Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri42teoria e ricercaLa Rifondazione Comunista alla pr...

teoria e ricerca

La Rifondazione Comunista alla prova del VI Congresso: una strategia di analisi testuale e semantica

Rifondazione Comunista at its 6th National Conference: a strategy of textual and semantic analysis
Francesca della Ratta-Rinaldi e Fabio de Nardis
p. 195-210

Abstract

In the last years the new Italian Communist party (Rifondazione Comunista) has acquired such a national and international importance to provoke the interest of political scientists. The 6th conference of the party (spring 2005) was very important because of the change from a traditional opposition attitude to the decision to form an alliance with the future Left government, in the case Romano Prodi wins the competition with Berlusconi. This change of perspective was long discussed within the party. As a matter of fact, during the 6th conference, five alternatives motions were discussed: the first was proposed by the secretary Fausto Bertinotti, who decided the alliance with the others Left wing parties, while the other four motions proposed alternative strategies.
To analyse this process we have considered 72 articles, published before the conference in the party newspaper («Liberazione») to support the different motions (18 for each motion). The textual analysis we carried out with the new release of TaltaC2 allows us to describe the contents of five groups of articles, the specific language utilised, the kind of actors cited in the corpus and the negative language used. This description is carried out also in a multidimensional perspective.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione: il Prc tra tradizione e innovazione

1Il Partito della Rifondazione Comunista nasce dalle ceneri del vecchio pci (Partito Comunista Italiano) per iniziativa di un gruppo di delegati al xx Congresso del partito contrari alla svolta avviata da Achille Occhetto che propose di interrompere la tendenza comunista classica al semplice riallineamento dei fini (Panebianco, 1989) imponendo la loro sostituzione in una trasformazione profonda dello stesso dna comunista. Si costituisce quindi un gruppo di «imprenditori politici» (Offerlé, 1987) che il 3 febbraio 1991 annuncia l’intenzione di dare vita a un nuovo soggetto politico che raccolga l’eredità del comunismo italiano. Per far ciò la coalizione dominante all’interno del Prc ha dovuto gestire un processo di cambiamento ancora in corso, che allontana il partito dalla logica culturale e organizzativa dei partiti di massa classici (Mair, 1992) spingendolo verso una struttura elastica, all’interno della quale convivono, sovente a stento, componenti politiche diversificate, dotate di una soggettività autonoma.

2Nell’ultimo periodo il partito sta attraversando una fase di vera e propria svolta genetica, caratterizzata, da un lato, dalla radicalizzazione del processo di revisione storica del comunismo e del movimento operaio; dall’altro, dalla ratifica della scelta di alleanza organica con i partiti di centro-sinistra, nella prospettiva di un Governo «democratico» alternativo alle destre. Questo dibattito è stato affrontato in occasione del vi Congresso del partito (marzo 2005), cui fanno riferimento gli articoli analizzati per questo lavoro.

3Il congresso è stato caratterizzato da una forte conflittualità, concretizzatasi nella presentazione di cinque documenti congressuali, quattro dei quali alternativi a quello del segretario, che alla fine ha comunque prevalso nei congressi di circolo con una percentuale di poco inferiore al 60%.

4Nella tabella 1 sono riportati i titoli dei cinque documenti congressuali, tutti legati a una componente definita dotata di un’organizzazione, un certo radicamento all’interno di alcuni circoli e un sistema di relazioni extra-partitiche. Ogni gruppo possiede un centro di elaborazione politico-culturale espresso da almeno una rivista di riferimento dove si discutono e definiscono i parametri di una visione del mondo che spesso non coincide con la linea strategica definita dal vertice del partito.

5I principali contenuti delle mozioni sono di seguito delineati:

1) La prima mozione, «L’alternativa di società», esprime l’impostazione della coalizione dominante. Il documento apre con un piccolo cappello introduttivo che assume il mondo e l’Europa come le due grandi arene in cui la nuova sinistra politica e di movimento dovrebbe muoversi. È centrale la questione che di fatto rappresenta il nodo conflittuale di questo vi Congresso, e cioè la svolta di Governo avviata dalla coalizione di maggioranza. In un quadro strategico, l’ingresso nella stanza dei bottoni non è interpretato come lo sbocco della politica di alternativa ma piuttosto come una necessità storica espressa dalla congiuntura del Governo Berlusconi che «deve essere mandato a casa».

Rispetto alla questione organizzativa si fa riferimento all’esigenza di una ridefinizione politica e organizzativa di un partito che ancora fatica a essere tale e a soddisfare le «domande ricche» che vengono dall’esterno, dalle donne, dai giovani, dai migranti, che rappresentano diversamente i soggetti protagonisti di un nuovo percorso rivoluzionario e di trasformazione radicale del vivere sociale.

2) Il secondo documento, «Essere comunisti», è quello che si scaglia maggiormente contro la trasformazione culturale e identitaria del partito, esprimendo la necessità di rafforzare il bagaglio storico e identitario del comunismo italiano e internazionale rivendicandone la validità politica e il valore sociale. Nonostante ciò, sulle questioni interne, i firmatari del secondo documento non escludono la possibilità di una partecipazione del Prc a un governo con i moderati, considerato fondamentale per sconfiggere Berlusconi e le destre, sottolineando però che tale partecipazione non potrà essere a-prioristica ma dovrà essere subalterna a precise condizioni programmatiche che oggi la leadership di Rifondazione non ha ancora posto sul piatto della bilancia. Tra queste vi sono il rifiuto della guerra, il rifiuto a offrire basi militari, spazi aerei e supporti logistici per finalità di tipo bellico; l’abrogazione delle leggi «reazionarie» del Centro-destra; l’introduzione di un meccanismo automatico di recupero di salari, stipendi, pensioni, e la lotta all’evasione fiscale; una legge per la rappresentanza e la democrazia nei luoghi di lavoro che restituisca a tutti i lavoratori un potere autonomo di contrattazione. In questo contesto il partito non deve perdere la propria vocazione di lotta e sostenere con forza la grande soggettività antagonistica espressa non solo dal movimento antiglobalista, ma in special modo da quelle realtà sindacali e non che hanno contribuito a riaprire negli ultimi anni la questione operaia in Italia.

Tabella 1 Strutturazione delle componenti del Prc in occasione del vi Congresso

N. mozione e % adesioni

Titolo mozione

Primo firmatario

Rivista di riferimento

Mozione 1 (59.1%)

«L’alternativa di società»

Fausto Bertinotti

- Alternative

Mozione 2 (25.9%)

«Essere comunisti»

Claudio Grassi

- L’Ernesto

Mozione 3 (6.8%)

«Per un progetto comunista»

Marco Ferrando

- Progetto comunista
- Marxismo rivoluzionario

Mozione 4 (6.7%)

«Un’altra rifondazione è possibile»

Gigi Malabarba

- erre
(ex Bandiera Rossa)

Mozione 5 (1.5%)

«Rompere con Prodi, preparare l’alternativa operaia»

Claudio Bellotti

- Falce e martello

3) Il terzo documento, «Per un progetto comunista», esprime una posizione affatto alternativa a quella perseguita dalla prima mozione sia per le questioni internazionali, con una critica netta alla natura sostanzialmente non comunista e socialdemocratica del Partito della Sinistra Europea, guidato dal segretario Bertinotti, sia per le questioni nazionali, in riferimento alla svolta governativa decisa dal segretario. Per i sostenitori di questa mozione, non esistono margini di compromesso con il padronato economico. L’ingresso del Prc in un futuro Governo Prodi rappresenterebbe la compromissione della stessa ragione sociale del partito, perché costringerebbe i comunisti italiani a stare nello stesso tempo dalla parte degli operai di Melfi e in un Governo benedetto da Fiat e Confindustria; dalla parte dei movimenti antiglobalisti e dei banchieri di Maastricht; dalla parte dei pacifisti e dei sostenitori dell’Europa in armi; dalla parte dei popoli oppressi e al contempo dell’ipocrisia delle Nazioni Unite.

4) Il quarto documento, «Un’altra rifondazione è possibile», è quello che più di altri rivendica la scelta movimentistica che il Prc ha avviato in occasione del v Congresso, paventando il rischio che le scelte filogovernative, dal lato nazionale, e la timidezza dimostrata, sul piano della solidarietà internazionale, possa incrinare, come in parte è già successo, la relazione un tempo stabile tra partito e movimento. Sul piano internazionale gli estensori del quarto documento non potevano non concentrarsi in particolare sulla questione della guerra, rivendicando una scelta di pacifismo radicale lontana però dall’elaborazione ufficiale del partito riconducibile alla critica della presunta spirale guerra-terrorismo. Sul piano della politica interna, la prospettiva di alleanza con le altre forze del Centro-sinistra sembra agli estensori del documento quanto mai infelice. Prodi, così come le forze moderate dell’Unione, guarda al capitale e non si contrappone ad esso, mentre Rifondazione dovrebbe mantenere la barra su un progetto anticapitalistico di alternativa sociale. L’Ulivo si pone come orizzonte politico per gli interessi del capitale in un contesto in cui centrodestra e centrosinistra si presentano come due forze moderatamente alternative all’interno dello stesso schieramento capitalista. Rifondazione dovrebbe dunque tenersi alla larga dal rischio di portare a termine un compromesso al ribasso senza programmi né contenuti, affermando altresì priorità programmatiche che esprimano la sua diversità e radicalità.

5) Il quinto documento, infine, «Rompere con Prodi, preparare l’alternativa operaia», ha come principale obiettivo la critica netta alla scelta governativa del partito, tanto da inserirla nello stesso titolo, per proporre una via alternativa verso la costituzione di un partito che sappia dirigere la lotta di classe. In questa mozione le questioni internazionali hanno un ruolo di primo piano: si parte dalla constatazione di una crisi organica del sistema capitalista su scala mondiale che emerge anche nello sviluppo di grandi mobilitazioni popolari in Europa, in India, in Sudafrica, e soprattutto in America Latina che a tutt’oggi rappresenta il terreno di lotta più avanzato che ha visto scendere in campo grandi masse di operai e contadini diseredati contro l’oppressione di un capitalismo sempre più autoritario e meno capace di produrre ricchezza. La ripresa delle mobilitazioni operaie è centrale anche nel riferimento al quadro nazionale. Il proletariato si ribella e lo fa proprio nella zona d’Italia considerata più arretrata, cioè il Mezzogiorno. Al centro dell’iniziativa del partito dovrebbe essere posta la lotta per i diritti del lavoro, per la questione salariale, per la rinazionalizzazione sotto il controllo operaio di tutti i settori privatizzati; ma anche per la scuola e la ricerca, per il diritto alla casa, in favore di una tassazione delle rendite finanziarie che colpisca direttamente i privilegi borghesi. Dentro questa logica non c’è spazio per un’alleanza di governo con forze politiche che assumono una specifica connotazione di classe in modo antagonistico ai reali interessi delle classi subalterne. Bisognerebbe altresì perseguire un’alleanza delle sinistre che si proponga apertamente di rompere ogni forma di dialogo con i partiti borghesi, segnando un’inversione di tendenza forte e radicale rispetto alle politiche moderate e liberali degli ultimi anni.

2. Il dibattito congressuale: il testo in analisi

  • 1 Per l’analisi è stata utilizzata la versione 2 di Taltac (Bolasco, Baiocchi, Morrone, 2005).

6Il testo che si analizza in questo lavoro è costituito dall’insieme dei 72 articoli, diciotto per mozione, pubblicati su «Liberazione» (l’organo stampa del Prc) come tribuna pre-congressuale. Gli articoli in analisi consentono di cogliere il tipo di discussione interna al partito, insieme al processo di trasformazione politica e culturale che esso vive. Gli articoli sono scritti da dirigenti, militanti, sindacalisti che hanno voluto contribuire al dibattito congressuale con un proprio intervento in sostegno a una delle cinque mozioni poi votate dagli iscritti durante i congressi di circolo. La strategia di analisi testuale1 adottata ci ha consentito di individuare i tratti politico-culturali che caratterizzano e differenziano i cinque gruppi di documenti e che talvolta non emergono dalla semplice analisi dei documenti congressuali. Il corpus così ottenuto conta 63.719 occorrenze, con 10.214 parole diverse e una ricchezza lessicale medio alta, pari al 16%. Il corpus è suddiviso in cinque parti, o documenti, accomunati appunto dalla mozione cui fanno riferimento. Per brevità ci si riferirà ai diversi testi facendo riferimento alla mozione che appoggiano.

  • 2 Da questo punto in poi le parole in corsivo sono utilizzate per indicare quelle effettivamente pres (...)

7Le parole tema condensano i temi centrali affrontati negli articoli: partito2 (360 occorrenze), governo (313), politica (230), movimento (199), alternativa (180), sinistra (137) e sociale (136).

8Un quadro più dettagliato dei contenuti del testo è offerto dall’analisi dei segmenti ripetuti significativi, cioè quelle sequenze di testo che rimandano ad unità di senso significative, come alleanza di governo, ritiro delle truppe o democrazia partecipativa: per comodità di lettura questi sono stati ricondotti ad alcune categorie tematiche (partito, società, interni, movimenti, esteri, lavoro).

9I discorsi relativi al «partito» si concentrano su questioni chiave nel dibattito interno al Prc. Oltre all’alta significatività espressa da segmenti come rifondazione comunista, essere comunisti, progetto comunista, che rappresentano espressioni indicate nei titoli stessi di alcune mozioni, l’attenzione è rivolta su questioni come quella della costituzione di un polo autonomo di classe, individuato dalla terza mozione come alternativa possibile al criticatissimo accordo con le forze moderate del Centro-sinistra. Si parla poi di non violenza, che è al centro del dibattito del partito fin dal quinto Congresso, come espressione dell’innovazione culturale che la coalizione dominante propone come nuova bussola della pratica di lotta del «nuovo comunismo». È citato poi Nichi Vendola, che dopo la vittoria storica nelle primarie e poi nelle elezioni per il Presidente della Regione Puglia è stato da molti eretto a simbolo della capacità che Rifondazione ha di costruire egemonia politica e culturale presso ampie frange di società civile. Si parla poi di alternativa di società, di sinistra critica e di opposizione comunista, che esprimono chiaramente le diverse opzioni politiche che gli estensori delle mozioni adottano come fondamento della propria retorica politica. Sono poi citate le quindici tesi scritte dal segretario Fausto Bertinotti come contributo alla discussione pre-congressuale, che in realtà sono diventate il cuore della mozione di maggioranza.

10Sul terreno del «sociale» l’attenzione dei militanti si rivolge essenzialmente alla necessità di elevare il livello del conflitto sociale e di essere presenti nei luoghi dove esso si manifesta esprimendo le contraddizioni di un modo di produzione instabile. In questo senso, un richiamo particolare è rivolto alle classi subalterne, generalmente protagoniste di tali conflitti, come i migranti, di cui si parla facendo riferimento alla legge Bossi-Fini, o degli studenti e ricercatori precari, citati in riferimento alla legge Berlinguer-Zecchino, che secondo molti ha aperto la strada alla «contro-riforma» del sistema formativo voluta dal ministro del Governo di Centro-destra Letizia Moratti. Si parla poi della recente legge sulla fecondazione, fortemente legata al tema della laicità dello Stato, della libertà di ricerca scientifica e naturalmente del diritto di autodeterminazione femminile. Il tutto è condito da una critica netta – che attraversa un po’ tutte le mozioni – al riformismo espresso dal Centro-sinistra che si riconosce in una forma di liberismo temperato che non si pone il problema della trasformazione sociale.

Tabella 2 Selezione dei segmenti ripetuti significativi

Segmento

Occ. totali

Segmento

Occ. totali

PARTITO

MOVIMENTI (continua)

Rifondazione Comunista

15

Porto Alegre

5

Essere Comunisti

14

no global

5

Progetto Comunista

14

social forum

4

polo autonomo di classe

10

diplomazia dal basso

3

non violenza

10

cariche della polizia

3

Nichi Vendola

7

alternativa di società

7

ESTERI

sinistra d’alternativa

7

ritiro delle truppe

11

Fausto Bertinotti

6

Sinistra europea

8

Ernesto ed Erre

4

elezioni irachene

7

opposizione comunista

4

resistenza irachena

7

sinistra critica

3

spirale guerra-terrorismo

4

quindici tesi

3

popolo iracheno

4

America Latina

3

SOCIETà

Iraq libero

3

conflitto sociale

12

no a qualsiasi guerra

3

Bossi-Fini

10

liberismo temperato

4

LAVORO

legge sulla fecondazione

4

Movimento operaio

45

Berlinguer-Zecchino

3

legge 30

13

classi subalterne

3

scala mobile

11

controllo operaio

11

INTERNI

classe lavoratrice

7

governo Prodi

32

contratto nazionale

7

cacciare Berlusconi

20

aumenti salariali

6

Ds e Margherita

4

società capitalistica

5

alleanza di governo

3

Termini Imerese

5

enti locali

3

pacchetto Treu

5

Romano Prodi

3

redistribuzione del reddito

5

articolo 18

3

MOVIMENTI

leggi precarizzanti

3

democrazia partecipativa

10

salario sociale

3

beni comuni

9

Fiat di Melfi

3

11Strettamente legato ai temi sociali è quello del «lavoro» a cui specie le mozioni più critiche danno ampia rilevanza. E si parla di movimento operaio, di legge 30, la legge sul mercato del lavoro approvata dal Governo Berlusconi e che Rifondazione comunista punta ad abrogare, di classe lavoratrice, di controllo operaio, riferito all’esigenza che i lavoratori abbiano voce in capitolo nella gestione d’impresa; e ancora di aumenti salariali, di società capitalistica, di redistribuzione del reddito, denotando una cultura politica di impianto radicalmente socialista. Si parla inoltre della Fiat di Melfi e di quella di Termini Imerese, facendo riferimento esplicito all’esplosione della conflittualità operaia nel Sud Italia, così come di leggi precarizzanti e del pacchetto Treu, approvato dai precedenti governi di Centro-sinistra e accusato di aver spianato la strada alla deregulation operata dalla Casa delle libertà. Non poteva mancare anche un riferimento alla mobilitazione per il referendum sull’articolo 18, che ha visto unite tutte le sinistre di alternativa del paese contro il rischio che venisse approvata una nuova legge sui licenziamenti.

12Vi è anche un’attenzione forte ai movimenti, con particolare riferimento a quello No Global e alle innovazioni da esso importate nel sistema politico italiano, prendendo spunto dall’interessante esperienza di Porto Alegre, attraverso la costituzione dei social forum come espressione di una forma di democrazia partecipativa e di diplomazia dal basso. Naturalmente ogni riferimento alle mobilitazioni sociali non poteva non includere anche considerazioni critiche nei confronti del clima di repressione e criminalizzazione dei movimenti che il Governo italiano ha determinato dalle giornate di Genova in poi (cariche della polizia).

13In politica estera un’attenzione generalizzata va all’esigenza di rivendicare una identità pacifista radicale (no a qualsiasi guerra), con la conseguente necessità del ritiro delle truppe dall’Iraq, e la condanna del clima di tensione in cui si sono svolte le elezioni irachene che rendono sempre più attuale l’esigenza di far sì che il popolo iracheno possa conquistare la propria autodeterminazione anche attraverso la controversa resistenza irachena, a cui però fanno riferimento solo le quattro mozioni di opposizione. Si parla poi di sinistra europea e quindi del tentativo in Europa di far convergere in un unico soggetto politico le varie formazioni che si riconoscono nei valori di una sinistra radicale e antiliberista. Quanto alla politica interna, i principali riferimenti riguardano la necessità di cacciare Berlusconi e il suo Governo e la difficile questione della nuova alleanza di governo che avrebbe come leader Romano Prodi.

  • 3 Il linguaggio peculiare è stato ottenuto utilizzando il lessico della stampa presente in Taltac2, c (...)

14Oltre all’analisi dei segmenti ripetuti il confronto con un lessico di frequenza consente di individuare il linguaggio peculiare, vale a dire l’insieme di parole che nel testo sono sovra-rappresentate rispetto al modello utilizzato come riferimento. Questo insieme consente di individuare le tematiche cruciali affrontate nel testo, al di là della frequenza in valore assoluto delle singole forme. Come modello di confronto è stato utilizzato il lessico della stampa presente all’interno di Taltac23.

15Tra le parole chiave più significative si incontra il termine migranti (25 occorrenze, con uno scarto pari a 245), lotte, mobilitazioni, o anche lotta (rispettivamente 85, 21 e 95 occorrenze, scarto 144, 142 e 44), movimenti o movimento (324 occorrenze in tutto, scarto 98); anticapitalista e neoliberista (rispettivamente 14 e 29 occorrenze, scarto 133 e 117). Tra le parole che fanno riferimento alla prospettiva di governo perseguita dal segretario Bertinotti, è interessante notare che queste sono utilizzate soprattutto dalle mozioni più critiche e non nei testi scritti a sostegno del documento di maggioranza: così è per parole come Ulivo e centrosinistra (rispettivamente 40 e 128 occorrenze, scarto 133 e 127) utilizzate più da chi si oppone alla prospettiva di alternativa che da chi la auspica.

16Da questo piccolo accenno alle parole chiave emergono chiaramente i nodi dialettici all’interno del congresso di Rifondazione che, oltre a focalizzarsi naturalmente sulle questioni interne con particolare riferimento all’opportunità, per alcuni, e al rischio, per altri, di entrare in una compagine governativa, tocca aspetti importanti della cultura e della strategia politica del partito: dal riferimento ai movimenti e dalla vicinanza del partito a tutte le lotte sociali, coerentemente con la propria storia conflittualista, a una riconferma della natura anti neoliberista ma anche anticapitalista di questo complesso corpo intermedio che non rinuncia alla propria identità comunista, in linea con gli sviluppi teorici elaborati dentro i nuovi movimenti per un’altra globalizzazione.

3. Differenze tra i cinque documenti e livelli di criticità del testo

  • 4 L’indice è ottenuto rapportando il totale delle occorrenze negative sul totale delle occorrenze pos (...)

17Per cogliere il livello di criticità dei diversi articoli è stato utilizzato il dizionario degli aggettivi positivi e negativi (Bolasco, della Ratta, 2004; Bevilacqua, della Ratta, 2005) presente in Taltac2, attraverso cui è possibile sia ordinare i cinque documenti per i valori assunti dall’indice di negatività4, che analizzare nello specifico i termini negativi che caratterizzano i diversi documenti. Naturalmente, trattandosi di mozioni di un partito della sinistra radicale è naturale che tutte esprimano un punto di vista critico rispetto alla situazione nazionale e internazionale. Tuttavia è molto interessante osservare che sono proprio le mozioni più critiche nei confronti della mozione di maggioranza a registrare i valori più elevati dell’indice, mentre gli articoli con minori toni di negatività sono proprio quelli che appoggiano la mozione di maggioranza. La terza, quinta e quarta mozione, infatti, raggiungono livelli di «negatività» maggiore perché si trovano a dover esprimere non solo l’opposizione al sistema sociale dominante, ma anche alla coalizione di maggioranza all’interno del partito.

Tabella 3 Documenti ordinati per valore decrescente dell’indice di negatività

Documenti

Indice negatività

3. Per un progetto comunista

46,2

5. Rompere con Prodi

38,3

4. Un’altra rifondazione è possibile

34,3

Totale

32,4

2. Essere comunisti

28,9

1. L’alternativa di società

21,0

18La distribuzione degli aggettivi negativi tra i cinque documenti è stata sottoposta a una procedura di analisi delle corrispondenze: il primo fattore ripropone la polarizzazione tra i documenti a maggior tasso di negatività («Per un progetto comunista» e «Un’altra rifondazione è possibile») e il documento di maggioranza («L’alternativa di società»). Il secondo fattore è invece caratterizzato dall’opposizione tra il secondo documento («Essere comunisti»), che per quanto critico è quello che anche nella retorica interna si rappresenta come il più disponibile a una sintesi con la coalizione di maggioranza e il quinto, fieramente opposto sin dal titolo alla prospettiva di alleanza con Prodi («Rompere con Prodi»).

Figura 1 Piano fattoriale riferito ai termini negativi che caratterizzano i cinque documenti

Figura 1 Piano fattoriale riferito ai termini negativi che caratterizzano i cinque documenti

19Le forti differenze tra i cinque gruppi di articoli sono ben rappresentate anche nell’analisi delle corrispondenze, effettuata sulla distribuzione del vocabolario nei cinque documenti. Anche in questo caso è evidente la contrapposizione tra la mozione di maggioranza e le due mozioni più critiche (terza e quinta).

20Inoltre, mentre i termini visualizzati in corrispondenza con la mozione di maggioranza (in questo caso collocata nel iv quadrante) insistono sui processi di cambiamento e innovazione (trasformazione, sfida, globalizzazione, fase), sui nuovi soggetti portatori di diritti e sulla democrazia, la terminologia che caratterizza le mozioni più critiche è completamente diversa. Nel caso della quinta mozione (primo quadrante) il lessico è quello di tipo più tradizionale e rivendica la centralità della lotta di classe e della questione operaia (interessi, lavoratori, classe, lotta, operaia, masse, sindacale, Fiom, capitalismo, borghesia), mentre la terza (II quadrante) è caratterizzata soprattutto dal riferimento alle tematiche interne, in particolare alla prospettiva governativa (Prodi, ds, Ulivo, Gad, Treu, Montezemolo, Confindustria, centrosinistra, privatizzazioni, opposizione, concertazione, euro, governo, maggioranza).

Figura 2 Piano fattoriale del vocabolario: differenze tra i diversi documenti

Figura 2 Piano fattoriale del vocabolario: differenze tra i diversi documenti

4. Gli attori del testo: un’analisi semantica

21La centralità e la peculiarità dei diversi attori citati nei documenti ci ha infine spinti a condurre su questo tema un’analisi dettagliata, sfruttando le potenzialità di analisi semantica disponibili nell’ultima versione di Taltac2. Abbiamo definito, sulla base dello stesso vocabolario del testo, una lista di 252 soggetti, distinta in 6 categorie: attori politici italiani, soggetti politici (partiti, sindacati, movimenti), attori politici stranieri, luoghi italiani ed europei, luoghi extra europei, altri personaggi della politica italiana (imprese, società). Il confronto con questa lista e il vocabolario del testo ci ha consentito di etichettare semanticamente tutte le entrate del vocabolario riferite agli attori, consentendo una valutazione quantitativa della rilevanza dei diversi tipi di attori all’interno di ciascun documento. Nella tabella 4 è riportata la distribuzione percentuale dei diversi tipi di attori all’interno dei cinque documenti.

22Se la prima e la seconda mozione si caratterizzano per l’abbondanza di riferimenti ad attori politici stranieri, è soprattutto la terza mozione (e in parte la quarta), come abbiamo già potuto notare con l’analisi delle corrispondenze, a fare riferimento al dibattito interno e quindi agli attori e soggetti politici italiani. Nella prima mozione il riferimento alle tematiche interne si concretizza invece nella citazione di altri soggetti (sostanzialmente imprese nazionali, pubbliche o private) o di luoghi italiani o europei. Di contro la quinta mozione, più centrata sull’importanza dei nuovi conflitti sociali, si caratterizza per una prevalenza di riferimenti ai luoghi, sia europei (in questo caso soprattutto italiani, come Scanzano, Melfi, Termini Imerese) che extra europei (il Medio Oriente ma anche l’America Latina e il Sudafrica).

Tabella 4 Documenti ordinati per valore decrescente dell’indice di negatività

Categoria

Occorrenze totali

Alternativa di società - Bertinotti

Essere Comunista - Grassi

Per un progetto Comunista - Ferrando

Un’altra rifondazione è possibile - Malabarba

Rompere con Prodi - Bellotti

Attori stranieri

45,3

55,3

50,4

36,6

41,4

47,4

Attori italiani

23,8

20,9

20,1

30,5

29,8

15,1

Soggetti politici

16,4

7,5

16,4

21,4

16,1

17,7

Luoghi europei

7,8

10,0

6,1

8,4

6,2

8,7

Luoghi extra europei

4,7

2,1

5,4

1,2

5,1

10,0

Altri soggetti

2,0

4,2

1,7

1,9

1,4

1,1

Totale

100,0

100,0

100,0

100,0

100,0

100,0

Totale (N)

2984

479

538

729

628

610

  • 5 Anche la possibilità di ottenere una matrice frammenti per forme è una delle nuove opportunità offe (...)

23Gli attori che corrispondono a ciascun gruppo di documenti sono analizzati nel piano fattoriale presentato di seguito, che è stato ottenuto attraverso la ricostruzione della matrice frammenti per forme, in cui in riga ci sono i cinque documenti (assunti in questo caso come frammenti del testo) e in colonna la frequenza della citazione di ciascuno dei 252 attori considerati5.

24Rispetto all’analisi per attori, il documento di maggioranza (e in parte la seconda mozione) appare quasi baricentrico e caratterizzato dalla citazione dei soggetti politici istituzionali internazionali: Unione Europea, Nato, ma anche di testate di giornale politicizzate come la stessa «Liberazione» o «il Manifesto», o partiti politici come Ds, Fed, Verdi. La terza mozione (II quadrante) si caratterizza, come abbiamo già visto con la prevalenza di citazioni di attori nazionali (Prodi, Ulivo, Pci, Sdi, Margherita, Pdci, Verdi, Udeur), ma anche associazioni dei datori di lavoro come Finmeccanica o Confindustria. La vocazione operaista e conflittualista della quinta mozione è ben rappresentata dalla citazione dei soggetti sindacali (Fiom, Metalmeccanici, Uilm, Fim), o da soggetti politici nazionali (Disobbedienti) e internazionali (Al Quaeda e Al-Sadr) ad elevata conflittualità. La quarta mozione è caratterizzata dalla prevalenza di citazioni dei soggetti politici istituzionali trainanti per le scelte politiche ed economiche (Nazioni Unite, Onu, Bruxelles, G8), ma anche soggetti «alternativi» come l’agenzia di stampa indipendente Indymedia o le Rsu (Rappresentanze sindacali Unitarie).

Figura 3 Gli attori del testo: analisi delle corrispondenze della matrice frammenti per forme

Figura 3 Gli attori del testo: analisi delle corrispondenze della matrice frammenti per forme

5. Conclusioni

25Dalla lettura delle cinque mozioni congressuali e dalla successiva analisi lessico-testuale degli articoli pubblicati sulla tribuna politica di «Liberazione», emergono con chiarezza i tratti di un partito in movimento che accosta scelte tattiche legate alla congiuntura politica al tentativo di ridefinizione dei presupposti strategici che ne animano l’azione quotidiana. La scelta della non-violenza e del pacifismo integrale, la critica al potere e all’esperienza comunista novecentesca, rappresentano strappi radicali con la tradizione ideologica del movimento comunista classico nella direzione di una nuova prospettiva dottrinaria che propone una nuova relazione tra mezzi e fini nella lotta politica contro il sistema di produzione capitalistico e la sua degenerazione militarista nelle forme e nei modi del moderno imperialismo.

26Alla luce delle trasformazioni socioeconomiche e politiche degli ultimi due decenni, il nodo culturale è rappresentato dalla necessità di ridefinire l’idea stessa di comunismo. Questa è la sfida storica della Rifondazione. Il punto di partenza sta nell’idea di fondo che comunista sia chi assume come orizzonte strategico la fuoriuscita dal sistema sociale ed economico capitalista e dalla sovrastruttura statuale ad esso omogeneo. In questo senso, è la stessa teoria rivoluzionaria che va riprogettata, liberandola dai tratti «messianici» del marxismo classico. Dentro questa logica sono considerate ancora attuali le considerazioni di Lenin quando faceva emergere il punto debole dell’idea e della prassi socialdemocratica e cioè la convinzione che lo sviluppo capitalistico possa effettivamente condurre a una forma più avanzata di società e di conseguenza a un allargamento graduale del potere operaio. Al contrario, l’indebolimento progressivo della borghesia avrebbe spinto il capitalismo sul terreno dell’imperialismo e della guerra. Attraverso questi elementi si sarebbe verificato un rinvio a tempo indeterminato della crisi «catastrofica» del modo di produzione capitalistico, condizione strutturale per il salto rivoluzionario. La rivoluzione è proposta come «processo» piuttosto che come «istante». «Essa è un processo reale che cambia da subito lo stato di cose presente […] un processo reale che fa diventare ogni giorno possibile l’impossibile» (Mordenti, 2003, 93).

27La presa stessa del potere che era alla base della teoria classica del comunismo cessa di essere un punto preliminare del processo rivoluzionario. Questo perché la costruzione del comunismo inizia prima della presa del potere e continua anche dopo quel momento. Lo Stato diventa così il terreno di un’iniziativa politica dove è possibile fare emergere le contraddizioni interne al sistema e questo valorizzando i luoghi del conflitto determinati dalla tensione reale dei movimenti sociali. L’allargamento degli spazi di democrazia diventa l’obiettivo di breve termine dei comunisti, perché solo all’interno dei suoi istituti sarebbe possibile fare emergere il conflitto. La rivoluzione viene quindi intesa come democratizzazione integrale della vita quotidiana. Il comunismo non è più una «meta» ma un «viaggio», come movimento reale di emancipazione che si conduce collettivamente anche attraverso le forme organizzate dell’azione politica.

28Dal punto di vista dell’analisi testuale abbiamo visto come quello utilizzato nel nostro lavoro sia un testo che, pur nella semplicità della sua struttura (tanto che non è stato possibile individuare variabili categoriali significative da associarvi), risulta particolarmente denso di contenuti e ben caratterizzato nelle sue parti. La strategia di analisi impiegata è stata pertanto finalizzata a far emergere, integrando gli strumenti dell’analisi lessico-testuale a quelli dell’analisi multidimensionale, le principali differenze tra i cinque gruppi di articoli, sia dal punto di vista dei contenuti che dal quello del linguaggio e della cultura politica.

Torna su

Bibliografia

AA. VV. (2004), Agire la nonviolenza. Prospettive di liberazione nella globalizzazione, Atti del convegno del Partito della Rifondazione Comunista, San Servolo, 28-29 febbraio 2004, Venezia, Roma, Edizioni Punto Rosso.

AA. VV. (2004), La politica della non-violenza. Per una nuova identità della sinistra alternativa, il dibattito di «Liberazione», supplemento al quotidiano.

Bertinotti F., Menapace L., Revelli M. (2004), Nonviolenza. Le ragioni del pacifismo, Roma, Fazi Editore.

Bertolino S. (2004), Rifondazione comunista. Storia e organizzazione, Bologna, Il Mulino.

Bevilacqua E., della Ratta-Rinaldi F. (2004), ‘… Quando ad un tratto arrivò la polizia’: un viaggio nell’immaginario giovanile, «Quaderni di Sociologia», n. 36.

Biezen I.V. (1998), Building Party Organizations and the Relevance of Past Models. The Communist and Socialist Parties in Spain and Portugal, «West European Politics», xxi, n. 2, pp. 32-62.

Bolasco S. (1999), Analisi multidimensionale dei dati. Metodi, strategie e criteri d’interpretazione, Roma, Carocci.

Bolasco S., Baiocchi F., Morrone A. (2000), Taltac. Trattamento automatico lessico-testuale per l’analisi del contenuto, Roma, Cisu.

Bolasco S., della Ratta-Rinaldi F. (2004), Experiments on Semantic Categorisation of Texts: Analysis of Positive and Negative Dimension, in Purnelle G., Fairon C., Dister A. (a cura di), Le poids des mots. Actes des 7es journées Internationales d’Analyse Statistique des Données Textuelles, ucl, Presses Universitaires de Louvain, pp. 202-210, http://www.jadt.org/program.html [link non raggingibile 22/12/16].

Bosco A. (2001), Comunisti. Trasformazioni di partito in Italia, Spagna e Portogallo, Bologna, Il Mulino.

Bull M.J., Heywood P. (a cura di) (1994), West European Communist Parties After the Revolutions of 1989, London, Macmillian.

della Ratta-Rinaldi F. (2006), L’analisi testuale computerizzata e L’analisi multidimensionale dei testi, in Cannavò L., Frudà L. (a cura di), Manuale di ricerca sociale applicata, cap. 4, vol. ii e cap 6, vol. iii, Roma, Carocci (in corso di pubblicazione).

de Nardis F. (2005), Sinistra in movimento. La rifondazione comunista dalla resistenza globale al governo di alternativa, «Quaderni di Scienza Politica», 3.

Dormangen J.I. (1996), I comunisti. Dal Pci alla nascita di Rifondazione Comunista. Una semiologia politica, Roma, Koiné.

Lebart L., Salem A. (1994), Statistique textuelle, Paris, Dunod.

Luxemburg R. (1970), Scritti politici, Roma, Editori Riuniti.

Mair P. (1992), La trasformazione del partito di massa in Europa, in Calice M. (a cura di), Come cambiano i partiti, Bologna, Il Mulino.

Mordenti R. (2003), La Rivoluzione. La nuova via al comunismo italiano, Milano, Marco Tropea Editore.

Offerlé M. (1987), Les Partis politiques, Paris, Puf.

Panebianco A. (1982), Modelli di partito. Organizzazione e potere nei partiti politici, Bologna, Il Mulino.

Wilson F.L. (1992), Communism of the Crossroads. Changing Roles in Western Democracies, «Problem of Communism», Maggio-Giugno.

Torna su

Note

1 Per l’analisi è stata utilizzata la versione 2 di Taltac (Bolasco, Baiocchi, Morrone, 2005).

2 Da questo punto in poi le parole in corsivo sono utilizzate per indicare quelle effettivamente presenti nel testo.

3 Il linguaggio peculiare è stato ottenuto utilizzando il lessico della stampa presente in Taltac2, che fa riferimento alla collezione di tutti gli articoli pubblicati sulla testata «La Repubblica» negli anni ’90. Confrontando la frequenza relativa con cui le parole compaiono nel lessico di frequenza e nel testo in analisi è possibile ottenere una misura di significatività (scarto standardizzato), che indica la misura della sovra o sotto-rappresentazione della forma nel testo. Naturalmente tanto più lo scarto ha un valore elevato tanto più la forma può essere considerata caratterizzante il testo (Bolasco, 1999, p. 223).

4 L’indice è ottenuto rapportando il totale delle occorrenze negative sul totale delle occorrenze positive (tot. Occ. Neg/tot. Occ. Pos*100). Analisi condotte sui lessici di frequenza hanno mostrato che quando il valore dell’indice supera il 40% il testo presenta caratteristiche di negatività superiori alla media (Bolasco, della Ratta, 2004). Prima di procedere al calcolo dell’indice gli aggettivi sono stati controllati eliminando termini ambigui che venivano mal-classificati, come ad esempio sinistra.

5 Anche la possibilità di ottenere una matrice frammenti per forme è una delle nuove opportunità offerte da Taltac2: la matrice è costituita dall’intersezione di tutti i frammenti del testo o con il vocabolario selezionato a una soglia definita o con una lista di parole definita dall’utente (nel nostro caso i 252 soggetti politici). La disponibilità di questa matrice, diversa dalla tradizionale matrice forme*testi, consente di centrare l’analisi delle corrispondenze sulla distribuzione di una porzione di vocabolario all’interno di diversi frammenti, svincolandola così dalla relazione con le variabili categoriali associate al testo. Si tratta di una opportunità molto interessante soprattutto in testi composti da frammenti numerosi, come nel caso di domande a risposta aperta o intervista, che anche in questo caso tuttavia rende possibile un approfondimento significativo del testo in analisi, in questo caso dal punto di vista del tipo di attori citati (Bolasco, 1999; della Ratta, 2006).

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Figura 1 Piano fattoriale riferito ai termini negativi che caratterizzano i cinque documenti
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/979/img-1.jpg
File image/jpeg, 420k
Titolo Figura 2 Piano fattoriale del vocabolario: differenze tra i diversi documenti
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/979/img-2.jpg
File image/jpeg, 468k
Titolo Figura 3 Gli attori del testo: analisi delle corrispondenze della matrice frammenti per forme
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/979/img-3.jpg
File image/jpeg, 387k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francesca della Ratta-Rinaldi e Fabio de Nardis, « La Rifondazione Comunista alla prova del VI Congresso: una strategia di analisi testuale e semantica »Quaderni di Sociologia, 42 | 2006, 195-210.

Notizia bibliografica digitale

Francesca della Ratta-Rinaldi e Fabio de Nardis, « La Rifondazione Comunista alla prova del VI Congresso: una strategia di analisi testuale e semantica »Quaderni di Sociologia [Online], 42 | 2006, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/979; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.979

Torna su

Autori

Francesca della Ratta-Rinaldi

Dipartimento di Scienze Sociali e della Comunicazione - Università di Lecce

Articoli dello stesso autore

Fabio de Nardis

Dipartimento Innovazione e Società - Università «La Sapienza», Roma

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search