Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri56la società contemporanea / Lavora...Presentazione

la società contemporanea / Lavorare in Italia: verso un conflitto tra generazioni?

Presentazione

Alberto Baldissera
p. 3-6

Testo integrale

1Nel corso degli ultimi venti-trent’anni è diventato più difficile svolgere un lavoro in Italia – o almeno svolgerlo in modo soddisfacente. La quota del PIL destinata al lavoro è andata assottigliandosi, passando dal 69,3% nel 1980 al 60,4% nel 2005 (lavoratori dipendenti e autonomi) e dal 50,6% al 45,5% (solo lavoratori dipendenti). La riduzione della quota del PIL spettante ai lavoratori è un fenomeno comune alla maggior parte dei paesi economicamente avanzati (IMF, 2007), ed anche alla Cina. In Italia il fenomeno è stato però più accentuato che altrove. Un segno che se le cause sono comuni, in Italia esse hanno avuto un maggior peso che altrove. Dati più recenti sembrano testimoniare un’inversione di tendenza, se tale si può chiamare un modesto aumento di questo quoziente.

2Altri dati comparati mostrano che con un salario medio annuo netto di 21.374 dollari, i lavoratori dipendenti italiani si classificavano nel 2008 al ventitreesimo posto su trenta paesi aderenti all’OCSE. A questi dati si aggiungono quelli riguardanti caratteristiche ormai tipiche del nostro paese: un basso rapporto tra popolazione attiva e popolazione totale (il 37,5% contro il 41,9% dell’Unione a 27); una produttività del lavoro e dei fattori stagnante da circa tre lustri, malgrado un numero di ore lavorate per addetto relativamente elevato; una tassazione comparativamente arcigna (OECD, 2011). Insomma, anche se a rischio di ripetere cose ormai note: in Italia una percentuale minore di persone lavora come o di più della media degli altri europei (specie francesi e tedeschi), ma guadagna di meno, sia perché impegnata in produzioni con un valore aggiunto comparativamente ridotto sia perché soggetta a un’imposizione fiscale e contributiva molto elevata. Quest’ultima compensa una forte evasione fiscale, associata a un’estesa zona di lavoro nero e illegale, stimata intorno al 25-30% del PIL. Il rendimento economico di una laurea universitaria è infine in Italia meno elevato che altrove: un indicatore di una domanda di lavoro qualificato comparativamente inferiore rispetto a quella di altri paesi; un incentivo per molti giovani a non frequentare istituti scolastici superiori e università.

3La congiuntura economica mondiale attuale fa ritenere che questa situazione non sia destinata a migliorare nei prossimi lustri, se non saranno affrontate con energia le cause che l’hanno prodotta.

4Scopo dei lavori presentati in questa sezione monografica è esaminare le credenze positive e normative espresse dai lavoratori italiani sui principali criteri usati per distribuire le risorse destinate al lavoro. Qual è la gerarchia retributiva percepita? Quali lavoratori dovrebbero essere pagati di più e quali di meno? Quanto di più e quanto di meno? Chi dovrebbe essere esso al riparo dei licenziamenti in caso di fallimenti o necessità economiche? In conformità a quali criteri ripartire le risorse pensionistiche? E’ opportuno aumentare l’età pensionabile o i contributi previdenziali a carico d’imprese e lavoratori? Esistono problemi di giustizia interoccupazionale e intergenerazionale? Se sì, quali sono e come risolverli? Queste sono alcune delle domande (si veda il questionario della ricerca riprodotto nell’ultimo contributo di questa sezione monografica) che abbiamo posto a un campione casuale di 2502 lavoratori italiani nel corso della primavera del 2011.

  • 1 La survey, condotta nei primi mesi del 2011, è stata svolta nell’ambito della ricerca Aging, Labor (...)

5Oggetto della ricerca AGING1 sono state quindi le credenze che questo ampio campione di lavoratori nutre sui criteri usati per distribuire risorse ed opportunità: il merito, il desert, i bisogni di vita, l’uguaglianza di risultati. Nel questionario abbiamo inserito riferimenti anche ad altri criteri usati per differenziare e stratificare i lavoratori: l’anzianità, le credenziali scolastiche, il possesso di qualificazioni specialistiche ed esclusive, la posizione nella divisione del lavoro. La maggior parte di questi criteri è giustificata da insiemi più o meno articolati e consistenti di argomentazioni normative. Queste formule di legittimazione sono immancabilmente evocate – per essere rafforzate o criticate – in occasione dei conflitti distributivi, assai frequenti in Italia. Nelle retoriche pubbliche che ne derivano è infatti difficile non trovare qualche riferimento a queste forme di autorizzazione dell’ordine distributivo esistente o preferito.

6Nella ricerca AGING particolare attenzione è stata riservata al criterio dell’anzianità e all’ordine distributivo che su di esso si fonda – dal sistema salariale a quello pensionistico. Le ragioni che stanno alla base di questa scelta sono anzitutto di ordine pratico, ma anche teorico. I vantaggi e i privilegi (con questo termine intendo i vantaggi differenziali sanciti da norme di legge) goduti in Italia dalle coorti dei lavoratori più anziani sono sovente in conflitto con gli interessi dei lavoratori più giovani, e anche delle generazioni future. Il progressivo invecchiamento della popolazione, particolarmente accentuato nel nostro paese, aggrava queste differenze e rischia di acuire i contrasti tra generazioni. Non è un caso se i più importanti conflitti distributivi avvenuti in Italia dal 1994 a oggi hanno avuto per oggetto le norme di legge che regolano il sistema pensionistico e quelle riguardanti la stabilità occupazionale.

7L’anzianità come criterio di allocazione delle risorse sociali più rilevanti – dal reddito al prestigio, al potere – è stata inoltre studiata solo di recente dalla ricerca sociologica e quasi mai nel nostro paese. Ancora: il criterio dell’anzianità ha ricevuto scarsa attenzione da parte delle teorie della stratificazione sociale. Queste ultime, specie quelle d’impronta weberiana, dovrebbero essere – almeno in linea di principio – più sensibili nei confronti di pratiche di esclusione che favoriscono specifici gruppi di lavoratori a danno di altri.

8I primi risultati della ricerca qui presentati riguardano l’equità percepita nella retribuzione personale (Renzo Carriero), il gender pension gap (Federica Cornali e Barbara Saracino) e il paradosso dell’anzianità (articolo di chi scrive). Affrontando un argomento scarsamente affrontato dalla ricerca sociologica in Italia, Carriero mostra come solo un quarto dei lavoratori intervistati valuta il proprio reddito da lavoro “corrispondente al giusto”. Oltre il 50% lo considera “un po’ più basso del giusto”. Un quinto (20,4%) lo giudica addirittura “molto più basso del giusto”. Se comparati a quelli raccolti in altre ricerche internazionali (cui i ricercatori italiani non hanno partecipato), risultati del genere mostrano che i lavoratori del nostro paese coltivano una frustrazione individuale d’intensità medio-alta, destinata probabilmente ad aumentare in un prossimo futuro. La propensione a giudicare ingiusto il proprio reddito non è influenzata soltanto dal livello assoluto della retribuzione – come ci si potrebbe attendere – ma anche dal livello relativo, cioè da come l’individuo si percepisce rispetto ad altri di riferimento (amici e persone che svolgono lo stesso lavoro). C’è tuttavia ampio consenso tra i lavoratori su quali siano i criteri per giudicare giusta o ingiusta la propria retribuzione, di là del giudizio effettivamente espresso sulla stessa.

9Barbara Saracino e Federica Cornali esaminano alcune fonti di variazione che provocano differenze nei trattamenti pensionistici tra uomini e donne, un tema tornato di attualità nel dibattito pubblico in Italia. Essi dipendono da differenze nella situazione di mercato di uomini e donne, oltre che di accesso al sistema previdenziale e pensionistico. Di particolare interesse è l’analisi di preferenze e credenze, che orientano le lavoratrici nella scelta delle alternative di azione nel mercato del lavoro e nelle prospettive pensionistiche.

10Il mio lavoro riguarda il legame esistente tra un sistema salariale basato sull’anzianità e i pensionamenti anticipati dei lavoratori – due istituzioni caratteristiche di alcuni paesi europei come Belgio, Grecia e Spagna, oltre che dell’Italia. Una serie di regressioni sul reddito netto da lavoro dichiarato dagli intervistati mostra che in Italia l’anzianità lavorativa pesa di più del livello d’istruzione, sesso, origine sociale, zona di residenza. Benché di fatto più importante, l’anzianità è tuttavia il criterio distributivo meno apprezzato dai lavoratori, come risulta anche a indagini svolte in passato. Una situazione paradossale. Cerco infine di spiegare genesi, istituzionalizzazione e mantenimento dell’anzianità nel sistema salariale e pensionistico del nostro paese.

11Per ragioni editoriali contingenti, non è stato possibile includere in questa sezione monografica dei «Quaderni» un contributo di Flavio Ceravolo, dell’Università di Pavia, che ha attivamente partecipato al lavoro di ricerca. Questi pubblicati qui sono però solo i primi risultati di AGING. Altri lo saranno in un prossimo futuro.

Torna su

Bibliografia

IMF (2007), World Economic Outlook. Spillovers and Cycles in the Global Economy, Washington, D.C., International Monetary Fund.

OECD (2011), Taxing wages, Paris, Oecd.

Torna su

Note

1 La survey, condotta nei primi mesi del 2011, è stata svolta nell’ambito della ricerca Aging, Labor Productivity and Sustainability of Public Pension Systems: an Investigation through Macro and Micro Modelling patrocinata e finanziata dalla Regione Piemonte (Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 48 del 27 novembre 2008) e posta sotto la direzione di Elsa Fornero, dell’Università di Torino.
La ricerca sociologica che fa parte di questo progetto (Italy’s Wage and Public Pension System: Behaviors, Believes and Redistributive Criteria: an Empirical Investigation) è stata diretta da Alberto Baldissera. Ad essa hanno partecipato Renzo Carriero (Università di Torino), Flavio Ceravolo (Università del Piemonte Orientale, poi Università di Pavia), Federica Cornali (Università di Torino), Barbara Saracino (Università di Firenze). Per maggiori dettagli si veda la nota sul metodo e sulle tecniche della ricerca, presentata al termine della sezione monografica.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alberto Baldissera, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 56 | 2011, 3-6.

Notizia bibliografica digitale

Alberto Baldissera, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 56 | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 29 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/620; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.620

Torna su

Autore

Alberto Baldissera

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search