Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri44controversie sociologiche / È anc...Cinquanta anni: una vita (1957-2007)

controversie sociologiche / È ancora il tempo del familismo amorale?

Cinquanta anni: una vita (1957-2007)

Fifty Years On: Like an Entire Life (1957-2007)
Gilberto-Antonio Marselli
p. 175-180

Testo integrale

  • 1 E. C. Banfield, The Moral Basis of a Backward Society,The Free Press, Glencoe, Illinois, 1958.

1Devo confessare che, dalla mia mente, avevo totalmente rimosso il ricordo della esperienza di cinquanta anni fa a Chiaromonte, nel corso della quale Banfield svolse la sua ricerca1. Fa una certa impressione essere costretti improvvisamente, da una cortese telefonata di un amico-collega (non sempre, nella realtà, i due termini coincidono: ma, in questo caso, l’amicizia prevale sulla colleganza!), a prendere atto degli anni trascorsi e, quindi, del fatto che, ormai, non è più tempo di attardarsi su discussioni che, forse, avevano un senso allora; ma che, oggi, sono state vanificate dallo stesso evolversi dei tempi.

2Nella mia vita, la maggior fortuna che mi sia mai capitata è stata proprio quella di essermi trovato alla Facoltà di Agraria di Portici a cavallo tra gli anni ’40 e ’50 e di aver avuto come Maestro il Prof. Manlio Rossi-Doria, che, ancor prima di conseguire la laurea, mi coinvolse in quella entusiasmante avventura che furono gli interventi di riforma fondiaria e, ancor più, la ripresa di quella corrente di pensiero che – sulla scia dei Giustino Fortunato, Gaetano Salvemini, Francesco Saverio Nitti, Antonio Gramsci – aveva scelto l’impegnativo tema della questione meridionale.

  • 2 C. Levi, Cristo si è fermato ad Eboli, Einaudi, Torino, 1946.

3Non meraviglierà, quindi, se, grazie alla presenza di Rossi-Doria ed anche sulla scia del Cristo si è fermato ad Eboli di Carlo Levi2, molti degli studiosi stranieri (prevalentemente americani, ma anche francesi, inglesi e scandinavi) – che avevano deciso di studiare il nostro Mezzogiorno – si appoggiassero, per i loro studi, a Portici. Tanto più che a determinare ciò contribuì non poco anche Max Ascoli – un italiano rifugiatosi in America all’epoca delle leggi razziali, militante nel Partito d’Azione e molto amico di Rossi-Doria – che era l’Editor di un autorevole periodico di Boston.

  • 3 E. C. Banfield, Le basi morali di una società arretrata (a cura di D. De Masi), Il Mulino, Bologna, (...)

4Naturalmente, per una serie di considerazioni (tra le quali, la più importante, il Programma Fullbright) i nordamericani furono i più numerosi e quasi tutti interessati alle scienze sociali. A tal riguardo – e per smentire ancora una volta un’errata interpretazione della loro natura e personalità che fu avanzata in occasione della seconda edizione ampliata dello studio di Banfield3 – vorrei precisare che nessuno di loro aveva altro fine se non quello di studiare la società meridionale anche in considerazione del fatto che, in America, si erano occupati delle nostre comunità di emigrati e nessuno di loro svolse mai alcuna altra funzione al di fuori della ricerca puramente scientifica. Basterebbe, per esempio, solo ricordare che George Peck, avendo osato studiare alcuni aspetti della vita politica nelle nostre campagne e dell’impegno di lotta dei contadini, in pieno McCarthismo, fu allontanato dalla sua Università e costretto a ripiegare sull’azienda dei proprî familiari (la Peck & Peck alla Fifth Ave.) e, non ultimo, che tutto il gruppo Rossi-Doria era prevalentemente orientato verso l’area socialista.

5Questa loro presenza a Portici svolse un ruolo niente affatto trascurabile a favore dell’adozione, da parte nostra, di più moderni approcci scientifici nello studio della realtà meridionale. Tanto è vero che noi, a differenza dei colleghi del Nord, ci aprimmo alla Sociologia, allora inesistente nel panorama accademico italiano, non già attraverso lo studio critico dei classici ma, piuttosto, adottando le tecniche e le metodologie più opportune per compiere delle ricerche di campo. E non a caso ci interessammo maggiormente a quel filone proprio della Sociologia rurale e, più specificamente, degli studi di comunità.

6Come gli altri suoi colleghi, anche Banfield si rivolse a noi prima di iniziare il suo lavoro di campo. Io stesso fui incaricato di accompagnarlo in giro per il Sud e, poiché da poco avevo ultimata una ricerca sui dissesti idrogeologici nelle medie valli dell’Agri e del Sinni in Basilicata, fu naturale che in quella zona mi trattenessi più a lungo per fargli vedere le diverse realtà. Si noti che, poco distante da Chiaromonte, esistevano già allora alcune fiorenti comunità greco-albanesi, che, ovviamente, per la loro peculiare specificità furono escluse; ma che, comunque, rappresentavano interessanti manifestazioni di una diversa cultura. Insieme, concordammo di scegliere Chiaromonte, dove io avevo abitato durante la mia ricerca e mi ero valso anche della collaborazione di un italo-americano (Charles Miceli), che vi si era rifugiato, dopo l’espulsione dagli Stati Uniti. Il paese originario di Spaltro che, successivamente, sarebbe stato professore di Psicologia all’Università di Bologna e collaboratore della radiotelevisione italiana, facente parte di quella tipica borghesia agraria e professionale abbastanza diffusa nel nostro Mezzogiorno.

7Negli scambi di idee avutisi tra noi, durante questa esplorazione al Sud, ebbi modo di prendere conoscenza – più direttamente di quanto non era stato possibile fare prima – dei fini e dei limiti che lui si era posto e che, solo successivamente, avrebbe dato luogo alla formulazione del concetto di familismo amorale, intorno al quale – del resto e sia pure in tutta altra ottica – si era già intrattenuto nelle sue ricerche americane. Senza escludere che, molto probabilmente, a determinare il suo orientamento non furono affatto estranee la sua appartenenza al gruppo dei Mormoni e, ancor più, l’origine italiana (pugliese) di sua moglie (Laura Fasano), che era con noi.

  • 4 F. Tönnies, Gemeinschaft und Gesellschaft, Reislad, Leipzig, 1857 (tr. it.: Comunità e società, Com (...)

8In quei tempi, continuando il percorso che avevamo iniziato precedentemente con Pitkin e Friedman, eravamo interessati a studiare più approfonditamente i rapporti tra comunità e società e come mai fossero spesso molto labili, nei nostri paesi contadini, molti degli elementi proprî della Gemeinschaft toennesiana4. Inutile nascondere che, da una parte, l’analisi compiuta da quell’artista sensibile che era Carlo Levi nel suo Cristo e, dall’altra, le considerazioni più scientifiche fatte da Pitkin e da Friedman ci inducevano a ritenere che – per intervenire proficuamente sul piano dell’economia e, in particolare, di una più efficiente agricoltura, in attesa di interventi anche negli altri settori produttivi – fosse necessario operare soprattutto nell’organizzazione di quella società, ristabilendo più attivi fenomeni di interazione tra questa, nelle sue diverse componenti, e le istituzioni ai diversi livelli. Se si vuole, nel quadro di una reale modernizzazione in grado di far superare a tutto il nostro Mezzogiorno quel divario temporale che, in sostanza, finiva per confinarlo in un isolamento troppo oppressivo e frustrante.

9Più che naturale, quindi, il mio interesse per l’approccio da lui prescelto che, inizialmente, mi apparve perfettamente sintonico con il nostro intento. Ben presto, però, subito suscitò qualche perplessità in me il suo frequente ricorso a particolari strumenti che, in alcun modo, potevano tener conto del contesto storico di questa comunità. Così come nel caso del ricorso ai tat (Thematic Apperception Tests), applicati a 16 abitanti di Chiaromonte, utilizzando storie aventi per oggetto calamità e/o disgrazie e messi a confronto con analoghe ricerche fatte a Rovigo ed in una comunità rurale del Kansas oppure altri strumenti ed accorgimenti del genere.

  • 5 R. Scotellaro, È fatto giorno (con prefazione di Carlo Levi), Mondadori, Milano, 1954.
  • 6 R. Scotellaro, Contadini del Sud (con prefazione di Manlio Rossi-Doria), Laterza, Bari, 1954.
  • 7 Cfr. G.A. Marselli, Sociologia del vecchio e nuovo Mezzogiorno, in Storia del Mezzogiorno, vol. xii (...)

10Vorrei precisare che noi non eravamo affatto del tutto contrari a ricorrere alle storie personali e, ancor più, alle reazioni di singoli di fronte a certe situazioni e realtà: sarà bene ricordare che, dal 1950 e fino alla sua morte nel 1953, presso la nostra Sezione di Sociologia rurale lavorò anche Rocco Scotellaro al quale, nel 1954, fu assegnato il premio Viareggio per le sue poesie5 e per la sua inchiesta incompiuta sui contadini meridionali6. Inchiesta, questa, che dette luogo anche ad un’accesa polemica nei nostri confronti, accusati di essere nostalgicamente ancorati al mito di una civiltà contadina laddove, invece, in più occasioni ed in diverse sedi istituzionali – a cominciare dallo stesso Rossi-Doria quando fu Consigliere della Cassa per il Mezzogiorno – non avevamo fatto altro che auspicare una industrializzazione che, però, non distruggesse quanto di positivo, nonostante tutto, era da rinvenirsi in quella civiltà7 ed anzi che questa ultima fosse utilizzata per evitare le degenerazioni di un modello di sviluppo altamente influenzato e condizionato da una modernizzazione solo apparente, frutto molto spesso di un’imitazione acritica di modelli esterni.

11Per tornare al modello concettuale di Banfield (ormai da tutti esemplificato nella indovinata espressione sintetica del familismo amorale che, proprio come tale, ebbe allora una notevole fortuna nell’immaginario collettivo e che, in un certo senso, ancora oggi viene utilizzata per ricordare quella ipotesi), a quella epoca due elementi suscitarono in me un certo disagio, tanto da indurmi a non seguire più Banfield nella sua avventura.

  • 8 G. A. Marselli, Sociologi nordamericani e società contadina italiana: a proposito del libro di Banf (...)

12Il primo di questi elementi – del resto, esplicitato nella mia recensione critica appena uscita l’edizione italiana8 – era l’impossibilità che riscontrai di poterlo richiamare ad una più attenta valutazione di quale fosse stato il peso, esercitato su quella realtà, dal passato storico, dal ruolo svoltovi da una borghesia agraria e professionale non sempre all’altezza delle responsabilità che la loro posizione nell’organizzazione sociale necessariamente avrebbe dovuto comportare e, ancor più, dei sempre più difficili rapporti tra popolazione ed istituzioni, nei diversi periodi storici, aggravati da un’estrema onerosità dell’organizzazione amministrativa del nostro Paese e, in particolare, del Mezzogiorno dove, in aggiunta, non si era mai avuta la felice esperienza dei Comuni medioevali del Nord. A tal riguardo, ricordo che non volle mai comprendere l’enorme importanza dell’affermazione di Carlo Cattaneo secondo cui, mentre nel Nord l’agricoltura era stata resa più produttiva con i capitali provenienti dalle città, nel Sud si era verificato l’opposto: le città erano state costruite con i capitali sottratti all’agricoltura.

13Dopo la prima settimana dell’inchiesta diretta, nel corso della quale preferì valersi, come interprete, della collaborazione di un giovane figlio della borghesia impiegatizia locale invece di quella dell’italo-americano, mi resi conto di non poter ulteriormente condividerne la responsabilità. La realtà che gli veniva presentata risultava, purtroppo, essere molto filtrata e, forse, anche se inconsapevolmente, falsata dalle personali convinzioni del giovane interprete che, alla fine del lavoro, si trasferì in America per completare i suoi studi, grazie all’interessamento dello stesso Banfield.

14Da ciò, il secondo elemento di dissenso tra noi determinato dalle mie riserve sul reale nesso esistente tra i dati rilevati direttamente e le sue deduzioni teoriche, che gli avrebbero consentito di ritenere verificate positivamente (cioè, in armonia con la sua ipotesi predittiva posta a base, appunto, di un comportamento da familista amorale) le 17 implicazioni della sua ben nota regola di base («massimizzare i vantaggi materiali e immateriali della famiglia nucleare; supporre che tutti gli altri si comportino allo stesso modo»).

15A differenza degli altri amici americani, noi potemmo prendere visione delle sue conclusioni solo quando la ricerca fu pubblicata in America; infatti, non fu così con Pitkin per Sermoneta, con Friedman per Matera e con Davies per Pisticci: in tutti questi casi gli scambi tra noi e loro furono estremamente efficaci e reciprocamente apprezzati come tali. Forse, se avessimo potuto discuterne con lui, prima del suo rientro a Chicago, ne sarebbe venuto giovamento ad entrambi. Lui avrebbe potuto meglio e più compiutamente illustrare le conclusioni a cui era arrivato e le relative implicazioni; noi, a nostra volta, fornirgli qualche ulteriore informazione, che avrebbe potuto impedirgli almeno i più evidenti dei difetti imputatigli dai suoi critici. Tutto ciò non fu possibile: alla prima lettura dell’edizione originale, ci venne il dubbio che la dimostrazione ex-post fosse stata costruita molto spesso più dallo stesso autore che non verificata attraverso il materiale diretto utilizzato, che, del resto, noi stessi avevamo ritenuto insufficiente e artatamente rilevato.

16E come accettare che, nelle sue osservazioni, Banfield era portato sempre a confrontare le condizioni e le reazioni rilevate a Chiaromonte con quelle riscontrabili con altre comunità americane e, non a caso, anche con la stessa St. George, Utah o, per restare in Italia, con Rovigo?

17Molto probabilmente, le mie critiche a caldo – che, forse giustamente, Pizzorno giudicò come acerbe – risentirono molto dell’amarezza vissuta in quella esperienza: la prima volta in cui non ero stato capace di interagire con l’ospite tanto più che, a quella epoca, io ero teso ad apprendere quanto più possibile dai colleghi stranieri, essendo, formalmente, un economista agrario ancora non del tutto preso dalla Sociologia. Fu, infatti, solo nel 1960 che mi decisi a completare la mia formazione sociologica in America con il PhD: in quella occasione ebbi anche l’opportunità di incontrare a Cambridge, con Donald Pitkin, lo stesso Banfield che, proprio grazie alla ricerca a Chiaromonte, aveva potuto trasferirsi dalla University of Chicago ad Harvard. Il nostro incontro fu piacevolissimo e correttissimo anche se entrambi restammo sulle nostre posizioni.

  • 9 G. A. Marselli, American Sociologists and Italian Peasant Society, «Sociologia Ruralis», organo del (...)
  • 10 Testualmente «They do not confirm it; they merely help to illustrate it. (…) Our intention is not t (...)

18Tanto è vero che, nella replica alla versione in inglese della mia recensione9, egli, dopo aver arguito che entrambi avevamo una diversa concezione della ricerca sociale, riconosceva che il materiale ottenuto dalle interviste non confermava l’ipotesi ma semplicemente «aiutava ad illustrarla» e che del resto, come da lui stesso esplicitamente detto nell’introduzione, il suo intento «non era di provare alcunché ma di evidenziare ed illustrare una teoria che avrebbe potuto essere rigorosamente verificata da chiunque avesse voluto occuparsene»10.

19Poi, purtroppo, il processo di modernizzazione del nostro Paese e, in particolare, del Mezzogiorno si è attuato lungo linee niente affatto previste e tanto meno auspicate. Tanto è vero che, nel ventennio 1951-1971 (per attestarsi sui dati di due censimenti ufficiali), il Mezzogiorno perse 4.145.329 abitanti, pari al 18,41 % della sua popolazione: un saldo negativo dei flussi migratorî pari al 60,81 % delle partenze rilevate per tutto il periodo della cosiddetta grande emigrazione (1876-1930).

20Fenomeni, questi, che fecero passare in secondo ordine l’esistenza o meno di un familismo amorale, tanto più che, in altre realtà, i meridionali seppero subito adattarsi alle nuove condizioni di vita. Ne restò traccia nelle polemiche scientifiche, che si protrassero per alcuni anni per poi scemare a fronte di realtà assai più problematiche o, il che è peggio, quella espressione, dal contenuto nettamente spregiativo, fu utilizzata per stigmatizzare ulteriormente il mondo contadino e, più in generale, tutti i meridionali.

21Malauguratamente, oggi dobbiamo vedercela con ben altre amoralità, pubbliche e private, e l’istituto famiglia non può certo sentirsi indenne da critiche o insidie esterne.

22L’essenziale è saper governare bene il timone della barca in cui ci troviamo: prima come cittadini e, poi, anche come studiosi e ricercatori. Il tempo saprà darci ancora una volta le risposte giuste e, speriamo, perdonarci per le nostre colpe, anche se involontarie.

Torna su

Note

1 E. C. Banfield, The Moral Basis of a Backward Society,The Free Press, Glencoe, Illinois, 1958.

2 C. Levi, Cristo si è fermato ad Eboli, Einaudi, Torino, 1946.

3 E. C. Banfield, Le basi morali di una società arretrata (a cura di D. De Masi), Il Mulino, Bologna, 1976.

4 F. Tönnies, Gemeinschaft und Gesellschaft, Reislad, Leipzig, 1857 (tr. it.: Comunità e società, Comunità, Milano, 1963).

5 R. Scotellaro, È fatto giorno (con prefazione di Carlo Levi), Mondadori, Milano, 1954.

6 R. Scotellaro, Contadini del Sud (con prefazione di Manlio Rossi-Doria), Laterza, Bari, 1954.

7 Cfr. G.A. Marselli, Sociologia del vecchio e nuovo Mezzogiorno, in Storia del Mezzogiorno, vol. xiii, pp. 175-233, Edizioni del Sud, Roma, 1990.

8 G. A. Marselli, Sociologi nordamericani e società contadina italiana: a proposito del libro di Banfield, «Rivista di Sociologia Rurale», Feltrinelli, Milano, 1962.

9 G. A. Marselli, American Sociologists and Italian Peasant Society, «Sociologia Ruralis», organo della Società Europea di Sociologia rurale, Vol. iii, n. 4, 1963.

10 Testualmente «They do not confirm it; they merely help to illustrate it. (…) Our intention is not to prove anything , but rather to outline and illustrate a theory which may be rigorously tested by any who care to do so (…)»

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gilberto-Antonio Marselli, « Cinquanta anni: una vita (1957-2007) »Quaderni di Sociologia, 44 | 2007, 175-180.

Notizia bibliografica digitale

Gilberto-Antonio Marselli, « Cinquanta anni: una vita (1957-2007) »Quaderni di Sociologia [Online], 44 | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 01 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/936; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.936

Torna su

Autore

Gilberto-Antonio Marselli

Università di Napoli «Federico II»

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search