Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri44la società contemporanea / Giovan...Lo spettacolo della violenza. Il ...

la società contemporanea / Giovani e nuovi media

Lo spettacolo della violenza. Il ruolo della vetrina multimediale nella «promozione» del cyberbullismo

The violence show. The role of «multimedia window» for promotion of cyberbullying
Simona Tirocchi
p. 49-65

Abstract

The episodes of violence recently happened in some italian schools, propose again as urgent the problem of the relationship between young people and new technologies. In some occasions new media enlarged bullying’s facts, beginning against their will accomplices or witnesses of deviance’s facts. Moreover, also television has always represented violence in general and adolescent deviance too, by proposing it through news reporting and fiction programs, often in spectacular forms. Goffman’s dramaturgical perspective and Meyrowitz’s and Thompson’s observations about influence of media on social settings are useful to analyze the spread of back stage style.
The possibility of filming by mobile aggressive behaviours of individuals or groups against schoolmates, or previews of violent facts appeared on blogs of some young people, are only some examples of how often a connection between media and violent crime risks to favour apocalyptic or ultra deterministic interpretations of communication facts, while obscuring creative and positive technologies dimension.
Should we consider media responsible for deviant behaviours or should we, instead, reflect about changing of society, of rhythms and contents of socialization and about changes of young social condition?
The difficulty in conceiving specific forms of safeguard for a wide universe without rules as the Web, stress one of the contradictions of new technologies, although representing their unquestioned potentiality. Through the possibility to test new ways of fruition, technologies construct and re-construct identities, producing, sometimes, problematic and fragmentary results. The Media education perspective, aiming to stimulate an aware use of media in the school but also in other formative contexts, might give some answers about the matter, clarifying the role of agents of socialization in contemporary society and the importance of languages and communicative practices of media in order to understand new generations.

Torna su

Testo integrale

1Esiste una relazione tra le biografie dei giovani d’oggi e i meccanismi della società dello spettacolo? Le nuove tecnologie della comunicazione hanno qualche responsabilità nella diffusione generalizzata di comportamenti aggressivi tra i giovani?

2La sollecitazione a riflettere su questi temi proviene da una constatazione riguardante la crescita esponenziale di episodi di bullismo (o presunti tali) che si registra da almeno un anno e mezzo a questa parte nella società italiana. La vera novità, però, risiede nel fatto che basta un telefonino di ultima generazione per girare un videoclip dove – set privilegiato la scuola – i ragazzi si mettono in scena, certi che le loro storie saranno viste da chi, semplicemente grazie ad un pc collegato ad Internet, potrà scaricarle da casa propria e così godersi lo spettacolo.

1. Spettacolarizzare la realtà

  • 1 Il concetto di «vetrinizzazione» della cultura e della società compare anche nel volume di Vanni Co (...)

3«Lo spettacolo non può essere compreso come l’abuso di un mondo visivo, il prodotto delle tecniche di diffusione massiva di immagini. Esso è piuttosto una Welthanschauung divenuta effettiva, materialmente tradotta. Si tratta di una visione del mondo che si è oggettivata» (Debord, 2002, p. 44). Così scriveva Guy Debord riferendosi alla spettacolarizzazione generalizzata prodotta dalle strutture della società capitalistica e anticipando uno dei caratteri essenziali della società postmoderna. Al di là della portata ideologica delle tesi di Debord, oggi il processo di spettacolarizzazione è diventato intrinseco alla realtà stessa, tanto che le merci, il corpo, la sfera più intima degli individui sono ormai oggetto di un’esposizione permanente e di un flusso di spettacolarizzazione continua che interessa tutte le fasi della vita, non risparmiando neanche il momento della morte e del morire. È ciò che con un’espressione suggestiva e appropriata Vanni Codeluppi definisce vetrinizzazione sociale (Codeluppi, 2007), per indicare una estetizzazione generale dell’esistenza in cui il concetto di «vetrina» si estende a tutti gli aspetti della vita sociale1. Non è detto che l’estetica della visibilità (Carmagnola, 1989) contenga necessariamente una componente passivizzante e massificante, ma certamente è «un’estetica del quotidiano basata sulla continua stimolazione delle percezioni e dei gusti del fruitore» (Carmagnola, 1989, p. 23).

4La spettacolarizzazione della vita quotidiana, indotta soprattutto dai mass media, determina una trasformazione delle forme di visibilità sociale, creando una società, almeno in apparenza, trasparente (Vattimo, 2000). Nella società dominata dai media, tutto, quanto meno nelle intenzioni, dovrebbe essere «reso visibile», ma la moltiplicazione delle Weltanschauungen, delle visioni del mondo, non garantisce la chiarezza delle informazioni e dei punti di vista.

5Come nota Thompson, contrariamente al passato, quando la visibilità e pubblicità di un evento erano legate alla fisicità del luogo in cui esso era rappresentato, oggi i media creano nuove forme di pubblicità mediata: «…grazie alla grande accessibilità delle informazioni resa possibile dai media, la notorietà di individui, azioni ed eventi non è più affidata alla condivisione di uno stesso luogo. È possibile rendere pubblica un’azione semplicemente registrandola e trasmettendola ad altri, altri non fisicamente presenti nel momento e nel luogo in cui essa è stata intrapresa. Le azioni e gli eventi acquistano una visibilità che è indipendente dalla possibilità che un gruppo di individui compresenti li veda o senta in modo diretto» (Thompson, 1998, pp. 177-178).

6La tendenza alla spettacolarizzazione della realtà e alla disgregazione delle sfere pubblico/privato è stata inaugurata dai media elettronici, che hanno creato uno spazio intermedio o «da palcoscenico laterale» (Meyrowitz, 1995) dove la scena e il retroscena goffmaniani si confondono in un’unica zona. Il processo si è accentuato con la nascita della televisione e poi con la sua evoluzione nei formati e nei linguaggi della neo-televisione. Da quel momento la spettacolarizzazione della sfera emotiva, caratteristica del genere fiction, ha contaminato tutte le altre tipologie di programmi televisivi (Livolsi, 1998, p. 159).

7Riflettendo sull’ingresso della vita quotidiana all’interno dello schermo televisivo, possiamo essere d’accordo con Renato Stella, quando scrive che «…lo spettatore è l’ ‘uno’ che può vedere moltitudini, solo che nel gioco neotelevisivo chi guarda non è diverso da chi è guardato, ed anzi proprio nella sovrapposizione tra i due ruoli prende forma una specifica dimensione moderna dell’identità. Le celle del Panopticon di Bentham, attraverso cui passa la luce e che stabiliscono una mappa di distribuzione periferica dello sguardo, ben si attagliano al ruolo moderno dell’osservatore seduto davanti al suo apparecchio televisivo» (Stella, 1999, p. 77).

8L’informazione, il varietà, il talk show e tutte le loro varianti sono giunti infine alla loro sintesi estrema: il reality show, genere che tenta di catturare dentro l’occhio di una telecamera la vita stessa, mentre «da fuori» la gente segue quotidianamente, senza essere vista, le vicende di personaggi più o meno famosi, semplicemente per soddisfare la propria curiosità o nel tentativo di riconoscersi e di vivere, almeno in parte, un’esistenza vicaria.

  • 2 Ancora P., Fioroni: «La tv violenta una fabbrica di bulli», «Il Messaggero», 30 marzo 2007.

9C’è anche chi, come l’attuale ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni, ha recentemente messo in relazione l’esplosione del bullismo giovanile proprio con la cultura del reality, che sarebbe stata in grado di sollecitare e stimolare la corsa sfrenata all’apparire2.

10Secondo la ormai classica definizione di Dan Olweus «…uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato o vittimizzato, quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o più compagni» (Olweus, 1996, pp. 11-12). Oggi questa esplosione generalizzata di aggressività è posta in relazione con le forme della violenza-spettacolo proposte dalla televisione, ma anche con la cosiddetta violenza tiepida, che attraversa tutto il palinsesto manifestandosi in forme meno evidenti ma non meno insidiose (Gili, 2006, pp. 94-97). In termini psicologici si parla di azione diretta (impatto diretto delle immagini) e di effetto sottosoglia, che si riferisce all’accumulazione nel tempo degli stimoli derivanti dai singoli episodi (Andreoli, 2007, p. 162).

2. Surrogati di presenza3

  • 3 Il titolo di questo paragrafo richiama il titolo del libro di Franco La Cecla, Surrogati di presenz (...)

11Con l’evento dell’11 settembre e il crollo delle Twin Towers, filmato e riproposto in innumerevoli occasioni su tutti gli schermi, dalla tv al web, la realtà e la sua rappresentazione si sono confuse a tal punto da entrare in rotta di collisione (Codeluppi, 2003, pp. 61-62). Le classiche teorie degli effetti sociali dei media – in particolare l’agenda setting (Mc Combs e Shaw, 1994), la teoria della coltivazione (Gerbner, 2002), la teoria della spirale del silenzio (Noelle-Neumann, 2002), la teoria della dipendenza (De Fleur, Ball-Rokeach, 1995) – hanno da tempo sottolineato l’importanza del ruolo dei media nella costruzione e certificazione della realtà sociale. I mezzi di comunicazione stabiliscono l’agenda degli argomenti su cui discutere, creano un canale di socializzazione parallelo a quello tradizionale, determinano e orientano l’opinione pubblica, influenzano le diverse sfere dell’agire sociale. La realtà che ci circonda è, per questo, sempre di più una realtà mediata (Cheli, 1992).

12Ad accentuare i motivi di preoccupazione, oggi si aggiunge un ulteriore elemento: il fatto che viviamo in una società digitale (Granieri, 2006), in cui le nuove tecnologie garantiscono forme di visibilità ancora più spettacolari e una diffusione quasi simultanea di immagini, suoni e video. Infatti, rispetto ai mezzi tradizionali i nuovi media si distinguono per caratteristiche che implicano nuove potenzialità. Dalla logica broadcast, tipica dei media generalisti (soprattutto televisione e radio), si è passati ad un modello narrowcast, quello – per intenderci – delle televisioni tematiche dirette a pubblici sempre più specifici. Oggi il modello comunicativo prevalente è il netcast, una struttura a rete con comunicazioni bidirezionali del tipo multipoint to multipoint. Ciò ha determinato un’evoluzione sostanziale del concetto di interattività.

13Se ragioniamo, seguendo Giuseppe Granieri, sui diversi gradi interattività esperibili nella vita di tutti i giorni, distinguiamo una «interattività da selezione», che si riferisce alla (limitata) possibilità di scelta di cui si dispone agendo su un dispositivo (p. es. il tasto della lavatrice, della televisione, del videoregistratore), da una «interattività da consultazione», dove la preferenza si esercita tra diverse opzioni (siti web, cd rom, tv digitale). Come nota Granieri, tuttavia, «l’elemento chiave della digitalizzazione non è l’interattività, ma, piuttosto, è la madre di tutte le interazioni: la comunicazione a due vie, che si realizza da punto a punto e che si attesta su regole di reciprocità molto più simili al modello della conversazione umana. È un processo in cui lo scambio è bidirezionale ed entrambe le parti coinvolte producono (o immettono nel sistema) qualcosa di proprio portando alla creazione di qualcosa di nuovo» (Granieri, 2006, pp. 45-46).

14I giovani sembrano essere i soggetti sociali che riescono a valorizzare maggiormente le opportunità offerte dalle nuove tecnologie della comunicazione, forse per il loro rapporto empatico con i nuovi media o perché, da parte degli adulti, c’è una limitata disponibilità «a farsi modificare», a cambiare la propria forma mentis, a mettersi in relazione non passiva con le culture dello schermo, così radicalmente diverse dalle culture del libro (Tirocchi, Andò, Antenore, 2002). Tutto è cominciato con i videogiochi, con l’e-mail, poi le prime pagine web personali, i forum di discussione, le chat, le community e successivamente i blog, che hanno creato spazi di discussione pubblica e di messa in scena dell’identità, moltiplicando le occasioni di interazione e di scambio, ma anche di esteriorizzazione del proprio sé, delle proprie idee e delle proprie esperienze, in una parola delle proprie relazioni sociali.

15La webcam, la videocamera digitale e i telefonini di ultima generazione hanno fatto il resto, inaugurando un nuovo concetto di audiovisivo, un audiovisivo «fai-da-te», a basso costo, ma straordinariamente appetibile per una vastissima audience. Il set può essere la propria camera, la strada, o addirittura un’aula scolastica. L’importante è che lo stile da retroscena (Goffman, 1969) esibito nello spazio della ribalta, diventi il modello di comportamento prevalente nella realtà.

  • 4 Cfr., a titolo di esempio, l’articolo di Veltri C., «Prof, ti punto la pistola alla tempia» Video-s (...)

16Ad andare in onda, o meglio in rete, negli ultimi mesi, sono state scene di violenza, sempre più spesso ambientate a scuola, in cui adolescenti e preadolescenti hanno indossato alternativamente la veste di protagonisti e di vittime. Siti web come E-mule e Youtube, generalmente utilizzati per scambiarsi file musicali e video divertenti o rari tra amici, sono assurti a spazi di visibilità generalizzata di scene di violenza (più o meno soft) a danno dei compagni, di derisione nei confronti degli insegnanti4, di episodi che hanno sfiorato l’abuso sessuale. Se, dunque, il non rispetto o la trasgressione di regole istituzionalizzate nella scuola e in famiglia non sono certo una novità, ciò che cambia rispetto al passato sta nel fatto che in questi casi le cosiddette «bravate» o «ragazzate» sono filmate con il telefonino e diffuse nella Rete, ad uso e consumo di un numero potenzialmente infinito di utenti e spettatori.

17Sempre più spesso, all’interno di queste scene filmate, si rintraccia una volontà di rottura delle regole sociali, in particolare di quelle che Goffman definisce regole morali, poiché attengono al rispetto nei confronti del prossimo, dei luoghi «sacri», e ad un adeguato comportamento sessuale (Goffman, 1969, p. 128). Tale tendenza a rompere gli schemi e le convenzioni oltrepassando un limite che sembra non esistere più, può essere correlata con la propensione – «naturalmente» generazionale, almeno così pare – degli adolescenti alla tragressione. Tuttavia, i dati diffusi dal Quinto Rapporto Iard sulla condizione giovanile (Buzzi, Cavalli, de Lillo, 2002, pp. 313-315), registrano, nell’area della violenza e del vandalismo, rispetto a tutte le rilevazioni precedenti (1983, 1987, 1992, 1996), un netto calo dell’item relativo alla «non esclusione di fare a botte per far valere le proprie ragioni»: nel 2000 il 32,4% dei ragazzi riteneva plausibile questo tipo di comportamento. È un dato ancora preoccupante, ma il fenomeno appare ridimensionato rispetto al 44,6% del 1983.

3. La socializzazione digitale

18Quella che avviene attraverso gli schermi del pc e del telefonino è una socializzazione anticipatoria peer to peer: i giovani che su Youtube scaricano in continuazione immagini e filmati, accedono ai segreti dell’adolescenza in maniera talvolta improvvisa, senza filtro: ad essere in scena, stavolta, non sono i protagonisti delle fiction televisive che anticipano il «gioco dei ruoli» della vita adulta, ma gli stessi ragazzi che esibiscono, nel palcoscenico della rete, i loro rapporti più o meno conflittuali e persino le loro esperienze sessuali. Il vero disvelamento del retroscena (Meyrowitz, 1985) non è da attribuire alla televisione, ma alle nuove tecnologie della comunicazione, che soddisfano la voglia dei giovani di «mettersi in scena», portando alla ribalta la parte più intima di sé, rompendo qualunque convenzione sociale ed ignorando qualunque rito di passaggio o, meglio, come preferiva Bourdieu (1998, pp. 30-31) in riferimento specifico alla costruzione dell’identità di genere, qualunque rito di istituzione.

19Se è vero che «…nelle nostre società questi rituali sono diventati sempre meno importanti, meno obbligatori e meno diffusi» (Sciolla, 2002, p. 220), è anche vero che le agenzie di socializzazione tradizionali – forse per la concorrenza un po’ «sleale» dei media – fanno fatica ad assecondare i ritmi di crescita dei giovani, così che la trasmissione dei valori e della cultura, compito irrinunciabile per le istituzioni formative, è fuori sincrono rispetto al cambiamento sociale.

  • 5 Cfr .aa. vv., Socializzazione di corsa, Numero monografico di «In.formazione. Studi e ricerche su g (...)

20Morcellini la definisce una socializzazione «di corsa»5, per indicare una crescita che non sembra più rispettare i suoi tempi, quasi fosse un percorso «col turbo» invece che «con le marce». È come se la formazione diventasse un’avventura precipitosa in cui «bruciare le tappe» rappresenta la norma anziché l’eccezione: i ragazzi non desiderano più fermarsi ai limiti, o perché i limiti non sembrano più esistere, o perché esistono soltanto per essere oltrepassati, «bruciati» appunto.

  • 6 Serra M., La bulimia esistenziale nel Paese dei Balocchi, «Repubblica.it», 19 novembre 2006.

21Michele Serra, osservatore acuto del quotidiano che cambia, la definisce bulimia esistenziale6, riferendosi alla fretta di crescere e alla fretta di essere, senza attendere il tempo fisiologico. In altre parole, sembra che ci si trovi di fronte ad un vero e proprio cambiamento di habitus, inteso qui in senso ampio, come predisposizione verso la realtà e gli altri soggetti sociali. Anche se l’habitus è un concetto squisitamente individuale, potremmo affermare che c’è un habitus che accomuna i giovani differenziandoli profondamente dagli adulti: c’è una grammatica di codici e di comportamenti, di pratiche sociali e comunicative che non possono non essere coerenti con le mutate condizioni della società in cui i giovani vivono.

22È necessario riflettere su come sono mutati i meccanismi della socializzazione negli ultimi venti o trent’anni, più o meno da quando la televisione e gli altri media si sono imposti (in maniera tutt’altro che impositiva) nella vita di bambini e adolescenti in qualità di interlocutori privilegiati, in grado di costruire ed alimentare un canale di socializzazione parallelo a quello tradizionale. Dalla ultrasocializzazione top down, dalla società al soggetto, o meglio dalla società ad «audience indifferenziata», si passa ad un modello di socializzazione interattiva e «fai-da-te», che coinvolge l’individualità del giovane e la sua capacità di progettare percorsi autonomi, specialmente fondati sul dialogo con il gruppo dei pari e sul riconoscimento della forza di attrazione esercitata dai media e della loro capacità di «costruire» la realtà circostante. Concetti come quello di doppio canale della socializzazione (Morcellini, 1997), socializzazione leggera (Martelli, 1996), socializzazione flessibile (Garelli, Palmonari, Sciolla, 2006) tentano di descrivere la socializzazione, o meglio le socializzazioni postmoderne e la tendenza al progressivo dissolvimento dei tradizionali modelli di autorità (famiglia, scuola, religione tradizionale), in favore della accresciuta importanza del gruppo dei pari e dei media per la formazione e il consolidamento del legame sociale.

23In questo scenario di mutamento e indebolimento dei meccanismi della socializzazione, si accendono i riflettori mediatici sul cyberbullismo, una nuova frontiera della devianza sociale giovanile, basata sull’uso di Internet e del telefonino come armi di offesa e di violenza tra pari. In particolare, il cyberbullismo si manifesta con la messa in pratica di tutta quella serie di comportamenti che abbiamo visto mettere in atto all’interno delle scuole italiane, ai danni dei compagni o, sempre più spesso, degli insegnanti.

4. Costruire lo spettacolo della violenza

24La tesi che intendiamo sostenere è che l’enfasi attribuita dai media al fenomeno bullismo non corrisponda alla sua reale portata: essa è piuttosto il risultato delle loro logiche di presentazione della realtà e dei meccanismi di costruzione delle notizie.

25Per esaminare queste modalità di rappresentazione, gli articoli di giornale costituiscono fonti di dati sociologici fra i più preziosi che abbiamo a disposizione: le cronache registrano con dovizia di particolari fatti e avvenimenti, offrendo al sociologo la possibilità di riflettervi nel tentativo di rintracciare un filo conduttore e di individuare percorsi e prospettive di tendenza.

26L’analisi del contenuto di un campione di articoli apparsi sulle maggiori testate giornalistiche a stampa, quotidiane e periodiche, nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 marzo 2007 (cfr. tab. 1) offre dunque una fotografia abbastanza chiara del clima d’opinione prevalente in merito al rapporto tra media ed episodi di devianza giovanile, in particolare di bullismo. La tendenza generalizzata è quella di etichettare frettolosamente come «bullismo» manifestazioni di devianza del tutto disomogenee e di chiamare in causa i mezzi di comunicazione come principali o a volte unici responsabili della disgregazione della famiglia tradizionale, della scomparsa dei valori, della deresponsabilizzazione dei ragazzi nei confronti degli impegni scolastici.

Tabella 1 Mezzi di comunicazione citati negli articoli di giornale riguardanti media, minori e disagio giovanile

Cellulare

17

Cinema

23

Computer

1

Internet

9

Media in generale

9

Nuovi media

2

Pubblicità

1

Tv

32

Videogiochi

6

Totale

100

  • 7 Le testate prese in considerazione per la rassegna stampa sono le seguenti: Amica, Anna, Avanti!, A (...)

Periodo di riferimento: 1 gennaio 2007 - 31 marzo 2007
Base: 100 articoli di giornale, tra quotidiani e periodici nazionali7

Fonte: Nostra elaborazione dalla rassegna stampa del sito www.minori.it – Istituto degli Innocenti - Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza.

27In un clima di generalizzato attacco nei confronti dei nuovi media, è sorprendente, però, che tutto ancora si risolva nella sterile, antica, francamente noiosa, diatriba tra «apocalittici» e «integrati», dove a farla da padrone sono i detrattori del mezzo televisivo. La tv, infatti, viene citata in ben 32 articoli su 100 e quasi sempre denigrata per i suoi contenuti trash, per la sindrome da videodipendenza a cui viene continuamente associata, per i modelli culturali antisociali che viene accusata di proporre.

28Il secondo medium più citato, con ben 23 articoli, è il cinema. Questa presenza piuttosto consistente, si giustifica con l’esistenza, nel periodo considerato, della polemica sorta intorno al film Apocalypto diretto da Mel Gibson, inizialmente distribuito nelle sale come «film per tutti» e successivamente vietato, per la crudeltà di alcune scene, ai minori di quattordici anni.

29A seguire, nella graduatoria dei media che vengono menzionati come causa diretta, o comunque in relazione ad episodi di devianza giovanile e di bullismo, troviamo il telefono cellulare (17 occorrenze), Internet (9) e i media in generale (9).

30In particolare, è proprio l’interazione tra i videofonini ed Internet, diretta conseguenza del processo di convergenza digitale, ad essere al centro di quasi tutti gli articoli considerati. Non è necessario che ad essere filmati siano episodi etichettati come devianti: anzi, il più delle volte si tratta di vere e proprie esibizioni individuali, di ragazze o ragazzi, che scelgono di diffondere in rete la propria immagine e il proprio corpo, servendosi di strategie promozionali non particolarmente eleganti; basta cambiare il titolo al video fingendo che si tratti di uno degli episodi già pubblicizzati dai media, e si riesce ad andare in scena catturando platee sempre più vaste ed incuriosite.

31Dunque, la domanda che sorge spontanea è: perché enfatizzare sempre e soltanto l’aspetto negativo dei nuovi media? L’ondata del videobullismo e del cyberbullismo sono soltanto il lato oscuro, ma socialmente e sociologicamente significativo, delle loro potenzialità creative.

  • 8 L’indagine quali-quantitativa La digital generation, condotta dall’aie nel 2006 su un campione di c (...)

32Come mostrano i primi dati del Rapporto Digital Generation 2.0 diffusi dall’Osservatorio permanente sui Contenuti Digitali (2007) sono gli stessi ragazzi a riconoscere nei nuovi media una potenzialità essenzialmente creativa: i giovani ritengono che l’utilizzo delle nuove tecnologie nella didattica restituisca spazio alla «creatività» e consenta di operare in una condizione di «ipertestualità»; Internet offre la possibilità di costruire «ponti» e di problematizzare, di ricomporre il quadro interpretativo, partendo da informazioni frammentarie derivate da varie fonti, di approfondire argomenti8. Questa evidenza è tanto più significativa se collocata nel quadro di una più generale fuga dal generalismo. Nella fascia di età 14-29 anni la tv ha ormai subito il «sorpasso» del cellulare: 96% contro 94,9% (Censis, 2006), mentre la percentuale d’uso di Internet tra i giovani (41,8%) distanzia notevolmente quella degli adulti (21,9%).

33Forse una interpretazione più sensata del fenomeno del bullismo giovanile, e di conseguenza del videobullismo e del cyberbullismo, sta nel fatto che probabilmente c’è, da parte dei ragazzi, il desiderio, quasi l’esigenza, di conquistare qualche frammento, qualche lampo di celebrità, proprio sul modello della «tv dei famosi».

34Le nuove tecnologie hanno l’importante ruolo di registrare la realtà, di ingrandirla ed amplificarla, rilanciandola con un effetto spillover di ricaduta su tutti i mezzi di comunicazione generalisti, come ci hanno dimostrato molti recenti fatti di cronaca. L’episodio più clamoroso (di cui si è avuta notizia alla fine del 2006) ha visto come protagonista un ragazzo disabile, filmato mentre veniva picchiato da un compagno, in un’aula scolastica dell’istituto tecnico Albe Steiner di Torino. Dopo qualche tempo il video ha cominciato a circolare sul web ed è stato reso disponibile e cliccabile in un’area del frequentatissimo portale Google dedicata ai video divertenti. L’Istituto tecnico Majorana di Brindisi è stato invece teatro (novembre 2006) di un’aggressione avvenuta ai danni di un ragazzo, bloccato da due coetanei mentre il terzo simulava su di lui atti sessuali. La scena è stata filmata con il videofonino.

35Ma c’è ancora qualcosa di più. A dicembre una ragazza di 16 anni che frequenta il liceo Guastalla di Reggio Emilia ha tentato il suicidio dopo che l’ex-fidanzato aveva spedito le sue foto hard, con il videofonino, ai compagni di scuola.

  • 9 Smargiassi M., Bullismo, la scuola come un set. «Noi, violenti per diventare famosi», «La Repubblic (...)

36In questo circuito mediatico, il meccanismo di produzione delle immagini e dei video si attiva a beneficio di «…una platea anonima che guarda e gradisce lo show, l’Auditel che decreta il successo del “famoso” di turno»9. L’unica colpa dei nuovi media, se proprio di colpa si vuole parlare, è quella di aver messo a disposizione della corsa sfrenata e dissennata alla notorietà e al successo mediatico, le loro straordinarie potenzialità.

37Un’analisi attenta e ragionata del materiale empirico dimostra che occorre rovesciare il tradizionale punto di vista apocalittico sui media, basato prevalentemente sul determinismo tecnologico, inteso in senso deteriore e assolutizzante. La corrente apocalittica (equivalente al clima d’opinione prevalente, e «guidato») colpevolizza i media additandoli sempre come causa prima o scatenante del verificarsi di episodi di violenza o più semplicemente del dilagante diffondersi di atteggiamenti di maleducazione.

38È allora possibile arginare questa situazione di anarchia generalizzata delle tecnologie, evitando che se ne annullino, demonizzandole, anche le potenzialità positive? Da questo punto di vista lo scenario normativo italiano in materia di tutela dei minori nei mezzi di comunicazione presenta un profilo notevolmente articolato ma ancora insufficiente, caratterizzato da una pluralità di attori che rischia di generare una confusione di ruoli ed attribuzioni di competenze, in un proliferare di leggi, codici di condotta, raccomandazioni e carte deontologiche.

  • 10 Il Comitato di applicazione del Codice ha il potere di accertare le violazioni e di adottare alcuni (...)
  • 11 Il Codice, che stabilisce linee di comportamento e responsabilità per i diversi operatori della ret (...)
  • 12 La proiezione in pubblico di un film, come anche l’esportazione dei film nazionali o la trasmission (...)
  • 13 L’Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni ha deliberato, sulla base degli esiti dell’indagine (...)

39Allo stato attuale, la tutela dei minori in quest’ambito si fonda in buona parte sui codici di autoregolamentazione: da una parte sul Codice di autoregolamentazione tv e minori, emanato il 29 novembre 2002 dal Ministero per le Telecomunicazioni10; dall’altra dal Codice di autoregolamentazione Internet e minori, sottoscritto dall’ex ministro Stanca il 19 novembre 2003 in accordo con il Ministero delle Comunicazioni11. Questi due codici risolverebbero solo una minima parte del problema, dal momento che non tengono conto del cinema12 (attualmente regolato dal vecchio istituto della censura cinematografica), né dell’impatto delle tecnologie attualmente più diffuse tra i giovani, videogiochi e telefonini13.

40L’attuale scenario comunicativo induce ad affrontare il problema della pervasività dei media secondo una logica di sistema integrato, che tenga realmente conto delle interazioni tra media diversi e soprattutto delle conseguenze del processo di digitalizzazione. Il primo aspetto critico riguarda, infatti, il mancato recepimento della prospettiva sistemica, propria dell’attuale assetto delle comunicazioni di massa, ma soprattutto rispondente al reale modello di consumo dei pubblici. La moltiplicazione dei canali comunicativi e la possibilità di fruire degli stessi contenuti su più media (Internet, tv digitale, cellulare) richiede l’applicazione di una prospettiva unitaria, che potrebbe tradursi nella promozione di un Codice di autoregolamentazione unitario, o addirittura unico, atto a vigilare sia sulla materia televisiva sia su quella relativa alle reti telematiche e agli altri dispositivi di comunicazione.

5. Comunicare per prevenire

41Per tentare di eliminare (o almeno limitare) i pregiudizi che gravano sul dibattito sorto intorno alla potenziale diseducatività e pericolosità delle nuove tecnologie mediatiche, è fondamentale evidenziare il valore positivo della comunicazione e dei consumi culturali, anche e soprattutto di quelli digitali. L’espressione che esprime in maniera sempre più convincente quest’ultimo concetto è Media education, il cui significato si può attualmente sintetizzare con: educazione/formazione all’analisi critica dell’ambiente comunicativo globale. Con ciò si intende precisare che la corretta comprensione delle potenzialità e dei rischi insiti nei media deve necessariamente presupporre la consapevolezza dell’esistenza di un sistema comunicativo complesso e diversificato, in cui siamo completamente immersi, quale parte integrante e costitutiva della nostra vita quotidiana, delle nostre relazioni sociali, della nostra stessa identità.

  • 14 Il Gt Ragazzi va onda per il settimo anno consecutivo su Raitre, dal lunedì al venerdì, ed è indiri (...)
  • 15 Nell’edizione 2004/2005 sono stati coinvolti circa 600 bambini romani che hanno prodotto 15 telegio (...)

42Un’esperienza di Media education particolarmente significativa, soprattutto in relazione ai risultati raggiunti, è quella del Telegiornale in Classe, nata da un’idea del Gt Ragazzi14 – Tg3/Rai Tre – in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Educative e alla Scuola del Comune di Roma e il supporto del Cine Tv «Roberto Rossellini» di Roma. Il progetto è stato inizialmente indirizzato agli studenti delle classi iv e v della scuola elementare, per poi coinvolgere, nella seconda edizione, anche alcune classi della scuola media15.

43L’iniziativa, mirata a coinvolgere gli alunni nell’analisi e nella lettura critica dell’informazione televisiva promuovendo un’abitudine stabile alla visione del telegiornale e, in generale, al concetto del «tenersi informati», aveva come obiettivo finale la realizzazione di un tg fatto dai bambini, con il sostegno dei responsabili del Gt ragazzi (Rossi, 2006).

  • 16 Il progetto prevede diverse fasi di lavoro con i ragazzi, costantemente supervisionate e accompagna (...)
  • 17 Ai focus group hanno partecipato in totale diciannove bambini, di cui dodici bambini e sette bambin (...)

44Il bullismo si sente ma non si vede. Questo slogan introduce il tema scelto dalla classe v d della scuola elementare Merelli di Roma per la realizzazione del «Tg in classe»16. I risultati dell’esperienza sono stati sottoposti a verifica attraverso due focus group17 svoltisi in un momento successivo alla conclusione dell’esperienza e mediante un’intervista in profondità rivolta all’insegnante responsabile dello sviluppo del progetto (Rossi, 2006).

  • 18 Le frasi sono riportate indicando l’iniziale del nome del bambino e, tra parentesi, il sesso (masch (...)

45Come emerge sia dai focus group che dall’intervista, la realizzazione del prodotto finale, il telegiornale, è stata preceduta da numerosi momenti di discussione e confronto, durante i quali i bambini hanno espresso le loro idee, trasformando le loro riflessioni in un linguaggio indirizzato ad un pubblico con le loro stesse esigenze, difficoltà e aspettative. L’insegnante ha sollecitato i bambini a parlare, chiedendo loro di manifestare apertamente le difficoltà incontrate nel rapporto con alcuni compagni o di raccontare gli episodi di bullismo vissuti o osservati. La scelta delle parole con cui gli alunni hanno provato a definire il fenomeno «bullismo» ha contribuito ad un processo di conoscenza approfondita delle prepotenze scolastiche. Così, per A (m)18 «il bullo è quello che mena o che ha i genitori separati», per F (f) è «uno che si sente superiore agli altri», per V (f) «è una persona che ha dei problemi», mentre per C (f) «è una creatura che parla dialetto romano, si veste con magliette larghe».

46L’insegnante che ha accompagnato la classe nello svolgimento del progetto si è avvalsa di un approccio multidisciplinare, nell’ambito del quale, ad esempio, si è sperimentata una lettura de «I Promessi Sposi» in relazione al bullismo, riflettendo sui diversi ruoli identificabili nel romanzo: i Bravi come bulli di un tempo, Renzo e Lucia come vittime. Come racconta l’insegnante: «…quando abbiamo letto i Promessi Sposi […] ai ragazzi è servito molto ed hanno ammesso a volte di sentirsi dei Bravi a volte Renzo e Lucia».

47Sintetizzare in un servizio giornalistico di pochi minuti tutto il lavoro di analisi del fenomeno, non è stata un’impresa facile, ma la consapevolezza di «andare in tv» ha responsabilizzato notevolmente i bambini. La classe ha imparato a lavorare in gruppo, a stabilire e rispettare dei ruoli, a discutere animatamente per poi concentrarsi al momento della registrazione del tg: «…hanno capito i tempi, quando intervenire, quando parlare, sanno che il tg ha comunque i secondi contati, per cui è stato utile anche questo mettere le loro parole a tempo con i minuti che si hanno a disposizione».

48La realizzazione del telegiornale si configura dunque come la fase finale di un processo educativo lungo, complesso e multidimensionale, che ha coinvolto sia i bambini che l’insegnante. Il prodotto realizzato sintetizza la crescita formativa del gruppo-classe che, partendo dagli episodi di bullismo avvenuti nella scuola, ha trasformato il lavoro di ricerca e di indagine in un’esperienza conoscitiva che si è a sua volta tradotta in uno specifico linguaggio comunicativo.

6. Ma che colpa abbiamo noi?

49I media registrano, amplificano, accentuano la realtà e i fenomeni sociali, possono talvolta favorirne letture distorte. La spettacolarizzazione di una realtà già di per sé surrogato della presenza, come quella filmata nelle aule scolastiche dai videofonini e poi «scaricata» in quello spazio virtuale che è stato recentemente definito in modo significativo la discarica dei dati (Andreoli 2007, p. 166), produce uno snaturamento del termine bullismo, da una connotazione di originario atto aggressivo agito a danno di un soggetto da parte di un individuo o di un gruppo, ad un’estensione quasi illimitata delle fattispecie di comportamento: l’esibizionismo, l’ostensione del proprio corpo, la maleducazione nei confronti degli insegnanti. Ma, più preoccupante, il processo di spettacolarizzazione sottintende che il ruolo dei media, e in particolare dei nuovi media digitali, sia decisivo nell’ «induzione» al bullismo o per la sperimentazione di altri comportamenti devianti.

  • 19 Società Italiana di Pediatria, Abitudini e stili di vita degli adolescenti italiani [Abstract Rappo (...)

50È ancora alla moda affermare che i consumi culturali sono i nemici più acerrimi dell’educazione, quando esistono solide evidenze empiriche (Morcellini, 2006) che capovolgono questo punto di vista? E se è quanto meno imprudente ipotizzare – come alcuni studiosi sostengono – che esiste un rapporto di causalità diretta tra quantità di consumo televisivo e imitazione di comportamenti adulti, o tra consumo televisivo e comportamenti a rischio19, è altrettanto affrettato concludere che l’uso di Internet o del videofonino si correlino alla messa in atto di comportamenti violenti.

51Basterebbe rivolgere, anche per un istante, il nostro sguardo a ciò che avvolge e circonda i fatti di bullismo, in una parola al contesto socioculturale di riferimento, caratterizzato dalla condivisione di modelli culturali che si traducono nell’adozione di specifici stili educativi.

  • 20 Zancan N., Video choc, sospesa tutta la classe si ribellano i genitori dei bocciati, «La Repubblica (...)

52«Le stanno negando il futuro. È una scuola che sa soltanto punire»20. I genitori di G., una delle ragazze protagoniste della vicenda dell’istituto Albe Steiner di Torino, accusano la scuola di essere stata «solo punitiva», di non essere stata in grado di «capire». Il provvedimento di sospensione dalle lezioni per un anno e di esclusione dallo scrutinio finale comminato ai quattro responsabili del «video-choc», ha indignato i genitori dei ragazzi coinvolti. In questa circostanza, la famiglia sembra essere lo specchio più fedele e l’anello più debole di una sostanziale fragilità della socializzazione, in cui le figure genitoriali diventano semplici comparse dello spettacolo della violenza, svuotandosi di significato e consegnando agli insegnanti e ai ragazzi stessi tutto il peso della socializzazione. I genitori, preoccupati – talvolta, solo a parole – del «benessere», materiale e psicofisico, non mostrano invece sostanziale preoccupazione o timore per quell’alone di rischio ed incertezza che permea sempre di più l’esistenza dei propri figli.

53La «difficoltà dell’essere genitori», uno degli slogan che accompagnano la quotidianità delle descrizioni della condizione postmoderna, non sembra essere sufficiente per giustificare l’adozione di un modello educativo eccessivamente permissivo e sostanzialmente assente, dove, nella socializzazione senza rete dominata dai media e dalle relazioni nel gruppo dei pari, non si capisce più quale posto occupino le regole e i valori della correttezza e del rispetto reciproco. Allora ci possiamo chiedere se queste regole esistano ancora o se forse i nostri giovani adulti siano semplicemente il prodotto di una crisi che si sviluppa in tutti gli ambiti istituzionali della vita sociale, con l’effetto di delegare implicitamente ai media e alla comunicazione la funzione di fornire modelli di comportamento stabili (più o meno) credibili e di insorgere e protestare quando ciò non avviene.

Torna su

Bibliografia

aa. vv.., Socializzazione di corsa, Numero monografico di «In.formazione. Studi e ricerche su giovani, media e formazione», Anno 1, n. 1, 2006.

aie (2007), Digital generation 2.0. I ragazzi, la scuola, le tecnologie [presentazione Rapporto 30 marzo 2007 – Documento visibile alla pagina:www.aie.it/ufficiostampa/visualizza.asp?ID=1279 consultata il 19.04.2007 [link non disponibile 01/12/2016]].

Id. (2006), D.G. La digital generation. Un’indagine quali-quantitativa tra i giovani di 14-24 anni [presentazione Rapporto 22 marzo 2006 – Documento visibile alla pagina:

www.aie.it/Allegati/News/Digital%20Generation_Rapporto2006OsservatorioAIE.pdf, consultata il 19.04.2007 [link non disponibile 01/12/2016]].

Ancora P., Fioroni: «La tv violenta una fabbrica di bulli», «Il Messaggero», 30 marzo 2007.

Andreoli V. (2007), La vita digitale, Milano, Rizzoli.

Bentivegna S. (1994), Mediare la realtà: mass media, sistema politico e opinione pubblica, Milano, Franco Angeli.

Bourdieu P. (1998), La domination masculine, Seuil, Paris, 1998.

Buzzi C., Cavalli A., de Lillo A. (2002), Quinto rapporto iard sulla condizione giovanile in Italia, Bologna, Il Mulino.

Carmagnola F. (1989), La visibilità. Per un’estetica dei fenomeni complessi, Milano, Guerini.

Censis-Ucsi (2006), 2001-2005, Cinque anni di evoluzione e rivoluzione nell’uso dei media. Quinto Rapporto sulla comunicazione in Italia, Milano, Franco Angeli.

Cheli E. (1992), La realtà mediata. L’influenza dei mass media tra persuasione e costruzione sociale della realtà, Milano, Franco Angeli.

Codeluppi V. (2007), La vetrinizzazione sociale, Torino, Bollati Boringhieri.

Id. (2003), Il potere del consumo. Viaggio nei processi di mercificazione della società, Torino, Bollati Boringhieri.

Id. (2000), Lo spettacolo della merce. I luoghi del consumo dai Passages a Disney World, Milano, Bompiani, 2001.

Debord G. (1967), La società dello spettacolo, Bolsena, Massari, 2002.

DeFleur M., Ball-Rokeach S.J. (1989), Teorie delle comunicazioni di massa, Il Mulino, Bologna, 1995.

Garelli F., Palmonari A., Sciolla L. (2006), La socializzazione flessibile, Bologna, Il Mulino.

Gerbner G. et al. (2002), Growing Up With Television: Cultivation Process, in Bryant J., Zillmann D. (a cura di), Media Effects. Advances in Theory and Research, LEA, Hillsdale, II ed.

Gili G. (2006), La violenza televisiva. Logiche, forme, effetti, Roma, Carocci.

Goffman E. (1959), La vita quotidiana come rappresentazione, Bologna, Il Mulino, 1969.

Granieri G. (2006), La società digitale, Roma-Bari, Laterza.

La Cecla F. (2006), Surrogati di presenza. Media e vita quotidiana, Milano, Bruno Mondadori.

Livolsi M. (1998), La realtà televisiva. Come la tv ha cambiato gli italiani, Roma-Bari, Laterza.

Martelli S. (a cura di) (1996), Videosocializzazione. Processi educativi e nuovi media, Franco Angeli, Milano.

McCombs M., Shaw D. (1972), The Agenda Setting Function of Mass Media, «Public Opinion Quarterly», 34.

Meyrowitz J. (1985), Oltre il senso del luogo: come i media elettronici influenzano il comportamento sociale, Bologna, Baskerville, 1995.

Morcellini M. (2006), La comunicazione e i media nell’epoca del policentrismo formativo, in Grange Sergi T., Onorati M. G. (a cura di), La sfida della comunicazione all’educazione, Milano, Franco Angeli.

Id. (1997), Passaggio al futuro. Formazione e comunicazione tra vecchi e nuovi media, Milano, Franco Angeli.

Noelle-Neumann E. (1984), La spirale del silenzio, Meltemi, Roma, 2002.

Olweus D. (1993), Bullismo a scuola. Ragazzi oppressi, ragazzi che opprimono, Giunti, Firenze, 1996.

Rossi E., Chi media i bulli? Devianza e bullismo: analisi e ricerca, Tesi di Laurea, Facoltà di Sociologia, La Sapienza Università di Roma, A.A. 2005/06.

Sciolla L. (2002), Sociologia dei processi culturali, Bologna, Il Mulino.

Serra M., La bulimia esistenziale nel Paese dei Balocchi, «Repubblica.it», 19 novembre 2006.

Sersale A.M., Genitori sott’accusa. Troppo indulgenti, «Il Messaggero», 19 novembre 2006.

Smargiassi M., Bullismo, la scuola come un set. «Noi, violenti per diventare famosi», «La Repubblica», 4 aprile 2007.

Società Italiana di Pediatria, Abitudini e stili di vita degli adolescenti italiani [Abstract Rapporto indagine 2006, Documento visibile alla pagina: www.sip.it/pdf/ osservatoriobam/commento_risultati_indagine__2006.pdf, consultata il 19.04. 2007 [link non disponibile 01/12/2016]].

Stella R. (1999), Box populi. Il sapere e il fare della neotelevisione, Roma, Donzelli.

Thompson J. B. (1995), Mezzi di comunicazione e modernità. Una teoria sociale dei media, Bologna, Il Mulino, 1998.

Tirocchi S., Andò R., Antenore M. (2002), Giovani a parole. Dalla generazione media alla networked generation, Milano, Guerini.

Vattimo G. (1989), La società trasparente, Milano, Garzanti, 2000.

Veltri C., «Prof, ti punto la pistola alla tempia». Video-storie di ordinario bullismo, «Repubblica.it», 17 novembre 2006.

Zancan N., Video choc, sospesa tutta la classe si ribellano i genitori dei bocciati, «La Repubblica», 19 novembre 2006.

Torna su

Note

1 Il concetto di «vetrinizzazione» della cultura e della società compare anche nel volume di Vanni Codeluppi, Lo spettacolo delle merci. I luoghi del consumo dai Passages a Disney World, Milano, Bompiani, 2001, dove questa tendenza è definita come «[…] un’adozione […] di quella particolare logica visiva che caratterizza le modalità comunicative della vetrina» (p.3).

2 Ancora P., Fioroni: «La tv violenta una fabbrica di bulli», «Il Messaggero», 30 marzo 2007.

3 Il titolo di questo paragrafo richiama il titolo del libro di Franco La Cecla, Surrogati di presenza. Media e vita quotidiana, Milano, Bruno Mondadori, 2006.

4 Cfr., a titolo di esempio, l’articolo di Veltri C., «Prof, ti punto la pistola alla tempia» Video-storie di ordinario bullismo, «Repubblica.it», 17 novembre 2006.

5 Cfr .aa. vv., Socializzazione di corsa, Numero monografico di «In.formazione. Studi e ricerche su giovani, media e formazione», Anno 1, n. 1, 2006.

6 Serra M., La bulimia esistenziale nel Paese dei Balocchi, «Repubblica.it», 19 novembre 2006.

7 Le testate prese in considerazione per la rassegna stampa sono le seguenti: Amica, Anna, Avanti!, Avvenimenti, Avvenire (e relativi inserti), Bloomberg Finanza Mercati, Capital, Carta, Cioè, Club 3, Confidenze, Corriere della Sera (e inserti), Magazine (Corriere della Sera), D La Repubblica delle donne, Diario, Dipiù, Donna & Mamma, Donna in forma, Donna moderna, Epolis Roma, Economy, Elle, Europa, Famiglia Cristiana, Flair, Genova, Gente, Gioia, Giornale di Sicilia, Grand Hotel, Grazia, Il Denaro, Il Foglio, Il Gazzettino, Il Giornale, Il Giornale d’Italia, Il Giornale di Sicilia, Il Manifesto,Il Mattino, il Medico e bambino, Il Meridiano, Il Messaggero (e inserti), Il Mondo, Il Riformista, Il Salvagente (e inserti), Il Secolo xix, Il Sole 24 ore (e inserti), Il Tempo, Il Venerdì di Repubblica, Insieme, Io Donna, Io e il mio bambino, Italia Oggi, Italia Oggi (Marketing), Italia sera, L’Unità, L’Espresso, L’Indipendente, L’Opinione, L’Osservatore Romano, L’Unità, La Stampa, La Gazzetta del Mezzogiorno, La Gazzetta di Bari (e inserti), La Nazione, La Padania, La Recherche, La Repubblica (e inserti), La Sicilia, La Stampa (e inserti), Le Scienze, Liberazione, Libero, M.D. Medicinae Doctor, Marie Claire, Milano Finanza, Modus vivendi, Natural Style, Novella 2000, Nuovo Oggi, Oggi, Ok, Panorama, Prima Donna, Psychologies, Punto.com, Quark, Quotidiano Nazionale, Rassegna Sindacale, Roma, Secolo D’Italia, Specchio (La Stampa), Starbene, Stop, Top salute, Tu, Tv Sorrisi e Canzoni, Vanity fair, Vera, Visto, Vita, Vita consumers’ magazine, Viversani & Belli.

8 L’indagine quali-quantitativa La digital generation, condotta dall’aie nel 2006 su un campione di circa 1000 giovani tra i 10 e i 24 anni, segnalava l’esistenza di diete multimediali orientate in prevalenza all’uso delle nuove tecnologie, in particolare di Internet, con una percentuale dei no users di pc ridotta ad appena il 5% [Documento visibile alla pagina: http://www.aie.it/Allegati/News/Digital_Generation_Rapporto2006OsservatorioAIE.pdf, consultata il 19.04.2007] [link non raggiungibile: 05/12/2016].

9 Smargiassi M., Bullismo, la scuola come un set. «Noi, violenti per diventare famosi», «La Repubblica», 4 aprile 2006.

10 Il Comitato di applicazione del Codice ha il potere di accertare le violazioni e di adottare alcuni provvedimenti, salvo poi inoltrare una denuncia all’Agcom, al fine di consentire alla stessa l’esercizio dei suoi poteri.

11 Il Codice, che stabilisce linee di comportamento e responsabilità per i diversi operatori della rete, prevede anch’esso un Comitato di Garanzia, nominato dal Ministero delle Comunicazioni (18 febbraio 2004).

12 La proiezione in pubblico di un film, come anche l’esportazione dei film nazionali o la trasmissione televisiva delle opere a soggetto e dei film prodotti per la televisione è soggetta al nulla osta rilasciato dall’autorità di Governo competente in materia, che nel nostro caso è il Ministero per i beni e le attività culturali – Direzione Generale Cinema.

13 L’Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni ha deliberato, sulla base degli esiti dell’indagine conoscitiva in materia di telefonia mobile e minori svolta dal Consiglio Nazionale degli Utenti, che gli operatori di telefonia mobile dovranno istituire un pin per l’accesso ai contenuti per adulti. n. 661/06/cons (Misure di sicurezza in materia di tutela dei minori da implementare sui terminali mobili di videofonia).

14 Il Gt Ragazzi va onda per il settimo anno consecutivo su Raitre, dal lunedì al venerdì, ed è indirizzato ai giovani tra gli 8 e i 13 anni. Pensato per fornire notizie «a misura di bambino», si occupa di cronaca italiana ed estera, di curiosità sulla musica, il cinema, lo sport, la moda e la cultura con una particolare attenzione al linguaggio, alle immagini e alla grafica utilizzata. Oltre ad arrivare nelle scuole di tutta Italia per far raccontare ai ragazzi le proprie esperienze in diretta, il Gt Ragazzi ospita, tre volte a settimana, alunni provenienti da classi di tutte le regioni della penisola, offrendo loro l’opportunità di conoscere ciò che accade «dietro le quinte» di un notiziario televisivo e di partecipare, in diretta, ad una puntata (www.tg3.rai.it/SITOTG/TG3_pagina/0,8769,6,00.html consultato il 19.04.2007) [link non raggiungibile: 05/12/2016].

15 Nell’edizione 2004/2005 sono stati coinvolti circa 600 bambini romani che hanno prodotto 15 telegiornali; per l’edizione 2005/2006 il numero delle classi e delle scuole coinvolte è notevolmente aumentato: hanno infatti partecipato 22 scuole, di cui 17 romane 3 toscane e 2 friulane, per un totale di 46 classi e 1000 bambini. I tg prodotti sono stati 34, di cui 29 di scuola elementare e 5 di scuola media.

16 Il progetto prevede diverse fasi di lavoro con i ragazzi, costantemente supervisionate e accompagnate dagli insegnanti, con l’ausilio di un media educator. La fase iniziale è costituita dalla visione collettiva del Gt Ragazzi, con l’obiettivo di fornire agli alunni i primi strumenti teorici per la corretta realizzazione del telegiornale.
La fase successiva riguarda la divisione del gruppo per la formazione di una vera e propria redazione giornalistica, con l’attribuzione di precisi ruoli, tecnici e professionali. La selezione del conduttore, ruolo particolarmente ambito, avviene attraverso provini durante i quali i ragazzi si mettono alla prova davanti alla telecamera e ai propri compagni, sperimentando le difficoltà e i vantaggi di parlare davanti ad un pubblico in ascolto.
Dopo i primi momenti preparatori, si inizia a registrare il telegiornale. Anche questa fase è completamente affidata ai ragazzi che, con la telecamera in mano, seguiti sempre da un media educator, possono scegliere le inquadrature più adatte, fare più riprese e poi decidere di adottare la migliore di esse, familiarizzandosi, così, al mezzo.

17 Ai focus group hanno partecipato in totale diciannove bambini, di cui dodici bambini e sette bambine.

18 Le frasi sono riportate indicando l’iniziale del nome del bambino e, tra parentesi, il sesso (maschio o femmina).

19 Società Italiana di Pediatria, Abitudini e stili di vita degli adolescenti italiani [Abstract Rapporto indagine 2006 – Documento visibile alla pagina http://www.sip.it/news/osservatorio-sip-sulladolescenza, consultato il 19/04.2007].

20 Zancan N., Video choc, sospesa tutta la classe si ribellano i genitori dei bocciati, «La Repubblica», 19 novembre 2006; Sersale A.M., Genitori sott’accusa. Troppo indulgenti, «Il Messaggero», 19 novembre 2006.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Simona Tirocchi, « Lo spettacolo della violenza. Il ruolo della vetrina multimediale nella «promozione» del cyberbullismo »Quaderni di Sociologia, 44 | 2007, 49-65.

Notizia bibliografica digitale

Simona Tirocchi, « Lo spettacolo della violenza. Il ruolo della vetrina multimediale nella «promozione» del cyberbullismo »Quaderni di Sociologia [Online], 44 | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/923; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.923

Torna su

Autore

Simona Tirocchi

Dipartimento di Scienze dell’Educazione e della Formazione - Università di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search