Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri69teoria e ricercaLa recente ricezione della teoria...

teoria e ricerca

La recente ricezione della teoria mertoniana della devianza nei paesi anglosassoni

The recent reception of the Mertonian theory of deviance in the Anglo-Saxon countries
Sandro Segre
p. 57-66

Abstract

The article deals with the reception, and failed reception, of the Merton’s theory of deviance since the 1980’s. It is here argued that this reception has been selective, in that it has focused on his notion of relative deprivation and on Strain Theory. Moreover, the reception has differed in its extension, depth of analysis, and orientation, which has concerned Merton’s past or present work. The secondary literature has dwelt on the conceptual relationship between the theories of relative deprivation, social strain, and social disorganization. It has also evaluated the consistency and persuasiveness of their argumentation. The size of this secondary literature on Merton’s theory of deviance, and its controversial character as well, point to its enduring relevance for empirical research and for contemporary sociological theory.

Torna su

Testo integrale

Premessa

1La ricezione della teoria mertoniana della devianza nei paesi anglosassoni dagli anni Ottanta del secolo scorso sino ai giorni nostri è stata ampia, ma non uniforme, nel duplice senso che talvolta la criminologia e teoria sociologica americane hanno preferito non considerare il contributo di Merton a questo campo di studi e che, quando ciò sia avvenuto, il riferimento a Merton è stato vario e selettivo. In questa sede, si considereranno entrambe le direzioni che hanno caratterizzato tale ricezione, soffermandosi tuttavia maggiormente sulla seconda. A questo riguardo, si farà dapprima cenno a elaborazioni teoriche e ricerche empiriche in tema di devianza, che si sono ispirate alla teoria mertoniana. Si considereranno quindi valutazioni della teoria mertoniana, che sono state condotte in conformità a prospettive diverse.

1. Mancata ricezione

2Questa mancata ricezione – nel senso di non contenere rimandi o accenni agli scritti mertoniani – ha connotato opere criminologiche di diverso carattere. Si tratta di opere che hanno una particolare direzione di orientamento teorico o di ricerca empirica, i cui autori non hanno ritenuto di menzionare l’apporto di Merton. Ciò è avvenuto in diversi casi: può trattarsi di opere che hanno privilegiato la teoria del controllo sociale, formale o informale (Black, 1984; Sampson e Laub, 1993); di spiegazioni in termini di opportunità contingenti di delinquere (Felson, 1998); di studi che si focalizzano sulla prevenzione di reati violenti e gravi commessi da adolescenti (Farrington e Loeber, 1998); ancora, di opere che presentano ciò che le autorità federali, statali e locali hanno fatto per cercare di contrastare attività criminali e le ragioni del loro assai scarso successo (Donziger, 1996); oppure, infine, di studi che si servono di una prospettiva teorica costruzionista (Muncie, 1996).

3La mancata menzione di Merton da parte di diversi criminologi contemporanei riguarda dunque un’ampia varietà di correnti teoriche in ambito criminologico. Merton sembra perciò avere solo un richiamo settoriale, limitandosi ad alcune specifiche direzioni d’indagine. Fra queste, si segnalano le teorie della privazione relativa (Relative Deprivation) e della tensione strutturale (Strain Theory), che hanno esplicitamente ispirato il contributo di Merton. Questa conclusione è di per sé – come vedremo – plausibile, ma deve tener conto del vasto pubblico di studiosi, verso i quali la teoria mertoniana della devianza criminale ha avuto un richiamo almeno potenziale. In tal senso, può essere degna di nota l’inclusione di questa teoria in testi che hanno carattere introduttivo, rivolgendosi a studenti e, in genere, a un pubblico di non specialisti e che contengono appunto riferimenti – per quanto sommari – alla Strain Theory (cfr. ad esempio Hagan, 1998, 32-33). Ci si soffermerà tuttavia non su questi testi, bensì solo su opere nelle quali il contributo teorico di Merton è richiamato nell’ambito di una discussione e presentazione rivolte soltanto, o prevalentemente, a studiosi specialisti di sociologia criminologica. Saranno quindi considerate elaborazioni teoriche e ricerche empiriche in tema di devianza, che si sono ispirate alla teoria mertoniana.

2. Ricezione varia e selettiva

4La ricezione di Merton ha riguardato principalmente le teorie della privazione relativa e della tensione strutturale. La succinta presentazione che Merton compie di queste teorie, considerate congiuntamente, le condensa nei termini seguenti, con riferimento a tensioni culturali e strutturali socialmente prodotte: «La teoria afferma soltanto che chi sia posto nella struttura sociale in condizioni che sono particolarmente soggette a tali tensioni, ha maggiori probabilità rispetto ad altri di mostrare un comportamento deviante» (Merton, 1968, 237). Data la pluralità d’interpretazioni e sviluppi avuti dalla teoria della privazione relativa, Walker e Smith – che hanno curato la pubblicazione di un libro in tema di privazione relativa – si limitano a dichiarare che questa teoria «afferma tipicamente che i confronti sociali e/o temporali sono un elemento essenziale per valutare se qualcuno sia deprivato» (Walker e Smith, 2002, 6).

  • 1 Si preferisce citare qui l’edizione originale, in lingua inglese, anziché l’edizione italiana (il M (...)

5Nonostante la condivisione di un interesse verso queste teorie mertoniane, la loro ricezione non è stata uniforme sia nella loro presentazione, che è diversa per estensione e approfondimento, sia anche nel loro orientamento, che è stato secondo i casi diretto verso il passato o il presente. Alcuni autori, infatti, hanno presentato l’opera di Merton nell’ambito teorico della criminologia americana degli anni Cinquanta e Sessanta; altri invece l’hanno richiamato per loro particolari interessi, empirici o teorici, ma sempre riguardanti la criminologia contemporanea. Si accennerà ora alla prima di queste due tendenze nella ricezione, dando poi spazio alla seconda tendenza. Le due tendenze, su cui ci si soffermerà, tengono entrambe presente le teorie ora menzionate della privazione relativa e tensione strutturale. Queste teorie sono state presentate e discusse nella seconda parte di Social Theory and Social Structure (cfr., per una loro presentazione in compendio, Merton, 1968, 237)1.

3. Elaborazioni e ricerche empiriche in tema di devianza ispirate dalla teoria mertoniana

6La teoria mertoniana in tema di gruppi di riferimento, di anomia e devianza ha ispirato, assieme ad una vasta letteratura secondaria – Sztompka qualifica la teoria come «famosa», in questo senso (Sztompka, 1986, 184) –, anche molta ricerca empirica in tema di devianza criminale. In ambito criminologico, sono quindi frequenti i richiami ad essa, sopra tutto negli Stati Uniti. Fra gli studiosi che si soffermano sulla ricezione di Merton, Thomas Pettigrew, presentando un compendio della letteratura psicologico-sociale in tema di privazione relativa, ha fatto riferimento alla trattazione di Merton, qui considerata come un’applicazione della teoria dei “Reference Groups” (Pettigrew, 2002, 352). Pettigrew, che è studioso del pregiudizio etnico – razziale, non si sofferma sul tema della devianza. Per contro, Virgil e Yun (1996, 154-155) riprendono la teoria della tensione strutturale (Strain Theory) – sia nella versione di Merton, sia in quella da essa derivata di Cloward e Ohlin (1960, 82-86) – per spiegare i comportamenti devianti delle bande giovanili nei ghetti neri negli Stati Uniti (Vigil e Yun, 1009, 154-155).

7La teoria della privazione relativa non deve essere confusa con quella della disorganizzazione sociale. La prima teoria spiega – com’è noto – la devianza criminale come l’effetto di una mancata connessione fra mezzi disponibili legittimi e scopi culturalmente approvati e si richiama alla teoria dell’anomia di Merton, ripresa e rielaborata da Robert Agnew (cfr. Agnew, 1992); mentre la seconda teoria – chiamata Social Disorganization Theory – spiega la devianza criminale come conseguenza della disintegrazione dei legami fra coloro che si trovano in determinati territori e la comunità circostante. Gli autori che danno rilievo a questa distinzione (Bruce, Roscigno e McCall, 1998, 32-33), tuttavia, hanno osservato che le due teorie condividono il presupposto, che è stato accolto da molti altri criminologi, che la criminalità consegua «dalle condizioni materiali che riscontrano in un determinato luogo, piuttosto che da sistemi culturali e normativi» (ibidem) e formulano, combinando assieme queste due teorie, un elaborato schema per spiegare la violenza interpersonale nei ghetti neri americani (ibidem).

8La Strain Theory, nell’originaria versione di Merton, è stata oggetto di attento e critico esame da parte di vari criminologi. Fra questi, va qui anzi tutto ricordato Richard Rosenfeld (Rosenfeld, 1989), noto criminologo americano, che è stato Presidente dell’American Society of Criminology ed è autore di numerosi libri e articoli in riviste specializzate. Rosenfeld, come gli studiosi prima citati, inquadra la teoria di Merton nell’ambito della Strain Theory, di cui lo stesso Merton avrebbe fornito, afferma Rosenfeld, il modello esemplare (the examplar: Rosenfeld, 1986, 117). Secondo Rosenfeld, il contributo di Merton alla teoria dei gruppi di riferimento e la sua attenzione alle conseguenze impreviste di azioni intenzionali hanno ispirato «un’intera tradizione teorica nella sociologia del comportamento deviante» (Rosenfeld, 1989, 454).

9Le obiezioni alla teoria mertoniana riguardano in particolare la sua versione della Strain Theory, che Rosenfeld considera vaga e imprecisa, poiché non ben definita nei suoi nessi causali. Al riguardo, egli osserva che alla Strain Theory si possono rivolgere critiche che hanno origine in parte dall’adesione a punti vista teorici diversi, come la teoria del controllo sociale, e in parte dalla difficoltà di definire il concetto di subcultura deviante attenendosi a questa teoria. Una condizione psicologico-sociale di tensione strutturale (Strain), e quindi di anomia, consegue per Merton – come Rosenfeld rileva – solo dalle diverse opportunità di ottenimento dell’obiettivo, culturalmente prescritto, del successo economico; non, invece, dell’obiettivo del successo in campo educativo o occupazionale.

10L’argomentazione mertoniana – osserva Rosenfeld – è tuttavia imprecisa. Non chiare sono, di conseguenza, le implicazioni che se ne possono ricavare per la teoria sociologica e per politiche intese a rimuovere le condizioni sociali che produrrebbero tale tensione strutturale. Non si tratta, infatti, solo di offrire eguaglianza di opportunità con politiche intese a contrastare la formazione di subculture devianti o di ridurre la povertà e delinquenza, come suggerito da Cloward e Ohlin nel loro influente libro prima richiamato (1960); né si tratta di contrastare la formazione di subculture devianti, come sostenuto da studiosi che condividono una spiegazione culturale della devianza. La teoria di Merton comprende entrambe queste spiegazioni, lasciando nell’oscurità – osserva Rosenfeld – le questioni se la tensione strutturale consegua da obietti e valori perseguiti, o piuttosto dall’impiego di mezzi illegittimi, e se per mezzi legittimi debbano intendersi le opportunità di accesso a compensi monetari oppure gli stessi compensi monetari (Rosenfeld, 1989, 457).

11Posto che una condizione sociale di anomia e devianza tende, secondo Merton, a consolidarsi nel corso del tempo (Sztompka, 1986, 255-257), altre obiezioni alla teoria mertoniana della devianza sono state formulate da Gould, secondo il quale l’utilità dell’impiego dello schema teorico mertoniano è pregiudicata da confusioni concettuali. Si riscontrano infatti in Merton, secondo Gould, due distinte cause di anomia: in un primo senso, l’anomia consegue quando non vi siano mezzi legittimi adeguati per conseguire obiettivi che sono prescritti normativamente. In un secondo senso, una condizione di anomia consegue se alla grande importanza normativamente attribuita agli obiettivi prescritti non corrisponde altrettanta importanza conferita ai mezzi che s’impiegano; in tal caso, infatti, questi mezzi sono scelti secondo un criterio di efficacia, non curandosi delle norme (Gould, 1990, 403-404).

12La questione sembra essere stata in parte chiarita dalla ricerca empirica. Ad esempio, un’indagine condotta fra gli immigrati in Svezia che fa esplicito richiamo alla Strain Theory, indica come cause di tensione – piuttosto che l’impiego di mezzi illegittimi – sia le scarse possibilità di accesso a beni monetari per gli immigrati, sia anche il loro esiguo ammontare di fatto disponibile a costoro (Von Hofer, Sarnecki e Tham, 1997, 78-82). La ricerca in ambito criminologico, che si è ispirata agli scritti di Merton o che ne ha tenuto conto, è stata indotta a compiere una loro interpretazione dalla fondamentale ambiguità di questi scritti, come la letteratura ha messo in rilievo.

13Alla teoria dell’anomia è stato obiettato (fra l’altro) che essa non spiega perché si commettono alcuni crimini anziché altri, né perché la maggior parte dei criminali in giovane età non compia più reati in età adulta (Siegel, 2011, 151). La teoria mertoniana della devianza è stata inserita da alcuni criminologi americani nel contesto teorico fornito dalla teoria della disorganizzazione sociale. Questa teoria fu originariamente formulata negli anni Quaranta da Shaw e McKay, e da Kornhauser. In particolare, il libro di Kornhauser sulla politica nelle società di massa, pubblicato al termine degli anni Cinquanta, rilevava la crisi dei rapporti comunitari e il prevalere delle masse nella moderna vita politica e culturale (Kornhauser, 1959).

14Miethe e Meier (1994, 21-23), fra altri autori, hanno richiamato la contiguità della mertoniana Strain Theory con la Social Disorganization Theory, che mette in evidenza le diverse possibilità di accesso a compensi monetari per persone che abbiano un diverso grado di privilegio sociale. Come Robert Sampson – che è stato anch’egli, come Rosenfeld, Presidente dell’American Society of Criminology – ha persuasivamente mostrato, una condizione di disorganizzazione sociale tende a perpetuarsi, rendendo difficile l’uscita dai ghetti urbani e consolidando così la privazione relativa di coloro che vi abitano anche solo temporaneamente (Sampson e Groves, 1989). In suo più recente contributo, Sampson ha osservato che la ricerca non ha confermato la validità empirica della Strain Theory, tuttavia questa teoria è stata fruttuosa nel senso di aver incoraggiato una sistematica indagine riguardante l’eventuale nesso tra posizione di classe e delinquenza (2010, 73-74).

15Altri criminologi americani hanno invece mostrato le conseguenze anomiche e (quindi) criminogene di una condizione di privazione relativa esperita nel mercato del lavoro, richiamandosi al riguardo esplicitamente a Merton (cfr. Allan e Steffensmeier, 1989, 108). In tal caso, l’accento è posto sull’esiguità di questi compensi monetari, anziché sulle diverse possibilità di accesso ad essi. Questa seconda direzione di studi è stata seguita da William J. Wilson, che nel corso degli anni – da solo, o con Sampson – si è soffermato sulle estreme condizioni di povertà di quella parte della minoranza nera americana che vive nei ghetti urbani (Wilson, 1989). Che Sampson e Wilson abbiano condotto assieme ricerca criminologica e ne abbiano sempre assieme pubblicati i risultati (Sampson e Wilson, 1995), può forse indicare non solo l’esistenza di buoni rapporti collaborativi fra studiosi che intendono diversamente la mertoniana Strain Theory, ma anche la compatibilità fra queste diverse interpretazioni. Si avrebbe allora privazione relativa sia se vi sono diverse possibilità di accesso a beni monetari, sia anche se l’ammontare di questi beni è esiguo.

16Le obiezioni a Merton differiscono quindi non solo per oggetto, ma anche per proposito teorico, che è coerente, secondo i casi, con la Strain Theory o la Social Disorganization Theory. La Strain Theory, sebbene criticata per l’argomentazione imprecisa e per confusioni concettuali, si è mostrata fruttuosa per la ricerca da essa ispirata circa un nesso causale tra posizione di classe e comportamento deviante. Rielaborazioni teoriche hanno approfondito i nessi tra questa teoria e quelle della privazione relativa e della disorganizzazione sociale. Quest’ultima, a sua volta, è stata rapportata con la mertoniana teoria dell’anomia. Ancorché criticata per la sua incompiutezza esplicativa, questa teoria ha avuto conferma empirica purché riformulata in modo restrittivo, come condizione sociale prodotta da un accesso disuguale a beni monetari. Il differente proposito teorico, che è stato di volta in volta perseguito dall’una o dall’altra teoria, deve essere distinto dall’eventuale diversità di prospettiva impiegata. Tale diversità può, infatti, condurre a valutazioni diverse dell’apporto di Merton alla criminologia, come ora si vedrà.

4. Valutazioni della teoria mertoniana secondo prospettive diverse

17La seconda tendenza della ricezione richiama invece l’apporto teorico di Merton per meglio illustrare una teoria diversa e ritenuta incompatibile con esso. Per teoria Merton intende una proposizione che contenga una generalizzazione empirica, nel duplice senso di indicare uniformità fra eventi sociali che sono direttamente osservate nei rapporti tra variabili, oppure uniformità che sono derivate da teorie già esistenti (Merton, 1968, 149-153). Merton distingue fra teoria, così intesa, e prospettive teoriche, che Merton chiama orientamenti sociologici generali (general sociological orientations). Con questi ultimi, Merton intende prospettive teoriche atte a formulare ipotesi specifiche che siano congruenti con esse (Merton, 1968, 141-143). Nell’ambito di questa seconda, tendenza della ricezione, si offrirà qui una breve rassegna di contributi provenienti da criminologi che aderiscono a prospettive diverse e fra loro incompatibili.

18I canadesi Hester ed Eglin accostano Merton alla teoria della disorganizzazione sociale, verso cui rivolgono critiche coerenti con la loro prospettiva etnometodologico-costruzionista (Hester e Eglin, 1992, 4-10). Diversamente da quest’ultima prospettiva, la teoria psicologico-sociale del Social Learning, originariamente proposta da Edwin Sutherland, non intende mettere in questione l’esistenza oggettiva di comportamenti criminali – non si tratterebbe dunque semplicemente di una costruzione sociale – e li spiega piuttosto come l’effetto di un apprendimento sociale di norme devianti, grazie alla frequentazione preferita e abituale di criminali e al conseguente prevalere di norme di comportamento favorevoli, piuttosto che contrarie, nei confronti di comportamenti che contrastino con norme convenzionali. Ronald Akers, criminologo, è noto esponente della teoria del “Social Learning”. L’importanza nello schema teorico mertoniano, imperniato sull’esistenza di alternative possibili e socialmente prestabilite di comportamenti, ricorda dappresso, secondo Akers, lo schema teorico di Sutherland e dello stesso Akers (Akers, 2009, 26-32).

19Questo schema teorico è stato pure oggetto di considerazione nell’ambito della teoria della scelta razionale (Rational Choice Theory). Nella versione che ne ha fornito Coleman, Merton è ricordato fra gli autori che si sono occupati di privazione relativa e, più in generale, delle conseguenze psicologico – sociali di frustrazioni ricevute a causa della distanza fra le aspirazioni individuali e le reali condizioni politiche e sociali che ostacolano il loro appagamento. A questo riguardo, Coleman osserva che la frustrazione è caratteristica individuale, mentre le sue conseguenze generalizzate, quali rivolte e ribellioni, sono eventi sociali. Mancherebbe nello schema teorico mertoniano una spiegazione di come si possano collegare i livelli micro e macro di analisi (Coleman, 1990a, 475-479). Coleman mostra, nonostante questa critica, forte interesse verso la teoria mertoniana.

20Alcuni studiosi di sociologia hanno osservato – richiamandosi ai ricordi di Coleman quando era studente alla Columbia nei primi anni Cinquanta (Coleman, 1990a; 1990b) – che Merton, come insegnante di Coleman, esercitò su questi profonda influenza, indirizzandone gli studi verso temi di teoria e metodologia sociologiche (Bulmer, 1990, 103-104; Swedberg, 1990, 314-315). Lo stesso Coleman ricorda anche l’apprendimento, grazie a Merton, di metodi quantitativi d’indagine (Coleman, 1996, 344). Si tratta dunque di una ricezione, da parte di Coleman, non incentrata solo sul tema della privazione relativa e sostanzialmente critica là, dove Merton formula il nesso tra micro e macro sociologia in modo diverso da Coleman.

21Si accennerà qui anche ad altre critiche alla teoria mertoniana circa le conseguenze disfunzionali e criminogene di una condizione di privazione relativa. Queste critiche provengono da un altro noto esponente della teoria sociologica contemporanea, Peter M. Blau. Blau è qui considerato come studioso – al pari di Merton – della teoria della struttura sociale, verso cui ha tuttavia avanzato riserve. Egli non obietta a Merton, così come ha fatto Coleman, che la teoria mertoniana è centrata su azioni individuali ed è quindi micro – strutturale, senza una chiara connessione a un livello macro di analisi. Anzi, è di diverso avviso, poiché concetti mertoniani quali quelli di struttura di status e di opportunità, e di vincoli (constraints) strutturali, trovano applicazione – secondo Blau – a entrambi questi livelli di analisi (Blau, 1990, 149, 153).

22Piuttosto, Blau obietta che Merton non chiarisce a sufficienza – attenendosi al suo punto di vista che è strutturale, quindi non psicologico – le differenze fra quanti si conformano e quanti invece deviano rispetto a norme sociali. Blau osserva, a questo riguardo, che tali differenze riguardano caratteristiche psicologiche, o psicologico – sociali, d’individui devianti; ma non caratteristiche della struttura sociale, come l’eventuale influenza di differenze di classe, o di status sociale, sulle probabilità di comportamenti devianti (ibidem). Blau si è attenuto nella sua valutazione di Merton, e in particolare nella critica della teoria mertoniana della devianza, a una prospettiva coerentemente strutturale. Gli altri sociologi prima ricordati hanno similmente valutato questa teoria secondo il proprio punto di vista teorico, ossia: etnometodologia (Hester ed Eglin); teoria del Social Learning (Akers); Rational Choice Theory (Coleman); teoria macro – strutturale delle relazioni sociali (Blau). La varietà di prospettive che hanno fatto richiamo alla teoria mertoniana può presumibilmente indicare l’influenza di Merton in quest’ambito di studi.

5. Conclusione

23Questo saggio si è proposto di offrire una breve panoramica della ricezione nei paesi anglosassoni dell’opera di Robert K. Merton dagli anni Ottanta del secolo scorso ad ora, con riferimento alla sua teoria della devianza. Si è fatto cenno dapprima ai campi sociologici di studio, nei quali non si è tenuto conto dell’opera di Merton. Se n’è dedotto che quest’opera ha un richiamo settoriale, che riguarda quindi solo o principalmente alcune specifiche direzioni d’indagine, in particolare, le teorie della privazione relativa, tensione strutturale, disorganizzazione sociale e anomia. Tutte queste teorie sono state oggetto di valutazioni critiche dettagliate e ne sono state proposte alcune riformulazioni che tengono conto di loro verifiche empiriche. La teoria di Merton è stata oggetto di valutazioni e apprezzamenti, spesso critici ma sempre attenti, per opera di esponenti rilevanti di alcune prospettive sociologiche. Da prospettive diverse sono conseguite obiezioni differenti a questa teoria. In conclusione, la recente ricezione negli Stati Uniti della teoria mertoniana della devianza è stata settoriale, ma ampia, dettagliata e fruttuosa, avendo ispirato rielaborazioni, approfondimenti e indagini empiriche.

Torna su

Bibliografia

Agnew R. (1992), Foundations for a general strain theory of crime and delinquency, «Criminology», 30, 1, pp. 47-87.

Akers R.L. (2009), Social Learning and Social Structure. A General Theory of Crime and Deviance, New Brunswick N.J., Transaction Publishers.

Allan E.A. e Steffensmeier D.J. (1989), Youth, underemployment, and property crime: Differential effects of job svailability and job quality on juvenile and young adult arrest rates, «American Sociological Review», 54, 1, pp. 107-123.

Black D. (1984), Social control as a dependent variable, in D. Black (a cura di), Toward a General Theory of Social Control, London, Academic Press, pp. 1-36.

Blau P.M. (1990), Structural constraints and opportunities: Merton’s contributions to general theory, in Clark J., Modgil C. e Modgil S. (a cura di), Robert K. Merton. Consensus and Controversy, London, Falmer Press, pp. 141-155.

Bruce M.A. et al. (1999), Structure, context, and agency in the reproduction of black-on-black violence, «Theoretical Criminology», 2, 1, pp. 29-55.

Cloward R.A. e Ohlin L.E. (1960), Delinquency and Opportunity, New York, The Free Press.

Coleman J. (1990a), Foundations of Social Theory, London, The Belknap Press.
Id. (1990b), Robert K. Merton as teacher, in Clark J., Modgil C. e Modgil S. (a cura di), Robert K. Merton. Consensus and Controversy, London, Falmer Press, pp. 25-32.
Id. (1996), A vision for sociology, in Clark J. (a cura di), James S. Coleman, London, Routledge Falmer, pp. 343-349.

Costello B. (1997), On the logical adequacy of cultural deviance theory, «Theoretical Criminology», 1, 4, pp. 403-428.

Donziger S.R. (1996), The Real War on Crime, New York, HarperCollins.

Farrington D.P. e Loeber R. (1998), Major aims of this book, in Loeber R. e Farrington D.P. (a cura di), Serious and Violent Juvenile Offenders, London, Sage, pp. 1-10.

Felson M. (1998), Crime and Everyday Life, Thousand Oakes, CA, Pine Forge Press.

Gould M. (1990), The interplay of general sociological theory and empirical research: In order thereby to arrive at a causal explanation of its course and effects, in Clark J., Modgil C. e Modgil S. (a cura di), Robert K. Merton. Consensus and Controversy, London, Falmer Press, pp. 399-416.

Hagan J. (1994), Crime and Disrepute, Thousand Oakes CA, Pine Forge Press.

Hester S. e Eglin P. (1992), A Sociology of Crime, London, Routledge.

Kornhauser W. (1959), The Politics of Mass Society, Glencoe Ill., The Free Press.

Matsueda Ross L. (1997), ‘Cultural deviance theory’: The remarkable persistence of a flawed term, «Theoretical Criminology», 1, 40, pp. 429-452.

Merton R. (1968), Social Theory and Social Structure, New York, The Free Press.

Miethe T.D. e Meier R.F. (1994), Crime and Its Social Context, Albany, State University of New York Press, 1994.

Muncie J. (1996), The construction and deconstruction of crime, in Muncie J. e McLaughlin E. (a cura di), The Problem of Crime, London, Sage, pp. 5-64.

Pettygrew T.F. (2002), Summing up. Relative deprivation as a key social psychological concept, in Walker I. e Smith H.J. (a cura di), Relative Deprivation. Specification, Development and Integration, Cambridge, Cambridge University Press, pp. 351-373.

Rosenfeld R. (1989), Robert Merton’s contribution to the sociology of deviance, «Sociological Inquiry», 30, 4, pp. 453-466.
Id. (1986), Urban crime rates: Effects of inequality, welfare dependency, region, and race, in Byrne J.M. e Sampson R.J. (a cura di), The Social Ecology of Crime, New York, Springer Verlag, pp. 116-130.

Sampson R.J. (2010), Eliding the theory / Research and basic / Applied divides: Implications of Merton’s middle range, in Calhoun C. (a cura di), Robert K. Merton. Sociology of Science and Sociology as Science, New York, Columbia University Press, pp. 63-78.

Sampson R.J. e Groves W.B. (1989), Community structure and crime: Testing social-disorganization theory, «American Journal of Sociology», 94, 4, pp. 774-802.

Sampson R.J. e Laub J.H. (1993), Crime in the Making, Cambridge, Harvard University Press.

Sampson R.J. e Wilson W.J., Toward a Theory of Race, Crime, and Urban Inequality, pp. 37-54, in Hagan J. e Peterson R.D. (a cura di), Crime and Inequality, Stanford, Stanford University Press, 1995.

Siegel L.J. (2015), Criminology, Boston, Changage Learning.

Sztompka P. (1986), Robert K. Merton: An Intellectual Profile, New York, St. Martin’s Press.

Vigil J.D. e Yun S.C. (1996), Southern California gangs. Comparative ethnicity and social control, in Huff C.R. (a cura di), Gangs in America, London, Sage, pp. 129-156.

Von Hofer H., Sarnecki J. e Tham H., Minorities, crime, and criminal justice in Sweden, in Haen Marshall I., Minorities, Migrants, and Crime, London, Sage, pp. 62-85.

Walker I. e Smith H.J. (2002), Fifty years of relative deprivation research, in Walker I. e Smith H.J. (a cura di), Relative Deprivation. Specification, Development, and Integration, Cambridge, Cambridge University Press, pp. 1-9.

Williams R.M. (1975), Relative deprivation, in Coser L.A. (a cura di), The Idea of Social Structure. Papers in Honor of Robert K. Merton, New York, Harcourt Brace Jovanich, pp. 355-378.

Torna su

Note

1 Si preferisce citare qui l’edizione originale, in lingua inglese, anziché l’edizione italiana (il Mulino, 1968), che fa riferimento a una precedente versione di quest’opera di Merton (1957).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Sandro Segre, « La recente ricezione della teoria mertoniana della devianza nei paesi anglosassoni »Quaderni di Sociologia, 69 | 2015, 57-66.

Notizia bibliografica digitale

Sandro Segre, « La recente ricezione della teoria mertoniana della devianza nei paesi anglosassoni »Quaderni di Sociologia [Online], 69 | 2015, online dal 01 décembre 2015, consultato il 19 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/518; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.518

Torna su

Autore

Sandro Segre

Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Genova

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search