Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri61teoria e ricercaDonne militari: presenti?!

teoria e ricerca

Donne militari: presenti?!

Note dal campo… dopo un decennio di reclutamenti
Military women: presents?! Notes from the field… after ten years of recruiting
Fatima Farina
p. 121-143

Abstract

This article attempts a preliminary appraisal of more than ten years of female recruitments in the italian Armed Forces, through the eyes of some military men on women measured by direct experience, along with that of women over men, as well as on themselves. Through a case study the article presents the analysis of the perceptions, attitudes and issues explained by witnesses in uniform, the result of observation conducted in a portion of institutional life: a training course for senior officers, in two meetings dedicated to recruitment of women. The words of the male and female protagonists, their opinions, perceptions and attitudes, highlight as the topic women and armed forces in Italy is far from being obvious, not exhausted, not questioned and even less present in public debate through a confrontation with the civil society.

Torna su

Testo integrale

1. A che punto eravamo rimaste/i?

  • 1 L. 20 ottobre 1999, n. 380.
  • 2 La tipologia elaborata da Battistelli (1997) delle rappresentazioni dei militari maschi colloca lun (...)

1L’arruolamento femminile è in Italia stato deciso1 in un clima di crescente consenso (Farina, 1998), ma non in assenza di perplessità, sopratutto da parte maschile-militare. Negli anni ’90 (Battistelli, 1997)2 le arruolate rappresentavano per il personale militare una presenza a venire ma incombente e le rappresentazioni maschili delle donne in uniforme componevano un paesaggio di tipi di atteggiamenti più o meno resistenti, affollati di stereotipi, manifestati entro un’area di consenso contraddittoria e ambigua. Dal momento dell’ingresso, il processo di integrazione di genere nelle Forze armate italiane è stato ad oggi poco indagato. È tempo di esaminare lo stato delle relazioni tra donne e uomini nell’istituzione militare italiana, i progressi, le criticità e i riassestamenti in conseguenza dell’ingresso, tardivo, delle italiane nel mondo militare, valutare a che punto è il «processo di integrazione di genere» (Farina, 2004), verso quali obiettivi si sta dirigendo.

  • 3 «I discorsi riproducono la struttura sociale oltre ad aiutarci a comprendere l’azione […]» (Gobo, 2 (...)

2Le analisi di cui si dà conto rappresentano altresì un sollecito ad aprire una riflessione sulla specificità italiana. Si coglie qui il punto di vista dei protagonisti, i e le militari italiane/i, testimoni privilegiati al vertice dell’istituzione; ovviamente alcune/i di esse/i, senza pretese né di generalizzazioni, né di esaustività descrittiva e interpretativa, ma con la significatività dei risultati analitici dovuta sia all’approfondimento condotto, sia alla rilevanza delle persone coinvolte per posizione istituzionale ricoperta. Da dentro l’istituzione si tenta un bilancio preliminare, per quanto provvisorio3. Lo studio di caso, basato sull’osservazione diretta delle interazioni tra i partecipanti, cerca di far emergere problematiche anche latenti, di sollevare dubbi, questioni, ipotesi di ricerca per ulteriori e quantomai necessari approfondimenti.

3Sotto osservazione è la complessità delle relazioni, il legame con le visioni, i valori, gli atteggiamenti, i paradossi, le incoerenze, le pratiche agite in un consueto organizzativo consolidato. Nell’osservare la realtà denudata dei suoi orpelli simbolici e retorici, con lo stesso sguardo del fanciullo di Andersen che davanti alla folla additava il re, è insito il disvelamento cui tendono le scienze sociali: «mettere in evidenza comportamenti ignorati o poco conosciuti, è il lavoro degli esperti delle scienze sociali» (Badinter, 2004, 72).

2. Discussione, testimonianze e chiacchierate formative osservate nel campo

  • 4 Si tratta di un corso di formazione per personale militare di grado elevato. Il gruppo dei formandi (...)
  • 5 Tema della conferenza «l’analisi sociologica del servizio militare femminile in prospettiva compara (...)

4L’impressione che il tempo si sia fermato al momento dell’ingresso delle donne, tredici anni fa, prende corpo dall’osservazione delle percezioni, degli atteggiamenti e delle questioni esplicitate da testimoni in uniforme, registrate in un segmento di vita istituzionale: un corso di formazione per alti ufficiali4, in due incontri dedicati al reclutamento femminile. Nel primo incontroin aula molti ufficiali e una sola donna: io, nel ruolo di conferenziera-formatrice5.

  • 6 La formazione-osservazione ha luogo in due giornate, la prima dedicata al processo di integrazione (...)

5L’argomento donne e Forze armate non è per nulla scontato né esaurito, poco messo in discussione o esposto ad uno sguardo esterno. La formazione, per e tra adulti, è qui considerata per l’interazione tra le parti attraverso cui emergono esperienze personali, strategie istituzionali, percezioni, rappresentazioni della vita militare, delle relazioni tra i generi, pratiche quotidiane6. L’analisi viene da me articolata in tre diverse aree tematiche: A. Non se ne parla!; B. Premura eccessiva e smarrimento relazionale; C. C’era una volta la moglie del militare…

A. Non se ne parla!

  • 7 I brani relativi alle testimonianze raccolte sono evidenziati nel testo da virgolettati, basati sug (...)

6L’inserimento di un modulo sul tema del servizio militare femminile rappresenta in parte una novità, in parte qualcosa di cui non vi è nulla da dire. L’argomento è accolto come ridondante rispetto all’esperienza oramai ultra decennale data per risolta, in ogni caso non centrale nell’agenda soggettiva e istituzionale. “Se non se ne parla è perché il problema non esiste7, afferma uno dei frequentanti. Un’autoevidenza della maschilità ontologicamente fondante l’identità militare, in un clima di pressoché totale assenza di messa a questione del contesto organizzativo-istituzionale. Eppure qualcuno ricorda che al momento dell’istituzione del reclutamento femminile il clima era di confronto allargato.

 

  • 8 Si tratta del Gruppo di lavoro Forze armate istituito dall’allora Presidente della Commissione Nazi (...)

Tema A.1: C’era una volta un gran dibattito…
«”È vero, io mi ricordo che c’era un gran dibattito e partecipato, mentre ora non se ne parla più”, dice uno degli ufficiali presenti, che ricorda dell’istituzione di un Gruppo di lavoro dedicato, presso l’allora Commissione Nazionale per le Pari Opportunità cui presero parte diverse componenti della società civile e militare»8.

 

  • 9 «Attualmente il personale femminile […] supera quota 11.770 unità (quasi il 4% del totale dell’orga (...)
  • 10 Qui emerge l’insidia di una chiusura verso l’esterno, divenuta più probabile con l’arruolamento del (...)

7Il dibattito intorno all’apertura delle Forze armate italiane alle donne è archiviato nel passato, la presenza una questione tutta interna all’istituzione, ma non chiaramente definita. Intorno alla numerosità del personale in servizio ripartito per sesso si accende una discussione9: la percentuale di arruolate è un dato oscillante, nonostante ciò l’informazione è giudicata soddisfacente. Tra i meandri istituzionali l’informazione esiste, i suoi membri ne detengono la conoscenza, la condividono10. Del perché “non se ne parla” resta da capire quanto questo sia silenzio assenso di fronte ad un atto recepito e quanto negazione. L’Italia rappresenta un’eccezione nella mancata costruzione di un dibattito interno sulle relazioni intergenere nelle Forze armate, ciò per una pluralità di fattori convergenti. Per primo una presunta maggiore flessibilità cultural-relazionale degli italiani, da cui una minore propensione a codificare la gestione delle relazioni con norme e procedure specifiche. Tesi che trova conforto in una distinzione tra cultura anglosassone e latino-mediterranea nelle parole di un ufficiale straniero frequentante per cui il confine tra le due aree è segnato proprio dalla prospettiva di genere “adatta agli anglosassoni ma non a noi”, ritenuta finanche superata dalla già avvenuta “liberazione della donna”.

 

Tema A.2: Le donne partoriscono
«”Io comandavo un battaglione dove avevo il 14/15% di donne e non c’era nessun problema” testimonia un ufficiale, che aggiunge che la prospettiva di genere addirittura “offende i comandanti” i quali sono benissimo in grado di comprendere le differenze tra donne e uomini, “sanno che a partorire sono le donne”. Il consenso raccolto nell’aula a simili asserzioni è sottolineato da una risata che coinvolge la quasi totalità dei presenti».

 

8Intorno ad un’accezione di prospettiva di genere incentrata sulle differenze biologiche, l’aula si compatta trascurando la relazione nella comune appartenenza istituzionale. Emerge la percezione di un modello gendered delle relazioni sociali e militari, nella fattispecie contrapponente la cultura cosiddetta anglosassone al “noi” europei latino-mediterranei. Le relazioni intergenere sono codificate in una diversa caratterizzazione antropologica di due ambiti culturali e identitari. Rigettare la prospettiva di genere esprime una riluttanza a mettere in gioco il fondamento dell’appartenenza all’istituzione. L’essere maschi e militari statuisce il saper essere come il saper fare, dunque il saper gestire anche la presenza di personale femminile. Appartenere ad una cultura “diversa” (dall’anglosassone) fa ritenere ai militari di poter esplicitare questo punto di vista, privi del vincolo della formalità della cultura del politically correct, prescrivente, anche nel linguaggio, il rispetto formale del principio di non discriminazione.

9Nella misura in cui si percepisce una divaricazione culturale intorno alle relazioni intergenere, l’automatismo del vantaggio del late comer, cioè di trarre beneficio dalle precedenti esperienze altrui, tende ad affievolirsi proporzionalmente alle resistenze, inibenti un atteggiamento di ascolto-ricezione in favore della diversità-risorsa. È il riflesso della prescrittività del genere e della sua declinazione peculiare a rendere l’istituzione militare un «extreme case of gendered organisation» (Carreiras, 2006) riconducibile al gender military regime che le singole istituzioni militari esprimono nel contesto storico-sociale.

10Non se ne parla e ciò risulta congruente con la strategia del laissez faire (Farina, 2011) perseguita nel modello italiano. Una scelta ispirata dallo spirito del reclutamento, volutamente leggero (per codifica delle regole di convivenza), affidato alle presunte capacità dell’organizzazione di regolare la co-presenza (femminile e maschile) discrezionalmente ed efficacemente, come uno degli aspetti relazionali, uno tra i tanti: una strategia di normalizzazione più che di rimessa in gioco. In virtù di ciò si è affievolita l’attenzione intorno alle militari. In conseguenza di ciò la discrezionalità ha teso a prevalere su una complessiva riqualificazione delle relazioni, del senso di appartenenza istituzionale, dell’immagine/rappresentazione sociale del ruolo militare, delle Forze armate nella loro totalità.

  • 11 Una per le quattro Forze Armate più una per il Corpo di Polizia a ordinamento militare.
  • 12 Il grado è declinato al maschile anche se a ricoprirlo è una donna. Il contenimento del femminile e (...)
  • 13 Le violazioni del tabù comunicativo non finiscono qui, riguardando sia le testimoni sia la sottoscr (...)

11Tornando al campo, al termine della prima giornata si annuncia la presenza in aula, nella successiva, di cinque11 giovani capitane12 a testimoniare le loro esperienze, operando insieme un bilancio del primo decennio di arruolamenti. Si tenta così di infrangere il silenzio sulle arruolate; l’attesa degli astanti per la scoperta di ciò che realmente pensano le arruolate, appare tardiva rispetto al decennio compiuto di permanenza nell’istituzione. Rilevanti alcuni dati di contesto in cui le testimonianze vengono raccolte e le testimoni accolte: primo una convocazione che è un ordine cui le militari sono tenute a rispondere in forza del rapporto gerarchico. Il consesso del confronto espone le ufficiali ad un’elevata visibilità sociale, la comunicazione è vincolata dalle regole gerarchiche e dal comando impartito di parlare alla platea “con sincerità”. Un messaggio-paradosso giacché ad ascoltarle sono i loro superiori, di cui le testimoni eseguono l’ordine-invito, venendo meno alla regola della comunicazione gerarchica dall’alto verso il basso. Le (inevitabili) infrazioni e tabù organizzativi che ne fanno le spese sono più di uno: a parlare sono inferiori in grado, rappresentanti di una minoranza, in quanto donne, in quanto donne militari, infine in rapporto al numero dei presenti13. La gerarchia scandisce ogni aspetto della vita militare; anche la comunicazione necessariamente passa attraverso essa, senza inficiare quella che nel contesto specifico è un’aspettativa di libera espressione. L’evento è altamente strutturato con cura dei particolari, persino dell’abbigliamento richiesto alle ufficiali.

 

  • 14 L’abbigliamento maschile può celare la differenza femminile, mentre non accade altrettanto per la d (...)

Tema A.3: La gonnella
«Le ufficiali entrano a metà dell’incontro. Al loro ingresso uno degli ufficiali commenta: “ha visto? Hanno messo la gonna, non la volevano mica mettere la gonnella!”»14.

 

  • 15 Nella seconda giornata a tenere la lezione è un altro docente, coordinatore della discussione a seg (...)

12La presunta refrattarietà delle ufficiali ad indossare la “gonnella” è da mettersi in relazione con la ritrosia delle donne per un simbolo di distinzione. In un’istituzione in cui l’uniformità è stringente, il pantalone maschera la diversità vissuta con disagio, quale eccezione alla norma dominante dell’indumento per ascrizione maschile15.

B. Premura eccessiva e smarrimento relazionale

13L’apertura dei reclutamenti femminili innesca un processo di cambiamento che origina nella società civile, assumendo caratteristiche proprie in relazione alle specificità del contesto sia sociale sia organizzativo. L’esito è correlato all’interazione di una pluralità di fattori per cui si disegnano le relazioni tra donne e uomini nel sistema sociale e nella fattispecie militare. Sulle Forze armate italiane hanno avuto un peso significativo le premesse situazionali su cui il sistema mixed gender si è innestato. Le capacità dell’organizzazione sono date per scontate ma non le infrastrutture su cui si è principalmente investito ed operato. Se l’ingente impegno di risorse per la creazione di spazi atti ad accogliere le donne dà la misura di un effettivo agire nel senso dell’accoglienza delle nuove arrivate (le “ragazze” colloquialmente indicate dagli astanti), perplessità, smarrimenti e dubbi sulla loro presenza non finiscono di alloggiare nella relazionalità istituzionale.

  • 16 Durante la conferenza stampa, a conclusione del citato esperimento del 1992 una delle giornaliste c (...)
  • 17 Già Battistelli (1997) nella sua tipologia individuava nel Cavaliere il comportamento più insidioso (...)

14Persino il linguaggio appare incerto nel nominare le militari: mentre un ufficiale afferma di preferire la denominazione “il collega” perché neutro e dunque maggiormente egualitario, si propone16 il termine “la soldata17”, declinazione femminile da as/soldato. Nella platea lo stimolo è raccolto in una pluralità di metafore e perifrasi, dalle “stellette in rosa” alle “signore”, riferite alle convocate. Il mero grado non è in uso come identificativo, bensì al termine maschile “capitano” si associa la specificazione “donna”: il femminile anche nel linguaggio è derivazione dall’etimo maschile.

15Nello smarrimento emergono, quale allentamento delle maglie organizzative, lapsus rivelatori di corto circuiti generati da una presenza femminile persistente novità. La spontaneità del processo, privilegiata in Italia rispetto alla sua gestione controllata, rivela una mancata messa a fuoco della valorizzazione della diversità di genere come obiettivo in sé. Non sorprende pertanto che trovino spazio una varietà di orientamenti e pre-cognizioni incanalati in atteggiamenti di tolleranza e intolleranza allo stesso tempo: due manifestazioni del disagio relazionale da cui un’applicazione incerta e a vista delle regole seguite fino al momento della frattura. L’ingresso delle donne rappresenta per l’istituzione militare un momento di crisi in senso stretto, con reazioni differenti, ma tutte dirette a ripristinare un ordine percepito alterato.

16Se il ritmo degli ingressi femminili è dettato dai lavori di riadeguamento infrastrutturale, la portata del rinnovamento è limitata da un cambiamento non altrettanto agito a livello simbolico-culturale. Perplessità su un’apertura a partire dalle strutture fisiche è manifestata da numerosi fra gli ufficiali presenti. I dubbi riguardano per esempio le Scuole militari, le ultime in ordine di tempo ad essere state ristrutturate, permettendo l’ingresso alle donne: «insomma a 15 anni, ’ste donne con i maschietti in un ambiente che insomma…» esclama uno dei presenti. L’allusione alla promiscuità forzata della vita militare, dunque alle possibili relazioni intime tra giovani donne e uomini, sottolinea lo scarto tra una politica delle infrastrutture e le problematiche di convivenza nell’istituzione totale, intorno a cui emerge disorientamento nonostante il decennio trascorso.

17Le relazioni gerarchiche sono percepite più per la diversità di genere che per la disparità di grado. Diversi gli episodi di con-fusione dei ruoli, tentennamenti comportamentali quotidiani, dove la bussola della certezza delle prescrizioni che regolano i rapporti tra militari di grado diverso o pari grado appare disorientata dalla relazione con personale di sesso femminile. I racconti sono vari, quelli degli uomini sottolineano come le donne si percepiscano più come tali e meno nella loro militarità:

 

Tema B.1: Ufficiali, consorti e subordinate
«Uno degli ufficiali riferisce un episodio di cui è stato testimone. Non appena terminato un pranzo tra ufficiali, le rispettive mogli si allontanano per prime e la ufficiale presente si aggrega. L’ufficiale superiore a questo punto si sente in dovere di richiamare la militare, sua subordinata, chiosando come segue: tu in questo momento sei un capitano dunque devi uscire dopo i superiori in grado», mentre lei si sentiva più donna che militare”».

 

  • 18 «Un indicatore di impatto della presenza delle donne è il modo in cui gli uomini modificano il loro (...)

18Identità di genere e identità militare compongono un binomio che inceppa gli automatismi della razionalità organizzativa maschile. É attraverso la diversità femminile che emergono quelle difficoltà di omogeneizzazione verso cui l’organizzazione preme. Nel sentirsi estranee alle relazioni routinarie della vita militare si colloca la più parte delle osservazioni delle ufficiali. Troppo osservate, troppo “sotto i riflettori”, mentre preferirebbero che le problematiche che le riguardano fossero affrontate entro un quadro relazionale proprio, tra donne e uomini. Le militari riferiscono di attenzioni eccessive, di “fiori inviati da ufficiali superiori”, segno di benvenuto all’arrivo in area operativa; il gesto cavalleresco viene giustificato dal “metterle a loro agio”, per superare il disagio dato per scontato dalla e per la maggioranza maschile. Le donne tendono apertamente a negare il personale imbarazzo di componente minoritaria, gli uomini proiettano su loro tale sentimento negativo agendo di conseguenza. Attraverso le pratiche quotidiane si finisce col ribadire una distanza di ruoli e modelli (militari e sessuali), definibili sessisti nella misura in cui intrappolano la controparte femminile in una riserva organizzativa da minoranza sociale. Gli ufficiali uomini che cedono il passo alle colleghe quando non a subordinate – così riferiscono le testimoni – mentre rispondono a codici sessuati di galanteria, in virtù della diversità di genere, intaccano la pietra miliare della gerarchia militare, laddove il grado è il simbolo identificativo, al di là delle caratteristiche individuali. Le regole sono sollecitate da una distanza di genere non colmata dalla comune appartenenza istituzionale. Persino nella ripartizione degli spazi emergono forzature al principio funzionale gerarchico che subordina al grado l’insieme delle relazioni organizzative e l’accesso alle risorse. In deroga ad esso le militari, in quanto donne, raccontano di essere favorite18 nell’assegnazione di alloggi servizio maggiormente confortevoli, addirittura muniti di emblematico “bidet”.

 

Tema B.2: Omaggi floreali e comfort alloggiativi
«Una delle ufficiali racconta: arrivata in una zona di missione all’estero, il comandante le fa pervenire un mazzo di rose; essendo l’unica donna ritiene con tale gesto di metterla a suo agio. Per tutta la sua permanenza continuano questo genere di attenzioni che “fortunatamente” suscitano l’ilarità dei colleghi (maschi) coetanei. La medesima ufficiale aggiunge che in un’altra occasione simile al personale femminile è stato riservato l’alloggio del cappellano militare, con tanto di asciugamani puliti e di bidet».

 

  • 19 Una situazione simile ha riguardato le prime donne arruolate imbarcate sulle navi dalla Marina mili (...)
  • 20 L’assenza di riservatezza nella vita militare riguarda anche gli uomini ma «il significato di priva (...)

19Le attenzioni di cui le militari si descrivono oggetto fuoriescono dall’inquadramento militare, accrescono la loro visibilità e la distanza dal gruppo maggioritario. Ciò contribuisce al mantenimento di una cultura sessista, sopratutto tra i militari di età più elevata; con i più giovani le relazioni appaiono più distese e orientate in senso paritario. Il «sessismo benevolente» (Kümmel, 2008) enfatizza la straordinarietà della presenza delle donne, sminuendone la militarità per cui si sentono debolmente identificate. La mancanza di dimestichezza dei militari uomini, in relazioni con colleghe e subordinate, si manifesta in atteggiamenti cavallereschi19 volti a confinare le donne in ruoli e rappresentazioni tradizionali. La latente cultura conservatrice emerge nelle pratiche quotidiane, mentre l’assenza di consapevolezza rende difficile ricondurre le stesse ad una visione complessiva delle relazioni di genere. Anche i bisogni materiali sono da essa derivati. I racconti descrivono assegnazioni sessuate, di cui il bidet diviene il simbolo di una proiezione tutta maschile che, riferiscono le ufficiali, individua in esso una precipua occorrenza femminile. Le militari diffidano dei privilegi20, rispetto ai relativamente deprivati colleghi maschi. L’adozione di doppi standard destabilizza le prassi organizzative oltre a favorire il proliferare di controreazioni discriminatorie nella maggioranza destabilizzata.

20Minimizzare l’impatto della presenza femminile: verso tale obiettivo convergono donne e uomini, attingendo, in assenza di policies organizzative chiare e definite, al personale bagaglio di competenze e culturale. L’azione organizzativa appare insufficiente a colmare le lacune di una socializzazione (militare) maschile debolmente o per nulla permeata dal riconoscimento dei soggetti differenti, in questo caso per sesso. Prevale la pre-socializzazione identitaria, l’insieme delle precognizioni, pregiudiziali e stereotipate, che lasciano spazio ad incertezze, smarrimenti, imbarazzi ed arbitrarietà. Tra tutela e promozione, il troppo o il troppo poco, si narra della mancanza del giusto mezzo, di relazioni tutt’altro che normalizzate. Il reclutamento delle donne è stato approvato guardando al loro apporto di potenziale riqualificazione, in considerazione del più elevato grado di istruzione delle giovani italiane, oltre alla necessità di un nuovo bacino atto a colmare la carenza di disponibilità equivalente maschile, derivante sia dal decremento demografico sia dalla sospensione del servizio obbligatorio di leva; ma l’aspettativa appare disattesa: le arruolate hanno ad oggi un peso numerico molto ridotto, segregate sia verticalmente (gerarchicamente) sia orizzontalmente per mansioni e forza armata. Le donne divengono una risorsa quando il sistema maschile comincia a mostrare i suoi scompensi, per ragioni di perdita di prestigio, redditività o calo della domanda. È questo il momento in cui prende forma l’idealizzazione dell’apporto femminile, funzionale a obiettivi fissati a prescindere da quest’ultima.

 

Tema B.3: Ma non erano più brave?
«”Ma insomma dicevano che queste donne erano più brave, ma poi tutto questo non l’abbiamo visto”».

 

21Il requisito funzionale per l’annessione delle nuove risorse è quello di una necessaria omologazione maschile. È così interpretabile l’oscillare tra stereotipi positivi e l’aperta critica contro le donne, dei loro inferiori livelli di performance, misurati secondo i pre-stabiliti parametri maschili. L’istituzione, i suoi presupposti e principi, non appaiono in discussione, piuttosto in aula si fa presente il rischio inverso di indulgere più di quanto non accada normalmente con i maschi.

 

22Tema B.4: Non vogliono fare i mestieri faticosi
«Uno degli ufficiali parla delle difficoltà d’impiego di personale femminile: “le donne arruolate non vogliono andare a fare i mestieri faticosi, come per esempio le mansioni di meccanici e non si sa come gestire il problema”. Rimanendo in una visione immanente dell’istituzione militare e della sua organizzazione del lavoro, continua affermando: “non è meglio far fare alle donne quello per cui sono brave?».

 

23Il tema dell’assegnazione degli incarichi riguarda il lavoro concreto del personale militare. Una questione che ancora dopo un decennio pone interrogativi. (Quasi) tutti gli incarichi sono formalmente aperti a prescindere dal sesso di appartenenza, principio istituzionalmente riconosciuto a garanzia formale delle pari opportunità, che si sostanzia in pratiche da esso divergenti. I requisiti fisici, come le attitudini reali o percepite tali, disegnano percorsi che mantengono una distanza di genere disfunzionale alle esigenze organizzative, in contrasto sostanziale con il principio di apertura sancito. Il genere entra costituzionalmente a far parte di deboli o nulle strategie di gestione della pluralità organizzativa, rappresentando un ostacolo da superare nelle contingenze, affidandosi alla discrezionalità decisionale del superiore in grado più che un valore aggiunto. Mentre non ci si sofferma su cosa effettivamente le donne risultino “brave” e su chi definisce la bravura e la certifica, un altro ufficiale richiama l’attenzione sulle sfasature originate dal principio di uguaglianza di trattamento, concepito in una parità neutrale rispetto al genere e in quanto tale ritenuto non discriminatorio. Nella pratica quotidiana emergono gli effetti contraddittori della neutralità scelta come criterio di equità, un prescindere dal genere che finisce piuttosto col neutralizzare le differenze e moltiplicare le disparità:

 

Tema B.5: Gli zaini degli alpini
«È il caso degli zaini pesanti degli alpini. Si fa notare che per le donne sono stati predisposti zaini più leggeri: “ma allora che zaino devono portare gli alpini, gli standard devono essere o no uguali per tutti?”».

 

  • 21 Questa l’esplicita richiesta loro rivolta.

24La macchina militare è data, precede l’ingresso delle donne valutate per la loro capacità di adattarvisi o non. I (pre)requisiti fisici sono l’inconfutabile evidenza dell’impossibilità di abbattere o minimizzare l’impatto della differenza per cui si alimentano attese più che di integrazione processuale, di adattamento, di omologazione. Il principio di parità di trattamento, nella misura in cui non incorpora la gestione della differenza (Winslow et al., 2006), diventa forza disgregatrice, della coesione quanto delle prassi: non si sa che cosa fare, appunto. Va tracciandosi il quadro di una condizione femminile tutt’altro che giunta a pienezza istituzionale, insieme ad una componente maschile non priva di smarrimenti per la mancata definizione di nuovi strumenti, che lascia spazio ad inerzie organizzative basate sulla tradizione, sedimentatasi in assenza di donne. Se alcuni comportamenti divengono rassicurazione di continuità, la presenza femminile mette a rischio di deflazione identitaria, specie di maschilità, la cui difesa passa attraverso comportamenti sessisti, intolleranza, rifiuto, fino alla tolleranza eccessiva e discriminatoria su cui si mettono a punto standard doppi e sessuati. La differenza è nel grado di ostilità espressa, reazione ad una percepita violazione della propria “casa”, come testimonia una delle ufficiali presenti, ripercorrendo le tappe della sua carriera sin dal reclutamento21.

 

Tema B.6: Qui le donne non le vogliamo!
«Nel suo racconto la capitana esordisce raccogliendo l’invito rivoltole a parlare con “sincerità”. Comincia definendo scioccante l’ingresso in Accademia: Subito mi è stato detto tu sei qui ma noi le donne non le vogliamo. La prima cosa mi hanno rasato i capelli a zero che potrà sembrare una stupidaggine ma per una ragazza di 19 anni è stato un trauma, faccio presente che ora non si fa più. Costantemente, nonostante i miei sforzi, i miei risultati erano sempre mediocri. Negli scritti la situazione era migliore, però, laddove vi era maggiore discrezionalità di valutazione, i risultati erano sempre mediocri. Anche nei test fisici. Faccio presente che io ero campionessa di UNO SPORT [ndr] prima di entrare. Io me ne ero fatta un problema pensavo di essere mediocre. La situazione è cambiata dopo a XXXX. Lì bastava che mi sedessi dicendo due stupidaggini e prendevo 30 e lode. Ho oscillato così tra la mediocrità di prima e l’eccezionalità di dopo, mentre io non voglio essere né mediocre né eccezionale. Sottovalutata in ACCADEMIA e sopravvalutata a XXXX. Non avevo precedenti e dunque era difficile regolarsi”».

 

25Tu sei qui ma…”: la disgiunzione linguistica è anche organizzativa. La presenza femminile è accolta per dovere. Oltre all’aperta ostilità maschile, vi è l’affanno della controparte femminile che in minoranza culturale e numerica, non trova punti di riferimento, né risorse per contrastare una relazione oppositiva. Gli assestamenti relazionali necessitano di tempo, la loro direzione dipende dagli obiettivi finali considerati desiderabili. In assenza policies organizzative gender oriented, prevale l’esperienza diretta quale principale fonte di apprendimento. Questa, sebbene non travasi automaticamente in direttive organizzative, contribuisce, specie a livello individuale e di sottogruppi, ad accorciare le distanze sociali nella pratica necessità di assolvere il compito. È la capacità operativa a prevalere sulle differenze di genere e sull’essere un superiore donna a capo di uomini.

 

Tema B.7: La comandante di uomini
«Dopo aver ribadito quanto nell’esercizio di comando sia importante garantire una costante presenza personale per essere visibile alle forze da lei dipendenti, chiarisce che nella sua esperienza di rapporto con i subordinati la valutazione che emerge si basa sulla competenza di chi comanda, non sul sesso cui appartiene: Non ci sono problemi. Nella situazione critica pensano se sono capace di guidare o meno la situazione. Chiarisce il suo pensiero raccontando di un’operazione da lei guidata con successo, dove si è trovata a coordinare, oltre alle sue, le forze della Polizia municipale, dei Vigili del fuoco ecc., essendo nella circostanza la superiore in grado».

 

26Il peso del riconoscimento sul campo apre ad un distanziamento tra realtà formale e informale, dove il singolo, per adattamento secondario, attua in proprio strategie di medio termine, orientate alla soluzione hic et nunc del problema insorgente, mentre latitano strategie di lungo termine di gestione degli equilibri organizzativi. Quando l’attenzione si sposta sulla concreta esperienza delle arruolate, lo svolgimento del lavoro non costituisce un problema, pur non venendo meno la visione stereotipata della femminilità e della correlata mascolinità. Uno dei testimoni definisce “invertita” la relazione di una coppia (marito e moglie) di militari, entrambi dispiegati nella stessa missione.

 

Tema B.8: A ruoli invertiti
«”Addirittura lei sparava alla mitragliera e lui invece era impiegato in un ruolo logistico o comunque non di combattimento diretto, tutto al contrario”».

 

  • 22 Le coppie militari, marito e moglie, sono in Italia un fenomeno che, pur in crescita, si presenta a (...)

27L’esempio sottolinea la motivazione e la capacità del personale femminile, constatando altresì il ribaltamento dell’ordine relazionale, di cui la coppia militare diviene emblema22. Un’inversione di ruoli che, per gli ufficiali, dentro l’organizzazione militare trova comunque un suo senso. All’esterno invece il ruolo della donna militare, mancando l’esperienza diretta di condivisione di un compito, di un obiettivo verso cui convergere, incontra più ampie pregiudiziali.

 

Tema B.9: Il contenzioso sulle donne in uniforme
«Spesso la diffidenza nei confronti delle donne in uniforme proviene dal contesto sociale. Un ufficiale racconta delle perplessità suscitate da due militari affidate ai Comandi territoriali. Una delle ufficiali conferma e riporta il caso di un pubblico ufficiale che, tenuto a collaborare con la comandante territoriale in questione, manifesta le sue rimostranze al Comando, ritenendo la presenza della militare “un segno di scarso interesse” verso il territorio in oggetto. Secondo la capitana sono i risultati a smentire le diffidenze: dove le donne hanno assunto il comando i risultati sono stati notevoli e inconfutabili”. La capitana continua il racconto descrivendo i successi della ufficiale di cui sopra nel ricoprire poi un ruolo di comando in un zona centrale di una grande città».

 

  • 23 L’inserimento del personale femminile è avvenuto sulla base del criterio sancito per legge della gr (...)

28Le donne in uniforme di per sé rappresentano un’alterazione del regime di genere dalle diverse e specifiche declinazioni di contesto. Nella gerarchia militare il ruolo di comando, raggiunto in tempi relativamente brevi, limitatamente ai livelli medio-bassi, è simbolo di tale sovvertimento. Si è favorita una presenza a partire dal vertice23 costituendo una ristretta minoranza di donne, che, seguendo l’iter di carriera si trova al comando di una maggioranza di uomini. La donna al comando è un altro ossimoro istituzionale, sintesi di quanto espunto dal patrimonio condiviso tra uomini fino a tempi recenti. Nella fase iniziale dell’esperienza si manifestano più acute le criticità, qui il vuoto di occasioni di prossimità cede il passo alle pre-cognizioni da e verso la femminilità.

 

  • 24 Nella Casa degli uomini è il titolo del libro di Carol Barkalow (1990) sulla sua esperienza a West (...)

Tema B.10: Assegnazioni coraggiose
«Una delle ufficiali racconta della sua prima assegnazione territoriale al termine dell’Accademia. Definisce il comandante locale “coraggioso poiché “non si è preoccupato del fatto che fosse una donna assegnandole un incarico di coordinamento di un progetto importante. Nel comandare e coordinare il lavoro di numerosi uomini, non sono mancate le manifestazioni di ostilità e di misconoscimento del suo ruolo di superiore in grado: alcuni tra i subordinati inizialmente non le rivolgevano neppure la parola. Da qui la sua strategia di uscita dall’impasse: “Io ho cercato di non impormi autorevolmente, ma di presentarmi e di farmi accettare, ero consapevole di essere come in casa di altri24”».

 

29L’autorevolezza si guadagna sul campo. La strategia di non imporre un ruolo autoritario, per l’elevata probabilità che non sia riconosciuto in quanto inficiato dalla femminilità, aggiunge ulteriore evidenza al fondamento maschile dell’identità militare. Inoltre, l’apprendimento on the job, pur con una sua razionalità, lascia aperti numerosi problemi di discrezionalità, di perdita di efficacia rispetto agli obiettivi istituzionali, con costi elevati singolarmente affrontati. La leadership femminile si fa largo nelle relazioni a partire dai singoli che di volta in volta compaiono sul campo, gli effetti dipendono dall’agire strategico individuale: la femminilità, specie inizialmente, non trova collocazione nella gerarchia formale.

 

Tema B.11: Il comando e le punizioni
«“Entrando nel turno di picchetto ho avuto problemi con i militari di leva che giustamente anche loro non erano proprio contenti di essere comandati da una donna. Lì ho dovuto dare dei giorni di consegna”».

 

30Le donne sono consapevoli delle difficoltà che derivano dal farsi spazio in un mondo prettamente maschile (Kümmel, 2008), dove la femminilità è pregiudizialmente respinta. Aderire all’istituzione è desiderato dalle donne altrettanto quanto non lo è dagli uomini.

C. C’era una volta la moglie del militare…

  • 25 Nel testo della Direttiva del dicembre 2002, all’art. 3 si distingue in comportamenti innati e crit (...)

31La confusione dei ruoli maschili e femminili riguarda le relazioni lavorative ed extra lavorative. La stessa manifestazione delle emozioni segue regole informali ma rigidamente codificate25 in base all’appartenenza di genere, alla controparte e al clima organizzativo. Questa evidenza irrompe nell’aula, quando un ufficiale si abbandona a un improvviso coinvolgente statement:

 

Tema C.1: Vi amo!
«“io vi amo, vi amo capitani. Io l’ho sempre detto ai giovani perché i giovani sono sempre più belli degli anziani, tutti i giovani. Solo che prima non lo potevo dire perché insomma potevo essere accusato di… ma ora che tutto è rientrato nella normalità…”».

 

  • 26 In combattimento «La posta in gioco per il guerriero non è solo l’indennità personale, ma la reputa (...)

32La “normalitàcitata, nel suo significato di adesione ad una non richiesta precisazione di adesione al modello eterosessuale, porta alla luce un’emozionalità irrigidita da una composizione all male dell’istituzione militare, in cui la personale identità sessuale è sollecitata a una costante validazione26. La reazione all’assetto mixed gender affiora nelle storie riferite dalle/i protagoniste/i dell’istituzione, di smarrimenti emozionali o intraprendenti avances subìte da parte delle donne. La rappresentazione delle militari oscilla tra rischi corsi come vittime di molestia e atti molesti attuati nei confronti del personale maschile.

 

Tema C.2: Avances da perdere la testa
«Uno degli ufficiali, riflettendo sulla sua esperienza degli ultimi anni, descrive giovani reclute “disinibite” nel rapporto col sesso opposto, cosa “di non poco imbarazzo per il personale maschile”. Reclute [donne] che scrivono “bigliettini” agli istruttori, “creando difficoltà” nel mantenere la relazione entro i confini gerarchici della catena di comando e del ruolo di militari. Le avances delle militari causano talvolta smarrimento da parte del personale maschile. Accade che anche uomini sposati e con figli “perdano la testa” per giovani donne militari, mettendo a rischio la stabilità familiare e il matrimonio».

 

  • 27 Ciò è coerente con il richiamo della Direttiva del 2002 alla «giusta sensibilità» che guidi l’azion (...)

33I racconti di “matrimoni sfasciati” si uniscono a quelli di iniziative di singoli comandanti, per mediare, ricercare una soluzione, ristabilire l’ordine. Gravando sul comandante la gestione del personale, gli eventi di sconfinamento nella sfera extra lavorativa si annoverano di fatto fra le sue competenze. Gli strumenti di gestione attingono dall’esperienza, dal buon senso, dalla necessità di perseguire gli obiettivi istituzionali mantenendo livelli adeguati di efficienza organizzativa. Un’estensione del ruolo istituzionale, annessa al grado ricoperto per cui di volta in volta l’intervento prende corpo considerando le parti in causa27.

 

Tema C.3: Stalking
«Uno degli ufficiali riferisce il caso di un ragazzo, un militare che, invaghitosi della collega, la perseguita con ripetuti e molesti messaggi da lei non graditi. La militare rivolgendosi al comandante per denunciare il fatto, mostra le prove. Il comandante, affermando di non poter ignorare un fatto tale, commina la sanzione di qualche giorno di consegna, dichiarando“mi è dispiaciuto di punire il ragazzo… ma nel momento in cui lei me lo ha denunciato… non ho potuto farne a meno”».

 

  • 28 Nella Relazione del Ministero della Difesa al Parlamento relativa all’anno 2009 si registrano 11 ca (...)
  • 29 In una percezione sessuata dei problemi, il nonnismo è tipicamente associato alla società di soli m (...)

34Le molestie rientrano nella gestione del personale; ufficialmente per le Forze armate italiane si tratta di un fenomeno circoscritto a pochi casi denunciati28 e,come le relazioni intime tra militari di diverso sesso (quelle omosessuali non entrano neppure nelle narrazioni), ufficialmente sono un rischio statistico molto basso, ma chiaramente messe a fuoco nella vita quotidiana. La molestia sessuale è correlata all’ingresso delle donne, un fenomeno che ha scalzato addirittura il nonnismo, tipico dell’assetto precedente (di leva e all male)29. Con le donne giungono nuovi problemi per cui l’istituzione non è adeguatamente attrezzata. In assenza di prassi consolidate a prevalere è la «giusta sensibilità» individuale, il giudizio sul singolo fatto, sulla necessità di intervenire e sanzionare, se e quando arriva alla denuncia all’autorità competente. Il filtro della discrezionalità si frappone tra l’insorgenza del fenomeno e la sua registrazione nelle statistiche ufficiali, la cui l’attendibilità quali-quantitativa rischia di rimanere dubbia, fotografando una situazione nebulosa dipendente dall’interpretazione personale e prima ancora dalla volontà/possibilità che venga denunciato.

35Una percezione sessuata delle molestie riduce la visione del fenomeno. La dinamica molesta non è di per sé assumibile univocamente contro le donne, piuttosto collocabile nello squilibrio di forza tra parti interagenti, sebbene la componente femminile costituisca nell’organizzazione militare il segmento più vulnerabile. Per le donne arruolate il rischio di molestia (sessuale) è perlopiù assunto tra i costi da pagare per l’ingresso nell’altrui dominio, diversamente per gli uomini la decodifica del fenomeno passa attraverso la messa in discussione del patrimonio identitario del ruolo di militare, degli usi e costumi che consolidano pratiche di relazione tra maschi, marcate dal mantenimento di una distanza sociale di sicurezza dalla femminilità. La relazione più prossima con la militare altera tutto ciò. Rimozioni e tentativi di minimizzare prediligono risoluzioni informali che, pur perseguendo lo scopo di contenere il singolo accadimento, non contribuiscono alla crescita di consapevolezza collettiva sulle emergenti problematiche di convivenza e di gestione del personale. La donna è semplicemente ciò che era fuori e ora è dentro, vicina. Il latente rimpianto di un assetto passato, comunque più noto del nuovo e di minore complessità, mostra un processo di integrazione di genere ancora a venire. Così gli ufficiali riflettono sul precedente assetto, quello che ha permesso loro di dedicarsi interamente alla vita militare sollevati dai carichi e responsabilità di cura e familiari.

 

Tema C.4: Ai miei tempi
«Uno degli ufficiali presenti ricorda che “ai suoi tempi la moglie ha rinunciato alle sue velleità professionali, mentre lui ha proseguito e ha continuato a inseguire i suoi sogni dedicandosi alla carriera militare. La vita militare è infatti difficilmente conciliabile con una vita familiare, soprattutto con la cura dei figli che richiedono costante presenza, impossibile da assicurare vestendo l’uniforme. Si apre oggi invece il problema di come si fa, soprattutto per le donne arruolate, madri con figli, un problema che la generazione di militari maschi non ha dovuto affrontare».

 

  • 30 La ricerca di equilibrio riguarda donne e uomini nella società sempre più complessa e frammentata, (...)

36Intrapresa la carriera da militari maschi esentati dalla cura quotidiana familiare, gli ufficiali si chiedono come possano altrettanto le militari, donne cui si guarda attraverso la lente del proprio vissuto: uomini, della loro generazione, dediti pressoché esclusivamente all’impegnativa carriera lavorativa, senza limiti di estensione sulla sfera privata. Ci si domanda come le donne possano sostenere lo stesso percorso, dovendosi affrancare da un compito loro ascritto di madri e mogli. La domanda posta retoricamente cade nel vuoto di risposte istituzionali; l’equilibrio vita/lavoro è un’acrobazia singolare (femminile), non una questione di qualità della vita o, altrimenti inteso, un costo sociale30. Ancor più per il personale militare femminile: qui il problema è e rimane delle donne, quelle che hanno deciso di avventurarsi in un terreno prima precluso e ora sconosciuto.

 

Tema C.5: Ci si deve lavorare su!
«Al termine della sua testimonianza la capitana inserisce una notazione personale. Ho 30 anni sono sposata con un collega di corso di ACCADEMIA e ho una figlia di X anni. Per questo ho bisogno di una donna che dorma in casa con me. Sono fortunata, la mia famiglia vive con me. Le risorse personali e della rete informale sono fondamentali per far fronte alle molteplici difficoltà. Non ultime quelle relative ad una richiesta inoltrata di avvicinamento al marito. Osserva che, avendo la stessa arma di appartenenza numerose sedi territoriali, sarebbe possibile fare molto per le coppie di militari come lei: ci si deve lavorare su”».

 

37Le scelte della vita privata sono subordinate in maniera stringente alla scansione imposta dalla carriera militare, fino al conflitto di ruolo.

 

Tema C.6: La maternità
«“Certo quando finirò il mio periodo di comando avrò 36 anni e prima di allora non posso pensare né di avere dei figli né un matrimonio. Ma questa è la vita e il tipo di lavoro che ho scelto”».

 

  • 31 La presa di distanza esercitata dalle consorti dei militari e la conseguente istanza di autonomia d (...)

38Le militari seguono ritmi lavorativi e di carriera tarati su una divisione dei ruoli di genere tradizionale, della separazione dei ruoli e delle attribuzioni, per cui le scelte e i tempi delle donne contrastano con la piena autoffermazione. La vita militare impone una riduzione della libertà individuale, più per le donne che per gli uomini, nella misura in cui si sommano i vincoli annessi al genere femminile a quelli specifici della scelta compiuta. È un’opzione di vita maschile ribadita dall’assenza di policies disegnate sulle reali e diversificate esigenze del personale. Le questioni di bilanciamento tra vita e lavoro sono nuove all’istituzione, da sempre risolte dalle donne al di fuori di essa. C’era una volta la moglie del militare31 che ammortizzava le distanze, le sfasature tra la vita privata e militare (Farina, 1993a), oggi ci sono le donne in divisa, le coppie militari, le donne e gli uomini che condividono spazi fisici e simbolici precedentemente, nonché lungamente separati. Per effetto di tutto ciò i confini tra l’istituzione e la società civile risultano ridisegnati, altrettanto quelli tra donne, uomini e le rispettive assegnazioni.

3. Conclusioni: a lezione con i late comer!

39Il cambiamento, quello osservato, è una realtà complessa e contraddittoria in cui le Forze armate italiane sembrano vivere una fase di stallo. Dal punto di vista degli ufficiali (maschi), si evidenzia un primo decennio trascorso in una debole messa a fuoco di obiettivi di piena integrazione. L’arruolamento femminile, istituito sotto il vessillo delle pari opportunità tra donne e uomini, si è realizzato per effetto di trascinamento di una normativa sovranazionale (europea) e di una necessità di riallineamento con la società civile e le forze armate alleate (Nato), dato l’intensificarsi, proprio negli anni ’90, dei rapporti di collaborazione. Il principio guida dell’arruolamento non ha adeguatamente informato gli assetti organizzativi, le strutture cognitive e relazionali, come pure le pratiche.

40Non solo si conferma il nesso tra una concezione più ampia della femminilità e le opinioni, rappresentazioni verso le arruolate, ma il peso della pre-socializzazione di genere risulta significativamente preponderante, mentre le orme di una socializzazione organizzativa orientata al riequilibrio tra le sue componenti stentano ad essere tracciate. Le testimonianze dei convenuti riconducono la presenza femminile a categorie valoriali, di comportamento e cognitive, proprie dell’istituzione maschile, confermando l’iniziale impressione di un tempo fermatosi all’avvio dei reclutamenti. Il punto di vista maschile è nettamente dominante nella rappresentazione della vita istituzionale. È dal punto di vista maschile che le donne sono convocate a dar conto della loro esperienza, a tracciare pubblicamente un bilancio di qualcosa che le riguarda personalmente. Gli uditori, tutti maschi, ascoltano, interrogano, attendono di essere rassicurati. L’anello mancante è quello della relazione tra donne e uomini dell’istituzione, sostituita da una distanza tra differenze che non si gestiscono nella misura in cui si discostano o non si assimilano al consolidato. Il modo in cui le militari sono rappresentate e nominate è incerto, il maschile e il femminile sono applicati in base alla percezione della differenza dentro l’uniforme; le donne sono portatrici di innate differenze emozionali-comportamentali, non vogliono ricoprire certi ruoli, necessitano di accessori e attenzioni diversamente e più degli uomini; alle donne si mandano rose, sono loro che “fanno perdere la testa agli uomini in divisa. A prevalere è non un consenso tributato ma un’accettazione di fatto che si gestisce, al più, cavallerescamente, seppure non manchi un’ostilità sopratutto iniziale. Gli argomenti sull’arruolamento femminile, sulle prestazioni, sull’adeguatezza e riconoscimento del ruolo militare anche di comando danno conto di quanto le differenze menzionate tra donne e uomini continuino ad essere «rielaborate come disuguaglianze» (Farina, 2004), giustificando una diversa e sessuata accessibilità del mondo militare.

  • 32 Il numero di donne arruolate continua ad essere in Italia significativamente basso nonostante l’amp (...)
  • 33 Il grado di colonnello sarà raggiunto in un iter normale di carriera, ad eccezione delle nomine dir (...)
  • 34 Per backlash si intende la contro-reazione al cambiamento indotto dall’arruolamento femminile da pa (...)
  • 35 «La ridotta proporzione numerica rende le donne dei simboli (tokens) rappresentazioni di se stesse, (...)

41Le osservazioni, i commenti, le discussioni intercorse cadono in un più ampio e generale vacuum di riflessione sulla situazione relazionale composita e densa. Le dinamiche descrivono una realtà lontana da un’integrazione in fieri. L’affermazione di una leadership promozionale non è un obiettivo né un’aspirazione. Data l’esigua proporzione numerica32 e la rarefazione lungo la scala gerarchica33, la condizione delle militari fatica ad affermarsi come presenza qualificata nell’istituzione, andando piuttosto incontro a rischi tutt’altro che remoti di marginalizzazione. Incorporare la differenza implica un ribaltamento di prospettiva. Laddove essa non è riconosciuta, né gestita, diviene forza centrifuga, a danno proprio di quella strategica risorsa, la coesione, vitale per l’istituzione militare, in un nesso quasi causale con l’efficienza performativa(Kier, 1999). La svolta alla composizione mixed gender è molto più di una modifica di organigramma. La presenza di donne militari infrange il tacito consenso femminile alla «mascolinità egemone», garante dell’assetto patriarcale e della posizione dominante degli uomini (Connell, 1990; 2006). Gestire il cambiamento e contenerlo sono due strategie divergenti nei presupposti e negli obiettivi. Nella gestione vi sono opportunità che l’organizzazione metta in relazione le risorse con gli obiettivi istituzionali, mentre nel contenimento il rischio di sfasatura, con conseguente perdita di efficacia, diviene più elevato. Il contenimento è volto a preservare l’assetto organizzativo, il patrimonio culturale e valoriale: una risposta di chiusura all’istanza di mutamento, una strategia di “riduzione del danno” sull’ordine costituito. Tra backlash34 (Faludi, 1991) organizzativi e tokenism35 (Kanter, 1977) sessuati, la parità, l’equità e la qualità delle relazioni nella composizione complessa della popolazione delle Forze armate, passano attraverso la destrutturazione dei rapporti stabiliti tra maggioranza accogliente, tollerante la diversità e una minoranza da preservare.

  • 36 Cardano (2011) compara la stesura delle note etnografiche alla sceneggiatura di un film, la riprodu (...)

42Le note etnografiche36 su cui si basano le analisi, descrivono spezzoni di vita organizzativa a lungo celata dietro gli scuri istituzionali, in ombra rispetto agli interessi della ricerca. Lo spazio aperto dall’evento è significativo ma più ampio rispetto a quanto osservato. Le somme del cambiamento appaiono ancora tutte da tirare. Il tempo è passato, ma il suo scorrere non dà di per sé la misura né la direzione del cambiamento (Carreiras, 2006). Molti sono i fattori che concorrono a tracciare la via dell’integrazione, ma differenza e complessità costituiscono un punto di non ritorno per l’organizzazione militare. Lo scarto di percezione dal livello collettivo organizzativo a livello individuale appare ampio. Nella distanza tra singolo e istituzione si colloca il bilancio positivo testimoniato dalle convocate.

 

Nota finale: Bilancio positivo
«“Il bilancio dopo dieci anni è positivo per il lavoro che faccio che è sempre molto vario.Bilancio positivo perché per il lavoro che faccio se non fossi entrata in XXX non avrei avuto le opportunità che ho avuto in una vita di lavoro”».

 

43Il bilancio è positivo quanto più si basa sul contenuto del lavoro svolto. Le criticità sono sbilanciate sugli aspetti relazionali, di affermazione della presenza in quanto donne. Affermano le testimoni: “noi vogliamo che se ne parli meno ma più parità di trattamento” a riprova di un’appartenenza collettiva che si ricuce debolmente in quanto donne in uniforme, con l’istituzione e con la società più ampia. Le ufficiali riferiscono di successi raggiunti sul piano personale, nonostante gli ostacoli ancora non rimossi. Il vantaggio del late comer appare falsificato dall’esperienza: le donne sono un corpo estraneo dell’organizzazione, un problema da risolvere secondo prescrizioni che precedono il loro ingresso e dalle cui specificità prescindono.

44Lo spazio di riflessione aperto dallo studio di caso appare molto più vasto di quello entro cui è condotta l’analisi. Diversi gli spunti per ipotesi di ricerca su più vasta scala. Sull’assenza di ricerca, sulla presenza delle donne nelle Forze armate italiane, vi è ancora molto da riflettere, come molto da ripensare sull’impiego di personale femminile e maschile. Ragion per cui, data la rilevanza, forse vale la pena di seguire quell’obbligo che, secondo le regole del gioco (da tavolo), imponeva perentoriamente di ripartire dal via.

Torna su

Bibliografia

Ammendola T. (a cura di) (1999), Missione in Bosnia, Milano, Angeli.

Badinter E. (2004), La strada degli errori. Il pensiero femminista al bivio, Milano, Feltrinelli.

Barkalow C. (1990), In the Men’s House, New York, Poseidon Press.

Battistelli F. (1997), Con gli occhi degli uomini: l’opinione maschile in tema di donna soldato, in Id. (a cura di), Donne e Forze armate, Milano, Angeli, pp. 185-210.
Id. (1995), Soldati. Sociologia dei militari italiani nell’era del peace keeping, Milano, Angeli.

Cardano M. (2011), La ricerca qualitativa, Bologna, il Mulino.

Carreiras H. (2006), Gender and the military: women in the armed forces of Western democracies, New York, Rooutledge.

Carreiras H., Kümmel G. (a cura di) (2008), Women in the military and in armed conflict, Wiesbaden, Verlag für Sozialwissenschaften.

Connell R. (2006), Questioni di genere, Bologna, il Mulino.
Id. (1990), The State, Gender and Sexual Politics. Theory and Appraisal, «Theory and Society», XIX, 5, pp. 507–44.

Faludi S. (1991), Backlash. The Underclared War against American Women, New York, First Three Rivers Press Edition.

Farina F. (1993a), Due Greedy institutions: l’organizzazione militare e la famiglia, «Rivista trimestrale di scienza dell’amministrazione», 3-4, pp. 231-252.
Id. (1993b), Donne soldato: il progetto e la comunicazione, in Fiore C. (a cura di), Esercito e comunicazione, Roma, Una, pp. 353-370.
Id. (1998), Donne militari? Perché no!, «Rivista Aeronautica», 2, pp. 23-27.
Id. (2004), Forze armate: femminile plurale. Il femminile e il maschile del militare nella transizione dalla comunità maschile al sistema di genere, Milano, Angeli.
Id. (2011), Le Forze armate italiane alla prova della complessità. Mutamenti organizzativi e gestione della sicurezza, in Atti del Convegno, Guerre, nazione, rappresentazioni dal Rinascimento a oggi. L’Italia e il «militare», Torino, 12-14 ottobre 2011, in corso di pubblicazione nella collana della Fondazione Luigi Firpo di Torino, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma, a cura di Bianchi P., Labanca N.
Id. (2012), La complessa tessitura di Penelope. Donne vita e lavoro: teoria e pratica sul territorio. Indagine sulle donne dell’entroterra pesarese, Napoli, Liguori.

Flood M. (2008), Men, Sex, and Homosociality: How Bonds between Men Shape Their Sexual Relations with Women, «Men and Masculinities», 3, pp. 339-359.

Gilmore D.D. (1993), La genesi del maschile, Firenze, La Nuova Italia Editrice.

Gobo G. (2001), Descrivere il mondo. Teoria e pratica del metodo etnografico in sociologia, Roma, Carocci.

Kanter R.M. (1977), Men and Women of the Corporation, New York, Basic Books.

Kier E. (1999), Imagining war: French and British military doctrine between the two wars, Priceton, Princeton University Press.

Kümmel G. (2008), Chivalry in the Military, in Carreiras H., Kümmel G. (a cura di), pp. 183-200.

Moradi B., Miller L. (2010), Attitudes of Iraq and Afghanistan War Veterans toward Gay and Lesbian Service Members, «Armed Forces & Society», 2, pp. 397-419.

Moskos C.C. (1993), Sistemi militari post-moderni in una prospettiva comparata, «Rivista trimestrale di scienza dell’amministrazione», 3-4, pp. 29-36.

Segal M.W., Segal D.R. (2006), Implication for Military Families of Changes in the Armed Forces, in Caforio G. (a cura di), Handbook of the Sociology of the military. New York, Springer, pp. 225-233.

Winslow D.J., Heinecken L., Soeters J. (2006), Diversity in Armed Forces, in Caforio G. (a cura di), Handbook of the Sociology of the Military, New York, Kluwer Academic/Plenum Publishers, pp. 299-310.

Winslow D., Jason D. (2002), Women in the Canadian Forces: between legal and social integration, «Current Sociology», L, 5, pp. 641-667.

Torna su

Note

1 L. 20 ottobre 1999, n. 380.

2 La tipologia elaborata da Battistelli (1997) delle rappresentazioni dei militari maschi colloca lungo un continuum i diversi atteggiamenti. Ai due estremi si trovano il «misogino», che propugna una posizione di subalternità della donna rispetto all’uomo, quindi non all’altezza di entrare nelle Forze armate, e l’«integrazionista», dall’atteggiamento egualitario e propenso ad un servizio militare femminile senza limitazioni.

3 «I discorsi riproducono la struttura sociale oltre ad aiutarci a comprendere l’azione […]» (Gobo, 2001, 113).

4 Si tratta di un corso di formazione per personale militare di grado elevato. Il gruppo dei formandi è composto da oltre 40 ufficiali dal grado di colonnello in su, per la maggior parte di nazionalità italiana e circa un terzo di nazionalità straniera. Non si indica qui il nome dell’Istituto sia per motivi di riservatezza, sia perché ai fini dell’analisi non è importante identificare il luogo in cui l’osservazione si è svolta, quanto piuttosto i contenuti e le dinamiche d’interazione. Con l’occasione ringrazio i responsabili dell’Istituzione per l’opportunità di una così proficua esperienza. Ai partecipanti all’incontro va il mio personale apprezzamento per aver reso il confronto stimolante. È dalla ricchezza delle discussioni intercorse che sono scaturite molte delle riflessioni qui contenute.

5 Tema della conferenza «l’analisi sociologica del servizio militare femminile in prospettiva comparata internazionale».

6 La formazione-osservazione ha luogo in due giornate, la prima dedicata al processo di integrazione di genere nelle Forze armate, la seconda alla discussione e alla testimonianza di giovani ufficiali donne invitate a riferire della personale esperienza e del punto di vista femminile. I dati raccolti riguardano le discussioni intercorse in aula, le narrazioni, le testimonianze che ciascuno dei/delle presenti ha portato al confronto collettivo. Ovviamente la responsabilità dei contenuti dell’analisi è tutta mia.

7 I brani relativi alle testimonianze raccolte sono evidenziati nel testo da virgolettati, basati sugli appunti annotati durante l’incontro.

8 Si tratta del Gruppo di lavoro Forze armate istituito dall’allora Presidente della Commissione Nazionale per le Pari Opportunità, cui ho personalmente preso parte nel 1997, composto da rappresentanti del mondo accademico, istituzionale, associativo, politico e militare. I lavori sono stati incentrati sull’individuazione dei criteri e delle modalità di ingresso delle donne nelle Forze armate, dando comunque per superata la discussione sulla possibilità che ciò avvenisse.

9 «Attualmente il personale femminile […] supera quota 11.770 unità (quasi il 4% del totale dell’organico). La presenza più corposa si registra nell’Esercito, dove le donne rappresentano il 7% della consistenza della Forza Armata. Una percentuale che si attesta al 4,3% nella Marina, al 2% nell’Aeronautica e all’1,3% nell’Arma dei Carabinieri», L’otto marzo delle donne in uniforme, www.difesa.it (2012).

10 Qui emerge l’insidia di una chiusura verso l’esterno, divenuta più probabile con l’arruolamento delle donne, laddove l’estensione della rappresentatività nella composizione demografica faceva invece prevedere una convergenza. L’arruolamento femminile è un processo parallelo e sovrapposto alla professionalizzazione delle Forze armate, private della rappresentanza di popolo, della diretta partecipazione del cittadino (maschio) soldato.

11 Una per le quattro Forze Armate più una per il Corpo di Polizia a ordinamento militare.

12 Il grado è declinato al maschile anche se a ricoprirlo è una donna. Il contenimento del femminile entro un vocabolario dominato dal maschile contribuisce a radicare la dominanza del ruolo degli uomini. Un’analisi del linguaggio sessista e non sessuato costituisce un interessante ambito di esplorazione del simbolico entro cui si radicano le pratiche quotidiane, come pure le (auto) percezioni identitarie di status e ruolo.

13 Le violazioni del tabù comunicativo non finiscono qui, riguardando sia le testimoni sia la sottoscritta in qualità di formatrice, donna e di grado inferiore, sebbene accademico. L’inversione dei ruoli per genere e grado connotano le interazioni del contesto di “eccezionalità”: le aspettative (o preferenze) dei formandi, alti ufficiali, sono usualmente rivolte verso interlocutori anche accademici ma (per estensione della logica gerarchico-militare) di pari grado.

14 L’abbigliamento maschile può celare la differenza femminile, mentre non accade altrettanto per la differenza corporeo-biologica in cui è individuata l’insormontabile impasse alla militarizzazione del corpo delle donne. Se dal punto di vista militare (maschile) gravidanza e ciclo mestruale sono elementi quasi patologici, difficilmente assimilabili alle prescrizioni militari, dal punto femminile sono l’evidenza di una pacificità biologicamente determinata, “naturalmente” antitetica ad una diretta partecipazione alla vita militare (Farina, 2004).

15 Nella seconda giornata a tenere la lezione è un altro docente, coordinatore della discussione a seguire.

16 Durante la conferenza stampa, a conclusione del citato esperimento del 1992 una delle giornaliste criticò l’uso del termine “soldatessa” proponendo “soldate” quale estensione alle donne del titolo maschile (Farina, 1993b).

17 Già Battistelli (1997) nella sua tipologia individuava nel Cavaliere il comportamento più insidioso, quello che facilmente ricade nella tentazione di atteggiamenti “benevolenti” di fatto discriminatori, ancorché non intenzionalmente tali, ma derivati da modelli sessuati facilmente travalicanti il confine del sessismo.

18 «Un indicatore di impatto della presenza delle donne è il modo in cui gli uomini modificano il loro comportamento […] atteggiamenti protettivi nei confronti delle donne, astenendosi dall’uso di parole volgari, scusandosi di questo in loro presenza o con atti di cavalleria […] soprattutto nella fase iniziale dell’esperienza» (Devilbiss, 1985, in Farina, 2004, 136).

19 Una situazione simile ha riguardato le prime donne arruolate imbarcate sulle navi dalla Marina militare statunitense (Thomas, 1986, in Farina, 2004). La proiezione di una privacy precipuamente femminile infastidiva le donne che, trattate diversamente, finivano per sentirsi a rischio di uno status istituzionale diseguale.

20 L’assenza di riservatezza nella vita militare riguarda anche gli uomini ma «il significato di privacy assume sfumature diverse […]. Per le donne la privacy è un bisogno innato, mentre per gli uomini un’acquisita abitudine e tutt’al più si tratta di rinunciarvi» (Farina, 2004, 130-131).

21 Questa l’esplicita richiesta loro rivolta.

22 Le coppie militari, marito e moglie, sono in Italia un fenomeno che, pur in crescita, si presenta ancora con una ridotta portata numerica.

23 L’inserimento del personale femminile è avvenuto sulla base del criterio sancito per legge della gradualità a partire dall’alto, allo scopo di fornire alle subalterne il riferimento di un modello di genere nella gerarchia.

24 Nella Casa degli uomini è il titolo del libro di Carol Barkalow (1990) sulla sua esperienza a West point, tra le prime donne ad esservi ammessa come militare. La metafora della casa d’altri (gli uomini) ripresa nella testimonianza qui citata, descrive un sistema sociale in cui i rapporti di forza risultano squilibrati a favore dei padroni di casa, dalla cui benevolenza dipende la permanenza dell’ospite.

25 Nel testo della Direttiva del dicembre 2002, all’art. 3 si distingue in comportamenti innati e critici, su cui le Autorità responsabili sono tenute a prestare particolare attenzione: «In particolare, si osserva che negli uomini è generalmente attivo un forte processo di internalizzazione quale tendenza a non mostrare l’emotività all’esterno. Le donne invece pongono solitamente in essere un processo di esternalizzazione delle proprie emozioni al fine di condividerle con gli altri anche mediante il confronto» (Etica Militare, Direttiva dallo Stato Maggiore Difesa 2002, http://www.difesa.it).

26 In combattimento «La posta in gioco per il guerriero non è solo l’indennità personale, ma la reputazione di uomo in un gruppo di uomini» (Farina, 2004, 82).

27 Ciò è coerente con il richiamo della Direttiva del 2002 alla «giusta sensibilità» che guidi l’azione di volta in volta: «In sintesi, i Comandanti/Autorità responsabili dovranno porre al riguardo una particolare attenzione, unita ad una giusta sensibilità, nella considerazione che non esiste una tipologia giusta ed una sbagliata ma piuttosto una risposta più o meno adeguata nonché opportuna a seconda del contesto», p. 34.

28 Nella Relazione del Ministero della Difesa al Parlamento relativa all’anno 2009 si registrano 11 casi di molestie sessuali all’esame della magistratura e un concomitante declinare di episodi di nonnismo con un solo caso denunciato nello stesso anno. Si ritiene tuttavia necessaria un’azione di prevenzione e contrasto contro ogni tipo di «sopraffazione fisica e morale all’interno delle strutture militari con livelli di attenzione elevati, in modo da cogliere sul nascere anche altre forme di comportamenti devianti (con particolare attenzione all’aspetto relativo alle molestie sessuali), direttamente connessi ad una sempre maggiore presenza di personale femminile nelle Forze armate», http://www.parlamento.it.

29 In una percezione sessuata dei problemi, il nonnismo è tipicamente associato alla società di soli maschi che attraverso di esso mette a punto riti di iniziazione in linea omosociale, volti a segnare l’ingresso al nuovo ambiente, l’adattamento alle sue regole attraverso prove di validazione della comune appartenenza al genere maschile (Flood, 2008; Gilmore, 1993).

30 La ricerca di equilibrio riguarda donne e uomini nella società sempre più complessa e frammentata, ma è lo squilibrio dei carichi di cura a rendere particolarmente gravosa la condizione delle donne italiane. Sono le stesse politiche sociali che difficilmente si discostano da una visione monosessuata, finendo per contribuire a consolidare una diseguaglianza strutturale (Farina, 2012).

31 La presa di distanza esercitata dalle consorti dei militari e la conseguente istanza di autonomia dalla condizione occupazionale, militare e gerarchica del marito, è uno degli indicatori del passaggio dal sistema istituzionale a quello occupazionale descritto da C. Moskos (1993).

32 Il numero di donne arruolate continua ad essere in Italia significativamente basso nonostante l’ampio numero di posizioni e ruoli accessibili. Questo apre ad ipotesi di un’assenza di domanda che non crea l’offerta, come pure di uno scarso interesse delle giovani, dopo una prima fase in cui è prevalso l’effetto attesa e novità,

33 Il grado di colonnello sarà raggiunto in un iter normale di carriera, ad eccezione delle nomine dirette, non prima di un decennio, quello di generale addirittura nel 2030.

34 Per backlash si intende la contro-reazione al cambiamento indotto dall’arruolamento femminile da parte della componente maschile dominante numericamente e culturalmente.

35 «La ridotta proporzione numerica rende le donne dei simboli (tokens) rappresentazioni di se stesse, il cui significato trascende il reale contributo apportato all’organizzazione; presenze non reali che difficilmente lasciano una impronta nella situazione sociale cui partecipano» (Farina, 2004, 133).

36 Cardano (2011) compara la stesura delle note etnografiche alla sceneggiatura di un film, la riproduzione della «scena culturale» cui si è assistito osservandola.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Fatima Farina, « Donne militari: presenti?! »Quaderni di Sociologia, 61 | 2013, 121-143.

Notizia bibliografica digitale

Fatima Farina, « Donne militari: presenti?! »Quaderni di Sociologia [Online], 61 | 2013, online dal 01 mai 2013, consultato il 29 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/489; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.489

Torna su

Autore

Fatima Farina

Dipartimento Economia, Società, Politica – DESP Università di Urbino «Carlo Bo»

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search