Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri45note critiche / Sulla sociologia ...De nova stella

note critiche / Sulla sociologia di John H. Goldthorpe: due interventi

De nova stella

Mario Lucchini
p. 233-241

Abstract

In this article I argue that rational choice theory cannot play a crucial role in unifying theoretical and empirical work in sociology. Following Dennett, I claim that rationality, intentionality and, more generally, the mental facts are nothing more than an interpretation of certain events aimed to describe — or, at most, to predict — a given behaviour. It follows that theories of action based on intetio al mechanisms are Cartesian narratives evading physics laws, rather than scientific explanations.

Torna su

Testo integrale

1. Il manifesto programmatico della sociologia analitica

1In On Sociology (Sulla sociologia, Bologna, il Mulino, 2006) John H. Goldthorpe abbozza un manifesto programmatico per fare evolvere la sociologia quantitativa nella direzione di una vera e propria scienza sociale (SSS - Sociology as Social Science). L’autore riassume entro uno schema conciso, parsimonioso, adatto alla ricerca empirica le riflessioni teoriche di Boudon, Coleman, Elster, Hedström, Swedberg, Gambetta e tanti altri che si collocano nella corrente dell’individualismo metodologico. L’auspicio di Goldthorpe è realizzare un connubio tra la teoria dell’azione razionale (RAT) e i metodi quantitativi (QAD). Alla sociologia analitica fa da sfondo un’ontologia cartesiana dei fatti sociali. Si dà per scontato che là fuori esista un mondo sociale e che tale mondo si manifesti in macroregolarità empiricamente osservabili. Si assume poi che tali macroregolarità traggano origine da una sorta di grammatica del pensiero razionale che si annida nelle menti degli attori sociali.

2La microfondazione dei fenomeni sociali su fatti di natura ‘intenzionale’ rappresenta un importante espediente per conciliare entro un quadro teorico unitario l’annosa antinomia comprensione-spiegazione che da sempre affligge le scienze sociali. Il superamento di tale contrapposizione, asserisce Goldthorpe (2006, p. 54), costituisce una delle ragioni fondamentali per preferire la RAT ad altre teorie dell’azione.

3L’accoppiamento della RAT con la QAD trova giustificazione nel desiderio dei sociologi analitici di scendere alla radice dei fenomeni sociali, fino ad individuarne quei meccanismi fondamentali, weberianamente significativi, che producono regolarità empiricamente osservabili.

4On Sociology contiene un monumentale attacco alla sociologia storica e comparata, all’etnografia sociale, agli studi di caso, alle narrazioni postmoderniste, alle rappresentazioni evocative del sociale. A detta dell’autore, tali approcci rappresentano forme estreme di induttivismo. La Grounded Theory mostra un’eccessiva attenzione alle pratiche riflessive legate ad un singolo contesto mentre rivela una totale indifferenza per le variazioni statistiche che si verificano entro i contesti e tra i contesti. In aggiunta, tale approccio rifiuta espressamente la logica del ragionamento ipotetico-deduttivo. Le teorie vengono trattate alla stregua di banali giochi linguistici, di pratiche comunicative costruite e ricostruite entro specifici contesti di interazione. La debolezza della sociologia storica va invece rintracciata nel fatto di appiattirsi su resoconti spazio-temporalmente specifici e nell’affidarsi a fonti secondarie che la renderebbero più facilmente permeabile ad una molteplicità di bias interpretativi.

5Alla critica demolitrice rivolta alle sociologie altre si accompagna una proposta programmatica, forse un po’ troppo precipitosa, imperniata sul principio cardine di razionalità, sull’indagine quantitativa e sui modelli simulativi Agent-Based, col proposito di conferire alla nostra disciplina un patrimonio solido, cumulativo e condiviso di conoscenza.

6La sociologia analitica sviluppa una teoria dell’azione a partire da un «modello zero» che è la razionalità strumentale di homo oeconomicus. Collocandosi all’interno del paradigma utilitaristico, la RAT propone un attore sociale razionale, incline al calcolo e capace di valutare le conseguenze delle proprie azioni. Alla sociologia viene demandata la spiegazione di aspetti residuali del comportamento secondo una logica di astrazione decrescente (cfr. Lindeberg, 1990; Barbera, 2004). Quando la razionalità di homo oeconomicus fallisce nel render conto della complessità dei fenomeni allora si può chiamare in ‘causa’ la sociologia, più sensibile dell’economia alle reti di relazioni e al contesto di vincoli entro il quale il soggetto si trova immerso. Solo in seconda battuta ci si preoccupa di contestualizzare la razionalità, di coglierne le componenti soggettive e di modellare la struttura di interdipendenza che connette gli attori sociali. Nel modello esplicativo il nocciolo duro di razionalità viene trasdotto nelle componenti sistematiche mentre gli elementi irrazionali dell’agire vengono confinati nei termini residuali. Il comportamento atteso a livello di aggregato sociale viene concettualizzato come un’approssimazione asintotica di un attore razionale. La preoccupazione della sociologia è dunque quella di cogliere i fattori razionali che hanno carattere sistematico e tralasciare tutto ciò che devia da tale medietà idealtipica.

7Nello schema di spiegazione, che è poi quello della Coleman boat, sono previsti anche percorsi di causazione macro-macro, vale a dire meccanismi generativi di tipo contestuale. Le strutture di interazione, i ruoli sociali o i fatti istituzionali eserciterebbero un effetto di contesto non riducibile al livello psicologico. Ne consegue che la propensione ad adottare un dato comportamento può essere funzione del numero dei soggetti che in un certo gruppo hanno già adottato quel comportamento. Scopriamo così che gli attori in certe situazioni trovano conveniente imitare i comportamenti intrapresi dalla maggioranza.

8I sociologi analitici dedicano un’attenzione particolare all’implementazione di modelli che traducano in forma matematica la tessitura causale di desideri, credenze e altri fatti intenzionali da cui hanno origine le scelte comportamentali. L’esplicitazione dei meccanismi cognitivi costituisce il necessario espediente per contrarre il time lag tra presunte cause e presunti effetti e quindi per eliminare il carattere spurio e confondente delle variabili sociali (cfr. Kiser e Hechter, 1991).

9Chi ha un minimo di dimestichezza con i metodi quantitativi ha ben presente quanto sia difficile ottenere elevate percentuali di varianza spiagata a prescindere dall’inserimento o dal mancato inserimento delle variabili cognitive. Le consistenti percentuali di varianza non spiegata confinate nei residui dei modelli non possono essere lette come mera fluttuazione stocastica di componenti irrazionali che non hanno rilevanza sostantiva ma piuttosto devono indurci a riflettere sulla complessità della materia che struttura gli attori sociali e il contesto entro il quale si trovano ad operare.

  • 1 ‘Ganci appesi al cielo’ è un’espressione coniata da Dennett nel suo volume Darwin’s Dangerous Idea.

10Secondo la sociologia analitica, introspezione, deduttivismo, principio di razionalità formano una finestra concettuale attraverso la quale è possibile indagare l’anatomia del sociale. Alla statistica si demanda il compito marginale di testare le conseguenze empiriche dei meccanismi che come ganci appesi al cielo vengono partoriti nel regno incontaminato della speculazione teorica1. Il soggetto dell’azione nasce già equipaggiato di una data struttura di preferenze e di desideri, ossia preferisce ciò che preferisce, desidera ciò che desidera. Nell’ordine esplicativo non sono contemplati né antecedenti causali di tipo sovraindividuale (le forze sistemiche che perturbano l’attore dall’esterno) né antecedenti di tipo intraindividuale (i materiali biochimici, le norme e altre strutture memetiche incorporate in schemi neuropercettivi e sensomotori che muovono l’attore dal di dentro).

11La scelta di Goldthorpe di incorporare la statistica nelle scienze sociali appare ampiamente condivisibile e motivata dal fatto che i disegni di ricerca che poggiano su campioni probabilistici e sull’uso di tecniche di analisi multivariata consentono ai ricercatori di scoprire e di generalizzare alla popolazione di riferimento strutture di relazione tra variabili non facilmente intuibili. Più difficile è invece capire il surplus di scientificità offerto dalla RAT rispetto ad altre teorie sociologiche dell’azione e del sistema sociale.

2. Verso una teoria unificata dell’attore sociale

12La RAT assume che i fenomeni sociali siano microfondati al livello dei fatti mentali, che la mente abbia un’autonomia ontologica rispetto al cervello e al resto del corpo e che sia regolata da un principio cardine di razionalità. Cercherò di mostrare come tali argomentazioni siano irrealistiche e rappresentino un evidente ostacolo alla costruzione di un quadro unificato di conoscenza. Come insegna Dennett (1997), troppo spesso ci si dimentica che la razionalità, l’intenzionalità e più in generale i fatti mentali non sono altro che un’attività di interpretazione di certi eventi condotta da agenti interpretanti allo scopo di descrivere o predire un dato comportamento. Tramite l’argomentazione intenzionale si possono descrivere le presunte ragioni che hanno spinto o che spingeranno gli attori ad adottare certe condotte comportamentali.

  • 2 Per un approfondimento di tali concetti rimandiamo ai testi di Edelman, Churchland, Damasio, LeDoux (...)

13Tuttavia se ci collochiamo entro la prospettiva di scienza unificata, le spiegazioni dei comportamenti ancorate su di una ‘meccanica intenzionale’ non possono essere considerate scientifiche. Il discorso sui meccanismi generativi si riduce ad una simpatica metafora ingegneristica e niente più. Quella che definiamo intenzionalità si configura come un intrico infinitamente complesso di processi fisico-chimici, di categorizzazioni percettive, mappaggi globali, selezioni rientranti, marcatori somatici tramite cui il sistema nervoso è in grado di rapportarsi al suo ambiente endogeno (il corpo) ed esogeno (l’ambiente esterno)2.

  • 3 Il termine meme è stato coniato da Dawkins (1976) e deriva dal greco mimema il cui significato è ‘u (...)

14L’atteggiamento intenzionale è la miglior scorciatoia cognitiva che un osservatore adotta per interpretare, prevedere e spiegare (in termini ingenui) il proprio comportamento e il comportamento di altri sistemi intenzionali, ma al tempo stesso è altamente incerta perché non si fonda su una meccanica di tipo fisico. Tale atteggiamento consiste nel considerare i sistemi intenzionali come se fossero agenti portatori di credenze e di desideri non dissimili da quelli che l’osservatore presuppone di avere. Tuttavia se accettiamo il materialismo eliminativista e l’impianto unificato della moderna neuroscienza non possiamo considerare i desideri, le credenze, le intenzioni come stati interni della mente che causano un dato comportamento ma piuttosto come dei costrutti logici o meglio ancora delle descrizioni memetiche3 di cui fa uso un osservatore per attribuire un senso causale alla relazione fra sistema e ambiente.

3. La naturalizzazione della mente tramite codifica vettoriale e calcolo parallelo

  • 4 Per approfondimenti su questo genere di simulazioni si veda Hedström (2006).

15Come accennato in apertura i sociologi analitici considerano le simulazioni Agent-Based una via privilegiata allo sviluppo di una scienza sociale anche se allo stato attuale i risultati ottenuti in questo ambito disciplinare paiono piuttosto deludenti. Le simulazioni in parola si sostanziano in banali entità virtuali (gli agenti) che interagiscono secondo regole locali definite ‘esternamente’ di cui ci si accontenta di esaminare la sufficienza generativa4.

16Tuttavia, per quanto complicati, tali mondi artificiali pullulanti di entità raziomorfe non hanno nulla a che vedere con la complessità dei sistemi viventi. Per avere un modello scientificamente fondato, infatti, è necessario penetrare i processi reali della materia e coglierne la complessità generativa.

  • 5 La vita artificiale (AL), che in senso letterale significa «vita creata dagli umani piuttosto che d (...)

17Di maggior interesse sono invece le simulazioni condotte nell’alveo della moderna neuroscienza connessionistica e della Vita Artificiale5. Mi riferisco alle simulazione di popolazioni di agenti implementati nella forma di reti neurali che modificano il proprio stato in conseguenza delle perturbazioni endogene (provenienti dai loro corpi simulati) ed esogene (provenienti dall’ambiente). Per cogliere la complessità del sociale non basta implementare popolazioni di agenti che ragionano in modo meccanico, ma occorre andare più a fondo ed implementare sistemi connessionistici che mantengano un certo grado di isomorfismo con la complessità del cervello umano. Va da sé che la strada da fare per l’approdo ad un modello scientifico di simulazione del comportamento umano rimane ancora molto lunga e irta di difficoltà.

  • 6 Per approfondimenti sul tema si veda il saggio di Paola Borgna (1995), Soggetti senza corpo, sogget (...)

18Negli ultimi venticinque anni sono stati pubblicati numerosi libri, saggi e anche articoli su quotidiani e settimanali rivolti ad un pubblico di non addetti ai lavori che affrontano il tema delle basi neuronali della coscienza e che dovrebbero far sobbalzare la folta schiera degli scienziati sociali. Edelman, i coniugi Churchland, Damasio, Crick, Freeman, Dawkins, Dennett, Cavalli Sforza, per citarne alcuni, hanno fornito spiegazioni naturalizzate della coscienza e dell’evoluzione culturale che poggiano su basi scientifiche (darwiniane) piuttosto che su argomentazioni cartesiane. Già vent’anni fa Luciano Gallino (1987, p. 112) lamentava l’incapacità delle scienze umane «…di provvedere un cervello adeguato alla naturale complicatezza dell’attore sociale e connettere le complicazioni del comportamento alla naturalità del cervello». Da un’attenta cernita di teorie e concetti provenienti dalle scienze sociali e naturali nasceva EGO, un modello simulativo dell’attore sociale che mirava a ricomporre lo sclerotizzato dualismo tra natura-cultura, organismo-ambiente, individuo-società, per restituire ai soggetti dell’azione ‘carne e sangue’6.

19È un vero peccato che tale modello, figlio del paradigma evoluzionistico e dell’epistemologia dei sistemi viventi, non abbia avuto una vasta eco tra coloro che si occupano della materia sociale, i quali imperterriti continuano a sfornare congetture sulla mente, sulla razionalità, sull’intenzionalità totalmente dimentichi dell’incredibile mole di dati sperimentali accumulati dalla moderna neuroscienza.

20Le teorie mutuate nell’ambito dell’epistemologia dei sistemi viventi e del recente connessionismo ci consentono di gettare luce sui limiti del modello proposto dalla sociologia analitica. Le descrizioni dell’attore sociale come freddo calcolatore, guidato da una razionalità analitica e disincarnata si rivelano un’indebita semplificazione di quell’uomo fatto di «carne e sangue» che è mosso da un ineludibile impulso di vivere per vivere, in forma fisica e simbolica, in e attraverso il maggior numero di affini biologici e culturali (Gallino, 1987).

21Ciò che mi preme sottolineare con forza è che in alternativa alla RAT esistono approcci ‘realmente’ scientifici – il connessionismo dei coniugi Churchland, il darwinismo neuronale di Edelman, la memetica di Dawkins ed ovviamente il già citato modello dell’attore sociale di Gallino – che forniscono spiegazioni evoluzionistiche e naturalizzate della materia della mente, dei processi di imitazione e di incorporazione dei memi senza dover tirare in ballo l’omuncolo della razionalità ed altre vaporosità computanti.

  • 7 Gli studiosi connessionisti auspicano l’azzeramento del livello mentale e la progressiva sostituzio (...)

22Il connessionismo in particolare non soltanto ci offre una nuova finestra concettuale attraverso la quale guardare alla mente dell’Attore sociale, ma allo stesso tempo ci mette a disposizione una preziosa ‘cassetta degli attrezzi’ (mi riferisco all’ampia gamma di metodi matematici e simulativi) per risolvere problemi complessi laddove pullula caos e non-linearità. La forza di questo approccio sta nel fatto che non rinuncia a guardare a quel che accade nella black box del cervello. Al contrario, scrutare nella scatola nera del cervello, per scoprire cosa c’è dentro e come funziona, diventa uno dei compiti prioritari della moderna neuroscienza computazionale7.

23Il connessionismo ci insegna che le scelte comportamentali non originano da uno spiritello computante (the Ghost in the Machine) ma da ‘attrattori’ che scolpiscono traiettorie ricorrenti nella forma di cicli limite o di cicli caotici entro l’immenso spazio neuropercettivo del cervello.

24Secondo il connessionismo l’intelligenza degli umani e degli animali è concettualizzabile come un comportamento adattivo di partizione degli spazi di attivazione neuronale in categorie e successioni vettoriali prototipiche adeguate alla propria sopravvivenza, persistenza e riproduzione bioculturale.

25Di contro, la sociologia analitica ci induce a credere che la mente dell’attore sociale sia un magazzino di belief tokens, ovvero una collezione di entità astratte, causalmente connesse e dotate di una particolare funzionalità. Un dato belief avrebbe un preciso ruolo causale in uno specifico episodio cognitivo. Nei modelli connessionistici, invece, l’informazione subsimbolica e codificata nei pesi delle connessioni sinaptiche in modo plastico e distribuito. In questi modelli non ci sono stati discreti – i belief tokens – che giocano un ruolo causale nel processo decisionale. Una popolazione di elementi (unità neuronali) definisce uno spazio multi-dimensionale di possibili pattern di attivazione (uno spazio concettuale). L’apprendimento consiste nella graduale modificazione dell’ambiente parametrico interno (la matassa di pesi di connessione) che forma un filtro adattivo, ovvero una griglia di interpretazione del mondo.

26In quest’ottica la cognizione non è concepibile a prescindere dall’attività sensomotoria, dall’esserci nel mondo e dal poterlo toccare con mano. I fenomeni mentali vengono rappresentati come successioni di vettori prototipici che contengono una combinazione specifica di valori lungo gli n-assi delle dimensioni percettive e psicomotorie.

27Mentre la RAT parte dall’alto considerando i valori, le credenze e i desideri come gli antecedenti causali del comportamento, la moderna neuroscienza connessionistica parte dal basso simulando il linguaggio fisico-chimico dei neuroni e delle giunzioni sinaptiche. Alla causalità «mentalistica» della RAT la neuroscienza connessionistica contrappone una «causalità naturale» o «fisiologica» che riduce i processi mentali alle dinamiche di funzionamento dei cervelli e dei corpi nella loro interezza.

28Onde evitare di incorrere in imbarazzanti ingenuità epistemologiche, alla sociologia analitica tornerebbe utile aprirsi alle acquisizioni conseguite dalla moderna neuroscienza. Per capire i meccanismi di insorgenza della coscienza, dicono i connessionisti, dobbiamo incorporare la mente, reinserirla nella sua realtà fisico-biologica e studiarla nel modo appropriato.

29Alla cinematica enunciativa fatta di regole locali che permea i modelli basati su agenti il connessionismo oppone una cinematica (realmente causale e generativa) di vettori di attivazione multidimensionali che vengono trasformati in altri vettori prototipici passando attraverso ampie tessiture di connessioni sinaptiche. Il funzionamento di un sistema connessionistico può essere descritto (e stavolta per davvero) in termini di meccanismi causali. Entro una rete neurale viene simulato un processo di trasmissione di quantità fisiche dalle unità di input a quelle di output.

30La mente non è un’entità reificata, un marchingegno manipolatore di rarefatte simbolizzazioni, bensì il risultato di reti ricorrenti di autoconnessione del cervello con se stesso e con il resto del corpo.

31Per ricostruire i meccanismi causali che muovono un sistema vivente reale dovremmo conoscere la traiettoria che il soggetto scolpisce istante dopo istante entro uno spazio ipercomplesso le cui dimensioni sono rappresentate da tutti i componenti biochimici che compongono il suo corpo. Solo l’occhio di Dio potrebbe scrutare tali traiettorie e le forze che le causano. Ne deriva che i meccanismi generativi descritti dalla sociologia analitica si riducono a discorsi di ‘psicologia popolare’, ad argomentazioni che esprimono una causalità ingenua o di tipo soft. Tuttavia, il fatto di non poter azzardare spiegazioni di tipo hard del comportamento umano non ci preclude la possibilità di mettere a punto buoni modelli descrittivi e previsivi del sociale. Infatti, anche senza conoscere le cause sostanziali dei comportanti umani possiamo comunque descrivere e prevedere il verificarsi di certi eventi sulla base di accadimenti passati, credenze, valori, intenzioni e altre verbalizzazioni di stati fenomenici rilevabili tramite survey, osservazione partecipante, letture di testi.

  • 8 Nelle parole di Edelman, un’analisi scientifica dei fatti mentali «… deve interrogarsi su come fann (...)

32Per la moderna neuroscienza connessionistica le credenze, i desideri, le intenzioni non possono costituire dei meccanismi causali in ‘senso stretto’, in grado di generare gli output comportamentali, in quanto tali ‘fatti introspettivi’ non sono riducibili a ‘cose fisiche’ o a ‘meccanismi generativi’. Perché un evento costituisca una variabile causa nell’accezione scientifica occorre che tale evento produca un effetto (sia cioè spazialmente e materialmente connesso con una variabile dipendente). Nell’ambito delle scienze naturali un meccanismo causale si esprime nei termini della propagazione di una quantità conservata (Salmon, 1985; Dowe, 2001). In aggiunta l’evento causale deve accadere in un tempo antecedente all’evento che si intende spiegare. Le spiegazioni analitiche che fanno dipendere i comportamenti sociali dai fatti intenzionali non rispettano né il criterio di generatività (o di produttività materiale) né quello di antecedenza temporale8.

33Gli studiosi interessati a fondare una sociologia nell’accezione boudoniana di scienza sociale dovrebbero andare oltre l’impostazione cognitivista tradizionale per intraprendere l’itinerario ambizioso della Vita Artificiale (Langton), della teoria dei sistemi viventi (Maturana e Varela), degli agenti autonomi adattivi (Brooks), del connessionismo computazionale (Churchland) e della teoria della complessità (Freeman e Skarda).

34Visto che gli scienziati sociali si occupano di esseri viventi e non già di entità astratte farebbero bene a prendere in seria considerazione il tema della naturalizzazione dei fatti mentali e più in generale il parallelismo che intercorre tra l’evoluzione della vita e l’evoluzione della cultura. Le nostre menti non sono ciò che pensiamo siano ma semplicemente «quello che i nostri cervelli fanno in modo non miracoloso, e il talento del nostro cervello non può che evolvere come ogni altra meraviglia naturale» (Dennett, 2005).

35Il dualismo che va ricomposto non è quello tra la sociologia analitica e le altre sociologie ma quello tra scienze sociali e scienze naturali. La sociologia analitica non fa altro che complicare il quadro già particolarmente frammentato delle scienze sociali, rinfocolando annose e inconcludenti antinomie. Chissà quanto dovremo ancora aspettare per avere una scienza sociale che miri a descrivere, spiegare e predire comportamenti sulla base di ‘cose’ che non eludano le leggi della fisica.

36Aa. Vv. (1995), Artificial Life. An overview, a cura di G. Langton, First MIT Press paperback edition, 1997.

37Barbera F. (2003), È nata una stella, «Rassegna Italiana di Sociologia», XLIV, 4, ottobre-dicembre.

38Barbera F. (2004), Meccanismi sociali. Elementi di sociologia analitica, il Mulino, Bologna.

39Borgna P. (a cura di) (1995), Corpi in azione. Sviluppi teorici e applicazioni di un modello dell’attore sociale, Rosenberg & Sellier, Torino.

40Churchland P.M. (1981), Eliminative materialism and propositional attitude, «The Journal of Philosophy», 78, 7-90.

41Churchland P.S. (1986), Neurophilosophy: Towards a unified science of the mind-brain, MIT Press/Bradford Books, Cambridge, MA.

42Churchland P.S. (1992), La natura della mente e la struttura della scienza, il Mulino, Bologna, 1989.

43Churchland P.S. (1998), Il motore della ragione, la sede dell’anima. Viaggio attraverso il cervello umano, il Saggiatore, Milano, 1995.

44Churchland P.M. e Churchland P.S. (1981), Functionalism, qualia, and intentionality, «Philosophical Topics», 12, 121-145.

45Churchland P.M. e Churchland P.S. (1990), Può una macchina pensare? «Le Scienze», 259, marzo.

46Coleman J.S. (2005), Fondamenti di teoria sociale, il Mulino, Bologna.

47Damasio A.R. (1995), L’errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano, Adelphi, Milano.

48Dawkins R. (1976), The Selfish Gene, Oxford University Press.

49Dennett D.C. (1995), Darwin’s Dangerous Idea, Simon & Schuster, New York.

50Dennett D.C. (1997), La mente e le menti. Verso una comprensione della coscienza, Biblioteca Scientifica Sansoni, Milano.

51Dowe P. (2001), Physical Causation, Cambridge University Press, Cambridge.

52Edelman G.M. (1991), Il presente ricordato, Rizzoli, Milano.

53Edelman G.M. (1993), Sulla materia della mente, Adelphi, Milano.

54Edelman G.M. (1995), Darwinismo neurale, Einaudi, Torino.

55Gallino L. (1987), L’attore sociale. Biologia, cultura e intelligenza artificiale, Einaudi, Torino.

56Goldthorpe J.H. (2006), Sulla sociologia, il Mulino, Bologna.

57Hedström P. (2006), Anatomia del sociale. Sui principi della sociologia analitica, Mondadori, Milano.

58Kieser E. e Hechter M. (1991), The Role of General Theory in Comparative-Historical Sociology, «American Journal of Sociology», 97, 1-30.

59LeDoux J. (2002), Il Sé sinaptico. Come il nostro cervello ci fa diventare quelli che siamo, Cortina Raffaello, Milano.

60Lindenberg S. (1990), Homo socio-oeconomicus: the emergence of a general model of man in the social sciences, «Journal of Institutional and Theoretical Economics», 146, 727-748.

61Parisi D. (1995), Vita Artificiale e Società Umane «Sistemi intelligenti», VII, 3, dicembre.

62Salmon W.C. (1985), Scientific Explanation and the Causal Structure of the World, Princeton University Press, Princeton.

63Spencer H. (1855), The Principles of Psychology, Longmans, London.

Torna su

Note

1 ‘Ganci appesi al cielo’ è un’espressione coniata da Dennett nel suo volume Darwin’s Dangerous Idea.

2 Per un approfondimento di tali concetti rimandiamo ai testi di Edelman, Churchland, Damasio, LeDoux citati in bibliografia.

3 Il termine meme è stato coniato da Dawkins (1976) e deriva dal greco mimema il cui significato è ‘unità di imitazione’. I memi sono particelle di cultura che si diffondono di cervello in cervello come i virus di un’epidemia. L’imitazione, che è un’abilità acquisita per via genetica, costituisce la modalità specifica di trasmissione dei memi. La teoria memetica ha il pregio di collocarsi all’interno del paradigma darwiniano e di mostrare una buona plausibilità neurofisiologica.

4 Per approfondimenti su questo genere di simulazioni si veda Hedström (2006).

5 La vita artificiale (AL), che in senso letterale significa «vita creata dagli umani piuttosto che dalla natura», intende riprodurre i fenomeni viventi in artefatti (robot fisici biomorfici, virus, mobot) o perlomeno simularli al computer (reti neurali). Per approfondimenti si veda Artificial Life an Overview (Aa.Vv., 1995).

6 Per approfondimenti sul tema si veda il saggio di Paola Borgna (1995), Soggetti senza corpo, soggetti incorporati: dalla teoria dell’azione sociale alla teoria dell’attore, in Borgna P. (a cura di) (1995), Corpi in azione. Sviluppi teorici e applicazioni di un modello dell’attore sociale.

7 Gli studiosi connessionisti auspicano l’azzeramento del livello mentale e la progressiva sostituzione del bagaglio concettuale della psicologia popolare con quello più rigoroso della scienza neurofisiologica. Tra i precursori del Connessionismo è d’obbligo citare Herbert Spencer. In The Principles of Psychology (1855) Spencer focalizza l’attenzione sulle basi fisiologiche ed evoluzionistiche del comportamento. I suoi concetti di «gerarchie neurali», «rete di connessione», «plexus» hanno profondamente influenzato i neurofisiologi dei primi anni del Novecento. A suo dire la psicologia avrebbe dovuto basarsi essenzialmente sull’anatomia e sulla fisiologia del sistema nervoso giacché la conoscenza del mondo è codificata entro la trama delle connessioni del cervello.

8 Nelle parole di Edelman, un’analisi scientifica dei fatti mentali «… deve interrogarsi su come fanno le scariche dei neuroni a dare origine a sensazioni, emozioni e pensieri soggettivi». E ancora, una spiegazione scientifica della coscienza non può dirsi tale «…se non produce un resoconto causale della connessione tra dominio dell’oggettività e dominio della soggettività» (Edelman, 2004, VIII). Una teoria scientifica della mente deve accettare il fatto che «il mondo fisico è casualmente chiuso – soltanto le forze e le energie possono avere efficacia causale. La coscienza è una proprietà dei processi neurali e non può esercitare essa stessa un’azione causale nel mondo» (Edelman, 2004, p.117).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Lucchini, « De nova stella »Quaderni di Sociologia, 45 | 2007, 233-241.

Notizia bibliografica digitale

Mario Lucchini, « De nova stella »Quaderni di Sociologia [Online], 45 | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/912; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.912

Torna su

Autore

Mario Lucchini

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale - Università di Milano – Bicocca

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search