Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri62parte I. Metodologia ed epistemol...I tre paradigmi della ricerca soc...

parte I. Metodologia ed epistemologia delle scienze sociali

I tre paradigmi della ricerca sociologica

The three paradigms of sociological research
Vittorio Capecchi
p. 39-54

Abstract

In this paper the term paradigm, in the sense attributed to it by Kuhn, has been used for the following: a) standpoint methodology; (b) methodology; (c) research methods according to the definitions of Sandra Harding. Three paradigms are analyzed; (a) The paradigm of objectivity when sociological research has the goal to formulate theories (explanations) on attitudes and behaviours of people who have to make choices with the most possible objectivity. The explanations are considered scientifically valid if the researcher does not influence the answers (informations) given by the subjects of the research. Valid methods of research are only two: those in which there is no interaction on the part of researcher with the subjects of research ore those in which interactions happens through a group of professional interviewers who use a scientific method; (b) The paradigm of action research when the objective of the research is changing the attitudes and behavior of people of a particular situation. This type of research has a spiral process research → action → research which gets interrupted only when the actors of the research have achieved the changes desired; (c) The paradigm of feminist methodology when the reference point is the theories and the struggles of feminist movements. Researches confront themselves with a “feminist epistemic community”.

Torna su

Testo integrale

1Nel testo pubblicato come introduzione al volume curato da me ed altri Applications of Mathematics in Models, Artificial Neural Networks and Arts (Capecchi, 2010), mi sono posto il problema se nell’area delle ricerche sociologiche vi fosse qualcosa di simile ai “paradigmi” nel senso di Kuhn, cioè delle cornici all’interno delle quali si potessero collocare ricerche sociologiche relativamente omogenee.

2Per definire questi paradigmi ho utilizzato le precisazioni date da Sandra Harding che definisce tre livelli all’interno di un “paradigma”: (a) Standpoint Epistemology definita come “l’insieme delle relazioni che collegano la conoscenza alla politica”; (b) Methodology, “una teoria o analisi di come la ricerca procede o dovrebbe procedere”; (c) Research Methods, “tecniche (o modi di procedere) per accumulare prove (…) In questo senso vi sono solo tre metodi di ricerca sociale: ascoltare o interrogare chi può dare informazioni; osservarne il comportamento; esaminare tracce storiche e documenti”.

3Sulla base di queste definizioni è possibile identificare nella storia della ricerca sociologica, almeno tre diversi “paradigmi”: il paradigma della oggettività, il paradigma della ricerca-azione, il paradigma della Feminist Methodology.

1. Il paradigma dell’oggettività

4Il paradigma dell’oggettività nei termini indicati da Sandra Harding può essere così formulato:

  1. Standpoint epistemology: la ricerca sociologica ha come obiettivo quello di formulare teorie (spiegazioni) “scientifiche” analizzando in modo “oggettivo” atteggiamenti e/o comportamenti di persone.

  2. Methodology: per raggiungere questo obiettivo occorre realizzare la massima distanza tra chi fa ricerca e i soggetti della ricerca in modo da avere risposte “oggettive” dai soggetti non influenzate dal ricercatore. I risultati della ricerca devono essere separati dalle azioni che potrebbero derivare dalle spiegazioni individuate dalla ricerca.

  3. Research methods: I metodi di ricerca ammessi sono solo due: quelli in cui non c’è nessuna interazione del ricercatore con i soggetti della ricerca oppure quelli in cui l’interazione avviene attraverso una equipe di intervistatori professionisti preparati a svolgere “scientificamente” il loro lavoro garantendo l’oggettività dei risultati.

5Come si può osservare rientrano in questo paradigma ricerche sociologiche molto diverse in quanto la “scientificità” di questo paradigma è concentrata solo in un punto: la relazione ricercatore/soggetti della ricerca. Tutte le ricerche basate su statistiche, tracce storiche, documenti ecc.. rientrano in questo “paradigma” insieme alle ricerche che osservano i soggetti da una certa “distanza” oppure li intervistano attraverso le tecniche della “survey research”.

6Quattro osservazioni possono farci capire che si tratta di un paradigma relativamente debole con molte articolazioni al proprio interno.

7La prima è che, anche se si aderisce a questo paradigma, non c’è nessuna garanzia che chi fa ricerca non possa incorrere in errori metodologici anche gravi. Prendiamo ad esempio una ricerca classica come Le suicide di Durkheim (1897). Come è stato più volte sottolineato, questa ricerca arriva a conclusioni teoriche importanti e del tutto accettabili ma il passaggio dalle statistiche sul suicidio a queste conclusioni è attaccabile metodologicamente da almeno tre punti di vista: (a) Errori che dipendono dal fatto che il ricercatore non tiene conto delle procedure che portano alla costruzione delle statistiche. In questa direzione John Maxwell Atkinson (1971, 1978) è stato tra i primi a sottolineare che le statistiche del suicidio non sono “fatti” ma “costruzioni sociali” che dipendono dall’incontro dei familiari della persona suicida con attori come la polizia, i medici, gli ufficiali giudiziari ecc. Ad esempio V. Capecchi e A. Pesce (1993) hanno osservato come tra le statistiche riportate da Durkheim ve ne sia una riferita al periodo 1864/76 dalla quale risultava che la regione italiana con il più elevato numero di suicidi fosse l’Emilia Romagna (62,9 per milioni di abitanti rispetto a una media nazionale di 31,0). Ora, come ha sottolineato Atkinson, quando la famiglia della persona suicida è di fede cattolica cercherà di nascondere questa situazione di “peccato” e facilmente convincerà l’ufficiale giudiziario a non classificare quella persona come “suicida”. Il maggior numero di persone identificate come suicide in Emilia Romagna potrebbe quindi essere considerato come un indicatore di maggiore laicità. In epoche moderne sfuggono poi alle statistiche delle persone suicide chi si uccide in auto o in moto, chi non lascia una lettera in cui spiega le motivazioni ecc..; (b) Errori nell’interpretare relazioni tra comportamenti individuali le correlazioni tra variabili rilevate al livello di unità territoriali. Hanan Selvin (1958) dimostrò facilmente che la correlazione individuata da Durkheim dalla presenza in unità territoriali di “elevati tassi di suicidio” insieme ad “elevate proporzioni di persone che vivono con i propri mezzi” (correlazione che Durkheim interpreta scrivendo che “la povertà protegge contro il suicidio”) può coesistere con le due ipotesi estreme: “nessuna persona che si è suicidata viveva con mezzi propri” oppure “tutte le persone che si sono suicidate vivevano con mezzi propri”; (c) Errori di interpretazione dovuti a pregiudizi per cui, ad esempio, Durkheim interpreta il minor tasso di suicidi tra le vedove (rispetto ai vedovi) non con la maggiore capacità delle donne di avere relazioni sociali (ipotesi coerente con la sua teoria), ma come “sensibilità meno sviluppata della donne” (“la donna” scrive Durkheim “ha una sensibilità rudimentale (…), ha meno bisogni e si contenta di poco. Con qualche pratica di devozione, qualche animale da curare, questa donna anziana si riempie la vita”).

8Problemi metodologici si pongono anche considerando la relazione che definisce Max Weber tra etica protestante e nascita del capitalismo. Possiamo considerare la nota Coleman’s boat (Coleman, 1990) che interpreta le relazioni al livello macro/micro. Max Weber presenta nella sua opera una relazione causale al livello macro (M→M') in cui M(etica protestante)→M' (capitalismo).

Fig. 1 Relazione tra macro e micro: il ruolo della religione protestante sull’organizzazione del capitalismo.

Fig. 1 Relazione tra macro e micro: il ruolo della religione protestante sull’organizzazione del capitalismo.

9Questa relazione (M→M') può però, per Coleman, essere accettata solo sulla base di tre passaggi:

  1. Relazione macro-micro (M→m) per cui a partire da una variabile macro si individuano caratteristiche al livello individuale che possono spiegare il livello macro (nel caso dellesempio di Weber occorre individuare la presenza di valori calvinisti in un concreto aggregato di persone)

  2. Relazione micro-micro (m→m') per cui si verifica al livello micro la relazione tra persone con atteggiamento calvinista e persone con capacità imprenditoriali

  3. Relazione micro-macro (m'→M') per cui si passa dalla presenza di più persone con capacità imprenditoriali alla variabile macro Capitalismo

  • 1 Su questo punto vedi Boudon R. (1987).

10In altri termini occorre, perché (M→M') sia metodologicamente considerata accettabile, passare ad un livello micro (m→m') perché solo con una ricerca al livello individuale si può capire se sia vera (o falsa) la proposizione l’etica protestante influenza la nascita del capitalismo che diventa al livello micro le persone che più seguono l’etica protestante hanno più propensione a realizzare progetti capitalistici di imprenditorialità (e viceversa). L’errore che Coleman individua nella ricerca di Weber è quindi simile a quello che è stato individuato nella ricerca prima ricordata di Durkheim quando l’autore ipotizza relazioni al livello micro senza avere delle effettive verifiche a quel livello. Ciò che si avverte, in questi due primi esempi, è l’importanza, anche per chi si muove all’interno del paradigma della oggettività, di aderire a quello che viene definito l’individualismo metodologico.1

11Una seconda osservazione può essere fatta considerando l’insieme dei contributi di Erving Goffman che con rigore ha aderito al paradigma della oggettività. Goffman ha sempre ribadito che il suo approccio è “naturalista” e si richiama al metodo degli “etologi” tanto da autodefinirsi un “etologo umano” che si occupa di come può essere analizzata una “etologia dell’Interazione” quando esseri umani interagiscono faccia a faccia.

12Come scrive in Interaction ritual (Goffman, 1967), «Io parto dal presupposto che l’oggetto dello studio della interazione non debba essere l’individuo e la sua psicologia, ma piuttosto le relazioni esistenti fra gli atti di persone che vengono a trovarsi a contatto diretto». Pier Paolo Giglioli (1984) ha giustamente sottolineato che ci sono nella ricerca sociologica due diversi movimenti: si può partire dalla società per arrivare all’individuo oppure si può partire dalla psicologia e dalle motivazioni profonde dell’individuo per arrivare alla conoscenza della società. Il primo movimento è quello che rende vicino Goffman a Durkheim anche se, come scrive Giglioli c’è una differenza di scala perché «l’analisi durkheimiana della morale, del sacro e della conoscenza è applicata alla società globale, quella di Goffman a brevi e fuggevoli interazioni nel corso della vita quotidiana» (Giglioli, 1984, 424). È evidente che non solo Durkheim e Goffman partono dalla società per arrivare agli individui ma complessivamente tutti coloro che aderiscono al “paradigma della oggettività”. La seconda osservazione che si può fare su questo paradigma è che questo paradigma si basa sul rifiuto di partire dalla analisi psicologica delle diverse persone per capire ciò che accade nella società perché, come scrive Giglioli «l’intima connessione che Goffman stabilisce tra interazione e self ha effetti in ambedue le direzioni. Da un lato, la necessità di trattare l’individuo come un soggetto cerimoniale, come qualcosa che deve essere maneggiato con la dovuta attenzione rituale, pone dei vincoli all’organizzazione sociale della co-presenza (…) Dall’altro lato, la natura del self dipende strettamente dall’interazione faccia a faccia» (Giglioli, 1998).

13Questo rifiuto di partire dalla psicologia e di muoversi lungo il crinale self/interazione permette comunque l’utilizzo una pluralità di fonti: «Accanto a dati provenienti da studi sociologici e antropologici, egli [Goffman] usa molte altre fonti (non sempre considerate rispettabili dai metodologi ortodossi): osservazioni informali della vita quotidiana, ritagli di giornale, manuali di etichetta, registrazioni radiofoniche ecc..» (Giglioli, 1998, 12).

14In Asylums, la sua ricerca più impegnativa, Goffman (1961) affronta il tema della “oggettività” ma si tratta della oggettività “rispetto ai valori” del ricercatore. Goffman infatti aderisce al “paradigma della oggettività” presentandosi con il ruolo di istruttore di ginnastica per osservare chi vive nell’ospedale psichiatrico St. Elisabeth, non familiarizza con lo staff e trascorre la giornata riducendo al minimo le relazioni con i pazienti. Questo non gli impedisce di solidarizzare con loro e, come scrive nella introduzione, «Devo premettere che è probabile che il mio giudizio risenta del fatto di essere borghese: forse io ho sofferto per condizioni cui i pazienti di classe più povera sapevano far fronte con minor disagio (…) infine diversamente da quanto succede in alcuni pazienti, io arrivai in ospedale animato da ben scarso rispetto per la psichiatria in quanto scienza e per le altre entità ad essa collegate. (…) Se si vuole descrivere fedelmente la situazione del paziente non si può essere obiettivi» (Goffman, 1961, 26).

15Come terza osservazione si può affermare che chi aderisce al “paradigma dell’oggettività” si autolimita nei confronti di un insieme di tecniche di ricerca ma può utilizzare ugualmente più tecniche e metodi di ricerca.

16Ad esempio, Paul F. Lazarsfeld (PFL) in Die Arbeitslosen von Marienthal che appartiene al periodo viennese di Lazarsfeld e che esce nel 1932 a cura di PFL insieme a Marie Jahoda e Hans Zeisel si propose di aderire al paradigma dell’oggettività senza però utilizzare il metodo delle interviste. La scelta di non interagire con le persone di Marienthal per avere risultati più “oggettivi” fu, come scrisse Lazarsfeld, influenzata dalla lettura di Karl Marx. Per realizzare questo paradigma vennero utilizzate tecniche di ricerca molto creative. Dietro l’angolo di una finestra con un orologio alla mano, si osservò a mezzogiorno il via vai delle donne e degli uomini sulla strada principale di Marienthal per quantificare, in una situazione di disoccupazione, la diversa lentezza degli uomini e delle donne che si avviavano a casa misurando il tempo delle soste di conversazione. Venne poi organizzato dalla equipe di ricerca un “Progetto vestiti” (il gruppo di ricerca distribuì 200 capi di vestiario alle famiglie più povere per il soccorso invernale del distretto e per giustificare questi regali chiese di rispondere ad alcune domande) e il “Progetto cure mediche” (il gruppo di ricerca accompagnò nelle loro visite una ostetrica ed una pediatra per dare, se necessario, gratuitamente i medicinali) e così poté fare osservazioni dirette sulle famiglie. Si utilizzarono per la ricerca anche i temi fatti a scuola da bambini e bambine (su i regali da loro ricevuti a Natale) questi temi furono percepiti dai bambini e dalle bambine come facenti parte del normale lavoro svolto in classe.

17Metodologie diverse, ma altrettanto flessibili al loro interno, si possono individuare in un’altra ricerca di PFL The Academic Mind (1958) scritta con Wagner Thielens che analizzava il maccartismo nelle università americane. In questa ricerca è molto interessante l’uso della matematica e delle analisi quantitative come “difesa” nei confronti degli attacchi che la potente destra americana avrebbe potuto fare a questa ricerca. Venne, infatti, scritto nel libro un capitolo secondo che utilizzava solo risposte qualitative che permisero e permettono ancora di documentare con grande dettaglio le violenze del maccartismo subite dai docenti delle università americane e la condanna di queste violenze è fatta dai due autori senza mezzi termini. Negli altri capitoli però c’è un grande sfoggio di modelli matematici e di uso di una terminologia neutrale (ad esempio si usa il termine “permissive” invece che “liberal or progressive” contrapposto al termine “conservative”) per cui la ricerca di “oggettività” non è solo cercata nella “neutralità” dell’equipe di intervistatori e intervistatrici ma anche in una terminologia “neutrale” che domina in più capitoli per permettere la condanna e la dettagliata analisi del maccartismo nel secondo capitolo.

18Una quarta osservazione è che tra le ricerche che operano all’interno di questo paradigma vi possono essere sia ricerche che, da una Radical Sociology, possono essere considerate “di sinistra” sia ricerche che possono essere considerate “di destra”. Le due ricerche di PFL prima ricordate, Die Arbeitslosen von Marienthal e The Academic Mind, furono molto apprezzate da “sinistra”. Non così la sua ricerca Personal Influence, pubblicata nel 1955 da PFL insieme a Elihu Katz che fu finanziata dall’Ufficio ricerche della Macfadden Publications per capire come doveva organizzare le sue campagne pubblicitarie.

  • 2 In quell’anno, infatti, a Montgomery, in Alabama, Rosa Parks, una signora di mezza età, decise di r (...)

19Il metodo utilizzato fu quello della “survey research” e con quella ricerca Lazarsfeld verificò la teoria dei “two step flow of communication” per cui la maggioranza delle donne, nelle loro decisioni di consumo, non è direttamente influenzata dai mass media ma da una rete di leaders di opinione che fanno parte della loro rete di relazione. Bisogna tener presente che il 1955 è noto, negli Stati Uniti come l’anno di Martin Luther King2 alle cui iniziative aderirono docenti e studenti della Columbia University. Non sorprendono quindi le valutazioni politiche molto critiche che fecero a Lazarsfeld sia i due Lynd che giovani studenti radicali come Seymour Martin Lipset. La ricerca Personal Influence segnalò così due problemi: (a) la scelta di fare una ricerca su alcune tematiche non è mai, in un dato contesto storico, una scelta neutrale (indipendentemente dal paradigma utilizzato); (b) se si sceglie come tema quello della influenza dei mass media sulle persone è diverso studiare questi effetti per agevolare le campagne dei pubblicitari oppure capire i meccanismi di potere presenti nelle emissioni televisive che in quel periodo diffondevano contenuti razzisti, militaristi e sessisti.

20Complessivamente si può affermare che la “survey research” proposta da PFL per aderire al “paradigma dell’oggettività” ebbe due gruppi di riferimento. Fu un manifesto di “scientificità” per convincere le imprese a investire in ricerche di mercato “scientifiche” e il mondo della politica ad utilizzare sempre di più gli “scientifici” sondaggi di opinione (PFL è stato in questo bravissimo a trovare fondi di ricerca costruiti intorno alla “professionalità” della sua equipe di ricerca). E fu anche un manifesto della Columbia University contro la “scuola di Chicago” definendo “non scientifiche” sia le ricerche basate sulla “osservazione partecipante” sia le ricerche che utilizzavano maggiormente “interviste in profondità”, raccolta di “storie di vita” ecc..

21Questo attacco accademico funzionò per un breve periodo. Poi le singole tecniche di ricerca non compatibili con il “paradigma dell’oggettività” vennero riabilitate e si diffuse l’idea che era soprattutto importante arrivare a teorie e spiegazioni “interessanti “ e “valide” indipendentemente dai metodi di ricerca utilizzati. Ma altri “paradigmi” stavano presentandosi alla ribalta della ricerca sociologica.

2. Il paradigma della ricerca azione

22Con il paradigma della ricerca azione chi fa ricerca si propone come obiettivo principale il cambiamento di atteggiamenti e comportamenti di persone oppure di una particolare situazione.

23Il termine ricerca azione è stato utilizzato la prima volta da Kurt Lewin (1946, 202, 205-206) che così la definisce:

La ricerca azione [è] una ricerca che, confrontando le condizioni e gli effetti di varie forme di azione sociale e di ricerca, produce un’azione sociale. Una ricerca che produce solo libri non è sufficiente. Questo non significa in alcun modo che questo tipo di ricerca sia sotto tutti gli aspetti meno scientifica o “inferiore” a ciò che sarebbe richiesto da una scienza pura nell’area degli eventi sociali (…) [la ricerca azione si basa su] una spirale di passaggi ciascuno dei quali è formato da un processo ciclico di programmazione, azione e indagine su i risultati dell’azione (…) la fase del programmare inizia in genere con qualche cosa di simile a un’idea generale. Per una ragione o l’altra si ritiene desiderabile raggiungere un dato obiettivo e non è del tutto chiaro circoscrivere esattamente questo obiettivo e definire I passi necessari per raggiungerlo. Il primo passo consiste nell’esaminare quest’idea con attenzione alla luce dei mezzi disponibili (…) Il secondo passo consiste nell’eseguire le prime azioni della programmazione che è stata decisa (…) Si passa poi a un porcesso ciclico di programmazione, esecuzione e conoscenza individuazione dei fatti necessari per valutare I risultati del secondo passo così da preparare le basi razionali per programmare il terzo passo o forse modificare tutto l’impianto della programmazione (Lewin, 1948, 202, 205-206).

24La ricerca azione è quindi molto diversa dalle ricerche basate sul paradigma dell’oggettività ed è anche diversa dalle ricerche che utilizzano il metodo della osservazione partecipante. La “familiarità” e “l’intimità” tra chi fa ricerca e i soggetti della ricerca di cui parla William Foote Whyte avevano sempre come obiettivo la conoscenza ed anche Alfred Mc Clung Lee (1970) che introduce il reader curato da Glenn Jacobs The Partecipant Observer scrive che:

L’osservazione partecipante è solo una via per superare le difficoltà di una più adeguata conoscenza sociale. Quello che accade quando si percorre quella via dipende dalla capacità e dalle interazioni dell’osservatore. Deve essere capace di vedere, ascoltare e mostrarsi sensibile alle interazioni di cui diventa una componente (Mc Lung Lee, 1970, 7).

25L’obiettivo della ricerca azione non è invece solo quello della conoscenza ma è l’intreccio tra ricerca e azione che definisce questo tipo di paradigma.

26Nelle ricerche basate sul paradigma dell’oggettività, e anche in quella basata sulla osservazione partecipante, si ha la sequenza: ipotesi→ricerca sul campo→analisi→conclusioni. Nella ricerca azione la sequenza è invece: Ricerca (ipotesi→ricerca sul campo→analisi)→Azione (azione→risultati→analisi) →Nuova ricerca (ipotesiricerca sul campoanalisi)→Nuova azione (azione→risultati→analisi).

27Questo diverso tipo di ricerca prevede quindi un processo ciclico di ricercaazionenuova ricercanuova azione che si interrompe solo quando si sono raggiunti i cambiamenti desiderati dagli attori che hanno promosso la ricerca. Come ha precisato Kurt Lewin «[la ricerca azione si compone] di una spirale di passaggi, ciascuno dei quali è formato da un processo ciclico di programmazione, azione e indagine sui risultati della azione».

28Questo tipo di ricerca funziona solo se si realizza una collaborazione stretta tra i diversi tipi di attori (questa ricerca è stata anche definita co-ricerca) che sono coinvolti nel processo di ricerca e di azione. La ricerca azione nasce da un patto esplicito di collaborazione tra tre attori diversi: (a) chi coordina la ricerca e la equipe di ricerca; (b) altri attori pubblici o privati che sono coinvolti nel processo di cambiamento desiderato; (c) i soggetti della ricerca. Ed è questa collaborazione tra tre tipi di attori, che si propongono un cambiamento di atteggiamenti e comportamenti di persone o di una particolare situazione, che permette di: (i) raggiungere le conoscenze necessarie per formulare nuove teorie; (ii) individuare le azioni necessarie per il cambiamento.

29Il muoversi al di fuori del paradigma dell’oggettività non significa che in questo tipo di ricerca sia rifiutato ogni tipo di controllo scientifico delle tappe della ricerca. La scientificità viene cercata attraverso una riflessione continua sulle diverse tappe della ricerca e su i comportamenti e atteggiamenti di tutti gli attori (compreso chi coordina la ricerca). È quindi una ricerca autoriflessiva (self-reflective) e Kurt Lewin, che analizza come esempio una ricerca azione di più attori che si proponevano di ridurre gli atteggiamenti razzisti nello stato del Connecticut, così descrive (1946, 210) il procedere degli osservatori incaricati ogni giorno di trascrivere ciò che avviene nelle tappe della ricerca in modo da essere consapevoli, in modo il più completo possibile, di ciò che sta accadendo e permettere una valutazione presa collettivamente:

Il metodo di registrare gli eventi essenziali di chi partecipa al workshop comportò una sessione di valutazione alla fine di ogni giorno. Gli osservatori che avevano partecipato alle sessioni dei diversi sottogruppi, utilizzando un registratore, discussero sul tipo di leadership che avevano osservato, sul progresso o sulla mancanza di progresso nello sviluppo del gruppo che da un conglomerato di singoli individui attivi arriva ad essere un “noi” integrato e così via (Lewin, 1848, 210).

30All’interno di questa sequenza di ricerca-azione i metodi di ricerca variano a seconda del tipo di cambiamento che la ricerca azione si propone e a seconda delle scelte dei diversi attori. A differenza di chi aderisce al paradigma dell’oggettività non ci sono però preclusioni nei confronti di nessun metodo di ricerca.

31Il paradigma della action research/co-research può perciò essere definito da questi punti:

  1. Standpoint epistemology: la ricerca ha come obiettivo il cambiamento di atteggiamenti e comportamenti di persone oppure di una particolare situazione.

  2. Methodology: per raggiungere questo obiettivo la ricerca prevede al suo interno le azioni necessarie per questo cambiamento e queste azioni sono decise in base alle analisi derivate dalla attività di ricerca. È una sequenza di ricerche-azioni basate sulla collaborazione tra chi fa ricerca, gli attori coinvolti, i soggetti della ricerca. La garanzia di scientificità è legata alla capacità della ricerca di essere autoriflessiva con la presenza di osservatori che svolgono un lavoro di osservazione-trascrizione permettendo agli attori la valutazione di ciò che sta accadendo.

  3. Research methods: sono ammessi tutti i metodi di ricerca, sia quantitativi che qualitativi, purché all’interno della metodologia sopra indicata.

32La ricerca azione ha iniziato a diffondersi alla fine degli anni ’60/ inizio anni ’70 negli Stati Unti e in Europa in seguito ai movimenti studenteschi e alle lotte operaie che hanno spinto molti ricercatori e ricercatrici ad organizzare ricerche azioni definite anche co-ricerche. Dopo un rallentamento negli anni ’80 oggi la ricerca azione sta avendo un nuovo grande successo in tutte le parti del mondo (dall’America Latina all’Australia) in quanto questa ricerca si è dimostrata molto utile in più direzioni.

33Le principali direzioni in cui la ricerca azione è stata utilizzata sono state le seguenti: (a) per interventi in comunità come la ricerca esaminata da Kurt Lewin su i problemi di integrazione della minoranze in una data comunità; (b) per risolvere i problemi dell’analfabetismo e aiutare ragazzi e ragazze con problemi scolastici; ad esempio la partecipatory action research di Paulo Freire per la lotta all’analfabetismo in Brasile a cui sono seguite molte ricerche azione in ambito educativo; (c) per aiutare operaie e operai in fabbrica di fronte ai problemi della innovazione tecnologica e le scelte padronali; ad esempio le co-ricerche fatte in Italia documentate da Capecchi (2004, 2006); (d) per intervenire a favore di persone con problemi psichici, con disabilità oppure persone anziane non autosufficienti; ad esempio la co-ricerca di David Epston (1999) per aiutare persone con problemi psichiatrici in cui si realizza una “produzione comune di conoscenza con l’alleanza tra terapista e chi soffre”; (e) per intervenire a favore di persone a rischio: persone che hanno avuto problemi con la giustizia, persone tossicodipendenti ecc.; (f) per definire strategie di sviluppo locale quando più attori sono impegnati a risolvere problemi di crisi economica; ad esempio le ricerche fatte in Norvegia, Svezia e Danimarca descritte da Lauge Baungaard Rasmussen (2004); (g) per definire interventi di ricerca azione pacifisti come nel libro scritto recentemente da Alberto L’Abate (2012) che riprende le analisi portate avanti da Johan Galtung analizzando quanto le tecniche di azione pacifiste cambino le prospettive della ricerca azione. Da tener presente che nel libro di L’Abate i metodi della realtà per rispondere agli obiettivi di questo tipo particolare di ricerca azione sono articolati in quattro: analisi causale; analisi strutturale; analisi funzionale; analisi processuale.

34Il successo della ricerca azione è stato tale che c’è stato anche un suo uso politico da condannare. Ad esempio un organismo internazionale neoliberista come la Banca Mondiale ha usato questa strategia per cercare di convincere popolazioni indigene ad aderire ai programmi delle multinazionali che volevano sfruttarle; come documentano Bill Coke e Uma Kothari (2001).

35Il percorso della ricerca azione non poteva non incontrare il modo di fare ricerca e teoria di Bruno Latour. Abbiamo visto che nel testo di Kurt Lewin del 1946 il problema che si poneva Lewin era di documentare nella ricerca azione che stava analizzando «il progresso o la mancanza di progresso nello sviluppo del gruppo che da un conglomerato di singoli individui attivi arriva ad essere un noi integrato».

36Questa analisi del formarsi di nuovi micro attori collettivi che si collocano in una area intermedia tra Micro e Macro è proprio l’oggetto della ricerca di Bruno Latour che fa risalire questa scelta (tra lo studiare dei tipi sociologici o dei nuovi attori sociali) allo scontro tra Tarde e Durkheim. Nel suo testo base, disponibile sia in versione francese che inglese (2004), Latour analizza il sorgere di questa nuova rete di micro attori collettivi (che Latour chiama actors-network) avvicinandosi al paradigma della ricerca azione e uscendo da quello della oggettività. Come scrive Latour:

Il problema non è quello di contrapporre testi oggettivi a testi soggettivi. Ci sono testi che pretendono di essere oggettivi perchè rivendicano di imitare ciò che essi credono essere il segreto delle scienze naturali e ci sono testi che provano ad essere oggettivi perchè inseguono tracce di oggetti (objects) che hanno avuto la possibilità di opporsi (to object) a ciò che è stato detto su di loro (Latour, 2004, 124-125).

37È quindi essenziale, per Latour, che gli “oggetti” della ricerca possano diventare realmente dei “soggetti” della ricerca e avere “la possibilità di opporsi a ciò che è stato detto su di loro”.

3. Il paradigma della metodologia femminista

38Le ricerche che sono state realizzate all’interno di questo paradigma si differenziano da quelle prima ricordate per due principali caratteristiche. Sono ricerche che tengono conto delle differenze di genere in tutta la sequenza della ricerca (è importante il sesso di chi coordina la ricerca, di chi fa le interviste, di chi è soggetto/oggetto della ricerca, di chi utilizza i risultati della ricerca ecc..) e sono anche ricerche collegate con le azioni e le teorie del movimento femminista presente in tutte le diverse parti del mondo.

39Il movimento femminista è un soggetto politico collettivo eterogeneo che, in luoghi e tempi diversi, ha realizzato azioni diverse e proposto teorie femministe diverse. Nonostante queste diversità Caroline Ramazanoglu e Janet Holland (2002, 138-139) scrivono che quando una ricercatrice utilizza una metodologia femminista per realizzare le sue ricerche a favore di altre donne fa riferimento a una “comunità femminista epistemica”:

Una comunità epistemica è un termine che identifica una collettività costruita socialmente con delle regole condivise che autorizza a parlare come un particolare tipo di soggetto esperto (…). Il femminismo esiste come comunità epistemica immaginata nel senso che non è necessario incontrarsi insieme per esistere come collettività e non si tratta semplicemente di un’aggregazione di donne; Ciò che le donne o le esperte in femminismo hanno oggi in comune è comunque di essere aperte all’indagine (Ramazanoglu, Holland, 2002, 138-139).

40Libri e saggi sulla feminist methodology iniziano negli anni ’70 e la diffusione di questa metodologia, che è avvenuta all’inizio tra ricercatrici dell’area anglosassone, si è poi diffusa con la presenza di ricercatrici appartenenti ad altre esperienze culturali. Per avere una idea dell’evoluzione di questa metodologia si possono confrontare queste antologie: Nona Blazer, Helen Youngelson Wachewre (a cura di) (1977), Women in a Man Made World; Helen Roberts (a cura di) (1981), Doing Feminist Research; Gloria Bowles, Renate Duelli Klein (a cura di) (1983), Theories of Women’s Studies; Sandra Harding, Merill B. Hintokka (a cura di) (1983), Discovering Reality; Sandra Harding (a cura di) (1987), Feminism & Methodology; Joyce MacCarl Nielsen (a cura di) (1990), Feminist Research Methods; Mary Margaret Fonow, Rudith A. Cook (a cura di) (1991), Beyond Methodology. Feminist scholarship as lived research; Sharlene Nagy Hesse-Biber, Michelle L. Yaiser (a cura di) (2004), Feminist Perspectives on Social Research.

41In questi testi il centro delle riflessioni è la relazione tra oggettività/soggettività. Questa relazione, come scrivono Caroline Ramazanoglu e Janet Holland (2002, 62) va vista all’interno della relazione conoscenza/verità che permette di individuare un continuum tra due posizioni estreme che possono essere prese da chi fa ricerca: (a) Verità assoluta (questa posizione è presa da chi ritiene di essere “un osservatore che sa tutto e osserva dall’esterno ed è indipendente da ciò che deve essere osservato”); (b) Relativismo assoluto (“è la posizione di chi non individua nessun modo per scegliere tra diverse versioni della verità”).

42Tra queste due posizioni estreme la metodologia femminista si colloca in una posizione intermedia perché ammette che è sempre possibile considerare alcune interpretazioni migliori di altre e d’altra parte non è possibile arrivare a una “verità assoluta” che sia al di fuori delle relazioni che si stabiliscono tra le donne che fanno ricerca e le donne soggetti della ricerca. Quali sono, infatti, i rischi di chi non sceglie la posizione intermedia? Il problema è posto con chiarezza da Sandra Harding (1983, 55):

Se la comunità di ricercatori e critici “qualificati” esclude sistematicamente, ad esempio, le afroamericane e le donne di tutte le razze e se la cultura più ampia è stratificata per razza e genere e perde la capacità critica di questa stratificazione, non è plausibile immaginare che I valori e gli interessi razzisti e sessisti dovrebbero essere identificati all’interno di una comunità di scienziati composta interamente da persone che- intenzionalmente o meno- beneficiano di questo razzismo e sessismo.

43Ciò che emerge da queste precisazioni è che i tre paradigmi analizzati (quello della oggettività, della ricerca azione, della ricerca femminista) sono tutti e tre delle posizioni intermedie che differiscono tra di loro per le diverse modalità con cui viene ricercata una “maggiore oggettività”.

44La maggiore oggettività della metodologia femminista è definita da Sandra Harding (1992) “oggettività forte”:

L’oggettività forte dovrebbe precisare la strategia per definire le assunzioni sociali che a) influenzano la ricerca nelle fasi di identificazione e concettualizzazione dei problemi scientifici e formazione delle ipotesi (il “contesto della ricerca”); b) tendono ad essere ripartite tra gli osservatori legittimati e scelti per la ricerca e si tratta di valoro e interessi “collettivi” e non individuali; c) tendono a strutturare le istituzioni e gli schemi concettuali delle discipline. Queste procedure soo anche capaci di d) distinguere tra quei valori e interessi che portano alla produzione di proposizioni sulla natura e relazioni sociali che sono meno parziali e distorte ( “meno falsi”) da valori come correttezza, onestà, libertà e potremmo aggiungere quelli della democrazia più avanzata che li alimenta (Harding, 1992, 580).

45Questa oggettività forte richiede una forte riflessività (strong reflexivity):

Una oggettività forte richiede che I soggetti della conoscenza siano posti sullo stesso piano critico e causale degli oggetti della conoscenza. La forte oggettività richiede ciò che noi definiamo come una “forte riflessività”. Questa è necessaria perché è evidente che ciò in cui si crede in base a una data cultura incide in ogni fase dell’inchiesta scientifica: nella selezione dei problemi, formazione di ipotesi, disegno della ricerca (inclusa l’organizzazione delle comunità di ricerca), raccolta dei dati, decisione di quando interrompere la ricerca, modalità con cui sono diffusi I risultati della ricerca (Harding, 1998, 55).

46La riflessività forte di cui parla Sandra Harding è realizzata da “osservatori scelti come legittimi” e questi osservatori non si occupano solo di metodi ma di valori politici. che devono essere rispettati durante tutte le fasi della ricerca.

47Le ricerche che seguono la metodologia femminista possono utilizzare o non utilizzare ricerche basate sulla ricerca azione. In un manuale scritto da Shulamit Reinharz (1992) dal titolo Feminst methods in social research sono indicati questi metodi:

Ricerca femminista basata su interviste, etnografia femminista, ricerca femminista basata sulla survey e altri tipi di ricerca utilizzanti metodi quantitativi, ricerca sperimentale femminista, ricerca femminista interculturale, ricerca femminista di storia orale, analisi femminista di contenuti, studi di caso femministi, ricerca azione femminista, ricerca femminista utilizzante più metodi.

48La ricerca azione femminista è quindi solo uno dei metodi della metodologia femminista. Il paradigma della metodologia femminista può essere perciò definito in questi punti:

  1. Standpoint epistemology: la ricerca ha come punto di riferimento le teorie e le lotte espresse dai movimenti femministi. Chi fa ricerca si confronta con una “comunità femminista epistemica”.

  2. Methodology: per raggiungere questo obiettivo la ricerca parte da una relazione privilegiata tra le donne che fanno ricerca e le donne che sono soggetti della ricerca e le spiegazioni individuate sono ritenute valide se tengono conto dei valori espressi dalla comunità femminista epistemica che considera importante valorizzare e incrementare il potere di tutte le donne. Una maggiore oggettività è ottenibile se la ricerca prevede al suo interno “osservatori legittimati” che devono tener conto non solo della correttezza dei metodi ma anche della correttezza con cui i valori femministi sono stati seguiti in tutte le fasi della ricerca. È una ricerca autoriflessiva.

  3. Research methods: sono ammessi tutti i metodi, sia quantitativi che qualitativi, purché all’interno della metodologia sopra indicata.

4. Una città che resta caotica e inquieta e oggi è anche più triste

49In un saggio scritto quindici anni fa (Capecchi, 1996) invitavo ad uscire, per almeno un fine settimana, dalla Città «caotica e inquieta (…) delle teorie e dell’azione in cui vivono tutti i ricercatori e tutte le ricercatrici dell’area sociologica» per visitare i tre castelli della metodologia che stanno sulle colline e dare almeno un’occhiata alla Casa delle donne. Oggi con questo saggio il mio invito è quello di visitare su altre colline i tre paradigmi della ricerca sociologica. Sono utili queste visite? E ci sono stati cambiamenti nella Città di chi fa ricerca sociologica?

50Per mettere in pratica e verificare l’utilità di queste “visite” bisognerebbe realizzare ricerche metodologicamente valide all’interno del paradigma scelto ma questo richiede la possibilità di accedere a risorse (finanziamenti, ricercatori disponibili, soggetti della ricerca coinvolti, attori politici interessati ecc..) che spesso non ci sono. La Città della ricerca sociologica è, oggi come allora, “caotica e inquieta” perché nella sua parte più impegnata politicamente si trova, con tempi stretti e mezzi ridotti, a cercare di fare inchiesta per denunciare e interpretare cambiamenti che si presentano sempre più complessi, negativi e inaspettati.

51C’è però una differenza rispetto a quindici anni fa. La Città è stata recentemente lasciata da amici di lunga data come Antonio e Guido. La Città è sempre caotica e inquieta ma oggi è anche più triste.

Torna su

Bibliografia

Atkinson J.M. (1971), Social Reaction to Suicide, in Cohen S. (a cura di), Images of Deviance, Harmondsworth, Penguin Books.
Id. (1978), Discovering Suicide. Studies in the Social Organization of Sudden Death, London, Macmillan.

Baungaard Rasmussen L. (2004), Action research. Scandinavian experiences, «Artificial Intelligence & Society», 18, pp. 21-43.

Blazer N., Youngelson Wachewre H. (a cura di) (1977), Women in a Man Made World, Rand NcNally, Chicago.

Boudon E. (1987), The Individualistic Tradition in Sociology, in Alexander J.C. et al. (a cura di), The Micro Macro Link, Berkeley, University of California Press.

Bowles G., Duelli Klein R. (a cura di) (1983), Theories of Women’s Studies, London, Routledge.

Capecchi V. (1996), Tre castelli, una Casa e la Città inquieta, in Cipolla C., de Lillo A. (a cura di), Il sociologo e le sirene, Milano, Franco Angeli, pp. 37-99.
Id. (2004), A Changing society and problems of methods: a politically committed research type, «Artificial Intelligence & Society», 1, pp. 149-74.
Id. (2006), Per una storia della ricerca azione in Italia, «Inchiesta», 36, pp. 1-25.
Id. (2010), Mathematics and Sociology. From Lazarsfeld to Artificial Neural Networks, in Capecchi V., Buscema M., Contucci P., D’Amore B., Applications of Mathematics in Models, Artificial Neural Networks and Arts, Dordrecht, Springer, pp. 1-78. Questo testo è stato pubblicato anche in italiano in «Sociologia e ricerca sociale», 87, 2008, pp. 5-90.

Capecchi V., Pesce A. (1993), L’Emilie Romagne, in Scardigli V. (a cura di), L’Europe de la diversité. La dinamique des identités régionales, Paris, Cnrs.

Coke B., Kothari U. (a cura di) (2001), Partecipation: the New Tiranny?, London, Zed.

Coleman J.S. (1990), Foundations of Social Theory, Cambridge (Mass), The Belknap Press of Harvard University Press.

Epston D. (1999), Co-Research: the Making of an Alternative Knowledge, in Narrative Therapy and Community Work: A Conference Collection, Adelaide, Duwich Centre Pubblication.

Fonow M.M., Cook R.A. (a cura di) (1991), Beyond Methodology. Feminist scholarship as lived research, Bloomington, Indiana University Press.

Giglioli P.P. (1984), Una lettura durkheimiana di Goffman, «Rassegna italiana di sociologia», 3, pp. 401-427.
Id. (1998), Presentazione, in Goffman E., The Interaction Order (1983), trad. it. L’ordine dell’interazione, Roma, Armando Editore.

Goffman E. (1961), Asylums, Torino, Einaudi, 2003.
Id. (1967), Il rituale della interazione, Bologna, il Mulino, 1988.

Harding S. (1992), After the neutrality ideal: science, politics and strong objectivity, «Social Research», 59, pp. 567-88.
Id. (1998), Rethinking Standpoint Epistemology. What is Strong Objectivity?, in Alcoff L., Potter E. (a cura di), Feminist Epistemology, London, Routledge, pp. 49-82, ripubblicato in Harding S. (2004), Rethinking Standpoint Epistemology. What is Strong Objectivity?, in Nagy Hesse-Biber S., Yaiser M.L. (a cura di), Feminist Perspectives on Social Research, Oxford, Oxford University Press.

Harding S. (a cura di) (1987), Feminism & Methodology, Bloomington, Indiana UP.

Harding S., Hintokka M.B. (a cura di) (1983), Discovering Reality (nuova ed. 2003, Springer).

Katz E., Lazarsfeld P. (1955), L’influenza personale nelle comunicazioni di massa, Torino, eri, 1968.

L’Abate A. (2012), Methods of Analysis in Social Science and Research for Peace: an Introduction, Oslo, Trascend University Press.

Latour B. (2004), Reassambling the Social: An Introduction to Actor-Network-Theory, Oxford, Oxford University Press.

Lazarsfeld P., Jahoda M., Zeisel H. (1932), I disoccupati di Marienthal, Roma, Edizioni Lavoro, 2007.

Lewin K. (1946), Action research and minority problems, «Journal of Social Issues», 2, pp. 34-46; ripreso in Lewin K. (a cura di) (1948), Resolving Social Conflict: Selected Papers on Group Dynamics, New York, Harper.

MacCarl Nielsen J. (a cura di) (1990), Feminist Research Methods, Boulder, Co, Westview.

McClung Lee A. (1970), On the Context of Relevance in Jacobs G. (a cura di), The Partecipant Observer. Encounters with Social Reality, New York, George Braziller.

Nagy Hesse-Biber S., Yaiser M.L. (a cura di) (2004), Feminist Perspectives on Social Research, Oxford, Oxford University Press.

Ramazanoglu C., Holland J. (2002), Feminist Methodology: Challenges and Choices, Thousand Oaks, Sage.

Reinharz S. (1992), Feminist Methods in Social Research, New York, Oxford University Press.

Roberts H (cura di) (1981), Doing Feminist Research, London, Routledge.

Selvin H. (1958), Durkheim’s suicide and problems of empirical research, «American Journal of Sociology», 63, pp. 607-619.

Torna su

Note

1 Su questo punto vedi Boudon R. (1987).

2 In quell’anno, infatti, a Montgomery, in Alabama, Rosa Parks, una signora di mezza età, decise di ribellarsi al segregazionismo nei confronti dei neri che li obbligava a sedersi negli autobus negli ultimi posti anche se i primi posti erano liberi. Rosa Parks si sedette nei primi posti vuoti di un autobus di Montgomery e per questo gesto fu riconosciuta colpevole e condannata a pagare una multa di dieci dollari. Questo gesto spinse Martin Luther King (che nel 1955 aveva ricevuto il Ph. D. in Teologia all’Università di Boston) a presentarsi come leader del movimento pacifico per i diritti dei neri negli Stati Uniti iniziando il boicottaggio degli autobus che portò nel 1956 a una sentenza della US Supreme Court che definiva incostituzionale la segregazione dei neri negli autobus.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 Relazione tra macro e micro: il ruolo della religione protestante sull’organizzazione del capitalismo.
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/447/img-1.jpg
File image/jpeg, 18k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Vittorio Capecchi, « I tre paradigmi della ricerca sociologica »Quaderni di Sociologia, 62 | 2013, 39-54.

Notizia bibliografica digitale

Vittorio Capecchi, « I tre paradigmi della ricerca sociologica »Quaderni di Sociologia [Online], 62 | 2013, online dal 01 octobre 2013, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/447; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.447

Torna su

Autore

Vittorio Capecchi

Collegio Superiore Università di Bologna

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search