Navigazione – Mappa del sito
la società contemporanea / I cinesi in Italia tra inclusione economica subalterna ed esclusione sociale

La presenza economica cinese in Lombardia e Trentino

Il settore della ristorazione e il distretto del porfido
The Chinese economic presence in Lombardy and Trentino. The catering sector and the district of porphyry
Nicoletta Bressan
p. 23-42

Abstract

In spite of the large body of research on Chinese communities, there is still mixed evidence on the role played by Chinese family and Chinese ethnic networks in determining the ethnic and local labor market access and the transition to self-employment for Chinese migrants. This article aims to extend previous research by investigating two different sectors and local contexts: the Chinese catering in Milan province and the district of porphyry in Trento province. The research, carried out through an ethnographic methodology characterized by 56 interviews on Chinese migrants, points out that the action of family and ethnic networks in permitting the access and the following experiences into each sector is more evident respect the district of porphyry than the catering sector. Previous phases of migratory process, the specific dynamics of economic contest and the opportunities created by a well-established Chinese community can influence the initial relationship among migrant and his personal network. On the contrary, the passage to self-employment is characterized by a stronger influence of familiar and parental networks, and ethnic relations, in both sectors.

Torna su

Note della redazione

Il presente articolo è tratto dalla ricerca, ancora in corso, effettuata per la tesi di dottorato in Sociologia e Ricerca Sociale che l’autrice sta frequentando all’Università di Trento.

Testo integrale

1. I migranti cinesi in Italia: un’evidente progressione economica

1La crescita ed espansione delle attività economiche gestite da cinesi in Italia è una realtà sempre più indiscussa, che si è ramificata in tutto il territorio nazionale. Come i dati del Centro Studi Union Camere confermano, a livello nazionale, il totale delle imprese individuali con titolare cinese è passato dalle 22.865 unità del 2005 alle 37.609 del 2010, ossia il 10,9% del totale delle imprese individuali con titolare straniero. Le attività in cui la titolarità di impresa è più numerosa riguardano i tradizionali settori economici, in cui l’imprenditorialità cinese si è da sempre distinta, in Italia come all’estero: il commercio all’ingrosso e al dettaglio che registra più di 17.200 unità, le attività manifatturiere con 14.497 unità e il settore ristorativo e alloggiativo con 3.448, a cui seguono altri ambiti non tradizionali. La presenza economica cinese, quindi, in Italia ha sviluppato una florida economia etnica intendendo per essa, secondo la definizione di Edna Bonanich e John Modell «un gruppo etnico, o immigrato, che sviluppa imprenditoria impiegando dipendenti del medesimo gruppo etnico e collaboratori familiari non pagati» (1980, 13). Il mercato a cui essa ha dato avvio è sia “intra” che “extra” comunitario, con l’offerta di beni e servizi ai membri del proprio gruppo come alla popolazione locale, strutturandosi al suo interno e divenendo competitiva.

  • 1 Secondo i dati del Centro Studi di Union Camere, al 31.12.2010, le imprese individuali con titolare (...)
  • 2 Per subfornitura si intende un rapporto, in genere di natura contrattuale ma non è necessario, tra (...)

2Tra i settori tradizionali vi è il commercio, all’ingrosso e al dettaglio, che si caratterizza per la vendita di prodotti realizzati in Italia, a cui si affianca l’attività di importazione e commercializzazione di prodotti made in China (Ceccagno, 2004). Come i dati del Centro Studi Union Camere dimostrano il protagonismo cinese in questo settore si mantiene su un trend constante: se nel 2005 si contavano 10.962 titolari di attività commerciali nel 2010 ve ne sono 17.276, pari al 45,9% del totale delle imprese individuali cinesi. L’effetto diffuso riguarda la vendita ambulante e la vendita al dettaglio, non solo di prodotti di abbigliamento, settore che ha registrato un crescente business che ha invaso gli spazi urbani e rurali. Il rifornimento della merce, sia all’ingrosso che al dettaglio, che si avvale di prezzi e prodotti variegati, mette in evidenza la notevole rete di relazioni di cui dispongono i commercianti cinesi, nonché come la valorizzazione dell’elemento etnico abbia influito positivamente sul business (Ceccagno, 2005; Omero, 2009). Altro settore legato alla storia dell’insediamento cinese è quello manifatturiero, il quale è in costante crescita: infatti, in Italia tra le persone non appartenenti all’Unione Europea che gestiscono attività in proprio, sono cinesi l’81% del totale di coloro che si occupano di abbigliamento e l’88,4% del totale di coloro che operano nel settore delle pelli, cuoio e calzature1 (Ceccagno, 2008). La grande maggioranza delle ditte individuali cinesi sia nell’abbigliamento, come nella pelle, nel cuoio e nelle calzature lavorano come terziste per ditte finali italiane, irrobustendo il lavoro di subfornitura2 che caratterizza la filiera produttiva dei distretti industriali italiani (Ceccagno, 2004, 2008). L’imprenditorialità cinese in questo ambito sta avanzando in varie aree italiane: nel distretto della pelle di Firenze in Toscana, in quello della produzione di calzature a Fermo nelle Marche; nelle attività di tipo sartoriale nell’area romana; tra Veneto e Lombardia, sia nel distretto calzaturiero della Riviera del Brenta come in quello dell’abbigliamento di Treviso e Brescia dove la quota di imprese cinesi è pari al 31,8% e al 20% a cui si accostano i comuni napoletani di San Giuseppe Vesuviano e Terzigno dove i cinesi gestiscono imprese competitive sempre nell’abbigliamento (Foresti, 2010). Nell’ultimo decennio, tuttavia, non fornendo più l’attività di subfornitura una garanzia di arricchimento a causa della frammentazione delle attività produttive, dell’aumento della competizione interna e dei rischi, quegli imprenditori cinesi che disponevano di capitali finanziari hanno iniziato ad operare come ditta finale, risalendo la filiera produttiva. Pur trattandosi di un settore ristretto a cui pochi soggetti hanno accesso, poiché necessita di un capitale umano che si coniuga alla capacità di creare rapporti preferenziali con attori economici italiani e alla disponibilità ad operare a livello transnazionale, il “pronto moda” nell’area di Prato, dove ha avuto inizio, attualmente registra una produzione destinata dal 50% all’80% sia al mercato europeo che a mercati esteri (Ceccagno, 2004, 2008; Omero, 2009).

3Infine il settore ristorativo, se pur abbia attraversato fasi di difficoltà, continua ad essere un ambito che mantiene un trend di crescita: se nel 2005 le imprese individuali cinesi nel settore dei servizi di alloggio e ristorazione ammontava a 1.320 unità, secondo i dati Union Camere nel 2010 raggiunge le 3.448 unità. Si tratta di un ambito attraversato da svariate trasformazioni: dai classici ristoranti a conduzione familiare degli anni ’70, si è passati a locali gestiti con un imprinting manageriale caratterizzati da un arredamento che richiama un gusto cinese raffinato, a cui si sono affiancati negli anni ’80 e ’90 i take-away e i servizi a domicilio. Nello specifico, un settore in crescita all’interno dell’ambito ristorativo è quello dei bar: un trend, quest’ultimo, iniziato nei primi anni 2000 e tuttora in crescita, grazie alla gamma di offerte proposte che variano dallo stile dei locali alle novità inerenti ai cibi (Redaelli, 2008). Questa recente tendenza si affianca alla complessiva e costante trasformazione che attraversa l’economia etnica cinese la quale, nel corso degli anni, ha trovato opportunità di inserimento e affermazione anche in settori del mercato locale. Infatti, si sono sviluppate ulteriori attività in cui vengono offerti servizi rivolti, non solo ai connazionali sul territorio nazionale, ma anche alla popolazione locale. Si tratta di negozi di parrucchiere, di erboristeria, di gioielleria, ma anche Internet point, agenzie di viaggio, studi fotografici e servizi immobiliari. Accanto ad essi, si sono affermati pure servizi nel ramo assicurativo, legale, finanziario e di interpretariato, che hanno colto le esigenze sia dei migranti stabilizzatesi da tempo, come dei nuovi arrivati (Marsden, 2003; Ceccagno, 2003).

2. Le reti familiari ed etniche cinesi: una prospettiva di analisi

4La crescita e diversificazione dell’imprenditoria cinese in più settori, pone degli interrogativi sui fattori che hanno consentito di osservare una penetrazione così ramificata della migrazione cinese nel contesto economico italiano. Consci del fatto che, tale processo di avanzamento e radicalizzazione, può essere osservato da angolazioni differenti, in questo articolo, la prospettiva di analisi che si sceglie di adottare è relativa all’azione delle reti migratorie e al supporto che esse forniscono a chi emigra, soprattutto, nell’agevolare l’inserimento nel mercato del lavoro e la transizione al lavoro autonomo. In particolare, si andrà a considerare l’importanza che acquisiscono le reti familiari ed etniche cinesi nella prospettiva diasporica cinese e nell’inserimento dei migranti nel contesto lavorativo.

  • 3 Ivan Light e Edna Bonacich (1988, 18) affermano che «l’imprenditoria immigrata è tipica di quei gru (...)

5Come è noto, Douglas Massey e colleghi definiscono i “network migratori” o “reti migratorie” come «complessi di legami interpersonali che collegano migranti, migranti precedenti e non migranti nelle aree di origine e di destinazione, attraverso vincoli di parentela, amicizia e comunanza di origine» (1993, 448). Le reti migratorie, definite nella letteratura internazionale come “reti etniche” per cui si intende reti di persone che condividono una comune origine nazionale, permettono il perpetuarsi dei flussi migratori, garantendo la diminuzione dei rischi e dei costi connessi alla migrazione (Massey, 1998). In particolare, esse agevolano l’inserimento nel mercato del lavoro, assicurando una concreta azione di supporto a chi emigra. In tal modo esse non solo influenzano l’attività economica, ma consentono l’attuazione concreta di capitale sociale e la stessa azione economica viene “incorporata” – riprendendo il concetto di “embeddedness” di Karl Polany (1957) sviluppato in seguito da Mark Granovetter (1985) – nelle relazioni sociali degli attori (Massey, 1998). Per Ivan Light e Parminder Bachu (2004, 37) «i network migratori sono risorse imprenditoriali che espandono le opportunità economiche degli immigrati», per cui il capitale sociale veicolato dalle reti diventa cruciale anche nel facilitare la transizione all’imprenditoria immigrata3. Essa è possibile perché i network agevolano il flusso di informazioni che si fonda sulla credibilità dei membri della rete, permettono la riduzione del costo del lavoro con l’impiego nelle aziende di collaboratori familiari e riservano ai membri aiuto ed assistenza reciproca, sia con l’acquisizione di competenze che di esperienza professionale favorendo le carriere e la formazione “on the job” (Aldrich et al., 1990). È sempre grazie all’appartenenza ad un network familiare ed etnico che vengono recuperati crediti finanziari, in quanto la circolazione di fiducia nelle reti a base etnica rappresenta una forma di accreditamento che agevola l’accesso a finanziamenti, la partecipazione a reti di imprese o a circuiti sociali vantaggiosi. Una volta poi che l’attività è avviata, è ancora grazie alla rete etnica che gli imprenditori stabiliscono relazioni e accedono ad agevolazioni (Light e Bonacich, 1988; Ambrosini, 2006).

6La prospettiva dei network assume una rilevanza interessante se si sposta l’attenzione sull’interconnessione di relazioni che caratterizza la società cinese, espressione del pensiero confuciano secondo cui la collettività è radicata sulle interdipendenze tra gli individui, come prendendo in esame la dimensione migratoria (Chen, 2001). Nel momento in cui i cinesi, infatti, emigrano dalle tradizionali regioni di partenza nel sud est della Cina quali il Zhejiang, il Fujian, il Guangdong e l’Hainan, sono abili nell’impiegare le reti familiari ed etniche per realizzare il loro progetto migratorio, come nel perseguire l’inserimento socio-lavorativo e la promozione al self-employment. Nello specifico, i network migratori agiscono sulla base di due strutture sociali radicate nella società cinese: la famiglia che rappresenta il fulcro dei legami; e le reti etniche caratterizzate da rapporti amicali e con compaesani, provenienti dalla stessa area all’interno del distretto di origine, con cui il migrante condivide la medesima cultura e comunanza dialettale (Chan e Chiang, 1994). Rapporti familiari e rapporti etnici, dunque, imbrigliano ogni cinese in un network di relazioni sociali interconnesse, che si mantengono tali durante le fasi del processo migratorio.

  • 4 A parte la famiglia nucleare il singolo è parte di una struttura parentale più ampia. Essa si ident (...)

7Quest’ultimo vede l’influenza, prima di tutto, della famiglia cinese e solo in seguito delle reti etniche. Grazie alla filosofia confuciana la famiglia, che nella società cinese è per tradizione una struttura gerarchica molto forte4, ha assunto un’importanza indiscussa sia come unità organizzativa che lavorativa (Freedman, 1966). L’influenza che essa esercita sull’esistenza dei propri membri è continuativa e va’ al di là della stretta convivenza, esplicandosi anche in merito alla scelta di migrare che non è solo propria di ogni huaqiao, ossia del cinese che emigra all’estero, ma che riguarda pure tutta la sua famiglia (Chan e Chiang, 1994; Chan, 2006). È quest’ultima, infatti, che si adopera per rendere possibile il progetto migratorio assicurando ad un suo membro nel contesto di destinazione un supporto logistico, avvalendosi della rete parentale sia in parte che totalmente ricongiunta, come il recupero di capitale finanziario necessario per coprire le spese del viaggio e l’acquisizione dei documenti. Tuttavia, il progetto migratorio vincola il migrante alla contrazione di due tipi di debiti: quello “morale” in nome del quale chi emigra cerca di transitare in breve tempo dalla condizione di dagong (lavoratore dipendente) a laoban (lavoratore autonomo); e quello “economico” con la restituzione della somma prestata. Inoltre, è ancora grazie al network familiare che il migrante, giunto nel paese di destinazione, viene “smistato” negli ambiti lavorativi da esso gestiti, oppure raggiungibili grazie alla sua cerchia di influenza, aspirando ad una mobilità ascendente (Chan, 2006). Vari studi sulle comunità cinesi nel Sud Est Asiatico (Redding, 1993), negli Stati Uniti (Zhou, 1992; Wong, 2005) e in Europa (Benton e Pieke, 1998) evidenziano come il ruolo centrale della famiglia cinese, nel progettare, sostenere e gestire l’unità produttivo-familiare fondata sull’apporto primario della coppia e sul contributo delle giovani generazioni, poggia proprio sulla convivenza produttiva di familiari e parenti i quali condividono, oltre all’appartenenza etnica, il medesimo sistema valoriale e la stessa identità culturale (Ceccagno, 1998; Campani et al., 1994).

  • 5 In merito all’estensione delle guanxi per alcuni autori (Yeung e Tung, 1996) sono rapporti che conn (...)

8Se la migrazione è principalmente una questione familiare, in base a studi effettuati sui flussi migratori, si apprende che essa si avvale anche dell’apporto delle reti etniche, caratterizzate dal legame che il migrante ha instaurato con persone con le quali ha condiviso esperienze significative nella sua vita. Dunque, nel sostenere finanziariamente il progetto migratorio del singolo, è ancora la famiglia a mettersi in gioco rivolgendosi ad amici, vicini di casa e compaesani per ottenere liquidità immediata. Nel fare questo, le reti familiari si intersecano con quelle etniche in connessioni interpersonali, dette guanxi5 (relazioni), che facilitano le interazioni tra soggetti in base ad obblighi derivanti da favori reciprocamente scambiati consistenti, soprattutto, nella concessione di prestiti di denaro. Se la famiglia, quindi, con propri amici e connazionali è disposta a stabilire guanxi, in quanto si tratta di legami che si ridefiniscono in continuazione comportando costi in termini di tempo e di attenzione concessa ai membri del network, tali pratiche sono rilevanti sia nel concretizzare le fasi del progetto migratorio che nell’assicurare l’inserimento lavorativo del migrante. Pertanto, “avere buone guanxi”, significa per un cinese aver tessuto nel corso della propria vita un network di contatti, di cui può disporre quando ne necessita. Pertanto, chi non coltiva guanxi è escluso da ogni relazione e da ogni beneficio possibile nel farne parte (Chan e Chiang, 1994; Chan, 2006; Yan, 1996). Le relazioni di guanxi che il migrante, o la sua famiglia intreccia con soggetti esterni, sono rilevanti sia per agevolare l’entrata nel mercato del lavoro cinese, come Yanjie Bian (2002) ha dimostrato nei suoi studi, che per conseguire un primo inserimento lavorativo in un nuovo contesto sociale. In tal senso, per Ivan Light e Steven J. Gold (2000), i rapporti di guanxi sono uno degli esempi più emblematici di capitale sociale veicolato dalle reti etniche cinesi, di cui il migrante benefica anche nel self-employment. Proprio in merito all’imprenditoria dei migranti di Wenzhou stabilitisi a Milano, Daniele Cologna (2005) riconosce la rilevanza di tali pratiche nel supportare l’esperienza migratoria cinese tra gli anni ’80 e ’90. Dopo la prima fase di estinzione del debito, infatti, il migrante è stato in grado di ampliare il network di relazioni fiduciarie concedendo prestiti anche ad amici o connazionali che ha recuperato quando lui stesso ha avviato una propria attività. In seguito, per investire in successive scelte imprenditoriali, ha stretto ulteriori guanxi pur contraendo con connazionali vincoli di reciprocità.

3. Il settore della ristorazione: l’azione “alternata” delle reti familiari ed etniche

9L’influenza delle reti familiari ed etniche cinesi, sia nell’agevolare l’inserimento lavorativo dei migranti che la loro transizione al lavoro autonomo, è stata osservata considerando due casi studio. Il primo riguarda l’ambito della ristorazione in provincia di Milano, uno dei settori tradizionali dell’economia etnica cinese sviluppatosi nel capoluogo lombardo sin a partire dai primi anni ’60; il secondo, è il distretto del porfido e delle pietre trentine, localizzato in provincia di Trento tra la Val di Cembra e l’Altopiano di Pinè, caratterizzato da circa 150 cave. Si tratta di un distretto legato alla storia del territorio trentino, che ha assicurato da sempre un’allocazione lavorativa alla popolazione locale nelle fasi di estrazione, lavorazione e commercializzazione. A partire dagli anni ’80, il distretto è stato caratterizzato dalla presenza dei primi migranti calabresi e campani e a seguire dai primi lavoratori stranieri giunti dalla Spagna e dal Portogallo e, verso la fine del decennio, dalla Macedonia e dal Marocco. Ad essi, verso i primi anni ’90, hanno fatto seguito i lavoratori cinesi originari del Zhejiang e Fujian.

  • 6 La ricerca qualitativa si è basata su una metodologia di campionamento a “valanga”. In totale, il n (...)
  • 7 Tali liste di lavoro sono vendute a basso costo (0,30/0,40 €) nei bar, negozi e librerie cinesi del (...)

10Considerando, dunque, la prospettiva dei network e l’influenza da essi esercitata sulla collocazione lavorativa dei migranti, dalla ricerca condotta sulla base di 56 interviste a lavoratori dipendenti ed autonomi6, emerge un quadro che rileva un’incidenza differente della famiglia cinese e delle reti etniche rispetto ai due contesti presi in esame, mettendo ad un tempo in evidenza tratti comuni. Premettendo che la forte mobilità territoriale dei migranti cinesi, come sottolinea Antonella Ceccagno (2003), permette loro di creare contatti con connazionali ovunque, è plausibile considerare che l’inserimento nel settore ristorativo a Milano possa essere facilitato dall’intervento di membri della famiglia nucleare o allargata, pur non residenti in Lombardia. Tuttavia, dai dati di ricerca in merito al settore della ristorazione cinese si apprende che, non per tutti i lavoratori dipendenti, il primo accesso all’ambito ristorativo è avvenuto grazie all’apporto di familiari e parenti, nonostante la gran parte di loro sia giunta in Italia contando sulla presenza della famiglia nucleare come allargata. Per la precisione, solo circa un terzo degli intervistati si è avvalso dei contatti ottenuti da familiari e parenti residenti proprio a Milano, mentre una minima parte ha ricevuto l’appoggio di amici o connazionali. Invece, ben più di un terzo ha trovato la prima occupazione avvalendosi di “agenzie di lavoro informali”, rappresentate da note liste di annunci pubblicati in cinese, a cui si affiancano i tanti giornali diffusi nella comunità cinese7.

  • 8 È da precisare che, nel caso il garante sia stato un amico o connazionale titolare di una propria a (...)

11Andando ad osservare da vicino le storie degli intervistati emerge che, tra coloro che si sono avvalsi dell’appoggio della rete parentale, il legame che essi dimostrano di avere con la stessa è un rapporto vincolante nel passato come nel presente. Infatti è grazie a genitori, fratelli o zii, che tali soggetti hanno potuto giungere in Italia mediante l’aiuto di un connazionale che ha accettato, su intervento di un familiare o parente, di essere il “garante” del migrante. Con l’offerta, dunque, di un contratto di lavoro e l’espletamento delle pratiche necessarie per l’ottenimento del permesso, il migrante ha contratto con il garante un debito economico non inferiore ai 5.000 € e non superiore, in genere, i 20.0008. Quindi questi soggetti, al momento dell’arrivo, si sono trovati imbrigliati nei vincoli imposti dalle relazioni di guanxi che, la famiglia o i parenti, hanno intrecciato con la rete etnica in Italia. In seguito, si sono ulteriormente legati alla famiglia, perché è ad essa che si sono rivolti direttamente o grazie ai contatti da essa messi a disposizione, per inserirsi nella ristorazione svolgendo svariate mansioni in base alle occasioni proposte dal mercato etnico. Allo stesso modo, sia tra i pochi che si sono avvalsi del supporto di amici e compaesani come tra i molti che hanno usufruito delle liste di lavoro a pagamento, nella prima fase anche per loro il capitale sociale veicolato dalla rete familiare è stato basilare sia per ricevere supporto alloggiativo che, sempre per mezzo dell’intervento di un garante, il permesso di soggiorno. Tuttavia, se pur la famiglia si sia esposta contraendo rapporti di guanxi con la rete etnica, è plausibile affermare che questi soggetti abbiano voluto ricercare una via di indipendenza dallo stesso raggio di influenza della famiglia come dalla possibilità di stringere ulteriori guanxi con amici o connazionali, a cui seguono inevitabilmente conseguenti obblighi. Quindi, a parte i pochi casi che nel primo accesso alla ristorazione si sono di nuovo rivolti alla rete etnica, in quanto si trattava di contatti da cui sapevano che potevano facilmente ottenere agevolazioni, molti più intervistati hanno invece preferito impiegare le liste di lavoro a pagamento. Strumenti, questi ultimi, voluti da una comunità come quella cinese stabilitasi da tempo sul territorio milanese, che a prezzi vantaggiosi consentono la circolazione di informazioni lavorative tra i connazionali. Per altro, l’impiego di tali liste seguite solo in seconda istanza dall’aiuto richiesto alla rete etnica, si sono rivelate fondamentali anche per quella metà di intervistati che, accumulando esperienze differenti nell’ambito ristorativo, ha sperimentato inserimenti successivi al primo. Ugualmente, nell’ottenere l’attuale lavoro, solo una minima parte di coloro che, in Italia come a Milano poteva avvantaggiarsi del supporto della rete parentale, si è rivolto ad essa. Inoltre solo 5 soggetti si sono affidati alle pratiche di guanxi con amici e connazionali, mentre 10 hanno preferito utilizzare le liste a pagamento. A questi ultimi, si aggiungono quei pochi casi di migranti giunti in Italia senza il sostegno di una rete parentale, per cui proprio tali liste hanno rappresentato l’unico strumento utile per trovare occupazione.

12È da precisare, comunque, che l’utilizzo delle liste di lavoro, non significa per forza “volontà di rottura” da parte del migrante con la famiglia stessa. Piuttosto, per molti, tali liste hanno rappresentato uno strumento con cui apprendere in breve tempo di offerte lavorative; mentre solo in due casi ciò ha significato un rapporto compromesso tra il figlio e il genitore, oppure tra il nipote e lo zio, per cui è diventato impellente cercare vie alternative di accesso occupazionale. Inoltre, l’utilizzo di tali annunci, ha conferito la possibilità ai migranti di effettuare esperienze lavorative differenti, transitando tra le varie dimensioni culinarie-economiche della ristorazione cinese, fino a fuoriuscirne accedendo a locali gestiti da datori italiani e, in seguito, facendone ritorno. Al contrario, una tale varietà di esperienze lavorative, è stata preclusa a chi ha avuto accesso al mondo ristorativo grazie alla rete familiare e parentale, poiché il capitale sociale messo a disposizione dai reticoli familiari, come asserisce Maria Luisa Bianco (1996), è specializzato e dunque utile a favorire occupazioni solo in nicchie economiche tipiche del gruppo etnico. Per cui il raggio di conoscenza della famiglia ha favorito per lo più l’accesso alla ristorazione cinese classica, oppure a quella giapponese gestita comunque da imprenditori cinesi, non incalzando per l’uscita da traiettorie professionali già tracciate.

13Considerando, invece, i percorsi di inserimento lavorativo dei titolari dei ristoranti dalle interviste emerge che, il passaggio al self-employment, chiama in causa con forza il ruolo della famiglia nucleare come allargata e, solo in seconda istanza, i rapporti di guanxi con soggetti esterni ad essa. Questo è particolarmente vero se si considera chi ha ereditato all’età di 20 anni il locale da parte dei genitori ma anche chi, arrivato più di vent’anni fa in giovane età e cresciuto con i propri zii, si è introdotto nell’ambito ristorativo sempre grazie alla gestione familiare dell’attività. In entrambi i casi, per questi ristoratori è stato basilare poter disporre di un nucleo familiare in grado di trasmettere loro un background formativo ed esperienziale, l’acquisizione di competenze “on the job”, sollecitando il senso di attaccamento e passione verso l’attività stessa. Inoltre, sempre grazie ai genitori o parenti, questi ristoratori hanno potuto aprire un locale innovativo nell’arredamento, nello stile e nelle proposte culinarie, in cui l’investimento finanziario richiesto è stato notevole. Se per questi soggetti, dunque, il diversificato sostegno della famiglia si è tradotto in azioni concrete, rappresentando il fulcro delle loro strategie, il ruolo delle reti etniche è stato pressoché marginale. Solo di fronte alla scelta di diversificare il business familiare con la gestione di più locali, oppure di attività parallele in altri settori sia a Milano quanto a Shanghai intrecciando rapporti transnazionali basati sul coinvolgimento di più familiari nel management, le reti etniche sono diventate rilevanti poiché l’impiego di ulteriori capitali è stato possibile solo intessendo guanxi. Le guanxi, dunque, hanno permesso l’ampliamento dell’unità produttivo-familiare e la sua conseguente trasformazione, rendendo innanzitutto meno definita la sua natura prettamente “etnica”, con l’assunzione di dipendenti di altre nazionalità come offrendo prodotti culinari ad una clientela variegata, che creando opportunità manageriali di alto livello. Alcuni fra i ristoratori incontrati, infatti, sono oggi soggetti in grado di veicolare un prestigioso ed utile capitale sociale, distribuibile sia a chi appartiene all’asse della rete etnica cinese, come ad imprenditori italiani attratti da nuove chance di business. I rapporti di guanxi, dunque, se ad un primo livello si rivelano pratiche utili all’accesso al mondo della ristorazione cinese, ad un livello più complesso di interazione si estendono al di là della consuetudinaria rete etnica, attirando a sé manager locali che, con il capitale che mettono in gioco, ritornano utili al business familiare.

14Non per tutti i ristoratori intervistati, però, l’esperienza nel settore ristorativo è stata favorita dalla gestione di un locale da parte della famiglia. Si tratta di soggetti che, come molti dipendenti, si sono inseriti nella ristorazione cinese usufruendo dei rapporti di guanxi con propri amici, pur avvalendosi della rete familiare presente a Milano, a cui hanno accostato l’uso delle liste o giornali italiani di annunci lavorativi. Solo in un secondo momento, la loro esperienza è diventata più simile a quella dei primi ristoratori, ossia quando la famiglia sia nucleare che allargata ha assunto un ruolo cruciale nella transizione al lavoro autonomo. Infatti certi giovani laoban, per realizzare il loro progetto imprenditoriale coincidente con l’apertura di un bar quale prima tappa di un’esperienza a cui pensano possa seguire quella ristorativa, sono riusciti ad ottenere prestiti dalla cerchia parentale in Italia come in Cina grazie all’autorità dei genitori, a cui hanno fatto seguire in accordo con loro un mutuo bancario. Invece, i legami di guanxi con propri amici, a cui si sono direttamente rivolti, sono sopraggiunti solo in un secondo momento. Tuttavia, per una questione di rispetto dei rapporti tra la famiglia e la cerchia esterna di relazioni, gli amici e i parenti sono stati onorati per primi nella restituzione del debito a cui, per ultimi, sono seguiti i genitori.

4. Il distretto del porfido: l’azione “incisiva” delle reti familiari ed etniche

  • 9 La pietra viene lavorata secondo tre passaggi: la “prima”, la “seconda” e la “terza” trasformazione (...)

15Spostando l’attenzione sul distretto del porfido, la ricerca condotta evidenzia come l’azione delle reti familiari ed etniche cinesi sia più decisiva per i migranti che giungono in Trentino e si inseriscono nel settore lapideo. Come è avvenuto per i cinesi incontrati in provincia di Milano, così per i migranti in provincia di Trento, l’arrivo in Italia è stato motivato sia dalla presenza in varie città di un membro della famiglia nucleare o allargata, come dalla contrazione di un debito con dei connazionali titolari di attività nell’ambito ristorativo o tessile, a cui la famiglia si è rivolta per l’ottenimento del permesso di soggiorno. Inoltre, sempre grazie alla rete parentale soprattutto nelle zone di origine, tali soggetti hanno potuto slegarsi dalla pressione derivante dalle richieste di servizi illegali a pagamento offerti dai sodalizi criminali, originari del Zhejiang o Fujian, al fine di emigrare dalla Cina verso l’Europa. In queste prime fasi, il protagonismo della famiglia cinese si intreccia ancora una volta con quello delle reti etniche. Infatti, il primo inserimento lavorativo è avvenuto non solo in attività gestite da familiari nei vari ambiti dell’economia etnica, quanto da connazionali sia nel distretto tessile di Prato, che nei vari laboratori di abbigliamento dislocati nel Veneto e in Lombardia, come nel distretto lapideo di Barge e Bagnolo Piemonte per lavorare nel comparto della II trasformazione impiegando, in tal modo, per alcuni l’esperienza professionale maturata nelle cave di pietra nella zona di Wenzhou9. Varie, dunque, sono state le occupazioni che i lavoratori del porfido hanno conseguito prima di approdare in Trentino, soprattutto nel caso di coloro che, giunti in Italia in modo irregolare, oltre all’iniziale debito per le spese di viaggio hanno dovuto pagare ulteriori somme a laoban cinesi o italiani al fine di ottenere un contratto da esibire in vista delle varie sanatorie, tracciando traiettorie migratorie intricate e accettando condizioni lavorative per nulla garantiste dei principali diritti del lavoratore.

  • 10 È da precisare che nessun datore di lavoro straniero di origine macedone, albanese, marocchina e ci (...)
  • 11 I lavoratori cinesi preferiscono di gran lunga lavorare per ditte italiane, rispetto che per ditte (...)

16Il trasferimento in Trentino, dunque, e l’inserimento nel distretto del porfido per la maggior parte dei cinesi intervistati non è stato immediato. In particolare, per chi poteva disporre di una rete familiare stabilita da tempo nel distretto, il primo inserimento è avvenuto per esempio perché uno dei familiari o parenti era titolare di una ditta individuale, soprattutto nella fase di II trasformazione e posa in opera visto che le ditte cinesi, come quelle straniere in generale, si inseriscono per lo più in questi due comparti10. In particolare, il migrante continua a permanere all’interno dell’impresa etnica finché non perde il posto di lavoro, a causa della chiusura della ditta o dell’insorgere di contrasti interni. Infatti, la forza e il potere spesso di sopraffazione che certi datori cinesi esercitano sui loro dipendenti, al di là del fatto che siano membri della loro famiglia, porta ad erodere la solidarietà interna al lignaggio con ripercussioni sulle famiglie di origine. In più di un caso, invece, il nuovo arrivato è stato presentato dal familiare o parente ad un imprenditore o artigiano italiano come ad un artigiano macedone o marocchino11, poiché le reti familiari spesso vengono attivate dagli stessi datori che incaricano il dipendente più stimato a reclutare ulteriore forza lavoro. Inoltre, il network familiare continua ad essere cruciale anche per garantire gli inserimenti successivi nel distretto, sia per ditte italiane come di altra nazionalità. La famiglia cinese, quindi, sia nucleare che allargata, è una delle vie di accesso principali al distretto del porfido sia per quella minoranza di intervistati che, in Trentino, si sono ricongiunti a propri familiari e parenti stabilitesi in questo territorio da tempo, e sia per coloro che sono stati legati a vincoli economici precedenti con la propria cerchia parentale. Per questi ultimi, emigrare in Trentino non è significato solo svolgere un lavoro con migliori condizioni contrattuali e salariali rispetto alle mansioni svolte nei tradizionali ambiti dell’economia etnica, ma anche stabilizzarsi in un territorio in cui i rapporti con la cerchia parentale non potevano essere evitati, soprattutto, se caratterizzati da obblighi precedenti. Tuttavia, la maggiore stabilità economica che il distretto del porfido garantisce e che tanto i cinesi che emigrano da altri contesti urbano-economici hanno cercato di conseguire, li ha portati ad accettare di entrare in un ambito lavorativo così particolare vincolandosi ancora alla propria famiglia nonostante ciò potesse significasse maggiore controllo.

  • 12 Nel distretto i migranti cinesi sono soggetti a continui inserimenti lavorativi. Una motivazione è (...)

17Dall’altra, la ricerca mette in evidenza che il raggio di azione della famiglia cinese non è così influente per tutti i lavoratori che entrano come nuova forza lavoro nel settore lapideo. Questo è per lo più imputabile agli scarsi numeri che l’imprenditoria cinese, nel distretto del porfido, registra pari nel 2011 a solo 15 ditte individuali; un numero molto esiguo se si considerano le 911 ditte individuali cinesi nel settore ristorativo e alloggiativo in provincia di Milano al 31.12.2010. Dunque, poiché le ditte cinesi sono in così scarso numero nel distretto, l’inserimento lavorativo nello stesso vede come protagoniste le reti etniche che si sono rivelate fondamentali, sia per giustificare la migrazione in Trentino degli intervistati, che l’ottenimento del primo contratto presso una ditta nel distretto. Le reti etniche diventano ancora più determinanti negli inserimenti successivi: visto che le imprese etniche cinesi registrano un basso turn over dei dipendenti, è solo grazie alle conoscenze che il migrante dispone con amici e connazionali che può cercare ulteriori opportunità lavorative tra le ditte italiane o di altra nazionalità. Inoltre è sempre attraverso le reti etniche che alcuni degli intervistati, dopo aver fallito nel tentativo di gestire una propria attività nel settore tessile o ristorativo a Milano o Prato, sono riusciti a reintrodursi di nuovo nel distretto. L’esclusività, però, nel favorire gli inserimenti lavorativi da parte delle reti etniche fa sì che i rapporti di guanxi non si concretizzino solo per una serie di favori reciproci tra compaesani, come per lo più si è riscontrato a Milano, traducendosi invece in una vera e propria corresponsione di denaro a chi ha agevolato l’ottenimento del contratto. Infine, a causa della scarsa conoscenza della lingua italiana, i lavoratori cinesi necessitano sempre dell’appoggio di un familiare o conoscente già introdotto nel distretto per muoversi, per cui sono pochissimi i casi in cui è l’iniziativa del migrante a consentirgli di trovare lavoro divincolandosi dall’azione delle reti familiari ed etniche12.

18Infine, considerando il lavoro autonomo, il quadro fino ad ora delineato si riconferma. Chi tra gli intervistati, infatti, ha deciso di diventare laoban dopo qualche anno passato come dipendente, ha ricevuto prima di tutto dalla rete familiare in Italia il supporto principale, vista la condizione di estrema umiltà delle famiglie nelle zone di origine. Tuttavia, acquistare le attrezzature ex novo oppure rilevarle dal precedente datore, ha comportato per questi soggetti anche la contrazione di un mutuo, come procedere all’intessitura di guanxi con amici o connazionali residenti in Trentino e in altre zone d’Italia. È da precisare, però, che diventare laoban non è per i cinesi del distretto una condizione che ha garantito loro un salto di qualità. In tal senso, la prospettiva del self-employment permette di rilevare in modo ancora più netto la differenza tra il settore della ristorazione e quello del porfido. Infatti, se nel primo i ristoratori cinesi mostrano una complessiva libertà di azione nella gestione della loro attività, senza subire un’influenza diretta della comunità cinese quanto piuttosto quella trasversale della famiglia, nel secondo la condizione degli artigiani cinesi è inquadrata in un framework costrittivo dato dal contesto distrettuale che incide direttamente sulla loro crescita e affermazione economica. Essere laoban, infatti, non cambia di molto la situazione lavorativa di un migrante cinese. Se si considera, per esempio, coloro che lavorano nella II trasformazione si tratta di soggetti che mantengono le stesse mansioni svolte come dipendenti, continuano a lavorare presso il medesimo laboratorio gestito dall’ex datore italiano e, come spiega di seguito un esperto, sono a lui vincolati nell’acquisto del grezzo e nella vendita del prodotto finito secondo un prezzo concordato.

[gli imprenditori] chiedevano ai loro dipendenti soprattutto agli stranieri macedoni e marocchini che facevano la seconda lavorazione […] che era diventata un’attività a poco valore aggiunto di mettersi in proprio: “Ti affitto la macchina, ti affitto il piazzale, io ti vendo il materiale, io te lo compro”. Così tu hai l’illusione di essere artigiano non rendendosi conto questi che erano col cappio al collo perché la condizione era: “Solo a me”. Non ad altri? Non ad altri: “Guai a te, perché se io scopro che [vendi ad altri] finisce la commessa”. Quindi […] erano letteralmente […] dei lavoratori subordinati (sindacalista CGIL, Trento).

19Inoltre, accade pure che l’artigiano cinese sia legato all’imprenditore italiano dalla firma che quest’ultimo pone come garanzia per la contrazione di un mutuo bancario, utile all’acquisto di macchinari, condizione che lega doppiamente l’artigiano all’imprenditore limitandone il raggio d’azione. È da aggiungere infine che solo i primi artigiani cinesi, comparsi nel distretto verso la metà degli anni 2000, percepivano introiti più sostanziosi rispetto agli attuali. A causa, infatti, della crisi economica che ha fortemente colpito il distretto del porfido negli ultimi quattro anni inasprendo la competizione tra le imprese, la sofferenza economica delle ditte individuali straniere, tra le prime a risentire delle ripercussioni di un mercato in contrazione, ha colpito duramente anche l’imprenditorialità cinese. Si deduce, dunque, che per quasi tutti gli intervistati il passaggio al lavoro autonomo è stato una modalità con cui i datori italiani hanno trasferito sui laboriosi dipendenti cinesi parte del rischio d’impresa. Al contrario, per questi ultimi, dotati di limitate competenze conoscitive in grado di comprendere appieno l’impegno assunto, è significato affrontare una serie di responsabilità e di aggravi fiscali non previsti, con l’inasprimento di non potervi far fronte con adeguati introiti. Da qui la decisione assunta da parte di alcuni lavoratori, dopo qualche anno in cui hanno operato come autonomi, di tornare ad essere dipendenti; mentre, i 6 datori cinesi intervistati, hanno espresso tutti l’intenzione di continuare ad operare come laoban, nonostante le difficoltà. Tale posizione, infatti, ha conferito loro non solo uno status economico, ma anche autorità e rispetto all’interno dell’intera cerchia parentale.

5. Conclusioni

20Le reti familiari ed etniche, quindi, sono la principale via di affermazione della presenza economica cinese nel contesto sociale italiano e, questo, emerge anche in merito al settore della ristorazione cinese in provincia di Milano e del distretto del porfido in provincia di Trento. In entrambi i contesti, la ricerca mette in evidenza l’azione di guida e sostegno della famiglia cinese nel facilitare la scelta migratoria del soggetto e il suo inserimento regolare in Italia. Nelle prime fasi della migrazione, essa si esplica in accordo con i rapporti di guanxi che la famiglia stessa intreccia con soggetti esterni ad essa, al fine di supportare appieno il progetto migratorio di un suo membro.

21In relazione al settore ristorativo e all’inserimento lavorativo dei migranti cinesi, l’influenza della famiglia risulta essere vincolante solo per alcuni intervistati che, dal suo raggio di azione, non riescono o non possono svincolarsi determinando la loro entrata nell’ambito ristorativo. Ad essa si accostano le reti etniche e la creazione di rapporti di guanxi con amici e connazionali, che diventano pratiche fondamentali per garantire una prima sistemazione lavorativa. Dall’altra, i dati di ricerca mettono in evidenza che, se il migrante trova la possibilità di accedere al mondo ristorativo usufruendo di strumenti facilitatori che la comunità cinese gli offre, coglie questa opportunità. Una volta, dunque, svincolato dal debito contratto con la famiglia o le reti etniche, le sue scelte lavorative sono dettate da una volontà di indipendenza dalla rete familiare ed etnica. Per cui al primo inserimento, ma soprattutto agli inserimenti successivi, l’importanza dell’impiego di tali strumenti facilitatori aumenta. La possibilità di accesso al distretto del porfido, invece che comporta entrare in un contesto economico-locale ben specifico, avviene per il migrante cinese solo ed esclusivamente attraverso la rete familiare ed etnica. Al fine, quindi, di perseguire una stabilità lavorativa ed economica, gli intervistati sono stati costretti ad usufruire del capitale sociale messo a disposizione da familiari e parenti inseriti da tempo nel distretto, anche se avevano contratto obbligazioni economiche precedenti direttamente con loro, oppure attraverso l’intervento della rete etnica attivata sempre dalla famiglia. La stessa transizione da una ditta all’altra avviene in base alle direttive tracciate dal network cinese, la cui osservazione delle regole condivise comporta onorare fino in fondo l’aiuto ricevuto.

22In merito alla dimensione imprenditoriale, la ricerca mette in evidenza che, in entrambi i contesti economici, per i migranti cinesi è cruciale l’apporto della famiglia sia nucleare che allargata in termini di capitale sociale, umano e finanziario. Pertanto, l’azione altrettanto rilevante delle reti etniche e delle pratiche di guanxi segue quella familiare. Tuttavia, come Cologna sottolinea (2005), rispetto agli anni ’80 per un migrante cinese è sempre più difficile accumulare capitale finanziario per aprire una propria attività e conseguire in poco tempo una posizione autonoma. Pertanto, solo coloro che alle spalle hanno avuto una famiglia che ha accettato di impegnarsi per il loro progetto imprenditoriale, sono riusciti a diventare self-employer. Come si è visto, sono più tutelati coloro che possono vantare una rete familiare affermata nel settore da anni, poiché il network di relazioni messe in campo da tali soggetti è tale da includere svariati attori economici, potenziando la loro capacità di negoziazione che li posiziona ad alti livelli di contrattazione. Una prospettiva possibile solo a pochi in quanto, come si è riscontrato, la gran parte dei ristoratori si mantiene ad un livello manageriale di media portata puntando alla conservazione della propria unità produttivo-familiare. Questo risulta ancora più vero per gli artigiani cinesi nel distretto del porfido, i quali non dispongono di un potere di contrattazione tale da renderli competitivi, rivelando grandi limiti legati sia al capitale umano che finanziario, a cui segue la condizione di complessiva subordinazione alle direttive delle ditte italiane. Quindi, per più di un lavoratore, la posizione da dipendente è preferita a quella di laoban sinonimo, troppo spesso, di difficoltà economica e di avanzamento in termini di status e potere.

23Infine, è importante sottolineare come la ricerca focalizzi l’attenzione sulla prospettiva dei network migratori risaltando, ad un tempo, la differenza tra due settori completamente opposti. L’ambito ristorativo, come si è detto, è un settore tradizionale dell’economia cinese che, ad un’osservazione attenta, si può sempre meno definire come “etnica” ma più opportunamente come “mista” secondo la definizione di Robert Kloosterman e Jan Rath (2001), in quanto caratterizzata sia da elementi tipicamente etnici come da elementi che fanno parte dell’economia del contesto in cui si colloca. La ristorazione, dunque, è un settore da sempre espressione della tipicità etnica cinese ma, ad un tempo, è stato sempre più investito da innovazioni, soprattutto nel corso degli anni 2000, che hanno riguardato nuovi stili culinari basati su un gusto esotico sempre più particolare e raffinato, caratterizzati anche dall’abbinamento innovativo della cucina cinese con quella di altri stati asiatici. Questi nuovi orientamenti sono stati accompagnati anche da nuovi stili di arredamento, altrettanto differenti a seconda delle tendenze adottate dai ristoratori sempre più inclini ad offrire alla clientela locali ricercati ed eleganti. Pertanto, al fine di rimanere competitivo e di mantenere una certa spendibilità tra le offerte imprenditoriali, questo settore ha dovuto affrontare i periodi di decrescita rinnovandosi continuamente e rimanendo dinamico. Inoltre, l’imprenditorialità cinese è stata la prima a saper cogliere i differenti gusti culinari degli immigrati: alcuni ristoratori hanno investito, infatti, in locali specializzati in cucina sud-americana estendendo, in seguito, la propria abilità anche alla cucina italiana. È ancora un ambito che offre margini di mobilità sociale verso l’alto e permette, a chi è già affermato, di investire in network di relazioni ad alti livelli che si traducono in differenti forme di impresa.

24Al contrario, il distretto del porfido non mostra una dinamicità così spiccata come il settore ristorativo e, questo, è dovuto alla sua stessa conformazione: la pietra è un prodotto che si presta solo a determinate lavorazioni; le stesse fasi di produzione sono ben definite; per di più, gli attori economici sono intrecciati gli uni agli altri e ubbidiscono ad una struttura verticale di potere. Un potere detenuto dai circa 100 concessionari del distretto e dal 30% di coloro che possiedono l’intera filiera. Si tratta di ditte che ricavando il grezzo, ossia il materiale pregiato, ne stabiliscono il prezzo influenzando di conseguenza lo stesso prezzo del prodotto finito. In tal senso, la gran parte dei rimanenti attori, ossia artigiani locali e stranieri, si posiziona rispetto ai concessionari in una posizione di subalternità sia in merito alla competizione sui prezzi, come all’opportunità di operare nelle cave migliori, quelle che garantiscono il materiale pregiato, o in comparti di lavorazione redditizi, colmando spazi non monopolizzati dagli attori più influenti. In questa situazione di staticità, resa oggi precaria dalla forte crisi che ha investito il settore, i lavoratori stranieri sono i più svantaggiati anche in termini di capitale finanziario e umano. Una possibilità di avanzamento, in grado di potenziare il loro contributo e il loro status, non è mai stata realmente possibile e, se essa si configura, avviene solo all’interno delle direttive della grande azienda. Di conseguenza, più artigiani stranieri e in particolare cinesi, stanno lasciando negli ultimi due anni il settore cercando altrove nuove possibilità di affermazione economica quanto professionale.

Torna su

Bibliografia

Aldrich H., Waldinger R., Ward R. (1990), Ethnic entrepreneurs: immigrant in industrial societies, London e New Delhi, Sage, Newbury Park.

Ambrosini M. (2006), Delle reti ed oltre: processi migratori, legami sociali e istituzioni, Working Paper, Dipartimento di Studi sociali e politici, Università degli Studi di Milano.

Benton G., Pieke F. (1998), The Chinese in Europe, Palgrave, MacMillan.

Bian Y. (2002), Institutional holes and job mobility processes: guanxi mechanisms in China’s emergent labor markets, in Gold T., Guthrie D., Wank D., Social connections in China. Institutions, Culture, and changing nature of guanxi, New York, Cambridge University Press.

Bianco M.L. (1996), Classi e reti. Risorse e strategie degli attori nella riproduzione sociale, Bologna, il Mulino.

Bonanich E., Modell J. (1980), The economic basis of ethnic solidarity, Los Angeles, University of California.

Caloffi A. (2007), I distretti industriali del tessile-abbigliamento e la subfornitura artigiana nell’area pratese-empolese. Una rassegna critica delle ricerche, in Zanni A. (a cura di), Distretti industriali e imprese artigiane tra continuità e cambiamento. I casi di Prato e di Empoli, Rapporto dell’Osservatorio regionale toscano sull’Artigianato.

Campani G., Carchedi F., Tassinari A. (1994), L’immigrazione silenziosa: le comunità cinesi in Italia, Torino, Fondazione Giovanni Agnelli.

Ceccagno A. (1998), Cinesi d’Italia. Storie in bilico tra due culture, Roma, Manifestolibri.

Id. (2003), Le migrazioni dalla Cina verso l’Italia e l’Europa nell’epoca della globalizzazione, in Ceccagno A. (a cura di), Migranti a Prato. Il distretto tessile multietnico, Milano, Franco Angeli.

Id. (2004), La Cina in Italia, «Aspenia», 24, pp. 303-310.

Id. (2005), Importatori transnazionali, commercianti e microimprenditori: i migranti cinesi in Italia fronteggiano la crisi economica, in Scarpari M., Lippiello T. (a cura di), Caro Maestro. Scritti in onore di Lionello Lanciotti per l’ottantesimo compleanno, Venezia, Libreria Editrice Cafoscarina.

Id. (2008), I nuovi pratesi, «Aspenia», 41.

Chan K.B., Chiang C. (1994), Stepping out. The making of Chinese entrepreneurs, Singapore, National University of Singapore.

Chan K.B. (2006), A family affair. Migration, dispersal and the emergent identity of the Chinese cosmopolitan, in Liu H., The Chinese overseas, London, Routdledge Library of Modern China, pp. 66-84.

Chen M. (2001), Inside Chinese business. A guide for managers worldwide, Boston, Harvard Business School Press.

Cologna D. (2005), Chinese immigrant entrepreneurs in Italy. Strenghts and weakness of an ethnic enclave economy, in Spann E., Hillmann F., Van Naerssen T., asian migrants and European labour market. Patterns and processes of immigrant labour market insertion in Europe, London, Routledge.

Davis D., Harrell S. (1993), Chinese families in the Post Mao Era, Berkeley, University of California Press.

Fieri (Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull’immigrazione) (2011), Diventare laoban. Lavoro autonomo, percorsi imprenditoriali e progetti migratori dei cinesi in Italia e a Torino, Torino, Camera di Commercio di Torino.

Foresti G. (2010), Sempre più imprenditori cinesi nei distretti della moda, in Economia e finanza dei distretti industriali, Intesa San Paolo, Servizio Studi e Ricerche.

Freedman M. (1966), Chinese lineage and society: Fukien and Kwangtung, London, Athlone Press, University of London.

Gold T., Guthrie D., Wank D. (2002), Social connections in China. Institutions, culture, and changing nature of guanxi, New York, Cambridge University Press.

Granovetter M. (1985), Economic action and social structure: the problem of embeddedness, «American Journal of Sociology», 31, 3, pp. 481-510.

Light I. (1980), Self-help in Urban America. Patterns of Minority Business enterprise,Washington e London, National University Publications.

Light I., Bhachu P. (a cura di) (2004), Immigration and entrepreneurship, culture, capital and ethnic networks, New Brunswich, New Jersey, Transaction Publisher.

Light I., Bonanich E. (1988), Immigrant entrepreneurs, Berkeley e Los Angeles, University of California Press.

Light I., Gold. S.J. (2000), Ethnic economies, San Diego, California, Academic Press.

Kloosterman R., Rath J. (2001), Immigrants entrepreneurs in advances economies: mixed embeddedness further explored, «Journal of Ethnic and Migration Studies», 27, 2, pp. 189-201.

Yan Y. (1996), The culture of guanxi in a North China village, «The China Journal», 35, pp. 1-23.

Yeung. I.Y.M., Tung R.L. (1996), Achieving business success in Confucian societies. The importance of guanxi (connections), «Organizational Dynamics», 25, 2, pp. 54-65.

Marsden A. (2003), L’analisi dei dati sull’immigrazione, in Ceccagno A. (a cura di), Migranti a Prato. Il distretto tessile multietnico, Milano, Franco Angeli.

Massey D.S., Arango J., Hugo G., Kouaouci A., Pellegrino A., Taylor J.E. (1993), Theories of international migration: a review and appraisal, «Population and Development Review», 19, 3, pp. 431-466.

Massey D.S. (1998), Worlds in motion. Understanding international migration at the end of the millennium, Oxford, Clarendon Press.

OMERO (Osservatorio Mercato dell’Occupazione) (2009), Profili e dinamiche della migrazione cinese in Italia e nel Veneto, Venezia, Provincia di Venezia.

Polanyi K. (1944), The great transformation, New York, Holt, Rinehart, Beacon Press.

Polanyi K., Arensberg C., Pearson H. (1957), Trade and market in the early empires, New York, Free Press.

Redaelli S. (2008), La carica dei cinesi, «Bargiornale», 1 settembre, www.bargiornale.it (scaricato 15 luglio 2009).

Redding S.G. (1993), The spirit of Chinese capitalism, Berlin e New York, Walter de Gruyter.

Wolf M. (1968), The house of Lim, Englewood Cliffs, Prentice Hall.

Wong B. (2005), The Chinese in Silicon Valley. Globalization, social networks, and ethnic identity, Lanham, Rowman & Littlefield.

Zhou M. (1992), Chinatown. The socioeconomic potential of an urban enclave, Philadelphia, Temple University Press.

Torna su

Note

1 Secondo i dati del Centro Studi di Union Camere, al 31.12.2010, le imprese individuali con titolare cinese nel settore manifatturiero sono 14.497, ossia il 38,4% sul totale delle imprese cinesi e ben il 47,33% sul totale delle imprese individuali straniere nel medesimo settore.

2 Per subfornitura si intende un rapporto, in genere di natura contrattuale ma non è necessario, tra due imprese – committente e subfornitore – avente per oggetto la realizzazione di una fase di lavorazione o la produzione di parti di un bene. Il subfornitore può operare o meno con materie prime fornite dal committente, ma ciò che caratterizza il rapporto è il fatto di lavorare secondo progetti esecutivi, conoscenze tecniche e tecnologiche, modelli o prototipi forniti dall’impresa committente (Caloffi, 2007).

3 Ivan Light e Edna Bonacich (1988, 18) affermano che «l’imprenditoria immigrata è tipica di quei gruppi in cui il tasso di lavoratori autonomi supera di gran lunga la media dei membri del gruppo». Invece, per «imprenditoria etnica si intende la specializzazione di una minoranza etnica nella gestione di attività autonome […] e l’imprenditoria immigrata diventa imprenditoria etnica quando una seconda generazione continua nella specializzazione nel lavoro autonomo dei genitori» (ibidem).

4 A parte la famiglia nucleare il singolo è parte di una struttura parentale più ampia. Essa si identifica con il “lignaggio”, per cui si intende l’estensione della famiglia in base ad una discendenza patrilineare; e il “clan” ossia una struttura composta da nuclei familiari singoli i cui capofamiglia sono maschi appartenenti al medesimo lignaggio patrilineare (Davis e Harrell, 1993; Fieri, 2011).

5 In merito all’estensione delle guanxi per alcuni autori (Yeung e Tung, 1996) sono rapporti che connettono sia membri della famiglia nucleare con quella allargata, come con soggetti con i quali vi è un vincolo di amicizia o di vicinato. Mentre per altri studiosi (Gold, Guthrie e Wank, 2002), pur non escludendo del tutto i legami di parentela, affermano che le guanxi si creano tra persone che presentano dei tratti comuni, come lo stesso luogo di provenienza o la stessa etnia. Tenendo conto, dunque, che le relazioni familiari sono più profonde e vincolanti di quelle con soggetti esterni e che il termine guanxi indica rapporti che, se pur importanti, non sono così rilevanti per il soggetto come quelli familiari, in tale sede si sceglie di applicare il termine guanxi ai rapporti tra il migrante e soggetti non consanguinei.

6 La ricerca qualitativa si è basata su una metodologia di campionamento a “valanga”. In totale, il numero di soggetti intervistati è pari a 56: 30 in provincia di Milano (20 lavoratori dipendenti e 10 autonomi) e 26 in provincia di Trento (20 lavoratori dipendenti e 6 autonomi). In provincia di Milano, il gruppo di intervistati è stato caratterizzato da 18 maschi e 12 femmine, con un’età compresa dai 22 ai 52 anni, di cui la maggioranza vive in Italia da 5-6 anni e la minoranza da più di 20. In provincia di Trento, invece, si sono intervistati solo maschi con un’età compresa da 24 a 59 anni, in Italia da un minimo di 4 a più di 10 anni. Infine, le zone di provenienza sono la regione del Zhejiang e, in particolare, le zone di Wenzhou, Hanzhou, Wenchen; e la regione del Fujian e, nello specifico, l’area di Fuzhou.

7 Tali liste di lavoro sono vendute a basso costo (0,30/0,40 €) nei bar, negozi e librerie cinesi del quartiere Paolo Sarpi, di cui la più famosa si chiama “Zhejiang Press”. Esse espongono annunci, sia di datori cinesi come italiani, in vari settori e con offerte di lavoro non solo relative a Milano e provincia. Attraverso tali liste il migrante ha la possibilità di scegliere se permanere all’interno dell’economia cinese oppure, se il suo capitale umano glielo consente, di inserirsi nel mercato del lavoro tradizionale.

8 È da precisare che, nel caso il garante sia stato un amico o connazionale titolare di una propria attività in ambito ristorativo come in altri settori, non è detto che la contrazione del debito abbia significato anche l’inserimento lavorativo del migrante in tale attività. Se, infatti, il debito viene estinto al momento dell’arrivo, grazie all’aiuto economico di familiari e parenti nelle zone di origine come in Cina, il migrante in genere sceglie di non restare a lavorare presso l’attività del garante. Da altre città italiane, dunque, in cui gli intervistati vivevano poiché lì risiedevano i connazionali che hanno funto da “garanti” o i parenti che hanno fornito loro supporto economico, gli intervistati si sono diretti a Milano in quanto fulcro economico. Tali contratti, quindi, si possono definire “fittizi” perché sono basati su un accordo economico tra membri della rete etnica, ma non comportano l’inserimento lavorativo del richiedente. Invece, caso differente si ha quando la somma non viene estinta immediatamente dal migrante, ma solo in parte. Egli, quindi, è costretto a prestare il proprio lavoro gratuitamente, oppure percependo minime somme, ottenendo vitto e alloggio dallo stesso datore.

9 La pietra viene lavorata secondo tre passaggi: la “prima”, la “seconda” e la “terza” trasformazione. Nella “prima” avviene la selezione dei blocchi di pietra ricavati dalla montagna per mezzo di esplosioni regolamentate; nella “seconda” i blocchi di pietra già selezionati vengono lavorati in vari tipi di prodotto (es: piastrelle, cubetti di porfido); nella “terza” è prevista una lavorazione ancora più accurata della pietra. Infine, con la “posa in opera”, si completa la realizzazione di spazi pubblici (es: strade, marciapiedi, piazze) come di interni privati.

10 È da precisare che nessun datore di lavoro straniero di origine macedone, albanese, marocchina e cinese operante nel distretto è un “concessionario” – ditte strutturate a cui la concessione di un lotto di montagna è assegnato da generazioni – con la possibilità di occuparsi dell’estrazione del grezzo gestendo il materiale primario. I concessionari, infatti, sono solo ditte trentine di cui circa il 30% possiede tutta la filiera. I lavoratori stranieri, invece, operano nella I, II e III trasformazione e, in particolare, i migranti cinesi operano in gran parte nella II trasformazione e posa in opera sia come lavoratori autonomi che dipendenti sia di ditte trentine che di ditte gestite da connazionali, come di datori marocchini e macedoni.

11 I lavoratori cinesi preferiscono di gran lunga lavorare per ditte italiane, rispetto che per ditte gestite da datori macedoni, marocchini e cinesi. Infatti, nonostante la comunanza linguistica e anche culturale data dal fatto di lavorare per datori cinesi, la migliore condizione contrattuale che ricevono come dipendenti da ditte italiane li porta a preferire un lavoro in un contesto differente dall’impresa etnica.

12 Nel distretto i migranti cinesi sono soggetti a continui inserimenti lavorativi. Una motivazione è data dalla cessazione della titolarità della ditta da un datore ad un altro a causa della condizione generale di crisi economica, per cui gli attori economici non riescono più a conservare la produttività a prezzi vantaggiosi. La mancanza di tenuta sul mercato, dunque, sia degli artigiani italiani come stranieri, fa sì che i dipendenti cinesi vivano le conseguenze di questa frantumazione del protagonismo imprenditoriale e diventino forza lavoro alle dipendenze di datori differenti, soffrendo un’instabilità lavorativa e anche contrattuale costante.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Nicoletta Bressan, « La presenza economica cinese in Lombardia e Trentino », Quaderni di Sociologia, 57 | 2011, 23-42.

Notizia bibliografica digitale

Nicoletta Bressan, « La presenza economica cinese in Lombardia e Trentino », Quaderni di Sociologia [Online], 57 | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 11 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/608 ; DOI : 10.4000/qds.608

Torna su

Autore

Nicoletta Bressan

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale - Università di Trento

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals