Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri42la società contemporanea / Sociol...L’ascolto dei bambini da principi...

la società contemporanea / Sociologia dell’infanzia

L’ascolto dei bambini da principio normativo a pratica sociale: osservazioni dal contesto torinese

Hearing children: from legal norm to social practice in the Turin context
Manuela Olagnero e Dario Rei
p. 101-131

Abstract

The aim of this contribution is to analyse the assumptions behind, and some observable consequences of, the application of an international legal norm, sanctioning recognition of children’s rights, since the end of the 1980s.
The focus is on the judicial practice referring to children’s right to be heard, and actively considered, particularly in decisions regarding management of family tensions and in separation and divorce procedures.
The research, carried out in Turin, is mainly based on testimony from the actors involved: magistrates and «honorary judges» (various childhood experts who collaborate with magistrates).
Some questions have been posed regarding:
a) whether these changes mean innovation to the cultural and social pattern which in Italy has traditionally preserved a strong asymmetry in allocating autonomy and responsibility among various age groups;
c) how «expert» and professionals actors (judges, teachers, social workers) deal with the new responsibilities they are expected to assume towards families and children.
The initial findings confirm the hypothesis that, in a framework where children are no longer subject to the exclusive mediation of the family, the new mandate have ambivalent consequences: on one hand it brings in third parties who can foster and modify the relationship between adult and children’s worlds, while on the other hand it introduces greater, and maybe less controllable, complexity in the network of actions among the various actors involved.

Torna su

Note della redazione

Il contributo si basa su un comune lavoro di ricerca, effettuato anche grazie al finanziamento ottenuto dal miur (fondi ex 60%, 2005) per lo studio delle “Innovazioni recenti nella politiche dirette all’infanzia”. Il lavoro è stato impostato ed elaborato congiuntamente dai due autori. La premessa e il par. 3.3 sono stati scritti in collaborazione; i paragrafi 1 e 3.2 sono di Manuela Olagnero; i paragrafi 2 e 3.1 di Dario Rei.

Testo integrale

Ascoltare la sofferenza infantile era un tema che c’era ma che veniva gestito istituzionalmente attraverso una miriade di strutture, di figure. Altra cosa è l’ascolto come metodo per condurre un processo»

(giudice del Tribunale dei Minorenni di Torino)

Premessa

  • 1 Il diritto all’ascolto ha ottenuto riconoscimento giuridico attraverso le norme introdotte alla fin (...)

1Questo contributo è dedicato all’analisi dei presupposti e, per quanto al momento possibile, delle conseguenze di una delle norme di diritto internazionale che hanno sancito, dalla fine degli anni ’80, un riconoscimento dei diritti all’infanzia. Si tratta, in particolare, della norma che prevede l’ascolto dei bambini nelle prassi giudiziarie e amministrative che li riguardano1. La materia è nel complesso tutt’altro che stabilizzata, e offre più di un motivo di interesse all’analisi sociologica, vuoi sul piano delle categorie interessate (i bambini, in primo luogo), vuoi sul piano delle istituzioni coinvolte.

2Innanzitutto, il tema dell’ascolto illumina il cruciale passaggio della percezione sociale del minore da oggetto di trattamento a portatore di diritti soggettivi individuali, in quanto tali non risolvibili (anche se non per questo contrastanti o incompatibili) con i diritti della formazione sociale (famiglia o comunità) in cui è inserito. È infatti difficile separare l’aspetto procedurale dell’ascolto dal quadro più ampio dei diritti dell’infanzia, che ne sanciscono la facoltà di possedere, ricevere e accedere a beni e servizi (Provision), di essere protetta da maltrattamenti e abusi (Protection), di essere sostenuta nelle attività della vita sociale (Participation) (European Centre, 1993).

  • 2 «La partecipazione crea le condizioni per la realizzazione di forme di comunicazione che esprimono (...)

3In secondo luogo, l’ascolto individua quell’instabile terreno in cui i diritti soggettivi sono ora veicolo di inclusione nel mondo degli adulti, ora motivo di difesa da quello stesso mondo; ora mera garanzia formale e rituale, ora dispositivo effettivo di partecipazione, intesa sia in forma generale e vasta («il prendere parte dei bambini a processi sociali»), come in forme dirette e impegnative (processi che generano conseguenze efficaci e visibili, modificando la posizione relativa dei soggetti nel contesto sociale generale) (Baraldi, 2001, p. 9)2.

4Sul piano delle istituzioni coinvolte nella interpretazione e pratica dell’ascolto, i temi di interesse riguardano a loro volta la relazione non meccanicistica tra normazione e sua esecuzione (Regonini, 2001) e altresì il rapporto tra qualità identificante (o simbolica) e qualità organizzativa e regolativa di questa stessa normazione (Pizzorno, 1998). Assumiamo che le norme sull’ascolto, mentre possiedono un’altissima valenza identificante o simbolica, non possiedono altrettanta qualità regolativa, con ciò venendo a mobilitare una «inespugnabile componente di integrazione creativa» (Pizzorno, cit., p. 36).

1. I crocevia dell’ascolto

  • 3 «Andiamo verso una realtà giudiziaria sempre più variegata a livello territoriale, questo è un bene (...)
  • 4 «…Sono sempre più diffidente rispetto al valore performativo della legge e sempre più convinto inve (...)
  • 5 Questa prospettiva mantiene la sua efficacia anche quando venga incrociata con quella che considera (...)

5L’ascolto offre perciò l’occasione per una analisi dei modi di pensare e operare tipici di una giustizia locale. La pratica dell’ascolto può essere definita come «locale» essendo irriducibile a uno standard generale che venga semplicemente «eseguito», e distinta da pratiche dello stesso tipo, ma in altri contesti, diversamente orientate3. Ma può altresì essere considerato come elemento di giustizia locale nel senso proposto da Elster, quando parla di giustizia amministrata da una istituzione relativamente autonoma, cui viene riconosciuta libertà nella scelta dei criteri per allocare determinati beni (Elster, 1995, p. 35, passim). L’attenzione alla dimensione empiricamente situata dell’oggetto di analisi, chiamando in causa la giustizia degli attori concreti che sono in grado di influenzare la selezione di criteri e procedure specifiche per allocare quel bene (nel linguaggio di Elster: operatori interni all’istituzione, politici, richiedenti), ha mostrato l’utilità del guardare alle prassi concrete4 e allo stesso tempo ha offerto l’opportunità di cogliere tensioni o complementarietà tra definizioni della situazione provenienti da sistemi di senso diversi5, ovvero tra mondi professionali e reti di saperi differenti. Tali sistemi di senso sono storicamente inseriti in una cultura sociale e istituzionale soggetta nel tempo a cambiamenti ed erosioni.

  • 6 «Da un lato si accrescono le opportunità per il diritto di estendere la propria versione della real (...)

6Il problema si presenta in duplice forma: ci si interroga, da un lato, su come il diritto, nella sua costante tensione tra connessione e disconnessione con i bisogni e le richieste di giustizia ed equità della società là fuori, ne accolga o filtri le «comunicazioni morali» (King, 1993, 1997)6; ci si chiede dall’altro come, nella quotidiana pratica di attuazione di una norma giuridica, si attivino logiche di azione extranormativa, che fanno capo a culture sociali e professionali specifiche.

  • 7 L’impianto e lo sviluppo di questo lavoro molto devono alle opinioni espresse e alle informazioni f (...)

7L’analisi svolta in queste pagine alterna materiali lessicali diversi, prodotti sia dalle persone che «conversano» sul tema, sia dagli enunciati normativi attinti dal contesto istituzionale7.

  • 8 L’osservatorio empirico dell’analisi qui sviluppata fa capo alle attività condotte nei tribunali or (...)

8Il nostro mescolare i due tipi di materiali sorge dall’interesse a mostrare come presupposti impliciti di una normazione «di principio» indirettamente generino variegate capacità di regolazione sociale delle relazioni tra gli attori che si muovono entro il campo di tale normazione8.

  • 9 Una recente ricerca comparativa sulla presenza del punto di vista dei bambini nelle valutazioni fat (...)

9Un primo obiettivo di questo scritto è pertanto quello di individuare, in relazione a specifici contesti e culture, le tensioni che si sviluppano all’interno del sistema giudiziario, e all’incontro tra sistema giuridico, mondi delle professioni e reti delle famiglie con riguardo alla pratica dell’ascolto e al suo utilizzo. Se lo spirito delle convenzioni internazionali è di instaurare una prassi di ascolto diretto e tendenzialmente obbligatorio, è ipotizzabile che tale prassi, messa alla prova di un impiego routinario, subisca torsioni di significato, e sospensioni o accentuazioni di rilevanza; e che ciò accada in ragione non già del valore performativo in sé della norma, quanto della forza o della debolezza delle culture sociali e professionali che la impiegano. È pertanto sensato chiedersi come si armonizzino, si diffondano e si applichino nei diversi campi professionali le generali e condivise dichiarazioni di principio circa la rilevanza dell’opinione del bambino9.

  • 10 Il termine innovazione è qui inteso nel duplice senso di autotrasformazione dei soggetti coinvolti (...)

10Un secondo obiettivo è quello di cogliere il grado di integrazione della pratica dell’ascolto entro locali modelli di welfare e di individuare il carico di innovazione/conservazione, che tale pratica possiede in sé o riceve dal quadro di riferimento. Si possono prefigurare due possibilità polari di accesso e utilizzo dell’ascolto: da un lato l’adattamento puramente ritualistico alle indicazioni normative, che quindi non produce conseguenze né sul sistema né sui destinatari, dall’altro l’innovazione forte, che, al contrario, esercita conseguenze perturbanti sia in termini culturali che strutturali, sia sul sistema che sui destinatari10.

11È possibile individuare altre possibilità «intermedie»? E su quale base? Quale diverso peso riveste, ad esempio, la retorica del miglior interesse del bambino?

  • 11 Secondo Pizzorno il ricorso alla giustizia è tanto più frequente quanto più socialmente distanti so (...)

12Come si configura, nell’evidenza empirica, una pratica che, contravvenendo al senso comune, introduce una mediazione giudiziaria tra individui che per definizione ne «potrebbero fare a meno», essendo socialmente e affettivamente vicinissimi?11.

  • 12 Per un precedente di ricerca in quest’ultimo senso si veda la ricerca sui procedimenti di revisione (...)

13L’intento di un’analisi esplorativa che, come questa, procede ancora per tematizzazioni e colpi di sonda, giustifica l’aver circoscritto i nostri riferimenti alle fonti documentali e alle testimonianze degli attori coinvolti, lasciando fuori altre basi osservative direttamente «ispezionabili», come sono, ad esempio, provvedimenti e sentenze giudiziarie12.

14Le testimonianze raccolte hanno offerto la traccia indispensabile per ricostruire induttivamente una ricognizione complessiva del problema dell’ascolto dei bambini. Le testimonianze compaiono qui non già nella loro interezza ma per singoli brani. Pur consapevoli che in tal modo si viene a spezzare la continuità biografico-professionale tra un autore e il suo discorso, riteniamo che le produzioni discorsive che quotidianamente mettono in forma la produzione normativa, restituiscano, nel loro insieme e nella loro varietà, la natura stratificata della attività riflessiva e comunicativa che si genera all’intersezione tra sistema giuridico e sistema sociale.

  • 13 Come sostiene King: «…il linguaggio dei diritti costruisce gli eventi e le istituzioni sociali in m (...)

15Si tratta dunque di discorsi-repertorio in cui si può trovare traccia dello sforzo per far incontrare le pretese regolative del diritto dei giuristi con la varietà e la singolarità degli eventi e dei problemi trattati13.

1.1. Ascoltare perché?

16Ascoltare è termine la cui definizione non mette al riparo da ambiguità e incompletezze. Come recitano le definizioni lessicali del termine, ascoltare non significa semplicemente «sentire», bensì sentire con intenzione e attenzione. Seppure circoscriviamo l’area semantica dell’ascolto a quello di una relazione diadica, molti interrogativi permangono. Ascoltare in vista di quale fine? avere informazioni? accedere a desideri? sollecitare una testimonianza? invitare a una confessione? avere risposte a una specifica domanda? raccogliere questioni spontaneamente poste da chi parla?

17Il versante privato dell’ascolto (ascolto-intimità) è parte costitutiva della nostra esperienza. Puntello delle relazioni familiari e amicali, pratica consegnata alla intuizione e alla sensibilità non addestrate, si costruisce sulla reciprocità di cerchie di riconoscimento, e sul carattere aspecifico, duraturo e ricorrente degli scambi discorsivi.

  • 14 Le attività specifiche delle molte associazioni nate sul territorio, e dedicate all’ascolto dei bam (...)

18L’ascolto come base delle relazioni di aiuto e di cura fornite dalle istituzioni pubbliche di assistenza14 a individui bisognosi di aiuto (ascolto-contatto) si costruisce invece dentro un set istituzionale e si fonda sull’asimmetria di posizioni, oltre che su specifici skill professionali. Esso presuppone, da parte dell’ascoltatore, una ben definita intenzionalità relativa all’acquisizione di informazioni, che l’utente-paziente lascia affiorare riguardo alla sua situazione e alla sua storia.

19Quando poi si ponga come base costitutiva o ausiliaria dell’agire professionale (a scopo psicoterapeutico, diagnostico, anamnestico, conoscitivo) l’ascolto viene guidato da ben precise regole limitative, da cui è escluso il prendere decisioni sulla vita dell’interlocutore.

20L’ascolto dei bambini normativamente regolato (le pratiche che prenderemo in esame si riferiscono all’ascolto dei minori in relazione a materie giudiziarie e amministrative che li riguardano) introduce ancora un’altra modalità, in quanto prelude a una decisione e conduce ad essere ascoltati in situazioni «speciali», che si costituiscono a ridosso di eventi-svolta occorsi nella vita dei bambini e delle loro famiglie.

21Qui, accanto a modelli regolati dall’intimità o dal contatto professionale (ascolto funzionale, asimmetrico, specifico, limitato nel tempo), compaiono gli estremi di una nuova figura, in cui si combinano, non senza interferenze, tratti dell’uno e dell’altro modello. La peculiarità dei comportamenti cognitivi e linguistici propri della condizione infantile, nonché il carattere di emergenza della situazione in cui si inscrive l’ascolto, introducono una valenza ermeneutica importante: la comunicazione linguistica e non linguistica è un’azione del ricevente e non solo del produttore; parole e frasi contengono ambiguità la cui decodifica non può esser affidata al solo senso comune; per capire il significato di una frase occorre guardare al contesto in cui quella frase viene pronunciata e all’interlocutore a cui viene destinata (De Mauro, 1999, pp. 12-22).

  • 15 Come è emerso da qualche testimonianza, accade che un adolescente, conteso tra genitori che si sepa (...)

22A tale figura dell’ascolto il termine audizione (tale la denominazione tecnico-normativa) fornisce una ancora debole identificazione, ma ne individua indubbie peculiarità: l’audizione è preparata, è subordinata alla verifica di certe condizioni, acquista significato in relazione all’ascolto di altre voci. Ed è un terreno su cui c’è sempre una posta, più o meno alta, in gioco. Il progredire lungo il corso della vita è consapevolezza dei rischi che si aprono, rispetto a ogni chance concessa in ragione dell’avere oltrepassato una certa soglia di età. Più il bambino cresce, più se ne rende conto, e ne avverte il peso15.

1.2. Bambini sulla soglia

23La portata della parola «bambino» (in quanto designa una condizione generale) a proposito dell’ascolto va messa a confronto/contrasto con la rilevanza di due termini che riguardano i bambini come destinatari di intervento giudiziario o sociale. Il termine «minore»,ricorrente nel vocabolario dell’assistenza e della protezione sociale, evoca il tema della tutela, dovuta a persona non ancora in grado di provvedere autonomamente a se stessa. Minorenne, termine di più stretta pertinenza giuridica (civile e penale) identifica lo stato di responsabilità limitata, propria di un’età cui non si attribuisce piena consapevolezza e autodeterminazione. Con la dizione «bambini» o «infanzia» è più facile evitare la connotazione dominata da esclusive e totalizzanti preoccupazioni di tutela e protezione. D’altro canto, una connotazione del discorso che considera i bambini stessi in senso totalmente emancipativo come autonomi, almeno in potenza, non è meno aprioristica, se non si specificano condizioni e meccanismi che realizzano le aspettative di autonomia e responsabilità, implicate dal dibattito culturale sui loro diritti.

24Essere riconosciuti come bambini (oppure no: non-più o non-ancora) è del resto un dato non determinabile a-priori (Maggioni, 1997; Sgritta, 1994; Qvortrup, 1995). I confini anagrafici della condizione infantile nei diversi contesti (il suo tetto superiore, ovvero la soglia di uscita) variano, a seconda del parametro che si assume come socialmente determinante: il limite della pubertà, il passaggio entro i cicli scolastici, la scansione nel corso di vita della famiglia.

25La cultura sociale italiana identifica implicitamente nei bambini la categoria anagrafica che va dai neonati alle soglie della pubertà, i dieci-dodici anni (Maggioni, 1997). La forza discriminante di questa soglia trova conferme da fonti di diversa consistenza: messaggi che, sul fronte del mercato, stabiliscono un segmento di consumi omogenei (0-12 di Benetton), o diritto a trattamenti family-friendly con sconti e riduzioni; sul fronte del welfare, trattamenti che modellano le politiche dei servizi per l’infanzia (con particolare rilevanza per la fascia 0-3 anni); sul fronte della sicurezza, criteri che individuano l’esposizione al rischio (i minori di anni 12, che «non possono salire in ascensore se non accompagnati»). La determinazione delle soglie dell’infanzia incide sulle scelte sanitarie (la competenza del pediatra), su regole e divieti amministrativi (il diritto di accedere a spettacoli, le norme della censura), sul riconoscimento di capacità economiche, ecc.

  • 16 La soglia può spostarsi indietro a 16 anni, a condizione del consenso del Tribunale dei minorenni. (...)

26Si aggiunge che la regolazione dei rapporti di responsabilità/autonomia tra genitori e figli minori, ovvero tra adulti e non ancora adulti, ha attraversato, nel corso degli anni, notevoli ridefinizioni in sede legislativa e giurisprudenziale: ad esempio, l’età minima al matrimonio senza consenso è stata elevata, dal diritto di famiglia del 1975, da 16 a 18 anni, ed applicata in modo paritario a maschi e femmine16. L’estensione del periodo infantile, nella sua determinazione normativa, appare sollecitata da opposte pressioni, ora verso l’anticipazione della imputabilità (con il connesso rischio di una precoce adultizzazione del bambino) ora verso la dilazione della responsabilità (con il connesso rischio di «infantilizzazione» prolungata del giovane).

  • 17 La soglia dei dodici anni, che la legge identifica come necessaria per attivare il diritto a essere (...)

27Queste oscillazioni mostrano la convenzionalità dell’operazione di stabilire la soglia sotto la quale il bambino è (ritenuto) vincolato alle scelte degli adulti, oltre la quale è (ritenuto) consapevole di scelte che può esercitare, svincolandosi da appartenenze, dipendenze, anche sottomissioni, al mondo adulto17.

28L’anticipo dell’età perché un minore sia sentito dal giudice, nel rispetto della sua autonomia, configura dunque l’orientamento ad offrirgli «per tempo» una adeguata dotazione difensiva rispetto ai rischi di un contatto non sorvegliato con il mondo dei grandi.

29Il rapporto con il mondo adulto diventerà, anche per questa via, un insieme relazionale complesso, in cui alcune figure adulte si affiancheranno al bambino, difendendone gli interessi: il giudice del tribunale, lo psicologo, l’assistente sociale, l’educatore, altre gli si contrapporranno, minacciandone, oltre gli interessi, anche i diritti: genitori e parenti trascuranti o violenti, amici complici nella violenza, vicini indifferenti, ecc. (Olagnero, 2006).

1.3. Bambini e adulti: mutevoli e instabili rappresentazioni

30L’accuratezza numerica (Hockey, James, 1993, p. 61), con cui oggi si scandiscono normativamente le varie fasce di età, per rapporto ai diritti dei bambini e relative obbligazioni degli adulti, va paradossalmente di pari passo con il diffuso riconoscimento del carattere convenzionale che tali scansioni assumono, in contesti relazionali e culturali che sempre più spesso mescolano le carte dei rapporti tra le età. Le ambiguità e le contese interpretative riguardo ai confini della condizione dei minori ed ai loro diritti implicano temi di estremo rilievo, per quanto riguarda il modello sociale complessivo delle relazioni tra adulti e bambini. Quale viene ad essere la precisa collocazione dell’infanzia rispetto all’età adulta, in contesti culturali e simbolici in cui all’età adulta non è attribuito in esclusiva il primato dell’equilibrio e della stabilità dal punto di vista biografico e sociale, e dove emerge una zona intermedia, ancora tutta da definire, di pre-adultità /post-infanzia?

31Come si ri-distribuisce l’attenzione tra problemi di socializzazione (che si focalizzano sul bambino come adulto in fieri) e problemi di allocazione (che si focalizzano sul bambino come appartenente hic et nunc a una categoria stabilmente incardinata nella struttura sociale)? (Riley, 1996).

32Quale significato dare alla protezione e all’autonomia, una volta indebolito il ruolo di imprenditori morali che gli adulti hanno costantemente cercato di mantenere nei confronti dei non adulti? (Bühler-Nuederberger, 2004, p. 102).

  • 18 «The preadult era is a time of extraordinary growth but it is only a prelude to adult living. Its r (...)

33Il paradigma convenzionale, che vede l’adulto come terminale e promotore dei percorsi di inclusione dei non adulti sembra essersi inceppato, o quantomeno aver perso la sua originaria indiscutibilità18.

34Viene criticata l’idea dell’infanzia come categoria «precedente» quella adulta, dominata da incompletezza e vulnerabilità, e altresì transitoria, mero preludio all’entrata nella condizione successiva di adulto. Viene messa sotto pressione l’idea della demarcazione netta tra proprietà specifiche (e non trasferibili) di una età rispetto all’altra: immaturità versus maturità, incompetenza versus competenza, dipendenza versus autonomia, irresponsabilità versus responsabilità ecc. Il nuovo orientamento guarda ad un paradigma del bambino come attore sociale interessato a volere e a decidere per sé e ne rivendica la agency come competenza nelle cose che lo riguardano (James, Prout, 1990; Jenks, 1996; Qvortrup, 1991, 1995; Qvotrup et al., 1994; Prout, 2005).

35Di conseguenza, mentre la direzione e il senso dei trasferimenti intergenerazionali sono messi sotto processo, perde di plausibilità (analitica ed empirica) l’idea della cessione graduale, istituzionalmente regolata, di conoscenze e competenze dagli adulti ai bambini.

36Questa perdita di univocità e plausibilità appare tanto più probabile quanto più i trasferimenti di conoscenze e competenze vengono a fuoriuscire dai circuiti educativi di tipo formale, e occupano vie non formali (organizzate fuori degli apparati scolastici) e informali (spontanee e quotidiane) (du Bois-Raymond, 2004). Anche l’idea che la maturità sia una dote di cui è assoluto depositario il mondo adulto è da tempo sotto tensione: ripeness is not all … L’essere alla costante ricerca di sé, anche da adulti, viene tematizzata come condizione cruciale di crescita e cambiamento: l’adultità si rivela anch’essa come situazione di non definitivo equilibrio e di mai scontata compiutezza di sviluppo (Pearlin, 1983; Erikson, Smelser, 1983).

37Le rappresentazioni delle relazioni tra adulti e non adulti acquisiscono particolare salienza, là dove, come nell’ambito familiare, vengono a toccare i tradizionali mandati generazionali. Adulti alla ricerca di sé avvertono il conseguente bisogno di (re) inventarsi complici e alleati dei loro figli, di essere piuttosto amici, che non maestri o arbitri, dei più giovani. Deponendo il fardello pesante di una generatività obbligante, «i genitori diventano erogatori di consigli e partner di dialogo… (in) una società che ricompensa la franchezza a proposito di situazioni e esperienze nuove…»(Du Bois-Raymond, 2004, p. 229).

38Il vecchio scenario, che nell’ascolto unidirezionale vedeva un luogo sensibile e propagatore di conflitti (dal devi ascoltarmi, apri bene le orecchie del genitore al figlio al non mi ascolti mai, con te è inutile parlare del figlio al genitore), sembra essere sostituito da un nuovo scenario: bambini ritenuti più competenti, e lasciati alle loro preferenze e motivazioni/demotivazioni, da parte di adulti privati di certezze, aperti a rapporti sempre più negoziati e revocabili. In questo senso l’ascolto diventerebbe propagatore di comunicazioni orizzontali, laterali, dai molteplici significati. Entrerebbe in una nuova, ma ancora astratta, geometria di rapporti «non verticali», a sostanziare la critica della socializzazione a senso unico, e l’attacco alla «miopia» di sistemi educativi rigidi e impersonali, che fa emergere nuove forme relazionali, come quella affettiva-comunicativa («testimoniale») secondo la quale il rapporto con il bambino «viene giocato sul registro della libertà interpersonale» (Baraldi, 1997, p. 526, passim). Ciò significa che, da un lato, il bambino è libero di scegliere tra contenuti formativi, di seguire le sue preferenze e inclinazioni, «decidere» dei suoi percorsi di apprendimento; dall’altro gli adulti sono disposti a non esercitare un mandato educativo costrittivo e standardizzante, ma a farsi accompagnatori e facilitatori di un percorso che non determinano. Entro quest’ipotesi «la promozione della partecipazione sociale si presenta come una forma di sostegno non educativo della personalizzazione… Essa crea le condizioni per la realizzazione di forme di comunicazione che esprimono la persona, quindi la manifestazione dell’autonomia personale, evidenziandola e /o agevolandola laddove già si produce oppure creando le condizioni per il suo emergere in nuove forme»(Maggioni, 1997, p. 20).

39Per contro, una temperie più consapevole del rischio implicato dall’elogio indiscriminato dell’autonomia, («lasciare i minori abbandonati ai loro diritti», secondo Freeman, citato in Ronfani, 1997, p. 259), sta oggi profilando uno scenario più realistico, ossia meno marcato dall’alternativa secca tra protezionismo e emancipazionismo. Il riconoscimento delle competenze cognitive, adattive e comunicative (Bosisio, 2005, pp. 144-145), così come il riscontro delle capacità dei bambini di entrare in rapporti di negoziazione con i genitori (Montandon, 2001), non vi appaiono come alibi alla noncuranza adulta, né sponda per processi di isolamento e demotivazione dei bambini, fatti passare per rispetto della loro autonomia.

  • 19 La pedagogia nera è quella forma di educazione volta a occultare esigenze di genitori e educatori e (...)

40La pretesa expertise del mondo adulto nei confronti dei bambini è oggi sfidata da una nuova pedagogia riflessiva e autocritica, avvertita circa la inevitabile necessità di gestire le tensioni tra autonomia e dipendenza, e consapevole altresì del rischio ancor oggi rappresentato dalla cosiddetta «pedagogia nera»19.

1.4. Bambini a metà: tra individualizzazione e istituzionalizzazione

41La figura della contraddizione può diventare la cifra generale con cui guardare la relazione tra autonomia e dipendenza nello sviluppo del bambino per rapporto al mondo adulto. Tale figura viene diversamente tematizzata, a seconda che si pensi a una tensione dinamica tra le due dimensioni, ovvero al reale dominio dell’una sull’altra.

42A questa seconda configurazione si richiama Elisabeth Näsman quando ricorda la necessità di collocare l’assunto della autonomia del bambino sullo sfondo della sua crescente dipendenza dal welfare e della perdurante influenza del contesto familiare. In proposito si richiamano tre contraddizioni, che circoscrivono la realizzazione dell’idea-limite del bambino come individuo titolare di diritti.

  • Il rapporto tra individualizzazione e istituzionalizzazione. I bambini si trovano nella ambigua posizione dell’essere, da un lato, subordinati ai loro genitori e perciò invisibili come individui. Al tempo stesso, grazie al processo di individualizzazione, che in tema di diritti li separa dai loro genitori, stanno diventando il target di un sistema distributivo di sostegni e servizi fondato sulla titolarità di specifiche prestazioni.

  • Il rapporto tra libertà apparente e controllo effettivo. Mentre la ricordata normativa internazionale statuisce il principio di libertà infantile, il mondo adulto intensifica la pratica del controllo, attraverso processi di selezione, strutturazione rigida delle attività, supervisioni e valutazioni ispirate al principio di prestazione. Le forme standardizzate, usate dalle istituzioni per distribuire la loro offerta in modo efficiente, pongono forti restrizioni alle opportunità degli individui, bambini inclusi, di formare la scelta di una loro alternativa.

  • Il rapporto tra l’equità di opportunità, garantite dalla legislazione, e l’equità di risultati, legati alle appartenenze familiari. Se il controllo sociale dei genitori sui figli, grazie anche ai processi di individualizzazione e istituzionalizzazione, diminuisce, l’influenza materiale della famiglia, per il sostegno economico, la casa, ecc. rimane grandissima. Lasciare ai genitori la principale responsabilità di provvedere alla cura dei bambini, mentre lo stato interviene soltanto in caso di gravi abusi, significa lasciare emergere e riprodurre profonde diseguaglianze (Näsman, 1994, p. 186, passim).

43Lo scenario dell’accompagnamento adulto all’autonomia infantile è dunque tutt’altro che chiaro e uniforme. L’adulto istituzione si affianca o si alterna, ma anche confligge con l’adulto genitore, nel sostenere mandati sempre meno univoci e unidirezionali, in una società sempre più spinta ad attendersi e a pretendere, dalla sfera pubblica giudiziaria, «riparazioni dei danni» e composizioni dei conflitti.

2. Tra cultura sociale e procedura: profili sociologici dell’ascolto in sede giudiziaria

44Se è vero che, nella società contemporanea, la statuizione generale, astratta, altamente prescrittiva e di fonte unitaria, è stata progressivamente sostituita da una molteplicità di fonti, da cui continuamente fluiscono norme a bassa prescrittività «morale» e ad alta capacità regolativa (Pizzorno, 1998), questo non sembra essere il caso delle norme sull’ascolto.

45Nel loro essere prima di tutto dichiarazioni di principio, e quindi dotate di alta generalità, le indicazioni normative relative all’ascolto dei bambini contengono inevitabili ambivalenze, che non si risolvono che in sede di applicazione.

46La sede giudiziaria offre un osservatorio assai utile per verificare empiricamente che cosa accada del principio dell’ascolto, quando esso atterri in un luogo dotato di forte configurazione istituzionale e di elevata capacità di controllo, ed entri inoltre nel teatro di un agire professionale caratterizzato da elevata riflessività, quale appunto è un Tribunale.

47Quanto appare, nella cultura sociale esterna, inevitabilmente mescolato con rappresentazioni ambivalenti e incerte, divise fra modelli tradizionali di adultità e infanzia, e tendenze innovative nella ridefinizione dei rapporti intergenerazionali e familiari, trova nella giudiziarietà e nelle sue occasioni «estreme» un filtro selettivo e riducente, che fa precipitare i princìpi entro vincoli procedurali e pratiche di forte valenza istituzionale.

48Quali ne sono le conseguenze sociologicamente apprezzabili?

49Una prima conseguenza di questa riduzione è il distinguo tra due direzioni operative, che implicano una distinta implementazione dei diritti affermati: fare valere l’opinione del bambino in sedi di partecipazione sociale (ascolto come coinvolgimento); essere udito nei procedimenti giudiziari, penali e civili, che lo riguardano (ascolto come audizione).

50La diffusione sociale del primo tipo di ascolto, pilotata dalla nuova cultura della cittadinanza rivolta a un bambino colto nella sua vita quotidiana, è ancora debole, nonostante la quantità di iniziative e di progetti in tal senso (Baraldi, 2001). Non si è infatti assistito ad una progressione parallela tra il riconoscimento di titolarità di diritti in sede giudiziaria e l’assunzione di un vero e proprio principio di autodeterminazione, nelle scelte relative ai molti possibili ambiti di decisione autonoma accessibili a un bambino (dalla scuola, alla salute, alla vita sociale) (Pazé, 2001).

  • 20 La mancata effettuazione dell’ascolto in sede di giustizia civile ordinaria comporta rischi di «non (...)

51Ispirata a una cultura delle garanzie e dei diritti, ma imbrigliata e talora neutralizzata dai vincoli di procedura, la sperimentazione «obbligata» dell’ascolto come audizione20 potrebbe quindi incontrare limiti interni alle potenzialità innovatrici di questo strumento.

2.1. L’ ascolto come audizione nella normativa italiana

52L’audizione è sottoposta a differenti applicazioni e investimenti di senso, in funzione della normativa vigente a livello nazionale e delle sue integrazioni interpretative.

  • 21 Il codice civile (art.155) e la legge 898 del 1970 sul divorzio regolano le modalità di affidamento (...)

53È nota la peculiarità del sistema giudiziario italiano che si occupa di minori, con la distinzione fra un Tribunale specifico «per i minorenni» e le competenze del Tribunale Ordinario. Ai Tribunali per i minorenni competono provvedimenti di natura penale (minore come autore, vittima, testimone di reato) e civile: decisioni sullo stato di abbandono, la inadeguatezza dei genitori, la sospensione di patria potestà, l’adottabilità, l’adozione, l’affidamento (anche nel caso della separazione di coppie di fatto conviventi). La giustizia dei Tribunali ordinari si interessa di minori nei soli provvedimenti relativi alla rottura del matrimonio legale (separazioni e divorzi)21.

  • 22 Previsioni formali di ascolto sono contenute nella legge sull’adozione del 1984 (art. 7 c.2, come m (...)

54La dualità nel sistema della giustizia rivolta ai minori produce significative conseguenze nel definire le diverse soglie di interesse per il tema dell’ascolto22.

  • 23 I dati torinesi indicano che su circa 6000 procedimenti di separazione/divorzio ogni anno, due terz (...)

55Presso i Tribunali ordinari il ricorso all’audizione si è scontrato con la tradizionale sensibilità per la dipendenza del bambino dalla famiglia e la piena subordinazione alla potestà dei genitori. La via di accesso all’ascolto non casualmente è stata connessa alle conseguenze (per i figli) della separazione dei genitori. La facoltà di audire, rimessa alla discrezionalità del giudice, interpella il minore rispetto a decisioni da assumere, quali la scelta del genitore affidatario, il domicilio, la ripartizione di competenze educative e organizzative fra i genitori ecc. Tuttavia, nei casi di separazioni e divorzi consensuali, di regola i figli minori non sono sentiti; anche nei restanti casi l’ascolto è molto raro23.

56In termini strettamente culturali ci si poteva attendere che una interpretazione «generosa e promozionale» del diritto di ascolto, come delineato nelle citate Convenzioni, «colpisse al cuore» la nozione tradizionale di potestà, avviandone una significativa evoluzione.

  • 24 Rispetto al modello di relazioni incentrate sulla potestà, ad esempio, la legge 285/97 e la stessa (...)
  • 25 Già il Piano di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età (...)

57In realtà non è stato così: la persistenza, anche dopo la riforma del diritto di famiglia (1975), della potestà dei genitori (ancorché diventata da patria, congiunta, e attenuata nelle sue dimensioni più autoritarie), offre un buon esempio di quella stratificazione delle norme in cui i cambiamenti intervenuti negli ultimi trent’anni, a proposito dei diritti dei minori, si sono dislocati nella cultura giuridica e sociale in maniera disomogenea (Pazé, 2003)24. Sul piano della normativa processuale, in particolare, l’influenza delle fonti internazionali non ha prodotto finora una organica e compiuta disciplina dell’ascolto come diritto specifico e permanente del minore25.

58Nella pratica sono i Tribunali per i minorenni a essersi via via affermati come «luoghi elettivi dell’ascolto», anche per la rilevante presenza al loro interno, accanto ai giudici «togati», di giudici «onorari», provenienti da professioni sociali, psicologiche, medico-psichiatriche. Da ciò l’impegno a procedere collegialmente alla valutazione di tutto il materiale acquisito, comprese le audizioni, per giungere alla «migliore tra le soluzioni possibili, nell’interesse del minore».

59In questi vuoti e limiti normativi si crea lo spazio per condotte ispirate a sensibilità culturali che si formano anche su terreni extranormativi.

2.2. L’osservatorio torinese: disponibilità e resistenze all’ascolto tra emozione e decisione

  • 26 Per un quadro sulle politiche dei servizi rivolte ai minori in area torinese: Dellavalle, 2002; Neg (...)

60Il contesto torinese fornisce un osservatorio privilegiato per l’attenzione con cui in esso, da decenni, si guarda ai diritti dei bambini, sia in sede giudiziaria minorile sia nelle culture istituzionali e dei servizi sociali, e si costruiscono le relative pratiche26.

61Il caso torinese mostra, nelle diversità di ricorso all’ascolto da parte delle due istituzioni giudiziarie, una prevedibile continuità con il modello duale prima richiamato.

  • 27 I materiali rilevati consentono di distinguere cinque forme di ascolto-audizione, tre interne al pr (...)

62La forme adottate dalle due istituzioni giudiziarie sono peraltro molto articolate a seconda del gradiente di partecipazione di altri ascoltatori oltre il giudice27.

  • 28 L’ascolto in sede civile è attivato nell’ipotesi che sussista un «pregiudizio» (rischio) per «l’int (...)

63In linea generale il TM ricorre regolarmente all’ascolto in sede penale e civile28, mentre il TO (VII sezione civile specializzata in tema di famiglia (separazioni e divorzi) riduce all’indispensabile l’ascolto nella sua forma diretta.

  • 29 «Quando c’è conflittualità diamo un incarico ai servizi sociali e li seguiamo tramite consulenza te (...)
  • 30 «Il Ctu ascolta separatamente i due genitori, fa una valutazione psicologica del legame affettivo e (...)
  • 31 «Non li sentiamo mai se non sono i genitori a chiedercelo. In tante separazioni anche conflittuali (...)
  • 32 «Non sentiamo il minore il giorno dell’udienza e anche se le parti se li portano dietro; se no avre (...)
  • 33 «L’ascolto da parte nostra, che non siamo tecnici in materia, ha senso se rivolto ai ragazzi che ha (...)
  • 34 «Come fa un giudice di un tribunale minore a passare nello stesso giorno dalle grondaie che perdono (...)

64In caso di conflitto acceso tra le parti «il giudice incerto» ricorre alle forme di audizione indiretta svolte attraverso i servizi sociali29 ed i periti30. Su questo orientamento convergono dichiarate ragioni di opportunità31, vincoli di organizzazione32, scelte di autoesclusione33, che diventano pressoché automatiche in altre sedi, ove il tribunale ordinario non disponga neppure di una sezione specializzata per i temi di famiglia34.

  • 35 Gli si dice: «Il giudice che ti ascolta riporterà agli altri giudici la tua voce ed essa sarà uno d (...)

65Tuttavia una significativa sintonia tra i due contesti giudiziari permane: la vecchia massima che le decisioni ultime «le prendono gli adulti», anche quando il minore sia ritenuto in grado di prenderle autonomamente, vale ancora. Alla prescrizione normativa si affianca il forte convincimento che il contenuto dell’ascolto non deve condizionare la decisione né dal versante dei giudici né da quello del minore stesso: «quel che il bambino dice lo prendi sul serio, ma il bambino non può diventare lui il giudice…in nessun caso è il bambino che sceglie»35. Ciò significa che l’opinione raccolta e considerata in sede di giudizio non riduce o altera la responsabilità del giudice (individuale o collegiale) di valutare in che cosa consista «il suo (del bambino) miglior interesse», né di come si pervenga «alla migliore tra le soluzioni possibili».

66In definitiva, più che il valore decidente in sé, sono le dimensioni interne all’ascolto ad assegnare ad esso proprietà per così dire secondarie da riconoscere e praticare, quali: l’intelligenza della situazione («l’ascolto serve per verificare che il minore abbia veramente compreso che cosa stia per accadere intorno a lui»); l’autenticità delle emozioni («il bambino deve essere sentito per la sua vita emotiva molto ricca…l’audizione fa emergere dimensioni di desiderio e di emozione»); la crescita di confidenza e autostima («l’audizione conferisce al bambino protagonismo e fiducia»).

2.3. Competenze e incompetenze ad ascoltare

  • 36 «Mediamente io li sento dai 7-8 anni, li sento a tappeto» (G.M.).

67La disponibilità a riconoscere al bambino capacità di discernimento anche sotto la soglia fatidica dei dodici anni è ampia: al di là degli obblighi di legge, la soglia di audibilità reale viene fatta coincidere con la fine delle elementari e anche prima36.

  • 37 Anche se si obietta: «l’ascolto in tribunale non ha valenza diagnostica, terapeutica o valutativa…. (...)
  • 38 «Il codice quando parla di capacità di discernimento del minore, si ferma alla capacità di intender (...)

68Tale anticipazione si inscrive in una filosofia per cui il «discernimento» di cui parlano le norme fa capo al presupposto di attendibilità di ciò che il minore dice37, e altresì alla sua capacità di «capire che cosa sia utile per lui». Più controversa è ritenuta la capacità del bambino di «decidere autonomamente nei confronti degli altri»38. Altresì diversificata è la opinione circa chi debba essere l’attore deputato all’ascolto.

  • 39 «Nella maggior parte dei casi si trattava di sentire bambini che erano già sentiti da operatori soc (...)
  • 40 «Bisognerebbe stare coi piedi per terra. Ci può esser, certo, il ragazzino disturbato, ma a me fran (...)
  • 41 «Nella conduzione del colloquio al TM, il giudice riformula al minore la sua storia, la situazione (...)

69Le opinioni si polarizzano fra l’ammissione di una mancanza di adeguati strumenti tecnici e relazionali, che consiglia il riscorso ad esperti e servizi39 e l’inquadramento del colloquio in termini funzionali che non sfuggono alle capacità generali del «buon giudice»40: dove contano, oltre alla competenza professionale specifica, la disponibilità personale, la conoscenza pregressa della situazione41, la preparazione dei servizi, il carattere accogliente dei luoghi, la scelta dei tempi. Mentre nel TO la conflittualità circostante l’incontro è uno degli elementi che orientano all’ascolto, nel TM il chrónos ritenuto più opportuno è, tutt’al contrario, segnato dall’assenza di conflitti laceranti tra i genitori, e dalla possibilità di inserire il colloquio in una progressione temporale flessibile e aperta alla discrezionalità del giudice.

  • 42 «Se questo bambino ha la possibilità di incontrare la persona che si sta occupando di lui è molto i (...)

70In realtà, quando l’ascolto si configura come un momento di forte impatto (raccolta di testimonianze, o sonda per comprendere meglio un disagio su cui le istituzioni devono decidere) e il giudice si trova esposto in prima persona, senza poter disporre di supporti chiaramente normati, la sua prassi viene orientata da un modello artigianale, entro il quale finalità, saperi e pratiche sono desunti dall’esperienza maturata nel corso della carriera (non fare domande dirette, non interrogare, aspettare con pazienza le risposte, cogliere i segnali, leggere i visi, saper fare silenzio). Prevale l’intento, non solo investigativo quanto cognitivo-emotivo, di «scoprire che faccia hanno i bambini, guardare come si muovono, far corrispondere a ogni fascicolo un viso» 42.

  • 43 «Quello che fondamentalmente manca ancora è la capacità da parte del giudice di ascoltare. Se dev’e (...)

71Da questo prevalente modello si discosta una tendenza più sensibile alla specializzazione e all’expertise, fondata sulla consapevolezza che quella identificazione tra ascoltatore e giudice sia tutt’altro che scontata, e la distanza fra saper ascoltare e saper giudicare vada colmata con l’investimento di risorse e competenze43.

2.4. Il giudice e gli altri. Stili emergenti

  • 44 «L’attività di ascolto come un mero obbligo fatto al giudice presta il fianco a critiche, specie se (...)
  • 45 «L’ascolto è sicuramente un tassello importante del puzzle del giudizio, ma non può essere pensato (...)

72L’orientamento alla specializzazione non è, a sua volta, univoco: può conferire un compito esclusivo, in tema di ascolto, all’esperto/specialista di altra professionalità44, oppure muovere al rinnovamento del profilo professionale e culturale del giudice stesso, integrandolo con abilità carenti; oppure ancora avviare in direzione di più coraggiose contaminazioni interdisciplinari45.

73Non v’è dubbio che, nel caso torinese, lo stretto raccordo da tempo instaurato tra intervento giudiziario e lavoro sociale abbia fornito, nel tempo, un particolare supporto, conoscitivo ed operativo, a favore della prassi dell’ascolto nella giustizia minorile. Attualmente un ripensamento, anche nell’ambito del Tribunale minorile, sull’adeguatezza dello strumento, unita alla difficoltà di utilizzare, come in passato, supporti informativi esterni, costituiscono le cifre di uno stile emergente.

74Da parte di giudici che hanno dato forma storica a quelle esperienze di lavoro interdisciplinare, si rafforzano le avvertenze sul rischio che le risorse generate dal lavoro territoriale, accumulate nel sapere locale, vengano a deperire, strette come sono nelle chiusure competitive fra figure e competenze «dissonanti».

75Sui mutamenti di stile esercita sicura influenza il maggior peso che l’avvocatura viene ad assumere in rappresentanza degli adulti, dopo che la riforma detta «del giusto processo» ha accresciuto la possibilità delle parti di accedere a carte, relazioni dei servizi, agli stessi verbali di audizione.

  • 46 «Può darsi che un giorno si facciano sempre delle audizioni protette anche per il civile, come chie (...)
  • 47 «Per un bambino già in difficoltà per i conflitti dei genitori, l’audizione può essere devastante» (...)
  • 48 Un timore latente è che l’audizione determini la decisione: «se il bambino ha (già) 12-13 anni, la (...)
  • 49 «Il conflitto tra i genitori non può essere un motivo serio per non applicare la legge sull’affidam (...)

76Nell’ambito della giustizia civile del TM, la nuova ottica delle garanzie delle parti introduce criticità e rischi anche per il bambino ascoltato46. Nell’ambito del TO, sovente sono gli avvocati a manifestare resistenza, ritenendo l’ascolto pratica inutile, ad esito processuale ambivalente, perfino dannosa47 . Le audizioni sarebbero, infatti, esposte a «imprevedibilità» o «strumentalizzazione»; i minori, apparendo alternativamente «difficili da preparare», oppure «scafati e strumentalizzati». Verso l’atteggiamento dei genitori, non meno forti sono i contrasti fra le scelte di chi dice «mai i figli in tribunale» e chi tende a «istruirli per il tribunale»48. Tocca agli avvocati esperti di famiglia, chiamati, assai più degli altri, a bilanciare l’interesse processuale diretto delle parti e le ragioni riferite all’interesse del minore, il ruolo di tessitori di occasioni e spazi di conciliazione49. Infatti esistono maggiori probabilità che il conflitto tra genitori arrivi smorzato sul tavolo del giudice, quando sia stato esposto al lavoro «sensibilizzante» dell’avvocato.

  • 50 La legge sull’affido condiviso regola per via normativa soltanto la questione dell’affidamento in s (...)

77La legge sull’affidamento condiviso rappresenta in questo momento un interessante test su continuità e discontinuità di orientamenti e pratiche per tutti gli attori coinvolti50.

  • 51 Le interpretazioni circa le conseguenze della nuova legge sull’ascolto sono divise: dalla speranza (...)

78È tuttavia molto difficile prevedere l’impatto della nuova legge, il cui oggetto dovrebbero essere precisamente le situazioni di conflitto tra genitori, sulle pratiche conseguenti51. Molto dipenderà, come emerge dalle testimonianze, dalla capacità degli operatori, soprattutto dei giudici, di produrre interpretazioni e condotte condivise rispetto alle trappole e alle incompletezze della legge.

  • 52 In un gruppo di studio misto – giudici avvocati psicologi – che ha lavorato su impulso dell’ordine (...)

79Finora la difficile conciliazione tra i diversi punti di vista professionali ha vanificato gli sforzi di definire in via stipulativa criteri locali di una prassi condivisa sull’ascolto52.

80Tuttavia la presenza di una consolidata sezione «famiglie» presso il Tribunale (quello di Torino è stato tra i primi a dotarsene) agevola coordinamento e uniformità di comportamenti e prefigura un’attesa di continuità nello stile istituzionale, pur nell’avvicendarsi delle persone sui ruoli.

3. L’ascolto come problema di giustizia locale

81Nel contesto torinese, l’ascolto è stata prassi in passato ampiamente utilizzata in maniera informale, inserita in una prospettiva prevalentemente attenta al disagio grave e incardinata entro assetti di welfare che raccordavano direttamente l’attività del giudice e quella degli operatori sul territorio.

3.1. Narrazioni del mutamento locale

82L’interazione di lunga durata tra una tradizione di governo locale e di cultura politica, che «pur nel mutare delle coalizioni e delle maggioranze mostra una sostanziale continuità (anche nel relativo consenso da parte della popolazione) nelle scelte di fondo a partire dagli anni settanta…» e una buona qualità professionale media degli operatori «ha conferito al welfare municipale torinese i tratti di un sistema consolidato attorno al bisogno qualificato (ovvero il bisogno che emerge da condizioni di elevata vulnerabilità) (Negri, Saraceno, 1999, p. 4, passim). «La conseguente esigenza di rispondere ai problemi posti dalla crisi del modello fordista ha accentuato nel sistema locale di protezione il carattere di welfare mirato, innanzitutto, ad alleviare, se non a risolvere, il disagio grave, più che a fornire servizi – anche a pagamento – per la normalità della vita quotidiana a tutti i cittadini, sia pure con particolare attenzione a quelli in condizioni di bisogno grave…» (Negri, Saraceno, 1999, p. 11).

83La polarizzazione dell’attenzione giudiziaria e sociale, prima ancora che amministrativa e tecnica, al disagio nelle sue forme più gravi descrive una sequenza che si può riassumere in due grandi scansioni temporali.

  • 53 Sono definite fasce deboli le vittime di reati commessi a danno di anziani o di ammalati o nell’amb (...)
  • 54 «Torino, più che una area avanzata e isolata, ha saputo essere riconosciuta in Italia come «gruppo» (...)
  • 55 Una circostanza in cui la contraddizione fra le due dimensioni venne sottolineata con forte impatto (...)
  • 56 Su questo si veda Ronfani, 1997, p. 269.
  • 57 «Non ho mai preso una decisione senza sentire i ragazzi.Non serve che io decida di mandarlo in isti (...)

– Il periodo anni ’70-’80: l’insorgere di una forte discontinuità rispetto al decennio precedente si rende evidente con una nuova generazione di operatori sociali e di giudici, che vengono ad operare in aree di giurisdizione ritenute meno importanti ma di forte contenuto sociale: il lavoro, la salute, la condizione minorile, successivamente le cosiddette fasce deboli53; l’azione di consolidamento, istituzionale e culturale, svolta da singoli leader giudiziari che occuperanno posizioni di responsabilità fino alla metà degli anni Novanta utilizza il rilevante apporto di una nuova generazione di giudici onorari, provenienti dalle emergenti esperienze territoriali e nel campo di nuovi problemi sociali54. La fedeltà al mandato forte della protezione del bambino porta ad assumere decisioni a favore del bambino – categoria, nei confronti della quale lo stato diventa (o ridiventa) tutore e garante55. Il primato della categoria dei bambini come oggetto di primaria e incondizionata considerazione56 si sviluppa in parallelo con la consuetudine di un lavoro sociale che facilita modalità ulteriori di indagine e attenzione, che a loro volta profilano le condizioni del bambino concreto, sul territorio e nella vita quotidiana, al di là della tipizzazione normativa e della narrativa sul disagio e l’urgenza dell’intervento. Il mettersi «dalla parte del bambino» risulta perfettamente compatibile con l’idea che l’adolescente a rischio (ex bambino disagiato e magari maltrattato) abbia diritto di parola ed eventualmente di dissenso nelle decisioni che lo riguardano57.

In questo modo si smorza la rigida assunzione del bambino destinatario passivo di decisioni che, pur essendo (o proprio perché) prese nel suo interesse di soggetto debole, non possono prevedere eccezioni, modulazioni, tantomeno feedback (Cendon, 1997, p. 317).

  • 58 «L’aumento del lavoro di servizio ha standardizzato le pratiche di intervento, riducendo i contatti (...)
  • 59 «Il nuovo corso impone maggior cautela, nell’ipotesi di una pregiudiziale maggior tutela dei genito (...)

– La svolta dagli anni ’90 ad oggi: si mantengono a fatica le conquiste ottenute; si assiste alla ripresa di una cultura della specializzazione e della tecnicità giudiziaria in un quadro di risorse calanti58, e all’emergere dei tratti di una cultura più improntata alla mediazione intrafamiliare che all’intransigente affermazione di diritti individuali. Con la crisi delle risorse del welfare, e i segnali di una cultura neo-familista, l’attenzione istituzionale sembra ridistribuirsi tra bambini e adulti59. L’incondizionata ricerca/tutela dell’interesse del minore trova ostacoli non solo nel deficit di risorse, ma nell’abbondanza di pretese competitive tra generazioni.

3.2. Il superiore interesse del minore

  • 60 Giudici, avvocati e professionisti costituiscono, in realtà, una parte soltanto dell’insieme di att (...)

84L’interesse del minore, che dovrebbe dare senso, ordine e cogenza normativa alle pratiche riguardanti il bambino, è un meta-principio tutt’altro che determinato: un contenitore prendi-tutto in cui si mescolano questioni di diversa natura (Favretto, 2000, pp. 91-93, passim). Al riguardo genitori, bambini, giudici, avvocati, esperti, oggi a diverso titolo coinvolti nell’ascolto60, danno voce a un flusso di domande a cui è difficile, per l’istituzione, offrire soluzioni razionali pure (March, 1998).

  • 61 «Nella mia presupponenza quando sono entrato al Tribunale dei minori pensavo di essere apportatore (...)

85Se l’arretramento delle istituzioni giuridiche nel definire e trattare per via normativa le questioni coniugali e familiari (risolte sempre più per via di contrattazione individuale) sembra aprire la strada a processi di degiuridificazione, l’attenzione alla tutela in caso di abusi e maltrattamenti rimette al centro il presidio pubblico. Ma la difficoltà delle istituzioni giudiziarie a costruire autonomamente il quadro conoscitivo necessario alla decisione, apre l’ingresso in campo ad altri saperi, che sempre più oscillano tra riconoscimento della necessità di cooperazione tra competenze e approcci61 e difesa dell’expertise. L’assenza di standard normativi chiaramente definiti, e la compresenza di diverse culture professionali, producono differenti vedute con riguardo all’ascolto, alla opportunità di attivarlo, alle conseguenze che ne discendono. In tali differenze è possibile ravvisare tensioni tra sapere giudiziario e altri saperi, sotto forma di arroccamenti e chiusure, potenziale arricchimento dei ruoli, ma anche tentativi di reciproche colonizzazioni (Favretto, 2000, p. 91).

  • 62 La legge sull’affidamento congiunto dovrebbe cambiare le cose, ma, a detta dei nostri interlocutori (...)
  • 63 In questo caso i criteri di decisione possono essere diversi (a favore della madre, a favore del pa (...)

86In questa polifonia dissonante di codici diversi, come essere sicuri di perseguire il benessere del bambino, e, prima ancora, di saperlo definire? come scegliere di perseguirlo, anche contro il benessere di altre parti? Le scelte sono difficili quando non si tratti di abusi o maltrattamenti del bambino, ma di contese tra adulti (ad esempio riguardanti l’affidamento del figlio62) entro le quali torti e ragioni non sono immediatamente evidenti63.

  • 64 Secondo Elster, le lunghe istruttorie, allungando i tempi e lasciando la situazione per molto tempo (...)

87Ci si potrebbe, a questo punto, chiedere, ancora con Elster, se qualcosa come «il miglior interesse» del minore veramente esista e come sia possibile stabilirne indicatori univoci e condivisi. La domanda che l’autore si pone, nelle pagine, significativamente intitolate: «Solomonic Judgements. Against the best interest of the child» (Elster, 1989, pp. 123-174), prendendo ad esempio il problema di scegliere a quale genitore affidare un bambino conteso, dimostra l’impossibilità di affrontarlo e risolverlo in termini puramente razionali. Il problema è complicato dal fatto che le parti in causa hanno ciascuna un interesse da promuovere o da difendere, e agiscono secondo criteri e priorità non necessariamente compatibili fra loro. D’altro canto, poiché tracciare una distinzione tra interessi, bisogni e diritti dei genitori e quelli dei bambini è spesso difficile, diventa reale il rischio che «i perfezionisti in cerca di una risoluzione che rappresenti il miglior interesse del bambino possono lavorare contro l’interesse del bambino»64. Di qui, stando a Elster, la necessaria riduzione di complessità: «l’insegnamento che si può trarne è che un principio più solido (quale la presunzione dell’importanza del ruolo materno) è preferibile a uno più raffinato.. La semplicità costituisce la estrema raffinatezza nella decisione sull’affidamento di un bambino» (Elster, 1995, p. 55, passim).

88Per tornare al contesto osservato, sarebbe probabilmente affrettato concludere che il criterio della semplicità sia ritenuto sufficiente a guidare le decisioni dell’istituzione giudiziaria, specie quando tali decisioni debbano essere prese in riferimento a situazioni caratterizzate da complessità e incertezza.

  • 65 «…Il più delle volte i bambini non sono espliciti. I bambini non prendono posizione, non la possono (...)

89Tuttavia esistono alcune strategie di semplificazione, che sono state e sono ancora quotidianamente perseguite e messe alla prova nell’operato dei giudici. Esse si costituiscono in prevalenza mobilitando il riferimento a criteri assiologici e non pragmatici, secondo cui l’interesse del minore va ricercato e perseguito entro la sfera dei diritti di tutela presidiati dagli adulti, piuttosto che in base alle preferenze da lui espresse65.

90La consapevolezza di quanto il terreno delle «inclinazioni e aspirazioni di bambini e adolescenti sia ancora da saggiare e prima ancora da individuare» misura la responsabilità che ricade sugli adulti-istituzione (o adulti decidenti) (Vercellone, 2000, p. 16, passim).

3.3. Le strategie di semplificazione e il principio del terzo escluso

  • 66 «In fondo la separazione riguarda una famiglia che fino a ieri aveva funzionato bene» (G.C.).

91La difficile integrazione tra diritti (definiti in linea di principio) e pretese (soggettivamente formulate) fa sì che in situazioni, come nelle cause di separazione e divorzio, dove il bambino è parte (e posta) nel gioco che contrappone gli adulti-genitori, il ricorso all’ascolto presenti margini di maggior aleatorietà, e minore strutturazione sia nel fatto di eseguirlo, sia nell’utilizzo dei suoi risultati. Restando al di qua della soglia del disagio conclamato66, i confini tra diritti degli adulti e diritti dei bambini risultano meno chiaramente definiti, le priorità più controverse, le conseguenze delle decisioni più indirette.

  • 67 «L’ascolto si rende necessario solo quando siano presenti pretese contraddittorie (ciascun genitore (...)
  • 68 L’approccio sembra dunque assai più pragmatico e flessibile di quello emerso da ricerche dove l’int (...)

92Nella quotidiana prassi delle cause di separazione del Tribunale ordinario, i giudici sono portati a semplificare la situazione, astenendosi dall’ascoltare il bambino (ad esempio in vista del suo affidamento) e lasciando decidere del suo futuro ai genitori (quando si siano dimostrati capaci di accordarsi autonomamente)67. I giudici sono propensi a rinunciare all’ascolto sostenendo la decisione su informazioni indirette, quando esse siano sufficienti a risolvere la questione (ad esempio nel caso di un genitore tossicodipendente che non garantisce presenza e assunzione di responsabilità nei confronti del figlio68).

  • 69 Semmai ci sono ragioni per temerne i risvolti burocratici. «Mentre l’impatto culturale atteso della (...)
  • 70 La composizione degli interessi di parte rende comprensibile l’osservazione che «il limite del peri (...)

93Su questo modello impatta la recentissima entrata in vigore della legge sull’affidamento condiviso. Tale legge, che non ha finora innovato nella prassi centrata sul conflitto/composizione degli interessi fra gli adulti coinvolti69, potrebbe spiazzare il significato dell’ascolto, per inserirlo in un quadro di competizione, sia pure regolata, di adulti con adulti70, e coinvolgere ulteriormente questi ultimi nella decisione verso il miglior interesse del minore.

  • 71 «L’indicazione normativa è sì un’indicazione d’avanguardia dal punto di vista culturale, però per c (...)

94La svolta dell’affidamento condiviso, la cui conseguenza è anche quella di «riconvocare» tutti gli attori precedentemente selezionati, o esclusi dall’arena degli interessi del minore, sembra sfidare l’elsteriano criterio della semplicità: le decisioni del giudice non riguardano più la persona con cui stare, bensì le microregole di vita quotidiana da concordare con i coniugi co-affidatari in vista dei nuovi assetti. Scelta, questa, di secondo livello, rispetto a quella della custodia, ma non per questo priva di difficoltà: il giudice deve cioè favorire la concretezza degli accordi e il rispetto degli impegni: quando possibile mantenere lo stile di vita precedente, ammesso che questo sia definibile sulla base di testimonianze divergenti71.

95Il modello emergente potrebbe essere a questo punto definito come conciliativo, più che arbitrale puro.

96Tale modello se da un lato si conforma alla «regola» della non ingerenza pubblica nell’autonomia privata, dall’altro sembra esaltare i margini di azione persuasiva e pedagogica che l’istituzione ha a disposizione.

97Di qui la rilevanza che in esso assume una sorta di pedagogia del non fare rivolta dagli adulti-decidenti agli altri adulti: «il bambino non è un trofeo», si dice ai genitori che se lo contendono; trattare un bambino non è come trattare un incidente stradale», si ricorda agli avvocati delle parti; «non possiamo certo chiedergli con chi vuoi stare?» si ribatte a genitori e avvocati.

98Le scelte sono molto diverse quando il minore è vittima di reato o «esposto a pregiudizio». In questo caso non solo risulta più facilmente condiviso l’utilizzo dell’ascolto (il che non equivale a ritenerlo facile nella sua realizzazione), ma anche tendenzialmente convergente la rappresentazione dell’interesse del minore in contrasto con quello dell’adulto abusante, maltrattante o noncurante.

99Anche in questo caso, tuttavia, le forze che attirano verso le aule di giustizia un flusso sempre maggiore di richiedenti e convocati (messe in moto da quella che Pizzorno ha definito la rivoluzione del processo dovuto (Pizzorno, 1998, p. 42), complicano di richieste incrociate delle varie parti la decisione del giudice.

  • 72 La dizione terzo escluso è qui usata in senso descrittivo, non teorico, diversamente da quanto sugg (...)

100Non ci troviamo quindi più di fronte al modello «puro» – quale si era nettamente profilato negli anni ’70 e ’80 – di protezione forte dell’infanzia (o «del terzo escluso», termine che si giustifica pensando alla messa tra parentesi degli interessi di altri attori, anche vicinissimi al bambino72, da parte del sistema pubblico di protezione).

101Oggi quel modello non ha la stessa forza ideologica del passato («non è più un faro»), né garantisce analoga speditezza e univocità delle decisioni.

102Si fa spazio un modello intermedio, di affiancamento, che si colloca in un’area di transizione tra sistema giuridico e cultura sociale, là dove la pratica giudiziaria incontra il sistema dei servizi sociali esterni, ed entrambi premono, per vie diverse, sulla famiglia, in un mix di controllo, di pedagogia e di promozione delle «capacità».

  • 73 È più di un gioco di parole quello che contrappone all’ascolto dell’abuso, l’abuso dell’ascolto (Fo (...)

103Tale modello continua a ruotare attorno all’idea-chiave dell’ascolto come interesse dedicato al bambino. Peraltro, quest’idea oggi si colloca dentro un quadro culturale più sofisticato rispetto al passato; oggi l’ascolto appare non solo risorsa, ma anche arma a doppio taglio, il cui uso va difeso dall’abuso che ne possono fare i promotori e gli utilizzatori del processo ultragarantito73.

104Grazie anche alla forza di culture professionali capaci di integrarsi nella cultura sociale di welfare, il modello emergente dell’affiancamento sembra «resistere» a tendenze semplificanti nei rapporti tra famiglie, bambini e istituzioni.

  • 74 «…una volta stabilito che un bambino non si può allontanare dalla famiglia, perché non sussistono m (...)

105Al momento attuale, tuttavia, prevalgono elementi di una contingenza, che mentre interpella e al tempo stesso consuma le risorse combinate delle istituzioni e del territorio, attende di essere sostenuta e stabilizzata da adeguate risoluzioni di sistema74.

Torna su

Bibliografia

Baraldi C. (1997), L’età dell’innocenza. Autonomia e cittadinanza dei bambini, in Maggioni G., Baraldi C. (a cura di) (1997), Cittadinanza dei bambini e costruzione sociale dell’infanzia, Urbino, Quattroventi, pp. 501-542.

Baraldi C. (2001), I diritti dei bambini e degli adolescenti, in Baraldi C. (a cura di), I diritti dei bambini e degli adolescenti. Una ricerca sui progetti legati alla legge 285, Roma, Donzelli, pp. 5-25.

Bosisio R. (2005), La percezione dei diritti nell’infanzia e nell’adolescenza: una ricerca empirica, «Sociologia del diritto», n. 1, pp. 253-276.

Bühler-Nuederberger D. (2004), Ordine generazionale e imprese morali, in Hengst H. e Zeiher H. (a cura di), Per una sociologia dell’infanzia, Milano, Angeli, pp. 101-123.

Callero G., Spada L. (2003), L’ascolto indiretto della psicologa ausiliaria del giudice, «Minori e Giustizia», n. 4.

Ceccarelli E. (2006), L’ascolto del minore nei procedimenti di separazione e divorzio, A.I.M.M.F., 15 giugno (http://www.minoriefamiglia.it/categoria-www/ id_55)/

Cendon P. (1997), I bambini e la categoria dei soggetti deboli, in Maggioni G., Baraldi C (a cura di), Cittadinanza dei bambini e costruzione sociale dell’infanzia, Urbino, Quattroventi, pp. 7-46.

Cesaro G. (2004), L’ascolto, l’assistenza e la rappresentanza del minore, A.I.M.M.F., 20 dicembre.

DellaValle M. (2002), Il sistema dei servizi sociali per i minorenni, in Lenti L.(a cura di), Tutela civile del minore e diritto sociale della famiglia, Milano, Giuffrè.

De Leonardis O. (1990), Il terzo escluso. Le istituzioni come vincoli e come risorse, Milano, Feltrinelli.

De Mauro T. (1999), Capire le parole, Bari, Laterza.

Di Maggio P.J., Powell W. (1991), The New Istitutionalism in Organizational Fields, Chicago, University of Chicago Press.

Donolo C., Fichera F. (1988), Le vie dell’innovazione. Forme e limiti della razionalità politica, Milano, Feltrinelli.

du Bois-Raymond M. (2004), Nuove forme di apprendimento, nuovo rapporto tra generazioni? in Hengst H., Zeiher H. (a cura di), Per una sociologia dell’infanzia, Milano, Angeli, pp. 228-243.

Elster J. (1989), Solomonic Judgements: against the Best Interests of the Child, in Elster J., Solomonic Judgements. Studies in the Limits of Rationality, Cambridge, Cambridge University Press, pp. 123-174.

Elster J. (1995), Giustizia locale. Come le istituzioni assegnano i beni scarsi e gli oneri necessari, Milano, Feltrinelli (ed .or. 1992).

Erikson E., Smelser N. (a cura di) (1983), Amore e lavoro, Milano, Bompiani (ed. or. 1980).

European Centre (1993), Eurosocial, Politics of Childhood and Children at Risk, International Expert Meeting, Kellokoski, aug. 1992.

Favretto A. (2000), Carenze, maltrattamento, abuso a danno dei minori. Alcune considerazioni sociologiche, in Vercellone P. (a cura di), Il bambino tradito, Roma, Carocci, pp. 81-96.

Foti C. (2003), L’ascolto dell’abuso e l’abuso dell’ascolto. Abuso sessuale sui minori. Contesto clinico, giudiziario e sociale, Milano, Angeli.

Hockey J., James A. (1993), Constructing Personhood. Changing Categories of the Child, in Hockey J., James A. (a cura di), Growing Up and Growing Old. Ageing and Dependency in the Life Course, London, Sage, pp. 45-72.

King M. (1993), I diritti del bambino, ovvero la magia del diritto, «Sociologia del diritto», n. 3, pp. 25-44.

King M. (1997), I diritti dei bambini tra morale e diritto, in Maggioni G., Baraldi C. (a cura di), Cittadinanza dei bambini e costruzione sociale dell’infanzia, Urbino, Quattroventi, pp. 229-251.

James A., Prout A. (a cura di) (1990), Constructing and Reconstructing Childhood. Contemporary Issues in the Sociological Study of Childhood, London, The Falmer Press.

James A., Prout A. (1990), Re-presenting Childhood. Time and Transition in the Study of Childhood, in James A., Prout A. (a cura di), Constructing and Reconstructing Childhood. Contemporary Issues in the Sociological Study of Childhood, London, The Falmer Press, pp. 216-237.

Jenks C. (1996), Childhood, London, Routledge.

Levinson D. (1979), The Seasons of a Man’s Life, New York, Ballantine Books.

Maggioni G. (1997), Introduzione, in Maggioni G., Baraldi C. (a cura di), Cittadinanza dei bambini e costruzione sociale dell’infanzia, Urbino, Quattroventi, pp. 7-46.

March J., Olsen J. (1976), Ambiguity and Choice in Organizations, Universitetsforlaget, Bergen.

March J. (1998), Prendere decisioni, Bologna, Il Mulino (ed. or. 1994).

Miller A. (1990), Il bambino inascoltato. Realtà infantile e dogma psicoanalitico, Torino, Bollati e Boringhieri (ed. or. 1981).

Montandon P. (2001), Children and Parental Education in Geneva, in Alanen L., Mayall B. (a cura di), Conceptualizing Child-Adult Relations, London, Routledge, pp. 54-69.

Näsman E. (1994), Individualization and Institutionalization of Childhood in Today’s Europe, in Qvortrup J. et al. (a cura di), Childhood Matters; Social Theory, Practice and Politics, Aldershot, Avebury, pp. 175-187.

Negri N., Saraceno C. (1999), Il welfare municipale a Torino, Comune di Torino.

Nybom J. (2005), Visibility and Child View in the Assessment Process of Social Work: Cross-national Comparisons, «International Journal of Social Welfare», n. 4, pp. 315-325.

Olagnero M. (2006), Arrivare prima. Politiche dell’anticipo e condizione infantile, «Meridiana», n. 57, pp. 173-189.

Ottosen M.H. (2006), In the Name of the Father, the Child and The Holy Genes. Constructing the Child’s Best Interest in legal Disputes Over Contact, «Acta Sociologica», vol. 49, March, pp. 29-46.

Pazé P. (2003), Gli ascolti nel processo, relazione tenuta al Convegno «Materiale per il piacere della psicoanalisi», Lucca, novembre.

Pazé P. (2005), L’ascolto e l’attendibilità del minore, relazione al Consiglio dell’ordine degli avvocati di Pinerolo, Camera Penale di Pinerolo, 13 maggio.

Pearlin I. (1983), Tensioni vitali e sofferenza psicologica negli adulti, in Erikson E., Smelser N. (a cura di), Amore e lavoro, Milano, Bompiani, pp. 215-237.

Pizzorno A. (1998), Il potere dei giudici. Stato democratico e controllo della virtù, Bari, Laterza.

Prout A. (2005), The Future of Childhood, London-New York, RoutledgeFalmer.

Qvortrup J. (1991), Childhood as a Social Phenomenon. An Introduction to a Series of National Reports, in Bardyetal M., Childhood as a Social Phenomenon. An International Comparative Research Project (a cura di), vol. I, Vienna.

Qvortrup J. (1995), Childhood in Europe: a New Field of Social Research, in Crisholm L., Buchner P., Kruger H., du Bois-Reymond M. (a cura di), Growing up in Europe. Contemporary Horizons in Childhood and Youth Studies, Berlin-New York, de Gruyter, pp. 7-19.

Qvortrup J., Bardy M., Sgritta G., Wintersberger H. (a cura di) (1994), Childhood Matters; Social Theory, Practice and Politics, Aldershot, Avebury.

Regonini G. (2001), Capire le politiche pubbliche, Bologna, Il Mulino.

Riley M. (1996), Age Stratification, in Birren J. (a cura di), Encyclopedia of Gerontology, vol. I, Academic Press, Los Angeles, pp. 81-92, ora in Saraceno C. (a cura di), Età e corso della vita, Il Mulino, Bologna, pp. 75-97.

Rei D. (a cura di) (2002), La fatica di crescere. Bambini e disagio nell’area torinese, Torino, Fondazione Paideia.

Ronfani P. (1997), L’interesse del minore nella cultura giuridica e nella pratica, in Maggioni G., Baraldi C., cit., pp. 253-276.

Sgritta G. (1994), Infanzia, in Enciclopedia delle Scienze Sociali, vol. IV, pp. 679-689.

Tosco G. (2002), Comunità, territorio, in Rei D. (a cura di), La fatica di crescere, Torino, Paideia, pp. 245-277.

Vercellone P. (2000), Prefazione a AA. VV., Il bambino tradito. Carenze gravi, maltrattamento e abuso a danno di minori, Roma, Carocci, pp. 13-20.

Weick K. (1976), Educational Organizations as Loosely Coupled Systems, «Administrative Science Quarterly», n. 21.

Torna su

Note

1 Il diritto all’ascolto ha ottenuto riconoscimento giuridico attraverso le norme introdotte alla fine degli anni ’80, nella storica Convenzione Internazionale sui diritti del fanciullo (New York, 20 novembre 1989, ratificata e resa esecutiva in Italia con legge 27 maggio 1991, n. 176). Nella Convenzione sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale (promulgata all’Aja nel 1993 e ratificata in Italia con legge 31 dicembre 1998 n. 476) si fa riferimento alla necessità di tenere conto non solo delle opinioni espresse dal minore, ma anche dei suoi desideri, nonché alla necessità d’informarlo debitamente in ordine alle conseguenze derivanti dall’adozione. Nella Convenzione europea di Strasburgo sull’esercizio dei diritti dei fanciulli (promulgata il 25 gennaio 1996 e ratificata in Italia con legge 20 marzo 2003 n. 77) è previsto all’art. 3 il diritto all’ascolto, che si ritiene sempre necessario a meno che non si riveli manifestamente pregiudizievole al minore. Analoghi principi sono affermati nella Carta dei diritti dell’Unione Europea (Nizza 2000), all’art.24 («diritti del bambino»).

2 «La partecipazione crea le condizioni per la realizzazione di forme di comunicazione che esprimono la persona, quindi la manifestazione dell’autonomia personale, evidenziandola e/o agevolandola laddove già si produce oppure creando le condizioni per il suo emergere in nuove forme» (Baraldi, 2001, p. 20).

3 «Andiamo verso una realtà giudiziaria sempre più variegata a livello territoriale, questo è un bene, ogni tribunale ha una sua tradizione che rispecchia la cultura locale, il territorio. Per esempio una città come Torino, che ha grandi capacità di assimilazione degli immigrati proporrà modelli interessanti anche per l’ascolto» (estratto dalla testimonianza di un giudice minorile, Torino). Per le prossime citazioni di testimonianze e resoconti di operatori giudiziari si veda la nota 7.

4 «…Sono sempre più diffidente rispetto al valore performativo della legge e sempre più convinto invece che dipende dai sistemi concreti di funzionamento delle organizzazioni sociali e dalle istituzioni, cioè dalle prassi …» (Giudice minorile, Torino).

5 Questa prospettiva mantiene la sua efficacia anche quando venga incrociata con quella che considera gli apparati come sistemi essi stessi sense making e di decisioni prodotte e negoziate entro un contesto di incertezza, eterogeneità e ambivalenza dei fini (Di Maggio, Powell, 1991; March, Olsen, 1976; Weick, 1976).

6 «Da un lato si accrescono le opportunità per il diritto di estendere la propria versione della realtà attraverso l’accoppiamento strutturale del diritto ad una gamma vastissima di eventi sociali. Dall’altro ciò fa contemporaneamente aumentare …il pericolo che la versione della realtà sociale data dal diritto sia denunciata come un gioco di prestigio, che maschera la verità delle versioni create dall’economia, dalla politica o dalla psicologia infantile» (King, 1993, pp. 34 e sgg., passim).

7 L’impianto e lo sviluppo di questo lavoro molto devono alle opinioni espresse e alle informazioni fornite da alcuni rappresentanti torinesi delle categorie professionali, che sono, o sono state nel passato, chiamate a regolare e a valutare contese e conflitti in cui sono o sono stati coinvolti i minori: giudici ordinari, giudici minorili, e giudici onorari, avvocati, assistenti sociali, periti e consulenti dei Tribunali, esperti di varie competenze e discipline. Ringraziamo quindi (elencandoli qui di seguito per ordine alfabetico): Mario Bosco, Marco Bouchard, Graziana Calcagno, Cesare Castellani, Francesca Christillin, Marilena Dellavalle, Giulia Facchini, Luciana Guerci, Roberto Maurizio, Carla Meda, Luciano Olivero, Piercarlo Pazé, Federica Ponzetti, Franco Prina, Cristina Tosetto.
Le citazioni estratte dai protocolli di colloquio sono riportate nel testo, per gli elementi su cui si è registrato tendenziale consenso da parte dell’intero gruppo dei testimoni privilegiati; in nota, per gli elementi riferiti a opinioni e commenti di esponenti di specifiche collocazioni professionali.
L’appartenenza professionale è abbreviata nel seguente modo:giudice civile: G. C/giudice minorile: G.M./ giudice onorario: G.O/ avvocato di famiglia:A.F./esperto giuridico: E.G. Inoltre le dizioni Tribunale dei Minorenni e Tribunale Ordinario sono abbreviate rispettivamente in TM e TO.

8 L’osservatorio empirico dell’analisi qui sviluppata fa capo alle attività condotte nei tribunali ordinario e dei minorenni. In questa prima fase si è infatti voluto puntare l’attenzione più sulla articolazione nell’applicazione istituzionale della norma che sulla platea dei beneficiari.

9 Una recente ricerca comparativa sulla presenza del punto di vista dei bambini nelle valutazioni fatte dagli operatori sociali ha mostrato che l’attenzione al bambino e alle sue opinioni da parte del lavoro sociale varia da paese a paese, e si diffonde ben più lentamente di quanto si sono diffuse le dichiarazioni di principio sui diritti del bambino di far valere la sua opinione nelle situazioni che lo riguardano (Nybom, 2005).

10 Il termine innovazione è qui inteso nel duplice senso di autotrasformazione dei soggetti coinvolti e di invenzione-sperimentazione di nuove strutture (Donolo, Fichera, 1988).

11 Secondo Pizzorno il ricorso alla giustizia è tanto più frequente quanto più socialmente distanti sono tra loro gli individui potenzialmente coinvolti in controversie (Pizzorno, 1998, p. 42).

12 Per un precedente di ricerca in quest’ultimo senso si veda la ricerca sui procedimenti di revisione della separazione presso il tribunale ordinario di Milano. L’analisi delle sentenze ha rilevato la tendenza a lasciare le famiglie arbitre della decisione in ordine al futuro dei figli: il giudice non si ingerisce nelle scelte nelle scelte compiute dai genitori; in assenza di accordo, prevalgono soluzioni di tipo retrospettivo (riferimenti in Ronfani, 1997, pp. 273-274).
Per un esempio di approccio focalizzato sugli argomenti direttamente utilizzati dai giudici nei procedimenti amministrativi in cui sono coinvolti i bambini si veda la ricerca, di recente svolta in Finlandia, sulle dispute legali circa il contatto bambini-genitori nel caso di coppie divorziate (Ottosen, 2006).

13 Come sostiene King: «…il linguaggio dei diritti costruisce gli eventi e le istituzioni sociali in modi atti a promuovere ed accentuare l’impressione che l’ordinamento giuridico sia in grado di controllare un mondo sregolato e disordinato…» (King, 1993, pp. 34 e sgg).

14 Le attività specifiche delle molte associazioni nate sul territorio, e dedicate all’ascolto dei bambini maltrattati e abusati, sono al di fuori dell’analisi svolta nel presente testo. In questo caso comunque l’ascolto è volto prevalentemente a fini di denuncia e di allarme sociale, più che di diretto trattamento (per tutti si veda Foti, 2003).

15 Come è emerso da qualche testimonianza, accade che un adolescente, conteso tra genitori che si separano, rifiuti la responsabilità di dover dire qualcosa «pro» o «contro» uno dei due.

16 La soglia può spostarsi indietro a 16 anni, a condizione del consenso del Tribunale dei minorenni. Nella legislazione precedente il limite era di 16 anni per i ragazzi, e di 14 per le ragazze.

17 La soglia dei dodici anni, che la legge identifica come necessaria per attivare il diritto a essere personalmente sentito nei procedimenti di adottabilità e di affidamento, è anch’essa mobile. Ove il giudice lo ritenga necessario e possibile, può sentire anche bambini di sette o otto anni. Su questo si vedano le testimonianze riportate più avanti nel testo, in nota.

18 «The preadult era is a time of extraordinary growth but it is only a prelude to adult living. Its result is an immature and still vulnerable individual making his entry into the adult world» (Levinson, 1979, p. 21). La frase sintetizza il bersaglio preso di mira dalla sociologia europea dalla fine degli anni’ 80: l’infanzia come semplice preludio all’età adulta.

19 La pedagogia nera è quella forma di educazione volta a occultare esigenze di genitori e educatori e a infondere il più presto possibile nei bambini il senso della loro colpevolezza (Miller, 1990).

20 La mancata effettuazione dell’ascolto in sede di giustizia civile ordinaria comporta rischi di «non eseguibilità» della sentenza (Regolamento dell’UE n.2201 del 2003). Una conseguenza è la menzione della possibilità di ascolto come «formula di stile necessaria per perfezionare il procedimento».

21 Il codice civile (art.155) e la legge 898 del 1970 sul divorzio regolano le modalità di affidamento dei figli in caso di separazione o di scioglimento del matrimonio, l’assegnazione della casa coniugale ecc. La legge sul divorzio stabilì (art.4, c.8) che il tribunale potesse sentire i figli minori ove lo ritenesse strettamente necessario, anche in considerazione della loro età (fino ad allora stabilita a 16 anni).

22 Previsioni formali di ascolto sono contenute nella legge sull’adozione del 1984 (art. 7 c.2, come modificato dalla legge 28 marzo 2001, n. 149) e nell’art. 155 sexies, introdotto dalla recentissima L. 54/2006 sull’affidamento condiviso («poteri del giudice e ascolto del minore»). Nel procedimento di adottabilità, il minore deve essere personalmente sentito, se ha compiuto dodici anni, può esserlo, se di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento. La legge 54 conferisce al giudice la facoltà di disporre «l’audizione del figlio minore che abbia compiuto i dodici anni e anche di età inferiore, ove capace di discernimento», con chiara eco delle formulazioni della Convenzione (Ceccarelli, 2006). I provvedimenti relativi a mantenimento, cura, abitazione, educazione e istruzione sono disposti dal giudice «con esclusivo riferimento all’interesse morale e materiale di essa» (ie. prole); il medesimo principio è posto alla base del tentativo di conciliazione che il giudice può esperire (155 sexies, c.2). Sul valore cruciale dell’interesse del minore si veda più avanti. Ulteriore spazio è fornito nei provvedimenti ex art. 336 del codice civile, che riguardano la soppressione, la limitazione o il reintegro della potestà genitoriale, e negli interventi di protezione in casi di abbandono, di abusi e maltrattamenti.

23 I dati torinesi indicano che su circa 6000 procedimenti di separazione/divorzio ogni anno, due terzi sono consensuali, un terzo conflittuale. Permane un nocciolo duro a conflittualità incomponibile, il solo in cui il ricorso all’audizione trova argomenti motivanti.

24 Rispetto al modello di relazioni incentrate sulla potestà, ad esempio, la legge 285/97 e la stessa legge quadro 328/2000 per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, là dove parlano di «valorizzazione e sostegno delle responsabilità familiari» (così la L.328, art. 16), appaiono orientate a promuovere una attenzione al rispetto promozionale di diritti e di libertà per tutti i componenti della famiglia, che appare più allineata allo spirito della Convenzione.

25 Già il Piano di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva presentato dal Dipartimento per gli Affari sociali nel 2000 giudicava «necessarie e urgenti norme di adeguamento dell’ordinamento affinché siano concretamente realizzabili le disposizioni di principio contenute nella Convenzione europea sull’ascolto dei minori» e richiedeva la presentazione di un apposito disegno di legge «che consentirà l’ascolto dei minori nei provvedimenti giudiziari ma anche in quelli amministrativi».

26 Per un quadro sulle politiche dei servizi rivolte ai minori in area torinese: Dellavalle, 2002; Negri Saraceno, 1999; Rei, 2002; Tosco, 2002.

27 I materiali rilevati consentono di distinguere cinque forme di ascolto-audizione, tre interne al procedimento, e due di supporto più esterno:
a) l’audizione protetta: nei procedimenti penali presso il TM l’audizione del minore-vittima o testimone (se di età inferiore ai 16 anni il ricorso è lasciato alla discrezionalità del giudice) avviene con il metodo della videoconferenza; categoria centrale dell’ascolto è la raccolta e la valutazione della testimonianza resa (Pazé, 2005);
b) l’audizione separata: in entrambi i tribunali, ha forma di un colloquio svolto dal giudice con il minore.Variante sperimentale:l’attivazione di centri per l’ascolto interni al TO, in cui operano psicologi che riferiscono al giudice (al momento sono presenti presso il Tribunale di Genova: Callero, Spada, 2003);
c) l’audizione delegata: nel TM è frequente una delega al giudice onorario per la raccolta di materiale informativo(in casi di adozioni, affidamenti ecc.) da portare al giudizio. L’onorario ascolta il minore secondo procedure standard e produce un verbale, che viene sottoscritto dal minore stesso (se ha più di 10 anni);
d) la perizia affidata al Consulente Tecnico di Ufficio, di norma psicologo o psicoterapeuta. Il perito, sulla base dei quesiti postigli dal tribunale, attiva un procedimento diagnostico complesso, che coinvolge il bambino e gli adulti di riferimento, e fornisce pareri indicativi al giudice. La perizia può essere richiesta anche dalle parti;
e) la richiesta di relazioni informativo-valutative ai servizi sociali territoriali e medico-specialistici (NPI), per ottenere elementi di conoscenza sui soggetti e le loro situazioni, basata sull’indagine territoriale (informativa sociale, informativa psichiatrica, ecc.).

28 L’ascolto in sede civile è attivato nell’ipotesi che sussista un «pregiudizio» (rischio) per «l’integrità fisica e psichica del minore».

29 «Quando c’è conflittualità diamo un incarico ai servizi sociali e li seguiamo tramite consulenza tecnica. Noi abbiamo questa grossa risorsa di due assistenti sociali (una del Comune e l’altra della Provincia) che hanno la sede qui in Tribunale sezione settima e tengono tutti i rapporti con i servizi e la neuropsichiatria. I servizi sociali guardano tutto, parlano con tutti, vanno sul territorio, nelle scuole.» (G.C.).

30 «Il Ctu ascolta separatamente i due genitori, fa una valutazione psicologica del legame affettivo e conclude il suo lavoro con proposte motivate da una prognosi della crescita psicologica del minore» (A.F.).«… Difficile che il giudice si discosti dal parere del CTU per quanto riguarda il giudizio sulla genitorialità o le capacità di care» (A.F.)» . Il parere può anche raccogliere indicazioni frutto di un accordo: «… Gli esperti che operano con noi fanno anche opera di mediazione….Nel corso di queste consulenze sentono più volte i genitori da soli, il bambino da solo.. hanno anche modo di far ragionare le parti, di proporre modalità diverse di relazione. A volte fanno anche decantare il conflitto, insegnando ai genitori a smorzare le tensioni» (G.C).

31 «Non li sentiamo mai se non sono i genitori a chiedercelo. In tante separazioni anche conflittuali non c’è disaccordo sull’affidamento. Se si mettono d’accordo e spiegano la faccenda ai figli, allora perché noi dobbiamo metterci di mezzo?, onestamente dove non c’è conflittualità, non è il caso» (G.C).

32 «Non sentiamo il minore il giorno dell’udienza e anche se le parti se li portano dietro; se no avremmo tribunali pieni di bambini dai tre ai diciassette anni che vogliono essere sentiti. Non sono bei posti questi da frequentare» (G.C).

33 «L’ascolto da parte nostra, che non siamo tecnici in materia, ha senso se rivolto ai ragazzi che hanno quindici, sedici, diciassette anni, o se lo vogliono loro. I bambini vogliono essere sentiti soltanto se c’è un forte contrasto con i genitori. Ma per un bambino piccolo è un elemento traumatizzante. Il fatto che i genitori lo condizionano lo si capisce dopo mezzo minuto (il bambino che arriva e ti dice voglio andare là perché là ho le mie radici…).Nelle separazioni se i genitori hanno trovato un buon accordo non è neanche il caso. Lo lasciamo tranquillo…» (G.C).

34 «Come fa un giudice di un tribunale minore a passare nello stesso giorno dalle grondaie che perdono alle lesioni fra adulti ai minori da ascoltare fra un processo e l’altro?» (E.G.). «Nella sostanza l’ascolto è considerato come una seccatura» (A.F).

35 Gli si dice: «Il giudice che ti ascolta riporterà agli altri giudici la tua voce ed essa sarà uno degli elementi da considerare per la decisione, aiuterà i giudici a capire meglio e a decidere meglio» (G.C).

36 «Mediamente io li sento dai 7-8 anni, li sento a tappeto» (G.M.).

37 Anche se si obietta: «l’ascolto in tribunale non ha valenza diagnostica, terapeutica o valutativa….che il minore sia attendibile deve essere valutato prima dell’ascolto» (G.O.).

38 «Il codice quando parla di capacità di discernimento del minore, si ferma alla capacità di intendere, ma poi c’è la capacità di volere, di scegliere…e io non so…» (G.M.).

39 «Nella maggior parte dei casi si trattava di sentire bambini che erano già sentiti da operatori sociali…. Chiedevo agli operatori di farsi veicolo rispetto all’opportunità di sentire o meno il bambino. Rispetto alle procedure di separazione o divorzio è inevitabile che ci siano dei portatori di informazione e io ho sempre utilizzato questo veicolo per avere informazioni anche informali. I ragazzini lo sanno che c’è un giudice, questa figura entra nell’immaginario del bambino» (G.C.).

40 «Bisognerebbe stare coi piedi per terra. Ci può esser, certo, il ragazzino disturbato, ma a me francamente di aver pensato che non ero riuscito, che non avevo capito, non è mai successo. Dipende dalla capacità, ci sono molte audizioni protette che finiscono a scena muta, bisognerebbe creare un contesto favorente. .. Nell’ambito del diritto minorile, per la parte civile, le norme di riferimento sono poche. È tutta esperienza sul campo (G.M.). «Dipende in sostanza dalle scelte e della personalità dei giudici. Se hai capacità di ascolto, lo internalizzi, se no, lo esternalizzi su degli esperti» (G.O.).

41 «Nella conduzione del colloquio al TM, il giudice riformula al minore la sua storia, la situazione attuale, lo invita ad esprimersi» (G.O.).

42 «Se questo bambino ha la possibilità di incontrare la persona che si sta occupando di lui è molto importante. …e per loro e per il giudice. Quel bambino non si chiama, mettiamo, solo Russo Carlo ma è quel bambino lì. Se qualcuno delle molte decine di fascicoli corrisponde a un segnale, una comunicazione aiuta (il giudice) a capire un pochino di «più» (G.M.). «Adolescenti e preadolescenti in particolare.. si possono conquistare sul piano dell’affetto, quando capiscono che tu giudice sei promotore dei loro diritti, sei dalla loro parte» (G.M.).

43 «Quello che fondamentalmente manca ancora è la capacità da parte del giudice di ascoltare. Se dev’essere assolta una funzione, deve essere assolta dal giudice, dev’essere costretto a partecipare a giochi di ruolo, ad aggiornamenti continui sulla capacità di governo delle emozioni. Questo avviene abbastanza naturalmente nel tribunale per i minorenni perché il giudice togato assimila l’approccio di altri punti di vista, anche soltanto confrontandosi in camera di consiglio. Per le sezioni delle separazioni e dei divorzi questa contaminazione non c’è, o c’è una formazione o è un problema serio» (G.M).

44 «L’attività di ascolto come un mero obbligo fatto al giudice presta il fianco a critiche, specie se il giudice vede il minore quella sola volta. Si creano contaminazioni improprie e figure ibride (il giudice che si fa psicologo, ecc). Sarebbe meglio attribuire le attività di ascolto a esperti incaricati» (G. O). «Ai togati non si chiede di essere degli psicologi, ma di fungere da vertice osservativo ai fini della decisione. Importante è anche il ruolo dei servizi esterni: se più servizi concorrono alla decisione, è più valida. L’ideale sarebbe una visione multidisciplinare» (G.O).

45 «L’ascolto è sicuramente un tassello importante del puzzle del giudizio, ma non può essere pensato come elemento decisivo…Quanto liberamente si può esprimere un bambino in una sede come quella giudiziaria? quanto si fida della persona che l’ascolta e quindi quanto dice di quello che potrebbe dire? quanto i genitori condizionano la sua esposizione?» (G.O).

46 «Può darsi che un giorno si facciano sempre delle audizioni protette anche per il civile, come chiedono gli avvocati…. Nel civile, se gli avvocati chiedono ai giudici di sentire i bambini, allora noi dovremmo chiedere ai bambini: vuoi andare con chi?» (G.M.). «Ma per avere un processo ultragarantito, non possiamo rompere quel bambino» (G.M.).

47 «Per un bambino già in difficoltà per i conflitti dei genitori, l’audizione può essere devastante» (A.F.).

48 Un timore latente è che l’audizione determini la decisione: «se il bambino ha (già) 12-13 anni, la sua opinione di fatto è determinante» (A.F.).

49 «Il conflitto tra i genitori non può essere un motivo serio per non applicare la legge sull’affidamento condiviso. La legge ha senso per dirimere il conflitto, quando un genitore vuol impedire all’altro di fare il genitore!» (G.C.).
Un’altra possibilità, come si è visto, è che tale funzione sia demandata implicitamente al CTU, il quale fa la spola tra figli e genitori. Scarsissimo, per contro, il ricorso ai servizi di mediazione (40 /50 casi all’anno affluiscono all’apposito centro istituito dalla Provincia di Torino).

50 La legge sull’affido condiviso regola per via normativa soltanto la questione dell’affidamento in sé, rimandando a contrattazioni successive tra le parti il pattuire le condizioni di vita quotidiana del bambino con ciascun genitore.

51 Le interpretazioni circa le conseguenze della nuova legge sull’ascolto sono divise: dalla speranza che riduca il ricorso alla giurisdizione, al timore che lo enfatizzi per le questioni organizzative e quotidiane della futura coppia.

52 In un gruppo di studio misto – giudici avvocati psicologi – che ha lavorato su impulso dell’ordine degli avvocati di Torino, il consenso sull’utilità dell’ascolto in caso di pregiudizio al minore non si è ritrovato, per quanto concerne il rischio di strumentalizzazione, in caso di conflitto. Spesso citato, tra i tentativi di spingere le categorie professionali della giustizia a «educarsi all’ascolto, ossia passare dall’obbligo giuridico subito alla accettazione della sua utilità», l’alfabeto delle emozioni (Pazé, 2003).

53 Sono definite fasce deboli le vittime di reati commessi a danno di anziani o di ammalati o nell’ambito della famiglia. La materia trattata in questo ambito, coinvolgendo interessi individuali diffusi, presuppone l’intervento di organi estranei all’Amministrazione Giudiziaria, quali ad esempio i servizi sociali degli enti locali.

54 «Torino, più che una area avanzata e isolata, ha saputo essere riconosciuta in Italia come «gruppo» in materia di giustizia minorile e ha saputo fare cultura sui relativi problemi.. anche grazie all’apporto di giudici onorari che provenivano dal territorio forti di questa esperienza» (G.O.).
«Nella Torino dagli anni ’70 fino a metà anni ’90 la capacità attrattiva di alcune figure di giudici ha valorizzato il fatto di lavorare per il Tribunale dei minorenni, incarico tradizionalmente ritenuto poco prestigioso. Invece il Tribunale dei minori ha funzionato anche da banco di prova per dibattiti e spunti riformatori» (G.O.).

55 Una circostanza in cui la contraddizione fra le due dimensioni venne sottolineata con forte impatto all’attenzione pubblica (si ricordi la battaglia di Natalia Ginzburg) fu la vicenda dell’affidamento famigliare di Serena Cruz; oggi in qualche modo evocata, fatte le debite differenze, dalla vicenda della bambina bielorussa in Italia, nascosta dai genitori «ospitanti», poi trovata, prelevata e rimpatriata, interrompendo i contatti con l’Italia.

56 Su questo si veda Ronfani, 1997, p. 269.

57 «Non ho mai preso una decisione senza sentire i ragazzi.Non serve che io decida di mandarlo in istituto se lui non è d’accordo. Tanto scapperebbe. Devo contrattare con lui, prima» (G.M.).

58 «L’aumento del lavoro di servizio ha standardizzato le pratiche di intervento, riducendo i contatti con il giudice al di là di adempimenti burocratici. Il tempo e l’attenzione da dedicare ai bambini si sono così ridotti, proprio mentre si fa più pressante l’idea che ci voglia un approccio specialistico ed esperto per accostarsi ai bisogni di un bambino. Lo stesso Tribunale dei Minori oggi viaggia a ranghi ridottissimi, non solo, ma non può più disporre di quel robusto contingente di giudici onorari che coadiuvavano il lavoro giudiziario del passato» (G.O.).

59 «Il nuovo corso impone maggior cautela, nell’ipotesi di una pregiudiziale maggior tutela dei genitori.
Questo processo è molto evidente nei servizi del Sert e di psichiatria adulti, dove il mandato è quello di mantenere il più possibile l’attenzione alla ricuperabilità dell’adulto (è il caso dei bambini nati in sindrome da astinenza, il che una volta faceva immediatamente scattare la procedura di adottabilità, ora non più). Si creano quindi tensioni tra chi tutela il bambino (assistenti sociali e neuropsichiatria adulti) e chi tutela i genitori (psichiatria e SERT).
Il paradosso è che la crescita dei casi problematici senza un parallelo incremento degli addetti dei servizi ha generato carichi di lavoro crescenti, che non potevano che essere affrontati con procedure standard (tipo sussidio economico). Ma questo avviene proprio in un contesto che dovrebbe utilizzare procedure personalizzate» (G.O.).

60 Giudici, avvocati e professionisti costituiscono, in realtà, una parte soltanto dell’insieme di attori coinvolti nella pratica dell’ascolto, in cui si muovono, secondo Elster, altri attori, come gli utenti stessi, i politici, l’opinione pubblica.

61 «Nella mia presupponenza quando sono entrato al Tribunale dei minori pensavo di essere apportatore di una esperienza, di un metodo. Invece mi sono accorto che era esattamente il contrario. Ero io che dovevo apprendere un metodo che non mi era proprio» (G.O.).

62 La legge sull’affidamento congiunto dovrebbe cambiare le cose, ma, a detta dei nostri interlocutori, non in maniera tale da assorbire qualsiasi motivo di conflitto e situazioni di incertezza e confusione.

63 In questo caso i criteri di decisione possono essere diversi (a favore della madre, a favore del padre, a sfavore del genitore ritenuto colpevole, a favore della situazione ex ante, a favore di una soluzione di equilibrio tra preferenze «esagerate»). «Il bambino magari strumentalizzato da uno dei due esagera la rappresentazione negativa dell’altro» (G.C.).

64 Secondo Elster, le lunghe istruttorie, allungando i tempi e lasciando la situazione per molto tempo irrisolta, possono nuocere prima di tutto ai beneficiari.

65 «…Il più delle volte i bambini non sono espliciti. I bambini non prendono posizione, non la possono prendere e noi non possiamo chiederglielo» (G.M.). «Il diritto all’ascolto non è un diritto a scegliere e a dare delle indicazioni utili alla decisione. Il diritto all’ascolto è un diritto procedurale, di partecipazione, di coinvolgimento, ma vale ancora la vecchia regola, che le decisioni le prendono gli adulti, tranne quando il bambino è ormai arrivato a un’età in cui lo si ritiene in grado di prendere delle decisioni» (G.M.).

66 «In fondo la separazione riguarda una famiglia che fino a ieri aveva funzionato bene» (G.C.).

67 «L’ascolto si rende necessario solo quando siano presenti pretese contraddittorie (ciascun genitore pretende il figlio per sé, sostenendo che il figlio non vuole stare con l’altro)» (G.C).

68 L’approccio sembra dunque assai più pragmatico e flessibile di quello emerso da ricerche dove l’intervento giudiziario risponde assai più nettamente alla logica di mantenere il più possibile i contatti con entrambi i genitori (Ottosen, 2006, p. 43).

69 Semmai ci sono ragioni per temerne i risvolti burocratici. «Mentre l’impatto culturale atteso della nuova legge va nel senso di una socializzazione delle responsabilità, la sua conseguenza pratica sarà un crescente ricorso alla giurisdizione. Lo stesso punto di partenza è problematico in quanto postula che la genitorialità sia in qualche misura coercibile…Col rischio tuttavia che invece di un affidamento condiviso si abbia un doppio affidamento esclusivo, che rinforza un punto di vista prevalente adultocentrico» (A.F.).

70 La composizione degli interessi di parte rende comprensibile l’osservazione che «il limite del perito è di lavorare su dati psicologici, senza tener conto di dati di realtà effettiva per es. di natura economica» (A.F.).

71 «L’indicazione normativa è sì un’indicazione d’avanguardia dal punto di vista culturale, però per come è ancora oggi organizzata la famiglia italiana, credo che sia un modo per esporre di più il bambino alle pressioni dei genitori su quello che dovrà dire al giudice» (G.C.).

72 La dizione terzo escluso è qui usata in senso descrittivo, non teorico, diversamente da quanto suggerito da Ota de Leonardis, secondo la quale «nella logica antinomica che governa il rapporto tra attore e sistema vige, come sempre, il principio del terzo escluso…Il sistema può dire di esistere solo in quanto si difende dalla minaccia che proviene dalle azioni umane… e in quanto lavora a disciplinarle e a funzionalizzarle» (De Leonardis, 1990, p. 12).

73 È più di un gioco di parole quello che contrappone all’ascolto dell’abuso, l’abuso dell’ascolto (Foti, 2003).

74 «…una volta stabilito che un bambino non si può allontanare dalla famiglia, perché non sussistono motivi abbastanza gravi per farlo, allora però tenetelo fuori casa il più possibile! Proponetegli delle attività, create delle strutture, fatelo giocare, non c’è solo il doposcuola! Aprite sale giochi con educatori, mettere anche dei biliardi, perché no?» (G.M.).
«Cosa serve scrivere a livello di legge che bisogna potenziare la famiglia di origine? che senso ha quando poi non abbiamo centri diurni, sussidi, psichiatri, psicologi?» (G.M.).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Manuela Olagnero e Dario Rei, « L’ascolto dei bambini da principio normativo a pratica sociale: osservazioni dal contesto torinese »Quaderni di Sociologia, 42 | 2006, 101-131.

Notizia bibliografica digitale

Manuela Olagnero e Dario Rei, « L’ascolto dei bambini da principio normativo a pratica sociale: osservazioni dal contesto torinese »Quaderni di Sociologia [Online], 42 | 2006, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/971; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.971

Torna su

Autori

Manuela Olagnero

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Dario Rei

Dipartimento di Scienze Sociali - Università di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search