Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri44controversie sociologiche / È anc...Familismo Amorale o regolazione s...

controversie sociologiche / È ancora il tempo del familismo amorale?

Familismo Amorale o regolazione sociale debole?

Amoral Familism or weak Regulation?
Pietro Fantozzi
p. 185-194

Abstract

The paper explores the usefulness and the up-to-dateness of the analytical categories introduced by Banfield when he studied the community of Montegrano in Southern Italy. It addresses the issue of change with the intent to demonstrate how in the last 50 years Southern Italy has undergone a deep transformation. Change has however taken place trough a process, put in place by a system of patronage, of manipulation of the communities, of the politics, of the market and of the groups of interest. Patronage has weakened and manipulated the ability of regulatory makers (community, politics, market and groups of interest) and created a structural weakness of legality and an increase in organised crime. Mafia, in its various regional shapes, for its ability to control communities and to infiltrate statutory organisations represents the most severe problem of Southern Italy. The last part of the paper presents some cases of civic and social resistance to this process.

Torna su

Testo integrale

1La riedizione italiana del famoso libro di Banfield Le basi morali di una società arretrata ci dà la possibilità di ragionare sul Sud d’Italia e sull’utilità o meno di alcune categorie sociologiche, presenti in quella ricerca: si tratta di vedere se tali categorie sono state utili a comprendere il Mezzogiorno e se, in un qualche modo, lo sono ancora. Prima però intendo richiamare alcuni elementi sullo straordinario successo di questo libro non solo negli Stati Uniti, ma anche in Italia. Infatti, gli studi di Banfield hanno sicuramente influenzato il modo di guardare il nostro paese e in particolare il Sud, in molte Università americane ancora oggi, quando si parla di Mezzogiorno d’Italia, ci si riferisce in prima istanza proprio a Banfield. Questo libro è stato usato in Italia sia nella didattica universitaria che in corsi di formazione politico-sindacale. I risultati della ricerca di Banfield hanno determinato molte polemiche nel mondo accademico: sociologi, politologi, storici e antropologi hanno criticato aspramente e puntualmente i modi di analisi e le categorie interpretative di questo volume, diverse critiche sono state formulate anche nel mondo politico e sindacale. Alcune volte si è fatto riferimento ai pregiudizi che sono contenuti nell’ipotesi di questo lavoro, il familismo amorale conterrebbe degli elementi di giudizio etico che esulano dalle possibilità di una verifica scientifica. In ogni caso, questo autore ha costituito un riferimento importante anche per altri studiosi stutunitensi, venuti a studiare le regioni italiane, come Leonardi, Nanetti e Putnam. Tra Banfield e questi autori esistono difatti assonanze analitiche che costituiscono, nonostante le differenze di metodi e oggetti d’analisi, un filo importante che Bagnasco nella sua introduzione a questa nuova edizione ha chiamato «approccio culturalista». Lo straordinario successo di questo lavoro è probabilmente legato al fatto che affronta (almeno apparentemente) in modo diverso le tematiche dell’arretratezza e dello sviluppo legandole a culture etico-sociali e a comportamenti soggettivi, cioè richiama aspetti di responsabilità personali e comunitarie in un contesto culturale italiano e meridionale tutto concentrato a discutere problemi di politiche economiche e di interventi statali. Potremmo dire che, probabilmente senza rendersene conto, Banfield evidenzia i limiti delle spiegazioni funzionaliste e strutturaliste. Egli non giunge a risultati innovativi. Ad esempio, a proposito dell’azione politica, fa riferimento alla mancanza di azione cooperativa e alla scarsa responsabilità delle èlite, cioè a criticità già presenti da lungo tempo nel dibattito sulla questione meridionale, a tal proposito si pensi, tra i tanti, a Giustino Fortunato e a Guido Dorso.

Arretratezza, modernizzazione e clientelismo

2La questione centrale da affrontare è quella della modernizzazione del Sud d’Italia. Il concetto di familismo amorale richiama una visione presente ancora oggi nel dibattito sul Mezzogiorno: il Sud è una realtà debole e arretrata che non riesce a modernizzarsi in maniera compiuta, per cui i cambiamenti sono sempre ostacolati, ritardati o deviati dalle relazioni comunitarie. Per Banfield a Montegrano non è possibile alcun cambiamento perché mancano le pre-condizioni etico culturali. Esiste una situazione di povertà, mancano le famiglie complesse, tipiche di altre aree del paese con rapporti agrari più dinamici, vi è una socializzazione inadeguata e tutto ciò produce un ethos che orienta gli individui verso comportamenti egoistici e provoca la diffusione della sfiducia, appunto il familismo amorale. In questo contesto non c’è spazio per qualunque forma di solidarietà e per dimensioni di impegno collettivo come la politica.

3Negli anni cinquanta le regioni meridionali, e la Basilicata in particolare, erano effettivamente in una situazione di forte precarietà. I paesi dell’interno vivevano con le scarse risorse di una economia agricola di auto-consumo, legata prevalentemente alla rendita. L’artigianato era fondato su piccolissime unità che a fatica potevano definirsi produttive. I livelli d’istruzione erano bassissimi. Obiettivamente vi era una situazione di arretratezza e di povertà: una società contadina a bassa differenziazione sociale e ancora collocata in un contesto sociale relativamente chiuso. Banfield rileva queste condizioni e pensa di aver verificato la sua ipotesi, ma non riesce a cogliere che proprio in quegli anni si stava avviando una grande trasformazione anche nel Mezzogiorno e che pure Chiaromonte (Montegrano) sarebbe stata in qualche modo coinvolta in tale processo. Infatti una serie di elementi importanti, che poi costituiranno l’essenza della «grande trasformazione» del Sud, risultano nell’analisi di Banfield trascurati o del tutto ignorati. Il comparaggio, il clientelismo notabilare e quello politico sono rapporti sociali sicuramente presenti nella Basilicata di quegli anni e rappresentano le forme più rilevanti di una fitta rete di relazioni intermedie che hanno caratterizzato il Sud. Il senso di quelle relazioni è però mobile anziché rigido, come ritiene l’autore, cosicché in certi contesti può generare effetti contrari rispetto a quelli che Banfield esplicita nella sua ricerca. Difatti, come evidenzierà Fortunata Piselli, le reti parentali e comunitarie nel secondo dopoguerra vivono e si riproducono dentro il cambiamento e non fuori di esso, viceversa il concetto di familismo amorale presuppone la persistenza di una situazione di arretratezza e una generale resistenza alla modernizzazione. Nella Basilicata di quegli anni era ancora diffuso il clientelismo fondiario e notabilare, ma cominciavano ad affermarsi anche nuove relazioni clientelari attraverso il passaggio dalla clientela fondata sui rapporti agrari, in cui i protagonisti sono i proprietari della terra e coloro che la lavorano, alla clientela politica, in cui la relazione si fonda sui rapporti tra politici ed elettori. Il clientelismo fondiario nacque, a suo tempo, con l’abolizione dei rapporti feudali e rappresentò, per un verso, una forma di resistenza al cambiamento, perché permise la riproduzione di vecchie condizioni di servaggio, per altro verso questo tipo di relazione si collegò all’introduzione, in un contesto non ancora maturo per un cambiamento più esteso, delle nuove leggi riformatrici che abolivano la feudalità e favorivano nuove forme di razionalizzazione necessarie per la nascita del capitalismo moderno. La modernizzazione del Mezzogiorno nel secondo dopoguerra ha avuto al centro il clientelismo politico, nato dalla crisi delle formazioni economico-sociali legate ai rapporti agrari. Il passaggio dal notabilato fondiario a quello politico si è realizzato con la rottura dei sistemi sociali locali, favorita dalla forte intensificazione dei processi migratori e dalla conseguente caduta degli equilibri tradizionali. L’appartenenza politico clientelare ha utilizzato i partiti politici per dare continuità ai vecchi gruppi di notabili e per permettere l’ascesa dei nuovi strati sociali borghesi. Il settore che nelle regioni del Sud offriva maggiori opportunità di integrazione nel «nuovo» e di rifunzionalizzazione del «vecchio» era proprio il sistema politico.

4La ricerca di Banfield si colloca nel secondo dopoguerra e riguarda esclusivamente un paese (Chiaromonte) che non era tra i più poveri nella Basilicata degli anni cinquanta; la sua lettura, de-contestualizzata rispetto al Sud e al territorio regionale, non gli permette di leggere la realtà nelle sue ambivalenze e ambiguità. Egli, in verità, finisce con l’evidenziare quasi esclusivamente ciò che in partenza si proponeva di trovare, mentre rimangono inesplorati gli aspetti di cambiamento. A tale proposito, la clientela è essenziale per individuare i nessi tra tradizione e modernità nel Mezzogiorno, essa costituisce una strana sintesi tra «vecchio» e «nuovo», che ha generato una modernizzazione debole e che ha fondato una regolazione sociale orientata principalmente alla riproduzione delle appartenenze primarie, per cui si sono sviluppate unicamente o principalmente opportunità di cambiamento compatibili con tali appartenenze. La duttilità del rapporto patrono-cliente ha permesso alla clientela di coesistere e spesso di incorporare il familismo, il localismo, l’assistenzialismo, ed in certi contesti di con-vivere con la corruzione e con la mafia. La comunità, la politica, il mercato e i gruppi d’interesse sono stati fortemente influenzati dal clientelismo e, in quanto produttori di regolazione, hanno generato forme d’istituzionalizzazione caratterizzate da una bassa credenza nella legalità e da modelli culturali ambigui.

5Anche a proposito dei caratteri del sistema politico è interessante notare come Banfield arrivi a considerazioni opposte o comunque lontane dalla realtà sopra descritta, egli infatti sottolinea unicamente il distacco e la sfiducia della popolazione e dell’èlite di Montegrano rispetto alla nuova politica democratica, ma non riesce a vedere i nuovi fenomeni a cui la politica stava dando luogo nei contesti locali meridionali proprio in quegli stessi anni, come nel caso dei movimenti contadini e della riforma agraria. In effetti, le regioni del Sud sono state caratterizzate, fin da allora, da un fenomeno di grande rilievo, la discrasia tra legittimazione e consenso. I partiti di governo riscuotevano un consenso percentualmente significativo e, contemporaneamente, si riscontrava una diffusa sfiducia istituzionale: è questo un dato tipico delle situazioni di clientelismo politico. L’impressione è che Banfield si sia soffermato solo sulla scarsa legittimazione e non abbia notato l’altro aspetto, cioè il consenso e le forme di mobilitazione, di trasformazione e di manipolazione ad esso collegate, per questo motivo non è riuscito a riconoscere la complessità del Sud. Coloro che leggono il Sud solo con le lenti dell’arretratezza perdono di vista le criticità e le ambivalenze più importanti di questa realtà, che solitamente si manifestano all’interno di processi di cambiamento sociale e politico che hanno tratti comuni al resto del paese e tratti specifici, peculiari del Mezzogiorno. Probabilmente, come ha dimostrato più tardi la sociologia critica della modernizzazione, proprio la questione teorica della modernizzazione unidirezionale (Parsons) piuttosto che multidirezionale (Eisenstadt) è l’oggetto fondamentale di questa discussione.

Clientela, consenso e partiti pigliatutto

6La storia dei partiti politici in quasi tutti i contesti regionali meridionali è storia di debolezza organizzativa e di scarsa integrazione territoriale, in quanto la politica era spesso subordinata alle appartenenze clientelari. Queste ultime erano espressione di leader, correnti o comunque uomini orientati alla gestione del potere secondo una logica di tipo particolaristico. I circuiti clientelari operavano secondo logiche autonome di azione e spesso senza tener conto degli organismi territoriali dei partiti. Proprio analizzando il modo in cui la politica si è organizzata in molte aree del Sud possiamo sostenere che il clientelismo politico ha anticipato, già negli anni cinquanta, alcuni caratteri del partito pigliatutto. Le modalità con cui la clientela si è rapportata al consenso ha indebolito sul nascere il partito d’integrazione di massa. Nell’ambito delle appartenenze politico-clientelari si sono sviluppate vere e proprie competenze organizzative atte a raccogliere il consenso elettorale. Questo avveniva mentre nel Centro-Nord trionfavano le subculture bianche e rosse. La costituzione di reti clientelari è avvenuta nel pragmatismo e nella de-ideologizzazione, le appartenenze hanno mostrato una grande flessibilità e grandi capacità competitive dentro le organizzazioni politiche e soprattutto nel mercato elettorale. I patroni occupavano posizioni di potere per scambiare e per alimentare nei loro clienti speranze di scambio. Come il partito pigliatutto, il clientelismo politico mira al governo e non alla rappresentanza e lo fa cercando il consenso di tutte le classi sociali ed evitando di affrontare gli elementi di conflittualità ideologica, religiosa e sociale. A questo proposito un altro studioso americano (molto diverso da Banfield), Sidney Tarrow, nota una analogia tra la Democrazia Cristiana meridionale e le organizzazioni politiche del suo paese: «Il passaggio della dc meridionale dal clientelismo dei notabili al clientelismo della burocrazia, e il passaggio dalle clientele verticali a quelle orizzontali, ricalcano fedelmente l’evoluzione della macchina politica in America, (…), il carattere non ideologico della macchina in America si collega al pragmatismo nel suo uso del potere, giacché una dimensione marcatamente ideologica avrebbe distrutto uno degli elementi più importanti del sistema, e cioè la sua capacità di distribuire ricompense a tutti coloro che potevano votare. (…) La dc meridionale rivela un orientamento analogo». Tarrow mette in evidenza come prevalessero, in entrambi i contesti richiamati, obiettivi di crescita sganciati da qualunque criterio selettivo nella ricerca del consenso. Paolo Farneti ancora più apertamente richiama questa trasformazione della Democrazia Cristiana: « Non si può dimenticare, d’altra parte, la precoce trasformazione della dc in partito pigliatutto e in particolare, la sua natura clientelare». Mostrando il legame tra Democrazia Cristiana e partito pigliatutto, Farneti coglie un aspetto essenziale del sistema politico italiano e dei rapporti tra centro e periferia. Questi aspetti molto importanti richiamano le compenetrazioni profonde tra cambiamento e manipolazione, Banfield non solo non è stato capace di comprendere tali processi, ma attraverso il suo binomio politica-arretratezza ha di fatto sviato l’attenzione dai meccanismi di manipolazione che si sono strutturati proprio nella «grande trasformazione» del Sud.

Modernizzazione, regolazione sociale e legalità

7La storia del Sud è storia di debolezza della regolazione sociale. Parlare di regolazione significa far riferimento, in una organizzazione sociale, ai criteri con cui si realizza l’allocazione delle risorse, ai modi di funzionamento e d’integrazione e alla prevenzione e soluzione dei problemi e dei conflitti. Le grandi questioni che riguardano la regolazione sono l’ordine sociale, la solidarietà, la cooperazione, lo scambio. L’approccio analitico più famoso su questo tema, a cui si fa spesso riferimento, è quello di Karl Polanyi, che individua tre grandi produttori di regolazione: la comunità, il mercato e la politica. A questa triade altri studiosi aggiungono i gruppi d’interesse che sono molto importanti in tutte le società contemporanee perché riflettono capacità regolative della società civile e della sfera pubblica. Il problema che Banfield affronta nel suo libro è un problema di regolazione: l’ipotesi che dichiara all’inizio della ricerca di voler verificare è la presenza di un «ethos». Questo termine è famosissimo anche nella sociologia. Weber lo usa più volte e in particolare nell’Etica protestante e lo spirito del capitalismo, laddove lo studioso tedesco parla di un’etica fondata su credenze religiose e capace di influire sui comportamenti di molti credenti, generando così nella vita sociale quello che Weber stesso chiama lo spirito del capitalismo moderno. L’ethos di Weber è quindi un insieme di norme e di valori che si fondano su credenze religiose, in termini polanyiani potremmo dire che sono prodotti da comunità religiose rese vive dalla Riforma. L’ethos di Banfield, invece, non ha un fondamento chiaro, e a leggerlo in chiave weberiana potremmo addirittura dire che è un non ethos, al massimo potrebbe essere definito come una produzione normativa e valoriale legata alla persistenza di forme culturali tipiche del patriarcalismo originario nella famiglia nucleare montegranese. L’impressione è che lo studioso statunitense abbia costruito la sua ipotesi facendo riferimento a Weber, ma in forma impropria. Infatti egli propone il familismo amorale come una etica dell’arretratezza, orientata all’egoismo familistico e alla sfiducia nella comunità, nella politica e nel mercato.

8Proviamo a leggere, anche se in forma molto schematica, il processo d’istituzionalizzazione nel Sud, esaminando i vari produttori di regolazione.

La politica

9La politica, secondo Polanyi, dovrebbe avere una funzione di redistribuzione delle risorse. Questo nel Sud, sicuramente, non è avvenuto. Specie negli ultimi due decenni è cresciuta enormemente la disuguaglianza interna alle regioni del Mezzogiorno. La politica, invece, sia nel Sud che nel resto del paese ha prodotto politiche distributive, cioè non orientate alla perequazione ma alla clientela, all’assistenzialismo e al consenso. In questo contesto la produzione normativa e valoriale dei politici e di coloro che aspirano alla vita politica non è orientata a recuperare una capacità redistributiva, al contrario sembrano potenziarsi percorsi di cetizzazione e forme culturali di tipo neo-patrimoniale. Coloro che non vivono la politica come esperienza o/e professione hanno maturato, come abbiamo gia detto precedentemente, una netta separazione tra legittimazione e consenso, ciò produce una istituzionalizzazione ambigua e instabile.

La comunità

10Il sistema normativo della comunità, secondo Polanyi, dovrebbe essere molto influenzato dalla reciprocità. Il presupposto della diffusione di sistemi di reciprocità è un ambiente di tipo simmetrico. Tutti gli studi antropologici e sociologici, la Piselli per tutti, mostrano come ciò non è possibile, la reciprocità è diventata dipendenza o ricerca di privilegi. Non dimentichiamo le trasformazioni della famiglia e la sua crescente precarietà che nel Sud si presenta in forma radicale.

Il mercato

11Il mercato dovrebbe essere un insieme di norme che regolano lo scambio. La preoccupazione di Polanyi era legata alla invadenza di questo produttore di regolazione negli altri ambiti della vita sociale. Apparentemente questo non è avvenuto, semmai si potrebbe dire il contrario. In verità, se ci riferiamo all’economia informale e sommersa e ancor più a quella illegale, la visione polanyiana non sembra smentita, si pensi alla mafia, ai commerci illegali, al controllo dei territori, alla sottomissione delle comunità, all’inquinamento criminale nelle istituzioni e nei partiti, ecc.

I gruppi d’interesse

12Questo produttore di regolazione si manifesta in molti modi, di esso fanno parte le organizzazioni padronali, sindacali, professionali, l’associazionismo e tutto ciò che può riferirsi alla sfera pubblica e alla società civile. Un mondo molto cresciuto negli ultimi decenni, che esprime grandi potenzialità di trasformazione, ma contiene anche molte ambiguità. La cosa più importante è il rapporto con la legalità. La domanda da porsi è: come mai questo mondo riesce a svolgere le proprie funzioni e a crescere senza andare in rotta di collisione con le organizzazioni criminali e mafiose? È impensabile che sindacati e imprenditori svolgano le loro attività non impattando con i gruppi criminali. Viene da pensare che il pericolo più forte è quello di abituarsi a vivere subendo la prepotenza mafiosa o comunque definendo volta per volta, in nome dei propri interessi di gruppo, strategie razionali di convivenza obbligata con queste organizzazioni.

13Banfield pur individuando problemi concreti a Montegrano non riesce a dare una prospettiva analitica alla sua ricerca. Il familismo amorale produce norme e valori che si presentano come primi e ultimi, come se ci trovassimo in una forma d’istituzionalizzazione non modificabile, ciò impedisce di vedere gli intrecci della manipolazione, le debolezze della regolazione sociale e il progressivo indebolimento della credenza nella legalità. Il paradosso è che questo studioso si serve di un «approccio culturalista» per verificare una ipotesi che pare un teorema.

Mafia e percorsi di legalità e di sviluppo

14In calce a queste brevi riflessioni bisogna dire che la situazione delle regioni meridionali, negli ultimi cinquanta anni, si è fortemente diversificata. Realtà come l’Abruzzo e la Basilicata presentano caratteri sociali, economici e politici profondamente diversi da regioni come la Campania e la Calabria. È utile ricordare che processi di differenziazione territoriale sono diffusi anche all’interno di situazioni regionali fortemente degradate. La provincia di Cosenza è molto diversa da quella di Vibo Valentia e da quella di Reggio Calabria. L’elemento che accomuna le situazioni più gravi è la presenza sempre più diffusa della violenza mafiosa. Nel Mezzogiorno d’Italia questo fenomeno si è radicato da lungo tempo in Sicilia, Calabria e Campania. In Puglia esso è cresciuto massicciamente negli ultimi trenta anni, in Basilicata, in Abruzzo e nel Lazio meridionale si notano segni evidenti di presenze di criminalità organizzata di tipo mafioso negli ultimi anni. Insomma pur nella profonda diversità dei fenomeni criminali notiamo una grande capacità di pervasione, facilitata dalla presenza diffusa dei sistemi clientelari. Interessante è notare come clientela e mafia siano per certi versi fortemente interrelate per altri invece si pongano in forma competitiva. Tutto dipende da come la mafia decide di stare in politica se direttamente o appoggiandosi a politici o burocrati gia presenti nell’arena del potere. In questi contesti il tradizionale dibattito sulla questione meridionale non pare attuale, il problema principale non sono i finanziamenti o gli interventi dello stato oppure gli incentivi alle imprese o altri aspetti di questo tipo. Sono tutte cose importantissime, ma questo tipo di dibattito disgiunto da quello della legalità non ha più senso, anzi si rischia la manipolazione e l’ulteriore crescita della presenza mafiosa e clientelare. Uno sviluppo economico o sociale che non impatta con la mafia o con la clientela politica non può essere considerato tale.

Tre brevi esempi di percorsi di legalità e di sviluppo: il comune di Lamezia Terme, la cooperativa sociale della Valle del Marro, la Diocesi di Locri

Primo caso – Sviluppo politico e della legalità – Comune di Lamezia Terme (Sciolto due volte per mafia)

15Nelle elezioni amministrative del … viene eletto un sindaco del Centro Sinistra che non ha la maggioranza in Consiglio Comunale, la sua attività amministrativa è contrassegnata da continue minacce ed è costretto a vivere sotto scorta. Ultimamente sono scoppiate anche delle guerre interne alle organizzazioni criminali. L’azione politico-istituzionale del Sindaco è orientata alla qualificazione dell’apparato amministrativo e della gestione comunale, all’individuazione di un asse strategico per la sua città e per i comuni circostanti e all’avvio di azioni di concertazione. Si è posto il problema di costruire una opposizione all’azione distruttiva della mafia ed è riuscito a mobilitare un consistente gruppo di giovani. Interessanti anche le sue iniziative di coinvolgimento di grosse istituzioni culturali come alcune Università calabresi al fine di far nascere un centro di alta formazione. L’impressione è quella di una realtà municipale che sta cercando di far crescere una nuova capacità politico istituzionale, il propellente per questa attività di mobilitazione sociale e di sviluppo è il ripristino della legalità nell’attività dell’amministrazione comunale e soprattutto nella cultura dei cittadini.

Secondo caso – La Cooperativa sociale della Valle del Marro

16Questa cooperativa sociale è nata nell’ambito delle attività importantissime della Associazione antimafia «Libera» (associazione di associazioni) e con il fine di gestire i beni confiscati alla mafia. Più volte questa realtà ha subito intimidazioni mafiose e atti vandalici, ma con fierezza e con l’appoggio di tante altre associazioni è riuscita sempre a riprendere le proprie attività che sono quelle della produzione e della trasformazione di prodotti agricoli. Ha un grande valore simbolico e nella Piana di Gioia Tauro rappresenta la lotta alla mafia e la costruzione di opportunità di lavoro per i giovani di queste terre.

Il Terzo caso – La Diocesi di Locri – Religione, sviluppo e legalità

17Le credenze religiose hanno favorito nel Mezzogiorno la lotta alle mafie. La presenza di sacerdoti e credenti fortemente impegnati è stata una caratteristica dell’associazione Libera, le varie chiese del Sud hanno generato martiri e testimoni della lotta alla prepotenza mafiosa. L’esperienza di Locri è però diversa, è nata sulla capacità di un vescovo (Mons. Bregantini) di saper legare testimonianza religiosa e lotta alla prepotenza mafiosa. Un vero e proprio percorso educativo alla legalità come fondamento della dignità umana e dell’esperienza religiosa. Sono state realizzate varie iniziative che in pochi anni hanno prodotto quasi duemila posti di lavoro in attività agricole. L’iniziativa più interessante avviata (con l’aiuto di cooperative trentine) nelle montagne dell’Aspromonte è un tipo di coltura in serra, con la produzione di piccoli frutti, che si sta diffondendo e viene oggi proposta come un modello di sviluppo possibile delle aree interne per tutta la Calabria. La lotta alla mafia è condotta in modo fermo sul piano della condanna, ma parallelamente si stanno sviluppando forme di integrazione per ex detenuti che vogliono abbandonare l’attività criminale e intendono lavorare nelle cooperative sociali e sottoporsi al controllo delle autorità preposte. La locride sta vivendo una vera e propria rivoluzione culturale, ma è diffusa la consapevolezza che siamo solamente all’inizio e che si vive in continua precarietà.

 

18Questi casi non sono gli unici, per fortuna esistono molte altre esperienze di resistenza, abbiamo bisogno però di impostare un nuovo corso del meridionalismo e percorsi di ricerca più adeguati alla situazione che stiamo vivendo. La costante di tutte queste situazioni è la consapevolezza che la legalità in queste terre non è un punto di partenza, ma una costruzione sociale da realizzare con impegno quotidiano e tenacia lungimirante.

19Le università e i singoli ricercatori non possono limitarsi alle tradizionali «performance» accademiche, è necessaria una sensibilità culturale ed un impegno più deciso verso la promozione di legalità e di sviluppo. Banfield ha colto nel segno quando ha fatto riferimento alla mancata responsabilità soggettiva e collettiva a Montegrano, ma in contrapposizione alla sua ipotesi riteniamo che cambiamento, legalità e sviluppo possono essere coniugate e perseguite insieme anche nel Sud, i casi prima descritti sono esempi tangibili in tal senso.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Pietro Fantozzi, « Familismo Amorale o regolazione sociale debole? »Quaderni di Sociologia, 44 | 2007, 185-194.

Notizia bibliografica digitale

Pietro Fantozzi, « Familismo Amorale o regolazione sociale debole? »Quaderni di Sociologia [Online], 44 | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/939; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.939

Torna su

Autore

Pietro Fantozzi

Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica - Università della Calabria

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search