Navigazione – Mappa del sito
note critiche

Il trapianto delle organizzazioni mafiose su scala internazionale

Mafia transplantation at international level
Stefano Becucci
p. 134-138

Abstract

The process of expansion and rooting of Mafia associations beyond their traditional areas represents a crucial issue for the scientific literature on organized crime. In this regard, Federico Varese’s book, Mafias on the move. How Organized Crime Conquers New Territories, provides a crucial insight which allows to address the question how Mafia associations manage to transplant in new places. Based on a comparative analysis, the author addresses his attention to several case studies, which show examples of successful (or not) infiltration of organized crime groups into new territories and societies. Among the various variables taken into consideration, the main factor determining Mafia transplantation consists in organized crime’s ability to provide protection to several legal (as well as illegal) players operating within a context of unregulated markets.

Torna su

Testo integrale

1Il processo di espansione e radicamento delle organizzazioni mafiose al di fuori del loro territorio di tradizionale insediamento rappresenta una questione centrale nell’ambito degli studi specialistici sulla criminalità organizzata. Al riguardo, il libro di Federico Varese, Mafie in movimento. Come il crimine organizzato conquista nuovi territori (Torino, Einaudi, 2011), colma un vuoto di conoscenza perché affronta in maniera sistematica quali siano le modalità di radicamento delle organizzazioni mafiose verso nuove aree di insediamento. Per quanto alcune ricerche abbiano da tempo rilevato le strategie di espansione mafiosa dal Sud verso il Nord Italia, assai di rado sono state poste al centro dell’analisi, come nel volume Mafie in movimento, le variabili chiave all’origine del trapianto criminale. Attraverso un’indagine che prende in esame le organizzazioni ndranghetiste, la mafia siciliana, le Triadi cinesi e la mafia russa, nel libro si analizzano alcuni case studies tratti da vari paesi (Italia, Cina, Argentina, Ungheria e Stati Uniti), nei quali il radicamento delle organizzazioni mafiose ha avuto successo, mentre in altri, al contrario, ha dato esito negativo.

2Ma andiamo per ordine, presentando in forma sintetica i risultati più significativi ai quali giunge l’autore. L’interrogativo centrale consiste nel chiedersi perché in vari casi il trapianto mafioso è stato coronato da successo, mentre in altri si è risolto in un fallimento. In tal senso, vengono sottoposti a vaglio i principali fattori causali correntemente enunciati dalla letteratura sulla questione: le migrazioni generalizzate che hanno coinvolto ampi segmenti della popolazione da alcune zone della Sicilia e della Calabria, contraddistinte dalla storica presenza di organizzazioni criminali verso nuovi territori; il trasferimento di affiliati mafiosi in altre regioni italiane attraverso l’istituto del “soggiorno obbligato”, in vigore in Italia dalla seconda metà degli anni Cinquanta dello scorso secolo, che prevedeva per gli appartenenti alle organizzazioni criminali di risiedere al di fuori della regione d’origine; l’esistenza di una domanda di protezione criminale nel nuovo territorio di insediamento delle organizzazioni mafiose e, infine, la rilevanza di fattori di tipo culturale, come l’esistenza di un certo grado di senso civico e di fiducia reciproca nelle nuove aree di arrivo, tali da disincentivare il radicamento criminale.

3Attraverso un’analisi comparata, vengono sottoposti al vaglio della ricerca empirica una serie di casi: il comune di Bardonecchia in Val di Susa, sciolto per infiltrazioni mafiose nel 1995 ad opera dell’ndrangheta; la città di Verona, in cui sono presenti affiliati alle associazioni criminali meridionali, senza tuttavia che ciò dia luogo ad un radicamento mafioso; la presenza della mafia russa a Budapest e a Roma, conducendo nella prima al radicamento criminale, contrariamente a quanto avviene nella seconda; la mafia siciliana a New York e a Rosario, città argentina presso Buenos Aires. Infine, il caso (negativo) della Cina, in cui viene esaminata nel dettaglio la transmigrazione di elementi criminali appartenenti alle Triadi da Hong Kong, Taiwan e Macao verso le province cinesi contigue, in particolare da quando Hong Kong e Macau ritornano alla fine degli anni Novanta del Novecento sotto il controllo della Repubblica Popolare Cinese.

4Il fattore chiave che ha concorso al radicamento nel nuovo contesto è da vedere nella domanda di protezione criminale soddisfatta dalle organizzazioni mafiose. Condizione iniziale che consente ai gruppi criminali di divenire struttura di “governo” delle transazioni economiche. Il trapianto riesce quando l’associazione mafiosa è in grado di assolvere specifiche funzioni, come ad esempio il reclutamento di forza lavoro a basso costo di origine meridionale di cui si avvantaggiano le imprese, come nel caso di Bardonecchia durante la forte espansione, negli anni Settanta del xx secolo, del mercato edilizio locale. Da qui, le organizzazioni mafiose passano, attraverso l’uso sistematico della violenza, a gestire un cartello d’imprese edili, mafiose e non, interessate ad accaparrarsi l’intero comparto delle costruzioni, per poi stabilire varie forme di collusione con la politica e segmenti della società locale. A Verona, città nella quale nello stesso periodo sono presenti affiliati mafiosi sottoposti al regime di soggiorno obbligato, le organizzazioni criminali non riescono a inserirsi stabilmente nel tessuto locale. Anche se i mafiosi mettono in atto estorsioni e rappresaglie nei confronti degli imprenditori, la configurazione economica locale – basata sull’esportazione di beni – disincentiva la creazione di cartelli fra produttori, riducendo così l’operato degli attori criminali a mera attività estorsiva. Analogo discorso vale per il florido mercato degli stupefacenti (Verona negli anni Settanta era il principale crocevia del traffico internazionale di stupefacenti dall’Est Europa verso l’Italia), giacché i trafficanti locali regolano le transazioni illecite in modo tendenzialmente incruento, marginalizzando coloro che non rispettano gli accordi.

5In termini simili si pone l’evoluzione criminale di affiliati alla mafia russa presenti a Roma da alcuni decenni e dediti in gran parte al riciclaggio di denaro, mentre a Budapest, la medesima organizzazione criminale (la Solncevo) è ampiamente coinvolta nella produzione petrolifera e nella risoluzione informale delle controverse interindividuali. Condizioni che le permettono di acquisire, nella turbolenta fase di transizione da un’economia collettivista ad una di tipo capitalistico, una posizione preminente in un settore chiave dell’economia locale – il petrolio – e nel contempo fornire una protezione criminale ai nuovi attori economici che si affacciano sul mercato.

6Infine, la mafia di origine siciliana a New York e a Rosario: mentre nel primo caso si assiste al radicamento delle organizzazioni criminali di Cosa nostra americana, nel secondo il trapianto mafioso non ha luogo. Pur essendo due territori caratterizzati, a cavallo fra il xix e xx secolo, da un ampio fenomeno migratorio dal Sud Italia e dall’arrivo di affiliati ad organizzazioni mafiose italiane, anche in tale situazione il fattore decisivo è la capacità degli attori criminali allogeni di soddisfare una domanda di protezione. Protezione che si traduce in una prestazione di “servizi” che, a seconda delle opportunità presenti nel nuovo contesto, si può indirizzare alternativamente o congiuntamente verso la “regolazione” delle transazioni sia lecite che illecite. Mentre nella città di Rosario il radicamento non ha successo perché i gruppi della mafia siciliana, incapaci di acquisire il controllo di un qualsiasi settore economico, finiscono per limitarsi ad attività criminali di tipo predatorio, a New York, diversamente, le famiglie mafiose italo-americane hanno modo di radicarsi durante il Proibizionismo, grazie alla possibilità di svolgere un servizio di grande utilità, quale quello di farsi garanti degli scambi fra produttori e distributori di sostanze alcoliche. Da qui, si creeranno le condizioni di espansione mafiosa su scala nazionale in altri mercati, leciti e illeciti. Seppure il Proibizionismo costituisca una straordinaria opportunità di accumulazione illegale, il ruolo “strategico” assunto dalla mafia italo-americana viene interpretato come l’effetto involontario di alcune riforme politico-amministrative che portarono alla drastica riduzione della corruzione all’interno delle forze dell’ordine e degli apparati amministrativi locali (la cosiddetta Macchina politica). Così, vennero a determinarsi le condizioni favorevoli per le organizzazioni criminali di soddisfare una domanda di protezione criminale che in precedenza veniva esaudita da attori istituzionali corrotti.

7L’ultimo paese preso in considerazione è la Cina, dove gli affiliati alle Triadi sopraggiunti delle vicine aree di Hong Kong, Macao e Taiwan non sono stati in grado di insediarsi stabilmente all’interno della madrepatria. Il motivo di ciò è ancora da ricondursi all’incapacità di garantire in prima persona la domanda di protezione connessa alla recente espansione di mercati leciti e illeciti di vario tipo. La protezione criminale viene infatti soddisfatta in maniera pressoché completa da attori istituzionali appartenenti al partito comunista cinese e agli apparati amministrativi locali che, attraverso pratiche corruttive, garantiscono la creazione di cartelli a vantaggio degli imprenditori operanti nei più disparati settori economici. Finché le organizzazioni criminali troveranno in loco altri competitori, in grado di mettere in atto forme improprie di regolazione delle transazioni economiche, sarà difficile per le Triadi impiantarsi stabilmente nel paese.

8Per riassumere, quali sono gli aspetti di maggior rilievo che emergono dal libro? Il confronto fra casi di successo e di fallimento secondo alcune variabili potenzialmente rilevanti (migrazione generalizzata, trasferimento di affiliati mafiosi, presenza o meno di una domanda di protezione criminale, livello di senso civico presente nel nuovo territorio) permette di mettere a fuoco l’influenza svolta da ciascuna di esse. A questo riguardo, né i processi migratori generalizzati da aree di tradizionale insediamento mafioso, né tanto meno il trasferimento di affiliati attraverso il sistema del soggiorno obbligato risultano essere condizioni sufficienti al trapianto mafioso. Le conclusioni a cui giunge l’autore sull’influenza (secondaria) del soggiorno obbligato sono particolarmente significative, in quanto contrastano con il consenso pressoché unanime attribuito nella letteratura italiana specializzata a tale istituto giuridico nel veicolare la diffusone del fenomeno mafioso.

9Ulteriore aspetto di rilievo attiene all’importanza rivestita dal senso civico. Il confronto fra Bardonecchia e Verona – due ambiti territoriali contraddistinti da analoghe forme di partecipazione pubblica, senso civico e livello interpersonale di fiducia – mostrerebbe che la variabile “senso civico” non è determinate nel contrastare il trapianto in nuovi territori delle organizzazioni mafiose. Come riferisce l’autore: “livelli moderatamente elevati di ‘capitale sociale’ e impegno civico possono coesistere con la presenza della mafia. Purtroppo la protezione mafiosa può essere ben accettata in alcuni segmenti della popolazione perché offre loro vantaggi. Questa prospettiva suggerisce che l’impegno civico così come viene misurato da Putnam e la domanda di protezione extralegale sono indipendenti l’uno dall’altra” (p. 35). In tal senso, il fattore chiave cui ricondurre il successo del trapianto mafioso riguarda la capacità delle associazioni mafiose di soddisfare una domanda di protezione criminale presente in loco, grazie alla quale esse stabiliscono forme reciprocamente vantaggiose con segmenti più o meno ampi della società locale. In seguito, sono le stesse organizzazioni criminali che, per loro natura, tendono ad ampliare a dismisura il campo d’azione, arrivando a condizionare pesantemente la vita sociale e politica dell’intera comunità.

10Seguendo tale interpretazione, definita dall’autore nei termini di “teoria dei diritti di proprietà della mafia”, il ruolo delle istituzioni e delle politiche pubbliche assume un valore strategico nel contrastare in radice l’insorgenza dei fenomeni mafiosi: oltre al necessario contrasto giudiziario, la capacità dello Stato di regolare secondo criteri di legalità e trasparenza le transazioni economiche permette di togliere terreno alla domanda di protezione criminale e alla risoluzione extralegale delle controversie, condizioni essenziali che consentono il trapianto mafioso.

11In conclusione, fra i molti pregi del libro di cui abbiamo detto, l’unico rilievo critico che può essere avanzato attiene alla variabile “senso civico e capitale sociale”, in grado o meno di contrastare il radicamento mafioso in nuovi territori. La posizione dell’autore citata in precedenza, suffragata da una minuziosa analisi empirica relativa ai comuni di Bardonecchia e Verona, risulta in via di ipotesi convincente. Per essere meglio corroborata, oltre ad un maggior numero di casi, si dovrebbe accertare quando e in base a quali dinamiche di contesto il senso civico si traduce in mobilitazione sociale contro la presenza criminale, come testimoniano le manifestazioni pubbliche avvenute a Verona, e quando invece, in ragione delle infiltrazioni criminali e del consenso sociale di cui godono le organizzazioni mafiose, un analogo sostrato di senso civico non dà luogo – il caso di Bardonecchia – ad alcuna mobilitazione pubblica di rilievo. Sotto questo profilo, si tratterebbe di approfondire la sequenza temporale (e causale) fra senso civico, da un lato, ed infiltrazioni mafiose nel tessuto locale, dall’altro; infiltrazioni che possono determinare l’assenza di un’efficace mobilitazione sociale contro la mafia. In tal senso, per riprendere l’auspicio dell’autore, c’è da augurarsi che la strada aperta da Mafie in movimento possa essere seguita da ulteriori ricerche.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Becucci, « Il trapianto delle organizzazioni mafiose su scala internazionale », Quaderni di Sociologia, 58 | 2012, 134-138.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Becucci, « Il trapianto delle organizzazioni mafiose su scala internazionale », Quaderni di Sociologia [Online], 58 | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 17 octobre 2019. URL : http://journals.openedition.org/qds/601 ; DOI : 10.4000/qds.601

Torna su

Autore

Stefano Becucci

Dipartimento di Scienza della Politica e Sociologia - Università di Firenze

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals