Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri44teoria e ricercaIl caso di Scanzano: la ragione d...

teoria e ricerca

Il caso di Scanzano: la ragione di stato e le ragioni di una ribellione

The Case of Scanzano: Raison d’Etat and the Reasons Behind a Rebellion
Dorothy Louise Zinn
p. 151-174

Abstract

In November 2003, a revolt that shook a wide segment of Southern Italy took place in response to a government decree providing for the creation of a consolidated national nuclear waste dump in the township of Scanzano Jonico. The revolt – ultimately successful in getting the name of Scanzano struck from the decree – was hailed for its striking civicness and for cutting through all lines of difference in drawing the local population together, so much so that it has been subsequently been evoked as a «model» for a number of other protests. This article examines the government’s policy approach and the local resistance. Crucially – as Vike (1997) has pointed out in his discussion of the «moral economy» of resistance – locals were able to stand on higher moral ground by recasting the definition of «common good» and critiquing the government in terms of democratic procedures.

Torna su

Testo integrale

1Per quindici giorni, nel novembre 2003, una protesta massiccia dalle proporzioni inedite scuote la Basilicata. È la risposta dei lucani al Decreto Legislativo 314, che dà il placet al deposito unico per le scorie nucleari nel comune costiero di Scanzano Jonico, in provincia di Matera. Le pratiche di resistenza messe in atto operano su due livelli: sia attraverso le azioni istituzionali dei politici locali (comunali, provinciali e regionali) e degli enti nongovernativi, sia, più vistosamente, attraverso una vasta mobilitazione a livello popolare. Nei quindici giorni della protesta, accompagnata dalla diffusa solidarietà e partecipazione degli abitanti delle regioni limitrofe, migliaia e migliaia di persone partecipano ai blocchi stradali, alle manifestazioni, ai comizi, occupano il sito prescelto e una stazione ferroviaria, raggiungendo l’apice nella storica «Marcia dei 100 mila» del 23 novembre. Tutto ciò avviene in una regione ben conosciuta nelle scienze sociali come il luogo in cui Edward Banfield nel 1958 elaborò e sviluppo il concetto di «familismo amorale», la nota tesi secondo la quale gli abitanti di questa terra erano incapaci di condurre un’azione collettiva oltre i confini della famiglia nucleare.

  • 1 Persino il quotidiano «Il Giornale», vicino al Governo Berlusconi, ha descritto la Marcia dei 100 m (...)

2La protesta viene ampiamente riconosciuta per la sua grande compostezza e civicness, anche da coloro che sostengono le posizioni del governo1. Alcuni osservatori parlano addirittura di un «modello Scanzano» di resistenza («Carta», 2004); ciò potrebbe sembrare eccessivo, ma sta di fatto che diverse altre proteste successive si riferiscono esplicitamente alla battaglia di Scanzano: pochi mesi dopo si registrano in Basilicata il primo grande sciopero nella storia dello stabilimento della Fiat Sata a Melfi, la protesta contro l’elettrodotto Matera-Santa Sofia che avrebbe attraversato il paese di Rapolla e poi la marcia a Pisticci contro un impianto turbogas, tre istanze riuscite; anche la contestazione in Val di Susa, ormai decennale, contro le linee ferroviarie ad alta velocità (Tav) trae una nuova linfa dagli eventi di Scanzano.

3I motivi che scatenano la rivolta a Scanzano sembrerebbero alquanto ovvi, tanto che successivamente alcuni rappresentanti del governo hanno ammesso di temere qualche reazione ma non nella misura di quello che poi è effettivamente accaduto. Le proteste ambientaliste e quelle contro l’appropriazione delle risorse naturali locali non sono certo una novità in Basilicata; con Scanzano, però, si evidenzia una frattura con il governo che coagula una reazione spontanea, condivisa e determinata come mai si era visto in precedenza. Non si tratta più delle proteste della sinistra radicale o di un pugno di ambientalisti, sostenute in grande parte da attivisti provenienti da altrove. Si costituisce invece un movimento esteso, che attraversa tutte gli assi di differenza: genere, generazione, appartenenza politica, ceto, località. Il popolo, in sintonia con tutte le istituzioni locali, riesce a organizzarsi, agire e far valere le proprie istanze.

  • 2 Vivendo ormai stabilmente in Basilicata, sono stata partecipe degli eventi di novembre 2003. In una (...)
  • 3 Vorrei esprimere la mia gratitudine a tutti coloro che hanno contribuito a questo lavoro. Una versi (...)

4La mia analisi si sofferma e approfondisce il punto di rottura tra le narrative che informano e esprimono l’azione del Governo, da un lato, e i discorsi e le pratiche di resistenza da parte della popolazione lucana, dall’altro2. La resistenza si muove sia sul livello istituzionale che su quello popolare, per contrastare il progetto del governo non soltanto nei suoi termini tecnico-scientifici, ma anche nel presentare un’«economia morale» alternativa (Scott, 1985; Vike, 1997), riconfigurando effettivamente il concetto di «bene comune». Partita come azione difensiva del territorio, la rivolta di Scanzano si rivela fortemente caratterizzata dalla rivendicazione del diritto alla partecipazione nei processi decisionali che riguardano il territorio. L’analisi si basa sull’esame dei documenti e atti legislativi prodotti dal governo, sui racconti giornalistici e sulla partecipazione (forse più della partecipazione osservante) dell’Autrice agli eventi, oltre che sui colloqui con altre persone impegnate attivamente nella protesta3.

1. Nascita di un decreto. Il background delle politiche degli anni precedenti

5Per un’adeguata lettura e comprensione della rivolta di Scanzano, è necessario ripercorrere le linee essenziali delle politiche che hanno portato alla decisione del Governo. Ciò che presento qui è un’esposizione molto sintetica, che inquadra i termini del dibattito sulle scorie, ma che permette pure un’analisi delle modalità governative impiegate dallo Stato. Sono da tener presente non solo il contesto che si muove verso politiche neoliberiste, ma anche la trasformazione della questione, dopo l’11 settembre, da questione di sicurezza ambientale in questione di sicurezza nazionale.

6L’Italia ha sviluppato attivamente il nucleare come fonte energetica negli anni Sessanta e Settanta ma, anche in seguito al forte impatto causato dall’incidente di Cernobyl nel 1987, un referendum popolare ferma la produzione di energia nucleare nel Paese: i quattro reattori funzionanti dismettono le attività e la costruzione di altri due viene bloccata. Nondimeno, l’Italia continua ad acquistare energia nucleare dalla Francia (dove ci sono anche investimenti italiani come nello stabilimento Superphénix), a patto che accetti una parte delle scorie. Le scorie già prodotte dai vecchi reattori italiani vengono conservate in loco. Dopo l’abbandono della produzione di energia nucleare, i settori sanitari, scientifici e militare continuano comunque a produrre rifiuti radioattivi. Nell’insieme si stima in 80 mila metri cubi la quantità di scorie, di varia categoria, attualmente esistenti in Italia e depositate in venti siti di diverse regioni italiane, di cui otto sono i più importanti.

7Nel 1999 il governo di Centro-sinistra fa le prime mosse verso la liberalizzazione del settore energetico. Uno dei provvedimenti (d. l. 79, 16 marzo 1999, art. 13, comma 2e) sancisce la nascita di una società autonoma per la gestione dello smantellamento dei vecchi reattori nucleari e per lo smaltimento delle scorie radioattive. Nello stesso anno si costituisce la Sogin Spa, di proprietà pubblica e parte del gruppo Enel (ma l’Enel stesso non è più monopolio pubblico). La missione della Sogin è quella di «essere responsabile dell’efficienza del programma, valorizzare le risorse societarie e ridurre i costi del decommissioning [dei reattori]».

  • 4 Nel 1996, la Protezione Civile formò una Sezione Nucleare; l’enea fu incaricata della costituzione (...)
  • 5 Per le scorie di media e lunga durata, il documento (p. 15) promuove un sito geologico in profondit (...)

8Il problema dello smaltimento delle scorie radioattive si presenta con un minimo di insistenza sin dal 19964. Un documento del 29 aprile 1999, approvato dalla commissione d’inchiesta parlamentare Scalia, fa riferimento a un sito o a siti nazionali per il deposito delle scorie e considera le ipotesi di siti in superficie e di siti geologici, ritenendo questi ultimi bisognosi di ulteriori studi. In un documento del 1999 il ministero dell’Industria parla di una strategia per lo smaltimento delle scorie in termini di politica energetica nazionale e di sicurezza ambientale. Questo documento sottolinea la necessità della trasparenza nel processo per arrivare a una soluzione definitiva, la cui premessa è lo sviluppo di un sito nazionale unico, come si suggerisce nei rapporti da due conferenze anpa (Agenzia per la protezione ambientale) nel 1995 e 1997. Le soluzioni sarebbero state sviluppate in stretta collaborazione con le autorità locali, i sindacati, gruppi ambientalisti e l’opinione pubblica; d’altra parte una varietà di alternative erano sul tavolo5.

9Nel 2001 ritorna premier, per la seconda volta, Silvio Berlusconi. Le «Grande Opere» (promesse durante la campagna elettorale nel famoso «Contratto con gli Italiani») sono il clou dei primi cento giorni del suo governo. La cosiddetta «Legge Obiettivo» (L. 443) emanata il 21 dicembre di quell’anno ha l’intento di accelerare i progetti considerati «strategici e di preminente interesse nazionale» per la modernizzazione e lo sviluppo del Paese (art. 1, comma 1), tra i quali si annoverano il Ponte di Messina e la Tav Torino-Lione. Oltre che snellire le procedure, specie per quanto riguarda il controllo e la valutazione di impatto ambientale, la «Legge Obiettivo» va a modificare i processi decisionali, delegandone buona parte all’esecutivo. Tranne che per le consultazioni con i governi regionali, le decisioni non coinvolgono più i livelli inferiori di governo. Per gli anni 2002 e 2003, poi, il governo detiene la delega per emanare «uno o più decreti legislativi recanti l’approvazione definitiva…di specifici progetti di infrastrutture strategiche…» (art. 4).

  • 6 Questa dichiarazione fu fatta poche settimane prima dell’Ordinanza (Decreto del Presidente del Cons (...)

10Alla specifica situazione delle scorie nucleari si rivolge l’attenzione dell’Ordinanza n. 3267 del presidente del Consiglio dei Ministri, 7 marzo 2003. Il documento fa riferimento alla «dichiarazione di stato di emergenza in relazione all’attività di smaltimento dei rifiuti radioattivi» dislocati in varie regioni6, e considera «l’ineludibile esigenza di assumere iniziative straordinarie ed urgenti per la messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi…». L’Ordinanza cita la «situazione di diffusa crisi internazionale» e le «misure speciali di sicurezza dei materiali radioattivi al fine di tutelare l’interesse essenziale della sicurezza dello Stato». Premesso che «la valenza degli interessi pubblici coinvolti rende indispensabile provvedere alla concentrazione in un unico centro decisionale dei poteri finalizzati al conseguimento dell’obiettivo…», l’articolo 1 nomina il presidente della Sogin «Commissario delegato per la messa in sicurezza dei materiali nucleari». Nell’art. 4 vasti poteri, «al fine di garantire unitarietà, celerità ed economicità delle operazioni», si conferiscono al Commissario, il quale «assume, sentite le Regioni territorialmente competenti, ogni necessaria iniziativa per la gestione dell’attività…». L’Ordinanza istituisce, inoltre, una Commissione «con compiti di valutazione e alta vigilanza per gli aspetti tecnico-scientifici inerenti agli obiettivi….». Il testo normativo non traccia alcun piano di azione per la messa in sicurezza delle scorie radioattive, ma si riferisce semplicemente a «ogni necessaria iniziativa».

11Circa due mesi dopo si vocifera che la Sardegna sarebbe stata scelta per l’ubicazione di un deposito nazionale per le scorie nucleari. Molti sardi cominciano a protestare, spingendo il commissario delegato per la sicurezza nucleare (nonché presidente della Sogin), gen. Carlo Jean, ad assicurare che la questione necessitava ancora di un anno di studi e che i cittadini sarebbero stati coinvolti nella scelta del sito («Manifesto» 22 giugno 2003). La tempesta si calma soltanto dopo che Berlusconi stesso, deus ex machina, promette che «mai la Sardegna turistica avrebbe subìto un oltraggio del genere» (Soave, 2004, 30). Nel frattempo, in concomitanza con il caldo torrido di quell’estate, a fine giugno si verifica il primo di una serie di blackout, di cui il più importante a settembre. Sulla scorta dei blackout, ministri e politici colgono l’occasione per ipotizzare un ritorno alla produzione domestica di energia nucleare.

12Il Decreto legge 314 viene alla luce durante una riunione del Consiglio dei ministri, nella notte tra il 12 e il 13 novembre. La sua è una concezione che evidentemente dovrebbe essere immacolata, dato che non ne esiste traccia nell’ordine del giorno. In quanto decreto-legge, la paternità ufficiale dovrebbe essere attribuita al presidente della Repubblica Ciampi, ma dato che egli al momento si trova all’estero per affari di Stato, è il presidente del Senato Marcello Pera a farne le veci, controfirmando il documento. Mentre il Consiglio dei ministri lavora sul Decreto, il popolo italiano vive il lutto dei diciannove carabinieri morti in Iraq nell’attacco suicidio di Nassiriya.

2. d.l. 314. Discorsi espliciti ed impliciti

13Indubbiamente il Consiglio dei Ministri opera per associazione, partendo dalla tragedia in atto a Nassiriya fino ad arrivare al terrorismo islamico più in astratto, perché il Decreto 314 ribadisce le diverse preoccupazioni per la sicurezza già presenti nell’Ordinanza del 7 marzo: «la straordinaria necessità ed urgenza di assumere iniziative. . . »; «…la diffusa crisi internazionale, che richiede l’urgente realizzazione di iniziative di carattere straordinario al fine di tutelare l’interesse nazionale della sicurezza dello Stato». L’articolo 1 prevede la «sistemazione in sicurezza» dei rifiuti radioattivi in un deposito nazionale, «opera di difesa militare di proprietà dello Stato, il cui sito, in relazione alle caratteristiche geomorfologiche del terreno» è Scanzano Jonico. Il deposito viene ulteriormente definito «opera di pubblica utilità, dichiarata indifferibile ed urgente», per la quale avrebbero potuto essere utilizzate le procedure semplificate della Legge Obiettivo (art. 1, comma 3). Il deposito dei rifiuti radioattivi, inoltre, sarebbe stato affiancato «da altre strutture finalizzate a servizi di alta tecnologia ed alla promozione dello sviluppo del territorio».

14Per la realizzazione dell’iniziativa il Consiglio dei ministri nomina commissario straordinario, praticamente onnipotente, il presidente della Sogin, generale Carlo Jean, già insignito dell’incarico di commissario delegato per la sicurezza nucleare nell’Ordinanza di marzo. Nell’articolo 4, «su proposta del Commissario straordinario, sentita la Regione interessata, sono stabilite le misure di intervento territoriale, anche di carattere finanziario, atte a compensare i vincoli derivanti al territorio dalla realizzazione del Deposito nazionale….». Infine, nello stesso articolo, «la Sogin Spa. promuove…una campagna nazionale di informazione sulla gestione in sicurezza dei rifiuti radioattivi».

15Tra l’Ordinanza del 7 marzo e il Decreto del 14 novembre la militarizzazione del progetto costituisce un elemento di continuità: facendo riferimento al clima post-11 settembre, il governo sostiene che gli attuali molteplici siti sono insicuri e possibili obiettivi di attacchi terroristici. Dall’Ordinanza in poi, il problema delle scorie non viene più definito, in via predominante, come questione ambientale ma come elemento della sicurezza nazionale. L’assunto implicito è che, con la sua provenienza dal mondo militare, il gen. Carlo Jean stato sarebbe l’uomo più adatto ad affrontare il compito di commissario straordinario.

16Nonostante la continuità tra i due documenti, nondimeno essi prospettano in maniera diversa la partecipazione dei livelli inferiori di governo: l’Ordinanza del 7 marzo fa riferimento al coinvolgimento dei governi regionali, mentre nel Decreto manca qualsiasi accenno alla partecipazione locale o regionale, se non per il fatto di «sentire» la Regione allo scopo di determinare la compensazione.

17L’Ordinanza del 7 marzo cita in generale le misure per la messa in sicurezza delle scorie, ma da nessuna parte specifica che il deposito nazionale unico debba essere l’unica o obbligata soluzione. Inoltre non precisa se debba possedere il requisito di sito «geologico» o di sito «ingegneristico», ma anche questo aspetto viene dato per scontato dal Decreto 314. È da notare che in seguito all’Ordinanza del 7 marzo, ma ben prima del Decreto di novembre, le intenzioni sono già note almeno ad alcuni: le «fughe di notizie» causano la reazione dei sardi, convincendoli che la loro regione era stata scelta per la realizzazione di un sito unico, geologico e militarizzato dove collocare le scorie nucleari. Timori analoghi per la zona dell’Alta Murgia pugliese ispirano, solo una settimana prima del Decreto 314, una marcia di circa 8 mila persone.

18Come indicato sopra, l’Ordinanza del 7 marzo stabilisce il coinvolgimento dei governi regionali, mentre nel Decreto non c’è alcuna previsione di partecipazione locale né regionale, eccetto quella di «sentire la Regione» per determinare la compensazione. Il risarcimento è contemplato per i «vincoli», ma non per i rischi: la legislazione non considera i rischi del trasporto delle scorie nucleari da tutto il territorio nazionale verso il deposito unico, né i rischi inerenti la creazione e la manutenzione del deposito; la normativa sottolinea, invece, i rischi attualmente impliciti nello stoccaggio, dove il rischio ambientale di per sé è ben secondario al rischio di attentato terroristico. Ritornerò dopo sul concetto di compensazione.

19Il concetto che le strutture da realizzare insieme al deposito possano favorire lo «sviluppo» del territorio fa eco al documento del ministero dell’Industria del 14 dicembre 1999, in cui si prospetta l’idea che i siti per il trattamento e lo stoccaggio delle scorie si trasformino in poli di sviluppo, in quanto tali attività sarebbero compatibili con altre attività tecnologiche e scientifiche. Qui si intravede una prospettiva di sviluppo, compatibile con la politica delle «Grandi Opere», che – come si vedrà – differisce enormemente dalla prospettiva locale, che da alcuni decenni spinge con discreto successo la costa ionica lucana verso uno modello di sviluppo che coniuga l’agricoltura avanzata al turismo balneare. L’idea di una campagna di informazione, poi, presuppone che le informazioni «neutre» del governo siano necessarie per rimediare una carenza di informazioni, se non un eccesso di informazioni «sbagliate» sull’argomento.

  • 7 Vedi Zinn (2001), per una discussione dell’identità italiana rispetto all’Europa.

20Come osservano gli antropologi che si occupano dell’analisi dello Stato, una delle modalità chiave del governare attraverso le policy è la creazione di forme certe di soggettività (Shore e Wright, 1997). Sia esplicitamente che implicitamente nel Decreto 314 si creano o si indicano delle forme di soggettività che se, da un lato, devono guadagnare l’accondiscendenza della popolazione, dall’altro, negano la possibilità di una soggettività alternativa, causando delle resistenze. Nei commenti alla stampa alcuni membri del governo lodano il Decreto definendolo una mossa «coraggiosa», una rottura con il modus operandi, descritto come «tipicamente italiano», di rimandare le scelte difficili; secondo costoro, inoltre, il progetto del deposito sarebbe anche urgente per poter adempiere agli obblighi europei. Il deposito delle scorie, dunque, come le altre «Grandi Opere», sarebbe un passo in avanti sulla via del progresso e dell’appartenenza europea7. Questa tutorship della popolazione trova un suo complemento nella descrizione della gente come bisognosa di «difesa» e di «informazione»: poiché esiste una «diffusa crisi internazionale», la popolazione nazionale è soggetta al terrorismo e dunque si giustifica la difesa militare; la popolazione, altresì, ha necessità di essere «informata» sulla sicurezza nucleare. In effetti, la cittadinanza viene qui costruita in termini di passività «femminile», oggetto da essere trasformato e tutelato sotto l’egida dello Stato, con tutta la sua potenza maschile-militare. Si potrebbe pensare, con Sharma (2006), che la politica della creazione del deposito delle scorie rientri in un più ampio progetto neoliberista:

The massive, corrupt, slow, ignorant and weakened state that neoliberalism seeks to transform and cut to size is an «emasculated» state. What neoliberalism seeks to conjure instead is a strong «hypermasculine» state that is lean, mean, and devoid of excesses…(p. 69).

21Nell’unire la prerogativa militare dello Stato con lo snellimento neoliberista delle procedure per la realizzazione del progetto, la partecipazione locale e la cittadinanza locale vengono oggettivamente tagliate fuori, dando per scontato che la popolazione locale da «soggetto razionale e libero» accetti la compensazione per i vincoli connessi al deposito delle scorie. Si dà, inoltre, per acquisito il fatto che la popolazione condivida la visione singolare di «sviluppo» espressa nel documento. Oltre a ciò, nella prospettiva che informa il punto di vista del governo, la gente del posto è numericamente scarsa: le ricerche tecnico-scientifiche citate a giustificazione della scelta di Scanzano fanno continuo riferimento ai due siti statunitensi, Yucca Mountain e wipp, ambedue ubicati in zone desertiche, dunque Scanzano è considerata analogamente desertica. Il governo fa i suoi calcoli: delle «poche» persone colpite, forse, i soliti contestatori avrebbero alzato la voce, ma tutto quanto sarebbe passato in fretta. Questa volta, però, i calcoli si rivelano errati.

  • 8 La risposta delle Regioni afferma che il ritardo da parte loro era dovuto al fatto che il rapporto (...)

22Dopo l’emissione del Decreto, il governo regionale della Basilicata e la Conferenza dei Presidenti delle Regioni fanno notare che in base all’Ordinanza del 7 marzo la decisione doveva essere assunta con la loro partecipazione. Il governo risponde che sono le Regioni le responsabili dello stallo, giustificando in tal modo la sua azione decisiva. Così, l’unico soggetto autorizzato a parlare riceve le colpe per i modi pesanti adottati dal governo8. Sempre secondo il ritratto dipinto dal governo, una volta iniziata la protesta i lucani si rivelano afflitti dalla sindrome «Nimby», irrazionali e particolaristici, del tipo che «dice no a tutto» e che è «contrario al progresso», proprio come gli appartenenti al movimento anti-Tav in Val di Susa. Ma come vedremo, una cosa è il senso che il governo ha dei soggetti che amministra, altra cosa è il senso di sé da parte dei soggetti governati.

3. Le linee della resistenza

23La resistenza si muove su due livelli paralleli e complementari, quello istituzionale e quello popolare, e uno scambio di discorsi profondo e continuo opera tra i due. Si potrebbe dire che il popolo si muove per molti versi autonomamente ma guarda alle istituzioni per un sostegno fattivo e per una dignitosa rappresentazione delle sue istanze nelle sedi preposte, parlamentari e, in misura limitata, televisive. Di grande peso è anche l’intervento dai rappresentati locali della Chiesa, energicamente guidati dal parroco di Scanzano, don Filippo Lombardi. Altre istituzioni ancora partecipano alla protesta: i governi delle Regioni vicine, la Conferenza dei Presidenti delle Regioni, e, tra gli enti non governativi, i sindacati, la Confindustria, la Confederazione italiana degli agricoltori (Cia).

24Le amministrazioni regionali, provinciali e comunali della Basilicata pongono resistenza al Decreto 314, effettuando, come su una scacchiera, una serie di mosse contro-politiche. Il portale internet del governo regionale offre notizie in tempo reale su tutti gli sviluppi, raccoglie firme per una petizione elettronica, conduce un forum sull’argomento, invita i cittadini a spedire cartoline al primo ministro Berlusconi. Il presidente della Regione Filippo Bubbico dichiara, con verve retorica, «Scanzano capitale della regione», e diversi Consigli regionali e provinciali si svolgono in sede decentrata nel municipio. Sia il governo regionale che vari Comuni varano ordinanze ad hoc, dichiarando il proprio territorio «denuclearizzato» e vietando il transito di materiali nucleari. Il governo regionale, poi, adotta misure legali per contestare il Decreto, mettendone in dubbio lacostituzionalità, e allo stesso tempo innalza ufficialmente la categoria sismica di Scanzano in accordo con i sondaggi geologici più recenti.

25Al Comune di Scanzano la leadership del sindaco costituisce una questione ben più delicata: girano voci che il primo cittadino Mario Altieri si sia incontrato con generale Jean e che abbia acconsentito al progetto; il settimanale «Panorama» afferma perfino che, in una conversazione telefonica, Altieri avesse rassicurato Berlusconi, dicendo «Presidente, stia tranquillo, faremo una discarica d’eccellenza…» (Oldani, 2003). Nonostante le smentite di tutti, è almeno verosimile che Altieri (di Alleanza Nazionale) abbia potuto «fraternizzare con il nemico»; si teme anche per l’incolumità del sindaco, ma alla fine la popolazione locale decide di sospendere per il momento il suo giudizio, per poter rimanere uniti nella lotta. Da parte sua, Altieri cerca in qualche modo di mostrarsi nel pieno della battaglia contro il deposito, ordinando il sequestro dei pozzi di salgemma a Terzo Cavone destinati ad ospitare le scorie radioattive.

26I politici lucani appartenenti ai partiti della coalizione di governo si trovano in una posizione particolarmente complessa. Tutti affermano l’attaccamento alla Basilicata e la contrarietà al contenuto del Decreto; coloro che non sono parlamentari tendono a dissociarsi dal governo e diversi si autosospendono dai rispettivi partiti. I parlamentari, invece, si posizionano come intermediari strategici e necessari per poter raggiungere Berlusconi e guadagnare i suoi buoni uffici.

  • 9 In maniera analoga, il movimento anti-tav del Val di Susa ha ripetutamente affermato che il progett (...)

27I parlamentari locali all’opposizione contestano il Decreto alla Camera nelle udienze della Commissione ambiente; un’azione dirompente per attirare l’attenzione porta anche all’espulsione del onorevole diessino Salvatore Adduce. All’inizio il dispiegamento da parte del governo dei «fatti» tecnico-scientifici sembra intoccabile: sia i politici lucani che le masse vengono colti impreparati e, in tutta la durata del loro impegno, la legittimità del discorso tecnico-scientifico come modalità di argomento non viene mai messa in discussione. Assai presto, però, la protesta si mostra capace di fornire i propri «fatti», presentati poi nelle sedi appropriate. Il risultato porta a dubitare non della validità del discorso scientifico tout court ma dell’ipotesi che la scelta di Scanzano sia la strada migliore per raggiungere gli scopi annunciati di efficienza e di sicurezza9. Senza entrare qui troppo nel merito, l’opposizione locale al deposito mette in dubbio l’autorevolezza delle ricerche geologiche, risalenti agli anni Settanta, impiegate per la selezione del sito, contesta i confronti con gli Stati Uniti e presenta i propri esperti. La scelta del sito geologico, si afferma, non è né inevitabile né necessaria ed è pure sproporzionata rispetto alla dimensione delle scorie di terza categoria (cioè, quelle più longeve) presenti in Italia. La sicurezza del sito di Scanzano non può essere desunta semplicemente da un esame della struttura geologica del salgemma: va considerato l’intero contesto secondo i criteri dell’Iaea (Agenzia internazionale per l’energia atomica), alla luce dei quali emergerebbero serie riserve sulla scelta di Scanzano. Quindi, lungi dall’argomentare un caso perfetto, il governo sembra presentare un lavoro scientifico scarso e superficiale. Il governo ritiene che la gente abbia bisogno di essere «informata»? Come risposta gli insegnanti e i docenti universitari del posto espongono i fatti alternativi in lezioni presso il sito occupato e i blocchi stradali. E se permangono ancora dubbi che il governo possa essere sconfitto sul terreno tecnico-scientifico, il Premio Nobel Carlo Rubbia, all’epoca direttore dell’Enea, li scioglie con la sua testimonianza nella Commissione ambiente della Camera dei Deputati.

4. Il rovesciamento del quadro morale

  • 10 Palumbo preferisce definirsi «animatore» della protesta, «dal momento che in quei giorni si tentava (...)

28Oltre al livello istituzionale, si deve considerare soprattutto la reazione della popolazione locale e i suoi tanti simpatizzanti, che conducono insieme una opposizione strenua al Decreto. L’ampiezza della mobilitazione sorprende tutti, come osserva uno dei coordinatori10 della protesta:

Non ho mai, mai visto nulla di simile. Sono nato protestando, stavo a Genova nel 2001, … ma non ho mai visto nulla come la Basilicata di quei giorni. Era un’azione da parte della collettività, trasversale e intergenerazionale. Non si può paragonarla a niente.

(Giovanni Palumbo, agosto 2005).

  • 11 Attualmente è attivo un altro movimento lucano che chiede il rientro delle barre di Elk River negli (...)

29Ritorno qui su una domanda posta all’inizio di questa riflessione: come mai una reazione di tali proporzioni? Sicuramente la carica simbolica dell’aspetto «nucleare» suscita paure nella popolazione. Eppure in Basilicata giacciono materiali nucleari depositati sin dal lontano 1968, quando fu aperto lo stabilimento Itrec-Trisaia a Rotondella, a pochi chilometri da Scanzano. «La Trisaia», come lo chiama la gente del posto riferendosi al luogo dove è stato costruito, avrebbe dovuto occuparsi del riprocessamento del combustibile nucleare. Dopo il collasso del programma italiano per l’energia nucleare, l’impianto ha continuato (e continua tutt’oggi) a ospitare, tra le altre scorie, 64 barre di uranio provenienti dal reattore statunitense di Elk River11. Negli anni Settanta solo pochi ambientalisti protestavano contro il nucleare alla Trisaia, e nonostante che ci siano state nel corso degli anni molte voci di incidenti, fino agli eventi di Scanzano nessuno dice un granché.

30A mio parere, sarebbe alquanto riduttivo attribuire la rivolta di Scanzano esclusivamente alla paura suscitata dalle scorie radioattive, per quanto questo aspetto possa essere importante. Sarebbe invece utile considerare quanto suggerisce l’antropologo Halvard Vike (1997), ispirandosi al lavoro di James C. Scott (1985) a proposito dell’«economia morale» di resistenza. In questo senso, la rivolta di Scanzano agisce rovesciando il quadro morale della questione e ridefinendo il concetto del «bene comune». La disamina di questa economia morale illumina il significato del soggetto collettivo in quanto embricato nella storia e nella società, una soggettività qui negata dalla politica del governo.

31Come mostra qui l’analisi della legislazione in materia, il governo cerca di inquadrare la sua posizione su Scanzano come un’azione condotta nell’interesse generale e in contrasto alla reazione emotiva e particolaristica della popolazione locale. La ragion di Stato è, in parte, un effetto di ciò che Gupta e Ferguson (2002) chiamano il vertical encompassment, in cui la concezione occidentale dello Stato associa la posizione «in alto» sul territorio con «le funzioni più alte di ragione, controllo e regolazione», mentre i livelli più bassi sono associati all’«irrazionalità, alle passioni e agli appetiti incontrollabili». La resistenza posta a Scanzano, tuttavia, si rivela capace di rovesciare questo quadro, dimostrando che il governo non è poi così «universale» e dimostrativo della «ragione spassionata», che è, invece, portatore del proprio particolarismo se non, peggio ancora, del rigurgito di un antico patrimonialismo nonostante la sua retorica neoliberista. Questa mossa si effettua tramite la personalizzazione della questione attorno ad alcuni attori chiave della vicenda, che sono soprattutto il generale Jean, Paolo Togni e Silvio Berlusconi.

  • 12 Dalle informazioni disponibili, pare che Jean sia massone ma non membro della Loggia P2 (interrogaz (...)

32Come osserva Nikolas Rose (1996), la «de-statizzazione» delle pratiche governative costituisce una delle tecniche attraverso le quali un regime «liberale avanzato» opera, creando così la propria inevitabilità attraverso la presunta neutralità degli agenti delle sue politiche. La creazione della società pubblica separata Sogin è un esempio di queste «…measures whose emphasis upon the apparent objectivity and neutrality of numbers underpins a claim that they now operate according to an apolitical agenda» (Rose, 1996, 56). Lo status della Sogin non è senza ambiguità: si tratta di una società le cui azioni sono del governo e che fa parte del gruppo Enel parzialmente privatizzato. Il governo affida le attività che riguardano la sicurezza nucleare alla Sogin, ma nell’affaire Scanzano la figura del suo presidente, generale Carlo Jean, calamita molta attenzione negativa da parte della popolazione locale. Generale in pensione e stratega militare, con un passato tra i servizi segreti militari, Jean appare agli occhi dei lucani come una specie di Dottor Stranamore. Nel forum Internet sul Decreto Scanzano sponsorizzato dalla Regione Basilicata, in molti interventi si discute della sua appartenenza o meno alla Loggia Massonica P2, caposaldo di buona parte delle teorie dietrologiche in Italia12. Come si vedrà sotto, le origini piemontesi di Jean innescano una reazione personale molto accesa contro «il generale dal cognome straniero» e «l’invasore piemontese». Secondo la gente della protesta, Jean è tutt’altro che un attore neutro e autorevole a cui affidare le politiche della messa in sicurezza delle scorie radioattive. E mentre, come osserva Burchell (1993, 144), è pure vero che la popolazione si rivolge al governo per le questioni della sicurezza, nel caso di Scanzano la gente sente la necessità di essere difesa dallo stesso governo, non dagli ipotetici terroristi. Uno dei graffiti prodotti durante la rivolta commenta così: «Scanzano ha dimostrato che lo Stato è l’unico terrorista».

33L’idea che l’interesse del governo sia «universale» viene messo in dubbio dall’indicazione di un sostanziale conflitto di interessi. Molti contestatori, ma anche diversi quotidiani, notano che Paolo Togni, capo di Gabinetto del ministro dell’Ambiente, è il vice-presidente della Sogin. In altre parole, una figura chiave nell’agenzia di controllo è anche figura chiave nell’agenzia controllata. Inoltre, prima di diventare capo di Gabinetto, Togni aveva l’incarico di presidente della filiale italiana della Waste Management, grossa società nel campo della produzione energetica e dello smaltimento dei rifiuti. La fretta e l’«urgenza» tanto sottolineate dal governo, secondo il popolo della rivolta, sono dettate non tanto dalla preoccupazione per la sicurezza pubblica – le scorie erano nelle stesse condizioni da anni e fino a quella data nessun Paese europeo aveva adottato soluzioni definitive – quanto dalle centinaia di milioni di Euro che si stima girare attorno al progetto. Le voci locali affermano che il deposito delle scorie nucleari è una scusa per elargire contratti generosi, probabilmente un «business» per lo smaltimento delle scorie provenienti da altri Paesi, tesi che sembra giustificare l’impiego di uno spazio talmente ampio per una quantità relativamente modesta di scorie radioattive di terza categoria (di lunghissima durata).

34Infine, Berlusconi viene preso specificamente di mira: la sua figura personalizza e polarizza la politica durante tutto il suo mandato e la questione delle scorie a Scanzano non costituisce un’eccezione. I contestatori locali gli scrivono direttamente oppure denunciano sui cartelloni e sugli striscioni le «Berluscorie». Uno degli slogan più in voga durante la crisi propone di mandare le scorie «ad Arcore», dove risiede Berlusconi. Ancora un altro slogan suggerisce ironicamente alla gente della costa jonica di regalare in zona una casa-vacanze a Berlusconi, poiché è evidentemente questo il motivo per cui la Sardegna non è stata scelta per il deposito unico. Durante i quindici giorni della crisi, Berlusconi rimane interamente dietro le quinte, non pronunciandosi pubblicamente in proposito; i suoi ministri riferiscono che egli riconsidererà la questione, mentre i politici lucani della sua coalizione cercano di dimostrare la loro influenza positiva raggiungendo il capo, in pieno stile di regime patrimoniale.

  • 13 Zinn (2001) discute il concetto di furbizia, il suo accostamento con il particolarismo, e il suo ru (...)

35Nell’individuare gli attori all’interno della compagine governativa e nel personalizzarne il ruolo, il popolo della protesta rifiuta l’immagine proiettata dal governo di obiettività neutrale e, di fatto, dipinge gli interessi del governo come essi stessi particolaristici, rovesciando così l’accusa che cerca di screditare la lotta. Dal punto di vista dei ribelli, inoltre, le condizioni in cui viene preparato il Decreto – «fuori sacco» e nel bel mezzo della tragedia di Nassiriya con il presidente della Repubblica all’estero – vengono interpretate come prova del fatto che il governo non solo non sta compiendo un’azione balda e decisiva, portando l’Italia più vicina all’Europa, ma che al contrario sta conducendo una manovra indegna e afferente alla solita, deplorevole, furbizia all’italiana13. Oltre ai singoli attori chiamati in causa, come verrà evidenziato nel testo, l’intera coalizione di governo sembra, agli occhi della protesta, imbrigliata nel proprio particolarismo a favore del Nord Italia.

5. La ridefinizione del bene comune

  • 14 I lucani sono particolarmente risentiti dal fatto che Scanzano non è oggetto di discussione nella t (...)

36Nel contestare il Decreto, i lucani operano effettivamente una ridefinizione del «bene comune». Dal punto di vista del governo, un calcolo razionale del bene comune considera preminente l’intera popolazione nazionale rispetto alla poca gente che popola la zona presumibilmente desertica del futuro sito del deposito di scorie. Ma il senso della soggettività da parte della popolazione locale è ben diverso da quello sottinteso nella legislazione. Nell’ottica dei lucani, la loro regione viene scelta per il deposito unico perché piccola, con una popolazione di circa 600 mila abitanti («manco un quartiere di Napoli», come si dice spesso), e perché politicamente insignificante, poco influente, decisamente collocata a Sinistra (in opposizione alla maggioranza dell’epoca). In questo contesto, la gente si infuria, vedendosi del tutto ignorata nel processo decisionale e trattata come se fosse inesistente. Le voci della popolazione locale vengono messe a tacere dal Decreto, e insieme al crescere della protesta, aumenta pure la frustrazione per il silenzio dei media nazionali14.

  • 15 Zinn (2007) discute l’importanza dell’identità meridionale nella rivolta di Scanzano.

37Benché il governo insista che il deposito unico nazionale sia necessario per la sicurezza e il progresso del Paese, i discorsi che provengono dalla protesta locale riformulano la nozione del «bene comune» in termini di razionalità sostanziale, non formale, cioè di una razionalità orientata agli esiti e ai valori come la solidarietà anziché agli scopi (Weber, 1961; Brubaker, 1984). Il Sud, si replica al governo, è già penalizzato rispetto al Nord e il deposito di scorie esaspererebbe ingiustamente il divario. Alcuni dei manifestanti dicono pure: «Il Nord ha beneficiato dell’energia nucleare e deve tenersi le scorie». Sebbene sarebbe problematico sottoscrivere tale ragionamento, il punto qui è che i parametri della razionalità sostanziale sono avanzati in contrapposizione al quadro egemonico del «federalismo» del governo e della sua linea percepita come «antimeridionale». Tra la popolazione della rivolta, ma anche tra molti simpatizzanti delle regioni limitrofe, è diffusa la percezione che le politiche del governo Berlusconi trascurino il Sud, assecondando le posizioni della Lega Nord (cfr. Loiero, 2003); il Decreto sul deposito delle scorie viene ampiamente interpretato come una mossa antimeridionale (in contraddizione, dicevano tanti, con lo spirito del «federalismo» espresso dal governo)15. I ribelli di Scanzano, invece, si posizionano come dei buoni membri della comunità nazionale, rispettando il silenzio delle commemorazioni delle vittime di Nassiriya e suonando puntualmente l’inno di Mameli durante le manifestazioni antiscorie.

38La base di questa ridefinizione del bene comune viene dall’esperienza storica del popolo di Scanzano e della zona circostante. Come suggerisce Vike per un caso di resistenza alla politica locale in Norvegia, «…history is invested with a moral force on its own. The power of this moral force is drawn from the way members construct a link of identity between the heroes of the past and the here-and-now…» (Vike, 1997, 205). Il Decreto 314 riduce la popolazione locale ad essere discorsivamente, se non abitanti del deserto, comunque un «popolo senza storia» (per dirla con Eric Wolf). Per poter riconfigurare l’economia morale del bene comune, la rivolta si riappropria di due momenti critici della storia lucana: l’Unità d’Italia e le Lotte contadine. Con riferimento al primo, la figura storica del brigante postunitario viene ampiamente adottata come potente simbolo per la protesta di Scanzano. Qui, come dice Ana Alonso (1992), è contestata una «dominante storia di origini»: il brigante non rappresenta più la criminalità o la bestialità meridionale, come nelle più antiche narrazioni dell’Unità dell’Italia, ma è il difensore contro «l’invasore piemontese», trasposto nella figura del (piemontese) generale Jean. In questa teoria revisionista, il ratto del Sud da parte del Nord inizia con l’Unità e continua oggi con Scanzano.

39Proprio l’interpretazione del concetto di «sviluppo» rappresenta uno degli altri aspetti che parla a favore di una definizione sostanziale del bene comune e, di nuovo, la storia non può essere ignorata nella soggettività delle persone. I lucani hanno ben presente la storia del Metapontino e della sua particolare via verso lo «sviluppo» nei decenni dal secondo dopoguerra in poi. Molti anziani ricordano ancora (avendovi partecipato) i giorni delle lotte per la terra, antica ambizione contadina rimasta insoddisfatta per secoli. Alla fine degli anni Quaranta, questa area è teatro di molti conflitti, talvolta violenti, e le occupazioni dei latifondi portano finalmente ai grandi espropri e alla suddivisione e assegnazione dei lotti. Insieme alla bonifica dei terreni paludosi e portatori di malaria, la Riforma fondiaria instaura un modello di piccole aziende agricole che attualmente forma l’asse portante dell’economia metapontina. Questa memoria storica è ancora importante, anche per coloro che non abbiano un legame diretto con la terra, diventando patrimonio comune dei diversi ceti attivi nella protesta, che durante le occupazioni della terra si erano trovati gli uni contro gli altri (cfr. Zinn, 2007).

40Dalla fine degli anni Cinquanta fino ai primi anni Ottanta, qui e altrove nel Meridione il governo centrale tenta di creare complessi industriali tesi a stimolare uno sviluppo endogeno (cfr. Nicita, 2003). Grande parte di questi progetti si rivelano degli insuccessi, tanto da essere definiti «cattedrali nel deserto»; in numerosi casi i Meridionali vedono le imprese arrivare dal Nord, attingere ai finanziamenti pubblici e poi ritirarsi dopo breve tempo. Al momento della sua costruzione negli anni Sessanta, lo stabilimento Itrec-Trisaia suscita notevoli aspettative in termini di risorse economiche e di posti di lavoro, tanto che Emilio Colombo, leader politico regionale, lo utilizza come argomento nelle campagne elettorali del periodo (Soave, 2004). Analogamente, negli anni più recenti la storia si ripete con l’estrazione del petrolio dai giacimenti della Val d’Agri (in provincia di Potenza), le riserve più vaste dell’Europa continentale, anche in questo caso senza che i lucani (almeno finora) ne abbiano ricevuto un effettivo ritorno sia di risorse che di occupazione.

41In contrapposizione a questo quadro, l’agricoltura e il turismo registrano una relativa fioritura: negli ultimi due decenni il turismo balneare subisce un’enorme crescita lungo le coste sabbiose dello Jonio con la costruzione di stabilimenti e servizi, di multiproprietà e di villaggi turistici; contemporaneamente l’agricoltura avanzata punta sulle produzioni di qualità e sul biologico anche per l’esportazione, accreditando così l’immagine del Metapontino come la «California d’Italia». Durante i Giorni di Scanzano, i lucani rappresentano queste istanze di sviluppo economico, un’ alternativa «slow» e verde al Nord grigio e industriale incompatibile, nell’immaginario popolare, con la presenza delle scorie nucleari. In realtà, in precedenza gli ambientalisti locali avevano già protestato contro la cementificazione della costa jonica e la presenza di scorie nucleari nella Trisaia. Ciononostante, i difensori di Scanzano sommariamente trascurano questi fatti nella lotta contro il Decreto 314. Insistono, invece, sul fatto che il deposito unico delle scorie rappresenterebbe una contraddizione, perché vanificherebbe i milioni di Euro spesi per lo sviluppo turistico e per gli investimenti nel settore agricolo.

 

42In breve, nella visione dei contestatori, il deposito delle scorie costituisce un’ingiustizia nei confronti degli abitanti di una regione «verde» che, dopo una lunga fase di «modernizzazione senza sviluppo», finalmente sta facendo dei passi in avanti con le proprie forze. Perciò risulta ai loro occhi impensabile qualsiasi proposta di «compensazione». Come nota una studiosa, a proposito del caso di Scanzano:

… la proposta di monetarizzazione del rischio offerta ai ribelli jonici, in cambio del sito di stoccaggio delle scorie radioattive, ha provocato tra la gente indignazione (Della Corte, 2004, p. 37).

43Mammarella e Vitella (2004) presentano un argomento simile, nel commentare le proteste nel Molise contro i piani per la costruzione delle centrali turbogas:

Le popolazioni molisane, e quelle meridionali in generale, con le loro lotte stanno invertendo una tendenza da sempre consolidata che si può così riassumere: «voi ci mettete a disposizione il territorio, noi ci facciamo quello che ci pare e, in cambio, vi offriamo un po’ di occupazione, un campo di calcio, qualche finanziamento alle Pro Loco». Per la prima volta questo gioco troppe volte visto e subito non funziona. Per la prima volta in modo deciso e diffuso le popolazioni rivendicano il loro diritto a sapere, ad intervenire, a decidere (p. 193).

44Dal punto di vista dei lucani, dunque, il «bene comune» non può essere definito senza tener conto della loro specificità storica, specificità che fa riferimento diretto alla posizione storica e sociale delle propria soggettività collettiva. Né può questa soggettività essere piegata ai discorsi governativi dell’«antiterrorismo» o dello «snellimento» delle procedure. Con la prospettiva dell’annichilimento della soggettività della popolazione, tanto discorsivamente quanto minacciata dal rischio nucleare, i lucani si sentono spinti ad opporsi. Come scrive Burchell, «They [le persone] are most profoundly affected when the way they are governed requires them to alter how they see themselves as governed subjects… It is then…that individuals may be led to resist or even revolt» (Burchell, 1993, 119).

6. La partecipazione. L’importanza dell’esserci

45Nell’affermare la propria soggettività, la protesta afferma anche il valore morale della propria partecipazione ai processi decisionali in contrapposizione all’«efficienza» delle procedure decisionali centralizzate. Qui vorrei suggerire che, al di là dell’azione fortemente difensiva, la protesta spontanea e massiccia di Scanzano cerca di proporsi in qualche modo come rivendicazione, se non addirittura surrogato di una vera e propria partecipazione ai processi decisionali. In quest’ultima sezione vorrei indirizzare la mia attenzione alle pratiche di resistenza popolare nella rivolta di Scanzano. Se, come all’epoca dicevano in molti, il Decreto 314 è «caduto in testa come una tegola», e pare proprio di essere nel pieno di un blitz militare, la mobilitazione popolare rimane determinata ma pacifica. Si intraprendono numerose misure. Non appena si diffonde la notizia del decreto, la cittadinanza di Scanzano occupa il Municipio, che rimane aperto in assemblea permanente durante l’intera crisi. Poco tempo dopo i primi blocchi stradali si istituiscono lungo la strada statale 106 Jonica, che attraversa Scanzano. Un gruppo di contestatori si dirige verso la miniera di salgemma a Terzo Cavone, il sito designato per il deposito, e crea un presidio che ben presto viene denominato «Campo Base», occupato da vari cittadini e intere famiglie. Lì vengono allestite diverse tende e una cucina da campo, insieme a un camper che serve per la logistica e la comunicazione, persino con l’ausilio di internet. Gli scanzanesi, raggiunti dai cittadini di altri paesi della costa e dell’interno, organizzano quattro comitati per il coordinamento delle azioni da intraprendere. Quando durante la prima settimana la posizione del governo si irrigidisce, i blocchi stradali si moltiplicano in tutta la regione, sigillando la Basilicata dal resto del Paese.

46Si dice che il Decreto sia immediatamente effettivo, da qui i timori tra la popolazione che le scorie nucleari possano giungere in treno ed è per questo motivo che si decide di occupare la stazione ferroviaria di Metaponto, snodo critico. In uno dei momenti più drammatici dell’intera rivolta, quando gli occupanti della stazione si rifiutano di obbedire all’ingiunzione del questore di sgomberare i binari, la Polizia arriva nella stazione in tenuta antisommossa e riceve l’ordine di caricare. La determinazione pacifica del popolo, insieme alla mediazione di diverse figure religiose e politiche, fa sì che si eviti una tragedia e il blocco della stazione rimane intatto. Nel frattempo, numerose altre manifestazioni si succedono in tutta la regione, si raccolgono firme sulle petizioni, si mobilita persino la comunità elettronica, comprese le associazioni dei lucani all’estero. Appaiono dappertutto graffiti contro le scorie nucleari e contro il Governo, sulle insegne stradali come sui tanti striscioni. La vita quotidiana dei paesi costieri si ferma, le attività commerciali e le scuole si chiudono, regna un’atmosfera da stato di assedio. Nel capoluogo della provincia, a Matera, quasi ogni giorno si tiene una manifestazione o un comizio nella piazza principale. La protesta comincia a coinvolgere, anche in maniera blanda, le dighe che forniscono acqua alla vicina Puglia, i pozzi di petrolio nella Val d’Agri e lo stabilimento Fiat di Melfi. Il punto culminante si raggiunge con la «Marcia dei 100 mila» del 23 novembre, che si svolge lungo un tratto della S.S. 106, fino al centro di Scanzano. Quattro giorni dopo il governo annuncia che il nome di Scanzano è stato cancellato dal Decreto.

47Questo quadro molto sintetico delle misure popolari di resistenza nel caso di Scanzano non può sufficientemente rendere i diffusi sentimenti e l’azione di communitas (nel senso turneriano) durante i quindici giorni di lotta. I sentimenti di assedio si alternano con sentimenti carnevaleschi che implicano la sospensione di ordine e di gerarchie, oltre all’affermazione della presenza del soggetto collettivo. I blocchi e il Campo Base creano degli spazi domestici nel bel mezzo della sfera pubblica, spazi di riproduzione sociale, dove si dorme, si condividono i pasti e i piatti tipici, ci si diverte e persino ci si istruisce. Si mostrano i prodotti agricoli come se si trattasse di una fiera paesana. Gli slogan e gli argomenti non tesi a criticare il governo esprimono un forte senso di cura per le generazioni future e una celebrazione del legame tra la terra e la vita. Si piantano alberi d’arancio e d’ulivo sul sito incolto del Campo Base. Una delle immagini più intense di tutta la protesta è quella delle donne che allattano i figli, stando sedute sui binari della stazione di Metaponto anche nel momento critico dello scontro con la Polizia. Vengono impiegate pure forme espressive, parte delle tradizioni locali, che fanno riferimento all’intimità culturale della comunità (Herzfeld 1997): l’uso del dialetto negli striscioni e cartelloni, il lamento rituale in un funerale fittizio per «la Magna Grecia», il cattolicesimo popolare che dà il benvenuto alla Madonna di Loreto in visita, Madonna nera le cui origini sono legate agli antichi culti pagani di fecondità. Durante le serate fredde presso i blocchi e il Campo Base, si narrano le storie e le generazioni più anziane raccontano a quelle più giovani delle loro lotte per la terra. La gente si organizza, spontaneamente, in turni per i blocchi e i rifornimenti a chi sta in prima linea arrivano in una catena di solidarietà da tutta la regione. La «Marcia dei 100 mila» è caratterizzata da un’atmosfera pienamente carnevalesca, con molti manifestanti travestiti, corpi grotteschi di «mostri nucleari», che marciano tra le delegazioni comunali e la gente ordinaria, striscioni e slogan in dialetto, talvolta volgari nei confronti del governo, musica tipica con i campanacci e le zampogne.

48Come già detto, uno degli aspetti singolari della rivolta di Scanzano è la sua trasversalità: una fetta ampissima della popolazione partecipa, indistintamente dall’età, dal genere, dalla collocazione di ceto o dall’appartenenza locale. Tutti convengono, soprattutto, all’insegna di una identità legata al territorio lucano e al Sud d’Italia più in generale (Zinn, 2007). Ognuno cerca di dare un contributo alla lotta in base alle proprie possibilità e competenze: ciascuno dei vari ordini professionali (medici, avvocati, ingegneri), per esempio, approfondisce la questione delle scorie secondo la propria prospettiva, producendo dei documenti per far valere le ragioni della popolazione locale. Più si avvicina l’epicentro della protesta a Terzo Cavone, più si vede il coinvolgimento della popolazione generale e si adoperano azioni diffuse in tutta la regione; i disoccupati e gli operai, gli impiegati e professionisti, come le casalinghe, i pensionati e gli agricoltori di ogni età prendono posto gli uni affianco agli altri nei blocchi, giorno e notte. Va pure sottolineato che le donne dimostrano un notevole protagonismo nella gestione dei blocchi e in tutte le manifestazioni.

49All’interno di questo quadro di compattezza tra il popolo della ribellione di Scanzano, nondimeno, giacciono due faglie che, potenzialmente, sono in grado di generare spaccature insanabili: quella tra l’estrema destra e la sinistra radicale e quella tra il popolo e la classe politica. Nella prima di queste divisioni scorre una continua tensione generata dalla compresenza ai blocchi e alle proteste di esponenti di Forza Nuova – movimento di estrema destra che ha delle forte basi nel Metapontino – con altre persone associate alla sinistra radicale, sia essa comunista, no global o anarchica. A questo proposito, l’arrivo del «disobbediente» Francesco Caruso alla stazione di Metaponto costituisce un evento che rischia di provocare una reazione scomposta da parte degli aderenti all’estrema destra. Nei quindici giorni di Scanzano la popolazione rimane sempre timorosa che da qualche testa calda possano partire provocazioni tali da giustificare un intervento forte da parte delle forze dell’ordine, facendo sfuggire la situazione di mano; per il resto, i due lati politicamente opposti mantengono una tacita tregua a beneficio della causa comune. L’altra divisione, più sorda e ambivalente, è quella tra la classe politica e la società civile. È già stata menzionata la controversia attorno al sindaco di Scanzano, Mario Altieri, accusato di essere stato complice del progetto, che in vari momenti della protesta rischia davvero per la propria incolumità. Il caso Altieri pone una frattura estrema tra la classe politica e la società civile, ma anche per quanto riguarda gli altri esponenti politici lucani, ai diversi livelli, tra il popolo persiste un granello di dubbio su chi sapesse qualcosa, e quanto sapesse, sul deposito di scorie. Il dubbio, talvolta, è stato strumentalmente alimentato dai sostenitori e esponenti del centro-destra, in opposizione al governo regionale. Se, da un lato, nel momento della crisi l’intera classe politica lucana si muove per mostrarsi più realista del re, e si fa indubbiamente apprezzare dal popolo per le iniziative concrete intraprese per indurre il ritiro del Decreto, dall’altro lato la popolazione e le istituzioni non governative non aspettano i politici per potersi organizzare e farsi avanti con le proprie azioni. Nel presente lavoro non si può che accennare a una dinamica che è sicuramente molto complessa, e che meriterebbe un ulteriore approfondimento in altra sede.

50Nonostante l’atteggiamento militaristico del Decreto e il rincorrersi di notizie circa il presunto arrivo dell’esercito da Altamura (sede di una caserma) per forzare i blocchi, il popolo di Scanzano si mantiene fedele a una ribellione pacifica, a dispetto del linguaggio spesso militaristico della protesta e dei riferimenti ai briganti. Questo risultato non è per nulla scontato: molti osservatori temono che la rivolta si possa trasformare in «un’altra Reggio», facendo riferimento agli eventi di Reggio Calabria nel 1970. La protesta di Scanzano sfida, anche simbolicamente, ciò che la studiosa femminista Wendy Brown chiama la «dimensione prerogativa» maschilista dello Stato:

The prerogative dimension of the state pertains to that which marks the state as a state: legitimate arbitrary power in policy making and legitimate monopolies of internal and external violence in the police and military. As the overt power-political dimension of the state, prerogative includes expressions of national purpose and national security as well as the whole range of legitimate arbitrary state action… (Brown, 1995, 192).

51Con il Decreto 314 il Governo crede di aver fatto la sua mossa decisiva, così da eliminare d’autorità i diversi punti di vista dei vari attori che affrontano la questione delle scorie. Ma il piglio militaristico del governo mostra la faccia più cruda della dominazione maschilista. Per screditare la comunità locale, il governo la tace, la femminilizza, e poi l’accusa di (femminile) particolarismo.

52Il vertical encompassment dello Stato agisce per soffocare la voce della rivolta e, in realtà, non tutti i lucani sono completamente convinti che sia efficace protestare: alcuni credono che non abbia senso, «Tanto loro hanno già deciso». Anche il vertical encompassment ha una sua dimensione di genere, come scrive Sharma:

Verticality symbolically encodes social conventions of masculinity that represent men as dominant and authoritative. Encompassment expresses the ability to define and control particular discursive and sociopolitical terrains. It arguably connotes both masculinist power and the hegemonic image of the state as a sovereign entity with the legitimate power to define, manage and protect (often through violent means) territories and populations and regulate proper subjectivity (Sharma, 2006, 68).

53Eppure, man mano che continua, la protesta è capace di sovvertire l’effetto del vertical encompassment. La popolazione locale si rivolge all’«Europa» (all’ue) non per gli obblighi sulla messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi citati dal governo, ma per trovare soluzioni alternative che neghino l’inevitabilità della scelta. Guardando la legislazione dell’Unione europea (e, a livello internazionale, la Dichiarazione di Rio del 1992), il popolo di Scanzano può riaffermare i principi della partecipazione locale a decisioni del genere. Nel tentare di far ascoltare la loro voce, i ribelli stabiliscono dei legami orizzontali con una panoplia di altri movimenti: gli Zapatisti del Chiapas, ma anche varie organizzazioni no global e antinucleari. E riescono a coinvolgere le comunità di lucani emigrati in tutto il mondo.

54La rivolta di Scanzano non costituisce soltanto una replica punto per punto ai ragionamenti del governo, anche se comprende pure questo, sconfiggendone la razionalità strumentale nei propri termini. E neppure risponde al governo con «an ethic of activism that confronts domination with the smashing and terror so characteristic of masculinist revolutionary action» (Diamond e Quinn, 1988, xvi). È presente, invece, una forte dimensione affettiva ed esperienziale nei Giorni di Scanzano: la protesta articola un senso di attaccamento, embricato nel tessuto sociale, facilmente trascurato in ciò che Kathleen Jones chiama le forme dominanti dell’autorità, associate con il maschile: «The rational modes of speech taken to be constitutive of authority exclude certain human dimensions, voices, and ‘interests’ from the public realm» (Jones, 1988, 130).

55In questo senso, le affinità tra la lotta di Scanzano e altri movimenti «no global» possono essere visti come un’espressione delle due tendenze indicate da Paolo Ceri (2000) nella sua analisi delle proteste di Seattle. Da un lato, dice Ceri (p. 21), si nota in queste nuove proteste una corrente collettiva, che «porta con sé…un insieme di istanze morali che ridanno forza e legittimità a domande di equità, anche se non più di uguaglianza come accadeva in tempi passati». Dall’altro lato, si verificano delle spinte all’integrazione sociale: qui si ritrovano sia gli elementi di cooperazione e di protezione descritti da Ceri, ma soprattutto la «ricomposizione della scissione, esistenziale e sistemica, tra economia e cultura, tra le istanza della razionalità strumentale e quelle delle appartenenza e dei sentimenti» (id.).

Conclusione

56Nel commentare l’ideale habermasiano della «democrazia discorsiva», Simone Chambers scrive:

In a world where negotiation, instrumental trade-offs, and strategic bargaining are the most common routes to reaching collective ‘agreement’ and resolving disputes, it is plausible that the most serious barrier to discourse can be found in the conversational habitus that citizens have become used to. … Implementing practical discourse… involves fostering a political culture in which citizens actively participate in public debate and consciously adopt the discursive attitudes of responsibility, self-discipline, respect, cooperation, and productive struggle necessary to produce consensual agreements (1995, 176-177).

57La protesta di Scanzano si dimostra capace di galvanizzare la maggioranza della popolazione, in particolare il tipo di partecipazione attiva descritta dalla Chambers. Essa è trasformativa del senso di soggettività collettiva, come oggetto delle politiche governative, e sulla base di questa soggettività il popolo si mobilita in modo esemplare. Gli artefici delle politiche governative sono accecati dall’assunto di un soggetto governato ben diverso da ciò che è effettivamente e per questo sono convinti di poter semplicemente cancellare qualsiasi voce di dissenso. I discorsi e le pratiche della protesta invertono, con successo, il terreno morale della battaglia, svelando l’ontologia plurale dello Stato e le caratteristiche patrimoniali e particolaristiche nascoste dietro la facciata universalistica e razionale. Accanto al proprio discorso tecnico-scientifico, la protesta riesce ad affermare che il «bene comune» non è da considerarsi scontato insieme alla ragion di Stato.

Torna su

Bibliografia

Alonso A. M. (1992), Gender, Power and Historical Memory:Discourses of Serrano Resistance, in Butler J. e Scott J.W. (a cura di), Feminists Theorize the Political, New York, Routledge, pp. 404-425.

Banfield E. (1958), The Moral Basis of a Backward Society, Glencoe, The Free Press.

Brubaker R. (1984), The Limits of Rationality: An Essay on the Social and Moral Thought of Max Weber, Londra, George Allen & Unwin (trad. it. 1989, I limiti della razionalità. Un saggio sul pensiero sociale e morale di Max Weber, Roma, Armando).

Brown W. (1995), Finding the Man in the State, in States of Inquiry: Power and Freedom in Late Modernity, Princeton, Princeton University Press, pp. 166-196.

Burchell G. (1991), Peculiar Interests: Civil Society and Governing ‘The System of Natural Liberty’, in Graham Burchell et al. (a cura di), The Foucault Effect: Studies in Governmentality, Chicago, The University of Chicago Press, pp. 119-150.

«Carta» (2004), Modello Scanzano. Un anno fa è nato il nuovo Sud, «Carta Quaderni 3», allegato al settimanale «Carta», VI, 42, 18.11.2004.

Ceri P. (2000), A Seattle è nato un movimento globale, «il Mulino», xlix, 387, pp. 15-24.

Chambers S. (1995), Feminist Discourse/Practical Discourse, in Meehan J. (a cura di), Feminists Read Habermas: Gendering the Subject of Discourse, New York, Routledge, pp. 163-179.

Della Corte E. (2004), Fiat-Sata: exit e voice sul prato verde di Melfi. Condizioni di lavoro, lotte e desideri, in Della Sala V. et al. (a cura di), Globalizzazione e Mezzogiorno. Percorsi di Democrazia Partecipativa, Ferrazzano, Ondeserene, pp. 37-57.

Ferguson J. e Gupta A. (2002), Spatializing States: Toward an Ethnography of Neoliberal Governmentality, «American Ethnologist», 29, (4), pp. 981-1002.

Herzfeld M. (1997), Cultural Intimacy: Social Poetics in the Nation-State, New York, Routledge.

Jones K. B. (1988), On Authority: Or, Why Women are Not Entitled to Speak, in Diamond I. e Quinby L. (a cura di), Feminism and Foucault: Reflections on Resistance, Boston, Northeastern University Press, pp. 119-133.

Loiero A. (2003), Il patto di ferro. Berlusconi, Bossi e la devolution contro il Sud con i voti del Sud, Roma, Donzelli.

«Manifesto», 22 giugno 2003.

Mammarella G. e Luigino V. (2004), Laboratori Meridionali – Nell’incontro tra affari e politica appare un terzo incomodo, in Della Sala V. et al. (a cura di), Globalizzazione e Mezzogiorno. Percorsi di Democrazia Partecipativa, Ferrazzano, Ondeserene, pp. 167-195.

Ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato (14 dicembre 1999), Indirizzi strategici per la gestione degli esisti del nucleare, documento trasmesso al Parlamento il 21 dicembre 1999.

Montemurro R. (2004), I giorni di Scanzano. Cronaca di un accidente nucleare, Roma, Ediesse.

Nicita A. (2003), Retoriche dell’economia o retoriche del Mezzogiorno?, «Meridiana», 47-48, pp. 65-81.

Oldani T. (2003), Il generale in un labirinto chiamato Scanzano, «Panorama», 48, pp. 86-88.

Rose N. (1996), Governing ‘advanced’ liberal democracies, in Barry A. et al. (a cura di), Foucault and Political Reason, London, ucl Press, pp. 37-64.

Scott J. C. (1985), Weapons of the Weak. Everyday Forms of Peasant Resistance, New Haven, Yale University Press.

Sharma A. (2006), Crossbreeding Institutions, Breeding Struggle: Women’s Empowerment, Neoliberal Governmentality, and State (Re)Formation in India, «Cultural Anthropology», xxi, 1, pp. 60-95.

Shore C. e Wright S. (1997), Policy: A New Field of Anthropology, in Shore C. e Wright S. (a cura di), Anthropology of Policy: Critical perspectives on governance and power, New York, Routledge, pp. 3-39.

Soave E. (2004), Dopo Scanzano. Storia di scorie, Venosa, Osanna Edizioni.

Vike H. (1997), Reform and Resistance: A Norwegian Illustration, in Shore C. e Wright S. (a cura di), Anthropology of Policy: Critical perspectives on governance and power, New York, Routledge, pp. 195-216.

Weber M. (1961), Economia e società, vol. 1-2, a cura di P. Rossi, Milano, Edizioni di Comunità.

Zinn D. L. (2001), La Raccomandazione. Clientelismo vecchio e nuovo, Roma, Donzelli.

Id. (2007), I Quindici Giorni di Scanzano: Identity and Social Protest in the New South, «Journal of Modern Italian Studies», 12 (2), pp. 189-206.

Torna su

Note

1 Persino il quotidiano «Il Giornale», vicino al Governo Berlusconi, ha descritto la Marcia dei 100 mila come una «prova di una grande civiltà che fa onore a tutti i lucani» (24 novembre 2003, p. 17).

2 Vivendo ormai stabilmente in Basilicata, sono stata partecipe degli eventi di novembre 2003. In una certa misura, il mio racconto e la mia analisi rappresentano una celebrazione del popolo lucano durante quei quindici giorni. Mi situo, dunque, in un campo attivista, ma spero di evitare il tranello di una prospettiva eccessivamente romanticizzata della lotta. Lo scopo principale di questo scritto è quello di introdurre una riflessione scientifica sugli eventi di Scanzano, mentre finora essi hanno ricevuto un trattamento soltanto giornalistico, o, al massimo, sono stati presi in considerazione nei dibattiti scientifici in modo soltanto marginale.

3 Vorrei esprimere la mia gratitudine a tutti coloro che hanno contribuito a questo lavoro. Una versione di questo testo è stata presentata alla Conferenza easa a Bristol (18-21 settembre 2006) nel Workshop «Policy Worlds»; desidero ringraziare Susan Wright, Davide Però e Cris Shore, oltre agli altri partecipanti del Workshop, per i loro commenti. Sono riconoscente a Paolo Ceri, che ha espresso molto interesse per la mia analisi dei fatti di Scanzano e che mi ha posto degli interrogativi per sollecitare ulteriori livelli di riflessione. Infine, ringrazio Giovanni Palumbo e Nuccia Nicoletti per i loro generosi commenti e le correzioni del testo.

4 Nel 1996, la Protezione Civile formò una Sezione Nucleare; l’enea fu incaricata della costituzione di una task force per studiare la questione.

5 Per le scorie di media e lunga durata, il documento (p. 15) promuove un sito geologico in profondità, ma allo stesso tempo lascia aperte le alternative in termini di collaborazione internazionale, lo studio di soluzioni innovative e la possibilità di creare dei depositi multinazionali.

6 Questa dichiarazione fu fatta poche settimane prima dell’Ordinanza (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, 14 febbraio 2003).

7 Vedi Zinn (2001), per una discussione dell’identità italiana rispetto all’Europa.

8 La risposta delle Regioni afferma che il ritardo da parte loro era dovuto al fatto che il rapporto tecnico-scientifico preparato dalla Sogin era troppo vago e inadeguato rispetto ai criteri specificati nell’Ordinanza. Il rapporto della Sogin, inoltre, viene presentato addirittura prima della nomina dei membri della commissione scientifica (Soave, 2004).

9 In maniera analoga, il movimento anti-tav del Val di Susa ha ripetutamente affermato che il progetto non costituisce l’unica, neppure la migliore, soluzione per seguire gli scopi di efficienza e di progresso reclamati dal governo.

10 Palumbo preferisce definirsi «animatore» della protesta, «dal momento che in quei giorni si tentava il più possibile un approccio orizzontale nel tenere viva e pur coordinata la mobilitazione» (Palumbo, comunicazione personale).

11 Attualmente è attivo un altro movimento lucano che chiede il rientro delle barre di Elk River negli Stati Uniti.

12 Dalle informazioni disponibili, pare che Jean sia massone ma non membro della Loggia P2 (interrogazione presentata dal sen. Aleandro Longhi ai ministri delle Attività produttive e dell’Economia, 4 aprile 2006, http://www.senato.it/dsulivo/domande/dom0 60405.htm [link non raggiungibile: 05/12/2016]).

13 Zinn (2001) discute il concetto di furbizia, il suo accostamento con il particolarismo, e il suo ruolo nell’identità italiana.

14 I lucani sono particolarmente risentiti dal fatto che Scanzano non è oggetto di discussione nella trasmissione Porta a Porta di Bruno Vespa; infatti durante la rivolta si conduce anche una campagna che incoraggia la gente a scrivere alla redazione della trasmissione, per richiedere una puntata sull’argomento. Durante i Quindici Giorni di Scanzano, ma anche dopo, i ribelli parlano perfino di un possibile boicottaggio del canone Rai per la scarsa attenzione dedicata alla protesta antiscorie.

15 Zinn (2007) discute l’importanza dell’identità meridionale nella rivolta di Scanzano.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dorothy Louise Zinn, « Il caso di Scanzano: la ragione di stato e le ragioni di una ribellione »Quaderni di Sociologia, 44 | 2007, 151-174.

Notizia bibliografica digitale

Dorothy Louise Zinn, « Il caso di Scanzano: la ragione di stato e le ragioni di una ribellione »Quaderni di Sociologia [Online], 44 | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/933; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.933

Torna su

Autore

Dorothy Louise Zinn

Università della Basilicata

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search