Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri60la società contemporanea / La par...Che è «successo»?

la società contemporanea / La partecipazione politica in Italia (1992-2012)

Che è «successo»?

Una rassegna di criteri e metodi per la valutazione dei processi partecipativi e deliberativi
How was what? A review of criteria and methods for the evaluation of participatory and deliberative policy processes
Giulio Citroni
p. 83-109

Abstract

Deliberative and participatory democracy is embodied in a number of techniques and methodologies for participation and deliberation which are seldom evaluated as substantial parts of policy processes. The definition of criteria for their evaluation, the development of methods and techniques for the collection and analysis of data, and the interpretation of results are far from simple. The article reviews the literature on the evaluation of deliberative and participatory practices, highlights a number of open issues concerning the feasibility of evaluation and suggests an agenda for future research.

Torna su

Testo integrale

Piuttosto che raggiungere «soluzioni» che si possano giudicare secondo razionalità, il policy making raggiunge accordi, riconciliazioni, accomodamenti e aggiustamenti che sempre provvisoriamente si possono valutare secondo criteri come l’equità, l’accettabilità, la possibilità di revisione e la rispondenza a una varietà di interessi. E l’analisi si trasforma in larga parte da una tecnica valutativa in un metodo di esercizio dell’influenza, del controllo e del potere che chiamiamo analisi di parte.

(Lindblom, 1980, 122)

1. Premessa

1Inclusione e discorsività, o partecipazione e deliberazione, sono due principi a cui si ispirano da almeno un ventennio processi di policy, modelli di governance e pratiche organizzative sia nel settore pubblico che in quello privato. In questo articolo si analizza la letteratura che a livello internazionale e in una molteplicità di settori scientifici diversi ha affrontato il problema di valutare sistematicamente se le politiche pubbliche costruite attraverso partecipazione e deliberazione sono davvero percepite come più democratiche, e se davvero funzionano meglio. Il taglio della trattazione è prevalentemente metodologico, giacché come vedremo è ancora talmente poco il consenso sugli strumenti che è ancora prematuro parlare di risultati; del resto, avanzeremo l’ipotesi che sia gli strumenti che i risultati vadano ricercati (ancora?) al livello di caso di policy individuale, o tutt’al più con generalizzazioni molto limitate, senza aspirare (ancora?) a una sistematizzazione teorica generale.

2Con principio di inclusione si intende l’aspirazione a che «tutti gli interessi, le opinioni e le posizioni presenti nella società [siano] inclusi nel processo» (Marion Young, cit. in Bobbio, 2005, 71); con principio di deliberazione si intende l’aspirazione a che le situazioni problematiche siano risolte attraverso «un processo dialogico in cui i partecipanti confrontano le loro ragioni» (James Bohman, cit. in Bobbio, 2005, 78). Con la progressiva integrazione di questi due principi nella creazione di arene di policy, si sono venute consolidando pratiche e metodi organizzativi (Citroni, 2010) che – utilizzate nelle varie fasi di una policy – sembrano utili a conferire legittimità, efficacia, e qualità alle decisioni. Tra queste metodologie, le più strutturate e note sono i bilanci partecipativi, le giurie di cittadini, i sondaggi deliberativi, gli electronic town meeting, ma la sperimentazione sul campo è talmente vasta da rendere difficile una catalogazione definitiva (Citroni, 2010, 59 ss.).

3Sebbene queste tecniche siano ampiamente utilizzate in Italia, è ancora del tutto embrionale il tentativo di valutarne i risultati e l’impatto, e alcuni importanti tentativi in questo senso (Irpet, 2011; Arp 2011; Ervet 2011) appaiono ancora scollegati da uno sforzo sistematico di riflessione e di analisi su come una simile valutazione si possa realizzare efficacemente e soprattutto su come possa essere inserita nel processo stesso di policy per rendere conto di quali siano il vantaggio e il senso dell’inclusione e della deliberazione. L’articolo intende aprire una discussione in questa direzione grazie alla rassegna di proposte e modelli per la valutazione tratti dalla letteratura internazionale sul tema.

2. Teorie e pratiche tra partecipazione e deliberazione

4Democrazia partecipativa e democrazia deliberativa sono due concetti che da tempo si intrecciano e si integrano nella letteratura e nella pratica, e dei quali molti autori hanno cercato di definire natura e reciproci confini. Chi ne fa due distinti modelli di democrazia entrambi originati o alimentati dall’insoddisfazione per il modello pluralista, seppur con radici profonde in fenomeni e modelli precedenti (Held, 2006 ; Della Porta, 2011); chi ne ha tracciato un percorso nella storia del pensiero e della riflessione scientifica differenziato anche se strettamente interrelato (Hauptmann, 2001); chi, seguendo un interesse più pragmatico per la produzione di politiche pubbliche, ne intesse un unico modello di inclusione e dibattito, coinvolgimento e integrazione dialogica (Bobbio, 2005; Citroni, 2010).

5In tutte queste tre prospettive è evidente che la proposta riformatrice contenuta nei due concetti deriva prima di tutto da un presupposto normativo: che cioè più deliberazione e più partecipazione siano in definitiva più democrazia. Per chi li analizza come modelli di democrazia, questo è normale: «i modelli di democrazia implicano necessariamente [...] un equilibrio mutevole tra enunciati descrittivo-esplicativi da un lato ed enunciati normativi dall’altro» (Held, 2006, 6); e ciononostante il dibattito sulla qualità della democrazia (Diamond e Morlino, 2005) include ad oggi anche una riflessione sulla qualità dei nostri regimi alla luce dei diversi modelli di democrazia (Gelli e Morlino, 2009). Anche nell’analisi del pensiero democratico compiuta da Hauptmann è forte la carica normativa, e la ricostruzione che l’Autrice compie esprime il passaggio dalla sinistra radicale (partecipativa) propugnata dagli Students for a Democratic Society, da Lynd (1965), da Arnstein (1969), da Pateman (1970), ad una Nuova sinistra deliberativa che intende esprimere più equa parità di accesso ed espressione (Warren 1996), maggiore capacità di incidere sull’esercizio del potere (Bohman, 1996), migliore tutela dei diritti individuali (Benhabib, 1996). Ma pure questa riflessione filosofico-normativa si è cimentata, nell’ultimo decennio, con un intenso programma di verifica empirica dei postulati deliberativi (Delli Carpini et al., 2004; Mendelberg, 2002; Hibbing e Theiss-Morse, 2002).

6Più sorprendente è quindi notare che manchi spesso un riconoscimento esplicito della carica normativa – e che non si proceda nel senso di un bilanciamento verso il coté descrittivo-esplicativo – nell’ambito dell’analisi delle politiche pubbliche e dei processi inclusivi e deliberativi. Nella pratica e nella riflessione sui processi decisionali inclusivi (partecipativi e deliberativi) si tende spesso a riflettere più sullo sviluppo e sull’uso di tecniche anche molto sofisticate che non sulla consistenza (o la direzione) degli effetti che ne derivano (Bobbio, 2004; Citroni, 2010). Non intendiamo dire che sia compito facile, ma evidenziare che nel corso degli ultimi quarant’anni non sono mancati spunti e tentativi interessanti che vengono ad oggi, e particolarmente in Italia, sostanzialmente negletti. Per questo presentiamo nel prosieguo una rassegna delle riflessioni svolte e dei modelli proposti per la valutazione delle pratiche inclusive e deliberative.

7Già nel 1978 Judy Rosener segnalava la necessità – e l’esistenza di qualche primo tentativo – di valutare l’efficacia del coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali; e già segnalava (ibidem, e Rosener, 1981) le principali difficoltà: la complessità e la carica normativa del concetto di partecipazione, l’assenza di uno schema ampiamente condiviso per definire l’efficacia e per misurarla, l’assenza di tecniche di rilevazione affidabili. Negli stessi anni Sewell e Phillips (1979) analizzavano alcuni modelli proposti a partire dalla metà degli anni Sessanta, e sostenevano che «la crescente sofisticatezza impiegata nella valutazione è chiaramente dimostrata: i modelli stanno diventando più completi e articolati e si stanno facendo tentativi per tenere conto dell’ampia gamma di interessi perseguiti […]; tuttavia, tutti hanno dei difetti e siamo ancora piuttosto distanti da una ‘formula magica’» (345 ss.). Nell’analizzare 22 casi di valutazione di processi partecipativi facevano peraltro una scoperta importante, che non può che fare da monito a chi voglia analizzare o progettare simili valutazioni: gli obiettivi del processo partecipativo e i criteri con cui veniva valutato, così come le conclusioni sostanziali raggiunte dallo sforzo di valutazione, non solo variavano ampiamente da un caso all’altro, ma variavano sistematicamente secondo la natura del soggetto valutatore e la sua collocazione rispetto al processo di policy partecipativo. Il personale delle agenzie pubbliche promotrici dei processi partecipativi, i gruppi di cittadini e i valutatori esterni differivano nel tipo di obiettivi e di criteri che ponevano a fondamento della loro valutazione. L’ideale astratto di una valutazione razionale e imparziale ne usciva, se mai ce ne fosse stato bisogno, ampiamente screditato.

8Altre rassegne di studi sulla valutazione del coinvolgimento dei cittadini nel policy-making si sono susseguite nel tempo, confermando difficoltà e varietà degli sforzi (Lynn e Busenberg, 1995; Lynn e Kartez, 1995; Chess e Purcell, 1999; Chess, 2000; Rowe e Frewer, 2004; Burton, 2009). Chess e Purcell in particolare arrivano a un’altra conclusione che rilancia la necessità di darsi strumenti per valutare l’uso delle pratiche partecipative e deliberative: il successo e l’insuccesso delle politiche inclusive – comunque li si voglia definire – non dipendono principalmente dalla tecnica prescelta, ma da una serie di altri fattori legati al contesto in cui la tecnica viene applicata e ai dettagli del suo utilizzo. È dunque sui contesti e sulle modalità di attuazione che si dovrebbe concentrare il più ampio sforzo di ricerca.

9Più in generale Rowe e Frewer (2004) nel dettare una «agenda» per la valutazione della partecipazione pubblica ai processi di policy-making, identificano tre ordini di problemi, legati a tre fasi distinte del processo di valutazione:

  • la definizione di «efficacia», ovvero dei criteri di valutazione (efficace per chi? efficace in questo caso o in generale? efficacia del processo o del risultato? efficacia di cosa – ovvero dove inizia e dove finisce il «fatto» partecipativo, con la decisione, con l’implementazione di questa, o con lo svolgersi dei suoi effetti?);

  • l’operativizzazione della definizione di efficacia e la raccolta dei dati, fase che risentirà dei consueti problemi di validità, di attendibilità e di usability delle tecniche, ma che dovrà anche sottostare alle esigenze dei committenti politici che hanno interesse diretto ai risultati (sarà possibile fissare ex ante criteri di efficacia e strumenti di rilevazione? sarà permesso raccogliere le informazioni e i dati necessari?); il rischio è quello di finire per considerare il mero numero di partecipanti e la loro rappresentatività rispetto alla popolazione in termini di semplici caratteristiche demografiche;

  • l’interpretazione dei risultati: ciò che è emerso è tipico di una tecnica, o piuttosto del settore di policy in cui la si è applicata, o è dipeso dalle modalità di esecuzione e gestione del processo?

10Un aggiornamento della rassegna di letteratura orientato proprio ad un’analisi delle definizioni di efficacia, degli strumenti metodologici proposti, e del rapporto tra tecniche e casi è quanto proponiamo nel paragrafo successivo.

3. Valutare inclusione e deliberazione: quali modelli

11La tabella 1, riportata in calce all’articolo, presenta una sintesi schematica dei modelli di valutazione rinvenuti attraverso una rassegna della letteratura scientifica a partire dallo studio già citato di Sewell e Phillips (1979).

12Lo schema include le proposte di modelli e criteri di valutazione delle pratiche e delle tecniche di partecipazione e deliberazione, mentre esclude le ricerche a impianto prevalentemente teorico sugli effetti della deliberazione – campo che come abbiamo detto è in crescita ma che fa solo da sfondo a quanto ci interessa in termini di valutazione delle politiche (v. ad esempio Sulkin, 2001; Ryfe, 2005; Thompson, 2008; Farrar et al., 2010; Karpowitz e Mendelberg, 2011; Isernia et al., 2008); molti studi ad impianto teorico, che non abbiamo incluso, riguardano singoli effetti (ad es. Andersen e Hansen, 2007 e Niemeyer, 2011 per gli effetti sui partecipanti; Abels, 2007 sull’accountability; Mendelberg, 2002 sulle dinamiche di gruppo). Allo stesso modo la rassegna non include studi che si concentrano prevalentemente sulle premesse e le conseguenze di politics piuttosto che di policy (come Freschi e Mete, 2009; Pellizzoni, 2007), anche se contengono impliciti criteri di valutazione; né studi che riguardano modalità di governance limitrofe a quelle partecipativo-deliberative ma distinte da queste (ad es. Bler e Schwab, 2007; Rose, 2007; Asthana et al., 2007); né analisi strettamente metodologiche sugli strumenti di rilevazione di cui pure tratteremo quando proposte in specifici modelli di valutazione (ad es. Steenbergen et al., 2003) o legate a specifici aspetti del processo (ad es. Enserink e Monnikhof, 2003 e Davies e Burgess, 2004, sulla gestione delle conoscenze; Al-Kodmany, 1999 sulle tecniche di visualizzazione per la partecipazione in urbanistica). Infine, non si sono considerati i testi che propongono tecniche e «cassette degli attrezzi» senza specificare criteri o procedure per la verifica dei risultati (ad es. Carson, 2007).

13Le cinquanta fonti così identificate e selezionate rappresentano un panorama di proposte concettuali e metodologiche variegate dalle quali possiamo trarre considerazioni importanti per delineare i confini del problema e dello stato dell’arte della valutazione delle pratiche partecipative e deliberative. In particolare, nella tabella sono presentati, per ciascun testo analizzato:

  1. l’unità di analisi della valutazione considerata, che può essere rappresentata da tecniche in generale o casi di applicazione delle tecniche stesse;

  2. l’oggetto dell’analisi, cioè il perimetro dell’interesse del/dei ricercatori: la partecipazione dei cittadini, la deliberazione, o specifiche tecniche o insiemi di queste;

  3. il settore di policy entro cui è previsto l’utilizzo del modello;

  4. il settore di ricerca della pubblicazione che ospita il testo;

  5. l’eventuale applicazione del modello (descritta nel testo stesso) da parte dell’autore: in molti casi gli autori propongono un modello in astratto, raccomandandone l’utilizzo; in altri lo sperimentano sul campo, all’interno di un processo di policy (e si indica allora «val. policy») o con proprie risorse al di fuori del processo di policy (e si indica allora «val. propria»); in altri casi ancora (cfr. infra punto 7) ci si esercita sul campo nell’elaborazione di criteri di valutazione, con o senza successiva applicazione del modello per una valutazione;

  6. l’eventuale rilevazione, che può essere sistematica, indiretta o assente, dell’utilizzo di modelli e strumenti di valutazione da parte degli attori di policy osservati nel corso della ricerca;

  7. la fonte da cui sono stati tratti i criteri di valutazione utilizzati: se in genere questi risultano dall’analisi che gli autori fanno della letteratura e delle teorie deliberative e partecipative, in altri casi procedure di ascolto, di partecipazione o di rilevazione vengono utilizzate per derivare i criteri di valutazione direttamente dai partecipanti al processo deliberativo-partecipativo, dagli organizzatori, o dai valutatori;

  8. i tipi di criteri utilizzati, descritti in forma molto sintetica;

  9. le tecniche di rilevazione e analisi delle informazioni e dei dati previste dal modello di valutazione proposto.

14Dall’osservazione della tabella si può notare in primo luogo (colonna 1) che coesistono modelli e tentativi di valutazione che hanno l’obiettivo di valutare tecniche, individuandone le caratteristiche fondamentali e il funzionamento concreto, e modelli che invece si danno come unità di analisi il caso di applicazione della tecnica, e quindi l’evento o processo partecipativo in sé, entro il suo contesto e secondo la capacità dei promotori (o dei partecipanti) di sfruttarlo al meglio. Ai fini di un utilizzo per la valutazione di politiche e processi, potrebbe apparire che l’analisi delle tecniche possa essere utile come sostegno alla valutazione ex ante, cioè nella scelta pratica dello strumento da adottare in condizioni ambientali diverse; gli strumenti di valutazione dei casi potrebbero invece sostenere una valutazione in itinere o ex post che chiarisca se lo strumento è (stato) utilizzato «bene». Molti di questi studi, però, come indicato nelle colonne successive, utilizzano soprattutto il ragionamento deduttivo e l’analisi formale dei modelli (col. 9) per comprenderne l’utilità e le conseguenze, pochi integrano la deduzione con la descrizione o l’uso di metodi che possano sostenere un’indagine delle condizioni contestuali che possono influenzare l’efficacia di una tecnica; peraltro, solo in un caso riportano i risultati di un’effettiva applicazione del modello proposto all’interno di un processo di policy (col. 5). Si deve però sottolineare che tra questi testi se ne trovano alcuni particolarmente influenti, e in particolare Renn et al. (1995) e Rowe e Frewer (2000): il primo – un volume collettaneo – è ampiamente citato da molti autori per la definizione delle due categorie di criteri che introduce (col. 8), ovvero quelli di fairness (apertura del processo, qualità della deliberazione e impatto sulla decisione) e quelli di competence (comprensibilità, accesso alle informazioni, tecniche procedurali ecc.); il secondo, che distingue in maniera non troppo dissimile tra criteri di acceptance (legittimità e influenza) e processo (strutturazione e costi) sarà riutilizzato ripetutamente dagli stessi due autori in varie opere riportate più avanti per l’analisi di casi. Un terzo, recentissimo, è probabile che diventi un punto di riferimento per il prossimo futuro (Geissel e Newton, 2012).

15Passando ad analizzare il più nutrito insieme di testi che si occupa di valutare casi veri e propri, si deve innanzitutto notare la varietà di definizioni dell’oggetto di analisi (col. 2), che spazia dai «Gruppi degli amici del parco X», alla specifica tecnica deliberativa (ad es. «giuria dei cittadini»), fino a qualunque tecnica di deliberazione o di partecipazione dei cittadini nei modelli con aspirazioni più generali; alcuni studi si concentrano sulla valutazione della ricerca partecipativa, altri valutano i tentativi di valutazione partecipativa. Altrettanto variegato è l’ambito di policy cui fanno riferimento gli autori (col. 3), che se in taluni casi non specificano un ambito di applicabilità, più spesso limitano il proprio modello a uno specifico settore: pianificazione territoriale, sanità, e molto spesso ambiente. Piuttosto vario, infine, il settore scientifico delle riviste e delle collane editoriali che ospitano i contributi (col. 4): molto ampio è il dibattito su questo tema nelle riviste di scienze ambientali e di scienza e società (cfr. Pellegrini, 2012), più ancora che in quelle di politiche pubbliche, scienza politica, amministrazione o valutazione; un piccolo numero di pubblicazioni sono edite da organizzazioni governative e di consulenza, che abbiamo classificato come «non accademiche»: si tratta perlopiù di manuali e guide pratiche per manager pubblici e amministratori.

16Pochissimi, e per lo più a carattere generale, sono i testi che si occupano esplicitamente (col. 6) di rilevare l’uso che dei modelli di valutazione della partecipazione viene effettivamente fatto sul campo, più spesso si lamenta semplicemente lo scarso utilizzo di tali strumenti.

17Più significativo è guardare (col. 5) a quante ricerche contengono effettivamente un tentativo di applicazione del modello proposto, e quante invece si limitano a dare il la a future sperimentazioni. Gli studi si dividono in quattro gruppi di dimensioni simili: 9 studi che non fanno alcun uso del metodo proposto; 10 studi che effettuano un’analisi di (uno o più) processi conclusi osservati dall’esterno; 8 studi che presentano i risultati dell’impiego del modello all’interno di un processo di policy, in cui generalmente gli studiosi stessi erano coinvolti come progettatori, facilitatori o valutatori; ci sono poi 10 studi in cui gli autori scendono sul campo per rilevare, con tecniche di vario genere, non il successo di un processo partecipativo secondo i propri canoni, ma i criteri che i soggetti direttamente coinvolti considerano utili per la rilevazione del successo: a tale elaborazione sul campo dei criteri di valutazione può seguire o meno un effettivo impiego di tali criteri per la valutazione vera e propria.

18Un simile approccio, che può prevedere il coinvolgimento dei partecipanti, degli amministratori, degli organizzatori o dei valutatori stessi delle politiche di partecipazione, rimanda all’ampia letteratura sulla valutazione partecipativa – in un certo senso un campo speculare a quello di cui stiamo qui discutendo: la possibilità, ormai consolidata nella letteratura e nella pratica, che siano cioè i partecipanti a vario titolo ad una politica pubblica a collaborare con i valutatori nella definizione dei criteri e nella raccolta e analisi delle informazioni. Si tratta di un approccio che evidentemente è strettamente legato alle natura stessa delle procedure di policy di cui stiamo trattando (Hanberger, 2006). Come mostra l’apposita colonna in tabella (col. 7), la metà degli studi analizzati derivano i propri criteri di valutazione dalla letteratura e dalla teoria, o non ne specificano in alcun modo la derivazione preferendo postulare dei criteri propri. L’altra metà sperimentano come proprio tali tecniche di rilevazione dei criteri presso i partecipanti, gli amministratori o i valutatori stessi, in molti casi integrando questa rilevazione con l’analisi dei criteri contenuti in letteratura. Solo in due casi, e a distanza di vent’anni l’uno dall’altro (Bingham, 1986; Warburton, 2007) si fa uso – peraltro limitato – degli obiettivi dichiarati dai proponenti e dagli organizzatori per elaborare i criteri in base ai quali misurare l’efficacia del processo.

19Interessante è notare (confrontando le colonne 7 e 8) che l’uso di strumenti partecipativi per la costruzione dei criteri di analisi vede emergere sistematicamente uno spiccato interesse dei partecipanti verso l’empowerment, cioè il trasferimento di poteri decisionali, e verso caratteristiche di processo fondamentali quali l’accesso all’informazione e la trasparenza di questa (v. in particolare Sewell e Phillips, 1979; Tuler e Webler, 1999; Abelson et al., 2004; Grant e Curtis, 2004; Charnley e Engerlbert, 2005).

20La definizione di criteri che risulta da questi processi, sia deduttivi sia induttivi, è molto variegata (col. 8). In linea generale, e al di là delle diverse classificazioni di criteri che ciascun autore dà (processo e risultato; processo, risultato e apprendimento; fairness e competence; acceptance e processo ecc.) si possono distinguere tre ordini di criteri:

  • criteri di processo: quantità e varietà dei partecipanti o delle posizioni espresse; gestione trasparente ed efficace dell’informazione e delle conoscenze; trasparenza delle regole del processo; capacità dei partecipanti di influire sul processo; collocazione del processo in una fase di policy abbastanza precoce; qualità della deliberazione, ovvero ascolto reciproco, capacità di risposta, mutuo rispetto ecc.; raramente (Rowe e Frewer, 2004) si considerano i costi o l’economicità; e raramente si pongono seriamente gli evidenti problemi metodologici della selezione, autoselezione e autoesclusione dei partecipanti (Fishkin, 2012; Freschi e Raffini, 2008), o si intervistano i non-partecipanti e gli insoddisfatti (Germain et al., 2001);

  • criteri di risultato sui partecipanti e sulla comunità: capacity building per attuali e future iniziative; aumento della fiducia in sé, nelle istituzioni e nella legittimità del processo decisionale; cittadini più informati e sensibili, o più politicamente attivi; migliori relazioni tra interessi contrapposti; raramente (ad es. Laurian e Shaw, 2009) si considerano effetti simili anche sui promotori e gli amministratori, e non solo sui cittadini;

  • criteri di risultato sulla decisione: capacità di influenza su decisione collettiva; migliore capacità di implementazione della decisione collettiva; raggiungimento di un accordo (se non proprio di un consenso) e assenza di ricorsi e contenzioso; decisione migliore, soprattutto in termini di integrazione in essa di nuove conoscenze e di valori condivisi; maggiore accountability dei decisori; raramente (ad es. Leach et al., 2002) si considerano gli impatti sul problema di policy in sé e sulla capacità di risolverlo, anche perché altrettanto raramente si prende in considerazione un lasso di tempo abbastanza lungo da includere impatti significativi della policy nel suo complesso (Schulz et al., 2008).

21Come appare chiaro dall’elencazione dei criteri, per la gran parte di essi esiste un problema di operativizzazione e di rilevazione delle informazioni. Non tutti gli autori (col. 9) descrivono gli strumenti metodologici con cui, sulla base dei loro criteri, si dovrebbe procedere alla misurazione del successo di un processo di coinvolgimento. Ben cinque studi (più due tra quelli che analizzano tecniche invece di casi) non prevedono alcuno strumento di rilevazione; nove procedono ad articolati studi di caso che integrano tecniche diverse, ma prevalentemente l’analisi documentale, per pervenire a una thick description di quanto accaduto e trarne poi le valutazioni di merito. Sono invece circa una ventina i testi che descrivono, in maniera più o meno dettagliata, una molteplicità di strumenti di rilevazione e analisi: i più diffusi sono l’osservazione (spesso utilizzata in maniera non del tutto formale, quando i ricercatori/valutatori erano anche facilitatori o organizzatori del processo), il questionario (con prevalenza di domande «Likert») e l’intervista semi-strutturata ai partecipanti. Evidentemente, ciascuno strumento si addice in misura diversa alla rilevazione dei risultati secondo diversi criteri: ad esempio, il questionario ai partecipanti può rilevare atteggiamenti e percezioni, mentre l’analisi «densa» dei casi può dare indicazioni anche sull’impatto effettivo della partecipazione sulle decisioni prese.

22Oltre a questi strumenti più tradizionali delle scienze sociali, due tecniche sono di particolare interesse per l’analisi dei processi deliberativi e partecipativi, perché specificatamente destinate a rilevare aspetti centrali per tali processi: il Discourse Quality Index, che rileva la qualità della deliberazione, e la Q-Methodology, che individua i diversi punti di vista esistenti su un dato argomento.

23Il primo, sviluppato da Steenbergen et al. (2003), è uno strumento quantitativo per l’analisi dei discorsi (speech) che prevede un lavoro di codifica piuttosto intenso da parte del ricercatore che, leggendo le trascrizioni di un dibattito, attribuisce punteggi ai singoli discorsi secondo il tipo di giustificazione che viene data alle affermazioni, il rispetto e l’ascolto che vengono dimostrati verso le affermazioni altrui, l’assenza di interruzioni ecc. I punteggi così attribuiti vengono composti in un indice di qualità della deliberazione che incorpora i principi della situazione discorsiva ideale di Habermas.

24La tecnica «Q», ideata da Stephenson (1953 ) e riproposta più recentemente da Brown (1980), da Dryzek e Berejikian (1993), da Durning (1999) e da Liston et al. (2012), permette invece di analizzare i punti di vista delle persone chiedendo a queste di ordinare in una distribuzione quasi-normale una serie di asserti su un unico argomento, da quelli con cui sono meno d’accordo a quelli con cui sono più d’accordo. Una volta costruiti i punti di vista di più persone diverse, si potranno analizzare le differenze e raggruppare le opinioni in punti di vista strutturati principali grazie all’analisi fattoriale. Questo strumento è particolarmente utile per verificare che siano rappresentati in un forum deliberativo una quantità sufficiente dei punti di vista esistenti su un argomento all’interno della società.

25Entrambi gli strumenti sono piuttosto impegnativi da un punto di vista operativo (per il DQI i proponenti suggeriscono che ad effettuare la codifica dovrebbe essere un filosofo, capace di interpretare i contenuti in perfetta logica habermasiana… [Bächtiger et al., 2010]), ma rappresentano punti di riferimento ineludibili perché strettamente legati a dimensioni cruciali del fenomeno di cui stiamo parlando.

4. Problemi aperti e considerazioni conclusive

26In conclusione di questa rassegna, possiamo raccogliere alcuni spunti emersi dagli studi di chi ci ha preceduto e da quanto riscontrato nella rassegna stessa.

27In primo luogo, appare utile, e tutt’altro che scontato, affrontare il tema della democrazia partecipativa e deliberativa da un punto di vista di policy analysis, e all’interno di questa anche in termini di valutazione: capire cosa funziona e cosa non funziona, e capire chi effettua tale valutazione, sembrano esercizi utili a comprendere le implicazioni della nouvelle vague di pratiche inclusive. L’integrazione di valutazioni ex ante (che permettano di scegliere la tecnica e gli strumenti di partecipazione e deliberazione adatti a un certo problema e ad un certo contesto), in itinere (per il monitoraggio e la ridefinizione del processo in corso) ed ex post (per la valutazione dei risultati di processo e dell’impatto decisionale) appare come un’opzione plausibile e viene da molti autori indicata come fondamentale. Se però esistono proposte relative ad una valutazione ex post, molto carente è l’analisi dei contesti e dei problemi che potrebbe sostenere un’analisi ex ante; eppure, sappiamo fin dagli albori della teoria deliberativa (Mansbridge, 1980) che non tutti i problemi si prestano allo stesso modo alla discussione.

28In secondo luogo, appare del tutto carente anche nella letteratura esistente lo sforzo di monitorare l’effettivo utilizzo della valutazione da parte degli attori di policy: se ne parla quando a svolgerla è l’autore stesso dell’articolo, che magari ha contemporaneamente facilitato o progettato il processo partecipativo e racconta «come è andata» e «cosa abbiamo imparato» (Abelson et al., 2003); ma ben pochi analizzano sistematicamente, e indipendentemente, quanta valutazione e quale valutazione viene effettivamente svolta. Questo è tanto più urgente quanto più le pratiche inclusive si vanno istituzionalizzando (si pensi all’attuazione delle leggi regionali della Toscana 69/2007 e dell’Emilia Romagna 3/2010; più in generale cfr. Hartz-Karp e Briand, 2009), e gli sforzi di valutazione dovranno rendersi espliciti e sistematici: le agenzie e autorità che sostengono e finanziano processi partecipativi stanno tentando di sviluppare strumenti di valutazione, ma anche i livelli amministrativi direttamente coinvolti in tali pratiche dovranno essere analizzati e coinvolti per capire quale interesse e quale capacità esiste di attivare una reale documentazione dei risultati.

29In terzo luogo, nonostante gli sforzi di molti studiosi continuino a profondersi in tale direzione, sembra difficile ipotizzare che si arrivi alla definizione di un modello ultimativo di valutazione, o anche solo alla definizione di un insieme coerente e condiviso di criteri e strumenti di valutazione. Lo sviluppo di indicatori e criteri di progetto, creati ad hoc per il singolo processo o insieme di processi, è pratica molto poco frequentata dagli autori che abbiamo osservato, quasi che sminuisse la portata scientifica e l’autorevolezza della valutazione; è ipotizzabile invece che criteri fissati ex ante, in maniera trasparente, eventualmente negoziati tra le parti o comunque definiti con il contributo dei partecipanti (e dei non-partecipanti) potrebbero risultare più utili per l’accountability e per l’effettiva valutazione del successo, di quanto non possano esserlo indicatori e strumenti generalisti, che rischiano di misurare qualcosa che non era tra gli obiettivi di nessuno degli attori coinvolti.

30Un ulteriore punto riguarda un fattore ignorato da quasi tutti gli studi osservati: la comunicazione del processo e dei suoi risultati. Qualche accenno in più lo fanno le ricerche che derivano i criteri dai partecipanti, ma sembra un tema tutto sommato molto marginale. Ma se integrare la democrazia rappresentativa con strumenti partecipativi e deliberativi significa arricchire il dibattito pubblico e la consapevolezza dei cittadini, allora i risultati dei processi dovrebbero essere diffusi, conosciuti e discussi per capire quale uso l’amministratore ha fatto di quale processo – non è possibile in fin dei conti che di fronte a un processo condotto male, il risultato positivo sia che la decisione presa non venga accolta? Il tema della comunicazione appare centrale anche perché partecipazione e deliberazione sono di per sé stesse una forma di valutazione, perché i partecipanti, e i cittadini informati del processo e dei suoi esiti, sapranno giudicare l’operato degli amministratori. Data una buona informazione del, e nel, processo, cittadini e interessi sapranno valutare se e quanto è «successo». Lo stesso forse non si può dire delle amministrazioni.

31Infine, per quanto riguarda il rapporto tra ricerca e valutazione, e tra metodo e risultati: la ricerca di generalizzazioni e spiegazioni di ampio raggio è ancora prematura secondo molti autori (Mutz, 2008; Thompson, 2008); ma è altrettanto chiaro che l’analisi dei singoli casi con metodi ogni volta nuovi non è più sufficiente. Le relazioni strette tra enti locali e regionali, progettatori, studiosi e valutatori che esistono in Italia – e che forse hanno fatto da freno a una valutazione esplicita e formalizzata (Irpet, 2011, 118 ss.) – potrebbero essere messe a frutto per cercare un ponte tra ricerca e valutazione, esercizi non distanti, anzi spesso sovrapposti (Barnes, 2009; Pellizzoni, 2007), ed entrambi utili a capire se, quando, come e perché più inclusione e più deliberazione portano migliore democrazia.

Tabella 1 Sintesi schematica dei modelli e criteri di valutazione delle pratiche e delle tecniche di partecipazione

Tabella 1 Sintesi schematica dei modelli e criteri di valutazione delle pratiche e delle tecniche di partecipazione
Torna su

Bibliografia

Abels G. (2007), Citizen Involvement in Public Policy-making: Does it Improve Democratic Legitimacy and Accountability? The Case of pTA, «Interdisciplinary Information Sciences», 13, 1, pp. 103-116.

Abelson J., Forest P.-G., Eyles J., Casebeer A. e Mackean G. (2004), Will it make a difference if I show up and share? A citizens’ perspective on improving public involvement processes for health system decision-making, «Journal of Health Services Research & Policy», 9, 4, pp. 205-212.

Abelson J., Forest P.-G., Eyles J., Smith P., Martin E. e Gauvin F.-P. (2002), Obtaining public input for health-systems decision-making: Past experiences and future prospects, «Canadian Public Administration», 45, 1, pp. 70-97.

Id. (2003), Deliberations about deliberative methods: issues in the design and evaluation of public participation processes, «Social Science & Medicine», 57, 2, pp. 239-251.

Andersen V.N. e Hansen K.M. (2007), How deliberation makes better citizens: The Danish Deliberative Poll on the euro, «European Journal of Political Research», 46, 4, pp. 531-556.

Arnstein S.R. (1969), A Ladder of Citizen Participation, «Journal of the American Institute of Planners», 35, 4, pp. 216-224.

Arp - Autorità Regionale per la Partecipazione della Toscana (2011), Rapporto Annuale 2010, Firenze, Regione Toscana - Consiglio Regionale.

Asthana S., Richardson S. e Halliday J. (2002), Partnership Working in Public Policy Provision: A Framework for Evaluation, «Social Policy & Administration», 36, 7, pp. 780-795.

Bächtiger A., Niemeyer S., Neblo M., Steenbergen M.R. e Steiner J. (2010), Disentangling Diversity in Deliberative Democracy: Competing Theories, Their Blind Spots and Complementarities, «Journal of Political Philosophy», 18, 1, pp. 32-63.

Barnes M. (1999), Researching public participation, «Local Government Studies», 25, 4, pp. 60-75.

Beetham D. (2012), Evaluating new vs. old forms of citizen engagement and participation, in Geissel B. e Newton K. (a cura di), Evaluating democratic innovations. Curing the democratic malaise?, London-New York, Routledge, pp. 56-67.

Beierle T.C. (1999), Using social goals to evaluate public participation in environmental decisions, «Review of Policy Research», 16, 3-4, pp. 75-103.

Beierle T.C. e Konisky D.M. (2001), What are we gaining from stakeholder involvement? Observations from environmental planning in the Great Lakes, «Environment and Planning C: Government and Policy», 19, 4, pp. 515-527.

Beierle T.C. e Cayford J. (2002), Democracy in practice: public participation in environmental decisions, Washington, DC, Resources for the Future.

Benhabib S. (1996), Democracy and difference: contesting the boundaries of the political, Princeton, N.J., Princeton University Press.

Bingham G. (1986), Resolving environmental disputes: a decade of experience, Washington, D.C., Conservation Foundation.

Blackstock K.L., Kelly G.J. e Horsey B.L. (2007), Developing and applying a framework to evaluate participatory research for sustainability, «Ecological Economics», 60, 4, pp. 726-742.

Bler D. e Schwab B. (2007), New regionalism in five Swiss metropolitan areas: An assessment of inclusiveness, deliberation and democratic accountability, «European Journal of Political Research», 46, 4, pp. 473-502.

Bobbio L. (2004), A più voci. Amministrazioni pubbliche, imprese, associazioni e cittadini nei processi decisionali inclusivi, Napoli e Roma, Edizioni Scientifiche Italiane.

Id. (2005), La democrazia deliberativa nella pratica, «Stato e Mercato», 73, 1, pp. 67-88.

Bohman J. (1996), Public deliberation: pluralism, complexity, and democracy, Cambridge, Mass., MIT Press.

Brown S.R. (1980), Political subjectivity: applications of Q methodology in political science, New Haven, Yale University Press.

Burton P. (2009), Conceptual, Theoretical and Practical Issues in Measuring the Benefits of Public Participation, «Evaluation», 15, 3, pp. 263-284.

Carr D.S. e Halvorsen K. (2001), An Evaluation of Three Democratic, Community-Based Approaches to Citizen Participation: Surveys, Conversations With Community Groups, and Community Dinners, «Society & Natural Resources», 14, 2, pp. 107-126.

Carson L. (2007), Come migliorare l’attuazione della democrazia deliberativa: un’analisi comparata di due Giurie di cittadini, «Rivista Italiana di Politiche Pubbliche», 2, pp. 127-142.

Charnley S. e Engelbert B. (2005), Evaluating public participation in environmental decision-making: EPA’s superfund community involvement program, «Journal of Environmental Management», 77, 3, pp. 165-182.

Chess C. (2000), Evaluating Environmental Public Participation: Methodological Questions, «Journal of Environmental Planning and Management», 43, 6, pp. 769-784.

Chess C. e Purcell K. (1999), Public Participation and the Environment: Do We Know What Works?, «Environmental Science & Technology», 33, 16, pp. 2685-2692.

Citroni G. (2010), Mai più soli! Note sulla democrazia partecipativa, Acireale e Roma, Bonanno.

Coglianese C. (1997), Assessing Consensus: The Promise and Performance of Negotiated Rulemaking, «Duke Law Journal», 46, 6, pp. 1255-1349.

Crosby N., Kelly J.M. e Schaefer P. (1986), Citizens Panels: A New Approach to Citizen Participation, «Public Administration Review», 46, 2, pp. 170-178.

Davies G. e Burgess J. (2004), Challenging the «view from nowhere»: citizen reflections on specialist expertise in a deliberative process, «Health & Place», 10, 4, pp. 349-361.

Della Porta D. (2011), Democrazie, Bologna, il Mulino.

Delli Carpini M.X., Cook F.L. e Jacobs L.R. (2004), Public Deliberation, Discursive Participation, and Citizen Engagement: A Review of the Empirical Literature, «Annual Review of Political Science», 7, 1, pp. 315-344.

Diamond L.J. e Morlino L. (2005), Assessing the quality of democracy, Baltimore, Johns Hopkins University Press.

Dietz T. e Stern P.C. (2008), Public participation in environmental assessment and decision making, Washington, DC, National Academies Press.

Dryzek J.S. e Berejikian J. (1993), Reconstructive Democratic Theory, «The American Political Science Review», 87, 1, pp. 48-60.

Durning D. (1999), The transition from traditional to postpositivist policy analysis: A role for Q-methodology, «Journal of Policy Analysis and Management», 18, 3, pp. 389-410.

Edwards P.B., Hindmarsh R., Mercer H., Bond M. e Rowland A. (2008), A Three-Stage Evaluation of a Deliberative Event on Climate Change and Transforming Energy, «Journal of Public Deliberation», 4, 1.

Enserink B. e Monnikhof R.A.H. (2003), Information Management for Public Participation in Co-design Processes: Evaluation of a Dutch Example, «Journal of Environmental Planning and Management», 46, 3, pp. 315-344.

Ervet - Osservatorio sulla Partecipazione (2011), Rapporto sulle attività. Luglio 2011, Bologna, Ervet Emilia Romagna Valorizzazione Economica del Territorio.

Farrar C., Fishkin J.S., Green D.P., List C., Luskin R.C. e Levy Paluck E. (2010), Disaggregating Deliberation’s Effects: An Experiment within a Deliberative Poll, «British Journal of Political Science», 40, 2, pp. 333-347.

Fiorino D.J. (1990), Citizen Participation and Environmental Risk: A Survey of Institutional Mechanisms, «Science, Technology & Human Values», 15, 2, pp. 226-243.

Fishkin J.S. (2012), Deliberative polling. Reflections on an ideal made practical, in Geissel B. e Newton K. (a cura di), Evaluating democratic innovations. Curing the democratic malaise?, London-New York, Routledge, pp. 71-89.

Forss K. (2005), An evaluation framework for information, consultation and public participation, in Oecd (a cura di), Evaluating Public Participation in Policy Making, Paris, Oecd Publishing, pp. 41-84.

Freschi A.C. e Raffini L. (2008), Processi deliberativi istituzionali e contesto politico. Il caso della Toscana, «Stato e Mercato», 83, 3, pp. 279-315.

Freschi A.C. e Mete V. (2009), The political meanings of institutional deliberative experiments, «Sociologica. Italian Journal of Sociology on line», 2-3.

Frewer L. e Rowe G. (2005), Evaluating public participation exercises: Strategic and practical issues, in Oecd (a cura di), Evaluating Public Participation in Policy Making, Paris, Oecd Publishing, pp. 85-108.

Fung A. (2003), Survey Article: Recipes for Public Spheres: Eight Institutional Design Choices and Their Consequences, «The Journal of Political Philosophy», 11, 3, pp. 338-367.

Geissel B. (2012), Impacts of democratic innovations in Europe. Findings and desiderata, in Geissel B. e Newton K. (a cura di), Evaluating democratic innovations. Curing the democratic malaise?, London-New York, Routledge, pp. 163-183.

Geissel B. e Newton K. (a cura di) (2012), Evaluating democratic innovations. Curing the democratic malaise?, London-New York, Routledge.

Gelli F. e Morlino L. (2009), Qualità della democrazia e innovazione locale, Padova, Edizioni Sapere.

Germain R.H., Floyd D.W. e Stehman S.V. (2001), Public perceptions of the USDA Forest Service public participation process, «Forest Policy and Economics», 3, 3-4, pp. 113-124.

Giannetti D. e Lewanski R. (2007), Inclusione, efficacia e qualità della deliberazione: uno studio di caso, «Rivista Italiana di Politiche Pubbliche», 2, pp. 15-48.

Grant A. e Curtis A. (2004), Refining Evaluation Criteria for Public Participation Using Stakeholder Perspectives of Process and Outcomes, «Rural Society», 14, 2, pp. 142-162.

Hanberger A. (2006), Evaluation of and for Democracy, «Evaluation», 12, 1, pp. 17-37.

Hartz-Karp J. e Briand M.K. (2009), Institutionalizing deliberative democracy, «Journal of Public Affairs», 9, 2, pp. 125-141.

Hauptmann E. (2001), Can Less Be More? Leftist Deliberative Democrats’ Critique of Participatory Democracy, «Polity», 33, 3, pp. 397-421.

Held D. (2006), Models of democracy, Cambridge, UK - Malden, MA, Polity.

Hibbing J.R. e Theiss-Morse E. (2002), Stealth democracy: Americans’ beliefs about how government should work, Cambridge-New York, Cambridge University Press.

House E.R. e Howe K.R. (2000), Deliberative democratic evaluation, «New Directions for Evaluation», 2000, 85, pp. 3-12.

Irpet - Istituto Regionale Programmazione Economica della Toscana (2011), Partecipazione, politiche pubbliche, territori. La L.R. 69/2007, Firenze, Regione Toscana - Consiglio Regionale.

Isernia P., Bobbio L., Fiket I., Manca A.R. e Noemi P. (2008), La democrazia in un ambiente ostile: un quasi-esperimento deliberativo, «Stato e Mercato», 84, 3, pp. 443-474.

Karpowitz C. e Mendelberg T. (2011), An Experimental Approach to Citizen Deliberation, in Druckman J. N., Green D. P., Kuklinski J. H. e Lupia A. (a cura di), Cambridge Handbook of Experimental Political Science, Cambridge-New York, Cambridge University Press, pp. 258-272.

Laird F.N. (1993), Participatory Analysis, Democracy, and Technological Decision Making, «Science, Technology & Human Values», 18, 3, pp. 341-361.

Laurian L. e Shaw M.M. (2009), Evaluation of Public Participation, «Journal of Planning Education and Research», 28, 3, pp. 293-309.

Leach W.D., Pelkey N.W. e Sabatier P.A. (2002), Stakeholder partnerships as collaborative policymaking: Evaluation criteria applied to watershed management in California and Washington, «Journal of Policy Analysis and Management», 21, 4, pp. 645-670.

Lindblom C.E. (1980), The policy-making process, Englewood Cliffs, N.J., Prentice-Hall.

Liston V., Harris C. e O’Toole M. (2012), Harnessing and legitimising public expressions online: a theoretical design for discursive e-deliberation relazione al convegno ECPR Joint Session of Workshops, Antwerp, Belgium, Aprile 2012.

Lynd S. (1965), The New Radicals and «Participatory Democracy», «Dissent», 12, 3, pp. 1-10.

Lynn F.M. e Kartez J.D. (1995), The Redemption of Citizen Advisory Committees: A Perspective from Critical Theory, in Renn O., Webler S. T. T. and Wiedemann P. M. (a cura di), Fairness and competence in citizen participation: evaluating models for environmental discourse, Dordrecht-Boston, Kluwer Academic, pp. 87-101.

Lynn F.M. e Busenberg G.J. (1995), Citizen Advisory Committees and Environmental Policy: What We Know, What’s Left to Discover, «Risk Analysis», 15, 2, pp. 147-162.

Mansbridge J.J. (1980), Beyond adversary democracy, New York, Basic Books.

Mendelberg T. (2002), The deliberative citizen: theory and evidence, in Delli Carpini M. X., Huddy L. e Shapiro R. Y. (a cura di), Research in Micropolitics: New Directions in Political Psychology, Greenwich, CT, JAI Press, pp. 151-193.

Moore S.A. (1996), Defining «successful» environmental dispute resolution: Case studies from public land planning in the United States and Australia, «Environmental Impact Assessment Review», 16, 3, pp. 151-169.

Mutz D.C. (2008), Is Deliberative Democracy a Falsifiable Theory?, «Annual Review of Political Science», 11, 1, pp. 521-538.

Nabatchi T. (2012), A Manager’s Guide to Evaluating Citizen participation, Fostering Transparency and Democracy Series Washington, D.C, IBM Center for The Business of Government.

Niemeyer S. (2011), The Emancipatory Effect of Deliberation: Empirical Lessons from Mini-Publics, «Politics & Society», 39, 1, pp. 103-140.

Papadopoulos Y. e Warin P. (2007), Are innovative, participatory and deliberative procedures in policy making democratic and effective?, «European Journal of Political Research», 46, 4, pp. 445-472.

Pateman C. (1970), Participation and democratic theory, Cambridge, Cambridge University Press.

Pellegrini G. (2012), Questioni tecnoscientifiche e partecipazione dei cittadini, in Neresini F. e Pellegrini G. (a cura di), Annuario Scienza e Società - Edizione 2012, Bologna, il Mulino, pp. 63-79.

Pellizzoni L. (2007), Opinione o indagine pubblica? Concetti ed esperimenti di democrazia deliberativa, «Rivista Italiana di Politiche Pubbliche», 2, pp. 101-126.

Poisner J. (1996), A civic republican perspective on the National Environmental Policy Act’s process of citizen participation, «Environmental Law», 26, 1, pp. 53-94.

Pratchett L. (1999), New fashions in public participation: towards greater democracy?, «Parliamentary Affairs», 52, 4, pp. 616-633.

Ran B. (2012), Evaluating Public Participation in Environmental Policy-Making, «Journal of US-China Public Administration», 9, 4, pp. 407-423.

Ravazzi S. (2007), Una chiave per la democrazia deliberativa, «Meridiana», 58, 1, pp. 21-44.

Renn O., Webler T. e Wiedemann P.M. (a cura di) (1995), Fairness and competence in citizen participation: evaluating models for environmental discourse, Dordrecht-Boston, Kluwer Academic.

Rose R. (2007), Evaluating Democratic Governance: A Bottom Up Approach to European Union Enlargement, Discussion Papers SP I 2007 - 201, Berlin, Social Science Research Center Berlin (WZB).

Rosener J.B. (1978), Citizen Participation: Can We Measure Its Effectiveness?, «Public Administration Review», 38, 5, pp. 457-463.

Id. (1981), User-Oriented Evaluation: A New Way to View Citizen Participation, «The Journal of Applied Behavioral Science», 17, 4, pp. 583-596.

Rowe G. e Frewer L.J. (2000), Public Participation Methods: A Framework for Evaluation, «Science, Technology & Human Values», 25, 1, pp. 3-29.

Id. (2004), Evaluating Public-Participation Exercises: A Research Agenda, «Science, Technology & Human Values», 29, 4, pp. 512-556.

Rowe G., Marsh R. e Frewer L.J. (2004), Evaluation of a Deliberative Conference, «Science, Technology & Human Values», 29, 1, pp. 88-121.

Rowe G., Horlick-Jones T., Walls J., Poortinga W. e Pidgeon N.F. (2008), Analysis of a normative framework for evaluating public engagement exercises: reliability, validity and limitations, «Public Understanding of Science», 17, 4, pp. 419-441.

Ryfe D.M. (2005), Does deliberative democracy work?, «Annual Review of Political Science», 8, 1, pp. 49-71.

Schulz A.J., Israel B.A. e Lantz P. (2003), Instrument for evaluating dimensions of group dynamics within community-based participatory research partnerships, «Evaluation and Program Planning», 26, 3, pp. 249-262.

Sewell W.R.D. e Phillips S.D. (1979), Models for the evaluation of public participation programmes, «Natural Resources Journal», 19, 2, pp. 337-358.

Smith G. e Wales C. (1999), The Theory and Practice of Citizens’ Juries, «Policy & Politics», 27, 3, pp. 295-308.

Speller G. e Ravenscroft N. (2005), Facilitating and evaluating public participation in urban parks management, «Local Environment», 10, 1, pp. 41-56.

Steenbergen M.R., Bächtiger A., Spörndli M. e Steiner J. (2003), Measuring Political Deliberation: A Discourse Quality Index, «Comparative European Politics», 1, 1, pp. 21-48.

Stephenson W. (1953), The study of behavior. Q-technique and its methodology, Chicago, University of Chicago Press.

Sulkin T. e Simon A.F. (2001), Habermas in the Lab: A Study of Deliberation in an Experimental Setting, «Political Psychology», 22, 4, pp. 809-826.

Thompson D.F. (2008), Deliberative Democratic Theory and Empirical Political Science, «Annual Review of Political Science», 11, 1, pp. 497-520.

Tuler S. e Webler T. (1999), Voices from the Forest: What Participants Expect of a Public Participation Process, «Society & Natural Resources», 12, 5, pp. 437-453.

Videira N., Antunes P., Santos R. e Lobo G. (2006), Public and stakeholder participation in European water policy: a critical review of project evaluation processes, «European Environment», 16, 1, pp. 19-31.

Warburton D., Wilson R. e Rainbow E. (2007), Making a Difference. A Guide to Evaluating Public Participation in Central Government, Involve/DCA Department for Constitutional Affairs, London.

Warren M.E. (1996), What Should We Expect from More Democracy? Radically Democratic Responses to Politics, «Political Theory», 24, 2, pp. 241-270.

Webler T., Tuler S. e Krueger R.O.B. (2001), What Is a Good Public Participation Process? Five Perspectives from the Public, «Environmental Management», 27, 3, pp. 435-450.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Tabella 1 Sintesi schematica dei modelli e criteri di valutazione delle pratiche e delle tecniche di partecipazione
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/541/img-1.jpg
File image/jpeg, 2,5M
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giulio Citroni, « Che è «successo»? »Quaderni di Sociologia, 60 | 2012, 83-109.

Notizia bibliografica digitale

Giulio Citroni, « Che è «successo»? »Quaderni di Sociologia [Online], 60 | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/541; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.541

Torna su

Autore

Giulio Citroni

Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica - Università dalla Calabria

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search