Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri47la società contemporanea / Le rag...Presentazione

la società contemporanea / Le ragioni del voto. Le elezioni politiche del 13 e 14 aprile 2008

Presentazione

The reasons for a vote. The Italian political elections of 13th-14th April 2008
Paolo Ceri
p. 3-4

Abstract

The early national elections of April 13th-14th 2008 will be regarded as most significant in the history of the Italian Republic. Their relevance is directly proportional to the unexpected outcome of the vote on the political system: that is, firstly the dramatic reduction of a party system system as fragmented as apparently irreducible, and secondly the defeat of the radical Left, whose representation in Parliament got cancelled out.
The Quaderni di Sociologia have invited four experts (sociologists and political scientists) to contribute specific writings to an imaginary round-table conference, where reasonably concise and straightforward response would join the rigour and accurate reflection that characterizes scientific analysis.
Four issues relating to the election results have thus been debated: 1) the relation between the working-class electorate and the vote to the Lega, 2) the Partito Democratico’s capability to appeal to the centre electorate at large, 3) the defeat of the radical Left (Rifondazione Comunista, Partito dei Comunisti Italiani, Verdi), 4) the influence of the anti-politics on the electoral participation and voting trends.
As the readers will see, the four experts – Mauro Calise, Marcello Fedele, Alfio Mastropaolo, Paolo Natale – have tackled these problems in an ideologically sober as well as inspiring manner, and what is most important, making an original contribution to the debate. This means that not only do the data, explanations and comments help to stimulate discussion, but they also serve to correct, elaborate and reformulate the original questions, and to raise new issues, so as to challenge received representations and urge an extensive investigation of the matter.

Torna su

Testo integrale

1Le elezioni politiche anticipate del 13-14 aprile 2008 saranno annoverate tra le più significative della storia repubblicana. Il loro rilievo è proporzionale alle conseguenze inattese che il voto ha determinato sul sistema politico: in primo luogo la drastica semplificazione di un sistema dei partiti tanto frammentato quanto apparentemente irriducibile e, in secondo luogo, il crollo elettorale della sinistra radicale, con la connessa scomparsa della sua rappresentanza parlamentare.

2Su questi fenomeni e sui problemi relativi molto è stato detto e scritto, molto si dirà e scriverà. Pur dimostratesi nell’occasione incapaci anch’esse di previsione, la sociologia e la scienza politica sono chiamate da più parti a formulare spiegazioni, nonché diagnosi, prognosi e terapie. Cosa che in genere fanno attenendosi ai canoni propri del saggio accademico oppure assecondando quelli della comunicazione mediatica. Dotati nei due casi di una distinta legittimità, in un caso raggiungono pochi con un messaggio articolato, nell’altro raggiungono molti con un messaggio ridotto nell’argomentazione e nel significato dall’indifferenziata economia del format.

3Nell’intento di sopperire per una volta a detti limiti – nel tentativo di rivolgersi ai «molti» con un messaggio articolato – i «Quaderni di Sociologia» hanno invitato quattro specialisti – sociologi politici e politologi – a comporre, con i loro contributi scritti, un’ideale tavola rotonda, nella quale la ragionevole brevità e l’immediatezza relativa delle risposte si conciliassero con il rigore e la riflessione proprie dell’analisi scientifica.

4Sono così stati posti quattro interrogativi generati dall’esito elettorale, riguardanti rispettivamente: 1) il rapporto tra l’elettorato operaio e il voto alla Lega, 2) la capacità del Partito Democratico di attrarre l’elettorato di centro, 3) il crollo elettorale della sinistra radicale (Rifondazione Comunista, Partito dei Comunisti Italiani, Verdi), 4) l’influenza dell’antipolitica sulla partecipazione elettorale e sugli orientamenti di voto.

5A tali interrogativi i quattro autori – Mauro Calise, Marcello Fedele, Alfio Mastropaolo, Paolo Natale – hanno risposto, come il lettore vedrà, in modo sobrio (ideologicamente controllato) quanto vivace e, quel che più conta, in modo originale. Ciò significa che i dati, le interpretazioni e le spiegazioni non soltanto concorrono ad animare il dibattito, ma esercitano anche la funzione sia di rettificare, articolare e riformulare meglio gli interrogativi posti all’inizio, sia di sollevarne di nuovi, così da mettere in discussione immagini ricevute e da sollecitare analisi più approfondite.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paolo Ceri, «Presentazione»Quaderni di Sociologia, 47 | 2008, 3-4.

Notizia bibliografica digitale

Paolo Ceri, «Presentazione»Quaderni di Sociologia [Online], 47 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 19 janvier 2021. URL: http://journals.openedition.org/qds/852; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.852

Torna su

Autore

Paolo Ceri

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search