Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri46la società contemporanea / Come c...Presentazione

la società contemporanea / Come cambia il lavoro

Presentazione

Paola Borgna e Paolo Ceri
p. 3-5

Testo integrale

1Al centro della riflessione sociologica fin dalle origini della disciplina, il lavoro è oggi oggetto di analisi assai meno che in passato. In Italia, in particolare, impressiona la differenza tra l’impegno intellettuale e di ricerca profuso negli anni Sessanta e Settanta e quello dedicato dopo la metà degli anni Ottanta. A darne ragione contano certo i mutamenti intervenuti nella natura, nella posizione e nelle funzioni che il lavoro ha nella società – la si chiami post-fordista, post-industriale, post-moderna o in altro modo. Nondimeno, di trasformazioni si tratta, tanto rilevanti da richiedere, soprattutto in tempi di globalizzazione, un grande investimento in ricerca ed elaborazione teorica. Se ciò è avvenuto in misura modesta è da addebitare, riteniamo, anche a un fattore ideologico che, se in passato spingeva tanti sociologi a occuparsi del mondo del lavoro, li ha poi indotti a disinteressarsene: la disposizione a selezionare e formulare i temi e gli interrogativi di ricerca con riferimento a un soggetto e non a una struttura di rapporti e relazioni sociali. Venuta meno la credenza nel ruolo storico-politico della classe operaia, la ricerca si è concentrata su altri temi e soggetti.

2I «Quaderni di Sociologia» hanno inteso dare, negli anni, un contributo volto sia a contenere e contrastare l’influenza dell’ideologia sulla ricerca, sia a colmare il deficit di conoscenza sulle trasformazioni del lavoro. Ma l’apporto e l’insegnamento più significativi sono venuti – è opinione ampiamente condivisa – dalla produzione scientifica del suo direttore. Sviluppata nell’arco di un cinquantennio con continuità, rigore e originalità esemplari, essa ha dotato tanto la sociologia di strumenti concettuali e di analisi, quanto la società italiana di conoscenze insostituibili. È per questa ragione che nel dedicare una giornata di studio in onore di Luciano Gallino, in occasione del suo ottantesimo compleanno, è stato scelto il tema «Come cambia il lavoro». Un contributo alla sua esplorazione è venuto dalle relazioni – che proponiamo in questa sezione monotematica e delle quali si dirà più avanti – presentate da studiosi di vaglia appartenenti alla sociologia, all’economia, al diritto: a testimoniare il ruolo esercitato da Gallino nella comunicazione interdisciplinare e nell’accreditare la sociologia presso altri pubblici, accademici e non.

3Ma se suscita ammirazione una produzione che spazia – per citare solo alcuni temi – dall’azienda processiva allo sviluppo delle aree depresse, dalla qualità del lavoro ai cambiamenti organizzativi, dalle trasformazioni del capitalismo manageriale al lavoro flessibile, non impressiona meno la latitudine culturale dentro e oltre il campo delle scienze sociali che, unita alla sistematicità e al rigore che distinguono il sociologo torinese, ha attratto schiere di allievi e alimentato duraturi incontri e scambi intellettuali. Ne hanno reso specifica testimonianza, nella giornata a lui dedicata (a Torino il 21 giugno 2007), i numerosi interventi di allievi e colleghi di varie discipline.

 

4I saggi che qui presentiamo ruotano attorno a temi e interrogativi relativi al lavoro che la riflessione più recente di Gallino ha sollevato in riferimento ai processi di globalizzazione: la competizione mondiale tra economie e settori produttivi; il rapporto dell’organizzazione economica e sociale con lo spazio; la perdita di centralità del lavoro; gli andamenti del mercato del lavoro italiano, anche in comparazione con quelli degli altri paesi europei.

5È l’analisi di Mario Deaglio a disegnare la mappa della produzione industriale mondiale che descrive il rapido mutare nei pesi produttivi a favore di paesi un tempo ritenuti arretrati –il cosiddetto «capovolgimento economico» del mondo. La possibilità concreta di ampie fasce della forza lavoro dei paesi a medio e basso reddito di spostarsi da settori produttivi tradizionali a settori a più elevata produttività conferisce ai paesi medesimi un enorme potenziale di aumento della produzione. I rischi di frammentazione economica e di segmentazione sociale nel mondo del lavoro, legati anche alle trasformazioni organizzative, afferma Deaglio, pongono severi quesiti a economisti e sociologi riguardo alla possibilità che la società terziarizzata del XXI secolo non sia in grado di rispondere alle aspirazioni di uguaglianza della seconda metà del secolo che l’ha preceduto.

6Nel quadro delle profonde ripercussioni che la globalizzazione, con il suo carattere mobile e volatile, esercita sull’organizzazione del lavoro a livello spaziale, Arnaldo Bagnasco attira l’attenzione sulle tendenze alla regionalizzazione. Si tratta di tendenze nell’organizzazione sociale non ancora ben indagate, di processi di «ricentraggio» dell’organizzazione sociale nello spazio a scale diverse – dalle trading room ai distretti industriali di piccola impresa, ad altri sistemi locali di produzione o di servizi, a città, aree metropolitane, regioni – di cui occorre osservare i vantaggi, almeno tanto quanto quelli della mobilità e delle relazioni a distanza. Potremmo così vedere come la globalizzazione non abbia necessariamente effetti di liquefazione dell’organizzazione sociale.

7Un esito rilevante della grande trasformazione economica in atto dal 1980 in poi è la riduzione della quota del Pil distribuita ai redditi da lavoro in tutti i paesi sviluppati, in Italia e nei paesi dell’Europa continentale in misura più marcata che altrove. È l’evidenza empirica che Alberto Baldissera richiama per affermare che, in pochi decenni, l’idea della «centralità del lavoro» si è progressivamente appannata. Oltre a diversi fattori della globalizzazione (in primis, la globalizzazione del lavoro), vi hanno contribuito le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione (che risultano avere l’impatto più forte sulla contrazione della quota riservata al lavoro) e le politiche del lavoro attuate dai governi nazionali. Baldissera si sofferma poi su alcuni problemi – un sistema pensionistico fortemente deficitario, una tradizione storica di illetteratismo, un sistema scolastico poco efficace ed efficiente – ai quali i governi italiani non sono stati in grado di fornire soluzioni adeguate. Tali eredità contribuiscono a spiegare la specificità della situazione italiana e pongono gravi questioni di equità intergenerazionale.

8Della progressiva e recente espansione di una ‘zona grigia’ tra autonomia e subordinazione nel mercato del lavoro italiano, caratterizzato da un disallineamento della consistenza del lavoro autonomo rispetto ai paesi più sviluppati dell’Unione europea, Massimo Roccella fornisce un’analisi guidata dalle categorie analitiche del diritto del lavoro. L’interpretazione in chiave post-fordista del fenomeno, che ne attribuisce l’espansione alla ricerca di forme flessibili d’integrazione fra imprese e lavoro, non inquadrabili negli schemi giuridici consolidati e irriducibili all’alternativa secca autonomia/subordinazione, non consente di distinguere tra novità effettive e vecchie pratiche di elusione delle regole, che spesso hanno preso la forma del ricorso all’impiego di (falso) lavoro autonomo. Roccella ricostruisce il filo di continuità che lega le proposte delle ultime tre legislature, finalizzate a inquadrare giuridicamente una tipologia intermedia di rapporto di lavoro, né propriamente subordinato né integralmente autonomo.

 

9La comprensione della natura inedita quanto ambivalente delle trasformazioni messe a fuoco nei quattro saggi chiede alla sociologia un rinnovato impegno di analisi del lavoro nelle sue connessioni con l’economia e la società.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paola Borgna e Paolo Ceri, « Presentazione »Quaderni di Sociologia, 46 | 2008, 3-5.

Notizia bibliografica digitale

Paola Borgna e Paolo Ceri, « Presentazione »Quaderni di Sociologia [Online], 46 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 octobre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/875; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.875

Torna su

Autori

Paola Borgna

Articoli dello stesso autore

Paolo Ceri

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search