Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri49la società contemporanea / Diritt...Fra reti tematiche e reti sociali

la società contemporanea / Diritti di comunicazione e azione collettiva

Fra reti tematiche e reti sociali

Le mobilitazioni sui diritti di comunicazione in Italia
Between thematic networks and social networks. A profile of mobilizations on communication rights in Italy
Claudia Padovani e Elena Pavan
p. 11-41

Abstract

This article presents an overview of Italian social mobilizations focusing on issues that pertain to information, communication and knowledge: an emerging and yet under-researched area of social actors’ engagement that relates to developments in the trans-national context, while showing peculiar characteristics. The authors propose a comprehensive reading of such reality, focusing on the nexus between the content of mobilizations (“communication rights” broadly understood) and the processes through which they express and organize themselves, including their use of communication technologies and their presence in the Web sphere. In particular a network approach is adopted, combining the analysis of social networks among activists and organizations, and issue networks that those organizations contribute to structure on the Web. Issues pertaining to identify formation, informal networking and conflictual/cooperative orientation are addressed in order to outline relevant features and possible trends.

Torna su

Note della redazione

La responsabilità delle analisi e dell’interpretazione è condivisa fra le autrici, che hanno redatto insieme l’Introduzione, la sezione «Appunti sullo studio del caso e sul metodo» e la sezione conclusiva. Claudia Padovani ha redatto le sezioni, 2.1 e 3.1; mentre Elena Pavan le sezioni 2.2 e 3.2.

Testo integrale

1. Introduzione

1Molteplici esperienze di mobilitazione sociale sui temi dell’informazione e della comunicazione si vanno diffondendo su scala mondiale nella cosiddetta era della conoscenza. In parte eredi dei dibattiti internazionali sul «Nuovo Ordine Mondiale dell’Informazione e della Comunicazione» negli anni ’70 (Padovani, 2008), in parte portato della diffusione delle nuove tecnologie di informazione e comunicazione e delle trasformazioni sociali ad esse legate, queste mobilitazioni hanno acquisito una nuova visibilità in occasione del Summit Mondiale sulla Società dell’Informazione (World Summit on the Information Society, WSIS), promosso dalle Nazioni Unite e svoltosi in due fasi, fra il 2003 e il 2005. Queste esperienze possono essere viste come parte di un più ampio processo di formazione della cosiddetta società civile globale, ma al tempo stesso mostrano alcune caratteristiche di orientamento tematico e organizzativo che le rendono oggetto di recenti riflessioni specifiche (Calabrese, 2004; O’Siochru, 2005; Raboy e Landry, 2005; Carroll e Hackett, 2006; Napoli, 2007).

2Da un punto di vista tematico, queste mobilitazioni sociali sono state nel tempo etichettate in diversi modi: si è parlato di movimenti su media reform, media justice, cultural environment (Carroll e Hackett, 2006; Napoli, 2007). Nonostante l’eterogeneità terminologica, i processi e gli strumenti del comunicare, incluse le nuove tecnologie, sono intesi sia come strumento a sostegno dell’azione collettiva sia come oggetto delle rivendicazioni. Processi e strumenti del comunicare diventano un campo di azione collettiva nella riflessione sulle sfide poste dalle nuove tecnologie, nell’elaborazione di modelli di comunicazione alternativi e nelle pratiche di utilizzo degli strumenti. Ciò genera una particolare interazione fra processi e contenuti delle mobilitazioni; una situazione in cui diventa interessante esaminare se i principi di libertà, diversità, inclusione e condivisione affermati dagli attivisti sono tradotti in pratiche di comunicazione orizzontali, plurali, democratiche. L’accento non è tanto sui «media» che vengono utilizzati, ma sulle «mediazioni» e sulla misura in cui queste pratiche contribuiscono a dare forma alle reti di movimento e a definirne l’agenda politica.

3Il Summit Mondiale sulla Società dell’Informazione ha offerto un’occasione di incontro fra attori e approcci e, come sottolineato da diversi autori (Raboy e Landry, 2005; Drossou, Jensen e Padovani, 2006; Jorgensen, 2006; Padovani e Pavan, 2009), ciò ha favorito attività specifiche di framing (Snow et al., 1986). In questo senso, un interessante sforzo di sistematizzazione tematica è stato proposto dalla campagna Communication Rights in the Information Society (CRIS) attraverso l’elaborazione di uno schema multidimensionale centrato sul concetto di «diritti di comunicazione» (CRIS, 2005). Tale schema offre una visione di un contesto articolato, che può essere riassunta attraverso quelli che sono stati definiti quattro «pilastri» (CRIS, 2005, cap. 3). In primo luogo, il pilastro Comunicazione e sfera pubblica riguarda il ruolo della comunicazione e dei media nell’esercizio della partecipazione democratica: il pluralismo e l’indipendenza dei media, la libertà di espressione e di associazione, l’accesso alle informazioni di pubblico interesse. Il secondo pilastro – Comunicare la conoscenza – guarda ai principi e ai mezzi mediante cui la conoscenza generata all’interno delle società viene comunicata (o meno) ai diversi gruppi che ne possono beneficiare. Rientrano in questo filone le questioni legate alla proprietà intellettuale, al diritto d’autore, all’open source. Un terzo pilastro, centrato su Diritti civili e processi di comunicazione, riguarda la tutela della privacy e della segretezza delle comunicazioni personali. Infine, il pilastro Diritti culturali e processi di comunicazione sottolinea l’importanza della diversità culturale e linguistica entro e fra le diverse società. Le analisi che seguono fanno riferimento, per quanto riguarda l’inquadramento tematico delle mobilitazioni, a questa ripartizione.

4Dal punto di vista della dimensione organizzativa di queste mobilitazioni, è interessante notare che si tratta di interazioni fra diversi tipi di soggetti (organizzazioni non governative fortemente istituzionalizzate, gruppi di base informali, comunità virtuali); che sono sostenute dallo sviluppo di relazioni fra entità e soggetti che hanno focus tematici, obiettivi e strategie differenti; e infine che si concretizzano in forme di collaborazione fra individui e soggetti collettivi attivi in ambiti locali, regionali, nazionali. Concentrare l’attenzione sulla struttura delle relazioni, più che sulle proprietà degli attori, attraverso l’adozione di un approccio di rete, sembra quindi una strategia efficace per affrontare la complessità delle dinamiche multi-livello e multi-tematiche (Anheier e Katz, 2004).

5La nostra indagine che riguarda mobilitazioni italiane in materia di diritti di comunicazione fra il 2002 e oggi, e ne descrive alcuni aspetti rilevanti. Due sono i punti di partenza di questo lavoro. In primo luogo, l’idea che l’azione collettiva – intesa come «una serie di pratiche sociali che coinvolgono simultaneamente una pluralità di individui e gruppi caratterizzati da similarità morfologica e da contiguità spaziale e temporale; che operano all’interno di un campo sociale di relazioni; e che sono in grado di attribuire un significato condiviso ai corsi di azione che intraprendono» (Melucci, 1996, 20) – possa realizzarsi in una serie di fenomeni sociali distinti e specifici dei quali i movimenti sociali sono solo una delle possibili declinazioni. In particolare, corsi d’azione intrapresi all’interno di dinamiche di movimento possono essere tra loro distinti a seconda del grado con il quale: (i) si è sviluppata un’identità collettiva; (ii) è denso il volume di scambi tra gli attori all’interno di strutture reticolari; (iii) viene identificato un target di opposizione (Diani, 2003a, 2008; Diani e Bison, 2004). Secondo questa prospettiva, il raggiungimento di gradi elevati lungo queste tre dimensioni porta ad identificare dinamiche di movimento sociale (Diani, 2003a, 301). Adottiamo un approccio relazionale non tanto per stabilire se esista o meno in Italia una dinamica di movimento sui temi di informazione e comunicazione né, più in generale, per definire quale categoria dell’azione collettiva sia in grado di descrivere meglio i fenomeni considerati. Piuttosto, data la mancanza di analisi sistematiche su queste mobilitazioni, identità, interazioni reticolari e orientamento conflittuale sono qui intese come dimensioni analitiche che permettono di esaminare processi sociali in via di sviluppo che rimangono ancora poco studiati e lontani dall’interesse del pubblico. In particolare, ci interessa capire le peculiarità e la rispettiva rilevanza delle dinamiche online e offline in cui i gruppi sono coinvolti. Pensiamo tale interazione non tanto in riferimento all’uso strumentale che le organizzazioni di movimento fanno della comunicazione mediata dal computer (Diani, 2000; Surman, 2004; Mattoni, 2008), quanto piuttosto al modo in cui queste organizzazioni si posizionano, riconoscono e connettono fra loro nel mondo reale così come sul Web, dando vita a spazi pubblici di discussione su tematiche di comune interesse.

6La combinazione della prospettiva teorica incentrata su relazioni reticolari e lo studio integrato di reti online e offline rende possibile affrontare il problema della «consistenza», della sostenibilità e dei possibili sviluppi delle mobilitazioni. Nell’applicare questa prospettiva al nostro caso specifico, abbiamo ricondotto la complessità delle tre dimensioni indicate ad altrettanti elementi che sono stati analizzati nel contesto italiano: le tematiche, le logiche di rete ed il contenuto dei legami.

7Le tematiche. Uno degli elementi che caratterizzano le diverse forme di azione collettiva è il grado di sviluppo di un’identità condivisa, situazioni in cui «gli attori sociali si riconoscono (e sono riconosciuti da altri) come parte di gruppi più ampi e sviluppano nei loro confronti vari livelli di identificazione emotiva» (della Porta e Diani, 2006, 91). È attraverso le fasi di tale processo che individui e organizzazioni attribuiscono significato ai corsi d’azione intrapresi (Melucci, 1996, 20) come parte di uno sforzo collettivo. In questo contesto giocano un ruolo determinante quelle dinamiche di «sfida simbolica» (Gamson, 1988; Gamson e Modigliani, 1989; Melucci, 1996) attraverso le quali diversi modi di rappresentare e organizzare l’esperienza (frame, Snow et al. 1986; Benford e Snow, 1988) sono dapprima formulati e poi messi a confronto con lo scopo di consolidare una visione sulle altre.

8Quando le mobilitazioni, come nel caso qui presentato, si sviluppano in campi ancora non consolidati e poco noti, l’elemento tematico ricopre una funzione decisiva nell’organizzazione dell’esperienza collettiva. I temi che i diversi attori associano al concetto dei diritti di comunicazione forniscono un primo elemento per riconoscersi (ed essere riconosciuti) come appartenenti a gruppi più ampi segnati dalla comunanza di interessi.

9Logica di rete. Un secondo elemento rilevante nel contesto dell’azione collettiva è il grado di densità negli scambi all’interno di strutture reticolari di interazione. I vantaggi che contraddistinguono una struttura reticolare rispetto ad altre forme organizzative sono una maggiore capacità di affrontare situazioni incerte, la velocità nell’accesso alle informazioni e la flessibilità nel rispondere a cambiamenti esterni (Powell, 1990). Più in particolare, in riferimento alle mobilitazioni collettive, le reti diventano decisive nel processo di arruolamento di nuovi militanti (McAdam, 1986), ma favoriscono anche la possibilità di coordinare iniziative specifiche, di regolare il comportamento dei diversi aderenti e di definire strategie di azione (Diani e Bison, 2004). È interessante notare che vi sono attori che sfruttano in modo particolare tali vantaggi: leader, che più di altri sanno raccogliere e sfruttare risorse (Diani, 1995, 2003b; Schou, 1997); mediatori, che facilitano o controllano flussi di comunicazione o interazione tra altri attori (Fernandez e Gould, 1989; 1994), imprenditori, che creano opportunità riducendo l’incertezza generale dell’ambiente circostante (Christopoulos, 2006).

10Osservando una realtà in via di consolidamento, ci concentriamo non tanto sulla densità degli scambi esistenti quanto sulla possibilità di individuare attori che consapevolmente mettono in pratica una logica di rete, ovvero sui tentativi di sfruttarne i vantaggi in vista della possibilità di stabilire, in futuro, scambi densi e sostenibili.

11Natura e significato dei legami. Una terza dimensione analitica è infine il grado di conflittualità che caratterizza i corsi d’azione intrapresi dagli attori sociali (Diani e Bison, 2004; McAdam, Tarrow e Tilly, 2001; Tilly e Tarrow, 2008) e che si lega al livello di definizione dell’identità collettiva (che deve essere sufficientemente articolata da permettere l’identificazione di specifici avversari), così come all’intensità e sostenibilità degli scambi tra gli attori.

12Nel caso specifico delle mobilitazioni sui temi di informazione e comunicazione in Italia, dove la definizione di identità ed il consolidamento degli scambi reticolari sono ancora in fieri, il grado di conflittualità può essere messo in relazione con lo studio della natura e del contenuto dei legami. Sembra utile adottare una duplice prospettiva: verso l’interno del reticolo, per valutare su quali basi si costruiscano un’identità collettiva e scambi frequenti; verso l’esterno, considerando non solo gli attori nella rete ma le reti stesse (Marsh e Smith, 2000).

13A ciascuno degli elementi sopra esposti è dedicato un paragrafo basato sull’esame di reticoli tematici ricostruiti sul Web e di reticoli sociali. Nel paragrafo conclusivo discutiamo gli esiti delle indagini alla luce dell’obiettivo di questo lavoro: fornire un ritratto delle mobilitazioni sui «diritti di comunicazione» in Italia.

2. Appunti sullo studio del caso e sul metodo

14Eventi quali summit e manifestazioni pubbliche offrono spazi di incontro e convergenza fra soggetti, creando opportunità per le mobilitazioni sociali. Così il Summit Mondiale delle Nazioni Unite sulla Società dell’Informazione (WSIS, Ginevra, 2003 – Tunisi, 2005) ha favorito il riconoscimento della pluralità di iniziative legate a vario titolo ai temi dell’informazione, della comunicazione e della conoscenza. L’occasione ha permesso a diversi soggetti – organizzazioni, gruppi informali e singoli individui – provenenti da specifici contesti nazionali di (ri)conoscersi, attivare e consolidare collaborazioni anche nei rispettivi paesi. È il caso anche di individui e organizzazioni italiane che hanno preso parte a quell’esperienza. La chiusura del processo ufficiale ha posto una questione relativa alla sostenibilità di tali mobilitazioni, nel contesto trans-nazionale e in quello italiano.

15Per esaminare la situazione dell’attivismo sui diritti di comunicazione in Italia abbiamo iniziato nel 2006 un’indagine – durata circa un anno – che si è sviluppata attraverso una rilevazione delle reti tematiche attive sui diritti di comunicazione. Abbiamo nello stesso tempo esaminato le reti sociali in cui quegli stessi soggetti sono coinvolti.

2.1. Analisi delle reti tematiche online

  • 1 Rimandiamo alla presentazione a questo numero della rivista per un approfondimento teorico sulle re (...)

16Le reti tematiche sul Web hanno proprietà specifiche, in parte indipendenti dalle interazioni che i soggetti delle mobilitazioni stabiliscono nella società. Rilevante, nel nostro lavoro, è non solo lo strumento con cui abbiamo realizzato le analisi – un crawler sviluppato dall’associazione Govcom.org (www.issuecrawler.net) – ma anche il modo di concepire le reti tematiche online adottato in questo numero di «Quaderni di Sociologia». La ricostruzione e l’analisi delle reti tematiche sul Web consente, nel nostro studio del caso, di esaminare la situazione dei diritti di comunicazione così come sono rappresentati dalle interazioni online fra diversi gruppi e associazioni1.

  • 2 La lista finale dei punti di partenza è stata compilata combinando la nostra conoscenza diretta del (...)
  • 3 In Appendice 1 riportiamo le liste dei punti di partenza. Sul significato dei risultati derivati da (...)
  • 4 In particolare abbiamo condotto uno studio parallelo su una rete tematica sul tema «donne & media», (...)

17La questione iniziale riguardava l’opportunità di individuare i punti di partenza da cui iniziare il lavoro di ricostruzione delle reti2. Per l’applicazione iniziale di Issue crawler sono stati identificati 52 Url a partire dai quali sono stati lanciati una serie di crawl con impostazione diversa3, per individuare l’esistenza di una rete tematica italiana sui diritti di comunicazione e, nel caso, la sua composizione e struttura. Nel tempo si è anche provveduto ad integrare l’elenco dei punti di partenza con altre realtà rilevanti nel panorama italiano, non presenti nelle mappe iniziali4.

2.2. Analisi dei reticoli sociali

18L’analisi delle reti sociali consente di esaminare forme di collaborazione o antagonismo fra organizzazioni e individui. I dati per l’analisi dei reticoli sono stati raccolti tramite un questionario somministrato a una lista di 100 individui ottenuta sulla base del lavoro di ricostruzione del contesto italiano (vedi nota 3). La modalità di somministrazione del questionario ha combinato interviste faccia-a-faccia con interviste telefoniche, integrate dall’invio e dalla compilazione di questionari in versione elettronica.

  • 5 Gli intervistati si potevano dichiarare indipendenti, debolmente legati, fortemente legati o portav (...)
  • 6 L’elenco delle 26 organizzazioni raggiunte è il seguente: AMISNET, ANCORPARI, ARTICOLO21, ASSOCIAZI (...)

19Attraverso la combinazione delle diverse modalità di somministrazione abbiamo raccolto 30 questionari completi, contenenti informazioni rilevate a livello individuale e organizzativo5, in riferimento a questi argomenti: attributi di base, temi oggetto delle mobilitazioni, eventi cui si è partecipato nell’ambito della mobilitazione, identificazione dei partner e dei tipi di relazione instaurata. I risultati che presentiamo si basano su dati raccolti in riferimento a 26 organizzazioni raggiunte tramite i questionari6. Pur consapevoli del numero ridotto di risposte, riteniamo che siano emersi elementi interessanti di riflessione.

20La corrispondenza non diretta fra punti di partenza e nodi presenti nelle reti tematiche, da una parte, e i nodi che compongono le reti sociali dall’altra non è un limite dell’analisi ma un vincolo: sono due realtà non direttamente commensurabili, ma concettualmente collegate e analiticamente complementari.

3. I temi nella rete

21Uno dei primi obiettivi di analisi è stato identificare, nel panorama italiano, le tematiche prevalenti attorno alle quali si sviluppano dinamiche di cooperazione/conflitto, quelle oggetto di convergenza fra soggetti, e quelle «assenti». Come punto di riferimento abbiamo adottato lo schema proposto dalla Campagna CRIS e sintetizzato nel paragrafo introduttivo.

3.1. Reti tematiche online

22Nell’aprile 2006 è stata ricostruita una prima serie di reti tematiche online, sulla base di 52 punti di partenza individuati come rappresentativi del contesto italiano. In quel periodo, i soggetti che si erano incontrati grazie al WSIS cercavano di dare stabilità alle reti di collaborazione attivatesi fra Ginevra e Tunisi. La figura 1 riproduce questa situazione.

23Nella rete sono visibili tre cluster, che possono essere ricondotti ad aree tematiche differenti. Il primo cluster, visibile nella zona sinistra della figura, raccoglie nodi che rimandano prevalentemente a soggetti italiani che operano nell’ambito Sfera pubblica e che storicamente hanno rivolto il loro impegno ai temi della libertà di espressione e del diritto all’informazione, in riferimento ai media tradizionali. In questo senso, l’associazione per la libertà di stampa ARTICOLO 21 (articolo21.info), l’agenzia di stampa missionaria MISNA (misna.org), la rivista CARTA (carta.org), l’organizzazione per il monitoraggio del sistema mediatico nazionale italiano MEGACHIP (megachip.info), il portale di informazione sullo sviluppo UNIMONDO (unimondo.org), l’osservatorio sull’informazione intitolato alla giornalista Ilaria Alpi (ilariaalpi.it) e la TV digitale ARCOIRIS (arcoiris.tv) sembrano riconoscersi come parte di un sottoreticolo tematico abbastanza coeso.

Figura 1 Rete tematica Diritti di Comunicazione in Italia (Issue crawler: 52 starting points, iterazione 2, profondità di crawl 2, aprile 2006)

Figura 1 Rete tematica Diritti di Comunicazione in Italia (Issue crawler: 52 starting points, iterazione 2, profondità di crawl 2, aprile 2006)
  • 7 La loro pratica di utilizzo degli strumenti di comunicazione è parte integrante della «visione» che (...)

24Un secondo cluster, connesso con il primo ma in basso al centro della figura, rappresenta un’area di orientamento politico più radicale. Esso include nodi come il sito italiano di media-attivismo IndyMedia (italy.indymedia.org) ed i due server indipendenti inventati.org e autistici.org – nati per ospitare iniziative di contro-informazione. Considerando la posizione e il ruolo che questi nodi occupano nella rete, come pure le modalità operative e l’approccio ai temi dell’informazione7 si può sostenere che questo sotto-reticolo costituisce una sorta di passaggio da una concezione tradizionale di «comunicazione nella sfera pubblica» ad una più aperta alle possibilità di produzione autonoma e di condivisione di informazione e conoscenze.

25Un terzo cluster, a destra nella figura, rimanda in maniera esplicita al pilastro Comunicare la conoscenza e lo fa includendo nodi come FREE SOFTWARE FOUNDATION (fsf.org), organizzazione internazionale per il software libero; il progetto internazionale di sviluppo di software libero GNU (gnu.org); il gruppo di lavoro sulle licenze libere e le questioni del diritto d’autore CREATIVE COMMONS (creativecommons.org); il sito di Richard Stallman, fondatore del progetto GNU (stallman.org). Questi siti rinviano quindi a temi frequentemente discussi a livello internazionale.

  • 8 Si pensi all’esperienza delle radio libere degli anni ’70 ma anche all’esperienza tutta italiana de (...)

26Dalle mappe ricostruite nell’aprile 2006, pare dunque che il tema più rilevante per la rete italiana dei diritti di comunicazione in quel momento riguardasse il ruolo della comunicazione nella costruzione di una società democratica, centrata su temi quali il pluralismo e l’indipendenza dei media. Ciò può essere giustificato dall’anomalia politico-mediatica del nostro Paese e dal fatto che sui temi della libertà e del pluralismo nell’informazione c’è una lunga tradizione di azioni dal basso8 che ha favorito nel tempo il consolidarsi di molte iniziative tra loro connesse. Ricostruzioni di reti tematiche più recenti, realizzate con i medesimi punti di partenza, segnalano che questo ambito tematico è stato affiancato da una più forte presenza di nodi che operano per la condivisione della conoscenza, fino a generare una certa (con)fusione fra le due aree tematiche. Ciò suggerisce che quest’area è divenuta più rilevante negli ultimi due anni ma anche che la coesione del sotto-reticolo Sfera pubblica non era molto stabile.

27Si riscontra invece una certa stabilità tematica rispetto alle «assenze». Le reti tematiche ricostruite sul Web rimandano infatti un’immagine parziale dei diritti di comunicazione, fortemente orientata a temi tradizionalmente associati al ruolo dei media (pluralismo e libertà di espressione) o alle sfide poste dalle nuove tecnologie alla conoscenza intesa come un bene comune. Questioni legate a privacy e sicurezza dei cittadini (pilastro tematico 2 nel framework di riferimento) e questioni legate alla diversità culturale, inclusa la diversità di genere (pilastro tematico 4), non hanno ancora trovato una propria collocazione nello spazio di discussione nel Web. Infine, le reti tematiche rimandano anche un’immagine frammentaria delle aree di mobilitazione sulla comunicazione in Italia; una situazione che abbiamo cercato di approfondire attraverso l’analisi dei reticoli sociali.

3.2. Reticoli sociali

  • 9 Pur derivando dal framework di CRIS, i temi inclusi nella lista non sono univocamente riconducibili (...)

28Nella raccolta di dati sulle interazioni sociali abbiamo potuto rilevare sia le tematiche su cui si concentra l’azione immediata delle organizzazioni, sia quelle su cui gli intervistati ritengono che l’azione si focalizzerà nei prossimi anni. I quattro pilastri tematici sono stati scomposti in un insieme di temi più specifici9 proposto agli intervistati affinché indicassero le tre aree su cui operano principalmente, segnalando anche la più importante.

29La tabella 1 mostra la rilevanza attribuita ai diversi temi da parte di gruppi contattati. Nella maggioranza dei casi essi sono sorti proprio per operare sui temi indicati. Notiamo (colonna 2: interessi tematici al tempo della rilevazione) che nessuno degli intervistati ha indicato le tematiche di privacy e sorveglianza come rilevanti nell’immediato. L’attenzione è invece concentrata prevalentemente su diritti di comunicazione, pluralismo dei media, diversità culturale e questioni relative alla proprietà intellettuale. Tematiche legate a genere e comunicazione, diritti digitali e tecnologie per lo sviluppo sono pure presenti, seguiti dalle tematiche relative a modelli aperti di conoscenza, libertà di stampa, informazione indipendente, media education. Una certa attenzione è rivolta anche a democrazia e governo digitali, come pure alle problematiche del mondo lavorativo nella società dei saperi. Seguono istanze perseguite singolarmente da gruppi specifici, come software libero, pace/diritti umani, questioni legate al servizio pubblico televisivo, il rapporto tra arte e trasformazione sociale.

30La situazione cambia nel momento in cui si rilevano i temi sui quali gli intervistati ritengono che le mobilitazioni si concentreranno nel prossimo futuro (colonna 3): questioni quali pluralismo dei media, servizio pubblico e riforma del sistema radio-televisivo sono ritenute l’ambito principale sul quale gli sforzi saranno concentrati. Le tematiche legate a proprietà intellettuale, brevetti e diritto d’autore mantengono una posizione di rilievo anche se non predominante, seguite da quelle legate alla sfera della privacy e della sorveglianza delle comunicazioni personali che sono chiaramente percepite come critiche. In prospettiva, rimangono rilevanti diritti digitali e diversità culturale, mentre perdono importanza questioni relative all’uso delle tecnologie per lo sviluppo e al divario digitale.

Tabella 1 Attuali interessi tematici delle organizzazioni intervistate (2006/07) e loro interessi tematici in prospettiva futura

INTERESSI
TEMATICI
ATTUALI

INTERESSI
TEMATICI
FUTURI

proprietà intellettuale, copyright, brevetti

8

11

problemi del lavoro nella società dei saperi

3

4

privacy e sorveglianza

0

9

pluralismo dei media, servizio pubblico,
riforma sistema radio-televisivo

6

15

modelli aperti di conoscenza

4

5

media education, consumo critico dei media

4

4

libertà di stampa, diritto di espressione

4

5

informazione indipendente, community media

4

5

Ict4 development, divario digitale

5

2

e-democracy, e-government

3

3

donne e media, tecnologie e prospettive di genere

5

4

diversità culturale, multiculturalità

8

8

diritti digitali/Tutela legislativa degli spazi virtuali

5

8

diritti di comunicazione

9

3

altro

4

0

  • 10 Le reti in figura 2 e 5 rappresentano matrici che sono state ricavate da una matrice bimodale origi (...)

31La figura 2 mostra la rete di relazioni che le 26 organizzazioni intervistate intrattengono tra loro sulla base della condivisione di almeno un partner all’interno della mobilitazione10 e le caratterizza visivamente in base all’ambito tematico che hanno indicato come principale nelle loro attività. La rete mostra l’esistenza di una struttura di alleanze in riferimento ai vari temi, ma anche la presenza di nodi isolati e di componenti minori separate dalla rete principale. Nessuna proprietà delle organizzazioni (anni di attività, presenza/assenza di un referente, numero di membri attivi, il fatto di essere o meno gruppi nati per occuparsi di queste tematiche) sembra contribuire in maniera rilevante alla strutturazione della rete. È in base alla distribuzione degli interessi tematici che si possono fare alcune considerazioni interessanti.

Figura 2 Rete di relazioni tra le organizzazioni italiane caratterizzata per ambito tematico principale di azione

Figura 2 Rete di relazioni tra le organizzazioni italiane caratterizzata per ambito tematico principale di azione

32Risultano totalmente assenti dalla componente principale i temi riconducili agli ambiti Diritti civili e processi di comunicazione e Diversità culturale mentre la struttura di relazioni fra le organizzazioni suggerisce una polarizzazione della rete in base a temi che riguardano, rispettivamente, il pilastro tematico Comunicazione e sfera pubblica (informazione indipendente, pluralismo dei media, e-democracy, media education) e il pilastro Comunicare la conoscenza (modelli aperti). Decisamente predominante nella componente più grande del reticolo la presenza di temi quali pluralismo e indipendenza dei media: la parte sinistra della componente è caratterizzata infatti dalla presenza di attori interessati a questo tipo di tematiche (l’organizzazione LIBERTà DI STAMPA E DIRITTO ALL’INFORMAZIONE [LSDI]), l’agenzia di stampa radiofonica AMISNET, il PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA (PRC), l’organizzazione per la gestione e lo sviluppo di Internet SOCIETà INTERNET) integrate dai diritti di comunicazione (CRIS e ARTICOLO 21: gruppi che, pur occupandosi di temi trasversali al quadro tematico complessivo, mantengono relazioni prevalenti con questa area della rete).

33La parte di destra del grafico è caratterizzata da relazioni fra attori che si concentrano su tematiche riconducibili alla conoscenza come bene comune: proprietà intellettuale (i Verdi e l’associazione italiana per il software libero ASSOLI), software libero (BONONIA.IT) e modelli aperti di conoscenza (HIPATIA). Fin qui le reti sociali mostrano orientamenti tematici coerenti con quanto emerso dalle reti tematiche online.

34È bene sottolineare che temi esclusi dalla componente principale non sono necessariamente assenti dal panorama delle iniziative: troviamo come nodi isolati CENTRO ZAFFIRIA e UCODEP, che si occupano di educazione ai media, scollegati dalla componente principale e non in relazione fra loro. Troviamo tra i nodi isolati anche ANCORPARI e CARES/Osservatorio di Pavia, che dai dati raccolti risultano essere attivi su tematiche di genere e comunicazione, e potevamo aspettarci fossero collegati a Federazione Nazionale della Stampa/Comitato Pari Opportunità (FNSI/CpO) per prossimità tematica. Quest’ultimo gruppo forma invece con RAI una diade indipendente nel reticolo e non omogenea sul piano tematico, quanto ad ambito principale di azione.

4. Logiche di rete

35Rispetto all’idea che si promuovano intenzionalmente relazioni reticolari all’interno delle dinamiche di movimento, si può riflettere sull’importanza dell’orientamento tematico delle organizzazioni. È anche importante esaminare la propensione da parte di alcuni nodi a «fare rete» sfruttando i vantaggi che un’organizzativa reticolare comporta (Powell, 1990). Diventa quindi interessante controllare se e con quali modalità queste intenzioni si realizzano in rete ed altrove e se per alcuni attori ciò si traduce in una strategia perseguita attraverso strumenti, anche tecnologici, coerenti.

4.1. Reti tematiche online

36Un aspetto che ci ha incuriosito nelle analisi sulle reti tematiche è stata l’individuazione di nodi che sembrano svolgere una funzione che abbiamo etichettato con l’espressione “ponti consapevoli”: soggetti e organizzazioni che – grazie a una visione ampia dei temi e delle loro interazioni – si relazionano con altri soggetti diversi per natura e interessi, e che propongono tale orientamento anche attraverso le proprie scelte di collegamento nel Web. Questo posizionamento nella rete ne fa dei potenziali elementi di collegamento fra sotto-reticoli altrimenti non connessi, contribuendo così ad ampliare il dibattito sui diritti di comunicazione. Di seguito mostriamo la rappresentazione di una rete tematica online realizzata a inizio giugno 2007, evidenziando quelli si possono considerare “ponti consapevoli”.

37Questa visualizzazione, riferita a un crawl di iterazione 1 che ricostruisce la rete delle relazioni immediate delle organizzazioni italiane nel 2007, presenta un certo interesse. In primo luogo, conferma gli orientamenti tematici della rete italiana attiva sui diritti di comunicazione: rimane evidente un’area della rete in cui si collegano gruppi attivi su Comunicazione e sfera pubblica, anche se l’interazione risulta meno intensa di un anno prima. L’accresciuta frammentazione pone una questione relativa all’esistenza o meno di strategie di mantenimento ed eventualmente di espansione delle collaborazioni nel tempo. In questo contesto, la presenza e la posizione di eventuali ponti consapevoli diventa rilevante.

38Per quanto riguarda la condivisione dei saperi (pilastro tematico 2), questa rete mostra nodi italiani che hanno nel tempo ottenuto maggiore riconoscimento da parte delle altri attori e lascia intuire uno sviluppo specificamente italiano delle iniziative. La presenza e la posizione di nodi ponte favorisce il dialogo e lo scambio fra i soggetti entrati nella rete di recente e quelli che li hanno preceduti.

39È quindi interessante segnalare le posizioni di alcuni nodi specifici in questa visualizzazione. In particolare i siti di Carta.org, Dicorinto.it e Cris-italia.info. Non si tratta di nodi che ricevono molti link dalla rete e che quindi non costituiscono punti di riferimento particolarmente forti; essi sembrano però avere una visione più ampia della rete stessa e questo li rende potenziali elementi di collegamento fra aree diverse e possibili facilitatori di una effettiva rete tematica sui diritti di comunicazione.

Figura 3 «Ponti consapevoli» nella mobilitazione sui diritti di comunicazione in Italia (Issue cralwer: 57 starting points, iterazione 1, profondità di crawl 2; maggio 2007).

Figura 3 «Ponti consapevoli» nella mobilitazione sui diritti di comunicazione in Italia (Issue cralwer: 57 starting points, iterazione 1, profondità di crawl 2; maggio 2007).

40Carta.org è il nodo che meglio rappresenta questa situazione: sito della rivista Carta. Cantieri Sociali, rimanda ad una realtà di informazione alternativa che negli anni si è impegnata a promuovere modelli di comunicazione democratica. La sua comprensione della rete è davvero notevole: indirizza link numerosi verso tutte le zone della rete e riceve, seppur in minor numero, link da aree diverse.

41Dicorinto.org rimanda invece ad Arturo di Corinto, giornalista italiano da anni impegnato su temi come l’innovazione tecnologica, l’open source e i diritti digitali. Il suo blog costituisce una risorsa significativa nel panorama italiano. Anche qui l’insieme dei link in uscita mostra una concezione assai ampia dei temi in discussione. Praticamente solo attori vicini alle questioni del software libero riconoscono dicorinto.it come rilevante. Segnaliamo infine cris-italia.info, sito del capitolo italiano della Campagna CRIS, che ha avuto negli scorsi anni un ruolo rilevante nel panorama italiano, promuovendo l’idea dei diritti di comunicazione come cornice complessiva per diverse azioni/rivendicazioni.

42Possiamo ritenere che nel contesto della rete i nodi che fungono da “ponti consapevoli” contribuiscano ad articolare questioni tematiche complesse offrendo agli interessati la possibilità di definire meglio in che direzione sviluppare azioni e costruire sinergie. Rimane questione aperta l’individuazione delle condizioni che possono favorire la realizzazione di questa potenzialità e promuovere la collaborazione fra sotto-aree. È anche importante capire se i nodi che si trovano in questa posizione hanno caratteristiche peculiari e controllare quanto la capacità da parte di alcuni soggetti di presentare temi e problemi influenzi i reticoli sociali in cui sono inseriti gli esponenti di queste organizzazioni.

4.2. Reticoli sociali

43La collaborazione tra le organizzazioni che compongono il panorama italiano delle mobilitazioni su questi temi presenta diversi aspetti. I rapporti di collaborazione rilevati a partire dalle 26 organizzazioni analizzate si sviluppano fra un totale di 98 gruppi diversi. La figura 4 mostra in modo evidente questa dispersione, mostrando inoltre che raramente le organizzazioni intervistate sono state anche riconosciute come partner dagli altri intervistati. Qualora ciò accada, il riconoscimento raramente è reciproco: si veda, in questo senso, il non mutuo riconoscimento tra il Centro Zaffiria e l’Osservatorio di Pavia. In generale, la condivisione di partner non è frequente.

44Come si è sostenuto, la vicinanza tematica può essere importante nel favorire la strutturazione di rapporti, ma non sopperisce necessariamente alla frammentazione delle relazioni. La figura 4 mostra che organizzazioni attive su tematiche di genere orientano le loro collaborazioni in direzioni diverse. Si veda in proposito la distanza esistente fra le collaborazioni stabilite dall’Osservatorio di Pavia, da una parte, e la diade formata da FNSI/CpO e RAI dall’altra. Il comune riconoscimento della Casa Internazionale delle Donne come partner rende il legame esplicitamente tematico. Neppure la prossimità geografica sembra operare in favore della costruzione di legami: interessante in questo senso è la spaccatura tra le collaborazioni instaurate da organizzazioni presenti sul territorio bolognese – come l’Associazione VAG61, officina di media indipendenti; il progetto Iperbole del comune di Bologna e Nuovi Mondi Media, associazione di editoria ed informazione indipendente.

Figura 4 Rappresentazione delle affiliazioni organizzative nel contesto italiano. I nodi di forma rotonda rappresentano le organizzazioni intervistate, i nodi di forma quadrata rappresentano le organizzazioni indicate come partner in una relazione

Figura 4 Rappresentazione delle affiliazioni organizzative nel contesto italiano. I nodi di forma rotonda rappresentano le organizzazioni intervistate, i nodi di forma quadrata rappresentano le organizzazioni indicate come partner in una relazione

45Il consolidamento di azioni organizzative non legate al territorio nazionale costituisce un altro fattore di frammentazione. È il caso dell’agenzia di stampa internazionale INTER PRESS SERVICE (IPS) e di UCODEP, le uniche due organizzazioni che risultano scollegate dalle altre per non aver individuato alcun partner in Italia. Questo isolamento può essere riconducibile a molti fattori: pur condividendo interessi e partecipazione ad eventi con altri gruppi italiani, queste due organizzazioni collocano la loro azione prevalentemente a livello internazionale. L’alto livello di istituzionalizzazione (implicito nello status Ong/Onlus), la presenza di un elevato numero di membri attivi, e una lunga storia rende più autonomi questi gruppi. Ciò si traduce in un minor interesse per l’attivazione di collaborazioni sul territorio italiano.

46La consistente componente connessa al centro della figura 4 mostra che in alcuni casi gli ostacoli alla costruzione di relazioni tra i diversi attori della mobilitazione sul territorio italiano sono in qualche misura superati. Quali attori potrebbero essere dei “ponti consapevoli”? Ciò risulta con maggior chiarezza dalla fig. n. 5 – una semplificazione della n. 4.

  • 11 Vi sono cinque tipi diversi di broker (Gould e Fernandez, 1989) basati sull’appartenenza o meno all (...)

47La figura 5 permette di individuare alcuni attori in posizione strategica. In particolare, il partito dei Verdi si posiziona al centro e connette i due poli del reticolo. Più in particolare, se adottiamo come misura di centralità la betweenness (Freeman, 1977) intesa come possibilità di (inter)mediazione tra attori, notiamo come il valore corrispondente ai Verdi sia assai più elevato di quello degli altri attori nella componente. Questo ruolo di «mediatore» tra i diversi spazi di discussione è confermato dalle misure di brokerage effettuate dividendo i nodi nella rete in gruppi sulla base dei loro interessi tematici primari11. In questo senso, i Verdi presentano il valore di brokeraggio più elevato rispetto a gli altri attori in modalità liaison, che corrisponde a funzioni di intermediazione tra esponenti di gruppi diversi.

Figura 5 Rete di relazioni tra organizzazioni italiane

Figura 5 Rete di relazioni tra organizzazioni italiane

48Un altro attore rilevante, sempre coniugando l’indice di betweenness e le misure di brokerage, è AMISNET. Nel ruolo di broker AMISNET presenta valori elevati sia nella funzione di representative (esponente di una specifica area tematica che si interfaccia con altre diverse), sia in quella di gatekeeper (esponente di una specifica area tematica che «traduce» contributi provenienti da altre aree diverse). Questo duplice ruolo di diffusione verso l’esterno e di traduzione di tematiche diverse è coerente con la percezione che il gruppo ha di se stesso come canale di informazione aperto.

49Un alto valore di brokerage (in modalità liaison) caratterizza anche PEACELINK che si occupa principalmente di pace e diritti umani. Questo potrebbe suggerire l’esistenza di un collegamento del reticolo con altre tematiche e, quindi, con altre aree di movimento (si veda il paragrafo successivo).

5. Legami e forme della rete

50Se pensiamo i legami fra i nodi che compongono le reti come frutto di un lavoro di collegamento che richiede un impegno costante, l’analisi della direzione, del significato e dell’intensità dei legami fra soggetti che partecipano alle reti di movimento – tematiche e sociali – richiede approfondimenti di tipo qualitativo che non è possibile esaminare qui. Vogliamo invece sottolineare come la presenza del legame (o la sua assenza) contribuisca a determinare la struttura di una rete, i suoi contorni e le sue relazioni con l’esterno. Per quanto riguarda i legami interni alle reti italiane sui diritti di comunicazione, proponiamo alcune considerazioni relative alla forza dei legami sociali. Per quanto attiene, invece, alle relazioni con l’esterno, è la ricostruzione delle reti tematiche online a fornire spunti di riflessione.

5.1. Reti tematiche online

51La relativa novità delle mobilitazioni esaminate ci fa supporre che per i soggetti partecipanti sia importante sapersi rapportare ad altre aree di movimento per trovare sostegno alle proprie rivendicazioni attraverso l’identificazione di interessi comuni. Nello stesso tempo, l’affermazione di istanze nuove e il tentativo di porre nuove questioni nel dibattito pubblico e nell’agenda politica richiedono relazioni anche con altri soggetti – dai mezzi di informazione di massa, ai centri accademici e di ricerca, agli attori istituzionali. Queste mobilitazioni sono almeno in parte espressione di un’esperienza sviluppatasi nel contesto internazionale; è quindi opportuno esaminare i rapporti tra le reti italiane e quelle straniere.

Figura 6 Diritti di comunicazione in Italia (Issue crawler: iterazione 3, depth 3, aprile 2007)

Figura 6 Diritti di comunicazione in Italia (Issue crawler: iterazione 3, depth 3, aprile 2007)

52Una caratteristica ricorrente nelle reti tematiche italiane online, su temi diversi da quelli affrontati qui, è la propensione a orientarsi in una direzione fortemente istituzionale. L’elevata auto-referenzialità dei siti Web istituzionali nello stabilire link verso l’esterno e nel riconoscere quasi esclusivamente altri soggetti di natura istituzionale influenza la struttura delle reti tematiche dando origine a cluster molto coesi, spesso separati da quelli composti da altri soggetti.

53È significativo che le analisi svolte sui diritti di comunicazione non riflettano questa tendenza; si nota, al contrario, una totale assenza di nodi istituzionali. Mentre è abbastanza frequente che i siti delle istituzioni fatichino a riconoscere realtà di tipo associativo, se non quelle con le quali mantengono legami consolidati, l’assenza di riferimenti alle istituzioni politiche da parte delle organizzazioni civiche italiane attive su informazione e comunicazione pone una questione relativa all’interesse e alla capacità di rapportarsi con tali soggetti. Per promuovere il mutamento di processi comunicativi, le organizzazioni della rete svolgono prevalentemente attività di sensibilizzazione, piuttosto che interagire con interlocutori istituzionali.

  • 12 Sporadiche relazioni con soggetti attivi in altri ambiti, quali la pace, il disarmo e la finanza eq (...)

54La quasi totale assenza di riferimenti a soggetti quali le istituzioni universitarie o i mezzi di informazione, anche nelle reti tematiche online di iterazione 3 come quella sopra riportata in figura 6, lascia intuire una ancor maggiore auto-referenzialità di questi soggetti e suggerisce un limite evidente nella capacità di promuovere attenzione da parte di un pubblico più ampio. A questo si può aggiungere la limitata presenza di collegamenti con soggetti che operano su altri temi pur condividendo principi fondamentali: giustizia sociale, sviluppo sostenibile, partecipazione democratica12. I diritti di comunicazione riguardano questioni complesse e poco note, legate alle trasformazioni di contesti mediatici che richiedono un’attività competente di framing e di orientamento del dibattito pubblico. La chiusura e l’isolamento delle reti di movimento rende difficile promuovere tali questioni nell’agenda politica.

  • 13 Le reti tematiche ricostruite a gennaio 2008 per verificare l’andamento nel tempo della discussione (...)

55La situazione è problematica anche per quanto riguarda l’apertura verso la dimensione internazionale. Le due componenti principali della rete italiana (quella orientata alla Sfera pubblica e quella orientata alla Condivisione della conoscenza) hanno modi assai diversi di percepirsi come parti di una mobilitazione trans-nazionale. Il cluster Sfera pubblica stabilisce alcuni legami sparsi con organizzazioni internazionali che si occupano principalmente di protezione dei giornalisti e libertà di espressione. All’opposto, i nodi italiani che operano per Comunicare la conoscenza sembrano essere emanazione diretta di una comunità internazionale che ha da tempo occupato lo spazio nel Web secondo modalità proprie, e contribuiscono a trasferire tematiche dibattute sul piano internazionale a livello nazionale. Proprio per questo, l’affermarsi nel tempo di nodi specificamente italiani all’interno di questo sotto-reticolo merita di essere ulteriormente analizzato13.

5.2. Reticoli sociali

56L’analisi dei reticoli sociali ha permesso di individuare, rappresentare ed esaminare le relazioni tra i gruppi intervistati mettendo in evidenza diversi rapporti di cooperazione. Vi è però una proprietà che non abbiamo ancora preso in considerazione: il contenuto dei legami. Pur nella parzialità delle informazioni raccolte, la maggior parte dei legami segnalati dalle organizzazioni intervistate consiste nella realizzazione di iniziative congiunte – la modalità di relazione più forte tra quelle proposte nel nostro questionario. Ciò potrebbe compensare la bassa densità di legami data dalla condivisione di partner (figura 4). Le relazioni rappresentate nella figura 7 si riferiscono a modalità intense di cooperazione.

57Nella figura non compaiono SOCIETà INTERNET, Partito della Rifondazione Comunista (PRC) e l’organizzazione per il Volontariato Internazionale e lo Sviluppo VIS. Questi enti stabiliscono con i propri partner relazioni di intensità inferiore rispetto alle altre organizzazioni.

58La componente formata dalle collaborazioni di FNSI/CPO e RAI attraverso la Casa Internazionale delle Donne (a sinistra) mostra che la prossimità tematica va di pari passo con intensi legami di collaborazione.

59La vicinanza tematica non si accompagna però in ogni caso a relazioni di collaborazione effettiva. Ad esempio, mentre la componente costituita dalle relazioni fra HIPATIA e BONONIA.IT attraverso Free Software Foundation Italia (FSF) (in basso al centro) mostra la vicinanza tra i modelli aperti di conoscenza e le tematiche del software libero e si accompagna a iniziative comuni, le collaborazioni dell’Associazione Italiana per il Software Libero (ASSOLI) danno vita a una componente autonoma (in basso a destra).

60Merita un accenno la collaborazione tra i Verdi e il mondo «New Global» che potrebbe indicare un’apertura delle dinamiche di mobilitazione specifica sui temi di informazione e comunicazione verso altre aree di movimento. Interessante anche la componente che unisce l’ASSOCIAZIONE ONG ITALIANE, AMISNET e PEACELINK, attraverso l’individuazione di CRIS Italia come partner di iniziative congiunte, Questi nodi sono canali potenziali di apertura verso l’esterno per i temi e gli ambiti di azione in cui si muovono. Questo potenziale non sembra tuttavia attivato poiché CRIS Italia non reciproca il riconoscimento e le sue collaborazioni si orientano altrove.

Figura 7 Reti di collaborazione in iniziative congiunte. I nodi di forma rotonda rappresentano i gruppi intervistati e i nodi di forma quadrata le organizzazioni con le quali si sono realizzate iniziative congiunte

Figura 7 Reti di collaborazione in iniziative congiunte. I nodi di forma rotonda rappresentano i gruppi intervistati e i nodi di forma quadrata le organizzazioni con le quali si sono realizzate iniziative congiunte

61In generale, la figura 7 mostra l’esistenza di componenti cooperative forti e piuttosto stabili nel tempo. L’elevato livello di frammentarietà non consente di intravedere possibili sviluppi futuri.

6. Considerazioni conclusive e prospettive di ricerca

62Riflettendo sulla complementarietà delle diverse tecniche di indagine, cerchiamo di rispondere all’interrogativo principale di questa ricerca: quali informazioni utili ci forniscono le analisi di rete sulle mobilitazioni per i diritti di comunicazione in Italia?

63L’analisi delle reti tematiche online e delle reti sociali offline fornisce risultati abbastanza coerenti: prevalgono mobilitazioni che riguardano aspetti tradizionali come la libertà di espressione e il pluralismo dei media, accompagnate da un evidente consolidamento della mobilitazione su modelli aperti di conoscenza e software libero. Dalla rete non si rileva alcuna attività su temi specifici come le questioni di genere e la diversità culturale. L’esame dei reticoli sociali consente invece di segnalare un certo attivismo. Rimangono poi temi che, pur percepiti come rilevanti nell’immediato futuro, non sono ancora oggetto di alcuna mobilitazione: è il caso delle questioni legate alla privacy e alla sicurezza.

64Dalla ricerca risulta anche che la presenza di temi condivisi non determina ma facilita le relazioni: le attività online e offline tendono ad aggregarsi sulla base dell’affinità tematica fra i gruppi. Inoltre, le reti ricostruite mostrano nodi che svolgono funzioni, effettive o potenziali, di collegamento fra componenti tematiche distinte.

65Organizzazioni/siti che sono espressione di tradizioni tematiche differenti hanno modi diversi di posizionarsi nello spazio online. Questo sembra un punto da approfondire. Considerando la natura eterogenea dei nodi (organizzazioni, siti informativi, siti che forniscono servizi) e la varietà di tematiche di cui sono espressione, è possibile rintracciare modalità più o meno innovative di utilizzo della rete che finiscono per influire sulla dinamica reticolare. Attori che operano su tematiche più consolidate sembrano meno attenti al potenziale di attivazione dei legami offerto dal Web, mentre chi opera nell’ambito della condivisione di conoscenze pare più attento alle opportunità di interazione offerte dalle tecnologie.

66Le logiche di networking e la natura dei legami sono differenti e tuttavia non discordanti; ciò è giustificato dalla diversità dei legami sociali e nella rete online. I nodi-ponte individuabili sul Web possono essere pensati come potenziali punti di incontro fra spazi di discussione; mentre l’analisi dei reticoli sociali mostra quali ponti sono attivi nel connettere effettivamente gli attori della mobilitazione. Queste due potenzialità – di connessione del discorso e di connessione per l’azione – sono diverse in quanto basate su strutture relazionali diverse.

67Le reti tematiche online sono luoghi virtuali in cui si attiva un’attività di issue formatting (Marres 2006) importante per costruire un’agenda di azione politica. I reticoli sociali mostrano invece la struttura dei legami effettivi fra le realtà sociali coinvolte nella mobilitazione, in cui si affiancano legami forti e alti livelli di frammentazione. Ulteriori analisi sono necessarie per individuare quali condizioni favorirebbero maggiore connessione tra le componenti delle reti sociali e telematiche.

68Qualche considerazione infine sugli orientamenti delle mobilitazioni nel nostro Paese. Gli attori esaminati sembrano impegnati prevalentemente in strategie di informazione e di sensibilizzazione. Dalle interviste risulta che attività di lobby e advocacy, di educazione, di monitoraggio e consolidamento di reti e piattaforme sono presenti ma in misura decisamente minore. La maggior parte degli intervistati è consapevole della necessità di intraprendere azioni dirette ad interagire con il sistema politico. Non abbiamo tuttavia potuto accertare azioni del genere.

69In conclusione: l’analisi delle reti tematiche e sociali ha permesso di descrivere una realtà poco indagata tenendo in considerazione la peculiarità del nesso esistente fra processi e contenuti dell’azione sociale, e dei rapporti tra attività nella società e nel web. Sono emersi alcuni elementi problematici, quali la frammentazione elevata di gruppi e iniziative, la forte autoreferenzialità delle diverse aree di una possibile mobilitazione, l’assenza di relazioni tra i possibili attori di una mobilitazione, il sistema politico e dei media. Sono emersi anche elementi che potrebbero costituire risorse per l’azione futura: una graduale condivisione nell’articolazione delle tematiche e un interesse crescente a collegare l’azione locale a dinamiche trans-nazionali.

70Tradotte nei termini delle tre dimensioni analitiche che hanno guidato la nostra indagine (identità collettiva, scambi reticolari e orientamenti conflittuali), le dinamiche osservate, pur sviluppandosi nella direzione dell’azione collettiva, non hanno ancora assunto una forma definita. La spinta unificante stimolata dalla vicinanza tematica sembra controbilanciata da meccanismi che favoriscono la frammentazione. La presenza di cluster, soprattutto tematici, all’interno del reticolo mostra la presenza di forme di coordinamento. Queste comunità intra-reticolari non sono tenute insieme dalla prossimità territoriale ma sono facilitate dall’impiego delle nuove tecnologie per superare le distanze (Calhoun, 1998) e, allo stesso tempo, sono costruite sulla base di pratiche ed interessi comuni (Sassen, 2004).

71Diversi aspetti meritano di essere approfonditi. Fra questi: le storie individuali dei soggetti che figurano come avanguardie di un processo di mobilitazione; la pluralità degli attori coinvolti e il loro uso del Web come risorsa per promuovere dinamiche di movimento; le condizioni che possono favorire l’attivazione di canali di comunicazione e l’ampliamento delle mobilitazioni in collegamento con dinamiche transnazionali. Sarà interessante seguire gli sviluppi di questi aspetti con un’attenzione particolare per la struttura delle opportunità politiche e tecnologiche. Tali sviluppi dipenderanno dalla capacità degli attori di attivare risorse politiche e di dare visibilità alla loro azione. Con ogni probabilità essi saranno segnati dalle trasformazioni nell’uso delle tecnologie che già stanno modificando la scena politica italiana.

Torna su

Bibliografia

Anheier H. e Katz H. (2004), Network Approaches to Global Civil Society, in Anheier H., Glasius M., Kaldor M. (a cura di), Global Civil Society 2004/5, London, Sage.

Benford R. (1993), Frame Disputes within the Nuclear Disarmament Movement, «Social Forces», 71, 3, 677-701.

Borgatti S.P., Everett M.G. e Freeman L.C. (2002), Ucinet for Windows: Software for Social Network Analysis, Harvard, MA, Analytic Technologies.

Breiger R. L. (1974), The duality of persons and groups, «Social Forces», 53, 2, 181-190.

Calabrese A. (2004), The Promise of Civil Society: a Global Movement for Communication Rights, «Continuum», XVII, 3, 317-329.

Calhoun C. (1998), Community without propinquity revisited: communication technology and the transformation of the urban public sphere, «Sociological Inquiry», 68, 3, 373-397.

Carroll W. e Hackett R. (2006), Remaking the Media: the Struggle to Democratize Public Communication, New York, Routledge.

Christopoulos D. (2006), Relational attributes of political entrepreneurs: a network perspective, «Journal of European Public Policy», 13, 5, 757-778.

CRIS (2005), Assessing Communication Rights. A Handbook, Accesso 25.01.2009 da http://centreforcommunicationrights.org/tools-and-training/40-tools/125–cris-campaign-assessing-communication-rights-a-handbook-.html?layout=citation [link non più attivo 28/11/2016].

Della Porta D. e Diani M. ( 2006), Social Movements. An Introduction, Oxford, Blackwell Publishing.

Diani M. (1995), Green networks. A structural analysis of the Italian environmental movement, Edinburgh, Edinburgh University Press.

Diani M. (2000), Comunità virtuali, comunità reali e azione collettiva, «Rassegna Italiana di Sociologia», XLI, 1, 29-52.

Diani M. (2003a), Network and social movements: a research programme, in Diani M. e McAdam D. (a cura di), Social Movements and Networks. Relational Approaches to Collective Action, Oxford, Oxford University Press.

Diani M. (2003b), Leaders or Brokers? Positions and Influence in Social Movements Networks, in Diani M. e McAdam D. (a cura di), Social Movements and Networks. Relational Approaches to Collective Action, Oxford, Oxford University Press.

Diani M. (2008), Modelli di azione collettiva: quale specificità per i movimenti sociali?, «Partecipazione e Conflitto», 1, 43-66.

Diani M. e Bison I. (2004), Organizations, coalitions and movements, «Theory and society», 33, 281-309.

Drossou O., Jensen H., Padovani C. (2006), Saperi del futuro. Analisi di donne sulla società della comunicazione, Bologna, EMI.

Fernandez R. e Gould R. (1989), Structures of Mediation: A Formal Approach to Brokerage in Transaction Networks, «Sociological Methodology», 19, 89-126.

Fernandez R. e Gould R. (1994), A Dilemma of State Power: Brokerage and Influence in the National Health Policy Domain, «American Journal of Sociology», 99, 6, 1455-1491.

Freeman L. C. (1977), A Set of Measures of Centrality Based on Betweenness, «Sociometry», XL, 1, 35-41.

Gamson W. (1988) Political discourse and collective action, in Klandermans B., Kriesi H., e Tarrow S. (a cura di), From Structure to Action: Comparing Social Movement Research Across Cultures, London, Jai Press.

Gamson W. e Modigliani A. (1989), Media Discourse and Public Opinion on Nuclear Power: A Constructionist Approach, «American Journal of Sociology», 95, 1, 1-37.

Jorgensen R.F. (2006), Human Rights in the Global Information Society, Cambridge MA, MIT Press.

Marres N. (2006), Net-Work is Format Work: Issue-Networks and the sites of Civil Society Politics, in Anderson J., Dean J., Lovink G. (a cura di), Reformatting Politics: Information Technology and Global Civil Society, New York, Routledge.

Mattoni A. (2008), ICTs in national and transnational mobilizations, «tripleC», VI (2). Accesso 10.01.2009, da http://www.triplec.at/index.php/tripleC/article/view/82/75.

McAdam D. (1986), Recruitment to high-risk activism: the case of Freedom Summer, «American Journal of Sociology», 92, 64-90.

McAdam D., Tarrow S. e Tilly C. (2001), Dynamics of contention, Cambridge, Cambridge University Press.

Melucci A. (1996), Challenging codes: Collective action in the Information age, Cambridge, Cambridge University Press.

Napoli P. M. (2007), Public Interest Media Activism and Advocacy as a Social Movement: A Review of the Literature, McGannon Center Working Paper Series Paper 21. Accesso 10.01.2009 da http://fordham.bepress.com/mcgannon_working_papers/21.

O’Siochru S. (2005), Democratising Communication Globally: Building a Transnational Advocacy Campaign, in Hackett R. e Zhao Y. (a cura di), Global Mediation? Democratising public communication in the era of pan-capitalism, Lanham, MD, Rowman e Littlefield.

Padovani C. (2008), New World Information and Communication Order (NWICO), in Donsbach W. (a cura di), The International Encyclopedia of Communication, Oxford, UK e Malden, MA, Blackwell.

Padovani C., Cernison M. (2008), Dalle reti alle mappe… sul web, in Capitani T. (a cura di), Un altro genere di tecnologia, Il Secolo della Rete. Accesso 10.01.2009 da http://www.ilsecolodellarete.it/html/index.php?module=ContentExpress&file=index&func=display&ceid=18&meid=28 [link non più attivo 28/11/2016].

Padovani C., Pavan E. (2009), The emerging global movement on communication rights: a new stakeholder in global communication governance? Converging at WSIS but looking beyond, in Stein L., Rodriguez C., Kidd D. (a cura di), Making Our Media, Mapping Global Initiatives toward a Democratic Public Sphere, Cresskill, Hampton Press.

Powell W. (1990) Neither market nor hierarchy: networks forms of organization, «Research in organizational behaviors», 12, 295-336.

Raboy M., Landry N. (2005), Civil society, communication and global governance: Issues from the World Summit on the Information Society, New York, NY, Peter Lang.

Sassen S. (2004), Local Actors in Global Politics, «Current Sociology», 52, 4, 649-670.

Schou A. (1997), Elite identification in collective protest movements: a reconsideration of the reputational method with application to the Palestinian intifada, «Mobilization: An International Journal», 2, 1, 71-86.

Snow D. et al. (1986), Frame Alignment Processes, Micromobilization and Movement Participation, «American Sociological Review», LI, 464-81.

Surman M., Reilly K. (2003), Appropriating the Internet for social change, SSRC paper. Accesso 10.01.2009 da http://www.ssrc.org/programs/itic/ [link non più attivo 28/11/2016].

Tilly C. e Tarrow S. (2006), La politica del conflitto, Milano, Bruno Mondadori.

Torna su

Allegato

Appendice 1

Elenco dei siti selezionati per ricostruzione reti tematiche su Web sul tema «diritti di comunicazione in Italia» dal marzo 2006

http://www.cris-italia.info/​

http://www.ilsecolodellarete.it

http://www.articolo21.info

http://www.linuxclub.it

http://www.unarete.org

http://www.alcei.it

http://www.pro-digi.org

http://www.socialpress.it

http://www.megachip.info

http://www.osservatorio.it

http://www.lsdi.it

http://italy.indymedia.org/​

http://www.italian.it/​isf/​chisiamo.htm [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://www.radiopaz.it

http://www.amisnet.it

http://www.arcoiris.it

http://www.ilmediario.it

http://www.zeusnews.com

http://www.ipsnotizie.it

http://www.misna.org

http://www.vitaonline.it [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://www.altreconomia.it

http://www.carta.org [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://www.nuovimondimedia.com [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://italy.peacelink.org/​mediawatch/​

http://www.openpolis.it

http://www.softwarelibero.it

http://www.linux.it/​

http://www.aicanet.it/​

http://www.creativecommons.it/​

http://copydown.inventati.org/​ [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://www.isf-roma.org/​

http://www.gioventudigitale.net/​

http://www.welfaredellacomunicazione.it/​ [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://www.perunaltratv.it/​ [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://www.mmc2000.net

http://www.ngvision.net

http://www.ecn.org

http://www.autistici.org/​

http://www.rekombinat.org [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://www.telestreet.it

http://www.informationguerrilla.org

http://www.ricercatoriprecari.org [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://www.ancorpari.it/​osservatorio.asp [link non raggiungibile 03/11/2016]

http://www.punto-informatico.it

http://www.apogeoonline.com

http://www.culturalibera.org

http://www.newbrainframes.org

http://www.interlex.it

http://www.premiomostafasouhir.it/​

http://www.esterni.org/​esterni/​

http://www.peacereporter.net/​

Torna su

Note

1 Rimandiamo alla presentazione a questo numero della rivista per un approfondimento teorico sulle reti tematiche online e all’appendice metodologica per ulteriori specificazioni relative alla realizzazione e alle analisi sugli issue network sul Web.

2 La lista finale dei punti di partenza è stata compilata combinando la nostra conoscenza diretta del processo, i suggerimenti forniti da testimoni privilegiati, gli URL delle organizzazioni aderenti ad iniziative ed eventi rilevanti.

3 In Appendice 1 riportiamo le liste dei punti di partenza. Sul significato dei risultati derivati da crawl realizzati con gradi di iterazione e livelli di profondità diversa si veda l’appendice metodologica.

4 In particolare abbiamo condotto uno studio parallelo su una rete tematica sul tema «donne & media», che ha rilevato mobilitazioni su argomenti quali diversità, inclusione e pari opportunità in relazione ai diritti di comunicazione (si veda Padovani e Cernison, 2008).

5 Gli intervistati si potevano dichiarare indipendenti, debolmente legati, fortemente legati o portavoce di un gruppo. Questa classificazione preliminare si è resa necessaria in quanto nell’ambito delle dinamiche di mobilitazione indagate non necessariamente le organizzazioni hanno criteri di appartenenza formali. Fra i questionari raccolti solo 3 si riferiscono a singoli individui, mentre in 2 casi le risposte riguardavano la stessa organizzazione.

6 L’elenco delle 26 organizzazioni raggiunte è il seguente: AMISNET, ANCORPARI, ARTICOLO21, ASSOCIAZIONE VAG61, ASSOCIAZIONE ONG ITALIANE, ASSOLI, BINARIO ETICO, BONONIA.IT, CARES/OSSERVATIORIO DI PAVIA, CENTRO ZAFFIRIA, CITTà DELL’ARTE ARTE/FONDAZIONE PISTOLETTO, CRIS ITALIA, FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA STAMPA ITALIANA (FNSI, Comitato Pari Opportunità), HIPATIA, INTER PRESS SERVICE (IPS), LIBERTà DI STAMPA e DIRITTO ALL’INFORMAZIONE (LSDI), NUOVI MONDI MEDIA, PARTITO DEI VERDI, PEACELINK, PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA (PRC), PROGETTO IPERBOLE, RAI (Reparto marketing Internazionale), SOCIETà INTERNET, UCODEP, VOLONTARIATO INTERNAZIONALE per lo SVILUPPO (VIS), VITA NO PROFIT CONTENT.

7 La loro pratica di utilizzo degli strumenti di comunicazione è parte integrante della «visione» che intendono realizzare.

8 Si pensi all’esperienza delle radio libere degli anni ’70 ma anche all’esperienza tutta italiana delle Telestreet della fine degli anni ’90.

9 Pur derivando dal framework di CRIS, i temi inclusi nella lista non sono univocamente riconducibili ad un gruppo piuttosto che ad un altro (si veda la lista in figura 2). Va specificato che abbiamo volutamente proposto l’etichetta «diritti di comunicazione» fra le alternative possibili, per verificare se e fino a che punto questa espressione è entrata a far parte delle pratiche di discorso e di azione di alcuni soggetti, finendo per essere considerata una tematica a sé stante attorno alla quale si riconoscono alcuni attori. Ricordiamo che la rilevazione dei dati è stata effettuata fra fine giugno e inizio dicembre 2006.

10 Le reti in figura 2 e 5 rappresentano matrici che sono state ricavate da una matrice bimodale originaria (che raccoglie simultaneamente le organizzazioni intervistate e quelle identificate come partner) seguendo il principio di dualità di Breiger (1974) secondo il quale esiste un legame tra attori qualora essi abbiano partecipato allo stesso evento. In questo caso specifico, esiste un legame tra due nodi nelle reti in figura 2 e 5 se le organizzazioni intervistate hanno identificato almeno un partner comune, poiché questa identificazione è metaforicamente intesa come «evento». Il vantaggio di questa operazione consiste nel fatto che le reti finali comprendono solo quei nodi per i quali sono disponibili informazioni utili ad interpretare la loro posizione all’interno del reticolo, superando in questo modo le difficoltà generate dalla mancanza generale di dati.

11 Vi sono cinque tipi diversi di broker (Gould e Fernandez, 1989) basati sull’appartenenza o meno allo stesso gruppo dei tre attori A, B e C coinvolti nella relazione. Schematicamente, data la relazione A→B→C, dove B rappresenta il broker, A l’attore che inizia la relazione e C il ricevente, avremo:
Coordinator, quando tutti i nodi appartengono allo stesso gruppo;
Gatekeeper, quando B e C appartengono allo stesso gruppo mentre A ad uno differente;
Representative, quando A e B appartengono allo stesso gruppo e C ad uno differente;
Consultant, quando A e C appartengono allo stesso gruppo e B è invece un elemento esterno;
Liaison, quando nessuno dei tre attori appartiene allo stesso gruppo.
Nell’analisi, le misure di brokerage sono state effettuate assegnando un valore di brokeraggio inversamente proporzionale al numero di nodi che potenzialmente possono ricoprire lo stesso ruolo all’interno della relazione presa in esame.

12 Sporadiche relazioni con soggetti attivi in altri ambiti, quali la pace, il disarmo e la finanza equa, si trovano solo in alcune delle mappe che ricostruiscono le reti immediate dei soggetti (iterazione 1) ma scompaiono nelle elaborazioni che approfondiscono i legami.

13 Le reti tematiche ricostruite a gennaio 2008 per verificare l’andamento nel tempo della discussione online mostrano infatti in maniera ancora più evidente questa tendenza, e costituiscono utili punti di partenza per un approfondimento.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Figura 1 Rete tematica Diritti di Comunicazione in Italia (Issue crawler: 52 starting points, iterazione 2, profondità di crawl 2, aprile 2006)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/801/img-1.jpg
File image/jpeg, 64k
Titolo Figura 2 Rete di relazioni tra le organizzazioni italiane caratterizzata per ambito tematico principale di azione
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/801/img-2.jpg
File image/jpeg, 60k
Titolo Figura 3 «Ponti consapevoli» nella mobilitazione sui diritti di comunicazione in Italia (Issue cralwer: 57 starting points, iterazione 1, profondità di crawl 2; maggio 2007).
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/801/img-3.jpg
File image/jpeg, 60k
Titolo Figura 4 Rappresentazione delle affiliazioni organizzative nel contesto italiano. I nodi di forma rotonda rappresentano le organizzazioni intervistate, i nodi di forma quadrata rappresentano le organizzazioni indicate come partner in una relazione
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/801/img-4.jpg
File image/jpeg, 84k
Titolo Figura 5 Rete di relazioni tra organizzazioni italiane
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/801/img-5.jpg
File image/jpeg, 44k
Titolo Figura 6 Diritti di comunicazione in Italia (Issue crawler: iterazione 3, depth 3, aprile 2007)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/801/img-6.jpg
File image/jpeg, 68k
Titolo Figura 7 Reti di collaborazione in iniziative congiunte. I nodi di forma rotonda rappresentano i gruppi intervistati e i nodi di forma quadrata le organizzazioni con le quali si sono realizzate iniziative congiunte
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/801/img-7.jpg
File image/jpeg, 67k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Claudia Padovani e Elena Pavan, «Fra reti tematiche e reti sociali»Quaderni di Sociologia, 49 | 2009, 11-41.

Notizia bibliografica digitale

Claudia Padovani e Elena Pavan, «Fra reti tematiche e reti sociali»Quaderni di Sociologia [Online], 49 | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 18 juin 2021. URL: http://journals.openedition.org/qds/801; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.801

Torna su

Autori

Claudia Padovani

Dipartimento di Studi Storici e Politici - Università di Padova

Articoli dello stesso autore

Elena Pavan

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale - Università di Trento

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search