Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri62parte I. Metodologia ed epistemol...Misurare il non misurabile: consi...

parte I. Metodologia ed epistemologia delle scienze sociali

Misurare il non misurabile: considerazioni ed esempi

Measuring the non-measurable: some remarks and examples of empirical research
Sonia Stefanizzi
p. 91-102

Abstract

In the social sciences there are many concepts such as people trafficking, the migratory movements of humans, has been a much debated “object” of measurement for different reasons (for example because of the lack of homogeneity in official sources, the growing differentiation and fragmentation of the migratory routes, etc.). In particular, the paper underlines an epistemological perspective, in other words the relationship existing between the conceptual instruments available to the observer and the social phenomenon under examination. Thus the data on a phenomenon such as people trafficking in view of the close relationship which extends the consideration to immigration in general, are, as the author tries to demonstrate, often the result of the administrative practices of various national and international bodies, which, when dealing with particular migratory policies, define and limit the knowable statistical part of the phenomenon.

Torna su

Testo integrale

1. Alcune considerazioni critiche sull’uso dei concetti nella ricerca sociale

1Il mio contributo parte dal noto studio condotto negli anni Cinquanta a Tahiti da Robert Levy (1973), antropologo e psicoterapeuta che si era posto il problema di individuare la ragione dell’altissimo numero di suicidi registrati a Tahiti. Levy scoprì che i tahitiani non avevano il concetto di dolore al di fuori di quello fisico. Lo provavano certo, ma non avevano le parole per indicare la sofferenza spirituale, ovvero non avevano un concetto o un nome per identificarlo. La conseguenza di questa incapacità, nei casi di sofferenze intense e, per loro incomprensibili, era spesso il drammatico cortocircuito che portava al suicidio.

2Antonio de Lillo partiva spesso nelle sue riflessioni sulla classificazione dei concetti da questo impressionante aneddoto scientifico come esempio di una corrispondenza imperfetta fra realtà, pensiero e linguaggio e per sottolineare l’importanza, nella trattazione sociologica, del linguaggio nella creazione dei concetti che noi ricercatori analizziamo.

  • 1 Sia pur con profonde differenze tra loro rimando ai lavori di Chomsky, 1991; Wittgenstein, 1967; Ga (...)
  • 2 Per sistema di rilevanza Schütz intende un criterio di attribuzione di importanza: «noi volgiamo il (...)

3Contrariamente al pensiero di alcuni significativi sostenitori dell’identità tra pensiero e linguaggio1, Antonio de Lillo riteneva che il legame tra realtà, pensiero e linguaggio non fosse rigido: come il pensiero non poteva essere una copia della realtà che tenta di conoscere, così il linguaggio non poteva essere in un rapporto biunivoco con la realtà. Altri autori convergono con questa assunzione: a questo proposito Alberto Marradi sostiene che il giunto tra termini e concetti non è fisso ma si è modifica nel tempo e nello spazio «sicuramente c’è un grandissimo contributo dei termini, segni alla formazione del pensiero, ma il linguaggio non è una condizione necessaria del ragionamento, l’uomo nelle scelte quotidiane è capace di scelte rapidissime e ragionamenti complessi senza averli codificati in segni» (Marradi, 2007, 41). Anche se apparentemente ognuno di noi si comporta come se esistesse un legame rigido tra pensiero e cose, i fenomenologi ci ricordano che la nostra conoscenza del mondo non ci è data in modo immediato; essa comporta la creazione di costrutti tramite processi di astrazione e di generalizzazione: «tutti i fatti sono fin dall’inizio selezionati da un contesto universale dalle attività della nostra mente. Pertanto vi sono sempre fatti interpretati» (Schütz, 1974, 5). Ne deriva che ognuno di noi coglie solo determinate parti della realtà: scegliamo quelle più rilevanti per noi e per la nostra vita, selezioniamo cioè pragmaticamente in base a sistemi di attribuzione di importanza. Il senso attribuito ai nostri vissuti è soggetto a cambiamenti continui, il tempo agisce trasformando le nostre esperienze e la nostra situazione biografica e determina un diverso sistema di rilevanze che non può mai coincidere2.

4Date queste premesse il concetto non può essere visto come un sistema statico, come categoria a cui possono appartenere solo quegli elementi aventi dei caratteri ben precisi che fungono poi da condizione necessaria e sufficiente per determinare o meno l’inclusione nel concetto stesso. Per dirla nelle parole di Cicourel «le procedure decisionali per porre i fenomeni sociali entro categorie sono incorporate nelle assunzioni implicite di senso comune circa l’attore, le persone concrete e le vedute proprie dell’osservatore riguardo alla vita quotidiana. Il ricercatore comincia spesso la sua classificazione solo con ampie dicotomie alle quali si aspetta che i suoi dati si adattino e poi lavora con queste categorie» (Cicourel, 1964, 21).

5È un tema questo che stava molto a cuore ad Antonio: spesso sosteneva che se, come dice Blumer (1966) i concetti sono ponti verso il mondo empirico, il loro uso era uno dei problemi principali di cui doveva occuparsi la metodologia. In questi ultimi anni, le sue riflessioni lo avevano portato a mettere in discussione quell’idea di concetto propria della ricerca quantitativa che ha caratterizzato gran parte della sua biografia scientifica. Antonio diceva che il concetto non può essere pensato come una scatola chiusa che racchiude caratteristiche definitorie immutabili degli oggetti sociali e il cui significato è sempre determinabile in termini estensionali. Contrariamente a ciò, Antonio de Lillo sosteneva, in linea con il dibattito interazionista, che i concetti con cui deve lavorare il sociologo sono caratterizzati da aloni di vaghezza dovuti sia all’impossibilità di classificare un elemento flessibile e duttile come il linguaggio, sia per l’indicalità dei concetti (Garfinkel, 1967; Peirce, 1965-1967; Blumer, 1986). Il significato dei concetti viene costruito, riteneva Antonio, in un processo interattivo in cui sono coinvolti attori immersi in un contesto caratterizzato da coordinate spazio-temporali precise.

  • 3 Molte sono state le proposte di sintesi di questo eterogeneo dibattito, una tra le più significativ (...)
  • 4 A questo proposito Gouldner (1972), nel suo volume sulla crisi della sociologia occidentale, ci met (...)

6Il concetto inteso come classificazione mostra, dunque, una serie di limiti strettamente connessi ai principi su cui si basa la stessa logica classificatoria che fa riferimento ai criteri della esaustività, esclusività e alla unicità del criterio di divisione. In questa prospettiva il campo semantico del concetto viene ad essere prevalentemente semplificato con uno scopo fortemente pragmatico, la cui utilità ritengo sia soprattutto quella di fornire un quadro organico dei fenomeni sociali, omologandoli all’interno di determinate impostazioni teoriche (Verniani, 2003). Se la nostra relazione con il mondo non è solo mediata, ma determinata dai nostri schemi concettuali, come dice Garfinkel (1974) nello studiare i metodi con cui si costruiscono le pratiche di senso comune, l’idea che il significato di un termine sia dato dal referente (ovvero dall’oggetto corrispondente nella realtà) è fortemente messa in discussione dalla nozione di indicalità e di riflessività. È proprio su questo ultimo aspetto – la riflessività – nella costruzione delle strutture concettuali vorrei soffermare la mia attenzione. Come è noto la riflessività è un argomento centrale nel dibattito sociologico3 e, data la sua multidimensionalità teorica, ha creato dissenso tra i diversi studiosi4. Non è mia intenzione entrare nel merito di questo ampio e controverso dibattito, il riferimento che in questa sede faccio al concetto di riflessività è quello di strumento di analisi per indagare come l’interiorizzazione delle strutture esterne condizioni il nostro modo di rapportarci agli oggetti sociali. In particolare, mi riferisco alla definizione di sociologia riflessiva proposta da Bourdieu (1992). Secondo Bourdieu, uno sguardo riflessivo ci può mettere al riparo da tre tipi di deformazioni che possono annebbiare il nostro sguardo: la prima è connessa all’origine e alle coordinate personali di chi fa ricerca. Questo tipo di attenzione è oramai diffusa in gran parte delle ricerche sociologiche, si riconosce infatti che il genere, l’appartenenza etnica o di classe possano condizionare la qualità dei materiali che si raccolgono. La seconda è legata alla posizione che il ricercatore occupa nel microcosmo dell’accademia, e la terza è la «deformazione intellettualistica, che ci spinge a concepire il mondo come uno spettacolo, come un insieme di significati che chiedono di essere interpretati, più che a cogliervi problemi concreti che richiedono soluzioni pratiche» (Wacquant, 1992, 32). Applicare una visione teorica a pratiche che sono il prodotto di una visione diversa, senza una continua riflessione critica, rischia di produrre solamente artefatti. Questo errore è definito da Bourdieu “epistemocentrico” (ivi, 201) ed è considerato l’errore epistemologico più grave in tema di scienze umane; commetterlo rischia di farci alterare l’oggetto di studio fino a distruggerlo. È un «etnocentrismo da studioso, che consiste nell’ignorare tutto quello che l’analista proietta nella sua percezione dell’oggetto per il fatto di trovarsi all’esterno dell’oggetto e di osservarlo da lontano e dall’alto» (Bourdieu, 1992, 47). Va sottolineato che per questo autore la riflessività non presuppone solamente una semplice auto-riflessività del soggetto su se stesso, richiede piuttosto un’analisi delle «categorie di pensiero impensate che delimitano il pensabile e predeterminano il pensato» (Bourdieu, 1982, 10, in Wacquant, 1992, 33), cioè un’analisi del senso comune che ci permette di dare significato a quanto vediamo e che determina quello che noi penseremo. La riflessività altro non è che lo strumento di analisi che abbiamo a nostra disposizione per indagare come l’interiorizzazione delle strutture esterne condizioni il nostro modo di rapportarci all’oggetto di analisi, contestualizzandoci contemporaneamente anche nel nostro campo di azione, cioè nella disciplina sociologica, che diviene parte dell’analisi riflessiva. È un’operazione di messa in discussione di ciò che è legittimo, del senso comune, di ciò che va da sé; un tentativo di oggettivare ciò che c’è di più profondamente radicato in noi, di più nascosto nel nostro inconscio sociale.

7Alla luce di queste considerazioni, l’obiettivo principale di questo contributo è quello di proporre alcune riflessioni su alcuni concetti che occupano uno spazio rilevante all’interno del dibattito scientifico, dell’arena mediatica e delle decisioni politiche, come il traffico di esseri umani, la tratta, lo sfruttamento sessuale, la definizione di migrante regolare, migrante clandestino, in una più ampia discussione sulle caratteristiche e sulle difficoltà legate alla definizione operativa e, più in generale, all’impiego di concetti complessi nella ricerca sociale. I concetti sopra individuati rappresentano esempi significativi nell’analisi proposta per due aspetti principali: il primo perché sono contraddistinti da un elevato livello di generalità e quindi, di difficile traduzione empirica; in secondo luogo perché sono concetti cruciali nell’analisi sociologica di fenomeni che caratterizzano importanti processi di mutamento sociale delle società moderne.

8Come è stato già sottolineato, è noto come la letteratura metodologica proponga per la rilevazione empirica di concetti astratti due fasi tra loro strettamente connesse: quella della concettualizzazione e quella dell’operativizzazione in senso stretto. Come sostiene Marradi (1991) il rapporto di indicazione e la definizione operativa costituiscono i due momenti fondamentali e imprescindibili della scala di generalità che permette di studiare empiricamente, e di rendere quindi osservabili, dei concetti astratti. Come si cercherà di dimostrare, alla luce degli esempi proposti, è proprio in questa fase di lavoro che emerge il carattere imperfetto della traduzione empirica dei concetti tale da sollevare problematiche di validità e attendibilità, a causa del carattere parziale, e discrezionale delle scelte che ne derivano. Concetti complessi e polisemici, come quelli di traffico di esseri umani e di migrante possono generare problemi nella scelta delle dimensioni e degli indicatori, tali da imporre al ricercatore una continua analisi critica e contestualizzazione. Inoltre, la problematica della comparazione di tali fenomeni, osservati fra contesti differenti nel tempo e nello spazio unitamente alla loro natura processuale, spesso necessita il ricorso a indicatori equivalenti, ma non necessariamente uguali. Come si cercherà di dimostrare i concetti di traffico di esseri umani, di migrante necessitano di una costante revisione critica. In sostanza, come insegna lo stesso Bourdieu, “uno dei più potenti strumenti di rottura è la storia sociale dei problemi, degli oggetti e degli strumenti di pensiero, cioè la storia del lavoro sociale di costruzione degli strumenti di costruzione della realtà sociale” (Bourdieu, Wacquant, 1992, 189).

9Da un punto di vista metodologico, è possibile, quindi ritenere, che la rilevazione empirica di alcuni concetti come il traffico e la tratta dei migranti, nonché il concetto di devianza mostrino il carattere intrinsecamente interpretativo dell’operativizzazione e della definizione di tali concetti (e della stessa esperienza di ricerca tout court). Alla luce di tali considerazioni si può sostenere l’importanza nella ricerca empirica della pratica della riflessività (Bourdieu, Wacquant, 1992) da parte del ricercatore; a partire dalla stessa riflessione sulla scelta, interpretazione, declinazione ed utilizzo dei concetti che orientano poi la raccolta e l’interpretazione dei dati.

2. Il fenomeno del traffico di esseri umani: un oggetto controverso di misurazione

10Il fenomeno del traffico di esseri umani così come l’immigrazione sono stati negli ultimi vent’anni degli “oggetti” controversi di misurazione, sia a livello di consistenza numerica e di struttura dei soggetti a rischio e delle vittime, sia relativamente all’intensità e alle caratteristiche dei flussi nel caso delle immigrazioni. In questi due ambiti di studio convivono, come è stato ampiamente dimostrato da numerose indagini empiriche condotte a livello internazionale, una pluralità di dati di diverso livello, molto spesso, se non nella quasi totalità dei casi, frammentati e difficilmente comparabili tra di loro. Questa circostanza deriva da molti fattori non tutti eliminabili con facilità e rapidità né dal punto di vista teorico, né dal punto di vista pratico.

11Operando una sintesi possiamo dire che i motivi di una tale disomogeneità nelle fonti sono di varia natura, ma sostanzialmente riconducibili a tre cause principali:

  1. la prima rimanda alla complessità dell’oggetto di studio, alla sua multidimensionalità, alla crescente differenziazione e frammentazione dei percorsi migratori e delle posizioni degli immigrati nelle società d’arrivo e alle caratteristiche intrinseche degli strumenti quantitativi di rilevazione e alla loro capacità di “misurare” e cogliere l’evoluzione del fenomeno;

    • 5 A questo proposito i confronti internazionali risultano difficili, non solo per le differenze nei s (...)

    la seconda rimanda a questioni di natura più strettamente epistemologica. Con questo intendo il rapporto esistente tra gli strumenti concettuali a disposizione dell’osservatore e il fenomeno sociale osservato. In altre parole, i dati su un fenomeno come quello del traffico di esseri umani e, data la stretta relazione estendo la considerazione anche all’immigrazione, sono molto spesso, come cercherò di argomentare, il risultato di pratiche amministrative di vari enti nazionali e internazionali che, rispondendo a precise politiche migratorie, definiscono e limitano la parte statistica conoscibile del fenomeno. Come diversi autori hanno sottolineato (Kritz, 1987; Bonifazi, 1998) soprattutto nel campo dell’immigrazione, esiste un forte legame tra la rilevazione del fenomeno e gli obiettivi delle politiche migratorie che hanno un ruolo centrale nell’operare un intervento selettivo nell’oggetto di studio (cioè definire le componenti delle migrazioni da misurare), nella definizione delle categorie concettuali e degli strumenti di rilevazione. I principali sistemi di rilevazione tendono a definire le categorie di soggetto trafficato, straniero o migrante in relazione ai significati che emergono dalle diverse politiche di immigrazione, modificandosi solo in relazione a eventuali cambiamenti negli interessi e nei bisogni politici nazionali (Kritz, 1987)5. Un esempio del carattere riflessivo di dati e pratiche è fornito dalle statistiche ufficiali. In generale, le statistiche ufficiali pubblicate dalle agenzie governative (sugli stranieri, sul traffico di esseri umani, sui crimini) sono generalmente considerate come un utile mezzo per studiare con precisione alcuni aspetti delle società moderne. Eppure i dati forniti da queste statistiche non permettono solo di “misurare” alcuni fenomeni sociali, ma sono parte integrante della realtà sociale dalla quale vengono estrapolate. Se pensiamo, ad esempio, alle statistiche sul traffico di esseri umani, alle statistiche sulla presenza della popolazione straniera pubblicate dai vari organismi nazionali e internazionali non possiamo non rilevare che tali statistiche sono composte da dati spesso rilevati da diversi soggetti che, a seconda della funzione svolta, cercano di quantificare il fenomeno oggetto di studio. Tuttavia, nella classificazione dei soggetti vittima di traffico o degli stranieri le istituzioni sono guidate da scelte e procedure che rispondono a due criteri principali: il primo riflette le logiche di funzionamento dei diversi organismi, il secondo si riferisce inevitabilmente a punti di vista e attitudini diversi nella ricostruzione della realtà osservata. Come alcuni autori sostengono (Atkinson, 1978), i dati ufficiali sono estremamente utili per conoscere il funzionamento delle organizzazioni che partecipano alla loro produzione e/o le procedure per mezzo delle quali viene definita e limitata la parte statistica conoscibile del fenomeno, quindi, ad esempio, come i concetti di traffico, tratta, sfruttamento sessuale, straniero, migrante regolare, migrante clandestino, vengono definiti, classificati, giudicati e registrati. Possiamo dire, sia pur con cautela, che sia l’immigrazione che il traffico, ma il discorso potrebbe riferirsi ad altre problematiche sociali, nel momento in cui entrano come fenomeni nei sistemi classificatori con la finalità di essere misurati, diventano degli “oggetti politici” in quanto esprimono, da una parte la sensibilità delle autorità di governo verso il fenomeno e la loro capacità di predisporre adeguati strumenti informativi, dall’altra sono uno strumento di conoscenza e di verifica delle decisioni politiche (Bonifazi, 1998).

  2. La terza causa è data da due fattori strettamente collegati; da una parte la totale mancanza di un coordinamento (soprattutto per quanto riguarda la messa a punto di un sistema classificatorio comune) tra i vari enti che, per finalità diverse, conducono rilevazioni sul fenomeno, dall’altra l’impreparazione dei diversi sistemi statistici nazionali nel cogliere i mutamenti e la complessità delle società contemporanee come, ad esempio, la crescente presenza di fasce particolari delle popolazione (tra cui i migranti) e di fenomeni a queste collegati come il traffico di esseri umani. Questo ha prodotto paradossalmente una frammentazione dell’attività conoscitiva derivante dal fatto che sovente le indagini vengono svolte sotto l’impulso di finalità, anche importanti, da parte di diversi soggetti istituzionali e non, guidati dagli interessi più disparati. Queste ricerche non sono cumulative dal punto di vista della conoscenza, tendono ad essere cicliche sulla base di fluttuazioni negli interessi prevalenti al momento nel mondo politico, della cultura o dell’amministrazione.

12Queste considerazioni rimandano anche al problema di analizzare comparativamente il fenomeno del traffico di esseri umani. Infatti, se pensiamo alla complessità del fenomeno e alla diversità delle definizioni proposte che, come si è detto, rappresentano non solo l’espressione di approcci legislativi diversi, ma anche possibili risposte sociali e azioni preventive tra loro eterogenee, diventa difficile una analisi comparativa. Inoltre, vi è ampio consenso nella comunità scientifica nel ritenere che il ricercatore nel momento in cui indaga i fenomeni sociali, attraverso metodi e tecniche di varia natura non conosce i “meri fatti”, ma i “fatti” che entrano nella sua conoscenza empirica sono già espressione di determinate prospettive o paradigmi sociali (Khun, 1962). Come Khun ci insegna la conoscenza è una attività socialmente costruita, i paradigmi che guidano i processi di ricerca incorporano ipotesi profonde sulla natura della realtà sociale a cui si riferiscono, ipotesi che differiscono da una tradizione culturale ad un’altra, e che, inevitabilmente, fanno slittare il significato dei concetti osservati empiricamente con il mutare delle situazioni in cui tali concetti vengono adoperati, malgrado i termini rimangano invariati.

  • 6 L’Organizzazione delle Nazioni Unite, che si è espressa su questo argomento con una convenzione (Co (...)

13Se focalizziamo ora l’attenzione sul concetto di traffico e sulla polisemicità dei suoi significati le considerazioni appena fatte sulla riflessività acquistano maggiore chiarezza. Il concetto di traffico degli esseri umani copre, infatti, un’ampia varietà di situazioni che vanno dal fenomeno della migrazione illegale al matrimonio coatto, allo sfruttamento lavorativo, alla prostituzione. La definizione più comune di traffico è quella di associarlo allo sfruttamento sessuale e alle donne straniere, anche se non tutte le straniere che si prostituiscono sono state vittime di traffico o di altre forme di abuso6. Il traffico a scopo di sfruttamento sessuale si applica alle donne e ai minori che hanno subito intimidazioni e/o violenze legate a tale traffico. Così si è recentemente pronunciata l’Unione Europea, in occasione di una delle molteplici iniziative per combattere il traffico di esseri umani diffuso in molti paesi europei, e non solo. Non stupisce, quindi, che i principali studi e ricerche empiriche condotti in ambito nazionale e internazionale abbiano posto l’accento sulla connessione tra traffico, immigrazione e criminalità.

14Come è emerso dagli innumerevoli studi condotti negli ultimi anni, i termini usati per identificare il traffico variano a seconda delle legislazioni dei diversi paesi: si parla di contrabbando di stranieri, di commercio di esseri umani, di contrabbando di immigrati illegali, oppure semplicemente di traffico di stranieri. Operando una sintesi di tipo classificatorio per quanto riguarda le definizioni proposte, quelle prevalenti nelle legislazioni degli stati europei sono di due tipi:

  1. il primo tipo si riferisce al contrabbando di stranieri illegali come a un’attività che deliberatamente intende facilitare a fini di guadagno l’entrata, la permanenza e l’occupazione di stranieri in un dato paese, contrariamente a quelle che sono le leggi e gli ordinamenti del paese;

  2. il secondo tipo si riferisce, invece, al traffico di umani come a un’attività che ha lo scopo principale di facilitare o di incoraggiare sempre l’entrata illegale e, quindi, la successiva permanenza di un individuo, minore o donna, in un paese esercitando poi violenza, minacce, abusi. Questa violenza è ancora più grave in quanto agita su un soggetto in una situazione di difficoltà economica, di infermità mentale o fisica o di gravidanza.

15L’elemento comune in queste concettualizzazioni e definizioni operative del traffico è, forse, rintracciabile nell’identificare il traffico di esseri umani con le intenzioni stesse degli attori, quindi, con il tipo di reato commesso.

16L’analisi dei principali contributi (teorici ed empirici) prodotti dalla fine degli anni ’80 alla fine degli anni ’90 da vari organismi in ambito nazionale e internazionale sul fenomeno del traffico e della prostituzione straniera, mostra un bias interpretativo difficilmente eliminabile che risiede nella stessa assunzione di partenza, ovvero nella presunta relazione tra traffico, immigrazione e criminalità. Un esercizio utile è quello di provare a rileggere alcune delle principali categorie fondanti del fenomeno come clandestinità, migrazione, traffico, criminalità, responsabilità, cercando di mettere in luce altri possibili significati e connessioni.

17Il termine “clandestini” è abitualmente usato per definire ciò che non è lecito o non è palese. La atipicità di tale termine trova tra le sue principali fonti spesso l’assenza di una politica migratoria effettivamente funzionale allo spostamento degli individui né da parte dei paese di origine, né da parte di quelli di arrivo. Altra fonte di non secondaria importanza che contribuisce a dare al termine clandestino una valenza così pregiudizialmente negativa è l’informazione o (disinformazione): quando i media parlano delle persone che sono morte o hanno rischiato di annegare nel Mediterraneo lo hanno fanno per parlare di “disperati”, “manipolati dalle mafie” senza descrivere le ragioni che inducono queste persone a rischiare la vita per cercare altrove un avvenire migliore. Consideriamo poi l’equazione migrazione = criminalità: così anche troppo facilmente la migrazione diventa un crimine. Chi vuole migrare – soprattutto quando si ha una famiglia – è costretto a rivolgersi alle filiere organizzate in mano alla criminalità. La definizione sociale di “clandestino”, evocativa certamente di disperazione, ma soprattutto pregiudizio sfruttamento e criminalizzazione connota le migrazioni attuali. Molte ricerche empiriche hanno mostrato che nella situazione odierna non è la sola possibilità di emigrare e immigrare regolarmente che viene negata, ma è soprattutto la possibilità per l’emigrato, una volta entrato nel paese cosiddetto ospitante, di restare nella legalità a causa di una serie di circostanze (precarietà del lavoro offerto dell’alloggio difficoltà nel rinnovare il permesso di soggiorno ecc.).

18Le considerazione sopra esposte sono solo alcuni esempi a sostegno dell’ipotesi che la misurazione del fenomeno del traffico sia soprattutto uno strumento di conoscenza e di verifica della sensibilità delle autorità di governo verso il fenomeno stesso e della loro capacità di dotarsi di mezzi informativi adeguati. La riflessività delle statistiche sul traffico di esseri umani sembra derivare, quindi, principalmente dal fatto che i diversi sistemi classificatori e di raccolta dei dati non si limitano a fornire una base empirica per misurare realtà e percezione del traffico, ma diventano parte integrante e decisiva dello stesso processo di decisione politica. La riflessività consiste nel fatto che, da una parte la conoscenza statistica permette ai policy makers di valutare se gli obiettivi perseguiti dalla politica nazionale si sono realizzati, dall’altra contribuisce a sedimentare nelle élite la percezione (in genere di diffidenza) del ruolo delle migrazioni.

19Anche le statistiche sulla criminalità ci sollecitano a un esercizio riflessivo: come i ricercatori, da un lato e coloro che materialmente producono i dati statistici, dall’altro lato, condividono gli stessi sistemi di classificazione dei fenomeni di cui si interessano. È lecito chiedersi in che misura, possiamo ritenere sufficientemente simili i concetti di rapina usati da poliziotti e magistrati per svolgere il proprio lavoro quotidiano e produrre una documentazione ufficiale relativa a procedimenti per rapina – sulla cui base saranno prodotte le statistiche di polizia e giudiziarie sulle rapine – dall’Istat, per classificare le informazioni relative ai reati di rapina e produrre i dati statistici per l’analisi della criminalità, e dal ricercatore per descrivere, analizzare e spiegare questa fattispecie criminale, proprio sulla base delle statistiche giudiziarie e di polizia. Assumere che le statistiche ufficiali siano valide significa ipotizzare che, nei casi di reati denunciati, come nei casi di reati che danno luogo a un’azione penale, tutte le valutazioni, fatte dagli attori istituzionali coinvolti nella produzione delle statistiche – poliziotti, giudici, agenzie di raccolta e diffusione dei dati ufficiali ecc. – siano corrette e coerenti, rispetto ai problemi indagati dal sociologo (Kitsuse, Cicourel, 1963; Atkinson, 1978).

20In conclusione, ritornando all’esempio di Levy sull’importanza pratica delle parole, il linguaggio ha un effetto sostanziale e profondo sulla nostra percezione della realtà e, nella trattazione metodologica, è importante per capire come formiamo i concetti da analizzare. In una pratica di ricerca riflessiva il linguaggio acquisisce una centralità; non costituisce più solo un mezzo “tecnico, che non lascia traccia” (Colombo, 1998, 245), bensì i modi in cui si traduce in un testo ciò che si è visto, in cui si pongono i fenomeni sociali all’interno di categorie “comportano un intervento attivo di interpretazione e di selezione” (ibidem). E ciò richiede come scrive Martha Nussbaum “alla comunità scientifica di non arrendersi alla tirannia dell’abitudine e alle idee diffuse su ciò che è “naturale”, ma di cercare la verità in tutte le sue forme” (Nussbaum, 1997, 195).

Torna su

Bibliografia

Atkinson M. (1978), Discovering Suicide. Studies in the Social Organization of Sudden Death, London, MacMillan.

Blumer H. (1986), Symbolic Interacionism, Los Angeles, University Press.

Bonifazi C. (1998), L’immigrazione straniera in Italia, Bologna, il Mulino,

Bourdieu P. (1992), Risposte. Per un’antropologia riflessiva, Torino, Bollati Borlinghieri.

Chomsky N. (1991), Linguaggio e problemi della conoscenza, Bologna, il Mulino (trad. it.).

Cicourel A.W. (1964), Method and Measurement in Sociology, New York, The Free University Press.

Colombo E. (1998), De-scrivere il sociale. Stili di scrittura e ricerca empirica, in Melucci A. (a cura di), Verso una sociologia riflessiva, Bologna, il Mulino.

Gadamer H.G. (1990), Verità e metodo, Milano, Bompiani (trad. it.).

Garkinkel H. (1967), Studies in Ethnomethodology, Englewood Cliffs, Prentice-Hall

Gouldner A. (1972), La crisi della sociologia, Bologna, il Mulino.

Izzo A. (1991), Storia del pensiero sociologico, Bologna, il Mulino.

Khun T. (1962), The structure of scientific revolutions, Chicago, The University Press.

Kitsuse J., Cicourel A.W. (1963), A note on the official use of statistics, «Social Problems», 2, pp. 131-139.

Kritz M. (1987), International migration policies: conceptual problems, «International Migration Review», 21, 4, pp. 947-964.

Levy R. (1973), Tahitians: Mind and Experience in the Islands, Chicago, Chicago University Press.

Marradi A. (1991), Concetti e metodi per la ricerca sociale, in Cardano M., Miceli M. (a cura di), Il linguaggio delle variabili, Torino, Rosenberg & Sellier.

Marradi A. (2007), Metodologia delle scienze sociali, Bologna, il Mulino.

Nussbaum M. (1997), Cultivating Humanity. A Classical Defence of Reform in Liberal Education, Cambridge, Harvard University Press.

Peirce C.S. (1965-1967), Collected Papers, Cambridge, The Belknap Press.

Schütz A. (1974), La fenomenologia del mondo sociale, Bologna, il Mulino (trad. it.).

Verniani L. (2003), Il concetto in sociologia. Considerazioni sul metodo, Pisa, Edizioni Plus.

Wacquant L. (1992), Introduzione, in Bourdieu P. (1992), Risposte. Per un’antropologia riflessiva, Torino, Bollati Boringhieri.

Wittgenstein L. (1967), Ricerche filosofiche, Torino, Einaudi (trad. it.).

Torna su

Note

1 Sia pur con profonde differenze tra loro rimando ai lavori di Chomsky, 1991; Wittgenstein, 1967; Gadamer, 1990; Peirce, 1965-1967.

2 Per sistema di rilevanza Schütz intende un criterio di attribuzione di importanza: «noi volgiamo il nostro interesse a quelle esperienze che per un motivo o l’altro ci sembrano rilevanti nei confronti dell’insieme totale della nostra situazione così come ne facciamo esperienza in ogni specifico presente» (Schütz, 1974, 256).

3 Molte sono state le proposte di sintesi di questo eterogeneo dibattito, una tra le più significative è quella proposta da Colombo (1998, che suddivide le diverse teorizzazioni della riflessività sociologica in due macro aree: da una parte la riflessività essenziale, e dall’altra parte la riflessività di secondo ordine. La riflessività essenziale (Mead, Goffman, Garfinkel), richiama l’attenzione sull’ineliminabile circolarità tra azione e contesto, mentre la riflessività di secondo ordine rimanda ad un uso strategico della riflessività (Giddens, Beck, Melucci).

4 A questo proposito Gouldner (1972), nel suo volume sulla crisi della sociologia occidentale, ci mette in guardia dall’assumere un atteggiamento «che guarda alla realtà così com’è, […] in quanto egli afferma che esso comporta un’inconsapevole e quindi acritica accettazione della cultura dominante» (Izzo, 1991, 304). Si è convinti di guardare la realtà così come è, ma invece si cade vittime dell’errore di scambiare per realtà oggettiva quello che altro non è se non una acritica interpretazione di essa filtrata dal mondo culturale a cui si appartiene, dal senso comune che si dà per scontato come realtà di per sé evidente. Per dimostrare questa sua tesi, Gouldner intraprende una analisi storica delle teorie sociologiche e dei rapporti che intercorrono tra queste e i contesti storico-politici, le esigenze economiche e sociali del loro tempo. Questo autore però non si limita a ribadire l’inevitabile storicità di ogni teoria sociologica, bensì cerca di elaborare una nuova teoria sociologica, denominata sociologia riflessiva o sociologia della sociologia.

5 A questo proposito i confronti internazionali risultano difficili, non solo per le differenze nei sistemi di rilevazione, ma soprattutto per i diversi contenuti delle statistiche: spesso a categorie nominativamente uguali corrispondono aggregati disomogenei definiti in modo diverso e non comparabili tra di loro.

6 L’Organizzazione delle Nazioni Unite, che si è espressa su questo argomento con una convenzione (Convenzione Onu del 1949 per la soppressione del traffico di esseri umani e dello sfruttamento della prostituzione altrui), non fa distinzione tra prostituzione coatta e volontaria, negando un presunto “diritto” della donna a prostituirsi, considerando, quindi, la prostituzione sempre e comunque una forma di abuso.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Sonia Stefanizzi, « Misurare il non misurabile: considerazioni ed esempi »Quaderni di Sociologia, 62 | 2013, 91-102.

Notizia bibliografica digitale

Sonia Stefanizzi, « Misurare il non misurabile: considerazioni ed esempi »Quaderni di Sociologia [Online], 62 | 2013, online dal 01 octobre 2013, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/454; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.454

Torna su

Autore

Sonia Stefanizzi

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università di Milano - Bicocca

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search