Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri62parte III. La condizione giovanileLe quattro stagioni della ricerca...

parte III. La condizione giovanile

Le quattro stagioni della ricerca sociologica sui giovani

The four seasons of Italian youth sociology
Alessandro Cavalli e Carmen Leccardi
p. 157-169

Abstract

The history of sociological research on young people in Italy from the 50ies until the first decade of the 21st century develops long four distinct seasons: the first, the post-war reconstruction and the industrial take-off; the second, the years of youth movements from the end 60ies to late 70ies; the third, the retreat into the private sphere, the transition from political to social engagement and prolongation of the juvenile phase, finally, the fourth, characterized by the difficulties of the transition to adulthood in a declining society.

Torna su

Testo integrale

1Il settore della ricerca sociologica che si occupa dei giovani presenta alcune caratteristiche che lo differenziano da altre “sociologie speciali”. I giovani, ma per la stessa ragione anche i bambini o gli anziani, sono una popolazione il cui status sociale è legato ai modi in cui sono socialmente definite le età del corso di vita. La specificità dell’oggetto consente, o impone, di attraversare trasversalmente una serie di altre specializzazione disciplinari: il sociologo della gioventù deve sapere di socializzazione, di famiglia, di educazione, di lavoro, di cultura, di religione, di politica, di mercato del lavoro, di politiche sociali. Deve essere, in breve, un sociologo generale a tutto tondo e non solo, deve anche saper dialogare con le altre scienze sociali contigue alle varie specializzazioni, deve essere un po’ psicologo, un po’ pedagogista, economista, politologo e altro ancora.

2C’è poi un’altra caratteristica che riguarda piuttosto gli orientamenti di coloro che decidono di scegliere i giovani come oggetto di ricerca. Chi studia i giovani, implicitamente o esplicitamente, si pone delle domande che riguardano il “domani”, i processi di cambiamento connessi alla successione delle generazioni. “Che cosa c’è dietro l’angolo?” era il titolo di una trasmissione televisiva di qualche anno addietro, ma è anche la domanda che spesso gli adulti si pongono, o dovrebbero porsi, guardando i loro figli o i loro nipoti. Il sociologo non deve certo fare il profeta che vede nel futuro, ma può cercare di scorgere dei segnali che consentano ragionevolmente di fare delle anticipazioni se non delle vere e proprie previsioni. I giovani sono coloro che sono destinati ad abitare il futuro prossimo, sono un anello che connette le dimensioni del tempo, il passato (i nostri padri), il presente (noi) e il futuro (i nostri figli). Chi studia i giovani è quindi inevitabilmente attratto dalle tematiche della continuità e del mutamento. Gli adulti di oggi sono i giovani di ieri, così come i giovani di oggi saranno gli adulti di domani.

3I giovani sono un oggetto particolarmente sfuggente proprio perché si tratta di una condizione a termine e i giovani di ieri non sono più i giovani di oggi. Di norma i sociologi, in quanto ricercatori empirici che lavorano su dati da loro stessi prodotti, osservano la realtà contemporanea come una fotografia istantanea. Possono cogliere il cambiamento confrontando una serie di istantanee scattate in tempi diversi, sia mediante indagini longitudinali (le ricerche panel) condotte su una stessa popolazione in fasi diverse del loro percorso, oppure su popolazioni diverse colte alla stessa età. Ma talvolta i sociologi, per cogliere il cambiamento, possono essere interessati ai giovani come erano in epoche passate. In questo caso, utilizzeranno i lavori degli storici, oppure si trasformeranno essi stessi in storici. Gli storici del futuro, a loro volta, potranno ricorrere alle ricerche dei sociologi del presente come ad una fonte preziosa, da aggiungere alle loro fonti tradizionali. Questa considerazione avvicina, ancor più che in altri campi di ricerca, lo sguardo del sociologo allo sguardo dello storico.

4In questo scritto, in una prospettiva di storia della ricerca, vorremmo ripercorrere le tappe della storia della ricerca sociologica sui giovani nell’Italia dell’ultimo mezzo secolo o poco più. La storia della ricerca sui giovani non coincide, ma in qualche modo procede parallelamente con qualche scarto, con la storia dei giovani. Talvolta la ricerca coglie la realtà con ritardo, oppure con qualche anticipo, oppure ancora ne segue la dinamica mano in mano che si svolge.

1. La prima stagione: gli anni ’50

5Sui giovani dell’immediato dopoguerra e degli anni ’50 non abbiamo molte ricerche coeve, la sociologia faceva ancora i primi passi, non era ancora uscita dall’epiteto crociano di “inferma scienza” e dal sospetto di “americanismo” alimentato dalla cultura di matrice marxista che non aveva letto Gramsci con sufficiente attenzione. Una minoranza di giovani aveva preso parte alla guerra partigiana e un’altra minoranza aveva militato, volenti o nolenti, tra le fila della Repubblica di Salò, la grande maggioranza aveva assistito impaurita e confusa al crollo del regime e alla nascita della Repubblica. L’imperativo era rimboccarsi le maniche, sgomberare le macerie e ricostruire fisicamente, ma anche moralmente, quanto era stato distrutto. Non bisogna dimenticare che il paese usciva da un regime totalitario, da un’occupazione straniera e da una guerra che aveva avuto molti tratti di una guerra civile. Le generazioni che sono protagoniste o assistono a fasi di rapidi e sconvolgenti cambiamenti, che sono toccate da vere e proprie rotture, presentano forme tipiche di polarizzazione: un conto è essere nati negli anni ’30, aver vissuto da bambini gli anni della guerra e affacciarsi all’età giovanile nel periodo duro, ma pieno di speranze della ricostruzione, e un conto è essere nati anche subito dopo la grande svolta e non aver vissuto i drammi del recente passato. Pochi anni di differenza creano grandi distanze. Sono, inoltre, gli anni della “rimozione”: del fascismo, del consenso che aveva bene o male goduto tra la popolazione italiana. Si evita di parlarne, ne parlano solo, per celebrare la loro vittoria, durante le celebrazioni del 25 aprile, quelli che si ritengono vincitori, ma ormai l’unità antifascista si è rotta, il paese è piombato nel clima della guerra fredda. La gran parte dei giovani volta le spalle all’impegno politico ed è attratta piuttosto dai simboli e dai consumi che hanno incominciato ad attraversare l’Atlantico.

6Poche, dicevamo, ma non pochissime, le ricerche che si riferiscono ai giovani condotte in quegli anni: Dursi ha intervistato un campione di studenti di secondaria superiore del Centro-Nord (Dursi, 1959), Alfassio-Grimaldi e Bertoni hanno raccolto dati su un campione di Pavia a dieci anni di distanza nel 1953 e nel 1963 (Alfassio-Grimaldi, 1864), Allum e Diamanti hanno studiato nel 1954 i giovani veneti in una ricerca pubblicata però molti anni più tardi (Allum, 1986) e, inoltre, Grasso nel 1951 ha studiato su un campione di studenti delle superiori (Grasso, 1967). Meritano di essere ricordate anche le informazioni su atteggiamenti e comportamenti dei giovani contenute nelle prime, pionieristiche per l’Italia, indagini demoscopiche condotte dall’Istituto Doxa (Luzzatto Fegis, 1966).

7Il tema dominante di queste ricerche è l’apatia politica e sociale di giovani concentrati nell’apprezzare i primi, timidi, segnali del benessere. Non molto dissimili dai loro genitori, coi quali tuttavia la comunicazione appare piuttosto appannata, i giovani guardano con ambivalenza al futuro: l’esperienza della guerra è ancora troppo vicina perché se ne possano dimenticare gli orrori e le promesse dello sviluppo ancora troppo incerte per alimentare aspettative ottimistiche. Le differenze di genere, inoltre, sono ancora molto marcate, le giovani donne sono ancora relegate nell’ombra del privato e del domestico. Solo più tardi, alcuni sociologi torneranno a guardare agli anni ’50, ma lo faranno più in veste di storici, con lo sguardo di chi conosce che cosa è successo dopo: mi riferisco ad Accornero per i giovani operai (Accornero, 1973) e a Simonetta Piccone Stella che si sofferma soprattutto sul ruolo dei giovani nel clima culturale di quegli anni (Piccone Stella, 1993).

2. La seconda stagione: anticipazioni, ascesa e declino dei movimenti giovanili

8Tra la seconda metà degli anni ’50 e la prima metà degli anni ’60 il paese sperimenta una straordinaria fase di cambiamento. Al decollo industriale si accompagnano imponenti fenomeni di esodo dalle campagne, ingenti flussi migratori dal Sud al Nord, l’urbanizzazione dirompente, l’irruzione di nuovo modelli di consumo di massa. Sono gli anni di quello che passerà alla storia come “miracolo economico”. È il periodo nel quale la classe operaia raggiunge la sua massima espansione e gli operai sono spesso giovani, immigrati che vanno a popolare i nuovi quartieri operai delle città del Nord (Cavalli L., 1959; Carbonaro, 1962). Per i giovani si aprono nuove spazi di autonomia, di cauta emancipazione dalla famiglia, di adozione di nuovi stili di vita nel tempo libero, di graduale abbandono della sottomissione alle autorità tradizionali. Le poche ricerche condotte in questo primo periodo di questa stagione da un lato illustrano questi cambiamenti e dall’altro lato confermano l’apatia politica, la sfiducia verso il sistema dei partiti (Baglioni, 1962; Martinotti, 1966).

  • 1 È il periodo nel quale nei licei di Milano, ma anche di altre città, prendono piede i giornali di i (...)

9Fasi di cambiamenti intensi e rapidi tendono a creare forti discontinuità tra le generazioni che si esprimono soprattutto nei gusti dell’abbigliamento e nei gusti musicali. Questi ultimi segnano una rottura profonda, i giovani non guardano più tanto alla tradizione melodica della canzone italiana, i modelli vengono da fuori, soprattutto dal mondo giovanile anglo-americano, si pensi alla musica beat, ai Beatles e ai Rolling Stones. Attraverso la musica arriva anche un messaggio di ribellione, di insofferenza verso l’autoritarismo della famiglia e, in generale, degli adulti, sono i segnali anticipatori di un fenomeno che caratterizzerà grosso modo un decennio tra la fine degli anni ’60 e la fine degli anni ’70. La ricerca sociologica sui giovani di quegli anni registra e descrive questi segnali di cambiamento e in alcuni casi ne mette anche in luce l’intrinseca ambivalenza (Rositi, 1961). Ma più spesso sono gli stessi protagonisti di questi cambiamenti a raccontarsi e a raccontare le vicende che li vedono in azione, si profila una sociologia militante, quasi un esercizio di autoriflessione di chi sta facendo un’esperienza che vuole condividere con altri. Pensiamo alle reazioni che aveva suscitato nel mondo giovanile il caso de «La Zanzara», oppure alla grande mobilitazione di giovani in occasione dell’alluvione di Firenze nel 19661, su questi e altri fenomeni abbiamo le voci che vengono dai movimenti. Bisogna ammettere che, nonostante questi segnali, lo scoppio del movimento studentesco tra il 1967 e il 1968 lasciò tutti, ricercatori sociali compresi, sorpresi. Del resto, a più di quaranta anni di distanza, non si può dire che di quei movimenti sia stata data una spiegazione soddisfacente.

  • 2 Per un tentativo di analisi comparativa, vedi: Ortoleva, 1988; Cavalli, Martinelli, 1972.

10Come la musica, anche l’onda dei movimenti giovanili, era partita con qualche anno di anticipo dagli Stati Uniti, dove si era verificata la convergenza di tre fattori di movimento: la lotta per l’affermazione dei diritti civili della popolazione di colore, le rivendicazioni di libertà di parola e l’azione collettiva degli studenti in molte università di prestigio e l’opposizione all’impegno militare americano in Vietnam e in altre regioni del mondo. Il movimento degli studenti si diffonde poi in molte parti e soprattutto in Europa. Non vi sono collegamenti di sorta tra i vari focolai della rivolta studentesca, si genera però un fenomeno di contagio reso possibile dall’informazione televisiva che travalica i confini territoriali e linguistici e connette in tempo reale eventi lontani nello spazio. I vari movimenti presentano quindi alcune importanti analogie, ma anche sensibili differenze2. In Europa, a differenza degli Stati Uniti, il movimento degli studenti ha potuto convergere, e in parte a mescolarsi, con le frange più combattive del movimento operaio che si erano sottratte al controllo dei partiti e delle organizzazioni tradizionali del sindacato, confluendo in quella che è stata chiamata l’opposizione extra-parlamentare. Sul piano ideologico, in Europa il momento libertario e “comunitario” proveniente dall’esperienza americana si combina con la ripresa e in rinnovamento delle correnti di pensiero marxiste-leniniste. In Italia, in particolare, la ripresa delle lotte operaie, anch’esse animate in primo piano da giovani senza precedenti esperienze politiche o sindacali, trova echi, risonanze e convergenze, sia sul piano ideologico sia su quello delle azioni, con il movimento degli studenti. L’elemento comune è la contestazione dell’autorità costituita: per gli operai l’autorità del padrone in fabbrica, ma anche l’autorità dei quadri tradizionali del sindacato, per gli studenti l’autorità dei professori e dei dirigenti scolastici, per tutti l’autorità della famiglia che stenta ad abbandonare il modello patriarcale fondato su una profonda asimmetria tra generi e generazioni. Nella scuola non vengono contestate soltanto le pratiche autoritarie (che si esprimono nei voti, nelle bocciature, nella valutazione della condotta), ma l’intero impianto culturale del sapere che viene trasmesso, di cui si coglie il carattere elitario e l’estrema distanza dal mondo del lavoro e dai problemi della quotidianità.

11Insieme alla contestazione dell’autoritarismo, il tema dell’uguaglianza assume una nuova centralità nei movimenti del ’68. Gli anni ’60 avevano visto una notevole espansione della popolazione scolastica, sia nella scuola secondaria, sia nelle università. Le porte si erano aperte a ceti sociali un tempo esclusi dall’accesso all’istruzione. Come spesso accade, ci si rende conto delle disuguaglianze quando queste vengono attenuate e si aprono prospettive di maggiore uguaglianza. Il movimento denunciava che il fatto che i figli e le figlie della classe operaia potessero ora studiare qualche anno di più rispetto alle generazioni precedenti non faceva venir meno le disuguaglianze e le discriminazioni, ma le spostava solo più avanti. E anche sui luoghi di lavoro, negli uffici e nelle fabbriche, si rivendicava una maggiore uguaglianza nelle possibilità di godere dei frutti del nuovo benessere generato dallo sviluppo.

12Queste dinamiche egualitarie si intrecciano, nel corso degli anni ’70, con il movimento delle donne e la sua radicale rimessa in discussione del regime di genere. Le forme di mobilitazione collettiva dalla forte visibilità che il movimento promuove aprono la via non soltanto a nuovi percorsi di costruzione biografica delle donne, centrati sull’idea di pluralità e differenza; sovvertono anche alla radice le relazioni quotidiane fra donne e uomini, innescando profondi processi di mutamento sociale, culturale e anche giuridico. Alla loro base c’è la volontà di rimettere in discussione le contrapposizioni fondative dell’ordine sociale: il pubblico e il privato, il personale e il politico, il corpo e la mente. Sono gli anni che vedono la genesi e lo sviluppo dei women’s studies in Italia (Di Cori, Barazzetti, 2001).

°

  • 3 Non è un caso che le analisi più acute del movimento studentesco vengano, per così dire, dall’inter (...)
  • 4 Una ricerca isvet indicava nel 6% del campione la quota di coloro vivevano in funzione della milita (...)

13Dove si colloca la ricerca sociologica nei confronti dei movimenti? Certamente i temi sollevati dai movimenti sono temi centrali anche per la sociologia come scienza sociale e di fatto alcune esperienze di punta del movimenti degli studenti si svilupparono proprio nelle facoltà dove le scienze sociali e la sociologia avevano da poco fatto il loro ingresso. Tra i sociologi che hanno cercato di interpretare il movimento degli studenti così come si stava sviluppando sotto i loro occhi. la prospettiva più interessante fu senz’altro quella proposta da Francesco Alberoni (1970) che prima di altri colse la novità della convergenza tra operai e studenti. Altre ricerche privilegiarono invece le novità che lo sviluppo capitalistico, alle soglie della rivoluzione tecnologica, faceva emergere nel movimento operaio (Regini, Reyneri, 1977). Sono gli studenti, però, più che i ricercatori accademici a produrre conoscenza sulla realtà dei movimenti. La ricerca si sviluppa come ricerca-azione, dove gli attori diventano soggetto e oggetto della ricerca, in un rapporto dove teoria e pratica tendono ad integrarsi e ad arricchirsi reciprocamente3. Le poche ricerche campionare condotte in quegli anni ci dicono però quanto ampia fosse la mobilitazione. È vero che i giovani che dichiaravano di dedicare la loro vita prioritariamente alla militanza politica erano anche allora una minoranza4, tuttavia mai dopo di allora la quota dei “politicamente impegnati” raggiunse livelli così elevati e lo stesso vale anche per coloro che partecipavano solo occasionalmente o che, comunque, si tenevano informati su quanto accadeva in Italia e nel mondo.

  • 5 Le riforme universitarie si risolsero in gran parte in misure di emergenza volte a tamponare le fal (...)
  • 6 Questo sviluppo è documentato in Balbo, Chiaretti, 1975.
  • 7 Resta fondamentale a tanti anni di distanza la ricerca sugli insegnanti di Barbagli, Dei (1969) e d (...)

14La stagione dei movimenti produsse diverse spinte innovative. Anche se non ebbe un grande impatto sulle policies5, ebbe comunque l’effetto (non intenzionale) di favorire in modo decisivo il processo di istituzionalizzazione della sociologia nell’università italiana. Prima di allora gli insegnamenti di materie sociologiche si calcolavano in poche decine, nell’arco di pochi anni il loro numero si moltiplicò in misura esponenziale6. Il movimento degli studenti rivendicava una riforma che, oltre ad abbattere le pratiche autoritarie tradizionali, introducesse nei curricoli insegnamenti più moderni, capaci di fornire strumenti per interpretare i cambiamenti che si stavano realizzando nella società. Nelle facoltà più tradizionali, quelle giuridiche e umanistiche, le resistenze all’allargamento dello spazio delle scienze sociali incontrò non lievi resistenze. Non è un caso che in un primo tempo le discipline sociologiche si sviluppassero soprattutto in facoltà che erano nate prevalentemente nell’ambito delle facoltà di Giurisprudenza (Scienze Politiche) e di Lettere e Filosofia (Magistero), o in facoltà del tutto nuove in università di nuova fondazione (come la Facoltà di Sociologia dell’Università di Trento). L’espansione nelle facoltà “ancillari” preservava quelle tradizionali, primo, dall’impatto dirompente della massa di nuovi studenti, secondo, dalle nuove discipline che venivano percepite come poco adatte per essere ammesse nelle cittadelle del sapere. Poche furono in quegli anni le ricerche sociologiche che cercarono di documentare e interpretare il fenomeno dirompente dell’espansione della scolarità, sia a livello di istruzione secondaria, sia di università7.

15La stagione dei movimenti non solo contribuì al consolidamento istituzionale della sociologia, ma favorì anche la nascita e lo sviluppo, sia a livello teorico che empirico, di un filone di ricerca nel quale nel corso degli anni la sociologia italiana ebbe modo di fornire un contributo significativo. Mi riferisco allo studio dei movimenti sociali, ovvero i cd. social movement studies, a partire dalla riflessione teorica di Francesco Alberoni (1977), fino agli studi di Alberto Melucci e della sua scuola (1982, 1984) che hanno aperto nuove originali prospettive di ricerca (Della Porta, Diani, 1997). Vi è inoltre un altro filone di ricerca, i women studies, che deve il suo sviluppo iniziale alla spinta ricevuta dai movimenti femministi che si erano sviluppati in coda e per certi versi in polemica coi movimenti sessantottini.

  • 8 In effetti in Italia durarono più che altrove e finirono, simbolicamente, con l’uccisione di Aldo M (...)

16I movimenti, tuttavia, come aveva anticipato Alberoni, ebbero vita relativamente breve8, diedero luogo alla formazione frammentata di piccoli gruppi ideologici in competizione tra di loro, alcuni cercarono nel terrorismo una illusoria scorciatoia, altri videro la trasformazione dell’impegno politico in impegno sociale. Alla fine degli anni ’70 la seconda stagione della ricerca sociologica variamente connessa ai movimenti giovanili può dirsi conclusa.

3. La terza stagione: il ritorno al privato e l’allungamento della fase giovanile

  • 9 Esemplari a questo proposito le ricerche di A. Melucci e della sua scuola già citati.
  • 10 Vedi a questo proposito una ricerca condotta su giovani torinesi alla fine degli anni ’70 (Ricolfi, (...)

17Con gli anni ’80 si apre una nuova stagione della ricerca sociologica sui giovani. I movimenti giovanili scompaiono dalla scena, oppure si inabissano assumendo un andamento carsico, o si trasformano adottano altre forme e altre sembianze. Di quando in quando riaffiorano i movimenti pacifisti (soprattutto quando sono in gioco interventi militari delle potenze occidentali). Scompare e ricompare anche il movimento delle donne e lo stesso si può dire dei movimenti ecologisti che stentano, almeno in Italia, a strutturarsi in modo stabile. I movimenti nascono, si sviluppano e declinano intorno a issues che vanno e vengono in forme spesso contingenti9. Ma non si tratta di ripiegamento nella dimensione dell’individualismo, quanto piuttosto del passaggio da una società incentrata sul collettivo ad una socialità che ruota intorno alla qualità delle relazioni in una dimensione micro-sociale10.

18I giovani continuano ad esistere come categoria, scompare il loro protagonismo in quanto giovani e in quanto attori in un progetto di cambiamento. Se i movimenti erano stati alimentati da una lunga fase di sviluppo e quindi di aspettative crescenti che consentivano di vedere futuri possibili diversi e migliori del presente, nella seconda metà degli anni ’70 e soprattutto nel corso dei due decenni successivi il paese, ma anche l’Europa, entra in una fase di rallentamento della crescita, se non di vera e propria stagnazione e recessione. La disoccupazione giovanile cresce, cresce anche per diplomati e laureati, riducendo la prospettiva di mobilità sociale attraverso il canale dell’istruzione. Di quando in quando gli studenti si mobilitano, ma si tratta di fiammate temporanee, che esprimono disagio, ma non si inquadrano in un progetto di medio-lungo termine.

19La categoria della presentificazione del tempo diventa cruciale per cogliere i tratti salienti e le dimensioni soggettive che caratterizzano questa stagione: si raccorciano le prospettive orientate al futuro, sia individuali che collettive, ma si restringe anche la dimensione della memoria. Il passato, sia quello storico della collettività alla quale si appartiene, ma anche quello più famigliare di nonni e genitori risulta appannato. Il tema delle rappresentazioni e degli usi del tempo, connessi agli stili di vita diventa un topos della ricerca sociologica sui giovani (Scotti, 1983; Guiducci, 1983; Cavalli, 1985). Ci sono ancora giovani che sanno bene che cosa vogliono fare nella vita e hanno un’idea abbastanza chiara del loro futuro, ce ne sono altri che vogliono mantenersi aperti gli orizzonti ed esitano di fronte a scelte irreversibili, e altri ancora che aspettano passivamente gli eventi, incapaci di fare scelte e infine, vi sono anche coloro che cadono vittima di paradisi artificiali che promettono di fermare il tempo. Da questi studi la condizione giovanile appare estremamente variegata. Essi mettono in luce come sia improprio, anzi profondamente sbagliato, parlare di giovani come se si trattasse di una categoria o classe omogenea, come frequentemente appare nei discorsi generici di adulti che rimpiangono i loro “anni ruggenti” e dei giovani vedono soltanto le differenze dal passato e/o i fenomeni della devianza. Al di là dei pregiudizi e degli stereotipi, si può essere “giovani” in tanti modi diversi.

20Negli anni ’80 ha inizio anche una serie di indagini periodiche che proseguiranno per tutti gli anni ’90 fino al primo decennio del xxi secolo e che costituiranno un osservatorio privilegiato sulla condizione giovanile e forniranno una fonte di dati a livello nazionale utili per chi lavora coi giovani e una palestra per alcune generazioni di giovani sociologi che hanno voluto cimentarsi con la ricerca campionaria sulla popolazione giovanile. Si tratta delle sei indagini sulla condizione giovanile condotte dall’Istituto iard tra il 1983 e il 2004 su campioni rappresentativi a livello nazionale piuttosto numerosi (Cesareo et al., 1983; Cavalli, de Lillo, 1988; Buzzi, Cavalli, de Lillo, 1997; 2002; 2007). La caratteristica di queste indagini consiste nell’aver cercato di cogliere la pluralità degli aspetti della condizione giovanile nelle sue trasformazioni nel tempo: dall’esperienza scolastica e dai rapporti con al famiglia d’origine, alla transizione al lavoro, agli orientamenti politici e valoriali, all’uso del tempo e ai consumi, alle amicizie e alla formazione dei rapporti di coppia, fino agli atteggiamenti e ai comportamenti giudicati devianti. È stato così possibile monitorare quel processo di prolungamento della fase giovanile del corso di vita che era stato messo in luce anche da altre indagini (Scabini, Donati, 1988). Si è potuto inoltre sondare anche per l’Italia la presenza o meno di tendenze culturali messe in luce dalle ricerche internazionali, soprattutto di quelle che hanno incentrato il dibattito sull’affiorare nella società avanzate di valori post-materialistici di cui i giovani sarebbero i principali anticipatori (Inglehart, 1977).

21Purtroppo, le difficoltà che la ricerca sociale incontra nel paese hanno provocato l’interruzione, speriamo non definitiva, di queste indagini che costituiscono un esempio piuttosto raro di accumulazione di dati e conoscenze su fenomeni sociali rilevanti.

4. La quarta stagione: i giovani come categoria penalizzata

  • 11 Questa considerazione è in parte autocritica. Nelle ricerche iard non abbiamo mai adottato né un’in (...)

22Il fenomeno del prolungamento abnorme della fase giovanile del corso di vita ha incominciato a destare qualche preoccupazione e qualche allarme nei primi anni del nuovo secolo. Perché, ci si chiedeva, i giovani italiani (ma anche quelli di altre società della riva Nord del Mediterraneo) manifestano una tendenza così pronunciata a rimandare tutte le scelte che comporterebbero l’ingresso nella fase adulta e l’assunzione delle responsabilità relative, perché aspettano così tanto prima di uscire dalla casa dei genitori, prima di acquisire una loro autonomia? Alcune risposte a questo interrogativo hanno puntato su interpretazione di tipo culturalistico: il “mammismo” degli italiani, l’affievolirsi della propensione a “fare impresa”, l’edonismo consumistico, una scuola incapace di formare al lavoro e altro ancora. Se “diventare adulto” non appare sufficientemente attraente, perché mai i giovani dovrebbero “avere fretta di crescere”? Finché i bisogni fondamentali (i tradizionali food, cloth and shelter di smithiana memoria) sono assicurati dalla famiglia, non appare irrazionale darsi da fare per uscire da questo guscio così protettivo? Tutte questi tentativi di spiegazione hanno però un limite: tendono a penalizzare i giovani (o le loro famiglie), sarebbero loro i principali responsabili della sindrome di Peter Pan. Non c’è dubbio che alcuni di questi fattori hanno giocato un ruolo nel produrre l’esito del prolungamento. Ma non ci si può fermare qui e bisogna ammettere che sono stati anche alcuni economisti e demografi (Boeri, Salasso, 2007; Ambrosi, Rosina, 2009; Livi-Bacci, 2008; Dell’Aringa, Treu, 2011) a suggerire spiegazioni alternative alle quali i sociologi non hanno dato forse, almeno inizialmente, un peso adeguato11. L’operare delle istituzioni, si sostiene, non favorisce, ma anzi ostacola, il passaggio alla vita adulta. Alcuni sono vizi antichi, altri più recenti.

23La scuola, innanzitutto, non valorizza la cultura del lavoro e la formazione professionale a tutti i livelli, medio superiore e universitario. I meccanismi di orientamento sono scarsamente utilizzati e poco efficaci. L’università stessa, inoltre, è spesso complice del ritardo nella conclusione degli studi non ostacolando, ma al contrario favorendo, il fenomeno dei cosiddetti “fuori corso”.

24Il mercato non offre sufficienti soluzioni a giovani coppie prive di mezzi e/o di sostegno famigliare nell’accesso a condizioni abitative adeguate. Lo squilibrio tra abitazioni in proprietà ed abitazioni in affitto (a canoni ragionevoli) va tutto a svantaggio dei giovani che vogliono rendersi autonomi dalla famiglia.

25La banche sono restie a concedere mutui o prestiti a giovani che vogliono comprarsi una casa o iniziare un’attività imprenditoriale se non presentano adeguate garante patrimoniali e quindi, di nuovo, se non possono fare affidamento sul sostegno dei genitori.

26In molte piccole-medie imprese a carattere famigliare i fondatori sono restii ad affidare responsabilità di governo e di gestione ai propri discendenti.

27Il mercato del lavoro presenta una situazione dualistica: da un lato i lavoratori protetti sul piano giuridico e sindacale (maschi-adulti), dall’altro i lavoratori precari (giovani-donne). I giovani accedono al mercato del lavoro prevalentemente attraverso il canale del precariato e una quota di essi non riesce a fare il passo verso contratti di lavoro a tempo indeterminato, restando intrappolati in una successione di lavori precari e periodi di disoccupazione.

28Gli ordini professionali sono tendenzialmente organizzazioni chiuse e gerontocratiche che tendono alla conservazione dei privilegi di chi ne fa parte e ostacolano il ricambio generazionale.

29I partiti politici, a parte il loro funzionamento che privilegia le oligarchie consolidate, sono orientati alla tutela degli interessi delle fasce numericamente in crescita dell’elettorato (gli anziani), piuttosto che delle fasce numericamente in declino (i giovani).

30I sindacati sono sempre più organizzazioni di lavoratori in pensione i cui interessi non coincidono con quelli dei giovani e dei disoccupati, anche se spesso affermano il contrario.

31A tutti questi fattori si aggiunga il peso del debito pubblico che, a meno di scenari allarmanti, graverà a lungo sui bilanci pubblici e quindi sulle opportunità delle generazioni più giovani e di quelle che nasceranno in futuro. Per non parlare del consumo delle risorse non rinnovabili e dei beni ambientali di cui le generazioni future non potranno godere.

32Queste considerazioni ci dicono che la società italiana fa riferimento pressoché esclusivo ad una soluzione privatistica e particolaristica affidando il futuro dei giovani essenzialmente alla famiglia e quindi ostacolando il processo di acquisizione di autonomia nel percorso verso l’età adulta.

Torna su

Bibliografia

Accornero A. (1973), Gli anni Cinquanta in fabbrica, Bari, De Donato.

Alberoni F. (1970), Classi e generazioni, Bologna, il Mulino.

Alberoni F. (1977), Movimento e istituzione, Bologna, il Mulino.

Alfassio-Grimaldi U., Bertoni I. (1964), I giovani degli anni Sessanta, Bari, Laterza.

Allum P., Diamanti I. (1986), 50-’80, vent’anni, Roma, Ediz. Lavoro.

Altan C.T., Marradi A. (1976), Valori, classi sociali e scelte politiche, Milano, Bompiani.

Ambrosi E., Rosina A. (2009), Non è un paese per giovani. L’anomalia italiana: una generazione senza voce, Padova, Marsilio.

Baglioni G. (1962), I giovani nella società industriale, Milano, Vita e Pensiero.

Balbo L., Chiaretti G., Massironi G. (1975), L’inferma scienza, Bologna, il Mulino.

Barbagli M., Dei M. (1969), Le vestali della classe media, Bologna, il Mulino.

Boeri T., Salasso V. (2007), Contro i giovani. Come l’Italia sta tradendo le nuove generazioni, Milano, Mondadori.

Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A. (a cura di) (1997), Giovani verso il 2000, Quarto rapporto iard sulla condizione giovanile in Italia, Bologna, il Mulino.
Id. (a cura di) (2002), Giovani del nuovo secolo. Quinto rapporto iard sulla condizione giovanile in Italia, Bologna, il Mulino.
Id. (a cura di) (2007), Rapporto giovani. Sesta indagine dell’istituto iard sulla condizione giovanile in Italia, Bologna, il Mulino.

Carbonaro A., Lumachi F. (1962), Giovani in provincia, Firenze, La Nuova Italia.

Cavalli A. (a cura di) (1985), Il tempo dei giovani, Bologna, il Mulino (nuova ed. Milano, Ledizioni, 2012).

Cavalli A., de Lillo A. (1988), Giovani anni 80, Bologna, il Mulino.

Cavalli A., de Lillo A. (a cura di) (1993), Giovani anni 90, Terzo rapporto iard sulla condizione giovanile in Italia, Bologna, il Mulino.

Cavalli A., Leccardi C. (1997), Le culture giovanili, in Storia dell’Italia repubblicana, vol. III, Torino, Einaudi, pp. 709-800.

Cavalli A., Martinelli A. (1972), Toward a conceptual framework for the comparative analysis of student movements, «International Social Science Journal», 24, pp. 301-310.

Cavalli L. (1959), La gioventù del quartiere operaio, Genova, Tipografia Saga-Reale.

Cesareo V., Cavalli A., de Lillo A., Ricolfi L., Romagnoli G., Giovani oggi. Indagine iard sulla condizione giovanile in Italia, Bologna, il Mulino, 1984.

de Lillo A., Cavalli A. (a cura di) (1984), Giovani anni 80, Bologna, il Mulino.

Dell’Aringa C., Treu T. (a cura di) (2011), Giovani senza futuro?, Bologna, il Mulino.

Della Porta D., Diani M. (1997), I movimenti sociali, Roma, Carocci.

Di Cori P., Barazzetti D. (a cura di) (2001), Gli studi delle donne in Italia. Una guida critica, Roma, Carocci.

Donolo C. (1973), La politica ridefinita: il movimento degli studenti, in Farneti P. (a cura di), Il sistema politico italiano, Bologna, il Mulino.

Dursi M. (1959), Giovani soli, Bologna, il Mulino.

Martinotti G. (1966), La partecipazione politica dei giovani, «Quaderni di Sociologia», 15, 3-4, pp. 334-371.

Grasso P.G. (1967), Gioventù di metà secolo, Roma, Ave.

Guiducci R. (1983), I giovani e il futuro, Milano, Rizzoli.

Inglehart D. (1977), The Silent Revolution, Princeton, Princeton University Press (trad. it. La rivoluzione silenziosa, Milano, Rizzoli, 1983).

Livi-Bacci M. (2008), Avanti giovani alla riscossa. Come uscire dalla crisi giovanile in Italia, Bologna, il Mulino.

Luzzatto Fegiz P. (1966), Il volto sconosciuto dell’Italia, Milano, Giuffré.

Martinotti G. (1969), Gli studenti universitari, Padova, Marsilio.

Melucci A. (1982), L’invenzione del presente, Bologna, il Mulino.
Id. (a cura di) (1984), Altri codici. Aree di movimento nella metropoli, Bologna, il Mulino.

Ortoleva O. (1988), Saggio sui movimenti del 1968 in Europa e in America, Roma, Editori Riuniti (nuova ed. 1998)

Piccone Stella S. (1993), La prima generazione. Ragazze e ragazzi nel miracolo economico Italiano, Milano, Franco Angeli.

Regini M., Reyneri E. (1977), Lotte operaie e organizzazione del lavoro, Padova, Marsilio.

Reyneri E. (2005), Sociologia del mercato del lavoro, vol. II, 2a ed., Bologna, il Mulino.

Ricolfi L., Sciolla L. (1980), Senza padri né maestri. Inchiesta sugli orientamenti politici e sociali degli studenti, Bari, De Donato.

Rositi F. (1971), Studio sull’ambivalenza culturale: il caso della cultura giovanile, in Contraddizioni di cultura. Ideologie collettive e capitalismo avanzato, Bologna, Guaraldi.

Scabini E., Donati P. (1988), La “famiglia lunga” del giovane adulto, Milano, Vita e Pensiero.

Scamuzzi S. (1991), Modelli di equità tra individui, classi, generazioni, Bologna, il Mulino.

Scarpati R. (1973), La condizione giovanile in Italia, Milano, Franco Angeli.

Scotti M. (1983), Inchiesta sull’avvenire dei giovani, Milano, copli.

Torna su

Note

1 È il periodo nel quale nei licei di Milano, ma anche di altre città, prendono piede i giornali di istituto fatti degli stessi studenti. «La Zanzara» era il giornale del Liceo Parini e aveva subito, siamo nel febbraio 1966, la pensante censura del preside in occasione di un’inchiesta, che aveva fatto scandalo, sulla sessualità femminile. Per una breve analisi di questo periodo, vedi Cavalli, Leccardi, 1997.

2 Per un tentativo di analisi comparativa, vedi: Ortoleva, 1988; Cavalli, Martinelli, 1972.

3 Non è un caso che le analisi più acute del movimento studentesco vengano, per così dire, dall’interno anche da chi, in seguito, verrà a far parte del mondo dei ricercatori. Vedi, ad esempio, Donolo, 1973.

4 Una ricerca isvet indicava nel 6% del campione la quota di coloro vivevano in funzione della militanza politica. Vedi: Scarpati, 1973; Altan, Marradi, 1976.

5 Le riforme universitarie si risolsero in gran parte in misure di emergenza volte a tamponare le falle più evidenti del sistema. Non così in Francia, dove, dopo il maggio, furono introdotte riforme di portata ben maggiore.

6 Questo sviluppo è documentato in Balbo, Chiaretti, 1975.

7 Resta fondamentale a tanti anni di distanza la ricerca sugli insegnanti di Barbagli, Dei (1969) e di Martinotti (1969) sugli studenti universitari.

8 In effetti in Italia durarono più che altrove e finirono, simbolicamente, con l’uccisione di Aldo Moro nel 1978.

9 Esemplari a questo proposito le ricerche di A. Melucci e della sua scuola già citati.

10 Vedi a questo proposito una ricerca condotta su giovani torinesi alla fine degli anni ’70 (Ricolfi, Sciolla, 1980)

11 Questa considerazione è in parte autocritica. Nelle ricerche iard non abbiamo mai adottato né un’interpretazione “accusatoria”, né una “assolutoria” nei confronti dei giovani, ma non abbiamo sottolineato, a mio parere, sufficientemente, le tendenze gerontocratiche in atto nella società italiana. S. Scamuzzi, invece, è stato uno dei primi sociologi, in Italia, a parlare chiaramente di “equità” tra le generazioni (Scamuzzi, 1991). Vedi anche Reyneri, 2005.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alessandro Cavalli e Carmen Leccardi, « Le quattro stagioni della ricerca sociologica sui giovani »Quaderni di Sociologia, 62 | 2013, 157-169.

Notizia bibliografica digitale

Alessandro Cavalli e Carmen Leccardi, « Le quattro stagioni della ricerca sociologica sui giovani »Quaderni di Sociologia [Online], 62 | 2013, online dal 01 octobre 2013, consultato il 25 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/464; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.464

Torna su

Autori

Alessandro Cavalli

Dipartimento di Studi Politici e Sociali Università di Pavia

Articoli dello stesso autore

Carmen Leccardi

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università di Milano - Bicocca

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search