Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri42teoria e ricercaStelle di fango. Calcio, scandali...

teoria e ricerca

Stelle di fango. Calcio, scandali e stakeholder

Mudstars. Football, scandals and stakeholders
Nicola Porro
p. 159-194

Abstract

Between spring and autumn 2006, Italian football goes through two crucial events. On one hand, the amazing triumph of the National team at the World Championship held in Germany. On the other, the inquiry regarding the manipulation of some Major League matches and appointments of referees. The article investigates the scandal as the outcome of a radical metamorphosis of professional sport. Its starting point can be located in the Nineties, whith the coming of pay tv and the unruled liberalization of the players’ market. A sort of hidden regulation of the system took shape making more and more difficult combining sports ethics and market hegemony.

Torna su

Testo integrale

1. I giorni del giudizio

1Alle 22.41 del 9 luglio 2006, all’Olympiastadion di Berlino, un secco tiro di Fabio Grosso batte il portiere francese Fabien Barthez. Consumata l’ordalia dei rigori, la nazionale italiana di calcio conquista, per la quarta volta nella sua storia, il titolo di campione del mondo. L’Italia è investita da uno tsunami emotivo che culminerà il giorno dopo, al ritorno in patria dei vincitori, con un’apoteosi popolare per le strade di Roma.

2Cinque giorni più tardi, l’ottantunenne magistrato di Cassazione Cesare Ruperto, nominato presidente della Corte d’appello federale dal commissario straordinario della Figc (Federazione italiana gioco calcio), Guido Rossi, legge la sentenza sullo scandalo, ribattezzato con scarsa fantasia Calciopoli, che da due mesi agita l’opinione pubblica. La sentenza è stata rinviata di qualche giorno a evitare un’imbarazzante sovrapposizione con il trionfale epilogo del Mondiale.

3Questo articolo si propone di ricostruire la genesi della vicenda, risalendo alle trasformazioni che hanno interessato il calcio professionistico sin dai primi anni ’90. Allo scopo, si individueranno gli attori e i portatori di interesse che hanno svolto ruoli significativi in tale processo, selezionando informazioni statistiche ed episodi di cronaca utili alla ricostruzione.

4Le 154 pagine della sentenza del 14 luglio illustrano con chiarezza come si sia pervenuti all’incriminazione davanti alla giustizia sportiva dei dirigenti di alcuni fra i maggiori club professionistici, nonché di ambienti di vertice della dirigenza federale e di quella arbitrale. Il verdetto condanna alla retrocessione, con pesanti penalizzazioni, tre dei più popolari club calcistici italiani (Juventus, Lazio e Fiorentina), infligge un forte handicap al Milan, cancella due scudetti conquistati dalla Juventus, rivoluziona la composizione delle squadre italiane candidate a partecipare alle competizioni internazionali. Azzera, inoltre, i vertici del calcio federale italiano, giudicandoli a vario titolo corresponsabili degli illeciti che hanno inquinato il sistema calcistico nazionale. Nei mesi successivi, prima attraverso la sentenza di secondo grado pronunciata il 25 luglio, che restituisce alla serie A Lazio e Fiorentina, e poi grazie al generoso arbitrato federale del 27 ottobre, i provvedimenti saranno considerevolmente ridimensionati, senza peraltro smentire nella sostanza l’impianto accusatorio. A colpire gli osservatori è però soprattutto la rivelazione dell’esistenza, all’interno del sistema calcio, di un tessuto di resistenze, di omertà e di complicità capace di vanificare qualsiasi tentativo riformatore.

5Una lettura di contenuto sociologico dell’intricata vicenda è comunque aiutata dalla radiografia delle trasformazioni e degenerazioni del calcio professionistico italiano che ci consegnano le sentenze. La prima di esse documenta con rigore episodi di corruzione, di manipolazione delle designazioni arbitrali, di intimidazione ai danni di direttori di gara non compiacenti. Pur senza indulgere a rappresentazioni pittoresche (la cupola), dal lavoro investigativo coordinato dall’ex Procuratore di Milano, Francesco Saverio Borrelli, emerge con nettezza l’esistenza di reticoli attivi a tutela di interessi organizzati e in grado di alterare il regolare svolgimento dei campionati.

6Lo scandalo costituisce, in questa prospettiva, il provvisorio epilogo di una metamorfosi del sistema calcio che si può far risalire a due principali choc esogeni: la rivoluzione intervenuta dieci anni prima nel mercato dei giocatori professionisti (evento simbolo, la sentenza Bosman del 1995) e il contemporaneo avvento della televisione a pagamento (Porro, 1997a; 2004; Porro e Russo, 2000; 2004). Assumendo questa chiave di lettura, lo scandalo esploso nella primavera 2006 non è riconducibile a carenze di vigilanza o ad occasionali, seppure reiterate, deviazioni. È invece lecito ipotizzare che le reti di controllo e influenza portate alla luce dall’inchiesta abbiano assolto per un quindicennio funzioni di regolazione occulta del calcio professionistico. Dando vita, così, a una forma di impropria costituzione materiale del calcio spettacolo. Di tale esteso e lucroso mercato delle emozioni collettive sarà perciò opportuno richiamare il profilo strutturale.

2. La mutazione genetica

7Il primo dato utile riguarda la consistenza economica di quella élite del calcio professionistico europeo cui appartengono le quattro società coinvolte nello scandalo. Stime attendibili permettono di gettare uno sguardo sulla rilevanza patrimoniale, i bilanci e gli incassi dei grandi club professionistici del Vecchio Continente (tab. 1).

8Alla data dello scandalo, il giro d’affari complessivo del solo calcio professionistico italiano è valutato in oltre cinque miliardi di euro (Montanari e Silvestri, 2006), con una crescita di quasi il 20% rispetto alle stime prodotte da Nomisma (2003) solo tre anni prima. Nel decennio 1995-2004 i ricavi complessivi per i club sono cresciuti del 216%, soprattutto grazie ai proventi generati dalla cessione dei diritti televisivi. Questi, che nel 1993/94 superavano di poco i 93 milioni di euro, erano già saliti a oltre 550 milioni di euro nel 2000/01. L’attenzione per il calcio sui media è cresciuta in maniera quasi corrispondente a cavallo fra i Novanta e i Duemila. Il calcio televisivo occupa uno spazio costante nei programmi di prima o seconda serata. Già nel 2003/04 i venticinque programmi televisivi con la maggior audience erano rappresentati da partite di calcio (Ascari, 2004).

Tabella 1 Patrimoni e incassi al 2005 dei dieci maggiori club calcistici europei

Consistenza
patrimoniale in mln €

Incassi
2005 in mln €

Manchester United

1098

246

Real Madrid

810

276

AC Milan

737

234

Arsenal

673

171

Bayern Monaco

616

190

Juventus

550

229

Chelsea

406

220

Inter

403

177

Barcelona

352

208

Liverpool

296

181

Totale stimato

5941

2132

Fonti: Deloitte & Touche, «Forbes», giugno 2005 (stima in mln di dollari ricalcolata in euro) ed «El Pais», 2005 (stima incassi in euro).

  • 1 Le stime, relative allo stesso anno di riferimento, sono tratte da Global Insight 2006 (riportate n (...)

9Se si calcolano soltanto i club calcistici della serie A italiani per il campionato 2005/06, aggregando le diverse voci dei loro budget, si raggiungono i due miliardi e 113 milioni di euro di fatturato. Una cifra superiore al prodotto interno lordo di 54 Stati nazionali, compresi Paesi come l’Afghanistan (29 milioni di abitanti) e numerosi Stati africani1.

10La composizione interna dei bilanci societari e la loro trasformazione nel tempo illustra la parabola del fenomeno, che i provvedimenti legislativi della seconda metà dei Novanta, con la possibilità per i club professionistici di costituirsi in società per azioni, nonché i ripetuti interventi finanziari e fiscali dei governi, hanno favorito o comunque accelerato. Rielaborando i dati forniti dagli stessi club e relativi al campionato 2005/06, scopriamo che circa 600 milioni di euro provengono dalla cessione ai maggiori network (sommando reti in chiaro, satellite e digitale terrestre) dei diritti televisivi, 460 da sponsor e attività di merchandising, 230 dal «botteghino» (che comprende biglietti venduti per le singole partite e abbonamenti), 780 dai proventi di totocalcio e scommesse, 43 da attività editoriali, concentrate nel settore album e figurine (vedi figura 1).

11Le società coinvolte nello scandalo sono fra le protagoniste della metamorfosi. Nel campionato 2005/06, ad esempio, la Juventus cattura da sola un quinto di tutte le risorse derivanti dalla cessione dei diritti televisivi. Il suo bilancio dipende così per quasi il 55% da questa voce. Per la Lazio, che incassa dai diritti televisivi 44 milioni su un budget complessivo di 75, si sfiora addirittura la quota del 60%.

Figura 1 Composizione del budget aggregato dei club di calcio italiani di serie A 2005/06

Figura 1 Composizione del budget aggregato dei club di calcio italiani di serie A 2005/06

Fonte: StageUp (2006), valori in mln euro

12La tab. 2 illustra più dettagliatamente la composizione dei bilanci societari delle quattro grandi società coinvolte nello scandalo della primavera-estate 2006. I contratti si riferiscono alla stagione 2006/07 e sono stati negoziati prima dello scandalo.

13Come si può osservare, ancora una volta la Juventus drena da sola poco meno della metà delle risorse messe a disposizione da Sky per i quattro club incriminati e tre quarti delle risorse messe a disposizione dal digitale terrestre, nella fattispecie da Mediaset, che si è assicurata il monopolio dei match di Juventus e Inter per il triennio 2007-2009. Così, se si escludono dal computo gli incassi da botteghino, i bilanci di Juventus, Milan e Lazio dipendono per quote comprese fra il 75 e l’80% dai diritti televisivi, mentre la Fiorentina si colloca al di sotto del 40%. La squadra viola, insomma, si differenzia dagli altri club coinvolti nello scandalo per essere meno dipendente dai diritti televisivi e molto di più dagli sponsor tecnici.

Tabella 2 Il profilo commerciale dei bilanci dei club coinvolti nello scandalo in milioni di euro (contratti 2006/07)

Proventi

Juventus

Milan

Lazio

Fiorentina

totale

Diritti tv Sky (satellite)

94.5

75.0

19.0

17.5

206.0

Diritti tv Mediaset

18.0

3.0

2.0

1.0

24.0

(digitale terrestre)

Sponsor maglia

24.0

10.0

2.6

4.0

40.6

Sponsor tecnici

15.0

12.5

2.5

24.0

54.0

totale

151.5

100.5

26.1

46.5

324.6

14L’innovazione tecnologica del settore televisivo, mettendo in concorrenza emissione in chiaro (Rai finanziata dal canone e altri network, finanziati dalla pubblicità), satellite (circuito Sky, modalità pay tv attraverso abbonamento) e digitale terrestre (sino a tutto il 2006 dominato da La7 e Mediaset, modalità per view con acquisto di singoli eventi tramite carte prepagate), ha fatto lievitare gli utili, contribuendo ad alterare equilibri e rapporti di forza. Allo stesso tempo, la negoziazione dei diritti società per società, introdotta nel 1999 al posto della contrattazione collettiva – che considera i campionati una sorta di bene indivisibile e ne affida la commercializzazione alle leghe di categoria –, ha favorito i club maggiori.

15La tabella 3 illustra la consistenza dei diritti televisivi a favore di tutte le società della massima divisione per il 2005/06, differenziando le due modalità di offerta a pagamento (satellite pay tv e digitale terrestre pay per view).

Tabella 3 Consistenza dei diritti tv (in mln €) per i club di serie A 2005/06 in rapporto alle modalità di emittenza

Satellite (Sky)

Digitale terrestre

Ascoli

6.0

0.50 La7

Cagliari

7.3

0.65 La7

Chievo

12.5

0.30 La7

Empoli

6.0

0.65 La7

Fiorentina

17.5

1.00 La7

Inter

185.0

Monopolio Mediaset

Juventus

218.0

2007-2009

Lazio

19.0

2.00 Mediaset

Lecce

-

0.60 La7

Livorno

6.3

0.50 Mediaset

Messina

7.5

0.50 Mediaset

Milan

75.0

3.00 Mediaset

Palermo

17.5

1.00 La7

Parma

8.0

1.30 La7

Reggina

7.0

0.75 La7

Roma

40.0

3.00 Mediaset

Sampdoria

-

1.00 Mediaset

Siena

6.0

0.50 Mediaset

Treviso

6.0

0.60 Mediaset

Udinese

12.9

-

Fonte: «La Repubblica», 20 luglio 2006 (Fontanarosa A., La rivoluzione dei diritti collettivi).

16Le cifre sono eloquenti. Ai broadcaster interessa soprattutto il bacino d’utenza delle società, cioè il potenziale di spettatori televisivi calamitato dalle squadre. Ciò spinge a concentrare le risorse a favore dei club più forti, innescando un circolo vizioso. Chi ha più soldi a disposizione da spendere nel mercato dei giocatori può rafforzarsi tecnicamente e così perpetuare nel tempo la propria egemonia. A partire dalla metà degli anni ’90, nessuna squadra di provincia è stata più in condizione di competere con le grandi per il titolo. I quattro club incriminati figurano fra i sei maggiori beneficiari dei contratti Sky. La Juventus avrebbe addirittura imposto a Mediaset una clausola contrattuale che le garantiva sino al 2009 la posizione di principale beneficiaria dei diritti relativi al digitale terrestre.

17Questa dinamica ha interessato, sia pure in forme e tempi diversi, tutti i contesti nazionali in cui il calcio spettacolo costituisce una componente primaria dei menu televisivi. Se però si osservano in chiave comparativa i bilanci societari dei principali rivali internazionali, appare evidente come il calcio italiano abbia significativamente enfatizzato le tendenze generali.

18Il Real Madrid, il cui patrimonio (cfr. tab. 1) risultava nel 2005/06 inferiore solo a quello del Manchester United, ma con incassi più elevati (276 milioni di euro), si affida per il 48% ai proventi di sponsor e merchandising, ricava il 20% dal botteghino e meno di un terzo dai diritti tv. Nel Manchester United il botteghino (44 milioni di euro per il 2005/06) incide sul bilancio societario per poco meno del 18% e i diritti televisivi (28 milioni) per poco più dell’11%. Anche nel Chelsea, su un totale ricavi di 221 milioni di euro, la vendita di biglietti e abbonamenti (39 milioni) pesa per poco meno del 18% e la cessione dei diritti televisivi non raggiunge il 17%.

19Considerati nel loro insieme, i club professionistici italiani ricavavano nello stesso anno di riferimento il 55% delle risorse finanziarie dai diritti tv, il 17 dal botteghino (biglietti e abbonamenti), il 14 da sponsor e il 14 da licenze commerciali.

20Fra gli anni ’90 e i primi Duemila, il calcio professionistico italiano ha privilegiato sempre più le ragioni dell’intrattenimento televisivo e ha indirettamente scoraggiato la presenza fisica dei tifosi allo stadio. Gambaro (2004) ha usato come indicatore empirico di questa metamorfosi il tasso di saturazione degli impianti. Già nel 2001 i posti occupati negli stadi italiani raggiungevano a stento il 58 %, contro il 74% di quelli francesi, il 73% dei tedeschi e addirittura il 90% degli impianti britannici, che hanno però dimensioni mediamente più piccole e prevedono solo posti numerati. Le cronache dell’universo calcistico e un vasto repertorio di fanzine e blog registrano d’altronde puntualmente, sin dalla metà dei Novanta, un crescente processo di disaffezione delle tifoserie rispetto alla maggior parte dei vertici societari. Disaffezione che ha prodotto un’autentica subcultura del risentimento (Triani, 1994; Liguori e Smargiasse, 2003).

21La principale ragione della diserzione dagli stadi è individuata da Montanari e Silvestri (2006) nel progressivo venir meno dell’equilibrio competitivo dei campionati. Ciò non è in contraddizione con la fortuna del calcio televisivo a pagamento, perché questo fenomeno produce, a sua volta, una marcata diversificazione dei pubblici di riferimento. Prendendo in considerazione i sei campionati di massima serie disputati fra il 2001/02 e il 2005/06 in Italia, Spagna, Gran Bretagna e Germania, gli autori hanno applicato l’indice di Gini ai posizionamenti in classifica. Hanno così potuto dimostrare che la tendenza alla concentrazione dei risultati di vertice in un ristretto numero di club è particolarmente accentuata nel campionato italiano. Non solo: il caso italiano è l’unico in cui il deficit competitivo aumenta costantemente nel periodo considerato. Anche con strumenti meno sofisticati, si può del resto constatare come, assumendo il campionato 1994/95 come il primo dell’era della televisione a pagamento, lo scudetto sia stato vinto – senza considerare le revoche inflitte alla Juventus dalla sentenza – per dieci volte su dodici da Milan e Juventus. Uniche eccezioni, gli scudetti vinti da Lazio (1999/00) e Roma, l’anno successivo. Squadre entrambe quotate in Borsa e che è difficile considerare puri outsider. Nel decennio che intercorre fra il campionato 1984/85 e il 1993/94, viceversa, ben sei squadre si erano alternate nella conquista dello scudetto. La tab. 4 propone una sorta di sinossi cronologica, segnalando alcune date chiave nella ricostruzione dei processi di trasformazione del sistema dalla metà degli anni ’80 all’ultimo campionato.

22Il panorama che si è delineato consente di giudicare le trasformazioni intervenute nel sistema del calcio professionistico come una mutazione genetica. I suoi tratti essenziali sono rappresentati dalla crescita della finanziarizzazione del mercato e dalla centralità assunta dagli interessi del circuito televisivo. Ma anche dall’affermarsi di dirigenze societarie specializzate nella gestione e manipolazione di reti d’influenza e dal deterioramento del tradizionale rapporto fra società e tifoserie. Quanto basta, se si dà retta alle suggestioni di Castells (2001), per fare dello sport spettacolo un possibile esempio della «nuova marca di capitalismo».

3. I nababbi accattoni

23A dispetto del denaro circolante, il sistema appare però afflitto da una vulnerabilità endemica. Nel 2004, la crisi da indebitamento dei club professionistici aveva imposto all’agenda politica il tema di una rateizzazione straordinaria dei debiti con l’erario, dimostrando come, nel pianeta del calcio professionistico, a montagne di introiti potessero corrispondere voragini di debiti e di passività. Niente di nuovo, peraltro: la storia dei grandi club, quale più quale meno, è da decenni una storia di bilanci in rosso e di forzate ricapitalizzazioni, di patrimoni famigliari dilapidati, di decreti «salvacalcio» o di misure «spalmaperdite» estorti ai governi di turno, di plusvalenze misteriose, di ricorso sistematico ai più fantasiosi artifici contabili. E anche di inquietanti connessioni con i più clamorosi crac industriali del dopoguerra, come nel caso della Lazio di Cragnotti e del Parma di Tanzi. In occasione della crisi del 2004 si scoprì, come documenta ancora Gambaro, che in soli sei anni le società di serie A avevano moltiplicato le perdite, passando dai 220 milioni di euro della stagione 1997/98 al miliardo del 2003/04. Cumulativamente, le perdite di gestione avevano raggiunto i tre miliardi e mezzo di euro, con un’incidenza sul fatturato passata dal 49% del 1999 al 93% dell’esercizio 2001/02. A tamponare il dissesto provvederanno le plusvalenze generate dalla compravendita di giocatori, con l’effetto di dilazionare i rischi da insolvenza a scapito della bonifica amministrativa delle società. La crisi finanziaria del 2004 è di particolare interesse perché riconducibile quasi per intero alla concentrazione oligopolistica delle risorse indotta dall’ineguale distribuzione dei diritti televisivi. Rese euforiche dalla dilatazione dei proventi e sovrastimandone l’espansione per gli anni successivi, le dirigenze dei club maggiori avevano incentivato i guadagni dei giocatori. In assenza di misure correttive, come il tetto salariale, ciò aveva reso molto rigidi i bilanci, danneggiando soprattutto le società meno ricche. La voce stipendi dei giocatori crescerà del 453% fra i primi anni ’90 e il 2003/04 e continuerà negli anni seguenti a pesare sul fatturato dei maggiori club italiani per il 75% contro il 64% di quelli francesi, il 55 degli spagnoli e appena il 46 dei tedeschi. Le squadre italiane, inoltre, non solo sono le più prodighe di emolumenti, ma anche quelle che mantengono un numero più elevato di giocatori in attività. La rosa media di un club professionistico italiano è composto di trentotto atleti e le società maggiori ne tengono a disposizione molti di più, con un basso tasso di impiego. Seguendo l’esempio inaugurato dal Milan fra gli Ottanta e i Novanta, capita addirittura che si acquistino giocatori senza farli giocare, solo per sottrarli alla concorrenza o per scambiarli in un labirinto di prestiti e comproprietà.

Tabella 4 Profilo cronologico dei campionati di serie A 1984-2006 ed eventi che hanno prodotto conseguenze significative nel sistema calcio

Campionato

Squadra vincitrice

Eventi significativi

1984/85

Verona

1985/86

Juventus

1986/87

Napoli

Publitalia acquisisce il controllo del Milan

1987/88

Milan

Primo scudetto era Berlusconi

1988/89

Inter

1989/90

Napoli

1990/91

Sampdoria

1991/92

Milan

1992/93

Milan

1993/94

Milan

1994/95

Juventus

Sentenza Bosman Televisione a pagamento

1995/96

Milan

Primo decreto spalmaperdite

1996/97

Juventus

Riconoscimento del fine di lucro per i club e possibilità di costituzione in spa

1997/98

Juventus

1998/99

Milan

1999/00

Lazio

Abolizione contrattazione collettiva dei diritti tv

2000/01

Roma

2001/02

Juventus

2002/03

Juventus

Dalla fusione di Stream e Telepiù nasce il gigante Sky (satellite)

2003/04

Milan

Nuove norme spalmadebiti, contestazione Ue

2004/05

Juventus *

2005/06

Juventus **

«Calciopoli» e ripristino contrattazione collettiva dei diritti tv

* titolo non assegnato a seguito della sentenza d’appello 2006.

** titolo revocato e assegnato all’Inter a seguito della sentenza d’appello 2006.

  • 2 Liguori e Napolitano (2004) hanno dimostrato come le società, malgrado reiterate diffide dell’Agenz (...)

24Nel volgere di pochi anni, le sorti dei club sono state consegnate nelle mani dei gestori dei diritti televisivi. Allo stesso tempo, le dirigenze societarie hanno via via smarrito qualunque capacità di manovra sul fronte delle uscite, vincolando i bilanci ai costi, insostenibili ma incomprimibili, degli stipendi dei giocatori. In regime di costi crescenti e di profitti invariati o declinanti, lo stesso mercato dei calciatori è divenuto facile preda di lobby ben introdotte, capaci, come dimostreranno gli atti del processo a Calciopoli, di dar vita a variabili coalizioni dedite al controllo di ingaggi e contratti. Lo scandalo del 2006 si condensa, non per caso, attorno al ruolo delle società di intermediazione e di procuratori abituati a gestire gli interessi di decine o centinaia di giocatori, agendo come una lobby trasversale che associa atleti appartenenti a club in competizione. Con possibile pregiudizio della correttezza dei comportamenti e della stessa credibilità del sistema. Sono questi circuiti a intercettare gran parte del flusso di denaro movimentato dal calcio spettacolo, a fronte dell’indebitamento costante delle società e di comportamenti fiscali quanto meno dubbi2.

25Il calcio professionistico italiano si è così man mano costituito come un sistema legibus solutus. La creazione di un potere parallelo, annidato in lobby professionali che controllavano i club e i nodi nevralgici del regime federale, rivela anche come fosse saltata da tempo qualsiasi catena di comando. La Figc, forte dei «numeri» del calcio, sopportava sempre meno qualsiasi interferenza dei vertici del Coni. A loro volta, i grandi club, ciascuno dotato di protezioni ai vertici federali e di autonoma capacità di esercitare pressioni a livello politico, si erano andati via via emancipando dalla tutela della Federazione. Quello che si viene delineando alla luce dei fatti dell’estate 2006 è, in sostanza, un regime in cui la competizione non è quella palese fra squadre che si confrontano sul campo di gara, bensì quella occulta fra lobby e cordate. Un regime consociativo, visto che tutti sapevano ma che nessuno osava ribellarsi. Al punto che i danneggiati, cioè i club medi o minori, preferiranno nella maggior parte dei casi dar vita a loro volta a piccoli protettorati anziché denunciare alla luce del sole il gioco truccato.

4. Un’arena politica e i suoi stakeholder

  • 3 Le dinamiche storico-sociali che hanno interessato il sistema calcio nel secondo dopoguerra sono ef (...)

26Attingendo alla sociologia delle organizzazioni, il sistema sportivo e i suoi sottosistemi, fra cui quello del calcio professionistico, possono essere descritti come un’arena politica (Benson, 1988) o come un campo organizzativo (Di Maggio e Powell, 1983). Spazi sociali in cui operano attori, come i club, caratterizzati da identità e convenienze differenti, i cui rapporti vengono regolati attraverso logiche di consenso, conflitto e negoziazione-rinegoziazione di regole e opportunità (Porro, 1997b; 2001)3.

27Il paradigma dell’arena politica, in particolare, suggerisce di far propria la rappresentazione degli attori come portatori di interessi da tutelare e di risorse che si propongono di massimizzare. Questi stakeholder agiscono entro reti, come la Figc, chiamate a regolare soggetti diversi (società professionistiche, settore amatoriale, calcio giovanile ecc.) e a operare al crocevia di più estese reti istituzionali, come il Coni, la Federazione mondiale del calcio (Fifa) e quella europea (Uefa).

28A usare il linguaggio della teoria, siamo insomma in presenza di una rete interorganizzativa che Zan (1988, 32) definisce

...un’arena politica all’interno della quale, date certe regole del gioco, le singole organizzazioni operano sia per acquisire subito il massimo dei benefici possibili, sia, in una prospettiva temporale di più lungo periodo, per creare le condizioni che consentano una modificazione a loro favore delle regole del gioco. In questa prospettiva ogni organizzazione metterà a punto strategie che tengano conto non solo delle dinamiche interne al network, ma anche più in generale delle dinamiche connesse ai rapporti che ciascuna organizzazione intrattiene con il contesto socio-politico nel quale è inserito il network.

29Nessun attore organizzativo può dunque essere osservato separatamente dagli altri ed è essenziale ricostruire le strategie elaborate di volta in volta da ciascuno di essi per conseguire le proprie finalità. Gli attori, peraltro, operano anche attraverso reti di tipo infraorganizzativo, come la Lega, che riunisce soltanto società caratterizzate dalla stessa configurazione giuridica, come i club professionistici di serie A e B. Ciascun attore istituisce con l’ambiente di riferimento relazioni di scambio e possiede la prerogativa di trasferire valore aggiunto al sistema, acquisendo diritti e un proprio potere di voice (Evan e Freeman, 1996; Clarckson, 1995; Rodin, 2005; Heinemann, 2006).

  • 4 È qui possibile occupaci soltanto degli stakeholder propriamente sportivi o comunque investiti di r (...)

Cinque sono gli attori stakeholder che intendo considerare:
i. le società professionistiche;
ii. le lobby dell’intermediazione;
iii. le tifoserie;
iv. le istituzioni sportive di regolazione e governo del sistema calcio;
v. le istituzioni pubbliche preposte al sistema sportivo4.

5. Le società: strategie nella crisi

30Nello scandalo sono coinvolte tre società che, fra il 1992 e il 2006, si erano aggiudicate (prescindendo dai due titoli revocati per via amministrativa alla Juventus) quattordici dei quindici scudetti assegnati: sette la Juventus, sei il Milan e uno la Lazio. Le quattro squadre condannate hanno fornito tredici giocatori alla nazionale italiana laureatasi campione del mondo nel luglio 2006 e dodici ad altre nazionali pervenute alla fase finale del torneo. La finale del 9 luglio aveva visto scendere contemporaneamente in campo otto campioni juventini (cinque con l’Italia, tre con la Francia).

  • 5 Uomo di fiducia di Berlusconi sin dal 1979, Galliani ne ha condiviso l’itinerario senza mai farsi c (...)

31La vicenda interessa, dunque, attori che hanno a lungo concentrato una quota consistente delle risorse materiali e simboliche a disposizione dell’intero calcio professionistico, alimentando non solo l’immaginario delle tifoserie, ma anche la più prosaica lievitazione dei diritti televisivi. Le quattro società discendono, tuttavia, da storie organizzative e storico-culturali diverse (Porro, 2002), come nell’opposizione, così evidente a metà degli Ottanta, fra il modello dinastico-imprenditoriale, incarnato dal connubio fra famiglia Agnelli e Juventus, e quello del Milan berlusconizzato. Già nei primi anni Duemila si era però assistito a una progressiva convergenza di strutture organizzative e modalità gestionali in direzione del paradigma dell’azienda d’intrattenimento. Questa autentica mutazione genetica era stata anticipata dall’esperienza del Milan e la personalità che più lucidamente ne ha disegnato il profilo è quella di Adriano Galliani. È lui il dirigente insediato da Silvio Berlusconi a presidiare due capisaldi del suo impero: il grande sport commerciale (Galliani è stato presidente del Milan sino al ritorno del capo, nella primavera del 2006, conservando inoltre l’incarico di vicepresidente vicario e amministratore delegato) e l’offerta televisiva del calcio intrattenimento5.

32La filosofia calcistica di Galliani può essere riassunta in alcuni passaggi dell’intervista da lui concessa a Maurizio Crosetti (Il gran cerimoniere del matrimonio tra il calcio e la tv, «Affari & Finanza» del 29 maggio 2006, p. 9). Nell’intervista, che segue di poche settimane l’avvio dell’indagine su Calciopoli, Galliani afferma:

…Le squadre sono aziende. La cosa più vicina al calcio è una major che produce film. La partita è una pellicola che dura novanta minuti. Lo stadio è la sala cinematografica. Lo sfruttamento tv è pressoché analogo a quello di un film. Attorno al film vanno poi create attività collaterali. I miei modelli di sviluppo sono la Warner e la Walt Disney. In quel senso io sviluppo il Milan. Quando acquistammo la società, nel 1986, la biglietteria rappresentava il 90 per cento del fatturato. Oggi il mix è 60% diritti tv, 25% sponsorizzazioni e attività commerciali, 15% biglietteria. L’85% va conquistato come in una qualunque altra azienda.

33Sarebbe difficile descrivere il mutamento del sistema con maggiore brevità ed efficacia. Da sottolineare il ricorso ad alcune parole chiave. La prima, azienda, evidenzia l’omologazione delle società calcistiche a soggetti produttivi, la cui mission è il puro perseguimento di profitti. La seconda è l’accezione manageriale della nozione di sviluppo: il Milan costituisce un modello aziendalmente sviluppato perché ha prodotto una radicale metamorfosi non solo dei propri assetti di bilancio, ma delle stesse logiche di azione. Quel 15% di fatturato prodotto dal botteghino è per Galliani l’amarcord delle vecchie tifoserie, una sopravvivenza romantica o un benefit del cuore del tutto irrilevanti per le politiche del club. È stata d’altronde la berlusconizzazione del Milan, fra la metà degli anni ’80 e la «discesa in campo» del Cavaliere alla fine del 1993, ad annunciare e sperimentare un più complessivo cambio di paradigma, basato sull’equazione fra sport e industria dell’intrattenimento, sull’aziendalizzazione e sul ridimensionamento dell’influenza delle tifoserie. Un modello che sarà progressivamente mutuato dalla maggior parte dei grandi club, così come nel sistema dei partiti farà irruzione la calcistizzazione della politica, che istituisce l’identificazione fra militante e tifoso e trasferisce alla competizione politica la radicale dicotomizzazione del conflitto (noi/loro) tipica dello sport di squadra.

34Galliani introduce anche l’equazione fra cinema e calcio, che risponderebbero a una sola filosofia e agli stessi imperativi produttivi. Le emozioni che lo sport trasmette non sono, però, artificialmente costruite in uno studio cinematografico, ma si producono in contesti di incertezza e vengono eccitate dall’imprevedibilità del risultato. Galliani sembra non avvertire l’uso insidioso che operatori spregiudicati potrebbero fare del suo ragionamento. Se infatti l’incertezza competitiva finisse per essere percepita come un puro rischio aziendale, la manipolazione dei risultati potrebbe apparire una risposta, illecita ma a suo modo razionale, all’esigenza di massimizzare gli investimenti minimizzando i rischi.

35L’inchiesta del 2006, ma anche le strategie difensive delle società coinvolte, ci descrivono lo stato di avanzamento della mutazione genetica dei club e segnalano, insieme, un problema di governance che riguarda l’intero sistema calcio.

36Non può stupire che la preoccupazione principale, condivisa dalle quattro blasonate società, riguardi gli effetti economici delle sanzioni anziché la difesa dell’onorabilità e del prestigio della squadra. Soprattutto la Juventus tenta, sin dalle prime battute, di scaricare tutte le responsabilità sulla passata gestione, liquidando il tandem Moggi-Giraudo senza neppure abbozzarne una difesa d’ufficio. La società, del resto, vive come un incubo l’avvicinarsi del fatidico 2007, quando rischia di dover ripianare perdite per decine di milioni. Operazione che l’effetto delle sanzioni renderebbe disperata, in presenza di una perdita di esercizio certificata in 36.5 milioni di euro e di un danno causato dalla retrocessione stimato complessivamente in 130 milioni. Il club bianconero si orienta dunque pragmaticamente al principio della riduzione del danno, sino a offrire nel processo di primo grado una soluzione cooperativa al classico dilemma del prigioniero. In sostanza, i legali del club bianconero si dichiarano pronti ad accettare retrocessione in serie B e penalizzazione pur di chiudere in fretta la partita giudiziaria. Ciò equivale a coinvolgere tutta la rete delle complicità di cui la Juventus ha beneficiato, chiamando in causa le società rivali e la stessa dirigenza federale.

37Con la sentenza d’appello, che condanna solo la Juventus alla retrocessione, assistiamo a una radicale conversione di strategia.

  • 6 Gli addetti ai lavori scrutano le mosse degli eredi Agnelli. Uno dei rampolli, John Elkann, era sta (...)

38La soluzione fornita in primo grado al dilemma del prigioniero è sconfessata e si passa a una controffensiva che riesce a tenere sulle corde lo stato maggiore di Figc e Coni, minacciando quel ricorso alla magistratura ordinaria che delegittimerebbe i giudici sportivi. Lo scontro che, secondo fonti giornalistiche, oppone i falchi dell’amministratore delegato Jean-Claude Blanc alle colombe del presidente Cobolli Gigli, è rivelatore di una crisi di identità più che di una semplice divergenza sulla conduzione della vertenza. Dopo la scomparsa di Gianni e di Umberto Agnelli e la liquidazione di Giraudo e Moggi, la società si trova a un bivio. Da una parte, la tentazione di un ritorno alla legalità sabauda, temperata dalla forma costituzionale che acquisirebbe la leadership degli eredi Agnelli. Dall’altra, l’impulso ad accelerare la conversione del paradigma nella direzione dell’azienda dell’intrattenimento, ispirata a quell’archetipo milanista tanto lontano dalla tradizione e dallo stile dei torinesi. In termini tattici, la linea della fermezza, imboccata dopo l’appello e conservata sino alla ricomposizione in extremis con Coni e Figc, serve forse a non dividere prematuramente la nuova dirigenza6. La quale, per un verso, può rappresentarsi come attore identitario e difensore della tradizione, e per l’altro può rivendicare alla propria ragionevolezza la pulizia interna e, più tardi, la scelta della ricomposizione negoziata con le istituzioni sportive. Il gigante ferito non è del resto un esercito in rotta. Può contare, secondo stime attendibili, su almeno dodici milioni di tifosi, un patrimonio che nessun soggetto commerciale e nessun interlocutore politico può sottovalutare. Possiede uno sponsor speciale, come la Tamoil, che conferisce al club 22 milioni l’anno anno soltanto per siglare la maglia e che appartiene alla Lafico, la finanziaria libica in possesso, a sua volta, del 7.5% del capitale azionario della Juventus. L’incognita, in questo caso, riguarda gli anni a venire, dato che la crisi juventina coincide con la trattativa intavolata per la possibile cessione della compagnia petrolifera al gruppo Erg. Sky ammortizzerà il danno commerciale versando al club bianconero 53 milioni all’anno, invece degli 80 pattuiti prima della retrocessione. Anche lo sponsor tecnico Nike, che fornisce tutta l’attrezzatura sportiva e 187 milioni cash sino al 2015, ha preferito tutelare il valore commerciale del brand anziché approfittare delle disavventure societarie. Si accontenterà di una riduzione del 30% dell’importo pattuito e limitatamente al periodo della permanenza in B della società. Mediaset non ha mai chiesto ufficialmente di ridimensionare i 218 milioni contrattati per il biennio 2006-2008. L’esodo dei giocatori ferisce l’immaginario del popolo juventino, ma allo stesso tempo consente di attuare un’operazione finanziaria e tecnica impensabile in regime di routine. Partono giocatori dai contratti onerosi e per lo più avviati a fine carriera, mentre nelle dissanguate casse bianconere entrano 43 milioni di euro e al nuovo allenatore Didier Deschamps rimangono in dote campioni come Del Piero, Buffon e Nedved, capaci da soli di fare la differenza in serie B. In occasione dell’assemblea degli azionisti del 26 ottobre, Cobolli Gigli annuncia un saldo negativo di bilancio di 36.5 milioni e ipotizza una contrazione dei ricavi compresa fra il 30 e il 35%, compensata però in parte dalle plusvalenze delle cessioni dei giocatori e dalla riduzione dei costi. In buona sostanza, quello inferto alla Juventus è certo un colpo durissimo, ma non irreparabile.

39Attraverso una partita che alterna teoria dei giochi e ricorso alle tattiche del poker in una sequenza di aperture, di bluff e di rilanci, la società raggiunge l’obiettivo di minimizzare il danno. Con l’arbitrato Coni di fine ottobre, la penalizzazione alla squadra retrocessa sarà ridotta a 9 punti. È quasi la garanzia di un immediato ritorno in serie A, destinato a compiersi all’insegna di una definitiva omologazione al modello dell’azienda d’intrattenimento.

40Se la Juventus ha rappresentato per decenni il modello dinastico-imprenditoriale, il Milan berlusconizzato aveva dato vita sin dal 1986 al paradigma che si può definire, con espressione cara al suo ispiratore, sinergico. Al mecenatismo industrial-familiare juventino, poco incline alla retorica della missione e orientato alla patrimonializzazione delle risorse, si era contrapposta la visione milanista del mondo e dello sport. Anzi: la squadra era divenuta, fra gli Ottanta e i Novanta, la rappresentazione tangibile di quella mission dell’impresa e di quella retorica del successo destinate a trasferirsi pochi anni dopo con gli effetti di un tornado nella politica italiana. La gestione è ispirata alla filosofia del network imprenditoriale: una rete di interessi il cui punto d’intersezione è individuato nell’associazione fra imprenditoria mediatica e leadership carismatica. Lo scandalo del 2006 coglie anche il Milan in una situazione di passaggio. Al comando, dopo la sconfitta elettorale di aprile, è tornato in prima persona Silvio Berlusconi, pronto a reclamare per il Milan gli scudetti annullati ai bianconeri (salvo definire più avanti l’inchiesta «un’enorme montatura», come farà il 24 settembre a Napoli) e a proclamarsi vittima designata del piano persecutorio di Borrelli.

41Al di là delle apparenze, nemmeno il Milan riberlusconizzato costituisce, tuttavia, la copia aggiornata di quello dei primi anni ’90.

42Il fuoco di sbarramento del presidente serve, in realtà, a spianare la strada al conseguimento di due obiettivi immediati: la permanenza in serie A del Milan e la possibilità di partecipare alle Coppe europee. Obiettivi che saranno conseguiti senza troppe tribolazioni già con la sentenza d’appello, evitando un danno potenziale di almeno venti milioni, destinato a raddoppiarsi nella successiva stagione calcistica se i rossoneri non avessero prontamente riagguantato il circuito internazionale. Nulla otterrà invece la società milanese in sede di arbitrato Coni.

  • 7 Seppure con minore enfasi di quella riservata dal collega Domenici alla difesa della Fiorentina, an (...)

43La Lazio affronta la tempesta in una situazione ancora più critica. La dirigenza di Claudio Lotito e del suo staff, che portano sulle spalle la pesante eredità della gestione Cragnotti, deve far fronte a una montagna di debiti che ammonta a 222 milioni di euro. Con il rischio incombente di un tracollo in Borsa che costringerebbe alla cessione dei pezzi più pregiati della squadra. L’inevitabile ridimensionamento del profilo tecnico e della competitività dei biancocelesti aveva peraltro alimentato da tempo il risentimento delle tifoserie verso la leadership societaria. Nell’ottobre 2006 viene addirittura alla luce una vicenda di pressioni indebite e di tentativi estorsivi ai danni delle dirigenze del club. Finiscono in carcere alcuni esponenti degli Irriducibili della Curva Nord e la magistratura non esita a indagare anche Giorgio Chinaglia, un mito vivente per le tifoserie biancocelesti. La linea della dirigenza si orienta dunque a due priorità: smorzare l’animosità degli ultrà e alimentare il vittimismo campanilistico, agitando lo spettro del declassamento simbolico della città7. La posta in palio è particolarmente alta: senza la riduzione del danno strappata grazie alla sentenza d’appello che la conferma in serie A e senza il successivo arbitrato, che riduce a soli tre punti la penalizzazione, la società non sarebbe stata in grado di ricapitalizzare entro il 2007, cercando di assorbire così i 154 milioni delle svalutazioni consentite dal decreto salvacalcio.

44Il caso della Fiorentina appare sostanzialmente diverso da quello delle altre società coinvolte. Si è già visto come il club viola, attraversato sin dagli anni della gestione Cecchi Gori da un’acuta conflittualità interna e da drammatici problemi finanziari, presentasse una composizione del bilancio atipica rispetto alle altre grandi società. Il sistema Della Valle, meno dipendente dai diritti televisivi, è però il più influenzato dalla pressione delle tifoserie organizzate. Anche per questo la dirigenza aveva investito massicciamente nel potenziamento del parco giocatori, spendendo solo nel 2002 qualcosa come ottanta milioni di euro. La sentenza di primo grado, se confermata in appello, poteva avere effetti fatali per una gestione che, alla data del 14 luglio, aveva da fronteggiare debiti pari a due volte e mezzo i ricavi. Anche il club viola, dipingendosi come un trasgressore «per ragioni di forza maggiore» e conservando così la serie A con una penalizzazione definitiva di 15 punti (quattro «scontati» con l’arbitrato del 27 ottobre), raggiunge l’obiettivo minimo.

45Nella vicenda che si sviluppa a cavallo fra la primavera e l’autunno 2006 entrano in seconda battuta altre due società, entrambe accusate di illecito amministrativo e destinate a interpretare il meno traumatico ruolo di comprimarie. Sono la Reggina e l’Arezzo, l’unica società di serie B coinvolta. Sovrastate dal protagonismo dei club maggiori, scivoleranno nella scandalo giocando una partita di rimessa che troverà conclusione anch’essa con la procedura dell’arbitrato federale.

46Seppure in forme e con modalità diverse, tutte le società analizzate affrontano lo scandalo e cercano di contenerne gli effetti in contesti di movimento e di avvicendamento di leadership. La vicenda opera così anche come volano di crisi endogene e ne accelera gli sviluppi. Esemplare è il caso della Juventus, per la quale Calciopoli rappresenta l’occasione per una resa dei conti in seno a un gruppo dirigente impegnato in una transizione di modello societario. Il Milan sta sperimentando la convivenza di una leadership imprenditoriale pura, come quella di Galliani, con il ritrovato protagonismo di una personalità certo poco incline alla condivisione del potere, come quella di Berlusconi. Lazio e Fiorentina sono club in cui i nuovi dirigenti stanno ancora cercando di consolidare le proprie leadership dopo il tornado economico e giudiziario che aveva spazzato via i vecchi presidenti Cragnotti e Cecchi Gori. Sul ponte di comando ci sono adesso due figure di imprenditori, fra loro assai diverse. Uno, il laziale Claudio Lotito, è un imprenditore dei servizi (pulizia e sanificazione) con interessi nel mercato immobiliare e considerato vicino ad ambienti del centrodestra. L’altro è quel Diego Della Valle che ha realizzato una delle maggiori imprese nel settore dell’abbigliamento e del lusso e che si è a più riprese scontrato, anche platealmente, con Silvio Berlusconi.

47I club hanno perseguito così alcuni obiettivi comuni, riassumibili nella formula della riduzione del danno, per contenere le conseguenze economiche delle sentenze e per difendere o consolidare leadership deboli o ancora in fase di accreditamento. In quanto portatori di interessi, ciascuno tende però a instaurare con l’ambiente di riferimento dinamiche negoziali che permettano di massimizzare le risorse di scambio a sua disposizione. Sono le logiche d’azione indotte dalla mutazione genetica e dall’affermarsi del paradigma dell’azienda dell’intrattenimento.

48Gli sviluppi della vicenda mostrano, infatti, come il patrimonio identitario dei club si fosse ridotto per tutti a un mero marchio aziendale, il cui sfruttamento commerciale veniva affidato a professionisti privi di qualunque appartenenza affettiva alla società. Questi specialisti del mercato sportivo avevano finito per condizionarne l’offerta, dando vita, per passi successivi, alla «posizione dominante» esercitata da una lobby. Un esito non legalmente perseguibile, anche se più attinente alla logica aziendale che a quella sportiva, se non si fosse prodotto attraverso abusi e comportamenti collusivi. I quali sono, invece, sicuramente illeciti. L’equilibrio competitivo, essenziale all’esperienza sportiva, era stato così alterato, generando processi di emarginazione, omologazione subalterna o disincentivazione nei club esclusi dal ponte di comando (Szymanski, 2003; Caruso, 2005). La posizione dominante implicava, di fatto, il controllo dei gangli nevralgici della rete (designazioni arbitrali, incarichi federali, mercato dei giocatori) a danno dei soggetti più deboli, come le squadre di provincia. Le quali, ci spiegano le sentenze, non di rado preferivano scendere a patti con i padroni del vapore anziché denunciarne gli abusi.

49Nei fatti, tutto ciò ha favorito il dissesto delle società, a dispetto del volume commerciale generato dai diritti televisivi. Le perdite dei club si sono moltiplicate nel tempo, autorizzando interrogativi sulla vocazione autolesionistica che sembrerebbe muovere i candidati alle dirigenze societarie.

  • 8 Non esistono neppure, in Italia, esempi di club che si siano avventurati sulla strada del Mancheste (...)

50Senza scomodare le teorie sulla razionalità dell’attore, è evidente che il calcio di club conserva, malgrado la trasformazione dei pubblici e la disaffezione di parte consistente delle tifoserie, una forte valenza di status. Specialmente nelle città di provincia, il presidente della società di calcio è spesso l’unico personaggio capace di rivaleggiare in popolarità con il sindaco, assumendo il rischio economico come un anomalo costo di comunicazione. La popolarità acquisita per meriti sportivi e attraverso forme di scambio politico può, a sua volta, generare esternalità in altri campi. Il sostegno economico a beneficio della squadra locale è un prezzo che l’imprenditore spesso accetta di pagare come contropartita per altri possibili benefici o per guadagnare crediti nei confronti dell’amministrazione in carica. Questa combinazione di vanità, opportunismo e dilettantismo gestionale presenta ovviamente rischi finanziari. I quali sono stati spesso in passato accollati per via fiscale alla collettività, occultando gli effetti perversi della mutazione genetica. Le tifoserie sono state cacciate dagli stadi, ridimensionando drasticamente i proventi del botteghino. I padroni delle tv hanno dettato le loro condizioni, sfruttando capacità negoziali ignote alle dirigenze dei club. Queste ultime, a loro volta, non hanno neppure saputo esplorare opportunità complementari rispetto alla cessione dei diritti tv. Pochi passi in avanti sono stati fatti, ad esempio, sulla strada della gestione imprenditoriale con finalità commerciali e/o sociali delle imponenti e sottoutilizzate volumetrie degli stadi. Le uniche misure finanziarie assunte sono consistite nell’aumento del prezzo dei biglietti, con esiti persino controproducenti, data l’esiguità degli spettatori interessati ai posti più costosi. Sponsorizzazioni e merchandising hanno fornito una resa commerciale modesta8.

  • 9 La ricerca condotta da StageUp per il Sole24ore fornisce altre informazioni interessanti. Il campio (...)

51Ancora una volta, la comparazione internazionale è impietosa nel mostrare il declino della capacità di attrazione del calcio spettacolo italiano e anche la scarsa qualità professionale del suo management. Secondo le stime di StageUp (2006), alla vigilia del campionato 2006/07, il primo dopo lo scandalo, la Bundesliga tedesca scavalcava per la prima volta la Serie A italiana in termini di fatturato. A pesare la retrocessione della Juventus, ma anche la maggiore capacità dei tedeschi di gestire le sponsorizzazioni. Si vedano le figure 2-6, che mettono a confronto la composizione dei fatturati delle cinque principali leghe europee9.

Figura 2 Ricavi da sponsor in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Figura 2 Ricavi da sponsor in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Fonte: StageUp (2006)

Figura 3 Ricavi da merchandising in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Figura 3 Ricavi da merchandising in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Fonte: StageUp (2006)

Figura 4 Ricavi da biglietteria in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Figura 4 Ricavi da biglietteria in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Fonte: StageUp (2006)

Figura 5 Ricavi da diritti tv in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Figura 5 Ricavi da diritti tv in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Fonte: StageUp (2006)

Figura 6 Fatturato tolale in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Figura 6 Fatturato tolale in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07

Fonte: StageUp (2006)

52In breve. Fra le cause dalla crisi da cui germoglia il dissesto finanziario dei club e lo scandalo del 2006, c’è anche la pochezza imprenditoriale delle dirigenze di club. Il calcio trasformato in industria dell’intrattenimento non riesce a farsi impresa se non sviluppando manipolazione delle regole e dinamiche oligopolistiche. In questo senso, è possibile rintracciare un filo rosso che unisce la crisi infinita delle dirigenze societarie, le tentazioni secessionistiche del neocalcio nei confronti del sistema sportivo ufficiale e il declino dell’equilibrio competitivo dei campionati.

  • 10 Meyer e Rowan (1977) definiscono il fenomeno dell’isomorfismo organizzativo come la tendenza (a) a (...)

53Le sentenze di luglio ci restituiscono l’immagine di società che, pur conservando «residui e derivazioni» dei vecchi modelli – dalle tentazioni neodinastiche della Juventus al mecenatismo dei Della Valle –, appaiono ormai in larga misura omologate al paradigma dell’azienda di intrattenimento. Si afferma così una tendenza all’isomorfismo che è diretta derivazione del predominio acquisito dagli interessi legati ai diritti televisivi10.

6. Le lobby dell’intermediazione: piccolo mondo Gea

54Un aspetto importante della mutazione genetica del calcio professionistico riguarda l’emergere di attori capaci di controllare i flussi delle risorse economiche, le carriere dei giocatori e le relazioni strategiche nell’ambiente di riferimento. Esemplare è il caso della Gea World, una società di procuratori entrata alla fine di maggio nelle indagini della Procura di Roma e in cui convergono tanti protagonisti dell’intera vicenda collegati, anche per ascendenze famigliari, al management dei club.

  • 11 Quando lo scandalo esplode, la società ha cura di atleti come Nesta, Di Vaio, Oddo, Giannichedda, T (...)

55Quando lo scandalo prende corpo, la Gea World è già da anni la società leader nel settore dell’intermediazione calcistica, considerando che gestisce le procure di circa duecento calciatori fra serie A e C/211.

56La società organizza anche eventi legati allo sport, come Expogoal, ed estende le proprie attività ai diritti d’immagine, alle coperture assicurative e alle convenzioni. È, alla lettera, una società di figli d’arte, una perfetta esemplificazione dei sistemi dinastici costituitasi nel 2001 attraverso la fusione fra la General Athletic di Andrea Cragnotti e Francesca Tanzi (figli degli allora proprietari di Lazio e Parma) e la Football Management di Alessandro Moggi, figlio del più famoso Luciano. Per la precisione, gli azionisti della Gea World erano Football Management e General Athletic al 45% per testa, e Riccardo Calleri, figlio dell’ex presidente di Lazio e Torino, con il 10%. Football Management era controllata al 60% da Moggi junior e al 40% da Franco Zavaglia, ex procuratore di Totti. A dividersi General Athletic con il 20% a testa erano inizialmente Andrea Cragnotti, Chiara Geronzi (giornalista del TG5 e figlia del presidente di Capitalia, Cesare) e Francesca Tanzi, mentre il restante 40% apparteneva a Romafides, una fiduciaria del gruppo Capitalia.

57Primo presidente della nuova società sarà Chiara Geronzi, rilevata nell’incarico pochi mesi dopo da Alessandro Moggi, con Riccardo Calleri nei panni del vice e Giuseppe De Mita, figlio dell’ex leader democristiano Ciriaco, in qualità di direttore generale. Nel panorama delle illustri genealogie spicca anche il nome di Davide Lippi, figlio dell’ex allenatore della Juventus e poi della nazionale campione del mondo.

58La storia della società e delle mutevoli coalizioni che si formano al suo interno, con frequenti avvicendamenti di ruoli e scambi di poltrone, è piuttosto complicata. Accusata a più riprese da società concorrenti e singoli procuratori di abuso di posizione dominante e di poter perciò influenzare partite e risultati, nonché sotto tiro per il potenziale conflitto d’interessi derivante dalle relazioni di parentela fra manager intermediari e dirigenti di società, nel marzo 2002 la Gea World era stata oggetto di un’inchiesta della Federcalcio. L’indagine, affidata a dieci saggi di nomina federale, si era conclusa stabilendo che la società operava «legittimamente e senza commettere violazioni regolamentari». L’Agenzia Garante della Concorrenza e del Mercato, nella sua Indagine conoscitiva sul calcio professionistico, conclusasi il 24 maggio 2006, osserva però che, in contrasto con le norme Fifa, «le previsioni [del Regolamento agenti Figc, n.d.r.] sono suscettibili di condizionare in maniera significativa la condotta degli agenti di calciatori sul mercato, così da ostacolare le opportunità di confronto concorrenziale tra gli operatori e da favorire comportamenti collusivi». Costituisce una coincidenza non priva di significato il fatto che appena due giorni dopo la Procura di Roma, che indaga su questioni connesse agli scandali del calcio, decida l’iscrizione nel registro degli indagati di alcuni titolari della società.

59Si assiste, così, a due processi speculari. Da un parte al crescente isomorfismo dei club, nella direzione del modello aziendale. Dall’altra allo sviluppo di lobby e poteri informali sospettati di concorrere a forme di regolazione occulta del calcio professionistico. È questo l’esito provvisorio del cambio di paradigma avviato negli anni ’90 e che, come l’inchiesta dimostra, ha condotto nel tempo alla mutazione genetica. Fra i cui effetti c’è quello di aver reso più precaria e fragile la complessiva governance del sistema.

7. Un universo residuale: i tifosi

60Ancora nei primi anni ’90 anni sarebbe parso stravagante differenziare l’analisi delle società da quella delle loro tifoserie. La mutazione genetica ha cambiato le cose radicalmente. Lo stakeholder societario ha ormai ben poco a che spartire con quel tradizionale attore dell’espressività e dell’identità rappresentato dai tifosi. I quali, a loro volta, si sono segmentati in gruppi differenziati.

  • 12 Liguori e Smargiasse (2003), in un saggio dedicato alla rivoluzione del calcio spettacolo dal punto (...)

61I tifosi si configurano come consumatori speciali (Porro, 2005), acquirenti di beni immateriali a forte densità emozionale, come la passione, il sentimento di appartenenza, la lealtà alla squadra del cuore. Questo rende loro impossibile l’esercizio, come nella maggior parte delle relazioni commerciali, dell’exit. È più frequente imbattersi in casi di conversione religiosa che di cambiamento di appartenenza calcistica. Il malessere si esprime perciò in due distinte manifestazioni. La prima, pur non pregiudicando la lealtà ai colori sociali, genera la silenziosa fuga dagli stadi tangibile fra i Novanta e i Duemila. L’esito è spesso il ripiegamento del tifoso nel ruolo, meno emotivamente coinvolgente ma più confortevole e rassicurante, dell’utente della televisione a pagamento. L’altra forma, che possiamo ricondurre alla categoria della voice, è quella che si esprime nella contestazione sempre più aggressiva e fragorosa di cui, nel quindicennio della colonizzazione televisiva, quasi tutte le dirigenze societarie sono fatte oggetto da parte delle tifoserie organizzate. Le quali, del resto, hanno quasi ovunque e quasi del tutto reciso i legami di devozione con i «padroni dei club». La vera e propria guerra dichiarata dal movimento ultrà al fenomeno denominato, in mancanza di meglio, «calcio moderno» o neocalcio, costituisce un aspetto significativo di questa dinamica e ne mette in luce una interessante dimensione socioculturale12.

62La generale contrazione percentuale dei proventi da botteghino e l’avvento della televisione a pagamento hanno d’altronde reso i tifosi meno interessanti agli occhi delle dirigenze di club. E hanno favorito una tendenziale differenziazione interna delle tifoserie fra pubblico committed e uncommitted (Szymanski, 2001). Gli spettatori del primo tipo, nel modello teorico proposto, sono quelli tradizionalmente identificati con il pubblico fisicamente presente agli incontri e coinvolto, in varie forme, nella vita delle società. Gli uncommitted rappresenterebbero, invece, una classica utenza commerciale, più interessata all’intrattenimento e alla qualità tecnica e spettacolare del prodotto acquistato. Per Szymanski, essi trarrebbero il proprio utile di consumatori dall’incertezza del risultato e sarebbero perciò i più interessati al gioco pulito. È però dubbio che questo schema di analisi, mutuato dall’esperienza nordamericana, sia facilmente applicabile al calcio italiano e, più in generale, al modello sportivo europeo.

…Riferirsi all’audience mondiale di Milan-Barcellona – argomenta, per esempio, Giocoli (2006) sul sito della «Voce», che aveva promosso un vivace dibattito sull’ipotesi Superlega – significa avere in mente i tifosi uncommitted, quelli cioè che tipicamente non vanno allo stadio, guardano il calcio in tv e, pur parteggiando per una squadra, non hanno una forte preferenza per i suoi successi quanto per la qualità dello spettacolo. Questi sono anche i tifosi che popolano i modelli degli economisti dello sport nordamericani, ovvero quelli che si ritiene perdano interesse in una competizione troppo squilibrata. Pur riconoscendo che la pay-tv è stata una vera rivoluzione per il calcio italiano, perché ha grandemente ampliato la platea dei tifosi uncommitted, rimane che in Italia e negli altri paesi europei, sono numerosi, e forse ancora maggioritari, specie per le squadre minori, i tifosi committed. Sono i «veri» tifosi, quelli cioè per i quali Ascoli-Milan conta quanto, se non più, di Milan-Barcellona, ovvero quelli il cui interesse per l’evento sportivo non cala al crescere del divario tecnico e per i quali, quindi, l’argomento della tutela dell’equilibrio competitivo non vale.

63Gli effetti dello scandalo del 2006 sulle tifoserie saranno verificabili solo a una certa distanza di tempo. Probabilmente, i tifosi più fidelizzati consumeranno presto la loro rabbia, fra orge di vittimismo e immancabili attacchi alle dirigenze di club. La loro è per definizione una fede e risponde a specifiche categorie comportamentali, che la razionalità economica e la stessa tradizionale etica sportiva faticano ad esplorare. Li ritroveremo, vocianti e impotenti come prima, sulle curve di tutti gli stadi.

64Meno scontate le reazioni di quel più vasto pubblico sportivo composto da autentici tifosi (non da semplici uncommitted) che non per questo sono rassegnati ad acquistare – in qualità di spettatori allo stadio o di utenti televisivi – un prodotto artefatto come una partita truccata.

  • 13 I teletifosi e gli stessi uncommitted possono anche sviluppare forme di mobilitazione anomale rispe (...)

65È anche possibile, inoltre, che in Italia, come nel resto dell’Europa calcistica, si stia profilando una figura intermedia fra quella dello spettatore committed e quella dell’uncommitted. Il suo profilo è del tutto assente dal panorama archetipico degli Usa e potremmo denominarlo del teletifoso. Questi non va assimilato a un orso domestico, pigramente allungato davanti a un televisore debitamente sintonizzato sul canale riservato alla squadra del cuore. La tendenza emergente, che le politiche promozionali delle tv a pagamento sembrano entro certi limiti favorire, è alla costituzione di pubblici a distanza, raccolti in sedi societarie o in bar, in circoli o ritrovi di vario genere. Ambienti capaci di generare un surrogato dell’atmosfera dello stadio senza mettere a rischio la pace televisiva fra le mura di casa e con notevole contenimento dei costi. Questo genere di pubblico utente associa alcuni tratti delle vecchie tifoserie committed – il rituale comunitario del gruppo – ad elementi più caratterizzanti il pubblico uncommitted, come l’attenzione alla qualità del gioco esaltata dall’impiego di tecnologie dedicate13. I teletifosi, accontentandosi di un surrogato di teatralità in cambio di una fruizione più orientata alla qualità dell’evento, nonché meno inclini a relazioni di gregariato-conflitto nei confronti delle dirigenze, si differenziano così dalle classiche tifoserie espressive. Queste ultime, sopravvissute alla rivoluzione della tv a pagamento, costituiscono l’immediata retrovia dell’universo ultrà, più interessato a teatralizzare l’appartenenza e a inscenare celebrazioni identitarie che non a godere il contenuto tecnico dell’incontro.

66A conferma della diaspora dagli stadi dei pubblici meno fidelizzati, si possono consultare i dati relativi al botteghino, almeno quelli disponibili ai primi di settembre 2006, cioè a pochi giorni dall’avvio del primo campionato successivo allo scandalo e all’impresa azzurra ai Mondiali. Già nella stagione 2005/06 i club di serie A avevano perso 323.000 spettatori paganti e 55.000 abbonati. Un anno dopo la tendenza è prevedibilmente più netta, anche se è difficile misurare con precisione l’impatto commerciale delle vicende analizzate. Il Milan superava a stento i 30.000 abbonati (nel 1991/92 si era raggiunta la cifra record di 71.895) contro gli oltre 50.000 dell’anno precedente. La Lazio, che nel 2003 aveva raggiunto quota 41.279 e nel 2005/06 si era attestata a 18.607 abbonamenti, segnalava un vero e proprio tracollo: poco più di cinquemila prelazioni. La Fiorentina dimezzava gli abbonati, scendendo a 11.000, anche se la cancellazione della squalifica del campo avrebbe consentito qualche recupero successivo. In attesa dei dati sulla retrocessa Juventus, si può però con certezza affermare che gli effetti di Calciopoli sui club penalizzati non fanno altro che enfatizzare una tendenza già attiva da anni.

67La stessa Inter, estranea ai fatti e gratificata di uno scudetto vinto a tavolino, si attestava su valori più vicini a quelli dei rivali milanisti, ma ancora sotto di oltre diecimila abbonamenti rispetto al 2005/06. La Roma, da stime ufficiose, risultava ai primi di settembre sotto i ventimila abbonati contro i 25.118 dell’anno precedente e i 46.281 del 2001. Prevedibile la crescita degli abbonati alle due neopromosse Catania e Torino, colpiva il forte calo della Sampdoria e stupivano le difficoltà del Palermo, pur beneficiato da una fortunata campagna acquisti.

68Una previsione attendibile stimava per la stagione 2006/07 della Serie A una perdita di 16 milioni di euro negli introiti da pubblico pagante, con una flessione del 17% rispetto all’anno precedente. Il decremento è quasi esattamente lo stesso registrato nel 2005/06 rispetto al campionato precedente, a ulteriore dimostrazione che la disaffezione degli appassionati ha origini non riducibili alla momentanea indignazione per lo scandalo o alle conseguenze della retrocessione di una primadonna come la Juventus.

69L’11 ottobre, quando il campionato 2006/07 ha già preso l’avvio e ancora si attendono gli esiti dell’arbitrato, la Consob, attraverso il suo responsabile divisione emittenti Massimo Ferrari, presenta alla Commissione Cultura della Camera un’allarmata relazione sulla situazione finanziaria dei club calcistici e sull’andamento dei titoli borsistici delle tre società quotate. «I programmi di diversificazione – si legge nella relazione – non sono andati in porto, i margini garantiti dei diritti tv tendono a diminuire e la fragilità del calcio ha trovato puntuale riscontro a Piazza Affari…il potere è nelle mani di poche persone chiave, mancano i controlli e ci sono carenze nelle verifiche». Non è più tempo di plusvalenze fantasma e di provvedimenti spalmaperdite, incompatibili con le norme Ue. L’adozione dei nuovi principi contabili potrebbe aggravare la situazione: cessati gli effetti dello spalmaperdite, la Roma dovrebbe fronteggiare una voragine di 80.2 milioni di euro, la Lazio di 127.7. Cifre superiori ai patrimoni certificati delle due società. Per far fronte alle difficoltà, si fa ricorso anche nel calcio alla finanza creativa. Vendendo a se stessi il marchio societario il Milan si intesta 186 milioni e la Lazio 93.

8. Sistemi anfibi: le istituzioni sportive

70A fronte della gravità degli illeciti documentati dalle sentenze e della criticità della situazione finanziaria dei club maggiori, colpisce la debolezza della reazione delle istituzioni sportive, dal Coni alla Figc ai vari sottosistemi collegati (Lega, Associazione arbitri). La crisi di governance del sistema del calcio professionistico italiano (e, in parte, europeo) non è del resto un fatto nuovo. Risale, come si è detto, alla metà degli anni ’90, quando irrompono sulla scena del calcio professionistico nuovi attori, come la televisione commerciale e le società di intermediazione, per definizione osmotiche al sistema ma allo stesso tempo estranee alle sue tradizionali logiche di azione. Si produce così una costituzione materiale basata sulla tutela prioritaria degli interessi dei superclub, che le istituzioni preposte non sanno o non vogliono contrastare. Il sistema va incontro a una profonda crisi di rappresentatività, che nel tempo rischia di trasformarsi in una crisi di legalità. Sono anni in cui tutti, dalle consorterie dei club alle istituzioni sportive ufficiali, cedono all’euforia indotta dalla sostenuta crescita degli indicatori economici e soprattutto di quelli borsistici. Ciò porta a sopravvalutare il boom iniziale delle televisioni a pagamento e a sottovalutare l’intrinseca fragilità finanziaria delle società. Sempre più estraneo ai vincoli di solidarietà dello sport olimpico, mentre Coni e federazioni si dibattono nella crisi indotta dal tracollo dei concorsi pronostici, il calcio professionistico attua una secessione strisciante già alla fine dei Novanta. Di fatto, il grande calcio fugge dalla casa madre, portando con sé la cassa dei diritti televisivi e dei contratti astronomici. Difficile immaginare un efficace ruolo di vigilanza da parte del sistema olimpico su un segmento organizzativo depositario di interessi così imponenti, il cui controllo è affidato non a un’authority, bensì ai precari strumenti di controllo di cui dispongono, in un disfunzionale regime consociativo, Federcalcio e Lega.

71In omaggio a statuti obsoleti, la Figc deriva il proprio potere dagli stessi soggetti sottoposti alla sua vigilanza: controllori e controllati si identificano, generando un fisiologico quanto inestricabile conflitto di interessi. Non può meravigliare, perciò, come in seno alla Federazione si fosse da tempo affermato, sostengono le sentenze, un regime fondato sul potere di influenza dei maggiori portatori d’interesse. A farla da padroni sono i grandi club monopolisti delle risorse televisive e capaci di controllare la maggior parte delle società minori. Una rete di interessi trasversali la cui gestione e manutenzione è nelle mani delle lobby dinastiche dei procuratori.

72In altre parole, la Federcalcio costituisce un potere consociativo che non possiede un ruolo di authority né la volontà di esercitarlo. Consociativa è anche la selezione dei gruppi dirigenti, come prova il plebisicito tributato a Carraro, già Presidente federale fra il 1976 e il 1978 e Commissario straordinario dieci anni dopo, in occasione della sua rielezione, il 28 dicembre 2001. La stessa derubricazione a «culpa in vigilando» delle imputazioni a Carraro, nel passaggio dalla sentenza di primo grado a quella di secondo grado, se da un lato ridimensiona le responsabilità legali del presidente, dall’altro conferma indirettamente l’impotenza della Figc e la speculare potenza acquisita dalla oligarchia dei grandi club e dalle società di procuratori ad essi collegate.

73La vulnerabilità del sistema, anzi la sua tendenziale privatizzazione a opera di interessi affaristici, discende anche dal carattere non perfettamente concorrenziale del mercato calcistico. Ciò contribuisce a evidenziare l’intrinseca ambiguità della Federcalcio. La sua missione statutaria è duplice: garantire l’equilibrio competitivo e assegnare il titolo sportivo, cioè quel bene immateriale e intrasferibile che consente alle società di partecipare ai rispettivi campionati. Per un lato, l’equilibrio competitivo risponde alla razionalità economica: se l’equilibrio viene alterato in maniera significativa, il prodotto calcio perde appetibilità commerciale. Per l’altro, il titolo sportivo viene assegnato e gestito in base a principi «propri dell’ordinamento», con ampia discrezionalità e a prescindere da qualsiasi vincolo di natura economica. Al punto, osserva Corrado (2006), che le società sportive, trasformate nel 1996 in società di capitali a tutti gli effetti e in qualche caso quotate in Borsa, rimangono sottoposte a controlli finanziari specifici «allo scopo di garantire il regolare svolgimento dei campionati».

74Questa contraddizione fra vincoli economici del sistema e poteri discrezionali attribuiti a un soggetto quale la Federazione, privo delle prerogative di un’authority – visto che tale potere discende dalla riconosciuta terzietà dell’attore che lo esercita e non può derivare da logiche negoziali e consociative – è fra le cause dell’ingovernabilità del calcio professionistico.

75Ancora più ambiguo è il profilo della Lega professionisti. Uno stakeholder che costituisce un caso di scuola di conflitto di interessi, ben al di là di quello attribuito al ruolo personalmente esercitato dall’ex presidente Galliani, allo stesso tempo rappresentante degli interessi dei club e operatore di primo piano nel mercato dei diritti televisivi. La cosiddetta Lega di Milano, per un verso, amministra la gestione dei campionati per delega Figc in una logica universalistica, giacché assume il campionato e lo spettacolo calcistico come una sorta di bene collettivo. Per l’altro, è chiamata a tutelare gli interessi, per definizione particolaristici, dei club affiliati. Anche a questa contraddizione, sollevata dallo scandalo, non verrà data risposta. Anzi: dopo le forzate dimissioni di Galliani, è chiamato a succedergli Antonio Matarrese, l’uomo che meglio incarna la continuità, e perciò la sostanziale refrattarietà dei club al cambiamento. Matarrese, ininterrottamente Presidente federale dal 1986 al 1997 e già fra il 1982 e il 1987 Presidente della Lega professionisti, non tarderà infatti a mobilitare la Lega contro le intenzioni riformatrici del Commissario Rossi, in nome della conclamata «autonomia» del sistema calcio. E sarà l’alleanza fra i grandi club, la Lega e il partito di Berlusconi a contrastare la ripartizione paritaria del 50% dei diritti tv contenuta nel ddl del governo e ispirata al modello Champions League. Una soluzione particolarmente poco gradita al Milan, titolare di contratti a scadenza 2010.

76Una riflessione a margine può riguardare la giustizia sportiva. Un attore non trascurabile della vicenda, ma che a più riprese rischierà di esserne travolto. Si è visto come non siano mancati tentativi di delegittimarne ruolo e funzioni, a dispetto delle norme sancite nel 2003 e degli appelli del Coni a mantenere il contenzioso «nei confini dell’ordinamento sportivo».

77In quanto organo disciplinare, la magistratura sportiva non ammette del resto altro foro competente. Ciò ha generato, nel corso della vicenda del 2006, contestazioni non disinteressate ma basate su un solo argomento rilevante. Esso non riguarda la legalità formale, bensì la legittimità sostanziale della giustizia sportiva quando essa sia chiamata a decisioni che possono avere effetti su ambiti molto più vasti e sensibili di quelli di competenza di una magistratura di settore. L’esistenza di un ordinamento separato riflette un modello sportivo antiquato e ispirato alla filosofia degli ordini corporativi. Nello stesso tempo, non si può negare che lo sport costituisca un’attività sui generis, che ha bisogno di verdetti celeri e insindacabili per ripristinare equilibri competitivi violati da infrazioni o illeciti. Si spiega così perché la giustizia del settore accolga il principio della responsabilità oggettiva. Inapplicabile dalle norme penali perché può punire soggetti non personalmente colpevoli, esso costituisce invece il solo strumento capace di restituire regolarità a una competizione alterata. La retrocessione della Juventus, ad esempio, colpisce atleti e tifosi che potrebbero non avere soggettivamente nulla a che fare con le trame della vecchia dirigenza del club. Il provvedimento risarcisce però squadre oggettivamente danneggiate dall’alterazione del campionato. In passato la magistratura sportiva si era dovuto di rado misurare con problemi di tale portata. Non erano tuttavia mancate sanzioni esemplari, come quelle che avevano colpito il Genoa e il Napoli. La definizione degli ambiti di applicazione e delle competenze di questo sottosistema, specie nello sport professionistico, costituisce peraltro un ennesimo argomento a conferma dell’esigenza di una riforma dell’intero sistema.

9. Riformare l’irriformabile: una sfida per lo Stato

78Alle radici di Calciopoli ci sono una mutazione del calcio professionistico e un deficit di regolazione istituzionale. L’uomo chiamato a traghettare il sistema fuori dello scandalo è il giurista Guido Rossi, che il 16 maggio viene nominato dal Coni commissario straordinario della Federazione. Rossi è una figura di frontiera fra istituzioni sportive e sistema politico. Gradito al governo Prodi, che si è appena insediato, e sostenuto dal ministro titolare del nuovo dicastero per lo sport, Giovanna Melandri, ispira il suo mandato all’esigenza di un profondo cambiamento delle regole del gioco. Padre della legislazione antitrust italiana ed ex parlamentare della sinistra, Rossi opera in margini temporali ristretti. La sua è una corsa contro il tempo, prima che si ricomponga il fronte delle corporazioni minacciate, come il commissario lascia intendere in un’intervista concessa a «La Repubblica» il 17 agosto. La designazione di Borrelli alla testa dell’Ufficio Indagini federali, i tempi rapidi imposti ai procedimenti contro il partito della sanatoria, sono i passaggi cruciali che scandiscono il tentativo di Rossi. Il suo programma, del resto, discende dalla diagnosi della crisi che il commissario straordinario formula il 12 luglio in occasione di un’audizione alla Camera:

…l’aspetto più preoccupante della crisi del sistema calcio è la cattura e l’asservimento a interessi di parte dei vertici e degli organi di controllo della Figc e delle sue componenti più importanti (come gli arbitri): indipendentemente dalla rilevanza penale e/o per la giustizia sportiva, il cuore dello scandalo è la fortissima capacità di condizionamento e influenza dei e sui soggetti che avrebbero dovuto garantire, in posizione di terzietà, la regolarità dei campionati, la corretta distribuzione delle risorse economico-finanziarie, l’esistenza di meccanismi elettivi dei vertici federali realmente democratici.

79Non si tratta, dunque, di sanare un’emergenza o di sanzionare qualche illecito, bensì di riscrivere il patto che regola il calcio professionistico. Il commissario straordinario avverte le resistenze che si stanno mobilitando, ma conta sulla determinazione del ministro competente e su un ruolo attivo del Coni, che potrebbe cogliere l’occasione per regolare i conti con la vecchia dirigenza della Figc e ricondurre nell’alveo del movimento olimpico il sistema calcio. L’operazione riforma non procederà secondo gli intendimenti di Rossi e con la tabella di marcia auspicata. A settembre il giurista sarà costretto a lasciare l’incarico di commissario federale per occuparsi di un altro grande malato, l’azienda Telecom. Gli subentrerà Luca Pancalli, presidente del Comitato paralimpico, avvocato e dirigente Coni. L’addio di Rossi e del suo staff non sarà però privo di polemiche, a ulteriore conferma di quanto poco il sistema calcistico fosse disponibile a un reale cambiamento. Nel gennaio 2007 viene comunque varato un nuovo Statuto federale, che alimenta speranze di progressiva moralizzazione del sistema.

80Anche il sistema politico è alle prese, nei mesi dello scandalo, con la ridefinizione di assetti, equilibri e logiche di azione. Cruciale è il ruolo del nuovo dicastero, chiamato a superare quell’anomalia italiana che da decenni rendeva di dubbia attribuzione la titolarità delle politiche pubbliche per lo sport, spesso promosse e gestite, per tacita delega dello Stato, dal Comitato olimpico.

81Il 6 agosto, con un’intervista a «l’Unità», il ministro Melandri traccia le linee di azione del suo ministero. Evitando di farsi trascinare in valutazioni di merito sulla vicenda giudiziaria, ricorda come il calcio rappresenti circa l’1.5% del Pil in area Ue e costituisca un fenomeno di tale rilevanza sociale da giustificare la convocazione, nell’ottobre 2006, di un Consiglio europeo dei Ministri dello Sport. In agenda la regolazione del mercato dei procuratori e del sistema delle scommesse, nonché la lotta a quella occulta tratta di minorenni camuffata da libera circolazione dei giovani atleti. Il senso politico della premessa è chiaro: rivendicare la piena appartenenza dello sport alle politiche pubbliche e ricercare strategie condivise in ambito Ue. Per il ministro l’intervista costituisce anche l’occasione per tornare sulla contrattazione collettiva dei diritti televisivi, soppressa nel 1999 e ripristinata dal governo il 21 luglio attraverso una legge delega. Il provvedimento intende dar vita a meccanismi di solidarietà e di mutualità fra le società e prelude alla introduzione di limiti agli ingaggi:

…Oggi – afferma la Melandri – ci sono alcune società professionistiche di calcio che derivano l’80, perfino l’85% dei loro ricavi dai diritti televisivi. La contrattazione collettiva dei diritti introdurrà principi per la redistribuzione interna di quelle risorse secondo criteri di solidarietà e di mutualità, tanto che noi immaginiamo una quota di quei diritti televisivi che complessivamente devono essere reinvestiti nei settori giovanili, nei vivai, nel territorio e perfino, sul modello francese, a finanziare l’altro sport, con una percentuale che potrebbe arrivare al 4 per cento. I diritti televisivi andranno così a sostituire quello che era una volta il Totocalcio. La quotazione in Borsa rende poi le società di una fragilità patrimoniale totale, assoluta. Se le squadre non vincono, i diritti si abbassano e non regge il meccanismo. Bisogna consentire alle società di essere più solide sul piano patrimoniale e per fare questo bisogna intervenire sul piano delle uscite. Il governo italiano si farà promotore di una iniziativa a livello europeo per arrivare al salary cap, un tetto sia agli ingaggi sia, come nell’Nba (l’associazione professionistica del basket nord-americano), alla quota dei ricavi. Il 60, il 70% dei ricavi, ad esempio, potrebbe essere usato per comprare giocatori, senza fissare tetti agli ingaggi dei singoli giocatori, perché lì interverrebbe un elemento di violazione del mercato, di anticoncorrenza, di norme antitrust. Sulle società quotate in Borsa penso che noi dobbiamo tornare sui nostri passi, penso che in questo contesto dobbiamo immaginare forme di delisting di queste società.

82Si tratta di una scelta interventista da parte del governo, che si dichiara impegnato a riformare un sistema da molti giudicato irriformabile. Utilizzando lo choc (endogeno ed esogeno allo stesso tempo) prodotto dallo scandalo per individuare una strategia di uscita dalla crisi che non si riduca alla negoziazione fra potentati calcistici sull’entità degli sconti da applicare alle società condannate.

83Da un lato, il ministro pensa a una riforma che recepisca i contenuti della legge delega e dei provvedimenti annunciati in materia di diritti tv e ingaggi. Dall’altro, si tratta di favorire quell’autoriforma del sistema che costituisce il banco di prova delle nuove (o meno nuove) leadership calcistiche. Nella consapevolezza che la posta in gioco è la natura stessa del modello sportivo italiano, ed estensivamente europeo (Szymanski e Hoehn, 1999). Il progetto di una Superlega continentale, riservata all’aristocrazia dei grandi club, ad esempio, permetterebbe di ripristinare un vero equilibrio competitivo, faciliterebbe l’introduzione del tetto agli ingaggi, renderebbe più difficile manipolare designazioni arbitrali e dar vita a posizioni dominanti (Boeri e Severgnini, 2006). Esso colpirebbe al cuore, però, il cosiddetto calcio outsider e provocherebbe un’irreversibile frattura fra grandi club e società minori, pur capaci in passato di straordinarie performance agonistiche. Questione di interesse sociologico, perché solleva l’esigenza di una governance estesa, in cui è necessario definire e/o rinegoziare regole del gioco, ruoli istituzionali e insieme aspetti del costume sociale che non possono essere ricondotti a pure logiche economiche. Perché il calcio è allo stesso tempo un consumo, una cultura e un crocevia di interessi.

10. Conclusioni

84Giovanni Cerruti (Non è cambiato nulla, «La Stampa» del 9 agosto 2006) riassume con ironico disincanto gli esiti dello scandalo:

…Comportamenti e ambiguità. Almeno nei primi qualcosa dovrà cambiare per forza, e le voci dei procuratori lasciano intendere che ora staranno (solo) più attenti. Saranno più difficili le furbate sui contratti, le trattative di compravendita con la percentuale «in nero». E, come già accaduto, c’è chi si è mosso per scoprire quali siano il telefonino o la scheda che possano evitare le intercettazioni. Pare che in Giappone ci sia una società telefonica sicura, e un procuratore ha già la scheda. Il dopo Moggi insegna, meglio spendere e cautelarsi. Poi, per sostituire Moggi, ci vorranno tempo, fantasia e abilità.

85Un finale degno del Gattopardo, ma che ci riconduce al cuore del problema. Gli attori, le poste in palio e le logiche di azione di Calciopoli sono tutti sottoposti a una forma di regolazione perversa. Essa consente a portatori di interessi in competizione di sviluppare reti di cooperazione lecita e illecita per preservare vantaggi non equamente ripartiti fra le parti colluse. A giudicare dalle reazioni delle dirigenze calcistiche, dalla sconcertante quanto ragionevole solidarietà fra responsabili e vittime di questa storia, dalla generale minimizzazione dei fatti e dalla fretta con cui tutti cercheranno di archiviarli, sorge il sospetto che la trama fosse ancora più fitta ed estesa. E che le radici dello scandalo fossero più antiche e profonde di quanto l’inchiesta abbia potuto accertare.

  • 14 Il velocista canadese Ben Johnson, travolto dallo scandalo doping più clamoroso nella storia dell’a (...)

86Qualche osservazione conclusiva. Lo sport è pedagogicamente proposto come un modello comportamentale ispirato a regole certe e basato sull’interiorizzazione normativa. Si tratta di costrutto ideologico, derivato dal culto dell’amatorialità socialmente distintiva elaborato da Coubertin e dai pedagogisti vittoriani alla fine del xix secolo. Un’operazione di invenzione della tradizione, che idealizzava un modello classico mai esistito. Lo sport premoderno ignora il fair play, così come non ha mai rinnegato il ricorso alla violenza. Lo sport contemporaneo si è perciò sviluppato in una sorta di ambiguità, freudianamente diviso fra l’istinto del vincere ad ogni costo e il Super-Io delle regole e del fair play. Man mano che dentro e attorno allo sport si sviluppavano corposi interessi commerciali e che l’evento competitivo diveniva il principale oggetto del desiderio degli universi mediatici, il dilemma si è riproposto con crescente drammaticità. Gli incontri truccati, la corruzione degli arbitri, il ricorso al doping e la nascita dello sport di farmacia, sino alla manipolazione biologica e genetica della corporeità, stanno a testimoniarlo. E testimoniano anche della inadeguatezza delle strategie di risposta ispirate all’etica decoubertiniana. L’etica del risultato e l’etica delle regole sembrano condannate a un’instabile convivenza. Roger Caillois (1958) aveva intuito, con le sue considerazioni sul baro e il guastafeste, un’inconfessata complicità dei giocatori con i bari. Il giocatore non condanna tanto chi viola le regole, quanto chi impedisce la prosecuzione del gioco. I ragazzi detestano chi requisisce il pallone con cui hanno appena infranto una vetrina, non il compagno che simula un fallo inesistente o giura sulla validità di un goal segnato con la mano. Il giocatore, per Caillois, mette nel conto l’esistenza del baro: le regole possono essere trasgredite, purché non vengano formalmente negate. Paradigmatica di questa filosofia è la rielaborazione della questione doping nell’ottica campionistica14. Come meravigliarsi se Luciano Moggi, il protagonista eponimo della vicenda di cui ci occupiamo, in un’intervista a «La Repubblica» del 17 luglio trasforma il «così fan tutti» nel «così è da sempre», tanto da rivendicare la continuità del suo metodo con quelli del vecchio patron Italo Allodi?

87Forse l’elemento di vulnerabilità, rispetto alla filosofia del «così fan tutti», consiste in questo caso nella sovrapposizione dei ruoli che interessa alcuni attori della vicenda, quali le società dinastiche dei procuratori. Come in un regime di doppio vincolo, i controllati agiscono da controllori: i faccendieri operano come gate keeper in grado di governare tutte le nervature essenziali del sistema, dalle designazioni arbitrali al mercato dei giocatori. Specularmente, i controllori diventano i controllati: arbitri e dirigenti federali sensibili alle pressioni di consorterie che possono influenzare le loro carriere.

88Alla fine, viene meno anche quel formale ossequio delle regole che è indispensabile alla sopravvivenza nel tempo del baro. La certezza dell’impunità degenera in arroganza e il gioco rischia di precipitare verso l’autodistruzione. Manipolare i campionati significa rimuovere l’imprevedibilità del risultato. E con essa le emozioni, le illusioni e i miti che alimentano la passione sportiva. La prima vittima sarebbe la gallina dalle uova d’oro, come del resto dimostra il fatto che il management dei club sta perdendo anche la partita commerciale sul fronte dei diritti televisivi.

Torna su

Bibliografia

Abbatantuono V. (2006), Un calcio in faccia. Storie di adolescenti ultras, Molfetta, La Meridiana.

Ascari G. (2004), E la chiamano crisi, http://www.lavoce.info (23 marzo).

Benson J. K. (1988), Innovazione e crisi nell’analisi delle organizzazioni, in Zan S. (a cura di), Logiche di azione organizzativa, Il Mulino, Bologna, pp. 141-158.

Bergantini S. (2006), Il fallimento del calcio senza regole, http://www.lavoce.info (18 maggio).

Boeri T., Severgnini B. (2006), Quando l’Europa può darci un fischietto, http://www.lavoce.info (18 maggio).

Caillois R. (1958), Les jeux et les hommes, Paris, Gallimard (trad. it. I giochi e gli uomini, Milano, Bompiani, 1981).

Caruso R. (2005), Asimmetrie negli incentivi, equilibrio competitivo e impegno agonistico: distorsioni in presenza di doping e combine, «Rivista di diritto ed economia dello sport», 1, pp. 13-38.

Castells M. (2001), The Internet Galaxy. Reflections on the Internet, Business, and Society, Oxford, Oxford University Press (trad. it. Galassia Internet, Milano, Feltrinelli, 2002).

Clarckson M.B. (1995), A Stakeholder Framework for Analysing and Evaluating Corporative Performance, «Academy of Management Review», 20.

Corrado D. (2006), Anche il calcio ha bisogno di riforme istituzionali, http://www.lavoce.info (3 luglio).

Di Maggio P.J., Powell W.W. (1983), The Iron Cage Revisited: Institutional Isomorphism and Collective Rationality in Organizational Fields, «American Sociological Review», 48, pp. 147-160.

Evan W. M., Freeman E. (1996), A Stakeholder Theory of the Modern Corporation: Kantian Capitalism, in Chryssides G. D., Kaler J. H. (a cura di), An Introduction to Business Ethics, London, Thomson Business Press, pp. 254–266.

Gambaro M. (2004), Il calcio è di rigore, http://www.lavoce.info (1 marzo).

Giocoli N. (2006), Un «tetto» per Totti, http://www.lavoce.info (4 giugno).

Heinemann K. (2006), La ética de la responsabilidad en las organizaciones deportivas, «Revista Internacional de Sociologia» (in corso di pubblicazione).

Liguori G., Smargiasse A. (2003), Calcio e neocalcio, Roma, Manifestolibri.

Liguori M., Napolitano S. (2004), Il pallone nel burrone, Roma, Editori Riuniti.

Marchi V. (2005), Il derby del bambino morto. Violenza e ordine pubblico nel calcio, Roma, DeriveApprodi srl.

Meyer J.W., Rowan B. (1977), Institutionalized Organizations: Formal Structures as Myth and Ceremony, «American Journal of Sociology», 83, 2, pp. 340-363.

Montanari F., Silvestri G. (2006), Ieri, Moggi e domani, http://www.lavoce.info (18 maggio).

Nomisma-Swg (2003), Dentro lo sport. Primo rapporto sullo sport in Italia, Milano, ed. Il Sole 24 ore.

Papa A., Panico G. (2000), Storia sociale del calcio in Italia. Dai campionati del dopoguerra alla Champions League (1945-2000), Bologna, Il Mulino.

Patané Tarsia V. (2004), A guardia di una fede. Gli ultras della Roma siamo noi, Roma, Castelvecchi.

Porro N. (1997a), Fra politica e consumo. Le quattro rivoluzioni del calcio spettacolo, in D’Alimonte R., Nelken D., Politica in Italia 1997, Bologna, Il Mulino, pp. 223-239.

Id. (1997b), El asociacionismo deportivo como modelo organizativo. Movimientos, sistema y cambio, «Apunts. Educación fisica y Deporte», 47, pp. 20-30.

Id. (2001), Die Sportorganisationen als politische Arena. Das Beispiel des Sportsystems in Italien, in Heinemann K., Schubert M. (a cura di), Sport und Gesellschaften, Schorndorf und Stuttgart, Hofmann Verlag-Schattauer, pp. 111-132.

Id. (2002), L’innovazione conservatrice. Fininvest, Milan club e Forza Italia, in Gallino L., Ceri P. (a cura di), La società italiana. Cinquant’anni di mutamenti visti dai «Quaderni di Sociologia», pp. 541-555.

Id. (2004), Le metamorfosi del calcio come fenomeno sociale, «Quaderni di Sociologia», vol. xlviii, 34, pp. 9-18.

Id. (2005), Spettatori e/o tifosi, in aa. vv., Treccani. Il Libro dell’anno 2005, Roma, Istituto dell’Enciclopedia italiana, pp. 433-446.

Porro N., Russo P. (2000), Berlusconi and Other Matters: the Era of ‘Football-Politics’, «Journal of Modern Italian Studies», vol. 5, n. 3, pp. 348-370.

Idd. (2004), Italian Football Between Conflict and State Aid, in Fabbrini S., Della Sala V. (a cura di), Italian Politics. Italy between Europeanization and Domestic Politics, New York and Oxford, Berghahn Books, pp. 219-234.

Rodin D. (2005), What’s Wrong with Business Ethics, «International Social Science Journal», vol. 57, issue 185, September.

StageUp-Il sole-24ore (2006), Il calcio tedesco sorpassa l’Italia, «Il sole-24ore» del 4 settembre (a cura di M. Mohorovicich e F. Patti).

Szymanski S. (2001), Income Inequality, Competitive Balance and the Attractiveness of Team Sports: Some Evidence and a Natural Experiment from English Soccer, «Economic Journal», vol. 111, pp. 69-84.

Id. (2003), The Economic Design of Sporting Contests, «Journal of Economic Literature», vol. xli, pp. 1137-1187.

Szymanski S., Hoehn T. (1999), The Americanization of European Football, «Economic Policy», vol. 14, pp. 205-233.

Triani G.(1994), Tifo e supertifo, Napoli, Edizioni scientifiche italiane.

Zan S. (a cura di) (1988), Logiche di azione organizzativa, Il Mulino, Bologna.

Torna su

Note

1 Le stime, relative allo stesso anno di riferimento, sono tratte da Global Insight 2006 (riportate nell’inserto di «Affari & Finanza» del 27.2.2006).

2 Liguori e Napolitano (2004) hanno dimostrato come le società, malgrado reiterate diffide dell’Agenzia delle entrate, non versino l’Irap sulle plusvalenze da vendita giocatori. Ciò in forza di un parere della Lega privo di qualunque valore giurisprudenziale. Secondo una stima di Bergantini (2006), l’ammontare delle imposte arretrate (per Iva e ritenute) dovute dalle squadre aveva superato nel 2006 i 650 milioni di euro. Senza dimenticare che le società calcistiche quotate in Borsa si sono trovate a usufruire di provvedimenti fiscali e misure ad hoc che hanno alterato la competizione con altri soggetti.

3 Le dinamiche storico-sociali che hanno interessato il sistema calcio nel secondo dopoguerra sono efficacemente ricostruite da Papa e Panico (2000).

4 È qui possibile occupaci soltanto degli stakeholder propriamente sportivi o comunque investiti di responsabilità istituzionali nel settore. L’ambiente di riferimento è però evidentemente più ampio e frequentato da attori, come gli imprenditori televisivi e le forze politiche, che sono strategici ai fini della ricostruzione della vicenda.

5 Uomo di fiducia di Berlusconi sin dal 1979, Galliani ne ha condiviso l’itinerario senza mai farsi coinvolgere personalmente nell’avventura politica. Dirigente d’azienda, è considerato l’ideatore della pay tv italiana. Membro dei consigli di amministrazione di Mediaset, Telepiù e Telecinco, è stato presidente della Lega calcio, malgrado l’obiettivo conflitto di interessi connesso proprio alle sue attività d’impresa nel settore della televisione a pagamento. Si è dimesso dalla carica dopo la condanna inflittagli in prima istanza dalla Corte d’appello federale.

6 Gli addetti ai lavori scrutano le mosse degli eredi Agnelli. Uno dei rampolli, John Elkann, era stato fra i promotori dell’epurazione che a metà maggio aveva fatto seguito alle dimissioni dell’intero consiglio di amministrazione juventino. Una presa di posizione che i più avevano interpretato come un gesto di corresponsabilizzazione nella vita del club. Non è un mistero, tuttavia, che fra i consiglieri economici della famiglia molti pensino alla dismissione della società, dopo che analoghe operazioni avevano interessato Rinascente, Club Med e Chateau Margaux.

7 Seppure con minore enfasi di quella riservata dal collega Domenici alla difesa della Fiorentina, anche il sindaco di Roma Veltroni non mancherà di solidarizzare con i tifosi laziali e di sottolineare il carattere di patrimonio collettivo della squadra.

8 Non esistono neppure, in Italia, esempi di club che si siano avventurati sulla strada del Manchester United, il quale – caso del resto anomalo nella stessa Gran Bretagna – produce e vende direttamente il proprio merchandising attraverso una società costituita dalle tifoserie.

9 La ricerca condotta da StageUp per il Sole24ore fornisce altre informazioni interessanti. Il campionato più ricco rimane quello inglese, grazie al valore prodotto dalla biglietteria, che incide per un terzo sul fatturato della Premier League contro un 25% della Liga spagnola e appena un 10% della Serie A italiana, e dal merchandising. Nella commercializzazione dei diritti tv, invece, sono più bravi i francesi della Ligue 1, che adottano la contrattazione collettiva (Canal+ e Tps), come fanno del resto la Bundesliga (Arena Sport e Premiere) e la Premier League (BSkyB). Significativamente, chi sfrutta meno la cessione dei diritti sono il campionato italiano e quello spagnolo (Sexta, Canal+, Digital+), in cui vige ancora un regime misto di contrattazione.

10 Meyer e Rowan (1977) definiscono il fenomeno dell’isomorfismo organizzativo come la tendenza (a) a fare propri comportamenti, modalità di lavoro, strutture operative e strategie mutuati da esperienze similari e (b) a rafforzare nel tempo queste somiglianze. Secondo questa teoria, le esperienze di successo tendono ad agire come buone pratiche, diffondendo norme, stili di lavoro e criteri di razionalità che vengono adottati come misuratori di efficienza.

11 Quando lo scandalo esplode, la società ha cura di atleti come Nesta, Di Vaio, Oddo, Giannichedda, Tacchinardi, Materazzi, Liverani, più vari allenatori, fra i quali Mancini, Guidolin, De Canio e Del Neri.

12 Liguori e Smargiasse (2003), in un saggio dedicato alla rivoluzione del calcio spettacolo dal punto di vista delle tifoserie, invece di calcio moderno usano la più convincente espressione neocalcio. Esemplare il case study proposto da Marchi (2005), che ricostruisce la vicenda del derby sospeso a Roma per la morte (fortunatamente immaginaria) di un bambino. Uno sguardo etnografico sull’universo delle tifoserie espressive è presente nell’ormai vasta letteratura di genere, oltre che su una miriade di accessi internet. Fra i contributi più interessanti vanno segnalati quello di Patané Garsia (2004), dedicato agli ultrà romanisti, e quello di Abbatantuono (2006) sui giovani fan della Juventus.

13 I teletifosi e gli stessi uncommitted possono anche sviluppare forme di mobilitazione anomale rispetto al modello. Qualche commentatore ha osservato, ad esempio, come i successi della nazionale nei mondiali di Germania fossero festeggiati nelle strade più dai pubblici televisivi galvanizzati, dalla «gente», che non dalle tradizionali tifoserie di club. Un certo numero di interviste televisive, condotte a Roma nei luoghi dell’apoteosi del 10 luglio, sembrerebbe confermarlo. Da una parte i committed, pur nell’euforia del momento, confessavano di non aver raggiunto l’esaltazione emotiva prodotta dal successo in campionato della squadra del cuore. I tifosi non «militanti», viceversa, giudicavano irripetibili e ineguagliabili le sensazioni provate per la vittoria italiana ai Mondiali.

14 Il velocista canadese Ben Johnson, travolto dallo scandalo doping più clamoroso nella storia dell’atletica leggera, dichiarerà candidamente che «al mio pubblico non interessa quello che assumo, ma sin dove il mio fisico mi può spingere».

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Figura 1 Composizione del budget aggregato dei club di calcio italiani di serie A 2005/06
Credits Fonte: StageUp (2006), valori in mln euro
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/977/img-1.jpg
File image/jpeg, 352k
Titolo Figura 2 Ricavi da sponsor in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07
Credits Fonte: StageUp (2006)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/977/img-2.jpg
File image/jpeg, 340k
Titolo Figura 3 Ricavi da merchandising in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07
Credits Fonte: StageUp (2006)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/977/img-3.jpg
File image/jpeg, 348k
Titolo Figura 4 Ricavi da biglietteria in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07
Credits Fonte: StageUp (2006)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/977/img-4.jpg
File image/jpeg, 340k
Titolo Figura 5 Ricavi da diritti tv in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07
Credits Fonte: StageUp (2006)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/977/img-5.jpg
File image/jpeg, 348k
Titolo Figura 6 Fatturato tolale in mln euro delle cinque principali leghe nazionali europee per il 2006/07
Credits Fonte: StageUp (2006)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/977/img-6.jpg
File image/jpeg, 369k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Nicola Porro, « Stelle di fango. Calcio, scandali e stakeholder »Quaderni di Sociologia, 42 | 2006, 159-194.

Notizia bibliografica digitale

Nicola Porro, « Stelle di fango. Calcio, scandali e stakeholder »Quaderni di Sociologia [Online], 42 | 2006, online dal 30 novembre 2015, consultato il 25 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/977; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.977

Torna su

Autore

Nicola Porro

Dipartimento di Scienze Motorie e della Salute - Università di Cassino

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search