Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri60la società contemporanea / La par...Democrazia di insoddisfatti?

la società contemporanea / La partecipazione politica in Italia (1992-2012)

Democrazia di insoddisfatti?

L’Italia in prospettiva comparata
Dissatisfied democrats? Italy in comparative perspective
Chiara Facello
p. 41-58

Abstract

A challenge democracy is affecting concerns the ability to respond to citizens’ needs through decisions and public policies closer to their preferences. The most obvious effect is increasing attitudes of criticism, disappointment and disaffection with democracy, that have characterized and still persist in the Italian political culture. After discussing the concept of dissatisfaction the article will be focused a relevant case in point, the Italian parliamentary democracy, by employing a comparative analysis of attitudes towards democracy, in particular trust in political institutions and satisfaction with the functioning of democracy. Successively, the paper will attempt to understand the different meaning of dissatisfaction emerging during the so called first republic in comparison with the following period, second republic, with a short reconstruction of the trend in dissatisfaction from ‘70s to the last couple of decades. Finally we examine the behavioral consequences of dissatisfaction in order to put forward a number of new propositions to be discussed further.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

1Negli ultimi anni in diverse democrazie, tanto quelle di recente costituzione come quelle più vecchie e stabilizzate, si sono moltiplicati i segnali di scontento e insoddisfazione verso i leader, le istituzioni politiche e rappresentative (Kinglemann, 1999; Pharr e Putnam, 2000; Norris, 1999, 2011; Torcal e Montero, 2006; Dalton, 1999). Ora che gran parte dei regimi democratici si sono insediati e consolidati emergono nuove sfide. Negli anni Settanta e Ottanta lo studio della democrazia si concentrava sulla «transitologia», ovvero sulle condizioni che determinano un cambiamento di regime (O’ Donnell, Schmitter e Whitehead, 1986; Linz e Stepan, 1996); successivamente alla «terza ondata di democratizzazione» (Huntington, 1991), l’attenzione degli studiosi si è spostata sul tema del consolidamento democratico, ovvero la stabilità e la capacità di persistenza dei nuovi regimi (Gunther, Diamandouros e Puhle, 1995; Morlino, 1998). La democrazia è ormai ritenuta dalle opinioni pubbliche il sistema politico più adatto per le loro società (Lipset, 1960); tutto ciò non significa che non sperimenti crisi. Alcuni hanno parlato di un apparente «paradosso» tra due fenomeni presenti in aree geografiche diverse: da una parte, la diffusione dei regimi democratici al di fuori dell’area occidentale, dall’altra le difficoltà interne (Torcal e Montero, 2006; Dalton, 2004; Norris, 2011) delle democrazie avanzate tali da far parlare di «crisi democratica» per taluni interpretata come potenziale minaccia (Crozier, Huntington e Watanuki, 1975) e per altri invece considerata un’opportunità per rafforzare il sistema democratico (Crouch, 2004; Rosanvallon, 2009). I sintomi più significativi di questa crisi, che investe il circuito istituzionale-rappresentativo, sono: l’incremento dell’astensionismo elettorale (Dalton, 2007; Franklin, 2004; Lane e Ersson, 2007); il venir meno della militanza nei partiti e negli altri corpi intermedi (van Biezen, Mair e Poguntke, 2012); l’emergere di movimenti antipolitici, anti-istituzionali e forme di protesta.

2Proprio a partire dall’emergere di questo tipo di atteggiamenti e le implicazioni sul sistema politico il tema della valutazione della democrazia è entrato nell’agenda di ricerca della scienza politica mostrando l’importanza del dibattito attorno alla qualità della democrazia (Morlino, 2011). Come ha affermato Przeworski (2010, 13), «dopo la liberalizzazione, la transizione e il consolidamento c’è ancora qualcosa da migliorare: la democrazia». Per comprendere la rilevanza del tema di ricerca basta far riferimento ai diversi approcci ed indicatori esistenti in letteratura per misurare i cambiamenti nella qualità di una democrazia. A questo scopo sussistono due strategie di ricerca, non mutualmente esclusive, che si basano rispettivamente su misure standard di democraticità e su valutazioni soggettive dei cittadini sulla performance delle democrazie rilevate attraverso sondaggi di opinione. Il primo approccio si è sviluppato con successo grazie alla creazione di banche dati che forniscono indici di aspetti specifici legati alla performance democratica. Le principali agenzie che adottano tale sistema di valutazione sono Polity IV, The Transformation Index of Bertelsmann Stiftung, Freedom House’s (FH) Freedom in the World and Nations in Transit, The Economist Intelligence Unit’s Democracy Index. Allo stesso tempo sono cresciute la dimensione e la disponibilità di dati riguardo a sondaggi che monitorano le opinioni del pubblico sulla democrazia e ciò ha permesso di utilizzare un altro approccio basato sulla valutazione soggettiva della democrazia, da parte dei cittadini, sulle loro percezioni (Norris, 2011): i cittadini chiedono alle proprie istituzioni di poter fruire di certi beni pubblici e, quando esse non svolgono questa funzione o non lo fanno in modo appropriato, emerge un divario, un gap tra le domande dei cittadini e gli output istituzionali della democrazia, evidenti alle domande sulla valutazione del proprio sistema politico.

3Porsi la domanda di quanto presenti e profondi siano opinioni del genere nel sistema politico è centrale in un’analisi della democrazia, la quale implica un certo tipo di relazioni tra cittadini e sistema politico e dalla qualità di questi legami deriva la sua stessa legittimazione. È senza dubbio sensato aspettarsi che la credenza nella «bontà» delle istituzioni democratiche, ritenute le migliori per governare il paese, si basi su un giudizio di efficacia ed efficienza, ovvero sulla capacità di chi governa di risolvere i problemi della collettività e soddisfare le domande espresse dai cittadini. Nei regimi rappresentativi coloro che sono stati selezionati per governare devono poterlo fare godendo di un consenso tra i cittadini. Le democrazie sono più o meno buone non solo in virtù delle procedure e delle regole che si sono date ma anche per la qualità percepita dai loro cittadini. «Lo Stato democratico non ha bisogno solo di una legittimità legale, attraverso il rispetto delle procedure ma anche di una fiducia» (Della Porta, 2010, 193). L’opinione pubblica, con l’insieme di modelli valutativi e cognitivi che possiede, assume in modo più o meno diretto e immediato (Welzel e Inglehart, 2008) rilevanza politica per una «democrazia di qualità».

4I dati qui utilizzati riprendono sondaggi svolti dall’Eurobarometro, condotti nell’ultimo decennio, che mirano a comprendere la valutazione della democrazia italiana attraverso le opinioni dei cittadini su alcuni aspetti del proprio sistema politico, in particolare la fiducia nelle istituzioni (parlamento e governo) e la soddisfazione verso la democrazia, con uno sguardo comparato alle altre democrazie parlamentari europee. Successivamente il caso italiano sarà oggetto di un’analisi diacronica per capire come negli anni sia cambiata la valutazione della democrazia da parte dei cittadini ed evidenziare la diversa natura dell’insoddisfazione nel passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica. L’ultima parte sarà dedicata, infine, ad una discussione teorica e analitica del tema dell’insoddisfazione evidenziandone le implicazioni normative e i nessi empirici.

2. Il concetto di insoddisfazione

5Sovente le democrazie devono far fronte a deficit di prestazioni, il cui esito principale è visibile nella formazione e costruzione dell’insoddisfazione. Sono quindi chiamate in causa le modalità operative, il funzionamento delle strutture democratiche oppure ci troviamo di fronte ad una crisi che investe le istituzioni di rappresentanza e di governo, le autorità nelle cariche elettive come anche le strutture partitiche, non più ritenute capaci e adatte a soddisfare le esigenze dei cittadini, in particolare ad essere efficaci sul piano decisionale? Chiarire a quali aspetti della democrazia l’insoddisfazione faccia riferimento risponde all’esigenza operativa di individuare i suoi referenti empirici o bersagli. L’approccio qui scelto prevede di trattare il concetto centrale dell’analisi soffermandosi sugli oggetti dell’insoddisfazione: verso chi o verso cosa si è insoddisfatti. Così intesa essa diviene un tratto del sistema politico che consente di notare le differenze di rendimento e di gradimento tra le democrazie.

  • 1 Come ha osservato Morlino (2011), il regime democratico è quello che permette la maggiore indetermi (...)

6Il primo problema da affrontare è quindi quello della definizione. Di Palma (1970) definisce l’insoddisfazione come un sentimento valutativo e affettivo relativo al processo politico, ai politici e alle istituzioni democratiche che però non mette in discussione il regime politico. Da questa definizione è chiaro come l’analisi dà per scontata la metabolizzazione dell’accordo procedurale (Inglehart, 2003), delle regole del gioco di una moderna democrazia, indipendentemente dai molteplici contenuti che essa assume1. Pertanto non è in crisi la legittimità delle istituzioni, la struttura portante di una democrazia ovvero i meccanismi che li governa, quali il processo di selezione dell’elite alla quale è affidata la funzione di decision-making, che sono riconosciuti e considerati come i più appropriati.

  • 2 Eulau (cit. in Pasquino, 2007) ha individuato quattro componenti della ricettività dei rappresentan (...)

7Allo stesso modo, però, la definizione qui assunta intende l’insoddisfazione come l’insieme di orientamenti valutativi verso la democrazia che, non mettendo in discussione i principi della stessa, misurano la capacità di ricezione delle domande (responsività in entrata) e la capacità di risposta sotto forma di politiche pubbliche (responsività in uscita). La responsività in entrata richiama un’insoddisfazione per l’incapacità della democrazia a essere ricettiva rispetto ai bisogni dei cittadini e a trovare gli strumenti di interazione e di confronto (versante dell’input); la responsività in uscita è direttamente connessa con l’insoddisfazione verso la performance, intesa come scarsa capacità di offrire servizi adeguati ai bisogni dei cittadini e di realizzare politiche in grado di risolvere i problemi delle collettività (versante dell’output). Entrambe le dimensioni richiamano il dilemma (molte) aspettative/(poche) risposte e richiamano l’esigenza di ricettività per affrontare i grandi temi politici e offrire soluzioni, ma vi è anche una ricettività che si realizza nel rapporto di fiducia tra i cittadini e i suoi rappresentanti, quella che Eulau chiamerebbe «simbolica»2. È inevitabile che per quanto l’insoddisfazione abbia una sua base materiale in termini di risposte e soluzioni particolaristiche la crisi di rendimento della democrazia si gioca molto anche in termini «personalistici» e nella qualità del rapporto tra rappresentanti e suoi elettori.

8Il processo attraverso il quale si accumula fiducia e con essa consenso verso le istituzioni e le politiche messe in atto si basa su una valutazione razionale e retrospettiva dell’esperienza con lo Stato. Esso rappresenta una parte dell’insoddisfazione soggetta a possibili fluttuazioni in seguito alle decisioni, ai programmi di azione presi dalle istituzioni di governo, ai differenti livelli e nei diversi ambiti settoriali, un giudizio sull’operato del governo nell’affrontare i problemi considerati come centrali. Linde e Ekman (2003, 401) affermano infatti che «la soddisfazione verso il funzionamento della democrazia non è di per sé una misura della legittimità di un sistema politico. Piuttosto, è un indicatore del consenso attorno alle performance di un dato regime democratico».

9Tuttavia esiste tutta una parte di insoddisfazione cristallizzata, metabolizzata, soggetta a inerzia che rappresenta l’esito di una socializzazione culturale al problema dell’inefficienza e del mal governo, che può fare da filtro anche davanti a situazioni di best practice. Spesso nei sondaggi alla domanda sulla soddisfazione verso le istituzioni emergerà l’insoddisfazione non frutto dell’esperienza e della conoscenza delle politiche messe in atto e di una valutazione accurata di esse ma direttamente connessa all’immagine stereotipata (negativa) del governo e dello Stato. I cittadini non potendo contare su un’informazione completa rispetto alle decisioni prese o in generale al rendimento della democrazia valuteranno la performance della democrazia sulla base delle aspettative e le preferenze, e l’insoddisfazione si presenterà come lo scarto e il divario tra queste e le scelte prese e attuate dal governo.

10A questo punto si capisce come parlare di insoddisfazione, come un atteggiamento di scontentezza verso il governo che si fonda sull’idea che le politiche non rispondono alle aspettative e alle preferenze dei cittadini, richiama l’antinomia presente nel concetto di democrazia tra democrazia ideale e reale: ciò che la democrazia dovrebbe fare e non fa verso ciò che la democrazia fa. Per questo, come osserva Torcal (2011), al concetto di insoddisfazione sono legati alcuni assunti di natura normativa, in particolare:

  • I cittadini sono capaci di distinguere e identificare le politiche e le sue conseguenze, valutarle e compararle con le preferenze.

  • I cittadini attribuiscono la responsabilità di queste scelte alle autorità elette e responsabili per individuare i problemi e trovare una soluzione.

  • I cittadini sanno che sono possibili differenti corsi di azione per affrontare uno stesso problema che meglio si adattano alle loro esigenze, mostrandosi così disponibili a sostenere chi secondo loro è in grado di costruire politiche più vicine alle loro aspettative.

11Fin qui dovrebbe essere chiaro che esistono due diversi tipi di insoddisfazione: il primo, che riguarda le autorità politiche e che verrà misurato attraverso il grado di fiducia verso il parlamento e il governo; il secondo, relativo all’operato del governo, la «politica in azione», misurato attraverso il grado di soddisfazione verso la democrazia. Per questa sua stessa natura si presenta come un atteggiamento di tipo pragmatico e di breve periodo, in quanto prodotto di un giudizio strumentale verso l’output di governo. È associato, allora, alle valutazioni di ciò che fanno e a come lo fanno le autorità, in breve è legato alla soddisfazione che i cittadini ricevono dalle risposte politiche. In questo caso si tratta sempre di giudizi circoscritti temporalmente, di breve periodo e legati alla valutazione del governo in carica. Tenendo presente questa suddivisione analitica tra il chi e il cosa dell’insoddisfazione cercheremo di ricostruire attraverso i dati il trend dell’insoddisfazione in particolare nel caso italiano ma con uno sguardo comparato alle altre democrazie parlamentari europee.

3. Insoddisfatti di cosa? La soddisfazione verso la democrazia

12La qualità di una democrazia va certamente valutata con riferimento ad una pluralità di dimensioni, tra queste quella che raccoglie indicatori che attengono al rapporto tra cittadini e democrazia, ovvero alla «effettività della governance» (Plattner, 2005). Non può essere trascurata, infatti, l’importanza che nei nostri regimi democratici ha la capacità di soluzione dei problemi collettivi e la conversione degli input in output. E se lo sviluppo quantitativo della democrazia rivela apparentemente la sua forza come «formula politica vincente», al tempo stesso, diversi dati ci suggeriscono che nelle democrazie esistenti aleggiano nuove sfide in termini di legittimità, di rendimento e di capacità di adattamento delle istituzioni.

13Indicatori quantitativi sono particolarmente efficaci per fornire una mappatura della soddisfazione democratica e inquadrare il caso italiano entro il panorama europeo. I dati presentati nella figura 1 sintetizzano i cambiamenti verificatesi tra il 2000 e il 2011 nella soddisfazione verso la performance democratica: emergono differenti trend nei diversi paesi. Si registra un forte declino nell’Europa del Sud (Grecia, Spagna e Portogallo, rispettivamente -36, -30, -7) ma c’è una crescita nei livelli di soddisfazione in paesi quali Finlandia, Svezia, Danimarca, Austria e Lussemburgo. Certamente si tratta di dati che risentono di una volatilità annuale data dalle situazioni nazionali nei rispettivi paesi ed è prevedibile che si determinano percorsi diversi in ogni paese.

Fig. 1 Differenziali di soddisfazione verso la performance democratica nelle democrazie avanzate (2000-2011)

Fig. 1 Differenziali di soddisfazione verso la performance democratica nelle democrazie avanzate (2000-2011)

Fonte: Eurobarometro, vari anni

14Per quanto riguarda l’Italia nella figura 2 sono presentati i dati sulla soddisfazione della democrazia negli anni più recenti a confronto con la media dei paesi europei. Si può osservare come il divario tra l’Italia e il resto dell’Europa nel tempo si è ridotto fino quasi ad annullarsi come si evince dal fatto che le due spezzate si toccano e quasi si intersecano. Questo è l’effetto di due processi paralleli, uno che riguarda i paesi europei ed un altro che investe invece l’Italia. Nel primo processo rientra un calo di performance di cui risentono diverse democrazie europee e l’Italia si inserisce nel mainstream comune, caratterizzato dalla disaffezione dei cittadini verso la politica e le istituzioni, e una fiducia ridotta nei confronti dei governanti e dei partiti. Allo stesso tempo però gli italiani sembrano apprezzare i cambiamenti, dando credito al fatto che il passaggio da una democrazia proporzionale a una democrazia maggioritaria sia benefico per il rendimento del sistema politico, dopo la crisi istituzionale e politica degli anni Novanta. Possiamo affermare che nel tempo il livello di soddisfazione degli italiani per il funzionamento della democrazia stia lentamente crescendo, pur rimanendo (ancora) al di sotto della media europea (Morlino e Tarchi, 2006).

Fig. 2 Soddisfazione verso la democrazia in Italia (1992-2010)

Fig. 2 Soddisfazione verso la democrazia in Italia (1992-2010)

Fonte: Eurobarometro, vari anni

15Tuttavia per leggere le diverse configurazioni della soddisfazione per la democrazia in Italia dobbiamo considerare il contesto politico di riferimento e in particolare le reazioni e controreazioni alla crisi istituzionale e politica degli anni Novanta. Fino a quella fase l’insoddisfazione non riusciva a trovare un’espressione se non in momenti particolari di alta mobilitazione quali il ’68, l’autunno caldo, il terrorismo. «Solo all’inizio degli anni Novanta per il convergere di una serie di circostanze l’insoddisfazione ha potuto manifestarsi in protesta aperta» (Morlino e Tarchi, 2006, 213). Tra questi fattori ricordiamo il disancoraggio partitico da Morlino identificato in termini di declino organizzativo e di destrutturazione delle relazioni con la società (clientelismo, rapporti con i gruppi di interesse). È stato, da un lato, il venir meno dei vincoli, quali la polarizzazione ideologica e la fedeltà partitica, alla manifestazione della protesta da parte dei cittadini insoddisfatti verso le forze politiche responsabili dello scarso rendimento del sistema politico; dall’altra alcuni acceleratori della protesta, in grado di stimolare forme espresse di insoddisfazione: sia lo scoppio dello scandalo di Tangentopoli, che ha rilevato gli intrecci tra politica e affari delegittimando gran parte della classe politica italiana, sia la nuova legge elettorale che ha permesso agli elettori, intesi come comunità politica nel suo insieme, di esprimere un voto che conta di più nella formazione di parlamenti e governi.

16Negli ultimi anni l’insoddisfazione è diventata, poi, più pragmatica e meno ideologica, nel senso che risponde agli eventi che si verificano nel sistema politico. Infatti, sono apparsi segnali che sembrano avvicinare l’Italia all’Europa: nel 2006 la soddisfazione democratica è cresciuta di 26 punti percentuali rispetto alla media nazionale (fig. 3). Nonostante ciò l’apertura dei cittadini verso il nuovo sistema politico non sembra essere stata sfruttata se tra i cittadini italiani l’insoddisfazione rimane un atteggiamento prevalente che, non riassorbendosi (Morlino, 2007), rappresenta un’ulteriore condizione all’acuirsi della crisi che si è presentata nel 2008 con gli stessi caratteri degli anni Novanta.

Tab. 1 Percezione della situazione economica in Italia (1992-2008)

1992

1996

2001

2004

2006

2008

Migliorata

6,7

11,3

20,8

21,1

23,8

3,9

Rimasta uguale

24,0

36,4

43,1

42,3

42,0

11,9

Peggiorata

69,3

52,3

34,9

35,8

33,6

82,7

Fonte: Itanes, vari anni. Risposta alla domanda: la situazione economica in Italia in questi anni è migliorata, peggiorata, rimasta uguale?

17Le difficoltà che la democrazia sta affrontando sono accentuate dalla crisi economica, che ha perturbato l’economia mondiale tra il 2007 e il 2010 con effetti negativi sulla vita dei cittadini in termini di crescita della disoccupazione e di un generale peggioramento delle loro condizioni di vita. Nei paesi più ricchi, che riusciranno ad essere più efficaci sul piano della effettività delle politiche, i cittadini saranno soddisfatti della propria situazione socio-economica e mostreranno livelli anche più alti di soddisfazione politica (Finke, Muller e Seligson, 1987). Tuttavia anche dai dati relativi alla percezione dell’economia ci possiamo rendere conto quanto la natura del’insoddisfazione italiana sia di natura pragmatica: coloro che ne risentono e che hanno risposto che la loro personale situazione economica è peggiorata nel 2008 stanno uguagliando il dato del 1992 a conferma che le due crisi (anni ’90 e 2008) stanno subendo dei meccanismi di auto-rafforzamento.

4. Insoddisfatti di chi? La fiducia nelle istituzioni

18Un’erosione del consenso riguarda diversi paesi dove si registra una frustrazione verso il sistema politico nel suo complesso. In Europa non si può parlare di crisi democratica ma solo di oscillazioni che risentono maggiormente dell’alternarsi dei governi che non della stessa credibilità della democrazia sia in termini ideali che in termini di regime politico (Norris, 1999 e 2011; Pharr e Putnam, 2000).

Fig. 3 Differenziali di fiducia nel governo nelle democrazie avanzate (1997-2009)

Fig. 3 Differenziali di fiducia nel governo nelle democrazie avanzate (1997-2009)

Fonte: Eurobarometro, vari anni

19Se prendiamo in considerazione quali paesi europei in questo decennio hanno più risentito di un calo di consenso (fig. 3) il bilancio non è così negativo. Godono di un buon gradimento i governi dell’Europa del Nord, Germania e Austria, Belgio e Lussemburgo. Nel caso dell’Italia vi è uno stesso valore tra il 1997 e il 2009, dando un differenziale nullo, anche se è da sottolineare che tra il 2008 e il 2009 vi è stato un aumento di fiducia pari a 13 punti percentuali (nel 2008 15%). Inoltre i paesi che risentono maggiormente della sfiducia dei cittadini, quali Gran Bretagna (-26), Irlanda (-21), Grecia (-24), sono tutti molto vicini nel calo di fiducia, distaccandosi invece da Olanda, Spagna e Portogallo a livelli più bassi.

20I dati empirici presi dall’Eurobarometro relativi alla fiducia verso il parlamento nelle principali democrazie avanzate indicano un trend in declino (fig. 4). Infatti, i differenziali di fiducia riscontrati nel decennio preso in considerazione ci permettono di parlare di una tendenza negativa, 9 dei 16 paesi presi in considerazione mostrano un calo di fiducia tra il 1997 e il 2009. Questo declino è tanto più forte in Gran Bretagna (-30) ma anche nell’Europa del Sud (Grecia, Spagna e Portogallo), più attenuato in Francia e in Italia. Questi cambiamenti evidenziati nell’arco del decennio sono tanto più significativi se guardiamo ai punti di partenza: nel 1997, di questi 9 paesi quasi tutti (tranne l’Olanda) presentano livelli di fiducia sotto il 50% e alcuni di essi raggiungono addirittura percentuali al 30%, è il caso dell’Italia. Una tendenza opposta si nota nei paesi dell’Europa del Nord (Svezia, Finlandia, Danimarca), come anche in Germania e Austria.

Fig. 4 Differenziali di fiducia nel parlamento nelle democrazie avanzate (1997-2009)

Fig. 4 Differenziali di fiducia nel parlamento nelle democrazie avanzate (1997-2009)

Fonte: Eurobarometro, vari anni

21Guardando assieme le due figure è da notare che sono sempre gli stessi paesi afflitti da un sistematico e continuo discredito delle proprie istituzioni presso l’opinione pubblica, come se negli altri sistemi politici la riserva di sostegno diffuso, per l’importanza che rivestono le istituzioni e i meccanismi istituzionali che li contraddistinguono, rende più impermeabile governo e parlamento dai rendimenti di breve periodo e dalle congiunture contestuali.

Fig. 5 Fiducia nel parlamento e nel governo in Italia (1997-2009)

Fig. 5 Fiducia nel parlamento e nel governo in Italia (1997-2009)

Fonte: Eurobarometro, vari anni

22Leggendo i dati italiani (fig. 5) possiamo immediatamente evidenziare come la fiducia verso parlamento e governo ha andamenti simili e rappresenta la cartina di tornasole delle performance istituzionali. Se dal 1997 vi è stata una crescita di fiducia, a partire dal 2001, l’anno delle elezioni che hanno consegnato un governo stabile con una leadership forte guidata da Berlusconi, l’andamento s’inverte. Con oscillazioni sistematiche, verificatesi con il succedersi dei governi (nel 2001 II governo Berlusconi, nel 2005 III governo Berlusconi, nel 2006 II governo Prodi e nel 2008 IV governo Berlusconi), la fiducia dei cittadini nelle istituzioni è andata man mano riducendosi. Si evidenzia un andamento altalenante che investe tanto il governo quanto il parlamento fino a raggiungere un calo notevole nel 2008 quando avviene la crisi del governo Prodi, con dimissioni del primo ministro e successivo scioglimento delle camere, la prima volta dopo due legislature complete. Si indicono nuove elezioni con la vittoria del centro-destra e il quarto governo Berlusconi ma intanto cominciano a manifestarsi anche la crisi economica e finanziaria internazionale. Possiamo concludere, quindi, che in questi anni a fronte di un’apertura registrata nel dopo Tangentopoli gli italiani hanno guardato con maggior diffidenza alle proprie istituzioni politiche.

5. Come eravamo? L’Italia tra Prima e Seconda Repubblica

23Abbiamo visto che le istituzioni democratiche – e la democrazia stessa, nei paesi dove da tempo era consolidata – sono state investite negli ultimi decenni da una crescente sfiducia e da un calo di consenso tra i cittadini. In Italia queste tendenze erano già presenti da lungo tempo tanto da poter definire quello delle precondizioni culturali alla democrazia un problema strutturale per l’Italia, e che oggi ritorna in forme più acute. Abbiamo già menzionato come l’attuale insoddisfazione verso la democrazia ha perso il suo carattere ideologico per assumere un significato più pragmatico legato alle performance. Con la crisi del modello che aveva caratterizzato l’Italia dal dopoguerra agli anni Novanta, fondato sulla coesistenza di una società politica forte (la «Repubblica dei partiti»), una società civile debole e uno Stato debole (Panebianco, 1997), l’insoddisfazione assume prevalentemente una valenza strumentale, collegata a come le autorità rispondono ai problemi della società, offrendo servizi efficienti e trovando soluzioni ai problemi suscitati dalle trasformazioni economiche e sociali. In questo modo il problema del rendimento della democrazia italiana si allinea con un fenomeno comune alle altre democrazie europee, anche se l’Italia sconta una situazione di crisi profonda dei partiti e una generale delegittimazione della classe politica estesa alle istituzioni della democrazia rappresentativa.

24La letteratura e i dati a disposizione sono abbastanza unanimi (Guidorossi, 1984; Bardi e Pasquino, 1995; Sani e Segatti, 2001; Morlino e Tarchi, 2006) nell’affermare la perdurante insoddisfazione degli italiani per la democrazia. Per comprendere a pieno la dinamica dell’insoddisfazione in Italia si veda la fig. 6 sulla soddisfazione della democrazia, riguardante gli anni 1973-1991, e che rappresenta la democrazia italiana nella fase della Prima Repubblica. Il rilievo più evidente riguarda come le due linee, che seguono l’andamento della soddisfazione dell’Italia e degli altri paesi europei, viaggino con direzione simile in termini di fluttuazioni ma a livelli percentuali notevolmente più bassi tratteggiando un divario di quasi 50 punti percentuali tra l’Italia e gli altri paesi europei.

25Il caso italiano risulta paradigmatico come esempio di prevalenza della sfiducia in termini di continuità, intensità e profondità (Inglehart, 1990; Morlino e Montero, 1995; Segatti, 2006). Al di là delle oscillazioni registrate nel corso degli anni, resta comunque come tratto specifico della cultura politica italiana la presenza della frattura profonda tra cittadini e sistema politico. Su questo molti studiosi sono concordi a partire dalla ricerca di Almond e Verba (1963) quando notavano il livello più basso della cultura politica italiana rispetto ad altre democrazie occidentali. Gli autori hanno riscontrato che i cittadini italiani sono caratterizzati da un elevato livello di alienazione politica, cioè dal convincimento di non poter influire nelle scelte politiche. L’immagine dell’italiano era associata a termini quali disaffezione e disinteresse; prevalenti sono stati i ritratti dei cittadini caratterizzati da isolamento sociale, sfiducia negli altri e nelle istituzioni, basso livello di appartenenza alla nazione. A fronte di questo quadro non ottimistico della cultura politica degli italiani, che non sembrava sostenere un sistema democratico stabile ed efficace, vi era un fermento partecipativo dato da un’elevata partecipazione elettorale, un gran numero di iscrizioni ai partiti e mobilitazioni politiche e sociali frequenti che raccoglievano ampie adesioni. Le carenze della cultura politica erano state supplite da un processo di integrazione politica basata sui partiti, sulle loro culture politiche partigiane e reti associative: «la tradizione socialista e quella cattolica avevano creato le premesse per una socializzazione politica di massa» (Galli, 1968, 61).

Fig. 6 Soddisfazione verso la democrazia in Italia (1973-1991)

Fig. 6 Soddisfazione verso la democrazia in Italia (1973-1991)

Fonte: Eurobarometro, vari anni

  • 3 In particolare, si possono ricordare: il ruolo della Chiesa in Italia che tiene fuori dalla legitti (...)

26La relazione tra cittadini e istituzioni costituisce, da un lato, l’effetto di processi storico-culturali di lunga durata, nel caso italiano hanno contato una «modernizzazione incompiuta» e il processo di costruzione dello Stato-nazione3, dall’altro lato, rappresenta condizioni suscettibili all’agire delle istituzioni con efficienza ed efficacia. Si pensi a tutta la fase di Tangentopoli e a ciò che ha comportato in termini di discredito della classe politica tra i cittadini.

6. Conclusioni

  • 4 Da un esempio di partito di protesta come quello dei pirati si nota che il movimento si sta diffond (...)

27Le democrazie avanzate sono sempre più colpite dal problema di rispondere alle esigenze dei cittadini attraverso decisioni e politiche pubbliche che riflettono le loro preferenze: la sfida che devono affrontare riguarda proprio la loro capacità di coniugare rendimento e sostegno da parte dei cittadini. Una delle conseguenze più evidenti è la crescita di atteggiamenti di critica, delusione e disaffezione verso la democrazia. Ma le forme attraverso le quali i cittadini esprimono il loro dissenso variano: possono sfociare in una partecipazione o in una non partecipazione. D’altra parte come ha sottolineato la Norris (2011, 86) «questo vento di critica e protesta che caratterizza le democrazie avanzate può essere compreso come una frustrazione dei cittadini verso il governo e la sua performance» dando spazio quindi a forme di astensionismo e a proposte politiche di protesta che seducono gli elettori sfruttando un contesto di critica verso i partiti e il governo, più accentuato nel caso italiano data la presenza di una profonda insoddisfazione della società e di una crisi dei partiti4.

28In tal senso si possono evidenziare alcuni fenomeni che indicano come la sfiducia nelle istituzioni si sia tradotta in specifiche forme comportamentali di insoddisfazione:

  • la diminuzione della partecipazione politica tradizionale, sia l’affluenza alle urne che l’iscrizione ai partiti;

  • la crescita di forme di partecipazione di protesta sia a livello elettorale (attraverso il voto a partiti di protesta e il voto inespresso) che nella piazza (attraverso l’utilizzo di forme non convenzionali di partecipazione);

  • l’instabilità del comportamento di voto presente nella disponibilità degli elettori a cambiare il proprio voto da un’elezione ad un’altra (volatilità elettorale).

29Senza approfondire ognuno di questi aspetti che meriterebbero una trattazione a sé vi è un nesso tra essi che richiama la crisi di mediazione dei partiti. Al progressivo avvicinamento dei partiti alle istituzioni ha corrisposto un loro allontanamento dalla società civile: essi mantengono la loro funzione di selezione del personale politico ma appaiono deficitari nella loro funzione identificante e socializzante non occupandosi dell’organizzazione della partecipazione e della rappresentanza delle domande sociali (Pizzorno, 1996).

30D’altra parte, tutte le democrazie per poter funzionare devono mantenere il giusto bilanciamento tra democrazia ed efficienza, usando le parole di Scharpf (1999), tra le decisioni prese ed implementate e gli impliciti o espliciti bisogni dei cittadini. Ciò implica una responsività sia ex ante, una capacità da parte del governo a individuare le questioni considerate dai cittadini come salienti, a fronte di una difficoltà sempre maggiore da parte delle agenzie preposte a conoscere cosa i cittadini vogliono, sia ex post (potremmo parlare al riguardo di responsabilità), che si deve confrontare con un ridotto spazio di manovra dei governi nazionali dovuto a condizionamenti in parte interni, ereditati dai precedenti governi, e in parte esterni per la presenza di centri decisionali sovranazionali. Questo significa che non solo le domande dei cittadini non sono comprese, perché i partiti e i gruppi di interesse non fungono più da raccoglitori della domanda, ma che anche i governi non sono nella posizione per poter rispondere in modo efficace.

31Le democrazie sono oggi dei regimi a scelte limitate. Ciò è tanto più vero in un periodo di crisi economica. In molti paesi quali Spagna, Francia, Portogallo, Grecia gli esiti della crisi hanno prodotto ondate di protesta verso le politiche di austerità intraprese per rispondere alla crescita vertiginosa del debito pubblico. D’altra parte, i tagli nella spesa sociale hanno avuto un effetto devastante sulla popolarità dei governi in carica che hanno subito pesanti sconfitte elettorali. La risposta dell’Italia a questa crisi ha risentito ed è stata condizionata, in gran parte, dalla transizione senza stabilizzazione che ha caratterizzato l’ultimo ventennio.

32Situazioni come queste rappresentano le difficoltà delle democrazie in quanto «governo per il popolo». Del resto, riprendendo le parole di Rosanvallon (2012, 58): «I regimi democratici riescono con molta difficoltà a inserire considerazioni di lungo periodo nel loro funzionamento» a causa dei ritmi elettorali a cui devono sottostare e la preferenza per il presente è più elettoralmente remunerativa, al contrario «il lungo periodo è non partigiano e non particolare».

33Le chiavi di lettura che abbiamo proposto per leggere il fenomeno dell’insoddisfazione ci permettono di fare alcune puntualizzazioni sui circoli causali che determinano la formazione di atteggiamenti del genere. Innanzitutto dobbiamo distinguere tra fattori di breve periodo che determinano fluttuazioni nel clima di opinione e macro-processi che cristallizzano certi trend, come nel caso italiano. Ma anche tra fattori di tipo strutturale, quando il circuito istituzionale offre ai cittadini poche opportunità di incidere nelle decisioni, e di tipo comportamentale, lo stile e le modalità di esercitare il potere da parte delle élite. Tuttavia, è anche importante sottolineare come l’insoddisfazione sia uno spettro che aleggia sempre proprio ad indicare che in una democrazia reale è impossibile che tutti i cittadini siano soddisfatti del funzionamento delle sue istituzioni, perché esisteranno aspettative non realizzate e risorse scarse da allocare nei diversi ambiti per rispondere alle esigenze di tutti. Ma se è così, la prospettiva tracciata da Larry Diamond (2008), per cui la democrazia deve dimostrare di risolvere i problemi della governance e di soddisfare le aspettative dei cittadini per una società più uguale, libera e giusta, finisce per costituire un dilemma cruciale. Ma anche una sfida per la soddisfazione dei cittadini.

Torna su

Bibliografia

Almond G.A. e Verba S. (1963), The civic culture: political attitudes and democracy in five nation, Princeton, Princeton University Press.

Bardi L. e Pasquino G. (1995), Politicizzati ed alienati, in Parisi A. e Schadee H. (a cura di), Sulla soglia del cambiamento, Bologna, il Mulino.

Crouch C. (2004), Post-democracy, Cambridge, Polity Press.

Crozier M.J., Huntington S.P., Watanuki J. (1975), The crisis of democracy: report on the governability of democracies to the Trilateral Commission, New York, New York University Press.

Dalton R.J. (1999), Political support in advanced industrial democracies, in Norris P. (a cura di), Critical citizens: global support for democratic governance, Oxford, Oxford University Press.

Id. (2004), Democratic challenges, democratic choices: the erosion of political support in advanced industrial democracies, Oxford, Oxford University Press.

Id. (2007), Citizen politics. Public opinion and political parties in 23 advanced industrial democracies, Washington DC, CQ Press.

Della Porta D. (2010), I movimenti sociali e la democrazia, in Pizzorno A. (a cura di), Lo stato democratico, Annuario Feltrinelli, Milano, Feltrinelli.

Diamandouros P.N. e Gunther R. (a cura di) (2001), Parties, politics and democracy in the new Southern Europe, Baltimore, The Johns Hopkins University.

Diamond L. (2008), The spirit of democracy. The struggle to build free societies throughout the world, New York, Macmillan.

Di Palma G. (1970), Apathy and partecipation. Mass politics in western societies, New York, Free Press.

Finke S., Muller E., Seligson M. (1987), Economic crisis, incumbent performance and regime support, «British Journal of Political Science», 19, pp. 329-351.

Franklin M. (2004), Voter turnout and the dynamics of electoral competition in established democracies since 1945, Cambridge, Cambridge University Press.

Galli G. (a cura di) (1968), Il comportamento elettorale in Italia, Bologna, il Mulino.

Gunther R., Diamandouros P.N. e Puhle H.J. (a cura di) (1995), The politics of democratic consolidation: Southern Europe in comparative perspective, Baltimore, The Johns Hopkins University.

Guidorossi G. (1984), Gli italiani e la politica, Milano, Ed. Bocconi.

Huntington S.P. (1991), The Third Way. Democratization in the late twentieth century, Norman-London, University of Oklahoma Press.

Inglehart R. (1990), Culture shift in advanced industrial society, Princeton, Princeton University Press.

Id. (2003), How solid is mass support for democracy: and how do we measure it?, «Political Science and Politics», 36, 1, pp. 51-57.

Kinglemann H.D. (1999), Mapping political support in the 1990s, in Norris P. (a cura di), Critical citizens. Global support for democratic government, Oxford, Oxford University Press.

Lane J.E. e Erson S. (2007), Party system instability in Europe. Persistent differences in volatility between West and East, «Democratization», 14, 1, pp. 92-110.

Linde J. e Ekman J. (2003), Satisfaction with democracy: a note on a frequently used indicator in comparative politics, «European Journal of Political Research», 42, pp. 391-408.

Linz J. (1988), Legitimacy of democracy and socioeconomic system, in Dogan M., Comparing pluralist democracies, Boudler, Weaview Press.

Linz J. e Stepan A. (1996), Problems of democratic transition and consolidation, Baltimore, John Hopkins University Press (trad. it. 2000: Transizione e consolidamento democratico, Bologna, il Mulino).

Lipset S. (1960), Political man. The social bases of politics, New York, Doubleday & Company (trad. it. 1963: L’uomo e la politica, Milano, Edizioni di Comunità).

Morlino L. (1998), Democracy between consolidation and crisis. Parties, groups and citizens in Southern Europe, Oxford, Oxford University Press (trad. it. 2008: Democrazie tra consolidamento e crisi, Bologna, il Mulino).

Id. (2007), La transizione impossibile, in D’Alimonte R. e Chiaramonte A. (a cura di), Proporzionale ma non solo. Le elezioni politiche del 2006, Bologna, il Mulino.

Id. (2011), Changes for democracy. Actors, structures, processes, Oxford, Oxford University Press.

Morlino L. e Montero J.R. (1995), Legitimacy and democracy in Southern Europe, in Gunther R. et al. (a cura di), The politics of democratic consolidation: Southern Europe in comparative perspective, Baltimore, The Johns Hopkins University Press.

Morlino L. e Tarchi M. (2006), La società insoddisfatta e i suoi nemici. I partiti nella crisi italiana, in Morlino L. e Tarchi M. (a cura di), Partiti e caso italiano, Bologna , il Mulino, pp. 207-243.

Norris P. (a cura di) (1999), Critical citizens: global support for democratic governance, Oxford, Oxford University Press.

Id. (2011), Democratic deficit. Critical citizens revisited, Oxford, Oxford University Press.

O’Donnell G., Schmitter P. e Whitehead L. (1986), Transitions from authoritarian rule, Baltimore, Johns Hopkins University Press.

Panebianco A. (1997), Società civile e sistema politico, in Aa. Vv., La società civile in Italia, Milano, Mondadori.

Pasquino G. (2007), Nuovo corso di scienza politica, Bologna, il Mulino.

Pharr S. e Putnam R. (2000), Disaffected democracies. What’s troubling the trilateral countries?, Princeton, Princeton University Press.

Pizzorno A. (1996), Mutamenti nelle istituzioni rappresentative e sviluppo dei partiti politici, in Storia d’Europa, vol. V, L’età contemporanea, Torino, Einaudi.

Plattner M.F. (2005), Introduction, «Journal of Democracy», 16, pp. 5-8.

Przeworski A. (2010), Democracy and the limits of self-government, New York, Cambridge University Press.

Rosanvallon P. (2009), La politica nell’era della sfiducia, Roma, Città Aperta.

Id. (2012), Democrazia, il mal di breve termine, «Reset», gennaio-febbraio.

Sani G. e Segatti P. (2001), Antiparty politics and the restructuring of the italian party system, in Diamandouros P.N. e Gunther R. (a cura di), Parties, politics and democracy in the new Southern Europe, Baltimore, The Johns Hopkins University.

Scharpf F. (1999), Governing in Europe: effective and democratic, Oxford, Oxford University Press.

Segatti P. (2006), Italy, forty years of political disaffection: a longitudinal exploration, in Torcal M. e Montero J., Political disaffection in contemporary democracies: social capital, institutions, and politics, London, Routledge.

Torcal M. (2011), Political dissatisfaction, in Badie B., Berg-Schlosser D. e Morlino L. (a cura di), International Encyclopedia of Political Science, Sage Reference.

Torcal M. e Montero J. R. (2006), Political disaffection in contemporary democracies, London, Routledge.

Van Biezen I., Mair P. e Poguntke T. (2012), Going, going ... gone? The decline of party membership in contemporary Europe, «European Journal of Political Science», 51, 1, pp. 24-56.

Welzel C. e Inglehart R. (2008), The role of ordinary people in democratization, in Diamond L. e Plattner M.F. (a cura di) (2008), How people view democracy, Baltimore, Johns Hopkins University Press.

Torna su

Note

1 Come ha osservato Morlino (2011), il regime democratico è quello che permette la maggiore indeterminatezza in relazione ai contenuti concreti delle decisioni che possono essere prese dai corpi eletti o elettoralmente responsabili.

2 Eulau (cit. in Pasquino, 2007) ha individuato quattro componenti della ricettività dei rappresentanti eletti in termini di politiche, servizi, assegnazione di risorse e simboli. Questa ultima si traduce nei tentativi di creare un rapporto di fiducia, di sostegno tra l’elettorato e il rappresentante mostrandosi ai propri elettori disponibile a spiegare le ragioni dei suoi comportamenti e assumendo una condotta trasparente.

3 In particolare, si possono ricordare: il ruolo della Chiesa in Italia che tiene fuori dalla legittimità del regime vigente i cattolici italiani fino al primo decennio del XX secolo; il fatto, come segnalato dalla ricerca di Almond e Verba, che le istituzioni democratiche in Italia erano più sostenute dall’opposizione che dalla maggioranza, considerato che gli aderenti dell’allora Partito Comunista presentavano una cultura civica e una partecipazione più alta di quelli della Democrazia Cristiana.

4 Da un esempio di partito di protesta come quello dei pirati si nota che il movimento si sta diffondendo in tutta Europa con un discreto successo: in Austria ha ottenuto il 3,9% alle elezioni parlamentari, in Svezia il 7,1% alle elezioni europee del 2009 e alle elezioni nei lander tedeschi percentuali attorno all’8%. In Italia non ha avuto lo stesso successo dato che il suo potenziale spazio è stato occupato dal Movimento Cinque Stelle che riesce a catalizzare un consenso anche maggiore. Questo tipo di partiti trovano spazio anche in una situazione di crisi economica e finanziaria quando una rigorosa politica fiscale e i tagli alla spesa sociale rendono gli elettori toccati dalla crisi volubili e volatili verso alternative politiche. Si pensi al successo dei partiti antisistema in Europa tra gli anni Venti e Trenta imputabile alla crisi finanziaria ed economica.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 Differenziali di soddisfazione verso la performance democratica nelle democrazie avanzate (2000-2011)
Credits Fonte: Eurobarometro, vari anni
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/538/img-1.jpg
File image/jpeg, 40k
Titolo Fig. 2 Soddisfazione verso la democrazia in Italia (1992-2010)
Credits Fonte: Eurobarometro, vari anni
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/538/img-2.jpg
File image/jpeg, 44k
Titolo Fig. 3 Differenziali di fiducia nel governo nelle democrazie avanzate (1997-2009)
Credits Fonte: Eurobarometro, vari anni
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/538/img-3.jpg
File image/jpeg, 44k
Titolo Fig. 4 Differenziali di fiducia nel parlamento nelle democrazie avanzate (1997-2009)
Credits Fonte: Eurobarometro, vari anni
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/538/img-4.jpg
File image/jpeg, 40k
Titolo Fig. 5 Fiducia nel parlamento e nel governo in Italia (1997-2009)
Credits Fonte: Eurobarometro, vari anni
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/538/img-5.jpg
File image/jpeg, 40k
Titolo Fig. 6 Soddisfazione verso la democrazia in Italia (1973-1991)
Credits Fonte: Eurobarometro, vari anni
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/538/img-6.jpg
File image/jpeg, 41k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Chiara Facello, « Democrazia di insoddisfatti? »Quaderni di Sociologia, 60 | 2012, 41-58.

Notizia bibliografica digitale

Chiara Facello, « Democrazia di insoddisfatti? »Quaderni di Sociologia [Online], 60 | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/538; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.538

Torna su

Autore

Chiara Facello

Dipartimento di Scienza Politica – Università di Bologna

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search