, i fumetti a loro destinati sono facilmente identificabili sul mercato. Se si facesse un’analisi del contenuto dei messaggi pubblicitari di quei prodotti largamente usati dai preadolescenti, si potrebbe mettere bene in luce la rappresentazione che di essi ne viene data e mostrare che vengono considerati alla stregua di altre fasce di consumatori e di altri gruppi di età.

13Il messaggio che la società nel suo complesso trasmette a questa fascia di età è quindi fortemente contraddittorio. Da un lato vengono considerati alla pari dei bambini: irresponsabili, immaturi, non ancora pronti per il mondo del lavoro, bisognosi di acquisire competenze e conoscenze indispensabili per entrare nella vita. Dall’altro li si tratta in modo diverso da come viene trattata l’infanzia. Li si considera portatori di propri bisogni ed esigenze specifiche, si riconosce loro un certo grado di autonomia e di capacità decisionale, si costruiscono immagini e rappresentazioni del mondo destinate a loro.

14Quale sia la percezione che i preadolescenti hanno di loro stessi è difficile dire. Sia perché in nessuna classe di età tutti i componenti hanno lo stesso sentimento di appartenenza, sia per la mancanza, come più volte detto, di indagini specifiche su questa fascia di età. Indagini peraltro rese difficili anche da motivi tecnici, dipendenti in larga misura dalla minore età degli interessati e dai vincoli posti dalla normativa sulla privacy. Tuttavia possiamo ipotizzare che esista un nucleo comune, largamente condiviso da tutti i ragazzi che rientrano in questa fascia di età. Una tale ipotesi si giustifica anche sulla base di quanto già osservato più sopra. In una fase della vita nella quale si cerca di costruire una propria identità distaccandosi dal mondo adulto, si cerca solidarietà e comprensione nella rete amicale. Viene così a costruirsi un sentimento di appartenenza generazionale, basato sulla condivisione di una condizione comune, di un sentire e vedere le cose in sintonia con i propri coetanei. Di qui discende anche l’uso di tutti i mezzi di comunicazione oggi disponibili, dal cellulare ai social network, per sentirsi parte di una comunità più vasta di quella immediatamente circostante, con la quale e per mezzo della quale costruire la propria identità.

15Certamente anche in questa fascia di età operano le diverse forme di disuguaglianza che attraversano l’intera società: economiche, sociali, culturali; ma è probabile che tali tipi di stratificazione operino in misura minore tra i preadolescenti, accomunati in larga misura da stili di vita e sistemi di preferenza assai simili. In questo quadro è quasi superfluo ricordare che un ruolo fondamentale lo svolge la famiglia, con la quale il preadolescente è costretto continuamente a confrontarsi e dalla quale dipendono in larga misura gli esiti del processo di socializzazione.

3. I cambiamenti della famiglia italiana

16La famiglia, come luogo delle relazioni primarie e della socializzazione, ambito in cui si apprende la competenza sociale, ha subito profondi cambiamenti nel corso degli ultimi sessanta anni. Per comprendere cosa sia la famiglia oggi e in qual modo influisca sui ragazzi e sui giovani che in essa vivono è opportuno un rapido sguardo alle trasformazioni che essa ha subito. Trasformazioni indotte certamente dal mutamento sociale e culturale intervenuto in questi anni, ma anche dai mutamenti demografici, che ne hanno cambiato la natura e, conseguentemente, i tipi di relazioni che si istituiscono al suo interno.

17

Fig. 1 Piramide delle età per l’Italia nel 1951, nel 2005 e proiezione al 2050

Fig. 1 Piramide delle età per l’Italia nel 1951, nel 2005 e proiezione al 2050
  • 6 I gruppi di età hanno ampiezza quinquennale, alla base la fascia 0-4 anni, al vertice la fascia di (...)
  • 7 I dati per la costruzione delle piramidi delle età per quasi tutti i paesi del mondo, sia per gli a (...)

18Come mostra la figura 16, la cosiddetta ‘piramide delle età’ ancora negli anni ’50 del 1900 aveva per l’Italia (ma non solo) la forma appunto di una piramide: una vasta base costituita dalla popolazione più giovane, un progressivo assottigliamento al crescere delle età, fino a raggiungere i valori minimi in corrispondenza delle età più anziane. Già oggi, all’inizio del nuovo secolo, la distribuzione delle età non corrisponde più ad una piramide, ma piuttosto ad un rettangolo con un rigonfiamento nella parte centrale corrispondente alle età fra i 30 ed i 45 anni. La proiezione al 2050 mostra che l’andamento della distribuzione va lentamente assumendo la forma di un parallelepipedo e c’è il rischio che diventi una piramide rovesciata: pochi bambini e ragazzi e, per contro, molti anziani soprattutto ultra ottantenni7.

19Le conseguenze dell’invecchiamento della popolazione e del corrispondente calo della natalità, oltre a provocare effetti sull’economia di un paese e sull’organizzazione dello stato sociale, non sono irrilevanti neppure per l’organizzazione interna delle famiglie e per gli stili educativi dei figli. Per sintetizzare questa profonda trasformazione possiamo dire che in Italia (ma anche nel resto d’Europa) si è passati dalla famiglia “orizzontale” della metà del secolo scorso alla famiglia “verticale” degli inizi di questo secolo.

  • 8 In molte famiglie, soprattutto dell’area mediterranea, anche come conseguenza dell’aumento dell’occ (...)

20All’interno della famiglia “orizzontale” opera una marcata stratificazione generazionale. Il mondo degli adulti è nettamente separato da quello dei giovani e dei ragazzi, anche perché ogni bambino ha diversi fratelli e numerosi cugini con i quali condividere le esperienze di vita. Gli anziani sono pochi e di conseguenza è frequente non aver conosciuto tutti e quattro i nonni. I rapporti sociali sono tipicamente orizzontali e basati principalmente sulle relazioni tra coetanei. I processi di socializzazione e l’apprendimento dei modi con i quali rapportarsi con i pari e con gli adulti in questo tipo di famiglia sono assai diversi da quelli che operano nella famiglia “verticale”. Qui i bambini sono in larga prevalenza figli unici e l’assenza di fratelli si accompagna ad un numero assai ridotto di cugini. Le relazioni prevalenti sono con gli adulti, anche perché nella gran parte dei casi sono presenti i quattro nonni e spesso anche qualche bisnonno8. La coesistenza di quattro generazioni, accompagnata dal fatto che i ragazzi sono assai pochi rispetto agli adulti (spesso un solo bambino a fronte di tre generazioni di adulti), modifica profondamente i processi di socializzazione: i rapporti tra genitori e figli e tra nonni e nipoti sono più intensi che nella famiglia orizzontale, anche perché l’investimento affettivo verso il bambino o la bambina è molto più forte rispetto al caso in cui i figli sono numerosi e la probabilità di mortalità infantile elevata.

  • 9 Questa tipologia è stata costruita in base alle riflessioni che sociologi e psicologi sociali hanno (...)
  • 10 Cavalli A., de Lillo A. (1988), Giovani anni 80, Bologna, il Mulino.
  • 11 “Se sei promosso ti compro il motorino” è un tipico esempio della natura contrattuale dei rapporti (...)

21Parallelamente a questa trasformazione e come sua conseguenza principale, vi è stato anche un altrettanto profondo mutamento nel tipo di famiglia entro la quale le nuove generazioni sono state allevate. A partire dall’inizio del xx secolo si possono individuare, sia pure con una certa approssimazione, quattro fasi nel processo di trasformazione dei rapporti tra genitori e figli all’interno della famiglia9. All’inizio vi è la famiglia autoritaria, nella quale i ruoli sono ben specificati, le regole chiare e i rapporti tra i membri ben definiti: l’autorità genitoriale e in particolare quella paterna è incontestata, così come indiscussa è la sottomissione dei figli, almeno finché continuano a vivere sotto lo stesso tetto, al volere dei genitori. La gestione di una famiglia di questo tipo è, tutto sommato, semplice, dal momento che si basa su regole che non vengono messe in discussione e che costituiscono una specie di repertorio di comportamenti da tenere, sia da parte dei genitori sia da parte dei figli, nelle varie occasioni e circostanze. Lentamente questa tipologia si va trasformando nella famiglia autorevole, tipica degli anni ’50 e ’60 del secolo scorso, nella quale le relazioni tra i genitori e i figli si fondano sulla coerenza, la correttezza e il “buon esempio” che i primi esibiscono nei confronti dei secondi. L’obbedienza dei figli verso i genitori si fonda sull’autorevolezza di questi ultimi e sul rispetto di regole che non sono più rigidamente date una volta per tutte, ma soggette ad adattamenti e adeguamenti, che tengono conto anche delle esigenze dei più giovani, del loro carattere e dei loro bisogni. Nei decenni successivi i rapporti interni alla famiglia si sono ancora modificati e, conseguentemente, sono cambiati i modelli educativi come conseguenza di una sempre maggiore attenzione verso i ragazzi e i giovani, considerati non solo più portatori di bisogni specifici ma anche titolari di diritti loro propri. Si è arrivati così a quella che è stata spesso chiamata la famiglia negoziale10, nella quale la trattativa e il patteggiamento sono alla base dei rapporti tra genitori e figli11. Non vi è più il principio del dovere da compiere nel rispetto di principi etici indiscussi e indiscutibili, ma quasi ogni comportamento è oggetto di negoziato, dall’orario di rientro a casa la sera, fino ai premi e alle punizioni. Negli anni più recenti assistiamo all’affermarsi della famiglia affettiva, governata da un atteggiamento iperprotettivo dei genitori nei confronti dei figli. Padri e madri sono disposti a concedere quasi tutto al proprio figlio o figlia, in nome dell’amore e dell’affetto. Nel grande maggioranza dei casi si tratta di coppie con un solo figlio, al quale sono destinate tutte le cure e le attenzioni; non si tratta più solo di allevare una prole oggetto di un elevato investimento emotivo, ma anche di difenderla dal mondo esterno, dalle incomprensioni degli insegnanti e dai pericoli che possono derivare dagli “altri”.

22Come si vede, il progressivo passaggio attraverso le quattro fasi qui delineate si caratterizza per una costante tendenza verso il rilassamento del sistema di regole: da norme e principi fissi, immutabili e non negoziabili ad un sistema sempre più lassista e permissivo, in nome del sentimento più che di principi pedagogici. È in tal modo che il periodo dell’irresponsabilità, della non punibilità, della giustificazione e delle scusanti si prolunga sempre più, andando ben oltre gli anni dell’adolescenza, ma che assumono particolare rilievo nella formazione della personalità proprio nel periodo della preadolescenza. Gli errori sono sempre perdonabili e assolvibili, il danno può sempre essere riparato, i genitori vegliano perché il figlio sia protetto e aiutato. Si tratta di una vera propria sindrome da iper-protezione che àncora i ragazzi e le ragazze all’interno di un ambiente familiare nel quale trovano comprensione, affetto, sostegno, difesa dal mondo esterno. La famiglia non è più il luogo nel quale si imparano le regole del vivere civile per poter “stare al mondo” in modo consapevole e responsabile, ma diventa il luogo degli affetti, del sostegno reciproco, un luogo nel quale convivono due o più generazioni di adulti e che svolge la funzione di rete di sostegno e di aiuto per affrontare tutte le difficoltà della vita.

23Profonde trasformazioni economiche, demografiche e culturali hanno dunque prodotto nuovi processi di socializzazione. Tutto ciò ha fatto sì che, accanto e spesso in sostituzione delle frammentazioni tradizionali (città/campagna, centro/periferia, vantaggio/svantaggio socioeconomico e culturale), si vadano affermando da un lato modelli di comportamento omogenei e dall’altro nuove frammentazioni, tanto più difficili da cogliere quanto più legate a fratture culturali che si manifestano in modo trasversale rispetto alle tradizionali categorie sociologiche usate per interpretare i sistemi di disuguaglianza.

4. Un tentativo di identikit del preadolescente

  • 12 I rapporti in questione, compreso il recente Bambini e adolescenti in Italia: un quadro degli ultim (...)
  • 13 Tutte le indagini Multiscopo sono scaricabili dal sito http://www.istat.it.
  • 14 Indagine multiscopo sulle famiglie. “I cittadini e il tempo libero”, Anno 2006. Ma si veda anche Is (...)
  • 15 Come è noto l’unità di rilevazione delle Multiscopo è la famiglia, all’interno della quale sono rac (...)

24Le difficoltà di conoscere, almeno nei suoi tratti essenziali, questa fascia di popolazione non derivano solo dalla già ricordata carenza di ricerche empiriche, ma anche dal fatto che le poche fonti disponibili classificano in modo diverso l’arco di anni compreso fra i zero e i quattordici anni. Ad esempio i pur per certi versi pregevoli lavori curati da Eurispes e da Telefono Azzurro e resi pubblici annualmente (si vedano i vari rapporti nazionali sulle condizioni dell’infanzia e dell’adolescenza) sono del tutto inutilizzabili ai nostri fini, perché presentano i dati dividendo il campione in due gruppi: i “bambini” dai 7 agli 11 anni e gli “adolescenti” dai 12 ai 19 anni12. Più utili sono i dati delle indagini Multiscopo condotte dall’Istat e che in alcune edizioni riportano informazioni sulla fascia di età dagli 11 ai 14 anni13. Ci riferiamo qui alla edizione del 200614 che dedica un’ampia parte sui consumi culturali delle famiglie italiane, nella quale è possibile trovare qualche riferimento alla classe di età che qui ci interessa15. Si tratta solo di indizi che non ci consentono di tracciare un quadro completo o quanto meno articolato dei preadolescenti italiani di oggi, ma che tuttavia possono fornirci indicazioni sia rispetto alla omogeneità interna di questa classe di età sia delle differenze rispetto al resto della popolazione.

Tab. 1 Persone di 11-14 anni per tipo di media utilizzato e sesso. Anni 2000 e 2006

Radio

TV

Videocassette
e DVD

Settimanali

Riviste
non settimanali

Quotidiani

Cellulare

anno

2000

2006

2000

2006

2000

2006

2000

2006

2000

2006

2000

2006

2000

2006

M

70,3

60,9

96,5

97,1

81,4

85,7

32,6

32,0

26,0

21,6

28,8

36,5

37,4

81,2

F

82,2

76,7

97,1

95,5

82,2

84,1

48,8

46,8

28,4

26,1

23,3

28,3

45,5

81,2

Totale
11-14

76,1

68,6

96,8

96,4

81,8

84,9

40,5

39,3

27,2

23,8

26,1

32,5

41,4

80,0

Totale
poolazione

74,5

71,2

93,4

93,2

56,4

56,3

55,5

51,7

30,4

28,3

58,1

61,4

57,9

79,9

Fonte: Istat (2008), L’uso dei media e del cellulare in Italia. Indagine multiscopo sulle famiglie “I cittadini e il tempo libero”, Anno 2006, «Informazioni», 2, p. 12

  • 16 È appena il caso di rilevare il grande aumento della diffusione dei cellulari tra il 2000 e il 2006 (...)

25Come si può vedere dalla tabella 1, le principali differenze tra gli 11-14enni e il resto della popolazione riguardano la lettura di settimanali e quotidiani, molto più bassa (anche se in crescita) fra i più giovani e la fruizione di videocassette e dvd, in questo caso molto più alta tra i preadolescenti. Non vi sono differenze di particolare consistenza tra ragazzi e ragazze, tranne che per il fatto che queste ultime ascoltano di più la radio e usano di più il cellulare16. Molto elevato è per tutti l’ascolto della televisione, che consente di meglio discriminare sia rispetto alla popolazione adulta sia tra maschi e femmine.

Tab. 2 Persone di 11-14 anni per tipo di programma Tv seguito e sesso. Anno 2006

Tipi di programmi TV

M 11-14

F 11-14

Tot. 11-14

Tot. pop.

Film

74,5

75,6

75,1

70,4

Per bambini e ragazzi, cartoni animati

63,2

61,1

62,2

17,0

Telefilm

48,9

64,0

56,2

35,6

Giochi a quiz

46,1

47,5

46,8

33,0

Musica

38,0

52,4

45,0

21,2

Programmi sportivi

53,2

15,8

35,0

28,7

Reality show

27,1

43,0

34,8

19,0

Rivista e varietà, programmi comici

27,4

28,6

28,0

19,4

Documentari

30,3

19,6

25,1

32,1

Telegiornale

19,5

21,5

20,5

75,5

Racconti a puntate (sceneggiati o serial)

11,7

26,6

19,0

15,2

Previsioni del tempo

14,3

15,4

14,8

31,2

Telenovelas e soap-opera

4,9

21,0

12,7

16,8

Moda

1,2

14,6

7,7

6,1

Culturali

6,7

4,6

5,7

22,2

Salute, natura, ambiente e viaggi

5,2

5,3

5,3

18,3

Dibattiti e attualità con ospiti e pubblico

2,3

5,4

3,8

14,7

Politiche (tribune, dibattiti)

2,4

1,4

1,9

18,7

Astrologia, magia, cartomanzia, ecc

1,5

1,0

1,3

1,3

Televendita

1,6

1,0

1,3

1,8

Programmi religiosi e di culto

2,0

0,7

1,3

7,0

Altro

1,8

2,0

1,9

1,3

Quello che capita

11,5

11,8

11,6

13,1

Fonte: Istat (2008), L’uso dei media e del cellulare in Italia. Indagine multiscopo sulle famiglie “I cittadini e il tempo libero”, Anno 2006, «Informazioni», 2

26La tabella 2 riporta la percentuale di ascolto dei diversi tipi di programmi televisivi suddivisa per sesso e comparata con l’intera popolazione. Come si vede i programmi più seguiti sono i film (ma in questo caso occorrerebbe una distinzione tra i generi) e subito dopo i programmi per bambini e ragazzi e i cartoni animati. Ci pare in questo caso ben esemplificata l’ambivalenza di questa classe di età, che si manifesta come un mix di comportamenti ancora infantili e di gusti già da adulti. Inoltre la tabella 2 ci fornisce anche utili indicazioni sia sulle differenze tra i preadolescenti e il resto della popolazione, sia interne tra maschi e femmine. Se prendiamo in considerazione le differenze negli ascolti superiori al 10%, possiamo identificare quattro tipi di programmi televisivi:

  1. Programmi preferiti dagli 11-14enni rispetto al resto della popolazione:
    1.1. + 45,2% per bambini e ragazzi, cartoni animati;
    1.2. + 23,8% musica
    1.3. + 20,6% telefilm;
    1.4. + 13,8% giochi a quiz.

  2. Programmi preferiti dal resto della popolazione rispetto agli 11-14-enni:
    2.1. + 55,0% telegiornale
    2.2. + 18,7% politiche (tribune, dibattiti);
    2.3. + 16,5% culturali;
    2.4. + 16,4% previsioni del tempo;
    2.5. + 13,0% salute, natura, ambiente e viaggi;
    2.6. + 10,9% dibattiti e attualità con ospiti e pubblico.

  3. Programmi maggiormente preferiti dai maschi rispetto alle femmine:
    3.1. + 37,4% programmi sportivi;
    3.2. + 10,7% documentari.

  4. Programmi maggiormente preferiti dalle femmine rispetto ai maschi:
    4.1. + 16,1% telenovelas e soap-opera;
    4.2. + 15,9% reality show;
    4.3. + 15,1% telefilm;
    4.4. + 14,9% racconti a puntate (sceneggiati o serial);
    4.5. + 14,4% musica;
    4.6. + 13,4% moda.

27Come si vede le differenze nei gusti dei preadolescenti sono molto più numerose e profonde rispetto agli adulti che non considerando la distinzione tra maschi e femmine. Va ribadito che i dati qui riportati possono solo essere utilizzati come indizi, ma sembrano chiaramente andare nella direzione dell’ipotesi che abbiamo formulato precedentemente: il gruppo dei preadolescenti appare piuttosto omogeneo al suo interno e ben differenziato rispetto alla popolazione adulta. Un ulteriore tassello a conferma di questa ipotesi è dato dalla tabella 3.

Tab. 3 Frequenza con cui gli 11-14enni incontrano gli amici. Anno 2009

Tutti i
giorni

Più di
una volta
a settimana

Una
volta
a
settimana

Qualche
volta
al mese

Qualche
volta
l'anno

Mai

Non
ha
amici

Maschi

66,0

23,1

6,5

2,0

0,4

0,7

-

Femmine

56,3

26,2

10,2

4,5

0,2

0,2

0,2

Totale 11-14

61,1

24,7

8,4

3,2

0,3

0,4

0,1

Totale pop.

22,5

27,5

20,2

16,3

6,5

4,3

1,5

28È facile vedere come le relazioni amicali assumano per questa fascia di età un rilievo notevole, molto superiore a quello che esse hanno rispetto al resto della popolazione. L’89,1% dei maschi e l’82,5% delle ragazze frequentano gli amici più volte alla settimana, se non tutti i giorni, contro il 50% del resto della popolazione.

29In sintesi possiamo dire che i preadolescenti abbiano una forte tendenza a “fare gruppo” e a distinguersi dai più grandi. Non sono ancora del tutto usciti dall’infanzia, ma manifestano una forte tendenza ad emanciparsi dagli adulti. Esistono certamente differenze tra maschi e femmine, se non altro per i tempi diversi di maturazione fisica e cognitiva, ma tali differenze non impediscono di considerare ragazze e ragazzi molto più simili tra loro di quanto non si pensi comunemente.

5. Scuola e famiglia: un rapporto da (ri)costruire

  • 17 Si veda il recente Cavalli A., Argentin G. (a cura di) (2010), Gli insegnanti italiani: come cambia (...)
  • 18 de Lillo A. (2010), Insegnanti e disuguaglianze sociali, in Cavalli, Argentin (2010), op. cit., pp. (...)

30La scuola, al pari di tutte le altre istituzioni sociali, è profondamente mutata dal secondo dopoguerra ad oggi. Dei molti aspetti di tali cambiamenti accenniamo qui ai due che ci paiono i più rilevanti rispetto agli obiettivi che ci siamo posti: la trasformazione del corpo insegnante e il mutato rapporto tra scuola e famiglia. La condizione degli insegnanti nel nostro Paese è da più parti segnalata come particolarmente difficile17. Retribuzioni scarse, precariato diffuso, bassa autopercezione della propria condizione sociale; per molti insegnanti, specialmente maschi, la scelta della professione non è stata fatta per vocazione ma come ripiego di fronte alle difficoltà incontrate per svolgere altri lavori. In particolare gli insegnanti della scuola media inferiore si considerano (e sono considerati) docenti di serie B rispetto ai loro colleghi delle superiori18, sono in percentuale elevata piuttosto anziani e vivono un diffuso senso di frustrazione. E tale senso di frustrazione non può che essere percepito e riversarsi sugli alunni.

31Ma è soprattutto nei rapporti con le famiglie degli allievi che si manifesta una delle maggiori criticità della scuola. Abbiamo visto come i genitori siano diventati particolarmente protettivi nei confronti dei loro figli e assumano spesso un atteggiamento giustificazionista di fronte alle loro mancanze, non esitando a prenderne le difese, a prescindere da un’attenta valutazione dei comportamenti. Tutto ciò rende ancora più difficile il lavoro degli insegnanti che, non a caso, denunciano spesso la difficoltà di rapporto con le famiglie dei loro allievi, oltre ad accrescere il senso di estraneità dei ragazzi nei confronti della scuola. Abbiamo visto che esiste la tendenza da parte dei preadolescenti a costruirsi un mondo separato da quello degli adulti per cercare all’interno del gruppo dei pari la fonte della propria identità in via di definizione. Certamente lo scollamento tra la scuola e la famiglia non fa che accrescere questo senso di separatezza, che nasce dall’incoerenza fra le finalità formative, educative e socializzatrici delle due istituzioni.

32È molto difficile modificare comportamenti e modi di pensare che sono profondamente radicati nei processi di mutamento sociale e culturale, ma è indubbio che una delle fonti di disagio dei preadolescenti sta proprio nella mancata coerenza di comportamenti e finalità tra la scuola e la famiglia. Frattura tra due mondi cruciali per la formazione del preadolescente che rende particolarmente complesse le politiche educative in questo campo.

Torna su

Note

1 Riley M.W., Johnson M.E., Foner A. (1972), Aging and Society, New York, Russel Sage.

2 Riley M.W., Kahn R., Foner A. (1994), Age and Structural Lag: Society’s Failure to Provide Meaningful Opportunities in Work, Family, and Leisure, New York, Wiley Interscience.

3 Qualcuno ha osservato la profonda contraddittorietà insita nelle democrazie liberali contemporanee che, formalmente acquisitive, nell’assegnazione dei ruoli sociali si basano su una caratteristica ascrittiva come l’età.

4 Questa distinzione della punibilità o meno a seconda dell’età non esisteva in passato. Raccontano le cronache inglesi del periodo della prima industrializzazione che i bambini di sei o sette anni che venivano impiegati nelle manifatture, in quanto lavoratori erano sottoposti alle stesse leggi penali degli adulti. Se commettevano un reato veniva comminata loro la pena prevista per quel reato, senza alcuna considerazione dell’età e in alcuni casi la pena consisteva anche nell’impiccagione.

5 Erikson E. H. (1980), Identity and the Life Cycle, New York, Norton.

6 I gruppi di età hanno ampiezza quinquennale, alla base la fascia 0-4 anni, al vertice la fascia di 85 anni e più, i dati sono in valori assoluti. La parte sinistra del grafico riporta la numerosità dei maschi e quella destra la numerosità delle femmine.

7 I dati per la costruzione delle piramidi delle età per quasi tutti i paesi del mondo, sia per gli anni passati sia come proiezione per i prossimi anni, sono disponibili sul sito del Census Bureau degli Stati Uniti, all’indirizzo http://www.census.gov/ipc/www/idb/pyramids.html.

8 In molte famiglie, soprattutto dell’area mediterranea, anche come conseguenza dell’aumento dell’occupazione femminile, sempre più spesso i nonni si prendono cura dei nipoti quando i genitori sono al lavoro – Reher D. S. (1998), Family Ties in Western Europe: Persistent Contrasts, «Population and development Review», 24, 2, pp. 203-234 – il che comporta conseguenze non irrilevanti sui processi di socializzazione.

9 Questa tipologia è stata costruita in base alle riflessioni che sociologi e psicologi sociali hanno condotto sulle trasformazioni della famiglia italiana. Crediamo tuttavia che il processo di mutamento qui descritto non sia solo tipico dell’Italia, ma riguardi quanto meno tutti i Paesi della cosiddetta “area mediterranea”.

10 Cavalli A., de Lillo A. (1988), Giovani anni 80, Bologna, il Mulino.

11 “Se sei promosso ti compro il motorino” è un tipico esempio della natura contrattuale dei rapporti tra generazioni in questo tipo di famiglia.

12 I rapporti in questione, compreso il recente Bambini e adolescenti in Italia: un quadro degli ultimi 10 anni sono consultabili sul sito http://www.eurispes.it.

13 Tutte le indagini Multiscopo sono scaricabili dal sito http://www.istat.it.

14 Indagine multiscopo sulle famiglie. “I cittadini e il tempo libero”, Anno 2006. Ma si veda anche Istat (2011), La vita quotidiana nel 2009, Roma, Edizioni Istat.

15 Come è noto l’unità di rilevazione delle Multiscopo è la famiglia, all’interno della quale sono raccolte informazioni su tutti i componenti. Per dare una indicazione sulle dimensioni del campione possiamo ricordare che per l’edizione 2009 sono state intervistate 19.127 famiglie e i dati riguardano 47.603 individui. L’Istat non fornisce la distribuzione per classi di età, ma sulla base delle indicazioni metodologiche date dallo stesso Istituto, possiamo stimare che la fascia di età 11-14 anni si riferisca a un campione di circa 1800 tra ragazze e ragazzi. Le dimensioni campionarie delle altre rilevazioni sono dello stesso ordine di grandezza.

16 È appena il caso di rilevare il grande aumento della diffusione dei cellulari tra il 2000 e il 2006, peraltro omogeneo per tutte le fasce di età.

17 Si veda il recente Cavalli A., Argentin G. (a cura di) (2010), Gli insegnanti italiani: come cambia il modo di fare scuola. Terza indagine dell’Istituto Iard sulle condizioni di vita e di lavoro nella scuola italiana, Bologna, il Mulino.

18 de Lillo A. (2010), Insegnanti e disuguaglianze sociali, in Cavalli, Argentin (2010), op. cit., pp. 19-33.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 Piramide delle età per l’Italia nel 1951, nel 2005 e proiezione al 2050
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/441/img-1.jpg
File image/jpeg, 20k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Antonio de Lillo, « Preadolescenza: un’età problematica »Quaderni di Sociologia, 62 | 2013, 7-21.

Notizia bibliografica digitale

Antonio de Lillo, « Preadolescenza: un’età problematica »Quaderni di Sociologia [Online], 62 | 2013, online dal 01 octobre 2013, consultato il 02 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/441; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.441

Torna su

Autore

Antonio de Lillo

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search