Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri56la società contemporanea / Lavora...Anzianità e stratificazione socia...

la società contemporanea / Lavorare in Italia: verso un conflitto tra generazioni?

Anzianità e stratificazione sociale: concetti, metodo e tecniche della ricerca AGING

Seniority and social stratification: concepts, method and techniques of the survey AGING
Alberto Baldissera, Renzo Carriero, Flavio Ceravolo, Federica Cornali e Barbara Saracino
p. 91-114

Abstract

Merit, desert, satisfaction of basic needs, equality of results are the criteria mainly used to distribute resources and opportunities for workers – as wages, pensions, career, qualifications, training, job tenure and other benefits. Other criteria used for this purpose – mostly in defense of entitlements – are seniority, educational credentials and professional skills. These criteria are justified by more or less consistent set of arguments, called legitimation formulas or ideologies according to the context of analysis. In public rhetoric evoked in distributional conflicts it is difficult not to find some reference to these types of authorization of resource distribution. The relationship between seniority and social stratification was so far little explored by sociological research. The criterion of seniority, from the standpoint of a neo-weberian theory of class, is a strategy of exclusion that benefits members of the cohorts of older workers, placed in the system of guarantees.
Purpose of the survey AGING, whose first results are presented in this issue of “Quaderni di sociologia”, is to examine the positive and normative believes on the main distributive criteria of a national sample of workers (n = 2502). Workers were interviewed by CATI in spring 2011. This paper describes the construction phases of the survey AGING, from the definition of the main terms of the problem until the construction of a structured questionnaire. The text of the questionnaire is attached.

Torna su

Testo integrale

1. La survey AGING: fasi di svolgimento

1La ricerca AGING (Labor Productivity and Sustainability of Public Pension Systems: an Investigation through Macro and Micro Modelling) è stata finanziata dal Bando regionale per progetti di ricerca in materia di Scienze umane e sociali per l’anno 2008 della Regione Piemonte. Ad essa partecipano economisti afferenti al Dipartimento di Scienze Economiche e Finanziarie “G. Prato”, al CERP, al Collegio Carlo Alberto, al Dipartimento di Economia “S. Cognetti de Martiis”; epidemiologi afferenti al Dipartimento di Sanità pubblica e di Microbiologia; sociologi afferenti all’Università di Torino (Dipartimento di Scienze Sociali), del Piemonte Orientale e dell’Università di Firenze. La direzione generale della ricerca è di Elsa Fornero (Dipartimento di Scienze Economiche e Finanziarie “G. Prato”). La responsabilità scientifica della ricerca sociologica (Italy’s wage and public pension system: behaviors, believes and redistributive criteria. An empirical investigation) è di Alberto Baldissera (Dipartimento di Scienze Sociali).

2Il gruppo di ricerca sociologico ha esaminato anzitutto i termini principali del problema: anzianità e stratificazione sociale; criteri di giustizia distributiva delle risorse spettanti al lavoro; credenze positive e normative in merito. Dopo una fase dedicata alla ricognizione della letteratura pertinente e alla stesura di un macromodello, con le indicazioni delle variabili dipendenti e indipendenti e dei relativi riferimenti teorici, si è proceduto alla costruzione di un questionario standardizzato.

3Il prossimo paragrafo è dedicato alla definizione dei principali termini del problema (una parte del macromodello della ricerca); quello successivo al metodo e alle tecniche della ricerca. Riproduciamo alla fine, in allegato, il testo del questionario sottoposto agli intervistati.

2. Il criterio dell’anzianità nella teoria della stratificazione sociale

4Negli ultimi decenni, soprattutto dopo la dissoluzione del modello sovietico di organizzazione dell’economia, alcuni economisti e sociologi hanno sviluppato una teoria sulla varietà dei capitalismi che prende le mosse dai lavori di Marx, Polanyi e dalla cosiddetta teoria della regolazione (Hall, 1999). La teoria distingue alcuni tipi di capitalismo che variano secondo i valori assunti da un insieme di proprietà, che diversi attori (Stato, imprese, lavoratori, organizzazioni di rappresentanza) usano per orientare le loro interazioni. Secondo due esponenti di questa scuola, i sistemi salariali basati sull’anzianità o sulle prestazioni realizzate dai lavoratori sono caratteristici di differenti costellazioni di istituzioni sociali ed economiche, ovvero di “diversi modelli di capitalismo” (Yamamura e Streeck, 2003).

5Si può qui aprire una discussione interessante: quei due sistemi salariali sono una componente rilevante del capitalismo o piuttosto del sistema distributivo ad esso associato? La risposta a questa domanda dipende dalla definizione che diamo del termine ‘capitalismo’ o meglio della sua caratterizzazione come tipo ideale. Sembra opportuno non confondere tra il modo in cui è organizzata l’attività economica (il capitalismo) e il sistema distributivo a esso associato. Con l’espressione ‘sistema distributivo’ intendo qui il sistema di stratificazione sociale che caratterizza una certa società o, in altri termini, una certa configurazione di “ordini e di potenze sociali” (Weber, 1922 e successive; Schwinn, 2001; Schluchter, 2005).

6La distinzione sembra opportuna perché il capitalismo si è dimostrato compatibile con diversi tipi di stratificazione sociale: la presenza di gruppi comunitari tra loro diseguali (il sistema di caste indiano o sistemi basati sulla differenziazione di etnie differenti); la presenza di classi sociali dai confini più o meno marcati; la giustapposizione di gruppi di status segmentati e differenziati (Parkin, 1978). L’organizzazione capitalistica dell’attività economica è inoltre compatibile con diversi regimi politici: dalle democrazie occidentali moderne a regimi autoritari e anche totalitari.

  • 1 La redistribuzione operata dallo Stato mediante il sistema fiscale e contributivo produce effetti s (...)

7Il carattere generale del sistema distributivo è dato dalla natura e dalla completezza delle pratiche di esclusione e di usurpazione in essa prevalenti (Parkin, 1974; Parkin, 1978). Esso è modellato dallo Stato, sia mediante il riconoscimento legale di forme specifiche di esclusione (ad es. quelle connesse alla regolamentazione dei mercati del lavoro e delle professioni) sia mediante il regime fiscale e contributivo1.

8Il criterio dell’anzianità, dal punto di vista qui adottato, è una strategia di esclusione che va a vantaggio dai membri delle coorti di lavoratori più anziani e inseriti nel sistema delle garanzie (Gallino, 1975).

9Esamino ora in dettaglio i termini principali del rapporto tra l’anzianità lavorativa e la stratificazione sociale, dal punto di vista della teoria qui considerata.

2.1. Differenze nella distribuzione delle risorse sociali

10Il punto di partenza della ricerca sociologica sulla stratificazione sociale nel lavoro e in altri ordini della vita sociale è stato ed è tradizionalmente l’esame delle differenze: di situazioni, di comportamenti e di atteggiamenti; nello stile di vita, nei modelli residenziali e di consumo; nelle immagini della società e della diseguaglianza; nelle azioni collettive. Differenze esistenti tra i grandi gruppi occupazionali disegnati dalla divisione del lavoro, come ad es. gli operai, gli impiegati, i lavoratori autonomi; i professionisti, gli imprenditori e i dirigenti. Ancora: lavoratori occupati nel settore pubblico e in quello privato; in agricoltura, nell’industria e nei servizi; inclusi ed esclusi dal sistema delle tutele e delle garanzie; occupati in regioni a diverso grado di modernizzazione; uomini e donne e, più recentemente, tra lavoratori appartenenti a diverse coorti di età.

11Si tratta di differenze di reddito, di stabilità del posto di lavoro, di autorità e di potere, di prestigio, di carriera, di trattamento pensionistico, di salute e di speranza di vita. Differenze nell’accesso o nel possesso di risorse e opportunità socialmente apprezzate, nonché nelle strategie adottate per acquisirle. Differenze di opportunità o di capacità desiderate e ricercate dagli interessati, o loro imposte.

12La descrizione delle differenze intergenerazionali nell’allocazione delle risorse ha interessato alcuni ricercatori sociali solo negli ultimi decenni, in Italia e altrove, dopo un periodo di sostanziale disinteresse (Turner, 1989). Pochi hanno sinora affrontato il ruolo dell’istituzione dell’anzianità, in quanto incorporata in leggi o in contratti collettivi, nel modellare ed accentuare le differenze indicate.

2.2. L’aspetto normativo di ogni sistema di stratificazione

13Molti, e tra questi anche alcuni sociologi, considerano ogni differenza strutturata nella distribuzione delle risorse sociali come un’ingiustizia, più o meno rilevante. Argomenti normativi e giudizi di fatto sono sovente compresenti e talvolta difficilmente indistinguibili nel dibattito pubblico e in quello sociologico sulle gerarchie e sulla stratificazione sociale.

14È opportuno ricordare che ingredienti caratteristici di un sistema di stratificazione sociale non sono solo le differenze di potere, di reddito, o di prestigio. In sé e per sé, queste differenze sono pure e semplici circostanze di fatto, situazioni accertabili e descrivibili, che non hanno in quanto tali alcun senso, a meno che un attore o un osservatore le riferisca a qualche criterio esterno di valutazione e/o a qualche riferimento normativo.

  • 2 Le citazioni sono tratte dai Soziologische Grundbegriffe di Max Weber (1922 e successive). La crede (...)

15Per giustificare o criticare una certa distribuzione ineguale delle risorse sociali più rilevanti, che caratterizza ogni sistema di stratificazione, gli attori sociali hanno infatti bisogno di riferirsi a criteri, a norme di valutazione, a massime di condotta, le quali “determina[no] sul piano causale… la condotta empiricamente osservabile di una parte degli individui». Queste massime sono tanto più rilevanti, per l’azione sociale, tanto più sono rivestite “dal prestigio della legittimità”. L’azione sociale, com’è facile accertare, “non si orienta solo a ordini”– o massime di azione ritenute legittime – ma anche a ragioni contingenti. Talvolta anche a massime contraddittorie2.

  • 3 L’espressione ‘giustizia distributiva’ è sovente invocata per attribuire maggiore capacità di persu (...)

16Il materiale linguistico usato nei conflitti distributivi nelle nostre società – ciò che è comunemente etichettato con l’espressione ‘conflitto di classe’ – sono argomentazioni, narrazioni, discorsi diretti non solo a favorire l’una o dell’altra situazione di interessi, ma anche – e talvolta soprattutto – a rivestire del “prestigio di legittimità” l’uno o l’altro criterio distributivo3.

17È quindi opportuno stipulare in breve i significati dei principali termini finora usati: gerarchia di status, criteri utilizzati per legittimare l’allocazione delle risorse sociali spettanti al lavoro; formule di legittimazione usate per giustificare o sostenere la prevalenza dell’uno o dell’altro criterio; costellazioni di credenze positive e normative usate dagli attori sociali e dai loro rappresentanti per descrivere, favorire o rifiutare l’uno o l’altro criterio, l’una o l’altra formula di legittimazione.

2.3. Gerarchia di status

18Per gerarchia sociale intendo un sistema, più o meno istituzionalizzato, di regole che consentono di ordinare (super- o subordinare) un insieme di status sociali, nonché di distribuire diritti e obblighi, remunerazioni e contributi. L’ordine può essere strumentale o simbolico. Un ordine gerarchico permette di valutare e interpretare specifiche prestazioni e posizioni, fornisce criteri per la distribuzione delle risorse sociali più scarse (il reddito, ma anche il potere e il prestigio) a soggetti che occupano status sociali diversi; indica forme di cooperazione e di solidarietà; stimola la formazione di preferenze e di credenze congruenti alla sua struttura; suggerisce soluzioni ai conflitti attuali e potenziali; fa riferimento a formule generali di autorizzazione di diseguaglianze e privilegi.

19Si tratta in altri termini di un insieme di principi e norme che regolano e legittimano la distribuzione delle risorse sociali e delle opportunità più rilevanti in una società o in un suo settore.

20Più che di un insieme unitario, si dovrebbe parlare di insiemi di principi e di norme – tra loro spesso incompatibili o difficilmente conciliabili. Questi sistemi normativi costituiscono altrettanti fonti di variazione di aspettative e di interessi. Essi costituiscono quindi un ingrediente rilevante del sistema e dei processi di stratificazione sociale – insieme alle classi, ai ceti, ai partiti e alle coalizioni distributive.

21Le domande stimolate da questa definizione sono molte. Attraverso quali processi è prodotta una così complessa costruzione sociale? Quali sono le forze che ne stimolano la persistenza nel tempo o ne favoriscono viceversa il mutamento? In che misura una gerarchia può essere istituzionalizzata? L’istituzionalizzazione riguarda solo le relazioni esistenti tra gli status o anche, ad esempio, le regole di distribuzione di costi e benefici?

22La gerarchia è in genere una regola tacita, ma istituzionalizzata; non è scritta, ma tutti vi fanno riferimento, quando si tratta di orientare la propria azione reciproca. È una regola che deriva dalla pratica, dal confronto quotidiano tra lavoratori che svolgono mansioni e compiti differenti, piuttosto che dalla negoziazione ufficiale. Essi distinguono via via tra individuo e mansione, attribuiscono e modificano il valore relativo delle prestazioni, entrano in concorrenza e in conflitto, stilano graduatorie e alla fine trovano qualche tipo di compromesso.

23Un ordine gerarchico si è così istituzionalizzato grazie a un processo di negoziazione esplicita e implicita. O, per usare un’altra espressione, attraverso un processo di aggregazione di un vasto insieme di preferenze in qualche forma di consenso temporaneo di composizione.

24I sistemi gerarchici non sono ovviamente eterni: sono il frutto della composizione di interessi e di lotte fra gli attori che ne sono portatori. Come tali, possono diventare instabili e soggetti a mutamenti, nel medio e lungo periodo, anche rilevanti.

2.4. Criteri di distribuzione delle risorse

25I principali criteri di distribuzione delle opportunità e delle risorse spettanti al lavoro (salari e pensioni. carriera, qualificazioni, formazione, job tenure, altri benefits) considerati in questa ricerca sono sostanzialmente quattro: il merito, il desert (ovvero le ricompense per i risultati ottenuti dal lavoratore); i bisogni di base dei singoli lavoratori, indipendentemente dalle loro prestazioni e l’uguaglianza di accesso a una o più risorse (un trattamento pensionistico, un’indennità di disoccupazione – ad esempio), indipendentemente dalle caratteristiche personali del lavoratore.

26Altri criteri fanno riferimento a diritti acquisiti (gli entitlements) o a vantaggi di fatto, connessi allo status del lavoratore – a parità di merito, desert e bisogni. Tra questi particolare attenzione sarà riservata all’anzianità, intesa sia come appartenenza alle coorti più anziane dei lavoratori sia come periodo di lavoro trascorso in una specifica organizzazione o occupazione. I criteri appartenenti a questa ampia classe sono stabiliti da leggi, regolamenti, contratti.

27La posizione di una specifica occupazione nella divisione del lavoro e la conseguente capacità di infliggere eventualmente danni ad altri soggetti mediante l’interruzione della propria attività; la capacità di organizzare l’azione collettiva; la semplice vicinanza al denaro negli scambi economici, possono consentire rilevanti vantaggi di fatto, anche se non sono sanciti da alcuna legge. Questi criteri di distribuzione possono essere chiamati “sotterranei” (Parkin, 1978), perché non hanno in genere fondamenti normativi o anche solo argomenti retorici capaci di convincere.

2.5. Formule di legittimità e di legittimazione

  • 4 Su questi argomenti la letteratura è sterminata. Tra i contributi sociologici recenti da segnalare (...)

28Per formule di legittimità e di legittimazione – argomentazioni usate per giustificare o contestare la distribuzione attuale delle risorse spettanti al lavoro – intendo costellazioni tipico-ideali di credenze come la meritocrazia – l’ideologia secondo cui il talento, le capacità cognitive, le conoscenze e le competenze di ogni tipo dovrebbero essere maggiormente remunerate, specie in una società postindustriale: Arrow (2002); Bell (1972; 1976); Dahrendorf (1968); Kunovich e Slomczynski (2007); l’idea della giusta ricompensa, del desert: più in generale dell’efficienza (la concezione secondo cui dovrebbe essere garantita una corrispondenza o proporzione tra contributi e ricompense); la soddisfazione dei bisogni di base, indipendentemente dai risultati e dalla prestazioni, in relazione ad esempio ai licenziamenti o alle sospensioni del lavoro (Engelstad, 1998); l’egualitarismo, l’ideologia che predica una frattura tra prestazioni e retribuzioni, tra risultati ottenuti e remunerazioni (Boudon e Bourricaud, 1986) e, infine, una serie di insiemi più o meno consistenti di argomentazioni a difesa degli entitlements in quanto tali, tra cui seniority, credenzialismo e professionalismo hanno tradizioni storiche più consolidate. Nelle retoriche pubbliche evocate nei conflitti distributivi è difficile non trovare qualche riferimento a questi tipi puri di autorizzazione della distribuzione delle risorse4.

29Dopo essere stati operazionalizzati in un insieme di item auto-ancoranti, questi concetti sono stati inseriti in un questionario strutturato e sottoposti a una fase di pre-testing.

3. Il metodo e le tecniche della ricerca

30La messa a punto del questionario ha richiesto una fase di pre-testing durata circa tre mesi. Il pre-test ha preso in esame due modalità di somministrazione del questionario (faccia a faccia e telefonico) e ha comportato revisioni della formulazione delle domande e una riduzione del loro numero. Una rilevante riduzione del numero degli item del questionario è stata inoltre dovuta alla tecnica utilizzata per svolgere le interviste. Un’intervista realizzata mediante il CATI non può infatti oltrepassare i 25-30 minuti e talvolta qualche minuto del meno.

31Il testo del questionario definitivo contiene 47 domande di cui 10 sono batterie di scale auto-ancoranti comprendenti più item. La prima parte del questionario è dedicata alla rilevazione delle caratteristiche socio-anagrafiche individuali e della famiglia di origine, seguita da una sezione dedicata alla rilevazione delle credenze positive e normative su diverse proprietà della situazione di lavoro e di mercato degli intervistati (reddito, stabilità occupazionale, gerarchie occupazionali). Ciò ha permesso di rilevare le valutazioni fattuali e normative degli interpellati nei confronti di differenti criteri distributivi delle risorse spettanti al lavoro – con particolare attenzione al merito, al desert, ai bisogni, all’uguaglianza delle chances e dei risultati, alla legittimità di vari entitlements (tra cui l’anzianità lavorativa). La terza parte del questionario contiene domande sulle credenze circa l’adeguatezza del sistema pensionistico italiano, la sua sostenibilità nel tempo, i criteri di distribuzione delle risorse relative. L’ultima parte del questionario è diretta a rilevare alcune caratteristiche individuali quali l’auto-collocazione politica, la partecipazione a organizzazioni collettive di difesa degli interessi (sindacati, associazioni di categoria, partiti politici) e le fonti utilizzate per la raccolta di informazioni.

32Il questionario è stato rivolto a un campione di 2502 soggetti (tasso di risposta: 16,9%) che avevano avuto almeno un episodio lavorativo ed erano attualmente occupati o in cerca di occupazione. Il campione è stato estratto dagli elenchi telefonici su base nazionale, stratificando per zona geografica e classe di età. Esso è successivamente ponderato rispetto alla condizione occupazionale, al sesso e al titolo di studio sulla base dei dati ISTAT (censimento 2001). Le interviste telefoniche sono state condotte nella primavera del 2011 dal Laboratorio CATI dell’Università del Piemonte Orientale.

33I dati raccolti sono stati sottoposti alle consuete procedure di controllo della fedeltà dei dati (controllo dei codici selvaggi e di consistenza) che hanno consentito di limitare le distorsioni da errori casuali. La tabella che segue riporta le distribuzioni di frequenza riguardanti alcune proprietà degli intervistati, prima e dopo la ponderazione delle stesse.

Tab. 1 Distribuzione delle interviste per sesso, età, istruzione e zona geografica di residenza. Confronto tra dati ponderati e non ponderati

Frequenza

% non ponderata

% ponderata

maschio

1525

61,0

61,2

femmina

977

39,1

38,8

fino a 24 anni

196

7,8

8,7

25-34 anni

695

27,8

23,4

35-44 anni

751

30,0

30,2

45-54 anni

593

23,7

27,5

55 o più

267

10,7

10,2

max licenza media
o qualifica 2-3 anni

586

23,4

47,1

diploma di maturità

1129

45,1

41,4

laurea/post laurea

787

31,5

11,5

Nord-ovest

755

30,2

31,4

Nord-est

558

22,3

22,7

Centro

501

20,0

19,1

Sud

472

18,9

18,3

Isole

216

8,6

8,5

N

2502

Torna su

Bibliografia

Arrow K., Bowles S. e Durlauf S. (a cura di) (2002), Meritocracy and Economic Inequality, Princeton, NJ, Princeton University Press.

Beckwith F. J. (1999), The ‘No One Deserves His or Her Talents’ Argument for Affirmative Action: A Critical Analysis, «Social Theory and Practice», 25, pp. 53-60.

Bell D. (1972), On Meritocracy and Equality, «The Public Interest», 29, pp. 29-68.

Id. (1976), The cultural contradictions of capitalism, New York, Basic Books.

Boudon R. e Bourricaud F. (1986), Dictionnaire critique de la sociologie, Paris, Presses Universitaires de France [trad. it. Dizionario critico della sociologia, Armando, Roma, 1992].

Coenen G., McAdam P. e Straub R. (2007). Tax Reform and Labour Market Performance in the Euro Area. A Simulation-Based Analysis Using the New Area-Wide Model Frankfurt, European Central Bank.

Dahrendorf R. (1968), Essays in the Theory of Society, Stanford, Stanford University Press.

Durkheim E. (1897), Le Suicide: étude de sociologie, Paris, F. Alcan. Il testo è scaricabile dal sito web: http://classiques.uqac.ca/classiques/Durkheim_emile/suicide/suicide.html [trad. it. Torino, Utet, 1969; anche Milano, Comunità, 1989].

Engelstad F. (1998), The Significance of Seniority in Layoffs: A Comparative Analysis, «Social Justice Research», 11, 2, pp. 103-119.

Fisek M. H. e Hysom S. J. (2008), Status characteristics and reward expectations: A test of a theory of justice in two cultures, «Social Science Research», 37, 3, pp. 769-786.

Frohlich N. (2007), A Very Short History of Distributive Justice, «Social Justice Research», 20, 2, pp. 250-262.

Frohlich N. e Oppenheimer J. A. (2007), Justice Preferences and the Arrow Problem, «Journal of Theoretical Politics», 19, 4, pp. 363-390.

Gallino L. (1975), Politica dell’occupazione e seconda professione, «Economia e lavoro», IX, 1.

Hall P. A. ( 1999), The Political Economy of Europe in an Era of Interdependence, in Kitschelt H., Lange P., Marks G. e Stephens J. (a cura di), Continuity and Change in Contemporary Capitalism, Cambridge Cambridge University Press.

Heise A. (2008), The Political Economy of Meritocracy: A Post-Kaleckian, Post-Olsonian Approach to Unemployment and Income Inequality in Modern Varieties of Capitalism, «Review of Radical Political Economics», 40, 1, pp. 67-88.

Himma K. E. (2002), Desert, Entitlement, and Affermative Action: A Response to Francis Beckwirth, «Social Theory and Practice», 28, 1.

Kunovich S. e Slomczynski K. M. (2007), Systems of Distribution and a Sense of Equity: A Multilevel Analysis of Meritocratic Attitudes in Post-industrial Societies, «European Sociological Review», 23, 5, pp. 649-663.

Markovsky B. e Younts C. W. (2001), Prospects for Distributive Justice Theory, «Social Justice Research», 14, 1, pp. 45-59.

Martin I. W., Mehrotra A. K. e Prasad M. (a cura di) (2009), The New Fiscal Sociology. Taxation in Comparative and Historical Perspective, Cambridge, Cambridge University Press.

Parkin F. (a cura di) (1974), The Social Analysis of Class Structure, London, Routledge.

Id. (1978), Marxism and class theory: A bourgeois critique, London Tavistock [trad. it. Classi sociali e Stato, Bologna, Zanichelli, 1985].

Ricolfi L. (2010), Il sacco del Nord. Saggio sulla giustizia territoriale, Milano, Guerini e Associati.

Schluchter W. (2005), Action, ordre et culture. Elements d’un programme de recherche weberien, «Revue francaise de Sociologie», 46, 4, pp. 653-683.

Schumpeter J. A. (1983), Stato e inflazione, Torino, Bollati Boringhieri.

Schwinn T. (2001), Differenzierung ohne Gesellschaft. Umstellung eines soziologischen Konzepts, Weilerwist, Velbrück

Sutphin S. T. e Simpson B. (2009), The role of self-evaluations in legitimizing social inequality, «Social Science Research», 38, 3, pp. 609-621.

Tilly C. (2009), Extraction and Democracy, in Martin I. W., Mehrotra A. K. e Prasad M. (a cura di), The New Fiscal Sociology. Taxation in Comparative and Historical Perspective, Cambridge, Cambridge University Press.

Turner B. S. (1989), Ageing, Status Politics and Sociological Theory, «The British Journal of Sociology», 40, 4, pp. 588-606.

Weber M. (1922 e successive), Wirtschaft und Gesellschaft, Erster Teil, Kapitel I. Soziologische Grundbegriffe, Tübingen, Mohr [trad. it. Economia e società, Milano, Comunità, 1961, 2 voll. ed edizioni successive].

Wegener B. (1987), The Illusion of Distributive Justice, «European Sociological Review», 3, 1, pp. 1-13.

Yamamura, K. e Streeck W. (a cura di) (2003), The End of Diversity? Prospects for German and Japanese Capitalism., Ithaca NY, Cornell University Press.

Torna su

Note

1 La redistribuzione operata dallo Stato mediante il sistema fiscale e contributivo produce effetti sul reddito e altre opportunità di diversi gruppi occupazionali e sociali e di articolazioni del suo territorio. Tilly (2009) ha chiamato “capacità dello Stato” la misura in cui «interventi degli agenti statali sulle risorse, sulle attività, sulle connessioni interpersonali non statali alterano le distribuzioni attuali di tali risorse».
In Italia, com’è noto, questa capacità è assai ampia (Coenen et al.), tanto da poter forse configurarsi come predazione da parte dello Stato nei confronti di specifici gruppi sociali. Sulla misura della redistribuzione operata dallo Stato tra zone territoriali in Italia si veda Ricolfi (2010). Una sociologia fiscale – empirica ed esplicativa, la cui fondazione può essere attribuita a Schumpeter (1983) – del nostro paese attende però ancora di essere scritta. Sugli sviluppi recenti della sociologia fiscale si vedano i saggi contenuti in Martin et al. (2009).

2 Le citazioni sono tratte dai Soziologische Grundbegriffe di Max Weber (1922 e successive). La credenza nella legittimità in una massima di azione, e l’orientamento a essa da parte di gruppi di attori sociali, costituisce ciò che Weber intende per ordine (Ordnung) sociale – uno dei concetti chiave della sociologia dell’ultimo Weber.

3 L’espressione ‘giustizia distributiva’ è sovente invocata per attribuire maggiore capacità di persuasione alle argomentazioni che si preferiscono. In realtà, come rilevò Emile Durkheim (1897) ed è stato più recentemente corroborato da evidenza empirica (Wegener, 1987), le credenze positive e normative sulla gerarchia di status e sulla distribuzione di ricompense e deprivazioni sono funzione della posizione sociale occupata dall’attore che le esprime. Per questo motivo mi sembra preferibile usare l’espressione ‘ordine distributivo’ a quello di ‘giustizia o equità distributiva’. Il secondo concetto rimanda a un’argomentazione valutativa, spesso dottamente argomentata; il primo invece a una descrizione de facto di una gerarchia di criteri di distribuzione delle risorse sociali più rilevanti.

4 Su questi argomenti la letteratura è sterminata. Tra i contributi sociologici recenti da segnalare sono quelli di Raymond Boudon e di Jon Elster. Di seguito indico altri testi recenti, di taglio filosofico e empirico, e rinvio alla bibliografia in essi citata: sulle teorie contemporanee della giustizia distributiva Frohlich (2007) e Frohlich e Oppenheimer (2007); sugli entitlements Markovsky e Younts (2001); sul desert e il merito (Arrow et al., 2002; Beckwith, 1999; Himma, 2002) sull’accettazione delle diseguaglianze Sutphin e Simpson (2009); sulla meritocrazia come strumento di esclusione (Heise, 2008). Sui rapporti tra uguaglianza ed equità, con l’uso della tecnica delle c.d. vignettes, si veda Fisek et al. (Fisek e Hysom, 2008).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alberto Baldissera, Renzo Carriero, Flavio Ceravolo, Federica Cornali e Barbara Saracino, « Anzianità e stratificazione sociale: concetti, metodo e tecniche della ricerca AGING »Quaderni di Sociologia, 56 | 2011, 91-114.

Notizia bibliografica digitale

Alberto Baldissera, Renzo Carriero, Flavio Ceravolo, Federica Cornali e Barbara Saracino, « Anzianità e stratificazione sociale: concetti, metodo e tecniche della ricerca AGING »Quaderni di Sociologia [Online], 56 | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/626; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.626

Torna su

Autori

Alberto Baldissera

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Renzo Carriero

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Flavio Ceravolo

Federica Cornali

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Barbara Saracino

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search