Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri46la società contemporanea / Come c...Il lavoro industriale in un mondo...

la società contemporanea / Come cambia il lavoro

Il lavoro industriale in un mondo capovolto: interrogativi e sfide

Work in a topsy-turvy world: challenges and problems
Mario Deaglio
p. 7-21

Abstract

The global economy is undergoing extremely rapid structural changes that force researchers to qualify and redefine basic concepts. This paper does not purport to give answer but rather to raise questions. It shows how shifts in GDP and industrial production shares have fundamentally altered the shape of the world economy in the first years of the new century, so that more the share of middle income countries (which include China) in world industrial production has overtaken the share of high income countries. In the meantime the nature of work has altered significantly: human capital can no longer be defined merely in terms of technical skills but increasingly includes elements such as risk-taking and leadership; output is less strictly dependent upon input of work and production is shifting from excludable to non excludable goods. It can therefore be argued that present day work may be fundamentally different in qualitative terms from the traditional category of work employed by economists and sociologists.

Torna su

Testo integrale

Introduzione

1Si parla spesso di mutamenti climatici subitanei e improvvisi. In realtà, i mutamenti avvenuti dopo l’inizio del XXI secolo nel quadro economico mondiale, nel peso relativo dei fattori produttivi e dei singoli paesi o gruppi di paesi sono ancora più rapidi. L’orizzonte economico internazionale ribolle di novità, impone puntualizzazioni e ridefinizioni, rimette in discussione paradigmi da lungo tempo assodati. Questo breve saggio parte dalla constatazione che è in atto un velocissimo «capovolgimento economico» del mondo, con il rapido mutare nei pesi produttivi a favore di paesi un tempo ritenuti arretrati, del ruolo dei fattori nei processi produttivi.

2È pertanto necessario ridisegnare – in via ancora provvisoria, visto che il cambiamento dei pesi è ben lungi dall’esser terminato – la mappa della produzione mondiale in modo da tener conto della drastica riduzione, in certi casi dell’annullamento, del costo della distanza e della conseguente disseminazione su tutto il territorio del pianeta di unità produttive un tempo fortemente accentrate; dell’importanza sempre maggiore di un settore terziario di tipo nuovo nel quale la produttività del lavoro cresce con grande rapidità; dell’affermarsi di sistemi produttivi che utilizzano in modo nuovo lavoro e capitale fino a incidere profondamente sulla natura di entrambi.

3Tutto ciò determina un senso di vertigine, fa sorgere una lunga lista di questioni aperte, un inventario di problemi e di interrogativi. È illusorio pensare di risolverli rapidamente, sarebbe già una buona cosa riuscire a inquadrarli sommariamente, a individuare alcuni tra gli interrogativi e le sfide più importanti che essi pongono a chi si occupa di scienze umane. Si tratta, insomma, di provare a fare succintamente il punto su questo concitato primo decennio del XXI secolo che pare caratterizzarsi, quanto meno nei paesi ricchi, per fragilità, incertezza e perdita di punti di riferimento.

1. Il capovolgimento dell’industria mondiale

  • 1 Cfr. World Bank, World Development Indicators database, 14 Settembre 2007.

4Nei confronti produttivi internazionali appare ormai sempre meno realistico l’uso dei tassi di cambio, sia pure corretti con il metodo ATLAS della Banca Mondiale. Il panorama produttivo del mondo cambia radicalmente se si adotta invece la correzione PPP (purchasing power parity), ormai largamente adoperata anche dalla stessa Banca Mondiale. Basti pensare che per il 2006 il reddito per abitante della Cina risulta pari a 2010 dollari con il primo metodo e a 7740 con il secondo1. Tutti i metodi di valutazione della produzione, dal livello aziendale fino a quello macroeconomico globale, contengono un elemento di arbitrio e non possono essere considerati specchi fedeli della realtà, così come neppure le carte geografiche più perfette sono del tutto prive di deformazione; il maggior realismo della seconda valutazione è confermato da una grande quantità di evidenze aneddotiche sul peso dei vari paesi nella produzione di singoli settori.

5La radicata abitudine a effettuare confronti internazionali sulla base del tasso di cambio ha impedito a lungo di prendere piena coscienza del mutamento in atto. Esso appare però in tutta la sua evidenza da una gran quantità di studi recenti, quali Maddison (2003) e Fisher (2006). Da quest’ultimo lavoro si evince che la quota dei paesi avanzati nel 2001 era pari soltanto al 57,5 per cento del prodotto lordo mondiale misurato con la correzione PPP mentre sulla base dei tassi di cambio la quota si avvicinava al 75 per cento. In entrambi i casi essa appariva in continua diminuzione e tale movimento non può certo dirsi terminato: proiettando in avanti, la crescita del prodotto lordo dei grandi aggregati dell’economia mondiale secondo un ventaglio di tassi di crescita del prodotto lordo che rappresentino il ragionevole proseguimento dell’esperienza dell’ultimo decennio (evitando cioè punte occasionali) è facile verificare che l’economia cinese raggiungerà le dimensioni di quella dell’Unione Europea in un qualche anno compreso tra il 2020 e il 2030 e quelle degli Stati Uniti attorno al 2030-35.

6Il capovolgimento pare già essersi verificato nell’industria. Sempre elaborando i dati del World Development Indicators database della Banca Mondiale, si ottengono i risultati presentati in figura 1.

7Tenendo conto della relativa imprecisione delle statistiche si può concludere che i paesi a reddito medio (segnatamente la Cina, con l’aggiunta del Messico e della Russia) hanno superato i paesi ad alto reddito nella produzione industriale attorno al 2005; se a questi si aggiungono i paesi a basso reddito (che comprendono potenze industriali come l’India e il Brasile), tale sorpasso è avvenuto qualche anno prima, attorno all’inizio del XXI secolo. Questa conclusione è confortata dalla scomposizione dell’aumento produttivo dell’industria mondiale: nell’ultimo anno disponibile (2003) esso è stimabile in 580 miliardi di dollari: 320 di origine cinese, 50 di origine indiana, 70 derivanti da Brasile, Indonesia e Russia. Solo 112 provenivano dai paesi avanzati.

  • 2 Fonte: Interworldstats.com [link non più attivo 09/12/16].
  • 3 Cfr. «People’s Daily», 15 febbraio 2007.

8Altre indicazioni aneddotiche in questo senso derivano dall’esame di Internet, non più uno straordinario sistema di informazione e comunicazione tipico dei paesi avanzati e in particolare dei paesi anglosassoni: nel 1997 sei utenti di Internet su dieci erano nord-americani mentre agli inizi del 2007 su un numero decuplicato di utenti i nordamericani sono solo due su dieci. In quanto ad allacciamenti, compresi i più moderni sistemi a banda larga, la Corea del Sud, con 33,9 milioni, supera Italia e Francia che entrambe sfiorano i 31 milioni, mentre ci sono più collegamenti internet in Vietnam (14 milioni) e in Malaysia (11 milioni) che nei Paesi Bassi, nei quali pure il tasso di penetrazione è fortissimo. L’inglese è ancora prevalente su Internet ma i siti in inglese sono scesi a poco più di un terzo dei siti totali, mentre al secondo posto si colloca fermamente il cinese, con circa il 15 per cento, seguito dalla spagnolo che sfiora il 10 per cento2. Ancora: nel febbraio 2007, il numero dei telefoni cellulari operanti in Cina si avvia a superare il mezzo miliardo3 e in gennaio il Brasile aveva superato i cento milioni su una popolazione di circa 190 milioni di abitanti.

Figura 1 Quote sulla produzione totale mondiale

Figura 1 Quote sulla produzione totale mondiale

Fonte: elaborazione di dati World Bank Indicators 2007.

  • 4 Elaborazione su dati della Semiconductor Industry Association. Cfr: AA.VV., A cavallo della tigre. (...)

9Un’altra evidenza aneddotica è rappresentata dalle vicende dell’industria dei semiconduttori, vera «materia prima» dell’elettronica. Nel 1980, oltre il 90 per cento del fatturato di questo settore derivava da unità produttive situate nelle tradizionali aree avanzate, e cioè in America, (con circa la metà della produzione totale) Europa Occidentale e Giappone. All’inizio degli anni novanta il settore vive la sua prima, grande trasformazione: il Giappone supera America ed Europa mentre compaiono per la prima volta in misura rilevante – con una quota attorno al 15 per cento – aree esterne ai paesi di industrializzazione tradizionale. Gli anni novanta vedono la fine del boom giapponese e una piccola ripresa di quota per Europa e America, mentre i paesi nuovi raggiungono all’incirca un quarto del totale. Infine, nel 2006, la quota dei paesi nuovi (si tratta prevalentemente di Taiwan, Cina e Malaysia) si avvia a rappresentare la metà della produzione mondiale4.

  • 5 Cfr. «Il Sole 24 Ore», 10 ottobre 2006, p. 4.

10In un altro settore industriale tipico, quello dell’auto, l’Asia conosce uno sviluppo vorticoso, sovente con forme di joint venture tra produttori dei paesi ricchi e produttori locali, i quali cominciano a sviluppare modelli propri e a pensare a esportazioni massicce nei paesi tradizionali. È il caso della Cina, passata da una produzione di circa seicentomila veicoli negli anni novanta a oltre tre milioni di auto (e divenuta esportatore netto nel 2006), mentre da tempo società della Corea del Sud sono presenti sui mercati mondiali. Si realizza inoltre uno spostamento (questo, sì, con prevalente natura di delocalizzazione) dall’Europa Occidentale a quella Centrale e Orientale per una capacità produttiva stimata in circa 1,6 milioni di veicoli l’anno5. E il quadro non è sostanzialmente diverso negli autocarri pesanti e leggeri. Nella produzione mondiale di televisori, sono i cinesi ad aver conquistato da qualche anno il primo posto, con circa il 35 per cento della produzione mondiale, seguiti da altri paesi asiatici.

11La velocità del cambiamento è venuta aumentando fortemente come si può osservare nella figura 2 che mostra i mutamenti percentuali annuali delle quote di produzione industriale rappresentate nella figura 1 (espresse in medie mobili quinquennali – centrate sull’ultimo anno – per eliminare mutamenti di tipo occasionale o congiunturale).

12Fin quasi alla fine degli anni novanta, la perdita di quota dei paesi ad alto reddito sulla produzione industriale mondiale era assai piccola: passò dal 65,4 per cento del 1975 al 60,1 per cento del 1985 e al 56,2 per cento del 1995, con una perdita di 9,1 punti percentuali, ossia del 13,9 per cento in vent’anni. Dal 1995 al 2006 i paesi ad alto reddito passarono dal 56,1 per cento al 43,4 per cento con una perdita di 12,7 punti percentuali, ossia del 22,6 per cento in undici anni. La perdita di peso industriale, come mostrano chiaramente le due figure sopra citate, ha subito un’accelerazione improvvisa dopo il 1998. I paesi a basso reddito, dal canto loro, partivano da quote bassissime (4,2 per cento nel 1975) e pertanto i loro elevati tassi di crescita non sono molto significativi. Va ad ogni modo rilevato che nel nuovo secolo anche la loro crescita ha subito un’accelerazione di tutto rispetto: tra il 1996 e il 2006 la loro quota è passata dal 7,1 per cento al 9,6 per cento, con l’aumento di circa un terzo.

Figura 2 Variazione della quota sulla produzione totale mondiale (media mobile quinquennale delle variazioni percentuali annuali sull’anno precedente)

Figura 2 Variazione della quota sulla produzione totale mondiale (media mobile quinquennale delle variazioni percentuali annuali sull’anno precedente)

Fonte: elaborazione su dati World Bank Indicators 2007.

  • 6 Irlanda (18,4 per cento); Singapore (13,2 per cento); Canada (9,8 per cento); Nigeria (8,6 per cent (...)

13Non si può accettare la conclusione rassicurante, spesso avanzata da analisti finanziari, che tutto ciò sia dovuto prevalentemente alla delocalizzazione di industrie dei paesi ricchi. Il Bureau of Economic Analysis, l’ente governativo che elabora i conti nazionali degli Stati Uniti, studia periodicamente il peso delle multinazionali americane sul prodotto lordo dei paesi in cui sono presenti. I suoi dati più recenti6 mostrano una presenza rilevante, tra i grandi paesi, soltanto in Canada e nel Regno Unito. In Cina e India tale quota è rispettivamente pari allo 0,6 e allo 0,4 per cento. Che l’aumento produttivo derivi largamente da imprese locali e non da società controllate da multinazionali straniere si evince indirettamente dall’esame degli investimenti e delle acquisizioni delle multinazionali di quei paesi che mostrano un livello tecnologico e organizzativo in rapidissima crescita e una grande capacità di iniziativa: diverse decine di miliardi di dollari sono stati spesi, nel corso del 2007, da parte di queste grandi società e dei cosiddetti «fondi sovrani», in cui Cina, Russia e altri paesi hanno concentrato una parte delle proprie riserva valutarie, per acquistare banche imprese industriali dei paesi ricchi. L’innovazione tecnologica derivante da fonti locali sta rapidamente acquistando importanza nelle strutture produttive di quei paesi.

  • 7 Tra la metà del 2006 e la fine del 2007 due grandi società indiane, Mittal e Tata, hanno acquistato (...)

14La forte modificazione strutturale in atto si può riassumere in questa semplice frase: non siamo più noi a comandare. Industria non fa più necessariamente rima con Occidente, con paesi ricchi, con Europa, Stati Uniti e Giappone. Le decisioni importanti su come, quanto, perché e per chi produrre non sono più prese soltanto nei soliti luoghi, o, si potrebbe dire, nei soliti salotti, sulle solite piazze finanziarie. Le riserve dei paesi emergenti lasciano sempre più frequentemente il problematico riparo del dollaro e vanno ad acquistare direttamente grandi imprese dei paesi avanzati7.

2. La forza lavoro mondiale e il nuovo modo di produrre

15Che ruolo riveste il lavoro in tutto questo? È naturalmente molto difficile dare una risposta ma il problema deve essere posto. Le soluzioni adottate nel secolo scorso nel mondo industriale nell’organizzare il lavoro e la società che gli sta attorno non sono necessariamente valide nell’attuale, mutevole panorama dell’occupazione mondiale.

16La tabella1 rappresenta una sintesi delle conoscenze, ancora molto carenti, sulla consistenza delle forze di lavoro e dell’occupazione mondiale nei primi anni del nuovo secolo. Strutturalmente non ci sono molti cambiamenti rispetto a dieci o vent’anni fa: la popolazione in età lavorativa è sempre compresa all’incirca tra il 60 e il 70 per cento della popolazione complessiva, e le forze di lavoro sono sempre all’incirca i tre quarti della popolazione in età lavorativa. La quota dei paesi avanzati è scesa dal 20 al 16 per cento circa, riflettendo la più vasta dinamica della popolazione.

17La vera differenza sta nella possibilità concreta di ampie fasce della forza lavoro dei paesi a medio e basso reddito di spostarsi da settori produttivi tradizionali e collocarsi in altri settori di ben più elevata produttività, determinando così un tasso naturale di crescita estremamente elevato per l’economia di quei paesi. Qualcosa di simile, in proporzioni molto ridotte, si verificò durante il «miracolo economico» italiano degli anni cinquanta e sessanta con la migrazione di oltre dieci milioni di persone dal Mezzogiorno verso il «triangolo industriale» e verso la Germania, la Francia e il Belgio.

Tabella 1 Indicatori di popolazione e occupazione

W

H

M

L

a) Popolazione totale

6437

1010

3074

2352

b) Popolazione in età 15-65

4152

677

2081

1395

b) / a)

0,64

0,67

0,68

0,59

c) forze di lavoro

3027

493

1569

965

c) / b)

0,73

0,73

0,75

0,69

d) occupati

…..

448

1476

…..

e) disoccupati e in cerca di 1^ occ.

35

93

…..

tasso di disoccupazione e) / d)

..

0,06

0,07

Fonte: elaborazione su dati World Bank Indicators 2007. W = totale mondiale. H = paesi ad alto reddito.
M = paesi a medio reddito. L = paesi a basso reddito secondo le definizioni World Bank

18In Cina ogni anno una cifra stimata tra i 10 e 15 milioni di persone lasciano occupazioni tradizionali per lavori moderni a ben più elevata produttività e migrazioni analoghe si verificano in India, Brasile e in buona parte dei paesi non ricchi. Il potenziale di aumento della produzione è semplicemente enorme. Se si calcola che le forze di lavoro dei paesi ricchi ammontano a poco meno di mezzo miliardo di persone e che il totale dei lavoratori cinesi dei settori tradizionali è all’incirca equivalente, si giunge alla conclusione che lo spostamento di questi lavoratori verso i settori moderni sarebbe in grado di provocare un aumento produttivo pari a tutta la produzione attuale dei paesi ricchi.

19Non è certamente detto che la produzione, largamente composta di beni immateriali, avvenga in fabbriche o, in ogni caso, con l’organizzazione produttiva della fabbrica, la quale, del resto, sta cambiando profondamente. Per rendercene conto, immaginiamo una lavorazione industriale composta, per semplicità, di quattro fasi successive; nel modello industriale classico (figura 3) queste fasi erano collocate in serie e l’elevato costo dei trasporti rendeva inevitabile la loro localizzazione contigua. Le economie di scala richiedevano produzioni uniformi ed elevate. Nasce così il grande stabilimento, attorno al quale, a una distanza che consenta ai lavoratori il percorso abitazione-stabilimento in tempi ragionevoli, si forma la città industriale: all’industria affluiscono le materie prime e dall’industria escono i prodotti finiti che devono essere distribuiti alla clientela.

Figura 3 Il modo di produzione industriale classico

Figura 3 Il modo di produzione industriale classico

20L’organizzazione della fabbrica comporta un elevato grado di gerarchizzazione, in grado di garantire l’esecuzione di procedure rigide, indispensabili per fare operare efficientemente un insieme di macchine dalle funzioni ripetitive; all’interno della fabbrica il rispetto degli ordini, la diligenza, il mantenimento o miglioramento dei ritmi produttivi rappresentano una netta priorità. Attorno alla fabbrica si crea una stratificazione sociale chiara, ordinata e basata su un consenso implicito.

21Nel modo di produzione industriale avanzato, le macchine «intelligenti» in grado di «ricordare» e quindi di variare le varie fasi dei processi produttivi permettono di raggiungere il punto di pareggio, o di break even, con serie più piccole e con numerose varianti locali dei prodotti base. Continuando con l’esempio precedente, è ora possibile raggiungere lo stesso livello produttivo con quattro unità decentrate, di dimensioni ovviamente assai più piccole dello stabilimento classico, collegate con la direzione mediante linee di comunicazione rapidissime e a bassissimo costo che consentono interventi diretti e un controllo costante. Le quattro unità possono scambiarsi informazioni, semilavorati e prodotti finiti in base alle indicazioni della direzione (figura 4); il costo del prodotto è, di regola, inferiore a quello del caso precedente.

22All’interno delle unità produttive i livelli gerarchici sono in numero inferiore e si osserva una certa sovrapposizione delle mansioni che può consentire a un lavoratore di svolgere occasionalmente compiti che non sono strettamente i suoi. L’enfasi è sull’interpretazione degli ordini, la segnalazione di anomalie e di errori (il classico esempio è il mitico operaio giapponese che, premendo un pulsante, può bloccare la produzione) lo spirito di squadra.

Figura 4 Il modo di produzione indistriale avanzato

Figura 4 Il modo di produzione indistriale avanzato

23Questo secondo modo di produzione non dà luogo a enormi concentrazioni industriali e non determina quella solida ripartizione sociale che è normalmente associata con i grandi stabilimenti. Si tende sempre più a operare una rigida distinzione tra lavoratori che svolgono funzioni considerate vitali, ai quali viene richiesto di identificarsi con l’azienda, e ai quali vengono offerte garanzie di continuità lavorativa, premi e incentivi e lavoratori considerati non essenziali, utilizzati (e spesso pagati) in maniera più o meno discontinua. Attorno a queste unità produttive non coagulano facilmente ceti sociali, si osservano accenni di instabilità; per i lavoratori del secondo tipo i redditi sono precari e i piani di vita a lungo termine risultano difficili. Il tutto si traduce, tra l’altro, nella crescita di periferie anonime, disordinate e potenzialmente violente.

24Un avanzamento tecnologico può così tradursi in un netto deterioramento sociale in grado di minare le basi stesse dei processi produttivi e di conferire ai moderni sistemi produttivi una peculiare instabilità. Basti pensare che il sistema deve far conto su un insieme di fattori che lo rendono particolarmente vulnerabile: la possibilità di produrre a basso costo è collegata alla riduzione del magazzino e quindi all’affidabilità di un sistema di trasporto e consegna; è collegata altresì all’eccellenza delle comunicazioni e alla possibilità di mantenere riservato il contenuto delle comunicazioni stesse. Autotrasportatori e hacker hanno negli ultimi anni creato serie crisi a questi sistemi produttivi.

25La costruzione di una società «solida» costituisce probabilmente un presupposto perché un sistema democratico possa operare efficacemente. Difficilmente una società solida del futuro potrà ancora poggiare sui grandi stabilimenti; il che pone a economisti e sociologi una serie di interrogativi che accomunano le incerte prospettive della produzione e della democrazia. Alcuni di questi interrogativi verranno esaminate nel paragrafo seguente.

3. I mutamenti nella natura del lavoro: sette interrogativi per economisti e sociologi

261) La frammentazione dell’attività lavorativa porta alla frammentazione economica e sociale? Quest’interrogativo discende direttamente dalle considerazioni svolte nel paragrafo precedente. È possibile oggi l’esistenza di un sistema economico di grandi dimensioni senza un nucleo industriale al suo centro? Si apre qui un amplissimo campo d’indagine su quanto stia realmente succedendo nei paesi «deindustrializzati», prima fra tutti la Gran Bretagna che si è «liberata» del suo passato industriale, concentra la crescita nei servizi finanziari, nel turismo, nei trasporti e nelle comunicazioni e mantiene solo alcune nicchie molto avanzate di produzione manifatturiera.

27Appare importante cercare di comprendere se, in questo contesto, attività che presentano caratteri «industriali» in quanto a organizzazione della produzione ma non producono beni materiali bensì servizi intermedi o finali (e non hanno quindi magazzini di materie prime da riempire, magazzini di prodotti finiti da svuotare, linee di produzione da gestire) possano avere lo stesso impatto «unificante» sull’economia e sulla società che è stato sommariamente ricordato per le industrie tradizionali. Rientrano in questa categoria soprattutto il trasporto aereo, con i suoi hubs nei quali si concentrano non solo gli arrivi e le partenze di una data compagnia aerea, ma anche la manutenzione, l’istruzione dei piloti, l’organizzazione e l’assicurazione dei voli; la scrittura di programmi di software, assai facilitata se i «cervelli» lavorano a stretto contatto di gomito; la costruzione e la gestione di prodotti finanziari come i fondi di investimento e i fondi pensione. Non a caso la terminologia inglese considera industries tutte queste attività produttive, il che fornisce una prima risposta implicita, ma un maggior approfondimento è senz’altro auspicabile.

28Sarebbe ugualmente auspicabile uno studio approfondito del disagio urbano, con particolare riguardo alle periferie e andrebbe verificata l’esistenza di un collegamento tra disagio urbano e deindustrializzazione, nel senso stretto del termine e in quello più lato usato qui sopra.

 

292) L’attenuazione del collegamento diretto tra lavoro e prodotto. In un’organizzazione fordista del lavoro il rapporto tra l’attività di ogni singolo lavoratore e il risultato di quest’attività è stabilito con estrema precisione, in termini di secondi per ogni operazione. L’esperienza delle «isole» di produzione ha lievemente allentato questo vincolo, soprattutto sostituendo al lavoratore una squadra o gruppo di lavoro. La relazione tra quantità di lavoro e quantità di prodotto sembra poi svanire del tutto in molte esperienze moderne in cui il lavoratore assume soprattutto la funzione di supervisore, sorvegliante, manutentore di un processo produttivo largamente automatizzato. Il medico di turno deve essere presente al pronto soccorso anche se nessun caso richiede le sue attenzioni; il poliziotto deve garantire la sicurezza e il magistrato l’esercizio della giustizia anche in assenza di specifici episodi criminosi o di specifiche liti.

30L’attenuazione del collegamento è ancora maggiore se si considera che le risorse necessarie di gran parte delle produzioni caratterizzanti l’economia attuale devono essere impiegate (e i relativi costi sostenuti) prima dell’inizio della produzione stessa. Per molti prodotti elettronici il costo marginale di produzione è pari a zero oppure quasi trascurabile. Proprio perché quasi trascurabile, le retribuzioni di coloro che partecipano all’attività diretta di produzione tendono a perdere terreno relativamente all’attività di chi progetta, dirige, controlla.

31Appare oggi carente, sia in campo economico sia in campo sociologico, la teorizzazione di questa nuova e diversa posizione del lavoro e della società che vi sta dietro. Eppure, senza superare questo snodo sembra difficile giungere a risultati importanti su molti problemi sociali economici odierni relativi ai salari, ai consumi, alla sicurezza di vita.

 

323) La natura del capitale umano. Tradizionalmente si intende per «capitale umano» una somma di nozioni e abilità di natura tecnica (know how) applicabili al processo produttivo. Si è data pertanto poca attenzione a particolari elementi qualitativi quali la capacità di prendere iniziative e di esercitare la leadership, di accollarsi un rischio, di coordinare il lavoro altrui. Queste caratteristiche sono oggi estremamente rilevanti, al punto che molte scuole per manager, tra cui la celebratissima Harvard Business School ne fa oggetto di insegnamento.

33La nuova versione del capitale umano sembra avere maggiore attinenza con qualità innate dell’individuo: qualcuno imparerà a esercitare la leadership grazie a un corso alla Harvard Business School, altri non avranno bisogno di alcun corso, altri ancora non impareranno mai perché manca loro la «stoffa» del leader. Anche in questo caso, sia pure in un diverso contesto, si ripresenta il problema enunciato al punto 2), ossia la mancanza di un collegamento certo, in questo caso non già tra lavoro e prodotto bensì tra istruzione (o apprendimento) e lavoro.

34Le qualità innate di leader, non solo a livello di grande manager ma anche in posizioni di più basso rango nelle quali sia necessario operare delle scelte e assumersene la responsabilità, non sarebbero quindi, in prima approssimazione, facilmente riproducibili. Chi le possiede gode di una rendita di posizione e le sue elevate remunerazioni si spiegherebbero in virtù di tale rendita. Ma le cose vanno proprio così dal punto di vista della produzione? E questo non può significare una netta suddivisione tra un’élite (apparentemente?) dotata di queste qualità e il resto dei cittadini che ne sono privi?

 

354) La crescente produzione di beni «non escludibili». La fruizione da parte di un individuo di una mela, un’auto o un libro fa sì che gli stessi mela, auto e libro non possano essere contemporaneamente (e nel caso della mela neppure successivamente) fruiti da altri individui; sono perciò beni «escludibili» secondo la terminologia economica corrente. Una caratteristica della domanda globale attuale è invece la crescente presenza dei cosiddetti «beni non escludibili», quasi sempre di carattere immateriale, come uno spettacolo o un software elettronico.

36La forte presenza di beni non escludibili segnala un altro «capovolgimento» in quanto tale tipo di beni modifica radicalmente le condizioni del mercato. Si supponga, a esempio, che non esistano sistemi di riproduzione musicale e che, per conseguenza, un concerto possa essere ascoltato soltanto da coloro che fisicamente vi partecipano: la domanda di musica potrà essere soddisfatta da un’offerta diversificata di orchestre, direttori, cantanti di varia capacità. L’introduzione della riproduzione sonora distrugge la condizione di escludibilità in quanto fa sì che tutti possano, sia pure con qualche differenza qualitativa, godere di una particolare rappresentazione musicale senza parteciparvi direttamente ma seguendola per radio, per televisione, mediante un CD o un DVD.

37Questo significa che l’offerta diviene sempre meno diversificata e che è molto probabile che nessuno si prenda la briga di pagare per ascoltare musica che non sia di ottima qualità. Tutto ciò distrugge molte capacità intermedie con conseguenze ancora tutte da verificare sul lavoro e sulla società. In prima approssimazione, come nel caso precedente, è possibile che si riscontri una tendenza a una dura segmentazione sociale tra i detentori di un capitale umano di qualità elevata e tutti gli altri, meno dotati e quindi sospinti senza pietà nella massa dei generici.

 

385) Il sorgere di un gigantesco Lumpenproletariat mondiale. Presi congiuntamente, i quattro interrogativi precedenti paiono delineare la possibilità di una futura società avanzata (forse non è più il caso di chiamarla «industriale» o «postindustriale») fortemente segmentata e non più in grado di recepire e realizzare le aspirazioni di uguaglianza della seconda metà del XX secolo.

39Questo timore acquista maggiore consistenza se si considera che la parte di gran lunga preponderante dei due miliardi e mezzo di lavoratori dei paesi a medio e basso reddito (nonché una parte crescente dei lavoratori dei paesi ricchi) possono essere chiamati a partecipare ai processi produttivi soltanto in posizioni secondarie e precarie. Sarebbero cioè una sorta di «esercito industriale di riserva» secondo la terminologia marxiana la cui stessa presenza garantirebbe salari bassi e manodopera eminentemente flessibile.

40In pratica, potrebbe verificarsi su scala mondiale quanto pare essersi verificato negli Stati Uniti a partire dagli anni novanta. Secondo l’interpretazione di Michael Mandel (2000), vi sarebbero in quel paese due differenti mercati del lavoro, il primo legato alla old economy, il secondo alla new economy e, più in generale, alle posizioni direttive. Nel primo prevarrebbero condizioni di mercato concorrenziale, nel secondo, pur non essendo del tutto assente la concorrenza, prevarrebbero le posizioni di rendita dei detentori di capitale umano di cui al punto 3).

41Nel primo mercato un imponente flusso immigratorio, legale e illegale (ma in questo secondo caso ampiamente tollerato) contribuirebbe a tener bassi i salari e flessibili le prestazioni; nel secondo i salari, pur flessibili per elementi quali i bonus e le stock options, sarebbero di entità nettamente superiore. Il divario tra le retribuzioni in questi due mercati appare crescente. Quest’interpretazione è coerente con l’evidenza della necessità delle famiglie americane di lavorare un numero maggiore di ore rispetto a dieci o quindici anni fa al solo scopo di mantenere il potere d’acquisto precedentemente raggiunto.

42Le dinamiche e le segmentazioni dei mercati del lavoro costituiscono così un amplissimo spazio per l’indagine economica e sociologica, che dovrebbe essere reso trasparente.

 

436) L’aumento della produttività relativa femminile. A complicare ulteriormente la situazione contribuisce un problema di genere. Le donne partono naturalmente svantaggiate sul mercato del lavoro per effetto della maternità che comporta un’interruzione o un rallentamento delle carriere e delle attività di lavoro. Tale interruzione o rallentamento è tanto più grave in quanto si verifica nell’età in cui il capitale umano si perfeziona e fornisce i frutti migliori in termini di creatività. Un simile svantaggio è stato controbilanciato nel corso del XX secolo da appositi meccanismi di assicurazione sociale che hanno posto tali costi aggiuntivi a carico della generalità dei lavoratori. Il sistema non è però riuscito a garantire alle lavoratrici carriere e retribuzioni simili a quelle maschili.

44Nel nuovo modo di produrre, essendo quasi scomparsa la necessità di esercitare una forza fisica – quasi l’unico vantaggio competitivo della manodopera maschile su quella femminile – le donne paiono guadagnare sensibilmente in produttività, così come la loro performance nel corso degli studi mostra che paiono disporre di un vantaggio competitivo nel campo degli studi secondari e universitari. Giocano a loro favore una maggiore adattabilità e una minore suscettibilità a contrattempi di lavoro e carriera. Per esplicitare questi vantaggi potenziali, però, necessitano di un insieme di servizi sociali mirati e dedicati relativi all’assistenza ai figli che non possono essere lasciati tout court all’azione dei meccanismi di mercato. Si osserva una netta, e, per la verità non sorprendente, correlazione tra spese per i servizi sociali dedicati alla famiglia e tasso di attività femminile.

45È prevedibile che attorno a questi servizi sociali e al loro si svolgeranno battaglie politiche e di genere il cui esito connoterà potentemente le attività lavorative del futuro. E appare chiaro che un’applicazione «selvaggia» dei meccanismi di mercato penalizzerebbe pesantemente le donne.

 

467) Il mutamento dei confini tra lavoro e non-lavoro. Una tentazione inevitabile, una sorta di deformazione professionale, per economisti e sociologi consiste nel considerare immutabile il confine del lavoro. Com’è noto, non sono considerate attività lavorative quelle che si esauriscono all’interno di un nucleo famigliare e pertanto sono prive di prezzo remunerazione economica: i «servizi» di una madre ai propri figli piccoli non entrano nel computo del prodotto interno, quelli di una babysitter sì. Di fatto non vengono calcolate, o lo sono in maniera del tutto sommaria, le autoproduzioni famigliari (preparazione del cibo, confezione di abiti, coltivazione di un orto) tanto che, a parità di attività complessiva il consumare un pasto al bar o al ristorante, acquistare un abito o le verdure al mercato anziché produrle dietro casa fanno salire statisticamente il prodotto lordo di un paese.

47In questo senso, il periodo trascorso dalla fine della seconda guerra mondiale può essere diviso in due parti. Nella prima, che va indicativamente fino alla crisi petrolifera del 1973-75, i confini del lavoro si sono allargati per il trasferimento al di fuori della famiglia della preparazione dei cibi e degli abiti, di una parte dell’intrattenimento un tempo confinato all’ambito famigliare, dei trasporti (dalla bicicletta all’autobus) e di numerose altre attività. Nella seconda parte, che copre, sempre in maniera indicativa, il periodo che va dalla crisi petrolifera ai nostri giorni, si osserva una prevalenza di movimenti contrari. Si sono trasferiti in ambito famigliare numerosi servizi (vacanze in seconde case anziché in albergo) e attività di trasporto (dall’autobus all’automobile). L’elettronica, poi, mette a carico dell’acquirente numerose attività un tempo svolte da salariati (la gestione di un conto bancario, la prenotazione di un volo e simili, effettuati direttamente dagli interessati).

48L’ambito del lavoro appare poi in forte restringimento per l’emergere di attività gratuite di tipo elettronico. Si pensi al caso di Wikipedia, l’enciclopedia on line alla quale collaborano stabilmente, in maniera anonima oltre che totalmente gratuita, oltre centomila persone e a tutte le attività di condivisione di materiali elettronici, dalla musica ai filmati. Si pensi poi all’estendersi del volontario, nella doppia forma di lavoro gratuito e di fondazioni senza fini di lucro, dai cui deriva, secondo alcune stime, il 6-7 per cento del prodotto interno degli Stati Uniti e il 3-5 per cento di quello di numerosi paesi dell’Europa Occidentale. Anche di qui deriva uno stimolo alla ridefinizione di concetti base.

4. Soltanto «notai del cambiamento»? Una sfida per gli scienziati sociali

49Il quadro che si è qui molto sommariamente tratteggiato pone tutti coloro che si occupano di discipline sociali di fronte a una duplice sfida.

50È chiaro che, in primo luogo, occorre comprendere. Da quanto illustrato sopra, appare evidente che vecchi sentieri devono essere ripercorsi, magari per scoprire che portano a destinazioni diverse da quelle che ci siamo finora immaginati e che abbiamo dato per assodate; o magari per ottenere delle conferme, che sono però indispensabili per una comprensione del mutamento in atto.

51Proprio perché il mutamento è in atto, appare naturale l’ulteriore interrogativo se chi è uno scienziato sociale ma, al tempo stesso, anche cittadino e uomo che vive nel proprio tempo, debba, o possa, limitarsi a descrivere o non piuttosto debba o possa cercare di influire sul cambiamento. Descrivere il mondo o cercare di cambiare il mondo? Il vecchio interrogativo rimane attuale.

Torna su

Bibliografia

DeLong B. (2005), Slouching Towards Utopia? The Economic History of the Twentieth Century -VI. Policy and Prosperity, http://www.j-bradford-delong.net.

Fisher S. (2006), The New Economic Geography, Federal Reserve Bank of Kansas City, Jackson Hole, agosto.

Maddison A. (2003), The World Economy: Historical Statistics, Development Centre Studies, OECD.

Mandel M. (2000), The Coming Internet Depression: why the high-tech boom will Go bust, why the crash will Be worse, Basic Books.

Mataloni Jr. R.G. (2005), US Multinational Companies. Operations in 2003, «Survey of Current Business», luglio 2005

World Bank, World Development Indicators database.

Torna su

Note

1 Cfr. World Bank, World Development Indicators database, 14 Settembre 2007.

2 Fonte: Interworldstats.com [link non più attivo 09/12/16].

3 Cfr. «People’s Daily», 15 febbraio 2007.

4 Elaborazione su dati della Semiconductor Industry Association. Cfr: AA.VV., A cavallo della tigre. Dodicesimo rapporto sull’economia globale e l’Italia, Guerini, Milano, 2007, p. 30.

5 Cfr. «Il Sole 24 Ore», 10 ottobre 2006, p. 4.

6 Irlanda (18,4 per cento); Singapore (13,2 per cento); Canada (9,8 per cento); Nigeria (8,6 per cento); Honduras (6,8 per cento); Regno Unito (6,5 per cento); Belgio, Hong Kong e Malaysia (5,3 per cento). Cfr. Mataloni Jr. R.G., US Multinational Companies. Operations in 2003, «Survey of Current Business», luglio 2005, pp. 9-29.

7 Tra la metà del 2006 e la fine del 2007 due grandi società indiane, Mittal e Tata, hanno acquistato il controllo delle più grandi imprese siderurgiche europee (Arcelor e Corus), i fondi arabi vanno ad acquistare quote rilevanti di banche americane (Abu Dhabi controlla il 5 per cento di Citigroup) e imprese elettroniche giapponesi (Dubai investe due miliardi di dollari nella Sony), imprese cinesi acquistano la divisione personal computer dell’IBM; i «fondi sovrani» cinesi e russi stanno facendo acquisizioni in ogni parte del mondo, imprese messicane e brasiliane escono dal loro Continente ed entrano in pieno nel circuito internazionale.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Figura 1 Quote sulla produzione totale mondiale
Credits Fonte: elaborazione di dati World Bank Indicators 2007.
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/876/img-1.jpg
File image/jpeg, 324k
Titolo Figura 2 Variazione della quota sulla produzione totale mondiale (media mobile quinquennale delle variazioni percentuali annuali sull’anno precedente)
Credits Fonte: elaborazione su dati World Bank Indicators 2007.
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/876/img-2.jpg
File image/jpeg, 324k
Titolo Figura 3 Il modo di produzione industriale classico
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/876/img-3.jpg
File image/jpeg, 216k
Titolo Figura 4 Il modo di produzione indistriale avanzato
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/876/img-4.jpg
File image/jpeg, 321k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Deaglio, « Il lavoro industriale in un mondo capovolto: interrogativi e sfide »Quaderni di Sociologia, 46 | 2008, 7-21.

Notizia bibliografica digitale

Mario Deaglio, « Il lavoro industriale in un mondo capovolto: interrogativi e sfide »Quaderni di Sociologia [Online], 46 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/876; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.876

Torna su

Autore

Mario Deaglio

Dipartimento di Scienze Economiche e Finanziarie - Università di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search