Navigazione – Mappa del sito
teoria e ricerca

Pezzi di volontariato. Una ricerca empirica sulle associazioni di volontariato calabresi

Pieces of voluntarism. A research on no-profit organizations in Calabria
Sabina Licursi e Giorgio Marcello
p. 35-67

Abstract

This paper draws attention on the current situation of voluntary organizations in Calabria. In details, it is based on data from a research carried out on 553 organizations situated in this southern Italian region. The analysis is mainly based on the needs of social groups, on their characteristic features, their relations with Institutions and with other voluntary organizations as they appear from the survey. The main findings concern the specific nature of no-profit organizations such as their self-reference basis centred on service activities as opposed to the «politic» dimension. The trend towards bureaucratization is not combined with a professionalization of services. Furthermore, is clear the fragmentation of the associative sector; it does not seem to be a coherent picture but pieces of organizations that do not have defined paths. Finally, it emerges the weak and particularistic nature of relationships that organizations have with local institutions as well as with other no-profit organizations. Starting from this considerations we argue that it is necessary a more analytic approach based on the study of single organizations’ biographies in order to better understand their origins, their choices, their believes and mainly their views about the future.

Torna su

Testo integrale

1. L’incipit

1Al volontariato viene riconosciuta rilevanza pubblica come fenomeno associativo teso ad intervenire sulle condizioni di bisogno e sulle cause che li determinano. Si è notevolmente arricchita, in questi ultimi anni, la ricerca esistente sul fenomeno. Come nota Ranci (2006), lo studio del volontariato ha i suoi classici (Beveridge, Titmuss); è indagato per il suo significato politico e partecipativo da autori come Putnam, Ardigò, Trigilia, Magatti; entra in maniera rilevante negli studi, classici e meno classici, che si interrogano sui temi del dono, della solidarietà e della reciprocità (Godbout, Caillé); a livello internazionale esistono ricerche sulle motivazioni dei volontari (Pearce) e sul rapporto fra volontariato e società civile (Dekker e van den Broek); ancora, in Italia, sono diverse le indagini empiriche che, pur con differenti estensioni territoriali, consentono di avere dati aggiornati sul volontariato.

  • 1 La necessità di un ritorno alle origini, al fine di confermare il nucleo valoriale essenziale del v (...)

2Nel nostro paese, l’attenzione rivolta al volontariato è probabilmente legata al ruolo che esso ha giocato e gioca nello sviluppo del terzo settore (basta ricordare che la cooperazione sociale in Italia si sviluppa, in larga misura, su esperienze associative) (Ranci, 1999). Tanto che riteniamo stia emergendo una necessità almeno in parte diversa: verificare, attraverso la ricerca sociologica, se la specificità del volontariato, rispetto alle altre organizzazioni che promuovono l’azione solidale, esiste ancora. Il volontariato, infatti, ha una identità propria, che può essere ricercata nella sua evoluzione storica e nei suoi contenuti minimi (Ranci, 2006). Identità che non è ostacolo alla collaborazione con altri soggetti del terzo settore, con le istituzioni pubbliche e con l’imprenditoria for profit, ma che è elemento essenziale per preservare una dimensione di intervento autonoma e originale1. Quando parliamo di contenuto minimo del volontariato vogliamo fare riferimento al suo consistere in una azione solidale scelta (Ambrosini, 2005), cui segue l’assunzione di responsabilità nei confronti di altre persone (Leccardi, 2000), esercitata in forma organizzata, mediante associazioni che garantiscono servizi e aiuti di diverso tipo, e ispirata dalla condivisione di idealità, di natura civile o religiosa, che pongono al centro la relazione con l’altro e l’aspirazione al cambiamento del quadro complessivo in cui il fenomeno oggetto di intervento si inserisce. Nervo scrive: «volontariato significa dare volontariamente, spontaneamente, gratuitamente non soltanto qualcuna delle nostre cose (denaro, cibo, vestiti), ma qualche cosa di noi stessi: l’intelligenza, la cultura, l’amicizia, tempo, competenza professionale, ecc. E ciò non soltanto occasionalmente, ma in modo continuativo; non con l’atteggiamento del benefattore, ma dell’amico che condivide» (Nervo, 1978, 20).

  • 2 La ricerca di cui proponiamo i principali risultati ha ad oggetto le associazioni di volontariato i (...)
  • 3 L’ultima indagine Istat sulle associazioni di volontariato ci dice che la densità organizzativa (da (...)
  • 4 Quando parliamo di bisogni delle associazioni facciamo riferimento a quella accezione di bisogno ch (...)
  • 5 In virtù di tale riforma, infatti, la legge quadro non ha più potere vincolante nei confronti delle (...)
  • 6 Si può fare riferimento a questo proposito all’esperienza dei Piani di Zona, una delle novità più r (...)
  • 7 Potrà essere utile evidenziare che «il welfare regionale ha il suo tallone di Achille negli Enti lo (...)

3Questo contributo2 non ha obiettivi così ambiziosi; vuole provare ad individuare i tratti principali del volontariato, i suoi elementi di incertezza e/o i suoi punti di forza a partire dallo studio delle organizzazioni di volontariato in un contesto, come quello calabrese, in cui il fenomeno è ancora debole ma in cui sono acuti i bisogni ai quali il volontariato può dare risposte. Il dato di partenza è che, nonostante l’incremento numerico delle OdV, la Calabria rimane una delle regioni italiane in cui il volontariato registra i valori più bassi, soprattutto in termini di organizzazioni presenti3. Il paper vuole soffermarsi su alcuni elementi specifici delle associazioni di volontariato. Il primo è rappresentato dai bisogni4 che i responsabili delle associazioni avvertono e/o sono in grado di individuare come prioritari per l’attività associativa; il secondo è dato dai rapporti che queste associazioni riescono a stabilire con tutto ciò che sta fuori di esse e, in particolare, con le istituzioni pubbliche. È necessario e utile ai fini della chiarezza del paper precisare che il contesto regionale calabrese presenta alcune specificità rilevanti. Ci soffermiamo solo su quelle che attengono ai rapporti tra pubblico e privato nella realizzazione di interventi e servizi sociali. Non possiamo fare a meno, quindi, di richiamare la L. 328/2000: la legge quadro che, nell’intenzione del legislatore, ha l’obiettivo di ridisegnare le caratteristiche del sistema italiano di welfare, ma che, nei fatti, ha trovato molteplici ostacoli e la cui portata innovativa è stata notevolmente indebolita dalla riforma del Titolo V della Costituzione5. Come nota Gori (2004), la traduzione nella pratica di una legge di riforma come la 328 non può essere data per scontata; lo studio delle sue prime attuazioni nei diversi territori regionali rivela, infatti, che l’applicazione dei suoi contenuti dipende da un insieme di fattori, quali la volontà delle istituzioni competenti, le risorse disponibili, gli interessi degli altri soggetti coinvolti, le capacità organizzative. Ne deriva che i primi tentativi di attuazione della legge in questione hanno seguito percorsi diversi, producendo esiti altrettanto differenziati6. La Regione Calabria ha recepito la legge 328/2000 con la legge regionale 23/2003. Il testo della legge regionale mutua principi e modelli dalla 328, però non ha ancora trovato concreta applicazione nei diversi ambiti territoriali. Un ostacolo alla realizzazione della riforma in Calabria è rappresentato dall’assetto dei servizi alla persona già esistenti (in molti Enti locali non c’è un servizio sociale professionale7; i pochi servizi esistenti vengono finanziati più o meno direttamente dalla Regione; non c’è un’equa distribuzione dei servizi sul territorio; è eccedente la presenza di servizi di ricovero rispetto a quelli di promozione sociale; alcuni settori, come quello della psichiatria, non ricevono risposte concrete, ecc.) e dalla volontà politica di salvare il pregresso senza avviare innovazioni consistenti. In altri termini, con una inadeguata gestione della legge 23 si corre il rischio «di scrivere principi riguardanti la dignità della persona umana, il pieno sviluppo della personalità di ciascuno, l’effettiva partecipazione dei cittadini alla vita sociale eccetera… ma poi di attuare la legge a rovescio, potenziando servizi di separatezza e di esclusione piuttosto che di integrazione sociale» (Panizza, 2004, 22).

4Chiariti i caratteri del quadro politico-istituzionale in cui le associazioni di volontariato intervengono, proviamo di seguito a cogliere quelli che ci sembrano gli elementi più utili ad avviare una riflessione sul volontariato in Calabria.

2. Di chi stiamo parlando

  • 8 Si tratta di circa 10 associazioni che rispondono di non avere volontari al proprio interno e/o di (...)
  • 9 I passi riportati nel paper sono seguiti da un codice, costituito dalla sigla identificativa della (...)

5Le associazioni contattate sono complessivamente 553, di queste 274 operano nella provincia di Cosenza, 169 in quella di Reggio Calabria e 110 in quella di Crotone. L’indagine si è svolta a fine 2005. Considerando la popolazione residente nelle tre province al censimento del 2001 possiamo dire che il rapporto OdV – popolazione residente è rispettivamente pari a 0,4, 0,3 e 0,6 OdV ogni 1.000 abitanti. La rilevazione è stata condotta con un questionario di oltre 90 domande, somministrato ai responsabili delle associazioni. È stato perseguito l’obiettivo di coinvolgere tutte le OdV e, allo scopo, sono stati utilizzati elenchi già esistenti e una rilevazione capillare sul territorio. Non mancano, però, i casi in cui le associazioni non sono risultate reperibili, non hanno voluto collaborare o sono state escluse a posteriori dall’analisi perché manifestamente estranee al volontariato8. Pur considerando la naturale dinamicità del mondo associativo, riteniamo che i dati siano in grado di fotografare la situazione completa delle associazioni operanti. Alle informazioni ricavate dalla survey abbiamo aggiunto quelle derivanti dalla realizzazione di 7 focus group (due sono stati realizzati nella provincia di Crotone, tre in quella di Reggio Calabria e quattro in quella di Cosenza)9. In queste discussioni collettive sono state coinvolte dalla 5 alle 10 associazioni, eterogenee per settori e dimensioni, e gli argomenti affrontati hanno riguardato soprattutto i bisogni delle OdV e i loro rapporti con l’esterno.

6Per fornire un quadro generale possiamo evidenziare che il 56,4% delle OdV contattate nasce come esperienza originaria: oltre la metà delle associazioni fa parte, quindi, di quella fetta di volontariato che emerge per dare risposte alle esigenze del territorio e che dirige la propria azione al locale. Più del 50% di queste associazioni dichiara di non far parte di un complesso di organizzazioni più ampio, mentre l’85% di quelle che derivano da altre associazioni si dicono parte di un complesso organizzativo, segno evidente che il rapporto con l’organizzazione da cui sono derivate continua nel tempo. In più di 65 casi su 100 queste associazioni si caratterizzano come strutture di base.

7Complessivamente più di 60 associazioni su 100 sono state create da un gruppo di volontari, che non si identifica in alcuna matrice confessionale o ideologica specifica. Il 21% del totale individua, invece, la propria origine in una parrocchia, in una congregazione o in un altro ambiente cattolico. Il 15,4% delle OdV è stato creato da gruppi di familiari, di utenti e/o di cittadini. Queste ultime sono le associazioni che nascono da un bisogno specifico, a cui spesso si lega un’esperienza diretta di malattia, sofferenza o disagio, e per tutelare i diritti di particolari categorie. È poco significativo il ruolo svolto sia dai sindacati che dalle amministrazioni locali nella promozione di esperienze associative.

  • 10 La suddivisione temporale, che proponiamo di seguito, fa riferimento alle fasi che hanno caratteriz (...)

8Rispetto all’anno di costituzione delle Odv10, come è possibile notare dal graf. 1, il tessuto associativo appare giovane: il 72,6% delle OdV contattate si è costituito tra il 1991 e il 2005.

9Analizzando il dato a livello territoriale (si veda il graf. 2) emergono alcune specificità. Probabilmente quella più rilevante riguarda la provincia di Crotone: il 75% circa delle OdV che operano al suo interno, infatti, si è costituito tra il 1993 e il 2005. La ricerca condotta non ci dà modo di conoscere l’eventuale esistenza nel passato di realtà associative di cui non sia rimasta oggi alcuna traccia, né esistono analisi sulle OdV a livello provinciale, ma il dato lascia intendere che in questa area della regione il volontariato sia arrivato tardi. Nella provincia di Crotone, inoltre, il volontariato si connota fin da subito per il suo impegno in alcuni ambiti specifici, che attengono prevalentemente ai servizi di ricreazione, animazione e gestione del tempo libero (12,8%), tutela dei diritti civili (11%), attività socio-educativa non residenziale (10,1%) e valorizzazione della natura e dell’ambiente (9,2%).

  • 11 La città di Reggio si distingue rispetto alle altre due realtà urbane considerate per aver vissuto (...)

10Una situazione diversa è quella che si delinea per le OdV della provincia di Reggio Calabria. In questo caso, infatti, lo sviluppo delle associazioni, pur registrandosi una concentrazione nell’ultimo decennio, appare più graduale. In particolare è significativa la nascita del 15% del tessuto associativo attuale tra il 1986 e il 199011. Una considerazione analoga si può fare per il tessuto associativo della provincia di Cosenza: il 23% delle Odv si costituisce tra il 1976 e il 1990. In queste due province sembra possibile individuare associazioni che hanno attraversato le diverse fasi della storia del volontariato italiano. La stessa cosa non è possibile sostenerla per il tessuto associativo crotonese.

11Per misurare l’ampiezza delle OdV si fa generalmente riferimento al numero di volontari che vi operano. Pur non consentendo di conoscere l’intensità della partecipazione, l’informazione dà comunque delle indicazioni interessanti. Per studiare l’ampiezza delle OdV considerate, abbiamo costruito delle classi, tenendo conto delle valutazioni che la rilevazione empirica ci ha consentito di fare. Abbiamo pertanto inteso individuare cinque classi disomogenee che potessero dare l’idea di quanto variegato sia il tessuto associativo. L’universo considerato risulta così composto: il 31,5% (171 OdV) ha tra 1 e 10 volontari; il 41,8% (227 OdV) tra 11 e 30; l’11,4% (62 OdV) tra 31 e 50; il 10,5% (57 OdV) tra 51 e 100; il 4,8% (26 OdV) oltre 100 volontari. 10 associazioni non hanno indicato l’esatto numero di volontari su cui possono contare, lasciando intendere una scarsa presenza e partecipazione.

Grafico 1 Periodo di costituzione delle OdV

Grafico 1 Periodo di costituzione delle OdV

Grafico 2 Perido di costituzione delle OdV per provincia

Grafico 2 Perido di costituzione delle OdV per provincia
  • 12 La somma delle percentuali indicate è superiore a 100 perché le associazioni potevano dare più di u (...)

12Analizzando i principali obiettivi che le singole OdV perseguono troviamo due anime del volontariato: quella inerente alla sua capacità/possibilità di fare sfera pubblica (Habermas, 1998) e quella proiettata verso l’intervento diretto e la realizzazione del servizio. Da un lato, per il 59,7% delle OdV è prioritaria la funzione di sensibilizzazione e di informazione della cittadinanza, per il 47,4% conta altrettanto l’attività di socializzazione sul territorio e per il 40,7% l’obiettivo perseguito è la promozione dei diritti delle categorie in difficoltà12. Dall’altro lato, per il 53,5% delle OdV fra le principali finalità perseguite vi è la fornitura di servizi a particolari categorie di soggetti e per il 24,2% il coordinamento di iniziative locali. Sfera pubblica e advocacy, da un lato, servizio e coordinamento delle iniziative, dall’altro, sono presenti nell’ambito regionale con differenze interne trascurabili.

13Un indicatore di stabilità e capacità operative delle OdV è certamente dato dalla disponibilità di una sede: il 76,2% delle associazioni contattate ha una o più sedi operative. Leggendo il dato in negativo, si può notare che più di 2 associazioni su 10 non hanno la disponibilità di un locale da utilizzare per la loro attività. Dai focus group, inoltre, emerge che la condivisione della sede con altre realtà associative è quasi la regola; lo stesso può dirsi per la strumentazione e tutto quello che è presente nei locali utilizzati. Complessivamente il 60% delle OdV che dispone di un locale per operare garantisce anche un orario di apertura settimanale.

  • 13 In base alla terza rilevazione Fivol sulle OdV le associazioni iscritte ai registri del volontariat (...)

14Indicatore della volontà di pubblicizzazione delle OdV è l’iscrizione al registro regionale previsto dalla L. 266/91: complessivamente risultano iscritte circa 61 associazioni su 10013. La specificità va cercata nuovamente nelle OdV della provincia di Crotone. In questa zona del territorio regionale, infatti, la maggioranza delle associazioni di volontariato – il 51% circa – non risulta iscritta al registro regionale. A tradire una certa disorganizzazione delle OdV calabresi è anche la confusione che abbiamo registrato in merito a questa informazione. Risulta, infatti, che pur avendo intervistato i responsabili delle singole associazioni, oltre il 5% di questi non sa dire se l’associazione è o meno iscritta al registro regionale.

3. I bisogni percepiti

15Quali sono i principali bisogni manifestati dalle associazioni censite? Dai risultati del questionario (si veda il graf. 3) emerge che ben sette OdV su dieci esprimono come bisogno prioritario quello di risorse materiali: aspirano, cioè, ad avere maggiore sostegno economico (43,64%), spazi più adeguati (22%) o efficienti supporti logistici, come mezzi di trasporto e attrezzature (4,18%), per poter operare.

Grafico 3 I principali bisogni delle OdV

Grafico 3 I principali bisogni delle OdV

16Solo il 10,91% dei gruppi avverte la necessità di coinvolgere altri volontari. Ancora più sfumato è il bisogno di competenze tecniche per elaborare progetti, e quello di operatori retribuiti, o di maggiori competenze professionali. Tra i bisogni esplicitati, è impercettibile quello di formazione specialistica (1,27%).

17Proviamo ad abbozzare qualche nota di commento ai dati riportati nel graf. 3, precisando che si tratta di informazioni in grado solo di fotografare la situazione attuale e che l’indisponibilità di rilevazioni anteriori sugli stessi argomenti non ci consente di cogliere le trasformazioni che probabilmente si sono verificate nel tempo in merito alle necessità delle OdV. In via generale, ci sembra che alla luce dei bisogni esplicitati, le associazioni di volontariato calabresi siano più concentrate sui compiti di servizio che sulla dimensione identitaria; appare debole, inoltre, la loro dimensione politica.

18Il bisogno di un maggiore sostegno economico è quello percepito di gran lunga come il più forte. Non si avverte però con eguale intensità l’esigenza di predisporre una attività di fund raising: solo nell’1,9% dei casi la si individua come una funzione da implementare. Un altro canale che viene solitamente utilizzato dalle associazioni per procacciarsi le risorse economiche di cui necessitano è quello della progettazione. Tuttavia, solo il 3,27% delle OdV considerate individua come bisogno prevalente quello di munirsi di competenze tecniche per attività progettuali.

19Abbiamo verificato se al variare di alcune caratteristiche delle associazioni anche l’espressione dei bisogni subisse delle variazioni significative. Proviamo a sintetizzare di seguito i principali risultati.

20L’anno di costituzione delle OdV non sembra associarsi a particolari variazioni di sensibilità rispetto ai bisogni: tutte evidenziano soprattutto le urgenze in tema di sostegno economico e di spazi adeguati. È, tuttavia, possibile sottolineare che, mentre le associazioni più giovani si concentrano quasi esclusivamente su queste due necessità, quelle che operano da più tempo sul territorio riservano spazi di attenzione anche ad altre urgenze. In particolare, 1/4 delle associazioni che si sono costituite prima della metà degli anni ’70 (complessivamente sono 30) ritiene prioritario il bisogno di personale volontario; mentre complessivamente circa il 15% di quelle costituite tra il 1991 e il 1992, a ridosso dell’approvazione della legge 266, ritiene prioritari sia i bisogni legati alla acquisizione di competenze tecniche finalizzate alla elaborazione di progetti, sia quelli di formazione specialistica. Poche considerazioni possono essere ricavate considerando congiuntamente i bisogni e le dimensioni associative. È possibile, però, evidenziare che non sono le associazioni più piccole, ma quelle che hanno tra i 31 e i 100 volontari ad avvertire maggiormente il bisogno di personale volontario (complessivamente si esprimono in tal senso circa il 30% delle OdV di queste dimensioni). Analizzando l’indicazione dei bisogni associativi con riferimento al principale settore di intervento delle OdV emerge una certa differenziazione interna. Viene confermata la preminenza del bisogno economico, ma esso è indicato come prioritario da quasi il 70% delle associazioni che si occupano di tutela e promozione del patrimonio artistico e da poco più del 35% delle associazioni che intervengono nell’ambito della tutela dei diritti. Sono sempre le prime ad individuare in misura maggiore rispetto a tutte le altre OdV il bisogno di formazione specialistica (il 6,3% contro un valore complessivo dell’1,3%). Chi ha maggiore bisogno di volontari? Ad indicare come prioritaria la necessità di disporre di un numero maggiore di volontari è il 16% circa delle OdV che si occupano di attività socio-educativa di tipo comunitario, il 14,5% delle OdV che intervengono nell’ambito socio-sanitario non residenziale e il 12,5% delle OdV che operano nella ricerca scientifica di interesse sociale. Sono queste ultime, infine, che in misura maggiore avvertono come prioritario il bisogno di ricevere le competenze tecniche necessarie alla elaborazione di progetti (il 25% contro un valore complessivo del 3,3%).

21Le differenze territoriali che emergono dalla lettura del paper non sono così evidenti per quanto attiene ai bisogni delle diverse OdV. Ad omogeneizzare i territori vi è, infatti, la rilevante concentrazione di indicazioni sui bisogni di sostegno economico da parte di enti e istituzioni, per un verso, e di spazi adeguati, per l’altro. Alcuni elementi di differenziazione possono essere individuati nella maggiore attenzione delle associazioni cosentine verso la cooperazione con altre organizzazioni nonprofit (il 4,4% si esprime in tal senso), nella richiesta del 6% delle OdV reggine di aumento del numero delle convenzioni e, infine, nel bisogno manifestato dal 4,5% delle associazioni crotonesi di disporre di mezzi di trasporto per l’attività associativa.

22Sempre con riferimento al territorio, ma guardando questa volta all’origine delle OdV, possiamo notare che sono le associazioni che derivano da una trasformazione di organizzazioni preesistenti o che nascono ex novo nel territorio ad avvertire con maggiore urgenza il bisogno di sostegno economico (sono rispettivamente il 59,3% e il 47,2% di queste OdV ad individuare come prioritario il bisogno in questione). Meno rilevante appare la necessità di risorse economiche per le associazioni che sono emanazioni di organizzazioni preesistenti (si esprime in tal senso il 37% di queste OdV). Si tratta anche per queste associazioni del bisogno più acuto, ma probabilmente alla base di questa diversa indicazione vi è la possibilità di contare sul sostegno delle organizzazioni da cui derivano; forse un utilizzo al fine di sostenere e riprodurre l’attività di quello che Ambrosini (2004) definisce come radicamento organizzativo.

23Alla luce degli elementi evidenziati, sembra che l’aspettativa di un maggiore sostegno economico espressa dai gruppi censiti sia rivolta soprattutto alle istituzioni locali, e può forse essere interpretata come una tendenza a dipendere dai finanziamenti pubblici. Tendenza emersa in modo evidente, peraltro, anche dai focus. Da essi affiora la convinzione che il bisogno di risorse economiche delle associazioni di volontariato è da collegarsi al cattivo dialogo con le istituzioni politiche: in più di un incontro è emerso che se queste ultime si comportassero non in maniera clientelare i soldi basterebbero per tutti; in una logica, però, in cui le OdV vivono di fondi pubblici.

24In ogni caso, le risorse umane (volontari, operatori competenti) non sono reputate le più importanti. Il bisogno più forte delle associazioni calabresi considerate appare quello di poter contare sulle risorse materiali che occorrono per continuare a svolgere le attività di servizio in cui sono impegnate.

25Il servizio al centro, dunque. Da portare avanti come si è sempre fatto, senza preoccuparsi di migliorarne la qualità. Una esigenza di continuità, più che di maggiore professionalità. Solo l’1,8% dei gruppi ritiene prioritaria la necessità di fare riferimento alla consulenza di specialisti. Quasi impercettibile è il bisogno di maggiori competenze professionali o quello di avere una presenza più consistente di operatori retribuiti.

26Le trasformazioni avvenute negli ultimi venti anni all’interno dell’associazionismo volontario in Italia dicono che l’esigenza di continuità e di stabilità dei servizi offerti si accompagna, normalmente, con un processo di progressiva professionalizzazione dell’azione volontaria (Ranci, De Ambrogio, Pasquinelli, 1991; Ranci, 2006). Le OdV di cui ci stiamo occupando inseguono evidentemente la prospettiva di una maggiore continuità nell’azione, ma senza andare verso la specializzazione degli interventi, o verso una loro maggiore efficacia. Più leggibile appare il segno di una tendenza a scivolare verso forme di autoreferenzialità organizzativa.

27La scarsa rilevanza del bisogno di cooperazione (espresso come prioritario solo dal 3,45% delle associazioni) sembra confermare questa tendenza.

28Quando accade, perché un’associazione di volontariato coopera con altre organizzazioni non profit? I livelli di cooperazione possono essere assai diversi. Come evidenziamo nel par. 4, ci possono essere forme di collaborazione leggera, accanto ad esperienze consortili dense e articolate. L’attuale fase del welfare italiano, caratterizzata da una crisi fiscale sempre più acuta, e dalla conseguente tendenza delle amministrazioni locali ad arretrare dalla gestione diretta dei servizi alla persona, spinge peraltro tutte le organizzazioni non profit nella direzione della cooperazione (Ranci, 2004). La stessa legge-quadro sui servizi sociali (la L. n. 328/2000), e le discipline regionali attuative, sollecitano le organizzazioni che intendono concorrere alle gare di appalto per la gestione dei servizi a costituire consorzi di respiro regionale o interregionale. Sia che le organizzazioni di terzo settore cooperino perché percepiscono il valore politico dei network, sia che lo facciano per ragioni puramente strumentali, è sempre vero che il bisogno di cooperazione è direttamente proporzionale al suo esercizio. Il fatto che le OdV censite avvertano in modo così blando il bisogno di cooperare, potrebbe essere il segno eloquente di una tendenza di queste organizzazioni a vivere innanzitutto per se stesse, a organizzare in maniera autonoma e autoreferenziale le proprie attività, puntando innanzitutto alla propria sopravvivenza, oltre che, evidentemente, l’effetto di una debole applicazione dei contenuti della L. 328/2000.

29In altri termini, per le organizzazioni considerate, le esigenze del servizio vengono prima della dimensione politica, intesa come comprensione profonda dei problemi e delle cause che li determinano, coinvolgimento di un numero sempre più ampio di altri volontari, crescita di una responsabilità collettiva. Come già evidenziato, il bisogno fondamentale delle associazioni di volontariato non è quello di coinvolgere altri volontari, ma quello di ottenere risorse materiali per autoriprodursi.

3.1. L’indebolimento della dimensione politica e la crisi del radicamento

30L’appiattimento delle OdV calabresi considerate sui servizi, l’autocentratura, e il conseguente rischio di frammentazione delle esperienze, costituiscono dunque processi leggibili come altrettanti segni di collasso della dimensione politica della loro azione. Quello che noi chiamiamo volontariato politico è stato un fenomeno emerso negli anni ’70, con caratteristiche inedite: «differenziato da gruppo a gruppo, impegnato politicamente per il cambiamento sociale, operante in un rapporto aperto ma dialettico con le istituzioni» (Nervo, 1999, 83). Tale fenomeno non è stato rilevante nei numeri, ma nelle esperienze e sensibilità, nel senso che «non tutto il volontariato era così: ma le punte avanzate sì, e anche le forme tradizionali hanno cominciato a sentire della loro influenza» (ibidem, 1999, 83). Da questa esperienza è derivata una capacità riflessiva che oggi si è indebolita.

31I gruppi di volontariato impegnati nella progettazione e messa in atto di servizi alle persone, infatti, vanno spesso incontro ad una prospettiva di crescita organizzativa e di frammentazione degli interventi. È un processo di progressiva strutturazione che può determinare un miglioramento della qualità dei servizi prestati, ma che spesso provoca l’indebolimento della dimensione identitaria delle organizzazioni. Di conseguenza, accade che le questioni organizzative connesse alla progettazione e realizzazione dei servizi acquistano un rilievo sempre maggiore, e si stempera la dimensione politica dell’esperienza.

32Indebolimento dell’identità e appiattimento sulle attività di servizio: si tratta di una dinamica che somiglia molto a quella che ha determinato l’istituzionalizzazione dei servizi alla persona in Calabria (Costabile, Marcello, 2003). Infatti, la situazione dei servizi socio-assistenziali di questa regione ci dice che quando l’interesse delle realtà di terzo settore si concentra sull’organizzazione dei servizi, perdendo il riferimento alle motivazioni (valoriali, ideali) che avevano rappresentato la spinta originaria all’agire, il rischio di sclerosi delle strutture, e di cristallizzazione in forme rigide delle modalità di intervento sul territorio, è pressoché inevitabile. Scivolando lungo la deriva organizzativistica, il lavoro sociale smarrisce l’orizzonte politico, e rischia di risolversi in una serie di interventi su singoli frammenti di realtà, perdendo di vista la complessità delle questioni sociali, e le cause che le determinano.

33Il processo sopra descritto produce effetti di frammentazione. La coesione tra organizzazioni che competono tra loro per programmare e gestire i servizi alla persona tende a sgretolarsi. Quanto più una organizzazione cresce, tanto più il suo orientamento prioritario sarà quello di trovare le risorse necessarie alla propria sopravvivenza; minore sarà l’impegno teso a rafforzare i vincoli di solidarietà con altre organizzazioni, e a coltivare con esse un impegno comune per il cambiamento sociale. Non è un caso che, delle associazioni che hanno un numero massimo di 30 volontari, solo 12 OdV cosentine e 5 reggine (e nessuna crotonese) hanno individuato come bisogno prevalente la cooperazione con altre organizzazioni non profit. Nelle organizzazioni più grandi, questo bisogno è ancor meno percettibile: solo 2 delle OdV con più di 30 volontari hanno fatto riferimento a questo tipo di esigenza.

34La scarsa attitudine a cooperare tra gruppi spesso si riproduce nel quadro delle singole entità organizzate. Nel senso che i gruppi impegnati in più ambiti di servizio normalmente si articolano in più segmenti operativi, ognuno dei quali sviluppa competenze specifiche al suo interno, e tende ad operare abbastanza autonomamente rispetto alle altre unità.

  • 14 Riflettendo sul rapporto tra reti associative e produzione di capitale sociale, l’autore citato def (...)

35Alla luce di quanto sin qui rilevato, sembra di percepire che le singole organizzazioni considerate tendono ad esistere per se stesse, e a perseguire la propria autoriproduzione, più che a raggiungere obiettivi di cambiamento sociale. Anche questo fenomeno, dal quale il volontariato calabrese non sembra essere immune, è leggibile come segno di rottura dell’equilibrio tra identità e servizio (Ranci, Ambrogio, Pasquinelli, 1991), e di deperimento della dimensione politica. Parafrasando Putnam (2004), potremmo dire che ci troviamo di fronte ad associazioni bonding («che serrano»), piuttosto che bridging («che aprono»)14.

36La traiettoria che conduce le associazioni censite a rinchiudersi in una prospettiva autocentrata è esattamente contraria a quella del radicamento sociale, che ha caratterizzato il volontariato in Italia soprattutto nella sua fase nascente (Sarpellon, 1998; Nervo, 1999; Ranci, 2006).

37L’azione di radicamento sociale consiste nell’ascoltare; nella disponibilità a dare e a ricevere accoglienza; nel prendere coscienza dei problemi; nella tessitura di legami (Marcello, 2004; 2005). Essa presuppone l’esistenza di un contesto ben preciso, circoscritto. Una regione, una città, un quartiere, un condominio. Presuppone, inoltre, la volontà di «stare», di mettere radici in quel particolare ambiente. A monte di una esperienza di radicamento ci sono anche le motivazioni che spingono un gruppo a stare in quel contesto anziché in un altro. La prassi del radicamento nasce appunto dal bisogno di entrare in relazione viva con contesti, ambienti, gruppi, persone, che sono colpiti dalla povertà, dalla disuguaglianza, dall’esclusione sociale. La traiettoria del radicamento è dunque quella che va dall’osservazione della realtà, alla vita di relazione (accoglienza, compagnia, relazioni di prossimità), alla presa di coscienza sempre più matura (e sempre più dal di dentro) dei bisogni.

38La consapevolezza di ciò che accade sul territorio, di come si configurano i bisogni sociali, costituisce una dimensione essenziale del radicamento. Si tratta della conoscenza dei problemi e delle cause che li determinano; conoscenza che si affina man mano che si entra più in profondità nella vita di relazione con quanti sperimentano in prima persona la conseguenza di quei problemi. Nel lavoro di radicamento, la consapevolezza dei problemi sociali e delle loro cause alimenta la vita di relazione, la dilata per cerchi concentrici; sollecita la comunicazione ad altri di quanto si è compreso; invoca il coinvolgimento più ampio possibile. È questa la dimensione politica, nonché la forza centrifuga, del radicamento.

39C’è tutta una linea di ricerca che individua tra le cause principali delle varie forme di disagio sociale la crisi delle appartenenze primarie (Ranci, 2002). È perciò evidente l’urgenza di costruire reti associative di sostegno là ove il disagio si manifesta, operando soprattutto in chiave di prevenzione. Pensiamo che i tentativi di costruire relazioni dal basso, rappresentino – soprattutto nelle realtà periferiche – l’impegno politico di cui oggi c’è più bisogno (Revelli, 2003).

40Le riflessioni fatte a partire dai bisogni prevalenti esplicitati dalle associazioni di volontariato calabresi ci portano a ritenere che la dimensione del radicamento sociale – così come abbiamo tentato di tratteggiarla – sia abbastanza lontana dalla prassi ordinaria delle compagini considerate, le quali tendono invece a muoversi entro il perimetro circoscritto dalle attività prestate, senza riuscire ad allargare la prospettiva, e a tener presente, nel suo complesso, la vita della polis, i suoi bisogni, le cause che li generano.

3.2. I bisogni formativi

41Non si può riflettere sui bisogni formativi trascurando i dati riportati all’inizio di questo paragrafo. Alla luce di essi, poco più di una OdV (tra quelle censite) su cento considera il bisogno di formazione come prioritario. Si tratta di una indicazione significativa, da cui emerge con chiarezza la crisi di «riflessività» delle associazioni considerate, la quale costituisce, a sua volta, un ulteriore segno della loro tendenza ad appiattirsi sulla dimensione del puro e semplice «fare».

42Anche nei focus si è parlato di una sorta di «allergia alla formazione» da parte dei volontari: «arranchiamo un po’ nella formazione, nel senso che i volontari vengono volentieri a lavorare, a fare il servizio, hanno capito che cos’è il volontariato, ma fanno a meno volentieri di partecipare alla formazione. Riteniamo che sulla formazione bisogna insistere» (RC 2,3). Le attività formative vengono disertate e forse questo comportamento si lega a quanto evidenzia Diamanti (2003) circa la «mobilitazione personale»: c’è l’interesse e la disponibilità in termini di tempo verso specifiche attività, ma è debole la propensione ad una riflessione più ampia.

43Nella maggior parte dei casi, infatti, la domanda di formazione all’interno dei gruppi di volontariato è debolissima. I volontari, cioè, spesso considerano la formazione come un appesantimento, più che come una risorsa. Preferiscono utilizzare il loro tempo disponibile, spesso esiguo, per «fare qualcosa di concreto», piuttosto che per riflettere e confrontarsi sul senso e sui contenuti delle loro esperienze di servizio. Forse è per questo che la maggior parte delle OdV di cui ci stiamo occupando – il 45,6% delle associazioni che hanno fino a 10 volontari, il 37,1% di quelle con 11-30 volontari, il 48,4% delle organizzazioni con 31-50 volontari - considera più efficiente la formazione che privilegia l’esperienza, a scapito della riflessione teorica (si veda la tab. 1).

44Se un numero così elevato di associazioni invoca più esperienza e meno teoria, una percentuale altrettanto elevata di esse si rende conto che la formazione costituisce un vuoto che bisognerebbe colmare, attraverso un impegno formativo più continuo, a cui dedicare maggior tempo.

45Se poniamo in relazione le indicazioni inerenti ai modi in cui la formazione può essere più efficiente con le cinque classi in cui abbiamo distribuito le associazioni censite, tenendo conto del numero di volontari che in esse operano, risulta che il bisogno di dedicare più tempo alla formazione tende a crescere in misura direttamente proporzionale al numero di volontari impegnati e, di conseguenza, al volume di attività prestate (nel caso delle OdV delle province di Cosenza e Reggio Calabria), oppure si mantiene costantemente elevato, a prescindere dal numero di volontari presenti (nel caso delle OdV crotonesi).

46Prendiamo, ad esempio, le OdV cosentine. Le associazioni più piccole, quelle con un numero massimo di dieci volontari, manifestano questo bisogno nel 16,7% dei casi, quelle che hanno più di cinquanta volontari lo esplicitano quasi quattro volte su dieci.

47In ogni modo, l’impressione è che per le compagini considerate la formazione costituisca una incognita, un nodo da affrontare, più che una componente significativa delle esperienze associative.

48Pur tenendo conto di tutto ciò, facciamo un passo in avanti. Vediamo di capire qual è il significato che le OdV (ci riferiamo alla generalità di esse, non solo a quelle studiate) attribuiscono, in genere, ai percorsi formativi, che organizzano direttamente o a cui aderiscono. La formazione si può snodare secondo modalità e contenuti diversi. Tuttavia, essa tiene sempre (simultaneamente o alternativamente) presenti le due già menzionate dimensioni dell’identità e del servizio. Si fa formazione, nei casi in cui la si organizza, per recuperare, rivitalizzare, trasmettere l’identità associativa; o per rafforzare le attività in cui l’organizzazione è impegnata.

49Nel primo caso, la formazione ruota attorno alle motivazioni che hanno determinato la nascita del gruppo; riguarda le idealità, i valori condivisi, il modo di leggere e interpretare i bisogni, le speranze di cambiamento sociale. In altri termini, la formazione serve a custodire e trasmettere ad altri i contenuti identitari.

Tabella 1 Come la formazione potrebbe essere più efficiente per ampiezza delle OdV

Tabella 1 Come la formazione potrebbe essere più efficiente per ampiezza delle OdV

50Nel secondo caso, la formazione serve a migliorare il «saper fare», cioè a perfezionare la qualità delle prestazioni di servizio, ad affinarne i contenuti tecnici. È la traiettoria lungo la quale il volontario si professionalizza e diviene operatore.

51La formazione che ruota attorno ai temi dell’identità (la storia associativa; le radici ideali, valoriali, culturali, religiose dell’impegno sui bisogni) è quella che più facilmente consente alle OdV di mettere a fuoco, e di comunicare all’esterno, la loro prospettiva «politica».

52Le associazioni su cui stiamo riflettendo, invitate ad esplicitare i temi che la formazione dovrebbe maggiormente approfondire (si veda la tab. 2), sembrano invece privilegiare i contenuti che hanno a che fare con il servizio, più che con la dimensione identitaria. Infatti, solo il 4,4% delle OdV considerate (ovvero il 7% di quelle cosentine, il 3% di quelle reggine e nessuna tra le associazioni crotonesi) indica come tema da sviluppare l’analisi e il rafforzamento delle motivazioni iniziali. Le altre indicazioni riflettono la necessità di portare sul terreno della formazione questioni che hanno a che fare con la fisiologia delle organizzazioni, cioè con il concreto dipanarsi del loro funzionamento interno; oppure esprimono l’esigenza che la formazione si traduca in una occasione preziosa per colmare il bisogno che esse hanno di costruirsi una dimensione politica.

Tabella 2 I temi che la formazione dovrebbe maggiormente approfondire

Prov. di CS

Prov. di KR

Prov. di RC

Totale

analisi dei bisogni sociali

16,97

24,55

26,19

21,31

lavoro di rete sul territorio

18,08

13,64

16,67

16,76

elaborazione di progetti

9,59

20,91

14,88

13,48

lavoro in équipe

14,76

10,91

10,71

12,75

comunicazione interpersonale

13,28

10,00

10,71

11,84

legislazione sul volontariato

7,01

6,36

5,95

6,56

sistema di welfare e politiche sociali

5,54

3,64

3,57

4,55

analisi e raforzamento delle motivazioni iniziali

7,01

0,00

2,98

4,37

sistemi informatici

3,69

0,91

1,19

2,37

assistenza fiscale e amministrativa

1,85

2,73

2,38

2,19

marketing e strategie di comunicazione

0,74

0,91

1,79

1,09

altro

0,74

1,82

1,79

1,28

non so

0,74

3,64

1,19

1,46

totale

100,00

100,00

100,00

100,00

53Una grossa fetta (24,59%) delle OdV considerate segnala come temi da approfondire la comunicazione interpersonale (11,84%) e il lavoro in équipe (12,75%). Si tratta di argomenti che hanno a che fare con la vita interna delle associazioni, e il cui sviluppo dovrebbe servire a migliorare la qualità delle relazioni tra i soci, nonché ad affinare i meccanismi decisionali, le procedure inerenti alla distribuzione dei compiti, le modalità di progettazione e di verifica delle attività, la capacità di lavorare in gruppo.

54Quasi un quarto delle organizzazioni su cui stiamo riflettendo suggerisce, dunque, di impostare la formazione attorno a tematiche riguardanti il loro funzionamento interno, allo scopo di fluidificare e rendere più efficienti le attività svolte.

55Un’altra percentuale consistente, pari quasi alla metà delle OdV censite, avverte l’esigenza di «guardare fuori», di progettare cioè percorsi formativi che favoriscano la comprensione di quanto accade sul territorio. Un primo esempio è dato dal 16,76% dei gruppi che individua come principale tema da approfondire il lavoro in rete sul territorio. Si tratta senza dubbio di una delle questioni più dibattute nell’ambito del lavoro sociale. Tale indicazione va però interpretata tenendo conto della scarsa attitudine delle associazioni considerate a cooperare con altre organizzazioni. Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, meno del 4% di esse ritiene che la cooperazione sia un bisogno prioritario. Forse l’esigenza di mettere a tema la questione dei network associativi può essere considerata la spia di una esigenza avvertita dai gruppi considerati, quella di uscire da percorsi di impegno eccessivamente autoreferenziali, e di avviare strategie di connessione con altre istanze del territorio. Un secondo esempio è costituito da un 30% circa delle OdV, che ritiene vadano affrontati temi che incrociano direttamente la dimensione politica del lavoro sociale: l’analisi dei bisogni sociali (21,31%), la legislazione sul volontariato (6,56%), il sistema di welfare e le politiche sociali (4,55%). Crediamo che questo dato sia il segno di una dimensione politica cercata, più che concretamente vissuta dai gruppi in questione. Le riflessioni fatte in precedenza hanno messo in rilievo quanto questa dimensione sia debole nelle organizzazioni di cui ci stiamo occupando. Ci sono poi altre indicazioni, come quella inerente allo spirito prevalente delle associazioni, oppure quella relativa alle motivazioni che ne hanno determinato la nascita, che fugano ogni dubbio al riguardo. L’orientamento prevalente dei gruppi censiti è di gran lunga quello «solidaristico nei riguardi delle persone» (52,8%), piuttosto che il «cambiamento sociale del contesto locale» (17,4%). La motivazione che ne ha determinato la nascita coincide, nel 60% dei casi, con il desiderio di «migliorare la qualità della vita delle persone», mentre solo per il 13% delle associazioni essa è rappresentata dalla volontà di contribuire al «miglioramento dei servizi sociali». In altri termini, si tratta di gruppi che intercettano singole categorie di bisogni, e si organizzano per affrontarli, concentrandosi su di essi. Il bisogno di trattare argomenti che permettano alle associazioni su cui stiamo indagando di «guardare all’esterno», di prendere maggiore consapevolezza di quanto accade sul piano legislativo, oppure sul terreno dei bisogni, o su quello delle politiche sociali, riflette probabilmente l’esigenza che i gruppi hanno di approfittare della formazione per mettere a fuoco un orientamento più ampio, politico, appunto. È possibile, cioè, che lo spazio della formazione sia considerato come quello che meglio possa favorire il passaggio da un impegno sul territorio, portato avanti come risposta a singole situazioni emergenziali, ad una prassi di intervento più radicata, che parta da una analisi accurata dei bisogni e delle cause che li determinano.

56Alla luce di quanto abbiamo finora analizzato, ci sembra di poter affermare che per le associazioni considerate la formazione può essere un’utile occasione per contenere il rischio di scivolamento nell’autoreferenzialità – di cui si è già detto – e per assumere in modo significativo la prospettiva del radicamento in un territorio, quello calabrese, in cui le politiche di welfare segnano visibilmente il passo. Tale prospettiva è anzi indispensabile affinché l’azione volontaria recuperi e rafforzi una dimensione politica e riesca a tradursi in pratiche sociali realmente innovative.

57Viviamo una fase in cui gli scenari futuri del welfare in Italia appaiono incerti. L’iniziativa delle istituzioni pubbliche è condizionata dalla tendenza a ridurre le spese sociali. Mentre l’azione istituzionale in materia di politiche sociali si indebolisce, va crescendo invece il ruolo delle organizzazioni di terzo settore, come emerge anche da alcune importanti innovazioni legislative (vedi, per esempio, la più volte citata L.n. 328/2000; la riforma del titolo V della Costituzione) che, in forza del principio di sussidiarietà, riconoscono al terzo settore importanti prerogative in ordine alla progettazione e alla realizzazione dei servizi alla persona (Gori, 2004).

58Il processo che spinge le organizzazioni non profit verso la crescita organizzativa e lo sviluppo di sempre maggiori capacità di intervento appare perciò inarrestabile. In uno scenario del genere, l’orizzonte del radicamento sociale appare sempre più evanescente e, al tempo stesso, sempre più necessario. Radicarsi nelle situazioni di povertà, disagio sociale, emarginazione, non significa ignorare la necessità di fare i conti con le emergenze sociali, man mano che esse si presentano, organizzando i servizi di cui c’è bisogno. Vuol dire andare oltre questo piano, e rendersi conto delle cause che generano i problemi sociali, per tentare di eliminarne o ridurne il più possibile l’incidenza.

59I gruppi impegnati in azioni di radicamento portano sul terreno del lavoro sociale una dote preziosa: la conoscenza profonda, dal di dentro, dei bisogni, che è frutto della prossimità a quanti ne soffrono personalmente le conseguenze. La prassi di queste organizzazioni esprime una precisa responsabilità politica: presenti nella polis, per la vita della città, esse operano cercando di far crescere la consapevolezza che la condizione di chi vive ai bordi della vita sociale non è un affare solo di tecnici o di terapeuti del disagio, ma riguarda tutti. I gruppi che operano con una prospettiva di radicamento producono perciò innovazione sociale nella misura in cui operano per scomparire. Nella misura in cui, cioè, stanno sul territorio non principalmente per gestire servizi, e per continuare ad esistere e a riprodurre se stesse, ma per promuovere la maturazione di una coscienza politica popolare e diffusa, e cioè di una presa di coscienza collettiva di quali sono i problemi sociali e le cause che li determinano, perché cresca uno spazio civile in cui ognuno avverta la responsabilità dell’altro, ed accetti di portarne il relativo peso. Solo in questo modo, ci sembra, possono emergere modelli di comportamento virtuosi per l’intera società e si attua la capacità istituente del civile (Magatti, 2005).

4. Il rapporto con il territorio, la società e le altre associazioni

60Il volontariato calabrese è fatto di piccole o medie associazioni. Esse hanno un perimetro di azione relativamente ristretto. Nel complesso sono meno del 3% le OdV che prendono come riferimento il panorama internazionale, poco più del 5% quelle che operano sul territorio nazionale e il 6% quelle che, infine, intervengono nell’intera regione. La maggior parte (quasi il 40% del totale) delle OdV contattate ha come territorio di riferimento il comune. Quando non è quest’ambito territoriale, il riferimento principale diventa il distretto o più comuni limitrofi (23%) oppure la provincia (15,2%). Nel complesso sembra confermato un ritorno all’intervento localizzato su spazi ristretti. Più difficile è capire se esso sia il segno di una scelta o la prova di una impossibilità a fare diversamente per associazioni che stanno conoscendo un assottigliamento in termini di volontari.

61La visibilità che le OdV riescono ad avere non dipende solo dall’intervento sul territorio o dalla disponibilità di una sede, che funge da interfaccia tra i volontari e la società nel suo complesso, ma anche dalle azioni poste in essere dalle stesse associazioni per far conoscere all’esterno la propria attività. In questo senso si attivano oltre 85 associazioni su 100. Le finalità perseguite sono soprattutto operative: in ordine di importanza, possiamo dire che le OdV puntano a sensibilizzare l’opinione pubblica in merito a ciò di cui si occupano, ma sperano anche di entrare in contatto con altre associazioni, di coinvolgere nuovi volontari e, infine, di facilitare il contatto da parte dei possibili destinatari. Tolte, quindi, le occasioni di dibattito pubblico o le giornate a tema, le OdV ricercano il contatto con l’esterno soprattutto per ottenere sostegno, di altri soggetti collettivi o di persone disponibili all’esperienza del volontariato.

62Le considerazioni che sono emerse dai focus non sono però entusiasmanti. In genere, i responsabili delle associazioni lamentano una diffusa apatia, sebbene la situazione sia diversa a seconda del contesto territoriale in cui le OdV operano. Accade che, anche quando il numero degli iscritti aumenta, le persone realmente attive si riducano sempre ad un numero ristretto. La convinzione è che fra le associazioni: «le più forti sono quelle gestite dal parroco, forse perché hanno gli spazi, hanno le possibilità di incontrare i giovani di diverse fasce di età, ma lì dove c’è da coinvolgere … cioè, ci sarebbe una gran voglia di fare, però, poi in effetti, la gente non si avvicina mai. Si avvicina solo se noi facciamo delle richieste e, invece, dovrebbe essere il contrario, la motivazione dovrebbe essere più da parte del cittadino, dei giovani!» (RC, 2, 1).

63Da quanto emerge dai dati in nostro possesso, le OdV, da un lato, cercano di instaurare legami e rapporti con altre associazioni in occasioni pubbliche e, dall’altro, testimoniano di avere già rapporti con altre organizzazioni del nonprofit. Ben oltre l’80% delle OdV contattate ha, infatti, risposto di essere già in contatto con altre organizzazioni del terzo settore; si tratta, prevalentemente, di altre associazioni di volontariato (nel 83% dei casi) o di cooperative sociali (23%); meno frequentemente di fondazioni o gruppi di auto-aiuto (11% dei casi). Molto forte, invece, appare il legame con le strutture ecclesiali, con le quali il 54% delle OdV aperte all’incontro con altre organizzazioni ha detto di avere rapporti di collaborazione. Questa indicazione suggerisce di valutare in maniera forse meno rigida il dato già commentato circa l’origine delle associazioni. È vero, infatti, non sono molte le OdV che derivano la propria nascita da ambienti cattolici, ma il rapporto con le istituzioni ecclesiali lascia intendere un legame più stretto tra volontariato e chiesa. Questo dato conferma una tendenza già presente a livello nazionale e che si può spiegare a partire dalla capacità delle parrocchie di «offrire un riferimento etico, oltre che di organizzazione e servizio» (Diamanti, 2003, 21).

64Complessivamente solo nel 30% dei casi i rapporti che le OdV hanno con altri soggetti del nonprofit si traducono in collaborazione e co-progettazione in attività specifiche. Per il resto, invece, si tratta di rapporti informali e/o occasionali. Ne è prova il fatto che mentre tutte le associazioni in questione sono riuscite a fornire una sintesi di almeno un progetto avviato con altri partner, solo il 79% è riuscito a fornire due indicazioni e solo il 40% ne ha suggerito tre. Si collabora per una giornata dedicata ad un tema che interessa più gruppi, per una campagna di sensibilizzazione, per l’organizzazione di un convegno, per la raccolta fondi finalizzata ad un’azione specifica, per organizzare una festa di paese o di quartiere, ma sono rari e poco strutturati i momenti di riflessione e discussione, che potrebbero contribuire alla costruzione o ri-costruzione di uno spazio civile (Licursi, 2005). Le OdV comunicano poco tra di loro e con gli altri soggetti del terzo settore della loro finalità ultima, le associazioni che fanno parte di forum associativi sono una minoranza, né organizzano insieme l’attività e/o i servizi; le collaborazioni con altri gruppi sono quasi sempre finalizzate ad organizzare qualcosa di extra e, per sua stessa natura, di eccezionale rispetto alle routine delle singole OdV. Forse una parziale eccezione è rappresentata dagli incontri destinati ad attività formative per i volontari delle associazioni. Bisognerebbe capire se, in questi casi, c’è una condivisione dei contenuti o se, invece, si tratta solo di una suddivisione dei costi. Dalle discussioni avviate nei focus group emergono con insistenza il bisogno di una rete, così come i fallimenti sperimentati. Spesso le associazioni fanno parte di reti istituzionali, che coinvolgono associazioni sensibili alle stesse tematiche (Movi, Libera, ecc). Questo, tuttavia, non si traduce quasi mai in cooperazione o collaborazione quotidiana.

65Se a queste informazioni aggiungiamo che la maggior parte delle associazioni che ha detto di non avere rapporti con altre organizzazioni del nonprofit dà come spiegazione la mancanza di occasioni, si può forse concludere che non esiste una rete associativa, né a livello interprovinciale, né infraprovinciale. Al momento sembra che neanche i centri servizi provinciali riescano a svolgere al meglio il compito di mettere in contatto le associazioni e favorire la nascita di uno spazio civile, in cui le OdV possano confrontarsi con altri soggetti collettivi guidati dalla logica del dono: sono, infatti, poche le indicazioni che le OdV contattate hanno espresso in tal senso pur risultando quasi tutte iscritte al csv di riferimento.

4.1. I legami con le istituzioni pubbliche

  • 15 Il rapporto tra le Odv e la politica dovrebbe essere analizzato con riferimento ai singoli contesti (...)

66Poco meno dell’80% delle associazioni contattate ha dichiarato di collaborare operativamente con le istituzioni pubbliche. Queste relazioni e i loro reali contenuti possono essere compresi fino in fondo se si tiene conto delle considerazioni fatte nel primo paragrafo e riguardanti la situazione regionale dei servizi sociali15. In particolare, può essere di aiuto precisare che non esistono in Calabria spazi di concertazione fra soggetti del terzo settore e istituzioni che possano dirsi realmente tali; piuttosto si attivano contrattazioni frammentate che rispondono ad esigenze immediate e specifiche, ma che mancano di una visione di insieme dei bisogni del territorio.

67Fra le OdV che non hanno attività di collaborazione con le istituzioni pubbliche, più che prevalere un senso di sfiducia, domina la sensazione di non essere considerate adeguatamente dalle istituzioni stesse, di non ottenerne il riconoscimento. Come emerge dai focus group, le organizzazioni che non hanno legami con le istituzioni pubbliche non scelgono di non avere questi rapporti, ma vengono tenute fuori da certi circuiti relazionali.

68Le istituzioni con cui le OdV collaborano più frequentemente sono il comune (oltre il 50% delle associazioni), le asl (quasi il 20% delle associazioni) e le istituzioni scolastiche (circa il 10% delle associazioni). Le istituzioni politiche, a parte il caso del comune (che spesso è anche il territorio in cui le OdV operano attivamente), non sono i partner privilegiati delle associazioni di volontariato. Esse, infatti, non vengono indicate come prima scelta, ma rimangono spesso gli attori principali con cui confrontarsi. Indicano, infatti, come seconda scelta la provincia il 23,4% delle OdV e la regione il 19% delle stesse. Pochissime relazioni esistono, invece, tra le associazioni e istituzioni come la prefettura o i tribunali.

69Abbiamo provato a sintetizzare nella tab. 3 le risposte più significative che le OdV hanno fornito in merito alle motivazioni che le spingono a ricercare rapporti con le istituzioni pubbliche. Esse individuano due dimensioni. La prima e la più significativa in termini di accordo è quella strumentale: avere rapporti con le istituzioni pubbliche serve, anzi è indispensabile, innanzitutto, per ottenere i finanziamenti e, poi, perché questi rapporti tornano utili per eseguire tutti gli adempimenti amministrativi oggi richiesti per poter partecipare a bandi pubblici o simili.

70Le percentuali sono state calcolate rispetto al totale delle associazioni che hanno risposto di avere rapporti con le istituzioni pubbliche (217 nella provincia di CS; 84 in quella di KR; 127 in quella di RC; 428 in totale); la somma è superiore a 100 perché alla domanda potevano essere date più risposte.

71Alla dimensione strumentale se ne affianca un’altra che potremmo definire di sostegno e tutela. È, infatti, forte la convinzione che solo nell’interazione con le istituzioni pubbliche è possibile trovare maggiori garanzie per la realizzazione del bene comune. Un riconoscimento più marcato del ruolo delle istituzioni pubbliche si può, ancora, ritrovare nell’ultima risposta riportata nella tab. 3. Sono più di 15 su 100 le OdV che riconoscono alle istituzioni il compito di coordinare le attività associative. Una specificità del volontariato è quella evidenziata a livello nazionale da Ranci (2006), per cui superata la fase iniziale di costituzione del volontariato moderno (dagli anni ’70 alla metà degli anni ’80), le OdV si propongono alle istituzioni pubbliche come organizzazioni competenti e si pongono nelle relazioni in una posizione di sostanziale eguaglianza e di convinta autonomia. In Calabria questo non sembra accadere pienamente. Ci sembra che entrambe le dimensioni (quella strumentale e quella di sostegno e tutela) stiano ad indicare che gran parte dell’associazionismo calabrese non riesca a svincolarsi dal sostegno pubblico e non abbia ancora maturato una identità autonoma, in grado di legittimare il proprio intervento nella società. Nelle associazioni che riflettono maggiormente sulla propria condizione sembra presente la consapevolezza che l’incapacità di partecipare ad una rete associativa che possa diventare attore sociale, rende più deboli le singole OdV di fronte alle tentazioni particolaristiche della politica locale. «Qui c’è molta difficoltà all’interno dell’associazionismo di assumere in proprio, tra le associazioni, una … l’autorità, la capacità di esprimere una forza. Emerge (ndr) una totale incapacità di esprimere una forza comune e di lavorare su progetti comuni. Questo credo che sia dovuto molto alle difficoltà a cui vanno incontro le associazioni, che poi, al momento opportuno, quando c’è bisogno, devono comunque entrare in un entourage che le limita nella loro libertà e nella loro dipendenza» (KR, 2, 1).

Tabella 3 Le ragioni della collaborazione con le istituzioni pubbliche

Prov. di CS

Prov. di RC

Prov. di KR

Totale

È indispensabile per ottenere finanziamenti

34,6

33,9

38,1

35,0

È indispensabile per gli adempimenti amministrativi

17,5

19,7

15,5

17,7

È indispensabile perché il pubblico dà maggiori garanzie per realizzare il bene comune

30,9

24,4

27,4

28,3

È giusto che le iniziative delle associazioni siano coordinate da un soggetto pubblico

14,3

15,7

19,0

15,6

72A livello territoriale qualche significativa differenza sembra emergere. Per le OdV della provincia di Crotone sembra massima la strumentalità: per poco meno del 40% delle associazioni, infatti, i rapporti con le istituzioni pubbliche sono importanti per ottenere finanziamenti. Sono sempre le OdV crotonesi a ritenere relativamente più importante rispetto a quelle delle altre province che le associazioni siano coordinate da un soggetto pubblico. Il coordinamento a cui fanno riferimento non può essere inteso sempre come l’attività svolta da una istituzione neutrale, ma più spesso come sostegno da parte di un soggetto istituzionale amico. Questi dati ci sembra, quindi, che individuino una debolezza del tessuto associativo crotonese e che possano essere letti come conferma di quanto già evidenziato per le associazioni di questo territorio.

73Circa la valutazione dei rapporti in questione, le registrazioni dei focus group consentono di evidenziare l’esistenza di profonde insoddisfazioni da parte delle OdV; insoddisfazioni che non derivano tanto da quello che è comunque considerato un inadeguato sostegno economico, quanto dalla qualità delle relazioni. Se i dati della tab. 3 ci hanno consentito di evidenziare un atteggiamento strumentale delle associazioni verso le istituzioni, le interviste collettive contengono l’accusa che le OdV rivolgono alle istituzioni di comportarsi in maniera utilitaristica. Sembrerebbe esistere una percezione della realtà contraddittoria: mentre le OdV ricercano il contatto con le istituzioni prevalentemente per ottenere finanziamenti, maturano la convinzione di essere oggetto di una strumentalizzazione da parte delle istituzioni stesse e le accusano di tenere un comportamento scorretto. Eccetto casi isolati, inoltre, quasi tutte le associazioni lamentano una scarsa, spesso inesistente, attenzione da parte delle istituzioni sulle questioni di interesse e ricaduta sociale di cui si occupano. A fondamento di queste lamentele vi è la difficoltà espressa dalle OdV di instaurare una comunicazione sincera e di trovare spazi adeguati a contenere riflessioni condivise, cui far seguire adeguati interventi politici, sulle problematiche a loro avviso preminenti (disagio giovanile, handicap, integrazione della popolazione immigrata, ecc.). Non meno sentita è l’altra questione, che attiene ad un comportamento spesso apertamente particolaristico nei confronti di alcune associazioni e a svantaggio di altre: progetti che vengono finanziati con estrema facilità e altri che rimangono lettera morta; collaborazioni che si rinnovano e altre che si fa fatica ad immaginare. Alcune associazioni legano le proprie difficoltà economiche ad una gestione clientelare dei fondi pubblici, lamentando una insensibilità da parte di chi amministra verso i bisogni di cui l’associazione si interessa. Lo strumento che appare indispensabile per riuscire ad ottenere un sostegno pubblico è la conoscenza diretta. «Il problema grosso è la politica. Se io mi interfaccio, dicendo che ho un’associazione di volontariato, mi interfaccio con una classe politica, con un’amministrazione che reputo che abbia un interesse sociale; mi rendo conto poi di stare in una realtà che mi dice: “se vuoi questo, mi devi dare questo” (…) “se tu sei con me, ti do, se non sei con me, non ti do”» (CS, 2, 1).

74In cosa si traduce concretamente la collaborazione con le istituzioni pubbliche lo possiamo capire meglio con l’ausilio della tab. 4. L’applicazione della governance nell’ambito dei rapporti tra soggetti del terzo settore e le istituzioni dovrebbe favorire una discussione costruttiva e incentivare la co-progettazione degli interventi. Come si può leggere nella tab. 4, tuttavia, sono complessivamente poco più del 40% le associazioni che si riconoscono in questa modalità di collaborazione. Il dato, inoltre, richiederebbe un approfondimento di natura qualitativa (cosa si progetta, come, chi partecipa alla fase di progettazione, ecc.) che le informazioni al momento in nostro possesso non ci consentono di fare. Più rilevante appare, comunque, la collaborazione che si realizza nella fase successiva alla progettazione, vale a dire quella della realizzazione del servizio. In questo caso è possibile immaginare un ruolo di guida dell’istituzione stessa. Questa modalità è applicata dal 68,5% delle associazioni di tutte e tre le province ed assume un valore più elevato per quelle della provincia di Crotone. Le considerazioni fatte sul ritardo politico-istituzionale calabrese in materia di integrazione ed equilibrio tra pubblico e privato ci orientano verso una lettura piuttosto cauta del dato. In alcuni casi potrebbe trattarsi di una sinergia tra OdV e istituzioni, ma è più probabile che dietro a questa forma di collaborazione vi siano confusione dei ruoli e dipendenza delle associazioni.

75Le convenzioni economiche finalizzate alla realizzazione di un obiettivo specifico interessano il 31,3% delle associazioni. In questo caso si può avere una maggiore certezza circa il tipo di intervento e il finanziamento erogato, ma per poter dire quali sono gli effetti che una collaborazione di questo tipo produce sul tessuto associativo locale bisognerebbe disporre di qualche informazione aggiuntiva. Un rischio è quello che si realizzi una delega da parte delle istituzioni nei confronti delle associazioni, che al pari quasi di agenzie esterne entrano in rapporto con le istituzioni per svolgere quei servizi alle persone tipici dei sistemi di welfare.

76La scarsa consistenza del controllo operato dalle istituzioni pubbliche sull’attività realizzata dalle OdV con i finanziamenti pubblici riteniamo che possa essere considerata una prova, o un effetto, della debole applicazione dei principi guida della L. 328/2000. Le istituzioni probabilmente non dispongono delle risorse né valutano opportuno esercitare una verifica della destinazione delle risorse pubbliche; piuttosto scelgono di distribuire le stesse risorse senza alcuna attenzione all’uso che ne verrà fatto. Infatti, i valori riportati nella tab. 4 evidenziano che per oltre il 9% delle OdV la collaborazione con le istituzioni prevede l’ottenimento di un finanziamento senza alcun vincolo rispetto alla finalità.

77Per capire quanto le collaborazioni con le istituzioni pubbliche si traducano in aiuti economici effettivi per le associazioni, e quanto l’assenza di questi rapporti possa comportare uno svantaggio in termini di risorse per le OdV, abbiamo chiesto ai responsabili delle associazioni contattate di indicarci in termini percentuali le loro fonti di finanziamento. Dalle risposte relative ai contributi pubblici che l’associazione riceve per la propria attività, possiamo sostenere, semplificando, che collaborare paga. L’8% delle associazioni che dichiarano di avere rapporti di collaborazione con le istituzioni pubbliche riceve attraverso i contributi pubblici fra l’81 e il 100% delle risorse di cui ha bisogno. Solo il 3% delle associazioni che non collaborano con le istituzioni pubbliche dà la stessa risposta e, soprattutto, il 50% di queste ultime non riceve nessun contributo pubblico. Le quote associative e le somme versate per autofinanziarsi sono più importanti nell’economia interna per quelle associazioni che non hanno rapporti di collaborazione con le istituzioni pubbliche. Il 28% di queste ultime ricava dall’autofinanziamento e dalle quote associative tra l’81 e il 100% di quanto necessita per l’attività associativa, mentre il 20% delle prime può sostanzialmente fare a meno di questa voce di budget. Ad accomunare, però, sia le associazioni che collaborano con le istituzioni pubbliche sia quelle che non collaborano è la scarsa rilevanza delle attività di raccolta fondi. Il dato è significativo: il 59% delle associazioni che collaborano con le istituzioni e il 58% di quelle che non hanno rapporti di collaborazione sostengono di non recuperare alcuna risorsa dal fund raising. Considerando l’apporto molto spesso ridotto delle altre entrate (quote associative, contributi di banche, di fondazioni o di strutture ecclesiali, ecc.) si insinua il dubbio che molte associazioni non dispongano del minimo necessario per poter garantire l’attività associativa. La loro esistenza grava esclusivamente o quasi sull’apporto dei volontari. Ma non è il caso di sopravalutare la capacità organizzativa delle associazioni: non siamo di fronte ad un volontariato che si è specializzato nella gestione di un servizio, organizzando al meglio i volontari su cui può contare. Il volontariato che stiamo indagando affronta, invece, una complessa trasformazione che lo interessa sia nella sua componente umana e motivazionale, sia in quella organizzativa.

Tabella 4 La forma delle collaborazioni

Prov. di CS

Prov. di KR

Prov. di RC

Totale

Collaborazione nella progettazione dell’attività

42,0

47,6

37,8

42,0

Collaborazione nella realizzazione del servizio

66,8

72,6

68,5

68,5

Convenzioni economiche con obiettivi specifici

35,0

20,2

32,3

31,3

Controllo

3,7

2,4

3,9

3,5

Finanziamento senza vincoli rispetto al tipo di attività

7,8

7,1

14,2

9,6

I valori percentuali sono calcolati in base al numero di associazioni che hanno detto di avere collaborazioni con le istituzioni pubbliche (428 su tutte le province; 217 per la provincia di Cosenza, 84 per quella di Crotone e 127 per quella di Reggio Calabria). Le percentuali sono superiori a 100 perché le associazioni potevano indicare fino a due risposte.

5. Da cosa ripartire

78Il paper nel proporre i principali risultati di una ricerca empirica sulle organizzazioni di volontariato in Calabria vuole sostenere l’opportunità di un’analisi sociologica del volontariato che possa contribuire a conoscere, scoprire o ri-scoprire i caratteri di questo fenomeno sociale, nonché mettere in evidenza similitudini e differenze delle OdV rispetto agli altri soggetti del terzo settore e l’esistenza, eventualmente, di specifiche linee di tendenza. Tutto questo nella convinzione che elementi di contesto e interventi legislativi in materia sociale debbano essere tenuti in adeguata considerazione prima di sostenere qualsiasi tipo di generalizzazione o comparazione.

79Con riferimento alla realtà indagata, possiamo individuare tre elementi che ci sembrano centrali e rispetto ai quali proviamo a trarre qualche considerazione finale.

80Il primo è la frammentazione: dell’esistenza dei pezzi di volontariato, cui accenniamo nel titolo, abbiamo avuto modo di accorgerci nel corso del lavoro di ricerca, sia durante lo svolgimento della sua fase qualitativa, sia in seguito all’analisi dei dati del survey. Con riferimento alla prima, possiamo evidenziare che l’esperienza dei focus group - che hanno coinvolto OdV diverse per ambiti di intervento - è stata indicativa dell’indebolimento di un condiviso nucleo valoriale e di un altrettanto condiviso approccio ai bisogni. Non si tratta dell’eterogeneità tipica di questo mondo, ma piuttosto dello sfilacciamento di una matassa originaria, da cui derivano intrecci virtuosi, ma anche una generale condizione di confusione. L’impressione è stata confermata dalla analisi dei dati del questionario. Dalla lettura complessiva delle informazioni in nostro possesso ci è sembrato di poter individuare due diversi livelli di frammentazione: uno riconducibile alle singole OdV e quindi all’esistenza di fratture interne alle esperienze, un altro riconducibile all’intero tessuto associativo. La frammentazione interna si manifesta, come abbiamo evidenziato nel paragrafo 3.1, soprattutto quando i gruppi si impegnano in più ambiti, tendono a realizzare servizi differenti, disgregandosi in unità operative tra di esse debolmente connesse. Non ci troviamo di fronte ad una tendenza marcata alla specializzazione, come pure sembra emergere in altri contesti e da altre ricerche (Ambrosini, 2005) che addirittura segnalano il rischio di isomorfismo organizzativo (Di Maggio e Powell, 1983) e di snaturamento (Ascoli, 1999) delle OdV. Questa convinzione è provata dalle autorappresentazioni molto confuse delle attività e dei servizi offerti, riportate dai responsabili delle associazioni, mal celando a volte l’esistenza di elementi contraddittori e/o di discontinuità nella vita associativa. Essa è palese, in molti casi, alle stesse associazioni. Con riferimento al tessuto associativo nel suo complesso la frammentazione cui facciamo riferimento è individuabile nell’assenza di una dimensione di rete, così come nella mancanza di un bisogno esplicito in tal senso. La frammentazione, infatti, può essere letta nella scarsa cooperazione tra OdV, nell’ottica di un comune percorso di cambiamento sociale. Non si tratta di enfatizzare un dato empirico da molti rilevato, ossia l’esistenza di una pluralità di volontariati (Ardigò, 2001), diversi per ambiti di intervento, metodologie, organizzazioni, quanto di porre l’accento sull’indebolimento di una dimensione identitaria comune (Ranci, Ambrogio, Pasquinelli, 1991), che richiama la centralità di questioni come il mutamento e la partecipazione sociale. Questa tendenza è più marcata per le grandi organizzazioni, che sembrano maturare un atteggiamento maggiormente autoreferenziale. In un’ottica di ricerca più ampia potrebbe essere utile chiedersi da cosa deriva tale frammentazione, se essa è il prodotto di un processo di compartimentazione delle OdV coscientemente avviato o se, come con riferimento al contesto da noi studiato sembrerebbe più probabile, essa è un effetto del difficile e a tratti pesante metabolismo delle spinte e delle richieste che arrivano dal contesto, dalle innovazioni legislative e dagli attori istituzionali.

81Il secondo elemento, strettamente connesso al precedente, è costituito dall’indebolimento della dimensione politica del volontariato. La descrizione dei bisogni registrati per le singole associazioni evidenzia con chiarezza che il volontariato di questa Regione fa sempre più fatica ad offrire un contributo valido per il superamento di quelle condizioni economiche, politiche, legislative e, infine, culturali che caratterizzano il contesto sociale su cui interviene. Le associazioni, infatti, si concentrano su bisogni di natura strumentale (le risorse economiche e la disponibilità di spazi adeguati), si preoccupano dell’attività e del servizio, meno della capacità di incrementare il numero di volontari; anche la richiesta di una formazione che privilegi la dimensione del «fare» piuttosto che quella motivazionale rafforza questa tendenza. Dai focus emerge di frequente la percezione che attorno al volontariato e all’associazionismo si sia creato disorientamento. Si avverte la necessità di riproporre con forza gli elementi fondativi del volontariato proprio perché «manca un orizzonte un po’ più ampio» (CS, 2, 3), che possa salvare la continuità di un’azione collettiva che vuole andare oltre l’intervento specifico. In diversi casi questa confusione trova alimento in una sorta di circolo vizioso, che rafforza la tendenza autoreferenziale di alcune OdV: più le associazioni cercano di garantire l’attività, più per farlo devono coinvolgere personale non volontario (operatori retribuiti, ragazze/i del servizio civile, ecc.), finendo con l’indebolire la natura volontaristica dell’attività stessa. In alcune realtà associative, come emerge dalle interviste collettive, senza l’impegno delle ragazze/i del servizio civile non sarebbe possibile realizzare l’attività. L’indebolimento della visione di insieme, del ruolo politico del volontariato, ci sembra che, al momento e nel contesto studiato, possa trovare un parziale contenimento nella presenza in alcuni frammenti di volontariato di una riserva di orientamenti personali solidaristici e di forti elementi di gratuità. I focus group sono stati l’occasione per averne contezza. Rimangono informazioni non immediatamente traducibili in misurazioni adeguate, ma che potrebbero costituire il punto di partenza per una rielaborazione del contenuto politico degli interventi associativi interna al volontariato. Indagare le motivazioni di chi sceglie di fare volontariato diventa, anche per questa ragione, un passo obbligato.

82Il terzo elemento, infine, riguarda la strumentalità che, generalmente, sembra caratterizzare i rapporti tra OdV e istituzioni. Il contenuto di questi rapporti, nel contesto calabrese, è pesantemente segnato dal ritardo legislativo di cui abbiamo scritto e dalla scarsa attenzione che, fino ad ora, hanno rivolto gli attori politici alla organizzazione dei servizi, alle politiche sociali e al terzo settore in generale. Le risposte che le OdV hanno fornito circa le ragioni della collaborazione con le istituzioni pubbliche ci hanno consentito di individuare due tipi principali di motivazioni: una più strumentale e un’altra che riconosce alle istituzioni pubbliche quasi una funzione di supporto e tutela. Sembrerebbe emergere, proprio nelle relazioni con le istituzioni, un deficit di autostima delle OdV, tanto che alcune dichiarano di avere bisogno di una guida da parte delle istituzioni. Quando, tuttavia, si tratta di giudicare il comportamento che gli attori istituzionali tengono nei loro confronti, le OdV testimoniano la sensazione di essere oggetto di una strumentalizzazione: le istituzioni delegano e non sostengono adeguatamente. Sembrerebbe affermarsi una situazione di mutuo accomodamento (Ranci, 1999), in cui, al di là delle lamentele, emerge l’esistenza di un sistema in cui si realizza lo scambio tra le risorse pubbliche e la realizzazione di servizi di interesse collettivo a gestione privata. Tutto ciò in una situazione in cui vigono principi regolativi (Fantozzi, 2006) flessibili e poco chiari: le OdV testimoniano che, per lo più, il rapporto con le istituzioni deriva da una conoscenza diretta di chi ne è alla guida e che il sistema nel suo complesso manifesta elementi di particolarismo nella selezione dei progetti finanziati. Le istituzioni, infatti, raramente esercitano un controllo sull’uso dei finanziamenti concessi e, a volte, erogano risorse senza alcun vincolo di destinazione. La collaborazione nella fase di progettazione dell’attività riguarda meno della metà delle esperienze maturate dalle OdV contattate. La concertazione, prima di arrivare a prendere decisioni specifiche in merito agli interventi, non è ancora la regola principale. Al momento, tuttavia, le OdV non individuano alternative (parziali o totali) rispetto al finanziamento che deriva loro dai rapporti con le istituzioni pubbliche. Questi risultati ci fanno ritenere che la riflessione sul volontariato non possa omettere di approfondire il legame con le istituzioni pubbliche e con la politica. Legame che mentre in alcuni contesti può dare nuovo slancio all’azione volontaria, in altri potrebbe arrivare a mortificarne la natura, incentivando comportamenti sleali e/o di lobbing fra le diverse associazioni di volontariato e tra queste e le altre realtà di terzo settore.

83Se il contribuito di questo paper può essere individuato nell’identificazione dei possibili confini entro cui ritornare a discutere di volontariato, in Calabria e non solo, riteniamo che il nostro lavoro di ricerca si possa sviluppare anche per altre strade, che sono quelle dell’indagine sociologica tesa a privilegiare le singole esperienze associative nella convinzione, che dopo avere elaborato un quadro di insieme, «è solo identificando in maniera circostanziata certi luoghi associativi, osservandoli e descrivendoli minuziosamente, comparandoli tra di loro e generalizzando per induzione, che si arriverà a disporre di un sapere concreto sulle modalità di esistenza delle arene pubbliche e sul posto occupato dalle associazioni in contesti compositi, ambigui e ibridi» (Cefaï, 2006, 200).

Torna su

Bibliografia

Ambrosini M. (2005), Scelte solidali, Bologna, il Mulino.

Ardigò A. (2001), Volontariati e globalizzazione, Bologna, Devoniane.

Ascoli U. (a cura di) (1999), Il Welfare futuro. Manuale critico del terzo settore, Roma, Carocci.

Beveridge W. (1959), L’azione volontaria. L’iniziativa Libera Nello Stato Sociale Moderno, Milano, Comunità.

Bottaccio M. (a cura di) (1999), Tutti al centro, Roma, Edizioni minimumfax.

Caillé A. (1998), Il terzo paradigma, Torino, Bollati Boringhieri.

Caltabiano C. (a cura di) (2003), Il sottile filo della responsabilità civica. Gli italiani e la sfera pubblica. VIII Rapporto sull’associazionismo sociale, Milano, FrancoAngeli.

Catania D. (2003), Mettere ordine nel capitale sociale: una mappa ragionata a livello regionale, in Caltabiano C. (a cura di).

Cefaï D. (2006), Due o tre cosette sulle associazioni…Fare ricerca su contesti ibridi e ambigui, «La Rivista delle Politiche Sociali», 2, pp. 201-17.

Cesareo V., Rossi G. (1986), Volontariato e Mezzogiorno, Bologna, EDB.

Cipriani P. (1999), Nessuno escluso, mai!, Molfetta (BA), La Meridiana.

Costabile A., Marcello G. (2003), Ricerca sul terzo settore in Calabria, in Latorre G. (a cura di), I Servizi socio-assistenziali in Calabria, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Cursi G., Graziani C. (a cura di) (1995), Il volontariato sociale italiano, Roma, Fondazione Italiana per il Volontariato.

Dekker P., van den Broek A. (1998), Civil Society in Comparative Perspective: Involvement in Voluntary Associations in North America and Western Europe, «International Journal of Voluntary and Nonprofit Organizations», Vol. 9, 1, pp. 11-38.

Demuru P. (2006), I processi di programmazione sociale di zona in alcune Regioni italiane, «Studi Zancan. Politiche e servizi alle persone», VII, 6, pp. 160-78.

Di Maggio P. e Powell W. (1983), The Iron Cage Revisited: Institutional Isomorphism and Collective Rationality in Organizational Fields, «American Sociological Review», 48, pp. 137-159.

Di Nicola P. (a cura di) (2006), Dalla società civile al capitale sociale, Milano, FrancoAngeli.

Diamanti I. (2003), Prefazione, in Caltabiano C. (a cura di).

Fantozzi P. (2006), Politica e regolazione sociale, in Costabile A., Fantozzi P., Turi P. (a cura di), Manuale di Sociologia Politica, Roma, Carocci.

Fivol (2001), Il volontariato in Calabria, Roma.

Fivol (2002), Terza rilevazione Fivol sulle organizzazioni di volontariato, «Volontariato», 19.

Gallino L. (1996), Bisogno, in Dizionario di Sociologia, Torino, Tea-UTET.

Godbout J. T. (1993), Lo spirito del dono, Torino, Bollati Boringhieri.

Gori C. (a cura di) (2004), La riforma dei servizi sociali in Italia, Roma, Carocci.

Gualdani A. (2004), La legge 328 dopo la riforma del Titolo V della Costituzione, in Gori C. (a cura di).

Habermas J. (1998), Storia e critica dell’opinione pubblica, Roma-Bari, Laterza.

Istat (2001), Istituzioni nonprofit in Italia, Roma.

Istat (2005), Le organizzazioni di volontariato in Italia, documento on-line, www.istat.it.

Leccardi C. (2000), Responsabilità, in Melucci A. (a cura di), Parole Chiave, Roma, Carocci.

Licursi S. (2005), Il «civile» nello spazio urbano, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Magatti M. (2005), Il potere istituente della società civile, Roma-Bari, Laterza.

Marcello G. (2004), Il volontariato politico come esperienza di radicamento sociale, «Voci di strada», 2, pp. 45-68.

Marcello G. (2005), Radicamento e istituzionalizzazione, Soveria Mannelli, Rubbettino.

Nervo G. (1999), Dove va il volontariato?, in Bottaccio M. (a cura di).

Nervo G. (1978), Il volontariato come vocazione cristiana di servizio nel civile e nell’ecclesiale per il superamento dell’emarginazione, «Volontariato e Mezzogiorno», Caritas Italiana, Roma.

Pavolini E. (2003), Le nuove politiche sociali. I sistemi di welfare fra istituzioni e società civile, Bologna, il Mulino.

Pearce J.L. (1994), Volontariato, Milano, Raffaello Cortina Editore.

Pesaresi F. (2003), La governance dei piani sociali di zona, «Prospettive sociali e sanitarie», 20, pp. 1-7.

Putnam R. D. (2004), Capitale sociale e individualismo, Bologna, il Mulino.

Ranci C. (2006), Il volontariato, Bologna, il Mulino.

Ranci C. (2004), Le sfide del welfare locale. Problemi di coesione sociale e nuovi stili di governance, «Territorio. Rivista trimestrale del Dipartimento di Architettura e Pianificazione», 31, pp. 7-15.

Ranci C. (1999), Oltre il welfare state, Bologna, il Mulino.

Ranci C., De Ambrogio U., Pasquinelli S. (1991), Identità e servizio, Bologna, il Mulino.

Ranci C., Frisanco R. (1999), Le dimensioni della solidarietà, Roma, Fondazione Italiana per il Volontariato.

Ranci Ortigosa E. (2004), I temi e lo scenario, in Gori C. (a cura di).

Revelli M. (2003), La politica perduta, Torino, Einaudi.

Rocchi S. (1993), Il volontariato fra tradizione e innovazione, Roma, Nis.

Sarpellon G. (1998), Dentro e fuori la società, Roma, Fivol.

Titmuss R. M. (1971), The Gift Relationship: From Human Blood to Social Policy, New York, Vintage Books.

Trigilia C. (a cura di) (1995), Cultura e sviluppo. L’associazionismo nel Mezzogiorno, Roma, Donzelli.

Torna su

Note

1 La necessità di un ritorno alle origini, al fine di confermare il nucleo valoriale essenziale del volontariato, sembra essere presente nel discorso interno al mondo del volontariato, come abbiamo potuto rilevare dalle comunicazioni emerse nella Conferenza Nazionale del Volontariato, tenutasi a Napoli dal 13 al 15 aprile 2007 (si veda, come per gli altri interventi cui si fa riferimento di seguito, il sito http://www.solidarietasociale.gov.it/SolidarietaSociale/eventi/eventovolontariato.htm [link non raggiungibile 01/12/2016]).

2 La ricerca di cui proponiamo i principali risultati ha ad oggetto le associazioni di volontariato in tre province calabresi ed è stata promossa dai centri servizi per il volontariato di Cosenza, Reggio Calabria e Crotone. Il saggio è il frutto di una riflessione condivisa e non ancora conclusa. Come, infatti, cerchiamo di chiarire di seguito, i dati e le informazioni che abbiamo a disposizione ci orientano a proseguire la ricerca, adottando una prospettiva di studio che valorizzi le specificità di alcune realtà associative «tipiche» e, così facendo, ci consenta di ottenere una conoscenza più nitida dei diversi pezzi di volontariato oggi esistenti. La stesura dei paragrafi che compongono questo saggio può, comunque, essere così attribuita: i paragrafi 1 e 5 a Sabina Licursi e Giorgio Marcello; i paragrafi 2 e 4 a Sabina Licursi, il paragrafo 3 a Giorgio Marcello.

3 L’ultima indagine Istat sulle associazioni di volontariato ci dice che la densità organizzativa (data dal numero di associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali rapportato alla popolazione residente) è pari a 2,2 per la Calabria rispetto ad un valore nazionale pari a 3,6 (Istat, 2005). Si veda anche il rapporto dell’Iref sull’associazionismo sociale e in particolare il saggio di Catania (2003), che pone la Calabria, così come le altre regioni meridionali, ai livelli più bassi in quanto a dotazione di capitale sociale civile.

4 Quando parliamo di bisogni delle associazioni facciamo riferimento a quella accezione di bisogno che indica «una mancanza di determinate risorse materiali o non materiali, oggettivamente o soggettivamente necessarie a un certo soggetto (individuale o collettivo) per raggiungere uno stato di maggior benessere o efficienza o funzionalità (…) rispetto allo stato attuale, sia essa sentita o accertata o anticipata dal medesimo soggetto, oppure da altri per esso» (Gallino, 1996, 74). Non si tratta di bisogni percepiti o sentiti dalle associazioni, ma di esigenze o priorità avvertite dai responsabili e individuate in relazione alle finalità perseguite e alle modalità operative adottate dalle singole realtà associative. Non si tratterà, quindi, solo di risorse materiali (come i contributi economici, i beni strumentali, ecc.), ma anche di risorse umane (volontari, professionisti, ecc.), relazionali (il rapporto con le altre realtà associative e/o di terzo settore, con le istituzioni, con la cittadinanza), culturali (la formazione nelle sue diverse accezioni).

5 In virtù di tale riforma, infatti, la legge quadro non ha più potere vincolante nei confronti delle Regioni. In particolare, possiamo evidenziare, che l’art. 117 della Costituzione, nella sua attuale formulazione, attribuisce alle Regioni la potestà legislativa (piena) in riferimento ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato. La materia socio-assistenziale non si colloca tra quelle riservate allo Stato. Su di essa le Regioni hanno pertanto potestà legislativa primaria. Di conseguenza, la L. 328 per esse non è più vincolante. La visione istituzionale della legge cui facciamo riferimento è coerente con la precedente versione dell’art. 117, cioè con un sistema di competenza concorrente (in un quadro di federalismo amministrativo, per cui le Regioni dovevano tener conto dei principi fondamentali posti dalla legge dello Stato) (Ranci Ortigosa, 2004). Si pone pertanto una questione di fondo: in che modo le Regioni utilizzeranno l’autonomia loro riconosciuta in materia? Si apre per ognuna di esse l’opportunità di predisporre legislazioni in materia più aderenti ai bisogni dei cittadini. Il rischio è che vengano predisposti sistemi di welfare locale che riproducano differenze già esistenti tra le diverse aree del paese. In questo quadro i Liveass (i livelli essenziali di assistenza, la cui determinazione compete allo Stato) diventano la chiave di volta del sistema (Gualdani, 2004).

6 Si può fare riferimento a questo proposito all’esperienza dei Piani di Zona, una delle novità più rilevanti della L. 328. Da alcune ricerche (si veda anche Pesaresi, 2003 e Demuru, 2006) emerge che «le Regioni, rispetto alla predisposizione dei piani di zona, stanno procedendo a velocità diverse: da chi ha anticipato la legge 328/2000 con una propria normativa sui piani di zona e sta passando alla loro nuova edizione per il secondo triennio, a chi si è attivato tempestivamente dopo l’approvazione della legge quadro, ponendo scadenze precise agli ambiti, ma sostenendoli anche con accompagnamento e linee guida intesi a favorire i processi di costruzione dei piani, a chi ha finora ignorato le indicazioni della legge quadro e non ha ancora, a tutt’oggi, effettuato alcun passo decisivo in questa direzione» (De Ambrogio, 2004, 102).

7 Potrà essere utile evidenziare che «il welfare regionale ha il suo tallone di Achille negli Enti locali comunali. Infatti, i 406 comuni calabresi, le 5 province, le Prefetture e le 11 ASL non hanno «splendidi» servizi sociali. Il personale risulta carente. Il servizio sociale dotato di personale idoneo numericamente si aggira sul 10% dei comuni. Il personale stesso, risponde a leggi chiare ma a pratiche e ordini di servizio convulsi e confusionari (eclatante è il caso delle equipe multidisciplinari)» (Panizza, 2004, 18).

8 Si tratta di circa 10 associazioni che rispondono di non avere volontari al proprio interno e/o di non essere attive oppure che mascherano attività lucrative.

9 I passi riportati nel paper sono seguiti da un codice, costituito dalla sigla identificativa della provincia, in cui è stato realizzato l’incontro, e da due numeri progressivi che indicano, rispettivamente, l’ordine di realizzazione del focus e l’identità dell’associazione.

10 La suddivisione temporale, che proponiamo di seguito, fa riferimento alle fasi che hanno caratterizzato il volontariato in Italia e questo giustifica la costruzione di classi eterogenee. Fino al 1975 si può parlare di una fase pionieristica del volontariato; dal 1976 al 1985 si è assistito ad un certo consolidamento del rapporto con le istituzioni; il quinquennio dal 1986 al 1990 precede una fase caratterizzata da un’intensa legislazione nazionale e regionale sul volontariato; tra il 1990 e il 1992 si registrano i primi significativi effetti della legge 266/91. Soprattutto nelle ultime due classi che abbiamo individuato notiamo la maggiore concentrazione. L’ultimo decennio ha visto una stabilità del quadro normativo nazionale di riferimento con un riconoscimento del ruolo del volontariato e del terzo settore, in particolare nella legislazione sociale. Per il contesto calabrese vale, tuttavia, quanto già evidenziato.

11 La città di Reggio si distingue rispetto alle altre due realtà urbane considerate per aver vissuto esperienze di impegno organizzato di risonanza nazionale: basti pensare alle prime esperienze in materia di affidamento familiare, avviate circa venti anni prima della L. 184/1983, e alla battaglia guidata negli anni ’70 da don Italo Calabrò per la chiusura dell’ospedale psichiatrico (Cipriani, 1999).

12 La somma delle percentuali indicate è superiore a 100 perché le associazioni potevano dare più di una risposta.

13 In base alla terza rilevazione Fivol sulle OdV le associazioni iscritte ai registri del volontariato istituiti a livello regionale sono 75 su 100 nel 2001, contro le 52 su 100 del 1997 (Fivol, 2002).

14 Riflettendo sul rapporto tra reti associative e produzione di capitale sociale, l’autore citato definisce bridging quei reticoli sociali che si aprono con fiducia, costruendo legami all’esterno dell’associazione e/o promuovendo l’inclusione di nuovi componenti: per Putnam «esempi di capitale sociale che apre sono i movimenti per i diritti civili, i numerosi gruppi giovanili di volontariato e le organizzazioni religiose ecumeniche» (Putnam, 2004, 21). Le organizzazioni bonding sono quelle che, al contrario, si limitano a rafforzare i vincoli comunitari esistenti, con potenziali effetti di chiusura nei riguardi di chi non appartiene al reticolo sociale considerato.

15 Il rapporto tra le Odv e la politica dovrebbe essere analizzato con riferimento ai singoli contesti. Nella Conferenza Nazionale del Volontariato, cui abbiamo già fatto riferimento, in uno dei gruppi di lavoro, sembra tuttavia emergere una più generale tensione tra volontariato e politica. L’idea di fondo condivisa dai partecipanti è che troppo spesso la politica delega alle OdV la realizzazione di servizi di welfare e nega loro la funzione di innovazione sociale che le caratterizza, non invitandole a partecipare alle fasi di concertazione delle politiche sociali.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Grafico 1 Periodo di costituzione delle OdV
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/858/img-1.jpg
File image/jpeg, 28k
Titolo Grafico 2 Perido di costituzione delle OdV per provincia
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/858/img-2.jpg
File image/jpeg, 36k
Titolo Grafico 3 I principali bisogni delle OdV
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/858/img-3.jpg
File image/jpeg, 56k
Titolo Tabella 1 Come la formazione potrebbe essere più efficiente per ampiezza delle OdV
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/858/img-4.jpg
File image/jpeg, 52k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Sabina Licursi e Giorgio Marcello, « Pezzi di volontariato. Una ricerca empirica sulle associazioni di volontariato calabresi », Quaderni di Sociologia, 47 | 2008, 35-67.

Notizia bibliografica digitale

Sabina Licursi e Giorgio Marcello, « Pezzi di volontariato. Una ricerca empirica sulle associazioni di volontariato calabresi », Quaderni di Sociologia [Online], 47 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 septembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/858 ; DOI : 10.4000/qds.858

Torna su

Autori

Sabina Licursi

Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica - Università della Calabria

Articoli dello stesso autore

Giorgio Marcello

Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica - Università della Calabria

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals