Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri44la società contemporanea / Giovan...Mediaevo o Rinascimento? Un’inter...

la società contemporanea / Giovani e nuovi media

Mediaevo o Rinascimento? Un’interpretazione del nodo giovani-consumi culturali

Media Age or Renaissance? An interpretation of the relationship between young people and cultural consumes
Mario Morcellini e Paola Panarese
p. 9-29

Abstract

During the last ten years, world has changed mainly because of the mass media spread. The reason of this change could lie in the young people cultural behaviours and in their approach to old and new media. Signs of a new historical revolution can be seen in juvenile cultural trends and practices. Is this the sunrise of a new Media Age strictly linked to media instruments and contents or a Renaissance of old media and ancient cultural behaviours is coming?
An extended analysis of statistical data helps to dissipate generalizations and superficial interpretations that regard the cultural relationship among young people, communication and culture. This analysis emphasizes the juvenile activism and pluralism of cultural choices. Most of young people watch TV regularly, but less than in the past. They often read a magazine, and about half of them read a newspaper.
Young people use the Internet, but perhaps not as much as we think, and not in the way we think. Most of them spend up to an hour a day on the Internet, and send a few emails everyday. They see the Internet as a useful instrument for getting information or playing, but they rarely use chat sites. Most of them have a mobile phone and use it for up to an hour a day to chat to friends and send text messages regularly.
But the more interesting result of the analysis is that most of them spend a lot of time with their friends, going out regularly to cinemas, classical and pop concerts, museums, theatres, exhibitions and clubs.
Therefore, statistical data and scientific researches show that young people active way of life is based both on the rediscover of traditional cultural practises and an original use of new media.
Surely, italian young people uses loisir as a strong material to build their personality and an original approach to the world.

Torna su

Note della redazione

Mario Morcellini è l’autore della premessa e del paragrafo 1, Paola Panarese del secondo, del terzo, del quarto e del quinto paragrafo. Il paragrafo 6 è scritto da entrambi.

Testo integrale

1Nell’ultimo decennio il mondo dei media è certamente cambiato. Questa proposizione attraversa con bella sicurezza tutti i dibattiti, normalmente senza essere accompagnata dalla proposizione successiva: perché questo mondo cambia così velocemente?

2Senza pretendere di esaurire la questione, il saggio che segue cerca di valutare un attore che, complessivamente, ha assunto il ruolo di promotore del mutamento. Il testo prospetta quindi una simmetria tra cambiamento dei media ed evoluzione degli stili con cui i soggetti «hanno addomesticato» la comunicazione, maturando modi diversi di confrontarsi con la realtà.

3Nei «tristi tropici» del moderno, il progressivo svuotamento di significato della famiglia e della scuola ha lasciato un vuoto che i media hanno più o meno consapevolmente colmato, svolgendo un ruolo di supplenza delle tradizionali agenzie di socializzazione. La loro mission però non è stata, né deve essere considerata intenzionalmente formativa, così come la presunta «crisi» (se basta parlare di crisi) non è certamente imputabile esclusivamente all’avvento prepotente dei nuovi mezzi di comunicazione: questi altro non sono che strumenti di racconto e messa in scena della complessità sociale della contemporaneità.

4La cultura e la comunicazione, tuttavia, rappresentano le forme più universali di partecipazione alla società, soprattutto nei passaggi d’epoca come quello che stiamo vivendo.

5«Perimetrare» i territori di interazione inaugurati dai «nuovi» media, specialmente in relazione all’universo giovanile, è un esercizio utile per capire l’intensità, la radicalità e il senso dei mutamenti che stiamo attraversando, soprattutto in un Paese in cui non è mai stato facile promuovere la modernizzazione.

1. Comunicazione e minori. Affinità selettive

6A partire dagli anni Novanta, di fronte all’impatto multimediale delle nuove tecnologie, la cultura della televisione e dell’immagine, che ha contraddistinto gli anni Ottanta, ha vacillato perdendo la sua posizione preminente rispetto agli altri media e trovandosi di fatto coinvolta in una spirale di cambiamenti tumultuosi.

  • 1 Naturalmente, non si tratta di una citazione sociologica.

7Nuove opportunità relazionali e comunicative sono state da allora riconosciute e praticate soprattutto dalle nuove generazioni, anche in rapporto alla tastiera multimediale. Si tratta dei segni di una rivoluzione copernicana nei consumi giovanili di cui il titolo (Mediaevo o Rinascimento?) prefigura sia i risultati più chiari che un margine di incertezza sul senso della prospettiva. Del resto, se sarà Mediaevo o Rinascimento lo scopriremo solo vivendo1.

8Una rinnovata vitalità espressiva, emersa al di là di ogni aspettativa, è divenuta evidente e si è manifestata in un exploit dei consumi: nonostante le opportunità di coinvolgimento e interazione offerte dalle recenti tecnologie comunicative, si assiste alla riscoperta di nuove forme di fruizione, definite in passato «di nicchia» o «d’élite», come il teatro, la musica classica, i musei, le mostre e i dibattiti culturali. Tutto quello che siamo stati sempre abituati a etichettare come «snobismo» è divenuto oggi indicatore di giacimenti culturali.

9È come se l’abitudine alla fruizione delle nuove tecnologie spingesse i giovani a cercare forme di consumo partecipativo «altre» rispetto a quelle praticate quotidianamente con il mouse del pc o il telecomando della tv. E le nuove generazioni sono sicuramente il simbolo del cambiamento e il motore del rinnovamento dei consumi culturali: attive, esplorative, competitive e capaci di leggere il flusso comunicativo, sanno muoversi sull’asse generalismo-personalizzazione dei consumi, nella ricca e variegata offerta di input mediali e culturali.

10La capacità di decidere quando, dove, perché, come e con chi comunicare – soprattutto nelle nuove esperienze di comunicazione e socializzazione legate a Internet e al cellulare – lascia intravedere l’immagine sfocata di viandanti che costruiscono la propria strada combinando diverse forme di consumo. Questa è la fotografia dei giovani moderni: abitanti dei più ricchi luoghi del tessuto sociale, autori di creativi mix di impulsi in grado di soddisfare i propri desideri di apprendimento e di crescita. Il loro nomadismo oscilla fra il desiderio di protagonismo, discendente dal rinnovato individualismo moderno, e il disagio esistenziale di chi risente di una carestia di punti di riferimento.

11Lo studio sistematico della cultura giovanile permette di cogliere prove abbastanza conclusive sulle affinità elettive dei ragazzi, il loro linguaggio e la cosmogonia dei media nel loro vissuto.

  • 2 Cfr. l’articolo di Anna Totaro, Personal vs. social. Un’analisi del blog tra individualismo e relaz (...)

12I giovani sono molto più creativi rispetto all’offerta culturale «anchilosata» della tv: la loro capacità di essere in rete come soggetti strategici, di essere produttivi, non solo nei blog2 ma anche nei video, li rende protagonisti di una comunicazione innovativa, esplorativa e sperimentale. Così, il pulviscolo delle recenti iniziative giovanili (i video di YouTube, la musica su MySpace, i giornali o le radio scolastiche e universitarie), testimonia una nuova soggettività diffusa, non isolate posizioni avanguardistiche.

2. Media, tecnologie e linguaggi. L’atlante delle differenze fra giovani e adulti

  • 3 Cfr. M. Morcellini, Passaggio al futuro, Franco Angeli, Milano, 1997.

13In una società in cui cambiano le politiche a favore dei giovani, la famiglia perde solidità, la scuola si rivela inadeguata rispetto alle aspettative di un mondo che cambia molto velocemente ed il lavoro (precario) non rappresenta più una prospettiva di socializzazione della vita, i media diventano i protagonisti della scena sociale. Rispetto a questo tema, sono state realizzate in tempi recenti ricerche trasversali sul livello di estensione e penetrazione socioculturale dei media nelle abitudini comportamentali e negli stili espressivi delle nuove generazioni, sul loro ruolo «supplente» di socializzazione, investito dal «basso» e in modo informale dagli stessi giovani3.

14E quello che agli occhi dell’opinione pubblica fino a qualche decennio fa sembrava configurarsi come un sistema marginale rispetto alle dinamiche di cambiamento socioculturale, in poco tempo si è trasformato nella consapevolezza di un forte potere d’impatto della comunicazione sulle dinamiche strutturali della società. Da qui è scaturito il progressivo riconoscimento di una funzione anche formativa e socializzante degli strumenti e dei linguaggi mediali. Così, l’iniziale intuizione di pochi ricercatori sulle potenzialità e i limiti del sistema comunicativo nella vita delle persone si è tramutata nella scommessa di investire sull’affinamento di strumenti e strategie di intervento mediali, in modo da imparare a leggere e interpretare le diverse declinazioni del sistema comunicativo, alla luce delle dinamiche del cambiamento.

  • 4 Cfr. P. Bourdieu, Habitus, Illusio e razionalità, in P. Bourdieu e L. Wacquant, Risposte: per un’an (...)

15In questo scenario, il linguaggio e gli stili di vita sono diventati fondamentali elementi di modificazione culturale, utili per cogliere entità e direzione del mutamento. Parole e stili espressivi, gesti e mode, l’uso del corpo come testo e il radicalismo linguistico – ciò che Bourdieu, a suo tempo, ha definito habitus4 costituiscono sintomi di una modificazione dell’io, di un desiderio espressivo di esplicitare provocatorie prese di distanza dagli altri, in un mondo «che si cerca» e sperimenta tutti quegli elementi, materiali o simbolici, che possono infondere sicurezza attraverso i messaggi comunicativi.

  • 5 Cfr. L. Sciolla, Sociologia dei processi culturali, Il Mulino, Bologna, 2002.
  • 6 Cfr. E. Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, Il Mulino, Bologna, 1969.

16L’analisi del linguaggio, inteso come espressione di una cultura, oggettivazione di valori, credenze, ideologie condivise all’interno di una comunità e filtrate dall’interpretazione soggettiva del singolo individuo5, rileva che l’arcipelago dell’espressione giovanile è radicalmente diverso da quello delle generazioni precedenti. La distanza è tale da far percepire una sorta di dislessia tra i linguaggi pubblici, messi in scena davanti agli adulti, e quelli da retroscena6, praticati fra pari. L’allargamento delle possibilità espressive del linguaggio giovanile determina un minore controllo sintattico, lessicale e ortografico; l’estremismo linguistico diventa un mezzo per sperimentare cambiamenti di vita, praticandoli negli spazi della comunicazione.

17Una sorta di «bullismo della lingua», ossia un uso esasperato delle parole sessuali, rende il linguaggio un elemento di riconoscimento tra pari, di fidelizzazione con i media, di differenziazione generazionale.

18È possibile che la tv (come gli altri media), attaccata spesso per la sovraesposizione di argomenti sessuali, la banalità dei contenuti e la rappresentazione della violenza, abbia contribuito a strutturare un immaginario complesso, più che singoli punti critici della lingua.

19La televisione, infatti, altro non è che un propulsore di stimoli e cambiamenti, in cui è difficile capire dove e in che modo avviene la stimolazione.

  • 7 A fronte di tanti studi centrati sui pericoli psico-fisici indotti dalla fruizione dei media, in te (...)

20Se la psicologia rileva che l’uso dei linguaggi mediali (immagini televisive, musica, ecc.) influenza il pensiero delle persone, e dunque anche quello dei giovani, è difficile comprendere e scoprire i meccanismi del contagio. Steven Johnson, per esempio, legge tale relazione in modo nuovo rispetto ai timori di tanta letteratura scientifica, prefigurando un’influenza benefica di tv e videogiochi sulle abilità cognitive dei ragazzi, piuttosto che una manipolazione profonda e inevitabile7.

  • 8 Cfr. M. Morcellini, I. Cortoni, Provaci ancora, scuola. Idee e proposte contro la svalutazione dell (...)

21Se l’analisi degli stili espressivi non è una novità né pone grandi ostacoli al percorso del ricercatore, diverso è il caso dello studio degli stili di vita: esso chiama in causa valori e comportamenti soggettivi che segnano un «fossato» che va al di là del conflitto studiato da tanti studi sociologici. Così, per rilevare l’incidenza della comunicazione nella vita delle persone, non è possibile rimanere dentro i territori della Sociologia dei media; essa racconta certamente grandi cambiamenti, ma dice poco sul significato della comunicazione per i soggetti8.

22Un’esercitazione sulle evidenze empiriche, invece, può fornire una prima lettura della realtà, in grado di superare i limiti di rappresentazioni o costruzioni interpretative di carattere soggettivo, dunque inevitabilmente di parte.

3. Cultura in movimento. Teatro e musica in «mostra»

  • 9 Cfr. M. Morcellini, Il Mediaevo Italiano. Industria culturale, tv e nuove tecnologie tra xx e xxi s (...)

23La comunicazione, fino agli anni Cinquanta risorsa di piccoli gruppi, è diventata nella società contemporanea un bene universale, collettivamente condiviso. Essa è arrivata a civilizzare gli esseri umani, trascinandoli verso nuove frontiere educative. È divenuta una forma di accreditamento sociale del nuovo9, tanto da rendere la trasformazione nei «consumi» una chiave di volta per leggere i passaggi d’epoca della modernità.

  • 10 Cfr. M. Morcellini (a cura di), Lezione di comunicazione, Ellissi, Napoli, 2003.
  • 11 Si vedano in particolare le indagini multiscopo I cittadini e il tempo libero, Cultura socialità e (...)

24La piramide dei più recenti comportamenti culturali dei giovani, quindi, preannuncia nuove tendenze: la scoperta e la ricerca di esperienze collettive e condivise di relazione, la partecipazione diretta e il coinvolgimento plurisensoriale, si accompagnano ad una più marcata autonomia di scelta degli stili di vita10. Negli ultimi anni, in particolare, si sono verificate modificazioni culturali su tutta la tastiera di quei consumi che, in passato, sono stati definiti di élite: il teatro, la musica classica e le visite a musei e mostre hanno aumentato il loro fascino nell’arco di un decennio (dal 1996 al 2005), soprattutto presso i giovani11.

25Allo stesso modo, nonostante l’instabilità strutturale del contesto sociale ed economico, sono aumentate le azioni culturali fondate sul contatto e il coinvolgimento: così, il cinema ha registrato un aumento di spettatori pari al 14.3%; allo stesso modo, il teatro (+10.4%), i musei e le mostre (+8%), i concerti di musica classica (+2.8%) e di altra musica (+0.8%) o gli spettacoli sportivi (+5.2%).

26Inoltre, il 2005 sembra essere l’anno in cui tutte le forme di intrattenimento dal vivo raggiungono il massimo storico in termini di fruizione nell’arco di un decennio. L’unico ambito del loisir in declino è quello delle discoteche (–1.3%), ciò che contribuisce a radicalizzare le differenze tra i nuovi giovani e quelli degli anni Ottanta (cfr. tab. 1). Tendenze non dissimili, ma meno marcate, si rilevano anche considerando la popolazione italiana comprensiva di tutte le classi d’età.

  • 12 L’Istat usa la dizione «attività outdoor» per indicare le pratiche culturali esterne alle mura dome (...)

27Se valutiamo le scelte culturali dell’intera popolazione italiana relative al decennio 1996-2005, notiamo un chiaro incremento di tutte le attività outdoor12 (cfr. tab. 2). Crescono e si rinnovano, in particolare, i consumi per i quali è richiesta una più elevata competenza e qualità di scelta. Aumenta consistentemente la frequenza di cinema, con un +8.8%, e ciò colpisce tanto più se si pensa che quello cinematografico è un settore in crisi in Italia sin dal dopoguerra. Cresce il pubblico di mostre e musei (+2%), di spettacoli teatrali (+4.1%) e di concerti di musica classica (+1.2%). Fiorisce anche la frequenza di concerti di musica leggera (+2.5%) e di spettacoli sportivi (+1.6%), mentre declina quasi impercettibilmente quella di discoteche e sale da ballo (–0.2%); meno di quanto non cali, però, presso i giovani.

Tabella 1 Il teatro dei «nuovi» consumi culturali giovanili

Giovani dai 6 ai 24 anni che hanno fruito di diversi spettacoli e intrattenimenti dal 1996 al 2005

anni

teatro

cinema

musei
e
mostre

concerti
di musica
classica

concerti
di altra
musica

spettacoli
sportivi

discoteche
balere

1996

19.1

67.4

35.5

6.9

27.5

40.4

38.6

1997

22.1

71.9

37.9

9.5

28.8

43.6

39.2

1998

20.3

74

37.5

7.4

26.3

41.1

37.6

1999

22.5

71.8

37.4

8.5

27.5

30.1

38.4

2000

22

69.9

39.7

8.4

28.7

42.3

39.4

2001

26.7

77.4

39.4

8.9

28.6

43.9

39.6

2002

23.9

79.9

39.6

8.8

29.6

43.5

38

2003

22.4

75.9

39

7.5

29.9

44.6

38.4

2005*

29.5

81.7

43.5

9.7

28.3

45.6

37.3

Escursione
2001/2005

+2.8

+4.3

+4.1

+0.8

-0.3

+1.7

-2.3

Escursione
1996/2005

+10.4

+14.3

+8

+2.8

+0.8

+5.2

-1.3

Valori espressi in percentuale
* al momento non sono disponibili i dati relativi al 2004

Fonte: elaborazione dati Istat 2006

28Tutte le tendenze, dunque, sono indiscutibilmente positive nel lungo periodo. Ma la crescita è quasi doppia tra i ragazzi rispetto al totale della popolazione.

Tabella 2 Consumi culturali in movimento

Persone dai 6 anni in su che hanno fruito di diversi spettacoli e intrattenimenti dal 1996 al 2005

anni

teatro

cinema

musei
e
mostre

concerti
di musica
classica

concerti
di altra
musica

spettacoli
sportivi

discoteche
balere

1996

15.8

41.9

25.6

7.7

17.1

26.4

25.5

1997

17

44.4

26.8

8.8

17.7

27.9

25.1

1998

16

47.3

26.7

7.9

17

26.5

25

1999

16.7

45

26.8

8.9

17.4

26.9

25

2000

17.2

44.7

28.6

8.5

18.3

27.8

25.9

2001

18.7

49.5

28

9.1

19

28.2

26.4

2002

18.7

50.0

28.1

9

19.4

27.3

25.2

2003

17.9

48.1

28.5

8.8

20.5

29

26.3

2005

19.9

50.7

27.6

8.9

19.6

28

25.3

Escursione
2001-2005

+1.2

+1.2

-0.4

-0.2

+0.6

-0.2

-0.9

Escursione
1996-2005

+4.1

+8.8

+2.0

+1.2

+2.5

+1.6

-0.2

Valori espressi in percentuale
* al momento non sono disponibili i dati relativi al 2004

Fonte: elaborazione dati Istat 2006

29Più difficile, invece, è la lettura delle tendenze nel quinquennio 2001-2005. La difficoltà risiede nella peculiarità del 2001 nel contesto socio-economico e culturale. Si tratta, infatti, dell’anno dello spaesamento emotivo generato dall’attacco terroristico alla Twin Towers e della flessione economica dovuta all’adozione dell’Euro in Italia, fenomeni che sembrano aver inciso anche sulle scelte culturali e comunicative.

30Così, se per il totale della popolazione resta positivo l’excursus relativo alla frequenza di sale cinematografiche (+1.2%), di teatri (+1.2%) e di concerti di musica non classica (+0.6%), si riducono le visite a musei e mostre (–0.4%), la partecipazione a concerti di musica classica (–0.2%) e spettacoli sportivi (–0.2%) e la frequentazione di discoteche (–0.9%). Gli scarti nel breve periodo sono estremamente contenuti, ma rendono certamente meno omogenea la crescita tanto evidente negli ultimi dieci anni.

  • 13 Cfr. E. Di Nallo, Il significato sociale del consumo, Laterza, Roma-Bari, 2004; M. Gambaro, Consumo (...)

31Nonostante la «crisi dell’euro», comunque, si è verificato un fenomeno anomalo per la storia italiana: per la prima volta, di fronte a evidenti difficoltà economiche, politiche, sociali e culturali, si assiste alla modernizzazione dei consumi e alla modificazione della capacità di spesa degli italiani. Questi, nonostante la precarietà socioculturale, sembrano investire più sulla cultura che sui beni materiali, rafforzando il cosiddetto consumerismo, ossia una diversa disponibilità dei soggetti nel cercare forme di benessere nuove rispetto a quelle incorporate nel consumo materiale dei beni13. Poiché la definizione del benessere interiore sembra passare attraverso la struttura dei comportamenti culturali, essi diventano comportamenti non ascritti ma stabiliti. E il moderno tempo liberato è sempre più tempo scelto piuttosto che ordinato, liberato dal lavoro e occupato dall’industria culturale.

32Diversi sono, però, gli stessi scarti registrati presso i giovani tra il 2001 e il 2005. Come nel lungo periodo decresce la frequentazione di discoteche e balere (–2.3%) e in misura minima anche i concerti di musica leggera (–0.3%); tutti gli altri consumi outdoor, però, mantengono incrementi piuttosto evidenti: +4.3% per il cinema, +4.1% per i musei e le mostre e +2.8% per il teatro.

33Se i giovani sono davvero i driver dell’innovazione culturale e comunicativa, allora è probabile che questi comportamenti si estenderanno al resto della popolazione nei prossimi anni.

  • 14 Per adulti qui si intendono, come fa l’Istat, le persone con più di 25 anni. I giovani sarebbero qu (...)
  • 15 Consideriamo, infatti, la classe d’età dei bambini di età compresa tra 6 e 10 anni, che coincide ap (...)

34Anche una più esplicita comparazione tra giovani e adulti14 rileva che i primi sono decisamente più attivi dei secondi. Considerando classi d’età mutuate dall’Istat, pressoché assimilabili a quelle dei diversi cicli scolastici15, si deduce che la maggiore vitalità nel settore della cultura si concentra sempre nelle fasce d’età giovanili (cfr. tab. 3).

35Sono i ragazzi d’età compresa tra 11 e 14 anni a registrare la maggiore assiduità nel frequentare contesti culturali d’élite come il teatro, i musei o i concerti di musica classica. E se gli adolescenti prediligono attività «di massa» come il cinema, gli spettacoli sportivi e la musica leggera, la discoteca resta appannaggio dei giovani in età da università.

  • 16 Cfr. P. Panarese, Avanguardie del loisir, «In-formazione. Studi e ricerche su giovani, media e form (...)

36Per ogni tipologia culturale, comunque, i ragazzi sovrastano numericamente la quota degli «adulti», confermando il loro profilo di avanguardie del loisir16.

37Ma il dato che più stupisce si riferisce al fatto che le condotte più raffinate sembrano appannaggio dei preadolescenti delle scuole medie inferiori, probabilmente per il ruolo giocato dalla scuola nell’organizzazione di gite e attività culturali.

38Per quanto riguarda, invece, i consumi relativi al genere, sempre nell’ambito della classe giovanile 6-24 anni, alcuni tipi di intrattenimento sembrano chiaramente orientati. La frequentazione di teatro è un’attività quasi esclusivamente femminile (32.2% di frequenza femminile contro il 23% di presenza maschile). Il cinema è più femminile che maschile (81.9% contro l’80.1%). Le ragazze, inoltre, prediligono in maniera evidente anche la frequentazione di musei e mostre (44.7% contro il 37.8%), i concerti di musica classica (11% contro l’8.9%), di musica leggera (29.9% a fronte del 29.6%) e il ballo (40.5% contro il 38.1%), ma non gli spettacoli sportivi (56.9% di frequenza maschile a fronte di un 32.1% di presenza femminile) (cfr. tab. 4).

Tabella 3 Avanguardie del consumo culturale

classi
di età

teatro

cinema

musei
e
mostre

concerti
di musica
classica

altri
concerti

spettacoli
sportivi

discoteche
e balere

6-10

28.4

71.6

37.3

4

7.2

35.2

3.5

11-14

33.7

81.8

51.2

11.3

20.2

45.5

13.6

15-19

27.9

86.7

42.8

11.3

49.9

50.8

66

20-24

20.1

84.1

33.2

12.6

48.5

47.9

73.8

25 e più

18

42.9

24.4

8.6

16.7

23.7

21.3

Media
6-24 anni

27.5

81.5

41.1

9.8

31.4

44.8

39.2

Valori espressi in percentuale

Fonte: elaborazione dati Istat 2006

  • 17 Cfr. Istat, I laureati e lo studio. Inserimento professionale dei laureati. Indagine 2004, Roma, 20 (...)

39Così, i consumi culturali «di qualità» sono certamente preferiti dalle giovani donne, mentre le attività outdoor che hanno una connotazione tradizionalmente di massa, come gli spettacoli sportivi e in certa misura il cinema, sono privilegiate dagli uomini. Questo fenomeno è ancora più interessante se correlato all’andamento dei percorsi formativi femminili, generalmente più brillanti di quelli maschili. Le donne presentano, infatti, studi più regolari rispetto ai loro coetanei maschi (16,4% di ripetenti nelle scuole medie superiori contro il 31,1% dei maschi, secondo dati Istat del 2004)17. Il miglior rendimento scolastico delle donne è evidente, per esempio, al momento dell’esame di maturità. Le ragazze che ottengono performance più brillanti rappresentano il 26,4% dei diplomati del 2001, mentre i ragazzi che si diplomano con voti alti si attestano al 15,4%. Parallelamente, prevalgono fra i diplomati i ragazzi che hanno conseguito il titolo con una votazione inferiore a 70/100 (il 41,2% rispetto al 27,4% delle donne). Gli studi universitari, poi, attraggono le ragazze più dei ragazzi (le immatricolate nel 2004 sono quasi il 66% del totale delle diplomate, mentre poco più del 57% dei maschi si iscrive a un corso accademico dopo il diploma). Allo stesso modo, anche i risultati universitari sono più positivi per le donne così come più brevi sono i tempi di conclusione dei percorsi di studio.

Tabella 4 Genere per età nel 2005

Tabella 4 Genere per età nel 2005

Valori espressi in percentuale

Fonte: elaborazione dati Istat 2006

40Le differenze di genere rivelano, dunque, ancora una volta, la multiformità e fluidità dei comportamenti culturali giovanili.

  • 18 Cfr. M. Morcellini, I. Cortoni, op. cit.

41Questi comportamenti culturali non vanno letti come alternativa all’offerta mediale generalista, poiché soddisfano bisogni di identificazione e riconoscimento simbolico differenti. Essi riflettono la tendenza al «nomadismo» giovanile e preannunciano nuovi bisogni di socialità, condivisione e appartenenza, spesso offuscati o trascurati dalle opportunità di fruizione mediali della società dell’informazione. Il senso della relazione alla base di questi consumi si pone, poi, in sinergia con le nuove caratteristiche della società della conoscenza, che riconosce nello scambio interpersonale e nella rete dei rapporti sociali la forza semantica e culturale alla base di un autonomo orientamento soggettivo18.

4. L’uomo moderno di fronte al generalismo

  • 19 Cfr. Censis, UCSI, V Rapporto annuale sulla comunicazione in Italia, 2001-2005 cinque anni di evolu (...)

42In quasi tutti i Paesi moderni, l’exploit dei mezzi di comunicazione vecchi e nuovi si collega saldamente al miglioramento delle competenze dei soggetti, osservabile nell’estensione della scolarizzazione. Il cambiamento è evidente quando si rileva la simmetria tra l’aumento degli standard dell’alta formazione, della scolarizzazione qualificata e dell’istruzione universitaria, e la comunicazione: in queste occasioni si verifica un passaggio di generazione in grado di trasformare la capacità culturale delle persone. Rispetto a tale scenario, in Italia sembra essersi verificato in passato un paradosso: l’esplosione della comunicazione, rilevata da Istat e Censis19, con un impatto decisamente più visibile rispetto a quello della formazione. In altre parole, tutti i tassi di sviluppo delle tecnologie comunicative hanno corso più velocemente rispetto ai tassi di incremento dell’educazione.

  • 20 Cfr. M. Morcellini, La scuola della modernità. Per un manifesto della Media Education, Franco Angel (...)
  • 21 La Media education è un movimento pedagogico-comunicativo, oltre che politico, che propone l’integr (...)

43In particolare, i consumi dei media si sono caratterizzati per un’esplosione continua, mentre i tassi della formazione sono stati determinati da ampliamenti modesti, più incoraggianti che in passato, ma deludenti se paragonati al modo con cui la comunicazione coltiva la struttura sociale20.Questa cesura è evidente nella funzione strategica della tv in Italia. Essa ha consentito, involontariamente, l’abilitazione culturale e comunicativa degli italiani, stimolando e incrementando i rapporti sociali, oltre all’esplicita funzione di alfabetizzazione linguistica e culturale assolta fin dalle sue origini. È come se la tv avesse trovato i linguaggi e le strategie più adeguate per raggiungere individui eterogenei per subculture, linguaggi locali o appartenenze geografiche. Tale distanza permane ancora oggi, nonostante qualche segnale di ripresa da parte della formazione sulla comunicazione, legata in particolare alla Media education21.

44Dalle analisi Istat sul rapporto dei giovani con i diversi mezzi di comunicazione è possibile intravedere, infatti, forme di cambiamento culturale parallele a quelle dell’evoluzione delle attività outdoor. Le statistiche rilevano, per esempio, nell’ultimo decennio il declino del generalismo soprattutto per la categoria giovanile: i ragazzi dedicano cioè più tempo ad occupazioni diverse dalla visione della tv, in favore di un’articolata diversificazione del consumo.

45Accade così, sotto l’azione dei cambiamenti della modernità e forse anche della scolarizzazione, di fare scoperte sorprendenti, che trovano riscontro nei dati sui comportamenti culturali. Fino alla metà degli anni Novanta non esistevano prove che la scolarizzazione inducesse a comportamenti diversi nella gerarchia delle scelte culturali; mancava cioè l’evidenza empirica che lo studio potesse dar luogo a comportamenti specifici di consumo.

46Dalla metà degli anni Novanta si rileva, invece, una curiosa sintonia tra il livello occupato nella gerarchia formativa e le abitudini comunicative, prefigurando un nesso tra l’investimento sulla cultura e i diversi comportamenti di scelta, esploratività e competenza nella tastiera dei consumi.

47Fenomeni come questi hanno cambiato il nostro modo di rappresentare i media, attestando che educare alla comunicazione – quando la scuola riesce a farlo – produce consumatori diversi.

  • 22 Cfr. M. Morcellini (a cura di), Lezione di comunicazione, Ellissi, Napoli, 2003.

48Se fino al 2000 i dati statistici sui consumi culturali degli italiani hanno reso evidente un’equidistribuzione della tv generalista trasversale alle diverse generazioni, nel corso dell’ultimo quinquennio il mezzo televisivo si disinfiamma22, perde cioè fascino sugli stili comportamentali ed espressivi dei giovani caricandosi di un nuovo simbolismo; la tradizione retrocede nei desideri e nei bisogni delle persone che cercano più protagonismo, eclettismo ed emancipazione anche nel consumo culturale. L’impronta dell’individualismo moderno, la ricerca di libertà espressiva e di fruizione da parte delle persone, il senso di cambiamento e dinamicità socioculturale insita nella condizione moderna si traducono in atteggiamenti di consumo più aperti, flessibili e personalizzati ovvero protesi alla ricerca dell’alterità e, dunque, lontani dalla fruizione della tv.

49Non a caso, dall’analisi è possibile notare che l’indebolimento della tv è affiancato dall’aumento di investimento culturale e di tempo per tutte le altre forme di consumo mediale: dall’ascolto della radio alla lettura di libri e giornali.

  • 23 Per ulteriori approfondimenti sul rapporto degli italiani con i diversi media è possibile approfond (...)

50Con ciò non si vuole sostenere che la televisione non venga guardata, ma che si assiste ad una lieve diminuzione percentuale del suo pubblico, significativa in virtù del ruolo culturale e formativo assunto in Italia da questo mezzo di comunicazione23 (–0,2% nel periodo 1996-2005).

51L’avvento della Rete, la rivoluzione delle nuove tecnologie e il ritorno dei libri, accanto alle forme di stanchezza per il trionfalismo dell’immagine, lasciano intuire che il mondo sta per cambiare nuovamente, o forse è già cambiato. La tv, che tanto ha inciso nel processo di alfabetizzazione linguistica e culturale degli italiani (ma anche di omologazione), sembra esercitare un potere condizionante più forte e incisivo per gli adulti rispetto ai giovani. Anche in questo contesto, come per le attività outdoor, è evidente il cambiamento di prospettiva determinato dalla peculiarità del 2001.

52Da quell’anno, la tv recupera qualche valore percentuale rispetto al minimo storico del 2000 (93,4%) e nella rilevazione statistica del 2005 raggiunge il valore più alto nell’arco di un decennio (96,1%) (cfr. tab. 5). Nonostante ciò, l’analisi dell’evoluzione degli altri media lascia intravedere il rafforzamento della tendenza alla teleindipendenza. La fruizione giovanile di televisione cambia, per esempio, da un punto di vista qualitativo: essa diventa rumore di fondo, elemento di compagnia, surrogato alla noia.

53Focalizzando l’attenzione sulle tendenze relative agli altri linguaggi mediali, notiamo poi un dato anomalo relativo all’ascolto della radio: tale medium, canale del linguaggio giovanile per eccellenza, nel corso di un decennio sembra perdere centralità nelle abitudini culturali dei ragazzi. In realtà, questo orientamento diventa più facilmente interpretabile se si analizza la fruizione mediale per singole fasce d’età: l’ascolto aumenta all’aumentare dell’età, diventando uno dei mezzi più fruiti dai 15 ai 19 anni; così, se da un’analisi verticale del fenomeno si passa ad una orizzontale, focalizzando l’attenzione sul 2005, è possibile notare che la radio rimane il medium preferito dai giovani, tanto da guadagnare il secondo posto (dopo la tv) nella classifica dei mezzi di comunicazione più fruiti (cfr. tab. 7).

Tabella 5 Mediaevo passato prossimo

Excursus dal 1996 al 2005 dei consumi di radio, tv libri e quotidiani dei giovani
compresi fra i 6 e i 24

anni

guarda
la
tv

ascolta
la radio

legge
quotidiani
almeno una volta
alla settimana

legge
libri

1996

96.3

73.3

39.3

53.4

1997

96.1

73.5

41.9

54.2

1998

95.1

71.1

37.3

52.6

1999

94.5

71.8

37.5

49.4

2000

93.4

71.1

36.2

49.1

2001

94.7

71.6

38.8

53.2

2002

94.2

70.2

38.9

52.4

2003

95.4

71.3

37.2

52.6

2005*

96.1

70

40.8

53.4

Escursione
2001-2005

+1.4

-1.6

+2

+0.2

Escursione
1996-2005

-0.2

-3.3

+1.5

0

Valori espressi in percentuale
* non sono al momento disponibili i dati del 2004

Fonte: elaborazione dati Istat 2006

  • 24 Essa cresce, invece, sul totale della popolazione dell’1,4% nel decennio.

54Infine, il fenomeno della lettura in Italia merita una considerazione a parte. Valutando i dati sulla fruizione giovanile dei quotidiani dal 1996 al 2005, è possibile rilevare una crescita percentuale dell’1.5% (cfr. tab. 5) a fronte di una riduzione dell’1.7% sul totale della popolazione. Così, la crisi della lettura dei quotidiani non sembra un fenomeno imputabile ai giovani, mentre resta stabile presso i ragazzi la lettura dei libri24.

  • 25 Secondo i dati Censis del 2005, il numero di coloro che acquistano un quotidiano per gli inserti au (...)

55Questi risultati rispecchiano modificazioni profonde nelle abitudini culturali degli italiani: in un Paese come il nostro, da sempre condannato alla maledizione della teledipendenza e del generalismo, la riscoperta, da parte del campione giovanile, di consumi tradizionali come la lettura di quotidiani rende necessaria un’innovazione del punto di vista. Così, se ci interroghiamo sui fattori capaci di aggiornare l’individuazione dei media strategici della modernizzazione, notiamo che la crescita della lettura sembra imputabile a più fattori: la diffusione dei quotidiani gratuiti (letti dal 49,9% dei lettori di quotidiani) e la politica di marketing degli ultimi anni, che associa inserti alla vendita del giornale in edicola25, determinando l’incremento dei lettori occasionali.

Tabella 6 Oltre il generalismo

Excursus dal 1996 al 2005 dei consumi di radio, tv libri e quotidiani dell’intera popolazione italiana

anni

guarda
la
tv

ascolta
la radio

legge
quotidiani
almeno una volta
alla settimana

legge
libri

1996

96.6

65.5

59.8

40.9

1997

95.7

63.1

61.1

41.4

1998

95.1

62.6

57.8

41.9

1999

94.4

62.1

56.9

38.3

2000

93.6

62.5

57

38.6

2001

94.5

63.2

58.9

40.9

2002

94.3

62.8

59.6

41.4

2003

94.7

64.6

57.6

41.4

2005*

94.3

63.3

58.1

42.3

Escursione
2001-2005

-0.2

+0.1

-0.8

+1.4

Escursione
1996-2005

-2.3

-2.2

-1.7

+1.4

Valori espressi in percentuale
* non sono al momento disponibili i dati del 2004

Fonte: elaborazione dati Istat 2006

Tabella 7 Giovani e adulti a confronto

Consumi di tv, radio, quotidiani e libri nel 2005 per classe d’età e sesso

classi
di età

guarda
la
tv

ascolta
la radio

legge
quotidiani
almeno una volta
alla settimana

legge
libri

M

F

M

F

M

F

M

F

6-10

96,7

96,3

38,7

50,5

5,8

7

43,3

51,2

11-14

97,6

98,5

63

77,4

27,5

27,6

54,1

67,2

15-19

96,5

96,7

79

86,5

50,1

55,2

43,2

66,5

20-24

92,5

93,6

77,3

86

62,9

62

40,1

61,1

M (6-24)

95

96,3

64,5

75,1

36,6

37,9

45,2

61,5

Più di 25

94

94,4

64,5

62,1

71,6

55,1

34,1

44,7

Valori espressi in percentuale

Fonte: elaborazione su dati Istat 2006

56L’analisi dell’universo giovanile, dunque, lascia trasparire comportamenti culturali alternativi al generalismo, in grado di rispondere a esigenze e interessi del tutto peculiari.

57Il processo di personalizzazione, tipico dei consumi culturali tardomoderni e spesso imputato all’avvento delle nuove tecnologie, diventa rilevabile anche trasversalmente nelle diverse esperienze di fruizione relative alla combinazione di media in percorsi originali o alla nuova esperienza del cellulare. Si tratta di un cambiamento non determinato dalla competitività dei mezzi di comunicazione, ma dalla convergenza tecnologica che ha contribuito ad istituire una sinergia di codici e una contaminazione di linguaggi e modalità espressive, riflesse nelle abitudini culturali degli individui.

58D’altronde, i giovani, meno attratti dalla tv dei loro genitori, non sembrano rifugiarsi esclusivamente nei nuovi media, ma in una ricca pluralità di percorsi culturali autonomamente determinati.

5. Le terre di mezzo: pc, internet e cellulare

59Il cellulare negli ultimi anni ha scalato le vette delle abitudini di consumo giovanili: esso è oggi uno dei mezzi più usati, non solo per telefonare, ma per una molteplicità di funzioni che lo rendono espressione di quella multimedialità comportamentale tipica dei giovani della tarda modernità. In questo medium trovano espressione la convergenza tecnologica e linguistica, l’immediatezza informativa e una notevole apertura comunicativa.

  • 26 Cfr. Istat, Come cambia la vita dei bambini. Indagine statistica multiscopo sulle famiglie, Roma, 2 (...)

60Secondo i dati Istat del 2006, il cellulare non solo determina una dilatazione dei sensi, secondo la chiave di lettura cara a McLuhan, ma rappresenta anche un mezzo di accesso che consente nuove prospettive di contatto e comunicazione; è uno strumento per il trasferimento di contenuti e la ricerca di informazioni, un mezzo per la gestione autonoma delle trame di socializzazione26.

  • 27 Cfr. L. Sciolla, op. cit.

61Secondo una prospettiva socioantropologica, queste trasformazioni tecnologiche sono parte integrante (come causa ma anche, al tempo stesso, come effetto) dei cambiamenti socioculturali tardomoderni. La flessibilità degli orientamenti, la mobilità culturale, la frammentarietà delle informazioni e dei saperi e la connettività fra i diversi nodi della conoscenza rappresentano indicatori di tendenze comportamentali ed atteggiamenti sociali e relazionali facilmente rilevabili nei linguaggi comunicativi e nelle abitudini culturali27.

62Dati Nielsen del 2005 raccontano l’escalation di pc e internet nella dieta culturale e comunicativa dei più giovani. Il computer, nelle sue diverse declinazioni, sta vivendo lo stesso percorso storico di penetrazione nelle abitudini culturali degli italiani della tv di cinquanta anni fa. La prospettiva appare la stessa: la velocità del fenomeno non consente alle istituzioni sociali, famiglia e scuola in particolare, di stare al passo con i tempi, rischiando ancora una volta di sembrare inadeguate rispetto alle caratteristiche comunicative, interattive e creative offerte dai nuovi media.

  • 28 L’aumento è dovuto più che altro al fatto che chi era in Rete cinque o dieci anni fa oggi è un po’ (...)

63La questione, dunque, non si focalizza più sulla misura dell’utilizzo del medium, bensì sulle migliori modalità d’uso per enfatizzarne le potenzialità e ridurne i possibili rischi. E mentre l’Istat rileva nel 2005 il raddoppiamento della presenza di pc in famiglia rispetto al 2000, internet merita un discorso a parte. L’utilizzo della Rete, infatti, si configura come una pratica diffusa presso i «giovani adulti», più che tra i giovanissimi. Ciò smentisce una convinzione infondata ma diffusa, secondo la quale fin dalle sue origini internet è stata frequentata soprattutto da ragazzi. I dati dimostrano che il nucleo «storico» del web è formato da persone di età differenti, ma con una significativa concentrazione fra i 25 e i 45 anni – e ancora oggi si trovano in quella fascia d’età le persone che si «connettono» più spesso (con un aumento delle presenze fra i 45 e i 55 anni)28.

64Certamente il pragmatismo implicito nell’uso delle nuove tecnologie, il protagonismo nei processi di costruzione della conoscenza, l’immersione percettiva, cognitiva ed emotiva nella realtà virtuale e la simulazione di esperienze sganciate dalla fisicità degli atti, rappresentano caratteristiche determinanti che contribuiscono ad intensificare il rapporto di interazione dei giovani con le tecnologie. Questa unione, già presunta a partire dagli anni Novanta, quando l’esplosione tecnologica rappresentava soltanto un’intuizione e una scommessa per il futuro, oggi si è trasformata in una conditio sine qua non che caratterizza l’esperienza dei più giovani.

65La dimensione della comunità, le nuove prospettive di dialogo fra pari, le diverse opportunità di socializzazione, la percezione della libertà espressiva dietro la maschera di identità (anche) fittizie, contribuiscono a edificare un rapporto di reciproca fiducia fra giovani e tecnologie comunicative che probabilmente crescerà nel corso del tempo.

  • 29 Tra le nuove tecnologie vanno considerati non solo internet, pc e cellulare, ma anche la tv digital (...)

66I nuovi media si configurano come «terre di mezzo» entro cui si giocano identità e ruoli, si costruiscono e destabilizzano certezze, equilibri e saperi, si stabiliscono appartenenze e maturano conoscenze29. E i giovani, che crescono immersi in un flusso di stimoli culturali e tecnologici, sviluppano una forma mentis in grado di gestire gli stessi stimoli. Si affacciano al mondo adulto con una consapevolezza culturale e una maturità esperienziale che gli adulti spesso non hanno o acquisiscono con fatica.

Grafico 1 «Utenti» di internet per età

Grafico 1 «Utenti» di internet per età

6. In forma di epilogo

67Siamo alla sintesi: il quadro dei comportamenti culturali dei giovani italiani rispetto agli stimoli nella società tardomoderna fa emergere abbastanza chiaramente alcuni punti chiave:

  1. Multimedialità ed esploratività si configurano come stili di fruizione e atteggiamenti individuali di fronte alla tastiera culturale e comunicativa della società tardomoderna. Non più, dunque, competitività mediale, ma sinergia di impulsi, strumenti e linguaggi.

  2. Attivismo soggettivo e protagonismo sono i simboli della centralità dell’individuo nella personalizzazione dei diversi stimoli mediali, in un’ottica in cui il soggetto si trasforma da consumatore di «oggetti» preconfezionati in produttore di simboli, conoscenze e significati.

  3. Relazione e partecipazione sono concetti che definiscono i comportamenti culturali giovanili e i processi di socializzazione nella realtà tardomoderna. Aumenta l’esigenza dei giovani di frequentare i coetanei, una caratteristica che cresce con l’età in corrispondenza del processo di socializzazione che, naturalmente, abbandona progressivamente gli spazi domestici per abbracciare il mondo informale dei pari. La frequenza di intrattenimenti culturali o pratiche sportive, infine, rappresenta una sorta di reazione all’ipertecnologismo moderno e diventa simbolo di riappropriazione di una dimensione tradizionale: l’interazione face to face dalla forte valenza e componente corporea.

  • 30 Un interessante approfondimento che i dati presentati sembrano generare, ma non permettono di esaur (...)

68La storia dei numeri, dunque, racconta un seducente processo non lineare di evoluzione culturale; tuttavia il raggiungimento di certe percentuali non risolve il problema della competenza culturale degli italiani nell’uso di linguaggi e strumenti mediali. Esse non raccontano il posizionamento della comunicazione nella vita delle persone, ovvero l’intensità delle esperienze mediali quotidianamente vissute, né il livello di incidenza negli stili di vita degli individui. Esse si limitano ad offrire una fotografia dell’esistente da cui partire per indagare in profondità contaminazioni culturali, simboliche, espressive e comportamentali fra media e giovani30.

69La prospettiva è incoraggiante: il cambiamento è determinato prevalentemente dai giovani in un contesto in cui gli adulti restano indietro non solo nell’attivismo comunicativo, ma anche nella lettura della natura e della velocità del cambiamento.

70È un messaggio doppiamente importante: se il dibattito culturale più frequente subisce emotivamente i segni delle differenze in una cornice drammatizzante, i dati inducono ad una maggiore serenità di giudizio che, tuttavia, non è del tutto euforizzante. Inoltre, il messaggio che i numeri riflettono criticamente è che l’icona dell’invalicabilità tra le generazioni può essere superata. Non sembra, ma la scienza aiuta.

Torna su

Bibliografia

Bolter J. D., Grusin R. (1999), Remediation. Understanding New Media, Cambridge, MIT Press.

Bourdieu P. (1992), Habitus, Illusio e razionalità, in Bourdieu P., Wacquant L., Risposte: per un’antropologia riflessiva, Torino, Bollati Boringhieri, 1992.

Caronia A. (1996), Il corpo virtuale. Dal corpo robotizzato al corpo disseminato nelle reti, Padova, Muzzio.

Censis (2006), Rapporto Annuale sull’industria italiana dei quotidiani 2005-2006, Roma.

Censis-ucsi (2005), V Rapporto annuale sulla comunicazione in Italia, 2001-2005 cinque anni di evoluzione e rivoluzione nell’uso dei media, Milano, Franco Angeli.

De Kerckhove D. (1997), Connected Intelligence: The Arrival of the Web Society, Toronto, Somerville House.

Di Nallo E. (2004), Il significato sociale del consumo, Bari-Roma, Laterza.

Gambaro M. (1995), Consumo e difesa dei consumatori: un’analisi economica, Bari-Roma, Laterza.

Goffman E. (1959), La vita quotidiana come rappresentazione, Bologna, Il Mulino, 1969.

Istat (2003), Indagine Multiscopo sulle famiglie «cultura, socialità e tempo libero», Roma.

Id. (2005), Come cambia la vita dei bambini. Indagine statistica multiscopo sulle famiglie, Roma.

Id. (2006) Rapporto annuale. La situazione del Paese nel 2005, Roma.

Id. (2007), I laureati e lo studio. Inserimento professionale dei laureati. Indagine 2004, Roma.

Johnson S. (2005), Tutto quello che fa male ti fa bene. Perché la televisione, i videogiochi e il cinema ci rendono intelligenti, Milano, Mondadori, 2006.

Lévy P. (1994), L’intelligenza collettiva. Per una antropologia del cyberspazio, Milano, Feltrinelli, 1996.

Id. (1995), Il virtuale, Milano, Raffaello Cortina, 1997.

Id. (1997), Cybercultura. Gli usi sociali delle nuove tecnologie, Milano, Feltrinelli, 1999.

Marinelli A. (2004), Connessioni. Nuovi media, nuove relazioni sociali, Milano, Guerini e Associati.

Meyrowitz J. (1985), Oltre il senso del luogo. Come i media elettronici influenzano il comportamento sociale, Bologna, Baskerville, 1995.

Morcellini M. (1997), Passaggio al futuro, Milano, Franco Angeli.

Id. (1999), La tv fa bene ai bambini, Roma, Meltemi.

Id. (a cura di) (2003), Lezione di comunicazione, Napoli, Ellissi.

Id. (a cura di) (2004), La scuola della modernità. Per un manifesto della Media Education, Milano, Franco Angeli.

Id. (a cura di) (2005), Il Mediaevo Italiano. Industria culturale, tv e nuove tecnologie tra xx e xxi secolo, Roma, Carocci.

Morcellini M., Cortoni I., (2007) Provaci ancora, scuola. Idee e proposte contro la svalutazione della scuola nel tecnoevo, Trento, Erickson.

Morcellini M., Rivoltella P. C. (a cura di) (2007), La sapienza di comunicare. Dieci anni di Media Education in Italia e in Europa, Trento, Erickson.

Rivoltella P. C. (2001), Media Education. Modelli, esperienze, profilo disciplinare, Roma, Carocci.

Id. (a cura di) (2005), Educare per i media. Strumenti e metodi per la formazione del media educator, Milano, isu.

Sassatelli R. (2004), Consumo, cultura e società, Bologna, Il Mulino.

Sciolla L. (2002), Sociologia dei processi culturali, Bologna, Il Mulino.

Tosi S. (2006), Consumi e partecipazione politica. Tra azione individuale e mobilitazione collettiva, Milano, Franco Angeli.

Turkle S. (1995), La vita sullo schermo. Nuove identità e relazioni sociali nell’epoca di Internet, Milano, Apogeo, 1997.

Riferimenti sitografici

www.censis.it

http://discuniroma1.it/minori [link non raggiungibile: 01/12/2016]

www.gandalf.it

www.istat.it

Torna su

Note

1 Naturalmente, non si tratta di una citazione sociologica.

2 Cfr. l’articolo di Anna Totaro, Personal vs. social. Un’analisi del blog tra individualismo e relazioni sociali in questo stesso numero.

3 Cfr. M. Morcellini, Passaggio al futuro, Franco Angeli, Milano, 1997.

4 Cfr. P. Bourdieu, Habitus, Illusio e razionalità, in P. Bourdieu e L. Wacquant, Risposte: per un’antropologia riflessiva, Bollati Boringhieri, Torino, 1992.

5 Cfr. L. Sciolla, Sociologia dei processi culturali, Il Mulino, Bologna, 2002.

6 Cfr. E. Goffman, La vita quotidiana come rappresentazione, Il Mulino, Bologna, 1969.

7 A fronte di tanti studi centrati sui pericoli psico-fisici indotti dalla fruizione dei media, in tempi recenti è maturata una posizione teorica piuttosto originale, sebbene non del tutto supportata da un’analisi scientifica solida. Nel libro Tutto quello che fa male ti fa bene. Perché la televisione, i videogiochi e il cinema ci rendono intelligenti, ricorrendo alle neuroscienze, all’economia e alle teorie dei media, Steven Johnson sostiene che la playstation, i reality show e la tv in genere, hanno un effetto positivo sulla mente di chi li usa. La cultura di massa, dunque, sembra contribuire ad accrescere le capacità intellettive dei più giovani, favorendo lo sviluppo cognitivo delle nuove generazioni ad una velocità maggiore rispetto ai tempi delle vecchie. I videogame, per esempio, hanno dato prova di innalzare il quoziente di intelligenza e, in generale, di ampliare le abilità cognitive degli individui più di quanto sia possibile con la sola lettura. E allo stesso modo, le serie televisive di maggior successo degli ultimi anni sono costruite secondo complessi schemi narrativi che offrono una grande quantità di stimoli intellettuali. Si tratta di una posizione minoritaria, ma comunque interessante. Cfr. S. Johnson, Tutto quello che fa male ti fa bene. Perché la televisione, i videogiochi e il cinema ci rendono intelligenti, Mondadori, Milano, 2006.

8 Cfr. M. Morcellini, I. Cortoni, Provaci ancora, scuola. Idee e proposte contro la svalutazione della scuola nel tecnoevo, Erickson, Trento, 2007.

9 Cfr. M. Morcellini, Il Mediaevo Italiano. Industria culturale, tv e nuove tecnologie tra xx e xxi secolo, Carocci, Roma, 2005.

10 Cfr. M. Morcellini (a cura di), Lezione di comunicazione, Ellissi, Napoli, 2003.

11 Si vedano in particolare le indagini multiscopo I cittadini e il tempo libero, Cultura socialità e tempo libero e l’analisi annuale Aspetti della vita quotidiana, le Indagini speciali condotte su settori particolari come la lettura e promosse con cadenza quasi decennale dal 1957.

12 L’Istat usa la dizione «attività outdoor» per indicare le pratiche culturali esterne alle mura domestiche, come teatro, cinema, mostre e musei, concerti e spettacoli sportivi.

13 Cfr. E. Di Nallo, Il significato sociale del consumo, Laterza, Roma-Bari, 2004; M. Gambaro, Consumo e difesa dei consumatori: un’analisi economica, Laterza, Roma-Bari, 1995; S. Tosi, Consumi e partecipazione politica. Tra azione individuale e mobilitazione collettiva, Franco Angeli, Milano, 2006.

14 Per adulti qui si intendono, come fa l’Istat, le persone con più di 25 anni. I giovani sarebbero quindi bambini, ragazzi ed adolescenti d’età compresa tra i 6 e i 24 anni. Tuttavia, altri enti di ricerca come il Censis estendono la categoria giovanile sino a 34 anni.

15 Consideriamo, infatti, la classe d’età dei bambini di età compresa tra 6 e 10 anni, che coincide approssimativamente con la fase della scuola primaria; i ragazzi di età compresa tra 11 e 14 anni, quasi coincidente con la scuola media inferiore (unica categoria non corrispondente con un ciclo di 5 anni); gli adolescenti di età compresa tra 15 e 19 anni, in età da scuola media superiore; i giovani, da 20 a 24 anni, in età da università.

16 Cfr. P. Panarese, Avanguardie del loisir, «In-formazione. Studi e ricerche su giovani, media e formazione», Anno I, n. 1, 2007, pp. 34-38.

17 Cfr. Istat, I laureati e lo studio. Inserimento professionale dei laureati. Indagine 2004, Roma, 2007.

18 Cfr. M. Morcellini, I. Cortoni, op. cit.

19 Cfr. Censis, UCSI, V Rapporto annuale sulla comunicazione in Italia, 2001-2005 cinque anni di evoluzione e rivoluzione nell’uso dei media, Franco Angeli, Milano, 2005; Istat, Indagine Multiscopo sulle famiglie «cultura, socialità e tempo libero», 2003.

20 Cfr. M. Morcellini, La scuola della modernità. Per un manifesto della Media Education, Franco Angeli, Milano, 2004.

21 La Media education è un movimento pedagogico-comunicativo, oltre che politico, che propone l’integrazione curricolare dei media nella scuola come risposta al riconoscimento del ruolo che essi esercitano nella vita individuale e sociale.

22 Cfr. M. Morcellini (a cura di), Lezione di comunicazione, Ellissi, Napoli, 2003.

23 Per ulteriori approfondimenti sul rapporto degli italiani con i diversi media è possibile approfondire M. Morcellini (a cura di), Il Mediaevo italiano, op. cit.

24 Essa cresce, invece, sul totale della popolazione dell’1,4% nel decennio.

25 Secondo i dati Censis del 2005, il numero di coloro che acquistano un quotidiano per gli inserti aumenta dal 36,5% al 38,1% tra il 2005 e il 2006. Cfr. Censis, Rapporto Annuale sull’industria italiana dei quotidiani 2005-2006, Roma, 2006.

26 Cfr. Istat, Come cambia la vita dei bambini. Indagine statistica multiscopo sulle famiglie, Roma, 2005.

27 Cfr. L. Sciolla, op. cit.

28 L’aumento è dovuto più che altro al fatto che chi era in Rete cinque o dieci anni fa oggi è un po’ meno giovane. Cfr. http://www.gandalf.it.

29 Tra le nuove tecnologie vanno considerati non solo internet, pc e cellulare, ma anche la tv digitale e i nuovi approdi della radio sul web. Si tratta di esperienze virtuali che riecheggiano quelle reali, soprattutto per quegli aspetti che non riescono ad emergere attraverso l’esperienza concreta e quotidiana.

30 Un interessante approfondimento che i dati presentati sembrano generare, ma non permettono di esaurire, riguarda l’analisi dei comportamenti culturali e comunicativi di giovani dai profili socio-culturali o dagli orientamenti ideologico-esistenziali ben definiti e in una certa misura non «generalisti», come i cosiddetti Papa boys o i ragazzi dei centri sociali.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Tabella 4 Genere per età nel 2005
Legenda Valori espressi in percentuale
Credits Fonte: elaborazione dati Istat 2006
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/918/img-1.jpg
File image/jpeg, 428k
Titolo Grafico 1 «Utenti» di internet per età
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/918/img-2.jpg
File image/jpeg, 605k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Morcellini e Paola Panarese, « Mediaevo o Rinascimento? Un’interpretazione del nodo giovani-consumi culturali »Quaderni di Sociologia, 44 | 2007, 9-29.

Notizia bibliografica digitale

Mario Morcellini e Paola Panarese, « Mediaevo o Rinascimento? Un’interpretazione del nodo giovani-consumi culturali »Quaderni di Sociologia [Online], 44 | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/918; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.918

Torna su

Autori

Mario Morcellini

Dipartimento di Sociologia e Comunicazione - Università «La Sapienza», Roma

Paola Panarese

Dipartimento di Sociologia e Comunicazione - Università «La Sapienza», Roma

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search