Navigazione – Mappa del sito
la società contemporanea / Politica e ceto politico locale nel Centro-Sud d’Italia

Presentazione

Pietro Fantozzi
p. 3-7

Testo integrale

1I rapporti tra politica e territorio in senso generale e, nello specifico, tra sistemi politici centrali e sistemi politici locali, costituiscono uno dei più importanti indicatori della modernizzazione, sia in termini di regolazione che in termini di stimolo oppure di vincolo ai processi di cambiamento, e sono stati studiati in diverse fasi dei processi politici e da differenti angolazioni.

2Ad esempio, gli studi sulle relazioni centro-periferia (Bendix, Farneti, Rokkan), hanno avuto il merito di segnalare il dinamismo intrinseco a tali relazioni, la continua negoziazione e ridefinizione dei campi d’azione che si realizza attraverso l’azione delle élites e che riguarda le posizioni strategiche, i canali ed i flussi di risorse materiali e culturali che vengono scambiati.

3A proposito delle élites, Eisenstadt ritiene che la modernizzazione di un territorio è legata proprio alla natura delle relazioni tra élites e politica: a suo avviso la formazione di una capacità politico-istituzionale, che significa «saper acquisire opportunità di mutamento e saperle mediare con le situazioni pre-esistenti», è la chiave della trasformazione; tale capacità è il presupposto indispensabile non solo del cambiamento, ma anche del modo in cui esso si realizza e della qualità (in termini di legittimazione e di rendimento) dell’organizzazione sociale ed istituzionale che contribuisce a produrre. In sostanza, secondo questo studioso il nucleo centrale della modernizzazione risiede nel legame tra élites, istituzioni e costruzione della società e richiede il superamento della dicotomia tradizione/modernità.

4Secondo una prospettiva d’analisi più recente, che collega la politica locale alle politiche pubbliche, la formazione di sistemi politici locali articolati costituisce una vera e propria fase della modernizzazione politica (Hill). Di altri indirizzi di ricerca non si può qui dar conto e si rimanda all’ultimo saggio contenuto in questa sezione della rivista.

5In merito agli studi sul ceto politico, si può affermare che, ferma restando la maggiore attenzione prestata dappertutto alle dimensioni nazionali piuttosto che a quelle locali, le ricerche sul ceto politico locale in Europa hanno avuto uno sviluppo limitato rispetto alla rilevanza che esse hanno avuto da lungo tempo in America del Nord e in Australia. Comunque, non può essere sottovalutata l’importanza che la sociologia e la politologia hanno dato e danno al local government nel Regno Unito e al ruolo delle amministrazioni locali in Francia e in Germania.

6Gli studi sulle politiche locali e sugli attori politici locali si sono diffusi negli ultimi due decenni in concomitanza con una serie di nuovi fenomeni e processi che proviamo a sintetizzare lungo tre grandi direttrici: a) gli effetti della fine della divisione del mondo in due blocchi contrapposti e della caduta delle grandi ideologie collettive del Novecento, che hanno fatto perdere importanza alla frattura internazionale tra l’Ovest e l’Est ed hanno ridato rilievo alle fratture interne agli Stati e alle dimensioni regionali e locali della politica (a fini di consenso, di identità, di sviluppo); b) le conseguenze delle crisi e delle trasformazioni degli Stati nazionali, collegate ai fenomeni di globalizzazione ed ai processi di costruzione di nuove entità politiche sovranazionali, come l’Unione Europea, che, per converso, hanno fatto nascere o hanno rivitalizzato dappertutto le domande di autonomia regionale e municipale; c) la crescita di nuove forme di partecipazione e di rappresentanza collegata alla crisi delle democrazie contemporanee ed al conseguente deficit di legittimazione; tale crescita ha generato a sua volta una maggiore attenzione ai sistemi elettorali e al rinnovamento del personale politico, alle nuove esperienze di deliberazione dal basso (la cosiddetta democrazia partecipativa), ai movimenti sorti su base territoriale per molteplici scopi (ambiente, urbanistica, servizi, legalità ecc.).

7Cosicché per un insieme complesso di fattori, in parte nuovi e in parte pre-esistenti, sono state a lungo trascurate sia le dimensioni locali della politica sia le tendenze cetuali presenti nelle classi politiche, dimensioni e tendenze che, viceversa, negli ultimi anni e in particolare oggi emergono con maggiore energia. A questo proposito si pensi alle spinte federali e autonomistiche, alle tendenze oligarchiche, a quelle neo-patrimoniali e alle forme di personalizzazione del potere politico.

8In Italia gli studi sui sistemi politici locali e sulla formazione, selezione, attività del personale politico locale sono stati a lungo sottovalutati e per molto tempo gli studiosi hanno generalmente considerato di secondo piano tali ricerche. In verità, in tal senso hanno spinto pure i caratteri generali del sistema politico italiano, imperniato per molti anni su due grandi partiti, la dc e il pci, su una forte rigidità del consenso e su una modalità di azione politica che tendeva a concentrare il processo decisionale nelle istituzioni centrali a scapito dell’autonomia decisionale delle periferie, tutti fattori che hanno fortemente indebolito il peso delle realtà politiche locali e scoraggiato gli studi sulle municipalità e sul ceto politico locale.

9Nei primi decenni del secondo dopoguerra sono stati effettuati diversi studi sulle subculture bianche e rosse; infatti esse riflettevano, oltre che il rapporto tra vita sociale e vita politica, la particolarità di quella fase storico-politica, in cui esisteva poco spazio per i problemi locali e molta attenzione per le identità politico-ideologiche definite in chiave nazionale. Nel Sud d’Italia la situazione era diversa a causa dei caratteri parzialmente differenti assunti dai processi di modernizzazione rispetto al Nord del paese; gli studi sull’arretratezza delle regioni meridionali, sulla debolezza dell’associazionismo politico e dell’apparato istituzionale hanno permesso di mettere a fuoco alcune peculiarità dei circuiti politici meridionali e l’influenza determinante svolta in molti casi al loro interno dal clientelismo politico e dal familismo. Ma queste indagini riguardavano, per lo più, il modo in cui i governi centrali alimentavano nel Sud forme di dipendenza politica ed economica, oppure il funzionamento della vita comunitaria, per cui, pur risultando a volte di estremo interesse e valore scientifico, esse non fornivano sufficienti indicazioni e ancor meno spiegazioni scientifiche sui caratteri dei sistemi politici e del ceto politico locale.

10In sintesi, fino all’inizio degli anni settanta in Italia sono pressoché inesistenti gli studi di tipo scientifico rivolti ad analizzare i poteri, gli attori politici e le amministrazioni locali. L’istituzione delle Regioni (1970), il miglioramento delle condizioni materiali di vita, la crescita dell’influenza della società civile, hanno favorito una nuova fase dei rapporti tra centro e periferia; tutto ciò ha creato una maggiore forza del «locale» ed una crescente attenzione alle sue problematiche. Un ulteriore sviluppo degli studi sulle politiche locali lo riscontriamo negli anni novanta, immediatamente dopo le trasformazioni normative sugli assetti delle autonomie locali (vedi legge n. 142 del 1990) e l’introduzione della elezione diretta dei sindaci (vedi legge n. 81 del 1993). È a partire da questo periodo che comincia a diffondersi la convinzione che i governi locali costituiscono uno strumento politico essenziale non solo in chiave municipale, ma anche perché concorrono alla costruzione della qualità della democrazia e della cittadinanza nell’intero paese.

11Questo numero monografico affronta l’analisi della politica locale dal punto di vista dei caratteri del personale politico in alcune realtà del Sud e del Centro Italia; in esso sono contenuti una breve ricostruzione ragionata delle ricerche più significative in questo campo ed i risultati di tre indagini riguardanti le caratteristiche del ceto politico locale in Calabria, in Sicilia e in Toscana. Nella specificità di questi lavori si possono rintracciare anche categorie analitiche, trasformazioni e fenomeni che riguardano la generalità dei sistemi politici locali nel Mezzogiorno e in Italia. I contributi che vi proponiamo sono abbastanza diversi tra loro, sia per i fenomeni a cui si riferiscono che per l’approccio analitico di cui si sono serviti i vari autori.

12Il primo contributo è di Antonio Costabile, che utilizza una serie di categorie weberiane e di altri studiosi della modernizzazione in modo innovativo ed originale. Il saggio analizza i caratteri e le trasformazioni del ceto politico in Calabria e nel Mezzogiorno d’Italia a partire dalla ricostruzione delle vicende politiche e amministrative svoltesi nella città di Cosenza durante gli ultimi 15 anni. Il testo evidenzia, nella sua prima parte, i prerequisiti strutturali del ceto politico calabrese (cioè il peso della frattura centro-periferia nella costruzione dell’intero sistema sociale e politico meridionale, le conseguenze di un processo di modernizzazione senza industrializzazione sui rapporti tra politica ed economia, la debolezza della società politica, il clientelismo e la politicizzazione delle appartenenze primarie, il ruolo suppletivo dei capi carismatici). Nella seconda parte, il testo analizza le specifiche modalità che spesso caratterizzano l’agire politico in contesti che presentano tali prerequisiti, cioè la subordinazione del partito a strategie di natura particolaristica; i processi di scambio politico-elettorale e la loro ramificazione; la costruzione di reti e strategie rivolte alla captazione e distribuzione della spesa pubblica a differenti livelli; le tendenze neopatrimoniali riscontrabili nei rapporti tra leader politici e apparati burocratici. Nell’ultima parte, infine, viene individuato un profilo di questo ceto politico attraverso i fattori fondamentali della sua professionalizzazione: formazione e competenza; reclutamento; legami parentali; tendenza oligarchica; durata; prestigio; stili di vita; arricchimento.

13Il saggio di Francesco Raniolo ha un approccio di tipo più politico-istituzionale, l’autore infatti ci introduce all’analisi del potere locale in Sicilia ricordando i caratteri normativi specifici di questa regione a statuto speciale e soffermandosi sui modi in cui tale realtà regionale ha recepito o anticipato alcune norme nazionali. L’obiettivo del testo è quello di analizzare gli effetti della nuova legislazione elettorale sulla stabilità dei governi e dei sistemi politici municipali. L’aspetto che è più lungamente analizzato è lo spostamento dei consiglieri comunali all’interno dei partiti e delle coalizioni, in altri termini Raniolo ci fornisce una documentazione molto significativa sul fenomeno chiamato neo-trasformismo. Egli mostra la frequenza e l’intensità degli spostamenti, la direzione e la durata (mobilità lunga o breve). Ognuna di queste variabili (stabilità, frammentazione e spostamenti) è riferita a 21 comuni siciliani con più di ventimila abitanti. L’analisi, di tipo comparativo, fornisce uno spaccato molto interessante sui poteri locali di questa regione, propone anche alcuni nuovi percorsi d’indagine e avanza, in fase conclusiva, delle categorie di lettura non usuali negli studi sulle politiche locali (politica post-moderna).

14Il terzo contributo è di Paolo Turi ed indaga sul ceto politico toscano. Si tratta di una ricerca molto accurata e ricchissima di dati. In tale lavoro si nota la sensibilità sociale e l’attenzione per il dato empirico che caratterizza la scuola fiorentina. Il saggio parte dalla riforma elettorale introdotta dalla legge 81/93, sottolineando che questo provvedimento «costituisce un passaggio importante per la recente vita politica italiana». L’autore fa notare come, con tale provvedimento, non cambia soltanto la modalità di elezione del sindaco, ma mutano i rapporti tra i vari organi del governo locale. Il saggio si propone di verificare gli effetti di questa legge sui caratteri del ceto politico toscano. Prima di entrare nel merito del suo oggetto di studio, l’autore fa il punto sulla letteratura esistente e osserva come, pur trovandoci in presenza di molti contributi significativi, sono in realtà assai pochi gli studi che mostrano le trasformazioni del ceto politico locale e i diversi impatti che la riforma ha avuto sui vari contesti territoriali. L’analisi dei dati è molto dettagliata e fornisce chiavi di lettura utilissime per chi si occupa di queste tematiche. Le variabili prese in considerazione sono quelle socio-anagrafiche (sesso, età, titolo di studio) e sono applicate ai candidati, agli eletti, ai non eletti ed agli amministratori. Il periodo preso in considerazione va dal 1990 (prima della riforma) al 2004. Il lavoro focalizza la sua attenzione sui giovani amministratori toscani di cui traccia un vero e proprio profilo. L’aspetto più interessante, per l’Italia fortemente originale, è l’ultima parte del saggio, dove Turi ripercorre il processo di socializzazione politica dei giovani amministratori toscani.

15L’ultimo contributo a questo numero monografico è quello di Lucia Montesanti, si tratta di una vera e propria nota bibliografica ragionata sulle ricerche più significative svolte su potere e ceto politico locale dal secondo dopoguerra ad oggi. L’autrice mostra come manchino completamente, negli anni cinquanta e sessanta, le analisi riguardanti i rapporti tra politica locale e territorio e, più specificamente, gli studi sui caratteri delle classi politiche municipali. Bisogna aspettare gli anni settanta per incontrare una maggiore attenzione verso le élites politiche locali. Interessante è la tipologia di studi che viene proposta; infatti a suo avviso esistono tre diversi livelli di analisi del ceto politico: quella sociografica, fondata sullo studio delle caratteristiche anagrafiche e sociali degli eletti; quella politica, rivolta ad evidenziare le regole d’accesso al potere locale e le forme di riproduzione delle élites politiche; l’analisi di networking, orientata precipuamente all’indagine sull’agire dell’élite politica. È un lavoro molto utile, che abbiamo voluto offrire come un piccolo saggio di servizio per questo numero dei «Quaderni di Sociologia».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Pietro Fantozzi, « Presentazione », Quaderni di Sociologia, 43 | 2007, 3-7.

Notizia bibliografica digitale

Pietro Fantozzi, « Presentazione », Quaderni di Sociologia [Online], 43 | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 16 novembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/qds/948

Torna su

Autore

Pietro Fantozzi

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals