Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri48la società contemporanea / Federa...Presentazione

la società contemporanea / Federalismo e localismo in Italia

Presentazione

Marcello Fedele
p. 3-4

Testo integrale

1La scelta di dar vita ad uno Stato regionale ha a suo tempo segnato uno spartiacque epocale nella storia italiana, dando vita a quel processo di decentramento già anticipato in sede Costituente nel 1948, sviluppato a partire dagli anni settanta e che infine ha messo capo alla modifica del Titolo V della Costituzione nel 2001. In linea con una più generale tendenza che da tempo interessa i diversi paesi europei, anche l’Italia è dunque entrata nel «secolo del governo locale», sviluppando l’originaria vocazione regionalista in una più decisa scelta a favore del federalismo. In che modo il Paese sta tuttavia affrontando questo radicale cambiamento di prospettiva istituzionale?

2Nel saggio che apre la sezione monografica di questo fascicolo, Marcello Fedele segnala come non sia stato ancora risolto il problema del localismo, peraltro presente nel paese sin da tempi di formazione dello Stato unitario. Poiché i comuni non sono sinora mai stati oggetto di interventi organizzativi adeguati, la frammentazione del territorio e il «nanismo istituzionale» tipico di molti enti locali, rischia dunque di ostacolare l’attuazione di politiche pubbliche che sempre più spesso dovrebbero invece fondarsi sul principio di sussidiarietà.

3Che cosa cambia se dall’analisi degli assetti istituzionali si passa allo studio dei mutamenti che stanno interessando le politiche pubbliche? Anche in questo caso non è individuabile una rottura netta con le esperienze maturate in passato e il localismo continua a rappresentare la logica prevalente delle politiche pubbliche. Lo studio di Antonio La Spina evidenzia ad esempio come l’introduzione dei nuovi strumenti di programmazione a favore dello sviluppo locale non sia riuscita a consolidare prassi virtuose, in grado di innescare processi di sviluppo del territorio. L’origine di questo fallimento viene da La Spina ricondotta alle logiche particolaristiche che in molti casi hanno caratterizzato l’intervento degli attori locali.

4Piuttosto che impegnarsi nel raggiungimento degli obiettivi comuni, le amministrazioni coinvolte nei Patti territoriali hanno preferito competere l’una con l’altra per ottenere maggiori risorse da destinare al rafforzamento del consenso politico locale e anche l’esperienza dei Programmi integrati territoriali (Pit) non si è sostanzialmente allontanata da questa impostazione, promuovendo una distribuzione delle risorse fondata sulla pratica dei «finanziamenti a pioggia», da tempo sperimentata nel nostro Paese (per una valutazione delle esperienze di patto attuate in Calabria, si veda l’articolo di Fortunato e Mirabelli in questo stesso fascicolo).

5Visti i fallimenti ripetuti, dobbiamo dunque considerare superato il «paradigma dello sviluppo locale»? Probabilmente no, sostengono Paola De Vivo e Enrico Sacco. Per quanto indebolito dagli insuccessi degli ultimi anni, questo paradigma è ancora «vitale», anche per la centralità che la dimensione territoriale assume nel nuovo contesto istituzionale. Che cosa accade invece nel campo delle politiche sociali? Come si vedrà nel saggio di Chiara Agostini che chiude la sezione, anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un settore di policy in cui prevale il localismo, perchè l’assenza di una disciplina nazionale in materia ha in passato favorito il consolidamento di un sistema molto frammentato sul piano territoriale.

6In questo quadro la legge 328 del 2000 ha tentato per la prima volta di definire un sistema a regia nazionale, mostrando tuttavia una scarsa capacità d’innovazione, in larga parte dovuta al tipo di regolazione localistica che il Titolo V ha previsto per le politiche sociali. Non potendo lo Stato più intervenire nel settore, è dunque molto probabile che la differenziazione e la frammentazione continuerà a caratterizzare anche questo tipo di politiche locali.

7Le riforme finora messe in campo segnalano dunque una sistematica difficoltà nel dar luogo a processi profondamente innovativi. L’affermazione di un modello di federalismo «municipalista» rinvia del resto ad un localismo che da tempo continua a caratterizzare la storia istituzionale del nostro Paese e che si ritrova anche nelle sue singole politiche. Anche per queste ragioni, tanto nel caso dello sviluppo locale quanto in quello delle politiche sociali, il potenziale innovativo contenuto negli interventi degli ultimi anni non ha trovato un terreno fertile in cui mettere radici. Restano perciò sul tappeto gran parte di quei problemi che ci auguravamo di avere superato attraverso il nuovo assetto federale e che invece – prima o poi – dovremo nuovamente affrontare.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marcello Fedele, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 48 | 2008, 3-4.

Notizia bibliografica digitale

Marcello Fedele, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 48 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/825; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.825

Torna su

Autore

Marcello Fedele

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search