Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri62parte I. Metodologia ed epistemol...La valutazione sociale delle occu...

parte I. Metodologia ed epistemologia delle scienze sociali

La valutazione sociale delle occupazioni: questioni di metodo

Social evaluation of occupations: some methodological issues
Enrica Amaturo e Biagio Aragona
p. 25-38

Abstract

In sociological literature occupation is widely acknowledged as the best proxy of social stratification. Much research has been carried out on this subject and better techniques to reproduce the distributive aspects of social stratification have been developed over time. There are three main measures of occupational stratification: distributive, relational and based upon socio-economic indexes; any of them arises some relevant methodological issues. The paper aims to depict some of these issues and, focusing on the distributive approach, it addresses some main questions: the concern for the validity of occupational hierarchies, the choice between data collection techniques (Likert-vs-Thurstone) and the preference towards stratification of single occupations rather than of occupational groups. Throughout the paper, the contribution of the Italian sociologist to the development of national and international debate on occupational stratification is underlined.

Torna su

Note dell'autore

L’articolo è frutto di un lavoro comune. La stesura dei paragrafi 1 e 4 è di Enrica Amaturo, quella dei paragrafi 2 e 3 di Biagio Aragona.

Testo integrale

1. Disuguaglianze sociali e stratificazione occupazionale

1Nella letteratura sociologica, come è noto, gli studi sulla stratificazione sociale, a differenza delle analisi in termini di classe, si propongono come obiettivo principale l’analisi del sistema di disuguaglianze connesso alla diseguale distribuzione dei vantaggi sociali. Nelle società capitalistiche fondate sul mercato, la fondamentale fonte di disuguaglianza va ricercata nella divisione del lavoro, dal momento che l’occupazione è in esse l’elemento fondante dell’organizzazione sociale. Come è stato sottolineato altrove: “l’attenzione si rivolge verso la ‘rappresentazione’ che più delle altre spiega la stratificazione sociale, la stratificazione occupazionale. L’assunto di base è che una diseguale distribuzione dei vantaggi sociali legati all’esercizio di una professione possa svelare il sistema di disuguaglianze che caratterizza le società contemporanee. In altre parole, l’esercizio di un’occupazione colloca l’individuo che la esercita in un sistema di disuguaglianze che va al di là dell’occupazione stessa conferendole un significato che prescinde da quello connesso alla pratica di lavoro. Per questo motivo è possibile ridurre le disuguaglianze sociali a quelle occupazionali e, dunque, assumere l’occupazione come una proxy adeguata a rappresentare la posizione dell’individuo nel sistema sociale complessivo” (Amaturo e de Lillo, 2008, 22).

2È proprio a partire da questo assunto che si è sviluppato un consistente filone di studi e ricerche che ha mirato a standardizzare procedure tecniche capaci di produrre una gerarchia occupazionale in grado di rappresentare adeguatamente la gerarchia sociale. Nascono così le cosiddette scale di stratificazione occupazionale, che si fondano su presupposti non dissimili da quelli delle tradizionali scale di atteggiamento, vale a dire la possibilità di attribuire punteggi sintetici che rappresentino “quantità di vantaggio sociale” e quella di rappresentarli su un continuum unidimensionale.

3L’ampio consenso che si ritrova in letteratura nel considerare la stratificazione occupazionale come la base della stratificazione sociale non si riscontra però sui metodi per posizionare le occupazioni lungo i livelli della gerarchia. In questo caso è invece possibile rintracciare almeno tre tipi di procedure per scalare le occupazioni, e cioè le scale relazionali, gli indici di status e le scale reputazionali; ognuna di esse prova a risolvere con strategie diverse le numerose e complesse questioni metodologiche che sono connesse alla rilevazione della stratificazione occupazionale.

  • 1 Nello specifico sono state realizzate le scale di 32 nazioni. Per 7 Paesi sono disponibili anche se (...)

4L’idea alla base delle scale relazionali è che gli individui tendano ad interagire di più con i propri simili che con soggetti da loro molto diversi. In linea con le teorie dell’interazionismo simbolico, le reti sociali, le posizioni sociali e le risorse degli individui rappresentano un sistema interdipendente di elementi che va a determinare la struttura delle disuguaglianze, per cui le relazioni interpersonali seguirebbero le linee della stratificazione. Il migliore esempio di questo approccio alla stratificazione occupazionale si deve ad un gruppo di studiosi che nel 1980 costruirono la Cambridge scale of occupations (Stewart, Prandy e Blackburn, 1980), poi rieditata negli anni Novanta (Prandy, 1990) e messa a punto nell’ambito di un progetto internazionale per vari Paesi e in varie epoche (Lambert et al., 2012)11. Dal punto di vista metodologico, le principali questioni connesse alla costruzione di queste scale riguardano in primo luogo la scelta delle occupazioni da valutare e in secondo luogo la strategia di attribuzione dei punteggi. Innanzitutto, va stabilito quali relazioni tra occupazioni rilevare. La versione originale della scala fu costruita rilevando le occupazioni che svolgevano i migliori amici di un campione di soli impiegati maschi. In seguito alle trasformazioni che sono intervenute nella società, e soprattutto conseguentemente alla femminilizzazione del mercato del lavoro, le relazioni vengono rilevate tra l’occupazione del rispondente e l’occupazione del partner. Si crea così una tabella di distanza sociale (queste scale vengono anche dette scale di distanza di interazione sociale, sid), dove le righe rappresentano le varie occupazioni del rispondente, le colonne le occupazioni del partner e i dati all’incrocio tra le due la frequenza di ogni possibile combinazione di coppie di occupazioni. In questo modo, le differenze che si hanno nelle frequenze di interazioni sociali tra occupazioni possono essere racchiuse in uno spazio in cui le distanze vengono interpretate come indicatori della distanza sociale che c’è tra esse. Le tecniche utilizzate per rappresentare lo spazio che racchiudono queste scale e posizionare le occupazioni al suo interno sono state in un primo tempo il multidimensional scaling e successivamente l’analisi delle corrispondenze, anche se nelle più recenti versioni della scala viene utilizzata la tecnica di parametrizzazione di Goodman, nota anche come modello log-lineare moltiplicativo (Prandy e Lambert, 2003).

5Gli indici di status socio-economico come le scale reputazionali utilizzano un approccio unidimensionale alla rappresentazione della stratificazione occupazionale e ne rappresentano un’estensione semplificatrice. La differenza principale dal punto di vista della rilevazione riguarda il fatto che i punteggi delle occupazioni non derivano dalle valutazioni soggettive dei rispondenti, ma vengono attribuiti come somme ponderate delle medie degli anni di istruzione e del reddito normalizzate per età. In pratica, l’occupazione viene considerata una variabile interveniente che fa da ponte nella relazione tra istruzione e reddito. Il primo esempio di indice socio-economico è quello realizzato presso il National Opinion Research Center dell’Università di Chicago da Nort e Hatt (1947), i cui principali risultati furono pubblicati negli anni Sessanta (Reiss, 1961). Il loro studio era però limitato alle occupazioni più comuni, quelle il cui status fosse chiaramente identificabile, in tutto 90. Successivamente, Duncan (1961) riuscì ad attribuire un punteggio a tutti i titoli occupazionali presenti nella classificazione statunitense delle occupazioni del 1950. Più di recente l’indice isei creato da de Graaf, Ganzeboom e Treiman (1992) propose di epurare gli effetti diretti dell’istruzione sul reddito calcolando invece quelli di interazione tra istruzione e occupazione, e il loro effetto congiunto su di esso.

6Diversamente da quanto avviene per gli indici socio-economici, nelle scale reputazionali la valutazione della posizione sociale di un’occupazione è affidata ai rispondenti. Come scrive de Lillo: “alla base delle scale reputazionali c’è l’idea che i membri di una collettività percepiscano con sufficiente grado di realismo il complesso di privilegi e ricompense associati allo svolgimento di un’occupazione e che siano in grado di manifestare chiaramente tale percezione se interrogati con gli strumenti adeguati” (Amaturo e de Lillo, 2008, 24). Questo insieme di vantaggi sociali che derivano dall’esercizio di un’occupazione, seppure riferito a molteplici dimensioni: “può essere ricondotto a una rappresentazione su un continuum unidimensionale” (de Lillo, 2006, 33). A differenza quindi degli approcci precedenti, trattandosi del risultato di una serie di percezioni cognitive, per le scale reputazionali risulta cruciale chiarire cosa rappresenti questa sintesi operata dai rispondenti, che permette di posizionare le occupazioni su un’unica dimensione, stabilire cioè quale sia, al di là delle definizioni e dei propositi dei ricercatori, il criterio di ordinamento di queste scale.

2. Aspetti di validità delle scale di stratificazione occupazionale

7Una formulazione compiuta di quale sia il criterio alla base dell’ordinamento delle scale reputazionali la si trova nella teoria del prestigio elaborata da Treiman (1977) per la costruzione della sua scala siops (Standard International Occupational Prestige Scale), fondata su alcuni assunti di chiara ispirazione funzionalista. In sintesi, egli parte dal presupposto che tutte le società moderne complesse siano organizzate in maniera simile, al fine di massimizzare l’efficienza e abbiano una divisione del lavoro comune, che dà origine a ruoli occupazionali comparabili. Questa divisione del lavoro produrrebbe la stratificazione poiché ogni occupazione eserciterebbe un differente controllo delle risorse, così che chi controlla maggiori risorse detiene maggiore potere e privilegi. Il prestigio riconosciuto alle varie occupazioni deriverebbe quindi dall’apprendimento delle forme delle gerarchie di potere e di privilegio, che vengono interiorizzate una volta per tutte dai soggetti durante i processi di socializzazione. Secondo Treiman, ciò spiegherebbe perché, da quanto emerso in varie indagini sulle gerarchie occupazionali (Hodge et al., 1964; Nakao e Treas, 1994), le occupazioni vengono ordinate sostanzialmente allo stesso modo nella maggior parte delle nazioni e senza significative differenze nel tempo.

8Furono Goldthorpe e Hope (1974), sostenitori di un approccio relazionale allo studio delle disuguaglianze, a sottolineare che il prestigio si riferisce alla posizione di un individuo all’interno della struttura delle relazioni di deferenza e che, quindi, ha carattere relazionale e non può essere utilizzato per la costruzione di gerarchie di tipo distributivo; secondo gli autori, ciò che in realtà rilevano le scale reputazionali è la desiderabilità sociale delle occupazioni. Le medesime critiche furono avanzate da de Lillo e Schizzerotto (1985) avvalendosi della stessa prospettiva di Treiman. Essi, nonostante adottassero un approccio distributivo all’analisi delle disuguaglianze e impiegassero scale reputazionali, contrapposero il loro studio alle tradizionali ricerche sulla stratificazione sociale di matrice funzionalista, dichiarando che la scala desc85 da loro costruita non fosse una scala di prestigio, ma una scala di valutazione sociale delle occupazioni.

9La ricerca del 1985, tra gli altri, ebbe il merito di approfondire due aspetti centrali al dibattito che si è sviluppato intorno alle scale reputazionali. Innanzitutto, de Lillo e Schizzerotto sottoposero a controllo l’ipotesi funzionalista che l’ordinamento delle occupazioni implicasse un’adesione normativa ai valori della società, chiedendo agli intervistati di specificare i criteri che avrebbero utilizzato per ordinare le occupazioni in una società ideale e di ripetere l’operazione di ordinamento delle occupazioni sulla base di questi criteri ideali. I risultati di quel lavoro, che rivelavano sostanzialmente che i giudizi normativi sulle disuguaglianze occupazionali non collimano con quelli fattuali, rappresentarono uno dei primi riscontri empirici a favore dell’abbandono dell’ipotesi del consenso normativo delle gerarchie, che vedeva la stabilità delle gerarchie occupazionali come una conseguenza del consenso intorno ai valori di una società. Questa ipotesi di recente è stata confutata anche dal contributo di Zhou (2005) all’analisi dei processi intersoggettivi di differenziazione e di incorporazione dei modelli valoriali che generano la desiderabilità sociale delle occupazioni.

10Un ulteriore elemento di innovazione nella ricerca sulla valutazione sociale delle occupazioni del 1985 riguarda la rilevazione dei criteri utilizzati dagli intervistati per generare l’ordinamento. Malgrado la lunga tradizione di studi sulle scale reputazionali di prestigio e di desiderabilità sociale, erano ancora poche le indagini empiriche che si erano poste l’obiettivo di rilevare quali fossero i criteri utilizzati dagli intervistati nella valutazione della posizione sociale delle occupazioni. I risultati cui pervennero i due autori, poi confermati nella ricerca successiva del 2005 che ha dato origine alla scala sides05 (Meraviglia e Accornero, 2007) è che il prestigio non fosse affatto l’unica dimensione soggiacente i giudizi (Arosio e De Luca, 2007). In entrambe le rilevazioni, ogni soggetto, nell’enucleare i possibili vantaggi e svantaggi sociali collegati allo svolgimento di un’occupazione, esplicitava la natura multidimensionale della valutazione, che coniuga aspetti materiali come le condizioni di lavoro, i ritorni economici, le mansioni e le competenze, aspetti normativi come l’utilità sociale, oppure valori più simbolici quali il potere ed il prestigio. Ciò voleva dire, dal punto di vista prettamente semantico, ampliare e generalizzare il concetto che le scale occupazionali rilevavano, aprendolo a dimensioni non solo materiali, ma anche culturali. De Lillo chiarisce questo punto definitivamente: «Al di là delle specifiche definizioni – ed impostazioni teoriche di base – ciò che è importante sottolineare è che la stratificazione occupazionale, oltre che sulla divisione del lavoro e sulla differenziazione organizzativa, si fonda sui modelli socio-culturali di una società» (Amaturo e de Lillo, 2008, 26).

11A distanza di alcune decadi dalla ricerca sulla valutazione sociale delle occupazioni del 1985, la domanda su quale sia il criterio di ordinamento alla base delle scale reputazionali rimane ancora attuale, in quanto, in termini strettamente metodologici, se si trattasse di un concetto multidimensionale la sua rappresentazione all’interno di un continuum unidimensionale presterebbe il fianco a non poche critiche dal punto di vista della sua validità. L’affermazione di differenti strutture valutative da parte degli intervistati (Wegener, 1992) minerebbe uno dei principali assunti su cui si basano le scale reputazionali, secondo cui esiste una visione comune a tutti gli intervistati del sistema di stratificazione e che questa dovrebbe riflettersi, oltre che in un ordinamento delle occupazioni piuttosto simile da parte di tutti gli individui, anche in un consenso attorno ai parametri utilizzati. I risultati delle analisi condotte in Italia contraddirebbero questa relazione consensuale tra gerarchia e criteri di ordinamento; se da un lato le differenze nelle gerarchie sono minime, sia riguardo all’area geografica di residenza che al genere degli intervistati (Meraviglia e Accornero, 2007; de Luca, 2007) non si osserva lo stesso grado di accordo sui criteri utilizzati dagli intervistati per ordinare le occupazioni (Giannini e Aragona, 2008). Si è notato che, soprattutto nel Meridione, le strutture valutative dei soggetti intervistati risultano più semplificate, e ciò li porta ad utilizzare un numero inferiore di criteri di ordinamento, ma con una maggiore intensità (Giannini e Aragona, 2012). È de Lillo ha sottolineare che un uso differenziato dei criteri rimane compatibile con una visione comune della stratificazione occupazionale, in quanto nella dichiarazione effettuata dai soggetti dopo l’ordinamento delle occupazioni: «sono invocati come razionalizzazione ex post quei criteri di valutazione ritenuti adeguati – e perciò normativamente condivisi nei milieu sociali (o nicchie relazionali) in cui i soggetti sono inseriti» (de Lillo e Bianco, 2007, 13).

12Alcuni autori hanno segnalato che, oltre alle questioni di validità sopraccitate, le scale reputazionali spesso mancano di validità di criterio (Hauser e Warren, 2001), cioè le graduatorie rilevate non sono associate in modo robusto con altre variabili che secondo aspettative teoriche dovrebbero avere una relazione empirica forte con la stratificazione occupazionale; ad esempio, non sono correlate con gli indici di status socio-economico. Inoltre, applicazioni delle scale reputazionali agli studi di mobilità intragenerazionale padre-figlio hanno dimostrato che gli indici di status socio-economico rappresentano uno strumento migliore per questo genere di obiettivi (Featherman et al., 1975; Featherman e Hauser, 1976). Secondo alcune analisi recenti condotte anche in Italia (De Luca, Ganzeboom e Meraviglia, 2012) la scarsa validità delle scale reputazionali, segnalata tra gli altri anche da Goldthorpe (Bukodi, Dex e Goldthorpe, 2009), dipende dal fatto che esse colgono aspetti differenti dello stesso fenomeno, la stratificazione occupazionale, e ciascuna di loro fornisce il proprio contributo nel ricostruirlo. Tralasciando quindi le differenze nelle posizioni teoriche, per cogliere appieno quali sono gli aspetti della stratificazione occupazionale che le scale reputazionali rilevano, e soprattutto come sia possibile usarle per lo studio delle disuguaglianze distributive, è necessario osservare attentamente le procedure seguite per la loro costruzione, argomento del prossimo paragrafo.

3. Le tecniche di rilevazione della stratificazione occupazionale

13Riprendendo una tipologia elaborata da Goldthorpe (Bukodi, Dex e Goldthorpe, 2009) che si sofferma più sugli aspetti empirici delle scale di stratificazione che su quelli teorici, la tricotomia tra scale relazionali, reputazionali e indici di status potrebbe essere riformulata.

14In primo luogo, così come era stato già affermato (de Lillo e Schizzerotto, 1985, 93), i metodi per la costruzione delle scale di stratificazione occupazionale possono essere classificati in analitici e sintetici. I metodi analitici procedono stabilendo un insieme di dimensioni rilevanti per la stratificazione occupazionale e trovando poi una procedura statistica in grado di sintetizzarle. Il loro vantaggio consiste nella possibilità di calcolare un punteggio sulla scala per qualsiasi occupazione di cui siano note le dimensioni scelte, mentre lo svantaggio riguarda proprio la difficoltà di scegliere le dimensioni giuste e soprattutto di stabilire come ponderarle. A tal proposito gli autori notano che: «i limiti derivano dalla difficoltà di identificare i parametri di giudizio e dalla necessità di assumere non solo che essi valgano tutti per tutte le occupazioni, ma anche che i fattori di ponderazione siano sempre gli stessi, quale che sia il contesto a cui si fa riferimento» (de Lillo e Schizzerotto, 1985, 94). Di diversa concezione sono i metodi sintetici, che invece stabiliscono come principio dell’ordinamento un unico criterio che rappresenta una sintesi delle varie dimensioni della vantaggiosità sociale connessa alle occupazioni. Abbiamo visto nel paragrafo precedente che per le scale reputazionali questa dimensione è stata riconosciuta di volta in volta come prestigio (Treiman, 1977), desiderabilità sociale (Goldthorpe e Hope, 1974) o, semplicemente, valutazione sociale (de Lillo e Schizzerotto, 1985). Secondo i sostenitori di questo approccio, la sua manifestazione è rilevabile attraverso una struttura di preferenza, condivisa dagli altri membri della collettività, che gli individui acquisiscono nel corso della propria esperienza di lavoro e nei rapporti interpersonali e che, se interrogati con gli strumenti adeguati, possono rappresentare. E con questo si arriva al secondo criterio di classificazione della tipologia di Goldthorpe, che si riferisce al tipo di indicatori utilizzati per la costruzione della scala, cioè oggettivi o soggettivi.

15Gli indici di status socioeconomico, così come le scale relazionali, si avvalgono di indicatori oggettivi, nel senso che, seppur raccolti attraverso il questionario, gli indicatori di stratificazione occupazionale fanno riferimento alle caratteristiche, ascritte ed acquisite, dell’individuo (istruzione, reddito, occupazione, etc…). Questi indicatori, con poche differenze, vengono rilevati in tutte le inchieste campionarie e, per alcuni di essi, ad esempio istruzione e occupazione, esistono delle classificazioni standard anche a livello internazionale come l’isced e l’isco. In questo caso, dal punto di vista delle tecniche di raccolta del dato, non sussistono quindi differenze cruciali rispetto alle altre survey, e non è necessaria la messa a punto di strumenti di rilevazione ad hoc. Viceversa, adottando un approccio soggettivo alla stratificazione occupazionale, cioè basato sulla percezione da parte dei soggetti di quell’insieme di privilegi e ricompense associato allo svolgimento di un’occupazione, diventa cruciale per il buon esito della rilevazione la messa a punto di strumenti complessi. Nello specifico si tratta, come sempre quando si rilevano giudizi, di costruire delle scale, che siano però in grado di superare le difficoltà metodologiche connesse alla definizione della graduatoria delle occupazioni.

16Nelle ricerche che si avvalgono di scale reputazionali le tecniche utilizzate sono state essenzialmente due: Likert e Thurstone. Nell’approccio Likert (North e Hatt, 1947) la richiesta di valutazione avviene per una singola occupazione alla volta e l’intervistato può esprimere un giudizio graduando l’intensità, generalmente su una scala a tre posizioni. In pratica, gli stimoli sono ripetuti per il numero complessivo di occupazioni da valutare generando delle valutazioni autonome delle varie occupazioni, oscurando di fatto: «la natura sostanzialmente comparativa della percezione della struttura occupazionale» (de Lillo e Schizzerotto, 1985, 96). Diversamente, l’approccio Thurstone si fonda sulla richiesta di graduare un intero insieme di item (occupazioni), obbligando i rispondenti a pensare simultaneamente a quelle occupazioni e a confrontarle tra loro. Se nell’approccio Likert per ottenere la graduatoria è necessario che tutti i soggetti valutino le stesse occupazioni, nell’approccio Thurstone, che in questo caso prende il nome di ordinamento secondo il rango, è sufficiente che l’elenco delle occupazioni coincida solo in piccola parte, rendendo possibile la raccolta di valutazioni su un numero decisamente più grande di occupazioni, che addirittura ricoprano l’intera struttura occupazionale. Per questo motivo l’approccio Thurstone, usato anche nelle ricerche italiane sulla valutazione sociale delle occupazioni (de Lillo e Schizzerotto, 1985; Bianco e de Lillo, 2007), è preferibile, anche se la scalabilità non è immediata. Infatti, perché avvenga è necessario che lo spazio che delimita il continuum entro cui collocare le occupazioni da valutare sia uguale per tutti gli intervistati. Thurstone, come è noto, risolse il problema con la tecnica degli intervalli apparentemente uguali (equal apparent intervals), cioè sottoponendo agli intervistati un continuum diviso in dieci intervalli uguali delimitati da undici picchetti. Una soluzione simile è quella utilizzata da de Lillo nella formulazione della scala DESC85 e nella sua riedizione del 2005: «Se il criterio della vantaggiosità sociale è effettivamente operante, nel senso che consente di disporre le occupazioni lungo un ideale continuum…è ragionevole pensare che sia possibile identificare alcuni “pioli”…distribuiti lungo il continuum…che consentano, per interpolazione, di collocare tutte le altre occupazioni» (de Lillo e Schizzerotto 1985, 99). Dal punto di vista della rilevazione significava chiedere ai rispondenti di effettuare un duplice ordinamento: il primo, di un numero limitato di occupazioni di riferimento (occupazioni yardstick) uguali per tutti, che andavano a rappresentare i pioli della scala e, il secondo, del resto delle occupazioni selezionate in maniera casuale. È interessante sottolineare che sia nella prima che nella seconda versione della scala italiana, le 10 occupazioni yardstick ricevettero una valutazione simile da parte dei soggetti, senza particolari differenze dovute alle principali caratteristiche di base (genere, istruzione, età, ecc..), con l’unica eccezione dell’area geografica di residenza. Nel caso della scala desc85, le occupazioni yardstick con giudizi sistematicamente diversi in base all’area geografica di residenza erano sei sulle dieci valutate, nel caso della scala sides05 quattro. In entrambe le scale, nel meridione venivano valutate meglio le occupazioni alle dipendenze nel settore pubblico, mentre le occupazioni nel settore privato erano considerate meno vantaggiose. Pur interessanti, queste differenze sono state valutate poco rilevanti (de Lillo e Schizzerotto, 1985; Giannini e Aragona, 2012) poiché la diversità di giudizio manifestata non provocava dei sostanziali cambiamenti nell’ordinamento delle dieci occupazioni, in pratica non alterava la successione dei «pioli» della scala.

17Un ultimo elemento di riflessione sull’uso della scala Thurstone per la rilevazione della valutazione sociale delle occupazioni riguarda la possibilità di trasformare il rango che viene ottenuto dai risultati dei vari ordinamenti in un punteggio, al fine di utilizzare tecniche di analisi parametriche. Il risultato della rilevazione genera infatti una variabile ordinale, tra le cui posizioni non è possibile stabilire relazioni metriche di distanza. Inoltre, non può essere escluso a priori che i soggetti dispongano due o più occupazioni nella stessa posizione, il che riduce di fatto il numero di ranghi finale, e quindi il significato relativo delle posizioni. De Lillo e Schizzerotto con grande sapienza metodologica trovarono la soluzione di costruire un indice di preferibilità, per cui l’ordinamento di rango della scala Thurstone veniva trasformato in un punteggio cardinale attraverso il metodo del confronto a coppie, assumendo che la graduatoria finale costruita da ciascun soggetto fosse il risultato di un insieme di confronti tra coppie di occupazioni. Il punteggio dell’indice di preferibilità attribuito era quindi dato dal numero di confronti che una data occupazione “vinceva” rispetto alle altre occupazioni valutate. (es. su 30 occupazioni la quarta in graduatoria ha vinto 26 confronti e ne ha persi 3), con il vantaggio che possono essere considerati anche i pareggi, cioè le occupazioni che hanno ricevuto lo stesso rango. Ovviamente, non mancano i detrattori di questo approccio. Alcuni sostenitori della strategia relazionale allo studio della stratificazione ritengono che la trasformazione delle valutazioni soggettive espresse dagli intervistati in punteggi rappresenti un artifizio tecnico (Blackburn, Prandy e Stewart, 1980). Non è di certo questo il punto di vista degli autori di questo saggio, ma è innegabile che nella formulazione dei punteggi devono essere tenuti in considerazione due aspetti fondamentali. Il primo non riguarda solo le scale di stratificazione occupazionale, ma in genere tutte le scale utilizzate per rilevare percezioni, e si riferisce a come vengono selezionati gli item da sottoporre a giudizio. Il secondo, tipico invece delle sole scale reputazionali, concerne il come generalizzare il punteggio di una singola occupazione alle altre che appartengono alla stessa categoria occupazionale da cui questa è stata selezionata. A questi ultimi aspetti è dedicato il prossimo paragrafo.

4. Selezione delle occupazioni e costruzione delle categorie

18In genere, la selezione degli item da sottoporre a giudizio rappresenta la fase più complessa dell’intero processo di costruzione di una scala, in quanto la disposizione degli elementi lungo un continuum risiede nella possibilità di stabilire una struttura logica e empirica tra gli item che la compongono (Babbie, 2004). Per le scale reputazionali di stratificazione occupazionale la definizione della lista degli elementi (occupazioni) da sottoporre a valutazione avviene solitamente in due modi, o attraverso una procedura di inclusione/esclusione ad hoc dei singoli mestieri, oppure riproducendo delle occupazioni ricavate da una precedente ricerca; Coxon e Jones (1974) affermano che entrambe le strategie possono comportare dei rischi per la costruzione e la validazione di un modello di stratificazione occupazionale. Secondo de Lillo e Schizzerotto il criterio da seguire è far sì che gli intervistati valutino: «un numero più o meno elevato di mestieri scelti dal ricercatore in modo che essi si estendano, per quanto possibile, sull’intera gamma delle diverse posizioni esistenti nella struttura delle disuguaglianze occupazionali (di ordine distributivo)» (1985, 50). Per agevolare l’identificazione di queste posizioni si usa partire dai gruppi definiti nelle classificazioni standard delle occupazioni; ad esempio, nella scala desc85 sono stati utilizzati i gruppi occupazionali definiti dall’Istat per classificare gli 11 000 titoli occupazionali censiti nel 1981; nel caso della riedizione della scala del 2005, anche per agevolare comparazioni internazionali, si è ricorso alla classificazione internazionale standard delle occupazioni isco-88, che raggruppava circa 19.000 mestieri. Si tratta in entrambi i casi di classificazioni basate principalmente sul settore occupazionale, che venivano ulteriormente arricchite dagli autori considerando altri criteri di ordinamento come il controllo esercitato sulle risorse economiche e umane – che distingueva tra imprenditori, lavoratori autonomi e dipendenti – il livello di istruzione richiesto per lo svolgimento dell’occupazione e il grado di estensione del controllo o della supervisione sulle risorse. Il motivo per cui si utilizzano raggruppamenti di occupazioni ex ante è che, dato l’elevato numero di occupazioni, sarebbe impossibile sottoporle tutte a valutazione, per cui è necessario sceglierne alcune rappresentative di un insieme più ampio – la categoria – a cui attribuire un livello omogeneo di vantaggiosità sociale. L’omogeneità viene poi valutata ex post attraverso l’analisi della varianza e l’applicazione del test F di Snedecor ai punteggi attribuiti dai soggetti intervistati.

19Sia la costruzione delle categorie occupazionali ex-ante per selezionare le occupazioni sia quella ex-post per rendere omogenei i gruppi occupazionali, rappresenta una delle principali accuse mosse dai critici delle scale reputazionali (Runciman, 1990; Bergman e Joye, 2001). Sull’uso delle categorie ex-ante sono state sollevate alcune questioni relative alla scelta degli elementi da scalare. Grusky, ad esempio, ha sottolineato che: «le occupazioni più che le macrocategorie occupazionali sono il luogo privilegiato per osservare i differenti vantaggi sociali» (Grusky e Jonsson, 2008, 6), e che quindi quest’ultime dovrebbero essere prese in considerazione per rilevare le diverse “posizioni” nella struttura delle disuguaglianze occupazionali di ordine distributivo. Tuttavia, la scelta di costruire categorie occupazionali a priori sulla base di criteri sostantivi rimane l’unica quando l’obiettivo è scalare la totalità delle occupazioni, lasciando poi all’analisi dei punteggi attribuiti dai soggetti intervistati stabilire se questa classificazione a priori rispecchi anche gerarchie di vantaggiosità sociale. De Lillo e Schizzerotto spiegano: «L’attribuzione ad una categoria del punteggio medio dell’insieme di occupazioni ad esse afferenti è possibile purché si riesca a dimostrare che la categoria stessa è omogenea al suo interno, ossia che i punteggi medi ottenuti dalle singole occupazioni, non sono statisticamente dissimili» (1985, 146). Questo pragmatismo è stato parimenti criticato perché porterebbe i creatori di una scala ad aggiustare le categorie post hoc al fine di migliorare l’adattamento ad un insieme di risultati empirici aspettati. Ad esempio, nella scala di prestigio di Treiman è stata notata (Bergman e Joye, 2001) la presenza di numerose eccezioni che confermano la regola, che hanno comportato l’esclusione di alcune occupazioni dal calcolo dei punteggi di categoria perché semanticamente omogenee con la categoria di appartenenza, ma disomogenee quanto a punteggio. In sintesi, le due principali critiche mosse alle scale reputazionali appaiono in relazione l’una con l’altra. Se la ricostruzione delle categorie in fase di analisi dei dati, che enfatizza il criterio statistico, può essere troppo variabile, d’altro canto, un elaborato modello di costruzione di categorie occupazionali ex ante può comportare una vischiosità nella stratificazione occupazionale, che obbliga ad eliminare alcune occupazioni che non trovano conferma nel modello. De Lillo e Schizzerotto rassicurano chiarendo che nella costruzione della scala desc: «Riaggregazioni, accorpamenti e scorpori non sono stati condotti solo basandosi sui risultati dei test statistici, essendo fondamentale ai nostri fini che i raggruppamenti di occupazioni fossero omogenei anzitutto sul piano sostantivo. Sono stati perciò… posizione nella professione, dimensioni dell’impresa… e similarità dei contenuti lavorativi a prevalere sempre rispetto ad una meccanica applicazione di criteri statistico-inferenziali» (1985, 148).

  • 2 Un esempio è il titolare di una media impresa di pulizie che appartiene alla categoria dei medi imp (...)

20Dal dibattito presente in letteratura sull’uso delle categorie occupazionali qui brevemente accennato risulterebbe che per valutare la qualità della rappresentazione del sistema di posizioni delle disuguaglianze occupazionali distributive, sarebbe necessaria un’analisi del trade-off tra categorie costruite ex ante e categorie scalate ex post, tra occupazioni sottoposte a valutazione e occupazioni eliminate perché dissimili nel punteggio, in sintesi, tra elaborazione teorica e elaborazione empirica. Sulla base di questi elementi possiamo affermare che nelle scale di valutazione sociale delle occupazioni che hanno visto il contributo metodologico di Antonio de Lillo questo trade-off appare molto contenuto. Il 70% delle categorie occupazionali di entrambe le scale ha retto alla rilevazione empirica senza aggiustamenti o raggruppamenti e il numero di occupazioni escluse dal calcolo dei punteggi delle categorie risulta di 29 su 590 per la desc85 e 41 su 676 per la sides05. Inoltre, la maggior parte di queste è stata esclusa per il noto meccanismo di reazione all’oggetto (Marradi, 2002) che si verifica quando l’intervistato non reagisce alle affermazioni, ma ai personaggi, alle azioni, alle situazioni menzionate dalle affermazioni2. In sintesi, le scale reputazionali di valutazione sociale delle occupazioni, seppure, come abbiamo provato a sintetizzare in questo contributo, metodologicamente molto complesse, se costruite con sapienza rappresentano potenti strumenti euristici di rilevazione per pervenire ad una rappresentazione adeguata della stratificazione sociale sia in termini di forma e funzione che in termini di risultati.

Torna su

Bibliografia

Amaturo E., de Lillo A. (2008), Disuguaglianze sociali e stratificazione occupazionale, «Sociologia del lavoro», 112, pp. 17-28.

Arosio L., De Luca S. (2007), I criteri di valutazione della desiderabilità sociale delle occupazioni, «Quaderni di Sociologia», 45, pp. 101-135.

Babbie E.R. (2004), The Precitice of Social Research, 10th edition, Belmont, Wadsworth.

Bergman M.M., Joye D. (2001), Comparing Social Stratification Schemes: camsis, csp-ch, Goldthorpe, isco-88, Treiman, and Wright, Cambridge, Cambridge Studies in Social Research.

Blackburn R.M., Prandy K., Stewart A. (1980), Social Stratification and Occupations, London, Macmillan.

Bukodi E., Dex S., Goldthorpe J. (2009), The conceptualisation and measurement of occupational hierarchies: a review, a proposal and some illustrative analyses, paper presentato al workshop equalsoc, Trento, 17 febbraio.

Coxon A.P.M., Jones C. L. (1974), Problems in the selection of occupational titles, «The Sociological Review», 22, 3, pp. 369-384.

de Lillo A. (2006), A che servono le scale di stratificazione?, in Gambardella D. (a cura di), Genere e valutazione delle occupazioni, Roma, Carocci.

de Lillo A., Bianco M.L. (2007), Presentazione, «Quaderni di Sociologia», 45, pp. 3-17.

de Lillo A., Schizzerotto A. (1985), La valutazione sociale delle occupazioni. Una scala di stratificazione occupazionale per l’Italia contemporanea, Bologna, il Mulino.

De Luca D. (2007), Consenso e dissenso nella valutazione sociale delle occupazioni. Le differenze di genere, «Quaderni di Sociologia», 45, pp. 137-161.

De Luca D., Meraviglia C., Ganzeboom H.B.G. (2012), Construction and Validation of a Relational Scale of Occupational Status for Italy, in Lambert P.S., Connelly R., Blackburn M., Gayle V. (a cura di), Social Stratification: Trends and Processes, Aldershot, Ashgate.

Duncan O.D. (1961), A Socioeconomic Index for All Occupations, in Reiss A.J. (a cura di), Occupations and Social Status, Glencoe, The Free Press.

Featherman D.L., Hauser R.M. (1976), Prestige or socioeconomic scales in the study of occupational achievement?, «Sociological Methods and Research», 4, pp. 403-422.

Featherman D.L., Jones F.L., Hauser R.M. (1975), Assumptions of social mobility research in the U.S.: the case of occupational status, «Social Science Research», 4, pp. 329-360.

Ganzeboom H.B.G., De Graaf P.M., Treiman D.J., De Leeuw J. (1992), A standard international socio-economic index of occupational status, «Social Science Research», 21, pp. 1-56.

Giannini M., Aragona B. (2008), L’(apparente) immobilismo nella rappresentazione sociale delle occupazioni, «Sociologia del lavoro», 112, pp. 45-62.

Giannini M., Aragona B. (2012), La scala con la lente dei più deboli. Specificità territoriali e di genere, in Meraviglia C. (a cura di), La scala immobile: la stratificazione occupazionale italiana 1985-2005, Bologna, il Mulino.

Goldthorpe J.H., Hope K. (1974), The Social Grading of Occupations. A New Approach and Scale, Oxford, Clarendon Press.

Grusky D.B., Jonsson J.O. (2008), Dov’è l’occupazione nella mobilità occupazionale?, «Sociologia del lavoro», 112, pp. 119-138.

Hauser R.M., Warren J.R. (1997), Socioeconomic indexes for occupations: a review, update and critique, «Sociological Methodology», 27, pp. 177-298.

Hodge R.W., Siegel P.M., Rossi P.H. (1964), Occupational prestige in the United States, 1925-63, «American Journal of Sociology», 70, 3, pp. 286-302.

Lambert P.S., Connelly R., Blackburn M., Gayle V. (a cura di) (2012), Social Stratification: Trends and Processes, Aldershot, Ashgate.

Marradi A. (2002), Le scale Likert e la reazione all’oggetto, in Marradi A., Gasperoni G. (a cura di), Costruire il Dato 3: le scale Likert, Milano, Franco Angeli.

Meraviglia C., Accornero L. (2007), La valutazione sociale delle occupazioni nell’Italia contemporanea: una nuova scala per vecchie ipotesi, «Quaderni di Sociologia», 45, pp. 19-73.

Meraviglia C., De Luca D., Ganzeboom H.B.G. (2012), Relational measures versus ses and prestige measures for individuals as alternative indicators of occupational status, paper presentato all’rc28 Spring Meeting Economic Transformations and Social Stratification in Comparative Perspective, Hong Kong (Cina), 10-13 maggio.

Nakao K., Treas J. (1994), Updating occupational prestige and socioeconomic scores: how the new measures measure up, «Sociological Methodology», 24, pp. 1-72.

North C.C., Hatt P.K. (1947), Jobs and occupations. a popular evaluation, «Opinion News», 9, pp. 3-13.

Powell B., Jacobs J.A. (1983), Sex and consensus in occupational prestige ratings, «Sociology and Social Research», 67, pp. 392-404.
Id. (1984), Gender differences in the evaluation of prestige, «Sociological Quarterly», 25, pp. 173-190.

Prandy K. (1990), The revised Cambridge scale of occupations, «Sociology», 24, pp. 629-655.

Prandy K., Lambert P.S. (2003), Marriage, social distance and the social space: an alternative derivation and validation of the Cambridge scale, «Sociology», 37, pp. 397-411.

Reiss A.J. (a cura di) (1961), Occupations and Social Status, Glencoe, The Free Press.

Runciman W.G. (1990), How many classes are there in contemporary British society, «Sociology», 24, 3, pp. 377-396.

Stewart A., Prandy K., Blackburn R.M. (1980), Social Stratification and Occupations, London, Macmillan.

Treiman D.J. (1975), Problems of concept and measurement in the comparative study of occupational mobility, «Social Science Research», 4, 3, pp. 183-230.

Wegener B. (1992), Concepts and measurement of prestige, «Annual Review of Sociology», 18, pp. 253-280.

Zhou X. (2005), The institutional logic of occupational prestige ranking: reconceptualization and reanalyses, «American Journal of Sociology», 111, 1, pp. 90-140.

Torna su

Note

1 Nello specifico sono state realizzate le scale di 32 nazioni. Per 7 Paesi sono disponibili anche serie storiche che partono dagli inizi dell’Ottocento e arrivano sino agli anni Quaranta del Novecento. Per una presentazione esaustiva dell’intero progetto: http://www.camsis.stir.ac.uk/index.html; per la versione italiana della scala: De Luca, Meraviglia, Ganzeboom (2009).

2 Un esempio è il titolare di una media impresa di pulizie che appartiene alla categoria dei medi imprenditori ma che è valutato meno di questi a causa del tipo di servizio prestato.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Enrica Amaturo e Biagio Aragona, « La valutazione sociale delle occupazioni: questioni di metodo »Quaderni di Sociologia, 62 | 2013, 25-38.

Notizia bibliografica digitale

Enrica Amaturo e Biagio Aragona, « La valutazione sociale delle occupazioni: questioni di metodo »Quaderni di Sociologia [Online], 62 | 2013, online dal 01 octobre 2013, consultato il 27 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/444; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.444

Torna su

Autori

Enrica Amaturo

Dipartimento di Scienze Sociali

Articoli dello stesso autore

Biagio Aragona

Università di Napoli «Federico II»

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search