Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri56la società contemporanea / Lavora...Norme, ruoli e credenze nel divar...

la società contemporanea / Lavorare in Italia: verso un conflitto tra generazioni?

Norme, ruoli e credenze nel divario pensionistico di genere

Norms, roles and believes and the gender pension gap
Federica Cornali e Barbara Saracino
p. 63-89

Abstract

Individual pension benefits are significantly gendered. The causes of this are known: the female employment rate is low, moreover women have discontinuous professional careers and they reach high and well-remunerated positions less than men. The aim of this work is to provide an analysis of the gender pension gap phenomenon in Italy depending on a large range of variation sources. First we define and describe the gender pension gap. Secondly we examine some sources of variation concerning labour market (gender differences linked to participation in the workforce, to contracts, to positions and wages) and features of pension and welfare systems. Finally, using the AGING dataset (sample of 2502 Italian workers), we look at the subjective dimensions that mediate action (the preferences that guide the women’s choices and the beliefs about the means available to them).

Torna su

Testo integrale

1. Oggetto e scopi

1I trattamenti pensionistici di cui usufruiscono i lavoratori al termine del loro periodo di attività sono notevolmente differenziati secondo il genere. Le ragioni di ciò sono note: il tasso di partecipazione femminile alle forze di lavoro è più contenuto, le donne hanno carriere professionali più discontinue e accedono a posizioni ben remunerate in misura inferiore rispetto agli uomini. In Italia il fenomeno si manifesta in maniera accentuata: le donne beneficiano di pensioni più basse degli uomini, e la loro situazione pare comparativamente peggiore di quella delle donne di altri paesi economicamente avanzati.

2Scopo di questo lavoro è descrivere il divario pensionistico di genere e porlo in relazione con un ampio spettro di fonti di variazione. Anzitutto esamineremo l’impatto di differenze riferibili al mercato del lavoro – partecipazione alle forze di lavoro, continuità delle carriere, inquadramento contrattuale, posizione occupazionale e remunerazioni – e alle caratteristiche del sistema previdenziale e di welfare. In secondo luogo studieremo le preferenze che guidano le donne nelle scelte e le credenze riguardo ai mezzi loro disponibili.

  • 1 La survey, condotta nei primi mesi del 2011 si è svolta nell’ambito della ricerca Aging, Labor Prod (...)

3L’analisi dei dati ottenuti dalla ricerca AGING1 attraverso la somministrazione telefonica di un questionario a un campione nazionale casuale stratificato – composto da 977 donne e 1525 uomini attivi sul mercato del lavoro – ci consentirà di identificare le diverse condizioni di intervistate e intervistati rispetto all’occupazione e al reddito. Esamineremo le differenze tra le loro credenze positive e normative sul lavoro e il sistema pensionistico, tenendo sotto controllo l’azione esercitata da altre variabili rilevanti. Descriveremo infine gli orientamenti prevalenti delle donne interpellate sulla base delle loro caratteristiche socio-anagrafiche.

2. Il divario pensionistico di genere: definizione e descrizione

4Con l’espressione ‘divario pensionistico di genere’ si intende la differenza relativa del numero di beneficiari e dell’ammontare medio dei redditi pensionistici da vecchiaia o anzianità percepiti da uomini e donne.

  • 2 I dati presentati sono contenuti nella pubblicazione Istat-Inps del 19 marzo 2010 e si riferiscono (...)

5Nel 2007 il numero di beneficiari di pensioni di vecchiaia e di anzianità era in Italia pari a 11.314.510 e l’importo lordo dei redditi pensionistici ammontava a 183.011 milioni di euro. Gli uomini rappresentavano il 55% del totale dei percettori di pensioni e assorbivano il 64% del reddito complessivo2. L’importo medio dei redditi pensionistici da vecchiaia o anzianità era di 16.175 euro. All’anno, gli uomini percepivano 18.773 euro, le donne 13.017, con un differenziale di 16 punti percentuali a favore degli uomini. Il 54% delle pensionate percepiva prestazioni inferiori ai mille euro (cfr. fig. 1).

6Le pensionate di vecchiaia e anzianità sono più presenti nelle regioni settentrionali. Escludendo quelle che risiedono all’estero e i casi non ripartibili geograficamente, la percentuale di donne pensionate nel 2007 era più elevata al Nord (48%) che al Centro (44%) e al Sud (41%). L’importo medio dei redditi pensionistici degli uomini era pari al 152% di quello attribuito alle donne nelle regioni settentrionali, al 149% nelle regioni centrali e al 133% nelle regioni meridionali.

  • 3 Nel 2009 il tasso di occupazione femminile dell’Unione Europea era pari al 58,6%. In questa graduat (...)

7La parità nel trattamento pensionistico è strettamente legata alla parità di condizioni nel mercato del lavoro. È durante il periodo lavorativo che si creano le differenze di genere che si perpetuano nei trattamenti pensionistici (tra gli altri, Casarico e Profeta, 2009). L’ineguaglianza nelle pensioni è l’esito di condizioni molteplici e connesse, di asimmetrie legate alla tradizionale divisione dei ruoli sociali. Nel 2009 in Italia il tasso di occupazione femminile tra i 15 e i 64 anni era pari al 46,4%, quello maschile del 68,6%3. Al Nord le donne occupate erano circa il 56%; al Sud le lavoratrici erano solo tre su dieci. Nelle coorti di età più giovani la percentuale di donne che lavorano era più elevata: sfiorava il 60%. Il divario con gli uomini restava tuttavia quasi lo stesso: il tasso di occupazione degli uomini tra i 25 e i 44 anni era infatti superiore all’80% (Istat, 2010a).

Fig. 1 Percentuali di pensionati di vecchiaia e anzianità e classi di importo lordo mensile in euro

Fig. 1 Percentuali di pensionati di vecchiaia e anzianità e classi di importo lordo mensile in euro

Fonte: elaborazione da dati Istat-Inps (2010)

8La situazione di doppia presenza femminile, nella famiglia e nel mercato del lavoro, costringe ancora oggi molte donne in età lavorativa a scegliere tra la sfera privata e quella pubblica. Molte di loro non accedono al mercato del lavoro. Se lo fanno vivono carriere discontinue e/o lavorano con impieghi part-time soprattutto a causa dei ruoli di cura che ricoprono.

  • 4 In Europa il tasso di occupazione delle donne tra i 15 e i 49 anni con figli era del 65,6%, quello (...)

9La nascita di un figlio sembra rappresentare più di altro un momento decisivo nella vita lavorativa di una donna. In tutti i paesi europei il numero delle lavoratrici con figli è inferiore a quello delle lavoratrici senza figli4, ma è soprattutto in Italia che le donne non riprendono il lavoro dopo la maternità o lo fanno dopo molti anni.

10L’Istat (2007, 6-7) ha rilevato che il 18% di tutte le madri occupate all’inizio della gravidanza non lo era più dopo due anni. In particolare, il 6% è stato licenziato o ha perso il lavoro in seguito alla scadenza del contratto o per cessazione dell’attività lavorativa che svolgeva e il 12% si è licenziato per potersi dedicare alla famiglia. Dopo la nascita dei figli non lavora più un quarto delle madri residenti al Sud e il 15% di quelle residenti al Nord. Lascia o perde il lavoro il 32% delle madri che hanno al massimo la licenza media, l’8% delle laureate.

  • 5 È da notare che esiste una sovra-rappresentazione delle donne italiane in tutti i tipi di lavoro at (...)

11La maggior parte delle donne (72,5%) prosegue l’attività lavorativa che svolgeva prima della gravidanza, ma secondo l’Istat (2007, 7) il 40% dichiara di aver difficoltà nel conciliare la vita lavorativa con quella familiare e ricorre al part-time. Nel 2009 in Italia il 27,5% delle donne aveva contratti di lavoro che prevedono tempi ridotti contro il 4,7% degli uomini (Eurostat, 2010)5. Nonostante sia considerato “amichevole per le donne” (tra gli altri: Reyneri, 2007, 14), il tempo parziale ha numerose conseguenze negative. Tra queste: la riduzione del reddito percepito nell’immediato e differito nella forma di pensione, la marginalità organizzativa e la conseguente riduzione delle opportunità di carriera.

  • 6 In Italia persiste un forte squilibro di genere nella divisione dei carichi del lavoro domestico e (...)
  • 7 In questo caso il dato italiano non è però tra i peggiori: in tutta l’Unione Europea la percentuale (...)

12La conciliazione tra vita familiare e lavorativa, in assenza di servizi adeguati per l’infanzia (cfr. par. 3), induce molto donne in età lavorativa a rinunciare a un’occupazione a tempo pieno, ma può rappresentare anche un ostacolo all’avanzamento di carriera. Può addirittura generare l’effetto di una “carriera a gambero”, di una retrocessione di mansione provocata da un aumento del tempo dedicato alla famiglia6. Nonostante la costante crescita del livello d’istruzione, nel 2009 solo il 35,2% dei leader aziendali, per esempio, apparteneva al genere femminile (Eurostat, 2010)7.

13Infine: le differenze nella partecipazione al mercato del lavoro e nella situazione di lavoro producono disparità salariale. Secondo un’indagine Isfol (2007) nel 2003 in Italia il divario retributivo tra donne e uomini era del 23% sul totale della popolazione, del 26% tra i laureati e del 35% tra chi possedeva titoli post-laurea. Secondo l’Istat (2011) nel 2010 la retribuzione netta mensile delle lavoratrici dipendenti è stata inferiore di circa il 20% a quella degli uomini: le prime hanno guadagnato in media al mese 1096 euro, i secondi 1377. Il differenziale salariale a sfavore delle donne aumenta con l’età. Le lavoratrici dichiarano di beneficiare con meno frequenza degli uomini delle voci salariali accessorie, quali incentivi o straordinario.

3. La costruzione del futuro pensionistico delle donne

14Il divario pensionistico di genere è un fenomeno che in Italia assume una rilevanza considerevole. A prima vista sembra determinato principalmente dalle caratteristiche della partecipazione femminile alle forze di lavoro (cfr. par. 2). Un esame più approfondito ci consentirà di controllare ipotesi su altre fonti di variazione del divario.

15Le donne accedono a un reddito di tipo pensionistico attraverso tre vie, concettualmente distinte, ma spesso combinate nella pratica: i. la condivisione della pensione del coniuge; ii. la fruizione di una pensione di reversibilità; iii. l’acquisizione di diritti pensionistici basati sul proprio lavoro (Ginn et al., 2001). Questi modi possono essere considerati alla stregua di strategie adottate, in maniera più o meno esplicita, sulla base della valutazioni costi/benefici. La prima, e di riflesso la seconda, sono messe a rischio dalla crescente instabilità coniugale. Fatti salvi casi limitati, esse non assicurano (e soprattutto non assicureranno) il benessere economico. Il terzo modo sconta gli effetti del divario occupazionale e di remunerazione che caratterizza il lavoro retribuito femminile.

16Come scelgono le donne il corso d’azione da intraprendere? Quali elementi influiscono sulle loro decisioni? Restringendo il campo d’osservazione al conseguimento di benefici pensionistici mediante la contribuzione lavorativa, nei paragrafi seguenti esamineremo l’insieme delle dimensioni macro che, in aggiunta a quelle proprie del mercato del lavoro, costituiscono il sistema di vincoli e/o opportunità in cui si strutturano le scelte tra diverse alternative d’azione. Allo stesso modo prenderemo in considerazione i diversi ‘stati individuali’ – ovvero le dimensioni soggettive connesse al processo di decisione. Lo scopo è ricostruire la logica della situazione in cui le donne costruiscono il loro futuro pensionistico, date determinate condizioni istituzionali, strutture d’interdipendenza delle azioni e costellazioni di credenze.

3.1. Una scelta tra opportunità limitate

17Le caratteristiche del sistema pensionistico occupano un posto di rilievo nella formazione del divario pensionistico di genere. Esiste un’ampia letteratura che dimostra come le regole dei sistemi pensionistici sortiscano effetti differenti per gli uomini e per le donne. In particolar modo Ginn (2003), Leitner (2001) e Frericks et al. (2006) rilevano come gli orientamenti che informano le recenti riforme dei sistemi pensionistici attuate nei paesi sviluppati, non abbiano conseguenze neutre tra i generi. Il prevalere della funzione assicurativa a scapito di quella redistributiva determina trattamenti più svantaggiosi per le lavoratrici che per i lavoratori.

18Per lungo tempo in Italia il sistema pensionistico è stato costituito da schemi assicurativi pubblici, obbligatori, a ripartizione e con una struttura di benefici definiti. Dalla fine della seconda guerra mondiale, e per circa un quarto di secolo, esso si è sviluppato e consolidato secondo lo schema proprio dei sistemi monopilastro, fornendo un minimo sussidio ai cittadini anziani in condizioni di bisogno, estendendo le misure di previdenza ai lavoratori autonomi e sostituendo l’originario schema assicurativo contributivo con uno retributivo.

19Un sistema previdenziale così costruito destina scarse risorse alle donne, la cui partecipazione alle forze di lavoro in Italia è stata, ed è, ridotta e segnata da periodi di inattività. A riconoscimento del lavoro di cura e di riproduzione familiare svolto dalle donne, fu adottato durante il fascismo (l.n. 1272/1939) un dispositivo di vantaggio che consentiva alle lavoratrici di conseguire la pensione in anticipo rispetto agli uomini. L’età pensionabile dei dipendenti privati, fissata a 55 anni per le donne e 60 per gli uomini, fu elevata dalla riforma Amato (d. lgs. n. 503/1992), con un periodo di transizione fino al 2002 rispettivamente a 60 e 65 anni, mantenendo quindi inalterato lo scarto tra i generi. Provvedimenti di questo tipo sono settoriali, in palese violazione del principio di uguaglianza, e non incidono, inoltre, sugli svantaggi ab origine nella competizione nel mercato del lavoro.

  • 8 Le pensioni di anzianità sono erogate ai lavoratori subordinati del settore privato a seguito di un (...)
  • 9 Si tratta delle pensioni di anzianità erogate (l. n. 218/1952 e provvedimenti successivi) ai dipend (...)
  • 10 Nell’arco di un ventennio, tra la fine degli anni Settanta e l’inizio dei Novanta, secondo la ricos (...)

20Intorno alla metà degli anni Settanta, in ragione di mutate condizioni economiche, finanziarie e demografiche, il sistema, che fino allora aveva conosciuto una costante espansione, cominciò a mostrare i primi segni di crisi. Il rallentamento della crescita economica – con la conseguente stagnazione della base contributiva – e, nei decenni successivi, l’effetto combinato dell’arrivo all’età pensionabile della generazione del baby boom, della contrazione delle nascite e degli esiti di alcune decisioni di policy, resero progressivamente insostenibile il suo finanziamento. Il sistema pensionistico italiano è stato infatti notoriamente tra i più prodighi, anche perché per lungo tempo è mancato l’aggancio del momento del pensionamento effettivo all’aspettativa di vita. Al termine della sua fase di espansione (dal secondo dopoguerra fino alla fine degli anni Ottanta) garantiva inoltre prestazioni che, in molti casi, eguagliavano il reddito da lavoro, con un tasso di sostituzione superiore al 90% per i dipendenti pubblici. Ciò si è realizzato a vantaggio di determinati gruppi sociali, trasferendone gli oneri ai contribuenti e alle generazioni future (Regonini,1995; Baldissera, 1996). Basti ricordare la peculiarità tutta italiana rappresentata dalle pensioni di anzianità8 e dalle pensioni baby9. Queste diseguaglianze di trattamento, sommate a quelle derivanti dalla pluralità di gestioni – con differenti calcoli per contributi, prestazioni ed età pensionabile secondo i diversi settori professionali – hanno reso il sistema pensionistico italiano simile ad un ‘labirinto’ (Castellino, 1976). Iniquità e tenace resistenza al cambiamento erano diventate le sue caratteristiche principali10. La debolezza, e talvolta l’inerzia dei governi, insieme alla ferma opposizione dei sindacati e di altre coalizioni di interessi, hanno a lungo ritardato gli indispensabili interventi di riequilibrio e armonizzazione.

  • 11 Seguendo la rassegna svolta da Corsi e D’Ippoliti (2008).
  • 12 Legge delega n. 421/1992, attuata con d. lgs. n. 503/1992 e d. lgs. n. 124/1993.
  • 13 Legge 8 agosto 1995, n. 335.
  • 14 Fu indicata una soglia flessibile (dai 57 ai 65 anni) uguale per uomini e donne, lasciando tuttavia (...)
  • 15 Il coefficiente di trasformazione è un valore che dipende dall’età anagrafica al momento del pensio (...)
  • 16 La speranza di vita alla nascita nell’anno 2010 era di 79,1 anni per gli uomini e di 84,3 anni per (...)

21All’inizio degli anni Novanta si è assistito a un’inversione di rotta, segnata dal passaggio a politiche pensionistiche sottrattive. Le numerose riforme che da allora si sono susseguite – cinque dal 1992 ad oggi – hanno affrontato la questione previdenziale mediante provvedimenti talvolta d’emergenza, spesso parziali e apprezzabili solo nel lungo periodo. Nei confronti dei trattamenti delle prestazioni pensionistiche delle donne, tali riforme hanno avuto di volta in volta effetti positivi, negativi o neutri. Si è passati11 dall’effetto negativo prodotto dalla riforma Amato12 che, indicizzando le pensioni ai prezzi anziché ai salari, ha maggiormente ridotto le pensioni per le coorti più anziane (in gran parte costituite da donne), agli effetti contrastanti della riforma Dini13. Quest’ultima è generalmente considerata sfavorevole alle lavoratrici. Essa eliminò anzitutto le differenze di età pensionabile tra i generi14. In secondo luogo rafforzò, mediante l’introduzione del sistema contributivo, il nesso tra contributi versati da ciascun lavoratore e prestazioni erogate; trasferendo le disparità tra uomini e donne presenti nel mercato del lavoro ai trattamenti pensionistici. A un’analisi più attenta, gli effetti della riforma Dini furono in realtà controbilanciati. Proponendo uno schema di benefici legati all’ammontare dell’intera vita retributiva del lavoratore – e non solo dell’ultimo periodo – la riforma favorì le donne, caratterizzate tendenzialmente da carriere piatte. La misura fu inoltre rafforzata dall’introduzione del meccanismo della “capitalizzazione composta” in cui l’accantonamento virtuale dei contribuiti in conti individuali simula una sorta di investimento finanziario, attribuendo maggior valore alle fasi iniziali della carriera. Oltre a questi provvedimenti generali, l’introduzione di misure selettive, riservate a particolari categorie di lavoratori, ebbe ricadute positive soprattutto sulle donne. Si tratta ad esempio dell’estensione dell’assicurazione obbligatoria per la vecchiaia per i lavoratori atipici e, ancora, dell’istituzione dei cosiddetti ‘crediti figurativi’ a carico della fiscalità generale per i periodi di congedo parentale o di cura. Anche un provvedimento apparentemente neutro come l’adozione, per il calcolo della rata della pensione, di coefficienti di trasformazione15 medi, uguali per uomini e donne, avvantaggiò quest’ultime, generalmente più longeve16.

  • 17 Considerando settore pubblico e privato l’età effettiva di pensionamento è intorno ai 59-60 anni se (...)

22In Italia il dibattito pubblico sulla riforma delle pensioni ha spesso toni ideologici e si concentra sovente su aspetti marginali. Un esempio è la discussione emersa in relazione della sentenza della Corte di Giustizia Europea del 13 novembre 2008 (causa 46/07) che condannò l’Italia per la discriminazione tra uomo e donna in materia di età pensionabile nella pubblica amministrazione e ai conseguenti provvedimenti in attuazione. Al riguardo è stata spesa una pletora di pareri contrari. Pochi si erano resi conto che già da alcuni anni si stava assistendo al progressivo avvicinamento delle età medie di uscita dalla forza lavoro per uomini e donne, con una sostanziale equivalenza delle aspettative17.

  • 18 Secondo la nota tipologia di Esping-Andersen (1990) il welfare italiano può essere definito “partic (...)

23Assegnare al sistema pensionistico finalità redistributive tra i generi non pare, peraltro, sortire effetti esemplari. L’adozione di età pensionabili distinte per uomini e donne differisce a decenni di distanza la ripartizione delle risorse, secondo una modalità cieca (indipendentemente dalla situazione reddituale e familiare corrente) e riproducendo paradossalmente disparità (dal momento che concentra la redistribuzione alla platea degli occupati) (Salerno, 2010). Ai decisori politici è assegnato il “diritto-dovere” (Fornero, 2007) di applicare i correttivi necessari per equilibrare le disuguaglianze tra i cittadini. I costi derivanti dalle deroghe ai principi attuariali devono tuttavia essere resi noti. Particolare attenzione va inoltre riposta alla possibile insorgenza di meccanismi perversi che, invece di contrastare la diseguaglianza, l’amplificano. Come indicato, il divario pensionistico di genere si genera principalmente a monte: è nell’ambito lavorativo estensivamente inteso – in un’accezione comprendente, quindi, il lavoro remunerato e non remunerato – che si pongono le basi della condizione di maggiore povertà femminile in età anziana. Predisporre misure di ‘risarcimento’ allo sbilanciamento che vede le donne, contrariamente agli uomini, molto impegnate nel lavoro non remunerato e meno in quello remunerato, legittima di fatto tale divisione del lavoro. Azioni in favore dell’occupazione femminile sarebbero preferibili. A cominciare anzitutto da una revisione del sistema di welfare il cui affidamento sulla sussidiarietà della famiglia costituisce un notevole ostacolo alla parità lavorativa tra i generi18.

  • 19 L’applicazione dello stesso principio ottiene esiti ben diversi in paesi, come la Svezia, in cui es (...)

24La penuria di servizi per l’infanzia (di asili nido, in particolar modo), di programmi di assistenza per disabili e anziani, nonché l’inadeguatezza delle politiche attive del mercato del lavoro, tipiche del welfare italiano, paiono peraltro in evidente contraddizione con l’affermazione del principio della responsabilità individuale, proprio delle recenti riforme pensionistiche19.

  • 20 In un articolo pubblicato sul «Corriere della Sera» (24 maggio 2011) Di Vico paventa che anche in q (...)

25Quali sono gli strumenti, le azioni positive e le facilitazioni in grado di accrescere le chances delle donne e, quindi verosimilmente la loro partecipazione nel mercato del lavoro? L’idea di Ichino, Alesina e Karabarbounis (2007) di ridurre – a parità di gettito fiscale, e dunque a costo zero per le finanze pubbliche – l’aliquota che grava sul lavoro femminile e incrementare quella sul lavoro maschile ha stimolato un dibattito utile, purtroppo confinato a un ambito accademico e giornalistico. Le obiezioni presentate alla proposta (aumento del lavoro sommerso tra gli uomini e del divario di reddito e di lavoro tra coppie ricche e coppie povere) hanno fornito spunto all’elaborazione di soluzioni diverse. Boeri e Del Boca (2007) suggeriscono ad esempio l’istituzione di un credito di imposta (nel settore pubblico e nel privato) a copertura del 70% delle spese effettivamente sostenute per la cura e l’istruzione dei figli, fino a un limite massimo di tremila euro all’anno. In attesa che il parlamento esamini e, possibilmente, vari misure del genere, potrebbe considerarsi positivo l’adempimento dell’impegno preso a volgere i risparmi derivanti l’aumento dell’età pensionabile delle donne nel pubblico impiego per interventi in favore dell’occupazione femminile, per la conciliazione fra tempi di vita e tempi di lavoro e per il fondo per i soggetti non autosufficienti. Si tratta di 3,7 miliardi di euro per il periodo 2010-2019 e, in seguito, di 242 milioni all’anno20. In passato è già accaduto che finanziamenti stanziati a questi scopi fossero stornati per affrontare emergenze o colmare disavanzi: la finanziaria del 2008 ridusse da 40 a 25 milioni di euro i fondi per l’istituzione di nuovi asili nido in favore di sgravi alla tassa comunale sugli immobili (cit. in Baldissera, 2008).

3.2. E le credenze?

26Perché il valore medio degli assegni di vecchiaia delle donne è di circa la metà di quello degli uomini? Perché le donne scelgono di interrompere (e frequentemente di non riprendere) la loro attività lavorativa per dedicarsi alla cura della prole e degli anziani? Perché mostrano minor propensione a rispondere alle mutate regole pensionistiche introdotte dalle riforme degli anni Novanta (Boeri e Brugiavini, 2008)?

27Stando a quanto fin qui rilevato, le risposte a queste domande sembrano persino ovvie. I fattori individuati si arrestano tuttavia a livello dell’offerta, ovvero di ciò che in termini di opportunità/vincoli è riservato alle lavoratrici. Per una maggiore comprensione dei meccanismi che originano il divario pensionistico di genere occorre porre attenzione ad altre sue componenti: le credenze che guidano le donne nella scelta tra corsi d’azioni alternativi e riguardo ai mezzi a loro disponibili. Quest’ultime sono dimensioni soggettive che mediano l’azione. Agendo come un filtro, restringono il campo delle opzioni potenziali – già ridotto dai fattori sovra-individuali elencati – ad un insieme limitato di opzioni percepite come possibili (Elster, 2007/2011). I limiti del welfare italiano pongono frequentemente molte lavoratrici di fronte a vere e proprie alternative valoriali più che a mere decisioni sui corsi d’azione. Configurano la scelta in termini di lotta tra fini giudicati ‘buoni in sé’: essere madre, essere lavoratrice, assistere i genitori o un parente disabile e così via.

28Come comprendere quindi il percorso mediante cui le lavoratrici decidono infine il loro futuro pensionistico? Recenti indagini mostrano che gran parte delle donne italiane, al pari delle omologhe dei paesi più sviluppati, sostiene l’equità di genere, lamentando una diffusa discriminazione sessuale nel paese (73%) e l’insufficienza dei provvedimenti attuati per porvi rimedio (64%)21. Esse concordano inoltre sul fatto che entrambi i coniugi devono contribuire al reddito familiare (83,9%) e che gli studi universitari sono altrettanto importanti per le donne che per gli uomini (92,8%). Sebbene meno della loro metà partecipino alle forze di lavoro, il 79,4% delle donne interpellate condivide infine l’opinione che il lavoro remunerato sia il miglior modo per una donna per ottenere la propria indipendenza22.

29A differenza delle affermazioni di principio, le aspirazioni scontano in maniera diretta l’influenza delle opportunità. Può accadere di conseguenza che molte donne restringano il campo delle proprie aspettative per non andare incontro ad un insuccesso. Smettendo di desiderare ciò che non possono avere, riducono la loro dissonanza cognitiva (Elster, 2007/2011).

30La genesi di ridotte aspettative di achievement può emergere nel confronto con il gruppo di appartenenza: difficilmente le lavoratrici possono aspirare a una carriera sfolgorante e a una remunerazione elevata quando nel genere femminile casi di questo tipo sono piuttosto rari. Analogamente, il paragone interfemminile può indurle a sperimentare livelli di soddisfazione elevati anche in corrispondenza di percorsi professionali solamente medi, come se si realizzasse una sorta di “gratificazione relativa”. L’esigenza di ridurre la frustrazione può indurre molte donne a preferire termini di comparazione a loro favorevoli.

  • 23 Pfau-Effinger riconosce che «la cultura dominante di genere non è uniformante distribuita, ma la su (...)

31Spiegazioni di questo tipo si contrappongono a prospettive che riconducono le scelte femminili principalmente a presunti vincoli derivanti da specifiche “culture di genere” (Duncan, 1995; Pfau-Effinger, 1998a). Questi approcci – pur nelle particolarità che li differenziano – si basano sull’assunto secondo cui, nell’ambito di un “quadro culturale generale”, esista un’area di idee e di valori riguardo le relazioni tra i sessi e la divisione del lavoro che, istituzionalizzati come norme permangono relativamente stabili, dando vita ad un “sistema culturale di genere”. Tali norme e valori dominanti costituirebbero, nei diversi gruppi sociali23, il principale riferimento per “gender discourses” e “gender practices” presenti a livello istituzionale e di vita quotidiana (Pfau-Effinger, 1998b).

32Le norme, così come le routines decisionali e le convenzioni, hanno indubbiamente un peso rilevante nella spiegazione del comportamento degli attori sociali. Occorre tuttavia evitare l’errore di considerare come atti meccanici e irriflessi, dettati da prescrizioni socialmente condivise, anche le decisioni autonome e consapevoli sulla scelta delle mete. Le decisioni di gran parte delle donne in merito al loro impegno nel mercato del lavoro (scelta del settore, carriera, disponibilità oraria) e sul loro futuro pensionistico, maturano in relazione ai convincimenti personali riguardo a ciò che è giusto, conveniente o probabile.

4. Opinioni e credenze rispetto a lavoro e pensioni

33La propensione al lavoro remunerato espressa dalle donne italiane nelle principali indagini internazionali sugli orientamenti e i valori (World Value Survey e Eurobarometer 326) trova riscontro nella crescente partecipazione femminile alle forze di lavoro. Il processo, iniziato negli anni Settanta, ha conosciuto fasi alterne. A congiunture di forte espansione sono seguiti cicli di stallo più o meno prolungati, in corrispondenza a periodi di crisi economica. L’aumento occupazionale non ha finora avvicinato i tassi di occupazione femminile italiani a quelli dei paesi più sviluppati né ha consentito di raggiungere l’obiettivo proposto dalla strategia di Lisbona. Tale incremento non si è inoltre accompagnato a un miglioramento della qualità del lavoro femminile in termini d’inquadramento contrattuale, remunerazioni e carriera (cfr. par. 2).

34L’analisi di alcuni dei risultati dell’indagine AGING consentirà di precisare le credenze delle lavoratrici intervistate riguardo lavoro e pensioni, i criteri distributivi da esse condivisi nonché di stabilire se e come, su questi aspetti, le donne si differenzino dagli uomini.

35Poiché la relazione tra genere e credenze può essere resa spuria da diverse variabili – specie quelle riguardanti la situazione di mercato e di lavoro – saranno tenuti sotto controllo gli effetti della zona geografica di residenza, del livello di istruzione, della condizione occupazionale e dello stato civile.

4.1. Le differenze tra lavoratori e lavoratrici

36Le caratteristiche delle lavoratrici intervistate nel corso dell’indagine AGING non di discostano dalle descrizioni Istat sopra riportate. Esse svolgono in misura inferiore agli uomini attività di tipo dirigenziale (0,6% vs 2,2%) o autonomo (7,7% vs 16%) e sono più frequentemente impiegate nella pubblica amministrazione (20,9% vs 12,1%) e nei servizi (39% vs 25,6%). Condizioni che, generalmente, assicurano stabilità e impegno a orario fisso a scapito di guadagni superiori e possibilità di avanzamento di carriera. Le donne intervistate hanno inoltre una minore anzianità di servizio: benché la distribuzione in classi di età delle donne e degli uomini nel campione sia pressoché la stessa, le lavoratrici lavorano da meno anni, con uno scarto tra coloro che lavorano da almeno 15 anni di circa 10 punti percentuali. Non solo: pur avendo lavorato in passato, il 19,8% delle donne intervistate contro il 10,7% degli uomini, ha asserito al momento dell’indagine di essere in cassa integrazione o in mobilità, disoccupata e in cerca di lavoro o priva di lavoro. Non sorprende, di conseguenza, che esse dichiarino una retribuzione media mensile netta inferiore (€1090 vs €1558) e più appiattita (deviazione standard €573 vs €1478) di quella degli uomini (si veda il contributo di Baldissera in questo stesso fascicolo). La figura n. 2 indica le differenze di remunerazione a parità di condizione occupazionale e segnala il basso posizionamento delle donne nella scala delle retribuzioni di ciascuna occupazione.

Fig. 2 Redditi medi mensili (espressi in euro) di lavoratrici e lavoratori per condizione occupazionale (n=2040)

Fig. 2 Redditi medi mensili (espressi in euro) di lavoratrici e lavoratori per condizione occupazionale (n=2040)

Fonte: elaborazione da data set AGING (2011)

37Questi confronti contrastano con un altro risultato che emerge dalla stessa ricerca: il grado d’insoddisfazione nei confronti del proprio reddito da lavoro non differisce in maniera rilevante tra i generi. Alla domanda «Quanto ritiene giusto il suo reddito da lavoro, considerati i suoi sforzi e le sue capacità?» esprimono infatti profonda insoddisfazione («molto meno del giusto») il 19,9% degli uomini e il 21,2% delle donne, mentre sono persino più numerose le intervistate a ritenere che il proprio reddito corrisponda al giusto (rispettivamente il 27,2% e il 25%). L’azione di meccanismi adattativi al gruppo di appartenenza e di riduzione della dissonanza cognitiva potrebbe render conto di questa similarità di vedute tra i generi, anche a fronte di esiti diversi nel mercato del lavoro (cfr. par. 3.3).

  • 24 Si veda, in questo stesso fascicolo, il contributo di Renzo Carriero. L’autore osserva che sebbene (...)
  • 25 Le donne intervistate preferiscono confronti con chi sta peggio di loro soprattutto se svolgono un’ (...)

38Ad un esame più approfondito emerge tuttavia che la percezione di ingiustizia nelle donne è più complessa di quanto, prima facie, si potrebbe ritenere24. In particolare, è il termine di paragone cui le donne intervistate si riferiscono a determinare la differenza. Di fronte a quesiti generici esse mostrano sentimenti di ingiustizia attenuati, poiché tendenzialmente preferiscono comparare la loro situazione con quella di soggetti in condizioni più svantaggiate25 (cfr. fig. 3).

39Poste di fronte a comparazioni circostanziate, le intervistate esprimono al contrario la loro insoddisfazione. Alla domanda «Pensa che il suo reddito sia mediamente migliore, uguale o peggiore di quello dei suoi amici?» risponde «Migliore» il 17,4% delle lavoratrici contro il 22,6% dei lavoratori e «Peggiore» il 29% delle lavoratrici contro il 20% dei lavoratori.

40La preferenza per confronti sbilanciati con soggetti in condizioni di svantaggio potrebbe essere forse ricondotta alla maggior propensione femminile – rafforzata dai processi di socializzazione – ad atteggiamenti empatici e compassionevoli, in contrapposizione alla competitività maschile. Una spiegazione che consideri le inclinazioni personali congiuntamente alle aspettative sociali, per quanto attinente, pare però insufficiente a restituire il significato soggettivo delle valutazioni di queste lavoratrici. Una migliore comprensione potrebbe derivare da una conoscenza delle “disposizioni” di queste donne, ovvero – secondo la definizione di Boudon (1982/1991) – dell’insieme delle credenze positive e normative presenti nella mente che, in maniera più o meno consapevole, vengono mobilitate, ad esempio, al momento della decisione e della scelta.

  • 26 Prima di procedere a questo calcolo, per neutralizzare la propensione dei rispondenti a usare in mo (...)

41La somministrazione, con tecnica di scaling autoancorante, di una serie di batterie composte da frasi sui temi del lavoro e delle pensioni ha permesso di rilevare la diffusione delle principali credenze positive e normative sul mondo del lavoro e delle pensioni. Dai confronti tra le medie dei punteggi26 emergono rilevanti differenze negli orientamenti prevalenti tra i generi. Come previsto tra i lavoratori c’è un diffuso scetticismo nei confronti dell’applicazione in Italia del criterio distributivo sulla base del merito. Ciò nonostante, gli uomini più delle donne sono disposti a ritenere che i redditi da lavoro dipendano dai risultati ottenuti dai lavoratori e dalla loro competenza e professionalità. Analogamente, tra gli uomini è più diffuso il convincimento secondo cui mantiene più facilmente il posto di lavoro chi ha maggiori capacità professionali e chi si impegna maggiormente. A tali credenze positive corrisponde una maggior condivisione del criterio normativo espresso dall’item «Dovrebbe essere pagato di più chi produce di più». Se gli uomini intervistati paiono credere di più al principio di una giusta ricompensa per il lavoro svolto, accordando maggior adesione all’item «Nessuno dovrebbe essere licenziato, basterebbe ridurre i salari di tutti», le donne esprimono orientamenti egualitaristi volti a salvaguardare le categorie più deboli.

Fig. 3 Quando valuta il suo reddito da lavoro tende a confrontarlo con quello di chi... (valori percentuali, n=516)*

Fig. 3 Quando valuta il suo reddito da lavoro tende a confrontarlo con quello di chi... (valori percentuali, n=516)*

* Per ragioni tecniche questa domanda è stata posta solo a una parte del campione, nella prima fase della rilevazione. Come negli altri casi, i dati sono stati ponderati per sesso e titolo di studio.

Fonte: elaborazione da data set AGING (2011)

42Emerge la convinzione delle donne intervistate di essere svantaggiate nel mercato del lavoro rispetto agli uomini e l’affermazione della necessità di politiche di sostegno. Un esempio sintomatico: la frase «Per facilitare il lavoro delle donne bisognerebbe aumentare i servizi per l’infanzia» registra tra le interpellate un punteggio medio di +0,91 e solo di +0,65 tra gli uomini. La conciliazione tra lavoro remunerato e lavoro non remunerato pare ancora una volta “un affare di donne”. Non tutte le azioni di sostegno alla conciliazione attivano un circolo virtuoso. Sostenere, ad esempio, la maternità (mediante l’assegnazione agevolata di part-time e congedi alle lavoratrici) e non la genitorialità dei lavoratori di entrambi i generi, ratifica l’impegno di cura cui le donne sono tradizionalmente relegate e che costituisce un notevole limite alla loro affermazione professionale (De Simone, 2006).

43Poiché scopo di questo lavoro è porre in evidenza le differenze tra i generi abbiamo selezionato gli items in cui le credenze tra gli uomini e le donne differiscono in maniera significativa. Tra questi solo due riguardano il sistema pensionistico, mentre più numerosi (undici) sono quelli riguardanti il mondo del lavoro. I primi sono stati quindi considerati a sé: da questo punto in poi l’affermazione «Il pensionamento anticipato è lo strumento più utile per risolvere il problema della disoccupazione giovanile» sarà denominata Pro pensionamento anticipato, mentre la frase «Il sistema pensionistico deve avere regole uguali per tutti» sarà denominata Universalismo (delle norme pensionistiche).

  • 27 Il ricorso alla rotazione ortogonale Varimax, ha semplificato la scelta del numero limitato di vari (...)
  • 28 La componente Disuguaglianza uomo/donna è saturata dagli items «In Italia le donne guadagnano meno (...)

44Gli items concernenti il lavoro sono stati sottoposti ad un’analisi delle componenti principali27. Attraverso prove successive sono state individuate quattro dimensioni. Per tre di esse sono stati costruiti degli indici fattoriali, denominati Disuguaglianza uomo/donna, Meritocrazia e Rendimento28, per la quarta, l’Egualitarismo (in situazione di crisi economica), ciò non si è reso necessario poiché saturata da un solo item: «Nessuno dovrebbe essere licenziato, basterebbe ridurre i salari di tutti».

  • 29 Il tema delle prospettive negative dei giovani (precarietà, impoverimento) è tra i più ricorrenti n (...)

45Le dimensioni individuate riguardano i processi di ripartizione delle risorse spettanti al lavoro e alle conseguenze da essi derivanti. Alcune dimensioni individuano criteri distributivi affini, altre discordanti. C’è prossimità semantica tra la Meritocrazia, un’ideologia tesa a promuovere, favorire e legittimare il merito, e il criterio di remunerazione in base al rendimento (Rendimento). All’affermazione di tali principi si contrappone l’ideale dell’Egualitarismo (in situazione di crisi economica). Allo stesso modo, l’Universalismo (delle norme pensionistiche) – vale a dire il rispetto da parte di tutti di regole omogenee che assicurino l’equità dei trattamenti in considerazione dell’età pensionabile e dei criteri di calcolo delle pensioni – si contrappone alla credenza secondo cui il pensionamento anticipato sarebbe un dispositivo in grado di risolvere il problema della disoccupazione giovanile29. È accertato che il prepensionamento – sebbene diffusamente accolto nelle considerazioni di senso comune – non sia lo strumento più idoneo a garantire l’equità intergenerazionale. Esso accresce piuttosto il debito pubblico e pensionistico che graverà sulle future generazioni. La Disuguaglianza uomo/donna riguarda infine l’ineguale ripartizione delle risorse e il conseguimento di risultati diversi nel mercato del lavoro tra i generi.

  • 30 Per questa ragione i box plots delle loro distribuzioni non sono compresi nella figura 4.

46La figura n. 4 rappresenta i diversi posizionamenti di genere rispetto ad alcune dimensioni individuate. Si apprezzano visivamente la maggior propensione degli intervistati verso la Meritocrazia e quella delle intervistate per il Pro pensionamento anticipato nonché una maggiore sensibilità di quest’ultime verso la Disuguaglianza uomo/donna. Le differenze tra i generi sono meno accentuate30 – ma, come dimostreremo più avanti (cfr. par. 4.2), sempre rilevanti – sulle dimensioni del Rendimento e dell’Egualitarismo (in situazione di crisi economica). I lavoratori prediligono maggiormente il criterio di remunerazione in base al rendimento, mentre le lavoratrici il principio dell’uguale distribuzione delle risorse nei periodi di difficoltà. L’Universalismo (delle norme pensionistiche) è l’item che si distribuisce secondo una modalità più eccentrica: da un lato vi è una minore dispersione intorno alla mediana del campione (e ciò si osserva con maggior evidenza per gli uomini), dall’altro si registrano un maggior numero di casi estremi (soprattutto nel campione femminile).

Fig. 4 Distribuzione dei lavoratori e delle lavoratrici su alcuni criteri di ripartizione delle risorse spettanti al lavoro (a; c; d) e un esito dell’applicazione dei criteri in atto (b)

Fig. 4 Distribuzione dei lavoratori e delle lavoratrici su alcuni criteri di ripartizione delle risorse spettanti al lavoro (a; c; d) e un esito dell’applicazione dei criteri in atto (b)

Fonte: elaborazione da data set AGING (2011)

4.2. Effetti spuri e di interazione

47A parità di altre condizioni, la variabile genere si conferma una fonte di variazione significativa nella distribuzione dei criteri di ripartizione del reddito individuati? Le differenze nelle credenze mostrano una specificità di genere? Quali altre caratteristiche sociali sono influenti?

  • 31 Le variabili indipendenti sono state normalizzate in modo tale da assumere valore zero in corrispon (...)

48Poiché è plausibile ipotizzare che l’effetto del sesso sulle dimensioni individuate, stimato mediante analisi bivariata, sia spurio, abbiamo testato sei modelli di regressione lineare multipla – uno per ogni dimensione – in cui ciascuna variabile indipendente è stata espressa come funzione di altre variabili esplicative oltre al sesso: la zona geografica di residenza, il livello di istruzione, la condizione occupazionale e lo stato civile. Le analisi svolte31 evidenziano che, al netto dagli effetti esercitati da tutti gli altri regressori, l’effetto del genere sulle sei dimensioni è sempre rilevante e significativo (cfr. tab. 1 nella pagina seguente).

  • 32 Per economia di spazio non è possibile pubblicare le tavole di riferimento che sono a disposizione (...)

49Al fine di controllare le affinità e le differenze tra le credenze di uomini e donne, a ciascuno dei sei modelli di regressione è stato inoltre aggiunto, di volta in volta, l’effetto d’interazione tra il sesso e le variabili socio-anagrafiche ritenute influenti32. Il quadro che ne risulta è composito. Esaminiamo alcune tra le differenze principali.

50Sono di una certa entità le differenze del lavoro svolto rispetto agli orientamenti: Meritocrazia, Rendimento e Universalismo (delle norme pensionistiche). La lavoratrice dipendente manuale, rispetto al lavoratore di uguale posizione ha minor fiducia nella meritocrazia, nella produttività e nell’universalismo. Su questo criterio differiscono anche le donne che hanno un lavoro imprenditoriale, professionale o dirigenziale rispetto agli uomini con eguale posizione (punteggio medio di 8 punti in meno).

51Rileviamo che, eccezion fatta per il criterio Pro pensionamento anticipato, l’interazione tra il sesso e lo stato civile mostra sempre un effetto, a conferma del peso discriminante della presenza di un carico familiare. In particolare, rispetto all’uomo separato o divorziato la donna separata o divorziata mostra una minor fiducia nella diffusione dei criteri della Meritocrazia (punteggio medio di 11 punti in meno) e del Rendimento, mentre mostra una maggior percezione della Disuguaglianza uomo/donna (punteggio medio di 13 punti in più) e una maggior condivisione del criterio dell’Universalismo (delle norme pensionistiche).

52Le opinioni su Meritocrazia, Disuguaglianza uomo/donna, Rendimento, Egualitarismo (in situazione di crisi economica) e Universalismo (delle norme pensionistiche) differiscono tra uomini e donne, ma non tra intervistati e intervistate dello stesso livello d’istruzione della stessa provenienza geografica. È una peculiarità di genere differire invece in base al titolo di studio e alla zona geografica rispetto alla dimensione del Pro pensionamento anticipato. Le donne con un basso livello d’istruzione sono propense al prepensionamento in misura maggiore degli uomini di pari livello d’istruzione. Allo stesso modo sono più propense le intervistate residenti al Nord rispetto degli intervistati di uguale provenienza geografica.

Tab. 1 Regressioni lineari multiple delle variabili. Stime dei coefficienti dei parametri ed errore standard

Tab. 1 Regressioni lineari multiple delle variabili. Stime dei coefficienti dei parametri ed errore standard

Fonte: elaborazione da data set AGING (2011)

53L’Universalismo (delle norme pensionistiche) si conferma la dimensione di più difficile interpretazione non solo per la distribuzione di tipo eccentrico (cfr. fig. 3) ma anche perché le variabili socio-demografiche considerate non fanno registrare differenze di rilievo nel campione di lavoratrici intervistate.

4.3. Le differenze tra le lavoratrici

  • 33 Le analisi di regressione lineare multipla con effetti di interazione (cfr. par. 4.2) hanno posto i (...)
  • 34 Sono state giudicate rilevanti le differenze con punteggio superiore allo 0,30. Di conseguenza tutt (...)

54Descritti gli orientamenti prevalenti tra i generi e controllati gli effetti spuri e di interazione, è ora utile approfondire le credenze delle lavoratrici italiane rispetto al lavoro e alle pensioni33. Per conoscere le differenze nel campione femminile sulle dimensioni della Meritocrazia, Disuguaglianza uomo/donna, Rendimento, Egualitarismo (in situazione di crisi economica), Pro pensionamento anticipato e Universalismo (delle norme pensionistiche) sono stati operati confronti rispetto le medie delle categorie di alcune variabili indipendenti già considerate (cfr. par. 4.2) e di altre ritenute influenti: zona geografica di residenza; età; livello di istruzione; occupazione; occupazione del partner; anzianità lavorativa; reddito netto medio mensile; stato civile e numero di figli34.

55Accertata la scarsa fiducia nell’applicazione del criterio della Meritocrazia comune a tutte le donne che lavorano, si osserva un credito ancor più ridotto da parte di quante abitano al Centro, al Sud e nelle Isole. Ugualmente, mostrano scarso affidamento in tale criterio le donne con tre o più figli. Confidano meno nella meritocrazia le venticinque-trentaquattrenni, mentre vi ripongono maggior fiducia le donne molto giovani, sotto ai 25 anni, e le anziane oltre i 54. Parrebbe che maggior scetticismo tocchi le donne che, in ragione dell’età raggiunta, prospettano per sé una stabilizzazione della condizione lavorativa ma che, probabilmente, sono rimaste deluse dalle scarse opportunità offerte dal mercato del lavoro. Non stupisce quindi che al crescere del titolo di studio aumenti la sfiducia nel criterio meritocratico (nelle lavoratrici con istruzione post-laurea la media è -1,46, il doppio rispetto alla media totale di -0,73). Così come non sorprende rilevare invece una maggior fiducia in quante hanno raggiunto una posizione lavorativa autonoma (scarto dalla media di +0,58) o il cui partner è un lavoratore autonomo, dirigente o professionista.

56Credono di più nel criterio di distribuzione delle risorse sulla base del Rendimento le donne che risiedono al Centro e quelle che hanno un lavoro imprenditoriale, professionale o dirigenziale. La relazione tra questa dimensione e l’istruzione è lineare: al crescere del titolo di studio aumenta la propensione verso il criterio della produttività. Le lavoratrici che hanno almeno un figlio stentano invece a credere che sia pagato di più chi effettivamente produce di più.

  • 35 Nord-Ovest e Nord-Est registrano una media rispettivamente di 0,81 e 0,84; Centro 0,6; Sud 0,26 e I (...)

57Le donne del Nord-Ovest e del Nord-Est e, in misura minore, quelle del Centro hanno una maggiore percezione della Diseguaglianza uomo/donna rispetto alle donne residenti nel Sud e nelle Isole35. La persistenza nelle regioni meridionali di modelli tradizionali di divisione del lavoro fornisce una valida spiegazione a questa risultanza.

  • 36 Scarto tra il livello d’istruzione più basso e quello più alto pari a +0,45.

58Il titolo d’istruzione ha un’influenza diretta positiva con la maggior percezione di discriminazione: le donne con elevate credenziali scolastiche si percepiscono come più discriminate36. Allo stesso modo anche una posizione professionale elevata è accompagnata a una maggior percezione di disuguaglianza tra uomo e donna. Avvertono invece minor discriminazione le donne più giovani (fino ai 34 anni), quelle che sono entrate nel mercato del lavoro da meno di cinque anni (scarto tra l’anzianità lavorativa maggiore di 25 anni e quella minore di cinque anni pari a -0,64) e le donne nubili. Con buona probabilità la minor esperienza lavorativa e ridotti termini di confronto e il minor carico di cura familiare favoriscono in queste lavoratrici una percezione attenuata del divario di genere. L’influenza dell’impegno di cura nella percezione della diseguaglianza uomo-donna non è di immediata interpretazione. Adottando la terminologia di Hakim (1996) ci si potrebbe domandare: è il carico famigliare che dispone le donne nei confronti dell’adesione di un modello home-centred o piuttosto è l’adesione a un modello work-centred che le allontana da un impegno famigliare?

59Hanno un orientamento meno volto all’Egualitarismo (in situazione di crisi economica) le donne che abitano al Nord, le più giovani (con età inferiore ai 25 anni), quelle che svolgono un lavoro professionale, dirigenziale, o gestiscono un’attività in proprio e le lavoratrici che hanno un partner imprenditore, professionista o che svolge un lavoro autonomo o dipendente manuale qualificato. Sebbene tendenzialmente più egualitariste degli uomini, le lavoratrici sembrano moderare questo sentimento in corrispondenza di un maggior benessere economico personale.

5. Conclusioni

  • 37 Alcuni dati evidenziano la tendenza in atto: nel 2003 tra i neo dottori di ricerca, il 51% era donn (...)

60L’accertamento della diffusione tra le lavoratrici italiane di un più spiccato orientamento egualitarista, di una maggior sfiducia nei confronti nel riconoscimento del merito e della tendenza a confronti interpersonali con soggetti in condizioni di svantaggio, aggiunge elementi utili alla comprensione del basso posizionamento femminile nella gerarchia delle occupazioni e della conseguente creazione di un rilevante divario pensionistico di genere? La presenza di questi orientamenti potrebbe suggerire l’idea che la sfavorevole condizione lavorativa delle donne derivi, oltre dai fattori ben noti – il carico di cura familiare e le rigidità del mercato del lavoro – anche da una minore spinta personale alla competizione e all’affermazione professionale. Tale conclusione, per quanto plausibile, presenta numerose controprove. Anzitutto diverge dalle risultanze di numerose indagini internazionali che evidenziano l’importanza attribuita dalle donne italiane al lavoro in termini di realizzazione personale e indipendenza (Eurobarometer 326 e World Value Survey 2005). In secondo luogo contrasta con la tendenza, in atto da alcuni anni, che vede le ragazze applicarsi con maggior determinazione dei ragazzi negli studi, superandoli in termini di titoli ottenuti e valutazioni conseguite37.

61Questo insieme di evidenze discordanti rendono gli orientamenti femminili dei veri e propri rompicapo. Con ‘rompicapo’ s’intende generalmente un comportamento che resiste a una spiegazione in termini di scelta razionale. Tra i principali risultati emersi dall’indagine AGING vi è la conferma che la variabile genere, a parità di tutte le altre condizioni, risulta significativa nella distribuzione delle credenze sui criteri di ripartizione delle risorse spettanti al lavoro, e che a risultare particolarmente rilevante è l’interazione tra il sesso e la variabile stato civile, da intendersi come proxy del carico di lavoro non remunerato.

62Per quanto gli orientamenti si definiscano sulla base della loro stabilità, essi non sono immutabili. Variano sensibilmente lungo il ciclo della vita e soprattutto in relazione a specifiche influenze di contesto: i soggetti operano di volta in volta aggiustamenti rispetto ai propri convincimenti riguardo a ciò che è utile e giusto (Blackburn e Mann, 1979). Questo meccanismo è più diffuso nei gruppi sociali in condizioni di svantaggio, come quello delle donne, in cui continui accomodamenti consentono una miglior risposta alla struttura del contesto della scelta.

63Da questo punto di vista l’introduzione di dispositivi che riorganizzino il campo della decisione individuale può avere effetti positivi. Il rafforzamento, perseguito dalle recenti riforme, della funzione assicurativa del sistema pensionistico a scapito di quella redistributiva, riproduce indubbiamente le differenze tra uomini e donne. Questa impostazione non danneggia tuttavia le lavoratrici, come talvolta suggerisce il senso comune. L’equiparazione dell’età di pensionamento tra uomini e donne, ratificando la parità dei generi nel modo del lavoro, potrebbe essere un’occasione per la messa in discussione dei sistemi tradizionali di regolamentazione del lavoro domestico e di cura.

Torna su

Bibliografia

Alesina A., Ichino A. e Karabarbounis L. (2007), Gender Based Taxation and the Division of Family Chores (reperibile all’indirizzo http://www.oecd.org/els/42029340.pdf).

Bajtelsmit V. L. e Jianakoplos N. A. (2010), Women and Pensions: A Decade of Progress?, «EBRI Issue Brief», 227, pp. 1-16.

Baldissera A. (1996), La rivolta dei capelli grigi. Azioni collettive in Italia e in Francia contro le riforme dei sistemi pensionistici, 1994-1995, in Sciolla L. e Negri N. (a cura di), Il paese dei paradossi, Roma, La Nuova Italia scientifica.

Id. (2002), Gli italiani sono più sensibili all’eguaglianza e all’equità che alla previdenza, «Quaderni di sociologia», XLVI, pp. 105-134.

Id. (2008), Proteggere Zeus da Chrónos: il futuro del lavoro nell’Italia contemporanea, «Quaderni di sociologia», LI, 46, pp. 35-70.

Bergemann A. e van den Berg G. J. (2006), Active Labor Market Policy Effects for Women in Europe: A survey, Discussion Paper Series IZA DP, 2365, Bonn, Institute for the Study of Labor.

Blackburn R. e Mann N. (1979), The Working Class and the Labour Market, London, McMillian.

Boeri T. e Brugiavini A. (2008), Pension Reforms and Women Retirement Plans, «Population Ageing», 1, pp. 7-30.

Boeri T. e Del Boca D. (2007), Chi lavora in famiglia? (reperibile all’indirizzo www.la voce.info articoli/-famiglia/pagina2713.html).

Bonnet C., Chagny O. e Monperrus-Veroni P. (2007), Prise en compte des spécificités des carrières féminines par le système de retraite: une comparaison France, Allemagne et Italie, «Retraite et société», 50, 1, pp. 35-75.

Borella M. e Fornero E. (2002), Le donne e il sistema previdenziale italiano: dalla protezione sociale all’assicurazione, «Sistema Previdenza», XIX, 208, pp. 2-17.

Boudon R. e Bourricaud F. (1982), Dictionnaire critique de la sociologie, Paris, P.U.F. [trad. it. Dizionario critico di sociologia, Roma, Armando, 1991].

Casarico A. e Profeta P. (2009), Uguaglianza di genere e sistemi pensionistici: aspetti critici e prospettive per l’Italia, «Studi e Note di Economia», XIV, 3, pp. 491-513.

Castellino O. (1976), Il labirinto delle pensioni, Bologna, il Mulino.

Commissione Europea (2010), Divario di retribuzione tra donne e uomini. Italia (reperibile all’indirizzo http://ec.europa.eu/equalpay).

Corsi M. e D’Ippoliti C. (2008), Poor Old Grandmas? On Gender and Pension Reforms, «The Nordic-Baltic Network on Gender Responsive Budgeting», Discussion Paper, 2, pp. 35-56.

Cozza M., Murgia A. e Poggio B. (2008), Traiettorie ed intrecci nelle storie di carriera di uomini e donne. Una lettura di genere tra lavoro e non lavoro, «Sociologia del lavoro», 110, pp. 201-212.

De Simone G. (2006), Conciliare lavori e famiglie. Differenze virtuose e differenze perniciose in tema di tassazione dei redditi da lavoro e di sistemi pensionistici, «Lavoro e diritto», XIII, 2, pp. 255-281.

Dex S. (1998), Women’s attitudes towards work, New York, St. Martin’s Press.

Di Franco G. e Marradi A. (2003), Analisi fattoriale e analisi in componenti principali, Acireale-Roma, Bonanno.

Donà A. (2009), Donne e lavoro: quali i risultati delle politiche di coiciliazione in Italia?, «Rivista italiana di politiche pubbliche», 1, pp. 109-134.

Duncan S. (2009), Mothering, Class and Rationality, «Sociological Review», 53, 2, pp. 50-76.

Elster J. (2007), Explaining Social Behavior: More Nuts and Bolts for the Social Sciences, Cambridge, University Press [trad. it. La spiegazione del comportamento sociale, Bologna, il Mulino, 2011].

Esping-Andersen G. (1990), The Three Worlds of Welfare Capitalism, Cambridge, Policy Press.

Eurostat (2010), Data in Focus 35/2010. European Union Labour Force Survey – Annual results 2009, Luxembourg, Office for Official Pubblications for the European Communities.

Even W. E. e Macpherson D. A. (1990), The Gender Gap in Pension and Wages, «The Review of Economics and Statistics», 72, 2, pp. 259-265.

Fornero E. (2007), Una proposta del CeRP per le trattative in corso sulle riforme previdenziali in Italia, «Il Sole 24ore», 19 maggio.

Frericks P., Knijn T. e Maier R. (2009), Pension Reforms, Working Patterns and Gender Pension Gaps, «Europe Gender, Work and Organization», 16, 6, pp. 710-730.

Gambardella D. e De Feo A. (2008), Valutazione sociale delle occupazioni, femminilizzazione e effetti di genere, «Sociologia del lavoro», 112, pp. 99-116.

Ginn J. Daly M. e Street D. (2001), Engendering Pensions: a Comparative Frame work, in Ginn J. Street D. e Arber S. (a cura di), Women, Work and Pensions: International Issues and Prospects, Buckingham, Open University Press, pp. 1-10.

Ginn J. (2004), European Pension Privatisation: Taking Account of Gender, «Social Policy and Society», 3, 2, pp. 121-132.

Groezen B., Kiiver H. e Unger B. (2009), Explaining Europeans’ Preferences for Pension Provision, «European Journal of Political Economy», 25, pp. 237-246.

Hakim C. (1996), Women’s work: Female Heterogeneity and the Polarization of Women’s Employment, London, Athlone Press.

Isfol (2007), Esiste un differenziale retributivo di genere in Italia? Il lavoro femminile tra discriminazioni e diritto alla parità di trattamento, Roma, I Libri del FSE, ISFOL.

Istat (2007), Statistiche in breve. Essere madri in Italia. Anno 2005, Roma, istat.

Id. (2010a), Forze di lavoro. Media 2009, Roma.

Id. (2010b), Statistiche in breve. La divisione dei ruoli sociali nelle coppie. Anni 2008-2009, Roma.

Id. (2011), Rapporto annuale, Roma.

Istat e Inps (2010), Statistiche della previdenza e dell’assistenza sociale. II – I beneficiari delle prestazioni pensionistiche. Anno 2007, Roma.

James E., Cox E. e Wong R. (2003), The Gender Impact of Pension Reforms: A Cross-Country Analysis, Policy Research Working Paper 3074, Washinghton, D.C., The World Bank.

Jessoula M. (2009), La politica pensionistica, Bologna, il Mulino.

Leitner S. (2001), Sex and Gender Discrimination within EU Pension Systems, «Journal of European Social Policy», 11, 2, pp. 99-115.

Lewis J. e Giullari S. (2005), The Adult Worker Model Family, Gender Equality and Care: the search for New Policy Principles and the Possibilities and Problems of a Capabilities Approach, «Economy and Society», 34, 1, pp. 76-104.

Marks G., e Houston D. (2002), Attitudes to Work and Motherhood Held by Working and non Working Mothers, «Work, Employment and Society», 16, 3, pp. 523-536.

Marradi A. (1979), Dimensioni dello spazio politico in Italia, «Rivista Italiana di Scienza Politica», IX, 2, pp. 263-96.

Id. (1984), Concetti e metodo per la ricerca sociale, Firenze, Giuntina.

Natali D. (2007), Vincitori e perdenti. Come cambiano le pensioni in Italia e in Europa, Bologna, il Mulino.

Pammolli F. e Salerno N. C. (2009), Corte di giustizia, età di pensionamento di vecchiaia per le donne e riforma delle pensioni e del welfare in Italia, «RDSS», IX, 1, pp. 143-148.

Pfau-Effinger B. (1998a), Gender Cultures and the Gender Arrangement - a Theoretical Framework for Cross-national Comparisons on Gender, in Duncan, S. (a cura di), Innovation: the European Journal of Social Sciences, «The Spatiality of Gender», 11, 2, pp. 147-166.

Pfau-Effinger B. (1998a), The Theoretical Framework for Cross-national Analysis of Part-time Employment: Gender Arrangement, in O’Reilly, J. e Fagan, C. (a cura di), Part-time Prospect: an International Comparison of Part-time Work in Europe, North America and Pacific Rim, London, Routledge, pp. 178-195.

Pruna M. L. (2008), Donne del Nord e donne del Sud. La dimensione territoriale delle diseguaglianze di genere nel mercato del lavoro, «Sociologia del lavoro», 110, pp. 55-68.

Regonini G. (1985), Effetti non previsti del “patto previdenziale”, «Stato e Mercato», 14, pp. 307-320.

Reyneri E. (2007), Lavoro e lavori nel contesto italiano, in Perulli A. (a cura di), Il futuro del lavoro in Italia, Matelica, Halley, pp. 143-166.

Salerno N. (2010), Donne in pensione più tardi: perché sì (reperibile all’indirizzo http://www.ingenere.it/articoli/donne-pensione-pi-tardi-perch-s).

Turner R. H. (1964), Some Aspects of Women’s Ambition, «The American Journal of Sociology», LXX, 3, pp. 271-285.

Torna su

Note

1 La survey, condotta nei primi mesi del 2011 si è svolta nell’ambito della ricerca Aging, Labor Productivity and Sustainability of Public Pension Systems: an Investigation through Macro and Micro Modelling patrocinata e finanziata dalla Regione Piemonte («Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte» n. 48 del 27 novembre 2008) e posta sotto la direzione di Elsa Fornero. La ricerca sociologica che fa parte di questo progetto (Italy’s Wage and Public Pension System: Behaviors, Believes and Redistributive Criteria: an empirical investigation) è stata diretta da Alberto Baldissera. Per maggiori dettagli si veda la nota metodologica presentata al termine della sezione monografica.

2 I dati presentati sono contenuti nella pubblicazione Istat-Inps del 19 marzo 2010 e si riferiscono all’anno 2007. Abbiamo scelto questa pubblicazione perché l’ultima, al momento in cui si scrive, in cui è presente un approfondimento sulle caratteristiche dei titolari delle prestazioni pensionistiche di tipo Invalidità, vecchiaia e superstiti (Ivs), che distingue tra titolari di pensioni di vecchiaia e anzianità, beneficiari di pensioni di inabilità o assegni ordinari di invalidità e percettori di pensioni ai superstiti. Per descrivere il divario pensionistico di genere abbiamo deciso di considerare unicamente le prestazioni corrisposte direttamente al beneficiario in conseguenza della sua attività lavorativa, al raggiungimento di limiti di età o di anzianità contributiva.

3 Nel 2009 il tasso di occupazione femminile dell’Unione Europea era pari al 58,6%. In questa graduatoria l’Italia si posiziona al 26esimo posto, avanti a Malta (Eurostat, 2010). La strategia di Lisbona adottata dal Consiglio europeo nel 2000 fissava il tasso di occupazione delle donne tra i 15 e i 64 anni al 60% entro il 2010. La nuova strategia per il lavoro e la crescita adottata nel giugno 2010 ha fissato il tasso di occupazione degli uomini e delle donne tra i 20 e i 64 anni al 75% entro il 2020 (htp://ec.europa.eu/europe2020/indexen.htm).

4 In Europa il tasso di occupazione delle donne tra i 15 e i 49 anni con figli era del 65,6%, quello degli uomini era del 90,3%. In Italia le donne tra i 15 e i 49 anni con figli che lavorano erano il 55,3%, gli uomini erano il 91,6%. Lo scarto tra le donne della stessa età con figli o senza figli era di 11 punti percentuali nel primo caso, 8 nel secondo (Eurostat, 2010).

5 È da notare che esiste una sovra-rappresentazione delle donne italiane in tutti i tipi di lavoro atipico, non solo nel part-time. La diffusione del lavoro temporaneo femminile (dipendenti a tempo determinato e collaboratori) incide per il 14,3%, contro il 9,3% degli uomini (Istat, 2011).

6 In Italia persiste un forte squilibro di genere nella divisione dei carichi del lavoro domestico e di cura. Nel 2008-2009 il 76,2% del lavoro familiare delle coppie era ancora a carico delle donne (Istat, 2010b).

7 In questo caso il dato italiano non è però tra i peggiori: in tutta l’Unione Europea la percentuale di donne leader aziendali era del 32,6%.

8 Le pensioni di anzianità sono erogate ai lavoratori subordinati del settore privato a seguito di un dato numero di anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica raggiunta. Nel corso degli anni Sessanta una serie di provvedimenti hanno reso le indennità di anzianità sempre più generose: introducendo un meccanismo di calcolo basato sull’ultima retribuzione nella misura di una mensilità per ogni anno di servizio (l. n. 1561/1960); estendendo i diritti anche ai dipendenti privati assunti con contratto a tempo determinato (l. n. 230/1962) e, infine, includendo tra i casi in cui ne è prevista la corresponsione anche le dimissioni volontarie e il licenziamento per colpa del lavoratore (l. n. 640/1966). Queste prestazioni verranno meno con il passaggio al sistema contributivo sancito dalla l. n. 335/1995, la cosiddetta ‘riforma Dini’.

9 Si tratta delle pensioni di anzianità erogate (l. n. 218/1952 e provvedimenti successivi) ai dipendenti pubblici dopo solo diciannove anni, sei mesi e un giorno di contribuzione (14 anni, sei mesi e un giorno per le donne sposate con prole). La riforma Amato del 1992 ne dispose l’annullamento entro il 2017 (l’art. 8 comma 2 dispose che tale pensionamento non potesse comunque essere richiesto prima del raggiungimento del 35° anno di anzianità contributiva per coloro che al 1 gennaio 1993 avessero maturato un’anzianità contributiva e di servizio non superiore ad otto anni).

10 Nell’arco di un ventennio, tra la fine degli anni Settanta e l’inizio dei Novanta, secondo la ricostruzione di Jessoula (2009), la questione previdenziale entrò nell’agenda di 13 Governi, 8 Presidenti del Consiglio e 9 Ministri del Lavoro. Le proposte restrittive finirono immancabilmente stralciate o abbandonate a causa della caduta del governo in carica, mentre giunsero ad approvazione quelle ulteriormente espansive.

11 Seguendo la rassegna svolta da Corsi e D’Ippoliti (2008).

12 Legge delega n. 421/1992, attuata con d. lgs. n. 503/1992 e d. lgs. n. 124/1993.

13 Legge 8 agosto 1995, n. 335.

14 Fu indicata una soglia flessibile (dai 57 ai 65 anni) uguale per uomini e donne, lasciando tuttavia alla donna la facoltà di avvalersi di periodi di abbuono sull’età pensionabile a seconda del numero dei figli. Questi elementi di flessibilità e uguaglianza furono abbandonati dalla riforma Maroni (l. n. 243/2004, il cosiddetto ‘scalone’, modificato poi dal governo Prodi nel 2007) che ripristinò il limite fisso di 65 anni per gli uomini e di 60 per le donne.

15 Il coefficiente di trasformazione è un valore che dipende dall’età anagrafica al momento del pensionamento.

16 La speranza di vita alla nascita nell’anno 2010 era di 79,1 anni per gli uomini e di 84,3 anni per le donne (demo.istat.it/altridati/indicatori/index.html).

17 Considerando settore pubblico e privato l’età effettiva di pensionamento è intorno ai 59-60 anni senza rilevanti differenze tra uomini e donne. Tale avvicinamento si spiega con il fatto che due terzi degli uomini hanno una pensione d’anzianità, mentre due terzi delle donne hanno una pensione di vecchiaia poiché, non riuscendo a raggiungere gli anni di contribuzione minima, devono attendere i 60 anni per ritirarsi dal lavoro.

18 Secondo la nota tipologia di Esping-Andersen (1990) il welfare italiano può essere definito “particolaristico” (o “conservatore”) poiché presenta una predominanza di schemi assicurativi pubblici collegati alla posizione occupazionale. Trifiletti (1999) chiama “mediterraneo” il modello, cui appartengono oltre all’Italia, anche Spagna, Grecia e Portogallo. L’autrice riconosce a questi sistemi un basso livello di protezione sociale, ma ne rileva un’altra caratteristica: la considerazione delle donne principalmente come mogli e madri.

19 L’applicazione dello stesso principio ottiene esiti ben diversi in paesi, come la Svezia, in cui esso è affiancato da elevate prestazioni di welfare. In Italia, la penuria di questi servizi ha tra le sue cause anche l’eccessivo assorbimento di risorse per l’erogazione delle pensioni: la spesa pensionistica incide in ragione del prodotto interno lordo nazionale (PIL) per una percentuale pari al 16,7% (calcolo Istat in riferimento ai trattamenti pensionistici al 31 dicembre 2009).

20 In un articolo pubblicato sul «Corriere della Sera» (24 maggio 2011) Di Vico paventa che anche in questo caso il “tesoretto” promesso finisca, totalmente o in parte, «nel tritacarne delle manovre di finanza pubblica». Condivide tale preoccupazione anche un nutrito gruppo di associazioni femminili (che ha lanciato un appello per proporne la destinazione in un programma pluriennale di investimenti (tracciabili) a favore delle donne lavoratrici).

21 Dati tratti dall’indagine Eurobarometer 326/72.2 intitolata Gender equality in the EU in 2009 (http://ec.europa.eu/public_opinion/archives/ebs/ebs_326_en.pdf).

22 Dati tratti dall’indagine World Value Survey del 2005 (http://www.worldvaluessurvey.org).

23 Pfau-Effinger riconosce che «la cultura dominante di genere non è uniformante distribuita, ma la sua validità normativa si presenta in accordo con le diverse situazioni territoriali, l’etnia e le condizioni sociali» (1998b, 178).

24 Si veda, in questo stesso fascicolo, il contributo di Renzo Carriero. L’autore osserva che sebbene la frustrazione più intensa (risposta «molto meno del giusto») colpisca uomini e donne in maniera equivalente, il just ratio è più elevato tra i primi (0,84) che tra le seconde (0,70).

25 Le donne intervistate preferiscono confronti con chi sta peggio di loro soprattutto se svolgono un’occupazione manuale non qualificata (84,6%). La stessa tendenza si registra anche tra gli uomini, ma in maniera molto meno accentuata (33,3%).

26 Prima di procedere a questo calcolo, per neutralizzare la propensione dei rispondenti a usare in modo distorto la scala, assegnando principalmente punteggi estremi o centrali, abbiamo deflazionato l’insieme dei dati di ciascuna riga (Marradi, 1979; 1984).

27 Il ricorso alla rotazione ortogonale Varimax, ha semplificato la scelta del numero limitato di variabili che saturano ciascuna componente e ha consentito di ottenere una netta separazione tra le componenti stesse (Di Franco e Marradi, 2003).

28 La componente Disuguaglianza uomo/donna è saturata dagli items «In Italia le donne guadagnano meno degli uomini» (coefficiente computazionale 0,760), «In Italia mantengono più facilmente il posto di lavoro gli uomini» (0,707) e «Per facilitare il lavoro delle donne bisognerebbe aumentare i servizi per l’infanzia» (0,517). Il Rendimento è saturato dagli items «In Italia i lavoratori più anziani guadagnano più di quanto rendono» (0,657) e «Dovrebbe essere pagato di più chi produce di più» (0,576). L’indice Meritocrazia è stato invece costruito a partire dagli items «In Italia i redditi da lavoro dipendono dai risultati ottenuti dai lavoratori» (0, 428), «In Italia redditi da lavoro dipendono da competenza e professionalità» (0,637), «In Italia mantiene il posto di lavoro chi ha maggiori capacità professionali» (0,751) e «In Italia mantiene il posto di lavoro chi si impegna più degli altri» (0,732).

29 Il tema delle prospettive negative dei giovani (precarietà, impoverimento) è tra i più ricorrenti nel dibattito pubblico. È ugualmente nota la forte disparità di trattamento pensionistico fra le coorti, a favore di quelle più anziane, prodotta dal mantenimento dei diritti acquisiti dal passaggio dal sistema retributivo a quello misto e da quest’ultimo a quello contributivo. Il rapporto tra la somma delle prestazioni e la somma dei contributi attesi dal sistema pensionistico risulta superiore per gli individui sottoposti al regime retributivo e anche a quelli sottoposti a regime misto. Tale rapporto si approssima all’unità (parità tra contributi e prestazioni) per i lavoratori, sottoposti al solo regime contributivo (entrati nel mondo del lavoro dal 1995 e seguenti). Una simulazione riferita ai lavoratori più giovani mostra che il rapporto pensioni/contributi diventa inferiore ad uno a partire dalla seconda metà degli anni 2040: i lavoratori riceveranno un valore complessivo delle pensioni inferiore ai contributi pagati (Natali, 2007).

30 Per questa ragione i box plots delle loro distribuzioni non sono compresi nella figura 4.

31 Le variabili indipendenti sono state normalizzate in modo tale da assumere valore zero in corrispondenza del valore minimo e 100 in corrispondenza del valore massimo. Ciascuna modalità delle variabili dipendenti, poiché categoriali, è stata trasformata in un regressore dummy.

32 Per economia di spazio non è possibile pubblicare le tavole di riferimento che sono a disposizione degli studiosi interessati.

33 Le analisi di regressione lineare multipla con effetti di interazione (cfr. par. 4.2) hanno posto in evidenza alcune differenze tra le donne intervistate. In questo paragrafo intendiamo considerare altre variabili socio-anagrafiche rilevanti precedentemente non incluse nel modello per motivi di analisi.

34 Sono state giudicate rilevanti le differenze con punteggio superiore allo 0,30. Di conseguenza tutte le differenze commentate nel testo sono maggiori di questo valore anche quando, per esigenze di brevità, esso non è stato indicato.

35 Nord-Ovest e Nord-Est registrano una media rispettivamente di 0,81 e 0,84; Centro 0,6; Sud 0,26 e Isole 0,2.

36 Scarto tra il livello d’istruzione più basso e quello più alto pari a +0,45.

37 Alcuni dati evidenziano la tendenza in atto: nel 2003 tra i neo dottori di ricerca, il 51% era donna; nel 2005 hanno ottenuto un punteggio superiore al novanta circa il 25% delle ragazze contro il 12% dei ragazzi; nel 2009 sul totale dei laureati il 57,9% era donna (fonte Miur).

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 Percentuali di pensionati di vecchiaia e anzianità e classi di importo lordo mensile in euro
Credits Fonte: elaborazione da dati Istat-Inps (2010)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/624/img-1.jpg
File image/jpeg, 32k
Titolo Fig. 2 Redditi medi mensili (espressi in euro) di lavoratrici e lavoratori per condizione occupazionale (n=2040)
Credits Fonte: elaborazione da data set AGING (2011)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/624/img-2.jpg
File image/jpeg, 36k
Titolo Fig. 3 Quando valuta il suo reddito da lavoro tende a confrontarlo con quello di chi... (valori percentuali, n=516)*
Legenda * Per ragioni tecniche questa domanda è stata posta solo a una parte del campione, nella prima fase della rilevazione. Come negli altri casi, i dati sono stati ponderati per sesso e titolo di studio.
Credits Fonte: elaborazione da data set AGING (2011)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/624/img-3.jpg
File image/jpeg, 28k
Titolo Fig. 4 Distribuzione dei lavoratori e delle lavoratrici su alcuni criteri di ripartizione delle risorse spettanti al lavoro (a; c; d) e un esito dell’applicazione dei criteri in atto (b)
Credits Fonte: elaborazione da data set AGING (2011)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/624/img-4.jpg
File image/jpeg, 52k
Titolo Tab. 1 Regressioni lineari multiple delle variabili. Stime dei coefficienti dei parametri ed errore standard
Credits Fonte: elaborazione da data set AGING (2011)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/624/img-5.jpg
File image/jpeg, 626k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Federica Cornali e Barbara Saracino, « Norme, ruoli e credenze nel divario pensionistico di genere  »Quaderni di Sociologia, 56 | 2011, 63-89.

Notizia bibliografica digitale

Federica Cornali e Barbara Saracino, « Norme, ruoli e credenze nel divario pensionistico di genere  »Quaderni di Sociologia [Online], 56 | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 29 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/624; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.624

Torna su

Autori

Federica Cornali

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Barbara Saracino

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search