Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri87- XLVla società contemporanea / Changi...Tra convergenza e divergenza: ori...

la società contemporanea / Changing values in a changing world? Italy in the European Values Study and World Values Survey (2018)

Tra convergenza e divergenza: orientamento politico e fiducia degli italiani verso le istituzioni

Between convergence and divergence: political orientation and confidence in institutions among Italian people
Riccardo Ladini
p. 65-88

Abstract

During the last forty years, confidence in several institutions has broadly changed among Italian people. However, patterns of variations are highly dependent on the type of institution. Confidence in political-administrative institutions did not substantially vary; confidence in order institutions has substantially increased; instead, confidence in supernational institutions has dramatically collapsed, especially during the last decade. This work aims at providing an original interpretation of the variation of the three dimensions of confidence in institutions by highlighting the role of the political context in shaping those attitudes. In particular, we argue that variation in parties’ positions toward institutions could lead to a change in confidence in order and supernational institutions. By using longitudinal data coming from the Italian edition of the European Values Study (from 1981 to 2018), we offer indirect evidence to our argumentation by analysing trends of confidence in those institutions by political orientation, measured by the left-right scale.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

1Quando viene evocato il concetto di fiducia che gli italiani hanno nei confronti delle istituzioni, risulta immediato il riferimento alla cultura politica degli italiani stessi, che Almond e Verba (1963) definivano come “alienata” oltre mezzo secolo fa. È nota infatti la scarsa fiducia che gli italiani hanno riposto nelle istituzioni politiche, quali il parlamento e i partiti, sin dal secondo Dopoguerra, e che persiste ancora oggi. Tuttavia, i dati dell’indagine European Values Study (EVS), che consentono di monitorare valori e atteggiamenti dei cittadini europei dagli anni Ottanta sino al 2018, ci restituiscono per l’Italia una fotografia che mostra andamenti e livelli decisamente eterogenei a seconda del tipo di istituzione considerata (Ladini, 2020). La fiducia nelle istituzioni politico-amministrative, nel complesso decisamente bassa, appare piuttosto stabile nel tempo, seppur con qualche oscillazione. La fiducia nelle istituzioni d’ordine, su livelli elevati già negli anni Ottanta, è aumentata notevolmente negli ultimi vent’anni, mentre al contrario la fiducia nelle istituzioni sovranazionali, decisamente elevata negli anni Novanta, ha fatto registrare un considerevole calo, in particolare a seguito degli effetti della crisi finanziaria del 2008-2009. Alla luce di queste evidenze empiriche, risulta opportuno fornire chiavi interpretative ai differenziati andamenti della fiducia nelle varie istituzioni, evidenziando quali fattori possono aver portato ad un mutamento sostanziale della fiducia in talune istituzioni.

2Se si prendesse come riferimento la prospettiva teorica che spiega il cambiamento dei valori e degli atteggiamenti come conseguenza del processo di modernizzazione sociale (Inglehart, 1997), la dinamica della fiducia nelle diverse istituzioni sarebbe assai differente rispetto a quanto riscontrato empiricamente. Per esempio, in riferimento alla fiducia nelle istituzioni d’ordine, secondo Inglehart con l’affermazione della società post-industriale si sarebbero affermati valori post-materialisti, che di conseguenza avrebbero portato ad una minore deferenza nei confronti dell’autorità tra le generazioni più giovani. Invece, non solo si è assistito ad una crescita della fiducia nelle istituzioni d’ordine, ma per di più si è potuto osservare come gli andamenti temporali siano stati piuttosto simili tra le diverse generazioni (Ladini, 2020). Per di più, il processo di modernizzazione avrebbe dovuto portare ad un lento mutamento di atteggiamenti e valori, non consentendo pertanto di spiegare la repentina variazione negativa della fiducia nelle istituzioni sovranazionali.

3Alternativamente, si potrebbe spiegare il mutamento della fiducia nelle istituzioni alla luce del processo di globalizzazione, evidenziando come l’aumento delle disuguaglianze sociali tra i cosiddetti “perdenti” e “vincenti della globalizzazione” (Kriesi et al., 2006) si rifletta in differenziati andamenti temporali della fiducia istituzionale tra i due gruppi. Se da una parte questa prospettiva teorica è in grado di spiegare in parte il calo della fiducia nelle istituzioni sovranazionali durante gli anni Duemila (Dotti Sani, Magistro, 2016), dall’altra non consente di fornire analoghe spiegazioni, ad esempio, sull’incremento della fiducia nelle istituzioni d’ordine.

4Pertanto, risulta opportuno prendere in considerazione una prospettiva teorica differente per spiegare l’andamento della fiducia nelle istituzioni negli ultimi quarant’anni. Come recentemente argomentato da Biolcati et al. (2020) nell’Introduzione al volume Come cambiano gli italiani, anche il contesto istituzionale e politico può assumere un ruolo centrale nella formazione e nell’evoluzione di valori e atteggiamenti. Per quanto riguarda la fiducia nelle istituzioni, precedenti ricerche hanno evidenziato come la qualità delle istituzioni influisca sulla fiducia degli individui verso le istituzioni stesse (Rothstein, Stolle, 2008; nel contesto italiano, Ladini, 2020). Vi sono tuttavia ulteriori elementi del contesto politico, quali le posizioni e i comportamenti delle élite – in primis, dei partiti – che possono influenzare gli atteggiamenti individuali. Gli orientamenti degli individui potrebbero infatti conformarsi agli orientamenti delle élite, e questo può valere anche per orientamenti nei confronti delle istituzioni. Di conseguenza, si potrebbe spiegare il cambiamento nel tempo della fiducia che gli individui ripongono nei confronti delle istituzioni alla luce di un cambiamento degli orientamenti delle élite nei confronti delle istituzioni stesse.

5Partendo da questa prospettiva, il presente contributo intende fornire una chiave di lettura alla spiegazione del mutamento nel tempo della fiducia nelle diverse istituzioni, ponendo al centro il ruolo dell’orientamento politico. A livello diacronico, un mutamento delle posizioni dei partiti nei confronti delle diverse istituzioni può avere un’influenza sul mutamento della fiducia degli individui nelle istituzioni stesse, soprattutto tra coloro più sensibili ai messaggi di taluni partiti. A livello empirico, saranno analizzati gli andamenti nel tempo della fiducia nelle istituzioni per orientamento politico, inteso in termini di auto-collocazione sull’asse sinistra-destra, utilizzando i dati longitudinali dell’edizione italiana dell’indagine EVS 1981-2018. Qualora, a seconda del tipo di istituzione considerata, si osservassero andamenti convergenti – o divergenti – tra i vari orientamenti ideologici, e coerenti con l’evoluzione delle posizioni dei partiti, ci sarebbe evidenza empirica – seppur indiretta – a favore del ruolo del contesto politico nella spiegazione del mutamento della fiducia nelle istituzioni.

2. Il mutamento della fiducia nelle istituzioni: quali aspettative?

  • 1 La classificazione è basata su uno dei primi lavori di ricerca sullo studio dell’opinione pubblica (...)
  • 2 La classificazione prevede infine la categoria delle easy political issues – le opinioni su temi pr (...)

6Dal momento che l’opinione pubblica può mostrarsi più o meno stabile a seconda dell’oggetto su cui deve fornire una valutazione, è possibile classificare valori, opinioni e atteggiamenti a seconda del loro grado di volatilità (Reeskens et al., 2020)1. Vi sono infatti valori piuttosto stabili nel tempo – definiti come core values, quali ad esempio la fiducia orizzontale e l’orientamento ideologico – che si formano durante il periodo della socializzazione e tendono a non mostrare rilevanti oscillazioni nel corso del tempo. Se questo vale per il cambiamento intra-individuale, analogamente l’andamento inter-individuale di questi valori tende a non presentare improvvise variazioni a seguito di variazioni a livello di contesto. Al contrario, le opinioni riguardo a temi complessi sui quali è necessario disporre di un notevole livello di informazione per avere un’opinione a riguardo – le cosiddette hard political issues, come ad esempio le opinioni in materia di privacy – sono soggette a notevoli fluttuazioni nel corso del tempo. Queste fluttuazioni dipendono in larga parte da effetti contestuali, come l’incremento della salienza del tema o il posizionamento di attori politici che offrono scorciatoie cognitive agli individui (cue-taking, Brader, Tucker, 2012). Nell’ambito di questa classificazione, la fiducia nelle istituzioni viene collocata tra gli atteggiamenti definiti come preferenze valutative (evaluative preferences), intese come poco più stabili delle hard political issues ma assai più volatili dei core values2.

7A tal riguardo, se si considerano le principali concettualizzazioni della fiducia istituzionale diffuse in letteratura emergono due diverse visioni. Da una parte, la fiducia nelle istituzioni è intesa nei termini di un’aspettativa che l’individuo ha nei confronti del funzionamento dell’istituzione stessa (fiducia come decisione strategica, Uslaner, 2002). Pertanto si suppone che l’esperienza individuale abbia un ruolo rilevante nel definire tale aspettativa. Dall’altra parte, la fiducia nelle istituzioni viene considerata come una predisposizione individuale nei confronti di tali istituzioni, pertanto nei termini di un orientamento valoriale (fiducia moralistica, ibidem). Qualora quest’ultima definizione risultasse come più appropriata, il contesto politico-istituzionale dovrebbe avere uno scarso impatto nello spiegare la fiducia nelle diverse istituzioni; pertanto, le variazioni nel tempo del livello di fiducia di un singolo individuo sarebbero conseguenza di un lento processo. Alla luce di diversi contributi che evidenziano come il contesto politico-istituzionale sia associato al livello individuale di fiducia nelle istituzioni (Mishler, Rose, 2001; Rothstein, Stolle, 2008), sembra ragionevole intendere la fiducia in termini di preferenza valutativa, ovvero di un’aspettativa positiva nei confronti di comportamenti futuri (Bordandini, 2015), soggetta ad una non trascurabile volatilità.

8Se la fiducia istituzionale fosse intesa come un atteggiamento piuttosto volatile, il ruolo della socializzazione non dovrebbe essere centrale nella spiegazione di tale atteggiamento. Invece, qualora la fiducia nelle istituzioni fosse, alla stregua degli orientamenti valoriali, un atteggiamento piuttosto stabile nel tempo e il mutamento complessivo del livello di fiducia fosse da imputare al ricambio generazionale, avremmo evidenza a favore di un ruolo chiave dei processi di socializzazione nello spiegare questo atteggiamento. Tuttavia, i dati dell’indagine EVS ci mostrano come in Italia, negli ultimi quarant’anni, l’andamento della fiducia in diverse istituzioni è stato piuttosto volatile ed analogo tra le diverse generazioni, con una predominanza dell’effetto periodo, ossia a fattori contestuali comuni a tutte le generazioni, sull’effetto di coorte (Ladini, 2020), ossia che gruppi di individui socializzatisi in un determinato periodo storico avessero un diverso livello di fiducia rispetto ad altri indipendentemente dal periodo di rilevazione. Questo è un primo elemento indiretto a favore di una spiegazione politico-istituzionale piuttosto che di una spiegazione culturale (à la Inglehart) dell’andamento della fiducia nelle istituzioni, come già riscontrato empiricamente in ricerche comparate (Mishler, Rose, 2001).

  • 3 Tuttavia, dal momento che gli autori inseriscono l’orientamento ideologico come semplice variabile (...)

9Facendo riferimento ad una spiegazione politico-istituzionale del mutamento della fiducia nelle istituzioni, è opportuno illustrarne i possibili meccanismi. Da una parte, variazioni temporali della qualità delle istituzioni, ad esempio in termini di efficienza amministrativa, livello di imparzialità e corruzione, si possono tradurre in mutamenti della fiducia nelle istituzioni stesse (Rothstein, Stolle, 2008). In questo primo caso, ci si riferisce ad un contesto prettamente istituzionale. Dall’altra parte, l’andamento della fiducia nelle istituzioni può essere anche spiegato dal mutamento delle posizioni delle élite nei confronti delle istituzioni stesse, che si riflette poi negli atteggiamenti degli individui. Questa spiegazione utilizza pertanto un approccio top-down nello studio del mutamento di valori ed atteggiamenti, estendendo quanto elaborato da Thomassen (2005) sul cambiamento del comportamento di voto nelle società occidentali, da interpretare in larga parte con il mutamento dell’offerta politica, piuttosto che con il cambiamento della struttura sociale. In un’analisi diacronica della fiducia nelle istituzioni, questo approccio appare piuttosto originale, dal momento che la gran parte dei lavori di ricerca sul tema prende raramente in considerazione gli orientamenti politici. Un’eccezione è rappresentata dal recente lavoro di Arpino e Obydenkova (2020), che analizzando nel contesto europeo le determinanti della fiducia nel parlamento nazionale, nel parlamento europeo e nell’ONU prima e dopo la crisi economica, mostrano un leggero incremento della differenza media dei tre indicatori di fiducia tra individui di sinistra, che mostrano maggiore fiducia, e individui di destra3.

10Saranno prese in considerazione le principali dimensioni di fiducia nelle istituzioni analizzate in questo lavoro, fornendo una breve rassegna del mutamento delle posizioni dei partiti rispetto a tali istituzioni a partire dagli anni Ottanta, sulla base di precedenti lavori di ricerca.

3. Divergenza e convergenza nelle posizioni dei partiti nei confronti delle istituzioni

  • 4 Si veda a tal riguardo il lavoro di Schnaudt (2019).
  • 5 Ad esempio, il coinvolgimento politico risulta associato alla fiducia nelle istituzioni rappresenta (...)

11In letteratura diversi autorevoli contributi considerano la fiducia istituzionale come un concetto unidimensionale (Marien, 2011; Marien, Hooghe, 2011). Se tale approccio può apparire efficace nell’analizzare la fiducia nelle istituzioni quando ci si riferisce alle sole istituzioni politiche rappresentative, lo stesso appare riduttivo quando si amplia lo spettro delle istituzioni considerate. A prescindere da ragioni teoriche che possono portare il ricercatore ad analizzare la fiducia nelle istituzioni utilizzando un approccio unidimensionale piuttosto che multidimensionale4, vi è una ragione sostanziale a favore della scelta di quest’ultimo quando l’obiettivo è quello di analizzare i fattori che influenzano la fiducia nelle istituzioni. Se tali fattori variano a seconda dell’istituzione considerata5, è opportuno mantenere distinte le dimensioni della fiducia istituzionale. Pertanto, quando si intende analizzare l’andamento nel tempo della fiducia nelle istituzioni, qualora si osservino andamenti differenziati a seconda del tipo di istituzione considerata, un approccio multidimensionale appare maggiormente appropriato.

12Utilizzando una classificazione proposta in precedenti ricerche (Ladini, 2020) la fiducia sarà analizzata distinguendo tre dimensioni a seconda del tipo di istituzione: politico-amministrative, d’ordine e sovranazionali. Tra le prime possiamo ad esempio annoverare il parlamento e la pubblica amministrazione, tra le seconde la polizia e le forze armate, tra le terze l’Unione Europea (UE) e le Nazioni Unite (ONU). Dal momento che il presente lavoro intende spiegare l’andamento della fiducia nelle diverse istituzioni in funzione delle posizioni dei partiti politici nei confronti delle istituzioni stesse, intendiamo ora illustrare l’evoluzione di tali posizioni negli ultimi quarant’anni.

13Se prendiamo in considerazione le istituzioni politico-amministrative, dal momento che i partiti politici contribuiscono al funzionamento di tali istituzioni, è poco verosimile pensare di osservare un sostanziale cambiamento delle posizioni dei partiti stessi a riguardo. Piuttosto, potrebbe essere un cambiamento nel tempo del funzionamento di tali istituzioni, inteso come misura del cambiamento del contesto istituzionale di riferimento, a tradursi in un cambiamento della fiducia degli individui.

14Diverso è invece il discorso relativo alle istituzioni d’ordine e sovranazionali. In merito alle prime, il rapporto tra alcuni partiti e tali istituzioni è mutato dagli anni Ottanta ad oggi, anche a seguito di cambiamenti del contesto politico. Questo vale in particolare per i partiti di sinistra e centro-sinistra. Per quanto riguarda la polizia, durante il periodo della guerra fredda il diffuso ricorso a strategie coercitive che prevedevano l’utilizzo di armi da fuoco per reprimere le manifestazioni operaie – e studentesche tra la metà degli anni Sessanta e gli anni Settanta – aveva trovato una forte opposizione da parte del Partito Comunista Italiano (PCI) e in parte anche del Partito Socialista Italiano (PSI) (della Porta, Reiter 2003). Con il riconoscimento del ruolo democratico del PCI, in primis nella lotta al terrorismo, e la moderazione delle tattiche di protesta, a partire dagli anni Ottanta si sono ridotte le critiche dei partiti di sinistra e centro-sinistra, prima il PCI e in seguito i suoi principali eredi, nei confronti delle forze di polizia (della Porta, Reiter, 1996). In corrispondenza della progressiva attenuazione delle contrapposizioni ideologiche, dagli anni Ottanta «il discorso sull’ordine pubblico si è de-polarizzato e de-ideologizzato, con un accordo, almeno nella retorica, sul bisogno di reprimere le forme di protesta più violente, ma al contempo offrire soluzioni ai problemi sociali più sentiti» (della Porta, Reiter, 2003, 337). Infatti, le strategie repressive, ridottesi a favore di strategie informative, hanno continuato ad essere utilizzate prevalentemente nei confronti di quei soggetti politici “ai margini”, come i movimenti sociali da cui i principali partiti di centro-sinistra hanno progressivamente preso le distanze. Come evidenziato dagli stessi autori, questa de-polarizzazione persiste ed è emersa chiaramente anche negli anni Duemila, quando a seguito del massiccio ricorso a strategie repressive durante il G8 di Genova, nel dibattito parlamentare i partiti dell’Ulivo non assunsero posizioni apertamente critiche verso l’organizzazione della polizia. Complessivamente, durante la Seconda repubblica si può evidenziare un generale consenso tra i partiti sull’operato delle forze di polizia.

  • 6 Vedi ad esempio il consenso sull’abolizione della leva obbligatoria.

15Analogamente, rispetto al periodo della guerra fredda sono mutate anche le posizioni dei partiti di sinistra e soprattutto di centro-sinistra nei confronti delle forze armate, principalmente a seguito di un sostanziale mutamento delle politiche di difesa. Complessivamente, l’immagine delle forze armate è migliorata soprattutto a seguito dell’impegno dell’Italia nelle missioni internazionali a partire dagli anni Novanta. Nella rappresentazione mediatica, l’immagine del soldato come difensore della propria nazione è stata progressivamente sostituita dall’immagine del soldato come portatore di pace o di assistenza umanitaria in situazioni di calamità naturale o di guerra (Malesic, Garb, 2018). Nel discorso politico, la principale giustificazione dell’accordo verso le missioni militari all’estero in quanto missioni di pace, volte pertanto a ristabilire la pace in situazioni di conflitto, è stata ampiamente utilizzata dalle èlite politiche, e in particolar modo dai partiti di centro-sinistra (Calossi et al., 2013). Lo stesso consenso bipartisan riscontrato nel discorso sull’ordine pubblico, si è riscontrato anche nell’ambito delle politiche di difesa a partire dagli anni Novanta6, che in precedenza tendevano a riflettere le contrapposizioni ideologiche (Bellucci, 1998). In particolare, si è registrata un’ampia convergenza delle forze politiche sulle missioni internazionali, proseguite anche con i partiti di centro-sinistra al governo (Marrone, Tessari, 2013). In tale contesto, una maggiore opposizione alle missioni militari all’estero è stata riscontrata tra i partiti di estrema sinistra (Coticchia, Vignoli, 2020), tuttavia piuttosto minoritari in termini di consenso elettorale.

  • 7 Si rimanda a questo lavoro per una trattazione più approfondita sull’evoluzione delle posizioni dei (...)

16In merito alle istituzioni sovranazionali, possiamo riferirci principalmente alle posizioni dei partiti nei confronti dell’Unione Europea. Un quadro esaustivo e aggiornato a riguardo viene fornito dal recente lavoro di Conti et al. (2020)7. Fino ai primi anni Novanta sia l’opinione pubblica sia la classe politica italiana venivano definite come eurofile. Quasi tutti i partiti dell’arco parlamentare si mostravano a supporto nel processo di integrazione europea. Ancora nel 1992, il voto parlamentare sul Trattato di Maastricht – tappa cruciale nel processo di integrazione europea – raccolse un consenso quasi unanime tra le forze politiche, con le sole eccezioni del Movimento Sociale Italiano a destra e di Rifondazione Comunista a sinistra.

17Con l’avvento della Seconda repubblica, furono i due nuovi principali partiti di centro-destra, Forza Italia e Alleanza Nazionale, ad assumere posizioni più ambivalenti nei confronti delle istituzioni europee, seppur non di aperta opposizione al processo di integrazione europea. Questi partiti assunsero generalmente posizioni più strumentali nel rapporto con le istituzioni europee, con l’obiettivo di difendere la sovranità e gli interessi nazionali (ibidem). Analizzando le posizioni delle élite politiche sull’integrazione europea nel 2007, Roux e Verzichelli (2010) evidenziavano come, nonostante sia i partiti di centro-sinistra che quelli di centro-destra si collocassero su posizioni pro-Europa, questi ultimi si mostravano più critici proprio in quanto meno disposti a cedere sovranità nazionale a favore dell’UE.

  • 8 Occorre inoltre ricordare come nella Seconda repubblica il consenso ai partiti di estrema sinistra (...)

18Durante lo stesso periodo, a destra posizioni euroscettiche si riscontravano nella Lega Nord, sempre collocata su posizioni apertamente contrarie al processo di integrazione europea, che mal si conciliava con la principale istanza del partito di rafforzare la sovranità delle regioni. Nel versante opposto, soltanto i partiti collocati all’estrema sinistra, come ad esempio Rifondazione Comunista, non si collocavano su posizioni favorevoli all’integrazione europea8. Tuttavia, l’euroscetticismo sia della Lega Nord sia di Rifondazione Comunista si esprimeva soprattutto a livello retorico e assai meno nei comportamenti istituzionali, soprattutto nei periodi in cui tali partiti erano al governo (Conti, De Giorgi, 2011).

19Con l’insorgere della crisi economica iniziata nel 2008 le istituzioni europee hanno assunto ulteriore centralità nel dibattito politico, portando ad un notevole incremento della salienza del tema dell’autorità dell’UE nei programmi dei partiti (Giannetti et al., 2018) e ad una crescente polarizzazione sul tema. Se si considerano le posizioni dei partiti tra il 2017 e il 2018, sia in termini di posizioni dei parlamentari (Conti et al., 2020) sia di percezioni dall’opinione pubblica (Vezzoni, Ladini, 2019) emerge una chiara distinzione in buona parte spiegata dalla dimensione sinistra-destra, dove tra i principali partiti il Partito Democratico si poneva su posizioni favorevoli all’integrazione europea, mentre i partiti di destra, quali la Lega e Fratelli d’Italia, assumevano posizioni ampiamente euroscettiche (ibidem). La principale formazione politica a sinistra del Partito Democratico, Sinistra Italiana/Liberi e Uguali, si collocava su posizioni non sostanzialmente differenti a quelle del Partito Democratico. Al contrario, il Movimento 5 Stelle, primo partito votato nelle elezioni politiche del 2013 e 2018, non ideologicamente connotato e ambivalente nella collocazione sinistra-destra, almeno fino al 2018 veniva percepito come partito euroscettico, seppur in misura minore rispetto alla Lega e a Fratelli d’Italia ma in misura leggermente maggiore rispetto a Forza Italia.

20Se consideriamo altre istituzioni sovranazionali, come ad esempio l’ONU, nel periodo di osservazione non emergono simili dinamiche nelle posizioni dei partiti. L’Italia ha sempre riconosciuto l’autorità delle Nazioni Unite, senza particolari distinzioni tra i diversi attori politici. In ogni modo, non essendo quello del ruolo delle Nazioni Unite un tema divisivo, la salienza nel dibattito politico è stata assai limitata. Bisogna tuttavia sottolineare come, dal momento che in tale dibattito l’istituzione sovranazionale maggiormente al centro dell’attenzione è l’UE, l’opinione pubblica tende a sovrapporre la fiducia nell’ONU con la fiducia nell’UE, soprattutto tra individui con minore sofisticazione politica (Lamprianou, Charalambous, 2018). Sebbene le funzioni e gli assetti istituzionali di ONU e UE siano ampiamente differenti, la maggiore politicizzazione a livello nazionale del tema dell’integrazione europea potrebbe favorire l’utilizzo di simili euristiche cognitive nel determinare la fiducia degli individui verso l’ONU.

4. Ipotesi

21Alla luce delle argomentazioni presentate, questo lavoro intende testare empiricamente una generale ipotesi di ricerca, che può essere definita come segue: l’andamento temporale della fiducia nelle diverse istituzioni dipende dal contesto politico-istituzionale, e più precisamente dalle posizioni che i partiti politici assumono nei confronti delle istituzioni. Dalla rassegna della letteratura è emerso che le posizioni di alcuni partiti nei confronti di alcune istituzioni sono variate nel tempo, pertanto a partire dall’ipotesi generale ci si può attendere una variazione nel tempo della fiducia nei confronti di tali istituzioni tra gli individui con orientamenti politici analoghi a quei partiti. Distinguendo tra le tre dimensioni di fiducia nelle istituzioni, è possibile formulare tre differenti ipotesi.

  • 9 A tal riguardo, si potrebbero utilizzare indicatori di qualità delle istituzioni disponibili a live (...)

22Per quanto riguarda le istituzioni politico-amministrative, il contesto politico-istituzionale può spiegarne l’andamento della fiducia nel tempo se inteso in termini di valutazione del funzionamento delle istituzioni9, piuttosto che di mutamento delle posizioni dei partiti nei confronti di tali istituzioni. Pertanto, secondo la prima ipotesi, l’andamento temporale della fiducia nelle istituzioni politico-amministrative non dovrebbe sostanzialmente variare al variare dell’orientamento politico degli individui (ipotesi 1).

23Al contrario, per quanto riguarda le istituzioni d’ordine, il rapporto tra alcuni partiti e tali istituzioni è mutato durante gli ultimi 40 anni, come osservato in precedenza. In particolare, si è ridotta la conflittualità tra partiti di sinistra e centro-sinistra e istituzioni d’ordine. Pertanto, è possibile ipotizzare nel tempo una progressiva convergenza nella fiducia nelle istituzioni d’ordine tra individui con diversi orientamenti politici (ipotesi 2), soprattutto a seguito di un incremento di tale fiducia tra gli individui collocati al centro-sinistra e a sinistra.

24Infine, nei confronti delle istituzioni sovranazionali, con particolare riferimento all’UE, si è assistito soprattutto a seguito della crisi economica del 2008-2009 ad un inasprimento delle posizioni euroscettiche tra i partiti di destra e centro-destra, mentre fino ai primi anni Novanta non c’erano sostanziali differenze tra partiti. Ipotizzando una corrispondenza tra posizioni delle élite e opinione pubblica, ci si attende nel tempo una crescente divergenza nella fiducia nelle istituzioni sovranazionali tra individui con diversi orientamenti politici (ipotesi 3). In particolare, un calo sostanziale si dovrebbe verificare tra gli individui collocati a destra a nel centro-destra, mentre la fiducia degli individui collocati al centro-sinistra e a sinistra dovrebbe rimanere piuttosto stabile.

5. Dati, variabili e metodi

25I dati utilizzati per testare empiricamente le ipotesi provengono dalle cinque edizioni italiane dell’indagine European Values Study, realizzate rispettivamente nel 1981 (n=1.348), 1990 (n=2.018), 1999 (n=2.000), 2009 (n=1.519) e 2018 (n=2.277). In ciascuna rilevazione, il campione è stato estratto dalla popolazione maggiorenne residente in Italia con cittadinanza italiana con metodo di campionamento probabilistico. Le interviste sono sempre state condotte con modalità faccia a faccia. L’ampia finestra temporale di rilevazione – di circa quarant’anni – rende l’indagine EVS come la più longeva tra le rilevazioni campionarie utilizzate nell’ambito della ricerca sociale per studiare gli atteggiamenti, i valori, le credenze e le opinioni a livello comparato. Come efficacemente descritto da Biolcati et al. (2020, 8), i dati EVS consentono di «raccontare una storia degli italiani raccontata da loro stessi». In particolare, la possibilità di rilevare informazioni su individui appartenenti alla stessa coorte di nascita in quattro diversi decenni consente di analizzare l’evoluzione di tali valori e atteggiamenti distinguendo effetti di periodo ed effetti di coorte.

  • 10 Nella prima edizione del 1981 non erano inclusi nella batteria indicatori di fiducia nelle istituzi (...)
  • 11 Analisi fattoriali mostrano un buon adattamento ai dati di un modello di misurazione che include qu (...)

26A partire dalla prima edizione, nel questionario EVS è presente una batteria di item che misurano la fiducia nelle istituzioni. Ciascun item prevede quattro modalità di risposta: nessuna, poca, abbastanza e molta fiducia. Nell’ultima rilevazione la batteria era formata da 17 item, ma solo alcuni di essi sono presenti in tutte le rilevazioni. Ai fini delle analisi che saranno presentate in questo lavoro, la scelta degli indicatori utilizzati si basa su una duplice valutazione: da una parte, si è cercato di sfruttare al meglio le potenzialità dell’approccio longitudinale, privilegiando gli item inclusi nel maggior numero di rilevazioni; dall’altra, sono stati presi in considerazione item utili a rilevare le tre diverse dimensioni di fiducia istituzionale qui analizzate, che rappresentano le variabili dipendenti di questo studio. Per misurare la fiducia nelle istituzioni politico-amministrative e d’ordine sono stati considerati indicatori presenti in tutte le cinque rilevazioni: rispettivamente, la fiducia nel parlamento e nella pubblica amministrazione, e la fiducia nella polizia e nelle forze armate. La fiducia sovranazionale10 viene invece misurata mediante la fiducia nell’UE e nell’ONU, la prima presente nel questionario dal 1990, la seconda dal 199911. Nelle analisi, le variabili sono state trasformate in modalità dicotomica, distinguendo coloro che ripongono molta o abbastanza fiducia in un’istituzione (valore 1) da coloro che ripongono poca o nessuna fiducia (valore 0). Questa scelta consente di stimare nel tempo la percentuale di individui che mostrano fiducia in un’istituzione.

  • 12 Per quanto riguarda l’auto-collocazione sull’asse sinistra-destra, la percentuale di casi mancanti, (...)

27La principale variabile indipendente è invece l’interazione tra l’anno di rilevazione (1981, 1990, 1999, 2009, 2018) e l’orientamento politico. Per misurare l’orientamento politico, consideriamo l’auto-collocazione sull’asse sinistra-destra, presente in tutte le cinque rilevazioni. La variabile, originariamente in scala 1 (sinistra) – 10 (destra), è stata qui ricodificata in cinque categorie (sinistra: 1-2; centro-sinistra: 3-4; centro: 5-6; centro-destra: 7-8; destra: 9-10) più una categoria residuale (non risponde, non sa, valore mancante). Per rispondere alla principale domanda di ricerca di questo studio, ovvero se l’andamento della fiducia istituzionale sia differenziato a seconda dell’orientamento politico a seguito dei cambiamenti delle posizioni dei partiti nei confronti delle istituzioni stesse, una misura ancor più pertinente poteva essere la vicinanza ad un partito. Tale variabile, tuttavia, presenta un numero molto elevato di valori mancanti, nel 1981 addirittura pari al 71% del campione complessivo – pari anche al 48% nel 2009 e al 42% nel 2018. L’utilizzo dell’orientamento ideologico consente pertanto di salvaguardare l’approccio longitudinale relativo ai circa quarant’anni di osservazione.12

  • 13 È stato quindi assegnato il valore 1 ai rispondenti che si consideravano vicini alla DC, al PLI, al (...)

28Come variabili di controllo, sono state considerate il genere, la coorte di nascita decennale (fino al 1934, 1935-1944, 1945-1954, 1955-1964, 1965-1974, 1975-1984, 1985-1994, dal 1995 in poi), l’istruzione misurata con l’età in cui il rispondente ha terminato il percorso di istruzione (ricodificato in tre categorie: 0-15 anni, 16-19 anni, 20 anni e più) e lo status occupazionale (occupato/a, in pensione, casalingo/a, disoccupato/a). La vicinanza con un partito al governo nel periodo di somministrazione dell’indagine, possibile confondente della relazione tra orientamento ideologico e fiducia istituzionale – soprattutto nelle istituzioni politiche nazionali (Keele, 2005; Morisi et al., 2019) – è stata inserita come variabile di controllo (1: vicino ad un partito di governo13; 0: altrimenti).

  • 14 Poiché le ipotesi si riferiscono ai soli individui che dichiarano il loro orientamento politico, ne (...)

29Le ipotesi sono testate mediante modelli di regressione logistica dove la fiducia in ciascuna istituzione è la variabile dipendente e l’interazione tra orientamento ideologico e anno di rilevazione la principale variabile indipendente, e che controllano per le variabili socio-demografiche sopra elencate e la vicinanza ad un partito di governo. Per valutare eventuali differenze negli andamenti temporali tra diversi indicatori della stessa dimensione di fiducia istituzionale, ogni variabile dipendente è analizzata singolarmente. Per facilitare l’interpretazione dei risultati di termini di interazione in una regressione logistica, saranno mostrate le percentuali predette – dai modelli di regressione logistica – di fiducia in ciascuna istituzione per autocollocazione sull’asse sinistra-destra e anno di rilevazione14.

6. Risultati

  • 15 Si rimanda a Ladini (2020) per una discussione più approfondita di questi andamenti.

30In tabella 1, sono mostrate le percentuali di fiducia (abbastanza/molta) nelle istituzioni politico-amministrative, d’ordine e sovranazionali relative alle cinque edizioni dell’indagine EVS. Come già accennato in precedenza, la fiducia nelle istituzioni politico-amministrative, parlamento e pubblica amministrazione, è sempre stata decisamente bassa, in ogni rilevazione inferiore al 40% per entrambe le istituzioni. Tra il 1981 e il 2009 si è osservato un modesto incremento (+4 punti percentuali) della fiducia nel parlamento, tornata però nel 2018 sui livelli del 1981. Si nota un aumento leggermente più considerevole della fiducia nella pubblica amministrazione tra il 1990 e il 1999 (+8 punti percentuali, +6 rispetto al 1981), che poi sostanzialmente si stabilizza fino al 2018. Per quanto riguarda le istituzioni d’ordine, si registra un notevole aumento negli ultimi 20 anni sia della fiducia nella polizia sia soprattutto della fiducia nelle forze armate. Nel 2018, oltre 3 italiani su 4 dichiarano di avere fiducia in tali istituzioni. Al contrario, la fiducia nelle istituzioni sovranazionali crolla tra il 2009 e il 2018, soprattutto se consideriamo la fiducia nell’UE (-23 punti percentuali, quasi dimezzata rispetto al 1990), che mostrava livelli assai più elevati rispetto alle altre istituzioni nel 199015.

Tabella 1. Percentuali di fiducia (abbastanza/molta) nelle istituzioni politico-amministrative, d’ordine e sovranazionali, EVS Italia 1981-2018

1981

1990

1999

2009

2018

Istituzioni politico-amministrative

Parlamento

30

31

34

34

29

Pubblica amministrazione

27

25

33

36

36

Istituzioni d’ordine

Polizia

65

65

67

76

81

Forze armate

54

46

52

74

76

Istituzioni sovranazionali

UE

76

69

65

42

ONU

 

 

68

65

54

31Le successive analisi intendono fornire una chiave di lettura di tali andamenti temporali mettendo in luce il ruolo del contesto politico. Nella figura 1, che mostra le probabilità predette della fiducia nelle istituzioni politico-amministrative per anno di rilevazione e orientamento ideologico stimate dai modelli di regressione logistica (vedi i modelli completi A e B in tab. A1 in Appendice), si osservano andamenti nel tempo eterogenei tra i diversi orientamenti ideologici. Tuttavia, non emerge una chiara relazione tra l’orientamento ideologico e l’andamento della fiducia nel tempo. Se consideriamo la fiducia nel parlamento, nel 1981 non vi sono sostanziali differenze tra gruppi ad eccezione di un livello leggermente più alto tra gli individui collocati a destra. Lo stesso vale per gli anni 1990 e 1999, dove addirittura non vi sono differenze sostanziali tra le categorie, a seguito di un leggero decremento della fiducia nel parlamento tra individui di destra nel periodo 1990-1999, e uno speculare incremento per tutti gli altri. Nel 2009, in un contesto politico piuttosto polarizzato durante il governo Berlusconi IV, si osserva una divaricazione della fiducia tra individui di centro, destra e soprattutto centro-destra, questi ultimi con una percentuale di fiducia pari al 45%, e individui di sinistra e centro-sinistra, su valori inferiori al 30%. Tali differenze si annullano invece nel 2018, sebbene tra gli individui non collocati sull’asse sinistra-destra la fiducia risulta significativamente inferiore rispetto a coloro che si collocano (vedi tab. A1 in Appendice). Anche per quanto riguarda la fiducia nella pubblica amministrazione (fig. 1, pannello a dx), soprattutto nelle rilevazioni del 1981 e del 1990 la distribuzione delle risposte non risulta ordinata per orientamento ideologico, sebbene le percentuali di fiducia siano leggermente più alte tra gli individui collocati a destra, di poco superiori al 30%. La figura mostra poi un aumento della fiducia comune a tutti gli individui, ad eccezione di quelli di destra, tra il 1990 e il 2009. Nel periodo successivo, si riscontra un incremento della fiducia nella pubblica amministrazione soltanto tra i collocati sul centro-sinistra, la cui percentuale di fiducia nel 2018 risulta superiore al 40%. Complessivamente, sebbene in alcuni periodi temporali si riscontrino delle associazioni tra orientamento ideologico e fiducia nelle istituzioni politico-amministrative, i risultati tendono ad avvalorare l’ipotesi 1. Ovvero, l’orientamento politico non sembra tra i principali candidati nello spiegare la variazione di tale fiducia nel tempo. A tal riguardo, il modello di regressione logistica spiega soltanto poco più del 2% della variabilità delle misure dicotomiche di fiducia nel parlamento e nella pubblica amministrazione nel periodo analizzato.

Figura 1. Percentuali predette della fiducia nelle istituzioni politico-amministrative (a sinistra, parlamento; a destra, pubblica amministrazione) per collocazione ideologica e anno di rilevazione, EVS Italia 1981-2018

Figura 1. Percentuali predette della fiducia nelle istituzioni politico-amministrative (a sinistra, parlamento; a destra, pubblica amministrazione) per collocazione ideologica e anno di rilevazione, EVS Italia 1981-2018

Nota: valori predetti dai modelli di regressione A e B mostrati in tab. A1 in Appendice. Per ogni anno di rilevazione, gli asterischi indicano se la differenza rispetto alla categoria di riferi-mento (centro-destra) è statisticamente significativa *** p<0.01, ** p<0.05, * p<0.1

32Per quanto riguarda la seconda ipotesi, relativa alla fiducia nelle istituzioni d’ordine, i risultati presentati in figura 2 (vedi i modelli completi C e D in tab. A1 in Appendice) identificano una più chiara associazione tra orientamento ideologico e andamento temporale della fiducia. In linea con quanto riscontrato da Sani e Sartori (1983, 319) su dati del 1976, nel 1981 si registra una sostanziale polarizzazione in merito alla fiducia nella polizia, che riflette i rapporti delle élite politiche con tale istituzione: se tra individui collocati al centro-sinistra e a sinistra la percentuale predetta di fiducia risultava pari al 50% circa (rispettivamente, 46% e 53%), tra gli individui collocati al centro, centro-destra e destra tale percentuale era superiore al 70%. Come atteso, nel 1990 si attenua il divario tra gli orientamenti ideologici in corrispondenza di un incremento di 5 punti percentuali tra gli individui con posizioni di sinistra e centro-sinistra. Mentre tra il 1990 e il 1999 non si riscontrano variazioni, a meno di un incremento della fiducia tra gli individui collocati a destra, nei vent’anni successivi la fiducia aumenta per tutti i gruppi di individui. Soprattutto, l’incremento maggiore si riscontra tra gli individui collocati nel centro-sinistra, coerentemente con quanto atteso dalle ipotesi di ricerca: nel 2018, la loro percentuale di fiducia nella polizia risulta pari all’81% (+27 punti percentuali rispetto al 1999), riducendo ampiamente il divario rispetto ai collocati al centro (84%, differenza non statisticamente significativa), al centro destra (87%) e a destra (89%), come già osservato all’inizio degli anni Duemila da Corbetta e Segatti (2004). Nel periodo 1981-2018, anche tra gli individui collocati a sinistra si riscontra un incremento della percentuale di fiducia maggiore rispetto agli individui con posizioni di centro e conservatrici (+25 punti percentuali, nelle altre categorie compreso tra 13 e 16 punti percentuali), sebbene il divario continui a persistere. Anche in riferimento alle forze armate, nel 1981 la differenza della fiducia tra gli orientamenti ideologici era particolarmente elevata: tra gli individui con posizioni di centro-destra, la percentuale di fiducia (67%) era più alta di 25 e 34 punti percentuali rispetto ad individui di centro-sinistra e sinistra, la cui fiducia era significativamente inferiore anche agli individui di centro. Se la diminuzione tra il 1981 e il 1990 e l’aumento tra il 1990 e il 1999 sono tendenzialmente simili tra tutti i gruppi, tra il 1999 e il 2009 aumenta soprattutto la fiducia tra individui di centro – con livelli di fiducia analoghi ad individui con orientamenti di destra e centro-destra – e di centro-sinistra e sinistra. A seguito di una maggiore convergenza delle forze politiche sulle politiche di difesa, si riducono anche le differenze nell’opinione pubblica sulla fiducia nelle forze armate, la cui immagine complessiva è sostanzialmente migliorata a partire dagli anni Novanta. Per di più, nel 2018 si osserva un’ulteriore riduzione del divario nella fiducia nelle forze armate tra gli individui collocati sul centro-sinistra rispetto ad individui con posizioni più conservatrici (-12 e -6 punti percentuali rispetto ai collocati sul centro-destra e al centro). Seppur notevolmente ridotta rispetto al 1981, persiste invece una sostanziale differenza tra la fiducia nelle forze armate degli individui di sinistra rispetto agli individui con posizioni conservatrici. In generale, l’evidenza empirica tende a supportare come la progressiva riduzione nella contrapposizione tra partiti in materia di ordine pubblico e politiche di difesa abbia portato ad una convergenza nell’opinione pubblica, sebbene in parte incompleta, sulla fiducia nelle istituzioni d’ordine tra individui con posizioni progressiste e conservatrici. Per di più, i modelli di regressione logistica tendono a spiegare una proporzione maggiore delle variabilità della fiducia nella polizia (6%) e nelle forze armate (11,6%) rispetto alle variabili di fiducia nelle istituzioni politico-amministrative.

Figura 2. Percentuali predette della fiducia nelle istituzioni d’ordine (a sinistra, polizia; a destra, forze armate) per collocazione ideologica e anno di rilevazione, EVS Italia 1981-2018

Figura 2. Percentuali predette della fiducia nelle istituzioni d’ordine (a sinistra, polizia; a destra, forze armate) per collocazione ideologica e anno di rilevazione, EVS Italia 1981-2018

Nota: valori predetti dai modelli di regressione C e D mostrati in tab. A1 in Appendice. Per ogni anno di rilevazione, gli asterischi indicano se la differenza rispetto alla categoria di riferi-mento (centro-destra) è statisticamente significativa *** p<0.01, ** p<0.05, * p<0.1

33La corrispondenza tra posizioni dei partiti e atteggiamenti dell’opinione pubblica emerge ancora più chiaramente se analizziamo la fiducia nelle istituzioni sovranazionali (fig. 3, vedi i modelli completi E e F in tab. A1 in Appendice), in particolare nell’UE, la cui salienza nel dibatto pubblico è notevolmente aumentata a seguito della crisi economica del 2008 e la conseguente perdita di sovranità nazionale. Nel 1990, gli individui collocati a sinistra e centro-sinistra mostravano un livello di fiducia nell’UE inferiore, seppur elevato (rispettivamente, 68% e 73%), rispetto a coloro schierati su altre posizioni. In corrispondenza di un leggero calo di fiducia tra individui di centro, centro-destra e destra, non si rilevavano differenze sostanziali per orientamento ideologico nel 1999, e analogamente nel 2009. A seguito di una prevalenza di posizioni euroscettiche nell’ultimo decennio nei partiti di destra e centro-destra, nel 2018 emerge un’ampia divergenza tra individui con diversi orientamenti. La percentuale di fiducia nell’UE tra gli individui collocati a destra, pari al 25%, risulta ampiamente inferiore alla metà rispetto agli individui collocati sul centro-sinistra, tra cui è pari al 58%, di 5 punti percentuali inferiore rispetto a individui di sinistra. Analogamente, il livello di fiducia degli individui di centro-destra è di 25 punti percentuali inferiori rispetto a quelli di centro-sinistra. Si osserva quindi un’elevata polarizzazione sulla fiducia nell’UE in larga parte spiegabile dall’asse sinistra-destra. Un andamento temporale simile, seppur con variazioni di fiducia meno marcate, si nota anche analizzando la fiducia nell’ONU. Anche in questo caso, se si eccettua un minore livello di fiducia tra i collocati a sinistra, nel 1999 e nel 2009 la percentuale di fiducia è sostanzialmente simile tra le categorie – nel 1999, compresa tra il 64% a sinistra e il 73% a destra. Invece, con l’affermarsi a livello di élite di posizioni a favore di una sovranità nazionale a discapito di una sovranità internazionale, soprattutto a destra, rispetto al 2009 si registra nel 2018 un sostanziale calo della fiducia nell’ONU tra individui di destra (-32 punti percentuali), livello notevolmente inferiore rispetto alle altre categorie, e di centro-destra (-18 punti percentuali), livello significativamente inferiore rispetto agli individui di centro, centro-sinistra e sinistra, seppur ancora superiore al 50%. Come prevedibile, il modello di regressione logistica spiega una proporzione maggiore della variabilità della fiducia nell’UE (8,2%) rispetto alla fiducia nell’ONU (3,4%). Complessivamente, l’evidenza empirica tende a supportare l’ipotesi 3.

Figura 3. Percentuali predette della fiducia nelle istituzioni d’ordine (a sinistra, polizia; a destra, forze armate) per collocazione ideologica e anno di rilevazione, EVS Italia 1981-2018

Figura 3. Percentuali predette della fiducia nelle istituzioni d’ordine (a sinistra, polizia; a destra, forze armate) per collocazione ideologica e anno di rilevazione, EVS Italia 1981-2018

Nota: valori predetti dai modelli di regressione E e F mostrati in tab. A1 in Appendice. Per ogni anno di rilevazione, gli asterischi indicano se la differenza rispetto alla categoria di riferi-mento (centro-destra) è statisticamente significativa *** p<0.01, ** p<0.05, * p<0.1

7. Conclusioni

34L’introduzione al recente volume sul cambiamento dei valori e degli atteggiamenti degli italiani dagli anni Ottanta ad oggi, Come cambiano gli italiani (Biolcati et al., 2020), propone due chiavi interpretative di tale cambiamento, basate rispettivamente sul paradigma della modernizzazione della società e su un approccio politico-istituzionale. Secondo gli autori, la prima consente di spiegare il cambiamento culturale fino all’inizio degli anni Novanta, mentre la seconda assume un ruolo rilevante soprattutto dagli anni Novanta fino ad oggi.

35Proprio alla luce di una limitata capacità interpretativa dell’approccio più diffuso basato sulla teoria della modernizzazione, il presente lavoro intende fornire evidenza empirica sul ruolo del contesto politico-istituzionale nel cambiamento degli atteggiamenti non solo a partire dagli anni Novanta, ma in tutta la finestra temporale coperta dall’indagine EVS, dal 1981 al 2018. Focalizzandosi sul cambiamento nel tempo della fiducia in diverse istituzioni, questo studio offre una prima evidenza empirica sul ruolo del contesto politico-istituzionale proponendone un possibile meccanismo inteso ad essere più approfonditamente testato in ricerche future. Nello specifico, si pone l’attenzione sull’evoluzione nel tempo delle posizioni delle élite, che possono influenzare gli orientamenti degli individui. Sfruttando l’ampio campo di osservazione dell’indagine longitudinale EVS, viene mostrata evidenza indiretta della relazione tra il mutamento delle posizioni dei partiti nei confronti delle istituzioni e il cambiamento della fiducia in tali istituzioni, analizzando empiricamente la dinamica della fiducia a seconda dell’orientamento ideologico.

36Tuttavia, le posizioni dei partiti sono dedotte a partire da ricerche precedenti, ma non vengono direttamente misurate. Partendo dagli spunti teorici ed empirici offerti da questo contributo, ricerche future potrebbero misurare sistematicamente le posizioni delle élite sulla base dell’analisi testuale dei programmi elettorali, della comunicazione dei partiti sui media e dei dibattiti parlamentari. L’analisi integrata di dati di élite e opinione pubblica, anche riferita ad un intervallo temporale più circoscritto, è necessaria per fornire ulteriore evidenza a suffragio delle ipotesi qui presentate. Allo stesso modo, le analisi illustrate in questo contributo non possono essere interpretate in termini di relazione causale tra orientamenti delle élite e orientamenti dell’opinione pubblica. Inoltre, i risultati qui mostrati non consentono di escludere la possibilità della causalità inversa, ossia che le élite abbiano adeguato i propri orientamenti a seguito di mutamenti della fiducia istituzionale all’interno dell’opinione pubblica.

37Nonostante queste limitazioni, il contributo intende offrire una prospettiva originale allo studio del cambiamento di lungo periodo degli atteggiamenti. Se gli orientamenti valoriali, soggetti ad una scarsa volatilità e formatesi durante la fase di socializzazione, potrebbero essere influenzati limitatamente dal contesto politico-istituzionale, gli atteggiamenti soggetti a maggiore volatilità tendono ad essere notevolmente influenzati da tale contesto. Pertanto, per interpretare i loro mutamenti, occorre tenere in considerazione non solo i cambiamenti strutturali come il ricambio demografico e l’espansione educativa, ma anche elementi del contesto politico. La chiave interpretativa qui fornita sul cambiamento della fiducia nelle istituzioni non pretende comunque di essere esaustiva, dal momento che non tiene in considerazione gli individui privi di un orientamento ideologico. Vi sono però ulteriori elementi del contesto politico-istituzionale, come la qualità e il funzionamento delle istituzioni stesse, che possono essere associati con la fiducia nelle istituzioni, anche di natura politico-amministrativa.

38I risultati consentono infine di fornire ulteriore evidenza a favore di un approccio multidimensionale nell’analisi longitudinale della fiducia nelle istituzioni. Ad esempio, le posizioni delle èlite nei confronti delle istituzioni sovranazionali, e in particolare dell’UE, si sono ampiamente diversificate nel tempo, e questa eterogeneità si è tradotta in una progressiva divergenza nella fiducia in tali istituzioni tra cittadini con diversi orientamenti politici. Al contrario, con la progressiva riduzione della contrapposizione ideologica cha caratterizzava la politica italiana durante la guerra fredda, si è riscontrata una parziale convergenza della fiducia nelle istituzioni d’ordine tra individui con diversi orientamenti politici.

Torna su

Bibliografia

Almond G.A, Verba S. (1963), The civic culture: Political attitudes and democracy in five Nations, Princeton, Princeton University Press.

Arpino B., Obydenkova A.V. (2020), Democracy and political trust before and after the great recession 2008: The European Union and the United Nations, «Social Indicators Research», 148, 2, pp. 395-415.

Bellucci P. (1998), Difesa, politica e società. La politica militare italiana tra obiezione di coscienza e professionalizzazione delle Forze Armate, Milano, Franco Angeli.

Biolcati F., Rovati G., Segatti P. (2020), Introduzione. 1981, 2018… 2020: gli italiani tra due secoli, in Idd. (a cura di), Come cambiano gli italiani: valori e atteggiamenti dagli anni Ottanta a oggi, Bologna, il Mulino, pp. 7-23.

Bordandini P. (2015), Fiducia in Italia, in Salvati M., Sciolla L. (a cura di), L’Italia e le sue regioni, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, vol. IV, pp. 79-92.

Brader T., Tucker J.A. (2012), Following the party’s lead: Party cues, policy opinion, and the power of partisanship in three multiparty systems, «Comparative Politics», 44, 4, pp. 403-420.

Calossi E., Calugi F., Coticchia F. (2013), Peace and war in the political discourse of Italian Marxist and post-Marxist parties, «Contemporary Italian Politics», 5, 3, pp. 309-324.

Conti N., De Giorgi E. (2011), L’Euroscetticismo a parole: Lega Nord e Rifondazione comunista tra retorica e comportamento istituzionale, «Rivista Italiana di Scienza Politica», 41, 2, pp. 265-290.

Conti N., Marangoni F., Verzichelli L. (2020), Euroscepticism in Italy from the onset of the crisis: Tired of Europe?, «South European Society and Politics», Epub ahead of print, pp. 1-26.

Converse P.E. (1964), The nature of belief systems in mass publics, in Apter D.E. (eds.), Ideology and discontent, New York, Free Press of Glencoe, pp. 206-261.

Corbetta P., Segatti P. (2004), Il bipolarismo immaginario, «Il Mulino», 1, pp. 47-56.

Coticchia F., Vignoli V. (2020), Italian political parties and military operations: An empirical analysis on voting patterns, «Government and Opposition», 55, 3, pp. 456-473.

della Porta D., Reiter H. (1996), Da «polizia del governo» a «polizia dei cittadini»? Le politiche dell’ordine pubblico in Italia, «Stato e Mercato», 48, 3, pp. 433-465.

della Porta D., Reiter H. (2003), Polizia e protesta, Bologna, il Mulino.

Dotti Sani G.M., Magistro B. (2016), Increasingly unequal? The economic crisis, social inequalities and trust in the European Parliament in 20 European countries, «European Journal of Political Research», 55, 2, pp. 246-264.

Giannetti D., Pedrazzani A., Pinto, L. (2018), The rising importance of non-economic policy dimensions and the formation of the Conte government in Italy, «Italian Political Science», 13, 2, pp. 27-44.

Inglehart R. (1997), Modernization and postmodernization: Cultural, economic, and political change in 43 societies, Princeton, Princeton University Press.

Keele L. (2005), The authorities really do matter: Party control and trust in government, «The Journal of Politics», 67, 3, pp. 873-886.

Kriesi H., Grande E., Lachat R., Dolezal M., Bornschier S., Frey T. (2006), Globalization and the transformation of the national political space: Six European countries compared, «European Journal of Political Research», 45, 6, pp. 921-956.

Ladini R. (2020), La (s)fiducia nelle istituzioni: tra profonde radici e recenti evoluzioni, in Biolcati F., Rovati G., Segatti, P., Come cambiano gli italiani: valori e atteggiamenti dagli anni Ottanta a oggi, Bologna, il Mulino, pp. 241-259.

Lamprianou I., Charalambous G. (2018), Cue theory and international trust in Europe: The EU as a proxy for trust in the UN, «International Studies Review», 20, 3, pp. 463-488.

Malešič M., Garb M. (2018), Public trust in the military from global, regional and national perspectives, in Caforio G., Nuciari M. (eds.), Handbook of the Sociology of the Military, Cham, Springer, pp. 145-159.

Marien S. (2011), Measuring political trust across time and space, in Hooghe M., Zmerli S. (eds.), Political trust. Why context matters, Colchester, ECPR Press, pp. 13-46.

Marien S., Hooghe M. (2011), Does political trust matter? An empirical investigation into the relation between political trust and support for law compliance, «European Journal of Political Research», 50, 2, pp. 267-291.

Marrone A., Tessari P. (2013), Il dibattito italiano sulle questioni di difesa: questa sera si recita a soggetto?, «Documenti IAI», 13, 5, pp. 1-34.

Mishler W., Rose R. (2001), What are the origins of political trust? Testing institutional and cultural theories in post-communist societies, «Comparative Political Studies», 34, 1, pp. 30-62.

Morisi D., Jost J.T., Singh V. (2019), An asymmetrical “president-in-power” effect, «American Political Science Review», 113, 2, pp. 614-620.

Reeskens T., Muis Q., Sieben I., Vandecasteele L., Luijkx R., Halman L. (2020), Stability or change of public opinion and values during the coronavirus crisis? Exploring Dutch longitudinal panel data, «European Societies», Epub ahead of print, pp. 1-19.

Rothstein B., Stolle D. (2008), The state and social capital: An institutional theory of generalized trust, «Comparative Politics», 40, 4, pp. 441-459.

Roux C., Verzichelli L. (2010), Italy: still a pro-European, but not a fully Europeanised élite?, «South European Society and Politics», 15, 1, pp. 11-33.

Sani G., Sartori G. (1983), Polarization, fragmentation and competition in Western democracies, in Mair P. (eds.), The West European party systems, Beverly Hills, Sage, pp. 307-340.

Schnaudt C. (2019), Political confidence and democracy in Europe. Antecedents and consequences of Citizens’ confidence in representative and regulative institutions and authorities, Cham, Springer International.

Thomassen J. (eds.) (2005), The European voter: a comparative study of modern democracies, Oxford, Oxford University Press.

Uslaner E.M. (2002), The moral foundations of trust, Cambridge, Cambridge University Press.

Vezzoni C., Ladini R. (2019), Europa: Allineamento senza mobilitazione, in Schadee H., Segatti P., Vezzoni C., L’apocalisse della democrazia italiana: Alle origini di due terremoti elettorali, Bologna, il Mulino, pp. 63-84.

Torna su

Allegato

 

Tabella A1. Modelli di regressione logistica. Variabili dipendenti: misure dicotomiche di fiducia istituzionale, EVS Italia 1981-2018 (i punti andrebbero sostituite con le virgole?)

A

B

C

D

E

F

Variabili

Categorie

Parlamento

Pubblica amministrazione

Polizia

Forze
armate

UE

ONU

Genere

Femmine

-0,01

0,09*

0,11**

0,12**

0,22**

0,52***

(ref: Maschi)

(0,05)

(0,05)

(0,05)

(0,05)

(0,09)

(0,11)

Anni
istruzione

16-19

0,07

-0,21***

-0,18***

-0,31***

0,21**

0,04

(ref: 0-15)

(0,06)

(0,06)

(0,07)

(0,06)

(0,11)

(0,13)

20 e più

0,23***

-0,37***

-0,30***

-0,45***

0,42***

0,13

(0,07)

(0,07)

(0,07)

(0,07)

(0,12)

(0,14)

Coorte di
nascita

1935-1944

-0,29***

-0,12

-0,28***

-0,12

-0,05

-0,26

(ref: fino
al 1934)

(0,09)

(0,09)

(0,10)

(0,09)

(0,19)

(0,28)

1945-1954

-0,26***

-0,16*

-0,37***

-0,36***

-0,15

-0,75***

(0,09)

(0,09)

(0,10)

(0,09)

(0,19)

(0,27)

1955-1964

-0,31***

-0,08

-0,40***

-0,53***

-0,08

-0,64**

(0,10)

(0,10)

(0,10)

(0,10)

(0,21)

(0,29)

1965-1974

-0,31***

-0,07

-0,35***

-0,41***

0,03

-0,42

(0,11)

(0,11)

(0,11)

(0,11)

(0,22)

(0,30)

1975-1984

-0,58***

-0,18

-0,56***

-0,43***

0,00

-0,55*

(0,13)

(0,13)

(0,14)

(0,13)

(0,24)

(0,31)

1985-1994

-0,93***

-0,30*

-0,91***

-0,80***

-0,15

-0,53

(0,17)

(0,16)

(0,16)

(0,16)

(0,27)

(0,35)

1995-2000

-0,46**

-0,02

-0,35

0,04

0,95**

0,54

(0,22)

(0,21)

(0,24)

(0,24)

(0,38)

(0,48)

Status
occupazionale

In pensione

0,13

0,09

0,25***

0,18**

0,11

0,04

(ref: Occupato/a)

(0,08)

(0,08)

(0,09)

(0,09)

(0,15)

(0,18)

Casalingo/a

0,09

-0,01

0,13

0,29***

0,22

-0,05

(0,08)

(0,08)

(0,09)

(0,08)

(0,16)

(0,19)

Disoccupato/a

-0,21*

-0,11

-0,29***

-0,10

-0,33**

-0,37**

(0,11)

(0,10)

(0,10)

(0,10)

(0,15)

(0,17)

Vicinanza a partito

0,40***

0,22***

0,32***

0,39***

-0,09

0,20

al governo (Ref: No)

(0,06)

(0,06)

(0,06)

(0,06)

(0,10)

(0,13)

Auto-
collocazione

Sinistra

0,07

-0,18

-1,18***

-1,51***

-0,67***

-0,21

sx-dx
(ref: Centro-destra)

(0,28)

(0,31)

(0,29)

(0,28)

(0,24)

(0,22)

Centro-sinistra

0,03

0,05

-0,88***

-1,11***

-0,43*

-0,02

(0,26)

(0,28)

(0,27)

(0,26)

(0,22)

(0,18)

Centro

0,21

0,27

-0,08

-0,43*

0,09

0,20

(0,25)

(0,27)

(0,27)

(0,26)

(0,21)

(0,16)

Destra

0,61*

0,57

-0,00

0,16

0,01

0,24

(0,35)

(0,36)

(0,39)

(0,38)

(0,34)

(0,24)

Non collocato

0,25

0,40

-0,49*

-0,59**

-0,38*

-0,15

(0,26)

(0,27)

(0,27)

(0,26)

(0,21)

(0,17)

Anno di
rilevazione

1990

0,03

-0,03

-0,11

-0,35**

(ref: 1981)

(0,14)

(0,15)

(0,15)

(0,14)

1999

0,27*

0,38***

-0,11

-0,18

-0,16

(0,14)

(0,14)

(0,15)

(0,14)

(0,27)

2009

0,41**

0,56***

0,66***

1,36***

-0,32

0,12

(0,16)

(0,17)

(0,19)

(0,19)

(0,31)

(0,30)

2018

0,14

0,57***

0,80***

1,14***

-1,22***

-0,51**

(0,16)

(0,15)

(0,18)

(0,16)

(0,25)

(0,24)

Auto-
collocazione

Sinistra#1990

-0,07

-0,08

0,49

0,12

sx-dx#Anno di rilevazione

(0,36)

(0,39)

(0,36)

(0,36)

Sinistra #1999

0,10

0,15

0,45

0,26

0,77**

(0,36)

(0,38)

(0,36)

(0,36)

(0,32)

Sinistra#2009

-0,82**

0,08

0,22

0,37

0,65*

-0,14

(0,38)

(0,39)

(0,39)

(0,39)

(0,34)

(0,34)

Sinistra#2018

-0,19

0,52

0,13

0,02

1,89***

0,45

(0,35)

(0,36)

(0,36)

(0,36)

(0,30)

(0,29)

Centro-sinistra #1990

-0,09

-0,28

0,50

0,15

(0,33)

(0,35)

(0,33)

(0,32)

Centro-
sinistra#1999

0,15

0,00

0,31

0,17

0,74***

(0,32)

(0,33)

(0,32)

(0,31)

(0,29)

Centro-
sinistra#2009

-0,83**

-0,13

0,26

0,00

0,76**

-0,43

(0,34)

(0,34)

(0,36)

(0,35)

(0,31)

(0,29)

Centro-
sinistra#2018

-0,14

0,48

0,40

0,31

1,47***

0,34

(0,31)

(0,32)

(0,34)

(0,32)

(0,27)

(0,24)

Centro#1990

0,03

-0,11

0,17

0,21

(0,31)

(0,33)

(0,33)

(0,31)

Centro#1999

-0,07

-0,05

0,02

0,10

0,04

(0,29)

(0,31)

(0,31)

(0,30)

(0,26)

Centro#2009

-0,50

-0,32

-0,05

0,34

0,07

-0,31

(0,31)

(0,33)

(0,36)

(0,35)

(0,29)

(0,26)

Centro#2018

-0,25

-0,01

-0,17

-0,04

0,35

0,00

(0,29)

(0,30)

(0,33)

(0,31)

(0,25)

(0,21)

Destra#1990

-0,19

0,01

-0,33

-0,14

(0,45)

(0,47)

(0,48)

(0,47)

Destra#1999

-0,63

-0,34

-0,00

-0,01

-0,09

(0,42)

(0,43)

(0,45)

(0,44)

(0,41)

Destra#2009

-0,90**

-0,86*

-0,59

-0,26

-0,01

-0,24

(0,43)

(0,44)

(0,49)

(0,50)

(0,43)

(0,37)

Destra#2018

-0,68*

-0,63

0,16

-0,57

-0,50

-0,79**

(0,40)

(0,41)

(0,48)

(0,45)

(0,41)

(0,31)

Non
collocati#1990

0,07

-0,21

0,34

0,34

(0,32)

(0,34)

(0,33)

(0,32)

Non
collocati#1999

-0,41

-0,14

0,49

0,28

0,37

(0,31)

(0,32)

(0,32)

(0,31)

(0,27)

Non
collocati#2009

-0,89***

-0,64*

0,14

-0,11

-0,03

-0,43

(0,33)

(0,34)

(0,37)

(0,36)

(0,30)

(0,28)

Non
collocati#2018

-0,68**

-0,42

-0,09

-0,20

0,38

-0,18

(0,30)

(0,30)

(0,32)

(0,31)

(0,25)

(0,22)

Costante

-0,79***

-0,95***

1,12***

0,52***

2,62***

2,38***

(0,15)

(0,15)

(0,16)

(0,15)

(0,29)

(0,34)

N,

8,583

8,610

8,655

8,621

7,079

5,027

Pseudo-R2

0,023

0,022

0,060

0,116

0,082

0,034

Nota: *** p<0.01, ** p<0.05, * p<0.1

 

Torna su

Note

1 La classificazione è basata su uno dei primi lavori di ricerca sullo studio dell’opinione pubblica (Converse, 1964).

2 La classificazione prevede infine la categoria delle easy political issues – le opinioni su temi presenti da lungo tempo nell’arena politica – intese come più stabili delle preferenze valutative ma più volatili degli orientamenti valoriali.

3 Tuttavia, dal momento che gli autori inseriscono l’orientamento ideologico come semplice variabile di controllo, le differenze in termini di collocazione ideologica non sono discusse nel testo.

4 Si veda a tal riguardo il lavoro di Schnaudt (2019).

5 Ad esempio, il coinvolgimento politico risulta associato alla fiducia nelle istituzioni rappresentative ma non alla fiducia nelle istituzioni regolative (ibidem).

6 Vedi ad esempio il consenso sull’abolizione della leva obbligatoria.

7 Si rimanda a questo lavoro per una trattazione più approfondita sull’evoluzione delle posizioni dei partiti nei confronti delle istituzioni europee.

8 Occorre inoltre ricordare come nella Seconda repubblica il consenso ai partiti di estrema sinistra sia sempre stato piuttosto limitato, mai superiore al 10% nelle elezioni politiche ed europee.

9 A tal riguardo, si potrebbero utilizzare indicatori di qualità delle istituzioni disponibili a livello subnazionale (ad esempio, il Quality of Government Index), che non consentono tuttavia di coprire l’ampia finestra temporale di circa 40 anni.

10 Nella prima edizione del 1981 non erano inclusi nella batteria indicatori di fiducia nelle istituzioni sovranazionali.

11 Analisi fattoriali mostrano un buon adattamento ai dati di un modello di misurazione che include queste tre dimensioni e i relativi indicatori, in tutte le rilevazioni considerate.

12 Per quanto riguarda l’auto-collocazione sull’asse sinistra-destra, la percentuale di casi mancanti, non sa e non risponde è rispettivamente pari al 23% del campione nel 1981, al 25% nel 1990, al 21% nel 1999, al 23% nel 2009 e al 27% nel 2018.

13 È stato quindi assegnato il valore 1 ai rispondenti che si consideravano vicini alla DC, al PLI, al PRI al PSI o al PSDI nel 1981 e nel 1990, a UDR, RI, PPI, Democratici, SDI, Verdi, DS e PdCI nel 1999, a FI e LN nel 2009, al M5S e alla Lega nel 2018.

14 Poiché le ipotesi si riferiscono ai soli individui che dichiarano il loro orientamento politico, nelle figure non saranno mostrate le probabilità predette relative ai non collocati, seppur inclusi nei modelli di regressione.

15 Si rimanda a Ladini (2020) per una discussione più approfondita di questi andamenti.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Figura 1. Percentuali predette della fiducia nelle istituzioni politico-amministrative (a sinistra, parlamento; a destra, pubblica amministrazione) per collocazione ideologica e anno di rilevazione, EVS Italia 1981-2018
Legenda Nota: valori predetti dai modelli di regressione A e B mostrati in tab. A1 in Appendice. Per ogni anno di rilevazione, gli asterischi indicano se la differenza rispetto alla categoria di riferi-mento (centro-destra) è statisticamente significativa *** p<0.01, ** p<0.05, * p<0.1
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/4755/img-1.jpg
File image/jpeg, 126k
Titolo Figura 2. Percentuali predette della fiducia nelle istituzioni d’ordine (a sinistra, polizia; a destra, forze armate) per collocazione ideologica e anno di rilevazione, EVS Italia 1981-2018
Legenda Nota: valori predetti dai modelli di regressione C e D mostrati in tab. A1 in Appendice. Per ogni anno di rilevazione, gli asterischi indicano se la differenza rispetto alla categoria di riferi-mento (centro-destra) è statisticamente significativa *** p<0.01, ** p<0.05, * p<0.1
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/4755/img-2.jpg
File image/jpeg, 137k
Titolo Figura 3. Percentuali predette della fiducia nelle istituzioni d’ordine (a sinistra, polizia; a destra, forze armate) per collocazione ideologica e anno di rilevazione, EVS Italia 1981-2018
Legenda Nota: valori predetti dai modelli di regressione E e F mostrati in tab. A1 in Appendice. Per ogni anno di rilevazione, gli asterischi indicano se la differenza rispetto alla categoria di riferi-mento (centro-destra) è statisticamente significativa *** p<0.01, ** p<0.05, * p<0.1
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/4755/img-3.jpg
File image/jpeg, 121k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Riccardo Ladini, «Tra convergenza e divergenza: orientamento politico e fiducia degli italiani verso le istituzioni»Quaderni di Sociologia, 87- XLV | 2021, 65-88.

Notizia bibliografica digitale

Riccardo Ladini, «Tra convergenza e divergenza: orientamento politico e fiducia degli italiani verso le istituzioni»Quaderni di Sociologia [Online], 87- XLV | 2021, online dal 01 juillet 2022, consultato il 22 juin 2024. URL: http://journals.openedition.org/qds/4755; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.4755

Torna su

Autore

Riccardo Ladini

Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano

Torna su

Diritti d'autore

CC-BY-NC-ND-4.0

Solamente il testo è utilizzabile con licenza CC BY-NC-ND 4.0. Salvo diversa indicazione, per tutti agli altri elementi (illustrazioni, allegati importati) la copia non è autorizzata ("Tutti i diritti riservati").

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search