Navigation – Plan du site

AccueilNuméro60Antonio de Lillo (1941-2012)Vent’anni con i «Quaderni di Soci...

Antonio de Lillo (1941-2012)

Vent’anni con i «Quaderni di Sociologia»

Paola Borgna
p. 11-12

Texte intégral

1Antonio de Lillo entrò a far parte del Comitato editoriale dei «Quaderni di Sociologia» vent’anni fa, nel 1992. Si trattava di una nuova partenza per i «Quaderni», la cui nuova serie prendeva allora avvio con un cambio d’editore, una composizione del Comitato editoriale profondamente rinnovata, una radicale ristrutturazione dell’articolazione interna della rivista. Antonio condivise l’entusiasmo di quell’inizio.

2Antonio prendeva parte con regolarità alle riunioni del Comitato editoriale, alle quali sapeva dare un contributo prezioso dal punto di vista scientifico come dal punto di vista umano: proponendo temi e sviscerandone i risvolti; nel «suo» modo, serio e riflessivo e al tempo stesso suadente, ogni volta stimolante. Mostrava di avere sempre ben chiara «la domanda» e molto spesso ci aiutava a individuare i modi per rispondervi.

3La rivista ha avuto l’onore di ospitare alcuni suoi contributi. I più recenti sono un intervento sul tema della crisi delle vocazioni scientifiche in Italia (scritto con Andrea Cerroni, nel 2005) e uno su stratificazione occupazionale e disuguaglianze sociali (scritto con Maria Luisa Bianco, nel 2007), volto a introdurre una intera sezione della rivista dedicata a una nuova versione della notissima scala di valutazione sociale delle occupazioni elaborata più di vent’anni prima e già richiamata nelle pagine precedenti.

4Entrambi i contributi si inscrivono in pieno nel solco degli interessi principali di Antonio: la ricerca sulla popolazione giovanile e sull’educazione nel caso del primo; la stratificazione sociale e la struttura delle disuguaglianze nel caso del secondo. Tutti e due rappresentano una proposta di riflessione elaborata a partire dai risultati di indagini empiriche, alle quali il de Lillo metodologo della ricerca affida il compito di superare spiegazioni parziali e talvolta anche fuorvianti. Vale per i risultati di entrambe le ricerche ciò che egli scrive per il risultato di quella sulle scale di stratificazione, le quali «non sono il momento terminale di un percorso di ricerca, ma uno strumento di conoscenza dei processi di mutamento sociale».

5Del tratto scientifico di Antonio è difficile aggiungere a quanto è stato scritto nei pezzi che precedono, se non per osservare che anche i saggi comparsi sui «Quaderni» (quelli menzionati come altri) testimoniano della continuità e della solidità degli interessi che hanno guidato la sua attività di studio e di ricerca.

6Data la sede, si può tentare di dire qualcosa del lavorare per la rivista insieme ad Antonio de Lillo. Egli, l’ho già detto, partecipava con grande regolarità alle riunioni del Comitato editoriale, anche quando i suoi ruoli istituzionali avrebbero potuto tenerlo lontano. Ricordo bene il suo contributo alla vivace discussione che animò quella in cui, ormai due anni fa, il Direttore della rivista ci stimolò a formulare proposte per uno o più saggi, ricerche o nuclei tematici da sviluppare a periodo medio-lungo a partire dal seguente interrogativo: «La Grande Crisi: dov’erano i sociologi? (per non parlare degli economisti)». Ragionammo a lungo sulle rappresentazioni correnti (allora come oggi) della crisi. Antonio insistette sulla necessità di indagare sulla disponibilità diffusa ad accettare queste rappresentazioni, suggerendo che per comprendere il successo di certi modi di rappresentare il mondo occorresse riflettere su una trasformazione di modelli culturali caratterizzata da un rivolgimento contro il primato della cultura borghese, una cultura – disse – del «riscatto dell’altro».

7Da quella discussione prese avvio il progetto che ha poi dato origine al convegno e al volume intesi a celebrare il sessantesimo anniversario della rivista. Antonio si rammaricò di non poter prendere parte nello scorso mese di marzo, a causa dell’intervento subito poche settimane prima, al convegno del quale aveva seguito con attenzione la preparazione.

8Tutti ricordiamo la puntualità dei suoi interventi alle riunioni del Comitato editoriale, la sua disponibilità ad assumersi incarichi di valutazione, il suo contributo costante alla programmazione dei «Quaderni». Ciò che di lui forse mancherà più ancora, tuttavia, ha a che vedere con il modo in cui faceva tutto questo: con la finezza, il garbo e il riguardo della sua presenza e la levità della sua ironia. Finezza, garbo e riguardo che egli usava con tutti. Chi scrive ha avuto l’onore di lavorare con Antonio come studentessa prima e come collega poi. Né i ruoli né gli anni cambiarono mai i suoi atteggiamenti, nelle circostanze più diverse.

9Nessuno di noi ha potuto fare a meno di ricordare questi tratti di Antonio quando è stato raggiunto dalla notizia della sua scomparsa. Sono certa di interpretare il pensiero dei colleghi della rivista dicendo semplicemente che si stava bene con Antonio. Per tutti noi, questo aggiunge alla gravità della perdita scientifica e istituzionale la tristezza di aver perso un amico.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Paola Borgna, « Vent’anni con i «Quaderni di Sociologia» »Quaderni di Sociologia, 60 | 2012, 11-12.

Référence électronique

Paola Borgna, « Vent’anni con i «Quaderni di Sociologia» »Quaderni di Sociologia [En ligne], 60 | 2012, mis en ligne le 30 novembre 2015, consulté le 26 novembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/qds/533; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.533

Haut de page

Auteur

Paola Borgna

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Haut de page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search