Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri61la società contemporanea / La scu...Presentazione

la società contemporanea / La scuola italiana negli anni della crisi

Presentazione

Federica Cornali
p. 7-10

Testo integrale

  • 1 La normativa (DPR 89/2009) prevede che possano essere attivate classi a tempo prolungato funzionant (...)

1In coincidenza con la riapertura delle scuole, anche quest’anno, sono proliferate in Italia manifestazioni di protesta. Hanno fatto sentire la loro voce le mamme dei bambini della scuola primaria, preoccupate per la riduzione del tempo-scuola determinata dalle ridotte autorizzazioni alla costituzione di classi con il tempo prolungato di quaranta ore settimanali1. Gli studenti delle scuole secondarie superiori, come da tempo accade, hanno accusato il governo di violare il diritto allo studio e chiesto una nuova didattica e strutture attrezzate. Hanno protestato anche i docenti, per il mancato scatto stipendiale automatico e per il ventilato aumento delle ore di lezione. Lo stesso hanno fatto gli insegnanti precari che, dalla contrazioni del numero delle classi, vedono ridotte le loro possibilità di impiego; essi denunciano inoltre l’assenza di tutele nei loro confronti.

2Si tratta di posizioni rispettabili, alcune sono mirate alla salvaguardia di un bene pubblico quale è l’istruzione, altre alla protezione di convenienze particolari. I diversi tipi di interesse non sono frequentemente né contrapposti né perfettamente distinguibili.

  • 2 Questa affermazione, a prima vista severa, è la semplice composizione di risultanze derivanti da in (...)

3Che la scuola italiana debba cambiare è, in ogni caso, opinione condivisa da molti. Ricerche e rilevazioni condotte da enti nazionali e internazionali descrivono un sistema in cui gli studenti, pur affidati ad un corpo docente numericamente ragguardevole, trascorrono molta parte del loro tempo in edifici spesso fatiscenti, privi di laboratori e palestre, imparando poco o molto poco2.

  • 3 DPR 89/2010, art. 10, commi 5 e 6.

4Le riforme finora decise sembrano perlopiù incompiute o velleitarie; promettono elevate realizzazioni senza predisporre gli strumenti (materiali e formali) necessari a conseguirle. È questo il caso dell’autonomia funzionale attribuita alle istituzioni scolastiche (L. 59/97), il cui regime di autodeterminazione normativa, finanziaria e amministrativa sancito dalla legge ha trovato solo parziale compimento. La tendenza da parte dello Stato a conservare le proprie prerogative (in virtù delle quali erogare un supposto uniforme servizio d’istruzione in tutto il territorio nazionale) ha portato a contenere le domande di autonomia delle scuole. La competizione con l’autonomia territoriale, espressa da Regioni, Comuni e Province, e un vuoto legislativo (i provvedimenti di attuazione dell’autonomia scolastica non sono mai stati emanati, una situazione che capita sovente in Italia) hanno contribuito a rendere il decentramento del nostro sistema d’istruzione un processo incompiuto. In altri casi, al posto di politiche scolastiche efficaci sono stati proposti solo proclami. Quali apprezzabili effetti, ad esempio, sono derivati dalla annunciata “Scuola delle tre I” (Inglese, Informatica e Impresa)? Vi sono tra i docenti le competenze necessarie all’insegnamento nell’ultimo anno dei licei di una materia in lingua inglese, come previsto dalla recente riforma della scuola secondaria superiore3? Come realizzare infine azioni migliorative in una situazione di progressiva riduzione dei finanziamenti?

  • 4 La legge n. 425 del 10 dicembre 1997 (ministro Luigi Berlinguer) definiva la Commissione dell’Esame (...)

5L’evidente contraddittorietà di alcune misure, proposte anche in successione ravvicinata, palesa il deficit di razionalità che caratterizza la programmazione delle attività scolastiche nel nostro paese. Se l’analisi delle politiche dell’istruzione mira a comprendere «cosa fa il governo, perché lo fa e con quali risultati» (Dye, 1976, 1), la disorganicità degli interventi potrebbe portare alla conclusione che in Italia i governi spesso hanno dato mostra di non sapere ciò che fanno. Ne è un esempio la sequenza di norme con cui negli scorsi anni è stato riformato l’esame di maturità. Una rapida scorsa, limitata alla sola composizione delle Commissioni, mostra come nell’arco di dieci anni essa sia stata alternativamente mista, interna e di nuovo mista4.

6Nelle politiche dell’istruzione varate da Governo e Parlamento ad emergere come prioritaria è, di volta in volta, la necessità di contenimento della spesa, l’esigenza di evitare la contrapposizione con le influenti rappresentanze sindacali del personale della scuola, l’intenzione di imprimere il corso d’azione proprio dell’orientamento di un nuovo esecutivo. Migliorare l’apprendimento dei giovani, scopo principale di ogni sistema scolastico, è sovente relegato sullo sfondo. Nelle esternazioni di politici, amministratori e imprenditori, la scuola è segnalata ai primi posti nella graduatoria delle priorità. Di fatto, essa è considerata più un terreno di contrapposizione che un settore cardine per lo sviluppo sociale ed economico del nostro paese.

  • 5 In proposito, ricordo l’impegno meritorio di «Quaderni di Sociologia» che, oltre alla pubblicazione (...)

7Come riportare la scuola al centro di un dibattito che non si riduca ad uno sterile esercizio retorico? Anzitutto, ritengo, attraverso un rafforzamento degli studi e delle ricerche empiriche sui principali aspetti del sistema d’istruzione e un’ampia diffusione dei loro risultati5. È quanto si propone questa sezione monografica, i cui contributi intendono descrivere alcune caratteristiche rilevanti della scuola italiana – ad esempio, l’efficacia delle strutture organizzative e i suoi risultati in termini di apprendimenti degli studenti – e individuare le loro principali fonti di variazione.

8L’articolo di Giancarlo Gasperoni richiama l’attenzione sul tema del merito: chi sono gli studenti eccellenti? Quali sono le loro scelte formative alla conclusione degli studi secondari di secondo grado? Quali elementi contraddistinguono i loro processi decisionali? Una base-dati nazionale (di oltre 5.200 casi) consente all’autore di svolgere un’analisi sui percorsi universitari intrapresi dagli studenti eccellenti, sui fattori che hanno orientato le loro scelte e sulla relazione con le loro origini sociali. Si tratta di giovani che hanno mantenuto la media dell’otto su dieci per l’intero quinquennio del ciclo secondario superiore e che hanno conseguito, nel periodo 2007-2011, il massimo dei voti all’esame di Stato.

9Carlo Barone, Susanna De Luca e Erica Raimondi affrontano il tema dell’influenza delle risorse culturali familiari sugli apprendimenti degli studenti. Usando i più recenti dati Pirls disponibili, gli autori mettono in luce come non solo il possesso di risorse culturali da parte dei genitori, ma anche il loro coinvolgimento in attività di apprendimento informali e nello svolgimento dei compiti portino gli studenti ad ottenere risultati migliori.

10Debora Mantovani tocca un tema poco esplorato: le preferenze dei giovani in merito al loro futuro lavorativo. A partire da un’indagine condotta in un insieme selezionato di classi prime di scuole secondarie di II grado della provincia di Bologna, l’autrice ricostruisce le aspirazioni e le aspettative lavorative di oltre mille studenti di età media di circa quindici anni. Dall’analisi emerge un risultato non scontato, seppur non sconosciuto in letteratura: rispetto ai compagni italiani, gli stranieri nutrono maggiori aspettative di mobilità sociale intergenerazionale e più raramente ambiscono a ricalcare le orme lavorative dei loro genitori.

11Il lavoro di Daniela Molino si inserisce nel dibattito sull’efficacia degli istituti scolastici. Lo scopo è contribuire ad arricchire le conoscenze esistenti sui modelli di organizzazione, fornendo evidenze empiriche sulla loro relazione con gli apprendimenti degli studenti. L’intersezione di due database – i dati Timss 2007 e i dati provenienti dal questionario di Valutazione di Sistema Scuola 2006-2007 dell’Invalsi – ha consentito all’autrice di disporre di informazioni riguardanti gli studenti (apprendimenti, background socio-culturale) e le scuole (contesto, organizzazione, risorse umane, finanziarie e strutturali) al fine di controllare l’efficacia delle organizzazioni scolastiche rispetto al livello degli apprendimenti in matematica degli studenti.

12L’articolo di chi scrive e ha curato questa sezione esamina criticamente il giudizio di un panel di esperti – composto da dirigenti scolastici, rappresentanti di associazione dei genitori e di associazioni di insegnanti, docenti universitari, ricercatori di istituti di valutazione e di enti di ricerca educativa e da un esponente di un’associazione imprenditoriale con specifica delega sui temi dell’istruzione – interrogato mediante un sondaggio Delphi in merito all’attuale situazione del sistema scolastico in Italia, ai mutamenti che lo attendono e alle azioni da intraprendere per il raggiungimento dei suoi fini.

Torna su

Bibliografia

Dye T. R. (1976), Policy Analysis, Tuscaloosa, University of Alabama Press.

Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (2002), La cultura della sicurezza nella scuola, reperibile al sito: http://www.edscuola.it/archivio/norme/decreti/dlvo626_94mon.pdf.

Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (2004), Indagine sulle risorse tecnologiche per la didattica nella scuola italiana, Roma, Dgsi-Miur.

Oecd (2010a), Education at a Glance, Paris, Oecd Publishing.

Oecd (2010b), Pisa 2009 Results: What Students Know and Can Do, Paris, Oecd Publishing.

Torna su

Note

1 La normativa (DPR 89/2009) prevede che possano essere attivate classi a tempo prolungato funzionanti per quaranta ore settimanali solo in base alla disponibilità dei posti e dei servizi attivati.

2 Questa affermazione, a prima vista severa, è la semplice composizione di risultanze derivanti da indagini e rilevazioni condotte da enti nazionali e internazionali. La numerosità del corpo docente è ben illustrata dal numero di alunni per insegnante. Tale rapporto è in Italia di 10,6 nella scuola primaria, di 9,7 nella scuola secondaria di primo grado e di 11,8 nella scuola secondaria di secondo grado, mentre la media Ocse è rispettivamente di 16,4, 13,7 e 13,5 (Oecd, 2010a). Sullo stato dell’edilizia scolastica e sulle dotazioni didattiche si veda invece Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (2002) e (2004). L’ammontare di ore trascorse nelle aule scolastiche dagli studenti italiani dai sette ai quattordici anni è 8.316 contro 7.432 della Francia, 6.362 della Germania e 5.924 della Svezia (Oecd, 2010a). Infine, riguardo agli apprendimenti dall’ultima rilevazione (Oecd, 2010b) del Programme for International Student Assessment (Pisa) emerge che le competenze in lettura degli studenti quindicenni sono tra le più scadenti (il punteggio medio degli studenti italiani è 482, contro 495 della media Ocse).

3 DPR 89/2010, art. 10, commi 5 e 6.

4 La legge n. 425 del 10 dicembre 1997 (ministro Luigi Berlinguer) definiva la Commissione dell’Esame di Stato come composta da 6 o 8 commissari, di cui metà interni e metà esterni, più il Presidente esterno all’Istituto. Nel 2001 il ministro Letizia Moratti (Legge n. 448, 28 dicembre 2001) stabilì che le Commissioni fossero costituite da soli membri interni e da un Presidente esterno nominato per tutte le Commissioni operanti in ciascun istituto. Alcuni anni dopo, il ministro Giuseppe Fioroni (Legge n. 1, 11 gennaio 2007) sancì il ritorno alle Commissioni miste.

5 In proposito, ricordo l’impegno meritorio di «Quaderni di Sociologia» che, oltre alla pubblicazione di singoli articoli, ha dedicato numerose sezioni monografiche all’istruzione e alla scuola. Ricordo le più recenti: Scuola ed esclusione sociale (5/1993); Le politiche dell’educazione nell’epoca della globalizzazione (15/1997); I rom nella scuola italiana (36/2004); L’università valutata (35/2004); La disaffezione verso gli studi scientifici (38/2005).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Federica Cornali, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 61 | 2013, 7-10.

Notizia bibliografica digitale

Federica Cornali, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 61 | 2013, online dal 01 mai 2013, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/477; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.477

Torna su

Autore

Federica Cornali

Dipartimento Culture, Politica e Società Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search