Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri62parte III. La condizione giovanileLa transizione in crisi: difficol...

parte III. La condizione giovanile

La transizione in crisi: difficoltà occupazionali e precarietà esistenziale

The effects of the crisis in the transition to adulthood: occupational difficulties and precarious existence
Carlo Buzzi
p. 149-156

Abstract

New generations are more and more exposed to economical fluctuations, as long-term positions in the labour market are gradually being replaced by atypical contracts. During these times of crisis young people experience more difficulty in entering in the labour market, and are offered precarious or temporary positions which do not easily lead to greater stability. It is then useful to address the different factors of segmentation and discontinuity in young people occupational careers, such as different motivations, different representations that underlie different strategies for facing instability-related risks, and different ways to cope with the transitions to adulthood. Unfortunately after the interruption of iard scheme of repeated surveys this information is no longer coherent and systematic, therefore the real impact of job insecurity on daily life, on existential aspiration and on the processes of self-definition are largely to be investigated.

Torna su

Testo integrale

1Gli studi sulla transizione condotti dall’Istituto Iard nel periodo 1983-2004, sotto la direzione metodologica di Antonio de Lillo, ponevano, seguendo una consolidata tradizione (Modell, Furstenberg, Hershberg, 1976; Astone, Hogan, 1986), l’entrata nel mercato del lavoro al centro del processo di adultizzazione. Con la prima occupazione, il giovane da un lato sperimentava ruoli di responsabilità e competenza all’interno di un processo produttivo che avrebbe valutato la sua capacità di rispondere alle richieste del mondo del lavoro, dall’altra entrava per la prima volta in una logica retributiva che lo avrebbe portato verso una completa autonomia economica. È per questa ragione che il “trovare lavoro” rappresentava una tappa decisiva della transizione, preceduto da un evento necessario ma di minor impatto psicologico, sociale e strutturale come la conclusione degli studi e seguito da un successivo evento di forte effetto, l’abbandono della famiglia d’origine, che non può pienamente realizzarsi se non in presenza di una posizione lavorativa relativamente stabile (Romagnoli, 1984; Cavalli, de Lillo, 1988; Chiesi, Martinelli, 1993; Chiesi, 1997, 2002; Vinante, 2002, 2007; Rossi, 2007).

2Per limitarci a queste prime tre tappe – ma si potrebbe anche estendere il ragionamento a quelle successive, ovvero la creazione di un nuovo nucleo familiare e la nascita di un figlio – le indagini Iard si sono soffermate sulla tempistica degli eventi mostrando la presenza di tre fenomeni che si pongono alla base del prolungamento progressivo della transizione: il procrastinamento dell’età di superamento delle tappe, la dilatazione del tempo necessario per la realizzazione di una tappa e di quella immediatamente successiva, la caduta di prescrittività sociale dell’ordine di superamento delle tappe (Cavalli, 1993). Tali fenomeni si riscontrano anche in molti altri paesi europei (Schizzerotto e Lucchini, 2001; Gauthier, 2007) e in genere vengono fatti risalire al prolungamento della formazione (Corijn e Klijzink, 2001) e alle accresciute difficoltà di inserimento nel mercato lavorativo (Breen, 2005).

3Un altro aspetto importante, caratteristico delle indagini Iard, era quello di mettere costantemente a confronto gli atteggiamenti e i comportamenti verso il lavoro con l’evoluzione dell’offerta al mercato operata da nuove generazioni sempre più istruite ma anche sempre più in difficoltà a trovare posizioni occupazionali stabili. Da una parte dunque veniva evidenziata l’immagine complessiva del lavoro, i valori ad esso legati, le preferenze, le rappresentazioni, dall’altra veniva ricostruito il processo di ricerca del lavoro, i canali percorsi, le esperienze iniziali (Chiesi, 1997, 2002; Vinante, 2002, 2007; Rossi, 2007).

4L’interruzione delle ricerche Iard, venute a mancare dopo la sesta edizione del 2004, ha privato il panorama nazionale di una base dati ricca e completa che intrecciava l’aspetto strutturale con l’elemento motivazionale che né la rilevazione continua dell’Istat sulle forze di lavoro né l’indagine Multiscopo, indirizzate quasi esclusivamente a fornirci indicazioni sui processi strutturali del mercato, riescono a colmare. Se infatti gli andamenti dell’occupazione e tutto ciò che concorre a definire il tipo e la qualità del lavoro svolto si pongono alla base di ogni riflessione sulla transizione ai ruoli adulti delle nuove generazioni, non possiamo dimenticare che l’elemento motivazionale è comunque fondamentale per la comprensione dei fenomeni e che l’analisi deve quindi procedere da un lato tenendo al centro le dimensioni strutturali dei percorsi e delle scelte professionali, dall’altro, la rappresentazione che viene data ad esse, nonché le aspirazioni che definiscono l’ingresso nel mondo del lavoro.

 

5Il quadro complessivo nel primo decennio del 2000 ha visto profonde trasformazioni strutturali del mercato che hanno inciso sulla transizione: il lavoro perde progressivamente la funzione di tappa finale ed irreversibile per coloro che escono dal circuito formativo per rappresentare uno spazio esperienziale che individua segmenti di breve periodo e condizioni occasionali intervallate da momenti di inattività (Chiesi, 2002). L’ introduzione, attraverso interventi legislativi (legge Treu 196/1997 e legge Biagi 30/2003), di forme di flessibilità occupazionale ha predeterminato l’avviamento al lavoro delle giovani generazioni di questi ultimi anni istituendo nuove forme contrattuali che hanno ridefinito in modo molto pragmatico la relazione tra giovane lavoratore e datore di lavoro. In altre parole la trasformazione strutturale del mercato ha dato l’impulso alla costruzione di nuove rappresentazioni giovanili legate all’idea di lavoro (Rossi, 2007). Una sempre più diffusa precarietà occupazionale, prodotto di una pessima interpretazione del principio della flessibilità da parte delle imprese, si è così innestata in alcuni tratti emergenti della cultura giovanile orientati al presentismo e alla reversibilità delle scelte (Buzzi, 1997) dando luogo ad una precarietà esistenziale che ha profondamente segnato il processo di transizione ai ruoli adulti di intere coorti comprese tra la fine degli anni ’90 e la metà della prima decade del Duemila. La crisi economica e finanziaria successiva non ha fatto altro che acuire il fenomeno della precarietà che ha raggiunto dimensioni considerevoli per diffusione ed intensità.

6A dir la verità queste ricadute sulla transizione dei giovani non appartengono solo al caso italiano. Il quadro contestuale nel quale la transizione si realizza è infatti mutato a livello più generale e si sostanzia nell’aumento della competizione globalizzata, nelle tendenze alla deregolamentazione dei mercati e alla disoccupazione strutturale, nella riforma dei sistemi di welfare (Brueckner, Mayer, 2005).

 

7Utilizzando i dati disponibili si evidenziano tre fenomeni sottostanti:

  • l’accesso al lavoro da parte dei giovani è sempre più ritardato;

  • la condizione occupazionale giovanile si caratterizza per crescente instabilità;

  • si è ridotta la possibilità di transitare da una situazione precaria ad una più stabile.

8Il quadro complessivo così come si presenta nel 2010 vede i giovani di 18-20 anni che cercano lavoro essere di più (17,8%) di quelli che stanno lavorando (13,5%); nelle età successive le difficoltà persistono: a fronte di due giovani 21-24enni che lavorano ne abbiamo uno che sta ancora cercando, per tre giovani occupati in età 25-29 anni ce n’è uno attivo sul mercato ma senza lavoro. Solo dopo i 30 anni il rapporto tra occupati e in cerca di lavoro appare socialmente più accettabile anche se persiste un 16,1% di disoccupati (o ancora in cerca di prima occupazione); da non sottovalutare un 11,4% di giovani (quasi totalmente donne) che si sono già ritirati dal mercato, o non ci sono mai entrati e hanno smesso di cercare di entrarci (tab. 1).

Tab.1 Condizione occupazionale secondo l’età (%)

Condizione occupazionale

età

Nel
complesso

15-17

18-20

21-24

25-29

30-34

Occupati

1,0

13,5

36,5

56,2

69,6

43,0

In cerca di occupazione

3,5

17,8

19,5

20,4

16,1

16,3

Non in cerca di occupazione

0,7

1,9

3,9

9,3

11,4

6,7

Studenti

94,8

66,8

40,1

14,1

2,9

34,0

Totale

100,0

100,0

100,0

100,0

100,0

100,0

Hanno avuto almeno
una esperienza di lavoro

4,1

29,1

56,7

73,8

86,4

58,4

9Considerando l’intero campione 15-34 anni la Multiscopo 2010 stimava al 43,0% gli occupati, ma il dato altrettanto interessante per le sue implicazioni è che chi aveva una qualche esperienza di lavoro presente o passata mostrava un’incidenza del 58,4% a significare l’estrema volatilità del lavoro tanto che, ad esempio, il 20,2% dei giovani 21-24enni al momento della rilevazione non lavorava pur avendo lavorato in passato. Com’è naturale, la probabilità di avere, o avere avuto in precedenza, esperienze di lavoro di qualsiasi tipo si incrementa progressivamente con l’età (fig.1). Il dato sconta il fatto che molti tra i non occupati sono ancora studenti ma il confronto a dieci anni mostra, con una percentuale di studenti non molto diversa, che se nel 2010 oltre il 50% dei ventenni possedeva una qualche esperienza di lavoro, una decina di anni prima questa incidenza era raggiunta ai 18 anni. Per l’occupazione il divario è ancora più vistoso: allora il 50% dei 22enni già aveva un lavoro, nel 2010 per avere la metà degli occupati dobbiamo salire ai 26 anni (comparazione Istat 2010-Iard 2000).

Fig. 1 Esperienza di lavoro e occupazione secondo l’età

Fig. 1 Esperienza di lavoro e occupazione secondo l’età

Fonte dati: Istat, Multiscopo 2010

10I dati sulla rilevazione delle forze lavoro operata sistematicamente dall’Istat illustrano in modo accurato la situazione dal punto di vista evolutivo. In complesso, nel 2012 i giovani 15-24enni occupati sono il 18,6%; otto anni prima erano il 27,2%, una riduzione notevole. Se consideriamo la fascia di età superiore, quella compresa tra i 25 e i 34 anni di età, il dato è attestato sul 63,8% contro il 69,8% del 2004, una riduzione senza dubbio meno sensibile. Sono dunque i più giovani a scontare in modo particolare le difficoltà d’ingresso nel mercato. Ponendo l’attenzione sul lato esplicitamente negativo del fenomeno, il tasso di disoccupazione per la fascia di età 15-24 anni si incrementa dal 23,5% (2004) al 35,3% (2012), per la fascia di età superiore l’accrescimento va dal 10,4% al 14,9%. Anche in questo caso le conseguenze della crisi sembrano scaricarsi soprattutto sulle nuovissime generazioni.

11Un secondo elemento di squilibrio, ampiamente conosciuto, è quello geografico; ad esempio il tasso di occupazione attuale tra i 25-34enni è del 76,4% nelle regioni settentrionali, del 68,5% in quelle centrali e del 46,7% nel Mezzogiorno. La terza disuguaglianza, ovviamente, ci viene data dal genere visto che le donne hanno un tasso di occupazione del 54,9% contro il 72,6% dei loro coetanei maschi (dati Istat relativi al 2012).

 

12Insomma tutti i dati concorrono a mostrare come l’ingresso nel mondo del lavoro (non importa se nell’accezione del primo contatto occasionale oppure in quella della posizione relativamente stabile) sia sempre di più posticipato e il prolungamento della formazione ha in questo caso, forse per la prima volta da molti anni, nessuna influenza sostanziale: la transizione viene ritardata non già perché il superamento della prima tappa slitti in avanti quanto piuttosto perché la realizzazione della seconda avviene con una tempistica sempre più tardiva.

 

13Il secondo fenomeno, oltre a quello della procrastinazione degli ingressi, è determinato dalla crescente instabilità del lavoro, quando questo viene trovato. L’Indagine sulle forze lavoro dell’Istat, basandosi su dati longitudinali, mostra chiaramente questo trend che porta i giovani 18-29enni con lavoro atipico – che include i dipendenti a termine, i collaboratori e i prestatori d’opera occasionali, tutti contraddistinti dalla temporaneità del lavoro, a prescindere dalla tipologia d’orario – dal 53,3% nel periodo compreso tra il primo trimestre del 2007 e il primo semestre 2008 al 60,1% di due anni dopo. Nel contempo i lavoratori standard (ovvero dipendenti a tempo pieno con un contratto a tempo indeterminato e autonomi con un regime orario full time) dal 25,9% si riducono al 15,7% e perfino i lavoratori “parzialmente standard” (occupati che svolgono il lavoro con un orario ridotto, sia dipendenti con un lavoro a tempo indeterminato sia autonomi) si contraggono da 4,9% al 3,5% tra gli stessi periodi considerati. A completamento del dato può essere rilevata la tendenza all’aumento della non occupazione (che comprende sia le persone in cerca di occupazione che gli inattivi): dal 15,9% al 20,7%.

14Nel lavoro atipico si include una classificazione assai vasta di posizioni e oltre alle categorie sopra citate (lavoratori a tempo determinato, collaboratori coordinati e continuativi, collaboratori a progetto, e lavoratori occasionali) comprende anche i lavoratori interinali, gli apprendisti, gli stagisti, i borsisti. Questa casistica non annovera invece i lavoratori autonomi senza dipendenti, figura spesso ambigua che, all’ombra di una partita iva, nasconde sovente un rapporto di lavoro parasubordinato e che costituisce una categoria altrettanto vulnerabile quanto le altre atipiche in senso stretto.

 

15Spostando l’attenzione sul terzo fenomeno, i dati Istat sono in grado di documentare che la probabilità di passare ad una posizione standard provenendo da una atipica si contrae in modo visibile. Se il 26% dei giovani con contratto atipico nel 2007 riuscivano a stabilizzarsi dopo un anno, tra il 2009 e il 2010 questa incidenza scende al 16%. Sempre facendo riferimento all’Indagine sulle forze lavoro, la percentuale di giovani 18-29enni che rimangono nella precarietà occupazionale dopo un anno si è elevata dal 53,3% nel 2008 al 60,1% nel 2010.

16Dal momento che la flessibilità si concentra essenzialmente sul segmento giovanile della forza lavoro e i vecchi posti a tempo indeterminato una volta resisi liberi vengono progressivamente sostituiti soprattutto da forme contrattuali atipiche, le nuove generazioni sono più esposte alle fluttuazioni dell’economia; in questo periodo di crisi entrano pertanto con fatica nel mercato del lavoro, quando vi entrano si devono accontentare di posizioni occupazionali precarie e temporanee e da questa condizione sembra difficile uscirne per passare ad una di maggiore stabilità. La situazione lavorativa più diffusa è infatti, per usare un gioco di parole, la permanenza indeterminata in una posizione determinata.

17Se l’instabilità lavorativa per i giovani è sempre più frequentemente un’esperienza di lunga durata, è indiscutibile che la transizione ne sia fortemente rallentata e i progetti di vita individuale ne siano di fatto ostacolati e rimandati sine die in attesa di una situazione migliore. Di fronte a questi presupposti non stupisce che le sequenze degli eventi che caratterizzano il passaggio ai ruoli adulti ne siano stati influenzati, e in Italia forse più che in altre nazioni, data la maggiore debolezza del mercato, l’inefficacia delle azioni del welfare e le funzioni surrogatorie ricoperte dalla famiglia. Quando la spirale della precarietà si prolunga, oltre ad una retribuzione inferiore di chi lavora stabilmente, il giovane lavoratore atipico viene escluso dalle tutele contrattuali, non può godere dell’accesso al credito, ha più difficoltà a far fronte ai bisogni di conciliazione. In altre parole è costretto a procrastinare l’uscita dalla famiglia d’origine, la creazione di un nuovo nucleo familiare, la messa al mondo di un figlio.

18Con la flessibilità e la frammentarietà dei percorsi tesi al superamento della seconda tappa di transizione aumenta la necessità di analizzare i fattori di segmentazione e di discontinuità delle carriere occupazionali dei giovani puntando l’attenzione sulle motivazioni personali, sulle rappresentazioni dei fenomeni sottesi, sulle strategie personali di fronteggiamento dei rischi di instabilità, sulle modalità di governo dei processi di transizione alla vita adulta (Franchi, 2006; Riva, 2008; Cortese, 2012). Purtroppo, come si è detto, queste informazioni hanno perso di organicità e sistematicità e la reale ricaduta della precarietà lavorativa sulle condotte quotidiane, sulle aspirazioni esistenziali e sui processi identitari rimane ancora in larga parte da scoprire.

Torna su

Bibliografia

Astone N.M., Hogan D.P. (1986), The transition to adulthood, «Annual Review of Sociology», 12, pp. 109-130.

Breen R. (2005), Explaining cross-national variation in youth unemployment. Market and institutional factors, «European Sociological Review», 21, 2, pp. 125-134.

Brueckner H., Mayer K.U. (2005), De-standardization of the life course: what it might mean? And if it means anything, whether it actually took place?, in Macmillan R. (a cura di), The Structure of the Life Course: Standardized? Individualized? Differentiated?, Oxford, Elsevier, pp. 27-53.

Buzzi C. (1997), Rischio, reversibilità, sfiducia negli altri, disagio, in Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A. (a cura di), Giovani verso il Duemila, Bologna, il Mulino, pp. 87-101.

Cavalli A. (1993), Prolungamento della fase giovanile e orientamenti al futuro, in Cavalli A., de Lillo A. (a cura di), Giovani anni 90, Bologna, il Mulino, pp. 205-227.

Cavalli A., de Lillo A. (1988), I percorsi lavorativi, in Giovani anni 80, Bologna, il Mulino, pp. 33-54.

Chiesi A. (1997), Il lavoro. Strategie di risposta alla crisi, in Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A. (a cura di), Giovani verso il Duemila, Bologna, il Mulino, pp. 55-86.
Id. (2002), Le trasformazioni del lavoro giovanile, in Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A. (a cura di), Giovani del nuovo secolo, Bologna, il Mulino, pp. 121-155.

Chiesi A., Martinelli A. (1993), Il lavoro come scelta e opportunità, in Cavalli A., de Lillo A. (a cura di), Giovani anni 90, Bologna, il Mulino, pp. 47-71.

Cortese A. (a cura di) (2012), Percorsi lavorativi di giovani istruiti nel Mezzogiorno, Milano, Franco Angeli.

Franchi M. (2006), Strategie, esperienze e apprendimenti nella transizione al lavoro, in Bresciani P.G., Franchi M., Biografie in transizione. I progetti lavorativi nell’epoca della flessibilità, Milano, Franco Angeli, pp. 29-56.

Gauthier A.H. (2007), Becoming a young adult: an international perspective on the transitions to adulthood, «European Journal of Population», 23, pp. 217-223.

Modell J., Furstenberg F.F., Hershberg T. (1976), Mutamento sociale e transizioni all’età adulta in prospettiva storica, in Saraceno C. (a cura di) (1986), Età e corso della vita, Bologna, il Mulino, pp. 169-201.

Riva E. (2008), Mobilità del lavoro ed espressione del sé: dalla carriera lavorativa alla carriera di vita, in Riva E., Zucchetti E. (a cura di), La mobilità job-to-job. Transizioni lavorative verso il terziario, Milano, Franco Angeli, pp. 78-112.

Romagnoli G. (1984), Il lavoro e i suoi significati, in Cavalli A., Cesareo V., de Lillo A., Ricolfi L., Romagnoli G., Giovani oggi, Bologna, il Mulino, pp. 51-79.

Rossi P. (2007), L’accesso al mondo del lavoro e le forme del lavoro giovanile, in Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A. (a cura di), Rapporto giovani, Bologna, il Mulino, pp. 83-93.

Schizzerotto A., Lucchini M. (2001), Mutamenti nel tempo delle transizioni alla condizione adulta: un’analisi comparativa, «Polis», 15, pp. 431-451.

Giorgi F., Rosolia A., Torrini R. e Trivellato U. (2011), Mutamenti tra generazioni nelle condizioni lavorative giovanili, in Schizzerotto A., Trivellato U., Sartor N. (a cura di), Generazioni disuguali. Le condizioni di vita dei giovani i ieri e di oggi: un confronto, Bologna, il Mulino, pp. 111-144.

Vinante M. (2002), La condizione dei giovani tra processi formativi e lavoro: orientamento e ricerca di occupazione, in Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A. (a cura di), Giovani del nuovo secolo, Bologna, il Mulino, pp. 97-119.

Vinante M. (2007), I giovani e le rappresentazioni del mercato del lavoro e delle professioni, in Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A. (a cura di), Rapporto giovani, Bologna, il Mulino, pp. 95-111.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 Esperienza di lavoro e occupazione secondo l’età
Credits Fonte dati: Istat, Multiscopo 2010
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/462/img-1.jpg
File image/jpeg, 48k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Carlo Buzzi, « La transizione in crisi: difficoltà occupazionali e precarietà esistenziale »Quaderni di Sociologia, 62 | 2013, 149-156.

Notizia bibliografica digitale

Carlo Buzzi, « La transizione in crisi: difficoltà occupazionali e precarietà esistenziale »Quaderni di Sociologia [Online], 62 | 2013, online dal 01 octobre 2013, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/462; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.462

Torna su

Autore

Carlo Buzzi

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università di Trento

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search