Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri62parte II. Mobilità sociale e prof...Classi sociali, famiglie e disugu...

parte II. Mobilità sociale e professioni

Classi sociali, famiglie e disuguaglianze di istruzione in Italia, 1899-1984

Social class, type of family and inequality of educational opportunity in Italy, 1899-1984
Cinzia Meraviglia
p. 105-125

Abstract

Most analyses performed on ieo either do not take into account mother’s occupation as an indicator of social origin, or consider it on the basis of the dominance approach. However male breadwinner and dual-earner families can be considered as different actors in the educational and labour markets, having at their disposal a different mix of economic, cultural and occupational resources. The analyses rely on a large data base consisting of 18 studies collected in Italy between 1985 and 2008, which covers cohorts born between 1899 and 1984 and includes both men and women. As for the techinque of analysis, a new variant of conditional association models is applied, in which the row and column parameters are linearly constrained. The results show that ieo follows indeed a different pattern over time according to the type of family that respondents lived in at the age of 14, and that this differs according to gender. The relative inequality between classes remained largely unchanged over the period of interest, with the exception of the agricultural classes. Finally, as shown by others before, the location of major inequalities in the educational system shifted from the transition primary-to-lower secondary to the transition lower-to-higher secondary school.

Torna su

Testo integrale

1. Classe di origine e esiti educativi: un caso di fallacia induttiva

1Questo saggio si concentra sull’operativizzazione di una delle variabili cruciali nello studio delle disuguaglianze delle opportunità educative (Doi), vale a dire l’origine sociale. In seguito al dibattito sviluppatosi negli anni ’80 del Novecento in merito all’inclusione delle donne negli studi di stratificazione sociale (Crompton, Mann, 1986), queste ultime compaiono oggi nelle indagini di mobilità come intervistate, ma meno spesso come madri. Quand’anche i dati a loro relativi siano disponibili, l’influenza della loro classe occupazionale sui percorsi educativi degli intervistati non viene né tematizzata né investigata separatamente dall’influenza paterna.

2Solitamente infatti l’origine sociale viene operativizzata ricorrendo alla classe del padre degli intervistati quando questi ultimi avevano 14 anni, oppure (nell’approccio della dominance; Erikson, 1984) includendo la classe materna solo se essa rimanda a un’occupazione migliore rispetto a quella paterna. Tuttavia alcuni autori hanno mostrato che l’occupazione materna esercita un proprio ruolo nei processi di riproduzione delle disuguaglianze (Treiman, Terrell, 1975; Rosenfeld, 1978; Khazzoom, 1997; Korupp et al., 2002; Meraviglia, Ganzeboom, 2008).

  • 1 Nel seguito del saggio identificherò con l’espressione male breadwinner le famiglie di origine nell (...)
  • 2 Nei dati impiegati in questo lavoro, la percentuale di madri con classe sopraordinata rispetto a qu (...)

3Questa parziale cecità nei confronti della presenza di una madre lavoratrice in famiglia (e quindi della sua influenza sui destini educativi dei figli) si traduce in un assunto poco difendibile, ovvero che la società sia formata quasi esclusivamente da famiglie di tipo male breadwinner, nelle quali il marito/padre ha un impiego retribuito, mentre la moglie/madre si dedica alle attività di riproduzione e cura. Ciò equivale a compiere una generalizzazione indebita, poiché un attributo tipico di un certo gruppo di intervistati (il tipo di famiglia nel quale sono cresciuti) viene esteso a tutti, indipendentemente dal loro effettivo stato su questa proprietà. Il fatto che alcuni studiosi applichino l’approccio della dominance1 non cambia sostanzialmente il quadro: soprattutto per le generazioni più anziane non è così frequente che l’occupazione della madre sia migliore di quella del padre2; dunque la classe occupazionale materna continua a giocare un ruolo assai limitato nella ricostruzione dei processi di riproduzione delle disuguaglianze educative.

2. Una possibile soluzione e alcune ipotesi

4Entrambe le alternative di cui abbiamo detto (operativizzare la classe di origine ricorrendo alla sola classe paterna, oppure introdurre quella materna solo nel caso in cui sia superiore a quella) sono insoddisfacenti. Una soluzione può giungere dall’effettuare un cambiamento di prospettiva al tempo stesso teorico e di metodo, vale a dire dal considerare come effettivamente diverse le famiglie di origine in cui solo il padre aveva un lavoro retribuito quando l’intervistata/o aveva 14 anni, da quelle in cui all’epoca entrambe i genitori lavoravano.

  • 3 Le trasformazioni demografiche e culturali dei modelli familiari hanno interessato il contesto euro (...)

5La famiglia male breadwinner, tipica degli anni Cinquanta del Novecento, era considerata il modello di organizzazione sociale necessario al successo dell’economia di tipo capitalistico-individualista (Lewis, 2003). Lo stesso emergere del modello di coppia coniugale intima, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento (Saraceno, 2012), può essere visto come la legittimazione culturale della divisione del lavoro intra- ed extra-domestico tra i generi, che sanciva la dipendenza non solo economica, ma anche affettiva della moglie dal marito. Tuttavia a partire dalla metà del secolo scorso l’istituzione familiare è andata incontro a profondi cambiamenti (Saraceno, 2003); parallelamente altre forme di organizzazione dei compiti svolti dalla famiglia hanno preso piede3. La dipendenza economica, affettiva, culturale delle mogli/madri dai mariti/padri inscritta nel modello male breadwinner (Lewis, 2003) è diminuita con l’aumentare della partecipazione femminile al mercato del lavoro (Sørensen, McLanahan, 1987). La decisione relativa a chi tra i due coniugi o partner lavora al di fuori della famiglia, e per quante ore, costituisce un nodo cruciale nella transizione tra modelli familiari puri (male breadwinner e dual-earner). Alcuni autori hanno ipotizzato un percorso di graduale transizione dal modello male breadwinner a quello della doppia carriera, nel quale entrambi i partner hanno un impiego extra-domestico a tempo pieno (Lewis, 2003; Moen, 2003; Crompton, 2006).

6Secondo Blossfeld (2007) le scelte interne alla famiglia in merito a chi e quanto lavora all’esterno di essa hanno conseguenze dirette sulla struttura delle disuguaglianze sociali; ignorandole, ricostruiremmo un quadro impreciso (quando non artificioso) dei processi di riproduzione delle disuguaglianze stesse. Da ciò segue logicamente la necessità di distinguere i due tipi di famiglia di origine sopra descritti; in questo modo la famiglia diviene la vera unità di analisi, proprio perché tali tipi corrispondono a modelli di negoziazione di compiti e risorse che avviene all’interno dell’attore sociale-famiglia, e non al fuori di esso. Ignorare la distinzione tra i due tipi di contesti familiari significa al contrario concettualizzare l’influenza dell’origine sociale come influenza dell’individuo-padre, sul quale tutta la famiglia è appiattita, come denunciato dalla sociologia femminista negli anni Settanta e Ottanta a proposito del ruolo delle donne negli studi di mobilità.

7È ragionevole ipotizzare che separare gli intervistati a seconda del tipo di famiglia di origine consenta di chiarire il significato dei risultati ottenuti da altri studiosi in precedenza. Una prima ipotesi del tutto generale è quindi che l’andamento nel tempo delle Doi segua percorsi differenti a seconda del genere e del tipo di famiglia di origine degli intervistati. In subordine, possiamo aspettarci che la diminuzione delle Doi osservata negli studi più recenti (Ballarino, Schadee, 2006; Ballarino et al., 2009; Barone et al., 2010; Meraviglia, Ganzeboom, 2012), nei quali l’origine sociale coincide con la classe paterna, caratterizzi più gli intervistati cresciuti in famiglie male breadwinner che quelli cresciuti in famiglie dual-earner, sia uomini sia donne. Per i nati in famiglie dual-earner, in linea con quanto trovato da Meraviglia e Ganzeboom (2008) e da Meraviglia (2011), l’influenza della classe paterna dovrebbe ridursi nel tempo (sebbene in misura minore rispetto agli intervistati nati in famiglie male breadwinner), mentre l’influenza della classe materna dovrebbe aumentare, soprattutto nel caso delle donne (Korupp et al., 2002).

3. Dati e variabili

  • 4 I dati sono parte dell’International Stratification and Mobility File (Ismf) (Ganzeboom, Treiman, 2 (...)

8I dati impiegati nelle analisi che seguono derivano da 18 indagini condotte tra il 1985 e il 2008 (tab. 1)4. Sono stati inclusi nelle analisi solo gli intervistati di età superiore ai 25 anni, così da eliminare la maggior parte di quanti si trovavano ancora nel sistema educativo al momento dell’intervista. Il campione conta oltre 146 000 casi validi; gli intervistati con famiglia di origine male breadwinner sono 25 600 donne e 23 610 uomini, mentre quelli con famiglia di origine dual-earner sono 48 070 donne e 49 088 uomini.

9Sebbene le indagini considerate siano eterogenee quanto a disegno di campionamento, procedure di rilevazione, modalità di risposta alle domande relative all’occupazione dei genitori e al titolo di studio degli intervistati, Meraviglia e Ganzeboom (2012) mostrano come i risultati relativi alle Doi non siano influenzati dalle caratteristiche di ciascuna indagine. Inoltre, la regolarità delle distribuzioni delle variabili-chiave, che vedremo tra poco, mostra come la base di dati offra una rappresentazione adeguata dei processi indagati.

10Le variabili considerate nell’analisi sono cinque: coorte di nascita (T), classe di origine (O), livello di istruzione (E), genere e tipo di famiglia di origine ai 14 anni dell’intervistata/o. Il disegno dell’analisi è di tipo 2×2, ovvero l’andamento nel tempo della relazione tra origini e istruzione è considerato in ciascuno dei quattro gruppi definiti dall’incrocio tra genere e tipo di famiglia di origine.

11La coorte di nascita presenta sette categorie, che raggruppano gli intervistati nati dal 1899 al 1984; l’origine sociale è operativizzata dalla classe occupazionale del padre, per le famiglie di origine male breadwinner, e dalla classe occupazionale sia del padre sia della madre per le famiglie di tipo dual-earner. Lo schema di classe adottato è quello di Erikson, Goldthorpe e Portocarero (1979), successivamente rivisto da Goldthorpe (2007b), qui nella versione a cinque classi (I+II: professionisti e dirigenti; IIIab: impiegati di routine; IVab: lavoratori autonomi con o senza dipendenti; V+VI+VIIa: occupazioni manuali nell’industria e servizi; IVc+VIIb: piccoli proprietari e lavoratori del primario).

12Nelle figg. 1 e 2 la classe occupazionale delle madri lavoratrici è rappresentata a seconda della coorte di nascita degli intervistati, mentre quella dei padri è distinta anche per tipo di famiglia di origine. Le distribuzioni appaiono regolari e ben rappresentano la progressiva riduzione delle classi agricole e la parallela espansione delle occupazioni non manuali, evidente soprattutto nel caso della classe materna. Nel caso della classe paterna, appare chiara la diversa composizione di classe delle famiglie di tipo male-breadwinner rispetto a quelle dual-earner. Nelle coorti più anziane queste ultime si caratterizzano per una maggiore presenza di padri occupati nel settore agricolo; lo schema si rovescia se consideriamo la classe dei lavoratori manuali, più rappresentata tra le famiglie di origine di tipo male breadwinner. Tali differenze permangono fino alle coorti nate nell’immediato dopoguerra; a partire dalla coorte dei nati dal 1956 in poi esse si attenuano, mentre cresce tra le famiglie di origine dual-earner la quota di padri con un’occupazione libero-professionale o dirigenziale.

Tab. 1 Fonti dei dati

anno

indagine

archivio/disponibilità

1985

Indegine Nazionale sulla Mobilità Sociale

www.sociologiadip.unimib.it/sociodata

1993, 1995, 1998, 2000, 2002, 2004

Indagine sui Bilanci delle Famiglie

www.bancaditalia.it/statistiche/indcamp

1997, 1999

Indagine Longitudianle sulle Famiglie
italiane

www.soc.unitn.it/ilfi

1998, 2003

Multiscopo Istat

www.istat.it

2001

Itanes

www.itanes.org

2003, 2006

Eurpean Social Survey

www.europeansocialsurvey.org

2005

Osservatorio Nord Ovest, II-2005

www.nordovest.org

2005

Prin 2003

sides05.unipmn.it

2006

Isfol Plus

www.isfol.it

2008

Issp Religion III

www.issp.org

Fig. 1 Classe occupazionale delle madri lavoratrici per coorte di nascita degli intervistati

Fig. 1 Classe occupazionale delle madri lavoratrici per coorte di nascita degli intervistati

Fig. 2 Classe occupazionale dei padri per coorte di nascita e tipo di famiglia di origine degli intervistati

Fig. 2 Classe occupazionale dei padri per coorte di nascita e tipo di famiglia di origine degli intervistati

13L’istruzione degli intervistati è stata codificata in quattro categorie, corrispondenti ai principali livelli del sistema educativo italiano. La corrispondenza tra la codifica presente nei dati originari e quella impiegata nelle analisi è illustrata nella tab. 2, mentre la fig. 3 mostra la distribuzione dei titoli di studio per coorte di nascita. Nonostante l’eterogeneità delle fonti di dati, tale distribuzione è assai regolare e rappresenta in maniera adeguata l’espansione dell’istruzione nell’arco del Novecento.

Tab. 2 Codifica originale e finale dei livelli di istruzione e loro distribuzione di frequenza

codifica originale

N

codifica finale

N

Senza titolo di studio

1426

Scuola primaria non conclusa

9233

Scuola primaria

48229

Scuola primaria (2-5 anni)

37544

Scuola secondaria inferiore non conclusa

26

Scuola secondaria inferiore

45969

Scuola secondaria

54827

Scuola secondaria superiore non conclusa, scuola professionale

8858

Scuola secondaria superiore

42288

Scuola secondaria superiore

42288

Laurea triennale, diploma universitario

1818

Istruzione terziaria

15788

Laurea magistrale, laurea vecchio ordinamento, post-laurea

13970

Fig. 3 Livello di istruzione degli intervistati per coorte di nascita

Fig. 3 Livello di istruzione degli intervistati per coorte di nascita

Fig. 4 Composizione del campione per tipo di famiglia di origine e coorte di nascita degli intervistati

Fig. 4 Composizione del campione per tipo di famiglia di origine e coorte di nascita degli intervistati

4. Metodo

14La tecnica di analisi impiegata è costituita da una variante dei modelli di associazione RC-II di Goodman (1979). Si tratta di una tecnica appartenente alla famiglia dei modelli log-lineari, che – oltre alla forza dell’associazione tra le variabili considerate – stima i parametri che esprimono la distanza tra le categorie delle variabili sulle righe e sulle colonne di una tavola n×m. L’equazione che descrive i modelli RC-II è la seguente:

log fij = μ + μiR + μjC+ βϕiφj

dove β esprime il grado di associazione tra la variabile sulle righe e quella sulle colonne (nel nostro caso, origini e istruzione), ϕi si riferisce al punteggio della i-esima categoria della variabile sulle righe (l’origine), mentre φj si riferisce alla j-esima categoria della variabile sulle colonne (l’istruzione). Il termine βϕiφj sostituisce l’effetto di interazione μijRC di un modello log-lineare saturo; l’idea di fondo è che tale effetto può essere espresso in maniera più parsimoniosa (ovvero con un numero di parametri inferiore) e più informativa (ovvero scomponendo l’interazione stessa in quantità che descrivono più precisamente il quadro delle relazioni tra le variabili).

15Quando l’associazione tra righe e colonne viene osservata k volte secondo le categorie di una terza variabile (tipicamente il tempo), otteniamo un modello di associazione condizionata (Clogg, 1982). Nel nostro caso i tre tipi di parametri assumono la seguente interpretazione: i parametri βk rappresentano l’andamento temporale delle Doi; i parametri ϕik indicano per quali classi l’associazione complessiva tra origini e istruzione è cambiata, e in quale direzione; infine i parametri φjk indicano quali transizioni tra i vari livelli di istruzione sono diventate più facili o difficili nel tempo.

  • 5 Anche i parametri βk possono essere vincolati in vari modi (Wong, 2010), come vedremo nelle analisi (...)

16Uno sviluppo recentemente proposto (Meraviglia e Ganzeboom, 2012) vincola i parametri ϕik e φjk in modo lineare, rappresentando così l’andamento temporale delle distanze tra i vari livelli del titolo di studio e tra le varie classi di origine tramite rette di regressione5. Meraviglia e Ganzeboom, (2012) e Meraviglia (2011) hanno mostrato come questi modelli consentano una rappresentazione più chiara delle dinamiche temporali delle Doi, mentre sul piano statistico essi raggiungono un miglior adattamento ai dati rispetto ai modelli di associazione condizionata descritti da Clogg (1982).

5. Risultati

  • 6 Come è noto, nel caso di campioni numerosi gli indici basati sul chi quadrato portano sistematicame (...)

17I modelli con parametri vincolati in modo lineare (contrassegnati con la lettera B nelle tabb. 3 e 4 a p. 118) meglio rappresentano i dati osservati rispetto alla loro versione standard (contrassegnata dalla lettera A)6, confermando i risultati di Meraviglia e Ganzeboom (2012) e Meraviglia (2011).

18Esaminiamo in dettaglio i risultati relativi prima all’origine sociale (parametri ϕik), quindi all’istruzione (parametri φjk), e infine all’associazione tra loro (parametri (βk).

5.1. La dinamica delle disuguaglianze relative tra classi di origine

  • 7 Tale risultato conferma quanto rilevato da Ballarino e Schadee (2006, 2008), Ballarino et al. (2009 (...)

19Nel caso delle donne nate in famiglie dual-earner, la Doi è diminuita per tutte le classi di origine, senza tuttavia che le distanze relative siano cambiate. La combinazione migliore di vincoli lineari, sia per la classe paterna sia per quella materna (figg. 5a e 5b), è infatti quella in cui le distanze tra classi hanno uno sviluppo parallelo nel tempo; una parziale eccezione è costituita dalle classi agricole, che hanno sperimentato una diminuzione più contenuta rispetto alle altre7. Inoltre, nel caso della classe materna, la distanza tra la classe I+II e la classe IIIab è più elevata rispetto al caso della classe paterna: una madre libera professionista o dirigente assicura stabilmente vantaggi educativi anche più pronunciati di quanto non faccia un padre con un’occupazione analoga. Anche nel caso delle donne nate in famiglie male breadwinner (fig. 5c) le distanze tra classi paterne sono rimaste invariate nel corso del Novecento, di nuovo con l’eccezione delle classi agricole, per le quali tuttavia in questo caso lo svantaggio relativo si è ridotto.

Fig. 5 Parametri relativi alla classe di origine in famiglie dual-earner [a) classe paterna; b) classe materna] e male breadwinner (c) (donne)

Fig. 5 Parametri relativi alla classe di origine in famiglie dual-earner [a) classe paterna; b) classe materna] e male breadwinner (c) (donne)

Legenda: dall’alto in basso, l’ordine delle classi paterne/materne è il seguente: I+II, IIIab, IVab, V+VI+VIIa, IVc+VIIb

20Nel caso degli uomini nati in famiglie dual-earner, e considerando la classe paterna (fig. 6a), le classi agricole e quella delle occupazioni impiegatizie di routine hanno sperimentato una riduzione delle Doi uguale tra loro e meno intensa rispetto alle altre classi. Per effetto di questa dinamica, durante il Novecento si osservano alcuni cambiamenti nei vantaggi o svantaggi relativi che le classi paterne hanno assicurato. All’inizio del secolo le sorti educative dei nati da padri professionisti e dirigenti erano decisamente migliori di quelle dei nati da padri con occupazioni impiegatizie, mentre questi ultimi erano assai simili ai nati da padri della piccola borghesia. Inoltre il divario tra i nati da padri che svolgevano un lavoro manuale nell’industria o nei servizi e i nati da padri occupati nell’agricoltura era consistente. Alla fine del secolo, i nati nelle classi apicali e nella classe del lavoro impiegatizio di routine hanno opportunità educative più simili tra loro, mentre le rimanenti tre classi (piccoli proprietari, lavoratori manuali e classi agricole) si sono avvicinate tra loro e al contempo distanziate dalle prime due. In sostanza è come se nel tempo si fossero creati due macro-gruppi, separati grosso modo dallo spartiacque tra lavoro non manuale e manuale.

21L’andamento temporale dell’influenza della classe materna sulle chances educative degli uomini nati in famiglie dual-earner è simile a quanto visto per la classe paterna (fig. 6b), ma – come nel caso delle donne – avere una madre professionista o dirigente costituisce una risorsa più rilevante per i destini educativi degli uomini durante tutto il Novecento, rispetto all’avere un padre con analoga occupazione.

22Per quanto riguarda infine gli uomini nati in famiglie male breadwinner (fig. 6c), la dinamica temporale delle distanze tra le classi in termini di Doi appare simile a quella vista nel caso delle donne, con alcuni lievi scostamenti. La distanza tra la classe apicale dei dirigenti e imprenditori e la classe del lavoro impiegatizio, che si mantiene inalterata nell’arco di tempo considerato, è infatti più elevata rispetto a quanto osservato per le donne. In secondo luogo, le chances educative dei nati nelle classi agricole si sono avvicinate a quelle delle altre classi di origine in misura minore rispetto a quanto visto per le donne, indicando dunque una persistenza del loro svantaggio relativo.

Fig. 6 Parametri relativi alla classe di origine in famiglie dual-earner [a) classe paterna; b) classe materna] e male breadwinner (c) (uomini)

Fig. 6 Parametri relativi alla classe di origine in famiglie dual-earner [a) classe paterna; b) classe materna] e male breadwinner (c) (uomini)

Legenda: dall’alto in basso, l’ordine delle classi paterne/materne è il seguente: I+II, IIIab, IVab, V+VI+VIIa, IVc+VIIb

5.2. La difficoltà relativa delle transizioni tra livelli di istruzione

23Esaminiamo ora l’andamento nel tempo della distanza relativa tra i vari titoli di studio, così da individuare se e in quale modo le transizione tra i quattro principali livelli di istruzione è cambiata nel corso del xx secolo (fig. 7). Come già rilevato da Meraviglia e Ganzeboom (2012), la configurazione di vincoli lineari che garantisce i risultati migliori indica che è relativamente più facile acquisire il titolo di scuola secondaria inferiore per le coorti di età più giovani rispetto a quelle nate ai primi del secolo. Ciò non stupisce, poiché le riforme del sistema educativo introdotte negli anni Sessanta hanno progressivamente determinato la permanenza nei primi due gradi del sistema educativo di un numero via via crescente di persone, appunto fino al conseguimento del titolo dell’obbligo.

24La fig. 7 mostra un altro importante aspetto correlato a questo processo: se all’inizio del secolo la transizione scolastica che più dipendeva dalle risorse assicurate dall’origine sociale era quella tra scuola primaria e scuola secondaria inferiore, per le ultime coorti d’età tale difficoltà si rileva in corrispondenza della transizione tra scuola secondaria inferiore e superiore. Dunque il sistema educativo italiano era e continua a essere caratterizzato da un vistoso collo di bottiglia determinato dall’influenza dell’origine sociale, che nel tempo è slittato verso i gradi intermedi del sistema di istruzione, ma che non è affatto scomparso. Notiamo inoltre che la distanza relativa tra l’ottenere un diploma di scuola secondaria superiore e un titolo universitario non è cambiata nel corso del Novecento; in sostanza, il diploma non ha reso più facile in termini relativi alle coorti più giovani il passaggio all’istruzione terziaria, rispetto alle coorti d’età più anziane (si veda Checchi et al., 2007).

Fig. 7 Parametri relativi all’istruzione (uomini e donne)

Fig. 7 Parametri relativi all’istruzione (uomini e donne)

Legenda: dall’alto in basso, l’ordine dei titoli di studio è il seguente: scuola primaria, scuola secondaria inferiore, scuola secondaria superiore, istruzione terziaria

5.3. Le Doi nel tempo

  • 8 Nelle tabb. 3 e 4 l’origine sociale (O) si identifica con la classe paterna nel caso degli intervis (...)

25I parametri relativi all’origine sociale e all’istruzione, così come descritti nei due paragrafi precedenti, sono stati impiegati per stimare modelli di associazione condizionata nei quali l’associazione tra origini e istruzione segue dinamiche temporali differenti8. Per quanto riguarda le donne (tab. 3), e indipendentemente dal tipo di famiglia di origine, il modello che meglio si adatta ai dati è quello in cui tale associazione segue un andamento non lineare (modello B3); il modo in cui le Doi sono cambiate nel tempo è tuttavia diverso a seconda del tipo di famiglia di origine (fig. 8a).

26Per le donne cresciute in famiglie del tipo male breadwinner l’associazione tra la classe paterna e l’istruzione delle intervistate è aumentata leggermente durante i primi decenni del secolo, per poi diminuire in maniera decisa a partire dalla coorte nata negli anni 1936-1940, e quindi entrata nel sistema educativo ben prima delle riforme degli anni Sessanta. Nel caso delle donne cresciute in famiglie del tipo dual-earner l’influenza della classe materna è più pronunciata di quella paterna, ma entrambe disegnano un andamento crescente per le coorti nate nella prima metà del Novecento, che diventa poi decrescente a partire dalle coorti nate tra anni Cinquanta e Sessanta. Queste ultime sono entrate nel sistema di istruzione immediatamente prima o dopo la riforma del 1962, che unificò i percorsi scolastici della secondaria inferiore e garantì il graduale raggiungimento dell’obbligo scolastico di tutta la popolazione in età scolare. Considerando che i tassi di scolarizzazione femminili precedenti il 1962 erano assai inferiori a quelli maschili (si veda ad esempio Schizzerotto e Barone, 2006), la coincidenza temporale tra i due fenomeni – l’apertura del sistema di istruzione, e l’inizio del declino dell’influenza materna sui destini educativi delle intervistate – è degna di nota. Tuttavia le ipotesi che si possono trarre da essa (ad esempio, che l’influenza materna sia stata cruciale per i destini educativi delle figlie finché lo stato ha di fatto obbligato i genitori a mandare a scuola anche le figlie) dovranno essere sottoposte a controllo empirico in altra sede.

Tab. 3 Indici della bontà di adattamento dei modelli stimati (donne)

Associazione (βk)

Modello

Famiglie di origine male breadwinner

Famiglie di origine dual-earner

gdl

L2

BIC

gdl

L2

BIC

Eterogenea

A1

OT, ET, OTETT

42

256.0

-196.8

532

992.8

-4434

B1

OT, ET, OTlinETlinT

68

338.7

-394.4

584

1014.7

-4866

Lineare

A2

OT, ET, OTETT_lin

47

309.7

-197.0

540

1101.4

-4336

B2

OT,ET,OTlinETplinT_lin

73

401.5

-385.5

572

1179.7

-4680

Quadratica

A3

OT, ET, OTETT_quad

46

260.3

-235.6

538

935.4

-4482

B3

OT,ET,OTlinETlinT_quad

72

342.0

-434.2

570

1027.3

-4813

Uniforme

A4

OT, ET, OTET

48

388.9

-128.6

542

1169.7

-4288

B4

OT,ET,OTlinETlinβ

74

459.7

-338.1

574

1259.5

-4620

Fig. 8 Le Doi nel tempo secondo il tipo di famiglia di origine (donne, a), e uomini, b)

Fig. 8 Le Doi nel tempo secondo il tipo di famiglia di origine (donne, a), e uomini, b)

Legenda: Malebread_P = classe paterna in famiglie male breadwinner; Dual earn_P = classe paterna in famiglie dual-earner; Dual earn_M = classe materna in famiglie dual-earner; Media_P = effetto medio della classe dei genitori nei due tipi di famiglie; Conv(P) = effetto della classe paterna calcolata su tutti i casi validi

27La differenza tra le intervistate nate nei due tipi di famiglia di origine verrebbe nascosta se considerassimo solo la classe paterna come indicatore dell’origine sociale. La curva tratteggiata posta più in alto nella fig. 8a è relativa all’influenza dell’origine sull’istruzione nel caso in cui considerassimo solo la classe del padre, indipendentemente dalla presenza di una madre lavoratrice. Se confrontiamo questa con la curva tratteggiata posta più in basso nella fig. 8a, che rappresenta la media delle tre traiettorie ottenute distinguendo le intervistate per tipo di famiglia di origine, vediamo che le due curve hanno andamento identico, sebbene poste a livelli diversi. Secondo questi risultati, dunque, l’esito delle analisi che considerano solo la classe paterna come indicatore dell’origine sociale è un’approssimazione dei processi effettivamente in gioco. Ciò significa che, considerando solo la classe del padre, la relazione tra quest’ultima e l’istruzione degli intervistati è spuria, sia perché l’effetto della prima sulla seconda deriva dal confondere i due tipi di famiglia di origine, sia perché – di conseguenza – esso riassume anche l’influenza della classe materna per quanti sono invece cresciuti in famiglie in cui la madre aveva un lavoro retribuito.

28Gli uomini cresciuti in famiglie di tipo male breadwinner hanno sperimentato una costante riduzione, nell’arco del xx secolo, dell’influenza della classe paterna sui propri esiti scolastici (tab. 4 e fig. 8b). Il modello migliore è infatti quello in cui l’associazione tra classe paterna e istruzione segue un andamento lineare (modello B2), o debolmente quadratico (modello B3, sostanzialmente identico al precedente), ma comunque decrescente.

Tab. 4 Indici della bontà di adattamento dei modelli stimati (uomini)

Associazione (βk)

Modello

Famiglie di origine male breadwinner

Famiglie di origine dual-earner

gdl

L2

BIC

gdl

L2

BIC

Eterogenea

A1

OT, ET, OTETT

42

347.5

-106

532

1206.3

-4150

B1

OT, ET, OTlinETlinT

68

453.0

-281

584

1317.2

-4563

Lineare

A2

OT, ET, OTETT_lin

47

365.4

-142

540

1225.5

-4212

B2

OT,ET,OTlinETplinT_lin

73

469.0

-319

572

1341.4

-4418

Quadratica

A3

OT, ET, OTETT_quad

46

365.4

-131

538

1209.5

-4208

B3

OT,ET,OTlinETlinT_quad

72

467.7

-310

570

1325.7

-4414

Uniforme

A4

OT, ET, OTET

48

450.8

-68

542

1229.9

-4227

B4

OT,ET,OTlinETlinβ

74

551.8

-247

574

1347.0

-4433

29Per quanto riguarda invece gli uomini cresciuti in famiglie di origine di tipo dual-earner il modello migliore è quello in cui l’associazione tra origini e istruzione non segue alcun andamento temporale preciso (modello B1); tuttavia, vincolando linearmente l’andamento della classe paterna, e in modo quadratico quella materna, si ottiene un modello (non riportato nella tab. 4) che si adatta egualmente bene ai dati, essendo al tempo stesso più informativo (L2 = 1326, gdl = 581, BIC =-4.524). La fig. 8b mostra che l’associazione tra classe materna e istruzione (come nel caso delle donne) segue un andamento prima crescente poi decrescente, mentre nel caso della classe paterna l’andamento è stabilmente crescente; nell’arco di tempo considerato dunque l’influenza paterna e materna quasi si compensano a vicenda.

30Come nel caso delle donne, consideriamo la linea tratteggiata posta più in basso nella fig. 8b, che rappresenta l’associazione media tra origini e istruzione, calcolata sulla base dell’influenza della classe paterna e materna nei due tipi di famiglia di origine. Di nuovo, tale andamento è simile a quello che otterremmo se impiegassimo la sola classe paterna indipendentemente dal tipo di famiglia di origine (retta tratteggiata posta in alto nel grafico).

31In sostanza, inserendo nel modello la classe materna e distinguendo le famiglie di origine per tipo, l’influenza della classe paterna si precisa e (nel caso degli uomini) ci porta a trarre conclusioni opposte: per quanti sono cresciuti in famiglie male breadwinner l’influenza della classe paterna è diminuita nel tempo; nel caso di quanti sono cresciuti in famiglie dual-earner tale influenza è invece aumentata, e risulta quasi compensata dall’influenza materna, che ha raggiunto il suo apice per le coorti dei nati tra il 1946 e il 1955, per poi diminuire.

6. Conclusioni

32Questo saggio ha inteso mettere al centro dell’analisi teorica ed empirica il ruolo che le madri lavoratrici hanno sui destini educativi e occupazionali degli intervistati, così da estendere anche al ruolo materno l’attenzione suscitata soprattutto dalla sociologia femminista degli anni Settanta nei confronti del genere quale variabile interveniente nella ricostruzione dei processi di riproduzione delle disuguaglianze sociali.

33Le analisi hanno confermato che le Doi differiscono a seconda del tipo di famiglia di origine. I risultati relativi agli uomini nati in famiglie di tipo male breadwinner (ma non alle donne) confermano quanto trovato da altri autori (Ballarino, Schadee, 2006; Ballarino et al., 2009; Barone et al., 2010; Meraviglia, Ganzeboom, 2012); sembra in effetti che gli intervistati maschi cresciuti in famiglie male breadwinner rispecchino più da vicino quella che per lungo tempo è stata la tipica unità di analisi di questi studi.

34L’ipotesi secondo cui l’influenza della classe paterna è diminuita nel periodo considerato risulta confermata solo nel caso degli uomini (e più debolmente nel caso delle donne) con famiglia di tipo male breadwinner. Nel caso delle donne nate in famiglie di tipo dual-earner essa risulta confermata per le coorti d’età più giovani, mentre nel caso degli uomini nati nello stesso tipo di famiglia l’ipotesi risulta chiaramente smentita dall’andamento crescente dell’influenza paterna. Infine anche l’ipotesi relativa al ruolo della classe materna risulta solo parzialmente confermata, e più per le donne che per gli uomini.

35Il quadro che emerge dalle analisi è decisamente diverso da quello che avremmo ottenuto se avessimo impiegato solo la classe paterna quale indicatore dell’origine sociale, attribuendo quindi a tutti gli intervistati il modello familiare di origine di tipo male breadwinner. L’influenza della classe paterna differisce infatti in maniera sostanziale da quella materna, e differisce inoltre a seconda del tipo di famiglia di origine. Ciò ha implicazioni non solo di tipo teorico ma anche di policy. Sul piano teorico, la determinazione delle relazioni tra fenomeni costituisce il primo passo per una loro effettiva spiegazione (Boudon, 1984; Goldthorpe, 2007a; Hedström, 2005); tanto più la descrizione di tali relazioni è accurata, tanto più accurate risulteranno le successive spiegazioni per meccanismi. In questo senso, il lavoro presentato in queste pagine integra quanto accertato da precedenti studi, ne precisa le dinamiche temporali e ne qualifica la sostanza, costituendo quindi una base migliore sulla quale costruire successive spiegazioni. Dal punto di vista della policy, la diversa dinamica dell’influenza della classe paterna e materna sugli esiti educativi consente di immaginare scenari di intervento intesi non solo a ridurre le Doi, ma anche a individuare le leve sulle quali agire.

36Se la distinzione tra famiglie di origine sia di tipo ontologico o analitico (ovvero se i due tipi di famiglia siano effettivamente tipi di attori sociali differenti, oppure se distinguerli è semplicemente utile a una migliore comprensione delle dinamiche temporali dei processi di stratificazione sociale) potrà essere appurato da ulteriori studi, che ad esempio estendano l’analisi a generazioni più giovani, e alla comparazione tra paesi diversi. Disponendo dei dati adeguati, inoltre, sarebbe possibile distinguere le famiglie di origine in maniera più dettagliata, ad esempio seguendo la tipologia di modelli di organizzazione familiare proposta Lewis (2003, 40), che considera anche il numero di ore lavorate dai coniugi e i conseguenti modelli di divisione del lavoro di cura e retribuito tra coniugi. Dati adeguati consentirebbero inoltre di considerare il ruolo dei fattori strutturali che incidono sulla scelta delle madri di lavorare fuori casa, e per quante ore (ad esempio, la disponibilità di servizi di cura; si vedano Crompton, 2006; Yeandle, 1999). Per il contesto italiano sarà infine importante arricchire l’analisi mettendo a fuoco le differenze territoriali interne al paese, che da sempre giocano un ruolo rilevante nella geografia del cambiamento sociale.

Torna su

Bibliografia

Ballarino G., Schadee H.M.A. (2006), Espansione dell’istruzione e disuguaglianza delle opportunità educative nell’Italia contemporanea, «Polis», 20, 2, pp. 207-228.
Id. (2008), La disuguaglianza delle opportunità educative in Italia, 1930-1980: tendenze e cause, «Polis», 22, 3, pp. 373-409.

Ballarino G., Bernardi F., Requena M., Schadee H.M.A. (2009), Persistent inequalities? Expansion of education and class inequality in Italy and Spain, «European Sociological Review», 25, 1, pp. 123-138.

Barone C. (2009), A new look at schooling inequalities in Italy and their trends over time, «Research in Social Stratification and Mobility», 27, pp. 92-109.

Barone C., Luijkx R., Schizzerotto A. (2010), Elogio dei grandi numeri: il lento declino delle disuguaglianze delle opportunità di istruzione in Italia, «Polis», 24, 1, pp. 5-34.

Blossfeld H.P. (2007), Linked Lives in Modern Societies. The impact of social inequality of increasing educational homogamy and the shift towards dual-earner couples, in Scherer S., Pollak R., Otte G., Gangl M. (a cura di), From Origins to Destinations. Trends and Mechanism in Social Stratification Research, Frankfurt/Main, Campus Verlag.

Boudon R. (1984), La Place du désordre. Critique des théories du changement social, Paris, PUF (trad. it. Il posto del disordine. Critica delle teorie del mutamento sociale, Bologna, il Mulino, 1985).

Checchi D., Fiorio C.V., Leonardi M. (2007), Intergenerational persistence in educational attainment in Italy, http://checchi.economia.unimi.it/pdf/un33.pdf.

Clogg C.C. (1982), Some models for the analysis of association in multiway cross-classifications having ordered categories, «Journal of the American Statistical Association», 77, pp. 803-815.

Crompton R. (2006), Employment and the Family. The Reconfiguration of Work and Family Life in Contemporary Societies, Cambridge, Cambridge University Press.

Crompton R., Mann M. (a cura di) (1986), Gender and Stratification, Cambridge, Polity Press.

Erikson R. (1984), Social class of men, women and families, «Sociology», 18, pp. 500-514.

Erikson R., Goldthorpe J.H., Portocarero L. (1979), Intergenerational class mobility in three West European societies: England, France and Sweden, «British Journal of Sociology», 30, 4, pp. 415-441.

Ganzeboom H.B.G., Treiman D.J. (2008), ISMF: The International Stratification and Mobility File, file dati, http://home.fsw.vu.nl/HBG.Ganzeboom/ISMF/index.htm.

Goldthorpe J.H. (2007a), On Sociology, vol. I, Stanford, Stanford University Press.
Id. (2007b), On Sociology, vol. II, Stanford, Stanford University Press.

Goodman L.A. (1979), Simple models for the analysis of association in cross-classifications having ordered categories, «Journal of the American Statistical Association», 74, pp. 537-552.

Hedström P. (2005), Dissecting the Social. On the Principles of Analytical Sociology, Cambridge, Cambridge University Press (trad. it. Anatomia del sociale. Sui principi della sociologia analitica, Milano, Bruno Mondadori, 2006).

Khazzoom A. (1997), The impact of mothers’ occupation on children’s occupational mobility, «Research in Social Stratification and Mobility», 15, pp. 57-89.

Korupp S.E., Sanders K., Ganzeboom H.B.G. (2002), The intergenerational transmission of occupational status and sex typing at children’s labor market entry, «The European Journal of Women’s Studies», 9, pp. 7-29.

Lewis J. (2003), Should we Worry About Family Change?, Toronto, University of Toronto Press.

Meraviglia C. (2011), Log-multiplicative models for assessing mother’s and father’s influence on IEO in Italy, paper presentato al Cambridge Stratification Seminar, Stirling (UK), 1-2 settembre 2011.

Meraviglia C., Ganzeboom H.B.G. (2008), Mothers’ and fathers’ influence on occupational status attainment in Italy, «Polena», pp. 29-65.
Id. (2012), Long term trends in IEO in Italy, Birth cohorts 1899-1980. An analysis using uniform association models with heterogeneous linearly constrained scalings, in corso di revisione.

Micheli G.A. (2003), La famiglia forte mediterranea alla prova dei grandi cambiamenti demografici e sociali, in irer, Equilibri fragili. Vulnerabilità e vita quotidiana delle famiglia lombarde, Milano, Guerini.

Migliavacca M. (2008), Famiglie e lavoro. Trasformazioni ed equilibri nell’Europa mediterranea, Milano, Bruno Mondadori.

Moen P. (2003), It’s About Time: Couples and Careers, Ithaca - London, Cornell University Press.

Moreno A., Crespo E. (2005), The persistence of male breadwinner model in the Southern European countries in a compared perspective: familism, employment and family policies, paper presentato alla ESPANET Conference Making social policy in the post-industrial age, Friburg (CH), 22-24 settembre.

Naldini M. (2002), Le politiche sociali e la famiglia nei paesi mediterranei. Prospettive di analisi comparata, «Stato e Mercato», 64, pp. 73-99.

Raftery A.E. (1995), Bayesian model selection in social research, «Sociological Methodology», 25, pp. 111-163.

Reher D.S. (1998), Family ties in Western Europe: persistent contrasts, «Population and Development Review», 24, 2, pp. 203-234.

Rosenfeld R.A. (1978), Women’s intergenerational occupational mobility, «American Journal of Sociology», 43, pp. 36-46.

Saraceno C. (2003), Mutamenti della famiglia e politiche sociali in Italia, Bologna, il Mulino.
Id. (2012), Coppie e famiglie. Non è questione di natura, Milano, Feltrinelli.

Saraceno C., Naldini M. (2007), Sociologia della famiglia, Bologna, il Mulino.

Schizzerotto A., Barone C. (2006), Sociologia dell’istruzione, Bologna, il Mulino.

Sørensen A., McLanahan S. (1987), Married women’s economic dependency, 1940-1980, «American Journal of Sociology», 93, 3, pp. 659-687.

Treiman D.J., Terrell K. (1975), Sex and the process of status attainment: a comparison of working women and men, «American Sociological Review», 40, pp. 174-200.

Villa P. (2007), The dual participant household model in the European countries: What is the role played by part-time work?, «International Employment Relations Review», 13, 1, pp. 15-31.

Yeandle S. (1999), Women, Men and Non-standard Employment: Breadwinning and Caregivers in Germany, Italy and the UK, in Crompton R. (a cura di), Restructuring Gender Relations and Employment, Oxford, Oxford University Press.

Torna su

Note

1 Nel seguito del saggio identificherò con l’espressione male breadwinner le famiglie di origine nelle quali solo il padre lavorava, e con l’espressione dual-earner quelle nelle quali entrambi i genitori lavoravano. Pur preferendo l’uso di termini e espressioni italiani, quando disponibili, in questo caso ritengo che le due etichette inglesi identifichino con maggior precisione e compattezza espressiva i due tipi di famiglie.

2 Nei dati impiegati in questo lavoro, la percentuale di madri con classe sopraordinata rispetto a quella dei padri, per le coorti più anziane, è pari all’1,6%, mentre nella coorte più giovane tale percentuale non supera il 10%.

3 Le trasformazioni demografiche e culturali dei modelli familiari hanno interessato il contesto europeo con diverse modalità e velocità. Il modello della “famiglia forte” (Micheli, 2003; Reher, 1998; Naldini, 2002; Migliavacca, 2008) caratterizza i paesi dell’area mediterranea, tra cui l’Italia, nei quali l’indebolimento del modello male breadwinner è più lento (Moreno, Crespo, 2005). In Europa le coppie dual-earner costituiscono oggi i due terzi delle coppie che percepiscono almeno un reddito, tranne che nei paesi dell’area mediterranea (Saraceno, Naldini, 2007; Villa, 2007).

4 I dati sono parte dell’International Stratification and Mobility File (Ismf) (Ganzeboom, Treiman, 2008) e sono stati reperiti e armonizzati da Cinzia Meraviglia e Harry B.G. Ganzeboom (Free University Amsterdam, NL) nell’ambito del progetto Long term trends of occupational mobility and inequality of educational opportunities in Italy. Il lavoro presentato in queste pagine costituisce un’estensione di quel progetto.

5 Anche i parametri βk possono essere vincolati in vari modi (Wong, 2010), come vedremo nelle analisi che seguono.

6 Come è noto, nel caso di campioni numerosi gli indici basati sul chi quadrato portano sistematicamente al rifiuto dell’ipotesi nulla, ovvero alla conclusione che nessun modello si adatta ai dati. Per questa ragione, oltre a considerare il valore di BIC (Raftery, 1995), viene valutata la differenza tra valori di L2 (e gradi di libertà) relativi a modelli nested.

7 Tale risultato conferma quanto rilevato da Ballarino e Schadee (2006, 2008), Ballarino et al. (2009), Barone (2009).

8 Nelle tabb. 3 e 4 l’origine sociale (O) si identifica con la classe paterna nel caso degli intervistati nati in famiglie male breadwinner, mentre si riferisce a entrambe le classi dei genitori nel caso in cui la famiglia di origine sia di tipo dual-earner.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 Classe occupazionale delle madri lavoratrici per coorte di nascita degli intervistati
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-1.jpg
File image/jpeg, 60k
Titolo Fig. 2 Classe occupazionale dei padri per coorte di nascita e tipo di famiglia di origine degli intervistati
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-2.jpg
File image/jpeg, 56k
Titolo Fig. 3 Livello di istruzione degli intervistati per coorte di nascita
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-3.jpg
File image/jpeg, 56k
Titolo Fig. 4 Composizione del campione per tipo di famiglia di origine e coorte di nascita degli intervistati
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-4.jpg
File image/jpeg, 88k
Titolo Fig. 5 Parametri relativi alla classe di origine in famiglie dual-earner [a) classe paterna; b) classe materna] e male breadwinner (c) (donne)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-5.jpg
File image/jpeg, 40k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-6.jpg
File image/jpeg, 44k
Legenda Legenda: dall’alto in basso, l’ordine delle classi paterne/materne è il seguente: I+II, IIIab, IVab, V+VI+VIIa, IVc+VIIb
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-7.jpg
File image/jpeg, 36k
Titolo Fig. 6 Parametri relativi alla classe di origine in famiglie dual-earner [a) classe paterna; b) classe materna] e male breadwinner (c) (uomini)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-8.jpg
File image/jpeg, 44k
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-9.jpg
File image/jpeg, 40k
Legenda Legenda: dall’alto in basso, l’ordine delle classi paterne/materne è il seguente: I+II, IIIab, IVab, V+VI+VIIa, IVc+VIIb
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-10.jpg
File image/jpeg, 36k
Titolo Fig. 7 Parametri relativi all’istruzione (uomini e donne)
Legenda Legenda: dall’alto in basso, l’ordine dei titoli di studio è il seguente: scuola primaria, scuola secondaria inferiore, scuola secondaria superiore, istruzione terziaria
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-11.jpg
File image/jpeg, 40k
Titolo Fig. 8 Le Doi nel tempo secondo il tipo di famiglia di origine (donne, a), e uomini, b)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-12.jpg
File image/jpeg, 44k
Legenda Legenda: Malebread_P = classe paterna in famiglie male breadwinner; Dual earn_P = classe paterna in famiglie dual-earner; Dual earn_M = classe materna in famiglie dual-earner; Media_P = effetto medio della classe dei genitori nei due tipi di famiglie; Conv(P) = effetto della classe paterna calcolata su tutti i casi validi
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/457/img-13.jpg
File image/jpeg, 44k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Cinzia Meraviglia, « Classi sociali, famiglie e disuguaglianze di istruzione in Italia, 1899-1984 »Quaderni di Sociologia, 62 | 2013, 105-125.

Notizia bibliografica digitale

Cinzia Meraviglia, « Classi sociali, famiglie e disuguaglianze di istruzione in Italia, 1899-1984 »Quaderni di Sociologia [Online], 62 | 2013, online dal 01 octobre 2013, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/457; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.457

Torna su

Autore

Cinzia Meraviglia

Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali Università del Piemonte Orientale

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search